CONFERENZA ATO PROVINCIA MILANO Delibera n. 03/08 del 25 giugno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFERENZA ATO PROVINCIA MILANO Delibera n. 03/08 del 25 giugno 2008"

Transcript

1 CONFERENZA ATO PROVINCIA MILANO Delibera n. 03/08 del 25 giugno 2008 OGGETTO: Allineamento Piano Tariffario di Monza e Brianza e determinazione criteri per ripartizione e segmentazione tariffaria. LA CONFERENZA D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO PREMESSO CHE (i) la Conferenza, con Delibera del 16 giugno 2003, n. 7: (1) ha affidato, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 35 comma V della l. 448/2001, a tre società, Società Brianza Acque S.p.A., AEMME Acqua S.p.A. e Miacqua S.p.A. (di seguito le Società ), la gestione del Servizio Idrico Integrato in tre diverse aree omogenee (n. 1, n. 2 e n. 3), precedentemente fissate con Delibera n. 4 del 18 marzo 2003; (2) ha confermato gli affidamenti in essere per come assegnati alle società di gestione socie delle Società, autorizzandone il trasferimento alle Società, senza che ciò potesse tuttavia implicare l innovazione del contenuto degli affidamenti e delle concessioni in essere, ovvero potesse eventualmente costituire nuovo affidamento o concessione; (ii) successivamente all adozione della predetta delibera, sono intervenute significative modifiche del quadro normativo di riferimento, sia a livello regionale, sia a livello nazionale; (iii) sulla scorta di tale nuovo quadro normativo la Conferenza ha disposto, con Delibera n. 4, del 9 febbraio 2004, l organizzazione del Servizio Idrico Integrato a livello d Ambito, tramite la separazione dell attività di gestione delle reti ed impianti da quella di erogazione del servizio, ai sensi della L.R. 26/2003; (iv) la stessa Conferenza del 9 febbraio 2004, pertanto, ha: (1) riconosciuto -ex art. 2, comma 2, L.R. 26/2003- la spettanza della gestione delle reti e degli impianti in capo ai proprietari degli stessi; (2) affidato (per un periodo di trenta anni) l erogazione del Servizio Idrico Integrato alle Società Brianza Acque S.p.A., AEMME Acqua S.p.A. e Miacqua S.p.A, sulla base delle nuove vigenti disposizioni di cui all art. 113, comma 5, lettera b), del D. Lgs. 267/00 e del comma 2 dell art. 49 della L.R. 26/03, condizionando sospensivamente l affidamento all adozione, entro il 31/12/2005, del Piano D Ambito e all avvenuta dimostrazione, sempre entro il 31/12/2005, da parte delle stesse Società: (a) di possedere le caratteristiche soggettive di cui all art. 113, comma 5, lettera b) del D. Lgs. 267/00; (b) di aver provveduto, in conformità con la L.R. 26/03, a separare l erogazione del Servizio Idrico Integrato dalle altre attività del settore idrico, e segnatamente dalla gestione delle reti; (c) di esser divenute titolari dei rami di azienda necessari per l effettuazione dell erogazione del servizio; (v) con legge 138/2004 è stata istituita la Provincia di Monza e Brianza, la quale prevede confini territoriali difformi da quelli dell area omogenea n. 2, istituita con Delibera 18 marzo 2003, n. 4, e nel cui ambito l attività di erogazione del servizio era stata affidata alla società Brianza Acque S.p.A, con Delibera del 9 febbraio 2004, n. 5; (vi) in considerazione della nascita della Provincia di Monza e Brianza ed in conformità con le istanze formulate dell Assemblea dei Sindaci della Provincia di Monza e Brianza, la Conferenza, con Delibera n. 6, del 6 luglio 2005, ha riperimetrato le sopra citate aree omogenee e gestionali, così come definite dalla Delibera n. 4 del 18 marzo 2003, nel seguente modo: (1) facendo tendenzialmente coincidere i territori di competenza di Brianza Acque S.p.A, con quelli del futuro ATO della Provincia di Monza e Brianza; (2) accorpando in un unica area omogenea gestionale la rimanente parte del territorio dell ATO; ciò, anche in considerazione della formale volontà manifestata alla Conferenza dalle società AEMME Acqua S.p.A. e Miacqua S.p.A di procedere ad un atto di fusione ai sensi e per gli effetti di cui agli artt e ss. del C.C.; (vii) in seguito alla menzionata opera di riperimetrazione e accorpamento sì reso necessario ridefinire l originario percorso di conferimento dei rispettivi rami d azienda nelle Società beneficiarie dell affidamento trentennale dell erogazione del servizio, così come previsto dalla Delibera n. 5 del 9 febbraio 2004;

2 CONSIDERATO, INOLTRE, CHE (viii) con Delibera n. 7 del 6 luglio 2005, la Conferenza ha adottato il Piano d Ambito; (ix) l istituzione della Provincia di Monza e Brianza e la conseguente necessità di riperimentrare e accorpare le aree omogenee, definite nel marzo 2003, hanno costituito un oggettivo elemento di rallentamento nel percorso di conferimento dei rami d azienda, ai sensi e per gli effetti di cui alla Delibera n. 5 del 9 febbraio 2004; (x) con Delibera n. 12 del 12 dicembre 2005, la Conferenza, preso atto delle oggettive difficoltà e della fondatezza delle motivazioni addotte dalle Società circa l impossibilità di conferire i rispettivi rami d azienda entro i termini prefissati, viste le disposizioni dell art. 113, comma 13 bis, del D. Lgs. 267/00, così come modificato dalla legge 326/03 (conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 269/03), ha prorogato -al 30 giugno la scadenza del termine sospensivo di cui al punto III), lettera b), della Delibera n. 5 del 9 febbraio 2004; (xi) in data è stato portato a termine il processo di fusione fra AEMME Acqua S.p.A. e Miacqua S.p.A, ex artt e ss. del C.C.; processo di fusione che ha dato vita alla nuova società Amiacque S.r.l.; (xii) l art. 113, comma 13 bis, del D. Lgs. 267/00, così come modificato dalla legge 326/03 (conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 269/03), ha consentito di perfezionare l affidamento trentennale dell erogazione del servizio alle società Amiacque S.r.l. e Brianza Acque S.p.A, a condizione che le clausole sospensive dell efficacia dell affidamento stesso, previste nella Delibera n. 5 del 9 febbraio 2004, si fossero in ogni caso verificate entro e non oltre il ; (xiii) in conseguenza di ciò, in data , visto il permanere della oggettiva complessità del prescritto percorso di conferimento dei rami d azienda, a fronte della dimostrazione -fornita da Amiacque S.r.l. e da Brianza Acque S.p.A- di aver comunque compiuto atti indirizzati al conseguimento della prescritta separazione societaria fra gestione delle reti ed erogazione del servizio nonché del prescritto processo di aggregazione dell erogazione del servizio tramite conferimento dei relativi rami d azienda, con Delibera 3, la Conferenza ha prorogato, al 30 settembre 2006, la scadenza del termine sospensivo di cui al punto III), lettera b), della Delibera n. 5 del 9 febbraio 2004; (xiv) l art. 15 del decreto legge 223/06, così come convertito dalla legge 248/06, ha procrastinato, dal al , il termine entro cui perfezionare le clausole sospensive dell efficacia dell affidamento trentennale dell erogazione del servizio alle società Amiacque S.r.l. e Brianza Acque S.p.A ex Delibera n. 5 del 9 febbraio 2004; (xv) in conseguenza di ciò, in data , con Delibera n. 6, la Conferenza ha ulteriormente prorogato, al 30 giugno 2007, il termine sospensivo di cui al punto III), lettera b), della Delibera n. 5 del 9 febbraio 2004, così come modificato dalle Delibere n. 12, del 12 dicembre 2005 e n. 3 del 28 giugno 2006; (xvi) in data 9 maggio 2007, con Delibera n. 2, in virtù dell evoluzione della normativa statale in tema di affidamenti del servizio idrico integrato, la Conferenza ha sospeso, fino all entrata in vigore della nuova normativa statale e comunque non oltre il , l efficacia della condizione di cui al punto III), capoverso b), lettera (a), della Delibera n. 5 del 9 febbraio 2004, impegnandosi a revocare la menzionata condizione non appena ciò verrà consentito dalla sopravvenuta normativa statale (ciò, anche in considerazione del fatto che l incertezza circa i requisiti soggettivi delle Società si sarebbe potuta riverberare sui tempi e sulle modalità di conferimento dei rami d azienda dedicati all erogazione del servizio nelle Società, da parte dei soci delle medesime); (xvii) in data , con Delibera n. 4, è stato ulteriormente prorogato al 30 settembre 07 il termine sospensivo di cui al punto III), lettera b), della Delibera n. 5 del 9 febbraio 2004, così come modificato dalle Delibere n. 12, del 12 dicembre 2005, n. 3 del 28 giugno 2006 e n. 6 del 26 settembre 2006; (xviii) sulla base della documentazione rassegnata all Autorità d Ambito in data e in data sono stati perfezionati gli atti notarili di conferimento dei rami d azienda dedicati all erogazione del servizio,

3 rispettivamente, in Brianzacque S.r.l e in Amiacque S.r.l parte dei soci consenzienti di queste (con il motivato conferimento del coacervo gestionale attinente all erogazione del servizio, da parte di Idra Patrimonio S.p.A, in Brianzacque S.r.l., anziché in Amiacque S.r.l. come prospettato nella Delibera n. 6, del 6 luglio 2005); (xix) la Delibera n. 7 del 6 luglio 2005 ha condizionato l entrata in vigore del piano tariffario all avvenuto conferimento nelle Società dei rami d azienda necessari per l effettuazione dell erogazione del servizio ai sensi e per gli effetti di cui alla Delibera del 9 febbraio 2004, n. 5 e smi; (xx) in data 26 settembre 2007, preso atto dell esistenza di tutte le condizioni necessarie per rendere perfetto ed efficace l affidamento dell erogazione del servizio disposto con Delibera del 9 febbraio 2004, n. 5 e smi, nonché dell esistenza, post conferimenti, soprattutto in vista della prossima nascita dell ATO della Provincia di Monza e Brianza, di segmenti gestionali operativamente risultanti in capo ad Amiacque S.r.l. e ricadenti nel futuro dell ATO della Provincia di Monza e Brianza e, specularmente, di segmenti gestionali operativamente risultanti in capo a Brianzacque S.r.l. e ricadenti nel rimanente ATO della Provincia di Milano, la Conferenza ha disposto: 1) la tendenziale coincidenza dei territori di competenza di Brianzacque S.r.l, con quelli del futuro ATO della Provincia di Monza e Brianza, nonché la tendenziale coincidenza dei territori di competenza di Amiacque S.r.l con quelli rientranti nella restante parte dell ATO Provincia di Milano (Delibera n. 7/07, allegati A e B); 2) la ridefinizione, nei territori di competenza delle Società, dei rispettivi Piani Tariffari a suo tempo deliberati in sede di adozione del Piano d Ambito (Delibera n. 7/07, allegati C e D); 3) l avvenuto perfezionamento dell affidamento dell erogazione del servizio in capo a Brianzacque S.r.l. e Amiacque S.r.l nei rispettivi territori di competenza, disponendo in detti territori l entrata in vigore dei relativi Piani Tariffari con decorrenza 1 ottobre 2007 (Delibera n. 8/07); 4) il mantenimento, in via transitoria, in capo ad Amiacque S.r.l., sino a prossima determinazione da parte della costituenda Autorità d Ambito dell ATO della Provincia di Monza e Brianza, della titolarità della gestione dei singoli segmenti di erogazione del servizio gestiti dalla medesima Amiacque S.r.l. e ricadenti entro il perimetro territoriale di competenza di Brianzacque S.r.l.; 5) il mantenimento, in via transitoria, in capo a Brianzacque S.r.l, sino alla citata determinazione da parte della costituenda Autorità d Ambito dell ATO della Provincia di Monza e Brianza, della titolarità della gestione dei singoli segmenti di erogazione del servizio gestiti dalla medesima Brianzacque S.r.l. e ricadenti entro il perimetro territoriale di competenza di Amiacque S.r.l.; (xxi) in data 12 dicembre 2007, con delibera n. 13, si è provveduto 1) alla ripartizione delle tariffe approvate con Delibera n. 7 del 6 luglio 2005, così come modificata dagli Allegati C e D della Delibera n. 7 del 26 settembre 2007, separando la componente deputata alla remunerazione dell attività di «erogazione del servizio» da quella deputata alla remunerazione dell attività di «gestione delle reti»; 2) alla suddivisione della componente tariffaria deputata alla remunerazione dell attività di «erogazione del servizio» in tre subcomponenti, rispettivamente deputate alla remunerazione dell attività di distribuzione, depurazione e fognatura, nonché alla suddivisone della componente tariffaria deputata alla remunerazione dell attività di «gestione delle reti» in tre sub-componenti, rispettivamente deputate alla remunerazione dell attività di distribuzione, depurazione e fognatura; (xxii) le modalità di ripartizione e di segmentazione di cui al punto precedente sono state deliberate a titolo sperimentale in attesa di una loro definitiva conferma e/o integrazione, sulla base delle risultanze operative riscontrate dalle Società e dalla Segreteria Tecnica dell ATO, nonché in attesa di una proposta per l adeguamento delle tariffe di fognatura e depurazione per gli scarichi c.d. produttivi; PRESO ATTO CHE (xxiii) dal confronto con le Società sono emerse alcune possibilità criticità operative e gestionali (in particolare con riferimento all attività di gestione delle reti) derivanti dalla concreta applicazione delle nuove modalità di ripartizione e di segmentazione delle tariffe;

4 (xxiv) dai rappresenti dei territori ricadenti nel costituendo ATO della Provincia di Monza e Brianza, vista orami l impossibilità di pervenire nel breve/medio ad un unità imprenditoriale nella gestione del servizio negli Ambiti milanese e brianzolo (possibilità, questa, che aveva portato a definire una convergenza delle tariffe praticate nei due ATO nel 2010), è stata avanzata la richiesta di sottoporre le tariffe di pertinenza dei territori del costituendo ATO della Provincia di Monza e Brianza alla medesima progressione prevista per le tariffe da praticarsi nell ATO della Provincia di Milano; RIBADITO IN OGNI CASO (xxv) il divieto per le Società affidatarie dell attività di «erogazione del servizio» di disporre le somme introitate e rivenienti dagli incrementi tariffari definiti e disposti con le Delibere 26 settembre 2007, n. 7 e 8 in favore di soggetti e/o enti la cui situazione gestionale non sia conforme con il modello gestionale definito nel Piano d Ambito ovvero di soggetti gestori non aventi i requisiti dimensionali minimi richiesti dall articolo 5, comma 8, della legge regionale 8 agosto 2006, n. 18 (intendendosi per incremento tariffario la differenza fra la tariffa in essere il giorno 31 dicembre 2007 e la nuova tariffa derivante dall applicazione dei Piani Tariffari di cui agli Allegati C e D della Delibera 26 settembre 2007, n. 7, così come modificati e specificati negli Allegati 1 e 2 della presente delibera); (xxvi) l obbligo per le Società affidatarie dell attività di «erogazione del servizio» di accantonare gli incrementi tariffari, trattenuti in applicazione del punto precedente, in apposito conto vincolato, le cui modalità di utilizzo saranno definite con apposito provvedimento da parte dell Autorità d Ambito; (xxvii) il divieto per qualsiasi altro soggetto e/o ente la cui situazione gestionale non sia conforme con il modello gestionale definito nel Piano d Ambito di disporre a qualsiasi titolo delle somme da essi eventualmente incassate e rivenienti dagli incrementi tariffari definiti e disposti con le Delibere 26 settembre 2007, n. 7 e 8 e s.m.i.; (xxviii) l obbligo per i soggetti di cui al punto precedente di accantonare gli incrementi tariffari eventualmente percepiti in apposito conto vincolato, le cui modalità di utilizzo saranno definite con apposito provvedimento da parte dell Autorità d Ambito; D E L I B E R A 1) di revocare, con effetto retroattivo dal giorno della loro entrata in vigore, le modalità di ripartizione e di segmentazione delle tariffe definite dall Allegato A della Delibera n. 13 del 12 dicembre 2007; 2) di modificare, con riferimento al territorio di cui all Allegato A della Delibera n. 7 del 26 settembre 2007, il piano tariffario definito nell Allegato C della medesima delibera, secondo le modalità fissate nell Allegato (1) della presente delibera; 3) di ripartire le tariffe approvate con Delibera n. 7 del 6 luglio 2005, così come modificata dagli Allegati C e D della Delibera n. 7 del 26 settembre 2007 e dall Allegato (1) della presente delibera, separando la componente deputata alla remunerazione dell attività di «erogazione del servizio» da quella deputata alla remunerazione dell attività di «gestione delle reti» e di suddividere la componente tariffaria deputata alla remunerazione dell attività di «erogazione del servizio» in tre sub-componenti, rispettivamente deputate alla remunerazione dell attività di distribuzione, depurazione e fognatura, nonché di suddividere, la componente tariffaria deputata alla remunerazione dell attività di «gestione delle reti» in tre sub-componenti, rispettivamente deputate alla remunerazione dell attività di distribuzione, depurazione e fognatura, secondo le modalità specificate nell Allegato (2) della presente delibera; 4) di posporre al 1 gennaio 2008, nei perimetri territoriali delimitati negli Allegati A e B della Delibera n. 7 del 26 settembre 2007, l entrata in vigore dei piani tariffari definiti nell Allegato D e nell Allegato C della medesima delibera, quest ultimo come modificato dall Allegato (1) della presente delibera,

5 con conseguente applicazione, non retroattiva, del livello tariffario fissato in ciascun comune a tale data; 5) di approvare, nelle more della revisione della formula di cui al DPR 24 maggio 1997 e s.m.i., le modalità di terminazione delle tariffe relative alle utenze industriali così come stabilite e specificate sempre nell Allegato (2) della presente delibera. LA PRESIDENTE DELLA CONFERENZA (Bruna Brembilla)

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 1 GENNAIO 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 1 GENNAIO 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 1 GENNAIO 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

CONFERENZA ATO PROVINCIA MILANO. Deliberazione n. 5 del 9 febbraio 2004

CONFERENZA ATO PROVINCIA MILANO. Deliberazione n. 5 del 9 febbraio 2004 CONFERENZA ATO PROVINCIA MILANO Deliberazione n. 5 del 9 febbraio 2004 OGGETTO: Affidamento del Servizio Idrico Integrato. Recepimento dell art. 14, D.L. 269/2003, e della L. R. 26/2003. Integrazioni alla

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO Autorità d Ambito dell A.T.O. n. 1 - Lazio Nord - Viterbo

PROVINCIA DI VITERBO Autorità d Ambito dell A.T.O. n. 1 - Lazio Nord - Viterbo PROVINCIA DI VITERBO Autorità d Ambito dell A.T.O. n. 1 - Lazio Nord - Viterbo La legge 5 Gennaio 1994 n 36, nota anche come legge Galli, avente ad oggetto disposizioni in materia di risorse idriche, ha

Dettagli

- Contenuti in corso di aggiornamento -

- Contenuti in corso di aggiornamento - - Contenuti in corso di aggiornamento - TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni

Dettagli

PARTE SECONDA. le procedure di gestione del Programma;

PARTE SECONDA. le procedure di gestione del Programma; Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 104 del 21 07 2015 31267 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 12 giugno 2015, n. 1393 Restituzione

Dettagli

CONFERENZA ATO PROVINCIA MILANO Deliberazione n. 7 del 16 giugno 2003 LA CONFERENZA D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO.

CONFERENZA ATO PROVINCIA MILANO Deliberazione n. 7 del 16 giugno 2003 LA CONFERENZA D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO. CONFERENZA ATO PROVINCIA MILANO Deliberazione n. 7 del 16 giugno 2003 OGGETTO: Affidamento del Servizio Idrico Integrato. LA CONFERENZA D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO (i) (ii) Premesso che: l art.

Dettagli

L Assessore all Economia e Finanze Avv. Giovanni Giannini, sulla base dell istruttoria condotta dal Direttore della Ripartizione Tributi riferisce:

L Assessore all Economia e Finanze Avv. Giovanni Giannini, sulla base dell istruttoria condotta dal Direttore della Ripartizione Tributi riferisce: L Assessore all Economia e Finanze Avv. Giovanni Giannini, sulla base dell istruttoria condotta dal Direttore della Ripartizione Tributi riferisce: PREMESSO CHE: il D.Lgs. n. 14/03/2011 n. 23 recante disposizioni

Dettagli

Allegato Sub. B) alla Deliberazione n.555 del 28/01/2016 per il SEGRETARIO F.F. LA DIRETTRICE f.to (Rag. Elena AUDAGNA)

Allegato Sub. B) alla Deliberazione n.555 del 28/01/2016 per il SEGRETARIO F.F. LA DIRETTRICE f.to (Rag. Elena AUDAGNA) Allegato Sub. B) alla Deliberazione n.555 del 28/01/2016 per il SEGRETARIO F.F. LA DIRETTRICE f.to (Rag. Elena AUDAGNA) LEGENDA: SCHEDA DI RILEVAZIONE INFORMAZIONI PER LA RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Atto integrativo alla Convenzione di affidamento del Servizio Idrico Integrato ( art.3 Convenzione 20/12/2004)

Atto integrativo alla Convenzione di affidamento del Servizio Idrico Integrato ( art.3 Convenzione 20/12/2004) AGENZIA DI AMBITO PER I SERVIZI PUBBLICI DI FERRARA - ATO 6 Atto integrativo alla Convenzione di affidamento del Servizio Idrico Integrato ( art.3 Convenzione 20/12/2004) Gestore HERA S.p.A. Ferrara 7

Dettagli

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 654 DEL 14/12/2015 OGGETTO Nomina del Coordinatore Sociosanitario. Dott. Paolo Bordon nominato con D.G.R. 2544

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO Provincia di Carbonia Iglesias

COMUNE DI PORTOSCUSO Provincia di Carbonia Iglesias Proposta di Deliberazione al Consiglio Area FINANZIARIA N. 17 del 02-05-2016 COMUNE DI PORTOSCUSO Provincia di Carbonia Iglesias Proposta di Deliberazione al Consiglio Area FINANZIARIA N. 17 del 02-05-2016

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 127 del 05/05/2015

Decreto Dirigenziale n. 127 del 05/05/2015 Decreto Dirigenziale n. 127 del 05/05/2015 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario Regionale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX PARTE PRIMA DISCIPLINA CIVILISTICA E CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX PARTE PRIMA DISCIPLINA CIVILISTICA E CONTABILE INDICE SOMMARIO Prefazione... pag. XIX PARTE PRIMA DISCIPLINA CIVILISTICA E CONTABILE CAPITOLO I PREMESSE. ASPETTI ECONOMICO-AZIENDALI DELLA LIQUIDAZIONE. GLI OBBIETTIVI DELLA RIFORMA DEL 2003 E I PROBLEMI

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LA MOBILITA E LA QUALITA URBANA ASSESSORATO ALLA QUALITA DEL TERRITORIO SERVIZIO POLITICHE ABITATIVE UFFICIO

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAZIONE INFORMAZIONI PER LA RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO AI SENSI DEL D.L. 133/2014 CONV.

SCHEDA DI RILEVAZIONE INFORMAZIONI PER LA RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO AI SENSI DEL D.L. 133/2014 CONV. LEGENDA: SCHEDA DI RILEVAZIONE INFORMAZIONI PER LA RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO AI SENSI DEL D.L. 133/2014 CONV. IN LEGGE 164/2014 Atto affidamento Atto assenso/atto riconoscimento Atti

Dettagli

COMUNE DI SALMOUR P R O V I N C I A D I C U N E O

COMUNE DI SALMOUR P R O V I N C I A D I C U N E O COMUNE DI SALMOUR P R O V I N C I A D I C U N E O VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.16 OGGETTO: Imposta municipale propria (IMU) - approvazione aliquote - anno 2014 1 6 O r i g i n a l

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: Cogeser S.p.A. è il gestore del servizio di distribuzione del gas naturale nel territorio comunale, a seguito di subentro della citata società per azioni all originario

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 2 suppl. del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 2 suppl. del 136 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 novembre 2016, n. 1959 Copertura finanziaria per n. 12 funzionari ùa tempo determinato in servizio presso la Sezione Infrastrutture Energetiche e Digitali.Avanzo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 DICEMBRE 2014 676/2014/R/GAS DISPOSIZIONI URGENTI IN TEMA DI SERVIZIO DI DEFAULT EROGATO ALLA SOCIETÀ ILVA S.P.A. L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 482 del 31/08/2016

Delibera della Giunta Regionale n. 482 del 31/08/2016 Delibera della Giunta Regionale n. 482 del 31/08/2016 Dipartimento 53 - Dipartimento delle Politiche Territoriali Direzione Generale 8 - Direzione Generale per i lavori pubblici e la protezione civile

Dettagli

Ulteriori criteri per la definizione e ripartizione della tariffa del Servizio Idrico Integrato

Ulteriori criteri per la definizione e ripartizione della tariffa del Servizio Idrico Integrato Allegato A) al Decreto n. 02/2009 Ulteriori criteri per la definizione e ripartizione della tariffa del Servizio Idrico Integrato A parziale modifica ed integrazione dei Criteri per l applicazione della

Dettagli

COMUNE DI LU - Provincia di Alessandria VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI LU - Provincia di Alessandria VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI LU - Provincia di Alessandria VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUMERO 23 DEL 22/11/2013 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL I.R.P.E.F. APPROVAZIONE REGOLAMENTO E ALIQUOTE PER

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL LA GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL LA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL 22.11.2006 Oggetto: Accreditamento istituzionale dei centri di medicina sportiva in strutture pubbliche e private. Atto da trasmettere al Consiglio Regionale ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco n 9 Tel fax

COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco n 9 Tel fax COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco n 9 Tel. 029000 8110-8121 fax 0290009071 e-mail tributi@comune.mottavisconti.mi.it OGGETTO: ESERCIZIO FINANZIARIO 2010: CONFERMA ALIQUOTE E

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO PIGNANO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L'INNOVAZIONE

COMUNE DI PALAZZO PIGNANO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L'INNOVAZIONE COMUNE DI PALAZZO PIGNANO Provincia di CREMONA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L'INNOVAZIONE ART. 93 DEL D.LGS. 12 APRILE 2006, N. 163 Allegato A alla deliberazione

Dettagli

ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 565 del 09/10/2015

ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 565 del 09/10/2015 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 565 del 09/10/2015 Il Direttore Generale dell Azienda U.L.S.S. n. 21, dott. Massimo Piccoli, nominato con D.P.G.R.V. n. 240 del 29/12/2012, coadiuvato dai Direttori:

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE PER LA MOBILITA E LA QUALITA URBANA SERVIZIO POLITICHE ABITATIVE UFFICIO CONCESSIONE CONTRIBUTI,

Dettagli

REGIONE TOSCANA DIREZIONE AMBIENTE ED ENERGIA SETTORE AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI. Responsabile di settore: MIGLIORINI SIMONA

REGIONE TOSCANA DIREZIONE AMBIENTE ED ENERGIA SETTORE AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI. Responsabile di settore: MIGLIORINI SIMONA REGIONE TOSCANA DIREZIONE AMBIENTE ED ENERGIA SETTORE AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI Responsabile di settore: MIGLIORINI SIMONA Decreto non soggetto a controllo ai sensi della D.G.R. n. 553/2016 Numero interno

Dettagli

COMUNE DI CHAMPDEPRAZ SCHEMA DI REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI

COMUNE DI CHAMPDEPRAZ SCHEMA DI REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI COMUNE DI CHAMPDEPRAZ SCHEMA DI REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 in data 29/03/2013 INDICE ART. 1 OGGETTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.D.G. 291 Roma, 23 giugno 2017 IL DIRETTORE GENERALE VISTA la Legge n. 62 del 10 marzo 2000, recante Norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio e all istruzione e successive

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 43 DELIBERAZIONE 20 ottobre 2014, n. 876

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 43 DELIBERAZIONE 20 ottobre 2014, n. 876 DELIBERAZIONE 20 ottobre 2014, n. 876 Art. 30, comma 3 e 4 della L.R. 69/2011 - Approvazione schema di accordo tra Regione Toscana e Regione Marche per l inserimento del Comune di Sestino, compreso nella

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI MEZZAGO Provincia di Monza e della Brianza ---------------------- COPIA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione straordinaria Seduta di prima convocazione NR. 3 DEL 03-02-2014

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale. Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Ricerca e Competitività

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale. Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Ricerca e Competitività R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Ricerca e Competitività CODICE CIFRA: RIC/DEL/2010/ OGGETTO:

Dettagli

DATALOGIC S.P.A. RELAZIONE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

DATALOGIC S.P.A. RELAZIONE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DATALOGIC S.P.A. RELAZIONE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE AI SENSI DEL COMBINATO DISPOSTO DEGLI ARTICOLI 2357 E 2357-TER DEL CODICE CIVILE, DELL

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 34 del 18/07/2017 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DECRETO N. 38/2014 RELATIVO ALLA QUANTIFICAZIONE E RICONOSCIMENTO DELLE PARTITE PREGRESSE DEL GESTORE ACQUEDOTTO DEL FIORA SPA.

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia Determinazione Dirigenziale n. 1239 del 28/11/2012 Proposta di Determinazione Dirigenziale n. 36 del 28/11/2012 8.5 SERVIZIO - SPORT OGGETTO: Concessione temporanea

Dettagli

Il servizio idrico integrato e il D.L. 133/2014 ( Sblocca Italia )

Il servizio idrico integrato e il D.L. 133/2014 ( Sblocca Italia ) Il servizio idrico integrato e il D.L. 133/2014 ( Sblocca Italia ) Avv. Stefano Sonzogni SGSpublilex - Milano 22 OTTOBRE 2014 LA SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO approccio economico, ambientale

Dettagli

Ufficio d ambito di Lecco

Ufficio d ambito di Lecco Ufficio d ambito di Lecco Azienda Speciale Provinciale CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE seduta del 16 dicembre 2015 DELIBERAZIONE n. 62 Oggetto: Affidamento del servizio idrico integrato nell ATO di Lecco.

Dettagli

Agenzia del Trasporto Pubblico Locale del bacino della Città Metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia

Agenzia del Trasporto Pubblico Locale del bacino della Città Metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia Determinazione n. 24/2017 OGGETTO: contratti di servizio di trasporto pubblico locale extraurbano della Città Metropolitana di Milano (Lotti 3, 4, e 6), della Provincia di Monza e della Brianza (Lotti

Dettagli

OGGETTO: Addizionale comunale all IRPEF - approvazione del Regolamento e determinazione dell aliquota per l anno 2017.

OGGETTO: Addizionale comunale all IRPEF - approvazione del Regolamento e determinazione dell aliquota per l anno 2017. OGGETTO: Addizionale comunale all IRPEF - approvazione del Regolamento e determinazione dell aliquota per l anno 2017. Premesso IL CONSIGLIO COMUNALE che con decreto legislativo del 28 settembre 1998,

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 20 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 20 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 20 del 13-2-2017 9857 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 31 gennaio 2017, n. 59 Regolamento Regionale 30 settembre 2014, n.18. Comunità riabilitative assistenziali

Dettagli

CON DELIBERAZIONE N. 27 DELL LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA

CON DELIBERAZIONE N. 27 DELL LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA CON DELIBERAZIONE N. 27 DELL 08.03.2017 LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA 1. Di confermare per l anno 2017 (ALLEGATO 1), le tariffe relative alla Tassa per l occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche, vigenti per

Dettagli

MASTER IN DIRITTO PENALE DELL IMPRESA - MIDPI

MASTER IN DIRITTO PENALE DELL IMPRESA - MIDPI MASTER IN DIRITTO PENALE DELL IMPRESA - MIDPI PROGRAMMA DIDATTICO IV EDIZIONE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 10 dicembre 2015 CONVEGNO INAUGURALE 15/16 gennaio 2016 I. Crimini organizzati dei colletti bianchi

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO

COMUNE DI BRENTONICO COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento AREA SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE nº 300 di data 09-09-2016 OGGETTO: Affidamento incarico alla

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. VISTO l articolo 5, comma 3, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. VISTO l articolo 5, comma 3, della legge 24 febbraio 1992, n. 225; Ordinanza Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI

Dettagli

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Roma, 5 Maggio 2004 Circolare n. 74 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

Città di Corbetta. DETERMINAZIONE NR. 52 del 03/03/2017. del Responsabile del Settore Settore Affari Generali UFFICIO: SUAP

Città di Corbetta. DETERMINAZIONE NR. 52 del 03/03/2017. del Responsabile del Settore Settore Affari Generali UFFICIO: SUAP Nr. Generale 138 DETERMINAZIONE NR. 52 del 03/03/2017 del Responsabile del Settore Settore Affari Generali UFFICIO: SUAP OGGETTO: REVOCA DETERMINAZIONE N. 8 DEL 13.01.2017 INDIZIONE PROCEDURA DI RIASSEGNAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PONTE DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI PONTE DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI PONTE DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L'INNOVAZIONE DI CUI ALL ART.93 D.LGS.163/2006 APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

A voti unanimi e palesi espressi nei modi di legge,

A voti unanimi e palesi espressi nei modi di legge, Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 85 del 14-6-2007 9450 Est e Ovest dell Europa impegnati nella creazione di un comune modello di cultura dell accoglienza, dell integrazione e dello sviluppo.

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale. Dipartimento 04 Servizio 04. Procedimenti integrati e sanzioni ambientali

Città Metropolitana di Roma Capitale. Dipartimento 04 Servizio 04. Procedimenti integrati e sanzioni ambientali Città Metropolitana di Roma Capitale Dipartimento 04 Servizio 04 Procedimenti integrati e sanzioni ambientali e-mail: p.camuccio@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3115 del 03/07/2015 RIFERIMENTI

Dettagli

A relazione dell'assessore Saitta:

A relazione dell'assessore Saitta: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2016, n. 17-4010 Recepimento del "Protocollo d' intesa tra la Regione Piemonte e le OOSS dei medici pediatri di libera scelta

Dettagli

Settore Finanze e Risorse

Settore Finanze e Risorse SETTORE Settore Finanze e Risorse PROPOSTA di deliberazione del CONSIGLIO COMUNALE n 19 del 10/07/2014 Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO E DELLE TARIFFE DELLA TASSA SUI RIFIUTI - TARI

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE 2013

RELAZIONE SULLA GESTIONE 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE 2013 Limbiate (MB), 20/05/2014 Ufficio per l Ambito Territoriale Ottimale Azienda speciale Sede istituzionale via T. Grossi, 9 20900 Monza Sede Ufficio via Bonaparte, 2 20812 Limbiate

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PADOVA

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PADOVA ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEGLI ARTT. 2 E 4 DELLA LEGGE 7 AGOSTO 1990 n. 241 COME MODIFICATA E INTEGRATA DALLA LEGGE 11 FEBBRAIO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO EMIGRAZIONE E SOLIDARIETA' INTERNAZIONALE Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 18 DI DATA 01 Febbraio 2016 O G G E T T O: L.P. 10/88 "Sostegno alla cooperazione

Dettagli

COMUNE DI MASSA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

COMUNE DI MASSA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE COMUNE DI MASSA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Dirigente Responsabile: Settore : Servizio : FABIO MAURO MERCADANTE SETTORE 6 AMBIENTE, ATTIVITA PRODUTTIVE, MOBILITA, SPORT, TURISMO Viabilita' Mobilita Traffico

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO

PROVINCIA DI ORISTANO PROVINCIA DI ORISTANO PROVÌNTZIA DE ARISTANIS SETTORE AMBIENTE E SUOLO UFFICIO EMISSIONI IN ATMOSFERA ED INQUINAMENTO ACUSTICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 299 del 26/02/2016 Oggetto: AUTORIZZAZIONE

Dettagli

RIFORMA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO MODIFICA LR 26/2003

RIFORMA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO MODIFICA LR 26/2003 RIFORMA DEL MODIFICA LR 26/2003 ACQUA PUBBLICA TARIFFE TRASPARENTI E PIÙ BASSE MENO BUROCRAZIA Ing. FABIO ALTITONANTE - CONGLIERE : CHE COS È 2 QUADRO NORMATIVO 1/2 Normativa UE Direttiva 91/271/CE Direttiva

Dettagli

SOMMARIO AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO AMMORTIZZATORI SOCIALI. Presentazione... Nota Curatore e Autori...

SOMMARIO AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO AMMORTIZZATORI SOCIALI. Presentazione... Nota Curatore e Autori... Sommario SOMMARIO Presentazione... Nota Curatore e Autori... V VI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Artt. da 1742 a 1753... 1 Legge 2 febbraio 1973, n. 12 (Articoli estratti) Artt. 2, da 5 a 7, da 33

Dettagli

AREA POLITICHE PER L AMBIENTE, LE RETI E LA QUALITÀ URBANA SERVIZIO RISORSE NATURALI

AREA POLITICHE PER L AMBIENTE, LE RETI E LA QUALITÀ URBANA SERVIZIO RISORSE NATURALI R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER L AMBIENTE, LE RETI E LA QUALITÀ URBANA SERVIZIO RISORSE NATURALI Codice CIFRA: RIS / DEL / 2010 / OGGETTO:

Dettagli

AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE

AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Oggetto: DPR N. 59/2013 - AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE. DITTA TRIO SRL (C.F. 03490830266),

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE del 04/03/2009

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE del 04/03/2009 Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste AREA-04 Servizio: SPORT Ufficio: SPORT PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 105048 del 04/03/2009 OGGETTO: POLIGONO COMUNALE DI

Dettagli

così come modificato con Decreto del Presidente della Giunta regionale del 2 febbraio 2015, n. 11/R in materia di apprendistato;

così come modificato con Decreto del Presidente della Giunta regionale del 2 febbraio 2015, n. 11/R in materia di apprendistato; 9.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT ai sensi degli articoli 4, 5 e 5 bis della l.r. 23/2007 e sulla banca dati degli atti

Dettagli

RIPARTIZIONE DEI SEGGI PER REGIONE

RIPARTIZIONE DEI SEGGI PER REGIONE XVI legislatura RIPARTIZIONE DEI SEGGI PER REGIONE SIMULAZIONE SUI DATI DEL CENSIMENTO 2011 ANTICIPATI DALL'ISTAT maggio 2012 n. 356 ufficio ricerche sulle questioni istituzionali sulla giustizia e sulla

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 139 82739 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 26 ottobre 2012, n. 2324 Approvazione dei criteri e modalità per dare attuazione alle

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Bologna DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Anno 2012 n 21 data 10/01/2012 OGGETTO: FONDO PER LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E PRODUTTIVITÀ DESTINATO AL PAGAMENTO DELLE INDENNITÀ STABILI-IMPEGNO

Dettagli

- in particolare con D.G.R. n del 30 gennaio 2006 è stata accantonata la somma di euro ,00 sul bilancio 2006;

- in particolare con D.G.R. n del 30 gennaio 2006 è stata accantonata la somma di euro ,00 sul bilancio 2006; REGIONE PIEMONTE BU36 05/09/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 52-6255 Misure per la copertura dei programmi di finanziamento di opere igienico-sanitarie in territorio montano,

Dettagli

DELIBERAZIONE di ASSEMBLEA

DELIBERAZIONE di ASSEMBLEA SOCIETA' DELLA SALUTE dell'alta Val di Cecina Comuni di: Volterra Pomarance Castelnuovo VC Montecatini VC Azienda USL 5 di Pisa Deliberazione n. 37 del 17.12.2015 DELIBERAZIONE di ASSEMBLEA Oggetto: Regolamento

Dettagli

Oggetto: istanza di ammissione alla gara per servizio di installazione ponteggi per lavori in quota

Oggetto: istanza di ammissione alla gara per servizio di installazione ponteggi per lavori in quota ALLEGATO 1 Oggetto: istanza di ammissione alla gara per servizio di installazione ponteggi per Il sottoscritto.., nato a..., il...... C.F....in qualità di....dell Impresa... con sede legale in...., P.

Dettagli

MASTER IN DIRITTO PENALE DELL IMPRESA - MIDPI

MASTER IN DIRITTO PENALE DELL IMPRESA - MIDPI MASTER IN DIRITTO PENALE DELL IMPRESA - MIDPI PROGRAMMA DIDATTICO V EDIZIONE ANNO ACCADEMICO 2016/2017 12 dicembre 2016 CONVEGNO INAUGURALE 13/14 gennaio 2017 I. Crimini organizzativi dei colletti bianchi

Dettagli

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Settore: SP Proponente: 87.A Proposta: 2016/523 del 13/04/2016 COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA R.U.D. 298 del 14/04/2016 SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIALI Dirigente: CORRADINI Dr.ssa Germana DETERMINAZIONE

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 378 del 04/11/2016

Decreto Dirigenziale n. 378 del 04/11/2016 Decreto Dirigenziale n. 378 del 04/11/2016 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 12 - Direzione Generale politiche sociali,culturali,pari opportunità,tempo

Dettagli

ISTITUZIONE DELL ENTE DI GOVERNO D AMBITO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO REGIONE CALABRIA

ISTITUZIONE DELL ENTE DI GOVERNO D AMBITO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO REGIONE CALABRIA PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Ambito unico regionale La L.R. n. 34/2010 ha istituito l Ambito Territoriale Ottimale comprendente l intera circoscrizione territoriale regionale, in sostituzione degli

Dettagli

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004)

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) a) Funzioni di direzione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA COPIA DAL REGISTRO DEGLI ATTI DEL DIRETTORE GENERALE N.16/0000113/DG Del 7 Settembre 2016 DELIBERA N. 16/0000113/DG OGGETTO: Istituzione di Servizi Unici per

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Venezia Comune di Chioggia ENTE DI GOVERNO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DEL BACINO TERRITORIALE

Provincia di Venezia Comune di Venezia Comune di Chioggia ENTE DI GOVERNO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DEL BACINO TERRITORIALE Provincia di Venezia Comune di Venezia Comune di Chioggia ENTE DI GOVERNO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DEL BACINO TERRITORIALE OTTIMALE E OMOGENEO DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni

Dettagli

3162 N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA Parte I. to di concessione. Ditta Marmaros Società Agricola S.r.l.

3162 N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA Parte I. to di concessione. Ditta Marmaros Società Agricola S.r.l. 3162 N. 17 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-5-2014 Parte I to di concessione. Ditta Marmaros Società Agricola S.r.l. DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI - UFFICIO ZOOTECNIA,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA COMMUNE DE QUART VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 38 del 23 ottobre 2013

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA SETTORE TUTELA DEI MINORI, CONSUMATORI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 265 del 02/12/2015 - Determinazione nr. 2836 del 02/12/2015 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Modifica per volturazione

Dettagli

ALLEGATO 1 Spett.le ACAM AMBIENTE S.p.A Via A. Picco 22 La Spezia

ALLEGATO 1 Spett.le ACAM AMBIENTE S.p.A Via A. Picco 22 La Spezia ALLEGATO 1 Oggetto: istanza di ammissione alla gara per l affidamento del servizio di sfalcio e diserbo della vegetazione spontanea presente su Strade Urbane ed Extraurbane del Comune di Ameglia Il sottoscritto..,

Dettagli

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 12 MAGGIO 2016 219/2016/A DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE DEL CONTRIBUTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DOVUTE, PER L ANNO 2016, DAI SOGGETTI

Dettagli

TENUTO CONTO che l applicazione a regime dell imposta municipale propria è fissata all anno 2015;

TENUTO CONTO che l applicazione a regime dell imposta municipale propria è fissata all anno 2015; VISTI agli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 14 marzo 2011 n.23, e art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011 n. 201, convertito con modificazioni con la legge 22 dicembre 2011 n. 214, con i quali viene istituita

Dettagli

ALLEGATO 1. Spett.le ACAM AMBIENTE SPA Via A. Picco 22 - La Spezia

ALLEGATO 1. Spett.le ACAM AMBIENTE SPA Via A. Picco 22 - La Spezia ALLEGATO 1 Via A. Picco 22 - La Spezia Oggetto: istanza di ammissione alla gara per l affidamento del servizio di raccolta domiciliare (PAP) utenze dei rifiuti urbani e assimilati agli urbani nel Comune

Dettagli

Comune di Novedrate. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 23 DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Novedrate. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 23 DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Comune di Novedrate Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 23 DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ADEGUAMENTO DELLE TARIFFE DI COLLETTAMENTO E DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE PER IL 2012 E

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 15 Prot. n. S110/af VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Determinazione del fabbisogno convenzionale di cassa mensile per il 2012 con

Dettagli

Atti Parlamentari 288 Camera dei Deputati. ART. 43. (Razionalizzazione delle società partecipate locali) Identico.

Atti Parlamentari 288 Camera dei Deputati. ART. 43. (Razionalizzazione delle società partecipate locali) Identico. Atti Parlamentari 288 Camera dei Deputati ART. 43. (Razionalizzazione delle società partecipate locali). 1. Al fine di promuovere processi di aggregazione e di rafforzare la gestione industriale dei servizi

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 3 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 3 del 1360 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 3 del 10-1-2017 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 dicembre 2016, n. 2075 Piano 2016 delle attività ammesse a finanziamento nel settore dello Spettacolo

Dettagli

Bilancio di previsione 2010, Bilancio pluriennale , Relazione previsionale e programmatica Approvazione

Bilancio di previsione 2010, Bilancio pluriennale , Relazione previsionale e programmatica Approvazione Oggetto: Bilancio di previsione 2010, Bilancio pluriennale 2010-2012, Relazione previsionale e programmatica 2010-2012 Approvazione IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: l art. 151, comma 1, del Testo unico

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE NORME SUL PROCEDIMENTO PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI PER APERTURA, AMPLIAMENTO, CONCENTRAZIONE E ACCORPAMENTO MEDIE STRUTTURE

Dettagli

COMUNE DI ALAGNA Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL SINDACO

COMUNE DI ALAGNA Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL SINDACO COMUNE DI ALAGNA Provincia di Pavia C.A.P. 27020 Tel. 0382/818105 Fax 0382/818141 N. 24 Reg. Del. COPIA del 29/01/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL SINDACO OGGETTO : RETRIBUZIONE DI RISULTATO AI RESPONSABILI

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) Oggetto: ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF. DETERMINAZIONE ALIQUOTA 2008 E APPROVAZIONE REGOLAMENTO. IL CONSIGLIO COMUNALE Visto il D. Lgs. 28 settembre 1998, n. 360 istitutivo dell'addizionale comunale ll'imposta

Dettagli

1 Lombardo Aldo X 2 Colosimo Anna Aurora X 3 Gaglio Antonino X 3 0

1 Lombardo Aldo X 2 Colosimo Anna Aurora X 3 Gaglio Antonino X 3 0 ORIGINALE COMUNE DI TAURIANOVA PROVINCIA DI RC Codice Fiscale 82000670800 Piazza Libertà Deliberazione n 33 in data 07/10/2013 Pubblicata il Immediatamente eseguibile SI [ X ] NO [ ] VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

Agenzia del Trasporto Pubblico Locale del bacino della Città Metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia

Agenzia del Trasporto Pubblico Locale del bacino della Città Metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia Determinazione n. 5/2017 OGGETTO: Risorse base per i servizi di Trasporto Pubblico Locale per l anno 2017 ai sensi della D.G.R x/6313 del 6 marzo 2017 accertamento e liquidazione delle quote relative al

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 146 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 146 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 146 del 19-12-2016 59105 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 novembre 2016, n. 1762 Variazione di bilancio 2016 in termini di competenza e cassa, per

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 27 MARZO 2014 131/2014/R/GAS RIDETERMINAZIONI TARIFFARIE, PER GLI ANNI 2011-2013, PER I SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS E RICONOSCIMENTO DI MAGGIORI ONERI DERIVANTI DALLA PRESENZA

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Richiamata la L.R. 4 marzo 1998, n. 7 e s.m., ed in particolare:

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Richiamata la L.R. 4 marzo 1998, n. 7 e s.m., ed in particolare: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Richiamata la L.R. 4 marzo 1998, n. 7 e s.m., ed in particolare: l art.5 laddove prevede che gli obiettivi della programmazione regionale per la promozione e la commercializzazione

Dettagli

ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE

ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE LE SCELTE PER UNA GESTIONE PUBBLICA DELLA RISORSA Pavia 19/3/2015 P.Fazzini Pres. Com. Contr. Analogo Pavia Acque 1994 legge GALLI Disposizioni in materia di Risorse Idriche

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA CAPITOLINA. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA CAPITOLINA. Deliberazione n. Protocollo RC n. 36519/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA CAPITOLINA L anno duemilaquindici, il giorno di giovedì diciassette del

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 162 del 18/12/2015

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 162 del 18/12/2015 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 162 del 18/12/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 novembre 2015, n. 2139 Regolarizzazione Contabile e Variazione amministrativa al Bilancio di previsione

Dettagli