Capitolo 2 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 2 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella"

Transcript

1 Capitolo 2 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

2 La nascita del World Wide Web L idea fu nel 1989 di Tim Berners Lee, fisico del CERN di Ginevra. Vi era la necessità di far collaborare efficientemente ricercatori distribuiti a livello mondiale su un insieme di documenti, disegni, progetti e programmi in continua modifica, che risiedevano su calcolatori, anch essi non stabili. Vi erano quindi dati di diverso tipo, non solo testo da condividere via rete in maniera logica (non legata alla locazione fisica) e semplice. Berners-Lee inventò un protocollo (HTTP - Hyper Text Transfer Protocol) per il reperimento e trasferimento dei dati ed un altro per la loro visualizzazione (HTML - Hyper Text Markup Language). M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 2

3 La crescita del WWW Dopo la creazione del primo cliente (browser) con interfaccia grafica (Mosaic), i dati già esistenti in rete vennero rapidamente resi disponibili attraverso HTTP. La semplicità estrema del protocollo, la libertà nella scelta della metodo di presentazione dei dati, la gratuità del server e dei client ne facilitarono la diffusione in tempi brevissimi. Nel 1994 il CERN ed il MIT crearono il World Wide Web Consortium (W3C per lo sviluppo, la standardizzazione e l interoperabilità fra i siti. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 3

4 W3C Accesso Universale: W3C definisce il Web come l universo dell informazione accessibile via rete in ogni modo da parte di chiunque. Web semantico: Il Web organizzerà l informazione in base al significato (RDF, XML) Fiducia: il Web deve essere un luogo dove muoversi con sicurezza ed in cui fidarsi dell informazione M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 4

5 W3C Interoperabilità: attraverso specifiche aperte creando consenso e con discussioni aperte Evoluzione: il Web deve potersi evolvere e pertanto deve essere progettato secondo le regole di semplicità, modularità, compatibilità ed ampliabilità. Decentralizzazione: e flessibilità per evitare colli di bottiglia e diminuire la vulnerabilità Multimedia: arricchire il Web con strumenti di comunicazione più ricchi e nuovi M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 5

6 WWW ed Internet Ma il World Wide Web non è Internet. E un modello di architettura per accedere documenti sparsi su nodi che fanno parte di Internet. E una delle molte realizzazioni di cui Internet è la base portante. Uno dei motivi del successo è la possibilità di cercare quando si desidera l informazione e la creazione di collegamenti nuovi fra concetti. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 6

7 HTML Con l RFC 2854 The 'text/html' Media Type HTML non è più parte del processo di standardizzazione ed evoluzione in IETF, ma è passato a quello di W3C. <!doctype html public "-//w3c//dtd html 4.0 transitional//en"> <html> <head> <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=iso "> <title>w3c in 7 points</title> </head> <body> <a href="http://www.w3c.org/"><img SRC="w3c_main" ALT="W3C" ></a> </body> </html> M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 7

8 HTTP Hyper Text Transfer Protocol - RFC 1945 per la versione RFC 2616 per la versione 1.1 è un protocollo client-server. Il suo scopo è trasferire oggetti (normalmente pagine ) composte da altri oggetti. Un oggetto può essere un immagine, un video, un file HTML, un programma in Java. client PC browser Explorer client Mac browser Navigator richiesta HTTP risposta HTTP richiesta HTTP risposta HTTP Server Apache Web server M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 8

9 HTTP (dalla RFC 2616) L Hypertext Transfer Protocol (HTTP) è un protocollo del livello applicativo per sistemi di informazione ipermediale distribuiti e collaborativi. E un protocollo generico, senza stato, orientato agli oggetti, che può essere usato per vari compiti, come name servers, sistemi distribuiti di controllo oggetti attraverso l estensione dei suoi metodi di richiesta. Una caratteristica di HTTP è la tipizzazione la negoziazione della rappresentazione dei dati, permettendo la costruzione di sistemi indipendenti dal dato che trasferiscono. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 9

10 HTTP Una pagina è basata su un file in HTML che ne descrive l aspetto ed include collegamenti (link) ad oggetti. Una pagina può contenere collegamenti ad altre pagine detti hyperlink. Le pagine sono indirizzabili attraverso un Uniform Resource Locator (URL) L URL è composto di tre parti: directory/index.html protocollo nome di un nodo Internet il nome completo di un file M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 10

11 HTTP Il client inizia una connessione con TCP verso il server alla porta 80 il server accetta la connessione TCP Attraverso il protocollo HTTP il client invia comandi in chiaro, leggibili, al server La connessione viene chiusa. HTTP non mantiene stato di precedenti richieste nota I protocolli che mantengono lo stato sono complessi e richiedono molte piu risorse. Inoltre se il client od il server muore si pone il problema di riallineare lo stato fra i due. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 11

12 Connessioni HTTP Non-persistenti Persistenti Un solo oggetto al massimo è trasferito per ogni connessione TCP. HTTP/1.0 usa connessioni non persistenti. Più di un oggetto può essere inviato all interno della stessa connessione TCP tra il client ed il server. HTTP/1.1 utilizza di default connessioni persistenti. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 12

13 HTTP non-persistente (contiene testo e referenzia 10 Supponiamo che l utente scriva l URL: immagini jpeg ) tempo 1a. Il cliente HTTP inizia la connessione TCP al server HTTP a sulla porta Il cliente HTTP manda un messaggio di richiesta (che contiene l URL). La richiesta è per l oggetto somedepartment/home.index 1b. Il server HTTP nel nodo in attesa di connessioni TCP, la accetta alla porta 80, rispondendo al cliente 3. Il server HTTP riceve la richiesta, forma il messaggio di risposta, che contiene l oggetto richiesto e lo invia. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 13

14 HTTP non-persistente 5. Il cliente HTTP riceve il messaggio di risposta che contiene il file HTML. Lo legge per creare la pagina e trova le referenze alle 10 immagini 4. Il server HTTP chiude la connessione TCP tempo 6. I passi da 1 a 4 vengono ripetuti per ogni immagine M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 14

15 Comprendere il tempo di risposta Promemoria: RRT (round trip time) è il tempo necessario ad un pacchetto piccolo ad arrivare alla destinazione e ritornare al mittente (se il tempo di calcolo nel nodo è considerato nullo). Tempo di risposta: 1 RTT per iniziare la connessione TCP ed un altro perché arrivino i primi bytes dell oggetto. Quindi vi è il tempo di trasmissione del file. TCP inizia la connessione richiesta oggetto oggetto ricevuto RTT RTT tempo Totale = 2xRTT+ tempo trasmissione oggetto tempo tempo di trasmissione dell oggetto M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 15

16 Confronto HTTP non-persistente - richiede almeno 2 RTT per oggetto - il S.O. deve creare un processo per ogni connessione, usando risorse - i browser spesso inviano le richieste in parallelo HTTP persistente - il server lascia aperta la connessione dopo la prima risposta - i messaggi successivi HTTP fra lo stesso client ed il server usano la connessione TCP già aperta. Persistenza senza pipelining - il client manda una nuova richiesta solo quando ha ricevuto risposta per la precedente. - 1 RTT per ogni oggetto richiesto Persistente con pipelining - default in HTTP/1.1 - il client manda una richiesta non appena incontra la referenza ad un oggetto - al limite solo 1 RTT per tutti gli oggetti referenziati nella pagina M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 16

17 Alcune specifiche HTTP HTTP è basato su uno scambio di richieste e risposte in caratteri ASCII, leggibili quindi anche da una persona. La forma generale della richiesta è: Request = Request-Line *( general-header request-header entity-header ) CRLF [ message-body ] M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 17

18 Messaggio di richiesta La Request-Line comincia con un token di metodo, seguito dalla URI richiesta e dalla versione del protocollo e termina con i caratteri CR ed LF. Gli elementi sono separati da caratteri SP. Nessun carattere CR o LF è pemesso, eccetto nella sequenza finale. pro memoria CR = <US-ASCII CR, carriage return (13)> LF = <US-ASCII LF, line feed (10)> SP = <US-ASCII SP, space (32)> HT = <US-ASCII HT, horizontal-tab (9)> M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 18

19 Esempio di messaggio di richiesta request line (comandi GET, POST, HEAD ) Carriage return e line feed indicano la fine del messaggio linee di header GET /somedir/page.html HTTP/1.1 Host: User-agent: Mozilla/4.0 Connection: close Accept-language:fr (+ un altro Carriage Return, Line Feed) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 19

20 Messaggio di richiesta HTTP M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 20

21 Metodi base HTTP 1.0 GET recupera qualsiasi informazione (sotto forma di entità) identificata dalla URI. HEAD identico a GET eccetto che il server non deve inviare l oggetto nella risposta POST è disegnato per permettere ad un unico metodo di svolgere le seguenti funzioni : o Annotare risorse esistenti; o Inviare un messaggio ad un bulletin board, newsgroup, etc.. o Fornire un blocco di dati, come il risultato di sottomissione di un modulo, ad un processo di elaborazione; o Estendere un database attraverso una operazione di append M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 21

22 Metodi base Oltre a conservare GET, HEAD e POST la versione 1.1 di HTTP 1.1 aggiunge: PUT DELETE TRACE richiede che l entità inclusa nel messaggio sia memorizzata nella URI specificata richiede che l entità indicata dalla URI specificata sia cancellata invoca un loop a livello applicativo remoto che ritorni il messaggio inalterato OPTIONS per accordarsi su possibili opzioni CONNECT in caso di uso di tunnel (p.e. con SSL) M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 22

23 Forma generale della risposta La forma generale della risposta è: Response = Status-Line *( general-header response-header entity-header ) CRLF [ message-body ] La prima linea di un messaggio di risposta è quella di stato, che consiste nella versione del protocollo, seguita da un codice numerico di stato ed la frase testuale associata, separati da caratteri SP. Nessun CR o LF è permesso, eccetto nella sequenza CRLF finale. M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 23

24 Esempio di messaggio di risposta linea di stato (protocollo - codice di stato - frase) linee di header HTTP/ OK Connection close Date: Thu, 06 Aug :00:15 GMT Server: Apache/1.3.0 (Unix) Last-Modified: Mon, 22 Jun Content-Length: 6821 Content-Type: text/html dati, p.e. il file HTML richiesto data data data data data... M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 24

25 Codici di stato della risposta HTTP Alcuni esempi: 200 OK richiesta soddisfatta, l oggetto segue nel messaggio 301 Moved Permanently l oggetto richiesto ha cambiato locazione, la nuova è specificata di seguito in questo messaggio (Location:) 400 Bad Request il messaggio di richiesta non è stato compreso dal server 404 Not Found il documento richiesto non è stato trovato sul server 505 HTTP Version Not Supported M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 25

26 Come verificare sul campo 1. Collegarsi con Telnet ad un server Web: telnet 80 Apre una connessione con TCP sulla porta 80 di Qualsiasi cosa sia digitata è inviata alla porta 80 di 2. Inviare un messaggio di richiesta con metodo GET HTTP: GET index.html HTTP/1.0 Digitando queste parole ( terminate da due volte il tasto di invio), si manda una richiesta minimale (ma completa) di GET al server HTTP. 3. Esaminare la risposta M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 26

27 Controllo dell accesso Autorizzazione : controllo di accesso al contenuto del server Dati (credenziali) sono in genere un nome ed una password Senza stato: il client deve fornire le credenziali ad ogni richiesta autorizzazione: linea nell header in ogni richiesta se non autorizzato il server rifiuta l accesso e nell header della risposta manda WWW authenticate: client http request 401: authorization req. WWW authenticate: http request + Authorization: <cred> http response http request + Authorization: <cred> http response server tempo M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 27

28 Cookies: mantenere stato Parecchi siti Web usano cookies Quattro componenti: 1 - linea di cookie nell header del messaggio di risposta 2 - linea di cookie nell header del messaggio di richiesta 3 - file che contiene cookies nel nodo utente e gestito dal browser 4 - database di supporto nel sito Web Esempio: - Anna accede ad Internet sempre dallo stesso nodo - Visita un sito Web di e- commerce per la prima volta - All arrivo del messaggio iniziale di richiesta HTTP, il sito crea una ID unica e crea un elemento nel database di supporto M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 28

29 Esempio client server Cookie file ebay: 8734 http request http response. Set-cookie: 1678 il server crea l ID 1678 per l utente ID nel database Cookie file http request cookie 1678 ebay: 8734 amazon:1678 http response Azione che usa il cookie accesso parecchi giorni dopo Cookie file ebay: 8734 amazon:1678 http request cookie 1678 http response Azione che usa il cookie M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 29

30 Cookies (continua) I vantaggi dei cookie: autorizzazione stato lista acquisiti (shopping kart) preferenze stato della sessione (non connessione) dell utente (p.e. Web ) MA - cookies permettono ai siti di ricavare molte informazioni personali - per esempio il nome e l indirizzo di posta (dalle preferenze del browser)! - i motori di ricerca usano la redirezione ed i cookie per ricavare ulteriori informazioni - le ditte pubblicitarie ottengono ed incrociano le informazioni fra siti diversi M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 30

31 GET condizionale: caching lato cliente Lo scopo è non inviare una richiesta se il client ha una copia aggiornata nella cache client: specifica la data della copia in cache dell oggetto: If-modified-since: <date> server: la resposta non contiene l oggetto se la data corrisponde all ultima revisione: HTTP/ Not Modified client HTTP request msg If-modified-since: <data> HTTP response HTTP/ Not Modified HTTP request msg If-modified-since: <data> HTTP response HTTP/ OK <dati> server oggetto non modificato oggetto modificato M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 31

32 Cache Web (proxy server) Lo scopo è offrire il servizio, senza contattare il server originale risparmiando capacità di rete e risorse Il browser viene configurato per inviare tutte le richieste al proxy se l oggetto è in cache: il proxy lo invia altrimenti il proxy richiede l oggetto al server originale, lo inserisce in cache e lo invia al client client client HTTP request HTTP response HTTP request HTTP response Proxy server HTTP request HTTP response server originale server originale M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 32

33 Caching Cache agisce sia come client che come server. PRO - risparmio di banda geografica - riduzione del tempo di risposta - aumenta la distribuzione dei contenuti CONTRO - distrugge il modello end to end - rende più complesso il controllo della coerenza e correttezza dei contenuti - necessità di una gerarchia di cache/proxy - per ogni oggetto non viene sempre controllato l aggiornamento M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 33

34 Esempio di caching (1) Ipotesi dimensione media dell oggetto di 100Kb mediamente 15 richieste al secondo verso il server Web originale RTT dal router interno ad uno dei server originali = 2 sec Internet server Web originali utilizzazione sulla LAN = 15% utilizzazione del link di accesso = 100% ritardo totale = Internet + accesso + LAN = 2 s + vari secondi + millisecondi rete interna accesso a 1.5 Mbps 10 Mb/s LAN M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 34

35 Esempio di caching (2) Una soluzione: aumentare la banda di accesso, eliminando in parte il collo di bottiglia Internet server Web originali utilizzazione sulla LAN = 15% utilizzazione del link di accesso = 15% ritardo totale = Internet + accesso + LAN = 2 sec + msec + msec rete interna accesso a 10 Mbps 10 Mb/s LAN spesso l ugrade è costoso o difficile M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 35

36 Esempio di caching (3) Soluzione con una cache Ipotesi di successo della cache: 40% server Web originali Internet Il 40% delle richieste ha una risposta positiva senza ritardo Il 60% delle richieste è soddisfatto dai server originali L utilizzazione della linea diaccesso è al 60% aggiungendo un ritardo piccolo (circa 100ms) il ritardo totale è, nel caso peggiore, = 2 s +.01 s + ms < 2.5 secs rete interna accesso a 1.5 Mbps 10 Mb/s LAN proxy/cache locale M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2007 Cap 2-2 pag. 36

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif Web e HTTP Terminologia Una pagina web consiste di oggetti Un oggetto può essere un file HTML, una immagine JPG, ecc. Una pagina web consiste di un file HTML base che fa riferimento a diversi oggetti al

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. lez 5 World Wide Web (cont)

INFORMATICA DISTRIBUITA. lez 5 World Wide Web (cont) INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 5 World Wide Web (cont) Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 Protocolli usabili nelle URL http: ftp: : http://www.dico.unimi.it/

Dettagli

Applicazioni e protocolli a livello applicazione

Applicazioni e protocolli a livello applicazione Applicazioni e protocolli a livello applicazione Applicazione: processi distribuiti comunicanti vengono eseguiti sugli host di rete come processi utente scambio di messaggi per implementare l applicazione

Dettagli

OSOR. Applicazioni di Rete

OSOR. Applicazioni di Rete OSOR Applicazioni di Rete 1 Client-Server in Sistemi Distribuiti Host A Host B Client TCP/UDP IP Network Interface Internet Risultati Server TCP/UDP IP Network Interface Richiesta Applicazioni di Rete

Dettagli

PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET

PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET IC3N 2000 N. 5 La famiglia dei protocolli TCP/IP Applicazioni e-mail,ftp,ssh,www TCP UDP ICMP IP ARP RARP IEEE 802-Ethernet-X25-Aloha ecc. Collegamento fisico 6 1 Protocolli

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

Protocolli applicativi: FTP

Protocolli applicativi: FTP Protocolli applicativi: FTP FTP: File Transfer Protocol. Implementa un meccanismo per il trasferimento di file tra due host. Prevede l accesso interattivo al file system remoto; Prevede un autenticazione

Dettagli

Protocolli di applicazione

Protocolli di applicazione Reti di Calcolatori AA 2011/2012 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Protocolli di applicazione Csaba Kiraly Renato Lo Cigno Livello di applicazione A note on the use

Dettagli

Stack protocolli TCP/IP

Stack protocolli TCP/IP Stack protocolli TCP/IP Application Layer Transport Layer Internet Layer Host-to-Nework Layer DNS SMTP Telnet HTTP TCP UDP IP Insieme di eterogenei sistemi di rete... 1 Concetti base Differenza tra i concetti

Dettagli

Servizi di rete e web. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Servizi di rete e web. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Servizi di rete e web Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Applicazione Unità di trasmissione dati a livello applicazione Applicazione Presentazione Unità di trasmissione dati a livello presentazione Presentazione

Dettagli

url uniform resource locator

url uniform resource locator url uniform resource locator m. patrignani nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi, ma non limitatamente,

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Livello applicativo. Obiettivi specifici: Protocolli specifici: Obiettivi generali:

Livello applicativo. Obiettivi specifici: Protocolli specifici: Obiettivi generali: Livello applicativo Obiettivi generali: Aspetti concettuali/ implementativi dei protocolli applicativi Paradigma client server Modelli dei servizi Obiettivi specifici: Protocolli specifici: http ftp smtp

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. lez 6 World Wide Web (cont)

INFORMATICA DISTRIBUITA. lez 6 World Wide Web (cont) INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 6 World Wide Web (cont) Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 Scripting Invece di avere un programma esterno,

Dettagli

Sicurezza delle applicazioni web: protocollo HTTP

Sicurezza delle applicazioni web: protocollo HTTP Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Sicurezza delle applicazioni web: protocollo HTTP Alessandro Reina Aristide Fattori

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 5 Martedì 18-03-2014 1 Livello di applicazione Architetture

Dettagli

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Indice Standard ISO/OSI e TCP/IP Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Modello Client / Server I Socket Il World Wide Web Protocollo HTTP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A.

Dettagli

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi Protocolli per il Web Protocolli applicativi I protocolli applicativi 2 Applicazioni Socket interface HTTP (WEB) SMTP (E-MAIL) FTP... NFS RPC DNS... Trasporto TCP UDP Rete ICMP RIP OSPF IP ARP RARP Non

Dettagli

Introduzione a Internet e al World Wide Web

Introduzione a Internet e al World Wide Web Introduzione a Internet e al World Wide Web Una rete è costituita da due o più computer, o altri dispositivi, collegati tra loro per comunicare l uno con l altro. La più grande rete esistente al mondo,

Dettagli

Lucidi a cura di Andrea Colombari, Carlo Drioli e Barbara Oliboni. Lezione 4

Lucidi a cura di Andrea Colombari, Carlo Drioli e Barbara Oliboni. Lezione 4 Lucidi a cura di Andrea Colombari, Carlo Drioli e Barbara Oliboni Lezione 4 Introduzione alle reti Materiale tratto dai lucidi ufficiali a corredo del testo: D. Sciuto, G. Buonanno e L. Mari Introduzione

Dettagli

Esempi di applicazioni internet. WEB Trasferimento File Posta Elettronica Sistema dei nomi di dominio (DNS)

Esempi di applicazioni internet. WEB Trasferimento File Posta Elettronica Sistema dei nomi di dominio (DNS) Esempi di applicazioni internet WEB Trasferimento File Posta Elettronica Sistema dei nomi di dominio (DNS) 17 Il Web: terminologia Pagina Web: consiste di oggetti indirizzati da un URL (Uniform Resource

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete Storia:

Dettagli

2.5. L'indirizzo IP identifica il computer di origine, il numero di porta invece identifica il processo di origine.

2.5. L'indirizzo IP identifica il computer di origine, il numero di porta invece identifica il processo di origine. ESERCIZIARIO Risposte ai quesiti: 2.1 Non sono necessarie modifiche. Il nuovo protocollo utilizzerà i servizi forniti da uno dei protocolli di livello trasporto. 2.2 Il server deve essere sempre in esecuzione

Dettagli

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web 1 Il protocollo HTTP È il protocollo standard inizialmente ramite il quale i server Web rispondono alle richieste dei client (prevalentemente browser);

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Applicazioni e protocolli a livello applicazione

Applicazioni e protocolli a livello applicazione Applicazioni e protocolli a livello applicazione Applicazione: processi distribuiti comunicanti vengono eseguiti sugli host di rete come processi utente scambio di messaggi per implementare l applicazione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni Reti di Calcolatori Il Livello delle Applicazioni Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo è sicuramente molto più semplice; Il Domain

Dettagli

Protocolli applicativi basati su TCP/IP

Protocolli applicativi basati su TCP/IP Protocolli applicativi basati su TCP/IP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protocolli applicativi Sono i protocolli utilizzati dalle applicazioni per scambiarsi informazioni attraverso la rete Esempi: HTTP

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento I protocolli del livello di applicazione Porte Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento utilizzato per permettere

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

L utente generico può saltare da un punto all altro del documento o da un documento all altro seguendo i link

L utente generico può saltare da un punto all altro del documento o da un documento all altro seguendo i link WWW: World Wide Web Definizione di ipertesto Un Ipertesto è un documento che contiene al suo interno link (collegamenti) ad altri documenti o ad altre sezioni dello stesso documento. Le informazioni non

Dettagli

Architettura client-server

Architettura client-server Architettura client-server In un architettura client-server ci sono due calcolatori connessi alla rete: un client che sottopone richieste al server un server in grado di rispondere alle richieste formulate

Dettagli

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente lo strumento di riferimento

Dettagli

Modulo 7: RETI INFORMATICHE

Modulo 7: RETI INFORMATICHE Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: RETI INFORMATICHE Il modulo 7 della Patente europea del computer si divide in due parti:

Dettagli

Programmazione Web. Introduzione

Programmazione Web. Introduzione Programmazione Web Introduzione 2014/2015 1 Un'applicazione Web (I) 2014/2015 Programmazione Web - Introduzione 2 Un'applicazione Web (II) 2014/2015 Programmazione Web - Introduzione 3 Un'applicazione

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità Ipertesto Reti e Web Ipertestualità e multimedialità Ipertesto: documento elettronico costituito da diverse parti: nodi parti collegate tra loro: collegamenti Navigazione: percorso tra diversi blocchi

Dettagli

Il Protocollo HTTP e il WWW

Il Protocollo HTTP e il WWW Web Il Protocollo HTTP e il WWW Gianluigi Ferrari Diparnto di Informatica Università di Pisa Pagina Web: Insieme di objects Indirizzo tramite URL. URL: Unifor Resource Locator è l indirizzo di rete di

Dettagli

Un po di storia: la rete

Un po di storia: la rete Gabriella Pasi Università degli Studi di Milano Bicocca Il Web e i Motori di ricerca Un po di storia: la rete Metà degli anni 60: nasce ARPANET Fine anni 60: standardizzazione dei protocolli Anni 70: la

Dettagli

Internet Terminologia essenziale

Internet Terminologia essenziale Internet Terminologia essenziale Che cos è Internet? Internet = grande insieme di reti di computer collegate tra loro. Rete di calcolatori = insieme di computer collegati tra loro, tramite cavo UTP cavo

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 9 Distribuzione dei contenuti Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 FTP: file transfer protocol FTP user interface

Dettagli

Web (1) Internet. Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 9 Web Security (1) Chiara Braghin. chiara.braghin@unimi.it! 20/11/12. browser.

Web (1) Internet. Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 9 Web Security (1) Chiara Braghin. chiara.braghin@unimi.it! 20/11/12. browser. Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 9 Web Security (1) Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it! Web (1) File HTML browser Internet URL Server web server Client il protocollo: HTTP 1 1 Web (2) Server

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri.

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri. Il Servizio World Wide Web () Corso di Informatica Generale (Roberto BASILI) Teramo, 20 Gennaio, 2000 Il World Wide Web Storia : obbiettivi : tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri La Storia (1990)

Dettagli

Architetture Applicative Il Web

Architetture Applicative Il Web Architetture Applicative Il Web Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 18 Marzo 2014 Architetture Architetture Web L Architettura Client-Server HTTP Protocolli di Comunicazione Fondamenti

Dettagli

Architetture Web Protocolli di Comunicazione

Architetture Web Protocolli di Comunicazione Architetture Web Protocolli di Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Maggio 2011 Architetture Web Architetture Web Protocolli di Comunicazione Il Client Side Il Server Side

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

InterNet: rete di reti

InterNet: rete di reti Internet e il web: introduzione rapida 1 InterNet: rete di reti Una rete è costituita da diversi computer collegati fra di loro allo scopo di: Comunicare Condividere risorse Ogni computer della rete può,

Dettagli

Livello applicativo. Obiettivi specifici: ! Protocolli specifici: " http " ftp " smtp " pop " dns " Programmazione di applicazioni

Livello applicativo. Obiettivi specifici: ! Protocolli specifici:  http  ftp  smtp  pop  dns  Programmazione di applicazioni Livello applicativo Obiettivi generali:! Aspetti concettuali/ implementativi dei protocolli applicativi " Paradigma client " Modelli dei servizi Obiettivi specifici:! Protocolli specifici: " http " ftp

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

Posta Elettronica e Web

Posta Elettronica e Web a.a. 2002/03 Posta Elettronica e Web Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Posta Elettronica

Dettagli

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un esempio particolarmente

Dettagli

Livello di Applicazione in Internet

Livello di Applicazione in Internet Università di Genova Facoltà di Ingegneria Livello di in Internet 1. Introduzione Prof. Raffaele Bolla Ing. Matteo Repetto dist Caratteristiche del corso: Docenti o Docente titolare Prof. Raffaele Bolla

Dettagli

Il traffico sul Web si moltiplica in maniera impressionante a un tasso annuale superiore al 300%.

Il traffico sul Web si moltiplica in maniera impressionante a un tasso annuale superiore al 300%. Il traffico sul Web si moltiplica in maniera impressionante a un tasso annuale superiore al 300%. La capacità di una rete, ovvero il volume di traffico che è in grado di trasmettere, dipende dalla larghezza

Dettagli

Il Livello Applicazione

Il Livello Applicazione Il Livello Applicazione Principali Obiettivi: Aspetti concettuali implementativi dei protocolli di rete del livello applicazione paradigma client server Modelli di servizio Impareremo a conoscere i protocolli

Dettagli

SERVIZI OFFERTI DA INTERNET INTERNET POSTA ELETTRONICA

SERVIZI OFFERTI DA INTERNET INTERNET POSTA ELETTRONICA Reti Informatiche SERVIZI OFFERTI DA INTERNET INTERNET POSTA ELETTRONICA INTERNET Il prototipo della grande rete si chiamava ARPAnet ed alla fine del 1960 collegava i computer dell UCLA, dello Stanford

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Servizi di Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Sicurezza su Sicurezza della La Globale La rete è inerentemente

Dettagli

Corso Creare Siti WEB

Corso Creare Siti WEB Corso Creare Siti WEB INTERNET e IL WEB Funzionamento Servizi di base HTML CMS JOOMLA Installazione Aspetto Grafico Template Contenuto Articoli Immagini Menu Estensioni Sito di esempio: Associazione LaMiassociazione

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Sicurezza delle applicazioni web: protocollo HTTP

Sicurezza delle applicazioni web: protocollo HTTP Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Anno Accademico 2009/2010 Sicurezza delle applicazioni web: protocollo HTTP Roberto Paleari roberto@security.dico.unimi.it

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Il Livello delle Applicazioni 2 Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013 Corso di HTML Modulo L3 1-Concetti generali 1 Prerequisiti Browser Rete Internet Client e server 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo alcuni semplici elementi del linguaggio HTML, con il quale

Dettagli

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione Evoluzione del Web Direzioni di sviluppo del web a) Multimedialità b) Dinamicità delle pagine e interattività c) Accessibilità d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione e) Web semantico

Dettagli

Che tipo di transport service è necessario per una applicazione? Protocolli application-layer (cont). Applicazioni e protocolli application-layer

Che tipo di transport service è necessario per una applicazione? Protocolli application-layer (cont). Applicazioni e protocolli application-layer Il Livello Applicazione Applicazioni e protocolli -layer Principali Obiettivi: Aspetti concettuali + implementativi dei protocolli di rete del livello applicazione paradigma Modelli di servizio Impareremo

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Agenda - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2003 Cap 2-4 pag.

Dettagli

ESERCITAZIONE Semplice creazione di un sito Internet

ESERCITAZIONE Semplice creazione di un sito Internet ESERCITAZIONE Semplice creazione di un sito Internet Sistemi e Tecnologie Informatiche - Prof. Gregorio Cosentino 1 Internet Una rete globale che connette milioni di computer in tutto il mondo, anarchica

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

Protocolli strato applicazione in Internet

Protocolli strato applicazione in Internet Protocolli strato applicazione in Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.tlc-networks.polito.it/ Protocolli di strato applicativo - 1 Modello client-server Tipica applicazione tra client

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa LE RETI INFORMATICHE Un calcolatore singolo, isolato dagli altri anche se multiutente può avere accesso ed utilizzare solo le risorse locali interne al Computer o ad esso direttamente collegate ed elaborare

Dettagli

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo Come funziona il WWW Il funzionamento del World Wide Web non differisce molto da quello delle altre applicazioni Internet Anche in questo caso il sistema si basa su una interazione tra un computer client

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Il protocollo HTTP e HTTPS

Il protocollo HTTP e HTTPS Il protocollo HTTP e HTTPS Guida Apache di Openskills Introduzione al protocollo HTTP Il protocollo HTTP (Hyper Text Transfer Protocol) viene usato da tutti i client e server web e gestisce il modo con

Dettagli

HTTP. Hyper Text Transfer Protocol HTTP

HTTP. Hyper Text Transfer Protocol HTTP Hyper Text Transfer Protocol Protocollo di livello applicativo per sistemi di informazione distribuiti, collaborativi ed ipermediali. Viene utilizzato dal web server e dal client per comunicare Si colloca

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

prof. Mario Dalessandro

prof. Mario Dalessandro INTERNET Internet in pratica è una rete vastissima, costituita dall interconnessione di migliaia di reti pubbliche e private, utilizzata per scopi differenti, ma comunque volta a creare e diffondere informazioni.

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

Livello applicazione: protocollo HTTP

Livello applicazione: protocollo HTTP Livello applicazione: protocollo HTTP Reti di Elaboratori Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Roma La Sapienza Prof.ssa Gaia Maselli Parte di queste slide sono state prese dal materiale

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 200, ore 1.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 6. - Protocolli a livello applicazione usati su Internet Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Come leggere ed interpretare la letteratura scientifica e fornire al pubblico informazioni appropriate sui farmaci

Come leggere ed interpretare la letteratura scientifica e fornire al pubblico informazioni appropriate sui farmaci Come leggere ed interpretare la letteratura scientifica e fornire al pubblico informazioni appropriate sui farmaci I motori di ricerca in internet: cosa sono e come funzionano Roberto Ricci, Servizio Sistema

Dettagli

Attacchi Web - Introduzione alla sicurezza nelle applicazioni Web

Attacchi Web - Introduzione alla sicurezza nelle applicazioni Web Attacchi Web Introduzione alla sicurezza nelle applicazioni Web Davide Marrone davide@security.dico.unimi.it Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento

Dettagli

Reti e Internet. Anna F. Leopardi 1 Di 19

Reti e Internet. Anna F. Leopardi 1 Di 19 Reti e Internet Anna F. Leopardi 1 Di 19 Sommario LE RETI INFORMATICHE Lan, Man, Wan INTERNET Breve storia di Internet Servizi Il Web: standard e browser Motori di ricerca E-mail Netiquette Sicurezza Glossario

Dettagli