Come citare: Url = Congresso?pg=cms&ext=p&cms_codsec=14&cms_codcms=776 [data consultazione: gg/mm/aaaa]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come citare: Url = Congresso?pg=cms&ext=p&cms_codsec=14&cms_codcms=776 [data consultazione: gg/mm/aaaa]"

Transcript

1 FERNANDA PALMA Influenze vinciane nel personaggio femminile dannunziano In I cantieri dell italianistica. Ricerca, didattica e organizzazione agli inizi del XXI secolo. Atti del XVIII congresso dell ADI Associazione degli Italianisti (Padova, settembre 2014), a cura di Guido Baldassarri, Valeria Di Iasio, Giovanni Ferroni, Ester Pietrobon, Roma, Adi editore, 2016 Isbn: Come citare: Url = Congresso?pg=cms&ext=p&cms_codsec=14&cms_codcms=776 [data consultazione: gg/mm/aaaa]

2 FERNANDA PALMA Influenze vinciane nel personaggio femminile dannunziano I personaggi femminili dannunziani, sulla scorta delle figure letterarie ottocentesche, sono caratterizzati da una bellezza funerea e rovinosa e presentano una natura multanime e soprattutto la tipica ambiguità sessuale e il «sorriso inesplicabile», caratteri propri dell arte vinciana. Non si tratta di una riproposizione del cliché ottocentesco, ma di una rielaborazione: nei ritratti femminili dannunziani confluiscono non solo le letture di Pater, Peladan, Barrés, ma anche il D Annunzio, estimatore del genio vinciano. Come i personaggi maschili sembrano ispirarsi a Leonardo, i personaggi femminili ricalcano le figure leonardesche e in particolare la Gioconda, archetipo della femme fatale. Quel sorriso appena accennato rende la donna dannunziana agli occhi del poeta imperscrutabile e inafferrabile o, meglio, un autentica vergine leonardiana, depositaria del segreto più profondo che custodisce e che cela dentro di sé. Nella letteratura europea di fine Ottocento si afferma il topos della femme fatale, che rintracciava nell immagine della Monna Lisa e della Medusa 1, opera quest ultima ritenuta erroneamente leonardesca, due referenti figurativi imprescindibili. Fu soprattutto la Gioconda ad affascinare i letterati. Celebre è il passo di Pater che «rese il tipo di donna fatale (con prospettiva spaziale e temporale, e sorriso alla Gioconda) così popolare, che negli anni intorno all ottanta fu di moda [ ] affettare l enigmatico sorriso». 2 Da quel momento la dame sans merci de fin de siécle, come è stata definita da Praz, presentò i tratti caratteristici della tele vinciane: l espressione ambigua e soprattutto il tipico «sourire à la Lise» 3, elementi/aspetti che diedero origine a molteplici letture. In questo panorama letterario D Annunzio operò le sue scelte ed elaborò il suo personaggio femminile, ricondotto dalla critica al topos (della femme fatale) di matrice decadente. «Fu il D Annunzio scrive Praz a presentare ai lettori italiani [ ] la donna fatale adunante in sé tutta l esperienza sensuale del mondo [ ]». 4 In linea con le interpretazioni ottocentesche, il personaggio femminile dannunziano presenta la celebre espressione vinciana e i tipici tratti della decadenza: la cosiddetta bellezza medusea dalla sguardo mortifero, intrisa di corruzione e malinconia, caratteristiche che le attribuiscono un fascino deleterio e rovinoso, aspetti ampiamente affrontati dalla critica. 5 La donna appare agli occhi del poeta una Nemica. Esemplificativa è l immagine di Andrea Sperelli, completamente inerme dinnanzi al fascino disarmante e oscuro di Elena: Andrea avrebbe dato qualunque prezzo per sottrarsi al supplizio che l aspettava ed era attratto da quel supplizio, nel tempo medesimo. Il suo sguardo, anche una volta, si levò alla parete rossa, verso il cupo quadro ove brillava la faccia esangue di Elena dagli occhi seguaci, dalla bocca di sibilla. Un fascino acuto e continuo emanava da quella immobilità imperiosa. Quel pallore unico dominava tragicamente tutta la rossa ombra della stanza. Ed egli sentì, anche una volta, che la sua triste passione era immedicabile. 6 1 Si tratta di un opera perduta di Leonardo, di cui parla il Vasari (cfr. G. VASARI, Lionardo da Vinci. Pittore e scultore fiorentino, ne Le vite de più eccellenti pittori e architettori italiani, nelle redazioni del 1550 e 1568, testo a cura di R. BETTARINI, commento secolare a cura di P. BAROCCHI, Firenze, S. P. E. S., 1976, IV vol., 23) e da molti e per tanti anni identificata con una delle due Meduse degli Uffizi. Oggi la critica è concorde nell attribuire il dipinto alla scuola fiamminga del XVII secolo. 2 M. PRAZ, La carne, la morte e il diavolo nella letteratura romantica, saggio introduttivo di F. ORLANDO, Milano, Bur Alta Fedeltà, 2012, Ibidem. 4 Ivi, Cfr. G. BALDI, Le ambiguità della Decadenza. D Annunzio romanziere, Napoli, Liguori, 2008; S. MIGLIORE, Tra Hermes e Prometeo. Il mito di Leonardo nel Decadentismo europeo, presentazione di C. PEDRETTI, Firenze, Olschki, 1994, J.-P. Guillerm, Tombeau de Léonard de Vinci. Le peintre et ses tableaux dans l écriture symboliste et décadente, Lille, Presses universitaires de Lille, 1981; M. PRAZ, La carne. 6 G. D ANNUNZIO, Il Piacere, in IDEM, I romanzi della rosa, a cura di E. BIANCHETTI, Milano, Arnoldo Monadadori, 1959,

3 Se da un lato le letture decadenti hanno influenzato senza dubbio il D Annunzio letterato, 7 attento ad ogni moda culturale dell epoca, dall altro non bisogna trascurare il D Annunzio estimatore del genio vinciano e profondo conoscitore della sua opera, e soprattutto il D Annunzio «nobile amante di Monna Lisa», come egli stesso si definì (ne L uomo che rubò la Gioconda). 8 In effetti i riferimenti a Leonardo e alla sua opera sono molto frequenti negli scritti dannunziani. Basti pensare a Le Vergini delle Rocce, romanzo fondamentale nella parabola vinciana dannunziana. Infatti l influenza del maestro si evince non solo dal titolo (che riprende il nome di una nota tavola leonardesca La vergine delle rocce), ma soprattutto dalle numerose citazioni di passi vinciani o presenti nel corso della narrazione o preposte come epigrafi all inizio dell opera e ad alcune sue parti. Nel corso del romanzo, come nota Marinella Cantelmo, l artista vinciano «varca di persona, se così si può dire, le soglie del testo per entrare in scena come personaggio narrativo, in ragione del rapporto di amicizia intercorso tra lui ed un antenato del protagonista, Alessandro Cantelmo», divenendo «l artefice chiamato Prometeo». 9 Le connotazioni leonardesche proprie del personaggio femminile dannunziano non possono perciò essere ricondotte sic e sempliciter al cliché ottocentesco, ma scaturiscono senza dubbio da un attenta rielaborazione, i cui aspetti fondamentali sono rintracciabili negli scritti di evidente influenza vinciana. Quindi (in virtù del profondo legame che unisce/lega Gabriele D Annunzio a Leonardo e alla sua opera) quali tratti della donna dannunziana possono essere ricondotti alla personale lettura che D Annunzio fa della Gioconda? Punto di partenza sono le opere dedicate alla celebre tavola leonardesca e in particolare L uomo che rubò la Gioconda testo, che come i taccuini vinciani, non fu mai sottoposto all ultima revisione e quindi non destinato alla pubblicazione. Si tratta di una scrittura cinematografica, lasciata in stato di abbozzo, pubblicata postuma e per la prima volta nel 1938, datata «Fiume d Italia, 30 giugno 1920». 10 D Annunzio immagina di riportare in vita la donna ritratta da Leonardo attraverso il sacrificio inconsapevole della sua giovane amante Sonia. Quest ultima viene arsa in un rogo e le sue ceneri consentono alla dama vinciana di prendere vita. Il poeta ha finalmente dinnanzi a sé Lisa del Giocondo, immortalata dal genio di Vinci, la cui bellezza è stata resa eterna in quel ritratto. Inizialmente la donna appare disorientata, cerca più volte Leonardo con lo sguardo e la voce. Al contrario in quel frangente molteplici pensieri affollano la mente di D Annunzio, che dopo uno smarrimento iniziale pone alla donna un «interrogazione ansiosa e ostinata». Lisa non risponde e non appena il poeta ormai «delirante» per il prodigio avvenuto «accosta a quel sorriso la sua faccia sconvolta e pone le mani su quella carne insensibile, subitamente la figura si dissolve, scompare». 11 Inutili appaiono i tentavi «d inseguirla, di trattenerla, di afferrarla». 12 La donna dal «fascino perpetuo» scompare. L abbozzo si chiude con il ritorno al Louvre della tavola e graficamente con la celebre espressione «Tu non saprai giammai perché sorrido». 13 Dalla lettura del testo emergono alcune considerazioni. In primo luogo D Annunzio autore e protagonista maschile nel corso dell interrogazione «ansiosa e ostinata» dichiara apertamente a Lisa di averla cercata in tutte le sue amanti (e non sarebbe azzardato supporre biografiche e letterarie). Scrive: «Ho cercata te in tutte le amanti! Ho cercato il tuo sorriso su tutte le labbra voluttuose» e infine la implora di lasciarsi possedere di consentirgli di comprendere il suo mistero, parole pronunciate tanto al protagonista quanto all autore. Monna Lisa è sia l opera leonardesca a cui D Annunzio autore rende omaggio, a cui offre il suo ultimo tributo, sia la 7 Cfr. S. COSTA, D Annunzio, Roma, Salerno, G. D ANNUNZIO, L Uomo che rubò la Gioconda, in ID., Teatro, Milano, A. Mondadori, 1956, 1183; per la genesi dell opera cfr. C. VECCE, O divino primitivo. Leonardo in Campana, in O poesia tu più non tornerai. Campana moderno, a cura di M. VERDENELLI. Quodlibet, Macerata, , in part M. CANTELMO, Il cerchio e la figura. Miti e scenari nei romanzi di Gabriele D Annunzio, Lecce, Manni, 1999, G. D ANNUNZIO, L Uomo, 1199; P 11 Ivi, Ibidem. 13 Ivi,

4 protagonista femminile dello scenario, che a differenza della femme fatale di derivazione decadente perde tutte le connotazioni sensuali e rovinose e si contraddistingue unicamente per il mistero che cela dentro di sé e nel suo sorriso inestinguibile e imperscrutabile, tratti già presenti in Gorgon composta nel 1885 e Anima con labbra. Parlando della Gioconda ad Andrea Sperelli di poco posteriore alla prima, edita la prima volta nel 1889 e ripubblicata nel 1911 (anno del furto della tavola e anno in cui l autore probabilmente cominciò a dedicarsi alla stesura dell abbozzo cinematografico). Nella prima composizione il poeta descrive Medusa, attraverso i suoi tratti fisici, tipicamente decadenti «il pallor cupo», «i capelli aridi» dai «riflessi viola», e il sorriso «fulgidissimo e credule», proprio della Gioconda. Ma prosegue: «Quel sorriso tristamente / combattea con la dolcezza / de lunghi occhi e dava un fascino / sovrumano a la bellezza / de le teste femminili / che il gran Vinci amava». 14 Ritornano i due aspetti che caratterizzano la Lisa e le tele vinciane: il sorriso e l espressione che acquistano ancora una volta connotazioni sovrumane. Tuttavia i versi sembrano avere un intento puramente descrittivo. Ma in Anima con labbra. Parlando della Gioconda ad Andrea Sperelli «Una di quelle mute anime al fine/ un giorno mi parlava d improvviso; Anima con pupille sibelline, Anima con le labbra e con un riso, / un riso inestinguibile ed esiguo, / che le labbra effondean per tutto il viso /. [ ] Mi guardò e mi disse : - In vano, in vano, Giovine, t affatichi a penetrarmi. Il mio grande segreto è sovrumano». 15 La Lisa dannunziana non si caratterizza per la sua sensualità rovinosa e per il suo sguardo mortifero, elementi riconducibili maggiormente alla Medusa e al topos decadente della femme fatale e alla lettura del Pater. In effetti tra fine Ottocento e inizio Novecento, nella letteratura europea è possibile ricondurre le numerose interpretazioni a cui la Gioconda era stata sottoposta a due «filoni di giudizi»: il primo rintracciava nella dama ritratta da Leonardo «la femminilità misteriosa, con tutte le varianti di crudeltà e di ambiguità diabolica in cui confluiscono miti diversi, ma con lo stesso substrato angoscioso», mentre la seconda si soffermava (con Maurice Barrés e Gabrielle Seillas) maggiormente sul suo sorriso appena accennato che diveniva espressione di «una superiorità affascinante dovuta all intelligenza divina». 16 In linea con Barrès, D Annunzio focalizza l attenzione sul sorriso e sullo sguardo. Non si tratta però di un sorriso introspettivo; la donna non sorride a sé stessa (come in Barrès) e non si prende gioco dello spettatore: al sorriso leonardesco D Annunzio non attribuisce alcuna connotazione, non tenta di decifrare la sua espressione ambigua, che resta impenetrabile, accentuandone così la carica enigmatica. Il poeta chiede alla donna di svelargli il suo segreto, «Lasciati possedere! Lasciati conoscere!», esclama nella scrittura cinematografica, non azzarda una possibile interpretazione, come Water Pater nella celebre pagina dedicata a Monna Lisa. L impossibilità di comprendere genera nel poeta affanno e turbamento: l autore è disarmato dal suo sguardo e soprattutto vinto dall impenetrabilità del suo segreto. Infatti la donna non lascia possibilità di salvezza o, meglio, di comprensione. «Sola io contemplo, sola e senza voce, / un mar che non ha fondo e non ha lido. / O tu che soffri, il tuo soffrire è atroce, ma non saprai giammai perché sorrido». Su questi tratti riconducibili più alla rilettura dell autore che al topos ottocentesco e che consentono di delineare e comprendere la Lisa dannunziana, lo scrittore elabora pian piano il suo personaggio femminile, che presenterà numerosi tratti della Lisa decadente. Inizialmente i riferimenti alla Gioconda appaiono appena accennati, quasi velati e prevalgono i caratteri riconducibili al mito. Nel Piacere, Elena Muti (Piacere 1888 romanzo, pubblicato tre anni dopo Gorgon e un anno prima di Anima con labbra) ha 14 Gorgon è stata pubblicata per la prima volta sulla «Domenica letteraria Cronaca Bizantina» (23/08/1885), poi in Isaotta Guttadauro e quindi in Isotteo-Chimera. Cfr. G. D ANNUNZIO, Versi d amore e gloria, I vol., a cura di A. ANDREOLI e N. LORENZINI, Milano, Mondadori, 1989, La poesia compare per la prima volta sul «Corriere di Napoli» (15-16 agosto 1889), successivamente sul «Giornale d Italia» (25/08/1911), in seguito al furto della Gioconda dal Louvre. Cfr. G. D ANNUNZIO, Versi, V. RAMACCIOTTI, La chimera e la Sfinge. Immagini, miti e profili decadenti, Geneve-Paris, Slatkine, 1987, 37. 3

5 negli occhi e nella bocca un singolar contrasto di espressione: quella espressione, prosegue il poeta, spassionata, intensa, ambigua, sopraumana, che solo qualche moderno spirito, impregnato di tutta la profonda corruzione dell arte, ha saputo infondere in tipi di donna immortali come Monna Lisa e Nelly O Brien. 17 Al contrario Ippolita Sanzio protagonista del Trionfo della morte (edito nel 1894 e successivo alla pubblicazione di Gorgon e Anima con labbra) assume sembianze leonardesche più marcate. Scrive: «È molto bella. Il suo viso ha quasi sempre un'espressione profonda, significativa, appassionata. Qui sta il segreto del suo fascino. La sua bellezza non mi stanca mai; mi suggerisce sempre un sogno». 18 E prosegue: Di che si compone la sua bellezza? Non saprei dire. Materialmente, non è bella. Qualche volta, guardandola, io ho provata la sorpresa penosa di una disillusione. I suoi lineamenti mi sono apparsi nella loro materiale verità, non modificati, non illuminati dalla forza di un'espressione spirituale. Ella ha però tre divini elementi di bellezza: la fronte, gli occhi, la bocca: divini. 19 Cominciano a tratteggiarsi i tratti della Lisa dannunziana. Sembrerebbe che il poeta stia riflettendo a voce alta sul fascino della dama ritratta del Vinci: Ippolita, come Lisa, ammalia e seduce con lo sguardo, con l espressione: fronte, occhi e bocca. Lo scrittore avverte però la necessità di delucidare questi aspetti e offre al lettore un attenta spiegazione sull importanza che attribuisce all espressione. Scrive: L'espressione, questa cosa immateriale che s'irraggia nella materia, questa forza mutabile e incalcolabile che invade la maschera corporea e la transfigura, quest'anima esterna significativa che sovrappone alla precisa realtà delle linee una bellezza simbolica d'un ordine assai più alto e più complesso, l'espressione era il gran fascino d'ippolita Sanzio, essendo un motivo perpetuo di affetti e di sogni pel passionato pensatore. 20 Nella scrittura letteraria i tratti della Gioconda e delle figure ritratte da Leonardo (il mistero che si cela dietro lo sguardo ambiguo e quel sorriso appena accennato) consentono al D Annunzio di elaborare una figura femminile dinamica e mai statica, capace di generare molteplici emozioni e figurazioni nel «passionato pensatore», come avviene nell arte pittorica. La sua protagonista non deve avere una bellezza caduca o passeggera che prima o poi potrebbe sfiorire e risultare banale, ma distinguersi per il suo fascino eterno, come l immagine della Lisa, che incanta da secoli. A tal proposito D Annunzio si interroga su quel «qualcosa di indefinibile» che caratterizza le tele vinciane e sembra quasi implorare Leonardo: «O Leonardo, insonne Prometeo, sottile Ermete, bel semidio, quali Anime divine chiudesti ne le tue forme segrete?». Il poeta, ponendosi sulla scorta del suo maestro, tenta di racchiudere nei ritratti letterari delle sue donne il medesimo fascino delle vergini leonardesche e riesce nell impresa con Violante e soprattutto Foscarina. Violante, protagonista de Le Vergine delle rocce, pur riprendendo molti aspetti del topos della femme fatale, è incantatrice e rivelatrice, custode di un segreto inaccessibile, acquista caratteristiche soprumane: appare agli occhi di Claudio Cantelmo una vergine inviolabile, che come Ippolita, conserva quella «primitiva purità verginale» che non può essere violata, se non da «un Dio». Ma la mia inquietudine si faceva grave come un angoscia, quasi che un pericolo vero mi soprastasse. E non potevo non riconoscerne la causa nel turbamento che Violante mi dava di continuo con ogni suo atto. [ ] Ancora ella m incantava, se i miei occhi la guardavano. 17 G. D ANNUNZIO, Il Piacere, G. D ANNUNZIO, Trionfo della morte, in ID., I romanzi della rosa, cit., Ibidem. 20 Ibidem. 4

6 Seduta sul macigno come il primo giorno sul plinto, ella era simile alle statue immortali. Anche una volta io la considerai presente e pur discosta, come in quel giorno e ripensai: È giusto ch ella rimanga intatta. Ella non potrebbe essere posseduta senza onta se non da un dio. Giammai le sue viscere porteranno il difformante; giammai l onda del latte sforzerà il puro contorno del suo seno». 21 E sull espressione scrive: Violante rimase nella sua attitudine, tenendo fra le dita il suo velo: - impassibile, come se non avesse inteso. Ma io sentivo che le sue pupille non guardavano le cose, e mi turbai come se giungesse sino a me un raggio del fascino emanato dalla profondità occulta in cui era fisso il suo sguardo. 22 Tuttavia Violante sembra ancora un personaggio in fieri, sebbene molto vicina alla Lisa protagonista della scrittura cinematografica. Ne Il Fuoco, ultimo romanzo dedicato in toto alla figura di Leonardo, maestro incomparabile di Stelio Effrena, Foscarina sembra una vera e propria Monna Lisa moderna, capace di generare nel protagonista e nel lettore molteplici figurazioni. Stelio, scrive D Annunzio, «vedeva passare in lei quelle larghe onde di vita, quelle straordinarie espressioni, quelle luci e quelle ombre alterne; e non osava parlare». 23 E il suo sorriso, definito «infinito», offusca le connotazioni decadenti della donna: «Parole d ebrezza le sgorgavano dal cuore liberato, ma le sue labbra non osavano di proferirle. Ed ella sorrideva, sorrideva del suo sorriso infinito, silenziosa». 24 Foscarina diviene l alter ego letterario della Gioconda attraverso il suo sguardo e il suo sorriso, espressioni della sua superiorità: «la memoria di quel suo oscuro martirio, di quella sua povertà, di quella sua fame creava in lei un sentimento di superiorità reale su colui ch ella credeva invincibile». 25 Ella «Sorrise come colei che sapeva quel ch egli non doveva mai sapere, come colei che aveva vinto quel ch egli non avrebbe potuto vincere». 26 I tratti vinciani attribuiti a Foscarina non richiedono ulteriori delucidazioni, ma divengono tratti imprescindibili della donna dannunziana. Ella, in toto conforme all immaginario femminile leonardesco dell autore, pur consentendo a Stelio di appropriarsi dell ispirazione creativa che è in grado di offrirgli, conserva lo stesso fascino enigmatico e senza tempo delle figure leonardiane. La donna è consapevole della sua superiorità e del mistero che cela dentro di sé. Appare imperscrutabile persino alla madre: «Certe volte, quando ero più stanca e più tremante, sorridevo lungamente. E anche la benedetta [la madre], col suo cuore profondo, non poteva comprendere da che nascesse il mio sorriso». 27 Foscarina non richiama, non ricorda Lisa ma ne diviene a tutti gli effetti il corrispettivo letterario. Ella, allo stesso modo della donna ritratta dall artista di Vinci, Se bene [ ] fosse immobile, se bene [ ] tacesse, i suoi accenti famosi, i suoi gesti memorabili parevano vivere intorno a lei e vibrare indefinitamente come le melodie intorno alle corde che sogliono ripeterle, come le rime intorno al libro chiuso ove l amore e il dolore sogliono ricercarle per inebriarsene e per consolarsene. 28 E come Lisa incanta, rievocando mediante il suo fascino perpetuo «le più dolci anime e le più terribili». Scrive: 21 G. D ANNUNZIO, Le Vergini delle rocce, in ID., Romanzi e Novelle, Milano, A. Mondadori, 1959, Ivi, G. D ANNUNZIO, Il fuoco, in IDEM, Romanzi, cit., Ivi, Ivi, Ibidem. 27 Ivi, Ivi,

7 La fedeltà eroica di Antigone, il furore fatidico di Cassandra, la divorante febbre di Fedra, la ferocia di Medea, il sacrificio di Ifigenia, Mirra dinanzi al padre, Polissena e Alceste dinanzi alla morte, Cleopatra volubile come il vento e la vampa sul mondo, Lady Macbeth veggente carnefice dalle piccole mani, e i grandi gigli imperlati di rugiade e di lacrime, Imogene, Giulietta, Mirando, Rosalinda e Jessica e Perdita le più dolce anime e le più terribili e le più magnifiche erano in lei, abitavano il suo corpo, balenavano per le sue pupille, respiravano per la sua bocca [ ]. Così in una vastità senza limiti e in un tempo senza fine pareva ampliarsi e perpetuarsi il contorno della sostanza e dell età umana; pur tuttavia non da altro se non dal moto di un muscolo, da un cenno, da un segno, da un lineamento, da un battito di palpebre, da una tenue nutazione di colore, da una lievissima reclinazione della fronte, da un fuggevole gioco di ombre e di luci, da una fulminea virtù espressiva irradiata nella carne angusta e frale si generavano di continuo quei mondi infiniti di imperitura bellezza. 29 In conclusione nell elaborazione del personaggio femminile del poeta confluiscono sia la Lisa di derivazione decadente, Erma bifronte, intrisa di corruzione e melanconia, più volte analizzata dalla critica, sia la Lisa dannunziana ricostruita attraverso L uomo che rubò la Gioconda, Gorgon e Anima con labbra. Parlando della Gioconda ad Andrea Sperelli. Quell espressione imperscrutabile e quel sorriso appena accennato, aspetti su cui l autore indugia a lungo, sono tratti che derivano dalla personale lettura che il poeta fa delle dama vinciana. La donna dannunziana come la Gioconda conserva un qualcosa di indefinibile che la rende imperscrutabile e inafferrabile, o, meglio, un autentica vergine leonardiana depositaria del segreto più profondo che custodisce e che cela dentro di sé e che non può essere compreso, ma semplicemente percepito e immaginato. «Sorrise come colei che sapeva quel ch egli non doveva mai sapere, come colei che aveva vinto quel ch egli non avrebbe potuto vincere» Ibidem. 30 Ivi,

Come citare: Url = http://www.italianisti.it/atti-di- Congresso?pg=cms&ext=p&cms_codsec=14&cms_codcms=581 [data consultazione: gg/mm/aaaa]

Come citare: Url = http://www.italianisti.it/atti-di- Congresso?pg=cms&ext=p&cms_codsec=14&cms_codcms=581 [data consultazione: gg/mm/aaaa] FERNANDA PALMA Un icona universale dentro (e fuori) il Museo: la Gioconda In I cantieri dell italianistica. Ricerca, didattica e organizzazione agli inizi del XXI secolo. Atti del XVII congresso dell ADI

Dettagli

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità;

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità; Il Neoclassicismo inizia alla metà del XVIII sec., per concludersi nel 1815. Ciò che contraddistingue lo stile artistico di quegli anni fu l adesione ai principi dell arte classica. Quei principi di armonia,

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

NOTA BIOGRAFICA. Matteo Severini

NOTA BIOGRAFICA. Matteo Severini NOTA BIOGRAFICA Come in ogni buona pubblicazione di un libro di poesie si dovrebbe cominciare con una sintesi biografica dell autore, per raccontarne cronologicamente la storia e le opere; ma un po per

Dettagli

Il Cavaliere delle Energie

Il Cavaliere delle Energie Massime tratte dal libro Il Cavaliere delle Energie di Andrea Pangos www.andreapangos.it ISBN 88-88914-00-5 Andrea Pangos Edizioni Copyright 2003 Andrea Pangos Il Cavaliere delle Energie Tu sei per te

Dettagli

Premio Sheikh Zayed per il libro

Premio Sheikh Zayed per il libro Premio Sheikh Zayed per il libro 1 Sommario Nota sul premio...3 Obiettivi del premio...4 I settori del premio...5 Per candidarsi al premio...7 Le regole della giuria...9 Contatti...10 2 Nota sul premio

Dettagli

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015

Programma di ITALIANO. classe VB a.s. 2014/2015 Programma di ITALIANO classe VB a.s. 2014/2015 GRAMMATICA: La frase complessa o periodo La struttura del periodo:proposizioni principali, coordinate e subordinate La proposizione principale I vari tipi

Dettagli

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908

Il Decadentismo. Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Il Decadentismo Claude Monet Tramonto a Venezia 1908 Movimento culturale nato in Francia nel 1880 e ben presto diffuso in tutta Europa. Prende il nome dalla rivista transalpina «Le Décadent». I caratteri

Dettagli

1428-1438. L eredità di Masaccio

1428-1438. L eredità di Masaccio 1428-1438 L eredità di Masaccio Il ruolo degli scultori Luca Della Robbia, «Cantoria». 1431-1437 Donatello, «Cantoria». 1433-1438 Donatello, David mediceo, 1435 c. Donatello, Annunciazione Cavalcanti,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura.

RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura. RIASSUNTO DEL VENTUNESIMO CAPITOLO: SCENE DI DESOLAZIONE Renzo è in piazza San Marco dove è stata innalzata la macchina della tortura. Vede passare un carro di appestati morti e prega per loro, sperando

Dettagli

La traduzione - come incontro tra due lingue e. culture: italiana e vietnamita

La traduzione - come incontro tra due lingue e. culture: italiana e vietnamita La traduzione - come contro tra due lgue e culture: italiana e vietnamita PREMESSA Noi esseri telligenti, a differenza degli altri esseri viventi, usiamo un sistema molto complesso per comunicare tra noi,

Dettagli

DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE

DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E VALUTAZIONE 1. Esprime una propria esperienza o uno stato d animo attraverso l immagine e il colore 2. Realizza sequenze di immagini

Dettagli

NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei

NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei A cosa serve, secondo te, la fotografia? Per una famiglia che ha passato le vacanze in un luogo, una fotografia può servire

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La premiazione de Il respiro del Mare a Formia.

La premiazione de Il respiro del Mare a Formia. La premiazione de Il respiro del Mare a Formia. Si è svolta presso il castello Miramare di Formia, la cerimonia di premiazione della XXI edizione del Premio letterario internazionale Renato Filippelli,

Dettagli

IL MISTERO PICASSO Scuola secondaria di primo grado Suggerimenti di lavoro in relazione alla visita + laboratorio

IL MISTERO PICASSO Scuola secondaria di primo grado Suggerimenti di lavoro in relazione alla visita + laboratorio IL MISTERO PICASSO Scuola secondaria di primo grado Suggerimenti di lavoro in relazione alla visita + laboratorio Obiettivi generali: Creare un esperienza educativa aperta e stimolante, finalizzata a suscitare

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL FENOMENO DELL UDIRE VOCI Se lei ha, o ha avuto,

Dettagli

MARIA BETTETINI LA BELLEZZA E IL PECCATO PICCOLA SCUOLA DI FILOSOFIA

MARIA BETTETINI LA BELLEZZA E IL PECCATO PICCOLA SCUOLA DI FILOSOFIA MARIA BETTETINI LA BELLEZZA E IL PECCATO PICCOLA SCUOLA DI FILOSOFIA I GRANDI TASCABILI BOMPIANI ISBN 978-88-452-7979-9 2015 Bompiani/RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli 8-20132 Milano I edizione Tascabili

Dettagli

19/4/2015» Leonardo Da Vinci a Corato: L Autoritratto di Acerenza sarà presente nella sala convegni Corte Bracco dei Germani

19/4/2015» Leonardo Da Vinci a Corato: L Autoritratto di Acerenza sarà presente nella sala convegni Corte Bracco dei Germani 19/4/2015» Leonardo Da Vinci a Corato: L Autoritratto di Acerenza sarà presente nella sala convegni Corte Bracco dei Germani Leonardo Da Vinci a Corato: L Autoritratto di Acerenza sarà presente nella sala

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ITALIANO Classe: V

Programmazione Disciplinare: ITALIANO Classe: V Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ITALIANO Classe: V Anno scolastico 2014-2015 I Docenti della Disciplina Salerno, 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina:

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

RACCONTIDICITTÀ. Indice 1. presentazione 2. programma delle lezioni 3. scheda tecnica

RACCONTIDICITTÀ. Indice 1. presentazione 2. programma delle lezioni 3. scheda tecnica RACCONTIDICITTÀ Rilassatevi. Nessun corso di "scrittura creativa" nemmeno se a tenerlo fossero Omero, Shakespeare, Cechov o Bulgakov può trasformare un partecipante in uno "scrittore". Indice 1. presentazione

Dettagli

Cosa i libri ci raccontano

Cosa i libri ci raccontano Cosa i libri ci raccontano Molto spesso, quando apriamo un libro, non abbiamo voglia di leggerlo a causa delle troppe parole inserite in modo casuale nelle infinite pagine. Attraverso i libri portati per

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1 XedizionedeIColloquiFiorentini NihilAlienum AlessandroManzoni Sentir,riprese,emeditar IntervistaRaffaeleCavalluzzi 1 ValerioCapasa:«Sentiremeditar»puòsintetizzarel approcciodimanzoniallarealtàsottoilvigilesostegnodella

Dettagli

L ARCANGELO MICHELE, CUSTODE dei SEGRETI di DIO. RITROVARE il DIVINO attraverso gli ARCANGELI

L ARCANGELO MICHELE, CUSTODE dei SEGRETI di DIO. RITROVARE il DIVINO attraverso gli ARCANGELI ~ 1 ~ L ARCANGELO MICHELE, CUSTODE dei SEGRETI di DIO RITROVARE il DIVINO attraverso gli ARCANGELI In tutti i tempi gli antichi hanno parlato di una grande intelligenza nascosta nell elemento fuoco che

Dettagli

Curriculum vitae et studiorum

Curriculum vitae et studiorum Curriculum vitae et studiorum INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono POLZONETTI GIULIA VIA PICCO DEI TRE SIGNORI,39 ROMA 3336679534-06/86899634 Fax E-mail Nazionalità Data e luogo di nascita giuliapolzonetti@yahoo.it

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone:

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone: LETTERATURA ITALIANA 1. Osserva le foto di queste persone: a) In quale momento storico li situi? b) Quale credi che fosse la loro professione? Perché? c) Che cosa di questi dipinti attira la tua attenzione?

Dettagli

Senecio. Direttore Emilio Piccolo. Redazione Sergio Audano, Gianni Caccia, Maria Grazia Caenaro Claudio Cazzola, Lorenzo Fort, Letizia Lanza

Senecio. Direttore Emilio Piccolo. Redazione Sergio Audano, Gianni Caccia, Maria Grazia Caenaro Claudio Cazzola, Lorenzo Fort, Letizia Lanza Senecio Direttore Emilio Piccolo Redazione Sergio Audano, Gianni Caccia, Maria Grazia Caenaro Claudio Cazzola, Lorenzo Fort, Letizia Lanza Saggi, enigmi, apophoreta Senecio www.senecio.it mc7980@mclink.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa MODULO n1 PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa TITOLO: STORIA, CIVILTÀE POETICHE DELL EPOCA BAROCCA **QUESTO MODULO È PARTE INTEGRANTE DELLA PROGRAMMAZIONE INTERDISCIPLINARE

Dettagli

Caterina Verbaro. I margini del sogno. La poesia di Lorenzo Calogero. Edizioni ETS

Caterina Verbaro. I margini del sogno. La poesia di Lorenzo Calogero. Edizioni ETS Caterina Verbaro I margini del sogno La poesia di Lorenzo Calogero Edizioni ETS www.edizioniets.com In copertina: Paul Klee, Il funambolo, 1923 Il presente volume è stato pubblicato con il contributo del

Dettagli

MADONNA DELLA SALUTE

MADONNA DELLA SALUTE 1 MADONNA DELLA SALUTE SI FESTEGGIA IL 21 NOVEMBRE 1- Vergine santissima, che sei venerata con il dolce titolo di Madonna della salute, perché in ogni tempo hai lenito le umane infermità: ti prego di ottenere

Dettagli

Guerrino Bardeggia. Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100. servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli

Guerrino Bardeggia. Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100. servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli Guerrino Bardeggia Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100 servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli E sempre più difficile individuare esattamente cosa sia Arte. Dall impressionismo

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

13 GIUGNO 2015 ORE 21 TEATRO PALLADIUM LO SGUARDO DI ORFEO. 6 episodi teatrali sul Mito di Orfeo

13 GIUGNO 2015 ORE 21 TEATRO PALLADIUM LO SGUARDO DI ORFEO. 6 episodi teatrali sul Mito di Orfeo 13 GIUGNO 2015 ORE 21 TEATRO PALLADIUM LO SGUARDO DI ORFEO 6 episodi teatrali sul Mito di Orfeo Sciamano, incantatore, sconfitto dal suo stesso amore per Euridice, dalla tentazione di voltarsi indietro

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Maria e Giuseppe SHALOM

Maria e Giuseppe SHALOM I santi sposi Maria e Giuseppe riflessioni e preghiere I santi sposi Maria e Giuseppe riflessioni e preghiere SHALOM Testi: padre Tarcisio Stramare o.s.j. Testi della novena: diacono Bruno Podestà Editrice

Dettagli

Turisti a Milano con AVIS

Turisti a Milano con AVIS Turisti a Milano con AVIS Programma visite guidate febbraio-maggio 2014 Continua l iniziativa AVIS di scoperta e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale della città di Milano con le visite

Dettagli

Giorgio De Chirico 1888-1978

Giorgio De Chirico 1888-1978 Giorgio De Chirico 1888-1978 De Chirico e la Metafisica La Metafisica è quella verità nuova che si cela in ogni oggetto se solo si riesce a vederlo o immaginarlo al di fuori del suo solito contesto La

Dettagli

Kinkaleri Hit Parade Conferenza/Spettacolo

Kinkaleri Hit Parade Conferenza/Spettacolo Kinkaleri Hit Parade Conferenza/Spettacolo Che anno era? 1917? Ad un certo punto il pubblico di Parigi riesce a scaldarsi e a smontare le sedie in platea per tirarle addosso agli autori di uno spettacolo.

Dettagli

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.

I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T. I.T.I.S. D.SCANO CAGLIARI PROGRAMMA D ITALIANO SVOLTO NELL A.S. 2014-2015 CLASSE 4^B INFO.-TELECOMUNICAZIONI DOCENTE: PROF.SSA T.GATTANELLA Libro di testo: AA.VV. Liberamente G.B.Palumbo Editore - volumi

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Percorsi bibliografici

Percorsi bibliografici Percorsi bibliografici nelle collezioni della Biblioteca del Senato Biblioteca del Senato Giovanni Spadolini 2003 Il Palazzo e la Galleria Doria Pamphilj 2013 10ANNI DI APERTURA AL PUBBLICO Il Palazzo

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

La Perla di grande valore di Alessandro Iovino

La Perla di grande valore di Alessandro Iovino La seguente raccolta di poesie religiose inedite La Perla di grande valore di Alessandro Iovino è risultata Terza classificata al Terzo Concorso Internazionale di Libri "Il Saggio" (sezione poesia inedita)

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

Progetto LETTURA a.s. 2015/2016. SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA sintesi progetto-attività

Progetto LETTURA a.s. 2015/2016. SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA sintesi progetto-attività SEZIONE 1 DESCRITTIVA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA DE GASPERI Promuovere la realizzazione di strategie volte a creare relazioni tra i diversi saperi SCHEDA DI IDENTIFICAZIONE ATTIVITÀ-PROGETTO 1.1 Denominazione

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Tocco d artista per dieci grandi classici

Tocco d artista per dieci grandi classici Tocco d artista per dieci grandi classici NOVITÀ Diec tra i più celebrati e amati si presentano in una veste inedita e preziosa, firmata da Tullio Pericoli. ORIGINALITÀ Il tratto elegante, ironico e vibrante

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

Storia dell editoria e organizzazione dell attività editoriale

Storia dell editoria e organizzazione dell attività editoriale Storia dell editoria e organizzazione dell attività editoriale Seminario CALENDARIO: Venerdì 01/03/2013 ore 15-17 Venerdì 08/03/2013 ore 15-17 Venerdì 15/03/2013 ore 15-17 Venerdì 22/03/2013 ore 15-17

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

ROSE E ROSSETTI ROSES ET ROUGE A LEVRES ROSES AND LIPSTICKS

ROSE E ROSSETTI ROSES ET ROUGE A LEVRES ROSES AND LIPSTICKS ROSE E ROSSETTI ROSES ET ROUGE A LEVRES ROSES AND LIPSTICKS bois de rose rose e rossetti COLORE DEFINIZIONE E MAGIA Bois de Rose - Rose e Rossetti, sono i due concetti in cui Chiara Fantig fa confluire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Laboratorio di analisi del testo e scrittura online

Laboratorio di analisi del testo e scrittura online Laboratorio di analisi del testo e scrittura online Nuovo, interattivo e ricco nell'offerta, il corso di scrittura online "Corrimano", condotto da Francesco Romeo, è indirizzato a chi usa internet e ne

Dettagli

L intuizione. E una consapevolezza col sorriso, mi dici, Un dialogo silenzioso e segreto di intimità. Anima-corpo misconosciuti

L intuizione. E una consapevolezza col sorriso, mi dici, Un dialogo silenzioso e segreto di intimità. Anima-corpo misconosciuti L intuizione E una consapevolezza col sorriso, mi dici, Un dialogo silenzioso e segreto di intimità Anima-corpo misconosciuti col primato dell oscurità In un magro perpetuo da cuore a cuore Nel silenzioso

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale

CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale CORSO DI LAUREA IN URBANISTICA Classe delle lauree in scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale CORSO DI FONDAMENTI DI ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO A.A. 2009_2010

Dettagli

D Annunzio: la sfida dell oltre. Ah perché non è infinito come il desiderio, il potere umano?

D Annunzio: la sfida dell oltre. Ah perché non è infinito come il desiderio, il potere umano? D Annunzio: la sfida dell oltre Ah perché non è infinito come il desiderio, il potere umano? di Ilaria Caccavale, Chiara Lavitola e Lorenza Lupo classe II E Perplessità e smarrimento sono state le emozioni

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

IL DIRITTO NATURALE E SAN PAOLO

IL DIRITTO NATURALE E SAN PAOLO IL DIRITTO NATURALE E SAN PAOLO Prefazione L argomento affrontato da Alessandro Grimaldi è quello della dottrina del teologo cristiano Paolo di Tarso, noto come San Paolo, che fu il principale missionario

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

MATERIA:ITALIANO. anno scolastico: 2014-2015

MATERIA:ITALIANO. anno scolastico: 2014-2015 TESTO ADOTTATO Saviano-Angioloni-Gustolisi-Mariani-Pozzebon-Panichi- LIBERAMENTE vol. 2- (Dal Barocco al Romanticismo)-Palumbo Editore RECUPERO PROGRAMMA DI TERZA: N.Machiavelli: la vita, le opere,la lettera

Dettagli

Pubblicate esordienti?

Pubblicate esordienti? Emanuela De Crescenzo Francesco De Filippo Pubblicate esordienti? Guida pratica per chi ha un libro nel cassetto Indice Visto si stampi! pag. 7 L editore: i manoscritti? Li leggiamo tutti pag. 11 Il lettore:

Dettagli

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi Card. Stanisław Ryłko Presidente Pontificio Consiglio per i Laici Città del Vaticano GIOVANNI PAOLO II: AMICO DEI GIOVANI Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi 1.

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli