IL RETTORE. il comma 3 dell'art. 4 della legge , n. 210, relativo al conferimento delle suindicate borse di studio;

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RETTORE. il comma 3 dell'art. 4 della legge , n. 210, relativo al conferimento delle suindicate borse di studio;"

Transcript

1 U.S.R. Decreto n IL RETTORE VISTA VISTA lo Statuto di Ateneo; la legge , n. 398 ed in particolare gli artt. 4 e 5, relativi all'istituzione delle borse di studio per attività di ricerca post-dottorato e per attività di perfezionamento all'estero; il comma 3 dell'art. 4 della legge , n. 210, relativo al conferimento delle suindicate borse di studio; il Regolamento per il conferimento delle borse di studio per attività di ricerca postdottorato e per attività di perfezionamento all'estero di cui alla legge 30 novembre 1989, n. 398, emanato con D.R. n del ; la delibera n. 17 del con la quale il Senato Accademico ha approvato modifiche al Regolamento sopra citato; DECRETA E' emanato nel testo allegato il nuovo "Regolamento per il conferimento delle borse di studio per attività di ricerca post-dottorato e per attività di perfezionamento all'estero di cui alla legge 30 novembre 1989, n. 398". Il Regolamento sostituisce quello emanato con D.R. n del ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione all'albo Ufficiale dell'università. Napoli, lì 10 Novembre 2003 Il RETTORE Guido TROMBETTI AdP

2 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER ATTIVITA DI RICERCA POST-DOTTORATO E PER ATTIVITA DI PERFEZIONAMENTO ALL ESTERO DI CUI ALLA LEGGE 30 NOVEMBRE 1989, N ARTICOLO 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il conferimento delle borse di studio per attività di ricerca post-dottorato e per attività di perfezionamento all estero, di cui agli articoli 4 e 5 della legge 30 novembre 1989, n I requisiti generali di ammissione alle selezioni per il conferimento delle borse di studio sono indicati nei relativi bandi. ARTICOLO 2 Finanziamenti Le borse di studio sono finanziate con risorse provenienti dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, con eventuali fondi aggiuntivi stanziati dall Ateneo e da sue strutture periferiche, nonché con somme specificamente erogate da enti o privati in seguito a donazioni o convenzioni. Il Senato Accademico, ripartisce annualmente tra i Poli gli stanziamenti di bilancio destinati alle varie tipologie di borsa di studio, stabilendo l importo unitario di ciascuna di esse. I Consigli di Polo ripartiscono le risorse ad essi attribuite, in base alle effettive esigenze, qualità e produttività delle aree scientifico disciplinari afferenti al Polo, tra le stesse e, all interno di queste, tra le Strutture di Ricerca. Tali strutture possono integrare l assegnazione con proprie risorse. I Poli comunicano il numero di borse da bandire e le strutture destinatarie delle stesse. ARTICOLO 3 Bando di concorso I bandi di concorso sono emanati, con decreto rettorale, tre volte all anno: nel mese di febbraio, sulla base delle determinazioni assunte dai Poli entro il primo gennaio, nel mese di maggio, sulla base delle determinazioni assunte dai Poli entro il primo aprile, e nel mese di ottobre, sulla base delle determinazioni assunte dai Poli entro il primo settembre. ARTICOLO 4 Finanziamenti esterni Le somme di denaro erogate da enti o privati in seguito a donazioni o convenzioni sono acquisite dall Ateneo o dai Poli o da singole strutture periferiche. Gli atti di convenzione o donazione non possono contenere disposizioni in contrasto con il presente regolamento. L importo delle borse di studio finanziate deve essere pari a quello stabilito dall Ateneo.

3 ARTICOLO 5 Condizioni di reddito Per poter fruire delle borse di studio di cui al presente regolamento, il limite di reddito personale complessivo annuo lordo, riferito all anno solare di fruizione della borsa di studio, è fissato con apposito D.M., di cui all articolo 6, comma 4, della legge n. 398/89. A tal fine gli assegnatari, a conclusione dell attività, dovranno presentare una dichiarazione sostitutiva di certificazione, resa in conformità alle leggi vigenti, in cui dichiarino che nel suddetto periodo non hanno prodotto un reddito personale complessivo lordo superiore al limite sopra indicato. Nel caso in cui si sia verificata tale ultima circostanza, si procederà al recupero dei ratei della borsa di studio già erogati. Qualora la fruizione di una annualità della borsa di studio non coincida con l anno solare, si farà riferimento, per il possesso del requisito reddituale, all anno solare in cui è stata svolta la maggior parte dell attività. L Amministrazione universitaria effettuerà accertamenti a campione presso gli uffici finanziari in ordine alla veridicità delle autocertificazioni dei borsisti. ARTICOLO 6 Borse di studio per attività di ricerca post-dottorato Le borse di studio per attività di ricerca post-dottorato sono di durata biennale; il loro conferimento avviene in base a concorso, per titoli e colloquio, a cui sono ammessi i laureati in possesso del titolo di dottore di ricerca conseguito in Italia o all estero. In quest ultimo caso è necessario che il candidato abbia previamente ottenuto il riconoscimento del titolo ai sensi dell articolo 74 del D.P.R. n. 382/80. Il titolo di dottore di ricerca deve essere stato conseguito da non più di trenta mesi dalla data di scadenza del bando di concorso. Dal computo vengono esclusi i periodi in cui l aspirante ha goduto di borse di studio per attività di ricerca in Italia o all estero. Ai fini dell ammissione al concorso, il candidato deve presentare una relazione programma sulla ricerca che intende effettuare, riportante il parere favorevole di un professore ufficiale dell'ateneo, sotto la cui guida e presso la cui struttura va svolta la ricerca. Tale relazione deve essere corredata dalla dichiarazione del direttore della struttura interessata, che attesti che il programma proposto è correlato alle esigenze delle attività di ricerca svolte nella struttura stessa. I criteri di valutazione dei titoli ed i punteggi attribuibili al colloquio sono riportati nel bando di concorso. Il colloquio è volto ad accertare la validità e l interesse della linea di ricerca prescelta. Concluso il primo anno, il borsista dovrà presentare una relazione sull attività svolta, accompagnata dal giudizio del docente guida. Il consiglio della struttura presso cui è svolta l attività, sulla base di tale documentazione, delibera sulla conferma della borsa per il secondo anno. Il borsista può partecipare a progetti di ricerca coerenti con il programma di cui al precedente comma 2, previa autorizzazione del docente tutore e del responsabile della struttura presso la quale lo stesso presta l attività. Al borsista può essere affidata, su proposta del responsabile della ricerca e autorizzazione del consiglio di dipartimento, una limitata attività didattica sussidiaria o integrativa nei corsi di studio, che comunque non comprometta l attività di ricerca. L attività didattica non può eccedere il tetto delle 50 ore per anno ed è svolta sotto forma di assistenza didattica, esercitazioni, seminari. La collaborazione didattica è facoltativa, senza oneri per il bilancio dell Università Federico II e non da luogo a diritti in ordine all accesso ai ruoli delle università italiane.

4 ARTICOLO 7 Borse di studio per attività di perfezionamento all estero Le borse di studio per attività di perfezionamento all estero hanno durata variabile tra uno e dodici mesi; il loro conferimento avviene in base a concorso, per titoli e colloquio, svolto per aree disciplinari, corrispondenti ai comitati consultivi del Consiglio Universitario Nazionale, determinate dal Senato Accademico. Al concorso sono ammessi i laureati dell Università degli Studi di Napoli Federico II, di cittadinanza italiana e di età non superiore ai ventinove anni. Il candidato deve indicare nella domanda di ammissione l attività che intende svolgere, l area scientifica relativa e l istituzione estera od internazionale all estero, di livello universitario, prescelta. E ammessa la presentazione di una sola domanda. Il candidato deve, altresì, contestualmente presentare una dichiarazione dell istituzione estera da cui risulti l impegno formale ad accettare il candidato medesimo ed in cui siano precisati il tipo e le modalità di svolgimento dell attività di perfezionamento nonché la sede, la durata ed ogni altra informazione ritenuta utile ai fini del concorso. L ammissione del candidato al concorso è subordinata al parere favorevole espresso dal Consiglio di Polo in ordine alla qualificazione dell istituzione estera prescelta, alla validità, ai fini della formazione culturale, del corso o attività che intende svolgere nonché alla correlazione tra il curriculum studiorum e l attività medesima. I criteri di valutazione dei titoli ed i punteggi attribuibili al colloquio sono riportati nel bando di concorso. Il colloquio è volto ad accertare il grado di preparazione necessario alla frequenza della istituzione estera di livello universitario da parte del candidato. ARTICOLO 8 Commissioni giudicatrici borse di studio post-dottorato Le commissioni giudicatrici sono nominate con decreto del Rettore, su proposta del Consiglio della Struttura di Ricerca presso la quale deve essere svolta l attività e sono composte da tre membri effettivi e due supplenti. Esse devono essere formate da docenti di I e II fascia e presiedute da un professore ordinario. Di tali commissioni possono far parte i ricercatori universitari. Le commissioni esaminatrici devono concludere i lavori entro sessanta giorni dalla notifica del decreto rettorale di nomina e redigere apposito verbale contenente i criteri di valutazione, i giudizi, il punteggio complessivo attribuito a ciascun candidato e la graduatoria di merito. ARTICOLO 9 Commissioni giudicatrici borse perfezionamento all estero Le commissioni giudicatrici, una per ogni area disciplinare o per aree aggregate, sono designate dai Consigli di Polo e nominate con decreto rettorale. Esse sono, di norma, costituite da cinque membri, dei quali almeno due devono essere docenti di prima fascia, con almeno un ordinario, ed almeno due devono essere docenti di seconda fascia; di esse possono far parte i ricercatori confermati. Assume le funzioni di presidente il professore ordinario con maggiore anzianità di ruolo. Le commissioni esaminatrici devono concludere i lavori entro sessanta giorni dalla notifica del decreto rettorale di nomina e redigere apposito verbale contenente i criteri di valutazione, i giudizi, il punteggio complessivo attribuito a ciascun candidato e la graduatoria di merito.

5 ARTICOLO 10 Norme comuni Tutti i borsisti sono tenuti ad adempiere gli obblighi stabiliti nel presente Regolamento. L inosservanza di tali disposizioni comporta l immediata revoca della borsa di studio. Le borse di studio non possono essere cumulate con altre borse a qualsiasi titolo conferite, tranne che con quelle concesse da istituzioni nazionali o straniere utili ad integrare, con soggiorni all estero, l attività di formazione o di ricerca dei borsisti. Chi ha già usufruito di una borsa di studio di cui al presente Regolamento non può usufruirne una seconda volta allo stesso titolo. Le borse di studio non danno luogo a trattamento previdenziale né a valutazioni ai fini di carriere giuridiche ed economiche né a riconoscimenti automatici ai fini previdenziali. Ad esse si applicano le agevolazioni fiscali di cui all articolo 4 della legge 13 agosto 1984, n Ai dipendenti pubblici che fruiscono della borsa di studio è estesa la possibilità di chiedere il collocamento in congedo straordinario per motivi di studio senza assegni previsto per gli ammessi ai corsi di dottorato di ricerca dall articolo 2 della citata legge n Il periodo di congedo straordinario è utile ai fini della progressione di carriera e del trattamento di quiescenza e previdenza. Le borse di studio di cui al presente regolamento non configurano in alcun modo un rapporto di lavoro subordinato e non danno luogo ad alcun diritto in ordine all accesso ai ruoli dell Università. Napoli, lì IL RETTORE Guido TROMBETTI

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST LAUREAM. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST LAUREAM. Art. 1 Oggetto del Regolamento Allegato REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST LAUREAM Art. 1 Oggetto del Regolamento 1) Il presente regolamento definisce, nel rispetto del Codice Etico dell Ateneo, i requisiti, le

Dettagli

IL RETTORE. vista la legge 9 maggio 1989, n. 168, concernente l istituzione del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica;

IL RETTORE. vista la legge 9 maggio 1989, n. 168, concernente l istituzione del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; D.R. 22 gennaio 2010 n. 5 recante valutazione comparativa per il conferimento di n. 1 assegno per la collaborazione ad attività di ricerca della LUISS Guido Carli, nell area scientifico disciplinare AZIENDALE.

Dettagli

la L , n.590 ed, in particolare, l art.11, relativo all istituzione di questo Ateneo statale;

la L , n.590 ed, in particolare, l art.11, relativo all istituzione di questo Ateneo statale; N. 555 VISTA CONSIDERATO VISTA VISTE la L.30.11.1989, n.398; il D.R. n. 764 del 30.07.2007, con il quale è stato emanato il Regolamento per l attribuzione delle borse di studio post-dottorato e perfezionamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DI BORSE PER ATTIVITÀ DI STUDIO E/O RICERCA

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DI BORSE PER ATTIVITÀ DI STUDIO E/O RICERCA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DI BORSE PER ATTIVITÀ DI STUDIO E/O RICERCA Pag. 1 INDICE Pag. ARTICOLO 1 FINALITÀ... 3 ARTICOLO 2 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE... 3 ARTICOLO 3 PROCEDURE SELETTIVE... 3 ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ATTIVAZIONE DI BORSE PER ATTIVITA DI RICERCA

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ATTIVAZIONE DI BORSE PER ATTIVITA DI RICERCA REGOLAMENTO DI ATENEO PER L ATTIVAZIONE DI BORSE PER ATTIVITA DI RICERCA ARTICOLO 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina il conferimento, da parte delle strutture di ricerca dell Ateneo aventi autonomia

Dettagli

DECRETO RETTORALE N Modifiche al "Regolamento applicativo concernente gli assegni per la collaborazione ad attività di ricerca" IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N Modifiche al Regolamento applicativo concernente gli assegni per la collaborazione ad attività di ricerca IL RETTORE DECRETO RETTORALE N. 2515 Modifiche al "Regolamento applicativo concernente gli assegni per la collaborazione ad attività di ricerca" IL RETTORE Visto vista lo Statuto dell Università Cattolica del Sacro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITÀ DI RICERCA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITÀ DI RICERCA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER ATTIVITÀ DI RICERCA Aggiornato secondo la normativa vigente (Legge 35/2012) Emanato con D.R. n. 5 del 19.01.2016 1 Art. 1 Finalità 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 (EMANATO CON D.R. N. 638/2012 DEL 5 DICEMBRE 2012 ED INTEGRATO CON D.R. N.202/2013

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2016/3907 del 17/11/2016 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2016/3907 del 17/11/2016 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2016/3907 del 17/11/2016 Firmatari: MANFREDI Gaetano U.S.R. IL RETTORE VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382, concernente il Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI BORSE DI STUDIO PER IL PROSEGUIMENTO DELLA FORMAZIONE DEI GIOVANI LAUREATI (approvato con Decreto Rettorale n.

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI BORSE DI STUDIO PER IL PROSEGUIMENTO DELLA FORMAZIONE DEI GIOVANI LAUREATI (approvato con Decreto Rettorale n. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI BORSE DI STUDIO PER IL PROSEGUIMENTO DELLA FORMAZIONE DEI GIOVANI LAUREATI (approvato con Decreto Rettorale n. 743 del 3 giugno 2009, in vigore dal 4 giugno 2009) Articolo

Dettagli

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori.

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori. Dipartimento di Scienze Regolamento per il conferimento di incarichi d insegnamento e di didattica integrativa ai sensi della legge 30 dicembre 2010 n. 240 per i Corsi di Studio approvato dal Consiglio

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA

POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA EMANATO CON D.R. N. 154 DEL 5 luglio 2012 IN VIGORE DAL 16 luglio 2012 INDICE Art. 1 Oggetto...3

Dettagli

Emanato con D.R. n del Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo il 28 maggio 2012 In vigore dal 29 maggio 2012

Emanato con D.R. n del Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo il 28 maggio 2012 In vigore dal 29 maggio 2012 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT. 18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12001 del 21.5.2012

Dettagli

IL RETTORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA

IL RETTORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA IL RETTORE DELL VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Milano Bicocca, emanato con D.R. n. 6243 del 11.6.2003; VISTO il Regolamento dell Università degli

Dettagli

Bando per l attribuzione di contratti di tutorato Rif. Prot. 886 Rep. n. 70/2017 del 12/10/2017

Bando per l attribuzione di contratti di tutorato Rif. Prot. 886 Rep. n. 70/2017 del 12/10/2017 Bando per l attribuzione di contratti di tutorato Rif. Prot. 886 Rep. n. 70/2017 del 12/10/2017 IL PRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento

Dettagli

IL VICEPRESIDENTE EMANA. Il seguente bando di selezione per la copertura del tutorato di cui alle premesse per l a.a. 2016/17.

IL VICEPRESIDENTE EMANA. Il seguente bando di selezione per la copertura del tutorato di cui alle premesse per l a.a. 2016/17. IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato; VISTE le linee di indirizzo

Dettagli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI I E II FASCIA AI SENSI DEGLI ARTT.18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 Il presente Regolamento, emanato

Dettagli

Regolamento per l attribuzione delle risorse una tantum di cui all art. 29, comma 19, della legge 240/2010. Art. 1 Oggetto. Art.

Regolamento per l attribuzione delle risorse una tantum di cui all art. 29, comma 19, della legge 240/2010. Art. 1 Oggetto. Art. Regolamento per l attribuzione delle risorse una tantum di cui all art. 29, comma 19, della legge 240/2010 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità di attribuzione dell incentivo una

Dettagli

VISTO il vigente Statuto dell Ateneo e, in particolare, l art. 14, comma 2, lett. b);

VISTO il vigente Statuto dell Ateneo e, in particolare, l art. 14, comma 2, lett. b); DR/2016/4317 del 16/12/2016 Firmatari: De Vivo Arturo U.S.R. VISTO il vigente Statuto dell Ateneo e, in particolare, l art. 14, comma 2, lett. b); VISTO il Regolamento per la valutazione del complessivo

Dettagli

Schema esemplificativo della domanda (da redigere in carta semplice)

Schema esemplificativo della domanda (da redigere in carta semplice) MODELLO A) Schema esemplificativo della domanda (da redigere in carta semplice) Al Direttore del Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche, Neurologiche, Metaboliche e dell Invecchiamento Piazza Miraglia,

Dettagli

U.S.R. Decreto n. 2120

U.S.R. Decreto n. 2120 U.S.R. Decreto n. 2120 IL DECANO VISTO lo Statuto dell'ateneo; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo ed in particolare l'art. 19; VISTO VISTE il Regolamento dei Corsi di Perfezionamento emanato con

Dettagli

Università degli studi di Palermo

Università degli studi di Palermo M. Maddalena Università degli studi di Palermo Decreto n. 2905/2007 IL RETTORE Vista la delibera del Consiglio del Dipartimento di Igiene e Microbiologia che approva l attivazione, tramite concorso pubblico,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12003 del 21.5.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo il 28 maggio 2012

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Registro no LXXX Decreto n" 1299 IL RETTORE RICHIAMATI lo Statuto ed il Regolamento di Ateneo; RICHIAMATE le deliberazioni n" 491129119 e n" 478116854 assunte dal Consiglio

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 9365

DECRETO RETTORALE N. 9365 DECRETO RETTORALE N. 9365 Regolamento concernente il conferimento e la disciplina degli assegni di ricerca ai sensi dell art. 22 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università

Dettagli

AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE DOCENTE E COLLABORAZIONI ESTERNE SETTORE CONCORSI PERSONALE DOCENTE

AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE DOCENTE E COLLABORAZIONI ESTERNE SETTORE CONCORSI PERSONALE DOCENTE AREA RISORSE UMANE UFFICIO PERSONALE DOCENTE E COLLABORAZIONI ESTERNE SETTORE CONCORSI PERSONALE DOCENTE ANNULLAMENTO D UFFICIO DEL D.R. DI APPROVAZIONE ATTI N. 3258/2016 DEL 20.12.2016 RELATIVO ALLA PROCEDURA

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE VICEPRESIDENZA DI FORLI

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE VICEPRESIDENZA DI FORLI SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE VICEPRESIDENZA DI FORLI IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA BANDO DESTINATO AGLI STUDENTI ISCRITTI AI CORSI DI LAUREA MAGISTRALE/SPECIALISTICA, AI DOTTORATI DI RICERCA E ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE PER GLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA SECONDARIA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI FISICA

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI FISICA BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI FISICA ART. 1 Nell ambito della Convenzione tra il Dipartimento di

Dettagli

REGOLAMENTO PER RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO REGOLAMENTO PER RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO (Emanato con D.R. n. 415 del 18 giugno 2010, pubblicato nel B.U. n. 87) (in vigore dal 1 ottobre 2010) Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

Regolamento per l assunzione dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art. 24 della legge n. 240 del 30 dicembre 2010. Art.

Regolamento per l assunzione dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art. 24 della legge n. 240 del 30 dicembre 2010. Art. Regolamento per l assunzione dei ricercatori a tempo determinato ai sensi dell art. 24 della legge n. 240 del 30 dicembre 2010 Art. 1 (finalità) 1. L Università di Catania, nell ambito delle risorse disponibili

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI ASSEGNI PER LA COLLABORAZIONE AD ATTIVITA DI RICERCA Costituiscono riferimento del seguente Regolamento: Legge 27.12.1997 n. 449, in particolare

Dettagli

Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Richieste delle strutture) TITOLO 3 - DISCIPLINA TRANSITORIA Articolo 11 (Disciplina transitoria)

Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Richieste delle strutture) TITOLO 3 - DISCIPLINA TRANSITORIA Articolo 11 (Disciplina transitoria) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 (emanato con decreto rettorale 30 luglio 2014 n.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO E DI RICERCA Art. 1. Oggetto del regolamento Art. 2. Destinatari delle borse Art. 3. Finanziamento e durata Art. 4. Bando di selezione Art. 5. Commissione

Dettagli

Università degli studi di Palermo

Università degli studi di Palermo M. Maddalena Università degli studi di Palermo Decreto n. 5547/2008 IL RETTORE Vista la delibera del Consiglio di Dipartimento di Medicina Sperimentale del 10.06.2008, che approva la richiesta del Prof.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER IL PERFEZIONAMENTO ALL ESTERO

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER IL PERFEZIONAMENTO ALL ESTERO REGOLAMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER IL PERFEZIONAMENTO ALL ESTERO Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 16 luglio 1999 Ultime modifiche emanate con Decreto 22 ottobre 2002, n. 4445 Entrate

Dettagli

c. per Commissione la Commissione incaricata di effettuare la valutazione delle candidature;

c. per Commissione la Commissione incaricata di effettuare la valutazione delle candidature; Regolamento relativo alla disciplina delle procedure di reclutamento dei ricercatori a tempo determinato dell' Università Carlo Cattaneo - LIUC, ai sensi della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, art. 24 Articolo

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Art. I

IL RETTORE DECRETA. Art. I j> umversrr.k "LI 314 7i degli STUDI di CATANIA IL RETTORE UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI CATANIA Protocollo Generale O 8 AGO. 201i PrOt Y35'2) Tit. i C). IL Rep. Decreti n. Z( y Vista la I. 9 maggio 1989,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER L ASSEGNAZIONE DI INCENTIVI ECONOMICI UNA TANTUM PER L ANNO 2011 A PROFESSORI DI SECONDA FASCIA SECONDO CRITERI DI MERITO ACCADEMICO E SCIENTIFICO IN ATTUAZIONE DELL ART. 29

Dettagli

Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto. (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008)

Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto. (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008) Regolamento interno recante la disciplina dei professori a contratto (Decreto Rettorale n.39 del 12 dicembre 2008) Sommario Art. 1 Oggetto... 3 Art. 2 - Tipologia degli insegnamenti... 3 Art. 3 - Requisiti...

Dettagli

DIVISIONE RISORSE IL RETTORE

DIVISIONE RISORSE IL RETTORE DIVISIONE RISORSE Settore Risorse Umane Reclutamento e Concorsi Via Duomo, 6-13100 Vercelli Tel 0161/261535 Fax 0161/210718 E-mail: concorsi@unipmn.it; Decreto Rettorale Repertorio n. 460-20414 Prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Natura del rapporto di lavoro Art. 3 Tipologia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO RICERCA, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO Servizio supporto alla ricerca

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO RICERCA, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO Servizio supporto alla ricerca UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO RICERCA, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO Servizio supporto alla ricerca I L R E T T O R E D.R. n. 121 - Visto l art. 17 dello Statuto di questo Ateneo

Dettagli

(emanato con D.R. n del 26 ottobre 2015) INDICE. Art. 3 Congedo per motivi di studio o ricerca dei professori di prima e seconda fascia 2

(emanato con D.R. n del 26 ottobre 2015) INDICE. Art. 3 Congedo per motivi di studio o ricerca dei professori di prima e seconda fascia 2 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ANNO SABBATICO, DEL CONGEDO PER MOTIVI DI STUDIO O DI RICERCA E DELL ASPETTATIVA PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ PRESSO ORGANISMI PUBBLICI E PRIVATI (emanato con D.R.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ANTICHITÀ, FILOSOFIA, STORIA D.A.FLST. SEGRETERIA DIDATTICA

DIPARTIMENTO DI ANTICHITÀ, FILOSOFIA, STORIA D.A.FLST. SEGRETERIA DIDATTICA UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO DI ANTICHITÀ, FILOSOFIA, STORIA D.A.FLST. SEGRETERIA DIDATTICA VIA BALBI, 4-16126 GENOVA Genova, Prot. DiD.15 N. 5 del 26 ^^^^'"^ BANDO DI SELEZIONE DESTINATO

Dettagli

Centro di ricerca Interdipartimentale sulla Earth Critical Zone per il supporto alla gestione del paesaggio e dell agroambiente

Centro di ricerca Interdipartimentale sulla Earth Critical Zone per il supporto alla gestione del paesaggio e dell agroambiente BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AVENTI AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULLA EARTH CRITICAL ZONE PER IL SUPPORTO ALLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO ai sensi dell art. 18 e 24 della Legge del 30/12/2010 n. 240

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO ai sensi dell art. 18 e 24 della Legge del 30/12/2010 n. 240 REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO ai sensi dell art. 18 e 24 della Legge del 30/12/2010 n. 240 ART. 1 FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento, emanato in attuazione

Dettagli

Regolamento Assegni di ricerca (ai sensi dell art. 22 L. 240/2010)

Regolamento Assegni di ricerca (ai sensi dell art. 22 L. 240/2010) LUISS Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Regolamento Assegni di ricerca (ai sensi dell art. 22 L. 240/2010) (approvato dal Senato Accademico LUISS Guido Carli nella seduta

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Servizio Personale Docente Settore II Allegato A

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Servizio Personale Docente Settore II Allegato A 0 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE Servizio Personale Docente Settore II Allegato A REGOLAMENTO IN MATERIA DI RECLUTAMENTO A TEMPO DETERMINATO DI PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LʹATTRIBUZIONE DELLE BORSE DI STUDIO PER LA FREQUENZA DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE. ART. 1 Finalità e ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER LʹATTRIBUZIONE DELLE BORSE DI STUDIO PER LA FREQUENZA DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE. ART. 1 Finalità e ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LʹATTRIBUZIONE DELLE BORSE DI STUDIO PER LA FREQUENZA DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE REGOLAMENTO IN VIGORE ART. 1 Finalità e natura delle borse di studio In applicazione della Legge 30

Dettagli

Rep. n. 32/2017, Prot. 102 del 30/1/2017 Tit. V/1 Fasc V/1.1.45

Rep. n. 32/2017, Prot. 102 del 30/1/2017 Tit. V/1 Fasc V/1.1.45 Rep. n. 32/2017, Prot. 102 del 30/1/2017 Tit. V/1 Fasc. 2016 V/1.1.45 BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA COPERTURA DI UN INCARICO DI TUTORATO PRESSO LA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A Decreto n.1313 IL RETTORE VISTO l art. 42 del Regolamento studenti approvato con R.D. 4 giugno1938 n. 1269; VISTO il D.R. n. 6428 del 03.11.2011 di emanazione del Regolamento cultore della materia dell

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER COLLABORAZIONI DI TUTORATO DA IMPIEGARE NEL DIPARTIMENTO/NELLA FACOLTÀ DI NELL A.A.

AVVISO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER COLLABORAZIONI DI TUTORATO DA IMPIEGARE NEL DIPARTIMENTO/NELLA FACOLTÀ DI NELL A.A. ALL.1 al Regolamento di tutorato ALL.1/F.A. Bozza Bando Fondi Ateneo AVVISO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER COLLABORAZIONI DI TUTORATO DA IMPIEGARE NEL DIPARTIMENTO/NELLA FACOLTÀ DI NELL

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Struttura didattica DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ENZO FERRARI Prot. 1023 del 22.06.2015 AVVISO VISTA la legge 240/2010 ed in particolare l art. 23. VISTO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO RECANTE LA DISCIPLINA DEI PROFESSORI A CONTRATTO

REGOLAMENTO INTERNO RECANTE LA DISCIPLINA DEI PROFESSORI A CONTRATTO REGOLAMENTO INTERNO RECANTE LA DISCIPLINA DEI PROFESSORI A CONTRATTO Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina la procedura per la selezione e la stipula di contratti di diritto privato dell Unicusano

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA ETTORE PANCINI DECRETO DEL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO N. 42 DEL 22/12/2016 IL DIRETTORE

DIPARTIMENTO DI FISICA ETTORE PANCINI DECRETO DEL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO N. 42 DEL 22/12/2016 IL DIRETTORE BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AVENTI AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI FISICA ETTORE PANCINI DIPARTIMENTO DI FISICA ETTORE PANCINI DECRETO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010 REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010 INDICE Art. 1 Finalità del regolamento...2 Art. 2 Programmazione e copertura finanziaria...2

Dettagli

IL RETTORE. gli artt. 2 e 19 del Regolamento Didattico di Ateneo, emanato con D.R. n del ;

IL RETTORE. gli artt. 2 e 19 del Regolamento Didattico di Ateneo, emanato con D.R. n del ; SEGRETERIA STUDENTI FACOLTÀ DI ARCHITETTURA l art. 40 dello Statuto; VISTI gli artt. 2 e 19 del Regolamento Didattico di Ateneo, emanato con D.R. n. 3276 del 15.10.2001; il Regolamento dei Corsi di Perfezionamento

Dettagli

A V V I S O. Costituisce titolo preferenziale il possesso del titolo di dottore di ricerca.

A V V I S O. Costituisce titolo preferenziale il possesso del titolo di dottore di ricerca. A V V I S O Si rende noto che questo Dipartimento, per l'anno accademico 2015/2016, dovrà provvedere al conferimento degli incarichi d attività didattica integrativa, indicati nell allegato A che costituisce

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PER GLI ASSEGNI DI RICERCA DI CUI ALL ART.51- COMMA 6 DELLA LEGGE 449/97 E AL D.M.

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PER GLI ASSEGNI DI RICERCA DI CUI ALL ART.51- COMMA 6 DELLA LEGGE 449/97 E AL D.M. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PER GLI ASSEGNI DI RICERCA DI CUI ALL ART.51- COMMA 6 DELLA LEGGE 449/97 E AL D.M. 11/2/1998 emanato con D.R. 2201 del 30.10.2003, modificato con D.R. n.

Dettagli

U.S.R. Decreto n IL RETTORE

U.S.R. Decreto n IL RETTORE U.S.R. Decreto n. 2622 IL RETTORE VISTO VISTE lo Statuto di Ateneo; le delibere n. 15 del 27.3.2003 e n. 13 del 12.6.2003 con le quali il Senato Accademico ha approvato il Regolamento per la frequenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, DELL AMBIENTE, DEL TERRITORIO E ARCHITETTURA Parco Area delle Scienze, 181/A 43124 PARMA Tel. +39 0521 905922-905923 Fax 905924 UNIVERSITA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA ETTORE PANCINI DECRETO DEL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO N. 84 DEL 18 LUGLIO 2017 IL DIRETTORE

DIPARTIMENTO DI FISICA ETTORE PANCINI DECRETO DEL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO N. 84 DEL 18 LUGLIO 2017 IL DIRETTORE BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AVENTI AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI FISICA ETTORE PANCINI DIPARTIMENTO DI FISICA ETTORE PANCINI DECRETO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE E DELL ECONOMIA VISTA la legge 240/2010 ed in particolare l art. 23; AVVISO VISTO il Regolamento di Ateneo per il

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto dell'università degli Studi della Basilicata ed in particolare gli artt. 7, 16, 17 e 28;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto dell'università degli Studi della Basilicata ed in particolare gli artt. 7, 16, 17 e 28; Ripartizione Affari Generali ed Istituzionali Area Affari Generali Ufficio Atti normativi ed Affari Generali IL RETTORE D.R. n. 359 VISTO lo Statuto dell'università degli Studi della Basilicata ed in particolare

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI FISICA

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI FISICA BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI FISICA ART. 1 Nell ambito delle attività di ricerca relative all

Dettagli

ART. 3. La selezione avviene per titoli ed esami.

ART. 3. La selezione avviene per titoli ed esami. BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AVENTI AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL "COMITATO ETICO UNIVERSITA' FEDERICO II" ART. 1 Con riferimento alla delibera del 09.12.2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Pubblicato all Albo Ufficiale d Ateneo il 13 Dicembre 2011 Entrata in vigore a decorrere dal 14 Dicembre 2011 REGOLAMENTO IN MATERIA DI CHIAMATE DI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA AI SENSI DELLA LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER Articolo 1 1. In attuazione di quanto previsto dall art. 3, comma 9 del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, nonché dall art. 7 del Regolamento

Dettagli

Bando n. 3 del rif. Convenzione DPC/ReLUIS supporto attività Post Sisma Centro Italia del 24/08/2016.

Bando n. 3 del rif. Convenzione DPC/ReLUIS supporto attività Post Sisma Centro Italia del 24/08/2016. Consorzio Interuniversitario ReLUIS Rete dei Laboratori di Ingegneria Sismica Sede: Via Claudio, 21 80125-Napoli c/o Dipartimento Di.St. Università degli Studi di Napoli Federico II Bando n. 3 del 08.02.2017

Dettagli

ART. 4 (Domanda di ammissione) La Borsa di studio è assegnata tramite concorso pubblico per titoli e riservata soltanto a studenti iscritti al 3 anno

ART. 4 (Domanda di ammissione) La Borsa di studio è assegnata tramite concorso pubblico per titoli e riservata soltanto a studenti iscritti al 3 anno REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO ANNUALE DI UNA E/0 PIU BORSA DI STUDIO FINANZIATA DALLA FONDAZIONE MARCO BALLERINI DA CONFERIRSI AD UNO E/O PIU STUDENTI ISCRITTI AL TERZO ANNO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza

Università degli studi di Roma La Sapienza D.R. n. 240 Facoltà di Filosofia, Lettere, Scienze umanistiche e Studi orientali ANNO ACCADEMICO 2011 2012 Bando relativo alle modalità di ammissione al percorso d eccellenza per il corso di laurea in

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO AVENTI AD OGGETTO ATTIVITA' DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA.

BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO AVENTI AD OGGETTO ATTIVITA' DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. BANDO DI SELEZIONE PER L'ASSEGNAZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO AVENTI AD OGGETTO ATTIVITA' DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. In esecuzione del decreto del Direttore del n. 69 del

Dettagli

l art. 40 dello Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II;

l art. 40 dello Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II; SEGRETERIA STUDENTI FACOLTA DI INGEGNERIA D.R. n.3439 IL RETTORE VISTO VISTI l art. 40 dello Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II; gli artt. 2 e 18 del Regolamento didattico di Ateneo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Struttura didattica Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Struttura didattica Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Struttura didattica Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche VISTA la legge 240/2010 ed in particolare l art.23. AVVISO PROT. N. 526 del 29 giugno

Dettagli

Università degli studi di Palermo

Università degli studi di Palermo Decreto n. 340/2008 IL RETTORE Vista la delibera del Consiglio del Dipartimento di Economia dei Sistemi Agro-Forestali del 12.10.2007, che approva l attivazione, tramite concorso pubblico, di n. 1 borsa

Dettagli

Facoltà di Architettura - Sapienza Università di Roma REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE DEL TITOLO DI CULTORE DELLA MATERIA

Facoltà di Architettura - Sapienza Università di Roma REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE DEL TITOLO DI CULTORE DELLA MATERIA Facoltà di Architettura - Sapienza Università di Roma REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE DEL TITOLO DI CULTORE DELLA MATERIA Il presente Regolamento che disciplina le modalità di nomina dei cultori della materia

Dettagli

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI- INTERNATIONAL SCHOOL FOR AOVANCED STUDIES

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI- INTERNATIONAL SCHOOL FOR AOVANCED STUDIES SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI- INTERNATIONAL SCHOOL FOR AOVANCED STUDIES Via Beirut n.2-4, 34014 Trieste (Italy) tel.: 04037871 - telefax: 0403787249 Codice fiscale: 80035060328 BANDO

Dettagli

Settori Insegnamenti CFU MAT/05 Matematica 11

Settori Insegnamenti CFU MAT/05 Matematica 11 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO JONICO IN SISTEMI GIURIDICI ED ECONOMICI DEL MEDITERRANEO: SOCIETÀ, AMBIENTE, CULTURE A.A. 2014/2015 Prot. n. 844/2014 IV AVVISO DI VACANZA Vista la

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio D.R. n 287 VISTO lo Statuto del Politecnico di Bari emanato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N.

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI RICERCA AI SENSI DELL ARTICOLO 22 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 CONSIGLIO DEGLI STUDENTI SENATO ACCADEMICO 16.10.2012;19.03.2013;

Dettagli

FAC - SIMILE DOMANDA DI AMMISSIONE BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 2 ASSEGNI PER LA COLLABORAZIONE AD ATTIVITÀ DI RICERCA

FAC - SIMILE DOMANDA DI AMMISSIONE BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 2 ASSEGNI PER LA COLLABORAZIONE AD ATTIVITÀ DI RICERCA FAC - SIMILE DOMANDA DI AMMISSIONE BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 2 ASSEGNI PER LA COLLABORAZIONE AD ATTIVITÀ DI RICERCA EMANATO DALLA Fondazione Ezio Franceschini O.N.L.U.S. IN DATA 12/04/2016

Dettagli

ART. 3. La selezione avviene per titoli ed esami.

ART. 3. La selezione avviene per titoli ed esami. BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AVENTI AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL "COMITATO ETICO UNIVERSITA' FEDERICO II" ART. 1 Con riferimento alla delibera del 16.03.2016

Dettagli

Art. 1 (Oggetto e finalità)

Art. 1 (Oggetto e finalità) REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DI ATENEO DELL IMPEGNO DIDATTICO, DI RICERCA E GESTIONALE DEI PROFESSORI E RICERCATORI A TEMPO INDETERMINATO AI FINI DELL ATTRIBUZIONE DEGLI SCATTI STIPENDIALI ATTUAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI Federico II Dipartimento di Strutture per l Ingegneria e l Architettura Via Claudio, 21 80125 Napoli tel./fax 0817683927 e-mail dist@unina.it BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

Dipartimento di Astronomia Università degli Studi di Padova

Dipartimento di Astronomia Università degli Studi di Padova Dipartimento di Astronomia Università degli Studi di Padova Vicolo dell Osservatorio, 3-35122 Padova, Italia Tel. : +39-049-8278252 - FAX :+39-049-8278258 Prot. Tit. Cl. Fasc. BANDO DI SELEZIONE PER IL

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITÀ

Dettagli

. (Omissis).. 6. Modifica Regolamento assegno di ricerca

. (Omissis).. 6. Modifica Regolamento assegno di ricerca Il giorno 28 del mese di giugno del 2013 alle ore 17.00 presso la sede dell Università Telematica Pegaso, sita in Napoli alla Piazza Trieste e Trento n. 48, si riunisce il Senato Accademico per discutere

Dettagli

INSEGNAMENTI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E GESTIONE DELLE ATTIVITA MARITTIME (L-28) SSD INSEGNAMENTO ANNO CFU Dipartimento IUS/17 IUS/16. III I sem.

INSEGNAMENTI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E GESTIONE DELLE ATTIVITA MARITTIME (L-28) SSD INSEGNAMENTO ANNO CFU Dipartimento IUS/17 IUS/16. III I sem. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO JONICO IN SISTEMI GIURIDICI ED ECONOMICI DEL MEDITERRANEO: SOCIETÀ, AMBIENTE, CULTURE A.A. 2013/2014 Reg. Prot. n. 741/2013 AVVISO DI VACANZA Vista

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROGRESSIONE VERTICALE PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROGRESSIONE VERTICALE PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROGRESSIONE VERTICALE PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 25.9.2001; 19.7.2006 DECRETO RETTORALE 424/AG dd. 17.10.2001; 1288/2006 dd. 2.8.206

Dettagli

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO MEDIANTE CONTRATTI DI DIRITTO PRIVATO A. A. 2017/2018

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO MEDIANTE CONTRATTI DI DIRITTO PRIVATO A. A. 2017/2018 BANDO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO MEDIANTE CONTRATTI DI DIRITTO PRIVATO A. A. 2017/2018 Si rende noto che il Consiglio del Dipartimento di Giurisprudenza, Studȋ politici e internazionali,

Dettagli

I L R E T T O R E D E C R E T A

I L R E T T O R E D E C R E T A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI MOBILITA INTERNA DEL PERSONALE DOCENTE DEL POLITECNICO DI BARI E DI TRESFERIMENTO AD ALTRO ATENEO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R.

Dettagli

Rep. n. 411/2012 prot. n.18961/i/003 del 28.9.2012 GG/AA

Rep. n. 411/2012 prot. n.18961/i/003 del 28.9.2012 GG/AA Rep. n. 411/2012 prot. n.18961/i/003 del 28.9.2012 GG/AA Oggetto: Emanazione del Regolamento per il conferimento di borse di studio per attività di ricerca a giovani laureati. IL RETTORE RICHIAMATI l art.

Dettagli

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA IL PRESIDE

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA IL PRESIDE PROT. SP/ 1542/VII/4 del 16/06/2011 FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA IL PRESIDE IL PRESIDE VISTO il D.M. 8/7/2008 attuativo della Legge 230/05; VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240. Norme in materia di

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO RELATIVO ALLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA Ultima modifica: D.R. n. 2009 del 22 luglio 2014 Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto

Dettagli

ART. 2 Possono partecipare alla selezione, senza limiti di cittadinanza, tutti coloro che siano in possesso di:

ART. 2 Possono partecipare alla selezione, senza limiti di cittadinanza, tutti coloro che siano in possesso di: BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITÀ DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE A VALERE SU Ministero della Salute- Progetti Giovani

Dettagli

IL RETTORE. la delibera n. 14 del con la quale il Senato Accademico ha approvato modifiche al citato Regolamento di Ateneo;

IL RETTORE. la delibera n. 14 del con la quale il Senato Accademico ha approvato modifiche al citato Regolamento di Ateneo; U.S.R. Decreto n. 4269 VISTO VISTO VISTA VISTA lo Statuto di Ateneo; il Regolamento per il programma di scambi internazionali tra l Università degli Studi di Napoli Federico II ed Istituti di ricerca stranieri

Dettagli

IL VICEPRESIDENTE ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA P.LE DELLA VITTORIA, FORLÌ TEL FAX

IL VICEPRESIDENTE ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA P.LE DELLA VITTORIA, FORLÌ TEL FAX IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato; VISTE le linee di indirizzo

Dettagli

Regolamento per l assunzione di Ricercatori con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato ai sensi della legge n.

Regolamento per l assunzione di Ricercatori con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato ai sensi della legge n. Regolamento per l assunzione di Ricercatori con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato ai sensi della legge 30.12.2010 n. 240 (emanato con D.R. 1693 del 07.10.2011 modificato con D.R. 1817

Dettagli

(indicare di seguito il Dipartimento ed i relativi riferimenti per eventuali contatti)

(indicare di seguito il Dipartimento ed i relativi riferimenti per eventuali contatti) ALLEGATO A Fac simile di domanda per AFFIDAMENTO Al Magnifico Rettore dell Università per Stranieri Piazza Fortebraccio, 4 06123 PERUGIA Il/La sottoscritto/a Nato/a il Qualifica: Ordinario Associato Ricercatore

Dettagli