Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale"

Transcript

1 Guida dello Studente Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale Università per Stranieridi Siena Università per Stranieri di Siena Facoltà di Lingua e cultura Italiana Anno accademico 2009/2010

2

3 Progetto Lingua e Cultura Italiana Società e sistema produttivo toscano in prospettiva internazionale 2009/2010 Investiamo nel vostro futuro Concessione di borse di tirocinio formativo, stage, mobilità e dottorato finanziate dalla Regione Toscana grazie alle risorse del Fondo sociale europeo Progetto realizzato in attuazione del D. D. Regione Toscana n del 13 agosto 2009 con il finanziamento dell Unione Europea, del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e della Regione Toscana (POR OB. 2 F.S.E. 2007/2013 PIANO INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DIDATTICA 2008 UNIVERSITA ) Asse IV Capitale umano. Le attività didattiche e formative contenute nella presente guida ricevono i contributi da

4 In d i c e Pr e s e n ta z i o n e p. 6 L Università per Stranieri di Siena p. 7 La Facoltà di Lingua e cultura italiana p. 8 Corso di laurea in mediazione linguistica e culturale p. 9 Obiettivi formativi del Corso di laurea Curricoli Requisiti d ammissione p. 11 Requisiti d ammissione per studenti stranieri Caratteristiche dell esame di italiano Iscrizioni Passaggi di corso e trasferimenti Passaggio agli anni successivi di corso Rinuncia e sospensione del corso di studi Organizzazione del Corso di laurea p. 14 Esami di profitto e verifiche Programmi d esame: validità Iscrizione agli esami Attività formative Piani di studio Statone Frequenza Prova finale Diploma Supplement Questionari di valutazione Borse di studio, riduzione delle tasse Periodi di studio ed esami presso altre Università p. 19 Lifelong Learning Programme (LLP) Il Programma Erasmus Mobilità studenti in uscita Erasmus placement EILC (Erasmus Intensive Language Courses) Mobilità studenti in entrata 4

5 Percorsi di studio p. 23 Curricolo Traduzione in ambito turistico imprenditoriale Curricolo Mediazione linguistica nel contatto interculturale Curricolo Mediazione linguistica e culturale tra lingue verbali e lingue dei segni servizi agli studenti p. 31 Accoglienza Escursioni, attività sportive Aule, laboratori didattici, servizi informatici Biblioteca Servizi per gli studenti disabili orientamento tutorato e tirocinio p. 36 Orientamento Tutorato Tirocinio Inserimento lavorativo (Job Placement) Almalaurea struttura dell offerta linguistica p. 42 Modalità di svolgimento degli esami di lingua L offerta formativa integrativa:le certificazioni Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue Docenti e insegnamenti p. 47 Periodo di svolgimento delle lezioni p. 50 Programma degli insegnamenti p. 52 Calendario dei corsi e degli esami p. 160 Calendario degli appelli di laurea p. 162 Indirizzi utili p

6 Presentazione La Guida dello Studente rappresenta il principale strumento informativo per realizzare le condizioni di trasparenza nei confronti degli studenti, primi e naturali interlocutori dell offerta formativa dell Ateneo, e per garantire tutte le informazioni necessarie a intraprendere e proseguire efficacemente un determinato percorso formativo. Per questo motivo obiettivo principale della guida è quello di aiutare lo studente ad orientarsi sia nella scelta del miglior percorso di studio, sia nel capire l organizzazione interna con i molteplici uffici e servizi che rappresenteranno un punto di riferimento costante durante tutto il periodo di studio. La guida dello studente sarà disponibile in versione cartacea e scaricabile dal sito web dell Ateneo Nella prima parte della guida, dopo alcune informazioni di carattere generale sull Ateneo, è presentata la Facoltà di Lingua e Cultura italiana e l offerta formativa riguardante i Corsi di laurea triennale e i Corsi di laurea magistrale secondo la nuova riforma dei corsi di studio universitari prevista dal D.M. 270/04. Nella seconda parte sono descritti i principali servizi offerti dall Ateneo e le modalità con cui gli studenti possono usufruirne. Gli indirizzi, e i recapiti telefonici forniti faciliteranno il contatto dello studente con le diverse strutture didattiche e amministrative di tutto l Ateneo. Nella terza parte sono riportate informazioni riguardanti i docenti della Facoltà, i programmi e i calendari dei corsi, le date degli esami di profitto e di laurea. Informazioni più ampie e specifiche riguardo alle strutture e all offerta formativa dell Ateneo, sono presenti nel sito web 6

7 L Università per Stranieri di Siena L Università per Stranieri è un Università statale che svolge attività di insegnamento e di ricerca scientifica nel settore della lingua e cultura italiana in contatto con le altre lingue e culture. Per l organizzazione e lo svolgimento delle attività didattiche e scientifiche, all interno dell Università per Stranieri di Siena operano: la Facoltà di Lingua e Cultura Italiana, il Dipartimento di Scienze Umane, il Dipartimento di Scienze dei Linguaggi e delle culture, il Centro Linguistico CLUSS, il Centro di ricerca e di servizio per la Certificazione della conoscenza della lingua italiana come lingua straniera CILS, il Centro di ricerca e di servizio per le lingue straniere CLASS, il Centro di ricerca e di servizio per la certificazione di competenza in didattica dell italiano a stranieri DITALS, il Centro di eccellenza per la ricerca - Osservatorio Linguistico Permanente dell Italiano diffuso fra stranieri e delle lingue immigrate in Italia, il Centro di ricerca e servizio per la formazione e aggiornamento anche con supporto tecnologico F.A.S.T., il Centro di ricerca sperimentazione di educazione permanente - Ce.R.S.D.E.P. Sono inoltre attivati Master di I e II livello, la Scuola di Specializzazione in Didattica dell Italiano come Lingua Straniera, la Scuola di Dottorato con indirizzi in Linguistica e Didattica della lingua italiana a stranieri e in Letteratura, storia della lingua e filologia italiana. L Ateneo offre infine Corsi per docenti di lingua e cultura italiana operanti all estero, un Corso di specializzazione in didattica della lingua italiana a stranieri e Corsi di lingua e cultura italiana per stranieri durante tutto l anno accademico. Tutte le informazioni relative all offerta didattica dell Università sono consultabili e scaricabili nel sito 7

8 La Facoltà di Lingua e Cultura Italiana L attività didattica dell Università per Stranieri di Siena svolta dalla Facoltà di Lingua e Cultura Italiana in base alla riforma degli ordinamenti universitari (DM 270/04) prevede l attivazione di due Corsi di laurea Triennale e due Corsi di laurea Magistrale: Corso di laurea in Lingua e Cultura Italiana (L 10) curricolo Insegnamento della lingua e della cultura italiana a stranieri curricolo Competenze storiche e letterarie per la scuola italiana curricolo Insegnamento della Lingua dei Segni Italiana Corso di laurea in Mediazione Linguistica e Culturale (L 12) curricolo Traduzione in ambito turistico imprenditoriale curricolo Mediazione linguistica nel contatto interculturale curricolo Mediazione linguistica e culturale tra lingue verbali e lingue dei segni Corso di laurea magistrale in Competenze Testuali per l Editoria, l Insegnamento e la Promozione Turistica (LM 14) curricolo Competenze testuali per l editoria curricolo Competenze testuali per l insegnamento curricolo Competenze testuali per la promozione turistica Corso di laurea magistrale in Scienze Linguistiche e Comunicazione Interculturale (LM 39) curricolo Didattica della lingua italiana a stranieri curricolo Lingue orientali per la comunicazione interculturale curricolo Linguistica storica e comparativa 8

9 Corso di laurea in Mediazione linguistica e culturale (Classe L-12 Mediazione Linguistica) Obiettivi formativi del Corso di laurea Il Corso di laurea in Mediazione linguistica e culturale (classe L-12 Mediazione) si propone di formare una figura professionale in grado di svolgere una funzione interlinguistica qualificata da competenze economiche, giuridiche, sociologiche e culturali, nel contesto di enti pubblici e privati, istituzioni scolastiche e formative, imprese e altri ambienti dove sono necessarie competenze di mediazione linguistico-culturale. I laureati potranno svolgere attività professionali nel campo dei rapporti internazionali, a livello interpersonale e di impresa; della ricerca documentale in ambito nazionale ed internazionale; della redazione, in lingua straniera oltre che in italiano, di testi quali memorandum, rapporti, verbali, corrispondenza, nonché traduzioni specialistiche in ambito economico, giuridico, sociologico o culturale (editoria del turismo o dell arte); di ogni altra attività di mediazione linguistica e interculturale nelle imprese e all interno delle istituzioni e in ambito editoriale e giornalistico. Per il raggiungimento di tali obiettivi, il Corso di laurea in Mediazione linguistica e culturale si impegna ad offrire: una sicura competenza linguistica, scritta ed orale, in almeno due lingue oltre all italiano (di cui almeno una dell Unione Europea), e un adeguata conoscenza delle relative culture; una buona capacità di inquadramento metalinguistico; specifiche conoscenze dei metodi dell analisi linguistica; una preparazione di base in campo economico-giuridico, geografico-socioantropologico, storico, storico-artistico e storico-letterario; la padronanza delle tecniche e degli strumenti fondamentali dell informatica, con particolare riferimento alle sue applicazioni in campo umanistico; adeguate conoscenze delle problematiche di ambiti di lavoro specificamente legati alla vocazione del territorio e alle sue dinamiche; strumenti per operare con autonomia organizzativa nella previsione di un buon inserimento nel mondo del lavoro; capacità di apprendimento atte ad intraprendere con sicurezza e autonomia studi di livello successivo. Il Corso di laurea prevede il superamento di 20 esami, da 6, 9 e 12 CFU, esclusi laboratori, tirocini e stage. Tali attività si diversificano dagli esami in quanto non prevedono un voto ma semplicemente il conseguimento di un idoneità (con acquisizione di crediti). Curricoli Il Corso di laurea è strutturato in tre curricoli. In tutti i curricoli sono previsti tirocini presso enti pubblici e privati, istituzioni e aziende, convenzionati con 9

10 l Ateneo, che richiedano competenze di mediazione linguistica e culturale. Il primo anno è orientato al consolidamento delle competenze linguistiche e culturali e comprende quindi attività linguistico-formative orientate a conseguire una buona competenza orale e scritta nella lingua italiana e nelle altre lingue di studio, unitamente all acquisizione delle conoscenze di base necessarie alla mediazione interlinguistica e interculturale, e alla attività traduttologica. I curricoli si articolano poi in percorsi didattici specifici atti a qualificare una formazione differenziata, mirata su tre tipologie di attività: il curricolo Traduzione in ambito turistico imprenditoriale è destinato alla formazione di figure professionali in grado di operare nel settore del turismo e della promozione culturale presso enti pubblici e imprese private, con funzioni di organizzazione, programmazione e realizzazione di attività, con le necessarie competenze plurilinguistiche (vedi pag ); il curricolo Mediazione linguistica nel contatto interculturale si pone l obiettivo di formare figure professionali nel settore dei servizi sociali, operando in particolare sui problemi linguistici e culturali legati ai fenomeni migratori (vedi pag ); il curricolo Mediazione linguistica e culturale tra lingue verbali e lingue dei segni fornisce le competenze necessarie a occuparsi di mediazione anche attraverso l uso della Lingua dei segni italiana (LIS) (vedi pag ). 10

11 Requisiti d ammissione Per essere ammessi al Corso di laurea occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore, o di un altro titolo di studio conseguito all estero e riconosciuto idoneo, anche nel rispetto degli accordi internazionali vigenti, dagli organi competenti dell Università. Agli studenti sono richieste adeguate conoscenze e competenze di base relative alle discipline oggetto degli studi universitari. Gli studenti italiani e stranieri che intendono iscriversi al primo anno di corso dovranno sottoporsi a un test che si svolgerà il 1 ottobre 2009 volto ad accertare la capacità di comprensione del testo e la conoscenza della lingua e della cultura generale italiana negli ambiti disciplinari di competenza del Corso di laurea. Sulla base degli esiti del test saranno predisposte attività extra-curricolari di sostegno per gli studenti che evidenzino lacune. Per quel che riguarda le lingue straniere europee sono requisiti d accesso al Corso di laurea: - la conoscenza di base delle lingue europee comunemente insegnate nelle scuole superiori (se scelte come lingue di studio). Per tali lingue non sarà prevista l attivazione dei corsi del livello A1 del Quadro comune europeo. Le eventuali carenze saranno colmate entro il I anno di corso anche mediante attività didattiche integrative; - la conoscenza della lingua inglese (se scelta come lingua di studio) al livello B1 del Quadro comune europeo, attestata da certificazione posseduta da non oltre due anni al momento dell iscrizione o acquisita entro il 31 dicembre dello stesso anno; o comunque in possesso di una sua conoscenza pari a tale livello accertabile con la prova d ingresso, che si svolgerà prima dell inizio delle lezioni (vedi calendario a pag. 160). Requisiti d ammissione per gli studenti stranieri L ammissione degli studenti stranieri provenienti dai paesi non UE è subordinata al possesso di un adeguata competenza in lingua italiana, che sarà verificata tramite apposito esame, organizzato dal Centro CILS dell Università per Stranieri di Siena. L esame si svolgerà il 1 settembre Sono esentati gli studenti in possesso della certificazione CILS Livello Due - B2 rilasciata dall Università per Stranieri di Siena, o delle certificazioni di livello corrispondente rilasciate dall Università per Stranieri di Perugia (CELI Livello 3) e della Terza Università di Roma (IT). Per gli studenti cinesi il livello richiesto è a A2-B1. Gli studenti comunitari non sono tenuti a sostenere la prova linguistica di accesso; tuttavia la loro partecipazione a tale prova è fortemente consigliata e avrà un valore di orientamento ai fini dell offerta di eventuali attività di sostegno. Caratteristiche dell esame di italiano LIVELLO B2 - La prova è suddivisa in tre parti:. test di ascolto 11

12 . test di comprensione della lettura. test di analisi delle strutture di comunicazione Le prove sono costituite da test a scelta multipla e vero/falso, sul modello degli esami CILS DUE-B2. Le prove si intendono superate se il candidato conseguirà la sufficienza in ciascun test. Il candidato che non superi uno o più test sarà iscritto con riserva e potrà colmare il debito entro la sessione di esami CILS del 3 dicembre 2009, con iscrizione entro 40 giorni dalla data dell esame. I candidati possono rivolgersi al centro CILS dell Università per Stranieri di Siena per avere informazioni ed esempi di materiale di esame Iscrizioni Lo studente deve iscriversi presso l Ufficio dei Corsi dell Ordinamento Universitario Segreteria Studenti (tel / ; unistrasi.it). I moduli per l iscrizione sono scaricabili dal sito dell Università all indirizzo: Passaggi di corso e trasferimenti Possono iscriversi al Corso di laurea gli studenti provenienti da un altro Corso di laurea dell Università per Stranieri di Siena e gli studenti provenienti da altre Università italiane, iscritti a una laurea. Il trasferimento è subordinato al possesso dei requisiti previsti dall ordinamento e dal riconoscimento dei CFU da parte del Consiglio di Corso che indicherà l anno di corso al quale lo studente potrà iscriversi. Gli studenti già iscritti a Corsi di laurea organizzati secondo i vecchi ordinamenti hanno la facoltà di proseguire secondo le modalità preesistenti nei limiti della compatibilità di queste con la nuova organizzazione dei corsi. Indipendentemente dall anno a cui sono iscritti, essi possono d altra parte proseguire gli studi nei Corsi di laurea organizzati secondo i nuovi ordinamenti. Il Consiglio di Facoltà delibera, su motivata proposta del Consiglio di Corso di studio, sul riconoscimento parziale e totale dei CFU acquisiti da uno studente proveniente da altra Università o da altro Corso di studio e indica l anno di corso al quale lo studente può iscriversi e l eventuale debito formativo da assolvere (art. 9 del RDA, comma 8). In base al numero di CFU e alla tipologia degli esami e delle altre attività formative riconosciute, il Consiglio di Facoltà iscrive gli studenti soggetti a trasferimento all anno di corso adeguato, segnalando gli eventuali debiti formativi e indicando i tempi e le attività per colmarli. In particolare, il numero minimo di CFU necessari per l iscrizione al II anno di un Corso di laurea o di laurea magistrale è 36; per l iscrizione al III anno di un Corso di laurea è

13 Passaggio agli anni successivi di corso Lo studente che non consegue almeno 36 CFU nel I anno di corso o 72 CFU nei primi due, deve nuovamente iscriversi come ripetente, rispettivamente al I o al II anno di corso. Lo studente che non consegue il titolo di laurea al termine del III anno di corso deve iscriversi di nuovo come ripetente al III anno. Gli studenti iscritti da più di sei anni al Corso di laurea sono dichiarati fuori corso. Rinuncia e sospensione del Corso di Studi Lo studente che non intende continuare gli studi ha la facoltà di rinunciare all iscrizione. La rinuncia è irrevocabile e lo studente non potrà far rivivere la carriera scolastica precedentemente svolta. Lo studente rinunciatario non è tenuto al pagamento delle tasse e dei contributi universitari di cui fosse eventualmente in debito. Lo studente che intende terminare la propria carriera universitaria prima del conseguimento del titolo finale dovrà fare domanda di rinuncia agli studi presso la Segreteria Studenti attraverso un modulo specifico. Sulla domanda dovrà essere apposta una marca da bollo dell importo di 14,62 e alla domanda dovrà essere allegato il libretto universitario. Lo studente può chiedere la sospensione temporanea della propria carriera universitaria con istanza, debitamente documentata, da presentarsi entro i termini previsti per l iscrizione, per una durata massima pari alla durata legale del corso di studi per gravi motivi di salute, personali, familiari o per motivi di studio. In particolare, lo studente ha titolo alla sospensione per frequentare un altro Corso di studi di livello universitario, salvo quanto previsto da specifiche norme limitative in materia. La riattivazione della carriera avverrà ad istanza documentata dell interessato. Eventuali crediti acquisiti potranno essere valutati, al momento della riattivazione della carriera, nell ambito del curriculum precedentemente sospeso. Per ulteriori informazioni rivolgersi all Ufficio dei Corsi dell Ordinamento Universitario Segreteria Studenti (tel / ; 13

14 Organizzazione del Corso di laurea La durata del Corso di laurea in Mediazione linguistica e culturale è di tre anni. Per conseguire la laurea lo studente deve aver acquisito 180 crediti, convenzionalmente ogni anno accademico comporta l acquisizione di 60 CFU. Il Corso di laurea struttura le sue attività didattiche formative, che sono organizzate su base semestrale, tramite lezioni frontali, esercitazioni, attività pratiche, laboratori, attività seminariali, corsi liberi, tirocini e stage, svolti in particolare in vista degli sbocchi professionalizzanti. Tali attività si concluderanno con il superamento di una prova d esame o altra verifica. Il superamento della prova o della verifica determina l acquisizione dei relativi CFU. A ogni CFU corrispondono 25 ore di lavoro divise fra le varie attività didattiche e formative e lo studio individuale. Le 25 ore di lavoro per ciascun CFU sono così suddivise: a) 6 ore dedicate a lezioni frontali o attività didattiche equivalenti; le restanti ore, fino al raggiungimento delle 25 ore totali previste, sono da dedicare allo studio individuale; b) 12 ore dedicate ad attività di laboratorio e altre esercitazioni o attività assistite equivalenti; le restanti ore, fino al raggiungimento delle 25 ore totali previste, sono da dedicare allo studio e alla rielaborazione personale c) 20 ore dedicate ad attività esercitative e laboratoriali di lingua straniera; le restanti ore, fino al raggiungimento delle 25 ore totali previste, sono da dedicare allo studio e alla rielaborazione personale; d) 25 ore di pratica individuale in laboratorio; e) 25 ore di studio individuale; f) 25 ore di tirocinio. Esami di profitto e verifiche Sono previsti 20 esami di profitto e la prova finale. Gli esami di profitto vengono sostenuti al termine di attività formative inserite ed approvate nel piano di studio. Sono previste tre sessioni annuali di esami di profitto: estiva, autunnale, invernale. Per ogni sessione sono stabiliti due appelli di esame, che non possono iniziare prima della conclusione dei periodi di didattica fissati annualmente dal Consiglio di Facoltà. L intervallo tra due appelli successivi non può essere inferiore alle due settimane. L esame prevede modalità di verifica stabilite dal titolare o affidatario dell insegnamento (colloquio, prova scritta, tesina, test a struttura aperta e chiusa, relazione ecc.) entro il quadro complessivo del carico di lavoro espresso dai CFU attribuiti alla disciplina nel corso di studio: il voto è espresso in trentesimi con l eventuale aggiunta della lode. Il voto è registrato nell apposito registro verbale d esame, firmato dal Presidente e dagli altri componenti della Commissione, sottoscritto dallo studente. Nel mese di dicembre può essere previsto un appello straordinario riservato agli studenti che stanno per concludere l ultimo anno di corso o sono iscritti come fuori corso. 14

15 Le verifiche relative ad attività di laboratorio e altre esercitazioni o attività assistite equivalenti, non rientrano nel computo degli esami di profitto e si superano mediante una prova di idoneità (senza l attribuzione di un voto in trentesimi). Il superamento della prova e i relativi CFU acquisiti sono registrati in un apposito registro, firmato dal Presidente e dagli altri componenti della Commissione e sottoscritto dallo studente. Programmi d esame: validità I programmi d esame restano validi per non più di sette sessioni. Per gli esami che prevedono una prova scritta obbligatoria, il superamento della prova resta valido per sette sessioni (inclusa la sessione in cui si è sostenuto lo scritto). Per i soli esami di lingua straniera la prova orale dovrà essere sostenuta entro tre sessioni dal superamento della prova scritta (inclusa la sessione in cui si è sostenuto lo scritto). Iscrizione agli esami Lo studente deve iscriversi direttamente all esame che intende sostenere tramite internet, collegandosi al sito dell Ateneo e inserendo l apposita password di riconoscimento, unica e strettamente personale, alla seguente pagina: Agli studenti iscritti al I anno la password sarà consegnata presso l Ufficio Speciale del Management Didattico, mentre gli altri continueranno ad usare quella già in loro possesso. (Ufficio Speciale del Management Didattico; unistrasi.it, tel /164). Attività formative Le attività formative da inserire nel piano di studi e i corrispondenti crediti sono specificati per ciascun curricolo nelle tabelle alle pagg Piani di studio Lo studente deve presentare il piano di studio relativo al proprio anno di corso entro il 31 dicembre Potrà modificarlo, presentando apposita domanda, entro il 31 marzo I moduli per i piani di studio sono gestiti telematicamente. Le modalità di compilazione e presentazione sono presenti nel sito web dell Ateneo. Agli studenti che non presenteranno il piano di studio entro i termini sarà attribuito d ufficio un piano di studio dal Consiglio di corso di laurea. Norme per la compilazione del piano di studi Lingue straniere Curricolo Traduzione in ambito turistico-imprenditoriale Lo studente sceglie due lingue straniere, di cui almeno una dell Unione Europea. Per ciascuna di queste dovrà sostenere 3 annualità. Nel primo anno ai due 15

16 esami di lingua straniera, da 6 CFU, sono abbinati due laboratori, da 3 CFU. Nel secondo e nel terzo anno l esame è unico, da 9 CFU. Curricolo Mediazione linguistica nel contatto interculturale Lo studente sceglie due lingue straniere, di cui una dell Unione Europea e una a scelta tra arabo e cinese. Per ciascuna di queste dovrà sostenere 3 annualità. Nel primo anno ai due esami di lingua straniera, da 6 CFU, sono abbinati due laboratori, da 3 CFU. Nel secondo e nel terzo anno l esame è unico, da 9 CFU. Curricolo Mediazione linguistica e culturale tra lingue verbali e lingue dei segni Lo studente sceglie due lingue straniere, di cui almeno una dell Unione Europea. Per ciascuna di queste dovrà sostenere 3 annualità. Nel primo anno ai due esami di lingua straniera, da 6 CFU, sono abbinati due laboratori, da 3 CFU. Nel secondo e nel terzo anno l esame è unico, da 9 CFU. Esami a scelta Il Corso di laurea prevede 12 CFU per gli esami a libera scelta. Lo studente potrà scegliere gli insegnamenti fra tutti quelli attivati dalla Facoltà o presso altri Atenei, a seguito di motivata domanda indirizzata al Consiglio di Corso di laurea, e optare: (a) per 2 insegnamenti da 6 CFU. Nel caso l insegnamento scelto sia da 9 CFU lo studente potrà concordare un programma individuale da 6 CFU col docente; (b) per un insegnamento da 6 e uno da 9 CFU o per due da 9 CFU. Gli eventuali CFU in eccesso saranno registrati nel diploma supplement e lo studente si laureerà con più di 180 CFU. La ripetizione di un esame già sostenuto tra gli esami a scelta è possibile solo nella materia su cui verterà la tesi di laurea e dovrà essere svolto sulla base di un programma individuale concordato col docente. Statone Al momento della prima sessione di esami (febbraio), viene consegnato agli studenti uno statone contenente gli esami da sostenere. Lo studente può sostenere nel corso dell anno accademico solo gli esami previsti nello statone. Eventuali esami superati, ma non presenti nello statone, non potranno essere registrati nella carriera dello studente. Lo statone può essere ritirato presso l Ufficio dei Corsi dell Ordinamento Universitario Segreteria Studenti (tel /112; Frequenza Per tutti gli studenti iscritti è previsto l obbligo di frequenza. Gli studenti che non abbiano frequentato almeno i 2/3 delle ore di lezione di un corso potranno sostenere il relativo esame finale solo sulla base del programma integra- 16

17 tivo previsto, insegnamento per insegnamento, e riportato nella guida dello studente. All atto dell iscrizione lo studente può optare per il regime a tempo pieno o quello di studente-lavoratore. Per lo studente-lavoratore, limitatamente agli anni in cui risulta iscritto come tale, la quantità di lavoro medio annuo è fissata in 30 crediti. Prova finale Al compimento degli studi viene conseguita la laurea in Mediazione linguistica e culturale (Classe L-12 Mediazione). La laurea si consegue previo superamento di una prova finale, che consiste nella presentazione e discussione di un elaborato scritto su un argomento scelto nell ambito di uno degli insegnamenti seguiti. Se la materia prescelta è una delle lingue straniere l elaborato può essere redatto interamente in lingua o in italiano con una sintesi di almeno 10 pagine in lingua. Se la lingua è l arabo, il cinese o il russo, la sintesi deve essere di almeno 5 pagine. Se la materia prescelta per la laurea non è una delle lingue, l elaborato deve essere redatto in italiano, con una sintesi di almeno 5 pagine in lingua straniera. La discussione può essere sostenuta nella lingua straniera oggetto della prova. Per gli studenti stranieri l elaborato deve essere in ogni caso redatto in italiano, con una sintesi facoltativa di almeno 5 pagine in una lingua straniera diversa dalla propria lingua madre. Gli studenti stranieri dovranno inoltre possedere la certificazione CILS QUATTRO-C2 al momento della discussione della tesi. Per essere ammesso alla prova finale, che porta all acquisizione di 6 CFU, lo studente deve aver conseguito almeno 174 CFU, comprensivi di quelli previsti per la conoscenza della lingua straniera. Per la valutazione della prova finale la Commissione può aumentare fino ad un massimo di 7 punti il punteggio della media dei voti - espressa in centodecimi - conseguiti dallo studente nel suo percorso didattico. In caso di elaborati particolarmente meritevoli la Commissione può decidere, con motivazione scritta, di aumentare il punteggio della media fino a un massimo di 9 punti. I documenti da presentare 15 giorni prima della data dell esame di laurea sono i seguenti: - - domanda di laurea, da ritirare presso l Ufficio dei Corsi dell Ordinamento Universitario Segreteria Studenti (tel / , Il laureando deve compilare la domanda in ogni sua parte e far firmare al docente relatore (è obbligatorio riportare nel modulo il nome del docente relatore e quello del docente correlatore). Al momento della domanda lo studente deve indicare gli eventuali strumenti didattici necessari per la discussione della tesi (lavagna luminosa, proiettore del computer, registratore o altro); domanda di assegnazione della tesi di laurea e la proposta di assegnazione del docente correlatore da far compilare al docente relatore di tesi: en- 17

18 - - - trambi i moduli sono disponibili presso l Ufficio Speciale del Management Didattico (Piazza Carlo Rosselli, 27/28 tel /164/223). libretto universitario; ricevuta del pagamento della tassa di iscrizione all esame di laurea; n. 2 marche da bollo di euro 14,62 cad. è fatto obbligo ai laureandi di regolarizzare la propria posizione con la Biblioteca di Ateneo entro 30 giorni prima dell esame di laurea. L esistenza di pendenze con la Biblioteca comporta l esclusione automatica dall esame stesso. La copia della tesi di laurea, con il frontespizio firmato dal relatore, deve essere presentata entro 15 giorni dall appello di laurea all Ufficio dei Corsi dell Ordinamento Universitario Segreteria Studenti (tel / ; Diploma Supplement L Università rilascerà a partire dall a.a , come supplemento al diploma di laurea, un certificato che riporterà, anche in lingua inglese e secondo i modelli conformi a quelli adottati dai Paesi europei, le principali indicazioni relative al curriculum specifico seguito da ogni studente per conseguire il titolo. Per quel che riguarda la conoscenza delle lingue straniere il documento supplement riporta la lingua e il livello di competenza che lo studente ha raggiunto (o il livello di cui possiede un certificato rilasciato da un ente certificatore riconosciuto dalla CRUI). Le competenze linguistiche sono specificate nel documento mediante descrittori analitici formulati sulla base di quanto previsto dal Quadro Comune Europeo per il livello corrispondente. Questionario di valutazione Il Nucleo di valutazione d Ateneo acquisisce periodicamente, garantendone l anonimato, le opinioni degli studenti sui corsi frequentati. I questionari sono somministrati dal personale dell Ufficio Speciale del Management Didattico con cadenza semestrale e comunque prima della conclusione di ciascun corso o modulo d insegnamento. Borse di studio, riduzione delle tasse Per avere informazioni sulle borse di studio e sulle riduzioni delle tasse, lo studente può rivolgersi all Ufficio dei Corsi dell Ordinamento Universitario Segreteria Studenti (tel / Il bando per le borse di studio dell Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario è scaricabile dal sito: 18

19 Periodi di studio ed esami presso altre Università Gli studenti possono svolgere periodi di studio presso altre Università italiane e straniere entro i programmi di mobilità studentesca stabiliti dalla normativa vigente e previsti da convezioni interuniversitarie, da progetti di cooperazione o da accordi ECTS. Spetta al Consiglio di Corso approvare la frequenza di corsi presso altre Università. Gli studenti possono sostenere, nelle Università convenzionate, gli esami relativi a discipline previste negli accordi interuniversitari. Lo studente, nella domanda di mobilità, indica le discipline che intende seguire presso le altre Università. La Commissione esamina le domande ed eventualmente le approva, sentito il parere dei docenti delle discipline interessate. Il numero di crediti acquisibili di norma deve essere congruo alla durata dello scambio. Gli esami sostenuti presso altre Università su discipline approvate sono automaticamente riconosciuti dal Corso di laurea; l assegnazione dei CFU e dei voti è basata su tabelle comparative approvate dal Consiglio di Facoltà. Lifelong Learning Programme (LLP) Il Programma d azione comunitaria nel campo dell apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP) è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del Consiglio europeo il 15 novembre Esso riunisce al suo interno tutte le iniziative di cooperazione europea nell ambito dell istruzione e della formazione dal 2007 al 2013, integrando in un unico programma i precedenti Socrates e Leonardo, attivi dal 1995 al Il suo obiettivo generale è contribuire, attraverso l apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell ambiente per le generazioni future. In particolare si propone di promuovere, all interno della Comunità, gli scambi, la cooperazione e la mobilità tra i sistemi d istruzione e formazione in modo che essi diventino un punto di riferimento di qualità a livello mondiale. Il Programma Erasmus Il Programma Settoriale Erasmus incentiva la mobilità transnazionale sotto molteplici forme rivolgendosi a soggetti diversi del mondo dell istruzione superiore e dell impresa. La mobilità in Erasmus nel Programma LLP è intesa più che mai come strumento che consente di vivere esperienze culturali e conoscere nuovi sistemi di istruzione. Erasmus consente inoltre di perfezionare la conoscenza di almeno un altra lingua e di incontrare giovani di altri Paesi, partecipando così attivamente alla costruzione di un Europa sempre più unita. 19

20 Mobilità studenti Erasmus Il Programma Erasmus permette agli studenti degli Istituti di istruzione superiore titolari di EUC (Erasmus University Charter) di trascorrere un periodo di studi (da un minimo di 3 ad un massimo di 12 mesi) presso un Istituto titolare di EUC di uno dei Paesi partecipanti al Programma, che abbia firmato un accordo bilaterale con l Istituto di appartenenza. Lo studente Erasmus può ricevere un contributo comunitario ad hoc, ha la possibilità di seguire corsi e di usufruire delle strutture disponibili presso l Istituto ospitante senza ulteriori tasse di iscrizione, con la garanzia del riconoscimento del periodo di studio all estero tramite il trasferimento dei rispettivi crediti (con il supporto dell ECTS o di un altro sistema di crediti compatibile). La borsa di mobilità Erasmus consiste in un contributo erogato dalla Commissione Europea che serve a coprire parte dei costi di sussistenza. I borsisti sono inoltre esonerati dal pagamento di qualsiasi tipo di tassa universitaria presso l Università ospitante. L importo della borsa di mobilità Erasmus, a partire dall a.a , è di 230,00 mensili. Mobilità studenti in uscita Nell a.a è possibile partecipare a Programmi di mobilità con i 34 Atenei partner dell Università per Stranieri (come da elenco v. a fianco). All interno del Programma l Università per Stranieri di Siena ha messo a disposizione per l a.a borse Erasmus per la mobilità degli studenti. Il bando Erasmus viene pubblicato entro il mese di febbraio 2010 ed è consultabile sul sito web, nella bacheca centrale dell Ateneo e presso l Ufficio Mobilità (Ufficio Speciale del Management Didattico tel , Gli studenti hanno un mese di tempo circa per presentare la domanda di candidatura. Il numero definitivo delle borse di studio disponibili dipende dall entità effettiva del finanziamento erogato da parte dell Agenzia Nazionale LLP/Erasmus. Erasmus Placement Il nuovo Programma settoriale ERASMUS prevede inoltre una nuova forma di mobilità che offre agli studenti l opportunità di effettuare all estero (in uno dei paesi Europei partecipanti al Programma) un ERASMUS Placement ovvero un tirocinio formativo all estero presso imprese, centri di ricerca e formazione o organizzazioni di altro tipo. L Università per Stranieri di Siena bandisce per l anno accademico 2009/ borse ERASMUS Placement di 6 mesi ciascuna. Gli studenti interessati devono presentare la candidatura presso l Ufficio Mobilità, entro la scadenza prefissata nell apposito bando disponibile a partire dal mese di settembre Il tirocinio all estero può avere una durata compresa tra un minimo di 3 e un 20

21 UNIVERSITA PARTNER ERASMUS AUSTRIA Karl-Franzens-Universität Graz BELGIO Université de Liège CIPRO University of Cyprus (Nicosia) ESTONIA Talinna Ülikool (Università di Tallin) FINLANDIA University of Helsinki University of Jyväskylä FRANCIA Université de Caen - Basse Normandie Université de Corse Université de Nantes Université de Poitiers Université Rennes 2 - Haute Bretagne GERMANIA Humboldt-Universität zu Berlin Ruhr-Universität Bochum Technische Universität Dresden Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg Albert-Ludwigs-Universität Freiburg Ruprecht-Karls-Universität Heidelberg LETTONIA Latvijas Kulturas Akademija (Riga) POLONIA Jagiellonian University (Cracovia) Warsaw University REGNO UNITO University of Durham University College London University of Manchester Swansea University SPAGNA Universidad de Castilla-La Mancha (Ciudad Real) Universidad de Granada Universidad de Jaén Universidad de Navarra (Pamplona) Universidad de Oviedo Universidade de Santiago de Compostela Universidad de Valladolid Universidad de Vigo TURCHIA Istanbul University UNGHERIA Eotvos Lorand University (Budapest) massimo di 12 mesi. Possono presentare la propria domanda tutti gli studenti regolarmente iscritti ai Corsi di laurea triennale (dal II anno in poi), Corsi di laurea magistrale, Master, Dottorato di ricerca e Scuola di Specializzazione. Per il periodo di ERASMUS Placement lo studente riceve un contributo finanziario pari a 600,00 al mese ed il riconoscimento, in termini di crediti formativi, delle attività svolte nel corso del tirocinio e portate a termine con successo. Le aziende di destinazione del Placement potranno essere individuate dallo studente o scelte fra quelle proposte dall Ateneo. Prima della partenza ogni studente vincitore di borsa ERASMUS Placement deve essere in possesso di un programma di lavoro (Training Agreement) sottoscritto da lui stesso, dall Università di appartenenza e dall organismo di accoglienza. Il periodo dell ERASMUS Placement è coperto da un contratto (Placement Contract) sottoscritto dal beneficiario e dall Università di appartenenza. Al termine del periodo di ERASMUS Placement l impresa ospitante deve rilasciare allo stu- 21

22 dente: un Transcript of Work relativo al lavoro svolto in accordo con il Training Agreement e un attestato che certifichi le date del periodo di mobilità. Corsi intensivi Erasmus per la preparazione Linguistica (Erasmus Intensive Language Courses - EILC) Gli studenti vincitori di una borsa di studio ERASMUS per uno dei 23 Paesi la cui lingua è tra le meno insegnate e meno parlate (tulle le lingue europee ad eccezione dell inglese, francese, tedesco e spagnolo) possono candidarsi per frequentare i Corsi intensivi Erasmus per la preparazione linguistica (EILC - Erasmus Intensive Language Courses) che si svolgeranno direttamente nei Paesi di destinazione, prima dell inizio del periodo ERASMUS. L obiettivo dei Corsi è quello di consentire agli studenti di acquisire un buon livello linguistico prima dell inizio dei corsi universitari previsti per il periodo Erasmus. I corsi, che possono avere una durata pari a circa un mese, si svolgono in due sessioni: la sessione estiva - nei mesi di luglio, agosto e settembre 2010 destinata in particolar modo agli studenti vincitori di borsa di studio Erasmus a.a. 2010/2011 per il primo semestre; la sessione invernale - nei mesi di gennaio e febbraio destinata in particolar modo agli studenti vincitori di borsa di studio Erasmus a.a. 2010/2011 per il secondo semestre Gli studenti interessati devono presentare la propria candidatura presso l Ufficio Erasmus del proprio Ateneo nei tempi e nelle modalità previste dal bando. (Ufficio Speciale del Management Didattico tel , Gli studenti assegnatari non devono pagare le tasse di iscrizione al corso e possono ricevere, attraverso l Ateneo di appartenenza, un contributo comunitario alla mobilità erogato dall Agenzia Nazionale LLP/Erasmus. Il contributo comunitario per l edizione dei corsi per l a.a. 2010/2011 sarà pari a 500 ca. per ogni studente, a prescindere dalla destinazione e dalla durata del corso. Mobilità studenti in Entrata Gli studenti stranieri che hanno frequentato corsi della Facoltà di Lingua e Cultura Italiana nell ambito di scambi realizzati nel quadro del Programma comunitario Erasmus e abbiano necessità di tornare nel paese di residenza possono sostenere l esame prima dell inizio delle normali sessioni, ma non prima della conclusione dei periodi di didattica, previo accordo con il docente titolare dell insegnamento con cui si intende sostenere l esame. Per informazioni dettagliate sul Programma LLP-Erasmus, potete richiedere la Guida per Studenti Erasmus all Ufficio Mobilità (Piazza Carlo Rosselli 27/ Siena, Tel , o consultare le pagine web dell Ufficio Mobilità all indirizzo: 22

23 Percorsi di studio Curricolo Traduzione in ambito turistico imprenditoriale I anno CFU 1 lingua dell Unione Europea a scelta fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola 6 L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca Laboratorio della lingua dell Unione Europea 3 L-FIL-LET/10 Letteratura italiana 9 L-LIN/01 - Linguistica generale 9 M-FIL/05 - Semiotica 6 L-FIL-LET/12 Storia della lingua italiana 6 IUS/14 Diritto dell Unione Europea 6 1 lingua a scelta fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca L-LIN/21 Lingua e traduzione - lingua russa L-OR/22 Lingua e letteratura del Giappone L-OR/12 Lingua e letteratura araba L-OR/21 Lingua e letteratura della Cina Laboratorio della seconda lingua scelta 3 Laboratorio di scrittura 3 Laboratorio di informatica 3 TOTALE CFU

24 II anno La lingua dell Unione Europea scelta al I anno fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca La lingua scelta al I anno fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca L-LIN/21 Lingua e traduzione lingua russa L-OR/22 Lingua e letteratura del Giappone L-OR/12 Lingua e letteratura araba L-OR/21 Lingua e letteratura della Cina CFU esami a scelta fra: L-LIN/01 Glottologia L-FIL-LET/12 Lessicografia e lessicologia italiana 12 L-LIN/02 Teoria e tecnica della traduzione L-FIL-LET/09 Filologia e linguistica romanza SECS-P/07 Economia aziendale 6 Modulo storico, a scelta fra: M-STO/01 Storia medievale e M-STO/02 Storia moderna oppure M-STO/02 Storia moderna e M-STO/04 Storia contemporanea Modulo storico-artistico, a scelta fra: L-ART/01 Storia dell arte medievale e L-ART/02 Storia dell arte moderna oppure L-ART/02 Storia dell arte moderna e L-ART/03 Storia dell arte contemporanea TOTALE CFU

25 III anno La lingua dell Unione Europea scelta al I anno fra: CFU L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca La lingua scelta al I anno fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca L-LIN/21 Lingua e traduzione lingua russa L-OR/22 Lingua e letteratura del Giappone L-OR/12 Lingua e letteratura araba L-OR/21 Lingua e letteratura della Cina L-LIN/02 Teoria della mediazione 6 Modulo risorse del territorio M-GGR/01 Geografia M-DEA/01 Identità socio-antropologiche del territorio e 12 L-ART/04 Museologia e critica artistica 2 esami a libera scelta * 12 Tirocinio 6 Prova finale 6 TOTALE CFU *Lo studente potrà scegliere gli insegnamenti fra tutti quelli attivati dalla Facoltà 25

26 Curricolo Mediazione linguistica nel contatto interculturale I anno CFU 1 lingua dell Unione Europea a scelta fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola 6 L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca Laboratorio della lingua dell Unione Europea scelta 3 L-FIL-LET/10 - Letteratura italiana 9 L-LIN/01 - Linguistica generale 9 M-FIL/05 - Semiotica 6 1 lingua a scelta fra: L-OR/12 Lingua e letteratura araba 6 L-OR/21 Lingua e letteratura della Cina Laboratorio della seconda lingua scelta 3 L-LIN/02 Linguistica educativa 6 L-FIL-LET/12 Linguistica italiana 6 Laboratorio di scrittura 3 Laboratorio di informatica 3 TOTALE CFU 60 II anno La lingua dell Unione Europea scelta al I anno fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca La lingua scelta al I anno fra: L-OR/12 Lingua e letteratura araba L-OR/21 Lingua e letteratura della Cina L-LIN/02 Didattica della lingua italiana a stranieri 9 L-FIL-LET/12 Grammatica italiana 6 M-PED/01 Pedagogia generale 6 M-STO/04 Storia contemporanea 9 Modulo giuridico: IUS/07 Diritto del lavoro e IUS/13 Diritto internazionale TOTALE CFU

27 III anno La lingua dell Unione Europea scelta al I anno fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione francese L-LIN/07 Lingua e traduzione spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione tedesca La lingua scelta al I anno fra: L-OR/12 Lingua e letteratura araba 9 L-OR/21 Lingua e letteratura della Cina 1 esame a scelta fra: M-DEA/01 Antropologia culturale dei paesi arabi 6 L-OR/23 Storia della Cina Modulo geo-politico: 12 M-GGR/01 Geografia e SPS/06 Storia delle relazioni internazionali 2 esami a scelta* 12 Tirocinio 6 Prova finale 6 TOTALE CFU 60 * Lo studente potrà scegliere gli insegnamenti fra tutti quelli attivati dalla Facoltà 9 27

28 Curricolo Mediazione linguistica e culturale tra lingue verbali e lingue dei segni I anno CFU 1 lingua dell Unione Europea a scelta fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola 6 L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca Laboratorio della lingua dell Unione Europea scelta 3 L-FIL-LET/10 - Letteratura italiana 9 L-LIN/01 - Linguistica generale*/lingua dei Segni Italiana (LIS): 9 strutture linguistiche M-FIL/05 - Semiotica*/ Storia e Semiotica delle Lingue dei Segni 6 1 lingua a scelta fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca L-LIN/21 Lingua e traduzione lingua russa L-OR/22 Lingua e letteratura del Giappone L-OR/12 Lingua e letteratura araba L-OR/21 Lingua e letteratura della Cina Laboratorio della seconda lingua scelta 3 Laboratorio di linguistica*/ Strumenti per lo studio della Lingua dei Segni Italiana (LIS) 3 M-FIL/05 Semiotica */ Iconicità, indessicalità e arbitrarietà nella LIS: modelli semiotici 6 L-LIN/02 Linguistica educativa*/linguaggio e sordità (I): psicolinguistica e educazione 9 TOTALE CFU

29 II anno La lingua dell Unione Europea scelta al I anno fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca La lingua scelta al I anno fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca L-LIN/21 Lingua e traduzione - lingua russa L-OR/12 Lingua e letteratura araba L-OR/21 Lingua e letteratura della Cina L-OR/22 Lingua e letteratura del Giappone L-LIN/01 Linguistica generale*/lingua dei Segni Italiana (LIS): strutture linguistiche (II) 9 L-LIN/02 Linguistica educativa 12 M-STO/04 Storia contemporanea 6 M-GGR/01 Geografia 6 M-PED/01 Pedagogia generale 6 Laboratorio di informatica 3 TOTALE CFU

30 III anno La lingua dell Unione Europea scelta al I anno fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione lingua francese L-LIN/07 Lingua e traduzione lingua spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione lingua tedesca La lingua scelta al I anno fra: L-LIN/04 Lingua e traduzione francese L-LIN/07 Lingua e traduzione spagnola L-LIN/12 Lingua e traduzione inglese L-LIN/14 Lingua e traduzione tedesca L-LIN/21 Lingua e traduzione - lingua russa L-OR/12 Lingua e letteratura araba L-OR/21 Lingua e letteratura della Cina L-OR/22 Lingua e letteratura del Giappone L-LIN/02 Teoria della mediazione*/linguaggio e Sordità (II): Mediazione linguistica 9 L-LIN/01 Linguistica generale*/ Lingua dei Segni Italiana (LIS): strutture linguistiche (III) 9 2 esami a scelta 12 Tirocinio 6 Prova finale 6 TOTALE CFU *I crediti delle materie asteriscate sono riconosciuti a chi possiede il titolo rilasciato dall Istituto Nazionale per i Sordi di Roma o titoli equivalenti riconoscibili dall apposita Commissione. 30

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Facoltà di Lingua e Cultura Italiana. Guida dello Studente CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Facoltà di Lingua e Cultura Italiana. Guida dello Studente CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Guida dello Studente CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE anno accademico 2010-2011 INDICE PRESENTAZIONE P. 4 L UNIVERSITÀ

Dettagli

LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI

LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI 1 Approvato dal Consiglio di Facoltà del 24 Marzo 2004 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN LINGUE MODERNE E STUDI INTERCULTURALI ART. 1 - DENOMINAZIONE 1 - È attivato presso la Facoltà

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere classe delle lauree n. 11 Lingue e culture moderne approvato dal Consiglio di Facoltà del 17 Dicembre 2003 ART. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI Bando di Concorso per l assegnazione di n. 22 borse finanziate nel quadro del Programma LLP/ERASMUS per attività di mobilità ai fini di studio da svolgere all estero durante l a.a. 2013/2014, e rivolte

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Mediazione Linguistica per l impresa

Mediazione Linguistica per l impresa Scuola Superiore per Mediatori Linguistici Perugia Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT FACOLTÀ DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE e la Scuola Superiore per mediatori Linguistici di Perugia

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Corso di laurea

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Lettere moderne - Modern Literatures (Classe LM-14 Filologia moderna) Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L-11 [Lingue e culture moderne] (D.M. 270/04)

Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L-11 [Lingue e culture moderne] (D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea interclasse in LINGUE E LETTERATURE MODERNE Classe L- [Lingue e culture moderne] (D.M. 70/04) DESCRIZIONE DEL PERCORSO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA, TECNICHE E GESTIONE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA, TECNICHE E GESTIONE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TEORIA, TECNICHE E GESTIONE DELLE ARTI E DELLO SPETTACOLO TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione - Classe di appartenenza

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe 11 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E LETTERATURE EUROMEDITERRANEE La laurea triennale in LINGUE E LETTERATURE EUROMEDITERRANEE

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMPETENZE TESTUALI PER L EDITORIA, L INSEGNAMENTO E LA PROMOZIONE TURISTICA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMPETENZE TESTUALI PER L EDITORIA, L INSEGNAMENTO E LA PROMOZIONE TURISTICA UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Guida dello Studente CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMPETENZE TESTUALI PER L EDITORIA, L INSEGNAMENTO E LA PROMOZIONE TURISTICA Anno

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA. 274 Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Sociologia 273

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA ANTROPOLOGIA CULTURALE ED ETNOLOGIA. 274 Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Sociologia 273 Facoltà di Sociologia 273 274 Università degli Studi di Napoli Federico II CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN 10.1 Ordinamento Didattico e Articolazione del corso di laurea Il Corso di Laurea Specialistica

Dettagli

produzione, dei servizi e delle professioni (art. 11 comma 4 DM509 del 3/11/99) sono state consultate in data 15/01/2001

produzione, dei servizi e delle professioni (art. 11 comma 4 DM509 del 3/11/99) sono state consultate in data 15/01/2001 Allegato 8) Università degli Studi di BERGAMO Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BERGAMO Data del DM di approvazione del ordinamento 27/05/2004 didattico Data

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria. (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria)

Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria. (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria) Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015 Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Classe delle lauree n. 14

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Classe delle lauree n. 14 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Classe delle lauree n. 14 ART. 1 - DENOMINAZIONE 1 - È istituito presso l Università degli Studi di Siena il Corso di Laurea in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO CLASSE A246 - Lingua e civiltà francese Il tirocinio formativo attivo (TFA)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

NORME PER L AMMISSIONE

NORME PER L AMMISSIONE Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere NORME PER L AMMISSIONE Corso di Laurea Magistrale: Lingue, letterature e culture straniere (Classe LM-37) Profili in: - Letteratura e comunicazione

Dettagli

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA (Curriculum Traduzione e Interpretazione)

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

DECRETA. Bando di Concorso

DECRETA. Bando di Concorso IL RETTORE VISTO VISTA lo Statuto della Libera Università Maria Ss. Assunta emanato con decreto Rettorale n. 53 del 24 agosto 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.235 del 8 ottobre 2005; l autorizzazione

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in

Corso di Laurea Triennale in UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Triennale in Discipline Economiche e Sociali per la cooperazione, lo Sviluppo e la Pace Classe di laurea n.35 Scienze Sociali per la Cooperazione,

Dettagli

Dipartimento Relazioni Internazionali

Dipartimento Relazioni Internazionali Dipartimento Relazioni Internazionali BANDO PER PROGRAMMA DI SCAMBI INTERNAZIONALI A. A. 2015-2016 CON PAESI EUROPEI ED EXTRA-EUROPEI Nel quadro della cooperazione universitaria internazionale, l Università

Dettagli

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA (Curriculum Traduzione e Interpretazione)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Dipartimento di Lingue, Letterature straniere e Comunicazione CALENDARIO DIDATTICO a.a. 2015/2016

Dipartimento di Lingue, Letterature straniere e Comunicazione CALENDARIO DIDATTICO a.a. 2015/2016 Dipartimento di Lingue, Letterature straniere e Comunicazione CALENDARIO DIDATTICO a.a. 2015/2016 Immatricolazioni per tutti i corsi che non prevedono pre-iscrizione Dal 13 Luglio al 8 Settembre 2015 In

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

NORME PER L AMMISSIONE

NORME PER L AMMISSIONE Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere NORME PER L AMMISSIONE Corso di Laurea Magistrale: Lingue, letterature e culture straniere Profili: - Lingue, letterature e culture d Europa e d

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI A.A. 2015-2016

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI A.A. 2015-2016 MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI A.A. 2015-2016 Laurea in Lingua e cultura italiana per la scuola e l insegnamento della lingua italiana a stranieri Requisiti d ammissione e modalità d accesso Curricoli Docenti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione (Classe di Laurea XVIII )

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione (Classe di Laurea XVIII ) 1 REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione (Classe di Laurea XVIII ) Articolo 1 - Denominazione del Corso di Studio e classe di appartenenza 1. E istituito

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Guida dello Studente

Guida dello Studente UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Dipartimento di Ateneo per la Didattica e la Ricerca (DADR) Anno accademico 2015-2016 Guida dello Studente CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Relazioni internazionali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Economia aziendale e management

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Università Europea degli Studi di Roma Ufficio Relazioni Internazionali

Università Europea degli Studi di Roma Ufficio Relazioni Internazionali Università Europea degli Studi di Roma Ufficio Relazioni Internazionali BANDO PER PROGRAMMA DI SCAMBI INTERNAZIONALI A. A. 2012-2013 CON PAESI EUROPEI ED EXTRA-EUROPEI Nel quadro della cooperazione universitaria

Dettagli

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI - (Classe: LM-39) Art. 1 - Requisiti per l'accesso

Dettagli

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO CREDITI Dopo le fasi dell immatricolazione riportate nel Bando (http://www.univaq.it/section.php?id=1670&idcorso=574)

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI PERUGIA NOTIZIARIO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI PERUGIA NOTIZIARIO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI PERUGIA NOTIZIARIO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Interfacoltà in Storia della società della cultura

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Economia

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Domande frequenti a.a. 2015-2016 Corso di Studio triennale: Scienze della Comunicazione (SCO) 1. Sono previsti test obbligatori? Sì. Benché il Corso di Studio non sia a numero chiuso, e dunque l immatricolazione

Dettagli

DECRETA. Bando di Concorso

DECRETA. Bando di Concorso IL RETTORE VISTO VISTA lo Statuto della Libera Università Maria Ss. Assunta emanato con decreto Rettorale n. 53 del 24 agosto 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.235 del 8 ottobre 2005; l autorizzazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena I L R E T T O R E

Università per Stranieri di Siena I L R E T T O R E Università per Stranieri di Siena Decreto n.454.12 Prot. 11753 I L R E T T O R E - Viste Leggi sull Istruzione Superiore; - Vista la Legge n. 204 del 17/02/1992; - Visto il D.M. n. 509 del 03/11/1999;

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME - ERASMUS

LIFELONG LEARNING PROGRAMME - ERASMUS LIFELONG LEARNING PROGRAMME - ERASMUS Ufficio Ricerca e Relazioni Internazionali Settore Relazioni Internazionali Via Nazario Sauro n. 85-85100 Potenza Tel +39 0971 202158-202194 - Fax. + 39 0971 202197

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri.

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER DI I LIVELLO IN DIDATTICA DELL ITALIANO A STRANIERI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36) REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36) TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi in Scienze Politiche

Dettagli

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne Classe di laurea L-18 in SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE Regolamento didattico del Corso di Laurea L - 18 in Economia aziendale e bancaria usiness administration and banking ai sensi dell

Dettagli

Ordinamento didattico del Biennio Specialistico della Classe 15/S. CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN FILOLOGIA E LETTERATURE DELL ANTICHITÀ (15/S)

Ordinamento didattico del Biennio Specialistico della Classe 15/S. CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN FILOLOGIA E LETTERATURE DELL ANTICHITÀ (15/S) 1 Ordinamento didattico del Biennio Specialistico della Classe 15/S. CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN FILOLOGIA E LETTERATURE DELL ANTICHITÀ (15/S) OBIETTIVI FORMATIVI QUALIFICANTI CARATTERISTICHE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Domande frequenti a.a. 2014-2015 Corso di Studio triennale: Lingue e Letterature Straniere Moderne (LLSM) 1. Sono previsti test obbligatori? Sì. Benché il Corso di Studio non sia a numero chiuso, e dunque

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E DIRITTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INNOVAZIONE E MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (Gestione Strategica, Valutazione

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

Università del Salento

Università del Salento Università del Salento REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LETTERE MODERNE Classe LM 14 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 ARTICOLO 1 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

PROGRAMMA LLP ERASMUS PLACEMENT

PROGRAMMA LLP ERASMUS PLACEMENT PROGRAMMA LLP ERASMUS PLACEMENT Bando per l assegnazione di 20 mensilità a.a. 2012-13 Pubblicato con Decreto del Prorettore n. 8/2012 del 12.10.2012 1. INFORMAZIONI GENERALI 1.1 Che cos è l Erasmus Placement

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione multimediale e giornalismo

13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione multimediale e giornalismo Allegato 19) Università degli Studi di BERGAMO Scheda informativa Università Classe Nome del corso Università degli Studi di BERGAMO 13/S - Classe delle lauree specialistiche in editoria, comunicazione

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studio che rilascia la

Dettagli

3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Lingue e culture straniere per l'impresa e il turismo Nome del corso

3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Lingue e culture straniere per l'impresa e il turismo Nome del corso Università Università degli studi di Genova Classe 3-Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Lingue e culture straniere per l'impresa e il turismo Nome del corso Modifica di Lingue

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L)

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L) SEDE DI FORLI - Corso: Ordinamento: SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L) DM270 MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE Scuola di Lingue

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale L -18 Scienze dell economia e della gestione aziendale COORTE 2015-2016 approvato dal Senato Accademico nella seduta del 27 ottobre 2015 1. DATI

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016 Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria Manifesto degli Studi Anno Accademico 2015-201 Denominazione del Corso di Studio Scienze della Formazione Primaria Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL PROGRAMMA

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL PROGRAMMA REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL PROGRAMMA Lifelong Learning /ERASMUS Titolo I Finalità ed organismi Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, in accordo con lo Statuto d Ateneo,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Ingegneria dell Emergenza

Ingegneria dell Emergenza FACOLTA DI INGEGNERIA Concorso di ammissione al Master universitario di primo livello in Ingegneria dell Emergenza Anno 2005-2006 (Bando dell 11 Agosto 2005) Codice corso di studio da inserire nel bollettino

Dettagli

All. A. Regolamento della Classe Unificata L 1 Classe delle lauree in Beni culturali e LM 89 Classe delle lauree magistrali in Storia dell arte

All. A. Regolamento della Classe Unificata L 1 Classe delle lauree in Beni culturali e LM 89 Classe delle lauree magistrali in Storia dell arte All. A Regolamento della Classe Unificata L 1 Classe delle lauree in Beni culturali e LM 89 Classe delle lauree magistrali in Storia dell arte CLASSE L 1 BENI CULTURALI Corso di laurea triennale in: Conservazione

Dettagli

LINGUE E CULTURE MODERNE

LINGUE E CULTURE MODERNE CORSO DI LAUREA TRIENNALE LINGUE E CULTURE MODERNE Classe di Laurea L 11 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE, POLITICHE E DELLE LINGUE MODERNE PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof.ssa Benedetta Papasogli

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale (ITES)

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale (ITES) Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale (ITES) Classe: LM-94 Traduzione specialistica e interpretariato Codice del corso: LM7 Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli