Croazia come opportunità d'investimento per gli imprenditori stranieri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Croazia come opportunità d'investimento per gli imprenditori stranieri"

Transcript

1 Croazia come opportunità d'investimento per gli imprenditori stranieri DATI ELEMENTARI Superficie: km2 Popolazione Organizzazione territoriale: 20 province e la città di Zagabria Valuta: kuna (HRK) corso del cambio 1 EUR = 7,5 HRK Clima: continentale e mediterranea PRESSIONE FISCALE: IVA: 25% Imposta sul reddito: 20% Imposta sui dividendi: 12% In Croazia, non si paga l'imposta per la cessazione delle quote o delle partecipazioni nelle società o per il trasferimento della proprietà nel primo ordine di successione (inclusi regali). Per i pagamenti d'interessi ai residenti Italiani, essi pagano l'imposta di 10% in Croazia, che possono rimborsare nell'amministrazione fiscale in Italia. Secondo la classificazione della Banca Mondiale del 2013, la Croazia è al posto numero 43 verso il criterio del carico fiscale sulle imprese, mentre l'italia è al posto numero 131 su 185 paesi. In questa classifica annuale di facilità di fare affari in diversi paesi, i paesi in cui è più facile fare affari sono classificati nei gradi più elevati. Crescita del PIL reale in Croazia (%) Dall'inizio del crisi in 2008 ci fu un continuo calo del PIL in Croazia, con il primo aumento del 0,75% previsto per l'anno corrente, secondo le stime del FMI. Nonostante il tred negativo, è necessario prendere in considerazione le attività che hanno contribuito al declino del PIL, e quelle che, nonostante il calo generale, hanno registrato una crescita del valore aggiunto lordo (VAL). Con il calo della produzione è stato ridotto il VAL in praticamente tutti i settori tranne che il settore dei servizi. In particolare, la crescita del VAL è stata registrata nel settore immobiliare, attività professionali, scientifiche, tecniche e amministrative, nonché nei servizi

2 pubblici. Allo stesso tempo, il più grande calo del VAL è stato registrato nelle industrie di trasformazione e costruzione. In 2012 il PIL dell'unione Europea ha registrato una lieve flessione rispetto all'anno precedente, principalmente causato proprio per il declino dell'economia Italiana, come la quarta più grande economia europea, del 2,4%. INTEGRAZIONI E STABILITÀ ECONOMICA Croazia, come il leader politico nella regione, è un membro della NATO e presto il 28. stato membro dell'unione europea (1 luglio 2013). La legislazione croata è armonizzata con le norme dell'unione europea, e come tale fornisce i più alti standard per il sviluppo delle attività professionali con la possibilità di utilizzare i fondi strutturali del Unione europea. La Croazia è il membro dei accordi di libero scambio con l'unione europea, CEFTA e la Turchia, che consente il smercio di prodotti e servizi sui mercati di 39 paesi a tariffe preferenziali. La Croazia garantisce i diritti uguali per gli investitori stranieri e nazionali. Inoltre, più di 50 accordi firmati sull'evitazione della doppia imposizione rendono possibile il trasferimento facile del capitale al paese di origine al termine dell'investimento. Va sottolineato il costante tasso di cambio dell'euro rispetto a kuna, con una variabilita sesonale molto bassa. INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO La Croazia, con la sua forma e l'infrastruttura di trasporto sviluppata, rappresenta un'ottimo legame geopolitico per il ovest, est, nord e sud europeo, fornendo l'accesso al mercato di oltre 650 milioni di consumatori. Grazie a queste caratteristiche, Croazia si trova su cinque corridoi Paneuropei (Vb: Budapest-Zagabria-Varazdin-Fiume, Vc: Osiek-Budapest-Sarajevo-Ploce, VII-fiume Danubio, X: Salisburgo-Villaco-Lubiana-Zagabria-Skopje-Salonicco, Xa: Graz- Maribor-Zagabria), che collegano l'europa con i paesi mediterranei, danubiani e pannonici. Croazia ha i collegamenti stradali, marittimi, ferroviari e aerei con l'europa e il mondo, molto sviluppati. La nuova rete autostradale offre un collegamento eccellente sia all'interno del paese che a tutte le principali città della regione. 2

3 Il traffico aereo, con l'infrastruttura stradale, è importante per il trasporto delle persone. In Croazia esistono sette aeroporti internazionali (Fiume, Pola, Zagabria, Osijek, Zara, Spalato e Ragusa) che collegano Croazia con tutte le principali destinazioni europee con il massimo di 2 ore di volo. In Croazia esistono anche 2 aeroporti sulle isole di Lussinpiccolo e Brazza, mentre la vicinanza con Venezia offre la possibilità della ulteriore selezione di linee aeree. Croazia e Italia sono direttamente collegate con linee autostradali, aerei e con più di 10 linee marittime permanenti di navi-traghetto e navi-veloci. Questo permette un trasporto facile e veloce di beni, servizi e persone tra i nostri paesi. Croazia ha una delle distribuzioni del gas più sviluppate in Europa, la digitalizzazione sull'intero territorio nazionale e la completa copertura Internet del paese, che la rende un luogo ideale per affari, non solo in termini di trasporto, ma anche in termini di energia e di comunicazione. COOPERAZIONE ECONOMICA ITALO-CROATA (VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE PER IL FUTURO) Grazie alla connessione storica e geografica tra Croazia e Italia, la cooperazione dei nostri paesi è naturale. Questo si riferisce soprattutto alla collaborazione della regione Veneto e delle regioni d'istria e del Quarnero. Le caratteristiche economiche di Croazia e l'imminente adesione all'unione europea, attirano molte aziende italiane interessate alle nuove possibilità di cooperazione o la possibilità di delocalizzare la loro produzione. L'Italia è da anni il più grande partner Croato per l'importazione e l'esportazione. 17,3% del totale export Croato va in Italia e 16,3% del totale import Croato proviene da Italia. Questo significa che lo interscambio di merci e servizi con l'italia rende 16,8% del totale interscambio Croato con l'estero. L'interscambio tra Croazia e altri paesi della regione 3

4 Scambio delle merci tra Croazia e Italia in migliaia di euro Anno Export da Croazia Import in Croazia Scambio totale Italia Friuli Venezia Giulia Italia Friuli Venezia Giulia Italia Friuli Venezia Giulia Totale Dalla tabella di cui sopra, possiamo concludere che il valore delle merci importate in Croazia e mediamente 63% superiore al valore delle merci esportate in Italia. Il scambio con la regione Friuli Venezia Giulia segue la tendenza generale del scambio totale con l'italia, con l'accento che la quota media nel esportazione delle merci in Croazia (10,7%) è superiore della quota media nel importazione delle merci provenienti da Croazia (9,4%). Per avere un quadro completo del scambio commerciale tra i nostri paesi e l'idea delle attività meno colpite dalla recessione economica, è necessario esaminare i gruppi di prodotti che partecipano nel scambio. Struttura delle esportazioni croate verso l'italia Merci Export in migliaia di euro % Articoli di abbigliamento, escluso l'abbigliamento in pelliccia ,9% Navi, imbarcazioni e altre costruzioni galleggianti ,9% Legno e prodotti di legno; carbone di legna ,6% Combustibili minerali, oleari e destilati; cera minerale ,7% Masse di plastica e prodotti dalle masse di plastica ,5% Apparecchi per uso domestico (elettrici; per la riproduzione e/o ,9% registrazione visiva e acustica) Reattori nucleari, serbatoi, macchine elettriche e meccaniche ,8% Aluminio e prodotti d'aluminio ,7% Pesci ed altri prodotti della pesca; prodotti dell'acquacoltura ,9 Prodotti di ferro e acciaio , 9 4

5 Struttura delle importazioni dall'italia alla Croazia Merci Importo in migliaia di euro % Combustibili minerali, oleari e destilati; cera minerale ,7 Reattori nucleari, serbatoi, macchine elettriche e meccaniche ,8 Ferro e acciaio ,0 Masse di plastica e prodotti dalle masse di plastica ,1 Apparecchi per uso domestico (elettrici; per la riproduzione e/o ,8 registrazione visiva e acustica) Prodotti di ferro e acciaio ,7 Carta e cartone, articoli di carta cellulosa, carta o cartone ,5 Mobili, prodotti per l'illuminazione e case mobili ,4 Articoli di abbigliamento, escluso l'abbigliamento in pelliccia ,4 Aluminio e prodotti d'aluminio , 2 Dalla tabella di cui sopra, è evidente che il settore manifatturiero è il più resistente alla recessione: l'industria tessile, industria del legno e l'industria pesante (navi, prodotti in acciaio, ferro, alluminio, plastica e prodotti chimici). Nell'analizzare i dati, vediamo che le merci interscambiate tra i nostri paesi sono molto simili. Tuttavia, va notato che queste merci sono di diversa qualità. In particolare, Croazia esporta in Italia le materie prime e i prodotti semilavorati è importa i prodotti finiti. Questo effetto può essere migliormente dimostrato nel settore forestale. In base al legno Croazia produce legno grezzo, segato e carbone di legna. L'esportazione di questi prodotti di legno semilavorati in Italia costituisce il 10% del totale delle esportazioni di legno. D'altra parte, l'italia importa in Croazia i prodotti di legno finiti (mobili, prodotti di carta e cartone ecc). Il 25% dei mobili in legno importati in Croazia provengono dall'italia. Possiamo seguire le tendenze analoghe in altri settori di cui sopra. La struttura del interscambio tra la Croazia e la regione Friuli Venezia Giulia segue altrettante la tendenza generale, con una enfasi più elevata sui prodotti di ferro e acciaio e ridotta nel settore petrolchimico. 5

6 Struttura delle importazioni tra la Croazia e la regione FVG in migliaia di euro Merci Importo da FVG in CRO % Merci Prodotti di ferro e acciaio (20%) Mobili (6,4%) Strumenti e forniture mediche e dentistiche Macchine elettriche e altre macchine di impiego generale (5,2%) (3,7%) Prodotti di plastica (3%) Cisterne, serbatoi, radiatori e contenitori in metallo (2,8%) Macchine specializzate (2,7%) Autoveicoli (2,6%) Articoli di abbigliamento, esclusa la pelliccia (2,45%) Importo da CRO in FVG % Legno e materiali di legno (27%) Materiali di recupero dell'industria (24,5%) Immobili Pesci ed altri prodotti della pesca; prodotti dell'acquacoltura (10%) (6,5%) Macchine per la formatura dei metalli (4,5%) Metalli di base preziosi e altri metalli non ferrosi; combustibili nucleari (3%) Prodotti chimici di base, fertilizzanti, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie (2,5%) Prodotti in legno, sughero, paglia e materiali da intrecciò (2,5%) Apparecchi per uso domestico Molti produttori italiani porgono la domanda se i costi di trasporto delle materie prime in Italia, per poi ritrasportare i prodotti finiti di nuovo in Croazia o tramite Croazia nei altri mercati del sud-est, sia ancora giustificato, perché a partire dal 1 luglio i beni prodotti in Croazia saranno altrettante la merce di origine europea. Grazie alla crisi nell'unione europea, presente di più proprio nell'economia italiana che ha registrato il maggior calo, la grande pressione fiscale sulle imprese in Italia e l'adesione immediata della Croazia all'unione europea, molti imprenditori privati hanno già colto o stanno pensando come cogliere l'opportunità di delocalizzare la loro produzione o parte di produzione in Croazia. I motivi principali per la delocalizzazione: -favorevole posizione geopolitica della Croazia, -buoni collegamenti di trasporto per le importazioni e le esportazioni, -manodopera qualificata a basso costo, -manodopera senza barriere linguistiche, -il diritto del lavoro più flessibile, -accelerazione dei cicli di processo, -clima politico che incoraggia gli investimenti stranieri, -la semplificazione delle barriere amministrative agli investimenti. (2%) In questo segmento, è importante prestare attenzione anche agli investimenti diretti esteri in Croazia, visto che i stesso ci danno una indicazione più chiara dei investimenti nel settore terziario, cioè servizi. 6

7 Investimenti diretti esteri (IDE) in Croazia per settori e paesi Dal grafico di qui sopra, è chiaro che gli investimenti diretti di investitori esteri nelle attività non produttive sono stati investiti nel settore bancario, commerciale, immobiliare e delle telecomunicazioni. Gli investimenti dei investitori italiani ammontano all'incirca 4% degli totali IDE in Croazia. Rispetto agli altri paesi europei con cui la Croazia ha la cooperazione economica tradizionale, come l'austria e la Germania, è possibile concludere che gli investitori italiani non hanno ancora riconosciuto tutti i vantaggi del mercato croato. Nel prossimo futuro, dalle PMI italiane si aspetta l'aumento degli investimenti nei settori economici di agricoltura e industria. Si aspettano sia gli investimenti greenfield (investimento diretto di capitale straniero) che i joint-venture investimenti con i partner locali. 7

8 FARE AFFARI IN CROAZIA (IDEE PRATICHE PER FARE AFFARI IN CROAZIA) 1) PORTO DI FIUME Il Mare Adriatico come una naturale estensione del canale di Suez, è estremamente importante per il trasporto marittimo, particolarmente per il trasporto di container. Il Mare Adriatico rappresenta uno dei tre itinerari commerciali tra est e ovest più importanti che collega l'europa e il Medio ed Estremo Oriente. Questa linea rappresenta anche il trasporto marittimo più economico e più veloce dall'estremo Oriente, da 7 a 14 giorni più corto rispetto agli altri percorsi. Per la sua posizione nel cuore del territorio Sud Europeo e km di costa, Croazia è una zona estremamente importante per il traffico di transito dell'unione Europea. Importo e esporto all'ingrosso sono possibili tramite sette porti marittimi internazionali nell'intera lunghezza della costa croata. Il porto di Fiume si distingue come il più grande e più importante di questi porti. Porti del Nord Adriatico, pertanto, hanno i migliori collegamenti con l'entroterra territoriale, cioè i paesi dell'europa centrale, Mar Mediterraneo e Mar Nero. Il porto di Fiume è il principale porto Croato, che include 70% del intero traffico marittimo. Una delle ragioni principali è la connessione traffica, perchè la città di Fiume è situata in mezzo a tutte le autostrade che attraversano il paese e collegata con la principale linea ferroviaria internazionale che attraversa la Croazia continentale in direzioni Lubiana, Budapest, Pecs, Belgrado, ecc. Lo scorso anno, il porto di Fiume ha registrato il traffico di 6 milioni di tonnellate di merci. L'attuale capacità del porto di Fiume sul terminale Brajdica ammonta a TEU all'anno. Entro il fine del 2014 è previsto l'aumento della capacità del terminale Brajdica a TEU, parte del quale sarà in funzione dal luglio di quest'anno. Entro il fine anno 2016 dovrebbe essere finito anche il terminale Molo Zagabria, con la capacità prevista di TEU all'anno. Pertanto, la capacità annua del porto di Fiume dovrebbe aumentare a oltre 1 milione di TEU all'anno entro la fine del 2016, come risultato di questo progetto del valore di

9 Il porto di Fiume ha sei gru per il trasbordo di merci, di quali due nuove, del valore di , con la capacità individuale di 84 tonnellate e la capacità massima congiunta fino a 168 tonnellate. L'attuale profondità masima del terminale Brajdica è 11,2 m, con il previsto incremento del terminale fino a 0,5 m, per la recente pulizia del fondale marino. Entro fine 2014 è previsto l'incremento della profondità massima sul terminale Brajdica a 14m. Al nuovo terminale Molo di Zagabria, la cui costruzione è prevista per fine del 2016, e prevista la massima profondità di 18-20m, che renderà il porto di Fiume il porto più profondo nell'adriatico settentrionale. Il investimento nel porto di Fiume è un progetto al quale sono connessi altri investimenti importanti. Entro il 2020 è prevista la costruzione della seconda linea ferroviaria da Fiume al confine ungherese, che è parzialmente già realizzata. In questo contesto è opportuno sottolineare che anche nel giorno di oggi il tempo di trasporto ferroviario dei container da Fiume a Budapest è fino a 30% più economico e 14 ore più breve che, per esempio, da Capodistria a Budapest. Inoltre, è prevista anche la costruzione dell'autostrada D-403, che dovrebbe innanzitutto essere in funzione del carico dei container dal terminale Molo di Zagabria. 2) DELOCALIZZAZIONE DELLA FORZA LAVORO Oltre alla sua favorevole posizione geografica, la Croazia ha una quota significativa di manodopera altamente qualificata. Secondo le stime più recenti, persone sono disoccupate, di cui circa dottori, master e ingegneri. Va sottolineato che una grande percentuale della forza lavorativa parla italiano, che rappresenta la seconda lingua ufficiale in alcune parti di Croazia. Numerose piccole e grandi imprese italiane hanno già riconosciuto il vantaggio dell'assenza della barriera linguistica e la possibilità di impiegare direttamente e indirettamente la forza lavorativa croata. Ad esempio, una azienda telecomunicazioni italiana ha già stabilito il centro di telefonia in Croazia che impiega più di 400 dipendenti, mentre altri usano i servizi delle agenzie specializzati già esistenti. A parte l'assenza della barriera linguistica, un fattore importante per la decisione di delocalizzare la forza lavoro è l'aspetto economico del costo del lavoro. Molti investitori stranieri sono attratti dal mercato del lavoro croato perché, anche se ugualmente qualificata, la croata forza lavoro è mediamente 4 volte più conveniente rispetto al costo del lavoro europeo. Lo stipendio medio mensile netto in Croazia è circa kune (circa 550 euro), mentre il salario minimo ammonta a 2, kune (circa 370 euro). Salario dei lavoratori altamente qualificati in alcune professioni, come ad esempio, gli ingegneri meccanici, informatici, edili ecc, ammonta da a kn ( euro), a seconda del qualificazione del dipendente e la forza del datore di lavoro. Questo sarà illustrato con l'esempio dei guadagni medi del ingegnere meccanico in Croazia, Italia, Norvegia e Germania. 9

10 CROAZIA ITALIA NORVEGIA GERMANIA Netto 800 EUR EUR EUR EUR Lordo EUR EUR EUR EUR Costo totale per EUR EUR EUR EUR il datore di lavoro * * dato che in Croazia i contributi per l'assicurazione sanitaria (13%), infortuni sul lavoro (0,5%) e la disoccupazione (1,7%), sono calcolati sul salario (non dal salario), il costo effettivo per il datore di lavoro è leggermente più grande del salario lordo contrattato. CONTRATTO DI LAVORO - ASPETTI GIURIDICI Il rapporto di lavoro in Croazia può essere stabilito per un contratto di lavoro a tempo indeterminato o il contratto di lavoro a tempo determinato. Anche se il secondo è inteso come eccezione quando la cessazione del rapporto di lavoro può essere determinata con una ragione oggettiva, giustificata con il termine, compito del lavoro o con qualche evento specifico, in pratica è molto frequente. a) CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO Un contratto di lavoro a tempo indeterminato dura finchè una delle parti contraenti non lo termina. Se nel contratto di lavoro non è indicato se si tratta di un contratto a tempo determinato o indeterminato, si considera che si tratta di un contratto a tempo indeterminato. La dissoluzione del contratto di lavoro è possibile per accordo comune del lavoratore e il datore di lavoro o per licenziamento di una delle parti contraenti. Licenziamento È importante distinguere il licenziamento ordinario dal licenziamento straordinario, per i effetti differenti dei due. Un datore di lavoro può, con il periodo di preavviso previsto da legge o accordato individualmente, recedere dal contratto di lavoro: 1) se a causa di ragioni economiche, tecniche o organizzative non esiste più la necessità per l'eseguimento del lavoro ( licenziamento per motivi d'affari) 2) se il lavoratore non è in grado di eseguire gli obblighi derivanti dal contratto di lavoro a causa di alcune caratteristiche o abilità personali di carattere permanente (licenziamento per motivi personali), o 3) se il lavoratore non esegue gli obblighi derivanti dal contatto di lavoro (licenziamento per motivi di condotta del dipendente). Va osservato che, nel caso di licenziamento per motivi d'affari o motivi personali, il datore di lavoro che occupa più di 20 dipendenti, deve tenere conto degli obblighi di mantenimento e età del lavoratore o provare a spostare il lavoratore a un altro posto di lavoro. In caso di licenziamento regolare, il periodo di preavviso è legato alla durata del rapporto di lavoro come segue: 1) due settimane, se il lavoratore era occupato continuamente per il periodo di tempo inferiore a un anno 2) un mese, se il lavoratore era occupato per un anno continuo, 10

11 3) un mese e due settimane, se il lavoratore era occupato continuamente per due anni, 4) due mesi, se il lavoratore era occupato continuamente per cinque anni, 5) due mesi e due settimane, se il lavoratore era occupato continuamente per dieci anni, 6) tre mesi, se il lavoratore era occupato continuamente per venti anni. Il licenziamento straordinario del contratto di lavoro è possibile in caso di una grave violazione dei obblighi lavorativi o per altre circostanze importanti. In questo caso, non esiste l'obbligo di rispettare il periodo di preavviso. La parte contraente che termina il contratto di lavoro per licenziamento straordinario ha il diritto di esigere il risarcimento dei danni della parte responsabile. b) CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO Il contratto di lavoro a tempo determinato può essere stipulato per il periodo continuo di 3 anni e nel caso di sostituzione di lavoratori assenti o se l'accordo collettivo lo permette anche di più. Nel periodo di tre anni può essere stipulato uno o diversi contratti di lavoro a tempo determinato. I contratti di lavoro a tempo determinato possono essere prolungati per un numero illimitato di volte nel periodo di tre anni. L'interruzione del lavoro tra due contratti di lavoro a tempo determinato di 2 mesi, interrompe il periodo di 3 anni e il stesso comincia a scorrere di nuovo. Questo vuol' dire che è possibile concludere il contratto di lavoro a tempo determinato per il periodo più lungo di 3 anni, con il stesso lavoratore per i lavori differenti o interrompendo il rapporto lavorativo per due mesi. Il contratto a tempo determinato finisce con: -la scadenza del tempo per quale era concluso, -il licenziamento regolare (se contrattato) o -il licenziamento straordinario. c) IL PERIODO DI PROVA Al momento della stipula di un contratto di lavoro, sia a tempo indeterminato, che a tempo determinato, può essere concordato il periodo di prova per il periodo massimo di 6 mesi. Il rapporto di lavoro può essere normalmente risolto anche prima della scadenza del periodo di prova, o al termine del periodo di prova con il preavviso di sette giorni, a causa della prova fallita. d) TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO (TFR) Il TRF può essere determinato nel contratto di lavoro, mentre in pratica, è più frequente l'applicazione delle disposizioni del diritto del lavoro. Ai sensi della legge, il lavoratore è intitolato al trattamento di fine rapporto dopo due anni di lavoro continuo per un datore di lavoro. Il lavoratore non è intitolato al TFR se è stato licenziato per motivi di condotta del dipendente o staordianamente. 11

12 L'indennità di fine rapporto ammonta a un terzo del stipendio medio per ogni anno intero di servizio, fino al massimo di 6 stipendi mensili. Lo stipendio medio è calcolato verso gli ultimi tre stipendi mensili del lavoratore. e) TUTELA DEI DIRITTI NEL RAPPORTO DI LAVORO Nei rapporti di lavoro i termini per la tutela dei diritti sono brevi. Par esempio, un lavoratore che ritiene che il contratto di lavoro a tempo indeterminato sia annullato ingiustamente, deve sottoporre al datore di lavoro la mozione per la tutela dei diritti entro 15 giorni dalla notifica della decisione di fine rapporto. Se il datore di lavoro entro i prossimi 15 giorni non soddisfa la richiesta, il lavoratore ha conseguenti 15 giorni per chiedere la tutela giuridica dei suoi diritti. Questi termini sono preclusivi (cioè, con la loro scadenza cessa il diritto al rimedio) e servono a incoraggiare i partecipanti del rapporto di lavoro a reagire rapidamente. Le suddette prescrizioni non si applicano sulle richieste pecuniarie derivanti da lavoro dipendente (ad esempio, diritto al stipendio o l'indennità), che cessano entro 3 anni. 4) TURISMO DELLA SALUTE E CASE DI RIPOSO PER ANZIANI E DISABILI La sistemazione e cura per anziani e disabili è al momento un attività deficitaria, sia in Croazia che nella regione. Per questo motivo, gli investitori diventano sempre più interessati in investimenti nel settore del turismo della salute, in particolare l'apertura delle case di riposo, l'aumento della sistemazione e l'ulteriore sviluppo dei servizi di assistenza e di aiuto per queste persone. Tuttavia, questa forma di turismo transfrontaliero, cioè la cura per i pensionati di altri paesi europei, non è ancora molto attuale in Croazia, ma con l'adesione all'unione europea, si aspetta che Croazia diventerà una destinazione molto interessante. Questa tendenza di utilizzare le case di riposo all'estero, è molto diffuso per esempio in Germania, la cui assicurazione sanitaria copre la maggior parte del costo di soggiorno in case di riposo in altri paesi europei. Il fattore significativo in questo tipo di "esportazione" sono i costi totali, che sono da due a tre volte più bassi, rispetto al costo totale in Germania. I più ricercati luoghi di soggiorno dei pensionati tedeschi è la Spagna (dove vive circa dei pensionati tedeschi), seguita da Portogallo, Grecia e altri paesi dell'europa orientale, come il Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria. È evidente, quindi, che le case di riposo sulla costa croata, con la loro posizione, il clima, il costo e la vicinanza sono in grado di competere con i paesi sopra menzionati nell'ambito di turismo della salute. Si precisa che i fondi UE, in particolare la IPA II, IPA IV e il Fondo sociale europeo prevedono incentivi in denaro non rimborsabili proprio per le attività di assistenza agli anziani e disabili. Per quanto riguarda la procedura di costituzione, secondo le leggi applicabili, una casa di riposo può essere costituita dalla Repubblica di Croazia, i governi locali e territoriali (regionali), comunità religiose, società, associazioni ed altre persone 12

13 fisiche e giuridiche nazionali ed esteri. Procedura di costituzione è condotta dal dipartimento amministrativo del governo locale o regionale responsabile per gli affari sociali locali (regionali). Le case di riposo per anziani, possono fornire anche il soggiorno per mezza giornata, giornata intera, aiuto temporaneo e occasionale e il aiuto e cura nella propria casa. Le case di riposo possono essere organizzate come: - casa per gli anziani e disabili, - casa famigliare o - famiglia affidataria. Il fondatore di una casa di riposo per anziani è obbligato, prima della istituzione, se vuole che la stessa sia parte della rete delle case per l'assistenza sociale, chiedere l'approvazione dell'ufficio competente. Verso le norme in vigore, il Ministero competente per l'assistenza sociale può stabilire una rete delle case per l'assistenza sociale. Se non è possibile diventare parte della rete o il fondatore preferisce non entrarci, è necessario, prima della istituzione, dirigere la richiesta al Ministero suddetto per ottenere la decisione d'istituzione della casa di riposo in conformità con la Legge sulle istituzioni e la Legge sull'assistenza sociale. In basi a questa decisione, il fondatore può iscrivere la casa di riposo come un istituto pubblico d'assistenza sociale, nel registro del Tribunale commerciale competente. Dopo l'iscrizione, il fondatore deve porgere la richiesta per ottenere la decisione sull'ammissibilita per iniziare a svolgere l'attività. Il competente ufficio amministrativo decide in basi alla conclusione della commissione, che esce sulla faccia del luogo per determinare l'ammissibilita per svolgere l'attività di sistemazione e cura per anziani e disabili in conformità con il Regolamento specializzato. Dopo l'iscrizione nel registro del Tribunale commerciale e l'ottenimento della decisione sull'ammissibilità, la casa di riposo porge la richiesta per l'iscrizione nel registro delle istituzioni di assistenza sociale del Ministero, dopo di che può iniziare a lavorare. Una casa famigliare che svolge l'attività di assistenza per gli anziani, può fornire il servizzio del soggiorno permanente, settimanale e temporaneo, il soggiorno giornaliero e per mezza giornata e offerire anche gli servizi addizionali di nutrizione, cura e assistenza sanitaria, attività lavorative e l'utilizzo di tempo libero. La casa familiare si stabilisce per un minimo di 5 e un massimo di 20 utenti. I servizi dalla casa famigliare vengono forniti nella casa dove vive il rappresentante della famiglia e i membri della sua famiglia. Eccezionalmente, una casa famigliare può fornire i suoi servizzi in un altro edificio, ma solo se la struttura in cui i servizi vengono forniti non è lontana più di 100 metri dalla casa in cui vive il rappresentante della famiglia e i membri della sua famiglia. 13

14 5) FALLIMENTO COME OPPORTUNITÀ D'INVESTIMENTO La crisi economica ha avuto un effetto significativo, sia nel economia mondiale che l'economia croata, che attualmente conta imprese in fallimento e aziende che, a causa di crisi di illiquidita per il blocco dei conti di più di 60 giorni, sono a rischio di fallimento, dato che lo stesso è un presupposto giuridico per l'apertura di fallimento. È quindi essenziale che le risorse delle imprese in difficoltà, quando è economicamente giustificato, siano messe in funzione di produzione al più presto possibile. Il processo di liquidazione e le azioni di fallimento (spese amministrative, spese legali e le spese di contabilità, l'obbligo di pagare l'iva e le anticipazioni sulle tasse durante la liquidazione, valutazione della proprietà, l'annuncio della vendita, l'organizzazione dell'asta ecc.) condizionano che molti imprenditori preferiscono l'opzione di vendita o fusione con un'altra società, che a sua volta può utilizzare questa situazione in diversi modi (ad esempio, l'utilizzo di perdite per diminuire la base imponibile, l'acquisizione di proprietà senza pagare le tasse, acquisizione della azienda esistente senza i costi di fondamento e con la forza lavorativa con esperienza, ecc.) Quando si considera la possibilità di utilizzare il fallimento come opportunità d'investimento, si dovrebbe tener conto del fatto che le imprese che si trovano nel fallimento (forma le) e le aziende che si trovano in una situazione che soddisfa le condizioni legali per l'apertura del fallimento (fallimento materiale) hanno a loro disposizione notevoli risorse tecniche, tecnologiche e umane. Con un adeguata valutazione dell'impresa, riorganizzazione efficiente e mantenimento della forza lavorativa di alta qualità, il potenziale investitore-cessionario può profittare significivamente. Le ragioni principali per l'investimento nell'acquisizione della società in fallimento possono essere riassunti come segue: - I beni acquisiti in fallimento (l'asta o pagamento diretto) regolarmente non sono gravati da diritti dei terzi - L'investitore-cessionario decide se comprare l'intera proprietà o soltanto una parte dei beni adatti (immobili, con o senza l'impianto, tutti o alcuni mezzi di produzione o la proprietà intera della società...) - Il prezzo dei beni che si acquisiscono in caso di fallimento è regolarmente basso e attraente, - In caso di acquisto, l'acquirente deve stabilire se e quali dei dipendenti esistenti ritenere - Possibilità di usare gli incentivi fiscali in basi alla modernizzazione della linea di produzione, senza la necessità di aprire i nuovi posti di lavoro. In questo modo quindi, il fallimento può essere utilizzato acquistare specificamente e selettivamente la proprietà della società fallita con l'obiettivo di creare una società "pulita" su una solida base economica. Il vantaggio dell'acquisizione della società in fallimento formale al contrario dell'acquisizione della società in fallimento materiale consiste nel fatto che il cessionario è protetto dalle eventuali richieste da parte di creditori, i dipendenti e lo stato verso la società fallita. 14

15 Per acquisire l'azienda nel fallimento formale, è necessario conoscere il piano di ristrutturazione fallimentare e di proprietà del debitore da parte del curatore del fallimento e altri soggetti. Nel caso del desiderio di acquisire l'azienda o la proprietà dell'azienda in fallimento materiale è possibile provocare il fallimento formale. Fallimento di soggetti economici può essere provocato, ad esempio, acquistando i crediti dei creditori a un prezzo notevolmente ridotto o acquistando i crediti delle banche garantiti da ipoteca o da garanzia sull'altra proprietà di valore del debitore, e intentando il procedimento di esecuzione al di fuori del fallimento. Nell'ambito del questo procedimento di esecuzione, il creditorecessionario appare come il compratore della proprietà, di solito immobili con l'impianto, a prezzi che nel processo di esecuzione possono ammontare a soltanto una metà del valore stimato. D'altra parte, l'imprenditore può anche incoraggiare la banca a intentare il processo di esecuzione suggerendo di acquistare la proprietà gravata ecc. La possibilità dei acquisti attraenti nelle procedure di fallimento e esecuzione rappresenta un'esca eccellente per investitori stranieri, che in seguito risulta con il un'economia più sana e profittabile e il benessere per tutti gli attori (stato, investitori e lavoratori). FORMAZIONE DELLA SOCIETÀ IN CROAZIA I cittadini dell'unione europea (persone fisiche e giuridiche) possono stabilire le società, le filiali o gli uffici di rappresentanza in Croazia senza restrizioni. A) SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA (d.o.o.) Decidendo se costituire una società a responsabilità limitata o una filiale o l'ufficio di rappresentanza, si dovrebbe considerare il vantaggio fondamentale della S.r.l., cioè che la responsabilità per tutte le obbligazioni della società è limitata sulla proprietà della stessa. Dal altra parte, la filiale non ha la personalità giuridica e perciò il fondatore risponde personalmente per tutte le obbligazioni della stessa. Va notato che i costi di costituzione delle due sono approssimativamente uguali. La società a responsabilità limitata è la forma di società più diffusa in Croazia. Il capitale sociale di una società a responsabilità limitata è 20, (circa 2.600,00 EUR). Una volta stabilita, la società può utilizzare il capitale sociale per finanziare le sue operazioni. Il tempo di costituzione varia da 7 a 15 giorni lavorativi, a seconda se la persona del fondatore è una persona fisica o giuridica. Le spese amministrative ammontano al incirca 3.850,00 kune (circa 500,00 EUR). La documentazione necessaria per l'istituzione della società in Croazia sono la carta d'identità (se la persona possiede il numero di identificazione personale in Croazia) o il passaporto, e per le persone giuridiche, l'estratto del registro, tradotto in lingua croata dal traduttore giurato. 15

16 Prima di intentare il procedimento di costituzione è necessario scegliere il nome della società, la sede legale e definire l'attività della società. Il nome della società deve essere diverso dai nomi delle società esistenti, e non deve contenere le parole o le frasi in lingue straniere, con l'eccezione per le parole per quali non esiste l'adeguata traduzione in croato o se la parola straniera è parte del nome del fondatore. Inoltre, è possibile usare le parole straniere in latino o in un'altra lingua morta. Come sede della società è possibile registrare l'indirizzo in cui la società ha un ufficio o qualche altro indirizzo dove la persona di fiducia ricevera le lettere indirizzate alla società (ad esempio l'indirizzo del contabile). In Croazia, non esiste un limite delle attività della società, ne costi aggiuntivi per la registrazione delle diverse attività, ed è quindi consigliato a iscrivere tutte le possibili attività, permettendo cosi alla società di cambiare attività in futuro, senza costi di cambiamento dell'atto costitutivo. Il passo successivo è quello di aprire un conto corrente temporaneo in cui viene versato il capitale sociale, di cosa la banca effetua un certificato, e di firmare l'applicazione d'iscrizione nel registro giudiziale con i suoi allegati. La firma dei documenti richiede la presenza dei membri della società o delle persone autorizzate a rappresentarli, con la carta d'identità o il passaporto. In quel momento è necessario nominare i membri del Consiglio di amministrazione che rappresenteranno la società individualmente o collettivamente. Questi possono essere alcuni o tutti i membri della società, o anche una persona terza. Dopo la iscrizione nel registro delle imprese, si deve richiedere la classificazione nazionale delle attività e aprire il conto corrente della società. Il capitale sociale viene poi trasferito dal conto corrente temporaneo e la società può iniziare a svolgere le sue attività. È ideale se i fondatori della società, durante la costituzione, potrebbero una volta venire personalmente in Croazia, per verificare le loro firme dal notaio pubblico. Se non è possibile che i fondatori vengano in Croazia, l'intero procedimento si può svolgere tramite la procura speciale, ma questo naturalmente estende la lunghezza della procedura di costituzione. B) SOCIETÀ SEMPLICE A RESPONSABILITÀ LIMITATA (j.d.o.o.) Verso i cambiamenti e le modifiche della Legge sulle Società Commerciali di è introdotta la possibilità di fondare la società di capitale che potrà avere il massimo di tre soci e un solo membro d'amministrazione. Questa società si chiama società semplice a responsabilità limitata o, in breve, la semplice S.r.l. L'importo minimo del capitale sociale è 10,00 kune, mentre la minima quota di partecipazione è 1 kuna. Se la società effettua dei profitti alla fine dell'anno deve importare un quarto del profitto registrato nelle riserve statutarie. In questo modo la società aumenta il suo capitale sociale fino a ,00 kune, quando la semplice S.r.l. viene trasformata nella S.r.l. regolare. 16

17 Le totali spese amministrativi per la fondazione della S.r.l. semplice ammontano a cca. 100,00 e l'intero processo dura da tre a sette giorni. Lo scopo principale di questa nuova forma di società è quello di incoraggiare le persone fisiche a diventare imprenditori con costi e rischi propri minimi e la velocità di fondazione e l'incoraggiamento dello Stato massimi. Per gli investitori stranieri, questa società offre un ottimo modo per testare il nuovo mercato con costi e rischi propri minimi. Limitazioni della società semplice a responsabilità limitata La S.r.l. semplice può avere il massimo di 3 membri e solo 1 membro del Consiglio amministrativo. La limitazione più importante della S.r.l. semplice è che al fine anno deve importare ¼ dei profitti ottenuti nelle riserve legali, con quali l'azienda non può disporre, con l'eccezione di poterli usare per l'aumento del capitale sociale o la copertura delle perdite. Quando la riserva legale raggiunge ,00 kune i membri della società devono prendere la decisione sull'aumento di capitale sociale. La conseguenza dell'aumento del capitale sociale è che la semplice S.r.l. diventa una S.r.l. regolare, e non è più richiesta a versare una parte dei profitti nelle riserve legali. Il costo amministrativo dell'aumento di capitale sociale ammonta a circa 4.500,00 kune (cca. 600 EUR). Questo significa che, per gli imprenditori che non vogliono soltanto conoscere il mercato croato, è economicamente più conveniente stabilire subito una S.r.l. regolare. INATTIVITA DELLA SOCIETÀ È importante notare che in Croazia non esiste l'inattivita dell'azienda. In particolare, la società deve presentare regolarmente il suo rapporto finanziario annuale all'agenzia finanziaria, anche se non è attiva, e se aveva operato in periodi precedenti, e nei libri d'affari ha iscritti il patrimonio e gli obblighi. Il rapporto finanziario annuale non deve essere presentato annualmente soltanto per le società che non hanno gestito nessuna attività dalla costituzione. Tali imprese presentano una dichiarazione di inattivita. Questo è importante perché in Croazia esiste la procedura di cancellazione della ditta dal registro del tribunale. Una volta cancellata la società cessa di esistere. La società che non ha alcuna proprietà (cioè possiede soltanto la proprietà di valore trascurabile) e che non ha presentato il rapporto finanziario annuale per tre anni conseguenti o non ha rispettato altre norme specifiche con quali doveva abbinare, cessera di esistere nel modo di essere eliminata dal registro del Tribunale commerciale per dovere d'ufficio o su proposta da parte delle autorità fiscali. È importante sottolineare che il Tribunale non verifica per dovere d'ufficio se la società ha il patrimonio, e l'intenzione di cancellare la società non è consegnata all'indirizzo della società, ma è pubblicata sul sito Internet, lo steso sito sul quale si trova anche il registro del Tribunale. Dal momento della pubblicazione, cominciano a scorrere i termini in quali i membri della società o altri soggetti con l'interesse possono presentare un reclamo contro la decisione o rendere probabile che la società ha il patrimonio. 17

18 Il periodo in quale i membri della società devono rendere probabile che la società ha il patrimonio è 6 mesi dalla pubblicazione della intenzione di cancellare la società sul sito internet, e se la cancellazione non viene estinta entro tale termine, il tribunale emette la decisione di cancellazione dal registro. La decisione di cancellazione dal registro viene altrettante pubblicata sul sito Internet, da quando scorre il breve periodo di otto giorni in cui la stessa si può impugnare. La procedura sopra descritta ha come conseguenza che, se i membri non reagiscono nei limiti prescritti dalla legge, la società cessa di esistere e si deve avviare il procedimento di liquidazione sulla proprietà della società. I costi causati dalla liquidazione vanno a carico della società o altra persona con interesse (ad esempio, i membri della società), con l'obbligo addizionale dell'acquirente di pagare le tasse sul traffico dei immobili, se la società aveva mobili di proprietà. LA SEDE DELLA SOCIETÀ Scegliendo la sede della società, si deve tenere in mente il fatto che a quell'indirizzo una persona dovrebbe regolarmente ricevere la posta per la società, al fine di evitare il danno alla società per motivo di scadenza dei termini o per la impossibilità di consegna. Ad esempio, verso la legge, i creditori della società possono inviare il mandato d' esecuzione o le azioni in materia civile sull'indirizzo della sede della società, e se la società non risponde entro il termine previsto dalla legge si considera che abbia ammesso tutte le accuse della azione o il mandato d'esecuzione diventa esecutivo perché incontestato, che può quindi avere conseguenze negative per la società. Perciò, è essenziale che, se i membri della società non possono ricevere la posta presso la sede sociale, autorizzino una persona di fiducia a farlo, al scopo di essere avvisati e poter reagire in una maniera temporanea alle lettere per esempio giudiziali, della amministrazione fiscale, dei creditori e altri, ed evitare l'esecuzione arbitraria, liquidazione, fallimento, ecc. INCENTIVI LEGALI AGLI INVESTIMENTI IN CROAZIA A causa dei scarsi indicatori economici e il tasso di disoccupazione molto elevato, il governo croato ha introdotto molti incentivi per i potenziali investitori. Ad esempio, gli incentivi fiscali consentono l'esenzione parziale o totale dalle imposte sui redditi per un periodo fino a 10 anni, gli incentivi per l'apertura dei nuovi posti di lavoro possono ammontare fino a per un posto di lavoro e le esenzioni fiscali possono essere approvate fino a 80% dei costi dell'educazione dei lavoratori. Nel capitolo seguente saranno presentate alcune novità nella legislazione croata, il cui scopo è quello di stimolare gli investimenti esteri in Croazia, per abbassare la disoccupazione e per aumentare l'efficienza per il recupero dei crediti scaduti. 18

19 A) INCENTIVI FISCALI PER GLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica di Croazia ha, nel corso del 2012, passato la nuova Legge per la promozione di investimenti e il miglioramento del clima degli investimenti il cui scopo è quello di incrementare gli investimenti nelle persone giuridiche in Croazia di aumentare l'impiegamento. A seconda della dimensione del investimento e il numero di posti di lavoro aperti in connessione allo stesso, possono essere approvate vari incentivi fiscali. GLI INCENTIVI FISCALI PER I MICROIMPRENDITORI Gli microimprenditori sono considerati gli imprenditori che hanno meno di 10 impiegati e il fatturato annuo o l'attività della società minore a 2 milioni di kune. Per gli investimenti dei microimprenditori nelle immobilizzazioni che ammontano minimamente a ,00 (in equivalente di kune),, l'imposta sui redditi è diminuita per il microimprenditore dal 20% al 10% per il periodo massimo di 5 anni dall'inizio dell'investimento. La condizione per l'approvazione dei incentivi è che almeno tre nuovi posti di lavoro in relazione a questo progetto di investimento vengono aperti entro un anno dal inizio del investimento o che sia effettuata la modernizzazione del processo tecnologico della linea di produzione o dell'impianto industriale esistente. INCENTIVI FISCALI Verso lo stesso principio, per gli 1 milione di euro, con la condizione che 5 nuovi posti di lavoro, in relazione a questo progetto di investimento, sono aperti, 10% periodo massimo di 10 anni e per gli investimenti da 1 a 3 milioni di euro, con la condizione che almeno 10 nuovi posti di lavoro, in relazione a questo progetto di investimento, siano aperti, l'imposta sul reddito è ridotta a 5% per il periodo fino a 10 anni. Alla fine, per gli investimenti superiori a 3 milioni di euro, con la condizione che almeno 15 nuovi posti di lavoro in relazione a questo investimento siano aperti, l'imposta sul reddito è ridotta per 100% per il periodo di 10 anni. Pertanto, in questo caso, l'investitore non paga l'imposta sul reddito per il periodo di 10 anni dall'inizio dell'investimento. È possibile consentire questi incentivi fiscali anche senza il obbligo dell'apertura di nuovi posti di lavoro, con la condizione che l'imprenditore conduce la modernizzazione del processo tecnologico della linea di produzione o dell'impianto industriale esistente. INCENTIVI PER LE SPESE CAPITALI DEL PROGETTO D'INVESTIMENTO Una sovvenzione in denaro a fondo perduto può essere approvata per i progetti di investimento del valore di oltre 5 milioni di euro a condizione che vengano creati almeno 50 nuovi posti di lavoro relativi al progetto d'investimento entro 3 anni a decorrere dall'inizio dell'investimento. 19

20 Una sovvenzione in denaro a fondo perduto pari al 10% delle reali spese ammissibili, fino ad un massimo di ,00 EUR in regioni (contee) della Repubblica di Croazia in cui il tasso registrato di disoccupazione arriva dal 10% al 20% in base ai dati dell'istituto nazionale di statistica per l'anno precedente, e 20% delle reali spese ammissibili, fino ad un massimo di 1 milione di euro, in regioni (contee) della Repubblica di Croazia in cui il tasso registrato di disoccupazione è superiore al 20%. I costi di capitale ammissibili sono: le spese di costruzione di una nuova fabbrica, un impianto industriale ovvero un complesso ristorativo-turistico, le spese dell'acquisto di nuovi macchinari, ovvero attrezzature produttive. La condizione per applicare per gli incentivi è che la parte dell'investimento in attrezzature produttive/macchinari acquistati sia pari ad almeno il 40% del totale dell'investimento e che almeno il 50% di macchinari acquistati ovvero di attrezzature siano di alta tecnologia. b) INCENTIVI PER LE SPESE PER LA CREAZIONE DI NUOVI POSTI DI LAVORO Il titolare dei incentivi che assicura l'apertura di nuovi posti di lavoro riferiti al progetto d'investimento in regioni (contee) della Repubblica di Croazia, in cui il tasso registrato di disoccupazione arriva fino a 10%, in base ai dati dell'istituto nazionale di statistica per l'anno precedente sarà concessa una sovvenzione in denaro a fondo perduto fino al 10% delle spese ammissibili relative alla creazione di nuovi posti di lavoro riferiti all'investimento, in quantità massima di 3.000,00 EUR per ogni nuovo posto di lavoro. Allo stesso modo, in regioni (cont ee) della Repubblica di Croazia, in cui il tasso registrato di disoccupazione arriva dal 10% al 20%, sarà concessa una sovvenzione in denaro a fondo perduto fino al 6.000,00 per ogni nuovo posto di lavoro aperto, e nelle contee in cui il tasso di disoccupazione è superiore a 20%, può essere concessa una sovvenzione in denaro a fondo perduto fino al 9.000,00 per un posto di lavoro aperto. c) INCENTIVI DOGANALI Per l'importazione di attrezzature/macchinari, che rappresentano la parte delle spese ammissibili del progetto d'investimento l'investitore è esentato dal pagamento del dazio doganale. Gli incentivi doganali per progetti d'investimento cessano di essere vigenti con il giorno dell'adesione della Repubblica di Croazia all'unione Europea. 20

La Serbia può servire come centro manifatturiero per esportazioni esenti da dazi verso un mercato di ca. 1 miliardo di consumatori

La Serbia può servire come centro manifatturiero per esportazioni esenti da dazi verso un mercato di ca. 1 miliardo di consumatori Serbia 2015 La Serbia é situata in una posizione strategica, vista la prossimità geografica a mercatichiave europei ed euro-asiatici (Russia, Turchia, Ucraina, CIS) La Serbia può servire come centro manifatturiero

Dettagli

LEGGE SUGLI INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI E SUL MIGLIORAMENTO DEL CLIMA PER GLI INVESTIMENTI

LEGGE SUGLI INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI E SUL MIGLIORAMENTO DEL CLIMA PER GLI INVESTIMENTI Libera traduzione Antenna ICE-OICE di Zagabria LEGGE SUGLI INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI E SUL MIGLIORAMENTO DEL CLIMA PER GLI INVESTIMENTI (Gazzetta Ufficiale della Croazia n. 111 del 10 ottobre 2012) I

Dettagli

Costituzione società in Austria

Costituzione società in Austria Costituzione società in Austria Sunday, August 03, 2014 http://www.ascheri.co.uk/costituzione-societa-in-austria/ 1. Tipi di societa' in Austria 2. Costituzione di una societa' in Austria 3. Guida alla

Dettagli

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI Traduzione non ufficiale N.B. Il testo facente fede è unicamente quello in lingua serba In base all art. 7 della Legge sul budget della Repubblica di Serbia per l anno 2012 ( Gazzetta Ufficiale della Repubblica

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Serbia Un ponte tra Occidente ed Oriente. La nuova piattaforma per l internazionalizzazione nei Balcani e verso la Russia

Serbia Un ponte tra Occidente ed Oriente. La nuova piattaforma per l internazionalizzazione nei Balcani e verso la Russia Serbia Un ponte tra Occidente ed Oriente La nuova piattaforma per l internazionalizzazione nei Balcani e verso la Russia La Serbia é situata in una posizione strategica, vista la prossimità geografica

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

FARE BUSINESS IN REPUBBLICA CECA. Gennaio 2015

FARE BUSINESS IN REPUBBLICA CECA. Gennaio 2015 FARE BUSINESS IN REPUBBLICA CECA Gennaio 2015 1 1. COSTITUZIONE DI UN SOGGETTO GIURIDICO Indice dei contenuti 1. Costituzione di un soggetto giuridico 2. Restrizioni al business straniero 3. Incentivi

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Gestione d impresa in Belarus

Gestione d impresa in Belarus Gestione d impresa in Belarus Contenuto Benefici da impresa di proprietà in Belarus (p. 6) Procedura della registrazione d'impresa (p. 7) Quale tipo d'impresa scegliere? (p. 8) Aziende con investimenti

Dettagli

Legislazione societaria: tipi di società

Legislazione societaria: tipi di società Legislazione societaria: tipi di società La creazione di un'impresa in Bosnia-Erzegovina è disciplinata da: Legge sulle imprese della FBiH Legge sulle imprese della RS Legge sull acquisizione di società

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 Chi siamo La GECA Global Consulting è una società di consulenza internazionale, costituita a

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

Bosnia Erzegovina Bari 25 ottobre 2013

Bosnia Erzegovina Bari 25 ottobre 2013 Bosnia Erzegovina Bari 25 ottobre 2013 Bosnia Erzegovina area totale: 51.129 kmq confini: Croazia: 932 km Serbia: 312 km Montenegro: 215 km costa: 24 km capitale: Sarajevo (400.000 ab.) popolazione: 3,8

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale movimenti della popolazione GAMBETTOLA IN CIFRE Per amministrare un territorio è necessario scegliere fra diverse soluzioni possibili quelle che meglio si adattano alle situazioni reali, così come emergono

Dettagli

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI In base all art. 7 della Legge sul budget della Repubblica di Serbia per l anno 2011 ( Gazzetta Ufficiale della Repubblica di Serbia no 101/10) e art.42 comma 1 della Legge sul Governo ( Gazzetta ufficiale

Dettagli

Come costituire una società in Croazia

Come costituire una società in Croazia Come costituire una società in Croazia di Clizia Cacciamani (*) In un mondo economico ed imprenditoriale sempre più teso verso la globalizzazione e verso mercati esteri lontani, sarebbe illogico non affrontare

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

L'industria italiana dell'imballaggio. Parte generale

L'industria italiana dell'imballaggio. Parte generale L'industria italiana dell'imballaggio Parte generale Nota metodologica Tutti i dati che costituiscono questa pubblicazione sono indicativi del peso e si riferiscono al mercato italiano degli imballaggi

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PANNELLI FOTOVOLTAICI

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PANNELLI FOTOVOLTAICI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PANNELLI FOTOVOLTAICI Articolo 1 Condizioni generali Le condizioni generali stabiliscono le condizioni di acquisto e vendita dei prodotti della ditta BISOL s.r.l. (in

Dettagli

Gli Investimenti italiani in Ucraina.

Gli Investimenti italiani in Ucraina. Gli Investimenti italiani in Ucraina. L'Ucraina ha adottato da anni una specifica e ampia regolamentazione sugli investimenti esteri (L. U. 16/07/1999-997-XIV). Le forme di investimento ammesse comprendono:

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE

REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE Legge 24 novembre 1997 n. 134 REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA INDIANA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA INDIANA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA INDIANA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

Discorso dell Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana S.E. Andrian Yelemessov

Discorso dell Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana S.E. Andrian Yelemessov Discorso dell Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana S.E. Andrian Yelemessov Egregi partecipanti! Cari amici! (29 gennaio 2013, Venezia)

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea,

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea, Questo Protocollo III è stato tradotto in lingua italiana ai fini di informazione e non ha validità formale giuridica. Determinante e la versione siglato del Protocollo III in versione francese e inglese.

Dettagli

Oggetto: LEGGE EUROPEA 2013-BIS- NOVITA

Oggetto: LEGGE EUROPEA 2013-BIS- NOVITA Legnano, 3 Dicembre 2014 Alle imprese assistite Oggetto: LEGGE EUROPEA 2013-BIS- NOVITA Con la pubblicazione in GU n. 261 del 10/11/2014 della cd. Legge Europea 2013 bis (L.161/2014) sono state apportate

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6. Tipi di prestito... GUIDA SUI PRESTITI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di prestito...5 PRESTITO FINALIZZATO...5 PRESTITO NON FINALIZZATO...6 Tipi di prestito...7 PRESTITO PERSONALE...7 CESSIONE DEL

Dettagli

Summary 2014 - Grecia

Summary 2014 - Grecia Summary 2014 - Grecia Informazioni generali: Valuta - Euro ( EUR) Mobilità dei capitali - Non ci sono restrizioni sulla mobilità dei capitali, ma le esportazioni di valuta estera devono essere effettuate

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final. Aiuto di stato SA.38634 (2014/N) Italia Blue Panorama Airlines S.p.A. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.06.2014 C(2014) 3632 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto

Dettagli

L IVA nella Comunità Europea APPLICAZIONE NEGLI STATI MEMBRI, INFORMAZIONI AD USO DELLE AMMINISTRAZIONI, DEGLI OPERATORI,

L IVA nella Comunità Europea APPLICAZIONE NEGLI STATI MEMBRI, INFORMAZIONI AD USO DELLE AMMINISTRAZIONI, DEGLI OPERATORI, L IVA nella Comunità Europea APPLICAZIONE NEGLI STATI MEMBRI, INFORMAZIONI AD USO DELLE AMMINISTRAZIONI, DEGLI OPERATORI, DELLE RETI D INFORMAZIONE, ECC. Nota Nel presente documento sono riportate varie

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.34238 (2012/N) Italia. Regime di aiuti agli investimenti a finalità regionale per il settore dei trasporti e della

Dettagli

Regolamento sulla previdenza

Regolamento sulla previdenza Fondazione di previdenza indipendente 3a Zurigo Regolamento sulla previdenza Fondazione di previdenza indipendente 3a Zurigo Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10

Dettagli

L IVA nella Comunità Europea APPLICAZIONE NEGLI STATI MEMBRI, INFORMAZIONI AD USO DELLE AMMINISTRAZIONI, DEGLI OPERATORI,

L IVA nella Comunità Europea APPLICAZIONE NEGLI STATI MEMBRI, INFORMAZIONI AD USO DELLE AMMINISTRAZIONI, DEGLI OPERATORI, L IVA nella Comunità Europea APPLICAZIONE NEGLI STATI MEMBRI, INFORMAZIONI AD USO DELLE AMMINISTRAZIONI, DEGLI OPERATORI, DELLE RETI D INFORMAZIONE, ECC. Nota Nel presente documento sono riportate varie

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

CONFINDUSTRIA BULGARIA

CONFINDUSTRIA BULGARIA CONFINDUSTRIA BULGARIA RISULTATI DEL RAPPORTO: GLI INVESTIMENTI ITALIANI IN BULGARIA GENNAIO 2013 CONFINDUSTRIA BULGARIA World Trade Center Interpred, Boulevard Dragan Tzankov 36, 1040 Sofia Tel. +359

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

CROAZIA IL SETTORE DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO

CROAZIA IL SETTORE DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia CROAZIA IL SETTORE DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO settembre 2014 CROATIA

Dettagli

ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI DOMESTICI (L.493/99)

ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI DOMESTICI (L.493/99) ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI DOMESTICI (L.493/99) Chi si deve assicurare Sono obbligati ad assicurarsi coloro, in, che svolgono in via non occasionale, gratuitamente e senza vincolo di subordinazione,

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 1 Domande e risposte sul tema banche

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 1 Domande e risposte sul tema banche Le banche come intermediari finanziari Che cos'è una banca? La banca è un'impresa la cui attività principale consiste nel raccogliere risparmi, concedere crediti e fornire altri servizi finanziari. Quali

Dettagli

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare Testo originale Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare 0.732.021 Conchiusa a Parigi il 20 dicembre 1957 Approvata dall Assemblea federale il 3 ottobre

Dettagli

IL SISTEMA FISCALE TRIBUTARIO IN ALBANIA

IL SISTEMA FISCALE TRIBUTARIO IN ALBANIA Ufficio di Tirana IL SISTEMA FISCALE TRIBUTARIO IN ALBANIA Fiscalita albanese Quadro normativo il Sistema Tributario albanese Dal 1995, con l avvio del processo di apertura e di liberalizzazione del mercato,

Dettagli

LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino

LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino Legge 24 novembre 1997 n.134 LEGGE A SOSTEGNO DI NUOVA IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare la seguente

Dettagli

MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO. Serbian Desk

MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO. Serbian Desk MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO Serbian Desk STUDIO LEGALE MILITERNI & ASSOCIATI LA FORZA DI UNO STUDIO LEGALE BUSINESS ORIENTED La consulenza e l

Dettagli

2.06 Contributi. Lavoro domestico. Stato al 1 gennaio 2015

2.06 Contributi. Lavoro domestico. Stato al 1 gennaio 2015 2.06 Contributi Lavoro domestico Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Chi occupa lavoratori domestici è tenuto a versare contributi alle assicurazioni sociali, anche se il salario in denaro o in natura è

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 R.S.V.P. entro il 23 setembre 2014 Segreteria Organizzativa Telefono: +39 06 64 760 943 Email: office@cciro.it Forum Economico Italia-Romania Bucarest, 26-27

Dettagli

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia Ottobre 2009 10 buoni motivi per investire in Francia Keys to understanding the new France 2 1 Un economia di carattere mondiale 23.000 sedi di imprese estere presenti, con 2,8 milioni di dipendenti, di

Dettagli

ACCORDO AMMINISTRATIVO

ACCORDO AMMINISTRATIVO ACCORDO AMMINISTRATIVO PER L'APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA POPOLARE FEDERALE DI JUGOSLAVIA IN MATERIA DI ASSICURAZIONI SOCIALI DEL 14 NOVEMBRE 1957 Ai sensi

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI?

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? INFORMAZIONI SULL AZIENDA Pagina 1 1. Dimensione del fatturato in euro (con riferimento al Bilancio 2013) Fino a 2 milioni di euro di fatturato Oltre 2 milioni e fino

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Smart & Start: finanziamenti veloci per le spese incentivate Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che grazie alla convenzione tra Ministero dello Sviluppo

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

ELEMENTI DI DIRITTO TRIBUTARIO

ELEMENTI DI DIRITTO TRIBUTARIO ELEMENTI DI DIRITTO TRIBUTARIO 001 Entro quale data si effettuano i versamenti delle ritenute IRPEF? A 15 di ogni mese F B 16 di ogni mese V C 20 di ogni mese F D La fine di ogni mese F 002 Su chi grava

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010 Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 5 del 25 Marzo 2010 OGGETTO: OBBLIGO DI RITENUTA SULLE SOMME OGGETTO DI PIGNORAMENTO PREMESSA L articolo 15, coma 2 del decreto Legge 1 luglio

Dettagli

Architettura del paesaggio

Architettura del paesaggio Legge 84/2001 LOREM + ELEMENTUM Potenziare l export e gli investimenti in Serbia Le opportunità dell hub logistico e doganale di Novi Sad Architettura del paesaggio Il progetto Cor Log - Corridoi paneuropei

Dettagli

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, recante il testo unico delle imposte sui redditi;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, recante il testo unico delle imposte sui redditi; Decreto Ministeriale 30 gennaio 2014 Modalità di attuazione dell'articolo 29, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, in materia

Dettagli

Legge 5 novembre 1968, n. 1115

Legge 5 novembre 1968, n. 1115 Legge 5 novembre 1968, n. 1115 Estensione, in favore dei lavoratori, degli interventi della Cassa integrazione guadagni, della gestione dell'assicurazione contro la disoccupazione e della Cassa assegni

Dettagli

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva

SOCIETÀ DI CAPITALI Caratteristiche La fase costitutiva SOCIETÀ DI CAPITALI Società per azioni (S.p.A.) Società a responsabilità limitata (S.r.l.) Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) Società in accomandita per azioni (S.a.p.A.) Società

Dettagli

GUIDA AL MUTUO. Cos'è un mutuo? Chi può ottenere un mutuo? Quali criteri adottano le banche per concedere un mutuo? Quanti tipi di mutuo esistono?

GUIDA AL MUTUO. Cos'è un mutuo? Chi può ottenere un mutuo? Quali criteri adottano le banche per concedere un mutuo? Quanti tipi di mutuo esistono? GUIDA AL MUTUO Ecco una semplice guida a tutte le domande più importanti riguardanti il tema del Mutuo. Troverete inoltre numerosi link a risorse online che potranno aiutarvi nella scelta del vostro mutuo

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale

di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale FINANZIAMENTI NELL EST EUROPA: UNGHERIA, ROMANIA E REPUBBLICA SLOVACCA di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale I Governi locali dei Paesi dell Est Europa, anche tramite i fondi messi a disposizione

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia

Il mercato dell involucro edilizio in Italia Commissione Studi Economici Uncsaal UX-BILANCI Relazione Annuale - marzo 2006 Il mercato dell involucro edilizio in Italia Serramenti Metallici Facciate Continue Anno 2005 Scenari 2006 Coordinatore Carmine

Dettagli

RICHIESTA MUTUO IMMOBILIARE RISERVATO ALLA SEDE RISERVATO ALLA SUCCURSALE. Succursale di. Presentatore. Codice presentatore. Commerciale Interno

RICHIESTA MUTUO IMMOBILIARE RISERVATO ALLA SEDE RISERVATO ALLA SUCCURSALE. Succursale di. Presentatore. Codice presentatore. Commerciale Interno RISERVATO ALLA SUCCURSALE Succursale di Presentatore Codice presentatore Commerciale Interno RICHIESTA Commerciale Esterno DI Affare n. Mutuatario MUTUO Ci sono lavoratori autonomi? sì no IMMOBILIARE Prodotto

Dettagli

IVA 2014 Dichiarazione annuale relativa al periodo d imposta 2013

IVA 2014 Dichiarazione annuale relativa al periodo d imposta 2013 n 07 del 14 febbraio 2014 circolare n 149 del 13 febbraio 2014 referente BERENZI/mr IVA 2014 Dichiarazione annuale relativa al periodo d imposta 2013 Con il provvedimento del direttore dell'agenzia delle

Dettagli

Contesto generale. Economia

Contesto generale. Economia BOZZA v.20120401 Contesto generale Unione del Grande Maghreb, cioè Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania. Le lingue ufficiali dell'unione sono il francese e l'arabo La comunanza di lingua (francese)

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

DIRITTO SOCIETARIO BASE GIURIDICA OBIETTIVI

DIRITTO SOCIETARIO BASE GIURIDICA OBIETTIVI DIRITTO SOCIETARIO Nonostante non esista un diritto societario europeo codificato, la legislazione dell'unione prevede norme minime applicabili alle imprese in tutta l'unione europea. Due importanti strumenti

Dettagli

bilaterali Svizzera-UE

bilaterali Svizzera-UE Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE Sezione informazione I principali accordi bilaterali Svizzera-UE Marzo 2013 Accordi bilaterali Svizzera-UE 2 I primi Accordi

Dettagli

Modello di regolamento spese per le impresee per le organizzazioni senza scopo di lucro

Modello di regolamento spese per le impresee per le organizzazioni senza scopo di lucro Modello di regolamento spese per le impresee per le organizzazioni senza scopo di lucro Circolare 25 - del 18 gennaio 2008 La presente circolare disciplina le condizioni quadro per i regolamenti spese.

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania marzo

Dettagli

Informativa n. 5/2015

Informativa n. 5/2015 Studio Tecnico Associato Dott. Forestale Alessio Mugnaini - Dott. Forestale e Ambientale Luca Trabucco Informativa n. 5/2015 Egregio Imprenditore Agricolo, Con la presente condividiamo la pubblicazione

Dettagli

Comune di Bucciano Provincia di Benevento Tel: 0823-712742 Fax: 0823-714312

Comune di Bucciano Provincia di Benevento Tel: 0823-712742 Fax: 0823-714312 Comune di Bucciano Provincia di Benevento Tel: 0823-712742 Fax: 0823-714312 Via Paoli,1 82010 Bucciano (BN) C.F. 80005280625 C.C.P. 12653820 P.IVA 00840560627 Sito Istituzionale www.comune.bucciano.bn.it

Dettagli

- in quanto Agenzia a capitale pubblico, quindi con garanzia di terzietà e imparzialità verso le imprese;

- in quanto Agenzia a capitale pubblico, quindi con garanzia di terzietà e imparzialità verso le imprese; 28 dicembre 2006 Appunto sull accordo World Bank (WB) e Informest Informest, l Agenzia per lo Sviluppo e la Cooperazione economica internazionale, partecipata, tra gli altri, dalle Regioni Friuli Venezia

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI ESTERI IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Investimenti esteri in Marocco Il Governo del Marocco incoraggia attivamente gli investimenti esteri e sta ponendo in

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE PRINCIPALI STRUMENTI NORMATIVI VIGENTI DI FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA Ricerca prodotta nell'ambito del progetto Promozione dei prodotti della pesca dell'area della provincia di Palermo e azioni

Dettagli