VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CONSIGLIERI ASSEGNATI AL COMUNE N. 41

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CONSIGLIERI ASSEGNATI AL COMUNE N. 41"

Transcript

1 di Pesaro COPIA N. di Documento N. della deliberazione 32 Data della deliberazione 02/03/2009 Allegati n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE CONSIGLIERI ASSEGNATI AL COMUNE N. 41 Convocazione 1^ Seduta pubblica OGGETTO: INTEGRAZIONE E MODIFICA AL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA. L anno duemilanove, addì due del mese di Marzo alle ore 16:00, in Pesaro e nella sala delle adunanze del Consiglio, convocato per determinazione del Presidente, previ avvisi in data 25/02/2009 notificati a norma di legge, si è riunito il Consiglio Comunale in seduta pubblica. Al momento della trattazione dell argomento indicato in oggetto sono presenti ed assenti i Signori: P A P A Acacia Scarpetti Luca SI Di Domenico Alessandro SI Baldantoni Giorgio SI Eusebi Valter SI Balducci Domenico SI Fiumani Alessandro SI Balestrini Gastone SI Galdenzi Maris SI Bettini Alessandro SI Giorgi Franco SI Biancani Andrea SI Ippaso Davide SI Bonatti Rosaria Rita SI Lo Conte Marco SI Briglia Rito SI Manenti Monica SI Brisigotti Dino SI Nardelli Massimiliano SI Camboni Lorenzo SI Pagnini Alessandro SI Cassiani Giovanna SI Pozzi Ferruccio SI Catalano Giuseppina SI Renzoni Bezziccheri Anna Maria SI Ceccarelli Giuliana SI Ricci Matteo SI Ceccarelli Loredana SI Rossi Carlo SI Cecchini Roberto SI Signorotti Milena SI Ceriscioli Luca SI Stafoggia Walter SI Cesarini Massimo SI Tartaglione Caterina Emirene Lilla SI Ciancamerla Silvano SI Tonelli Paolo SI Coraducci Gerardo SI Tonucci Maurizio SI Del Monte Gabriele SI Trebbi Luciano SI Vimini Daniele Presenti n. 23 Assenti n. 18 Presiede il Presidente Dott. Coraducci Gerardo Assiste alla seduta il Segretario Generale Dott. Uguccioni Luca Scrutatori: Camboni Tonucci Sono presenti gli Assessori: Bartolucci Gambini G. Gambini M. Pascucci SI

2 In continuazione di seduta Il Presidente, pone in discussione l argomento iscritto al n. 4 dell O.d.G. ed indicato in oggetto, come da schema di deliberazione agli atti che di seguito si trascrive: IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la legge n. 130/2001, che all art. 3, ha fissato nuovi principi in materia di cremazione e dispersione delle ceneri, prevedendo l adozione di un regolamento per dare attuazione ai suddetti principi che doveva essere emanato entro sei mesi dall entrata in vigore della legge; Tenuto Conto che a tutt oggi, nonostante siano trascorsi quasi otto anni dall emanazione di detta legge, il regolamento non è stato ancora adottato; Ritenuto opportuno assicurare la più ampia applicazione ai principi espressi dalla legge n.130/2001, in considerazione del fatto che in relazione ad un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, il Consiglio di Stato, nell Adunanza della Sezione Prima del 29/10/2003 n. 2957/2003, ha espresso il proprio parere ritenendo parzialmente applicabile la legge n. 130/2001, in particolare sostenendo che la legge sia già applicabile in ordine all affidamento familiare di urne cinerarie ma non per la dispersione delle ceneri, ma tuttavia il C.d.S. ha manifestato che: ( ) la legge 30 marzo 2001 n. 130 ( ) non è una legge delega, come tale inapplicabile in carenza di esercizio della delega, ma una legge ordinaria, diretta ad innovare la normativa vigente in materia di cremazione e in particolare il regolamento di polizia mortuaria approvato con d.p.r. 10 settembre 1990 n. 285 ed inoltre nel senso che: non è sostenibile che, decorso ormai ampiamente il termine stabilito di sei mesi dalla data di entrata in vigore, la mancata emanazione del regolamento privi la legge di qualsiasi efficacia, specialmente in ordine alla normativa preesistente di rango secondario. Considerato, inoltre, che diverse regioni sono intervenute con proprie leggi per dare attuazione alla citata L. 130/2001, in particolare la Regione Marche ha adottato la legge n. 3 del 1 febbraio 2005, Norme in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali, con la quale all art. 6 comma 1 ha previsto che: L autorizzazione alla cremazione è concessa nel rispetto dei principi e delle modalità di cui alla legge 30 marzo 2001, n. 130, inoltre, l art. 6, comma 2 prevede che: La dispersione delle ceneri avviene nei luoghi indicati dall art. 3, comma 1, lett. c) della legge 130/2001, ed è eseguita dai familiari o dall esecutore testamentario. Atteso che da tale situazione normativa e giurisprudenziale si desume la seguente situazione: i principi stabiliti dalla legge n. 130/2001 sono stati attuati parzialmente (grazie ad un primo ampliamento a seguito del citato parere espresso dal C.d.S.) ed ampliati ulteriormente dalla Regione Marche, con legge regionale n. 3/2005, che ha richiamato espressamente l applicazione dei principi stessi. Considerato infine che è in discussione in parlamento la proposta di legge presentata il 03/07/2006 che ha lo scopo di rendere finalmente applicabile la legge n. 130/2001 (regolamento di attuazione della legge 130/2001). Dato il crescente interesse della cittadinanza all applicazione dei nuovi principi sia per la cremazione di resti mortali esumati od estumulati (sia per poter riutilizzare le sepolture già occupate che per un fattore affettivo di riunire i familiari in una unica tomba), sia per rispondere all esigenza di alcuni cittadini di effettuare la dispersione delle ceneri dei propri cari, si ritiene opportuno: sostituire l art. 49 del regolamento comunale di polizia mortuaria prevedendo che per il rilascio dell autorizzazione alla cremazione si applichino i principi e le modalità previste dall art. 3 comma 1 lett. a) b) della legge 130/2001 Pag. 2

3 aggiungere l art. 49-bis relativo alle modalità per l autorizzazione alla cremazione di resti mortali ed ossei nel rispetto dei principi previsti dall art. 3 comma 1 lett. g) della legge 130/2001 aggiungere l art. 50-bis relativo alle modalità per l autorizzazione alla dispersione delle ceneri nel rispetto dei principi previsti dall art. 3 comma 1 lett. c) e d) della legge 130/2001. Vista la citata legge n. 130/2001; Vista la citata legge della regione Marche n. 3/2005; Visto il D.P.R. n.285/1990; Visto il D.P.R. n.254/2003; Visto il D.P.R. 24 febbraio 2004 in materia di dispersione delle ceneri e relativo parere del Consiglio di Stato; Vista la Circolare del Ministero della Sanità n. 24 del 24/06/1993; Vista la Circolare del Ministero della Sanità n. 10 del 31/07/1998; Visto il Regolamento Comunale di polizia mortuaria approvato con delibera di C.C. n. 146 del 30/06/1998, modificato con delibera di C.C. n. 161 del 25/07/2005; Visto il Regolamento Comunale per le retrocessioni delle concessioni cimiteriali approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 124 del ; Rilevato l opportunità, per le motivazioni sopra esposte, per il periodo transitorio in attesa che venga approvata una normativa nazionale uniforme, di apportare le seguenti modifiche al Regolamento Comunale di Polizia Comunale sopra richiamato: L art. 49 è sostituito dal seguente: 1. La cremazione di salme è autorizzata con le seguenti modalità previste dall art. 3, comma 1 lett. a) e b) della legge n. 130 del 30 marzo 2001: a) l autorizzazione alla cremazione spetta all Ufficiale dello Stato Civile del comune di decesso, che la rilascia acquisito un certificato in carta libera del medico necroscopo dal quale risulti escluso il sospetto di morte dovuta a reato ovvero, in caso di morte improvvisa o sospetta segnalata all autorità giudiziaria, il nulla osta della stessa autorità giudiziaria, recante specifica indicazione che il cadavere può essere cremato; b) l autorizzazione alla cremazione è concessa nel rispetto della volontà espressa dal defunto o dai suoi familiari attraverso una delle seguenti modalità: 1) la disposizione testamentaria del defunto, tranne nei casi in cui i familiari presentino una dichiarazione autografa del defunto contraria alla cremazione fatta in data successiva a quella della disposizione testamentaria stessa; 2) l iscrizione, certificata dal rappresentante legale, ad associazioni riconosciute che abbiano tra i propri fini statutari quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati, tranne nei casi in cui i familiari presentino una dichiarazione autografa del defunto fatta in data successiva a quella dell iscrizione all associazione. L iscrizione alle associazioni di cui al presente numero vale anche contro il parere dei familiari; 3) in mancanza della disposizione testamentaria, o di qualsiasi altra espressione di volontà da parte del defunto, la volontà del coniuge o, in difetto, del parente più prossimo individuato ai sensi degli articoli 74, 75, 76 e 77 del codice civile e, in caso di concorrenza di più parenti dello stesso grado della maggioranza assoluta di essi, manifestata all Ufficiale dello Stato Civile del comune di decesso o di residenza; Pag. 3

4 4) la volontà manifestata dai legali rappresentanti per i minori e per le persone interdette; Dopo l art. 49 è inserito il seguente art. 49 bis Art. 49 bis Cremazione di resti mortali e resti ossei 1. La cremazione di resti mortali e di resti ossei è ammessa al fine di recuperare, per un nuovo utilizzo, campi di inumazione, blocchi di loculi o singole sepolture nonché ossari comuni. 2. Per resti mortali si intende il risultato della incompleta scheletrizzazione decorso il periodo di ordinaria inumazione o tumulazione, pari, rispettivamente, a 10 e 20 anni. Per resti ossei si intende il risultato della completa scheletrizzazione della salma. 3. Il Sindaco, in qualità di ufficiale di stato civile, autorizza con ordinanza la cremazione di resti mortali e di resti ossei in base a quanto previsto dall art. 3 comma 1 lett. g) della legge 130/2001. L ordinanza è predisposta dal servizio cimiteriale, previa verifica ed emanazione di tutti gli atti da parte del servizio medesimo per il riutilizzo delle sepolture liberate e sulla base del riscontro dei seguenti requisiti essenziali: a) assenso alla cremazione dei resti mortali od ossei da parte del coniuge del defunto o, in mancanza del coniuge, della maggioranza assoluta dei parenti di grado più prossimo. Il rapporto di parentela si intende esistente fino al 6 grado secondo quanto previsto dall art. 77 del codice civile. A tal fine i parenti più prossimi del defunto devono presentare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio con la quale dichiarano qual è la maggioranza assoluta degli stessi e contestualmente manifestano il loro assenso alla cremazione; b) in assenza di parenti entro il 6 grado o in caso di irreperibilità degli stessi, la cremazione può essere disposta dopo che sia stata effettuata la pubblicazione per trenta giorni all albo pretorio del Comune di uno specifico avviso. L avviso deve indicare le generalità delle persone i cui resti mortali od ossei sono da avviare a cremazione e le sepolture dalle quali sono stati esumati o estumulati; tale avviso sarà affisso anche all albo dei cimiteri interessati e sul sito del Comune; 4. L ordinanza può riguardare: a) la cremazione dei resti mortali derivanti da operazioni di esumazione o estumulazione in interi reparti o blocchi di sepolture b) la cremazione dei resti mortali derivanti da operazioni di esumazione o estumulazione in singole sepolture. In tal caso l ordinanza, predisposta dal servizio cimiteriale con cadenza bimestrale, riguarderà più cremazioni. Il servizio cimiteriale individua i locali da utilizzare per il deposito temporaneo dei resti mortali e resti ossei ( ossari comuni) in attesa dall avvio a cremazione. 5. L ordinanza che autorizza la cremazione dei resti mortali od ossei dispone anche il trasporto dei resti all impianto di cremazione ed il successivo trasporto delle ceneri nel definitivo luogo di conservazione. Dopo l art. 50 è inserito il seguente art. 50 bis Art. 50 bis Dispersione delle ceneri 1. La dispersione delle ceneri è consentita nel rispetto dei principi indicati dall art. 3 comma 1 lett. c) e d) della legge 130/ La dispersione è autorizzata dall ufficiale dello stato civile che la rilascia dopo aver accertata la volontà espressa in tal senso dal defunto mediante propria dichiarazione autografa, disposizione testamentaria o mediante iscrizione, certificata dal rappresentante legale, ad associazioni riconosciute che abbiano tra i propri fini statutari quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati e dalla quale risulti per iscritto la volontà di far disperdere le proprie ceneri. 3. La dispersione deve essere effettuata dalla persona indicata nella dichiarazione autografa, nella disposizione testamentaria o nei documenti relativi all iscrizione alla società di cremazione. In mancanza di tale indicazione la dispersione delle ceneri è eseguita dal coniuge o da altro familiare avente diritto, dall esecutore testamentario o dal rappresentante legale della società di cremazione, Pag. 4

5 cui il defunto risultava iscritto o, in mancanza, dal personale autorizzato del servizio cimiteriale. 4. L autorizzazione è valida per la dispersione delle ceneri all interno del territorio comunale. La dispersione in natura all aperto è libera ed è consentita nel rispetto delle seguenti condizioni: a) in aree appositamente individuate dal responsabile del servizio cimiteriale all interno dei cimiteri; b) in mare ad oltre mezzo miglio dalla costa; c) nei fiumi nei tratti liberi da manufatti e da natanti; 5. La dispersione delle ceneri è in ogni caso vietata nei centri abitati come definiti dalla legislazione vigente Le ceneri già tumulate o affidate ai familiari possono essere disperse secondo le modalità di cui sopra. 7. Di ogni autorizzazione alla dispersione di ceneri deve essere tenuta traccia in apposito registro, anche a tenuta informatica, con le indicazioni dei seguenti dati: - generalità del defunto - generalità dell incaricato alla dispersione delle ceneri - luogo e data dell operazione di dispersione Visto il Dlg.s 267/2000 del Testo Unico Enti Locali; Visto lo statuto comunale; Visti i seguenti pareri espressi ai sensi dell art. 49, comma 1, del Testo Unico lelle Leggi sull ordinamento degli Enti Locali emanato con D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267: Dirigente del Servizio Servizi Demografici: Si attesta la regolarità tecnica della presente proposta ; Responsabile del Servizio Finanziario: Atto non comportante impegno di spesa ; D E L I B E R A 1) DI APPORTARE le seguenti modifiche al regolamento comunale di Polizia Mortuaria approvato con atto di C.C. 146 del e atto di C.C.161 del : L art. 49 è sostituito dal seguente: 1. La cremazione di salme è autorizzata con le seguenti modalità previste dall art. 3, comma 1 lett. a) e b) della legge n. 130 del 30 marzo 2001: a) l autorizzazione alla cremazione spetta all Ufficiale dello Stato Civile del comune di decesso, che la rilascia acquisito un certificato in carta libera del medico necroscopo dal quale risulti escluso il sospetto di morte dovuta a reato ovvero, in caso di morte improvvisa o sospetta segnalata all autorità giudiziaria, il nulla osta della stessa autorità giudiziaria, recante specifica indicazione che il cadavere può essere cremato; b) l autorizzazione alla cremazione è concessa nel rispetto della volontà espressa dal defunto o dai suoi familiari attraverso una delle seguenti modalità: 1) la disposizione testamentaria del defunto, tranne nei casi in cui i familiari presentino una dichiarazione autografa del defunto contraria alla cremazione fatta in data successiva a quella della disposizione testamentaria stessa; 2) l iscrizione, certificata dal rappresentante legale, ad associazioni riconosciute che abbiano tra i propri fini statutari quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati, tranne nei casi in cui i familiari presentino una dichiarazione autografa del defunto fatta in data successiva a quella dell iscrizione all associazione. L iscrizione alle associazioni di cui al presente numero vale anche contro il parere dei familiari; 3) in mancanza della disposizione testamentaria, o di qualsiasi altra espressione di 1 Art. 3 comma 1 n. 8) d.lgs. 30/04/1992 n. 285 (Nuovo codice della strada): 8) Centro abitato: insieme di edifici, delimitato lungo le vie di accesso dagli appositi segnali di inizio e fine. Per insieme di edifici si intende un raggruppamento continuo, ancorchè intervallato da strade, piazze, giardini o simili, costituito da non meno di venticinque fabbricati e da aree di uso pubblico con accessi veicolari o pedonali sulla strada. Pag. 5

6 volontà da parte del defunto, la volontà del coniuge o, in difetto, del parente più prossimo individuato ai sensi degli articoli 74, 75, 76 e 77 del codice civile e, in caso di concorrenza di più parenti dello stesso grado della maggioranza assoluta di essi, manifestata all Ufficiale dello Stato Civile del comune di decesso o di residenza; 4) la volontà manifestata dai legali rappresentanti per i minori e per le persone interdette; Dopo l art. 49 è inserito il seguente art. 49 bis Art. 49 bis Cremazione di resti mortali e resti ossei 1. La cremazione di resti mortali e di resti ossei è ammessa al fine di recuperare, per un nuovo utilizzo, campi di inumazione, blocchi di loculi o singole sepolture nonché ossari comuni. 2. Per resti mortali si intende il risultato della incompleta scheletrizzazione decorso il periodo di ordinaria inumazione o tumulazione, pari, rispettivamente, a 10 e 20 anni. Per resti ossei si intende il risultato della completa scheletrizzazione della salma. 3. Il Sindaco, in qualità di ufficiale di stato civile, autorizza con ordinanza la cremazione di resti mortali e di resti ossei in base a quanto previsto dall art. 3 comma 1 lett. g) della legge 130/2001. L ordinanza è predisposta dal servizio cimiteriale, previa verifica ed emanazione di tutti gli atti da parte del servizio medesimo per il riutilizzo delle sepolture liberate e sulla base del riscontro dei seguenti requisiti essenziali: a) assenso alla cremazione dei resti mortali od ossei da parte del coniuge del defunto o, in mancanza del coniuge, della maggioranza assoluta dei parenti di grado più prossimo. Il rapporto di parentela si intende esistente fino al 6 grado secondo quanto previsto dall art. 77 del codice civile. A tal fine i parenti più prossimi del defunto devono presentare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio con la quale dichiarano qual è la maggioranza assoluta degli stessi e contestualmente manifestano il loro assenso alla cremazione; b) in assenza di parenti entro il 6 grado o in caso di irreperibilità degli stessi, la cremazione può essere disposta dopo che sia stata effettuata la pubblicazione per trenta giorni all albo pretorio del Comune di uno specifico avviso. L avviso deve indicare le generalità delle persone i cui resti mortali od ossei sono da avviare a cremazione e le sepolture dalle quali sono stati esumati o estumulati; tale avviso sarà affisso anche all albo dei cimiteri interessati e sul sito del Comune; 4. L ordinanza può riguardare: a) la cremazione dei resti mortali derivanti da operazioni di esumazione o estumulazione in interi reparti o blocchi di sepolture b) la cremazione dei resti mortali derivanti da operazioni di esumazione o estumulazione in singole sepolture. In tal caso l ordinanza, predisposta dal servizio cimiteriale con cadenza bimestrale, riguarderà più cremazioni. Il servizio cimiteriale individua i locali da utilizzare per il deposito temporaneo dei resti mortali e resti ossei (ossari comuni) in attesa dall avvio a cremazione. 5. L ordinanza che autorizza la cremazione dei resti mortali od ossei dispone anche il trasporto dei resti all impianto di cremazione ed il successivo trasporto delle ceneri nel definitivo luogo di conservazione. Dopo l art. 50 è inserito il seguente art. 50 bis Art. 50 bis Dispersione delle ceneri 1. La dispersione delle ceneri è consentita nel rispetto dei principi indicati dall art. 3 comma 1 lett. c) e d) della legge 130/ La dispersione è autorizzata dall ufficiale dello stato civile che la rilascia dopo aver accertata la volontà espressa in tal senso dal defunto mediante propria dichiarazione autografa, disposizione testamentaria o mediante iscrizione, certificata dal rappresentante legale, ad associazioni riconosciute che abbiano tra i propri fini statutari quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati e dalla quale risulti per iscritto la volontà di far disperdere le proprie ceneri. Pag. 6

7 3 La dispersione deve essere effettuata dalla persona indicata nella dichiarazione autografa, nella disposizione testamentaria o nei documenti relativi all iscrizione alla società di cremazione. In mancanza di tale indicazione la dispersione delle ceneri è eseguita dal coniuge o da altro familiare avente diritto, dall esecutore testamentario o dal rappresentante legale della società di cremazione, cui il defunto risultava iscritto o, in mancanza, dal personale autorizzato del servizio cimiteriale. 4. L autorizzazione è valida per la dispersione delle ceneri all interno del territorio comunale. La dispersione in natura all aperto è libera ed è consentita nel rispetto delle seguenti condizioni: a) in aree appositamente individuate dal responsabile del servizio cimiteriale all interno dei cimiteri; b) in mare ad oltre mezzo miglio dalla costa; c) nei fiumi nei tratti liberi da manufatti e da natanti; 5. La dispersione delle ceneri è in ogni caso vietata nei centri abitati come definiti dalla legislazione vigente. 6. Le ceneri già tumulate o affidate ai familiari possono essere disperse secondo le modalità di cui sopra. 7. Di ogni autorizzazione alla dispersione di ceneri deve essere tenuta traccia in apposito registro, anche a tenuta informatica, con le indicazioni dei seguenti dati: - generalità del defunto - generalità dell incaricato alla dispersione delle ceneri - luogo e data dell operazione di dispersione 2) DI DARE ATTO che il presente provvedimento non comporta impegno di spesa; 3) DI DARE ATTO che il responsabile del procedimento è il dr. Franco Gabellini. Ha la parola l Ass. Gambini G. per l illustrazione. Terminata l illustrazione, il Presidente dichiara aperta la discussione, intervengono: i consiglieri Trebbi Signorotti Ass. Gambini G. (per la replica) e il dott. Gabellini, Responsabile Servizi Demografici, per spiegazioni tecniche. L illustrazione e i relativi interventi vengono registrati su nastro magnetico, conservato agli atti del Comune, per essere successivamente trascritti a cura della Segreteria. Il Presidente sostituisce la consigliera Renzoni Bezziccheri, come scrutatrice, con la consigliera Catalano. Terminata la discussione, il Presidente pone in votazione lo schema di deliberazione sopratrascritto. La votazione, svoltasi con sistema elettronico, dà il seguente risultato: - Presenti n Votanti n Voti favorevoli n. 23 Il Presidente proclama l esito della votazione, dichiarando che la delibera è approvata all unanimità. Dopodiché, il Presidente, pone ai voti la proposta di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, del T.U.E.L. emanato con d.lgs , n La votazione, svoltasi con sistema elettronico, dà il seguente risultato: - Presenti n. 23 Pag. 7

8 - Votanti n Voti favorevoli n. 23 Il Presidente proclama l esito della votazione, dichiarando che la delibera è resa immediatamente eseguibile. Il Presidente, alle ore 18,45, dichiara sciolta la seduta. /ld Pag. 8

9 Letto, approvato e sottoscritto Il Presidente f.to Coraducci Gerardo Il Segretario Generale f.to Uguccioni Luca Il sottoscritto certifica che la suddetta deliberazione è stata pubblicata per copia in data 19/03/2009 all albo pretorio, ove rimarrà per 15 giorni consecutivi. Pesaro lì 19/03/2009 Il Segretario Generale Copia conforme all originale, rilasciata in carta libera ad uso amministrativo Pesaro lì Il Segretario Generale Certifico che la presente deliberazione è stata pubblicata all albo pretorio dal 19/03/2009 al 02/04/2009. Il Segretario Generale Pesaro lì 03/04/2009 Pag. 9

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Il sindaco del Comune di (omissis) segnala che nell ente che rappresenta occorre procedere ad estumulare

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE LEGGI E REGOLAMENTI LEGGE REGIONALE N.20 del 9 ottobre 2006 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e di loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 36 del

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE L AFFIDAMENTO - - LA CONSERVAZIONE LA DISPERSIONE - DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Delib. CC n. 13/8.5.08 Esecutivo dal 28/5/08

Dettagli

DELIBERA DI G.C. N. 105 DEL 13.09.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Responsabile di Polizia Mortuaria:

DELIBERA DI G.C. N. 105 DEL 13.09.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Responsabile di Polizia Mortuaria: DELIBERA DI G.C. N. 105 DEL 13.09.2005 2 In continuazione di seduta. LA GIUNTA COMUNALE Letta la seguente relazione del Responsabile di Polizia Mortuaria: Vista la Legge n. 130 del 30/03/2001 che ha introdotto

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA APPROVAZIONE Delibera C.C. n. 32

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 39 In data: 06/03/2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE VARIAZIONI ALLE TARIFFE CIMITERIALI L'anno duemilaquattordici

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI FORNACE PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di deliberazione n. 30 della Giunta Comunale

COMUNE DI FORNACE PROVINCIA DI TRENTO. Verbale di deliberazione n. 30 della Giunta Comunale copia COMUNE DI FORNACE PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione n. 30 della Giunta Comunale OGGETTO: Adeguamento tariffe per i servizi cimiteriali anno 2014. L anno duemilaquattordici addì ventisei

Dettagli

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO Allegato A) alla delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 24/04/2013. COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DI DESTINAZIONE DELLE CENERI. ART. 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena)

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Regolamento comunale relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Approvato con Deliberazione

Dettagli

Regolamento comunale in materia di cremazione

Regolamento comunale in materia di cremazione COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale in

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE n. 64 REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Allegato B alla deliberazione di Giunta Comunale n. 45 del 30/06/2005 CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 - Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l'affidamento,

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA CREMAZIONE, DISPERSIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con atto deliberativo di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto U.O. 3/I Settore - Servizi Demografici e Statistici Responsabile del coordinamento Dr. Silvano Costantini COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto Regolamento relativo all affidamento, conservazione e

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 28/11/2008)

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 113 IN DATA 28/02/2005 PROTOCOLLO N 0009340 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 3/03/2005 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

32 Supplemento n. 1 al B.U. n. 27/I-II del 1.7.2008 - Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 1.7.2008 - Nr. 27/I-II\\\

32 Supplemento n. 1 al B.U. n. 27/I-II del 1.7.2008 - Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 1.7.2008 - Nr. 27/I-II\\\ 32 Supplemento n. 1 al B.U. n. 27/I-II del 1.7.2008 - Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 1.7.2008 - Nr. 27/I-II\\\ ciale per la toponomastica, che esprime parere sulle proposte avanzate dal servizio competente

Dettagli

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA U.O. SERVIZI CIMITERIALI E POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, LA CONSERVAZIONE, L AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013.

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013. All. A del. C.C. n. /2013 COMUNE DI TARZO (TV) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DI DEFUNTI E/O RESTI MORTALI Approvato con deliberazione

Dettagli

C O M U N E D I C I S E R A N O PROVINCIA DI BERGAMO

C O M U N E D I C I S E R A N O PROVINCIA DI BERGAMO C O M U N E D I C I S E R A N O PROVINCIA DI BERGAMO G.C. Numero 32 Del 08-03-05 Codice : 10076 ORIGINALE Oggetto: AUTORIZZAZIONE ALL'AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE UR= NA CINERARIA - MODALITA' E PROCEDURE

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO DELLA GIUNTA COMUNALE N.63

PROVINCIA DI TORINO DELLA GIUNTA COMUNALE N.63 C o p i a COMUNE DI TAVAGNASCO PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.63 OGGETTO: LEGGE REGIONALE 31 OTTOBRE 2007 N 20: " DISPOSIZION I IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere autorizzata dal Comune (2) ove è avvenuto il decesso,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO Ufficio Delibere originale VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale OGGETTO: Consegna ai familiari delle ceneri di persona defunta e dispersione

Dettagli

Autorizzazione alla cremazione e trasporto di cadavere e all'affidamento e conservazione delle ceneri

Autorizzazione alla cremazione e trasporto di cadavere e all'affidamento e conservazione delle ceneri Autorizzazione alla cremazione Autorizzazione alla cremazione e trasporto di cadavere e all'affidamento e conservazione delle ceneri Di cosa si tratta? L'autorizzazione alla cremazione spetta all'ufficiale

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BUSCA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 84 del 22/12/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 84 del 22/12/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 84 del 22/12/2011 ================================================================= OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA Comune di OZZANO MONFERRATO Via S. Maria nr. 1 Cap.15039 Ozzano Monferrato Tel. 0142/487153 Fax 0142/487038 Servizio Cimiteriale REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio COPIA COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 5 Del 09-02-10 Oggetto: APPROVAZIONE INTEGRAZIONE DELL'ART. 42 DEL "REGO= LAMENTO DI POLIZIA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA Codice ente 10148 DELIBERAZIONE N. 52 IN DATA 26.11.2004 Trasmessa all Organo Regionale di Controllo in data Protocollo n. 0 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO:MODIFICA ART.

Dettagli

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Art.61 Oggetto e finalità 1. Il presente Capo disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

Comune di LOMBRIASCO

Comune di LOMBRIASCO Comune di LOMBRIASCO Provincia di TORINO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI CITTA' di CANALE Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE C O M U N E DI G E N O L A Provincia di Cuneo REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

C O M U N E D I U R B I N O

C O M U N E D I U R B I N O C O M U N E D I U R B I N O REGOLAMENTO RELATIVO ALLE CREMAZIONI, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione di C.C. n. 26

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA Delibera n 39 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE. L'anno

Dettagli

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio Allegato A Comune di Teglio Provincia di Sondrio Disciplinare per l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri - procedure individuazione luoghi destinati alla dispersione delle ceneri derivanti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GRINZANE CAVOUR Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CORNELIANO D ALBA Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 32 DEL 08.03.2011 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INTEGRAZIONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.233 DEL 28/12/2010

Dettagli

Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione

Art. 1 Oggetto  Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione PROVINCIA DI CUNEO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione Art. 5 Insufficienza sepolture. Cremazioni Art. 6 Caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto e finalità Il presente

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

COMUNE DI MOMPANTERO REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

COMUNE DI MOMPANTERO REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI MOMPANTERO REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione del C.C. n. 1 del 05.03.2009

Dettagli

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 3 Del 25-02-2014 Oggetto: APPROVAZIONE SECONDA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI,

Dettagli

COMUNE DI FORNACE PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione n. 07 del Consiglio comunale

COMUNE DI FORNACE PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione n. 07 del Consiglio comunale copia COMUNE DI FORNACE PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione n. 07 del Consiglio comunale OGGETTO: PROVVEDIMENTI IN MERITO ALLA CONSERVAZIONE DELLE CENERI DI CREMAZIONE L anno duemilasette addì

Dettagli

Allegato. Comune di Campogalliano

Allegato. Comune di Campogalliano Allegato Comune di Campogalliano REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con delibera di C.

Dettagli

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CERESETO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI ARGENTA REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI. Approvato con delibera C.C.n.34 del 31.05.

COMUNE DI ARGENTA REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI. Approvato con delibera C.C.n.34 del 31.05. COMUNE DI ARGENTA REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI. Approvato con delibera C.C.n.34 del 31.05.2006 Ripubblicato all'albo pretorio per 15 gg. Consecutivi dal

Dettagli

OGGETTO: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI CON DECORRENZA GENNAIO 2011.

OGGETTO: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI CON DECORRENZA GENNAIO 2011. COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 220 OGGETTO: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI CON DECORRENZA GENNAIO 2011. L anno duemiladieci addì due del mese di Dicembre alle

Dettagli

COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia

COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 48 del 26/11/2013 OGGETTO: MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI

Dettagli

COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con D.C.C. n. 4 DEL 19.01.2006 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI TICENGO. P r o v i n c i a d i C r e m o n a. Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI TICENGO. P r o v i n c i a d i C r e m o n a. Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N.14 COMUNE DI TICENGO P r o v i n c i a d i C r e m o n a Adunanza del 16/04/2015 Codice ente: 10807 7 Ticengo Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: TARIFFE CIMITERIALI

Dettagli

LEGGE REGIONALE (n. 4)

LEGGE REGIONALE (n. 4) LEGGE REGIONALE (n. 4) approvata dal Consiglio regionale nella seduta antimeridiana del 30 settembre 2008 ----- ----- - 1 - Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente legge disciplina l affidamento delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI I N D I C E Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE 1 CAPO I - NORME GENERALI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Deliberazione n. 65 del 23/10/2007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA OGGETTO: REGOLAMENTO DI

Dettagli

LEGGE 30 marzo 2001, n.130 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri.

LEGGE 30 marzo 2001, n.130 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri. LEGGE 30 marzo 2001, n.130 Disposizioni in materia di cremazione e dispersione delle ceneri. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

Dettagli

COMUNE DI PONTEBBA. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI PONTEBBA. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI PONTEBBA Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.ro 60 del 30/11/2013 INDICE Art. 1 Art.

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 47 O G G E T T O ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE PER LA CREMAZIONE AI SENSI DELL ART. 48 DELLA LEGGE

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. 164 del 24/11/2014

COMUNE DI OCCHIOBELLO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. 164 del 24/11/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 164 del 24/11/2014 OGGETTO: RINNOVO CONVENZIONE PER UTILIZZO LOCALI ADIBITI A DEPOSITO E OSSERVAZIONE SALME E OBITORIO - ANNI 1 (UNO). L

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 1 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 08/01/2008 alle ore 09.30. In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI ISOLA D ASTI Provincia di Asti REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con delibera di C.C. n. 35 del 27.11.2008. REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE. (Provincia di Varese) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 6 DEL 31/01/2012

COMUNE DI VERGIATE. (Provincia di Varese) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 6 DEL 31/01/2012 COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) Copia Conforme DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 6 DEL 31/01/2012 OGGETTO: ISTITUZIONE DI CONTRIBUTO PER CREMAZIONE DI FENOMENI CADAVERICI CONSERVATIVI TRASFORMATIVI

Dettagli

a. Cremazione di cadaveri

a. Cremazione di cadaveri Comune di Firenze Regolamento relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. (Deliberazione C.C. n 128 del 21 dicembre 2004) Art. 1

Dettagli

BOZZA proposta dalla Società Pisana per la Cremazione REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE DEI CADAVERI E DISPERSIONE DELLE CENERI

BOZZA proposta dalla Società Pisana per la Cremazione REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE DEI CADAVERI E DISPERSIONE DELLE CENERI BOZZA proposta dalla Società Pisana per la Cremazione REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE DEI CADAVERI E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso per favorire nel

Dettagli

COMUNE DI FOGLIZZO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46

COMUNE DI FOGLIZZO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46 ESTRATTO Provincia di Torino COMUNE DI FOGLIZZO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46 OGGETTO : TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI ANNO 2015. L anno duemilaquindici addì diciotto del mese

Dettagli

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA COPIA COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA DELIBERAZIONE N. 30 DEL 16/04/2009 ESTRATTO DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI,

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO Libero Consorzio Comunale di Trapani

CITTÀ DI CASTELVETRANO Libero Consorzio Comunale di Trapani CITTÀ DI CASTELVETRANO Libero Consorzio Comunale di Trapani Deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 OGGETTO: Modifica ed integrazione del Regolamento di Polizia Mortuaria dei Servizi funerali cimiteriali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO DELLE CENERI 1 CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale 1. Il presente regolamento disciplina,

Dettagli

COMUNE DI MORUZZO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MORUZZO PROVINCIA DI UDINE COPIA N. 15 del Reg. Delibere COMUNE DI MORUZZO PROVINCIA DI UDINE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Tariffe servizi cimiteriali anno 2010.- L anno duemiladieci, il giorno venticinque

Dettagli

COMUNE CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa)

COMUNE CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) COMUNE CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

C O M U N E di M O Z Z O

C O M U N E di M O Z Z O C O M U N E di M O Z Z O Provincia di Bergamo ORIGINALE DELIBERAZIONE N. 10 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Rilascio concessioni cimiteriali - Rideterminazione e ricognizione tariffe.

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI PALAGANO PROVINCIA DI MODENA *** C O P I A ***

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI PALAGANO PROVINCIA DI MODENA *** C O P I A *** DELIBERAZIONE DEL CONIGLIO COMUNALE COMUNE DI PALAGANO PROVINCIA DI MODENA *** C O P I A *** REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE - AFFIDAMENTO, CONERVAZIONE E DIPERIONE DELLE CENERI DERIVANTI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 43 Reg. Delib. Oggetto: TARIFFE PER LE CONCESSIONI E I SERVIZI CIMITERIALI PER L'ANNO 2013. L'anno duemilatredici il

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Deliberazione n. 109 del 13-09-2012 immediatamente eseguibile Comunicata ai capigruppo consiliari il 25-09-2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Regolamento relativo alle cremazioni, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri dei defunti. Approvato con Delibera C.C. n. 75 del 30/10/2007 IN VIGORE DAL 17/11/2007 Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n.20) Art. DESCRIZIONE Art.

Dettagli

COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Provincia di Livorno ****** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n.

COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Provincia di Livorno ****** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n. COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Provincia di Livorno ****** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione n. 55 del 18/08/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

Dettagli