Filtraggio del traffico di rete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Filtraggio del traffico di rete"

Transcript

1 Laboratorio di Amministrazione di Sistemi L-A Filtraggio del traffico di rete Si ringraziano sentitamente: Angelo Neri (CINECA) per il materiale sulla classificazione, le architetture ed i principi di funzionamento dei firewall Fabio Bucciarelli (DEIS Università di Bologna) per il materiale sulla struttura e la configurazione del packet filter di Linux Firewall Il termine firewall usato nell'informatica non deriva da "muro di fuoco" ma da "muro antincendio". Il suo scopo è quindi impedire che un incendio si propaghi da una parte all'altra del muro.

2 Firewall Una immagine che rispecchia meglio la realtà del firewall è la cinta muraria di una città medievale. Naturalmente una città non può non avere contatti con l'esterno e la cinta muraria è fornita di porte con guardie che verificano se chi prova ad entrare o ad uscire è autorizzato oppure no. Il firewall può quindi essere una buona difesa contro una banda di briganti che provano ad entrare palesemente armati in città ma non può nulla contro i furti effettuati dagli abitanti stessi della città se non al più controllare che nessuno esca col maltolto (se le guardie sono state istruite in tal modo e sono più abili nel perquisire i passanti di quanto questi siano capaci di nascondere la refurtiva). Firewall Il firewall è quindi l'insieme delle difese perimetrali, siano esse realizzate in hardware od in software, con uno o più dispositivi.

3 Classificazione dei firewall Packet filters Un packet filter è un programma od un dispositivo che controlla gli accessi ad una rete analizzando i pacchetti in ingresso ed in uscita e scegliendo quali bloccare e quali far passare in base agli indirizzi IP di provenienza e di destinazione. Nel contesto di una rete TCP/IP vengono controllati anche le porte tcp/udp ed i vari flag SYN, FYN, ACK, ecc. Altro parametro importante su cui si basano le decisioni di un packet filter e l interfaccia sui cui il pacchetto transita e la direzione (ingresso o uscita)

4 Packet filters Un packet filter può essere stateful o stateless ma praticamente tutte le implementazioni di packet filters stateful offrono anche un qualche tipo di protocol inspection per cui sono dei multilayer stateful firewall. Per questo motivo col termine "packet filter" ci si riferisce di solito a stateless packet filter. Un packet filter stateless prende le decisioni pacchetto per pacchetto analizzando solo le info contenute nel pacchetto stesso Un packet filter statefull utilizza anche informazioni di stato della connessione o comunque comunicazione di cui il pacchetto fa parte Packet filters Il vantaggio principale del packet filtering rispetto alle altre tecniche di filtraggio è che questa è la tecnica più semplice da implementare, richiede meno risorse hardware ed è quindi la tecnica più economica e per questo motivo è anche la più diffusa. Si può fare con praticamente qualunque router e con la maggior parte dei sistemi operativi: Linux Windows da NT in poi Macintosh da OS X

5 Packet filters Un packet filter analizza di ogni pacchetto che passa: Interfaccia su cui passano i pacchetti. Protocollo IP. Per esempio TCP, UDP, ICMP, ESP. Indirizzo sorgente. Indirizzo di destinazione. Porta sorgente. Solo per i pacchetti TCP o UDP. Porta di destinazione. Flag di connessione. Per esempio SYN, ACK, RST, FYN, ecc Direzione Packet filters Un packet filter compara il valore dei campi IP con quelli delle regole con cui e' stato configurato ed in base a queste il pacchetto passa oppure no. La configurazione del packet filter è quindi fondamentale. Comunque anche con la migliore configurazione il packet filter non verifica il contenuto dei pacchetti per cui non può bloccare virus ed ha problemi con protocolli che negoziano le porte, come ad esempio FTP attivo.

6 Packet filters La regola d'oro per la configurazione di un filtro è permettere ciò che deve passare e negare tutto il resto. Purtroppo nella vita reale non sempre è facile capire cosa si deve permettere e cosa negare. Packet filters: cosa filtrare Nella RFC2827 ci sono dei consigli interessanti, in particolare: Traffico in ingresso: Bloccare i pacchetti destinati a servizi che non si vogliono offrire su internet. Bloccare gli indirizzi con source address illegali, di broadcast, di loopback e riservati. Se non si utilizza il multicast bloccare gli indirizzi multicast ( /4) Bloccare ICMP broadcast. Bloccare echo UDP. Bloccare i pacchetti provenienti dall'esterno con indirizzo sorgente appartenente alla nostra rete.

7 Packet filters: cosa filtrare I source address da bloccare sono quelli: illegali (es /8) di broadcast (p.e /32) riservati; almeno quelli della rfc1918: / / /16 di loopback: /8 Packet filters: cosa filtrare Traffico in uscita: Bloccare il traffico con un source address invalido. E' facile se la nostra rete è una foglia, praticamente impossibile altrimenti.

8 Packet filters Caratteristiche e problemi di un packet filter stateless Per permettere una comunicazione vanno esplicitamente permessi i pacchetti in entrambe le direzioni Ad es. dal mio PC voglio poter accedere a servizi esterni (ad esempio navigare su Web) ma in generale NON voglio che dall esterno si possa accedere ad alcunchè sul mio PC (sono solo cliente della rete). Posso lasciar passare tutti i pacchetti in uscita e bloccare tutti pacchetti in ingresso tranne le risposte alle mie richieste ma.. Come distinguere le risposte a richieste mie da tentativi di accesso esterno al mio PC? Sui servizio TCP based ci possiamo basare sui Flag TCP: per iniziare una connessione viene inviato un pacchetto con SYN=1 ma ACK=0, posso bloccare tutti questi e ammettere ogni altra combinazione (SYN=0 oppure SYN=1 e ACK<>0). Tali combinazioni vengono spesso indicate con established. E chiaramente una approssimazione che però normalmente funzione nel senso che non consente dall esterno di stabilire una valida connessione TCP Sui servizi UDP non ho modo di Packet filters Sui servizi UDP non ho modo di distinguerlo, se devo usare dei servizi UDP oltre il packet filter devo sostanzialmente accettare qualunque pacchetto UDP di risposta almeno dagli host (IP) e servizi (port) che voglio utilizzare Ad esempio per utilizare un server DNS (server A porta 53) devo consentire tutti i pacchetti UDP in ingresso che hanno come from (server A, porta 53). Il problema e che e abbastanza facile spoofare l indirizzo from.. Un esempio con ACL Cisco, gli host sulla vlan206 sono client interface Vlan206 ip address ip access-group 2256 in ip access-group 2206 out! Solo le sesssioni tcp e il DNS access-list 2206 permit tcp any any established access-list 2206 permit udp host eq domain any access-list 2206 deny ip any any log! Anti spoof access-list 2256 permit ip any access-list 2256 deny ip any any log

9 Packet filters Un esempio con ACL Cisco, gli host sulla vlan206 sono client, l host è anche un web server interface Vlan206 ip address ip access-group 2256 in ip access-group 2206 out! Solo le sesssioni tcp e il DNS access-list 2206 permit tcp any any established access-list 2206 permit udp host eq domain any access-list 2206 permit tcp any host eq www access-list 2206 deny ip any any log! Anti spoof access-list 2256 permit ip any access-list 2256 deny ip any any log Packet filters In generale e difficile far passare i servizi che negoziano le porte di comunicazione o che prevedono call back (come l FTP) Il problema dell FTP: In una normale sessione FTP tra il client A e il server S avviene: TCP open (C,>1023) (S,21) Control Channel Sul control channel si scambiano i comandi: es GET filename Il trasferimento avviene sul Data Channel Il Client sceglie una porta alta sulla quale si mette in ascolto e la comunica al server con il comando PORT es: PORT 1234 TCP open (S,20) -> (C,1234) <- Data Channel Su questo canale il file viene effettivamente trasferito ma il client deve accettare connessioni su porte alte.. FTP prevede una modalità passiva che scarica il problema sul server TCP open (C,>1023) (S,21) Control Channel Sul control channel si scambiano i comandi: es GET filename Il Client chiede la modalità passiva (PASV) e il server si mette in ascolto su una porat alta es:3456 TCP open (C,>1023) -> (S,> 1023) <- Data Channel Su questo canale il file viene effettivamente trasferito ma il server deve accettare connessioni su porte alte..

10 Stateful packet filter La differenza sostanziale è che il firewall mantiene traccia delle sessioni e quindi è in grado di riconoscere automaticamente le risposte. Di solito esistono sintassi facilitate (o è addirittura automatico) per dire al firewall fai passare le risposte In più possono analizzare il traffico a livello più alto per interpretare i protocolli sovrastanti e aprire dinamicamente le porte necessarie (vedi ad esempio il protocollo FTP) Application level firewall Al massimo un network level firewall (un firewall che lavora ai livelli OSI 3/4, ad esempio un packet filter) può bloccare pacchetti che vengono da IP non validi o che provano connessioni a servizi non autorizzati. Fatica a gestire protocolli come FTP attivo ed ancor più protocolli complessi come ad esempio H.323 (VOIP) o SQL*Net (Oracle). Questi problemi possono essere risolti solo a livelli più alti della pila OSI.

11 Application level firewall Un modo è usare un application gateway o proxy applicativo cioè un software specifico per un determinato protocollo che fa contemporaneamente da server per chi deve navigare e da client verso internet. Application level firewall Faccio un esempio pratico per chiarire il concetto: con il mio pc ( ) voglio collegarmi a google. Non posso però farlo direttamente perchè sulla rete è stato proibito (con un qualche tipo di network firewall) il routing diretto e solo una singola macchina può accedere ad internet e su questa è ospitato il proxy web. Mi devo perciò collegare al proxy e chiederle la pagina di google. Il proxy in questo caso è un web server che riceve la mia richiesta, la interpreta, chiede la pagina a google (fa da client) e poi me la fornisce.

12 Application level firewall Sono anche possibili (e diffusi) caching proxy in cui le pagine più richieste vengono tenute in una cache locale in modo da evitare da dover scaricare più volte la stessa pagina e quindi velocizzare la navigazione per gli utenti e diminuire l'impiego di banda. I proxy possono poi anche essere trasparenti in modo da evitare di dover fare della configurazione sui client. Application level firewall Un proxy, essendo contemporaneamente server e client, può bloccare gli attacchi basati sulla non conformità dei dati al protocollo. Per fare un esempio pratico (CVE ) le estensioni Internet printing ISAPI di Windows 2000 permettevano di eseguire codice arbitrario a chi avesse fatto una richiesta con 420 byte nel campo 'Host' e caratteri particolari. Un web proxy avrebbe potuto bloccare un attacco di questo tipo ma non blocca attacchi in cui il protocollo è rispettato e sono i dati ad essere pericolosi (come un virus per ). Un proxy è un Man in the Middle buono Un'altra cosa che un application gateway è in grado di fare è permettere solo alcuni comandi. Un proxy smtp potrebbe bloccare i comandi VRFY ed EXPN, utili una volta ma oramai usati solo dagli spammer, oppure alterare I banner Gli application level gateway eccellono nella capacità di scrivere log particolarmente significativi perchè comprendono perfettamente il protocollo applicativo.

13 Stateful multilayer protocol inspection firewalls Uno stateful multilayer firewall è un firewall che lavora su vari livelli OSI, tiene traccia dello stato delle connessioni e di almeno un protocollo applicativo. Necessita di risorse hardware decisamente superiore a quelle di un packet filter ed ha prestazioni di poco inferiori. Per decidere se un pacchetto può o non può passare non guarda al singolo pacchetto ma alla storia della connessione tcp od udp (a rigore la connessione udp non esiste ma per quanto riguarda il firewall una connessione udp è uno scambio di pacchetti). Stateful multilayer firewalls Ogni volta che viene stabilita una connessione il firewall si segna in una tabella le informazioni sulla connessione. Queste sono: indirizzo sorgente e destinazione, porta sorgente e destinazione, i fari flag tcp, in particolare il sequence number. Quando arriva un pacchetto di ritorno viene accettato solo dopo aver verificato nella tabella delle connessioni che tutti i parametri corrispondano.

14 Stateful multilayer firewalls Un application gateway conosce un protocollo applicativo e si mette fisicamente in mezzo tra client e server evitando che i due si parlino direttamente. Un protocol inspection firewall invece permette che il client ed il server dialoghino ma verifica la correttezza formale dei protocolli usati e nel caso non venga rispettata tronca la comunicazione. Stateful multilayer firewalls Purtroppo (o per fortuna) la rete è in continua evoluzione e ci sono protocolli oramai consolidati come HTTP ed FTP ma ne vengono creati continuamente di nuovi ed anche quelli esistenti vengono modificati. Non è praticamente possibile trovare un firewall che sia in grado di capire e filtrare in maniera corretta tutti i protocolli che ci possono interessare.

15 Personal firewall I personal firewall (o host firewall) sono un tipo di firewall che devono essere usati sulla macchina da proteggere, non verificano solo il traffico di rete ma anche quale processo sta accedendo alla rete. Questo permette una precisione enorme nel controllo. Personal firewall I personal firewall vanno configurati individualmente sui vari host e raramente questo può essere fatto in maniera accurata per cui solitamente si perde il vantaggio della granularità del controllo.

16 Personal firewall I personal firewall sono poi spesso progettati per mandare più alert del necessario e raramente forniscono tutti i dati sui pacchetti bloccati o ricevuti per cui è difficile capire cosa effettivamente facciano. Tabella riassuntiva sui firewall Packet filter Economici Veloci Filtraggio grezzo Application level firewall Non molto costosi Solitamente lenti Massima granularità nel filtraggio e nei log Serve un gateway per ogni protocollo Multilayer stateful firewall Costosi Abbastanza veloci Filtraggio molto preciso

17 Come progettare una rete Per ora abbiamo visto una classificazione dei firewall, vediamo ora come va progettata una rete in modo da renderla sicura. Come progettare una rete La prima idea che viene è: Internet Firewall Rete locale

18 Come progettare una rete Questa soluzione è valida ma solo nel caso che non vengano offerti servizi. Le macchine che offrono servizi sono generalmente attaccabili molto più facilmente di quelle che non offrono servizi e vanno perciò messe in una rete a parte chiamata DMZ (DeMilitarized Zone) in modo da evitare che un attaccante si impossessi di una macchina aperta in qualche modo all'esterno e da questa possa attaccare le macchine interne (generalmente considerate più preziose) senza dover passare dal firewall. Come progettare una rete Internet Firewall 1 DMZ Rete interna Firewall 2

19 Come progettare una rete In realtà non si perde quasi nulla a riunire firewall 1 e firewall 2 Internet Firewall Rete interna DMZ Come progettare una rete E' naturalmente possibile usare più DMZ per separare reti con dati di sensibilità differente: Internet Firewall DMZ 2 Rete interna DMZ 1

20 Come progettare una rete E' fondamentale che non sia possibile raggiungere la rete interna dalla DMZ e tantomeno dall'esterno. Come faccio allora ad accedere alla rete interna da internet (per manutenzione o quant'altro)? Sono possibili due soluzioni: usare un bastion host. Usare una VPN. Come progettare una rete Un bastion host è una macchina esposta ad internet, posizionata nella DMZ o meglio ancora in una propria DMZ. Il suo scopo è concentrare in un unico punto tutti i modi di accedere alla rete interna in modo da poter concentrare in un solo punto la maggior parte degli sforzi per rendere sicura la rete.

21 Come progettare una rete In queste slides ci siamo sempre riferiti al firewall come ad un unico oggetto. Vediamo ora come viene di solito realizzato il sistema Firewall Come progettare una rete Internet Router esterno Stateful multilayer Firewall Router interno Proxy Router DMZ Proxy Rete interna DMZ

22 Come progettare una rete Abbiamo visto che packet filter, application level firewall e multilayer stateful firewall hanno punti di forza e di debolezza per cui vale la pena sfruttare le caratteristiche di ogni sistema. Ogni router è un packet filter a costo zero (abbiamo già pagato per avere il router). E' vero che tutto quello che fa un packet filter lo puo' fare il firewall stateful ma "sgrossando" il traffico con i packet filter si diminuisce il carico sulla macchina più costosa aumentando però la complessità dell ambiente. Come progettare una rete I router vanno quindi configurati in questo modo: Traffico in ingresso: Bloccare i pacchetti destinati a servizi che non si vogliono offrire su internet. Bloccare gli indirizzi con source address invalidi. Bloccare i pacchetti con protocolli non utilizzati. Bloccare i pacchetti provenienti dall'esterno con indirizzo sorgente appartenente alla nostra rete. Permettere tutto il traffico di protocolli permessi e complessi (FTP, H323, ecc). Questi pacchetti verranno analizzati dal multilayer stateful firewall

23 Come progettare una rete Traffico in uscita: bloccare il traffico con un source address invalido. Come progettare una rete È bene inoltre usare un application gateway almeno per il web visto che il protocollo HTTP è oramai statico, è possibile trovare ottimo software free (p.e. squid) ed usando un caching proxy è pure possibile aumentare la velocità della navigazione e risparmiare banda.

24 Firewall di linux E integrato nel kernel di linux, quindi rappresenta la soluzione più semplice e veloce. Il kernel deve essere predisposto in fase di compilazione, oppure devono essere caricati gli appositi moduli. Kernel 2.0.* -> ipfwadmin Kernel 2.2.* -> ipchains Kernel 2.4.* -> iptables Firewall di linux L attraversamento dei pacchetti tra un interfaccia ed un altra deve essere abilitata espressamente nel kernel, attraverso il comando: # echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/ip_forward Possibilità di estensioni (moduli), che possono essere incluse o meno in fase di compilazione

25 Iptables Si basa sui concetti di tabelle, catene e regole Una tabella è formata da catene (punti di controllo) e una catena da regole Tabelle Filter NAT Mangle

26 Tabella filter Contiene le regole di filtraggio vere e proprie dei pacchetti che il firewall origina e riceve o che transitano dal firewall Tabella NAT Consente di effettuare il NAT (Networking Address Translation) degli indirizzi IP o del valore della porta sorgente o di destinazione

27 Tabella mangle Usata per effettuare alterazioni particolari dell header IP (TTL, TOS, MARK) Particolarmente interessante è il target MARK, che permette di marcare il pacchetto, in modo da essere trattato diversamente nei successivi punti di controllo o da altri programmi Come i pacchetti attraversano i filtri Filtraggio dei pacchetti che devono essere inoltrati Pacchetto che deve essere inoltrato Effettua NAT (Network Address Translation) dei pacchetti in ingresso Mangle FORWARDING Filter FORWARDING Effettua NAT dei pacchetti in uscita (tipicamente viene fatto il mascheramento della soregente) RETE Mangle PREROUTING Nat PREROUTING ROUTING DECISION Viene deciso se il pacchetto è destinato a localhost o deve essere inoltrato Viene decisa l interfaccia d uscita del pacchetto ROUTING DECISION Mangle POSTROUTING Nat POSTROUTING RETE Pacchetto destinato a localhost Mangle INPUT Filter INPUT LOCAL PROCESS ROUTING DECISION Mangle OUTPUT Filter OUTPUT Nat OUTPUT Pacchetto originato dal localhost Filtraggio dei pacchetti in ingresso al firewall Filtraggio dei pacchetti in uscita al firewall

28 Catene della tabella filter INPUT operazioni di filtraggio di pacchetti appena gunti al firewall e diretti all host FORWARD operazioni di filtraggio di pacchetti che transitano dal firewall OUTPUT operazioni di filtraggio di pacchetti generati localmente che stanno per uscire dal firewall Catene della tabella NAT PREROUTING operazioni di nat di pacchetti appena giunti al firewall OUTPUT operazioni di nat di pacchetti generati localmente POSTROUTING operazioni di nat di pacchetti che stanno per uscire dal firewall

29 Catene della tabella mangle PREROUTING INPUT FORWARD OUTPUT POSTROUTING Le regole Hanno la forma di ACL Ogni catena ha una policy di default L elenco delle regole viene scorso dall inizio alla fine Al primo match si stabilisce cosa fare del pacchetto e, salvo casi particolari si interrompe l analisi delle regole della catena Se per nessuna regola c è il match, si esegue la policy di default

30 Come si costruisce una regola #iptables [table] command [match] [target] [table] selezione della tabella [match] criteri per la selezione del pacchetto [target] destino del pacchetto che soddisfa il match Comandi sulle catene Creare una nuova catena (-N) Cancellare una catena vuota (-X) Cambiare lapolicy di default di una catena (- P) Elencare le regole presenti in una catena (-L) Svuotare una catena delle sue regole (-F) Azzerare i contatori

31 Comandi per manipolare le regole di una catena Appendere una nuova regola alla catena (-A) Inserire una regola in una determinata posizione (-I) Sostituzione di una regola presente in una certa posizione (-R) Cancellazione di una regola presente in una certa posizione (-D) Cancellazione della 1 regola di una catena (- D) Itarget(1) ACCEPT il pacchetto viene accettato DROP il pacchetto viene scartato REJECT stesso effetto di DROP, ma viene inviato in risposta un messaggio di errore ICMP di tipo port unreachable Catena creata dall utente

32 Itarget(2) RETURN termina la catena; se è una catena predefinita, viene eseguita la tattica, se è definita dall utente, esegue la regola successiva sulla catena precedente QUEUE accoda i pacchetti per elaborazioni userspace Esempi Internet eth FIREWALL eth LAN * #iptables A FORWARD i eth1 j DROP Tutte le opzioni di match possono essere negate attraverso il simbolo!

33 Esempi Internet eth FIREWALL eth LAN * #iptables A FORWARD i eth1 s /24 d 0/0 j DROP Esempi Internet eth FIREWALL eth LAN * #iptables A INPUT p tcp s d dport 22 j ACCEPT #iptables A INPUT p tcp s 0/0 d dport 22 j DROP

34 Esempi Internet eth FIREWALL eth LAN * #iptables A FORWARD mac-source 00:60.08:91:CC:B7 s d 0/0 j ACCEPT I frammenti IP (1) A volte il pacchetto generato dall host mittente è troppo grande per attraversare alcune reti, viene quindi frammentato Il frammento contiene un sottoinsieme dell header, non è quindi possibile verificare le intestazioni TCP, UDP e regole come p tcp, - -sport non possono essere verificate

35 I frammenti IP (2) C è la possibilità di dare una regola specifica per i frammenti, attraverso l opzione f Esempio: #iptables A OUTPUT f d j DROP I flag TCP Si possono filtrare i pacchetti attraverso i flag specifici di TCP --tcp-flags seguita da 2 stringhe di flag: la prima stringa è la maschera:lista di flag che si vogliono esaminare la seconda indica quali flag devono essere impostati

36 I flag TCP (esempio) Voglio fare il log di tutte le connessioni TCP che passano dal firewall #iptables A FORWARD p tcp tcp-flags ALL SYN,FIN j LOG --syn è un abbreviazione di tcp-flags SYN,RST,ACK SYN Connection tracking (1) Capacità per un firewall di mantenere memoria dello stato delle connessioni. Si usa l opzione --state seguita da una lista di stati da confrontare.

37 Connection tracking (2) Questi stati sono: NEW un pacchetto che crea una nuova connessione ESTABLISHED un pacchetto che appartiene a una connessione esistente Connection tracking (3) RELATED pacchetto relativo a una connessione esistente di cui non fa parte (es. errore ICMP, FTP data) INVALID pacchetto che non può essere identificato (in genere va scartato)

38 Connection tracking (esempi) #iptables A FORWARD d /16 m state -state ESTABLISHED, RELATED j ACCEPT Consente il transito verso * per connessioni già realizzate o correlate a connessioni precedenti #iptables A FORWARD d /16 m state -state INVALID j DROP Elimina i pacchetti non identificabili Network Address Translation (NAT) Tecnica descritta nell RFC 1631, con la quale un nodo di rete speciale acquista funzionalità simili a quelle di un router, allo scopo di sostituire indirizzi IP reali con altri indirizzi più convenienti E possibile riutilizzare dinamicamente gli indirizzi IP privati, permettendo a tali reti di accedere all esterno, pur non essendo questi univoci a livello globale

39 NAT Internet eth NAT eth * LAN Host Host Normalmente gli indirizzi IP * non hanno la possibilità di essere riconosciuti univocamente all interno della rete globale, pertanto non è possibile accedere all esterno. Si può ottenere attraverso il NAT NAT Souce NAT (SNAT) si ha quando si altera l indirizzo sorgente del pacchetto. E effettuata in fase di post-routing Destination NAT (DNAT) si ha quando si altera l indirizzo di destinazione, ossia si cambia dove la connessione è diretta. Si effettua in fase di pre-routing

40 SNAT * eth eth Internet NAT LAN Host Host #iptable t nat A POSTROUTING o eth0 j SNAT to-source SNAT (mascheramento) Internet Indirizzamento IP dinamico NAT eth * LAN Host Host #iptables t nat A POSTROUTING o ppp0 j MASQUERADE

41 DNAT Internet :80 NAT :80 Rete locale Server HTTP reale #iptables t nat A PREROUTING p tcp - dport 80 i eth0 j DNAT todestination DNAT (redirect) Internet eth Proxy trasparente eth LAN * Si vuole che tutte le richieste di servizi HTTP, da parte della rete locale, siano dirottati verso il proxy, sullo stesso computer che ospita il NAT, alla porta 8080 #iptables t nat A PREROUTING p tcp dport 80 i eth1 j REDIRECT to-port 8080

42 Bibliografia Rusty Russel, Linux 2.4 Packet filtering HOWTO HOWTO.html Rusty Russel, Linux 2.4 NAT HOWTO HOWTO.html Oskar Andreasson, Iptables tutorial Manpage di iptables

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Incontri a Tema Universita deglistudidipadova. GNU/Linux Firewall. Alberto Cammozzo Mauro Malvestio {mmzz, malveo} @ stat.unipd.it

Incontri a Tema Universita deglistudidipadova. GNU/Linux Firewall. Alberto Cammozzo Mauro Malvestio {mmzz, malveo} @ stat.unipd.it Incontri a Tema Universita deglistudidipadova GNU/Linux Firewall Alberto Cammozzo Mauro Malvestio {mmzz, malveo} @ stat.unipd.it NAT (SNAT / DNAT / MASQ) SNAT : Cambia la provenienza della connesione [SOURCE

Dettagli

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation 0x100 Router 0x110 Cos è? Quello che nel gergo informatico viene chiamato Router (o Switch Router) è un dispositivo di rete

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti Introduzione Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti A.A. 2001/2002 Prof. A. De Santis A cura di: Angelo Celentano matr. 53/11544 Raffaele Pisapia matr. 53/10991 Mariangela Verrecchia matr.

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma Information and Communication Technology Base Esercitazione di laboratorio ultima revisione in data 30 aprile 2003 esercitazione 8 maggio 2003 Questa esercitazione ha lo

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Sicurezza delle reti Spoofing: cos'è e come avviene IP Spoofing Spoofing non Cieco

Sicurezza delle reti Spoofing: cos'è e come avviene IP Spoofing Spoofing non Cieco SPOOFING Sicurezza delle reti Non bisogna essere sorpresi dal fatto che le reti di computer siano l'obbiettivo preferito, sia oggi sia in futuro, da parte di aggressori. Visto che un attacco su larga scala

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

Corso Base su Linux. Basato su Fedora 7 Lezione 4

Corso Base su Linux. Basato su Fedora 7 Lezione 4 Corso Base su Linux Basato su Fedora 7 Lezione 4 Configurare la rete Esistono diversi metodi per configurare il servizio di rete: editare i singoli file di configurazione del networking (per applicare

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus Lista di controllo per la migrazione del dominio a /IP-Plus Iter: : ufficio cantonale di coordinamento per Per la scuola: (nome, indirizzo e località) Migrazione di record DNS esistenti a IP-Plus nonché

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli