CORTE DI GIUSTIZIA, SCOMMESSE. SENTENZA BIASCI: NON SONO DIRETTAMENTE APPLICABILI A GOLDBET I PRINCIPI DELLA SENTENZA COSTA CIFONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORTE DI GIUSTIZIA, SCOMMESSE. SENTENZA BIASCI: NON SONO DIRETTAMENTE APPLICABILI A GOLDBET I PRINCIPI DELLA SENTENZA COSTA CIFONE."

Transcript

1 Comunicato stampa CORTE DI GIUSTIZIA, SCOMMESSE. SENTENZA BIASCI: NON SONO DIRETTAMENTE APPLICABILI A GOLDBET I PRINCIPI DELLA SENTENZA COSTA CIFONE. Spetta al Giudice Nazionale accertare le reali discriminazioni subite dall operatore austriaco. Goldbet non beneficierà più del fatto che il sistema concessorio sia stato discriminatorio verso Stanley ma dovrà dimostrare quali siano in concreto le discriminazioni subite. Liverpool, 12 settembre Con la sentenza Biasci, pubblicata questa mattina, la Corte di Giustizia si pronuncia sull operatore austriaco Goldbet disponendo che i principi contenuti nella sentenza Costa Cifone del 2012, che aveva definitivamente accertato le discriminazioni subite da Stanley, non potranno essere applicati autonomamente a Goldbet o ad altri operatori. Il TAR Toscana, quale Giudice del rinvio, aveva chiesto lumi interpretativi alla Corte di Giustizia in merito alla equiparabilità delle discriminazioni subite da Stanley a quelle invocate dall operatore austriaco in occasione delle gare Bersani. La Stanley era intervenuta ad opponendum nel ricorso di Goldbet e quindi, in questo caso, a sostegno delle tesi dell Avvocatura dello Stato e dell Amministrazione. I Giudici di Lussemburgo riconsegnano questo accertamento ai Giudici nazionali, i quali non potranno più automaticamente applicare i principi della Costa-Cifone a Goldbet o ad altri operatori che affermino di essere stati discriminati, ma dovranno valutare volta per volta il contesto fattuale nel quale l operatore si è trovato ad agire e verificare l effettivo pregiudizio subito. La soluzione Costa-Cifone non è quindi trasponibile a Goldbet: la Corte Europea chiarisce anche il senso dell ordinanza Pulignani del 16 febbraio 2012 (causa C-413/10), che di tale trasponibilità aveva parlato, chiarendo che... essa si è fondata su una constatazione del giudice del rinvio nella causa che ha dato origine a tale ordinanza. Nei presenti procedimenti spetta quindi al giudice del rinvio valutare il contesto fattuale e le conseguenze che ne derivano... (sentenza Biasci punto 35). In sostanza, spetta al giudice del rinvio, a cui la causa ora tornerà, stabilire se Goldbet è stata effettivamente discriminata, e, in caso contrario, la Costa Cifone NON sarà applicabile a Goldbet. Il giudice del rinvio dovrà constatare che Goldbet: (i) E stata titolare di una concessione CONI del 1999 e quindi (sentenza Biasci punto 36) avendo ottenuto alcune concessioni tramite una società italiana controllata, [...] una constatazione del genere comporti che la Goldbet debba essere considerata far parte 1

2 degli operatori esistenti che, in realtà, erano avvantaggiati dalle norme sulla distanza minima obbligatoria tra i punti di raccolta scommesse... (norma censurata dalla Corte di Giustizia nella sentenza Costa-Cifone); (ii) ha partecipato alle gare Bersani, anche tramite altra società del suo gruppo; (iii) le sue concessioni sono decadute perchè esercitava attività illegali. Non perchè, come dichiarato dall operatore austriaco, esercitava la modalità transfrontaliera dell offerta, che comunque, mancando qualsiasi discriminazione precedente, non poteva avere alcuna pretesa di legalità; (iv) Non può dolersi della mancanza di chiarezza dell art 23 della convenzione di gara (Bersani) perchè tale mancanza di chiarezza, rilevata nella sentenza Costa-Cifone, si applica al caso Stanley che aveva invece subito una discriminazione precedente (impedimento alla partecipazione alle gare del 1999). Nel caso Goldbet invece l attività transfrontaliera non trovava giustificazione in alcuna discriminazione precedente e, quindi, quale presunta attività illegale certamente in contrasto con la normativa interna, giustificava l applicazione dell art 23 che in tale caso era chiaro e del tutto privo di ambiguità, perchè diretta ad impedire che gli operatori concessionari effettuassero attivita illegali al di fuori del perimetro della Concessione. Si tratta di una sentenza lungimirante. Conosciamo bene la storia di Goldbet e confidiamo pienamente che gli accertamenti richiesti dalla Corte di Giustizia porteranno i Giudici italiani a dimostrare che Goldbet non è mai stata discriminata dalla legge italiana, ha dichiarato il COO di Stanley John Witthaker. Non possono esssere messe sullo stesso piano situazioni oggettivamente diverse, poichè ciò contrasterebbe con il principio di uguaglianza e si finirebbe, di fatto, per scardinare il sistema concessorio, che la Stanley ha tutto l interesse a proteggere e tutelare. In Italia si deve ripristinare la legalità con attente ed oculate verifiche sulle posizioni degli operatori diversi da Stanley, che dovrebbero portare alla conclusione che nessuno di essi ha subito la benchè minima discriminazione. NOTA LEGALE e COMMENTO -FINE- La Stanley invita tutti i media, tutti gli operatori destinatari di questo comunicato, compresi i concessionari statali, a dare la massima diffusione alla acclusa nota legale, ad utilizzo di tutte le forze di polizia, carabinieri, guardia di finanza e di tutti gli ufficiali di polizia giudiziaria, di AAMS, dei giuristi, degli avvocati e di ogni autorità giudiziaria e amministrativa competente per il contrasto al gioco illegale. 1. NOTA LEGALE: I titolari dei centri Goldbet, al fine di esercitare l intermediazione delle scommesse a mezzo di Centri di Elaborazione Dati [CED], avevano chiesto il rilascio della licenza di polizia ai sensi dell art. 88 TULPS alle competenti Questure che, però, non hanno accolto le loro istanze, nel presupposto che si trattava di una attività non consentita di raccolta per conto di terzi. Poichè Goldbet non risultava possedere la qualità di concessionario nazionale - rectius, ne era decaduta - e tenuto conto che, secondo l interpretazione offerta dalle Questure, lo svolgimento dell attività in Italia avrebbe dovuto inscindibilmente coniugare il titolo concessorio a quello autorizzatorio, i presupposti per il rilascio della licenza sono stati ritenuti insussistenti. Avverso i dinieghi delle Questure, i ricorrenti hanno proposto ricorso dinanzi al Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana, domandandone l annullamento. 2

3 Il TAR Toscana ha chiesto lumi alla Corte di Giustizia proprio in merito alla equiparabilità delle discriminazioni subite da Stanley a quelle invocate dall operatore austriaco Goldbet in occasione delle gare Bersani. Facendo propri i dubbi di compatibilità comunitaria dell attuale assetto ordinamentale dei giochi sollevati dai ricorrenti - in particolare, delle previsioni contenute all art. 88 TULPS rispetto ai principi contenuti negli artt. 49 e 56 TFUE - i Giudici Toscani hanno sottoposto alla Corte le seguenti questioni pregiudiziali: 1) se gli artt. 43 CE e 49 del Trattato CE debbano essere interpretati nel senso che essi ostano, in linea di principio, ad una normativa di uno Stato membro, come quella italiana di cui agli artt. 88 T.U.L.P.S., alla stregua della quale «la licenza per l esercizio delle scommesse può essere concessa esclusivamente a soggetti concessionari o autorizzati da parte di Ministeri o di altri enti ai quali la legge riserva la facoltà di organizzazione e gestione delle scommesse, nonchè a soggetti incaricati dal concessionario o dal titolare di autorizzazione in forza della stessa concessione o autorizzazione» e 2, comma 2-ter, del d.l. 25 marzo 2010, n. 40, convertito con l. n. 73/2010, in base al quale «l articolo 88 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, si interpreta nel senso che la licenza ivi prevista, ove rilasciata per esercizi commerciali nei quali si svolge l esercizio e la raccolta di giochi pubblici con vincita in denaro, è da intendersi efficace solo a seguito del rilascio ai titolari dei medesimi esercizi di apposita concessione per l esercizio e la raccolta di tali giochi da parte del Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato»; 2) se i predetti artt. 43 CE e 49 del Trattato CE debbano essere interpretati nel senso che essi ostano, in linea di principio, altresì, ad una normativa nazionale come quella prevista dall art. 38, comma 2, del d.l. 4 luglio 2006, n. 223, convertito con l. n. 248/2006, secondo cui «L articolo 1, comma 287, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, è sostituito dal seguente: Con provvedimenti del Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato sono stabilite le nuove modalità di distribuzione del gioco su eventi diversi dalle corse dei cavalli, nel rispetto dei seguenti criteri: l) definizione delle modalità di salvaguardia dei concessionari della raccolta di scommesse a quota fissa su eventi diversi dalle corse dei cavalli disciplinate dal regolamento di cui al decreto del Ministro dell economia e delle finanze 1 marzo 2006, n. 111». Ciò, con particolare riguardo alla previsione, da parte dell art. 38, comma 2, cit., di un indirizzo generale di tutela delle concessioni rilasciate anteriormente al mutato quadro normativo, di una serie di limiti e misure che finirebbero, di fatto, per garantire il mantenimento delle posizioni commerciali preesistenti, come dimostrano gli obblighi di apertura dei nuovi punti di vendita ad una determinata distanza da quelli già assegnati, e della generale interpretazione che del citato art. 38, comma 2, ha dato l Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, inserendo nelle convenzioni di concessione la clausola di decadenza prima riportata per l ipotesi di svolgimento, diretto o indiretto, di attività transfrontaliere assimilabili; 3) in caso di risposta affermativa, tale cioè che ritenga compatibile con la disciplina comunitaria le norme nazionali riportate ai punti precedenti, se l art. 49 del Trattato CE debba essere interpretato nel senso che, nel caso di una restrizione della libera prestazione dei servizi imposta per motivi di interesse generale, deve preventivamente accertarsi se tale interesse generale non venga già tenuto sufficientemente in considerazione in virtù delle norme, dei controlli e delle verifiche alle quali il prestatore dei servizi è soggetto nello Stato di stabilimento; 4) in caso di soluzione affermativa, come specificata al punto precedente, se nell esame della proporzionalità di una tale restrizione il giudice del rinvio debba tener conto del fatto che nello Stato di stabilimento del prestatore dei servizi le norme applicabili prevedono controlli di intensità uguale o addirittura superiore ai controlli imposti dallo Stato in cui viene effettuata la prestazione di servizi. Con la sentenza Biasci e altri la Corte di Giustizia si pronuncia per la prima volta sull operatore austriaco Goldbet disponendo che i principi contenuti nella sentenza Costa Cifone del 2012, che aveva 3

4 definitivamente accertato le discriminazioni subite da Stanley, non potranno essere applicati autonomamente a Goldbet o ad altri operatori. La Corte di Giustizia esclude la portata erga omnes della sentenza Costa-Cifone e dispone di effettuare una reale valutazione nazionale sulle discriminazioni subite dagli operatori diversi da Stanley. In risposta al primo quesito, la Corte conferma la legittimità del sistema concessorio e della necessarietà dell autorizzazione di polizia, costituendo tali requisiti un meccanismo efficace di controllo delle attività criminali o fraudolente. Ciò significa che non è, di per sè, in contrasto con il diritto dell Unione una normativa nazionale che imponga agli operatori interessati ad esercitare attività di giochi e scommesse l obbligo di ottenere un autorizzazione di polizia in aggiunta ad una concessione. Le altre risposte della Corte si riferiscono alle modalità di assegnazione delle concessioni a seguito dei bandi Bersani ed alle eventuali discriminazioni che l impianto delle gare avrebbero determinato. L equiparabilità delle discriminazioni subite da Stanley a quelle invocate dall operatore austriaco, viene dai Giudici di Lussemburgo considerata un'importante e dirimente questione di fatto, riconsegnata alla cognizione del Giudice del rinvio. Ne segue che i Giudici nazionali non potranno più automaticamente applicare i principi della sentenza Costa-Cifone a Goldbet o ad altri operatori che assumano di essere stati discriminati, ma dovranno valutare volta per volta il contesto fattuale e l effettivo pregiudizio subito. La soluzione Costa-Cifone non è trasponibile a Goldbet. Il Giudice del rinvio deve introdurre un nuovo "test Goldbet" e deve constatare che l'operatore: (i) anche tramite altre società italiane, è stata titolare di una concessione CONI del 1999 e, pertanto, è rientrata nel novero degli operatori avvantaggiati dalle gare (operatori, in particolare, che hanno beneficiato della disciplina sulle distanze che la Corte di Giustizia ha censurato nella sentenza Costa-Cifone); (ii) abbia partecipato alle gare Bersani, anche tramite altra società del suo gruppo; e, infine, (iii) se le vere ragioni della decadenza delle sue concessioni risiedano nell esercizio di attività illegali e non, come dichiarato dall operatore austriaco, nel semplice utilizzo di modalità transfrontaliera dell offerta. Nel caso in cui anche uno qualsiasi di tali accertamenti dovesse avere esito positivo, la società Goldbet non potrebbe sostenere di essere stata discriminata dalla normativa italiana, la quale, di conseguenza, sarebbe pienamente applicabile nei suoi confronti. La sentenza Costa Cifone ha riconosciuto la discriminazioni per gli intermediari di Stanley. Infatti, Stanley era stata illegittimamente esclusa dalle Gare CONI del 1999 e dal conseguimento delle relative concessioni, come giudicato dalle sentenze Gambelli e Placanica l accesso di Stanley al mercato non era stato utilmente ripristinato dalle gare Bersani del 2006, come giudicato dalla sentenza Costa-Cifone; ed in ogni caso Stanley aveva tempestivamente impugnato il bando Bersani ancora nel 2006 dinanzi al Giudice nazionale. Al contrario, tali discriminazioni non si sono verificate per gli intermediari di Goldbet. 4

5 2. COMMENTO E CONSEGUENZE DELLA DECISIONE DEL GIUDICE COMUNITARIO SULLA POSIZIONE DELLA SOCIETÀ GOLDBET SPORTWETTEN GMBH ALL INTERNO DELL ORDINAMENTO ITALIANO: Dal punto di vista dei principi generali, la decisione della Corte si articola secondo due precise direttive. I) Da un lato, essa conferma integralmente il costante insegnamento fornito in materia dalla giurisprudenza comunitaria. Alla stregua di tale insegnamento, I. i Paesi membri, nel settore delle scommesse, sono liberi di prevedere misure restrittive alle libertà del Trattato purchè siano rispettate le condizioni stabilite al riguardo dalla giurisprudenza della Corte; II. (soltanto) qualora tali condizioni non siano rispettate, la normativa in esame risulta (astrattamente) in contrasto con le disposizioni del Trattato. II) Dall altro, e in modo assolutamente innovativo, la decisione in parola pone finalmente termine all annosa questione relativa a chi e a che condizioni abbia titolo per chiedere la disapplicazione di una normativa nazionale che risulti astrattamente contraria al Trattato FUE. Dalla pronuncia, infatti, si ricava chiaramente che, ai fini della disapplicazione, non è sufficiente invocare l astratta contrarietà al diritto comunitario di una data normativa nazionale, ma occorre che il Giudice nazionale indaghi sulle concrete circostanze in cui si è trovato ad agire l operatore comunitario che asserisce di essere stato discriminato, nonchè sull esistenza di un effettiva discriminazione a suo carico: soltanto chi è stato effettivamente e concretamente pregiudicato da una disposizione nazionale, infatti, ha titolo per invocarne la disapplicazione. Per contro, in mancanza di un effettiva e concreta discriminazione, la normativa nazionale ivi compresa quella penale è e rimane pienamente applicabile. Come si dimostrerà nel prosieguo, la società Goldbet si trova esattamente in quest ultima condizione. Il primo dei suaccennati profili è affrontato dalla Corte nell ambito della risposta fornita alla prima questione pregiudiziale sollevata dal TAR Toscana. Con tale quesito, il Giudice italiano ha chiesto alla Corte di Giustizia di valutare se gli articoli 43 CE e 49 CE debbano essere interpretati nel senso che ostano a una normativa nazionale che imponga alle società interessate a esercitare attività collegate ai giochi d azzardo l obbligo di ottenere un autorizzazione di polizia, in aggiunta a una concessione rilasciata dallo Stato al fine di esercitare simili attività, e che limiti il rilascio di una siffatta autorizzazione segnatamente ai richiedenti che già sono in possesso di una simile concessione. A tale quesito, come anticipato, la Corte risponde nei seguenti termini: p.to 21: La Corte ha già dichiarato che la normativa nazionale di cui trattasi nei procedimenti principali, in quanto contiene il divieto penalmente sanzionato di esercitare attività nel settore dei giochi d azzardo in assenza di concessione o di autorizzazione di polizia rilasciata dallo Stato, comporta restrizioni alla libertà di stabilimento e alla libera prestazione dei servizi ; p.to 22: Restrizioni del genere possono tuttavia essere ammesse sulla base delle deroghe espressamente previste dagli articoli 45 CE e 46 CE, applicabili anche in materia di libera prestazione di servizi in forza dell articolo 55 CE, ovvero giustificate, conformemente alla giurisprudenza della Corte, da motivi imperativi di interesse generale ; p.to 25: Spetta tuttavia al giudice del rinvio verificare se il sistema di concessioni istituito dalla normativa nazionale, in quanto limita il numero di soggetti che operano nel settore dei giochi d azzardo, risponda realmente all obiettivo mirante a prevenire l esercizio delle attività in tale settore per fini criminali o fraudolenti. Del pari spetta a tale giudice verificare se queste restrizioni soddisfino le condizioni che risultano dalla giurisprudenza della Corte per quanto riguarda la loro proporzionalità ; 5

6 p.to 28: Di conseguenza, occorre rispondere alla prima questione dichiarando che gli articoli 43 CE e 49 CE devono essere interpretati nel senso che non ostano a una normativa nazionale che imponga alle società interessate a esercitare attività collegate ai giochi d azzardo l obbligo di ottenere un autorizzazione di polizia, in aggiunta a una concessione rilasciata dallo Stato al fine di esercitare simili attività, e che limiti il rilascio di una siffatta autorizzazione segnatamente ai richiedenti che già sono in possesso di una simile concessione. La seconda e più innovativa indicazione contenuta nella sentenza in esame è sviluppata dalla Corte in occasione della risposta al secondo quesito pregiudiziale, con cui il Giudice del rinvio ha chiesto di sapere se gli articoli 43 CE e 49 CE debbano essere interpretati nel senso che ostano a una normativa nazionale quale l articolo 38, comma 2, del decreto Bersani e l articolo 23, comma 3, dello schema di convenzione che, da un lato, tutela le posizioni commerciali acquisite dagli operatori esistenti prevedendo, in particolare, determinate distanze minime tra gli esercizi dei nuovi concessionari e quelli degli operatori esistenti e, dall altro, prevede la decadenza della concessione per le attività di raccolta e di gestione delle scommesse nell ipotesi che il concessionario gestisca direttamente o indirettamente attività transfrontaliere di gioco assimilabili a quelle gestite dall AAMS ovvero giochi d azzardo proibiti dall ordinamento giuridico nazionale. Sul punto, la Corte fornisce le seguenti inequivocabili risposte: p.to 31: Il contenuto di tale questione è sostanzialmente identico a quello delle questioni sulle quali la Corte si è già pronunciata nella citata sentenza Costa e Cifone ; 1 p.to 34: Tuttavia, le parti del procedimento dinanzi alla Corte sono in disaccordo sul punto se le situazioni di cui trattasi nei procedimenti principali siano o meno paragonabili a quelle all origine di detta sentenza e, in particolare, se la Goldbet e i ricorrenti nei procedimenti principali abbiano subito un pregiudizio dalle disposizioni nazionali di cui la Corte ha dichiarato l incompatibilità con il diritto dell Unione ; p.to 35: Orbene, sebbene la Corte abbia già avuto occasione di rilevare che la situazione di un gestore di un CTD collegato alla Goldbet si inserisce in un contesto giuridico e fattuale che è essenzialmente identico a quello che ha dato origine alla citata sentenza Costa e Cifone (ordinanza del 16 febbraio 2012, Pulignani e a., C413/10, punto 3), al riguardo essa si è fondata su una [mera] constatazione del giudice del rinvio nella causa che ha dato origine a tale ordinanza. p.to 35: Nei presenti procedimenti spetta quindi al giudice del rinvio valutare il contesto fattuale e le conseguenze che gliene derivano dalla citata sentenza Costa e Cifone. Da quanto precede, discendono le seguenti, chiarissime, conclusioni: il giudice nazionale deve verificare la concreta situazione in cui si è trovato ad operare l allibratore in questione e l'effettiva esistenza di pregiudizi causati da tale normativa. In assenza della prova di un effettiva discriminazione, la normativa nazionale pur astrattamente contraria al diritto dell Unione è e rimane pienamente applicabile. 1 Al riguardo, la Corte ricorda che (p.ti 32 e 33): Per quanto riguarda la prima parte di tale questione, al punto 66 di detta sentenza, [essa aveva] dichiarato che gli articoli 43 CE e 49 CE, nonché i principi di parità di trattamento e di effettività, devono essere interpretati nel senso che ostano a che uno Stato membro che abbia escluso, in violazione del diritto dell Unione, una categoria di operatori dall attribuzione di concessioni per l esercizio di un attività economica e che cerchi di rimediare a tale violazione mettendo a concorso un numero rilevante di nuove concessioni protegga le posizioni commerciali acquisite dagli operatori esistenti prevedendo, in particolare, determinate distanze minime tra gli esercizi dei nuovi concessionari e quelli di tali operatori esistenti. Per quanto riguarda la seconda parte di questa stessa questione relativa all articolo 23, comma 3, dello schema di convenzione, [essa aveva] osservato ai punti 89 e 90 di detta sentenza che tale disposizione non era formulata in modo chiaro, preciso e univoco e che, in tali circostanze, non si può addebitare ad un operatore il fatto di aver rinunciato a presentare una candidatura per una concessione in assenza di qualsiasi sicurezza sul piano giuridico, fintanto che permaneva incertezza riguardo alla conformità del suo modus operandi alle disposizioni della convenzione da sottoscrivere al momento dell attribuzione di una concessione. 6

7 LA POSIZIONE SPECIFICA DI GOLDBET SPORTWETTEN GMBH. La Corte di Giustizia fornisce al Giudice del rinvio specifiche direttive d indagine dirette a verificare, in concreto, se l operatore Goldbet sia stato effettivamente discriminato dalla normativa italiana in materia di scommesse e possa, conseguentemente, chiederne la disapplicazione. A tal fine (p.ti 36 e 37), essa richiede al TAR Toscana di accertare: 1. se la Goldbet, prima di decadere dai suoi diritti, ha partecipato alle procedure di rilascio di concessioni ed ha ottenuto alcune concessioni tramite una società italiana controllata, [per] valutare se una constatazione del genere comporti che la Goldbet debba essere considerata far parte degli operatori esistenti che, in realtà, erano avvantaggiati dalle norme sulla distanza minima obbligatoria tra i punti di raccolta scommesse, riguardanti unicamente gli esercizi dei nuovi concessionari ; 2. se tale operatore abbia [effettivamente, N.d.R.] rinunciato a candidarsi per una concessione a causa dell incertezza del diritto derivante dall articolo 23, comma 3, dello schema di convenzione ; 3. se la decadenza di Goldbet sia stata pronunciata per il fatto che la Goldbet ha offerto giochi non autorizzati oppure solamente perché essa esercita attività transfrontaliere (al riguardo, la Corte specifica che soltanto In quest ultima ipotesi, gli articoli 43 CE e 49 CE ostano a una normativa nazionale che impedisca di fatto qualsiasi attività transfrontaliera nel settore del gioco indipendentemente dalla forma di svolgimento della suddetta attività ). Ebbene, le attestazioni notarili, le sentenze dei Giudici amministrativi, gli atti pubblici e tutti gli altri documenti ufficiali (prodotti in giudizio) dimostrano, inequivocabilmente, che Goldbet Sportwetten non è mai stata discriminata dalla normativa italiana in materia di scommesse, con la conseguenza che tale normativa risulta pienamente applicabile nei suoi confronti. Goldbet era titolare di una concessione CONI del Come risulta dagli atti notarili e dalla documentazione AAMS, Goldbet Sportwetten, attraverso la sua controllata totalitaria Goldbet Italia S.r.l., era divenuta titolare, ben prima dello svolgimento delle gare Bersani, della concessione CONI no Ebbene, è proprio con riferimento alle concessioni CONI che il decreto Bersani aveva previsto ed attuato il divieto di aprire i nuovi punti vendita al di sotto di una distanza di sicurezza da quelli già esistenti. Ne discende che Goldbet, proprio perchè ha pienamente usufruito della clausola sulle distanze minime che ha concretamente tutelato anch essa, ponendola al riparo dalla concorrenza e consentendole così di lucrare indebiti vantaggi concorrenziali (cfr. il p.to 53 della sentenza Costa e Cifone cit.) è stata beneficiata (e non pregiudicata!) da tale previsione e, pertanto, non ha alcun titolo invocarne la disapplicazione. Vero motivo della mancata partecipazione di Goldbet Sportwetten alla procedura Bersani. Goldbet Sportwetten non ha potuto partecipare alla gara Bersani per una preliminare e assorbente ragione di diritto italiano, che rende assolutamente irrilevante e meramente ipotetica e conseguentemente preclude ogni successiva ed eventuale argomentazione di diritto comunitario: ai sensi del par. 4.2 del capitolato d oneri che disciplinava la gara Bersani (rubricato Soggetti legittimati a partecipare alla procedura di selezione ), infatti, erano tassativamente esclusi dalla procedura di selezione i candidati che presentassero situazioni di controllo e/o collegamento, ai sensi dell articolo 2359 del codice civile, con altri candidati separatamente partecipanti alla procedura di selezione, ovvero di qualsivoglia riconducibilità al medesimo centro di interessi e/o decisionale, rispetto ad altri candidati alla procedura di selezione. 7

8 In altri termini, la mancata partecipazione della società austriaca alla gara Bersani indipendentemente da qualsivoglia questione di diritto comunitario eventualmente prospettabile è stata la diretta ed ineluttabile conseguenza del fatto che già un altra società facente parte del suo medesimo centro di interessi e decisionale (Goldbet Italia, appunto) partecipava alla stessa procedura. 2 Motivi della decadenza. Le ragioni che hanno indotto l AAMS a dichiarare la decadenza delle concessioni di Goldbet non hanno nulla a che vedere né con asserite violazioni del diritto dell Unione commesse dallo Stato italiano, né con i rilievi formulati nella sentenza Costa e Cifone con riferimento alla situazione specifica di Stanley. Invero, il provvedimento di decadenza emesso dall AAMS si fonda esclusivamente sulla circostanza che tale operatore dirottava illegalmente e surrettiziamente i consumatori italiani, dal proprio sito web ufficiale, sottoposto al controllo delle Autorità italiane e recante il logo AAMS, verso siti stranieri non autorizzati ed inibiti. 3 Anche in questo caso, non sussiste alcuna ragione che legittima Goldbet ad invocare la disapplicazione della normativa italiana. Alla luce di quanto precede, può senza dubbio affermarsi che considerato l insegnamento fornito dalla sentenza in esame in ordine alla necessità di verificare, in concreto, l esistenza di specifici pregiudizi quale effetto di una normativa contraria al Trattato, tenuto conto che nessuna discriminazione risulta essere stata perpetrata nel caso di specie la normativa italiana in materia di scommesse risulta pienamente applicabile nei confronti dell operatore Goldbet Sportwetten GMBH. Per informazioni, chiarimenti, inoltro di documentazione chiamare o mandare al dipartimento legale di Stanleybet: È noto infatti che, nell ordinamento italiano, gli effetti della partecipazione ad una procedura ad evidenza pubblica si estendono per molti versi anche a tutte le società facenti parte del medesimo gruppo o, comunque, tra di loro collegate. Più precisamente, ciò che assume rilievo ai fini della partecipazione a una gara pubblica è il concetto schiettamente sostanziale di centro di interessi e/o decisionale (il cui fondamento risiede, tra l altro, nella necessità di evitare alterazioni concorrenziali, frodi ai consumatori, elusioni del divieto di concentrazioni, cartelli societari). In definitiva, anche se si trattava di due soggetti formalmente distinti, il fatto stesso che tra Goldbet Sportwetten e Goldbet Italia fosse intercorso un rapporto di collegamento e controllo, ha fatto sì che gli stessi, per l ordinamento italiano, fossero considerati come facenti parte del medesimo centro di interessi e/o decisionale e che quindi ciò che più conta in questa sede la partecipazione di Goldbet Italia alla gara Bersani impedisse, de iure (par. 4.2 del capitolo d oneri cit.), la contemporanea partecipazione di Goldbet Sportwetten. 3 In relazione al provvedimento di sospensione emesso dall AAMS prima della dichiarazione di decadenza, il TAR Lazio ha osservato quanto segue (sentenza n /2008, confermata dal Consiglio di Stato) l atto impugnato è una statuizione cautelare emanata in relazione all uso strumentale dei citati portali internet per veicolare siti WEB offerenti giochi illeciti e/o non autorizzati nel territorio della Repubblica [ ]; siffatta misura è posta in base a stringenti regole della convenzione delle due concessioni per l immediata tutele dell interesse pubblico alla diffusione del solo gioco lecito così come è governato e autorizzato per legge dall AAMS [ ]; l AAMS ha verificato sia l identità di logo e di sito WEB della ricorrente e della controllante austriaca che commercializza on line il gioco illecito, sia la situazione di controllo intercorrente tra le due Società, sia varie segnalazioni di terzi al riguardo, sia, infine, la circostanza che il sito WEB goldbet.com sia stato oggetto di varie inibizioni ai sensi dell art. 1, c. 50 della l. 27 dicembre 2006 n. 296 e di continue modifiche di dominio, vicende tutte, queste, che costituiscono indizi gravi, precisi e concordanti, ossia tutt altro che speciosi o irrilevanti, per iniziare il procedimento di decadenza ed approfondirne gli accertamenti del caso [ ]; non osta, di per sé sola, la natura oggettivamente transfrontaliera della raccolta on line di giochi e/o scommesse, in quanto ciò che rileva è una raccolta diversa da quella lecita, ossia sfruttando i portali autorizzati per i giochi concessi dall AAMS per consentire alla concessionaria o ad un impresa terza ma ad essa collegata l'offerta di giochi diversi ed illeciti. 8

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 12 settembre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 12 settembre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 12 settembre 2013 (*) «Libertà di stabilimento Libera prestazione dei servizi Articoli 43 CE e 49 CE Giochi d azzardo Raccolta di scommesse Presupposti per l autorizzazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 12 settembre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 12 settembre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 12 settembre 2013 (*) «Libertà di stabilimento Libera prestazione dei servizi Articoli 43 CE e 49 CE Giochi d azzardo Raccolta di scommesse Presupposti per l autorizzazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*) «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione di servizi Concessioni di servizio pubblico Rinnovo di 329 concessioni

Dettagli

TAR LAZIO, SEZ. II SENTENZA n. 2230/08. (..) Le ricorrenti dichiarano d esser, l una, una primaria impresa tedesca per

TAR LAZIO, SEZ. II SENTENZA n. 2230/08. (..) Le ricorrenti dichiarano d esser, l una, una primaria impresa tedesca per TAR LAZIO, SEZ. II SENTENZA n. 2230/08 Omissis In fatto (..) Le ricorrenti dichiarano d esser, l una, una primaria impresa tedesca per la distribuzione, attraverso reti telematiche, del gioco del lotto

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

CONCLUSIONI DELL'AVVOCATO GENERALE NILS WAHL presentate il 26 novembre 2015 (1) Causa C 375/14. Procedimento penale a carico di Rosanna Laezza

CONCLUSIONI DELL'AVVOCATO GENERALE NILS WAHL presentate il 26 novembre 2015 (1) Causa C 375/14. Procedimento penale a carico di Rosanna Laezza CONCLUSIONI DELL'AVVOCATO GENERALE NILS WAHL presentate il 26 novembre 2015 (1) Causa C 375/14 Procedimento penale a carico di Rosanna Laezza (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Tribunale

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 22 ottobre 2014, C-344/13 e C367/13

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 22 ottobre 2014, C-344/13 e C367/13 Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 22 ottobre 2014, C-344/13 e C367/13 Sentenza 1 Le presenti domande di pronuncia pregiudiziale vertono sull interpretazione degli articoli 46 e 49 CE, divenuti

Dettagli

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione POLIZIA DI STATO Questura di Udine Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione Norme principali di riferimento in materia di scommesse e gioco Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT)

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) L articolo 4 prevede che, allo svolgimento in Italia di servizi trasfrontalieri e di quelli

Dettagli

Brevi note in tema di compatibilità con le norme comunitarie delle disposizioni nazionali restrittive in materia di giochi e scommesse

Brevi note in tema di compatibilità con le norme comunitarie delle disposizioni nazionali restrittive in materia di giochi e scommesse Giovanni MIGLIORELLI Brevi note in tema di compatibilità con le norme comunitarie delle disposizioni nazionali restrittive in materia di giochi e scommesse CONTRIBUTI E SAGGI Tutti sanno che la disciplina

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE

CORTE DI GIUSTIZIA UE CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 03-06-2010 nel procedimento C-203/08 Art. 49 CE Restrizioni alla libera prestazione dei servizi Giochi d azzardo Esercizio del gioco d azzardo su Internet Normativa che riserva

Dettagli

SENTENZA N. 144 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco GALLO Presidente -

SENTENZA N. 144 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco GALLO Presidente - SENTENZA N. 144 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco GALLO Presidente - Luigi MAZZELLA Giudice - Gaetano SILVESTRI " - Sabino

Dettagli

Distanze e Pubblica Amministrazione

Distanze e Pubblica Amministrazione Capitolo 8 Distanze e Pubblica Amministrazione Caso 8.1 Nel rilasciare i permessi di costruzione, il Comune deve tutelare l esistenza di diritti di terzi sugli immobili? I provvedimenti abilitativi della

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.2.2013 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 142/2009, presentata da R.A.J., cittadino italiano, corredata di due firme, sull'intervento

Dettagli

OGGETTO: apparecchi per la raccolta a distanza dei giochi pubblici (Totem).

OGGETTO: apparecchi per la raccolta a distanza dei giochi pubblici (Totem). Roma, 3 maggio 2010 Agli Uffici Regionali e loro Sezioni distaccate Loro sedi Agli Uffici della Direzione per i giochi Sede Prot. n1325 /Strategie/UCA Al Responsabile per le attività normative, legali

Dettagli

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) «Artt. 43 CE, 49 CE e 81 CE Concessione relativa alla gestione del servizio pubblico di distribuzione

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.6026/08 Reg.Dec. N. 7116 Reg.Ric. ANNO 2006 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

CAPITOLO VI L OSCURAMENTO. 1. L offerta di gioco transfrontaliera e il c.d. oscuramento

CAPITOLO VI L OSCURAMENTO. 1. L offerta di gioco transfrontaliera e il c.d. oscuramento CAPITOLO VI L OSCURAMENTO 1. L offerta di gioco transfrontaliera e il c.d. oscuramento Allo sviluppo del gioco on line si è affiancato il fenomeno dell offerta di gioco transfrontaliera da parte di operatori

Dettagli

COMPATIBILITÀ DELLA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI GIOCHI E

COMPATIBILITÀ DELLA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI GIOCHI E COMPATIBILITÀ DELLA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI GIOCHI E SCOMMESSE CON I PRINCIPI COMUNITARI Sommario: 1. Introduzione 2. Il quadro normativo italiano che regola l attività di raccolta delle scommesse

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI

OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA DELL UNIONE EUROPEA AGGIORNATO AL 29 FEBBRAIO 2012 A CURA DI MARIA NOVELLA MASSETANI Sentenza della Corte di Giustizia dell Unione Europea nella causa C-204/09 Flachglas

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011 61987J0186 SENTENZA DELLA CORTE DEL 2 FEBBRAIO 1989. - IAN WILLIAM COWAN CONTRO TRESOR PUBLIC. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL TRIBUNAL DE GRANDE INSTANCE DI PARIGI. - TURISTI IN QUANTO

Dettagli

FORUM PA 2004 CONVEGNO I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA UE IN MATERIA DI GIOCO PUBBLICO: IL PRINCIPIO DELLA RISERVA DI LEGGE DA PARTE

FORUM PA 2004 CONVEGNO I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA UE IN MATERIA DI GIOCO PUBBLICO: IL PRINCIPIO DELLA RISERVA DI LEGGE DA PARTE FORUM PA 2004 CONVEGNO I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA UE IN MATERIA DI GIOCO PUBBLICO: IL PRINCIPIO DELLA RISERVA DI LEGGE DA PARTE DELLO STATO E I RIFLESSI SUL LIBERO MERCATO Intervento dell'avvocato dello

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca NOTA A TAR LAZIO, SEZIONE TERZA, 26 febbraio 2013, n. 2106 A cura di Simone Luca Il diritto di accesso e le specifiche ragioni di tutela del segreto industriale e commerciale Con la sentenza in esame,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento - Dentisti - Condizione della residenza

Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento - Dentisti - Condizione della residenza Sentenza della Corte (Sesta Sezione) del 18 gennaio 2001 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento

Dettagli

PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa

PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa PIETRO QUINTO Ordinanza TAR Piemonte: il dibattito sul ricorso principale e ricorso incidentale nel processo amministrativo si sposta in Europa Dopo la sentenza del TAR Lazio, che si è apertamente discostata

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE III PENALE Composta dagli IlI.mi Sigg.: Dott. Lupo Ernesto Dott. Teresi Alfredo Dott.a Squassoni Claudia Dott. Amoroso

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 8 settembre 2005 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 8 settembre 2005 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 8 settembre 2005 (*) «Imposte dirette Imposta sui redditi da risparmio e investimenti Convenzione tributaria Sgravi fiscali riservati agli assicurati presso il sistema

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE PEDRO CRUZ VILLALÓN. presentate il 5 settembre 2013 (1) Causa C-327/12. Ministero dello Sviluppo Economico

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE PEDRO CRUZ VILLALÓN. presentate il 5 settembre 2013 (1) Causa C-327/12. Ministero dello Sviluppo Economico CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE PEDRO CRUZ VILLALÓN presentate il 5 settembre 2013 (1) Causa C-327/12 Ministero dello Sviluppo Economico e Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENTENZA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENTENZA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. LXXXIX n. 17 SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA (TERZA SEZIONE) 12 SETTEMBRE 2013. CAUSE RIUNITE C-660/11 E C-8/12 (DANIELE BIASCI E ALTRI

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Cooperazione giudiziaria in materia civile e commerciale Competenza in materia di obbligazioni alimentari Regolamento (CE)

Dettagli

composta dal sig. J.N. Cunha Rodrigues, Presidente di Sezione, dai sigg. U. Lõhmus, A. Rosas, A.Ó Caoimh (relatore) e A. Arabadjiev, giudici,

composta dal sig. J.N. Cunha Rodrigues, Presidente di Sezione, dai sigg. U. Lõhmus, A. Rosas, A.Ó Caoimh (relatore) e A. Arabadjiev, giudici, SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 14 giugno 2012 (*) «Concorrenza Articolo 101 TFUE Settore automobilistico Regolamento (CE) n. 1400/2002 Esenzione per categorie Sistema di distribuzione selettiva

Dettagli

consumatori; in prosieguo: il «BVV»), in merito alla legalità delle modalità di commercializzazione di tali voli. Contesto normativo 3 A termini del

consumatori; in prosieguo: il «BVV»), in merito alla legalità delle modalità di commercializzazione di tali voli. Contesto normativo 3 A termini del Biglietti aerei online: è il cliente a scegliere se assicurarsi contro l annullamento del volo Corte di Giustizia UE, nella causa C 112/11. commento e testo Avvocati.it Chi vende biglietti aerei su internet

Dettagli

Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2010/2011. Decisioni della Corte di Giustizia delle comunità Europee

Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2010/2011. Decisioni della Corte di Giustizia delle comunità Europee Dipartimento di Economia e Diritto Sez. Diritto dell economia Facoltà di Economia Dottorato di ricerca in Diritto pubblico dell economia Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2010/2011

Dettagli

MOTIVI DELLA DECISIONE

MOTIVI DELLA DECISIONE MOTIVI DELLA DECISIONE Con sentenza in data 8.3.2011 il Tribunale di Lecce sezione di Tricase riconosceva XXXXXX XXXXXXXX responsabile del reato di cui all art. 4, co. 1 e 4 bis, L. nr. 401/1989 e, con

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 23 APRILE 2015 180/2015/E/GAS DECISIONE DEL RECLAMO PRESENTATO DALLA CH4 S.R.L. NEI CONFRONTI DELLA SOCIETÀ ITALIANA PER IL GAS P.A. ITALGAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 10 ottobre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 10 ottobre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 10 ottobre 2013 (*) «Assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli e controllo dell obbligo di assicurare tale responsabilità

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Prot. n. 1034/CGV Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Rimozione dei casi di offerta in assenza di autorizzazione, attraverso rete telematica, di giochi,

Dettagli

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo)

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) In: Politica, Primopiano 19 dicembre 2014-17:39 (Jamma) Con 162 voti favorevoli, 37 contrari e nessun

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttive 90/619/CEE e 92/96/CEE Assicurazione diretta sulla vita Diritto di rinuncia Assenza di informazione sulle condizioni

Dettagli

[Carlo Parodi Francesco Vigano'] DPC.IT

[Carlo Parodi Francesco Vigano'] DPC.IT Una (problematica) sentenza della Cassazione in tema di raccolta abusiva di scommesse e di rapporti tra diritto interno e diritto dell Unione europea Nota a Cass. pen., Sez. III, 16 maggio 2012 (ud. 8

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 21 febbraio 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 21 febbraio 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 21 febbraio 2013 (*) «Direttiva 85/384/CEE Reciproco riconoscimento dei titoli del settore dell architettura Articoli 10 e 11, lettera g) Normativa nazionale che riconosce

Dettagli

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI

RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI RECUPERO DI CREDITI VERSO LA P.A.: I CASI DI BLOCCO ALLE ESECUZIONI A causa delle difficoltà finanziarie in cui versano molte amministrazioni pubbliche, negli ultimi anni vari provvedimenti sono stati

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA NEGOZIATA

DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA NEGOZIATA DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA NEGOZIATA Spettabile Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Veterinari Via Castelfidardo, 41 00185 Roma Appalto Lavori di manutenzione straordinaria e ristrutturazione

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 5, paragrafo 2, e 6 della direttiva 2008/7/CE

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 43 Ammissione al Registro Revisori ex l. n. 132/1997 (Corte Cost. 20.1.2004, n. 35)

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 43 Ammissione al Registro Revisori ex l. n. 132/1997 (Corte Cost. 20.1.2004, n. 35) DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 43 Ammissione al Registro Revisori ex l. n. 132/1997 (Corte Cost. 20.1.2004, n. 35) febbraio 2004 AMMISSIONE AL REGISTRO REVISORI EX L. N. 132/1997 (CORTE COST. 20.1.2004

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 ottobre 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 ottobre 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 ottobre 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Libera prestazione dei servizi Restrizioni Normativa tributaria Redditi costituiti da vincite da giochi d azzardo Differenza

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 settembre 2015

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 settembre 2015 CONSULTA ONLINE SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 settembre 2015 «Rinvio pregiudiziale Reti e servizi di telecomunicazioni Direttive 2002/19/CE, 2002/20/CE, 2002/21/CE, 2002/22/CE Libera circolazione

Dettagli

La SCIA agevola l avvio dell attività

La SCIA agevola l avvio dell attività La SCIA agevola l avvio dell attività L a modifica apportata alla legge 122/10 ha carattere di principio generale e stabilisce che possono essere intraprese con la Scia le attività non sottoposte a limite

Dettagli

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato l autorizzazione alla raccolta

Dettagli

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno La scuola di specializzazione vale un anno di pratica forense Scuole Bassanini, la frequenza vale un anno di pratica. Lo ha ribadito la quarta sezione del Consiglio di Stato con la decisione 5353/05 (depositata

Dettagli

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario Semplificazione dell azione amministrativa,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL FINANZGERICHT HAMBURG. - INCOMPETENZA DEI GIUDICI NAZIONALI A

Dettagli

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente Cons. di Stato Dec. 4613 del 04.09.2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE sul ricorso in

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*) «Mercato interno Direttiva 98/34/CE Norme e regole tecniche Procedura d informazione nel settore delle norme e delle regolamentazioni tecniche Slot

Dettagli

Seminario ITALIADECEDE - AEQUA 9 marzo 2015 Contributo alla discussione: l in house providing nella Direttiva 2014/23/UE

Seminario ITALIADECEDE - AEQUA 9 marzo 2015 Contributo alla discussione: l in house providing nella Direttiva 2014/23/UE Seminario ITALIADECEDE - AEQUA 9 marzo 2015 Contributo alla discussione: l in house providing nella Direttiva 2014/23/UE di Piermassimo Chirulli 1.- Com è noto il concetto di in house providing 1, usata

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta Membro designato dalla Banca

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale?

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale? Questo scritto è in corso di pubblicazione in Giurisprudenza Costituzionale n. 5/2004 I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2006/7902/GIOCHI/UD Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Misure per la regolamentazione della raccolta a distanza delle scommesse del bingo e

Dettagli

PMA eterologa ed età limite per la donna. Tar Veneto, sez. III, sentenza 8 maggio 2015, n. 501 (Pres. Settesoldi, est. Farina)

PMA eterologa ed età limite per la donna. Tar Veneto, sez. III, sentenza 8 maggio 2015, n. 501 (Pres. Settesoldi, est. Farina) PMA eterologa ed età limite per la donna Tar Veneto, sez. III, sentenza 8 maggio 2015, n. 501 (Pres. Settesoldi, est. Farina) PMA Fecondazione eterologa Limite di età della donna per l accesso Età diversa

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 26 febbraio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 26 febbraio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 26 febbraio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Politica sociale Direttiva 2000/78/CE Parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro Articolo

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Agenzia delle Dogane e dei Monopoli IL VICEDIRETTORE Visto il regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, recante Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, ed in particolare l articolo 88 che disciplina

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA N. 00730/2014 REG.PROV.COLL. N. 00071/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità Autore: Luca PRATI e Francesco Maria SALERNO Data: 09.09.2014 Pubblicato su: www.lexambiente.it I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia

Dettagli

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA (esercitazioni della giovane avvocatura) AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA La Corte di Giustizia europea ha recentemente affrontato il tema che riguarda la possibilità della

Dettagli

MEDICI SPECIALIZZANDI: prescrizione del diritto al risarcimento del danno da tardivo recepimento della direttiva 82/76

MEDICI SPECIALIZZANDI: prescrizione del diritto al risarcimento del danno da tardivo recepimento della direttiva 82/76 MEDICI SPECIALIZZANDI: prescrizione del diritto al risarcimento del danno da tardivo recepimento della direttiva 82/76 La Corte di Giustizia, con sentenza resa nella causa C-452/09, ha affrontato la questione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...L esclusione, disposta per tardività della presentazione dell offerta (pervenuta oltre il termine di capitolato), è stata ritenuta legittima dalla sentenza impugnata,......non ha alcun fondamento

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 24 ottobre 2013 (*) Nella causa C-177/12,

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 24 ottobre 2013 (*) Nella causa C-177/12, SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 24 ottobre 2013 (*) Nella causa C-177/12, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell articolo 267 TFUE, dalla Cour

Dettagli

(domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Cour administrative, Lussemburgo)

(domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Cour administrative, Lussemburgo) CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE JULIANE KOKOTT presentate il 15 dicembre 2005 Causa C-10/05 Cynthia Mattern e Hajrudin Cikotic (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Cour administrative,

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole La pronuncia del Consiglio di Stato affronta il tema della richiesta di risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole,

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Sport dilettantistico: sponsorizzazioni e diritto di detrazione IVA

Sport dilettantistico: sponsorizzazioni e diritto di detrazione IVA Sport dilettantistico: sponsorizzazioni e diritto di detrazione IVA di Marco Peirolo L approfondimento La Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia ha esaminato il caso di una società che ha

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

La cedibilità dei crediti retributivi e le «tariffe salariali minime» nel distacco comunitario

La cedibilità dei crediti retributivi e le «tariffe salariali minime» nel distacco comunitario @bollettinoadapt, 23 febbraio 2015 La cedibilità dei crediti retributivi e le «tariffe salariali minime» nel distacco comunitario di Giovanna Carosielli Tag: #distaccocomunitario #tariffeminimesalariali

Dettagli

m) punto di commercializzazione, locale presso il quale è esercitata l attività di commercializzazione;

m) punto di commercializzazione, locale presso il quale è esercitata l attività di commercializzazione; Decreto del Direttore Generale dell Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato 21 marzo 2006 modificato ed integrato dal Decreto direttoriale 25 giugno 2007 Misure per la regolamentazione della raccolta

Dettagli

RUGGIERO CAFARI PANICO. Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano

RUGGIERO CAFARI PANICO. Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano RUGGIERO CAFARI PANICO Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano LE ATTIVITÀ FUNERARIE NEL DIRITTO EUROPEO: IL NUOVO DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA 1. Introduzione.

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze

Ministero dell economia e delle finanze Prot. n. 2011/666/Giochi/GAD Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Disciplina dei giochi di abilità nonché dei giochi di sorte a quota

Dettagli

Società partecipate dalle Regioni: le società in house

Società partecipate dalle Regioni: le società in house Al servizio di gente unica Società partecipate dalle Regioni: le società in house Osservatorio legislativo interregionale Roma, giovedì 15 aprile 2010 Gemma Pastore Servizio qualità della legislazione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02271/2015 REG.PROV.COLL. N. 03246/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA UE (Seconda Sezione) 21 ottobre 2015. Causa C-347/14

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA UE (Seconda Sezione) 21 ottobre 2015. Causa C-347/14 SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA UE (Seconda Sezione) 21 ottobre 2015 Causa C-347/14 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione dell articolo 1, paragrafo 1, lettera a),

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2011/11181/Giochi/ADI Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931,

Dettagli

Accoglimento totale del 29/07/2015 RG n. 28653/2015

Accoglimento totale del 29/07/2015 RG n. 28653/2015 R.G. 28653/2015 Tribunale di Milano Sezione VI civile Il Giudice, a scioglimento della riserva assunta in udienza, così provvede sul ricorso urgente proposto ex art. 140 VIII comma del Codice del Consumo

Dettagli