A l Ada Ravasi Rosetta (1974)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A l Ada Ravasi Rosetta (1974)"

Transcript

1 Le poesie Segue la raccolta di poesie utilizzate nella mostra virtuale. Si tratta di 24 poesie dialettali, 23 delle quali scritte e recitate dalla signora (1926-vivente) e una scritta e recitata dalla signora Marisa Colombo (1930-vivente). Entrambe le poetesse dialettali sono state premiate con Il Giovannino d oro, noto riconoscimento cittadino. Indice A l Ada Ravasi Rosetta (1974) A la Muscia Ravasi Rosetta (1976) A la Villa Borromeo Ravasi Rosetta (1989) Al biròcc Ravasi Rosetta (1993) Al Castell da Casaa Ravasi Rosetta (1994) Al de da Feragost Ravasi Rosetta (1984) Al lunedé dal feston Ravasi Rosetta (1976) Al punt da Casaa Ravasi Rosetta (1986) Al punt noeuf Ravasi Rosetta (1977) Cum è l era na voeulta Casaa Ravasi Rosetta (1982) In dua l è l dialétt da Casaa Ravasi Rosetta (1971) L capell d alpino Ravasi Rosetta (1985) L dè dal feston Ravasi Rosetta (1976) La banda da Casaa Ravasi Rosetta (2000) La cuntrada di buasc Ravasi Rosetta (1974) La cuntrada l è adree a murè Ravasi Rosetta (1984) La cuurt dal Leun d Oor Ravasi Rosetta (19 ) La Pierino Ghessi Ravasi Rosetta (2008) La via San Diuniis Ravasi Rosetta (1982) Né restaa voeugn sol Ravasi Rosetta (1993) Nient ghe al mund per mi puse bel Colombo Marisa O cuntrada di buasc Ravasi Rosetta (1993) Poeura cuntrada Ravasi Rosetta (2008)

2 A l Ada Ravasi Rosetta (1974) Questa poesia esprime l affetto che l autrice nutre nei confronti del fiume che bagna la sua città natale, l Adda. Ne descrive il suo corso, da dove nasce a dove sfocia; ne mette in risalto la bellezza nei vari momenti della giornata. Nella parte finale esprime un rammarico: a causa dell inquinamento, sono stati affissi dei divieti di balneazione ( I cart àn metuu foeura ) e di pesca e ora l Adda la si può solo guardare ( Goo da vardat apéna? ). È interessante sottolineare la possibile anfibologia della frase I cart àn metuu foeura (le carte han messo fuori) che si riferisce ai cartelli di divieto ma allude anche all affissione di un manifesto funebre (comunemente si dice hanno messo fuori le carte per dire hanno affisso il necrologio ). A l Ada Ada, Ada mia, ta nasat soeu n munt in Val Alpisela, ta pasat suta i punt e tuta bela, ta rivat infen che duè ca soo me. In dal lach da Com ta veet, ta vegnat foeura amò, ta pasat tanti paees e dopu ta vee n dal Po. Ta bagnat la Briansa, oh, quanta pruidensa da praa, da munt, da bosch, da gesi e campanétt. Ta bagnat la mia téra, l è fertila, l è béla, cul suu e cunt la luna pusee béla gha né gnaa vuna. Se specia dent l suu intant ca ta veet, l alba, l tramunt e l mesdè quant l è ardent. A la sira anca la luna la sa varda, la sa stima, in da l acqua lee la tréma, la surit e la sa scunt! Ada, Ada mia, ma incoeu cus è t an faa? I cart àn metuu foeura, al bagn sa poeu no fa e in guaj sa t al feet istéss, questa l è noeuva, sa poeu nò ciapà gnaa l péss, e inlura mè adess goo da vardat apéna? T al seet quant bee ta voeuri, ma senti mancà l fiaa, ma paar infen ca moeuri, n guton ma vee n di oeucc ma no perché soo vécc, perché t an velenaa! All Adda Adda, Adda mia, nasci sopra un monte in val Alpisella, passi sotto i ponti e tutta bella, arrivi fino qui dove ci sono anch io. Ti getti nel lago di Como, ne esci di nuovo, passi per tanti paesi e poi sfoci nel Po. Tu bagni la Brianza, oh quanta provvidenza di prati, di monti, di boschi, di chiese e campanili. Tu bagni la mia terra, è fertile, è bella, col sole e con la luna di più belle non ce n è nessuna. Ti si specchia dentro il sole intanto che vai, l alba, il tramonto e il mezzogiorno quanto è ardente. Alla sera anche la luna si guarda, si stima, nell acqua lei trema, sorride e si nasconde! Adda, Adda mia, ma oggi cosa ti han fatto? Le carte han messo fuori, il bagno non si può fare e guai se lo fai lo stesso, questa è nuova, non si può neanche più pescare e allora io adesso ti posso solo guardare? Sai quanto bene ti voglio, mi sento mancare il fiato, mi sembra addirittura di morire, una lacrima mi viene agli occhi ma non perché sono vecchia, ma perché ti hanno avvelenata!

3 A la Muscia Ravasi Rosetta (1976) L autrice, paragonando il canale Muzza a una donna e fingendo di rivolgersi a lei, ne mette in risalto lo splendore delle onde quando è calma e scorre lenta; la disprezza invece nei momenti di piena, quando le acque agitate, schiumose e rumorose (ta mugiat trad. muggisci) incutono timore nei cassanesi. Varie volte Cassano ha subìto le inondazioni causate dalle piene della Muzza, che hanno provocato non pochi danni ai cascinali che sorgono sulle rive. La poesia si conclude con la consapevolezza che, anche in questi momenti di paura, i cassanesi le vogliono bene lo stesso. A la Muscia Seet tant beela quant seet neta e ciara, e ta veet maestusa cum è na spusa, in mess i praa e i giardett, a parlà ma paar da sentett me innamuraa sto lé a sculta. Ta contat soeu i stori d'amur, da guera, di misteri e di glori. E cunt l onda ligera intanta ta veet; ma parat na sciura cui oeucc asor e vert, cum è ta seet beela inlura, innamurà ta feet, chi tà varda dal punt. Bèela inscié ta seet e i Casaness ta voeuran bee! Però na quei voeulta ta vee n poo tropp svelta, propri cum è una dona sensa coeur e cativa, cum è vuna ca gha la piva, o l è na bruntuluna. Ta s cepat soeu toeutt, ta distrugiat e veet, svelta cum è n cavall al trott, scuma ta feet, ta veet soeu volta, poeu ta veet giò toeut a un bott, ta fèèt pagura inlura. Chi ta varda dal punt, i pagn arent sa tira, che la pell d oca la sent quant ta mugiat a fort. Bruta inscié ta seet ma i Casanees, istess ta voeuran bee! Alla Muzza Sei tanto bella quanto sei pulita e chiara, e scorri vai maestosa come una sposa, in mezzo a prati e giardini, mi sembra di sentirti parlare e io innamorata sto lì ad ascoltarti. Racconti solo storie d amore, di guerra, di misteri e di gloria. E con l onda leggera intanto tu vai; mi sembri una signora dagli occhi azzurri e verdi, come sei bella allora, tu fai innamorare chi ti guarda dal ponte. Così bella tu sei, e i cassanesi ti vogliono bene! Però, qualche volta vai un po troppo veloce, proprio come una donna senza cuore e cattiva, come una che ha il broncio, o è una brontolona. Travolgi tutto, distruggi e vai, veloce come un cavallo al trotto, tu fai la schiuma, sali alta, poi scendi giù tutt a un tratto, incutendo così paura. Chi ti guarda dal ponte, tira a sé i panni, perché fai venire la pelle d oca quando muggisci 1 forte. Brutta sei così ma i cassanesi, ti vogliono bene lo stesso! 1 L autrice si riferisce al rumore provocato dall urto dell acqua del canale in piena contro le rive artificiali.

4 A la Villa Borromeo Ravasi Rosetta (1989) Negli anni Ottanta, la Villa Borromeo, in stato di abbandono, viene acquistata e restaurata da un privato cassanese. L autrice paragona il restauro della Villa, rimessa a nuovo, al lifting di una donna. Le viene rifatto il tetto (ghan rifaa l capell), le viene pulita e ridipinta la facciata del colore originale (ghan lavaa la facia / ghan metuu la vistina bela rosa e cenerina), le vengono aperte le imposte (dervii i ugètt), le viene strappata, depilata, tutta l erbaccia (ghan [ ] taja i cavej, depilaa i gamp e strepaa i caj), tanto che, afferma l autrice, arriva ad assomigliare ad una bambola di porcellana e la gente, al passaggio, si ferma incantata ad ammirarla. A la Villa Borromeo Ghan rifaa l capell ghan lavaa la facia dervii i ugètt ghan faa l shampoo e taja i cavej depilaa i gamp e strepaa i caj, ghan metuu la vistina bela rosa e cenerina. La par na pigota da purcelana ca sa presenta cunt dulcesa cunt un insema d armunia, s incantan a vardala toeucc quej ca pasa via. Alla Villa Borromeo Le han rifatto il cappello le han lavato la faccia e aperto gli occhietti le han fatto lo shampoo e tagliato i capelli depilato le gambe e tolto i calli, le han messo la vestina bella rosa e color cenere. Sembra una bambola di porcellana che si presenta con dolcezza con un insieme d armonia, si incantano a guardarla tutti coloro che passano via.

5 Al biròcc Ravasi Rosetta (1993) L autrice sogna un carretto (biròcc) che, trainato da un cavallo bianco e con a bordo una coppia di sposi, attraversa Cassano. Nella prima parte sono menzionati i luoghi per i quali passa: la stazione, la Cuntrada di Buasc (via San Dionigi), la Cuntrada Magiura (via Vittorio Veneto), Piazza Garibaldi, il Ruscètt (Ricetto), piazza dei Moroni (di fronte al Castello), il monumento a Perrucchetti, la Volta (zona a nord dove il Naviglio Martesana fa una curva a gomito). Arrivano infine alla fontana col delfino in piazza Garibaldi e si mettono in posa per fare una fotografia (sumejansa). Nella seconda parte c è la minuziosa descrizione degli abiti dei due sposi e, gli ultimi due versi, svelano la loro identità, il signor Cremonesi con la moglie Regina, coppia ben nota in città. Al biròcc Soo insugnada istanòcc ca pasava un biròcc suta a stanga un cavall bianch cal fava tròtt tròtt cul pass cadensaa batuu soeul selciaa. In giir per l paees da la cuntrada san Diuniis a la cuntrada magiura, la faa l giir da la piasa e l è indaa n Ruscètt pasandu dal purton, po, dal munument dal Peruchètt a la piasèta di Muron, l è indaa a la Voeulta e a la stasion, dopu l è turnaa indree e n piasa l s è fermaa cuntent che i machin ja sumenaa. Eran toeucc un poo surprees vidé n giir per l paees ste bell biròcc cul cavall bianch cal nitriva ogni tant. Soeul biròcc ghera i spuus surident, emusiunaa, ma eran spuus d un poo d ann fa, luu vistii toeutt n bloeu cunt camisa bianca e cravatina, lee un vistii a puaa da seda pura ligerina l umbrelen bianch e bloeu e na bianca bursetina. Danans da la funtana s'hin metuu n posa cunt n maa na roeusa per fa la sumejansa. Adéss l è bravu chi induina chi ghera soeul biròcc n giir per l paees, l era l Cremunees Cunt la sua Regina! Il carretto Mi son sognata stanotte che passava un carretto trainato da un cavallo bianco che faceva trot trot con il passo cadenzato battuto sul selciato. In giro per il paese da via San Dionigi alla contrada maggiore, ha fatto un giro in piazza ed è andato al Ricetto passando dal portone, poi, dal monumento di Perrucchetti alla piazzetta dei Moroni, è andato alla Volta e alla stazione, dopo è tornato indietro e in piazza di è fermato contento che le macchine *. Erano tutti un po sorpresi di vedere in giro per il paese questo bel carretto con il cavallo bianco che nitriva ogni tanto. Sopra il carretto c erano gli sposi sorridenti, emozionati, ma erano sposi di un po di anni fa, lui vestito tutto di blu con una camicia bianca e una cravatta, lei con un vestito a pois di seta pura, leggera l ombrellino bianco e blu e una borsettina bianca. Davanti alla fontana si sono messi in posa con in mano una rosa per fare la fotografia. Adesso è bravo chi indovina chi c era sul carretto in giro per il paese, era il Cremonesi con la sua Regina!

6 Al castéll da Casaa Ravasi Rosetta (1994) L autrice si rivolge al Castello di Cassano paragonandolo ad una persona. Lo loda per il ruolo di difesa che ha sempre svolto con zelo in favore dei milanesi in tempo di guerra, lo ricorda per le numerose battaglie affrontate e per i molti combattenti che nelle sue prigioni sono morti d inedia e di fame. Ne risalta la grandezza, la bellezza architettonica e l edera che, nell anno in cui la poesia è stata composta, ne ricopriva completamente le mura. Alla fine l autrice si chiede, retoricamente, se il fascino di Cassano rimarrebbe tale qualora non ci fosse la presenza del suo castello. Al castéll da Casaa Caar l me castéll chisà perché incoeu voeuri parlà da te. Ta seet béll e maestuus, dal tò pasaa gluriuus hin piee i libar da storia. A difent i milanees, a cascià via i nemiis tag ha lee missa tuta. Dal volt ta vidivat i suldaa ca cumbativa, i punt ca s cepavan. Tremavan i tò muur per pruvucà l terrur n chi cunquistat l cercava. Adéss ta seet toeut béll e l edera l ha quataa toeucc i muur di preson induè tanti suldaa han sufért e hin moort d inedia e da famm. Tà immurtalaa la storia cun fatti, legendi e gloria, e me cunt tant rispétt ta dumandi n dialétt: Casaa, l saria inscè béll Sensa l so castéll? Il castello di Cassano Caro il mio castello chissà perché oggi voglio parlare di te. Sei bello e maestoso, del tuo passato glorioso sono pieni i libri di storia. A difendere i milanesi, a cacciare via i nemici ce l hai messa tutta. Dall alto vedevi i soldati che combattevano, i ponti che crollavano. Tremavano le tue mura per incutere terrore in chi cercava di conquistarti. Adesso sei tutto bello e l edera ha coperto tutte le mura delle prigioni in cui tanti soldati hanno sofferto e sono morti d inedia e di fame. Ti ha immortalato la storia con fatti, leggende e gloria, e io con molto rispetto ti domando in dialetto: Cassano, sarebbe così bello senza il suo castello?

7 Al dè da Feragost Ravasi Rosetta (1984) Il giorno di ferragosto dell anno 1984, l autrice descrive poeticamente la desolazione della via Veneto, strada principale di Cassano, di solito trafficata e affollata. Afferma che tutti i negozi sono chiusi, tranne, ironia della sorte, quello delle pompe funebri ( Quéll di cass da moort! ). La poetessa ricorda come un tempo Cassano fosse luogo di villeggiatura per i più abbienti, grazie alla presenza dell Adda e della Muzza, un tempo balneabili, e come, anche nel giorno di ferragosto, i negozi rimanessero aperti almeno fino a mezzogiorno. Le possibilità economiche e i mezzi di trasporto stavano facendo sì che nei giorni festivi la gente iniziasse a spostarsi fuori città per raggiungere mète più amene. Come a richiamare l esclusiva apertura delle pompe funebri in un giorno festivo, nell ultimo verso Cassano in questo stato viene paragonata ad un cimitero. Al dè da Feragosto In cuntrada magiura ghè n giir nisoeugn ghè giò toeutt i clérr; e se, che a st uura, ghè sémpar vergoeugn. Ma incoeu soeu i butech ghè tacaa un cartéll, bianc, verdesen, rosa, ross, arancion o gialduréll e gh è scrett: ghè saraa soeu, infina l tal dè sa dérva poeu. Intanta ca voo n vérna là vardi amò sti cartej culuraa, ma ecu un os e sénsa cartéll e sbarataa, stranu, l è propri avért, ah! l è quéll di cass da moort! O Casaa Casaa desért perché mai tuta sta gent la ta banduna e la va via, la seent no un poo da nustalgia? Un temp ta serat paees da vilegiatura la Muscia e l Ada eran l maar e l acqua l era puura, per spiaggia la ciapera e l buschétt per cavar foeura. Anca i milanees vignivan che a ciapà la tintaréla e la frescura e i butech eran avért toeutt l dè e la dumeniga infen mesdè. O Casaa Casaa desért bruntuli quant l trafich l è tant ma incoeu a véss sinceer ta me daa l impresion d un cimiteer. Il giorno di Ferragosto In Contrada Maggiore 2 non c è in giro nessuno ci sono giù tutte le saracinesche e sì, che a quest ora, c è sempre qualcuno. Ma oggi sui negozi è appeso un cartello, bianco, verde chiaro, rosa, rosso, arancione o giallo chiaro e c è scritto: È chiuso, fino ad una tal ora non apre più. Intanto che mi sposto più in là guardo ancora questi cartelli colorati, ma ecco un uscio senza cartello e strano, è proprio aperto, ah! È quello delle casse da morto! O Cassano, Cassano deserta perché mai tutta sta gente ti abbandona e va via, non sente un po di nostalgia? Un tempo eri un paese di villeggiatura la Muzza e l Adda erano il mare e l acqua era pura, per spiaggia il traversino 3 e il boschetto per cambiarsi. Anche i milanesi venivano qui a prendere la tintarella e un po di fresco e i negozi erano aperti tutto il giorno e la domenica fino a mezzogiorno. O Cassano, Cassano deserta brontoli quando il traffico è tanto ma oggi ad essere sinceri mi sembri un cimitero. [spalancato, 2 La cuntrada magjura (trad. Contrada Maggiore) è l attuale via Veneto. 3 Si tratta di un tratto cementificato, di fronte al castello, che dà sia sulla Muzza che sull Adda, dove i fiumi si avvicinano per poi confluire. È la spiaggia dei cassanesi dove da sempre d estate la gente si reca a prendere il sole e a passare il tempo.

8 Al lunedé dal feston Ravasi Rosetta (1976) Il lunedì che segue la festa del paese di Cassano, la città è ancora in festa. In questa poesia sono descritte tutte la attività che si realizzano in paese durante questo giorno: dalla fiera del bestiame, con gare a premi; al pranzo nelle osterie del paese, ai giochi in piazza pomeridiani per poi arrivare, di sera, ai fuochi d artificio, che chiudono la sagra. Al lunedé dal feston L lunedé l era festa amò dopu l ufisi di mort dal paees matina bunura n piaseta di murun ghera la fera di vacch, di cavaj, di purscei, manseti e videj, catavan foeura quej pusse bej per dach n premi un bell nastron cunt la medaja e l diploma l padron. Ghera chi vendiva, chi crumpava chi fava afari, chi gha smenava. Indavan a mangià n dal Tavela la buséca o pulenta e casoeula. Al dopumesdè toeucc n piasa vidé l Rametuu a mangià la pastasucia, la corsa di asin, la corsa n di sacch, o cui carétt piee da bucétt, e po s cepavan i pignàtt. La cucagna, soeu e giò per sto paal toeucc spurch da scendar e grass rampegavan di uur sensa fermass, vurivan ciapà quel ca ghera soeu salam, cigutett, pulster e fiaschett. Dopu sèna, foeuch e salasen cascada da stèll, biciclèta ca sifula bagaj ca pianc da la pagura quant n oltim sparavan i murtee e adiiu feston fin l ann adree. Il lunedì di festa Il lunedì era ancora festa dopo l ufficio dei morti del paese la mattina presto in piazza dei Moroni c era la fiera delle mucche, dei cavalli, di maiali, manzi e vitelli, sceglievano quelli più belli per dare in premio un bel nastro con la medaglia e il diploma al padrone. C era chi vendeva, chi comprava chi faceva affari, chi ci perdeva. Andavano a mangiare dal Tavela 4, la trippa o polenta e casoeula. Dopo mezzogiorno tutti in piazza a vedere il Rametuu 5 mangiare la la corsa degli asini, la corsa nei sacchi, o con i carretti pieni di palline 6, e poi si rompevano le pentole 7. La cuccagna, su e giù per il palo tutti sporchi di cenere e grasso si arrampicavano per ore senza fermarsi, volevano prendere quel che c era su salame, salamino, pollo e fiaschetti. Dopo cena, fuochi e * cascata di stelle, bicicletta che fischia bambini che piangono dalla paura quando per ultimi sparavano i mortai 8 e addio festa fino l anno dopo. [pastasciutta, 4 Ristorante che oggi ha cambiato nome e che si trova presso il Ricetto, in pieno centro storico. Allora si chiamava Osteria dal Tavela, dal cognome del proprietario. 5 Si tratta di un curioso personaggio cassanese, conosciuto solo con questo soprannome di ignoto significato, che in occasione della sagra si esibiva in piazza presso l alzabandiera mangiando piatti e piatti di pastasciutta, alimento in quegli anni non ancora entrato in maniera abitudinale in casa dei cassanesi. Era uno spettacolo imperdibile per tutti i bambini del paese. 6 Curioso gioco che consisteva nel trascinare un carretto pieno di palline verso una mèta facendone cadere il meno possibile. 7 Altro gioco tipico, in cui appese ad un filo vi erano delle pentole di cui si ignorava il contenuto da rompere con un bastone. 8 I salasen sono i fuochi d artificio che si alzano diritti verso l alto, senza effetti; mentre per cascada da stèll si intendono quei fuochi d artificio che nel momento dell esplosione generano cascate di luce; i murtee sono i tre colpi finali che chiudono la rassegna di fuochi.

9 Al punt da Casaa Ravasi Rosetta (1986) L autrice immagina di rivolgersi ai due ponti, uno sull Adda, l altro sulla Muzza, che si trovano all ingresso di Cassano. Si dispiace per la loro sofferenza a dover sopportare il peso del traffico durante tutto il giorno. Li paragona a dei vecchietti innamorati, curvi sulla schiena (vegétt [ ] biacaa) e dice loro di aiutarsi l un l altro tenendosi per mano. Al momento del componimento della poesia, il traffico era convogliato tutto sui ponti di Cassano, poiché i ponti di Vaprio e di Rivolta erano in fase di ristrutturazione ( Laurà per trii trad. lavorare per tre). L autrice non manca di suggerire ai due ponti di scrivere una lettera di protesta a Giuseppe Zamberletti, allora capo della protezione civile, prima che sia troppo tardi e incomba su di loro il solito, tragico, finale ( Cunt la solita cunseguensa fatal ). Al punt da Casaa Caar i mé vegétt sdarenaa cerchii da sta n pee sii giamò toeutt biacaa, tigniis da maa bej franch m é duu innamuraa. Vutiis voeugn cunt l oltar n chi mument chè d emergensa che sto trafich esageraa soeu violtar l è toeutt pugia. Soeu la vosta s cena straca chi fa tutina, chi fa baraca n soeu e n giò da siira a matina, e da matina a siira, sensa lasaf fiadà sa duesuf fa cileca chisà che dispiesé. Va bee che l puerbi l diis: L vecc l ghaa i oss duur ma laurà per trii a la vosta età sicuur l è un imprudensa. Cerchii da fass intent da chi per cunuscensa l poeuda utegn dal voolt la custrusion d un punt d emergensa. Caar i mé vegètt scriviga a Zamberlett quel da la prutesion civil speci menga dopu quant sarii n estinsion final, cunt la solita cunseguensa fatal. Il ponte di Cassano Cari i miei vecchietti sderenati cercate di stare in piedi siete già tutti curvi, tenetevi forte per mano come due innamorati. Aiutatevi l uno con l altro nei momenti d emergenza che questo traffico esagerato è tutto appoggiato su di voi. Sulla vostra schiena stanca chi fa ******, chi fa baccano su e giù da sera a mattina, e da mattina a sera, senza lasciarvi fiatare se doveste crollare chissà che Va bene che il proverbio dice: Il vecchio ha le ossa dure ma lavorare per tre alla vostra età sicuro è un imprudenza. Cercate di farvi sentire da chi per conoscenza possa ottenere dai capi la costruzione di un ponte d emergenza. Cari i miei vecchietti scrivete a Zamberletti quello della protezione civile non aspettate dopo quando sarete in estinzione finale con la solita conseguenza fatale. [dispiacere

10 Al punt noeuf Ravasi Rosetta (1977) Nel 1977 a Cassano si era parlato della costruzione di un nuovo ponte sulla Muzza, nei pressi della stazione del treno, per alleggerire il traffico che passava in centro città dal ponte. I lavori avrebbero dovuto iniziare lo stesso anno, ma non vennero mai portati a termine e il ponte non venne costruito. L autrice descrive un gruppetto di anziani signori, che non sapendo come spendere le loro lunghe giornate, erano intenti a curiosare presso il luogo in cui si diceva sarebbe stato costruito il ponte, fantasticando sulla struttura e sulla lunghezza. La notizia rappresentava per loro una novità, nella monotonia del tempo che passa. Gli anziani signori rimarranno delusi, e potranno assistere alla costruzione del ponte solo una volta passati a miglior vita (àn vest l punt al munt da là). Al punt noeuf Setaa giò soeu i basei dadree da l Uspeda quatar o cinch pensiunaa sa ferman sempar a sbagulà. Luur san no mè pasà l dè, ghan poeu nigoeutt da fa, eran bùtua a laurà sti poeur gent gha manca l fiaa. Ma n dé, na nuità, un poo in ansia i a fa stà, s è sentuu ca faan un punt n soeu la Muscia, là n funt n duè la casina Ciara, chisà cum è l sarà lunch! E pass pass van pusse in là, sto grupett da pensiunaa, n poo per dé per no stracass luur prunt a voeuran vess per vidè pusse da rent cum è faran a fa sto punt. Ma l temp l pasa, che delusion, sem in Italia, mo l sa sa, la colpa da chi la sarà? Dal cumoeun, da la pruvencia, da la region, o eran prumess da elesion? Fatu sta, che l punt visen a la stasion nu l sa fa. E sti poeur pensiunaa che pass pass, s eran prigiaa per vidè fa soeu sto punt, àn vest l punt al munt da là. Il ponte nuovo Seduti sui gradini dietro l ospedale quattro o cinque pensionati si fermano sempre a chiacchierare. Loro non sanno come passare il giorno, non hanno più niente da fare, erano abituati a lavorare a questa povera gente manca il fiato. Ma un giorno, una novità li fa stare un po in ansia, si è sentito che fanno un ponte sopra la Muzza, lì in fondo dove c è la cascina Chiara 9, chissà come sarà lungo! E passo passo vanno più in là, sto gruppetto di pensionati, poco per volta, per non stancarsi. Loro vogliono essere pronti per vedere più da vicino come faranno a fare questo ponte. Ma il tempo passa, che delusione, siamo in Italia, e di solito si sa, la colpa di chi sarà? Del comune, della provincia, della regione, o erano promesse elettorali? Fatto sta, che il ponte vicino alla stazione non si fa. E poveri questi pensionati che passo passo si erano preparati per vedere costruire questo ponte: hanno visto il ponte nell altro mondo. 9 Cascina che oggi non esiste più, al suo posto sorge una villa.

11 Cum è l era na voeulta Casaa Ravasi Rosetta (1982) La poesia presenta Cassano nella prima metà del Novecento, nominando i luoghi più conosciuti del paese, descrivendo i cortili con gli animali che vi si potevano trovare, le gente che vi abitava e alcune delle loro abitudini. Cum è l era na voeulta Casaa Na voeulta l me Casaa un groeugn da cà e quatar gesi, tanti praa e tanti roogi, na quei casina spantegada da la Binaga fen la Brusada dai casen S. Pedar a S. Bernarden, da la Casota fen Grupell, da la Poora fen la Runsela. E poeu, la Taranta, la Curnela, l Rigulee, la Voeulta, l Funtanon, la Pila, l Mulen, l Ruscett, l Curaden, la cuntrada di buasc e l Furnasen, i punt da l Ada, dal Retort, da la Muscia, dal Navili e l punt dal pecc. Questu l era Casaa vecc. Stii bei curt, cunt i lingheri, i pugile e i lubion, i cumari, i maseri, i s ciati béli e sinceri. In di curt ghera i gaen cun la pita e i puresen, in di pulee ghera l galett e n la gabia l cunilen; in la stala la vachett, l cavall, l asnen, e magari l purscelen. Suuta i portich al malgon tacaa via a mass suuta l lubion i pom da tera suta i lécc o l cantarà, i bucon in un canton insiém ai légn da brusà questu l è l Casaa desmentegaa! Com era una volta Cassano Una volta la mia Cassano un gruppetto di case e quattro chiese, tanti prati e tante rogge, una qualche cascina sparsa dalla Binaga fino alla Bruciata da Cascine San Pietro e San Bernardino, dalla Casotta fino a Groppello, dalla Pora fino alla Roncella. E poi la Taranta, la Colonella, il Regoledo, la Volta, il Fontanone, la Pila, il Mulino, il Ricetto, il Corradino, la via San Dionigi e la Fornasetta, I ponti dell Adda, del Retorto, della Muzza, del Naviglio e il ponte del Pecchio. Questo era Cassano vecchia. Queste belle corti, con le ringhiere, i balconi ed i poggioli 10 le comari e le matrone 11 le ragazze belle e sincere. Nelle corti c erano le galline con la chioccia e i pulcini nei pollai c era il galletto e in gabbia il coniglietto; nella stalla la mucca, il cavallo, l asino, e magari il maiale. Sotto i portici il granoturco appeso a mazzi sotto il balcone le patate sotto i letti o nell armadio l interno del granoturco in un angolo insieme alla legna da ardere questa è Cassano dimenticata! 10 Per pugieou s intendono i balconcini in ferro mentre i lubion erano dei balconi più grandi e in legno. 11 Le cumari e le maseri erano le donne maggiori della famiglia, le capofamiglia, che avevano potere sulle nuore.

12 In duà l è l dialétt da Casaa Ravasi Rosetta (1971) L autrice, di ritorno a Cassano dopo un periodo trascorso lontano dalla città natale, si rammarica del fatto che in paese ormai non si senta quasi più parlare il dialetto locale ( l dialétt da Casaa l senti poeu). Elenca una serie di luoghi in cui è sopravvissuto (in Ruscèt, in cuntrada di buasc) e di persone che ancora lo parlano (da la Marètt), facendo esempi di qualche termine ricorrente tra le donne del posto (erburen, pom da tera, tumatis, carotul, selar, scigoll, erbion, persich e pom, magiostar, scires e galfion). La poesia si conclude con l invito dell autrice a non dimenticarsi del dialetto cassanese, poiché mantiene le tradizioni e la cultura della città. In duà l è l dialétt da Casaa O Casaa me ta cugnusi poeu, l è un poo ca soo turnaa ché ma l dialett da Casaa l senti poeu, cuss è voeur dé? Forsi sa lii lasà rubà o sa lii desmentegaa? Me senti poeu parlà. Giiri, scolti da ché e da là, senti parlà napuletaa, calabres, siciliaa, puglies, bergamasch, cremunes, veneniaa, bresciaa, genues, in duà l è l dialètt casanes? L è impusibil ca ghé no un quai voeugn ca la parla amò? Almenu quei che in nasuu ché in Ruscèt, o in cuntrada insem me! L dialett da Casaa l sa sent in cuntrada di buasc, da la Mariètt e un cicen amò in Ruscètt dué ca ghé na quei duneta che na quei volta amò diis: erburen, pom da tera, tumatis, carotul, selar, scigoll, erbion, persich e pom, magiostar, scires e galfion. Oh casanes, ragurdiis che l dialètt al mantee i tradision e la cultura d un paes, scultim, fii nò l martulot, sanò na pagarii i spes. Ai furestee ca vee a Casaa toeucc sem prunt a dach na maa, ma lur ciapan anca I pee e ma suteraran bee bee. Oh casanes, ca sii inscé bon, fii nò l martul e l cujon, perché poeu sarii padron me va l disi in ginugion! Dov è il dialetto di Cassano? O Cassano, io non ti riconosco più, è un po che sono tornata qui ma il dialetto di Cassano non lo sento più, come mai? Forse ve lo siete lasciati rubare o ve lo siete dimenticato? Io non lo sento parlare più. Giro, ascolto di qua e di là, sento parlare napoletano, calabrese, siciliano, pugliese, bergamasco, cremonese, veneziano, bresciano e genovese, dov è il dialetto cassanese? Possibile che non ci sia qualcuno che lo parli ancora? Almeno quelli che sono nati qui in Ricetto, o in contrada insieme a me! Il dialetto di Cassano si sente nella Cuntrada di Buasc, dalla Mariètt 12, e un pochino in Ricetto dove c è qualche donnetta che ogni tanto dice ancora: prezzemolo, patate, pomodori, carote, sedano, cipolle, piselli, pesche e mele, fragole e ciliegie * 13 O cassanesi, ricordatevi che il dialetto preserva le tradizioni e la cultura di un paese, ascoltatemi, non fate gli scemotti, altrimenti ne pagherete le conseguenze. Agli stranieri che arrivano a Cassano siamo tutti pronti a dare una mano, ma loro prendono anche i piedi e mi sotterreranno per bene. O cassanesi, che siete così buoni, non fate gli scemi e i coglioni, perché non sarete più i padroni ve lo dico in ginocchio! 12 Si tratta di Maria Confalonieri, signora nota a Cassano per aver raggiunto i 101 anni. 13 Altro tipo di ciliegia.

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria ins. Antonietta Scarcella Il Natale. Ogni anno arriva il Natale E noi bambini felici siamo. Tutti contenti per i doni che riceviamo, Anche gli adulti sono contenti,

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI I bisogni dei bambini e delle bambine sono stati chiamati DIRITTI. Un diritto stabilisce quello che ci è permesso fare e quello che deve fare chi si occupa di noi

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

(La Parata - parte II) -vai alla parte I. Il set cinematografico

(La Parata - parte II) -vai alla parte I. Il set cinematografico (La Parata - parte II) -vai alla parte I Il set cinematografico Mezzoretta più tardi i due cuccioli e nonno scarabocchio erano sul set del film. - Il posto in cui si gira un film, cuccioli miei, si chiama

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Poesie per il nuovo anno. Scritto da

Poesie per il nuovo anno. Scritto da Dopo avervi suggerito una serie di filastrocche e poesie per il nuovo anno da proporre in classe al rientro dalle vacanze, aggiungo altre poesie che vi potranno suggerire nuovi itinerari didattici. O anno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Destinazione 11. Ciao Maria!

Destinazione 11. Ciao Maria! Destinazione 11 Ciao Maria! Ciao Luca! Guarda oggi ho un regalino per te eh. No, ma veramente? No, non dovevi, ma oggi non è Natale, non è il mio compleanno, non è San Valentino, perché? Ma dai non c è

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

SCHIACCIARE DEI NUMERI

SCHIACCIARE DEI NUMERI Scuola dell'infanzia Barchetta Sezione 4 anni Ins.: Rosa Aggazio PROVIAMO AD ANDARE INDIETRO NEL TEMPO: ESTATE, MACCHINA FOTOGRAFICA E VIA ALLA RICERCA DI NUMERI! LE FOTO SONO UN OTTIMO AIUTO PER PORTARCI

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo!

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Oh che meraviglia... Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Inserto N. 4 2009 Carissimi bambini, ogni anno vi divertite un mondo a fare il vostro presepe e non vedete l ora di aggiungere

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti.

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Pronti per colorare? Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Ringraziamo tutte le maestre e le mamme

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa 5 Lei e Lui 1 Chi fa cosa? Lavora con un compagno. Insieme guardate questa famiglia: lei, lui, un bambino e una bambina. È mattina, tutti si sono appena svegliati e si preparano per uscire. Secondo voi

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

A.U.F. Costruire Cattedrali. Monologo teatrale con CARLO PASTORI. (Uno Spettacolo Duomo)

A.U.F. Costruire Cattedrali. Monologo teatrale con CARLO PASTORI. (Uno Spettacolo Duomo) Monologo teatrale con CARLO PASTORI liberamente ispirato al libro il Popolo del Duomo di Milano - di Martina Saltamacchia, curatrice della mostra AD USUM FABRICAE con Carlo Pastori Testi di Paolo Covassi

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli

SPETTACOLO DI NATALE 2014

SPETTACOLO DI NATALE 2014 Sabato 20 Dicembre 2014 SPETTACOLO DI NATALE 2014 TUTTO IL MONDO FESTEGGIA IL NATALE Carissime famiglie, mamme, papà, fratelli, sorelle, nonni, zii Benvenuti a tutti! Eccoci anche quest anno alle porte

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

RIFLESSIONI DEI RAGAZZI AL TERMINE DELLA VACANZA...

RIFLESSIONI DEI RAGAZZI AL TERMINE DELLA VACANZA... RIFLESSIONI DEI RAGAZZI AL TERMINE DELLA VACANZA... Sii lodato mio Signore per tutte le creature del mondo. Sii lodato mio Signore per le montagne, il mare e le cose naturali. Sii lodato mio Signore per

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

La montagna è come una scala: prima sale e poi scende. La montagna è una roccia grigia come un muro. La montagna assomiglia alla lettera A.

La montagna è come una scala: prima sale e poi scende. La montagna è una roccia grigia come un muro. La montagna assomiglia alla lettera A. LA MONTAGNA La montagna è normale non va al centro commerciale, se la vedi è speciale non sta mai male. Non smette di stupire lo posso ben dire, ha piedi accoglienti e bordi non taglienti; è buona, ma

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Natale, primo pomeriggio

Natale, primo pomeriggio Natale, primo pomeriggio «Ha un nome, quell attrezzo?» «Sei sicuro che sia quello che vuoi sapere? Il nome di questo attrezzo?» «No. Per la verità era un pretesto. Voglio capire che cosa ci fa, lei, al

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli