VIMOSERVIZI SPA. Via C. Battisti,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VIMOSERVIZI SPA. Via C. Battisti, 52 20090"

Transcript

1 VIMOSERVIZI SPA Vimoservizi S.p.A. Società per Azioni Vimodrone, Via C. Battisti, Codice Fiscale : Data Inizio : 04/02/1999 Data fine : 31/12/2050 Partecipazione del Comune : 99,97% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 OGGETTO SOCIALE: PER LE FINALITA PREVISTE DALLA CITATA LEGGE N. 142 LA SOCIETA' HA AD OGGETTO: LA GESTIONE DI ARCHIVI STORICI, BIBLIOTECHE E MUSEI; LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE, SIA IN PROPRIO CHE IN CONCESSIONE, DI IMPIANTI DI PRODUZIONE, TRASPORTO, DISTRIBUZIONE DEI GAS, ANCHE LIQUEFATTI, NONCHE' IL LORO COMMERCIO ED OGNI ALTRA ATTIVITA' CONNESSA O COLLEGATA COL SERVIZIO GAS; COMPRESA LA GESTIONE DI CENTRALI TERMICHE E DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO (GESTIONE CALORE); LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI ACQUEDOTTI, FOGNATURE, DEPURATORI ED OGNI ALTRO IMPIANTO RIENTRANTE NELLA GESTIONE DEL CICLO COMPLETO DELLE ACQUE; LA RACCOLTA, IL RECUPERO, IL TRASPORTO E LO SMALTIMENTO DI TUTTI I GENERI DI RIFIUTI CON LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI DISCARICHE CONTROLLATE, DI PIATTAFORME ECOLOGICHE E DI IMPIANTI A TECNOLOGIA COMPLESSA, NONCHE' TUTTE LE ATTIVITA' INERENTI L'IGIENE URBANA E LA SALVAGUARDIA ECOLOGICA ED AMBIENTALE DEL TERRITORIO; L'ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DI SERVIZI, ANCHE DI TIPO AMMINISTRATIVO, PER CONTO DEI COMUNI, ENTI IN GENERE E LORO CONSORZI, IMPRESE E PRIVATI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE OPERE ED AI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA'; LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI IMPIANTI TECNOLOGICI SOPRA E SOTTO IL SUOLO; LA PROGETTAZIONE, LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DI IMPIANTI TECNOLOGICI E DI STRUTTURE EDILI; LA PROGETTAZIONE E LA DIREZIONE PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DI OPERE PUBBLICHE; LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI AREE URBANE: PARCHI, GIARDINI ED AREE ADIBITE A PUBBLICO TRANSITO; L'AUTOTRASPORTO MERCI ANCHE PER CONTO TERZI; LA PULIZIA, LA GESTIONE E LA CUSTODIA DI IMMOBILI; LA GESTIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA; LA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI; LA GESTIONE DI SERVIZI DI INFORMAZIONE GENERALE E DI PUBBLICITA', LA COMPRAVENDITA DI SPAZI, TEMPI E MATERIALI PUBBLICITARI. POTRA' INOLTRE ASSUMERE DIRETTAMENTE OD INDIRETTAMENTE, MA NON COME ATTIVITA' PREVALENTE E NON AI FINI DI COLLOCAMENTO NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO, INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETA' ITALIANE AVENTI OGGETTO ANALOGO, AFFINE O CONNESSO AL PROPRIO (CON ESCLUSIONE DELLE ATTIVITA' DI CUI ALLA LEGGE N. 1/1991 DISCIPLINANTE LE SOCIETA' DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE) NONCHE' RILASCIARE A FAVORE DI TERZI NELL'INTERESSE PROPRIO E DELLE SOCIETA' OD ENTI DI PARTECIPAZIONE FIDEJUSSIONI O GARANZIA REALI

2 MEMBRI DEL CDA : Ing. Massimo Pelti Amministratore Unico Rappresentante dell Ente : Ing. Massimo Pelti

3 CONCOSSOLA SRL Concossola S.r.l. in liquidazione Società a Responsabilità Limitata Gandino, P.zza Vittorio Veneto, Codice Fiscale : Data Inizio : 03/05/1996 Data fine : 31/12/2050 Partecipazione del Comune : 2% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 OGGETTO SOCIALE - LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE, SIA IN PROPRIO CHE IN CONCESSIONE, DI IMPIANTI DI PRODUZIONE, TRASPORTO, DISTRIBUZIONE DEI GAS, ANCHE LIQUEFATTI, NONCHE' IL LORO COMMERCIO ED OGNI ALTRA ATTIVITA' CONNESSA O COLLEGATA COL SERVIZIO GAS, COMPRESA LA GESTIONE PER CONTO TERZI DI CENTRALI TERMICHE E DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO (GESTIONE CALORE); - LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE, SIA IN PROPRIO CHE IN CONCESSIONE, DI ACQUEDOTTI, FOGNATURE, DEPURATORI ED OGNI ALTRO IMPIANTO RIENTRANTE NELLA GESTIONE DEL CICLO COMPLETO DELLE ACQUE; LA RACCOLTA IL RECUPERO, IL TRASPORTO E LO SMALTIMENTO DI TUTTI I GENERI DI RIFIUTI CON LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI DISCARICHE CONTROLLATE, DI PIATTAFORME ECOLOGICHE E DI IMPIANTI A TECNOLOGIA COMPLESSA, NONCHE' TUTTE LE ATTIVITA' INERENTI L'IGIENE URBANA E LA SALVAGUARDIA ECOLOGICA ED AMBIENTALE DEL TERRITORIO; - L'ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DI SERVIZI, ANCHE DI TIPO AMMINISTRATIVO, PER CONTO DEI COMUNI, ENTI IN GENERE E LORO CONSORZI, IMPRESE E PRIVATI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE OPERE ED AI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA'; - LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI IMPIANTI TECNOLOGICI SOPRA E SOTTO IL SUOLO; - LA PROGETTAZIONE DI IMPIANTI TECNOLOGICI, DI OPERE EDILI E STRADALI, DI AREE VERDI, DI PIANI URBANISTICI PER CONTO DEI COMUNI, ENTI IN GENERE E LORO CONSORZI, IMPRESE E PRIVATI; - LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA NONCHE' LA COSTRUZIONE A NUOVO DI IMMOBILI, EDIFICI, ANCHE DI VALENZA STORICA, STRADE, IMPIANTI SPORTIVI E QUANT'ALTRO RIGUARDI L'EDILIZIA IN GENERE; - LA PROGETTAZIONE, LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI FARMACIE; - LA PROGETTAZIONE, LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI QUALSIASI TIPO DI IMPIANTO OCCORRENTE ALLA PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA, ANCHE DERIVANTE DALLA COGENERAZIONE DEL GAS METANO; - L'IMPRESA DI POMPE FUNEBRI E QUANT'ALTRO NECESSARIO PER TALE SERVIZIO; - LA PROGETTAZIONE, LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI; - IL TELECONTROLLO DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, DEPURAZIONE, DISTRIBUZIONE GAS, ACQUA ED ENERGIA E DI QUALSIASI IMPIANTO PER TALE CONTROLLO; - LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI AREE URBANE: PARCHI, GIARDINI ED AREE ADIBITE A PUBBLICO TRANSITO; - L'AUTOTRASPORTO MERCI ANCHE PER CONTO TERZI, L'IMPIANTO, LA GESTIONE E L'ESERCIZIO DI SERVIZI E MEZZI DI TRASPORTO, NONCHE' L'ATTIVITA' DI RIPARAZIONE DEGLI AUTOBUS SOCIALI E DI TERZI; - LA PULIZIA, LA GESTIONE E LA CUSTODIA DI IMMOBILI;

4 - LA GESTIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA E DI INFORMAZIONE GENERALE; - LA GESTIONE DI ARCHIVI STORICI, BIBLIOTECHE E MUSEI. IL TUTTO CON ESPRESSA ESCLUSIONE DELLO SVOLGIMENTO DI QUALSIASI ATTIVITA' CHE SIA RISERVATA AD ISCRITTI IN ALBI PROFESSIONALI. ESSA POTRA' ALTRESI' COMPIERE TUTTE LE OPERAZIONI COMMERCIALI, INDUSTRIALI E FINANZIARIE, MOBILIARI ED IMMOBILIARI, RITENUTE DALL'ORGANO AMMINISTRATIVO NECESSARIE OD UTILI PER IL CONSEGUIMENTO DELL'OGGETTO SOCIALE. LA SOCIETA' POTRA' INOLTRE CONCEDERE FIDEJUSSIONI, PRESTARE AVALLI E CONSENTIRE ISCRIZIONI IPOTECARIE SUGLI IMMOBILI SOCIALI A GARANZIA DI DEBITI E OBBLIGAZIONI ANCHE DI TERZI, NONCHE' ASSUMERE, SIA DIRETTAMENTE CHE INDIRETTAMENTE, INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETA' O IMPRESE AVENTI OGGETTO ANALOGO O AFFINE AL PROPRIO. LE ATTIVITA' FINANZIARIE NON POTRANNO MAI COSTITUIRE OGGETTO PRINCIPALE DELLA SOCIETA', NE' ESSERE SVOLTE NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO. MEMBRI DEL CDA : Attualmente in liquidazione. Liquidatore Gallizioli Antonio Rappresentante dell Ente : Attualmente in liquidazione. Liquidatore Gallizioli Antonio

5 CIMEP Consorzio Intercomunale Milanese Edilizia Popolare Ente Milano, Via Pirelli Giovanni Battista, Codice Fiscale : Data Inizio : 01/01/1997 Data fine : 01/01/2022 Partecipazione del Comune : 6,0 % Oneri finanziari per l Ente: 6.550,00 Finalità : Si tratta di un consorzio di funzioni che attua l art. 1 della L. n. 267 del 18/04/1962 Rappresentanti dell Ente L Assessore al Servizio Gestione e Tutela del Territorio, Giovanni Passera, è stato delegato con decreto del sindaco n. 7 del 14/06/2006 a rappresentare il Comune di Vimodrone nell Assemblea. Membri del CDA Presidente Cazzaniga Franco V. Presidente Massari Paolo Baldassarre Gianfranco Capelli Ferruccio Giordano Francesco Petroli Paolo Chiesa Luciano Poddesu Marino Anzani Mario

6 EMIL Emil Est Milano Impresa e Lavoro SCRL Società Consortile a Responsabilità Limitata Melzo, Via Martiri della Libertà, Codice Fiscale : Data Inizio : 28/11/2005 Data fine : 27/11/2008 Partecipazione del Comune : 2%% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 Finalità : Coincidenti con l oggetto sociale OGGETTO SOCIALE: LA SOCIETA' CONSORTILE, CHE NON HA FINI DI LUCRO PROPRI, ATTRAVERSO LA REALIZZAZIONE IN COMUNE DEI DIVERSIFICATI INTERESSI DEI CONSORZIATI, HA IL SEGUENTE SCOPO: 1) - SOSTENERE LO SVILUPPO ECONOMICO LOCALE ATTRAVERSO LA PROMOZIONE DI NUOVE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI, LA DIFFUSIONE DI TECNOLOGIE AVANZATE, L'INNOVAZIONE DEI PRODOTTI E DEI PROCESSI INDUSTRIALI E GESTIONALI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO GRANDE/PICCOLA IMPRESA; 2) - PROMUOVERE LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE ATTRAVERSO IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA' DELL'OFFERTA PROFESSIONALE, L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE, DELL'ORIENTAMENTO, DELLA FORMAZIONE CONTINUA E PERMANENTE. IN PARTICOLARE DI PROGETTARE LO SVILUPPO, LA GESTIONE DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E DELLE ATTIVITA' AD ESSE COLLEGATE, AI VARI LIVELLI ED IN OGNI SETTORE OVE SIA APPLICABILE; 3) - ATTUARE LA PROMOZIONE DI INIZIATIVE E SERVIZI ALLE IMPRESE ED AGLI ENTI LOCALI A SUPPORTO DELLO SVILUPPO LOCALE, DELL'INNOVAZIONE E DELL'E-GOVERNMENT; 4) - RAFFORZARE IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE LOCALE IN TERMINI DI SERVIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE POTENZIALITA' COMPETITIVE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (INFORMAZIONE E ORIENTAMENTO) E DELLA CAPACITA' DI ATTRAZIONE DEL TERRITORIO (MARKETING TERRITORIALE). SONO ESCLUSE DALL'OGGETTO SOCIALE TUTTE LE ATTIVITA', LE INIZIATIVE E GLI INTERVENTI ATTINENTI LE POLITICHE DELLA MOBILITA', DELLA PIANIFICAZIONE E DELLO SVILUPPO ECOLOGICO DEL TERRITORIO. L'OGGETTO SOCIALE, A TITOLO ESEMPLIFICATIVO E NON ESAUSTIVO, POTRA' DECLINARSI COME DI SEGUITO INDICATO: PER QUANTO ATTIENE IL MERCATO DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE - PROMUOVERE E GESTIRE INIZIATIVE DI ORIENTAMENTO, FORMAZIONE ED ACCOMPAGNAMENTO CON PROGETTI SPECIFICI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO DELLA DISOCCUPAZIONE DI LUNGA DURATA; - PROMUOVERE E GESTIRE AZIONI FORMATIVE DI RIQUALIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEI LAVORATORI PER FAVORIRNE UN SEMPRE PIU' IDONEO POSIZIONAMENTO ALL'INTERNO DELLE DINAMICHE DI MERCATO; - PROMUOVERE L'INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO, CONSIDERANDO LE ESIGENZE DELL'IMPRESA, LE CARATTERISTICHE PROFESSIONALI, PERSONALI E LE PROPENSIONI DEI CANDIDATI ESPRESSE IN SEDE DI COLLOQUIO. - SVOLGERE ATTIVITA' DI RICERCA E PRESELEZIONE DEL PERSONALE. - PIANIFICARE, ATTIVARE E CONDURRE AZIONI SPECIFICHE DI ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE VOLTE A FAVORIRE LO SVILUPPO OCCUPAZIONALE DEL TERRITORIO; - GESTIRE PROCESSI INDIVIDUALI O COLLETTIVI DI RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE; - AMPLIARE LA CONOSCENZA DEL MERCATO DEL LAVORO LOCALE, ANCHE CON L'UTILIZZO DI APPOSITI STRUMENTI INFORMATICI PER UN CONTINUO MONITORAGGIO ED AGGIORNAMENTO DEL

7 QUADRO DI RIFERIMENTO, AVVALENDOSI ANCHE DELLE RILEVAZIONI GIA' IN ATTO DA PARTE DI SOGGETTI PRIVATI O PUBBLICI CHE OPERANO IN TALE AMBITO; PER QUANTO ATTIENE IL SOSTEGNO ALLO SVILUPPO LOCALE: - PROMUOVERE INIZIATIVE VOLTE A FAVORIRE L'INSEDIAMENTO DI ATTIVITA' PRODUTTIVE E DI SERVIZIO NEL TERRITORIO (MARKETING TERRITORIALE - ACCRESCERE NELL'AREA EST MILANO L'ATTIVITA' DI RICERCA,DI SVILUPPO E DI FORMAZIONE - INCENTIVARE NELL'AREA DI COMPETENZA LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE OPERATIVE. - VALORIZZARE IL PATRIMONIO DI CONOSCENZE TECNICHE SCIENTIFICHE ESISTENTI SUL TERRITORIO - FAVORIRE L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LOCALI - FAVORIRE LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE ATTRAVERSO UN'AIUTO AI NEO IMPRENDITORI - ATTRARRE INVESTIMENTI VERSO I CAMPI DI ATTIVITA' MENO RAPPRESENTATI LOCALMENTE - CONCORRERE ALLA CRESCITA DI UN TERZIARIO DI PIU' ALTO LIVELLO ED ORIENTATO AD OFFRIRE UN'AMPIA VARIETA' DI PRESTAZIONI - APPRONTARE STUDI DI FATTIBILITA' TECNICA ED ECONOMICA E FINANZIARIA RELATIVI SIA ALLE ATTIVITA' DA SVOLGERE SIA ALLE STRUTTURE DESTINATE A RACCOGLIERLE. PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLO SCOPO SOCIALE, LA SOCIETA' PUO' IN PARTICOLARE: - INDIVIDUARE I FINANZIAMENTI E LE AGEVOLAZIONI PUBBLICHE, REGIONALI, NAZIONALI E COMUNITARIE USUFRUIBILI PER REALIZZARE GLI INTERVENTI, IVI COMPRESI QUELLI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE; - OTTENERE DA ENTI PUBBLICI E/O PRIVATI FINANZIAMENTI PER REALIZZARE GLI INTERVENTI ESCLUSA COMUNQUE OGNI ATTIVITA' DI RACCOLTA DEL RISPARMIO NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO E NEL PIU' AMPIO RISPETTO DI QUANTO RIPORTATO DALLE LEGGE 2 GENNAIO 1991 N. 1; - INDIVIDUARE ANCHE ISTITUTI PUBBLICI E/O PRIVATI DISPONIBILI A FINANZIARE, A TASSI FAVOREVOLI, LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, PER FACILITARE IL LORO INSEDIAMENTO, RISTRUTTURAZIONE E REINSEDIAMENTO STIPULANDO, OVE DEL CASO, CONVENZIONI CON TALI ISTITUTI. INOLTRE, IN COORDINAMENTO CON LE ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALE E CON GLI ISTITUTI ED ENTI PREPOSTI ALLA PROMOZIONE COMMERCIALE, LA SOCIETA' PUO': - FAVORIRE IL SOSTEGNO OCCUPAZIONALE ED INTRAPRENDERE TUTTE LE AZIONI FORMATIVE NECESSARIE PER FACILITARE L'AVVIAMENTO AL LAVORO E LO SVILUPPO DELL'IMPRENDITORIA LOCALE; - PROMUOVERE AZIONI DIMOSTRATIVE A BENEFICIO DI PRODOTTI E/O PROCESSI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI, SVILUPPATI DALLE IMPRESE COLLEGATE; - METTERE A DISPOSIZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, LE PROPRIE STRUTTURE PER SUPPORTARE SOTTO IL PROFILO ORGANIZZATIVO, TECNICO, FINANZIARIO E GESTIONALE LO SVILUPPO DEL TESSUTO INDUSTRIALE ED ECONOMICO DEL TERRITORIO; - DARE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, NELLA FASE DI AVVIAMENTO, ASSISTENZA E SERVIZI PER I DIVERSI ASPETTI GESTIONALI. LA SOCIETA' PUO' COMPIERE, IN VIA NON PREVALENTE, TUTTE LE OPERAZIONI COMMERCIALI, INDUSTRIALI, MOBILIARI E IMMOBILIARI RITENUTE DALL'ORGANO AMMINISTRATIVO NECESSARIE OD UTILI PER IL CONSEGUIMENTO DELL'OGGETTO SOCIALE NONCHE' QUELLE FINANZIARIE PURCHE' NON NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO ED AL SOLO FINE DI REALIZZARE L'OGGETTO SOCIALE. E' ESCLUSA L'ATTIVITA' DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE DISCIPLINATA DALL'ART. 2 DELLA LEGGE 2 GENNAIO 1991 N. 1. ESSA PUO', SEMPRE IN VIA NON PREVALENTE, PROCEDERE ALL'ASSUNZIONE - SIA DIRETTAMENTE, SIA INDIRETTAMENTE - DI INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETA', IMPRESE E CONSORZI,QUALORA TALE ASSUNZIONE NON SIA FINALIZZATA ALL'ALIENAZIONE DI DETTE INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI MA CONCRETIZZI UNA PATRIMONIALIZZAZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLO SCOPO SOCIALE. Membri del CDA : Presidente del CDA e Amministratore Delegato, e Direttore Generale BOLIS LUIGI PALERMO MARIO GODANO DOMENICO ZAFFARANO NICOLA FERLISI PIETRO

8 CAP HOLDING SPA Cap Holding SpA Società per Azioni Rozzano, Centro Direzionale Milanofiori Palazzo Q7/Q8 Codice Fiscale : Data Inizio : 06/04/2001 Data fine : 31/12/2100 Partecipazione del Comune : 1,19% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 OGGETTO SOCIALE : LA SOCIETA' HA PER OGGETTO L'ESERCIZIO DELLE SEGUENTI ATTIVITA': - L'ASSUNZIONE E LA GESTIONE, IN ITALIA ED ALL'ESTERO, DI PARTECIPAZIONI IN QUALSIASI FORMA, E QUINDI ANCHE TOTALITARIE O DI CONTROLLO IN ALTRE SOCIETA' ED ENTI SIA PURE CONSORTILI ED ASSOCIATIVI, ANCHE INTERVENENDO ALLA LORO COSTITUZIONE; LE SOCIETA' IN QUALSIASI FORMA PARTECIPATE DOVRANNO AVERE PER OGGETTO LA GESTIONE E L'EROGAZIONE DI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IN PRIMO LUOGO I SERVIZI AFFERENTI IL CICLO INTEGRATO DELLE ACQUE OLTRE CHE PER CONTO E NEL TERRITORIO DEI COMUNI SOCI ANCHE PER CONTO E NEL TERRITORIO DI ALTRI COMUNI, LORO SOCIETA' O CONSORZI, DI ENTI PUBBLICI E DI SOGGETTI PRIVATI SIA IN ITALIA CHE ALL'ESTERO; - IL COORDINAMENTO SOTTO IL PROFILO PATRIMONIALE, FINANZIARIO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED ORGANIZZATIVO DELLE SOCIETA' ED ENTI IN CUI PARTECIPA; - LA PROGETTAZIONE, LA REALIZZAZIONE, L'ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E LA MANUTENZIONE DI OGNI OPERA E/O IMPIANTO NECESSARI O FUNZIONALI O COMUNQUE CORRELATI ALLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' E DEI SERVIZI SVOLTI DALLE SOCIETA' PARTECIPATE; - L'ACQUISIZIONE, LA SPERIMENTAZIONE E L'APPLICAZIONE DI NUOVE TECNOLOGIE AFFERENTI LE ATTIVITA' DI CUI AL PRECEDENTE PUNTO; - LA GESTIONE DI OGNI ALTRA COMPETENZA ED ATTIVITA' CONNESSA AI SERVIZI ESPLETATI, ATTA A GARANTIRE IL SODDISFACIMENTO DELLE NECESSITA' DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE E/O DI SOGGETTI PRIVATI; - LA PROPRIETA', L'AMMINISTRAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI BENI, DELLE RETI, DEGLI IMPIANTI E DELLE ALTRE DOTAZIONI PATRIMONIALI ACCESSORIE DESTINATI AI PUBBLICI SERVIZI DI COMPETENZA DEGLI ENTI LOCALI A NORMA DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE, IN PARTICOLARE DESTINATI AL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO, CON IL VINCOLO DI MANTENERNE LA RELATIVA DESTINAZIONE, NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA COMUNITARIA E NAZIONALE IN MATERIA DI SERVIZI PUBBLICI LOCALI; IN PARTICOLARE E RELATIVAMENTE A QUANTO SOPRA PROVVEDE: A. ALLA PIANIFICAZIONE OPERATIVA DEGLI INTERVENTI; B. ALLA PROGETTAZIONE, LA REALIZZAZIONE DELLE NUOVE RETI ED IMPIANTI; C. ALLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE DI RETI ED IMPIANTI ESISTENTI ED ALLA MANUTENZIONE STRAORDINARIA PROGRAMMATA; D. AREA APPALTI, CONTRATTI, ESPROPRI; E. ALTRE ATTIVITA' TECNICHE: STUDI E RICERCHE, SERVIZIO GEOLOGICO, CARTOGRAFIA (GIS); F. ALTRE ATTIVITA' DI SUPPORTO: ATTIVITA' AMMINISTRATIVE, ECONOMICO-FINANZIARIE, CONTROLLO DI GESTIONE, APPROVVIGIONAMENTI, MAGAZZINO, RAPPORTI ISTITUZIONALI

9 (CONTRATTO DI SERVIZIO CON EE.LL., ATO, ECC.); - LA GESTIONE DI OGNI ALTRA COMPETENZA ED ATTIVITA' CONNESSA ALL'AMMINISTRAZIONE DEI BENI DI CUI SOPRA, ATTA A GARANTIRE IL SODDISFACIMENTO DELLE NECESSITA' DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. ESSA POTRA' INOLTRE COMPIERE, IN VIA NON PREVALENTE E NEL RISPETTO DELLE NORME DI LEGGE, TUTTE LE OPERAZIONI COMMERCIALI, INDUSTRIALI E FINANZIARIE, MOBILIARI ED IMMOBILIARI RITENUTE DALL'ORGANO AMMINISTRATIVO NECESSARIE OD UTILI AL CONSEGUIMENTO DELL'OGGETTO SOCIALE; ESSA POTRA' PRESTARE FIDEIUSSIONI, AVALLI ED OGNI ALTRA GARANZIA E CIO' PER DEBITI PROPRI E DI SOCIETA' CONTROLLATE O COLLEGATE; POTRA' ASSUMERE MUTUI FONDIARI O IPOTECARI CONCEDENDO IPOTECHE SU PROPRI IMMOBILI. RIMANGONO TASSATIVAMENTE ESCLUSE LE OPERAZIONI DI CARATTERE FIDUCIARIO, LA RACCOLTA DEL RISPARMIO SOTTO QUALSIASI FORMA, L'ESERCIZIO PROFESSIONALE SOTTO QUALSIASI FORMA DEL CREDITO, DELLE ATTIVITA' DI CUI ALLA LEGGE , N. 1, DI OGNI ALTRA ATTIVITA' FINANZIARIA O PROFESSIONALE RISERVATE PER LEGGE ED IN GENERE QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO. MEMBRI DEL CDA : Presidente, Delegato e Delegato, Delegato, Vicepresidente, MAZZANI GIANFRANCO PAGANINI MAURO MUSELLA GRAZIANO GUASCONI AMBROGIO ERNESTO MALINVERNO MARCO STANGA AMBROGIO ADDISI LUIGI CALOGERO RADICE IDA NORA SPINELLI FABIO OCCHI GIOVANNI Rappresentanti dell Ente Il Sig. Francesco Marino è stato delegato con decreto del sindaco n. 11 del 23/11/1999 a rappresentare il Comune di Vimodrone nell Assemblea. Per questa funzione non percepisce alcun stipendio.

10 NAVIGLI LOMBARDI SCARL Navigli Lombardi SCARL Società Consortile a Responsabilità Limitata Milano, Via Copernico, Codice Fiscale : Data Inizio : 05/07/2004 Data fine : 04/07/2014 Partecipazione del Comune : 0,20% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 Finalità : Coincidenti con l oggetto sociale OGGETTO SOCIALE: LO SVOLGIMENTO, NELL'INTERESSE DEI SOCI CONSORZIATI, DI TUTTE LE ATTIVITA' TECNICHE, ORGANIZZATIVE, AMMINISTRATIVE E LEGALI NECESSARIE, UTILI O OPPORTUNE PER IL PERSEGUIMENTO DELL'OBIETTIVO DI CUI AL COMMA 1, IVI INCLUSE LE SEGUENTI ATTIVITA': IL COORDINAMENTO FUNZIONALE ALLO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI REALIZZATI DA PARTE DEI SOCI CONSORZIATI AL FINE DI RAGGIUNGERE I SEGUENTI OBIETTIVI: A) PROGRESSIVA INTEGRAZIONE DELL'ATTIVITA' SVOLTA; B) SUPERAMENTO DI EVENTUALI SOVRAPPOSIZIONI NELLE GESTIONI DEGLI INTERVENTI; LA GESTIONE DELLE ATTIVITA' RELATIVE AL RILASCIO DI CONCESSIONI D'USO DELLE ACQUE E DELLE AREE DEMANIALI DEI NAVIGLI LOMBARDI ED ALLA RISCOSSIONE DEI RELATIVI CANONI; IL COORDINAMENTO DELL'ESECUZIONE DELLE OPERE CHE VERRANNO INDIVIDUATE NEL "MASTER PLAN NAVIGLI" O IN APPOSITO ATTO DI PROGRAMMAZIONE REGIONALE E PROVINCIALE; IN CASO DI ASSEGNAZIONE DI OPERE DA REALIZZARE IN NOME E PER CONTO DEI SOCI CONSORZIATI, LA SOTTOSCRIZIONE DI TUTTI I CONTRATTI ED ATTI NECESSARI O OPPORTUNI PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI; LO SVILUPPO E LA GESTIONE DI ATTIVITA' ACCESSORIE ALLA VALORIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI NAVIGLI LOMBARDI SVOLTI DIRETTAMENTE DALLA SOCIETA' O DAI SOCI CONSORZIATI, MEDIANTE: A) COORDINAMENTO DEI SERVIZI COMUNI; B) COORDINAMENTO DI SERVIZI FUNZIONALI ALLO SVILUPPO DEL SISTEMA DEI NAVIGLI LOMBARDI ANCHE SE SVOLTI DAI SOCI CONSORZIATI; C) GESTIONE DI SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E DI BANCHE DATI; D) COORDINAMENTO, PROMOZIONE E GESTIONE DI INIZIATIVE TURISTICHE PER FAVORIRE LA FRUIZIONE E LA CONOSCENZA DEI NAVIGLI. LA SOCIETA' PUO' SVOLGERE TUTTE LE ATTIVITA' NECESSARIE PER IL CONSEGUIMENTO DELL'OGGETTO CONSORTILE, IVI COMPRESO L'APPROVVIGIONAMENTO PRESSO TERZI DI MATERIALI, OPERE E SERVIZI, NONCHE' LA PRESTAZIONE DI GARANZIE. LA SOCIETA' POTRA' ALTRESI' ASSUMERE, SIA DIRETTAMENTE SIA INDIRETTAMENTE, INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETA', IMPRESE, CONSORZI O ALTRI ORGANISMI, COSTITUITI DA SOGGETTI PUBBLICI O PRIVATI, AVENTI OGGETTO ANALOGO, CONNESSO O COMPLEMENTARE AL PROPRIO SONO, IN OGNI CASO, FATTE SALVE LE COMPETENZE ISTITUZIONALI DEI SOCI CONSORZIATI.

11 MEMBRI DEL CDA : Presidente del CDA e ERRICO EMANUELE BREMBILLA BRUNA BOLOGNA TULLIO COZZA GIUSEPPE FOLLI ALESSANDRO MADDE ROBERTO BORELLA GIAMPAOLO ANDREONE RENZO FOSSATI ALBERTO

12 CONSORZIO BONIFICA EST TICINO VILLORESI Consorzio Bonifica Est Ticino Villoresi ENTE Milano, Via Ariosto Lodovico, Codice Fiscale : Data Inizio : 08/06/2001 Data fine : 07/06/2020 Partecipazione del Comune : Non esiste capitale sociale né quota di partecipazione in congruità a quanto previsto dalla normativa sui consorzi di bonifica Oneri finanziari per l Ente: 680,00 OGGETTO SOCIALE: - AI FINI DELLA DIFESA DEL SUOLO, DI UN EQUILIBRATO SVILUPPO DEL TERRITORIO, DELLA TUTELA, DELLA VALORIZZAZIONE DEGLI ORDINAMENTI PRODUTTIVI E DEI BENI NATURALI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE RISORSE IDRICHE ED AL LORO USO PLURIMO, IL CONSORZIO ESPLETA LE FUNZIONI ED I COMPITI CHE GLI SONO ATTRIBUITI DALLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI, OVVERO CHE SIANO COMUNQUE NECESSARI AL CONSEGUIMENTO DEI PROPRI FINI ISTITUZIONALI. IN PARTICOLARE PROVVEDE: - ALL'ELABORAZIONE, NELL'AMBITO DELLE PROPRIE COMPETENZE, DI PROPOSTE CONCERNENTI IL PROGRAMMA REGIONALE PER LA BONIFICA E IL RIORDINO IRRIGUO; - ALL'ADOZIONE DEL PROGRAMMA DI BONIFICA E DEI PIANI DI RIORDINO FONDIARIO E DI RIORDINO IRRIGUO DEL COMPRENSORIO; - ALLA PROGETTAZIONE ED ALL'ESECUZIONE IN CONCESSIONE DELLE OPERE DI BONIFICA ED IDRAULICHE DI COMPETENZA STATALE, REGIONALE E LOCALE, NONCH DI OGNI ALTRA OPERA PUBBLICA DI INTERESSE DEL COMPRENSORIO, IVI COMPRESE QUELLE PER LA RICARICA ARTIFICIALE DELLA FALDA E GLI INTERVENTI NECESSARI A SEGUITO DI EVENTI CALAMITOSI; - ALLA MANUTENZIONE ED ALL'ESERCIZIO DELLE SUDETTE OPERE; - ALLE ATTIVITA' RELATIVE ALLA DERIVAZIONE E DISTRIBUZIONE DI ACQUE SUPERFICIALI E DI FALDA, ANCHE AD USO PLURIMO, ANCHE CON INTERVENTI NECESSARI IN CASO DI EMERGENZE IDRICHE; - ASSUMERE, A TERMINI DELLA LEGGE 12 FEBBRAIO 1942 N. 183, L'ESECUZIONE E LA MANUTENZIONE DELLE OPERE DI INTERESSE COMUNE A PIU' PROPRIETA' NONCHE' DI QUELLE OCCORRENTI ALL'ADDUZIONE DELL'ACQUA E A DARE SCOLO ALLE ACQUE AL FINE DI NON RECARE PREGIUDIZIO ALLO SCOPO PER IL QUALE LE OPERE PUBBLICHE DI BONIFICA FURONO ESEGUITE; - AD ASSUMERE LE FUNZIONI DEI PREESISTENTI CONSORZI DI MIGLIORAMENTO FONDIARIO E DI TUTTI GLI ALTRI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE IRRIGUO E DELLA DIFESA IDRAULICA; -ALL'ASSISTENZA, ANCHE TECNICA AGRARIA, DELLA PROPRIETA' CONSORZIATA: NELLA TRASFORMAZIONE DEGLI ORDINAMENTI PRODUTTIVI DELLE SINGOLE AZIENDE; NELLA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DELLE OPERE DI COMPETENZA PRIVATA, VOLONTARIE OD OBBLIGATORIE, ANCHE COMUNI A PIU' FONDI E NEL CONSEGUIMENTO DELLE RELATIVE PROVVIDENZE; NELLA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E GESTIONE DI OPERE PUBBLICHE, ANCHE EXTRA-AGRICOLE PURCHE' RIENTRANTI NEI FINI GENERALI DEL CONSORZIO;

13 - ALL'ESECUZIONE, SU RICHIESTA E PER CONTO DEI PROPRIETARI CONSORZIATI, DELLE OPERE DI CUI ALLA PRECEDENTE LETTERA G), NONCHE' ALLA MANUTENZIONE DELLE MEDESIME SEMPRECHE', IN QUEST'ULTIMO CASO, L'INTERVENTO PRESENTI INTERESSE AI FINI FUNZIONALITA' DELLE OPERE PUBBLICHE O COMUNI; - ALLA VIGILANZA SULL'ADEMPIMENTO DELLE DIRETTIVE DEL PIANO GENERALE DI BONIFICA ; - ALLA RICOMPOSIZIONE DELLE PROPRIETA' FRAMMENTATE AI SENSI DEL CAPO IV DEL R.D N. 215; - AD ASSUMERE LE FUNZIONI DI CONSORZIO DI UTILIZZAZIONE IDRICA AI SENSI ART. 72 R.D N. 1775, PER LE UTENZE IDRICHE DI COLO E DI ACQUE DI RISULTA, CHE SI ESERCITANO NEL COMPRENSORIO CONSORTILE; - AD ASSUMERE LE FUNZIONI DI CONSORZIO DI CONTRIBUENZA NEI CONFRONTI DI NON CONSORZIATI CHE USUFRUISCANO DEL BENEFICIO DELLE OPERE DI BONIFICA; - A PROMUOVERE ED ATTUAREANCHE IN CONCESSIONE, STUDI, INIZIATIVE ED INTERVENTI, VOLTI ALLA DIFESA DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA CONOSCENZA, ALLA TUTELA ED ALL'UTILIZZO DELLE RISORSE IDRICHE SUPERFICIALI E SOTTERRANEE, NONCHE' CONTROLLO QUALI/QUANTITATIVO DELLE RISORSE STESSE E DEGLI SCARICHI; - ALLA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE NECESSARIE ALLA DIFESA DELLA PRODUZIONE E ALLA VALORIZZAZIONE ECONOMICO-AGRARIA DEL COMPRENSORIO; - AD ASSUMERE LE FUNZIONI DI CONSORZIO IDRAULICO DI TERZA CATEGORIA AI SENSI DEL R.D N. 523 E QUELLE DI DIFESA IDRAULICA, GIUSTA LEGGE N R.D N L N R.D N. 1775; - ALLE FUNZIONI DI POLIZIA IDRAULICA DI CUI AL R.D N. 386; - ALL'UTILIZZO DELLE RISORSE IDRICHE PER FINI IDROELETTRICI; - ALLA PARTECIPAZIONE AD ENTI, SOCIETA' OD ASSOCIAZIONI, CHE COMUNQUE SI PRESENTINO DI INTERESSE PER IL CONSORZIO O PER L'ATTIVITA' DI BONIFICA; - AD ASSUMEWRE LE FUNZIONI, PREVISTE DALLA LEGGE N. 183 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI, DI DIFESA DEL SUOLO, NONCHE' SVOLGERE I COMPITI PREVISTE DALLA L. 36/94 E SUCCESSIVE MIDIFICHE ED INTEGRAZIONI, AI FINI DELLA TUTELA E DELLO SFRUTTAMENTO DELLE RISORSE IDRICHE; - A COLLABORARE CON ENTI LOCALI NELLE VARIE MATERIE DI COMPETENZA, AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELLA LEGGE N. 142; - PROMUOVERE OD INCORAGGIARE LA COSTITUZIONE DI COOPERATIVE E DI ALTRI ORGANISMI ASSOCIATIVI; - AD ASSUMERE I COMPITI CHE, ANCHE A SENSI DI EVENTUALI NUOVE DISPOSIZIONI DI LEGGE, DOVESSERO ATTRIBUITI AI CONSORZI DI BONIFICA.

CEM AMBIENTE. Cascina Sofia Strada per Basiano - 20040

CEM AMBIENTE. Cascina Sofia Strada per Basiano - 20040 CEM AMBIENTE CEM Ambiente SPA Società per Azioni Cavenago Brianza Cascina Sofia Strada per Basiano - 20040 Codice Fiscale : 03965170156 Data Inizio : 30/12/1996 Data fine : 31/12/2050 Partecipazione del

Dettagli

Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C.

Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C. Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C. Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C. Azienda Speciale di cui al D.Lgs. 267/2000 Melzo, Via Cristoforo

Dettagli

Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C.

Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C. Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C. Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C. Azienda Speciale di cui al D.Lgs. 267/2000 Melzo, Via Cristoforo

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA ORGANISMI PARTECIPATI

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA ORGANISMI PARTECIPATI COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA ORGANISMI PARTECIPATI 1. Ragione Sociale:..... ASCO HOLDING S.P.A. - Partita IVA o codice fiscale:. 03215740261 - Data inizio:...... è stata costituita con atto del 28/06/1996

Dettagli

- gestione del patrimonio. Dati sull utenza: Dipendenti: 5 0,0% 100,0% Altri soci:

- gestione del patrimonio. Dati sull utenza: Dipendenti: 5 0,0% 100,0% Altri soci: Denominazione PROGETTO CESANO S.r.l. IN LIQUIDAZIONE dal 27/06/2012 Progetto Cesano Società a responsabilità limitata La società Progetto Cesano S.r.l., costituita nel giugno 2006 è una società interamente

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE

AVVISO DI CONVOCAZIONE EEMS Italia S.p.A. Sede Legale: Cittaducale (RI), viale delle Scienze n. 5 Capitale sociale: Euro 21.798.560 C. F. e n. iscrizione Registro Imprese di Rieti 00822980579 1. Relazione illustrativa degli

Dettagli

Competenze dei settori operativi

Competenze dei settori operativi CONSORZIO DI BONIFICA BACCHIGLIONE PIANO DI ORGANIZZAZIONE VARIABILE - adottato dall Assemblea con delibera n. 04/07 del 21 maggio 2010, e definitivamente approvato con modifiche con Decreto del Presidente

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano. http://www.agenziaestmilano.it/

Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano. http://www.agenziaestmilano.it/ Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C. http://www.agenziaestmilano.it/ Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano A.S.C. Forma giuridica : Azienda

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE. 1. Modifica clausola statutaria sull oggetto sociale. Delibere inerenti e conseguenti.

AVVISO DI CONVOCAZIONE. 1. Modifica clausola statutaria sull oggetto sociale. Delibere inerenti e conseguenti. EEMS Italia S.p.A. Sede Legale: Cittaducale (RI), viale delle Scienze n. 5 Capitale sociale: Euro 499.022 C. F. e n. iscrizione Registro Imprese di Rieti 00822980579 1. Relazione illustrativa degli amministratori

Dettagli

TRA. La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone. Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott.

TRA. La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone. Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott. TRA La Provincia di Lecce In persona del Presidente p.t. dott. Antonio. M. Gabellone Il Comune di In persona del Sindaco p.t. dott. PREMESSO che 1. l'art, 19 del D. Lgs. 267/2000 individua le competenze

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: collegamento tra il sistema produttivo regionale e il sistema ricerca, spin off,

Dettagli

DI SERIO(BG) VIA PAPA GIOVANNI XXIII

DI SERIO(BG) VIA PAPA GIOVANNI XXIII VISURA CAMERALE Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di BERGAMO Visura ordinaria societa' di capitale Documento n. A CB040307541090003187 estratto dal Registro Imprese in data 03/11/2010

Dettagli

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 Legge Regionale 24 settembre 2015, n. 26 Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 (BURL n. 40, suppl. del 28 Settembre 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-09-24;26 Art. 1 (Finalità) 1. La

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2002-2003 - 2004 SEZIONE 3 PROGRAMMI

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2002-2003 - 2004 SEZIONE 3 PROGRAMMI RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2002-2003 - 2004 SEZIONE 3 PROGRAMMI Comune di Roseto degli Abruzzi 3.1 - Considerazioni generali e motivata dimostrazione delle variazioni rispetto all'esercizio

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE E DEI CRITERI DI SCELTA DELLE FORME ORGANIZZATIVE DI GESTIONE DEI SERVIZI.

Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE E DEI CRITERI DI SCELTA DELLE FORME ORGANIZZATIVE DI GESTIONE DEI SERVIZI. Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE E DEI CRITERI DI SCELTA DELLE FORME ORGANIZZATIVE DI GESTIONE DEI SERVIZI. Approvato con delibera consiliare n. 48 dd 14/09/2001

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0,00 33.001,17 0,00-33.001,17 0,00 0.00.0000

Dettagli

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività inerenti al servizio di piena e intervento idraulico e presidio territoriale.

Dettagli

COMUNE DI FERNO Provincia di Varese

COMUNE DI FERNO Provincia di Varese OBBLIGHI DI TRASPARENZA PER LE SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA (Art. 8 D.L. 06/07/2011 n. 98, convertito dalla Legge 15/07/2011 n. 111) L art. 8 del D.L. 06/07/2011 n. 98, convertito con modificazioni

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2015 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2015 Sintetico COMUNE DI ALBIANO Prov. (TN) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2015 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 426.343,00 92.068,00 518.411,00 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti 518.411,00 -

Dettagli

REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2011

REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2011 ALLEGATO 10 REGIONE BASILICATA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO FINANZIARIO 2011 Elenco dei Capitoli di Spesa aventi carattere di Investimento Finanziati con ricorso all'indebitamento Descrizione 0134.07 MANUTENZIONE

Dettagli

RIFORMA DEI CONSORZI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE TITOLO I CONSORZI

RIFORMA DEI CONSORZI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE TITOLO I CONSORZI Page 1 of 8 RIFORMA DEI CONSORZI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE TITOLO I CONSORZI Art. 1 Finalità 1) La Regione Abruzzo con la presente proposta di legge disciplina l'assetto, le funzioni e la gestione dei

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

Visura storica senza valore di certificazione

Visura storica senza valore di certificazione Visura storica senza valore di certificazione CERAMICHE AZ S.R.L. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Codice fiscale: 02065410462 Numero REA: LU - 0193919 Estremi di firma digitale doc_lu_0193919_2781.pdf_tmp.pdf

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO PLURIENNALE 2014 - Pagina 1 di 201 PREVISIONI DEL BILANCIO PLURIENNALE 2014 - AVANZO DI AMMINISTRAZIONE di cui: Avanzo vincolato Avanzo finanziamento investimenti Avanzo fondo ammortamento Avanzo

Dettagli

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 61.562,42 61.562,42 61.562,42 di cui: VINCOLATO 61.562,42 NON VINCOLATO 61.562,42

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica)

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica) 1 di 5 05/01/2009 22.14 Legge regionale 8 luglio 1999, n. 18. (Testo coordinato) Interventi regionali a sostegno dell'offerta turistica. (B.U. 14 luglio 1999, n. 28) Modificata da l.r. 20/2000, l.r. 22/2002,

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di TORINO

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di TORINO Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di TORINO Registro Imprese - VISURA DI EVASIONE DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale TORINO (TO) VIA CAMERANA 8 CAP 10128 Indirizzo PEC novacase@pec.it

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

CITTÀ DI ALGHERO Provincia di Sassari

CITTÀ DI ALGHERO Provincia di Sassari CITTÀ DI ALGHERO Provincia di Sassari Allegato A Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie (articolo 1, commi 611 e seguenti legge 23 dicembre 2014, n. 190) 1

Dettagli

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"

Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 - Supplemento Ordinario n. 162 TITOLO

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

https://telemaco.infocamere.it/dama/plain/navtel

https://telemaco.infocamere.it/dama/plain/navtel Page 1 of 5 Cambia dimensione caratteri: A A A Stampa Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di VARESE Documento n. T 133348511 estratto dal Registro Imprese in data Visura ordinaria societa'

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio di valorizzazione delle acque

Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio di valorizzazione delle acque Est Ticino Villoresi Consorzio di bonifica via Ariosto 30-20145 Milano tel. +39 02 4856 1301 fax +39 02 4801 3031 sito www.etvilloresi.it mail info@etvilloresi.it Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013 Pagina 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 825.833,33 282.28 282.28 di cui: AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO 288.951,87 80.28 80.28 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: FINANZIAMENTO INVESTIMENTI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE:F.AMMORTAMENTO

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

ET-Villoresi news. www.etvilloresi.it. Naviglio Grande, lavori urgenti a Magenta in località Pontevecchio

ET-Villoresi news. www.etvilloresi.it. Naviglio Grande, lavori urgenti a Magenta in località Pontevecchio ET-Villoresi news Newsletter del Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi Anno 3 n. 9 del 7 Novembre 2008 Autorizzazione del Tribunale di Milano n.896 del 22 Novembre 2005 Direttore Responsabile Antonio

Dettagli

COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETÀ Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n 21 del 28/10/2011 INDICE

Dettagli

Comune di Civitella in Val di Chiana

Comune di Civitella in Val di Chiana Comune di Civitella in Val di Chiana PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Anno 2011 Approvato con DCC n.38 del 30.4.2011 Comune di Civitella

Dettagli

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 La separazione funzionale nel settore energetico... 3 1.2 Il

Dettagli

Visura ordinaria societa' di capitale

Visura ordinaria societa' di capitale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di ROMA \ Visura ordinaria societa' di capitale Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA CON UNICO SOCIO Sede legale: TIVOLI (RM) VIA

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la gestione e la valorizzazione dei magazzini idraulici di A.I.PO

PROTOCOLLO D INTESA per la gestione e la valorizzazione dei magazzini idraulici di A.I.PO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE N. DEL PROTOCOLLO D INTESA per la gestione e la valorizzazione dei magazzini idraulici di A.I.PO nel circondario idraulico di ROVIGO PROTOCOLLO DI INTESA tra l'agenzia Interregionale

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE FINANZIAMENTI N.06/2008 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA Bando a sostegno

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

Visura Camerale. Dettaglio. Report FLAT con Soci su XXX S.R.L. A)Informazioni anagrafiche e identificative. Scheda sintetica di rischio

Visura Camerale. Dettaglio. Report FLAT con Soci su XXX S.R.L. A)Informazioni anagrafiche e identificative. Scheda sintetica di rischio Visura Camerale 18/4/2008 Dettaglio Report FLAT con Soci su XXX S.R.L. A)Informazioni anagrafiche e identificative Denominazione sociale Forma giuridica Indirizzo sede XXX S.R.L. SOCIETA' A RESPONSABILITA'

Dettagli

Disciplina delle società finanziarie, delle società fiduciarie e dei titoli mobiliari. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino

Disciplina delle società finanziarie, delle società fiduciarie e dei titoli mobiliari. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino LEGGE 25 febbraio 1986 n. 24 (pubblicata il 7 marzo 1986) Disciplina delle società finanziarie, delle società fiduciarie e dei titoli mobiliari. Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - ESERCIZIO 2010

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - ESERCIZIO 2010 Pag. 1 OPERATORI: PO04 LAVORI PUBBLICI OBIETTIVI: POLIZIA MUNICIPALE Attuazione del Servizio di vigilanza stradale, previsione, verifica ed aggiornamenti della segnaletica orizzontale e verticale. Adeguamento

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI

DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI DIREZIONE CORPORATE CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa I Settori d Intervento La carta dei servizi dedicati La carta dei prodotti Gli interventi

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO PROVENTI CONCESSIONI EDILIZIE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO MONETIZZAZIONI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: ALIENAZIONI

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36 LEGGE REGIONALE 27 giugno 1988,n. 36 «Incentivi per l ammodernamento,potenziamento e qualificazione delle strutture ed infrastrutture turistiche in Lombardia». (B.U. 29 giugno 1988, n. 26, 2º suppl. ord.)

Dettagli

REGOLAMENTO concernente la partecipazione a consorzi, fondazioni e società ai sensi dell art. 2 comma 2 dello Statuto dell ISFOL

REGOLAMENTO concernente la partecipazione a consorzi, fondazioni e società ai sensi dell art. 2 comma 2 dello Statuto dell ISFOL REGOLAMENTO concernente la partecipazione a consorzi, fondazioni e società ai sensi dell art. 2 comma 2 dello Statuto dell ISFOL Articolo 1 Principi generali 1. Ai sensi di quanto previsto dall art. 2,

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2008 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 1.326.30 376.60

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2009 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 376.60 875.00

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2010 Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 55-315 del 28 aprile 2010 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF 1. Principi generali 2. Definizione di impresa Spin Off 3. Commissione Spin Off 4. Procedura di costituzione degli Spin Off 5. Soggetti proponenti e

Dettagli

Articolo 1. (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell'energia elettrica e del gas)

Articolo 1. (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell'energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell'energia, per la razionalizzazione dell'approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA L.R.

REGIONE LOMBARDIA L.R. REGIONE LOMBARDIA L.R. 31 gennaio 1992, n. 3: Disciplina regionale dell'agriturismo e valorizzazione del territorio rurale. (Pubblicata nel Suppl. Ord. del B.U.R. n. 6 del 4 febbraio 1992) Art. 1 - Finalità

Dettagli

PROSPETTO INDICANTE I PROVENTI DEI BENI DI USO CIVICO E LORO DESTINAZIONE

PROSPETTO INDICANTE I PROVENTI DEI BENI DI USO CIVICO E LORO DESTINAZIONE Comune di Riva del Garda BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Allegato E) PROSPETTO INDICANTE I PROVENTI DEI BENI DI USO CIVICO E LORO DESTINAZIONE (Allegato al bilancio comunale nel caso in cui l'amministrazione

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

Provvedimenti per il finanziamento dell'attività agricola nelle regioni. Art. 1.

Provvedimenti per il finanziamento dell'attività agricola nelle regioni. Art. 1. L. 1 luglio 1977, n. 403. Provvedimenti per il finanziamento dell'attività agricola nelle regioni. (G.U.R.I. 16-07-1977, n. 194). Art. 1. Il fondo per il finanziamento dei programmi regionali di sviluppo

Dettagli

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011 ENTRATE: PREVISIONE 2011 Quota avanzo dell'anno precedente (Titolo 0) 150.000,00 Entrate Tributarie (Titolo 1) 2.152.100,00 Entrate derivanti da contributi e trasferim. correnti dello Stato (Titolo 2)

Dettagli

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore

Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Invarianza idraulica degli insediamenti esistenti e futuri Reticolo idrico minore Dario Fossati UO Difesa del suolo ACQUA E SVILUPPO SOSTENIBILE - 20 MARZO 2015 I problemi delle aree urbanizzate (ridotta

Dettagli

Visura ordinaria societa' di capitale

Visura ordinaria societa' di capitale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di MILANO \ Visura ordinaria societa' di capitale Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Sede legale: MILANO (MI) VIA DEI PIATTI 8

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L Unione delle Province d Italia (di seguito UPI) con sede in Piazza Cardelli n. 4, Roma, nella persona del Presidente Antonio Saitta; E L Associazione Nazionale dei Dirigenti e

Dettagli

2. Esercizi di contabilità finanziaria

2. Esercizi di contabilità finanziaria 2. Esercizi di contabilità finanziaria di Carmela Barbera e Silvia Rota La lettura del bilancio preventivo 1. Il caso del Comune di Avalonia Viene fornito un estratto semplificato del bilancio di previsione

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE NR.41 DELL 11 LUGLIO 2008 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Finalità del Regolamento TITOLO

Dettagli

8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO

8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO Capitolo 8 Modello gestionale e Piano economico finanziario Luglio 2005 8. MODELLO GESTIONALE E PIANO ECONOMICO FINAN- ZIARIO 8.1 MODELLO GESTIONALE Si riporta di seguito il modello organizzativo gestionale

Dettagli

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente:

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente: CURRICULUM VITAE dati anagrafici: Giuseppe DAIDONE nato a NOTO (SR) il 28 ottobre 1962 residente a AUGUSTA, in via Siracusa, 14 mail: g.daidone@plemmirio.it cell.: 3357702907 studi: - ha conseguito la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E CONSERVAZIONE DEL CATASTO CONSORTILE

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E CONSERVAZIONE DEL CATASTO CONSORTILE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E CONSERVAZIONE DEL CATASTO CONSORTILE Adottato con delibera dell Assemblea consorziale n. 35/10 in data 11/12/2010, resa esecutiva dalla Giunta Regionale del Veneto nella

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) Settore AA.GG.

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) Settore AA.GG. Settore AA.GG. Piano operativo di razionalizzazione delle partecipazioni societarie (Art. 1 commi 611 e seguenti della Legge di Stabilità per il 2015) 1. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO RELAZIONE La Legge

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

COMUNE DI SOLOPACA BILANCIO DI PREVISIONE - Esercizio 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE SPESE CORRENTI

COMUNE DI SOLOPACA BILANCIO DI PREVISIONE - Esercizio 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE SPESE CORRENTI SPESE CORRENTI INTERVENTI INDENNITA' A Acquisto di Interessi Oneri L SINDACO beni di Prestazioni Utilizzo passivi Imposte straordinari Ammortamenti Fondo Fondo Personale consumo di di beni Trasferi- e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASTENASO (Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Adottato con delibera consiliare n. 92 del 20/12/01 INDICE : art. 1 Finalità art.2 Obiettivi comunali

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

PER LA DISTRIBUZIONE E VENDITA DEL MATERIALE PROMOZIONALE E PUBBLICITARIO PRODOTTO DALL ENTE PARCO NAZIONALE DEL GARGANO

PER LA DISTRIBUZIONE E VENDITA DEL MATERIALE PROMOZIONALE E PUBBLICITARIO PRODOTTO DALL ENTE PARCO NAZIONALE DEL GARGANO REGOLAMENTO Delibera Commissariale n. 2 del 16 febbraio 2011 PER LA DISTRIBUZIONE E VENDITA DEL MATERIALE PROMOZIONALE E PUBBLICITARIO PRODOTTO DALL ENTE PARCO NAZIONALE DEL GARGANO Art. 1 Finalità Il

Dettagli

ELENCO PARTECIPAZIONI DEL COMUNE DI VIADANA (Art.8 D.L. 98 del 6/7/2011) LE SOCIETA

ELENCO PARTECIPAZIONI DEL COMUNE DI VIADANA (Art.8 D.L. 98 del 6/7/2011) LE SOCIETA ELENCO PARTECIPAZIONI DEL COMUNE DI VIADANA (Art.8 D.L. 98 del 6/7/2011) APAM SPA Via dei Toscani 3/C Mantova LE SOCIETA QUOTA DI PARTECIPAZIONE: 1,90% CAPITALE SOCIALE 4.558.080,00 La gestione dei servizi,

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli