VIMOSERVIZI SPA. Via C. Battisti,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VIMOSERVIZI SPA. Via C. Battisti, 52 20090"

Transcript

1 VIMOSERVIZI SPA Vimoservizi S.p.A. Società per Azioni Vimodrone, Via C. Battisti, Codice Fiscale : Data Inizio : 04/02/1999 Data fine : 31/12/2050 Partecipazione del Comune : 99,97% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 OGGETTO SOCIALE: PER LE FINALITA PREVISTE DALLA CITATA LEGGE N. 142 LA SOCIETA' HA AD OGGETTO: LA GESTIONE DI ARCHIVI STORICI, BIBLIOTECHE E MUSEI; LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE, SIA IN PROPRIO CHE IN CONCESSIONE, DI IMPIANTI DI PRODUZIONE, TRASPORTO, DISTRIBUZIONE DEI GAS, ANCHE LIQUEFATTI, NONCHE' IL LORO COMMERCIO ED OGNI ALTRA ATTIVITA' CONNESSA O COLLEGATA COL SERVIZIO GAS; COMPRESA LA GESTIONE DI CENTRALI TERMICHE E DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO (GESTIONE CALORE); LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI ACQUEDOTTI, FOGNATURE, DEPURATORI ED OGNI ALTRO IMPIANTO RIENTRANTE NELLA GESTIONE DEL CICLO COMPLETO DELLE ACQUE; LA RACCOLTA, IL RECUPERO, IL TRASPORTO E LO SMALTIMENTO DI TUTTI I GENERI DI RIFIUTI CON LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI DISCARICHE CONTROLLATE, DI PIATTAFORME ECOLOGICHE E DI IMPIANTI A TECNOLOGIA COMPLESSA, NONCHE' TUTTE LE ATTIVITA' INERENTI L'IGIENE URBANA E LA SALVAGUARDIA ECOLOGICA ED AMBIENTALE DEL TERRITORIO; L'ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DI SERVIZI, ANCHE DI TIPO AMMINISTRATIVO, PER CONTO DEI COMUNI, ENTI IN GENERE E LORO CONSORZI, IMPRESE E PRIVATI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE OPERE ED AI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA'; LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI IMPIANTI TECNOLOGICI SOPRA E SOTTO IL SUOLO; LA PROGETTAZIONE, LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DI IMPIANTI TECNOLOGICI E DI STRUTTURE EDILI; LA PROGETTAZIONE E LA DIREZIONE PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DI OPERE PUBBLICHE; LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI AREE URBANE: PARCHI, GIARDINI ED AREE ADIBITE A PUBBLICO TRANSITO; L'AUTOTRASPORTO MERCI ANCHE PER CONTO TERZI; LA PULIZIA, LA GESTIONE E LA CUSTODIA DI IMMOBILI; LA GESTIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA; LA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI; LA GESTIONE DI SERVIZI DI INFORMAZIONE GENERALE E DI PUBBLICITA', LA COMPRAVENDITA DI SPAZI, TEMPI E MATERIALI PUBBLICITARI. POTRA' INOLTRE ASSUMERE DIRETTAMENTE OD INDIRETTAMENTE, MA NON COME ATTIVITA' PREVALENTE E NON AI FINI DI COLLOCAMENTO NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO, INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETA' ITALIANE AVENTI OGGETTO ANALOGO, AFFINE O CONNESSO AL PROPRIO (CON ESCLUSIONE DELLE ATTIVITA' DI CUI ALLA LEGGE N. 1/1991 DISCIPLINANTE LE SOCIETA' DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE) NONCHE' RILASCIARE A FAVORE DI TERZI NELL'INTERESSE PROPRIO E DELLE SOCIETA' OD ENTI DI PARTECIPAZIONE FIDEJUSSIONI O GARANZIA REALI

2 MEMBRI DEL CDA : Ing. Massimo Pelti Amministratore Unico Rappresentante dell Ente : Ing. Massimo Pelti

3 CONCOSSOLA SRL Concossola S.r.l. in liquidazione Società a Responsabilità Limitata Gandino, P.zza Vittorio Veneto, Codice Fiscale : Data Inizio : 03/05/1996 Data fine : 31/12/2050 Partecipazione del Comune : 2% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 OGGETTO SOCIALE - LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE, SIA IN PROPRIO CHE IN CONCESSIONE, DI IMPIANTI DI PRODUZIONE, TRASPORTO, DISTRIBUZIONE DEI GAS, ANCHE LIQUEFATTI, NONCHE' IL LORO COMMERCIO ED OGNI ALTRA ATTIVITA' CONNESSA O COLLEGATA COL SERVIZIO GAS, COMPRESA LA GESTIONE PER CONTO TERZI DI CENTRALI TERMICHE E DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO (GESTIONE CALORE); - LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE, SIA IN PROPRIO CHE IN CONCESSIONE, DI ACQUEDOTTI, FOGNATURE, DEPURATORI ED OGNI ALTRO IMPIANTO RIENTRANTE NELLA GESTIONE DEL CICLO COMPLETO DELLE ACQUE; LA RACCOLTA IL RECUPERO, IL TRASPORTO E LO SMALTIMENTO DI TUTTI I GENERI DI RIFIUTI CON LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI DISCARICHE CONTROLLATE, DI PIATTAFORME ECOLOGICHE E DI IMPIANTI A TECNOLOGIA COMPLESSA, NONCHE' TUTTE LE ATTIVITA' INERENTI L'IGIENE URBANA E LA SALVAGUARDIA ECOLOGICA ED AMBIENTALE DEL TERRITORIO; - L'ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DI SERVIZI, ANCHE DI TIPO AMMINISTRATIVO, PER CONTO DEI COMUNI, ENTI IN GENERE E LORO CONSORZI, IMPRESE E PRIVATI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE OPERE ED AI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA'; - LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI IMPIANTI TECNOLOGICI SOPRA E SOTTO IL SUOLO; - LA PROGETTAZIONE DI IMPIANTI TECNOLOGICI, DI OPERE EDILI E STRADALI, DI AREE VERDI, DI PIANI URBANISTICI PER CONTO DEI COMUNI, ENTI IN GENERE E LORO CONSORZI, IMPRESE E PRIVATI; - LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA NONCHE' LA COSTRUZIONE A NUOVO DI IMMOBILI, EDIFICI, ANCHE DI VALENZA STORICA, STRADE, IMPIANTI SPORTIVI E QUANT'ALTRO RIGUARDI L'EDILIZIA IN GENERE; - LA PROGETTAZIONE, LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI FARMACIE; - LA PROGETTAZIONE, LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI QUALSIASI TIPO DI IMPIANTO OCCORRENTE ALLA PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA, ANCHE DERIVANTE DALLA COGENERAZIONE DEL GAS METANO; - L'IMPRESA DI POMPE FUNEBRI E QUANT'ALTRO NECESSARIO PER TALE SERVIZIO; - LA PROGETTAZIONE, LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI; - IL TELECONTROLLO DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, DEPURAZIONE, DISTRIBUZIONE GAS, ACQUA ED ENERGIA E DI QUALSIASI IMPIANTO PER TALE CONTROLLO; - LA COSTRUZIONE E LA GESTIONE DI AREE URBANE: PARCHI, GIARDINI ED AREE ADIBITE A PUBBLICO TRANSITO; - L'AUTOTRASPORTO MERCI ANCHE PER CONTO TERZI, L'IMPIANTO, LA GESTIONE E L'ESERCIZIO DI SERVIZI E MEZZI DI TRASPORTO, NONCHE' L'ATTIVITA' DI RIPARAZIONE DEGLI AUTOBUS SOCIALI E DI TERZI; - LA PULIZIA, LA GESTIONE E LA CUSTODIA DI IMMOBILI;

4 - LA GESTIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA E DI INFORMAZIONE GENERALE; - LA GESTIONE DI ARCHIVI STORICI, BIBLIOTECHE E MUSEI. IL TUTTO CON ESPRESSA ESCLUSIONE DELLO SVOLGIMENTO DI QUALSIASI ATTIVITA' CHE SIA RISERVATA AD ISCRITTI IN ALBI PROFESSIONALI. ESSA POTRA' ALTRESI' COMPIERE TUTTE LE OPERAZIONI COMMERCIALI, INDUSTRIALI E FINANZIARIE, MOBILIARI ED IMMOBILIARI, RITENUTE DALL'ORGANO AMMINISTRATIVO NECESSARIE OD UTILI PER IL CONSEGUIMENTO DELL'OGGETTO SOCIALE. LA SOCIETA' POTRA' INOLTRE CONCEDERE FIDEJUSSIONI, PRESTARE AVALLI E CONSENTIRE ISCRIZIONI IPOTECARIE SUGLI IMMOBILI SOCIALI A GARANZIA DI DEBITI E OBBLIGAZIONI ANCHE DI TERZI, NONCHE' ASSUMERE, SIA DIRETTAMENTE CHE INDIRETTAMENTE, INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETA' O IMPRESE AVENTI OGGETTO ANALOGO O AFFINE AL PROPRIO. LE ATTIVITA' FINANZIARIE NON POTRANNO MAI COSTITUIRE OGGETTO PRINCIPALE DELLA SOCIETA', NE' ESSERE SVOLTE NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO. MEMBRI DEL CDA : Attualmente in liquidazione. Liquidatore Gallizioli Antonio Rappresentante dell Ente : Attualmente in liquidazione. Liquidatore Gallizioli Antonio

5 CIMEP Consorzio Intercomunale Milanese Edilizia Popolare Ente Milano, Via Pirelli Giovanni Battista, Codice Fiscale : Data Inizio : 01/01/1997 Data fine : 01/01/2022 Partecipazione del Comune : 6,0 % Oneri finanziari per l Ente: 6.550,00 Finalità : Si tratta di un consorzio di funzioni che attua l art. 1 della L. n. 267 del 18/04/1962 Rappresentanti dell Ente L Assessore al Servizio Gestione e Tutela del Territorio, Giovanni Passera, è stato delegato con decreto del sindaco n. 7 del 14/06/2006 a rappresentare il Comune di Vimodrone nell Assemblea. Membri del CDA Presidente Cazzaniga Franco V. Presidente Massari Paolo Baldassarre Gianfranco Capelli Ferruccio Giordano Francesco Petroli Paolo Chiesa Luciano Poddesu Marino Anzani Mario

6 EMIL Emil Est Milano Impresa e Lavoro SCRL Società Consortile a Responsabilità Limitata Melzo, Via Martiri della Libertà, Codice Fiscale : Data Inizio : 28/11/2005 Data fine : 27/11/2008 Partecipazione del Comune : 2%% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 Finalità : Coincidenti con l oggetto sociale OGGETTO SOCIALE: LA SOCIETA' CONSORTILE, CHE NON HA FINI DI LUCRO PROPRI, ATTRAVERSO LA REALIZZAZIONE IN COMUNE DEI DIVERSIFICATI INTERESSI DEI CONSORZIATI, HA IL SEGUENTE SCOPO: 1) - SOSTENERE LO SVILUPPO ECONOMICO LOCALE ATTRAVERSO LA PROMOZIONE DI NUOVE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI, LA DIFFUSIONE DI TECNOLOGIE AVANZATE, L'INNOVAZIONE DEI PRODOTTI E DEI PROCESSI INDUSTRIALI E GESTIONALI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO GRANDE/PICCOLA IMPRESA; 2) - PROMUOVERE LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE ATTRAVERSO IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA' DELL'OFFERTA PROFESSIONALE, L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE, DELL'ORIENTAMENTO, DELLA FORMAZIONE CONTINUA E PERMANENTE. IN PARTICOLARE DI PROGETTARE LO SVILUPPO, LA GESTIONE DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E DELLE ATTIVITA' AD ESSE COLLEGATE, AI VARI LIVELLI ED IN OGNI SETTORE OVE SIA APPLICABILE; 3) - ATTUARE LA PROMOZIONE DI INIZIATIVE E SERVIZI ALLE IMPRESE ED AGLI ENTI LOCALI A SUPPORTO DELLO SVILUPPO LOCALE, DELL'INNOVAZIONE E DELL'E-GOVERNMENT; 4) - RAFFORZARE IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE LOCALE IN TERMINI DI SERVIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE POTENZIALITA' COMPETITIVE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (INFORMAZIONE E ORIENTAMENTO) E DELLA CAPACITA' DI ATTRAZIONE DEL TERRITORIO (MARKETING TERRITORIALE). SONO ESCLUSE DALL'OGGETTO SOCIALE TUTTE LE ATTIVITA', LE INIZIATIVE E GLI INTERVENTI ATTINENTI LE POLITICHE DELLA MOBILITA', DELLA PIANIFICAZIONE E DELLO SVILUPPO ECOLOGICO DEL TERRITORIO. L'OGGETTO SOCIALE, A TITOLO ESEMPLIFICATIVO E NON ESAUSTIVO, POTRA' DECLINARSI COME DI SEGUITO INDICATO: PER QUANTO ATTIENE IL MERCATO DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE - PROMUOVERE E GESTIRE INIZIATIVE DI ORIENTAMENTO, FORMAZIONE ED ACCOMPAGNAMENTO CON PROGETTI SPECIFICI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO DELLA DISOCCUPAZIONE DI LUNGA DURATA; - PROMUOVERE E GESTIRE AZIONI FORMATIVE DI RIQUALIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEI LAVORATORI PER FAVORIRNE UN SEMPRE PIU' IDONEO POSIZIONAMENTO ALL'INTERNO DELLE DINAMICHE DI MERCATO; - PROMUOVERE L'INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO, CONSIDERANDO LE ESIGENZE DELL'IMPRESA, LE CARATTERISTICHE PROFESSIONALI, PERSONALI E LE PROPENSIONI DEI CANDIDATI ESPRESSE IN SEDE DI COLLOQUIO. - SVOLGERE ATTIVITA' DI RICERCA E PRESELEZIONE DEL PERSONALE. - PIANIFICARE, ATTIVARE E CONDURRE AZIONI SPECIFICHE DI ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE VOLTE A FAVORIRE LO SVILUPPO OCCUPAZIONALE DEL TERRITORIO; - GESTIRE PROCESSI INDIVIDUALI O COLLETTIVI DI RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE; - AMPLIARE LA CONOSCENZA DEL MERCATO DEL LAVORO LOCALE, ANCHE CON L'UTILIZZO DI APPOSITI STRUMENTI INFORMATICI PER UN CONTINUO MONITORAGGIO ED AGGIORNAMENTO DEL

7 QUADRO DI RIFERIMENTO, AVVALENDOSI ANCHE DELLE RILEVAZIONI GIA' IN ATTO DA PARTE DI SOGGETTI PRIVATI O PUBBLICI CHE OPERANO IN TALE AMBITO; PER QUANTO ATTIENE IL SOSTEGNO ALLO SVILUPPO LOCALE: - PROMUOVERE INIZIATIVE VOLTE A FAVORIRE L'INSEDIAMENTO DI ATTIVITA' PRODUTTIVE E DI SERVIZIO NEL TERRITORIO (MARKETING TERRITORIALE - ACCRESCERE NELL'AREA EST MILANO L'ATTIVITA' DI RICERCA,DI SVILUPPO E DI FORMAZIONE - INCENTIVARE NELL'AREA DI COMPETENZA LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE OPERATIVE. - VALORIZZARE IL PATRIMONIO DI CONOSCENZE TECNICHE SCIENTIFICHE ESISTENTI SUL TERRITORIO - FAVORIRE L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LOCALI - FAVORIRE LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE ATTRAVERSO UN'AIUTO AI NEO IMPRENDITORI - ATTRARRE INVESTIMENTI VERSO I CAMPI DI ATTIVITA' MENO RAPPRESENTATI LOCALMENTE - CONCORRERE ALLA CRESCITA DI UN TERZIARIO DI PIU' ALTO LIVELLO ED ORIENTATO AD OFFRIRE UN'AMPIA VARIETA' DI PRESTAZIONI - APPRONTARE STUDI DI FATTIBILITA' TECNICA ED ECONOMICA E FINANZIARIA RELATIVI SIA ALLE ATTIVITA' DA SVOLGERE SIA ALLE STRUTTURE DESTINATE A RACCOGLIERLE. PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLO SCOPO SOCIALE, LA SOCIETA' PUO' IN PARTICOLARE: - INDIVIDUARE I FINANZIAMENTI E LE AGEVOLAZIONI PUBBLICHE, REGIONALI, NAZIONALI E COMUNITARIE USUFRUIBILI PER REALIZZARE GLI INTERVENTI, IVI COMPRESI QUELLI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE; - OTTENERE DA ENTI PUBBLICI E/O PRIVATI FINANZIAMENTI PER REALIZZARE GLI INTERVENTI ESCLUSA COMUNQUE OGNI ATTIVITA' DI RACCOLTA DEL RISPARMIO NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO E NEL PIU' AMPIO RISPETTO DI QUANTO RIPORTATO DALLE LEGGE 2 GENNAIO 1991 N. 1; - INDIVIDUARE ANCHE ISTITUTI PUBBLICI E/O PRIVATI DISPONIBILI A FINANZIARE, A TASSI FAVOREVOLI, LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, PER FACILITARE IL LORO INSEDIAMENTO, RISTRUTTURAZIONE E REINSEDIAMENTO STIPULANDO, OVE DEL CASO, CONVENZIONI CON TALI ISTITUTI. INOLTRE, IN COORDINAMENTO CON LE ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALE E CON GLI ISTITUTI ED ENTI PREPOSTI ALLA PROMOZIONE COMMERCIALE, LA SOCIETA' PUO': - FAVORIRE IL SOSTEGNO OCCUPAZIONALE ED INTRAPRENDERE TUTTE LE AZIONI FORMATIVE NECESSARIE PER FACILITARE L'AVVIAMENTO AL LAVORO E LO SVILUPPO DELL'IMPRENDITORIA LOCALE; - PROMUOVERE AZIONI DIMOSTRATIVE A BENEFICIO DI PRODOTTI E/O PROCESSI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI, SVILUPPATI DALLE IMPRESE COLLEGATE; - METTERE A DISPOSIZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, LE PROPRIE STRUTTURE PER SUPPORTARE SOTTO IL PROFILO ORGANIZZATIVO, TECNICO, FINANZIARIO E GESTIONALE LO SVILUPPO DEL TESSUTO INDUSTRIALE ED ECONOMICO DEL TERRITORIO; - DARE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, NELLA FASE DI AVVIAMENTO, ASSISTENZA E SERVIZI PER I DIVERSI ASPETTI GESTIONALI. LA SOCIETA' PUO' COMPIERE, IN VIA NON PREVALENTE, TUTTE LE OPERAZIONI COMMERCIALI, INDUSTRIALI, MOBILIARI E IMMOBILIARI RITENUTE DALL'ORGANO AMMINISTRATIVO NECESSARIE OD UTILI PER IL CONSEGUIMENTO DELL'OGGETTO SOCIALE NONCHE' QUELLE FINANZIARIE PURCHE' NON NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO ED AL SOLO FINE DI REALIZZARE L'OGGETTO SOCIALE. E' ESCLUSA L'ATTIVITA' DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE DISCIPLINATA DALL'ART. 2 DELLA LEGGE 2 GENNAIO 1991 N. 1. ESSA PUO', SEMPRE IN VIA NON PREVALENTE, PROCEDERE ALL'ASSUNZIONE - SIA DIRETTAMENTE, SIA INDIRETTAMENTE - DI INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETA', IMPRESE E CONSORZI,QUALORA TALE ASSUNZIONE NON SIA FINALIZZATA ALL'ALIENAZIONE DI DETTE INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI MA CONCRETIZZI UNA PATRIMONIALIZZAZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLO SCOPO SOCIALE. Membri del CDA : Presidente del CDA e Amministratore Delegato, e Direttore Generale BOLIS LUIGI PALERMO MARIO GODANO DOMENICO ZAFFARANO NICOLA FERLISI PIETRO

8 CAP HOLDING SPA Cap Holding SpA Società per Azioni Rozzano, Centro Direzionale Milanofiori Palazzo Q7/Q8 Codice Fiscale : Data Inizio : 06/04/2001 Data fine : 31/12/2100 Partecipazione del Comune : 1,19% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 OGGETTO SOCIALE : LA SOCIETA' HA PER OGGETTO L'ESERCIZIO DELLE SEGUENTI ATTIVITA': - L'ASSUNZIONE E LA GESTIONE, IN ITALIA ED ALL'ESTERO, DI PARTECIPAZIONI IN QUALSIASI FORMA, E QUINDI ANCHE TOTALITARIE O DI CONTROLLO IN ALTRE SOCIETA' ED ENTI SIA PURE CONSORTILI ED ASSOCIATIVI, ANCHE INTERVENENDO ALLA LORO COSTITUZIONE; LE SOCIETA' IN QUALSIASI FORMA PARTECIPATE DOVRANNO AVERE PER OGGETTO LA GESTIONE E L'EROGAZIONE DI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IN PRIMO LUOGO I SERVIZI AFFERENTI IL CICLO INTEGRATO DELLE ACQUE OLTRE CHE PER CONTO E NEL TERRITORIO DEI COMUNI SOCI ANCHE PER CONTO E NEL TERRITORIO DI ALTRI COMUNI, LORO SOCIETA' O CONSORZI, DI ENTI PUBBLICI E DI SOGGETTI PRIVATI SIA IN ITALIA CHE ALL'ESTERO; - IL COORDINAMENTO SOTTO IL PROFILO PATRIMONIALE, FINANZIARIO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED ORGANIZZATIVO DELLE SOCIETA' ED ENTI IN CUI PARTECIPA; - LA PROGETTAZIONE, LA REALIZZAZIONE, L'ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E LA MANUTENZIONE DI OGNI OPERA E/O IMPIANTO NECESSARI O FUNZIONALI O COMUNQUE CORRELATI ALLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' E DEI SERVIZI SVOLTI DALLE SOCIETA' PARTECIPATE; - L'ACQUISIZIONE, LA SPERIMENTAZIONE E L'APPLICAZIONE DI NUOVE TECNOLOGIE AFFERENTI LE ATTIVITA' DI CUI AL PRECEDENTE PUNTO; - LA GESTIONE DI OGNI ALTRA COMPETENZA ED ATTIVITA' CONNESSA AI SERVIZI ESPLETATI, ATTA A GARANTIRE IL SODDISFACIMENTO DELLE NECESSITA' DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE E/O DI SOGGETTI PRIVATI; - LA PROPRIETA', L'AMMINISTRAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI BENI, DELLE RETI, DEGLI IMPIANTI E DELLE ALTRE DOTAZIONI PATRIMONIALI ACCESSORIE DESTINATI AI PUBBLICI SERVIZI DI COMPETENZA DEGLI ENTI LOCALI A NORMA DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE, IN PARTICOLARE DESTINATI AL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO, CON IL VINCOLO DI MANTENERNE LA RELATIVA DESTINAZIONE, NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA COMUNITARIA E NAZIONALE IN MATERIA DI SERVIZI PUBBLICI LOCALI; IN PARTICOLARE E RELATIVAMENTE A QUANTO SOPRA PROVVEDE: A. ALLA PIANIFICAZIONE OPERATIVA DEGLI INTERVENTI; B. ALLA PROGETTAZIONE, LA REALIZZAZIONE DELLE NUOVE RETI ED IMPIANTI; C. ALLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE DI RETI ED IMPIANTI ESISTENTI ED ALLA MANUTENZIONE STRAORDINARIA PROGRAMMATA; D. AREA APPALTI, CONTRATTI, ESPROPRI; E. ALTRE ATTIVITA' TECNICHE: STUDI E RICERCHE, SERVIZIO GEOLOGICO, CARTOGRAFIA (GIS); F. ALTRE ATTIVITA' DI SUPPORTO: ATTIVITA' AMMINISTRATIVE, ECONOMICO-FINANZIARIE, CONTROLLO DI GESTIONE, APPROVVIGIONAMENTI, MAGAZZINO, RAPPORTI ISTITUZIONALI

9 (CONTRATTO DI SERVIZIO CON EE.LL., ATO, ECC.); - LA GESTIONE DI OGNI ALTRA COMPETENZA ED ATTIVITA' CONNESSA ALL'AMMINISTRAZIONE DEI BENI DI CUI SOPRA, ATTA A GARANTIRE IL SODDISFACIMENTO DELLE NECESSITA' DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. ESSA POTRA' INOLTRE COMPIERE, IN VIA NON PREVALENTE E NEL RISPETTO DELLE NORME DI LEGGE, TUTTE LE OPERAZIONI COMMERCIALI, INDUSTRIALI E FINANZIARIE, MOBILIARI ED IMMOBILIARI RITENUTE DALL'ORGANO AMMINISTRATIVO NECESSARIE OD UTILI AL CONSEGUIMENTO DELL'OGGETTO SOCIALE; ESSA POTRA' PRESTARE FIDEIUSSIONI, AVALLI ED OGNI ALTRA GARANZIA E CIO' PER DEBITI PROPRI E DI SOCIETA' CONTROLLATE O COLLEGATE; POTRA' ASSUMERE MUTUI FONDIARI O IPOTECARI CONCEDENDO IPOTECHE SU PROPRI IMMOBILI. RIMANGONO TASSATIVAMENTE ESCLUSE LE OPERAZIONI DI CARATTERE FIDUCIARIO, LA RACCOLTA DEL RISPARMIO SOTTO QUALSIASI FORMA, L'ESERCIZIO PROFESSIONALE SOTTO QUALSIASI FORMA DEL CREDITO, DELLE ATTIVITA' DI CUI ALLA LEGGE , N. 1, DI OGNI ALTRA ATTIVITA' FINANZIARIA O PROFESSIONALE RISERVATE PER LEGGE ED IN GENERE QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO. MEMBRI DEL CDA : Presidente, Delegato e Delegato, Delegato, Vicepresidente, MAZZANI GIANFRANCO PAGANINI MAURO MUSELLA GRAZIANO GUASCONI AMBROGIO ERNESTO MALINVERNO MARCO STANGA AMBROGIO ADDISI LUIGI CALOGERO RADICE IDA NORA SPINELLI FABIO OCCHI GIOVANNI Rappresentanti dell Ente Il Sig. Francesco Marino è stato delegato con decreto del sindaco n. 11 del 23/11/1999 a rappresentare il Comune di Vimodrone nell Assemblea. Per questa funzione non percepisce alcun stipendio.

10 NAVIGLI LOMBARDI SCARL Navigli Lombardi SCARL Società Consortile a Responsabilità Limitata Milano, Via Copernico, Codice Fiscale : Data Inizio : 05/07/2004 Data fine : 04/07/2014 Partecipazione del Comune : 0,20% Oneri finanziari per l Ente: 0,00 Finalità : Coincidenti con l oggetto sociale OGGETTO SOCIALE: LO SVOLGIMENTO, NELL'INTERESSE DEI SOCI CONSORZIATI, DI TUTTE LE ATTIVITA' TECNICHE, ORGANIZZATIVE, AMMINISTRATIVE E LEGALI NECESSARIE, UTILI O OPPORTUNE PER IL PERSEGUIMENTO DELL'OBIETTIVO DI CUI AL COMMA 1, IVI INCLUSE LE SEGUENTI ATTIVITA': IL COORDINAMENTO FUNZIONALE ALLO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI REALIZZATI DA PARTE DEI SOCI CONSORZIATI AL FINE DI RAGGIUNGERE I SEGUENTI OBIETTIVI: A) PROGRESSIVA INTEGRAZIONE DELL'ATTIVITA' SVOLTA; B) SUPERAMENTO DI EVENTUALI SOVRAPPOSIZIONI NELLE GESTIONI DEGLI INTERVENTI; LA GESTIONE DELLE ATTIVITA' RELATIVE AL RILASCIO DI CONCESSIONI D'USO DELLE ACQUE E DELLE AREE DEMANIALI DEI NAVIGLI LOMBARDI ED ALLA RISCOSSIONE DEI RELATIVI CANONI; IL COORDINAMENTO DELL'ESECUZIONE DELLE OPERE CHE VERRANNO INDIVIDUATE NEL "MASTER PLAN NAVIGLI" O IN APPOSITO ATTO DI PROGRAMMAZIONE REGIONALE E PROVINCIALE; IN CASO DI ASSEGNAZIONE DI OPERE DA REALIZZARE IN NOME E PER CONTO DEI SOCI CONSORZIATI, LA SOTTOSCRIZIONE DI TUTTI I CONTRATTI ED ATTI NECESSARI O OPPORTUNI PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI; LO SVILUPPO E LA GESTIONE DI ATTIVITA' ACCESSORIE ALLA VALORIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI NAVIGLI LOMBARDI SVOLTI DIRETTAMENTE DALLA SOCIETA' O DAI SOCI CONSORZIATI, MEDIANTE: A) COORDINAMENTO DEI SERVIZI COMUNI; B) COORDINAMENTO DI SERVIZI FUNZIONALI ALLO SVILUPPO DEL SISTEMA DEI NAVIGLI LOMBARDI ANCHE SE SVOLTI DAI SOCI CONSORZIATI; C) GESTIONE DI SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E DI BANCHE DATI; D) COORDINAMENTO, PROMOZIONE E GESTIONE DI INIZIATIVE TURISTICHE PER FAVORIRE LA FRUIZIONE E LA CONOSCENZA DEI NAVIGLI. LA SOCIETA' PUO' SVOLGERE TUTTE LE ATTIVITA' NECESSARIE PER IL CONSEGUIMENTO DELL'OGGETTO CONSORTILE, IVI COMPRESO L'APPROVVIGIONAMENTO PRESSO TERZI DI MATERIALI, OPERE E SERVIZI, NONCHE' LA PRESTAZIONE DI GARANZIE. LA SOCIETA' POTRA' ALTRESI' ASSUMERE, SIA DIRETTAMENTE SIA INDIRETTAMENTE, INTERESSENZE E PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETA', IMPRESE, CONSORZI O ALTRI ORGANISMI, COSTITUITI DA SOGGETTI PUBBLICI O PRIVATI, AVENTI OGGETTO ANALOGO, CONNESSO O COMPLEMENTARE AL PROPRIO SONO, IN OGNI CASO, FATTE SALVE LE COMPETENZE ISTITUZIONALI DEI SOCI CONSORZIATI.

11 MEMBRI DEL CDA : Presidente del CDA e ERRICO EMANUELE BREMBILLA BRUNA BOLOGNA TULLIO COZZA GIUSEPPE FOLLI ALESSANDRO MADDE ROBERTO BORELLA GIAMPAOLO ANDREONE RENZO FOSSATI ALBERTO

12 CONSORZIO BONIFICA EST TICINO VILLORESI Consorzio Bonifica Est Ticino Villoresi ENTE Milano, Via Ariosto Lodovico, Codice Fiscale : Data Inizio : 08/06/2001 Data fine : 07/06/2020 Partecipazione del Comune : Non esiste capitale sociale né quota di partecipazione in congruità a quanto previsto dalla normativa sui consorzi di bonifica Oneri finanziari per l Ente: 680,00 OGGETTO SOCIALE: - AI FINI DELLA DIFESA DEL SUOLO, DI UN EQUILIBRATO SVILUPPO DEL TERRITORIO, DELLA TUTELA, DELLA VALORIZZAZIONE DEGLI ORDINAMENTI PRODUTTIVI E DEI BENI NATURALI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE RISORSE IDRICHE ED AL LORO USO PLURIMO, IL CONSORZIO ESPLETA LE FUNZIONI ED I COMPITI CHE GLI SONO ATTRIBUITI DALLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI, OVVERO CHE SIANO COMUNQUE NECESSARI AL CONSEGUIMENTO DEI PROPRI FINI ISTITUZIONALI. IN PARTICOLARE PROVVEDE: - ALL'ELABORAZIONE, NELL'AMBITO DELLE PROPRIE COMPETENZE, DI PROPOSTE CONCERNENTI IL PROGRAMMA REGIONALE PER LA BONIFICA E IL RIORDINO IRRIGUO; - ALL'ADOZIONE DEL PROGRAMMA DI BONIFICA E DEI PIANI DI RIORDINO FONDIARIO E DI RIORDINO IRRIGUO DEL COMPRENSORIO; - ALLA PROGETTAZIONE ED ALL'ESECUZIONE IN CONCESSIONE DELLE OPERE DI BONIFICA ED IDRAULICHE DI COMPETENZA STATALE, REGIONALE E LOCALE, NONCH DI OGNI ALTRA OPERA PUBBLICA DI INTERESSE DEL COMPRENSORIO, IVI COMPRESE QUELLE PER LA RICARICA ARTIFICIALE DELLA FALDA E GLI INTERVENTI NECESSARI A SEGUITO DI EVENTI CALAMITOSI; - ALLA MANUTENZIONE ED ALL'ESERCIZIO DELLE SUDETTE OPERE; - ALLE ATTIVITA' RELATIVE ALLA DERIVAZIONE E DISTRIBUZIONE DI ACQUE SUPERFICIALI E DI FALDA, ANCHE AD USO PLURIMO, ANCHE CON INTERVENTI NECESSARI IN CASO DI EMERGENZE IDRICHE; - ASSUMERE, A TERMINI DELLA LEGGE 12 FEBBRAIO 1942 N. 183, L'ESECUZIONE E LA MANUTENZIONE DELLE OPERE DI INTERESSE COMUNE A PIU' PROPRIETA' NONCHE' DI QUELLE OCCORRENTI ALL'ADDUZIONE DELL'ACQUA E A DARE SCOLO ALLE ACQUE AL FINE DI NON RECARE PREGIUDIZIO ALLO SCOPO PER IL QUALE LE OPERE PUBBLICHE DI BONIFICA FURONO ESEGUITE; - AD ASSUMERE LE FUNZIONI DEI PREESISTENTI CONSORZI DI MIGLIORAMENTO FONDIARIO E DI TUTTI GLI ALTRI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE IRRIGUO E DELLA DIFESA IDRAULICA; -ALL'ASSISTENZA, ANCHE TECNICA AGRARIA, DELLA PROPRIETA' CONSORZIATA: NELLA TRASFORMAZIONE DEGLI ORDINAMENTI PRODUTTIVI DELLE SINGOLE AZIENDE; NELLA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DELLE OPERE DI COMPETENZA PRIVATA, VOLONTARIE OD OBBLIGATORIE, ANCHE COMUNI A PIU' FONDI E NEL CONSEGUIMENTO DELLE RELATIVE PROVVIDENZE; NELLA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E GESTIONE DI OPERE PUBBLICHE, ANCHE EXTRA-AGRICOLE PURCHE' RIENTRANTI NEI FINI GENERALI DEL CONSORZIO;

13 - ALL'ESECUZIONE, SU RICHIESTA E PER CONTO DEI PROPRIETARI CONSORZIATI, DELLE OPERE DI CUI ALLA PRECEDENTE LETTERA G), NONCHE' ALLA MANUTENZIONE DELLE MEDESIME SEMPRECHE', IN QUEST'ULTIMO CASO, L'INTERVENTO PRESENTI INTERESSE AI FINI FUNZIONALITA' DELLE OPERE PUBBLICHE O COMUNI; - ALLA VIGILANZA SULL'ADEMPIMENTO DELLE DIRETTIVE DEL PIANO GENERALE DI BONIFICA ; - ALLA RICOMPOSIZIONE DELLE PROPRIETA' FRAMMENTATE AI SENSI DEL CAPO IV DEL R.D N. 215; - AD ASSUMERE LE FUNZIONI DI CONSORZIO DI UTILIZZAZIONE IDRICA AI SENSI ART. 72 R.D N. 1775, PER LE UTENZE IDRICHE DI COLO E DI ACQUE DI RISULTA, CHE SI ESERCITANO NEL COMPRENSORIO CONSORTILE; - AD ASSUMERE LE FUNZIONI DI CONSORZIO DI CONTRIBUENZA NEI CONFRONTI DI NON CONSORZIATI CHE USUFRUISCANO DEL BENEFICIO DELLE OPERE DI BONIFICA; - A PROMUOVERE ED ATTUAREANCHE IN CONCESSIONE, STUDI, INIZIATIVE ED INTERVENTI, VOLTI ALLA DIFESA DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA CONOSCENZA, ALLA TUTELA ED ALL'UTILIZZO DELLE RISORSE IDRICHE SUPERFICIALI E SOTTERRANEE, NONCHE' CONTROLLO QUALI/QUANTITATIVO DELLE RISORSE STESSE E DEGLI SCARICHI; - ALLA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE NECESSARIE ALLA DIFESA DELLA PRODUZIONE E ALLA VALORIZZAZIONE ECONOMICO-AGRARIA DEL COMPRENSORIO; - AD ASSUMERE LE FUNZIONI DI CONSORZIO IDRAULICO DI TERZA CATEGORIA AI SENSI DEL R.D N. 523 E QUELLE DI DIFESA IDRAULICA, GIUSTA LEGGE N R.D N L N R.D N. 1775; - ALLE FUNZIONI DI POLIZIA IDRAULICA DI CUI AL R.D N. 386; - ALL'UTILIZZO DELLE RISORSE IDRICHE PER FINI IDROELETTRICI; - ALLA PARTECIPAZIONE AD ENTI, SOCIETA' OD ASSOCIAZIONI, CHE COMUNQUE SI PRESENTINO DI INTERESSE PER IL CONSORZIO O PER L'ATTIVITA' DI BONIFICA; - AD ASSUMEWRE LE FUNZIONI, PREVISTE DALLA LEGGE N. 183 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI, DI DIFESA DEL SUOLO, NONCHE' SVOLGERE I COMPITI PREVISTE DALLA L. 36/94 E SUCCESSIVE MIDIFICHE ED INTEGRAZIONI, AI FINI DELLA TUTELA E DELLO SFRUTTAMENTO DELLE RISORSE IDRICHE; - A COLLABORARE CON ENTI LOCALI NELLE VARIE MATERIE DI COMPETENZA, AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELLA LEGGE N. 142; - PROMUOVERE OD INCORAGGIARE LA COSTITUZIONE DI COOPERATIVE E DI ALTRI ORGANISMI ASSOCIATIVI; - AD ASSUMERE I COMPITI CHE, ANCHE A SENSI DI EVENTUALI NUOVE DISPOSIZIONI DI LEGGE, DOVESSERO ATTRIBUITI AI CONSORZI DI BONIFICA.

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI Il canone RICOGNITORIO rappresenta esclusivamente la somma dovuta a titolo di riconoscimento del diritto di proprietà del Comune sul bene oggetto della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI Art. 1. (trasformazione urbanistica del territorio e concessione di edificare) Ogni attività comportante

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli