UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2014/1027 del 11/04/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo IL RETTORE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2014/1027 del 11/04/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo IL RETTORE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DR/2014/1027 del 11/04/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo U.S.R. IL RETTORE VISTO VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTA VISTA il vigente Statuto dell Ateneo; il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.), emanato con D.R. n del 16 luglio 2008 e s.m.i.; il Regolamento per l'istituzione e il funzionamento dei Corsi di Master universitario di I e II livello, emanato con D.R. n del 14 aprile 2010; il D.R. n del 09/12/2013 con il quale è stato istituito il Master universitario interateneo e interdisciplinare di II livello in Gestione, pianificazione e progettazione dei sistemi di networking avanzato e dei servizi ICT ed emanato il relativo Regolamento di funzionamento; la Convenzione tra l Università degli Studi di Napoli Federico II, l Università degli Studi di Salerno, l Università degli Studi del Sannio, la Seconda Università degli Studi di Napoli, l Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, l Università degli Studi di Napoli L Orientale e l Università degli Studi di Napoli Parthenope, per l attivazione del Master in Gestione, pianificazione e progettazione dei sistemi di networking avanzato e dei servizi ICT, allegata al citato D.R. n del 09/12/2013 istitutivo del corso stesso; la nota prot. n del 27/03/2014 con la quale il Rettore dell Università degli Studi Suor Orsola Benincasa ha comunicato che il Senato Accademico e il Consiglio di Amministrazione dello stesso Ateneo si sono riservati di deliberare l adesione all accordo per l attuazione del progetto di formazione RIMIC e al conseguente regolamento di funzionamento del Master interuniversitario di II livello subordinatamente alla revisione di quest ultimo nella parte riguardante i titoli di studio richiesti per l accesso ai percorsi A e B mediante l inserimento, tra i titoli di accesso, della laurea del Vecchio Ordinamento in Scienze della Comunicazione, della laurea specialistica 67/S Scienze della Comunicazione Sociale e Istituzionale e/o delle lauree magistrali corrispondenti rilasciate ai sensi del D.M. 270/2004; la nota mail del 28/03/2014 con la quale, in via d urgenza, il Rettore dell Università degli Studi di Napoli Federico II ha chiesto ai Rettori delle Università degli Studi della Campania di cui alla citata Convenzione di esprimere il loro assenso sulla proposta del Rettore dell Università Suor Orsola Benincasa di integrare i titoli previsti per l ammissione al citato Master nonché di approvare e sottoscrivere l accordo relativo alle attività di formazione e la convenzione relativa al Master interateneo tenendo conto della modifica di cui sopra; la nota mail del 28/03/2014 con la quale il Rettore dell Università degli Studi del Sannio ha condiviso la suindicata proposta di modifica avanzata dal Rettore dell Università Suor Orsola Benincasa; la nota mail del 28/03/2014 con la quale il Rettore dell Università degli Studi di Napoli L Orientale ha dichiarato di condividere la proposta di modifica avanzata dal Rettore dell Università Suor Orsola Benincasa e si è conseguentemente espresso favorevolmente sulla stessa; la nota mail del 28/03/2014 con la quale il Rettore dell Università degli Studi di Napoli Parthenope si è espresso favorevolmente alla proposta di modifica avanzata dal Rettore dell Università Suor Orsola Benincasa;

2 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DR/2014/1027 del 11/04/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo VISTA VISTO la nota mail del 28/03/2014 con la quale il Rettore della Seconda Università degli Studi di Napoli ha dichiarato di condividere la proposta di modifica avanzata dal Rettore dell Università Suor Orsola Benincasa e si è conseguentemente espresso favorevolmente sulla stessa; il Decreto rettorale, rep. n del 10/04/2014, con il quale il Rettore della Università degli Studi di Salerno ha approvato la proposta di revisione della convenzione relativa all attivazione ed al funzionamento del citato Master Interateneo formulata dall Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa; CONSIDERATO che il citato Master è parte integrante e sostanziale del già approvato progetto RIMIC Rete di Interconnessione Multiservizio Interuniversitaria Campana presentato su bando P.O.N. a3_00343 "Ricerca e Competitività" Avviso 254/Ric del 18/05/2011 del Ministero dell'istruzione, Università e della Ricerca per le Regioni della Convergenza; PRESO ATTO che con le note trasmesse via mail i Rettori delle Università convenzionate, di cui sopra, comunicano che le Università partecipanti al progetto RIMIC si sono espresse, ciascuna per proprio conto, favorevolmente alla modifica per integrazione del Regolamento per il funzionamento del Master universitario interateneo in questione, come richiesta dall Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa; CONSIDERATO che la scadenza del progetto RIMIC è fissata al 31/12/2014 e che, pertanto, è necessario avviare immediatamente le attività relative al progetto di formazione; RITENUTA VISTO pertanto, la necessità di provvedere in via di urgenza in merito alla modifica del regolamento per il funzionamento del Master universitario interateneo di II livello di cui trattasi; l art.14, comma 2, lettera j), del vigente Statuto di Ateneo; DECRETA Art. 1 Per i motivi di cui alle premesse, il Regolamento di funzionamento del Master universitario interateneo di II livello in Gestione, pianificazione e progettazione dei sistemi di networking avanzato e dei servizi ICT, emanato con D.R. n del 09/12/2013 ed allegato alla convenzione approvata con lo stesso Decreto, è integrato come nella stesura allegata al presente Decreto di cui costituisce parte integrante. Il testo del regolamento come sopra modificato è allegato allo schema di convenzione approvato con il citato D.R. n. 3979/2013. Art. 2. Il presente Decreto, emanato d urgenza, sarà sottoposto, per quanto di rispettiva competenza, a ratifica del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione. Ripartizione Affari Generali, Professori e ricercatori Il Dirigente dott. Francesco Bello Unità organizzativa responsabile del procedimento: Ufficio Statuto, Regolamenti e Organi universitari Responsabile del procedimento: Il Capo dell Ufficio Statuto, Regolamenti e Organi universitari Dott.ssa Lucia Esposito AdP IL RETTORE Massimo Marrelli

3 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN Innovazione ICT: formazione di personale altamente qualificato nelle reti di interconnessione e nei servizi informatici e telematici su di esse veicolati Denominazione del corso: Corso di Master interuniversitario e interdisciplinare di II livello in Gestione, pianificazione e progettazione dei sistemi di networking avanzato e dei servizi ICT Sede amministrativa del corso: Il Master è gestito dall Università degli Studi di Napoli Federico II come capofila in collaborazione con le università: Seconda Università degli Studi di Napoli Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Salerno Università degli Studi del Sannio Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Università degli Studi di Napoli l Orientale secondo l accordo convenzionale fra esse stipulato nell ambito del progetto PON Rimic. Breve descrizione degli obiettivi formativi e finalità del Master La gestione delle infrastrutture di networking avanzato e dei servizi ICT a valore aggiunto rappresenta un tema di elevato potenziale in termini di mercato e di figure professionali richieste. Le imprese del comparto ICT si trovano, infatti, in questi anni, ad affrontare complesse sfide di carattere tecnologico, manageriale e commerciale a causa dell incessante processo di cambiamento tecnologico e di mercato che contraddistingue questo settore. Il Master si pone l obiettivo di trasferire agli allievi le competenze, gli strumenti e le metodologie da adottare per progettare, pianificare e gestire sistemi e servizi ICT collegati ad infrastrutture di networking avanzato, sia dal punto di vista ingegneristico che da quello manageriale. Il Master si rivolge pertanto a laureati dell area dell ingegneria dell informazione e delle discipline economiche, e si articola in tre indirizzi, collegati alla formazione di distinte figure professionali: -indirizzo A relativo alla formazione di personale direttivo per il management della ricerca nell ambito di imprese ICT; -indirizzo B relativo alla formazione di personale per la gestione di trattative commerciali inerenti i servizi ICT; -indirizzo C relativo alla formazione di personale tecnico laureato esperto in progettazione, configurazione e gestione di reti complesse e servizi informatici avanzati Indirizzo A Questo indirizzo si prefigge di formare dirigenti e funzionari direttivi in grado di applicare strumenti manageriali per la gestione delle imprese ICT, identificando i principali driver di sviluppo del settore, analizzando le logiche di creazione di valore e partecipando alla definizione di idonee scelte strategiche ed organizzative, anche mediante la promozione e diffusione di processi di spin off da istituzioni di ricerca e alta formazione. In particolare, saranno approfonditi i temi della pianificazione e del controllo di gestione, della contabilità direzionale, della progettazione organizzativa, della gestione d impresa, del management della ricerca, della governance ICT. Indirizzo B Questo indirizzo si prefigge di formare risorse da destinare alla gestione di trattative commerciali in ambito di servizi ICT, sviluppando opportune capacità amministrative e negoziali nel quadro di un settore ad UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014

4 elevato tasso di innovazione e dalla crescente complessità. In particolare, saranno approfonditi i temi della gestione dei progetti, delle determinazioni quantitative di azienda, della negoziazione, delle decisioni commerciali, delle relazioni con i clienti. Indirizzo C Questo indirizzo si prefigge di formare personale tecnico con elevate competenze di progettazione, configurazione e gestione di reti complesse e servizi informatici avanzati, in grado di garantire sia lo start up sia il corretto funzionamento a regime delle infrastrutture di rete e dei servizi applicativi su esse veicolati. In particolare, saranno approfonditi i temi legati alla progettazione e configurazione della rete telematica, alla sua gestione, monitoraggio e sicurezza. Saranno, inoltre, approfonditi tutti gli aspetti informatici legati alla messa in esercizio di applicazioni avanzate e di servizi multimediali. Progetto generale dell organizzazione del Master: Il master prevede una parte comune (21 CFU), concepita per fornire le nozioni di base del dominio ICT di interesse e tre percorsi corrispondenti agli indirizzi precedentemente descritti : gestionale (di 18 CFU), relativo alla gestione delle imprese ICT attive nell ambito dei servizi telematici; commerciale (di 18 CFU), relativo all amministrazione e allo sviluppo delle relazioni con i clienti; tecnologico (di 18 CFU), relativo alle infrastrutture di networking e dei servizi avanzati. I principali settori scientifici disciplinari (SS.DD ) sono: Indirizzo A SECS-P/07, SECS-P/08, SECS-P/10, IUS/01, INF/01, ING-INF/01, ING-INF/02, ING-INF/03, ING- INF/04, ING-INF/05, ING-INF/06, ING-INF/07, ING-IND/35, L-LIN/12 Indirizzo B SECS-P/07, SECS-P/08, SECS-P/10, IUS/04, INF/01, ING-INF/01, ING-INF/02, ING-INF/03, ING- INF/04, ING-INF/05, ING-INF/06, ING-INF/07, ING-IND/35, L-LIN/12 Indirizzo C INF/01, ING-INF/01, ING-INF/02, ING-INF/03, ING-INF/04, ING-INF/05, ING-INF/06, ING-INF/07, ING-IND/35, L-LIN/12 Totale settori SS.DD. di riferimento coinvolti nel master INF/01, ING-INF/01, ING-INF/02, ING-INF/03, ING-INF/04, ING-INF/05, ING-INF/06, ING-INF/07, ING-IND/35, SECS-P/07, SECS-P/08, SECS-P/10, L-LIN/12 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014 Modalità della didattica e distribuzione delle ore e dei CFU Il progetto formativo si basa sulle seguenti tre tipologie di didattica: -formazione attraverso didattica frontale; -formazione collaborativa con tutoraggio e didattica integrativa e seminari specialistici; -stage in azienda. Per il conseguimento del titolo, è necessario acquisire 60 CFU, così distribuiti: 39 CFU per attività didattica frontale che include le attività di esercitazione e laboratorio; 20 CFU per stage in azienda/laboratorio di ricerca; 1 CFU per l esame finale. La formazione attraverso didattica frontale intende approfondire sia le tematiche teoriche che quelle applicative relative alla progettazione, pianificazione e gestione di sistemi e servizi ICT collegati ad infrastrutture di networking avanzato, sia dal punto di vista ingegneristico che da quello manageriale. Tale attività prevede 13 moduli, per un totale di 975 ore di cui 390 ore di didattica frontale e 585 ore di attività sperimentali (laboratorio e/o esercitazioni) e di studio individuale. Le attività di formazione e di

5 didattica integrativa saranno supportate dalla presenza di tutor che collaboreranno alle attività progettuali del Master. Lo stage (20 CFU) serve a completare e verificare la preparazione raggiunta dagli studenti. Tale attività, per la quale sono previste 500 ore, sarà svolta presso Aziende o Centri di Ricerca. Per lo svolgimento delle attività collegate alla valutazione finale (1 CFU) sono stabilite 25 ore. Le esercitazioni e i laboratori verteranno su tematiche di interesse per il Master e saranno strettamente integrati con i moduli del corso. Nello schema seguente sono riportati gli insegnamenti, le ore di didattica frontale, i crediti formativi (CFU) attribuiti ed i Settori Scientifico Disciplinari di competenza. Gli insegnamenti sono organizzati in moduli. Indirizzo A relativo alla formazione di personale direttivo per il management della ricerca nell ambito di imprese ICT PARTE COMUNE AI TRE INDIRIZZI Insegnamento CFU SSD A Socializzazione e team building - il business system ICT 3 SECS-P/10 B Fondamenti di ingegneria dei sistemi ICT Composto dai moduli: Lingua inglese (3 CFU, 30 ore) Aspetti economici ed organizzativi dei sistemi ICT (3 CFU, 30 ore) Scenari di mercato delle imprese ICT (3 CFU, 30 ore) Fondamenti di Applicazioni Telematiche (3 CFU, 30 ore) Reti di Calcolatori (3 CFU, 30 ore) Reti Telematiche (3 CFU, 30 ore) 18 ING-INF 05 ING INF 03 INF 01 SECS-P/07 SECS-P/08 SECS-P/10 L-LIN/12 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014 C PARTE CARATTERIZZANTE INDIRIZZO A Economia organizzazione e management dell impresa ICT Composto dai moduli: Tecniche e strumenti per l'analisi del valore nell'impresa ICT (3 CFU - 30 ore di didattica frontale-secs - P/07) Gestione e analisi di settore dell'impresa ICT (3 CFU - 30 ore di didattica frontale - SECS-P/08) Progettazione e organizzazione dell'impresa ICT (3 CFU - 30 ore di didattica frontale-secs - P10) Management della ricerca (3 CFU - 30 ore di didattica frontale - SECS-P/08) Modelli di governance dell ICT (3 CFU - 30 ore di didattica frontale - SECS-P/ ) 15 SECS-P/07 SECS-P/08 SECS-P/10 D Profili giuridici del settore ICT 3 IUS/01 Totale 39

6 Indirizzo B relativo alla formazione di personale per la gestione di trattative commerciali inerenti ai servizi ICT PARTE COMUNE AI TRE INDIRIZZI Insegnamento CFU SSD A Socializzazione e team building - il business system ICT 3 SECS-P/10 B Fondamenti di ingegneria dei sistemi ICT Composto dai moduli: Lingua inglese (3 CFU, 30 ore) Aspetti economici ed organizzativi dei sistemi ICT (3 CFU, 30 ore) Scenari di mercato delle imprese ICT (3 CFU, 30 ore) Fondamenti di Applicazioni Telematiche (3 CFU, 30 ore) Reti di Calcolatori (3 CFU, 30 ore) Reti Telematiche (3 CFU, 30 ore) 18 ING-INF 05 INF 01 ING INF 03 SECS-P/07 SECS-P/08 SECS-P/10 L-LIN/12 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014 C PARTE CARATTERIZZANTE INDIRIZZO B Amministrazione e gestione delle relazioni commerciali in ambito ICT Composto dai moduli: Tecniche e strumenti di reporting (3 CFU - 30 ore di didattica frontale - SECS-P/07) Project management (3 CFU - 30 ore di didattica frontale - SECS-P/08) Negoziazione (3 CFU - 30 ore di didattica frontale - SECS-P10) Tecniche e strumenti per l'analisi di mercato (3 CFU - 30 ore di didattica frontale - SECS-P/08) Analisi dei modelli di erogazione dei servizi nell ICT (3 CFU - 30 ore di didattica frontale SECS-P/ ) 15 SECS-P/07 SECS-P/08 SECS-P/10 D Diritto dei contratti 3 IUS/04 Totale 39

7 Indirizzo C relativo alla formazione di tecnici laureati esperti in progettazione, configurazione e gestione di reti complesse e servizi informatici avanzati PARTE COMUNE AI TRE INDIRIZZI Insegnamento CFU SSD A Socializzazione e team building - il business system ICT 3 SECS-P/10 B C Fondamenti di ingegneria dei sistemi ICT Composto dai moduli: Lingua Inglese (3 CFU, 30 ore) Aspetti economici ed organizzativi dei sistemi ICT (3 CFU, 30 ore) Scenari di mercato delle imprese ICT (3 CFU, 30 ore) Fondamenti di Applicazioni Telematiche (3 CFU, 30 ore) Reti di Calcolatori (3 CFU, 30 ore) Reti Telematiche (3 CFU, 30 ore) PARTE CARATTERIZZANTE INDIRIZZO C Ingegneria dei sistemi ICT su reti avanzate Composto dai moduli: Reti Wireless e Protocolli per Reti Mobili (3 CFU, 30 ore) Monitoraggio, Controllo e Gestione di Rete (3 CFU, 30 ore) Sicurezza di Rete (3 CFU, 30 ore) Sicurezza delle Applicazioni di Rete (3 CFU, 30 ore) 18 ING-INF 05 INF 01 ING INF 03 SECS-P/07 SECS-P/08 SECS-P/10 L-LIN/12 12 ING-INF 05 INF 01 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014 D Sistemi di rete avanzati Composto dai moduli: 6 ING-INF 05 INF 01 Progettazione di Infrastrutture di Rete (3 CFU, 30 ore) Configurazione dei Dispositivi di Rete (3 CFU, 30 ore) Totale 39

8 Piano di distribuzione delle attività per atenei partecipanti: Ateneo Indirizzo SSD Monte ore Max Università degli Studi di Napoli Federico II Seconda Università degli Studi di Napoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014 Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Salerno

9 Università degli Studi del Sannio Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Università degli Studi di Napoli L'Orientale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014 Durata del corso e modalità della frequenza La durata del Master è di 1500 ore (di cui 390 ore di aula, 585 ore di attività sperimentali e di studio individuale, 500 ore di stage e 25 ore collegate all attività per la valutazione finale). Il Master richiede la frequenza obbligatoria e le attività saranno articolate su 5 giorni lavorativi. Al termine del Master è previsto lo svolgimento di un esame finale. È richiesta la frequenza obbligatoria di ciascun modulo didattico, esercitazione, laboratorio e stage, con un tetto massimo di assenze pari al 20% delle ore di attività. Nel caso di superamento di tale tetto di assenza, il Consiglio Scientifico del Master procederà, insindacabilmente, all esclusione del partecipante. Modalità delle verifiche periodiche e della prova/e finale/i: Ciascun insegnamento prevede una prova finale scritta e/o orale che verterà su tutti i moduli integrati nel corso e può prevedere prove intercorso di accertamento del profitto. L attività di esercitazione e di laboratorio prevede lo sviluppo di applicazioni progettuali di gruppo. La prova finale prevista per il conseguimento del titolo consiste in un colloquio finale sulle attività svolte nel Master. Per il conseguimento del titolo, lo studente deve aver acquisito tutti i 60 CFU come previsti nel presente regolamento.

10 Coordinatore del Master Prof. Antonino Mazzeo del Dipartimento di Ingegneria elettrica e delle Tecnologie dell'informazione dell Università di Napoli Federico II. Consiglio Scientifico del Master Il Consiglio Scientifico del Master è composto dal Coordinatore e da un docente di ruolo per ciascuno degli Atenei partecipanti: Prof. Antonino Mazzeo, Coordinatore Master Prof. Carlo Sansone Prof. Giuseppe De Maria Prof. Paolo Zanetti Prof. Massimo De Santo Prof. Umberto Villano Prof. Maria Valeria Del Tufo Prof. Amedeo Di Maio Università degli Studi di Napoli Federico II Seconda Università degli Studi di Napoli Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Salerno Università degli Studi del Sannio Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Università degli Studi di Napoli L Orientale Il Consiglio Scientifico si riunisce anche per via telematica, in merito alla programmazione delle attività didattiche ed al funzionamento del Master Titoli di studio che consentono l accesso (cfr. art. 1 comma 2 nonché art. 2 lettera e) del Regolamento) e modalità di ammissione Per l ammissione al Master occorre possedere: Per l indirizzo A relativo alla formazione di personale direttivo per il management della ricerca nell ambito di imprese ICT: Laurea del vecchio ordinamento: Diploma di laurea antecedente il DM 509/99 in Ingegneria Biomedica, Ingegneria Elettronica, Ingegneria Gestionale, Ingegneria Informatica, Ingegneria delle Telecomunicazioni; Informatica; Scienze dell Informazione, Economia e Commercio; Scienze della Comunicazione. Lauree specialistiche e/o magistrali: 26/S Ingegneria Biomedica 29/S Ingegneria dell Automazione 30/S Ingegneria delle Telecomunicazioni 32/S Ingegneria Elettronica 34/S Ingegneria Gestionale 35/S Ingegneria Informatica 23/S Informatica 67/S Scienze della Comunicazione Sociale e Istituzionale 84/S Scienze Economico-Aziendali e/o lauree magistrali corrispondenti rilasciate ai sensi del DM 270/2004. Altro (p. es. ex D.U., titoli stranieri e/o abilitazioni professionali): Titoli stranieri equipollenti alle suddette lauree. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014

11 Per l indirizzo B relativo alla formazione di personale per la gestione di trattative commerciali inerenti i servizi ICT: Laurea del vecchio ordinamento: Diploma di laurea antecedente il DM 509/99 in Ingegneria Biomedica, Ingegneria Elettronica, Ingegneria Gestionale, Ingegneria Informatica, Ingegneria delle Telecomunicazioni; Informatica; Scienze dell Informazione, Economia e Commercio; Scienze della Comunicazione. Lauree specialistiche e/o magistrali: 26/S Ingegneria Biomedica 29/S Ingegneria dell Automazione 30/S Ingegneria delle Telecomunicazioni 32/S Ingegneria Elettronica 34/S Ingegneria Gestionale 35/S Ingegneria Informatica 23/S Informatica 67/S Scienze della Comunicazione Sociale e Istituzionale 84/S Scienze Economico-Aziendali e/o lauree magistrali corrispondenti rilasciate ai sensi del DM 270/2004. Altro (p. es. ex D.U., titoli stranieri e/o abilitazioni professionali): Titoli stranieri equipollenti alle suddette lauree. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014 Per l indirizzo C relativo alla formazione di tecnici laureati esperti in reti di interconnessione multi servizio e multipiano Laurea del vecchio ordinamento: Diploma di laurea antecedente il DM 509/99 in Ingegneria Biomedica, Elettronica, Gestionale, Informatica, Telecomunicazioni o in Informatica e Scienze dell Informazione. Lauree specialistiche e/o magistrali: 26/S Ingegneria Biomedica 29/S Ingegneria dell Automazione 30/S Ingegneria delle Telecomunicazioni 32/S Ingegneria Elettronica 34/S Ingegneria Gestionale 35/S Ingegneria Informatica 23/S Informatica e/o lauree magistrali corrispondenti rilasciate ai sensi del DM 270/2004. Altro (p. es. ex D.U., titoli stranieri e/o abilitazioni professionali): Titoli stranieri equipollenti alle suddette lauree. Per l ammissione al Master saranno valutati i titoli dei candidati, ed è inoltre previsto una prova di accesso. Le modalità saranno definite dal Consiglio Scientifico.

12 Numero degli ammissibili: Numero minimo 19 e numero massimo 25. Saranno definite tre graduatorie separate per i tre indirizzi, secondo la seguente ripartizione per percorso: Numero partecipanti Percorso A Percorso B Percorso C Totale Partecipanti al master minimo massimo Struttura di Ateneo responsabile della gestione amministrativa e contabile: Centro di Ateneo per i Servizi Informativi dell Università degli Studi di Napoli Federico II Struttura responsabile delle carriere degli iscritti: Ufficio Scuole di Specializzazione e Master. Strutture disponibili per le attività didattiche (aule, laboratori, biblioteche): Sono messe a disposizione del Master alcune aule e laboratori dell Università di Napoli Federico II, delle strutture di enti esterni convenzionati per attività di interesse del Master. Struttura didattica di riferimento: DIETI (Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Tecnologie dell'informazione) dell'università Federico II Importo del contributo di iscrizione: Non è richiesto alcun contributo di iscrizione in quanto l edizione 2013/2014 è completamente finanziata con i fondi PON "Ricerca e Competitività" del Ministero dell'istruzione, Università e della Ricerca per le Regioni della Convergenza (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia), -Avviso 254/Ric dei 18/05/2011 Rete di Interconnessione Multiservizio Interuniversitaria campana RIMIC Eventuali collaborazioni di Enti pubblici e privati (da convenzionare): Aziende ed enti che intendono finanziare il Master potranno partecipare a discrezione del Consiglio Scientifico del Master. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014 Piano finanziario L edizione 2013/2014 del Master, in quanto completamente ed esclusivamente realizzata con fondi ministeriali provenienti dal progetto MIUR Rete di Interconnessione Multiservizio Interuniversitaria campana RIMIC - non prevede il riconoscimento all Ateneo del 25% calcolato sul contributo di iscrizione.

13 Borse di Studio: Per l edizione 2013/2014 del Master è previsto il riconoscimento di n. 19 borse di studio, distribuite per i tre indirizzi come segue: Indirizzo A Indirizzo B Indirizzo C Numero borse L entità economica delle borse è successivamente definita dal Consiglio del Corso di Master in funzione del piano finanziario complessivo del Progetto RIMIC ed è resa nota in sede di indizione del bando di ammissione al Master. Accedono alle borse gli studenti partecipanti al Master utilmente collocatisi nelle rispettive graduatorie di indirizzo in fase di selezione. Le borse sono erogate direttamente dagli Atenei partecipanti al progetto MIUR Rete di Interconnessione Multiservizio Interuniversitaria campana RIMIC secondo la seguente ripartizione. Federico II Sannio SUN Parthenope Orientale Salerno SuorOrsola UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II allegato al DR/2014/1027 del 11/04/2014

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.;

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.; DR/2013/3422 del 28/10/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo emanato con Decreto Rettorale n. 2897 del 04.09.2013; VISTO il Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004

Dettagli

VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.;

VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.; DR/014/403 del 1/0/014 Firmatari: MARRELLI Massimo U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo emanato con Decreto Rettorale n. 897 del 04.09.013; VISTO il Decreto Ministeriale ottobre 004 n. 70; VISTO

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; U.S.R. Decreto n. 1226 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA RITENUTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270, ed in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2014/3694 del 05/11/2014 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2014/3694 del 05/11/2014 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2014/3694 del 05/11/2014 Firmatari: MANFREDI Gaetano U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo e in particolare gli artt. 17, c. 2 lett. d); 19 c. 2 lett. h) e 29, commi 8 e 11; VISTO il Decreto

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso.

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso. U.S.R. DECRETO N. 4009 lo Statuto di Ateneo; il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.); il decreto ministeriale 22 ottobre 2004 n. 270; il Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei Corsi

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.;

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.; DR/2013/2878 del 04/09/2013 Firmatari: Marrelli Massimo U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo emanato con Decreto Rettorale n. 1660 del 15/05/2012; VISTO il Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004

Dettagli

IL RETTORE Massimo Marrelli

IL RETTORE Massimo Marrelli DR/2013/2736 del 31/07/2013 Firmatari: MASSIMO MARRELLI U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo emanato con Decreto Rettorale n. 1660 del 15/5/2012; VISTO il Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004 n.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3427 del 07/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo IL RETTORE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3427 del 07/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo IL RETTORE U.S.R. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DR/2015/3427 del 07/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo e in particolare gli artt. 17, c. 2 lett. d); 19 c. 2 lett.

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Articolo 1 Definizione 1. In attuazione di quanto previsto dalla normativa

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 404 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 404 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 404 IL RETTORE VISTA la legge 9.5.89, n. 168; VISTA la legge 19.11.90, n. 341;; VISTA la legge 15.5.97, n. 127; VISTO il D.P.R. 27.1.98, n. 25; VISTO il D.M. 3.11.99, n. 509 recante

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il Regolamento di funzionamento dei Corsi di Perfezionamento, emanato con D.R. n. 2120 del 17/06/2010;

IL RETTORE. VISTO il Regolamento di funzionamento dei Corsi di Perfezionamento, emanato con D.R. n. 2120 del 17/06/2010; DR/2015/3181 del 23/09/2015 Firmatari: De Vivo Arturo U.S.R. IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto dell Ateneo; l artt. 15 del vigente Regolamento Didattico di Ateneo; VISTO il Regolamento di funzionamento

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli

IL RETTORE. UPD Dec.n. 263

IL RETTORE. UPD Dec.n. 263 IL RETTORE UPD Dec.n. 263 Vista la convenzione Regione Campania- Università degli Studi della Campania stipulata il 27/3/2001, attraverso la quale si è inteso attivare, nell ambito del POR Campania 2000-2006,

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

IL RETTORE. gli artt. 2 e 18 del Regolamento Didattico di Ateneo emanato con D.R. n..2440 del 16-07-08;

IL RETTORE. gli artt. 2 e 18 del Regolamento Didattico di Ateneo emanato con D.R. n..2440 del 16-07-08; Segreteria Studenti Facoltà di Ingegneria IL RETTORE Prot. N. 3103 VISTO VISTI gli artt. 38 e 39 dello Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II ; gli artt. 2 e 18 del Regolamento Didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE CLASSE DELLE LAUREE TRIENNALI IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 9) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza - Prerequisiti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione Articolo 1 «E istituito presso l Università Carlo Cattaneo -

Dettagli

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Ordine degli Studi a.a. 2015/201 I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-33 Ingegneria meccanica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria informatica Nome del corso. Ingegneria Informatica

35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria informatica Nome del corso. Ingegneria Informatica Università Università degli studi di Genova Classe 35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria Nome del corso Informatica Modifica di Informatica (codice=45798) Data del DM di approvazione dell'ordinamento

Dettagli

IL RETTORE. il Regolamento di funzionamento dei Corsi di Perfezionamento emanato con D.R. n. 2120 del 17/06/2010;

IL RETTORE. il Regolamento di funzionamento dei Corsi di Perfezionamento emanato con D.R. n. 2120 del 17/06/2010; DR/2015/86 del 16/01/2015 Firmatari: De Vivo Arturo U.S.R. IL RETTORE RITENUTO lo Statuto dell Ateneo; l artt. 15 del vigente Regolamento Didattico di Ateneo; il Regolamento di funzionamento dei Corsi

Dettagli

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56)

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico ha l obiettivo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo e in particolare gli artt. 17, c. 2 lett. d); 19 c. 2 lett. h) e 29, commi 8 e 11;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo e in particolare gli artt. 17, c. 2 lett. d); 19 c. 2 lett. h) e 29, commi 8 e 11; DR/2014/3604 del 30/10/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo e in particolare gli artt. 17, c. 2 lett. d); 19 c. 2 lett. h) e 29, commi 8 e 11; VISTO il Decreto

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali ART. 1 Istituzione del corso di laurea in Management (MGT) Presso

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope

Università degli studi di Napoli Parthenope Università degli studi di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Avviso di selezione per il conferimento di incarichi didattici Si comunica che per l a. a. 2011/2012 - nella Facoltà di Ingegneria - risultano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio

Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio Prot. n. é; s"6-5 Ali. 1 N.B. Nella risposta vanno citati il numero di protocollo della presente e l'area di provenienza

Dettagli

CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE

CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Art. 1 Istituzione. Presso la Facoltà di Ingegneria sede di

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG Decreto n. 877 IL RETTORE VISTO il Decreto Ministeriale n. 270 del 22 ottobre 2004; VISTO VISTA VISTE PRESO ATTO CONSIDERATO PRESO ATTO ATTESA VISTO

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente (Decreto Rettorale n.34 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

I4L LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRICA

I4L LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRICA I4L LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-28 Ingegneria Elettrica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO DI RIFERIMENTO: Ingegneria Industriale

Dettagli

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI (CLASSE N. 30/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza 1. E istituito presso la Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

17-Classe delle lauree in scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome del corso. Economia aziendale

17-Classe delle lauree in scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome del corso. Economia aziendale Università Università degli studi di Genova Classe 17-Classe delle lauree in scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome del corso Economia aziendale Modifica di Economia aziendale (codice=333)

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Pagina 1 di 7. Art. 1 - RIFERIMENTI NORMATIVI

Pagina 1 di 7. Art. 1 - RIFERIMENTI NORMATIVI REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI PERFEZIONAMENTO PER L INSEGNAMENTO DI UNA DISCIPLINA NON LINGUISTICA IN LINGUA STRANIERA, SECONDO LA METODOLOGIA CLIL (CONTENT AND LANGUAGE INTEGRATED LEARNING) RIVOLTO AI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale L -18 Scienze dell economia e della gestione aziendale COORTE 2015-2016 approvato dal Senato Accademico nella seduta del 27 ottobre 2015 1. DATI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Master Universitario annuale di II livello in RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2015/2016 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA Master Universitario annuale di II livello in IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura Vista Viste IL RETTORE Il D.M. n. 270/2004 ed in particolare l art.3 comma 9 che, in attuazione dell art.1 comma 15 della legge n. 4 del 14.01.1999, dispone

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Registrato il 28.06.2005 Reg 1 Fog 10 N 115 /AD-ID POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 22.10.2004, n. 270; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Master universitario di SECONDO LIVELLO in Sistemi e Tecnologie Elettroniche per la Sicurezza, la Difesa e l Intelligence STATUTO

Master universitario di SECONDO LIVELLO in Sistemi e Tecnologie Elettroniche per la Sicurezza, la Difesa e l Intelligence STATUTO Master universitario di SECONDO LIVELLO in Sistemi e Tecnologie Elettroniche per la Sicurezza, la Difesa e l Intelligence STATUTO Art.1 - Istituzione È istituito, presso il Dipartimento di Ingegneria Elettronica

Dettagli

17-Classe delle lauree in scienze dell'economia e della gestione aziendale Economia della banca, della borsa e delle assicurazioni Nome del corso

17-Classe delle lauree in scienze dell'economia e della gestione aziendale Economia della banca, della borsa e delle assicurazioni Nome del corso Università Università degli studi di Genova Classe 17-Classe delle lauree in scienze dell'economia e della gestione aziendale Economia della banca, della borsa e delle assicurazioni Nome del corso Modifica

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI MANAGER DELLE RISORSE ARTISTICHE E CULTURALI

PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI MANAGER DELLE RISORSE ARTISTICHE E CULTURALI PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI PRESSO L UNIVERSITÀ IULM LIBERA UNIVERSITÀ DI LINGUE E COMUNICAZIONE. La Fondazione Roma e la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM organizzano

Dettagli

3. Sbocchi professionali

3. Sbocchi professionali corso di laurea INGEGNERIA GESTIONALE classe denominazione del corso 09 INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE allegato n. denominazione della classe sedi didattiche Il Corso di Laurea è attivato sia in sede che

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA IN COLLABORAZIONE CON CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA BIOMEDICA INDICE

Dettagli

I4G LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE

I4G LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE I4G LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-31 Ingegneria Gestionale NORMATIVA DI RIERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO DI RIERIMENTO: Ingegneria Industriale

Dettagli

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MASTER DI PRIMO LIVELLO IN: SICUREZZA DEL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN. - VARESE Anno accademico 2010-2011 Varese, settembre 2010 PREMESSA Il progresso civile, sociale

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il

Dettagli

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ASL LECCE Master II Livello in MANAGEMENT SANITARIO ANNO ACCADEMICO 10-11 R E G O L A M E N T O ARTICOLO 1 Il Master in Management Sanitario si propone

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO: NUOVI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO: NUOVI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EX INPDAP BANDO DI AMMISSIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO: NUOVI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Prot. n. 32122-I/7 Rep.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/2655 del 23/07/2015 Firmatari: De Vivo Arturo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/2655 del 23/07/2015 Firmatari: De Vivo Arturo DR/2015/2655 del 23/07/2015 Firmatari: De Vivo Arturo U.S.R. IL RETTORE VISTO il vigente Statuto dell Ateneo e, in particolare, gli artt. 43 e 44; VISTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2007/2008

Dettagli

U.S.R. DECRETO N. 3010 IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008;

U.S.R. DECRETO N. 3010 IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008; U.S.R. DECRETO N. 3010 IL RETTORE VISTO lo Statuto vigente; VISTO il decreto ministeriale 22 ottobre 2004 n. 270; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio

Dettagli

I L R E T T O R E D E C R E TA

I L R E T T O R E D E C R E TA Segreteria Studenti Area didattica Ingegneria I L R E T T O R E VISTI VISTA VISTA l art.43 dello Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II gli artt. 2 e 19 del Regolamento didattico di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento determina le modalità d istituzione ed organizzazione dei Master Universitari

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale Interclasse in e delle Telecomunicazioni Classi di Laurea LM-27 e LM-29 a.a.201-2014 TITOLO I Dati generali ARTICOLO

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Istituto di Igiene FONDAZIONE POLIAMBULANZA ISTITUTO OSPEDALIERO BRESCIA 10 corso parallelo di Laurea triennale in Infermiere

Dettagli

VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo, emanato con D.R. n. 2440 del 16.07.2008;

VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo, emanato con D.R. n. 2440 del 16.07.2008; SEGRETERIA STUDENTI FACOLTÀ DI ARCHITETTURA 2676 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo, emanato con D.R. n. 2440 del 16.07.2008; VISTO VISTO il Regolamento per

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 8827 (53) Anno 2016

Il Rettore. Decreto n. 8827 (53) Anno 2016 Il Rettore Decreto n. 8827 (53) Anno 2016 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

BROCHURE UFFICIALE DEL MASTER IN DIRITTO DEL LAVORO E RELAZIONI SINDACALI

BROCHURE UFFICIALE DEL MASTER IN DIRITTO DEL LAVORO E RELAZIONI SINDACALI BROCHURE UFFICIALE DEL MASTER IN E RELAZIONI SINDACALI A.A: 2013-2014 DIPARTIMENTO PROPONENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE D.D. 59 del 02/09/2013 RIFERIMENTI DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI DIPARTIMENTO

Dettagli