Gli impianti fotovoltaici. Descrizione, tecnologie, rischi e aspetti assicurativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli impianti fotovoltaici. Descrizione, tecnologie, rischi e aspetti assicurativi"

Transcript

1 Gli impianti fotovoltaici Descrizione, tecnologie, rischi e aspetti assicurativi

2 Indice Pagina Introduzione 1 Celle fotovoltaiche 2 Pannelli fotovoltaici 4 Stringhe, campo, impianto fotovoltaico 4 Tipologie particolari di pannelli fotovoltaici 5 Sistema fotovoltaico a concentrazione 5 Sistema fotovoltaico-termico 6 Pannelli semitrasparenti 6 Telai dei pannelli 6 Inverter, trasformatori, apparecchiature di controllo e gestione 7 Strutture di sostegno 7 Tipologie 7 Sistemi di tracking 8 IrraGGiamento 8 Performance dell impianto fotovoltaico 10 Fattori di rischio, cause di danno e di minor performance 11 Degrado progressivo da invecchiamento 11 Hot spot 12 Delaminazione 12 Contatti elettrici 12 Resistenza alla grandine 13 Resistenza al vento 13 Fulminazioni e sovratensioni 14 Guasti elettrici a inverter e trasformatori 14 Incendio 15 Alluvione 15 Terremoto 16 Coperture assicurative per impianti fotovoltaici 16 Fase di montaggio 16 Fase di esercizio 18

3 Introduzione Dopo l introduzione nel 2007 del meccanismo delle tariffe incentivanti, in Italia il mercato del fotovoltaico sta crescendo rapidamente e ha superato a fine giugno del ,5 GW di potenza di picco complessivamente installati nei più di impianti realizzati. La proiezione nel prossimo futuro, malgrado le incertezze delle tariffe incentivanti, prevede un ulteriore sviluppo a cui è associato un rilevante investimento economico che è stimato intorno a 8 10 miliardi di euro complessivi nei prossimi cinque anni. Le coperture assicurative per gli impianti fotovoltaici, sia per la loro fase costruttiva che per quella di esercizio, stanno quindi assumendo progressivamente importanza e rappresentano un potenziale fattore di crescita. A oggi le esperienze degli assicuratori non possono considerarsi positive: gli eventi dannosi derivati da atti dolosi di terzi nonché quelli dovuti a fenomeni naturali hanno causato perdite importanti. Il miglioramento delle misure di prevenzione attuato nell ultimo periodo ha permesso di mitigare tale andamento sfavorevole, ma altre nuove sfide devono essere opportunamente gestite. La grande vulnerabilità di questa tipologia di impianti in caso di incendio del territorio, evento frequente proprio nelle regioni dove sono ubicati il maggior numero di impianti, unitamente ai danni da guasto alle macchine elettriche, problema ancora non pienamente percepito e non adeguatamente gestito, richiedono da parte dell assicuratore grande attenzione nella sottoscrizione dei rischi e nella gestione del portafoglio. Impianto fotovoltaico di potenza pari a 1 MWp MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici 1

4 Celle fotovoltaiche La cella fotovoltaica costituisce il cuore del sistema fotovoltaico. Essa trasforma direttamente la luce solare, diretta, diffusa o riflessa, in energia elettrica. La cella è costituita da un sottile wafer (0,20 0,35 mm) di materiale semiconduttore, in genere costituito da silicio opportunamente «drogato» con alcune sostanze, per esempio fosforo e boro, per renderlo adatto ed efficiente alla produzione dell energia elettrica se esposto alla luce. Oltre alle celle fotovoltaiche, per la produzione di energia fotovoltaica trova progressivamente maggior interesse anche l utilizzo di «pannelli» sui quali è deposto del silicio amorfo (thin film). Questa tecnologia, pur prospettando minore rese per unità di superficie, ha costi di produzione inferiori rispetto alle celle a base di silicio e rende possibile la fabbricazione di pannelli con ampia libertà di forma, adatti alla realizzazione dei più diversi elementi architettonici. Il rendimento delle celle fotovoltaiche, e cioè la percentuale di energia luminosa che viene trasformata in energia elettrica, è funzione di una serie di parametri tra cui i più importanti sono: La sensibilità allo spettro luminoso Le varie fasce dello spettro luminoso sono caratterizzate da una diversa quantità di energia contenuta. Distribuzione dell energia contenuta nello spettro luminoso Micrometri Classificazione Percentuale dell energia rispetto al totale dello spettro 0,2 0,38 ultravioletto 6,5% 0,39 0,78 visibile 48% 0,79 10,0 infrarosso 45,5% Le celle fotovoltaiche a base di silicio cristallino hanno capacità di produrre energia elettrica, se colpite da uno spettro luminoso nel campo del visibile e dell infrarosso, in base alle specifiche caratteristiche che sono funzione anche del «drogaggio» del wafer siliceo. La temperatura La temperatura di esercizio della cella fotovoltaica ha una diretta influenza sulla produzione di energia elettrica. La temperatura standard per i test è definita pari a 25 C ma è facile intuire che le temperature reali di esercizio, salvo che nei periodi invernali, peraltro caratterizzati da bassa produzione per la minor quantità di irraggiamento, sono decisamente più elevate. In via indicativa può essere considerato che il rendimento si riduce dello 0,5% per ogni grado di temperatura oltre i 25 C. La riflessione Parte dei fotoni di luce vengono riflessi dalla superficie della cella fotovoltaica riducendo quindi la produzione di elettricità. Resistenze parassite Malgrado l estrema attenzione posta durante la fabbricazione, la produzione di energia elettrica subisce una riduzione per effetto delle resistenze parassite generate nella zona soggetta al processo di lega per il collegamento elettrico tra cella e contatti metallici (in genere in alluminio). Altre resistenze parassite si sviluppano anche tra i diversi grani di silicio, in particolare nelle celle fotovoltaiche policristalline e, in maniera ancor più rilevante, nel caso di pannelli amorfi. 2 MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici

5 Nell utilizzo operativo le condizioni ottimali non sono praticamente mai raggiunte e il rendimento effettivo della cella fotovoltaica è pari all 85% 90% del dato di targa indicato dalla casa produttrice. Silicio amorfo Silicio monocristallino Silicio policristallino 7% 12% 14% 20% 12% 18% Rendimento dei pannelli fotovoltaici (a parità di superficie) La cella di silicio monocristallino viene ottenuta con la cristallizzazione di silicio allo stato liquido attorno a un nucleo di materiale purissimo. Viene prodotto un cilindro che dopo essere stato opportunamente drogato viene tagliato in wafer dello spessore tra i 200 e i 350 micrometri. La cella di silicio policristallino viene ottenuta dalla fusione e successiva ricristallizzazione di silicio, in genere lo scarto delle lavorazioni dell industria elettronica, «drogato» e lavorato come nel caso delle celle monocristalline. Il processo di produzione delle celle fotovoltaiche è oggetto di una intensa attività di ricerca e sviluppo volta a migliorarne le caratteristiche e a ridurne i costi. Le attività di ricerca e sviluppo sono orientate sulle seguenti aree: incremento dell efficienza a parità di superficie captante e di intensità di radiazione luminosa; riduzione della quantità di silicio utilizzata; uso di materiali alternativi al silicio; riduzione dei costi di produzione; riduzione dei costi di smaltimento. MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici 3

6 Pannelli fotovoltaici I pannelli sono realizzati unendo elettricamente in serie delle celle fotovoltaiche comunemente da 48 a 72 incapsulate in un sandwich generalmente così composto: sul fronte da uno strato vetroso 1 e da un foglio di EVA (Etilene Vinil Acetato), sul retro da un ulteriore foglio di EVA nonché da uno strato di materiale, vetroso o polimerico, adatto a conferire una adeguata solidità meccanica complessiva. Tale sandwich viene riscaldato in forno per garantire la sigillatura dei diversi strati oltre che il passaggio dei fogli di EVA da traslucidi a trasparenti, con opportune modalità per assicurare l eliminazione delle bolle d aria eventualmente presenti tra i diversi strati. Sono attualmente disponibili pannelli di varie dimensioni, con e senza telai di supporto, utilizzabili come elementi a sé stanti o integrabili nelle coperture e nelle facciate degli edifici. Le caratteristiche più rilevanti sono riportate nel seguito: Dimensioni delle celle 10 x 10 cm 12,5 x 12,5 cm 15 x 15 cm Rotonde con diametro 12,5 cm o 15 cm Tipo di Pannelli laminati in EVA, PIB, PVB, teflon Pannelli metallici Pannelli in vetro Materiale di incapsulamento Film vetroso Vetro float o stratificato Film acrilico Le misure dei pannelli e le tipologie dei materiali possono talvolta essere personalizzate, con un conseguente incremento dei costi e con allungamento dei tempi di consegna. Tali aspetti devono essere adeguatamente considerati nelle valutazioni assicurative, con riferimento sia al loro costo di sostituzione che al periodo di fuori servizio in caso di necessaria sostituzione a seguito di danno. Stringhe, campo, impianto fotovoltaico Collegando in serie un gruppo di pannelli viene realizzata la cosiddetta «stringa», caratterizzata da parametri elettrici adeguatamente definiti. Il parametro base è la tensione di stringa, somma delle tensioni dei singoli pannelli, che deve essere compatibile con l intervallo di tensione di alimentazione dell inverter a cui è collegata la stringa stessa. 1 Lo strato trasparente deve essere caratterizzato da buona trasmittanza per favorire il passaggio della luce nonché da una buona resistenza meccanica per resistere all azione di punzonamento dovuta alla grandine, agli urti, ecc. 4 MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici

7 Più stringhe, collegate in parallelo, formano un campo fotovoltaico e alimentano un inverter. Un impianto fotovoltaico può essere costituito da più campi. Schematizzazione di impianto fotovoltaico stringa stringa stringa stringa campo scaricatori scaricatori scaricatori scaricatori trasformatore inverter inverter trasformatore campo organi di manovra organi di manovra Contatore GSE alla rete elettrica Tipologie particolari di pannelli fotovoltaici Sistema fotovoltaico a concentrazione Questa tecnologia utilizza sistemi ottici, quali specchi o lenti, per concentrare la luce solare su celle fotovoltaiche di piccole dimensioni, ottenendo quindi un risparmio nei costi delle stesse. Oltre al risparmio di materiale, in questo modo si realizza un incremento di efficienza per effetto della maggior intensità della luce incidente sulla superficie fotovoltaica. La maggior intensità di luce permette di applicare una tecnologia che prevede la sovrapposizione di tre strati di materiale semiconduttore fotovoltaico (GaInP e cioè materiare drogato con gallio, indio e fosforo, oppure GaInAs e cioè materiare drogato con gallio, indio e arsenico), ognuno dei quali è ottimizzato per un diverso intervallo dello spettro di luce, ottenendo quindi una efficienza circa doppia rispetto alle usuali celle fotovoltaiche, intorno al 35% 41%. Usualmente questo tipo di celle sono assemblate in pannelli che vengono montati su strutture motorizzate su due assi (inclinazione sull orizzontale e sul verticale) in modo da permettere un ottimale inseguimento del sole e, conseguentemente, una maggior produzione. La tecnologia a concentrazione non è efficiente in condizioni climatiche con prevalenza dell irraggiamento diffuso, avendo invece una buona performance con l irraggiamento diretto. MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici 5

8 Sistema fotovoltaico-termico Questa tecnologia unisce in un unico le celle fotovoltaiche per produrre energia elettrica e, posizionati dietro le celle stesse, i captatori di calore per la produzione di acqua calda. La tecnologia non è ancora adeguatamente sviluppata e non esistono al momento specifiche normative tecniche a definizione delle caratteristiche di tale sistema ibrido. L efficienza, sia per la parte fotovoltaica che per la parte termica, è inferiore rispetto ai pannelli standard e, ad oggi, viene utilizzata nei casi in cui la superficie disponibile è molto limitata e si voglia produrre entrambe le tipologie di energia rinnovabile. Pannelli semitrasparenti Vengono prodotti pannelli trasparenti o semitrasparenti, spesso usati in modo integrato in alcuni sottosistemi degli edifici (facciate, tettoie, vetrate, frangisole, ecc.) applicando un sottilissimo strato di materiale semiconduttore su supporti di vetro. Le tipologie di materiali semiconduttori sono a oggi oggetto di intense ricerche ed è quindi da ritenersi probabile un prossimo rilevante sviluppo, sia in termini di efficienza ad oggi inferiore alle celle fotovoltaiche realizzate con silicio monocristallino o policristallino sia in termini di supporti utilizzabili. Ad oggi i materiali semiconduttori più comuni sono: silicio amorfo (a-si); un mix di silicio amorfo e silicio microcristallino (a-si/µc-si); rame, indio e selenio (CIS); cadmio tellurio (CdTe). È da tenere in considerazione che, a causa della loro tossicità, alcuni di questi materiali sono oggetto di rilevanti problemi e di notevoli costi al momento del loro smaltimento. Telai dei pannelli I pannelli fotovoltaici non destinati ad essere integrati direttamente nell edificio sono dotati di telaio, in genere in alluminio ma anche, seppur con minor frequenza in materiale ferroso o, recentemente, in materiale plastico. Quest ultimo materiale, apparso come produzione di serie nel 2009, offre il grande vantaggio di assicurare un ottimo isolamento elettrico che rende superflua la messa a terra. Esiste ancora qualche dubbio sulla sua resistenza ai raggi UV e quindi a oggi viene protetto con opportune verniciature opache. Il telaio ha lo scopo di rendere possibile il fissaggio del ad apposite strutture di sostegno e deve quindi poter resistere alle sollecitazioni indotte dalle dilatazione termiche, dal vento, dalla neve e simili. In genere ogni produttore indica le modalità e i punti di fissaggio in modo da garantire la sicurezza dell impianto. Particolare cura deve essere posta nella realizzazione dei particolari costruttivi del telaio in modo da eliminare eventuali proiezioni di ombre che andrebbero a ridurre la produzione, evitare ristagni di acqua o accumuli di umidità al fine di impedire danni da corrosione e soprattutto per evitare i danni da gelo. 6 MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici

9 Inverter, trasformatori, apparecchiature di controllo e gestione La corrente continua prodotta dai pannelli fotovoltaici deve essere trasformata in corrente alternata avente caratteristiche adatte per essere immessa in rete. Per la trasformazione della corrente continua in alternata viene utilizzato un dispositivo elettrico chiamato inverter. Ogni impianto fotovoltaico è dotato di uno o più inverter, in funzione del numero dei campi costituenti l impianto stesso nonché della scelta progettuale a gestione del rischio di interruzione della produzione a seguito di guasto. A bordo dell inverter o, nel caso di impianto con due o più inverter, con specifica apparecchiatura separata, deve essere prevista una unità di controllo delle caratteristiche dell elettricità prodotta, quali la frequenza (50 Hz) e la tensione, in sintonia con la rete a cui è commesso l impianto. Tale unità di controllo deve essere conforme a specifici standard (in genere lo standard DK-5940 previsto da Enel) e deve rendere possibile l automatico distacco dell impianto fotovoltaico allorquando le caratteristiche dell energia elettrica prodotta non siano adeguate per l immissione in rete nonché in caso di assenza di tensione di rete. In quest ultima evenienza infatti deve essere garantito che la rete non venga alimentata per evidenti esigenze di sicurezza del personale che eventualmente opera a riparazione di guasti o per manutenzione. Salvo che per i piccoli impianti di tipo domestico, è in genere prevista l installazione di uno o più trasformatori che adattano la tensione di output degli inverter alla tensione di rete. In taluni casi, di minor potenza, il trasformatore è installato a bordo dell inverter con lo scopo di ottimizzarne l efficienza e di ottenere la separazione galvanica tra la rete e i pannelli fotovoltaici limitando il rischio di progressiva riduzione nel tempo della performance dei pannelli fotovoltaici. Per impianti non di uso domestico, le esigenze del gestore della rete possono anche richiedere l installazione di dispositivi adatti per la gestione in remoto della connessione dell impianto fotovoltaico con la rete. Strutture di sostegno Tipologie I pannelli devono essere installati utilizzando adeguate strutture di sostegno, progettate e realizzate in funzione dell ambito in cui viene realizzato l impianto fotovoltaico. Una prima classificazione delle tipologie di strutture di sostegno può essere individuata nella lista che segue: strutture fisse, a terra; strutture a singolo asse mobile, a terra; strutture a doppio asse mobile, a terra; strutture integrate in facciate, tettoie, ombreggiamenti, tetti; strutture semi-integrate con le strutture del tetto; strutture non integrate con le strutture del tetto. MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici 7

10 Il dimensionamento delle strutture deve tener conto, oltre che del peso proprio, dei carichi derivanti dal vento e dalla neve, in sintonia con le norme vigenti ma ferma ogni ulteriore considerazione di eventuali situazioni di aggravamento. In particolare va sottolineata la necessaria attenzione per eventuali esposizioni a spinte del vento incrementate per effetto aerodinamico in generale o per puntuali concentrazioni di spinta causate da edifici o altri ostacoli limitrofi. Ulteriore importante aspetto che deve essere considerato dal progettista è l insieme delle problematiche legate alla possibile corrosione, sia delle strutture che degli ancoraggi, oltre alla ovvia esigenza di manutenibilità e riparabilità dell impianto fotovoltaico. L impianto deve garantire una vita operativa intorno ai anni e gli aspetti sopra accennati hanno una rilevante importanza. Sistemi di tracking Al fine di ottenere maggiori produzioni, soprattutto nel caso di utilizzo dei costosi pannelli fotovoltaici ad alto rendimento, come sostegno dei pannelli è possibile utilizzare strutture mobili adatte a seguire il movimento del sole sia nel ciclo diurno che stagionale. Una prima tipologia di strutture a singolo asse mobile, in genere non motorizzate e quindi di semplice ed economica gestione, rende possibile la variazione dell angolo di tilt (sull orizzontale) in modo da seguire in maniera ottimale il variare dell altezza del sole sull orizzonte al cambiare delle stagioni. In questo modo, con quattro o cinque riposizionamenti durante l anno, è possibile incrementare del 4% 6% la produzione di energia elettrica. Una seconda tipologia di strutture a singolo asse mobile, motorizzate e gestite con adeguati sensori di inseguimento solare automatico, prevede che la struttura di supporto dei pannelli fotovoltaici possa ruotare sull asse verticale con orientamento ottimale est-ovest durante la giornata, in funzione del posizionamento del sole. Il sistema di tracking più sofisticato prevede una struttura con mobilità sia sull asse verticale che sull asse orizzontale, entrambe motorizzate e gestite con sensori di inseguimento solare automatico, in modo da adeguare la posizione dei pannelli fotovoltaici e di ottenere la massima produzione possibile. I sistemi di sensori necessari per la gestione automatica hanno un diverso grado di precisione, funzione anche del tipo di pannelli fotovoltaici presenti nell impianto, e in genere sono ottimizzati per individuare la direzione di provenienza della maggior intensità di radiazione luminosa, combinando la radiazione solare diretta con la radiazione riflessa e quella diffusa. Per tale motivo, nel caso per esempio di elevata riflessione di radiazione dovuta alla presenza di cumuli nuvolosi, talvolta i pannelli sono orientati in direzione che potrebbe sembrare innaturale ed errata. IrraGGiamento L intensità della radiazione solare al suolo dipende da una serie di fattori legati alla posizione geografica, alla meteorologia, alla stagionalità nonché alla giacitura della superficie captante. L irraggiamento globale da considerare per il fotovoltaico è la somma dell irraggiamento diretto, diffuso e riflesso. L irraggiamento diretto è funzione della quantità di radiazione proveniente dal sole, sostanzialmente costante salvo che per le fluttuazioni dovute all ellitticità dell orbita terrestre e ai fenomeni solari (p. es. macchie solari), nonché per l effetto filtro causato dall atmosfera terrestre. Per tener conto di quest ultimo effetto si è definita la massa d aria unitaria AM1 (Air Mass 1) e cioè lo spessore di atmosfera standard attraversato dalla radiazione solare in direzione perpendicolare alla superficie terrestre, al livello del mare. La prova standard per i moduli fotovoltaici prevede venga considerato un angolo di elevazione solare sull orizzonte pari a 42 gradi a cui 8 MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici

11 consegue uno spessore dell atmosfera pari a 1,5 volte la AM1 (quindi, in gergo, AM1,5). Oltre allo spessore d aria attraversato devono essere considerati anche gli effetti delle polveri e dei liquidi contenuti nell atmosfera nonché delle nuvole. L irraggiamento diffuso, parte importante nella stagione invernale, è composto dalla componente di radiazione luminosa che permea l ambiente in cui è posizionata la superficie captante. L irraggiamento riflesso è in larga parte costituito dalla componente di riflessione causata dalla presenza di corpi nuvolosi che per posizione non impediscono l irraggiamento diretto della superficie captante ma che reindirizzano verso la stessa parte dell irraggiamento ricevuto, nonché dalla riflessione della luce causata da terreno, edifici e simili, presenti sul contorno della superficie captante. Questa seconda componente dell irraggiamento riflesso viene definita dall «albedo» che, come evidente dalla tabella che segue, varia notevolmente al cambiare delle condizioni al contorno. Tipologia materiale di contorno Coefficiente di albedo Erba 0,20 0,26 Neve fresca 0,75 Asfalto (asciutto) 0,09 0,15 Gli strumenti di misura dell irraggiamento, chiamati solarimetri, sono sostanzialmente di due tipologie. Per una misura più precisa è necessario l utilizzo di piranometri che funzionano misurando la differenza di tensione tra due termocoppie, la prima esposta verso l atmosfera e la seconda, al buio, posizionata sul lato opposto. La precisione è dell ordine di +/ 1% 2% e il prezzo non è trascurabile. La seconda tipologia si basa su una piccola cella fotovoltaica, ha un costo inferiore ma ha una precisione di misura intorno a +/ 5% 6%. L irraggiamento riferito a uno specifico sito può essere stimato utilizzando varie fonti, con differenti livelli di precisione, per la sola radiazione solare o per la radiazione complessiva che comprende anche la radiazione luminosa diffusa. MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici 9

12 PVGIS (Photovoltaic Geografical Information System) copre l intera Europa, l Africa e parte dell Asia, e offre indicazioni relative all irraggiamento medio su base mensile con una risoluzione massima di singole aree di 1 km. Satel-light (www.satel-light.com) fornisce dati relativi all Europa utilizzando i satelliti Meteosat con risoluzione di singole aree con dimensioni 2,5 x 2,5 km e con indicazione dell irraggiamento medio ogni 30 minuti. Per i dati inerenti al territorio italiano sono anche disponibili le indicazioni elaborate da UNI e da ENEA, ricavate da misurazione di stazioni di rilevamento terrestri interpolate tra loro. Le valutazioni da osservazioni satellitari hanno un accuratezza in genere non elevata, con possibilità di errore fino al 10% 15% del valore misurato, a causa di copertura nuvolosa, riflessione del suolo e polverosità dell aria. Le stazioni di misurazione a terra hanno una maggior precisione ma i valori stimati per i siti non adiacenti al punto di osservazione possono risentire notevolmente dell imprecisione del modello di interpolazione e delle specificità del microclima locale. Performance dell impianto fotovoltaico La performance dell impianto fotovoltaico viene valutata considerando le performance delle singole parti che lo compongono nonché della loro più o meno efficiente interrelazione. Tale valutazione viene utilizzata per la stima della produzione potenziale di energia elettrica in un periodo, in genere un anno, al punto di misura (contatore) installato dal gestore di rete. I fattori più rilevanti sono i seguenti: Irraggiamento +/ 10% Mismatching (divergenza rispetto ai dati da 1,5% a 4,0% di targa per difetti di fabbricazione/difetti di montaggio/squilibrio di esposizione all irraggiamento dei pannelli di una stessa stringa, ecc.) Sporcamento dei pannelli da 1,0% a 2,0% (con pulizia periodica) Degrado annuale dei pannelli da 0,5% a 1,0% per anno Efficienza dell inverter da 2,5% a 4,5% Perdite linee in corrente continua da 0,8% a 1,2% Perdite linee in corrente alternata da 0,1% a 1,5% Consumo interno (ventilazione, tracking, ecc.) da 0,0% a 0,5% Perdite trasformatore da 1,2% a 1,5% 10 MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici

13 Fattori di rischio, cause di danno e di minor performance Degrado progressivo da invecchiamento La letteratura tecnica porta in evidenza che le tipologie di celle fotovoltaiche a oggi in produzione sono oggetto di un progressivo degrado. L entità del degrado differisce tra le diverse tipologie di materiali sia per andamento nel tempo che in termini quantitativi. Le celle in silicio monocristallino, e similmente quelle in silicio policristallino, sono caratterizzate da un degrado dell efficienza iniziale, durante il primo anno di vita, intorno al 2%, stabilizzandosi poi su un livello a oggi stimato tra lo 0,3% e lo 0,9% per anno. Il silicio amorfo evidenzia un degrado più costante stimato tra lo 0,7% e lo 0,9% per anno. Le valutazioni sono fortemente soggette a incertezza valutativa, sia per il relativamente breve periodo di osservazione sul campo, sia per la volatilità dell efficienza iniziale. In merito a questo aspetto deve essere ricordato che in commercio esistono pannelli con diversi livelli di efficienza iniziale garantita, non solo per il valore assoluto ma anche per la relativa variabilità. Tale incertezza di valutazione impone la commercializzazione dei pannelli con evidenza di una possibile variazione della potenza di picco iniziale rispetto alla potenza nominale, in alcuni casi indicata tra 0 e +5%, in altri casi indicata tra 5% e +5%. Ciò contribuisce all incertezza di misurazione e di valutazione del degrado dell efficienza effettiva. Da segnalare i risultati ottenuti dal centro sperimentale di ISPRA che ha rilevato, dopo 22 anni di funzionamento, una efficienza residua vicina al 90%, quindi con degrado annuo pari a circa lo 0,5%. Il degrado dell efficienza del è anche legato ad alcuni effetti di invecchiamento dei materiali con i quali è realizzato il sandwich in cui sono incapsulate le celle fotovoltaiche. Nel caso di presenza di EVA (Etilene Vinil Acetato), molto frequentemente usato, è stato dimostrato sperimentalmente che il materiale subisce una decomposizione parziale per effetto dei raggi UV e, come conseguenza, deve essere considerata una progressiva sua opacizzazione. Anche il tipo di inverter può incidere sul degrado della performance. Alcuni studi hanno dimostrato che l uso di inverter privi di trasformatore, quindi non galvanicamente isolati, crea una riduzione di conduttività elettrica a causa dell aumento del flusso degli ioni di sodio (spesso contenuto nelle parti vetrose), in particolare per pannelli basati su tecnologia thin film. Anche il microclima locale è frequente causa di degrado. La presenza di polveri, prodotti ammoniacali (frequenti in agricoltura), piogge acide, possono portare alla graduale opacizzazione dello strato esterno di protezione con conseguente progressivo degrado della performance. MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici 11

14 Hot spot I cosiddetti hot spot si formano quando piccole o grandi aree dei pannelli vengono coperti da materiale opaco, per esempio guano di uccelli, foglie, neve o simili, oppure a causa dell opacizzazione del materiale di protezione della cella fotovoltaica. Una cella fotovoltaica parzialmente o totalmente coperta si comporta come un interruttore aumentando la sua resistenza ohmica, ma essendo tale cella collegata in serie con altre celle, essa viene «forzata» e quindi riscaldata dalla corrente prodotta da tali altre celle esposte alla luce. Tale fenomeno può essere così potente da causare danni al ed innescare incendi. I moderni pannelli, per limitare tale rischio, sono dotati di due o più diodi che impedendo la circolazione di correnti inverse prevengono la formazione di hot spot. Delaminazione Per delaminazione si intende il distacco di uno o più strati del sandwich costituente il in cui sono incapsulate le celle fotovoltaiche. Tale fenomeno comporta una drastica riduzione della capacità di produzione del e porta in genere alla necessaria sostituzione dello stesso. Le origini di tale tipo di danno possono essere in genere attribuite a varie causali, chimiche o fisiche. Tra le più frequenti sono le autotensioni interne tra i diversi strati del sandwich che costituisce il, dovute a difetti di fabbricazione, rottura di catene molecolari a causa di aggressivi chimici, elevate temperature di esercizio, ecc.. Fortunatamente, a seguito del miglioramento della qualità nella produzione dei pannelli e nei materiali utilizzati per la loro fabbricazione, tale fenomeno è in via di forte riduzione. Contatti elettrici Una parte molto importante, che incide in maniera significativa sull efficienza nel tempo dei pannelli fotovoltaici, sono i cavi con i relativi connettori nonché le scatole contenenti i contatti elettrici. Usualmente il circuito elettrico costituito dalle celle fotovoltaiche, inserite nel sandwich del, viene connesso con la parte esterna dell impianto tramite apposite scatole poste nella parte inferiore del e quindi in una zona ragionevolmente protetta dagli stillicidi e dall umidità. È comunque da considerare come un importante fattore di rischio sia per l efficienza dell impianto che per la sicurezza delle persone la non corretta o non duratura sigillatura della foratura del attraverso la quale il circuito elettrico interno viene messo in connessione con la parte esterna. Allo stesso modo sono da considerare potenzialmente critici i connettori dei cavi di collegamento tra i diversi pannelli di una stringa, che sono soggetti a sollecitazioni termiche, meccaniche e chimiche. Per tutti i componenti deve essere previsto come minimo un livello di protezione IP54 mentre specificatamente per i connettori devono essere rispettate anche le seguenti regole: esistenza di un blocco fisico da disattivare prima della disconnessione; elevata resistenza meccanica, valida anche dopo ripetute manovre di connessione e disconnessione; elevata capacità di isolamento elettrico (si impone sostanzialmente il doppio isolamento); non raggiungibilità della parte in tensione, anche in caso di connettore aperto; elevata resistenza alle sollecitazioni derivate dall ambiente, in particolare per i raggi UV; per le temperature ( 55 C/+150 C); per umidità e/o pioggia. 12 MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici

15 Resistenza alla grandine In sintonia con le normative dei Paesi europei, i pannelli sono fabbricati con caratteristiche adatte a resistere alle normali sollecitazioni indotte dalla grandine, senza subire guasti, rotture o degrado accelerato (punzonamento). I pannelli sono testati mediante il metodo di prova previsto dalla normativa europea EN IEC 61721, che prevede una prova di urto standard provocato da un pendolo a cui è attaccata una sfera di acciaio del diametro di 40 mm che cade da un metro di altezza. Resistenza al vento La sollecitazione del vento sulle strutture e sui pannelli deve essere considerata come uno degli aspetti a cui è associata una potenziale maggior vulnerabilità per gli impianti fotovoltaici. La statistica riporta ormai in maniera chiara che, in caso di eventi ventosi di rilevante ma non ormai poco frequente intensità, gli impianti con strutture fisse e ancor più quelli con strutture mobili motorizzate sono soggetti a danni notevoli. Ciò anche nell ipotesi che i sistemi di sicurezza normalmente installati negli impianti con strutture mobili motorizzate, che prevedono il posizionamento in orizzontale dei pannelli in caso di vento oltre una certa velocità, funzionino regolarmente. Nel caso di impianti fotovoltaici installati su edifici in modo integrato, semi-integrato o non integrato o comunque realizzati in ambiti abitati, la capacità di resistere a eventi ventosi di rilevante intensità assume ancor più importanza a causa della ovvia necessità di sicurezza dovuta alla presenza di persone. Nella valutazione, sia orientata al piano finanziario per l ammortamento dell investimento, sia dal punto di vista meramente assicurativo, deve essere considerata l ipotesi che durante la vita operativa dell impianto accadano uno o più eventi dannosi dovuti al vento, con grado di danno non trascurabile. La necessità di garantire una adeguata resistenza al vento, anche in considerazione dell incremento di frequenza di eventi estremi a causa del mutamento climatico in atto, deve spingere committenti e progettisti a definire nuovi e più performanti requisiti delle strutture a minimizzazione del rischio. Effetti di un fulmine su un impianto fotovoltaico MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici 13

16 Fulminazioni e sovratensioni Gli impianti fotovoltaici sono potenzialmente soggetti a fulminazioni o sovratensioni a causa di: azione diretta o indiretta del fulmine; sovratensione causata da elettricità induttiva; accensione di macchine elettriche. La protezione contro l effetto dei fulmini è realizzata normalmente, almeno nei siti esposti a tale rischio e in sintonia con la normativa, mediante appositi captatori collegati a terra. La protezione contro le sovratensioni, anche quelle indotte da un fulmine che si scarica entro un raggio di metri dall impianto fotovoltaico, si realizza con una adeguata progettazione e realizzazione della parte di impianto in corrente continua, che deve prevedere anche l installazione di scaricatori a protezione della corrente induttiva. In linea generale, se l impianto fotovoltaico è installato su un edificio per il quale la normativa prevede l installazione di un parafulmine, deve essere verificato che anche l impianto fotovoltaico ne sia protetto, evitandone accuratamente la connessione elettrica o l eccessiva vicinanza. Guasti elettrici a inverter e trasformatori Il rateo di guasto degli inverter e dei trasformatori, come macchine elettriche, è da tempo valutato e statisticato da produttori e assicuratori. Pur essendo difficile dare una indicazione specifica a causa della notevole varietà e qualità degli inverter e dei trasformatori attualmente in commercio, del numero di ore di funzionamento, delle sollecitazioni indotte e del livello della manutenzione, l indice di guasto varia da 0,09 guasti per anno a 0,2 guasti per anno. Conseguentemente l MTBF (Mean Time Between Failure) che può essere indicato, in generale, è tra i cinque e gli otto anni di esercizio e tendenzialmente esteso fino a 10 anni con la opportuna manutenzione. È quindi da sottolineare che l assicuratore si deve attendere un ammontare dei danni da guasto non trascurabile rispetto all ammontare totale dei danni. rischio Andamento del rischio di guasto alle macchine elettriche nei primi 10 anni di esercizio Periodo di garanzia del fornitore MTBF delle macchine elektriche Andamento des rischio Andamento des rischio in presenza della garanzia contra ttuale del fornitore anni 14 MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici

17 Fulminazione di un quadro elettrico a seguito di una sovracorrente Le principali cause di guasto sono le seguenti: temperatura di esercizio troppo elevata (spesso a causa della non adeguata ventilazione dei locali in cui sono installati gli inverter ed i trasformatori); non adeguato isolamento elettrico; utilizzo sistematico in regime elettrico vicino ai limiti massimi ammissibili; accumulo di polvere, anche per effetto elettrostatico; corrosione elettrolitica; condense causate da variazioni di umidità e temperatura. La valutazione assicurativa, con riferimento ad analoghe macchine utilizzati in altri campi industriali, deve anche tener conto dell aggravamento di rischio legato ai frequenti transitori di funzionamento causati dalla notevole variabilità dell irraggiamento solare e quindi della produzione. Incendio Per gli impianti fotovoltaici installati sulla copertura di edifici, la valutazione del rischio incendio deve tener in conto delle loro caratteristiche di resistenza al fuoco, sia per quanto riferibile alle strutture verticali che a quelle orizzontali, e dell esposizione al rischio dovuta ai diversi tipi di attività produttive svolte all interno degli edifici stessi. Ciò in aggiunta al rischio incendio proprio dell impianto e in particolare delle sue macchine elettriche e delle cause esogene. Per gli impianti fotovoltaici installati a terra, la valutazione del rischio deve considerare la possibilità di coinvolgimento in eventuali incendi boschivi e del territorio. È sufficiente il fronte di fuoco causato dalla combustione di erbacce, frequentemente presenti sul terreno del campo fotovoltaico, per degradare in modo rilevante le caratteristiche di isolamento delle componenti elettriche posizionate sotto i pannelli, con conseguente danno totale degli stessi. È da rilevare che le opere di spegnimento comportano particolari difficoltà in quanto la parte dell impianto a monte dell inverter (pannelli, cavi di collegamenti e quadri in corrente continua) durante le ore diurne rimane in tensione, con conseguente difficoltà di intervento con mezzi estinguenti normali. Tale aspetto deve essere considerato anche come aggravamento del rischio per l edificio sul tetto del quale è posizionato l impianto fotovoltaico. Alluvione Gli impianti fotovoltaici sono esposti al rischio alluvione, soprattutto per quanto riferibile a macchine elettriche, inverter e trasformatori, oltre che a componentistica elettromeccanica ed elettronica di controllo. MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici 15

18 Altro fattore di rischio è individuabile nella possibilità che materiale fangoso trasportato dalle acque invada le canaline portacavi, con conseguenti notevoli oneri per i lavori di pulizia degli stessi, pulizia che spesso comporta lo sflilamento dei cavi con conseguente interruzione della produzione e potenziale danneggiamento dell isolamento dei cavi stessi. È buona norma di prevenzione collocare le macchine elettriche e i quadri di controllo in posizione rialzata rispetto al terreno, nonché riportare la parte terminale delle canaline a una altezza adeguata, fissandola sulla struttura delle stringhe. La chiusura dei pozzetti e simili deve essere adeguata per impedire l allagamento interno. Terremoto Gli impianti fotovoltaici posizionati a terra non sono particolarmente esposti al rischio di terremoto, data la semplicità delle strutture utilizzate per il posizionamento dei pannelli. Le macchine elettriche, normalmente collocate in semplici fabbricati, sono soggette a un livello di rischio legato alle caratteristiche antisismiche di tali costruzioni. Per gli impianti posizionati sulla copertura di un edificio l esposizione al rischio terremoto è invece più elevata, diretta funzione delle caratteristiche antisismiche delle strutture dell edificio stesso. Particolare attenzione va posta alla valutazione delle modalità e tempistiche di riparazione dei danni alle strutture. In taluni casi potrebbe essere necessario lo smontaggio dell impianto fotovoltaico, per consentire l esecuzione di tali lavori di riparazione, e il suo rimontaggio al termine degli stessi. Ciò è ancor più rilevante in caso di completa integrazione dei pannelli fotovoltaici nella copertura o negli elementi di facciata. In quest ultimo caso lo smontaggio e il rimontaggio, o almeno la messa fuori servizio dell impianto, potrebbero rendersi necessari anche nel caso di limitate lesioni alle pareti esterne dell edificio. Questi aspetti, oltre che essere adeguatamente indagati e valutati, devono essere in genere gestiti con opportune normative di polizza per l eventuale ammissibilità a indennizzo (o esclusione) di tali spese, con maggior rilievo per quanto inerente il danno indiretto. In considerazione della la sismicità del territorio italiano, in particolare delle aree con maggior densità di impianti fotovoltaici, un ulteriore aspetto da considerare e gestire è il cumulo di rischio in caso di sisma. Coperture assicurative per impianti fotovoltaici Fase di montaggio Polizza EAR Illustrazione della copertura assicurativa La copertura assicurativa per i danni materiali che possono verificarsi durante la fase di montaggio di un impianto fotovoltaico non si differenzia sostanzialmente dalla formulazione standard. È buona prassi strutturare la polizza con modalità adatte per una gestione separata delle garanzie a copertura dei danni da atti dolosi di terzi, con adeguata normativa a gestione delle necessarie misure di prevenzione. 16 MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici

19 Lista di controllo minima per la valutazione del rischio Fenomeni naturali Terremoto (su edificio/zona sismica/caratteristiche antisismiche edificio) Alluvione (a terra/morfologia terreno/posizionamento stoccaggi materiali/posizionamento macchine elettriche) Vento (a terra/fisso/mobile/attivazione protezione su edificio /tipologia posizionamento) Grandine Atti dolosi di terzi Valore materiali a piè d opera Misure di prevenzione effettivamente attivate Ubicazione/contesto sociale Incendio Su edificio (tipologia edificio/attività produttiva) A terra (stagionalità/contorno territorio/misure di prevenzione strisce tagliafuoco) Esperienza/organizzazione appaltatore e subappaltatori Maggiori costi per smaltimento pannelli danneggiati Esposizione RCT (su edificio: ambito urbanizzato) Polizza Alop Illustrazione della copertura assicurativa La copertura assicurativa per i danni indiretti da ritardo nell inizio dell attività di produzione si differenzia dalla polizza Alop o DSU standard a causa della ciclicità della capacità di produzione legata all andamento stagionale dell irraggiamento solare. Viene fatto riferimento: alla capacità produttiva dell impianto nel periodo immediatamente seguente la data prevista per il termine dei lavori di montaggio, in quanto la differenza tra la massima e la minima producibilità per effetto del ciclo stagionale è particolarmente rilevante; alla tariffa incentivante riconosciuta allo specifico impianto e, nel caso di autoconsumatori, dei costi di acquisto di energia da fornitori esterni. In genere viene escluso il danno da ritardo causato dalla non disponibilità di pannelli fotovoltaici o altri materiali necessari per la riparazione/ricostruzione. Lista di controllo per l esposizione al rischio Nel caso di auto-consumatori, regime contrattuale (contratto definito o da definire) e costi di acquisto energia da fonti esterne Cronologia delle operazioni di montaggio Tempo di consegna di pannelli, inverter, trasformatori a seguito di sinistro (a magazzino dell appaltatore/a magazzino del fornitore in Italia, da produrre/importare) MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici 17

20 Fase di esercizio Polizza Danni Materiali all impianto, con Guasto Macchine Illustrazione della copertura assicurativa La formulazione della polizza a copertura dei danni materiali all impianto fotovoltaico può essere strutturata in diverse forme, in funzione della tipologia degli impianti a cui la copertura è finalizzata oltre che a diverse valutazioni di marketing. Per gli impianti di dimensioni medio-grandi lo standard di mercato si riferisce a una polizza strutturata su base All Risks, con garanzie definite separatamente per la copertura Guasti Macchine, Atti dolosi di terzi, RCT. La garanzia Guasti Macchine deve essere formulata con l opportuno clausolario per la gestione della manutenzione delle macchine ed il loro progressivo degrado (MTBF a 5 7 anni). Lista di controllo per l esposizione al rischio Fenomeni naturali Terremoto (su edificio/zona sismica/caratteristiche antisismiche edificio) Alluvione (a terra/morfologia terreno/posizionamento macchine elettriche/posizionamento parti terminali delle canaline portacavi) Vento (a terra su edificio/tipologia posizionamento) Grandine Atti dolosi di terzi Misure di prevenzione effettivamente attivate Ubicazione/contesto sociale Incendio Su edificio (tipologia edificio ed attività produttiva) A terra (stagionalità/contorno territorio/misure di prevenzione strisce tagliafuoco) Gasti Macchine Tipologia di macchine/ore di funzionamento/mtbf stimato Esistenza e tipologia del contratto di manutenzione Maggiori costi per smaltimento pannelli danneggiati Esposizione RCT (su edificio/ambito urbanizzato) Polizza Danni indiretti a seguito di danno materiale Illustrazione della copertura assicurativa La copertura assicurativa per i danni indiretti si differenzia rispetto allo standard a causa della ciclicità della produzione legata all andamento stagionale. Viene fatto riferimento: alla capacità produttiva dell impianto nel periodo di interruzione della produzione, funzione dell andamento ciclico stagionale dell irraggiamento solare; alla tariffa incentivante riconosciuta allo specifico impianto e, nel caso di auto-consumatori, dei costi di acquisto di energia da fornitori esterni. 18 MUNICH RE Gli impianti fotovoltaici

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

I CIRCUITI ELETTRICI

I CIRCUITI ELETTRICI I CIRCUITI ELETTRICI Ogni dispositivo elettronico funziona grazie a dei circuiti elettrici. Le grandezze che descrivono un circuito elettrico sono: l intensità di corrente elettrica (i), cioè la carica

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici SOFTWARE PV*SOL Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici Introduzione PV*SOL è un software per il dimensionamento e la simulazione dinamica,

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di CELLE LIGURE (SV) REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE MAGAZZINO PALAZZETTO TRIBUNA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE Impianto: Impianto

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR)

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 0 PREMESSA... 2 1 IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA D IMPIANTO... 3 2 COMPONENTI

Dettagli

Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico. Agosto 2012

Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico. Agosto 2012 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico DM 5 luglio 2012 5 Conto Energia Agosto 2012 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 3 Conto Energia DM 6 Agosto 2010 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 2010 - GSE Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. consultazione.ftv@gse.it

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Quaderni di applicazione tecnica N.10 Impianti fotovoltaici

Quaderni di applicazione tecnica N.10 Impianti fotovoltaici Quaderni di applicazione tecnica N.10 Quaderni di Applicazione Tecnica Indice Introduzione... 4 1 Generalità sugli impianti fotovoltaici... 5 1.1 Principio di funzionamento... 5 1.2 Energia del sole...

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Tecnologia dei moduli

Tecnologia dei moduli Informazione tecnica Tecnologia dei moduli Gli inverter SMA offrono la soluzione adatta per ogni modulo Contenuto Oltre ai moduli FV in silicio cristallino si fanno costantemente largo sul mercato nuove

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Piranometri first & second class. Manuale utente

Piranometri first & second class. Manuale utente Piranometri first & second class Manuale utente LSI LASTEM SRL INSTUM_01389 (MW6022) Aggiornamento: 28 marzo 2014 Sommario 1 Note su questo manuale... 3 2 Caratteristiche tecniche... 3 3 Taratura... 7

Dettagli

Un partner affidabile? WINAICO è il partner su cui posso contare.

Un partner affidabile? WINAICO è il partner su cui posso contare. Un partner affidabile? WINAICO è il partner su cui posso contare. CERTIFICATO CONTRO L AMMONIACA ANTI-PID DIRETTAMENTE DAL COSTRUTTORE VERIFICATO EL ALTA RESA BASSA DE- GRADAZIONE PROTEZIONE CONTRO HOT-SPOT

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli