LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI"

Transcript

1 LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Dr. Ivan Salvadori Dottorando in Diritto Penale dell Informatica Facoltà di Giurisprudenza di Verona

2 LA STRUTTURA DEL CODICE DELLA PRIVACY 1 PARTE: Disposizioni generali (Art. 1-45): Finalità e principi generali Definizioni Disciplina generale del trattamento Misure di sicurezza 2 PARTE: Disposizioni relative a specifici settori (Art ): Disposizioni particolari relative a specifici trattamenti 3 PARTE: Tutela dell interessato e sanzioni (Art ): Azioni a tutela dell interessato Sistema sanzionatorio amministrativo e penale

3 LE PRINCIPALI DEFINIZIONI DEL CODICE Trattamento Dato personale, sensibile e giudiziario Titolare Responsabile Incaricato Interessato Garante

4 LA NOZIONE DI TRATTAMENTO Raccolta Registrazione Organizzazione Conservazione Consultazione Elaborazione Modificazione Selezione Estrazione Raffronto Utilizzo Interconnessione Blocco Comunicazione Diffusione Cancellazione Distruzione

5 LA NOZIONE DI COMUNICAZIONE ART. 4, lett. l Il dare conoscenza dei dati personali a uno o più soggetti determinati diversi dall interessato, dal rappresentante del titolare nel territorio dello Stato, del responsabile e dagli incaricati, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione Ivan Salvadori

6 LA NOZIONE DI DIFFUSIONE ART. 4, lett. m Il dare conoscenza dei dati personali a soggetti indeterminati, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione Ivan Salvadori

7 LA NOZIONE DI DATO PERSONALE ART. 4, lett. b qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale Ivan Salvadori

8 QUALI SONO I DATI PERSONALI? Suoni (es. voce di una persona) Immagini Numeri utenze telefoniche mobili Codice fiscale, codice avviamento postale Targhe automobilistiche Ore di servizio prestate da parte di un dipendente Informazioni sul comportamento di un lavoratore Informazioni relative alle condizioni patrimoniali di un soggetto to Schede di valutazione predisposte dal datore di lavoro sul lavoratore

9 I DATI SENSIBILI Sono i dati idonei a rivelare L'origine razziale ed etnica, Le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere (es. esoterico) Le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, Lo stato di salute e la vita sessuale

10 I DATI GIUDIZIARI Sono i dati idonei a rivelare Le iscrizioni nel casellario giudiziario delle condanne penali (ad es. pene inflitte, pene convertite) Le sanzioni amministrative dipendenti da reato I carichi pendenti Lo status personale di imputato o di indagato

11 LE REGOLE PER IL TRATTAMENTO DEI DATI DA PARTE DEI PRIVATI Consenso (Art. 23) Il trattamento di dati personali da parte di privati è ammesso solo con il consenso espresso dell interessato Il consenso può riguardare l intero trattamento ovvero una o più operazioni dello stesso Il consenso è validamente prestato solo se espresso liberamente e specificamente in riferimento ad un trattamento chiaramente individuato, se è documentato per iscritto, e se sono state rese all interessato le informazioni di cui all art. 13 Il consenso è manifestato in forma scritta quando riguarda dati sensibili

12 PRINCIPALI CASI NEI QUALI IL TRATTAMENTO PUÒ ESSERE EFFETTUATO SENZA CONSENSO Art. 24 Il consenso non è richiesto quando il trattamento: E necessario per adempiere ad un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria E necessario per eseguire obblighi derivanti da un contratto del quale è parte l interessato o per adempiere, prima della conclusione del contratto a specifiche richieste Riguarda dati provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque Riguarda dati relativi allo svolgimento di attività economiche, trattati nel rispetto della vigente normativa in materia di segreto aziendale, industriale

13 DIVIETO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI PERSONALI Art. 25 La comunicazione e la diffusione sono vietate: In riferimento a dati personali dei quali è stata ordinata la cancellazione, ovvero quando è decorso il periodo di tempo di cui all art. 11, c.1, lett. e E necessario per eseguire obblighi derivanti da un contratto del quale è parte l interessato o per adempiere, prima della conclusione del contratto a specifiche richieste Riguarda dati provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque Riguarda dati relativi allo svolgimento di attività economiche, trattati nel rispetto della vigente normativa in materia di segreto aziendale, industriale

14 LE REGOLE PER IL TRATTAMENTO DEI DATI DA PARTE DEI SOGGETTI PUBBLICI Principi applicabili a tutti i trattamenti (Art. 18) Il trattamento è consentito soltanto per finalità istituzionali Si osservano i presupposti e i limiti stabiliti dal codice, dalla legge e dai regolamenti I soggetti pubblici non devono richiedere il consenso dell interessato (salvo quanto previsto per esercenti professioni sanitarie o organismi sanitari pubblici) Si osservano le disposizioni in tema di comunicazione e diffusione ex art. 25

15 PRINCIPI APPLICABILI AL TRATTAMENTO DI DATI DIVERSI DA QUELLI SENSIBILI E GIUDIZIARI Trattamento dei dati personali (Art. 19) Consentito anche In mancanza di norma di legge o regolamento che lo preveda espressamente La comunicazione ad altri soggetti pubblici è ammessa quando prevista da norme di legge, regolamenti, o per fini istituzionali Comunicazione e diffusione a privati solo se previste da norme di legge o di regolamento

16 PRINCIPI APPLICABILI AL TRATTAMENTO DI DATI SENSIBILI (Art.( 20) Il trattamento da parte di soggetti pubblici è consentito: se autorizzato da espressa disposizione di legge nella quale sono specificati: i tipi di dati, le operazioni eseguibili, le finalità di rilevante interesse pubblico Se la legge specifica la finalità di rilevante interesse pubblico, ma non i tipi di dati sensibili e di operazioni eseguibili: Se il trattamento non è previsto espressamente da una disposizione di legge: Identificazione e pubblicazione dei tipi di dati ed operazioni eseguibili Rispetto dei principi di cui all art. 22 Atto di natura regolamentare Previo parere del Garante Richiesta al Garante per l individuazione delle attività che perseguono rilevanti finalità di interesse pubblico e per le quali è consentito il trattamento dei dati sensibili

17 PRINCIPI APPLICABILI AL TRATTAMENTO DI DATI GIUDIZIARI (ART.( 21) Il trattamento da parte di soggetti pubblici è consentito: se autorizzato da espressa disposizione di legge nella quale sono specificati: i tipi di dati, le operazioni eseguibili, le finalità di rilevante interesse pubblico Se la legge specifica la finalità di rilevante interesse pubblico, ma non i tipi di dati sensibili e di operazioni eseguibili: Identificazione e pubblicazione dei tipi di dati ed operazioni eseguibili Rispetto dei principi di cui all art. 22 Atto di natura regolamentare Previo parere del Garante

18 PRINCIPI APPLICABILI AL TRATTAMENTO DI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.( 22) I soggetti pubblici Conformano il trattamento dei dati secondo modalità volte a prevenire violazioni dei diritti, delle libertà fondamentali e della dignità dell interessato Nel fornire l informativa fanno espresso riferimento alla normativa che prevedi gli obblighi o i compiti in base alla quale si effettua il trattamento Possono trattare solo quei dati indispensabili per svolgere attività istituzionali che non possono essere adempiute, caso per caso, mediante il trattamento di dati anonimi o di dati personali di altra natura I dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale sono conservati separatamente da altri dati personali trattati per finalità che non richiedono il loro utilizzo Ivan Salvadori

19 PRINCIPI APPLICABILI AL TRATTAMENTO DI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.( 22) I soggetti pubblici Non possono diffondere i dati idonei a rivelare stato di salute Possono trattare solo quei dati indispensabili per svolgere attività istituzionali che non possono essere adempiute, caso per caso, mediante il trattamento di dati anonimi o di dati personali di altri natura Verificano periodicamente l esattezza e l aggiornamento dei dati sensibili e giudiziari, nonché la loro pertinenza, completezza, non eccedenza e indispensabilità rispetto alle finalità perseguite nei singoli casi, anche con riferimento ai dati che l interessato fornisce di propria iniziativa Non possono utilizzare i dati che risultano eccedenti o non pertinenti o non indispensabili, salvo che per l eventuale conservazione, a norma di legge, dell atto o del documento che li contiene.

20 PRINCIPI APPLICABILI AL TRATTAMENTO DI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.( 22) I soggetti pubblici I dati sensibili e giudiziari contenuti in elenchi, registri o banche di dati, tenuti con l ausilio di strumenti elettronici, sono trattati con tecniche di cifratura o mediante l utilizzazione di codici identificativi o di altre soluzioni che, considerato il numero e la natura dei dati trattati, li rendono temporaneamente Inintelligibili anche a chi è autorizzato ad accedervi e Permettono di identificare gli interessati solo in caso di necessità Rispetto ai dati sensibili e giudiziari indispensabili per svolgere attività istituzionali sono autorizzati ad effettuare unicamente le operazioni di trattamento indispensabili per il perseguimento delle finalità per le quali il trattamento è consentito, anche quando i dati sono raccolti nello svolgimento di compiti di vigilanza, di controllo o ispettivi I dati sensibili e giudiziari non possono essere trattati nell ambito di test psico-attitudinali volti a definire il profilo o la personalità dell interessato

21 I SOGGETTI CHE EFFETTUANO IL TRATTAMENTO TITOLARE RESPONSABILE INCARICATO Ivan Salvadori

22 PRINCIPI APPLICABILI AL TRATTAMENTO DI DATI SENSIBILI (Art.( 20) Il trattamento da parte di soggetti pubblici è consentito: se autorizzato da espressa disposizione di legge nella quale sono specificati: i tipi di dati, le operazioni eseguibili, le finalità di rilevante interesse pubblico Se la legge specifica la finalità di rilevante interesse pubblico, ma non i tipi di dati sensibili e di operazioni eseguibili: Se il trattamento non è previsto espressamente da una disposizione di legge: Identificazione e pubblicazione dei tipi di dati ed operazioni eseguibili Rispetto dei principi di cui all art. 22 Atto di natura regolamentare Previo parere del Garante Richiesta al Garante per l individuazione delle attività che perseguono rilevanti finalità di interesse pubblico e per le quali è consentito il trattamento dei dati sensibili

23 CHI È IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO? Il titolare può essere: Una persona fisica Una persona giuridica Pubblica amministrazione, ente o associazione Ivan Salvadori

24 LE FUNZIONI DEL TITOLARE Il titolare determina: Le finalità, ossia gli scopi del trattamento Le modalità del trattamento: come procedere e con quali mezzi (informatici o cartacei) Le misure di sicurezza

25 GLI OBBLIGHI PREVISTI PER IL TITOLARE Il titolare è tenuto a: Fornire al Garante la notificazione (Art. 37) Fornire l informativa all interessato (Art. 13) Nominare (facoltativamente) i responsabili (art. 28) Nominare gli incaricati (Art. 30) Adottare le misure di sicurezza (Art. 31,32,33, 34, 35, 36)

26 CHI È IL RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO? Art. 4, l. Persona fisica, giuridica, o qualsiasi altro ente preposto dal titolare al trattamento dei dati personali E designato dal titolare facoltativamente E individuato in base all esperienza, capacità e affidabilità ART. 29 Possono essere designati responsabili più soggetti I compiti del responsabili sono analiticamente specificati per iscritto Il responsabile effettua il trattamento attenendosi alle istruzioni impartite dal titolare

27 L INCARICATO DEL TRATTAMENTO Art. 4, h La persona fisica autorizzata a compiere operazioni di trattamento dal titolare o dal responsabile E designato per iscritto dal titolare, che individua l ambito di trattamento consentito ART. 30 Deve operare sotto la diretta autorità del titolare e del responsabile Deve attenersi alle istruzioni impartite dal titolare e dal responsabile

28 L INTERESSATO Art. 4, h La persona fisica, giuridica, l ente o associazione cui si riferiscono i dati personali 1. L interessato ha diritto ad ottenere l indicazione: Dell origine dei dati personali Delle finalità e modalità del trattamento Degli estremi indicativi del titolare e del responsabile Dei soggetti ai quali i dati possono essere comunicati DIRITTI Art L interessato ha diritto di ottenere: La cancellazione, blocco dei dati trattati in violazione di legge 3. L interessato ha diritto di opporsi: Per motivi legittimi al trattamento dei dati che lo riguardano Al trattamento di dati che lo riguardano al fine di invio di materiale pubblicitario

29 L ESERCIZIO DEI DIRITTI DA PARTE DELL INTERESSATO ART. 8-9 Sono esercitati con richiesta rivolta al titolare o al responsabile, anche per il tramite di un incaricato, alla quale è fornito idoneo riscontro senza ritardo La richiesta rivolta al titolare o al responsabile può essere trasmessa anche mediante lettera raccomandata, telefax o posta elettronica. Il Garante può individuare altro idoneo sistema in riferimento a nuove soluzioni tecnologiche. Nell esercizio dei suoi diritti l interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche, enti, associazioni od organismi. L interessato può farsi assistere da una persona di fiducia. La richiesta è formulata liberamente e senza costrizioni è può essere rinnovata, salva l esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di 90 giorni. L identità dell interessato è verificata sulla base di idonei elementi di valutazione

30 IL GARANTE DELLA PRIVACY ART. 153 Opera in piena autonomia e con indipendenza di giudizio e di valutazione E organo collegiale costituito da 4 componenti, eletti 2 dalla Camera dei Deputati e 2 dal Senato della Repubblica con voto limitato. I componenti sono scelti tra persone che assicurano indipendenza e che sono esperti di riconosciuta competenza delle materie del diritto e dell informatica I componenti eleggono nel loro ambito un presidente ed un vicepresidente Il presidente e i componenti durano in carica 4 anni e non possono essere confermati per più di una volta

31 I COMPITI DEL GARANTE ART. 154 Controlla se i trattamenti sono effettuati nel rispetto della disciplina applicabile e in conformità alla notificazione, anche in caso di loro cessazione Esamina i reclami e le segnalazioni e provvedere sui ricorsi presentati dagli Interessati o dalle associazioni che li rappresentano Prescrivere anche d ufficio ai titolari del trattamento le misure necessarie o opportune al fine di rendere il trattamento conforme alle disposizioni vigenti Vietare anche d ufficio, in tutto o in parte, il trattamento illecito o non corretto dei dati o disporne il blocco Esprimere pareri nei casi previsti

32 I COMPITI DEL GARANTE ART. 154 Curare la conoscenza tra il pubblico della disciplina rilevante in materia di trattamento dei dati personali e delle relative finalità, nonché delle misure di sicurezza dei dati Denunciare i dati configurabili come reati perseguibili d ufficio, dei quali venga a conoscenza nell esercizio o a causa delle sue funzioni Tenere il registro dei trattamenti formato sulla base delle notificazioni di cui all art. 37 Predisporre ogni anno una relazione sull attività svolta e sullo stato di attuazione del codice

33 I TRE TIPI DI RESPONSABILITÀ PREVISTI DAL CODICE DELLA PRIVACY RESPONSABILITÀ CIVILE: (Art. 15) RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA: (Artt ) RESPONSABILITÀ PENALE: (Art ) Ivan Salvadori

34 DANNI CAGIONATI PER EFFETTO DEL TRATTAMENTO ART. 15 1) Chiunque cagiona danno ad altri per effetto del trattamento di dati personali è tenuto al risarcimento ai sensi dell art del codice civile 2) Il danno non patrimoniale è risarcibile anche in caso di violazione dell art. 11.

35 RESPONSABILITÀ PER L ESERCIZIO L DI ATTIVITÀ PERICOLOSE ART c.c. Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di una attività pericolosa, per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati, è tenuto al risarcimento, se non prova di aver adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno Casi di esclusione della responsabilità Caso fortuito (Fatto naturale, del terzo o del danneggiato)

36 MODALITÀ DEL TRATTAMENTO E REQUISITI DEI DATI (Art.( 11) I dati personali oggetto di trattamento devono essere: a) Trattati in modo lecito e secondo correttezza b) Raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni in termini compatibili con tali scopi c) Esatti, e se necessario, aggiornati d) Pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per i quali sono raccolti o successivamente trattati e) Conservati in una forma che consenta l identificazione dell interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.

37 CHI RISPONDE IN SEDE CIVILE? TITOLARE: 1. quando è in dolo : consapevole di procedere ad un trattamento illecito o scorretto 2. quando è in colpa : non ha ottemperato alle regole prescritte dal codice (es. nomina responsabile non affidabile) RESPONSABILE: 1. quando non vigila sull attività degli incaricati, o non impartisce le necessarie istruzioni 2. disattende le istruzioni ricevute dal titolare 3. non adotta le misure minime di sicurezza

38 ALCUNI CASI GIURISPRUDENZIALI Tribunale di Milano ( ): << La diffusione indiscriminata e priva di effettiva pertinenza rispetto agli scopi informativi essenziali del dato anagrafico della residenza integra i presupposti di un trattamento non lecito o comunque eseguito in maniera non corretta >> Tribunale di Roma ( ): << Può dirsi risarcibile anche il danno non patrimoniale derivante dalla illecita riproduzione dell immagine altrui, ritenendosi tale illiceità concretata dalla mancanza di consenso >> Tribunale di Roma ( ): << Le generalità del sig. Rossi e l indicazione l del suo indirizzo, indubbiamente qualificabili come dati personali, rappresentano particolari non indispensabili, la cui omissione non avrebbe in alcun modo leso il diritto del pubblico ad una corretta informazione del fatto di cronaca >>

39 LE VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE ART ART. 161: Omessa o inidonea informativa all'interessato ART. 162: Altre fattispecie (cessione e comunicazione) ART. 163: Omessa o incompleta notificazione ART. 164: Omessa informazione o esibizione al Garante ART. 165: Pubblicazione del provvedimento del Garante Ivan Salvadori

40 OMESSA O INIDONEA INFORMATIVA ALL INTERESSATO (Art.( 161) CONDOTTA Violazione delle disposizioni di cui all art. 13 Da a SANZIONI Da a Aumento sino al triplo Ivan Salvadori

41 L INFORMATIVA (Art.( 13) CONTENUTI La possibilità di esercitare i diritti riconosciuti all interessato dall art. 7 Indicazione dell identità del titolare o del suo rappresentante Le finalità per cui si raccolgono i dati Modalità di trattamento dei dati: con quali strumenti si procede al trattamento La natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati La conseguenza di un eventuale rifiuto di rispondere L indicazione del nominativo di almeno un responsabile I soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venire a conoscenza dei dati ed il loro ambito di diffusione

42 ALTRE FATTISPECIE (Art.( 162, C.1C.1.).) CONDOTTA La cessione dei dati in violazione di quanto previsto dall'art. 16, comma 1, lettera b), o di altre disposizioni in materia di disciplina del trattamento dei dati personali SANZIONE Da a

43 CESSAZIONE DEL TRATTAMENTO In caso di cessazione del trattamento i dati sono: a) Distrutti b) Ceduti ad altro titolare, purché destinati ad un trattamento in termini compatibili agli scopi per i quali i dati sono raccolti c) Conservati per fini esclusivamente personali e non destinati ad una comunicazione sistematica d) Conservati o ceduti ad altro titolare, per scopi storici, statistici o scientifici in conformità alla legge, ai regolamenti, alla normativa Comunitaria e ai codici di deontologia e di buona condotta

44 ALTRE FATTISPECIE (Art.( 162, C.2C.2.).) CONDOTTA Violazione della disposizione di cui all art. 84, c.1 SANZIONE Da 500 a 3.000

45 COMUNICAZIONE DI DATI ALL INTERESSATO I dati personali idonei a rivelare lo stato di salute possono essere comunicati all interessato da parte di: a) Un medico designato dall interessato o dal titolare b) Altro personale sanitario che abbia rapporti con il paziente (previa autorizzazione scritta del titolare o del responsabile) e) Ivan Salvadori

46 L OMESSA O INCOMPLETA NOTIFICAZIONE (Art. 163) CONDOTTA Chiunque essendovi tenuto non provvede tempestivamente alla notificazione ai sensi degli art. 37 e 38 Da a SANZIONE Pubblicazione ordinanza-ingiunzione, per intero o estratto, in uno o più giornali

47 LA NOTIFICAZIONE DEL TRATTAMENTO Il titolare deve procedere alla notificazione solo se il trattamento riguarda: a) Dati genetici o biometrici b) Dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale c) La prestazione di servizi sanitari per via telematica d) La definizione di profili mediante strumenti elettronici e) La gestione di dati sensibili da parte di agenzie di ricerca di personale per conto terzi f) La gestione di banche dati per rischi creditizi o antifrode

48 MODALITÀ DI NOTIFICAZIONE ART. 38 1) La notificazione va presentata prima dell inizio del trattamento ed una sola volta 2) E validamente effettuata solo se trasmessa per via telematica utilizzando il modulo predisposto dal Garante (www.garanteprivacy.it) 3) Una nuova notificazione è richiesta solo in caso di cessazione del trattamento o mutamento di uno degli elementi da indicare in essa

49 L OMESSA INFORMAZIONE O ESIBIZIONE AL GARANTE (Art.( 164) CONDOTTA Chiunque omette di fornire le informazioni o esibire i documenti richiesti dal Garante ex art. 150 c.2 e art. 157 SANZIONE Da a

50 ACCERTAMENTI E CONTROLLI DEL GARANTE Per l espletamento dei propri compiti il Garante può: Richiedere di fornire informazioni e di esibire documenti al titolare, al responsabile, all interessato Accedere a banche di dati, archivi o altre ispezioni e verifiche nei luoghi ove si svolge il trattamento Ivan Salvadori

51 PUBBLICAZIONE DEL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE (Art.( 165) ART. 165 Nei casi di cui agli articoli 161, 162 e 164 può essere applicata la sanzione amministrativa accessoria della pubblicazione dell'ordinanza-ingiunzione per intero o per estratto, in uno o più giornali indicati nel provvedimento che la applica.

52 PROCEDIMENTO DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Art. 166 L organo competente ad irrogare le sanzioni amministrative è il Garante I proventi derivanti dall irrogazione delle sanzioni amministrative sono destinati al fondo stanziato per il funzionamento dell ufficio del Garante

53 ILLECITI PENALI ART ART. 167: Trattamento illecito di dati ART. 168: Falsità nelle dichiarazioni e notificazioni al Garante ART. 169: Omessa adozione di misure di sicurezza ART. 170: Inosservanza di provvedimenti del Garante ART. 171: Altre fattispecie (divieto do controllo a distanza) ART. 172: Pene accessorie

54 CHI RISPONDE PENALMENTE? RESPONSABILITÀ PENALE DEL TITOLARE RESPONSABILITÀ PENALE DEL RESPONSABILE RESPONSABILITÀ PENALE DELL INCARICAT0 Ivan Salvadori

55 TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI PERSONALI (Art. 167, c.1c.1) CONDOTTA Salvo che il fatto costituisca più grave reato chiunque, al fine di trarne per sé o per altri profitto o di recare ad altri un danno procede al trattamento di dati personali in violazione di quanto disposto dagli artt. 18, 19, 23, 123, 126 e 130, ovvero in applicazione dell'art. 129, è punito, se dal fatto deriva nocumento Con la reclusione da 6 a 18 mesi SANZIONI Con la reclusione da 6 a 24 mesi (se il fatto consiste nella comunicazione o diffusione)

56 TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI PERSONALI NORME RICHIAMATE DALL Art. 167, c.1 1) Art. 18: Principi applicabili a tutti i trattamenti effettuati da soggetti pubblici 2) Art. 19: Principi applicabili al trattamento di dati comuni 3) Art. 23: Consenso (liberamente espresso, scritto, informato) 4) Art. 123: Dati relativi al traffico (trattati da fornitori di reti pubbliche di comunicazione) 5) Art. 126: Dati relativi all ubicazione (degli utenti o abbonati di reti pubbliche 6) Art. 129: Elenchi di abbonati 7) Art. 130: Comunicazioni indesiderate (ad. es. spamming)

57 TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI PERSONALI (Art. 167, c.2c.2) CONDOTTA Salvo che il fatto costituisca più grave reato chiunque, al fine di trarne per sé o per altri profitto o di recare ad altri un danno procede al trattamento di dati personali in violazione di quanto disposto, dagli articoli 17, 20, 21, 22, c. 8 e 11, 25, 26, 27 e 45, SANZIONI Reclusione da 1 a 3 anni

58 TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI PERSONALI NORME RICHIAMATE DALL Art. 167, c.2 1) Art. 17: Trattamento che presenta rischi specifici 2) Art. 20: Principi applicabili al trattamento di dati sensibili 3) Art. 21: Principi applicabili al trattamento di dati giudiziari 4) Art. 22: Principi applicabili al trattamento di dati sensibili e giudiziari 5) Art. 25: Trattamenti posti in essere da soggetti privati (divieto di comunicazione o diffusione) 6) Art : Garanzie per i dati sensibili e giudiziari 7) Art. 45: Trasferimenti vietati

59 ALCUNI CASI GIURISPRUDENZIALI Corte d appello d di Torino ( ): Applica la pena prevista per la fattispecie di trattamento illecito di dati a Tizio, per aver diffuso su un sito Internet, senza il consenso della interessata sue immagini tratte da uno spogliarello, al fine di recarle un danno e procurandole effettivamente un nocumento Tribunale di Como ( ): Applica la pena prevista per la fattispecie di trattamento illecito di dati a Tizio, per aver, senza il consenso dell interessata ed al fine di procurarle un danno, comunicato i suoi dati personali a soggetti terzi, ed in particolare aprendo a suo nome un sito internet, due indirizzi di posta elettronica ed iscrivendola ad una chat erotica

60 FALSITÀ NELLE DICHIARAZIONI E NOTIFICAZIONI AL GARANTE (ART.( 168) CONDOTTA Chiunque, nella notificazione di cui all'articolo 37 o in comunicazioni, atti, documenti o dichiarazioni resi o esibiti in un procedimento dinanzi al Garante o nel corso di accertamenti, dichiara o attesta falsamente notizie o circostanze o produce atti o documenti falsi SANZIONI Reclusione da 6 mesi a 3 anni

61 OMESSA ADOZIONE DI MISURE DI SICUREZZA (ART. 169) CONDOTTA Chiunque, essendovi tenuto, omette di adottare le misure minime previste dall'art. 33 Arresto sino a 2 anni SANZIONI Ammenda da a Somma pari al quarto del massimo dell'ammenda

62 MISURE MINIME DI SICUREZZA ART. 34 Trattamenti con strumenti elettronici a) Credenziali di autenticazione (es. User-id, password) b) Aggiornamento periodico dell ambito di trattamento consentito a soggetti incaricati, e addetti alla gestione e manutenzione degli strumenti Informatici c) Adozione di procedure per la custodia di copie di sicurezza d) Protezione degli strumenti elettronici rispetto a trattamenti illeciti di dati, accessi non consentiti (es. antivirus, firewall) e) Adozione di tecniche di cifratura f) Tenuta di un aggiornato documento programmatico di sicurezza

63 MISURE MINIME DI SICUREZZA ART. 35 Trattamenti senza ausilio di strumenti elettronici a) Aggiornamento periodico dell ambito di trattamento consentito a soggetti incaricati, e addetti alla gestione e manutenzione degli strumenti Informatici b) Previsione di procedure per una idonea custodia di atti e documenti affidati agli incaricati c) Previsione di procedure per la custodia di atti in archivi ad accesso selezionato Ivan Salvadori

64 INOSSERVANZA DI PROVVEDIMENTI DEL GARANTE (ART.( 170) CONDOTTA Chiunque, essendovi tenuto, non osserva il provvedimento adottato dal Garante ai sensi degli artt. 26, c. 2, 90, 150, c. 1 e 2, e 143, c. 1, lett. c), SANZIONI Con la reclusione da 3 mesi a 2 anni. Ivan Salvadori

65 ALTRE FATTISPECIE (ART.( 171) Violazione delle disposizioni di cui agli artt.: CONDOTTA 113, c.1: (divieto indagini su opinioni dei lavoratori) 114: (divieto di controllo a distanza mediante impianti audiovisivi) SANZIONI Arresto da 15 giorni ad 1 anno Ammenda

66 PUBBLICAZIONE DELLA SENTENZA DI CONDANNA (Art.( 172) Art. 172 La condanna per uno dei delitti previsti dal presente codice comporta la pubblicazione della sentenza. Ivan Salvadori

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura Corso 196/03 per i Responsabili e gli Incaricati del Trattamento Dati Percorso Formativo per l Incaricato del Trattamento Dati: Pre-requisiti: 1. Conoscenza dei dati trattati 2. Conoscenza degli strumenti

Dettagli

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 Dal 01.01.2004 e' entrato in vigore il DLgs 196 del 30.06.2003 cosiddetto Testo Unico sulla Privacy. Di seguito un breve riepilogo dei principali aspetti della norma che

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi La tutela della Privacy Annoiatore: Stefano Pelacchi 1 Appunti Le organizzazioni del volontariato possono assumere qualsiasi forma giuridica prevista dal Libro I del Codice Civile compatibile con il proprio

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

Il Trattamento dei dati personali

Il Trattamento dei dati personali Il Trattamento dei dati personali Obblighi e adempimenti del professionista dott. Francesco Loppini LA PRIVACY DAL PUNTO DI VISTA STORICO In Italia, a partire dal 1981, numerosi disegni di legge: Il progetto

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO All. Del. Gar. N 21 del 24/5/2007 La seguente lista di controllo è tratta dall allegato alla Delibera del Garante per la protezione dei dati personali n 21, del 24/5/2007, recante misure per la semplificazione

Dettagli

Applicazione del Testo Unico sulla Privacy: Responsabilità e sistema sanzionario Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning

Applicazione del Testo Unico sulla Privacy: Responsabilità e sistema sanzionario Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning Pagina 1 di 8 M.2 RESPONSABILITÀ E SISTEMA SANZIONATORIO a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa Pagina 2 di 8 INDICE DOCUMENTO M2. RESPONSABILITÀ E SISTEMA SANZIONATORIO...3 1. Le sanzioni...3

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

Tutela della privacy, diritto di accesso e consultabilità dei documenti degli archivi

Tutela della privacy, diritto di accesso e consultabilità dei documenti degli archivi Tutela della privacy, diritto di accesso e consultabilità dei documenti degli archivi Franco Cardin - Padova - 8/5/2008 1 Argomenti da trattare Il Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs.

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di Con il presente provvedimento il Garante intende richiamare tutti i titolari di trattamenti effettuati, anche in parte, mediante strumenti elettronici alla necessità di prestare massima attenzione ai rischi

Dettagli

la tutela davanti al giudice ed al Garante

la tutela davanti al giudice ed al Garante la tutela davanti al giudice ed al Garante le forme di tutela: il Garante il Codice prevede 3 forme di tutela: Amministrativa, dinanzi al Garante Giurisdizionale Risarcitoria (vignetta tratta dal sito

Dettagli

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE FOSCIANDORA Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 25 in data 13/07/2010

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE Il sottoscritto/a nato/a il / / 19 a residente a in Via Codice Fiscale E-mail Tel. Cell. Documento Tipo N. Ril. Scad. CHIEDE Di essere iscritto all associazione Professionisti Associati

Dettagli

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS corso di formazione per il personale dell Università e degli Enti convenzionati con il Servizio Catalogo Unico TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Dettagli

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO.

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. Approvato con deliberazione di C.C. n. 24/2013 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006.

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006. Corso di Amministratore di condominio Privacy Privacy nei confronti delle diverse figure 1 Argomenti trattati I principi generali della legge sulla privacy. Il provvedimento generale del Garante del 18

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196,

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, relativo alla individuazione dei tipi di dati e delle operazioni eseguibili in tema di trattamento

Dettagli

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese (Informativa ex articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali) Nella presente informativa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

La protezione dei dati personali e le soluzioni organizzative per la sicurezza nel nuovo Codice sulla privacy

La protezione dei dati personali e le soluzioni organizzative per la sicurezza nel nuovo Codice sulla privacy La protezione dei dati personali e le soluzioni organizzative per la sicurezza nel nuovo Codice sulla privacy Agenda Sessione 1 D.Lgs. 196/03 - Contenuti della disciplina Sessione 2 Metodologia attuativa

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

ASPETTI GENERALI. L applicazione del Codice in materia di protezione dei dati personali nelle Aziende Sanitarie pubbliche

ASPETTI GENERALI. L applicazione del Codice in materia di protezione dei dati personali nelle Aziende Sanitarie pubbliche L applicazione del Codice in materia di protezione dei dati personali nelle Aziende Sanitarie pubbliche ASPETTI GENERALI Franco Cardin Corso ANAI 2007 1 La nascita del diritto alla privacy Un po di storia..

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA)

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP Provincia Via/C.so/P.zza

Dettagli

Azienda Sanitaria di Cagliari

Azienda Sanitaria di Cagliari Azienda Sanitaria di Cagliari Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D.lgs. n. 196/2003 e ss. mm. ed ii. Codice in materia di protezione dei dati personali INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I R O M AN O D E Z Z E L I N O D E C O R A T O A L V A L O R M I L I T A R E Via G. Giardino, 1-36060 Romano d Ezzelino (VI) Part. IVA e Cod. Fisc. 00258950245 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO Approvato con deliberazione dell Assemblea della Comunità n. 5 del 10.02.2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 174 del 29 luglio 2003 - Supplemento Ordinario n. 123

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 174 del 29 luglio 2003 - Supplemento Ordinario n. 123 Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 174 del 29 luglio 2003 - Supplemento Ordinario n. 123 Art. 1-74 Artt.

Dettagli

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento

Dettagli

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTA DI ALBISOLA SUPERIORE Provincia di SAVONA COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 25/3/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CASARGO PROVINCIA DI LECCO Via Roma N.1/A 23831 Casargo (LC) Tel. 0341/840.123 Fax 0341/840.673 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Consorzio Polizia Locale Valle Agno

Consorzio Polizia Locale Valle Agno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE EFFETTUATA DAL CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE VALLE AGNO NEI TERRITORI COMUNALI DI VALDAGNO, RECOARO TERME, CORNEDO VICENTINO E CASTELGOMBERTO

Dettagli

Comune di Lastra a Signa

Comune di Lastra a Signa Comune di Lastra a Signa (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 29 del 03/05/2011 CAPO I PRINCIPI GENERALI I N D I C E Art. 1 - Art. 2 -

Dettagli

Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196

Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali www.garanteprivacy.it INDICE PARTE I - DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Diritto alla

Dettagli

Via della Chimica, 61 POTENZA

Via della Chimica, 61 POTENZA N Ordine dei Tecnologi Alimentari di Basilicata e Calabria Data iscrizione Bollo 14,62 Spazio riservato alla segreteria dell Ordine Domanda di iscrizione nell Albo dei Tecnologi Alimentari di Basilicata

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA CITTA di PONTIDA REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 22.12.2008 Esecutivo dal CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI (a norma dell art. 29, comma 4, del Codice in materia di protezione dei dati personali, emanato con decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, più oltre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CALLIANO Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 di data 28 novembre 2013 CAPO I Principi Generali

Dettagli

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Nibionno Provincia di Lecco Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014 Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni martedì 14 ottobre 2014 Organizzazione dell intervento I PARTE Le origini della Privacy: trasformazione sociale e adeguamento normativo

Dettagli

Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196

Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali www.garanteprivacy.it INDICE PARTE I - DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Diritto alla

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera C.C. 55 del 10/11/2008) INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3

Dettagli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli PREMESSE cenni sulla privacy Il crescente e diffuso impiego di internet e dei nuovi mezzi di

Dettagli

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito

Dettagli

INDICE DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI

INDICE DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI INDICE PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI PRINCIPI GENERALI ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI FINALITA PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI DEFINIZIONI

Dettagli

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R Direzione Provinciale di Catania ATTO DISPOSITIVO N. 66 / 2013 Assegnazione di personale: Maria Parisi IL DIRETTORE PROVINCIALE Con nota prot. n.1410 dell 08 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Adottato dalla Giunta Comunale nella seduta del 26.3.2003 con provvedimento n. 330/11512 P.G. Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I AL B AR E D O P E R S AN M AR C O (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 31.1.2011

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI MISURE MINIME DI SICUREZZA INDICE Articolo 1 - Ambito

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO SOMMARIO: CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 -

Dettagli

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Corbetta Provincia di Milano Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

Nomina Responsabile del trattamento dei dati ai sensi del D. Lgs. n. 196/2003 e s.m., art 4, 1 comma, lettera g) e art. 29.- IL DIRETTORE GENERALE

Nomina Responsabile del trattamento dei dati ai sensi del D. Lgs. n. 196/2003 e s.m., art 4, 1 comma, lettera g) e art. 29.- IL DIRETTORE GENERALE ATTO DI NOMINA A RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO in applicazione del Codice in materia di protezione dei dati personali di cui al D. Lgs. n. 196/2003 e s. m. Oggetto: Dott. Nomina Responsabile del trattamento

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. del 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda open > PRIVACY.NET La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda next > Il software è rivolto a: Chiunque tratta dati personali, con e senza strumenti elettronici, è tenuto

Dettagli

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Circolare n. 1/08 del 20 novembre 2008* PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Riferimenti normativi La forma di sorveglianza legata all utilizzo di sistemi di ripresa delle immagini, definita videosorveglianza, è

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO del sistema di videosorveglianza per la sicurezza cittadina e disciplina del trattamento dei dati personali * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29.12.2009 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO I domini www.comune.mozzecane.vr.it

Dettagli

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy GP&A Srl Via Seprio, 2 20149 Milano Phone: 02/45.49.53.73 Fax: 02/45.49.53.74 Email: info@gpa.it Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 54 del 26.07.2012 pagina 1.14 Indice CAPO I...4 PRINCIPI GENERALI...4 Art. 1 Oggetto

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196.

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Ai sensi dell articolo 13 del decreto legislativo 30 maggio 203 n.196:

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA

COMUNE DI SPINO D ADDA COMUNE DI SPINO D ADDA PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 4 del 14/01/2005 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5. Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.2012 OGGETTO: individuazione degli incaricati del trattamento dati personali

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli. Relatore Avv. Valentina Frediani

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli. Relatore Avv. Valentina Frediani Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

Privacy. D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna. Dr. Mauro Vitacca

Privacy. D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna. Dr. Mauro Vitacca Privacy D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna Dr. Mauro Vitacca Disposizioni interne Regolamento aziendale di applicazione della normativa di cui al Decreto Legislativo 196/03 (normativa Privacy) e

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY.

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. Il presente documento ha lo scopo di illustrare gli adempimenti di natura legale e di natura tecnico-informatica

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

FORMAZIONE PRIVACY 2015

FORMAZIONE PRIVACY 2015 Intervento formativo per rendere edotti gli incaricati del trattamento di dati personali dei rischi che incombono sui dati e delle relative misure di sicurezza ai sensi dell art. 130 del D.Lgs. 196/2003

Dettagli