Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia"

Transcript

1 Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari, Classe appartenenza L-1 Scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome inglese del corso Economics for Banks, Insurance and Financial Institutions REGOLAMENTO DIDATTICO ANNO ACCADEMICO 200/200 Presentazione Il Corso di Laurea in Economia delle Banche delle Assicurazioni e degli Intermediari Finanziari (ECOBAN) ha durata di tre anni. Il titolo è rilasciato al conseguimento di 10 crediti formativi universitari (di seguito ), per un numero di esami pari a 20. Ai 20 esami indicati si affianca la prova finale, completata da una idoneità informatica di 1, strumentale allo sviluppo delle competenze caratteristiche del corso di laurea. Per l anno accademico è attivato il primo anno della laurea, nell a.a sarà attivato anche il secondo anno e dall a.a saranno attivati tutti gli anni. Il titolo di studio rilasciato è quello di Laurea in Economia delle Banche delle Assicurazioni e degli Intermediari Finanziari e conferisce allo studente la possibilità di accedere ai corsi di laurea magistrale offerti dalla Facoltà e ai corsi Master di primo livello presso l Ateneo di Milano Bicocca e gli altri Atenei italiani secondo le modalità stabilite nei rispettivi regolamenti in ordine ai criteri di accesso. Il percorso triennale in Economia delle Banche delle Assicurazioni e degli Intermediari Finanziari offre in particolare ai propri laureati un ideale completamento nel Corso di Laurea Magistrale in Economia e Finanza attivato presso la medesima Facoltà di Economia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca; il Corso di secondo livello in Economia e Finanza è infatti progettato per proporre percorsi di approfondimento, delineati in curricula, specificamente incentrati su ambiti disciplinari avanzati relativi all intermediazione bancaria e assicurativa, alla finanza dei mercati e all operatività dei mercati mobiliari. Obiettivi formativi specifici e descrizione del percorso formativo Il Corso di Laurea si propone di offrire allo studente: approfondite conoscenze nelle discipline aziendali, declinate con riferimento innanzitutto alle imprese finanziarie (banche, assicurazioni e intermediari finanziari non bancari) ma anche alle imprese non finanziarie, che costituiscono naturali interlocutori per l industria finanziaria. conoscenze specificamente focalizzate sui profili operativi e gestionali propri dei tre grandi settori dell intermediazione ( bancaria, assicurativa e securities industry) nonché strumenti conoscitivi idonei ad una sufficiente comprensione dell informativa di bilancio utilizzata nei processi di valutazione delle imprese; un adeguata conoscenza delle discipline economico-politiche, in particolare applicate all industria finanziaria; una solida preparazione quantitativa, nella matematica e nella statistica applicate all intermediazione; una adeguata padronanza dei principi e degli istituti dell ordinamento giuridico in generale e della legislazione in ambito finanziario; una appropriata conoscenza dell informatica e dei sistemi di elaborazione dati, anche in ambito finanziario; una discreta conoscenza di due lingue dell Unione Europea, oltre all italiano. Il percorso formativo impartisce nel primo anno le conoscenze proprie degli insegnamenti di base di un corso di laurea triennale, nell'ambito aziendale, economico, giuridico e dei metodi quantitativi. Si qualifica sui temi di carattere bancario e finanziario durante il secondo e il terzo anno, sia con insegnamenti specifici nel settore scientifico-disciplinare SECS-P/11 (Economia degli intermediari finanziari), sia con insegnamenti di taglio applicato nell area dei metodi quantitativi. Propone inoltre nel terzo anno di corso un'opzione tra 1

2 insegnamenti del settore scientifico-disciplinare SECS-P/11 (Economia degli intermediari finanziari), al fine di offrire la possibilità di approfondimenti in settori diversi dell intermediazione. Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio (DM 16/03/2007, art. 3, comma 7) Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding) Il conseguimento di conoscenza e capacità di comprensione è connaturato all organizzazione del percorso universitario e utilizza un approccio interdisciplinare allo studio degli insegnamenti fondamentali propri delle lauree di classe aziendale, con specifici approfondimenti di concetti e di fenomeni propri del settore finanziario. Il percorso fornisce allo studente nello specifico: - una adeguata preparazione di base delle discipline economico-aziendali propedeutiche alla conoscenza dell ambito professionale; - una buona conoscenza degli strumenti quantitativi e degli istituti giuridici, con particolare attenzione rispettivamente a strumenti di analisi e a nozioni giuridiche specificamente applicabili al campo dell intermediazione e all operatività dei mercati e delle istituzioni finanziarie - una adeguata conoscenza del contenuto degli strumenti finanziari e delle problematiche operative di banche e intermediari L acquisizione avviene tramite insegnamenti attivati, in particolare, nelle aree matematica, statistica, economico-politica, economico-aziendale, con erogazione nella forma di lezioni frontali, esercitazioni, attività di laboratorio e seminari. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding) Il conseguimento di tali capacità è parte qualificante del corso universitario in oggetto ed è perseguito proponendo negli insegnamenti di secondo e terzo anno una interpretazione dei fenomeni economici e finanziari attraverso il riferimento ad esempi concreti al fine di verificare e applicare le nozioni teoriche apprese durante il corso. Allo studente viene fornito un insieme adeguato di strumenti concettuali e analitici idonei per comprendere le modalità di funzionamento e le specificità operative dell industria finanziaria. Tali capacità sono sviluppate sia durante l attività d aula (lezioni frontali ed esercitazioni) sia proponendo selezioni di testi e materiale bibliografico a supporto dei contenuti impartiti in aula. Nella fase finale del suo percorso formativo lo studente ha modo inoltre di applicare parte delle conoscenze apprese attraverso tirocini formativi (facoltativi) che consentono di ricondurre gli schemi concettuali e le nozioni acquisite a problematiche concrete di funzionamento delle istituzioni creditizie e imprese finanziarie. Tali capacità vengono principalmente acquisite tramite insegnamenti nelle aree dei metodi quantitativi, dell economia e nelle discipline aziendali riferite agli intermediari e ai mercati finanziari. La verifica di conoscenza e capacità di comprensione dei concetti presentati nel corso di studi viene effettuata secondo modalità che possono variare da un insegnamento all altro e che tipicamente constano di esami scritti con risposte a domande chiuse e aperte e svolgimento di esercizi, esami orali con interazione diretta con il docente. Autonomia di giudizio (making judgements) Il corso fornisce allo studente conoscenze teoriche e applicate idonee a valutare e risolvere le più ricorrenti problematiche tecniche e gestionali proprie dell operatività delle istituzioni finanziarie. Contenuti e metodo degli insegnamenti di base mirano a: - sviluppare nello studente una attitudine a selezionare schemi interpretativi idonei ad analizzare le tematiche connesse al funzionamento dei sistemi economici e finanziari; - fare emergere una autonoma capacità di giudizio, utilizzando soprattutto gli insegnamenti caratterizzanti, anche con metodi di apprendimento e supporti bibliografici che stimolino un approccio critico e duttile allo studio dei fenomeni finanziari. Specifici approfondimenti sono proposti durante la predisposizione della prova finale, di norma focalizzata su tematiche tipiche della professione. L autonomia di giudizio viene acquisita prevalentemente tramite gli insegnamenti di secondo e terzo anno nelle aree disciplinari aziendali, quantitative ed economiche anche attraverso l elaborazione autonoma e di gruppo di elaborati nonché, nell attività di stage e durante la predisposizione della prova finale. 2

3 La verifica della autonomia di giudizio viene esplicitamente effettuata, sia in forma scritta che in forma orale, mediante la richiesta di confronti critici tra concetti, modelli e loro applicazioni specifiche. Abilità comunicative (communication skills) Al termine del percorso il laureato dovrà possedere una sufficiente conoscenza delle strutture organizzative e dei contesti lavorativi propri dell ambito professionale cui il corso di laurea fa riferimento (intermediazione e mercati finanziari). Dovrà inoltre essere in grado di esprimere le proprie conoscenze con un approccio professionale all attività lavorativa e aver sviluppato l inclinazione a operare con sufficiente grado di autonomia. Dovrà infine aver acquisito competenze e strumenti per la gestione e la comunicazione di informazioni di natura economica e finanziaria indirizzate sia a specialisti che a non specialisti in materia finanziaria, anche attraverso un utilizzo appropriato del linguaggio tecnico e dell informatica. Tali capacità vengono acquisite anche tramite approfondimenti di natura teorica o applicata negli insegnamenti avanzati del secondo e del terzo anno di corso, così come durante il periodo di stage o in fase di elaborazione della prova finale. Il conseguimento e la corrispondente verifica di abilità comunicative viene stimolato durante le lezioni invitando gli studenti allo svolgimento di lavori in piccoli gruppi, soprattutto a partire dal secondo anno di studi, ed alla presentazione alla classe ed a gruppi di docenti dell insegnamento o del corso di laurea dei risultati raggiunti dal gruppo, chiedendo agli studenti di utilizzare le principali tecnologie di supporto alla presentazione (ad esempio, lavagna luminosa, video proiettori, software di presentazione, ecc.). E prevista una esplicita attività di rendicontazione e valutazione da parte del docente proprio in relazione alla capacità di comunicazione di ogni singolo studente partecipante. Capacità di apprendimento (learning skills) Il corso di laurea incentiva la capacità di apprendimento dello studente attraverso approfondimenti progressivi di temi e problematiche specifiche dell industria finanziaria, nell ambito dei singoli insegnamenti e durante lo svolgimento della prova finale. Al termine del percorso il laureato dovrà aver sviluppato le abilità di apprendimento necessarie per un inserimento agevole in percorsi di carriera professionalizzanti nel settore dell intermediazione e dei servizi finanziari. Il percorso formativo intende fornire al laureato strumenti di analisi completi e duttili e competenze tecniche adeguate alla comprensione dei fenomeni finanziari e delle dinamiche competitive in mercati finanziari fortemente integrati e contraddistinti da elevati ritmi di innovazione. Mira inoltre ad assicurare al laureato una attitudine all aggiornamento delle proprie conoscenze e, in prospettiva, allo sviluppo in successivi percorsi di studio di competenze specialistiche nell ambito dell intermediazione bancaria e finanziaria, dell economia dei mercati finanziari e della finanza quantitativa. Tali attitudini vengono acquisite all interno degli insegnamenti impartiti anche attraverso: - l esame di casi e situazioni concrete, anche attraverso la compresenza in aula di esperti e professionisti del settore; - le relazioni con il settore della professione sviluppate durante il periodo di stage. Le verifiche del possesso di tali abilità avvengono tramite le prove d esame finali, ed eventualmente al loro interno attraverso la valutazione di elaborati e commento di casi pratici, nonché nella valutazione degli elaborati che costituiscono oggetto della prova finale. Profili professionali e sbocchi occupazionali Gli sbocchi professionali riguardano prevalentemente le aziende del settore (banche, assicurazioni, società di gestione del risparmio ed imprese di investimento in genere). Le aree funzionali privilegiate per il possibile inserimento attengono a: - gestione del credito alle imprese - gestione di portafogli finanziari - operatività all interno di investitori istituzionali - attività di supporto alla gestione finanziaria, anche nell ambito dell attività di impresa - attività di consulenza finalizzata alla pianificazione finanziaria ed assicurativa. Il corso prepara alle professioni di Specialisti in attività finanziarie Consulenti finanziari Agenti assicurativi 3

4 Agenti di borsa e cambio, tecnici dell'intermediazione titoli ed assimilati Norme relative all accesso Per l'ammissione al Corso di Laurea occorre essere in possesso del titolo di scuola secondaria superiore richiesto dalla normativa in vigore o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo. La Facoltà di Economia predispone un test di orientamento, che può essere sostenuto già a partire dal penultimo anno della scuola superiore, volto a verificare il grado di preparazione individuale in due ambiti: - conoscenze di base di matematica; - capacità di comprensione di un testo redatto in lingua italiana; e con l obiettivo di indurre gli studenti a migliorare la propria preparazione, già a partire dalla scuola superiore, in ambiti cruciali per il successo negli studi universitari. L eventuale mancato superamento del test non pregiudica l immatricolazione. Nel caso di esito sfavorevole della prova di matematica, è prevista l assegnazione di un debito formativo, che potrà essere recuperato attraverso idonei corsi organizzati dalla Facoltà. L eventuale esito sfavorevole della prova linguistica del test non comporta alcun debito formativo, ma suggerisce allo studente di effettuare un idoneo approfondimento della propria preparazione. Per ulteriori dettagli si rinvia al sito web della Facoltà. Organizzazione del Corso di laurea Il corso di laurea si articola in un solo curriculum che prevede l attribuzione di crediti alle attività formative di base, alle attività formative caratterizzanti, alle attività affini e integrative e altre attività formative (tra cui le attività a scelta dello studente) secondo il seguente dettaglio: Attività formative di base ambito disciplinare settore Economico SECS-P/01 Economia politica (cfu ) 13 SECS-P/12 Storia economica (cfu 4) Aziendale SECS-P/07 Economia aziendale (cfu ) Statistico-matematico SECS-S/01 Statistica (cfu ) SECS-S/06 Metodi matematici dell'economia e delle scienze attuariali e finanziarie (cfu ) Giuridico IUS/01 Diritto privato (cfu ) IUS/0 Istituzioni di diritto pubblico (cfu ) Totale crediti riservati alle attività di base Attività formative caratterizzanti ambito disciplinare settore Aziendale SECS-P/07 Economia aziendale (cfu ) SECS-P/0 Economia e gestione delle imprese (cfu 6) 32 SECS-P/0 Finanza aziendale (cfu 4) SECS-P/11 Economia degli intermediari finanziari (cfu 13) Economico SECS-P/01 Economia politica (cfu 13) 13 Statistico-matematico SECS-S/01 Statistica (cfu 6) SECS-S/06 Metodi matematici dell'economia e delle scienze attuariali e finanziarie (cfu ) Giuridico IUS/04 Diritto commerciale (cfu ) IUS/05 Diritto dell'economia (cfu 4) Totale crediti riservati alle attività caratterizzanti

5 Attività affini ed integrative ambito disciplinare settore Attività formative affini o INF/01 Informatica (cfu 5) 35 integrative L-LIN/04 Lingua e traduzione - lingua francese (cfu 12 opzionale) L-LIN/07 Lingua e traduzione - lingua spagnola (cfu 12 opzionale) L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese (cfu 12 opzionale) L-LIN/14 Lingua e traduzione - lingua tedesca (cfu 12 opzionale) SECS-P/01 Economia politica (cfu ) SECS-P/11 Economia degli intermediari finanziari (cfu ) 35 Totale crediti riservati alle attività affini ed integrative Altre attività formative (D.M. 270 art.10 5) ambito disciplinare A scelta dello studente 12 Per la prova finale 3 Per la conoscenza di almeno una lingua straniera Ulteriori conoscenze linguistiche Abilità informatiche e telematiche 1 Tirocini formativi e di orientamento Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro Per stages e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali Totale crediti altre attività 16 totali per il conseguimento del titolo 10 - Attività formative a scelta dello studente, che lo studente ha facoltà di selezionare nell ambito dell offerta formativa prevista dalla Facoltà e dall Ateneo per i corsi di laurea triennale, in coerenza con le caratteristiche e gli obiettivi del piano degli studi. Lo studente può conseguire i crediti riservati a tali attività con il superamento delle relative prove di verifica. - Lingua straniera Il Corso di laurea prevede la conoscenza di due lingue dell Unione Europea (oltre alla lingua Italiana).Pertanto lo studente deve acquisire un totale di 12 (6 nella prima lingua e 6 nella seconda) sostenendo due distinti esami. - Abilità informatiche Il corso di Laurea prevede che lo studente conosca i principi di base dell informatica e dei sistemi di elaborazione dati. Pertanto lo studente deve acquisire 5, nel settore INF/01 Informatica sostenendo uno specifico esame. Viene inoltre richiesta, al fine del sostenimento della prova finale, una idonea abilità informatica per la preparazione della relazione finale. - Tirocini formativi e stage Durante il terzo anno di corso, e preferibilmente a completamento del percorso formativo, lo studente ha la possibilità di accedere a periodi di stage,secondo le norme stabilite dall Ateneo, per la cui scelta è assistito dal coordinatore e dai docenti afferenti al corso di laurea. Lo stage è svolto preferibilmente presso intermediari finanziari e altri operatori del settore finanziario con l obiettivo di verificare nella prassi operativa le conoscenze acquisite e di agevolare il possibile inserimento del laureato nell ambiente lavorativo. La verifica dei risultati ottenuti nel periodo di stage avviene attraverso la predisposizione di una relazione finale di stage, che riassume le attività svolte e gli obiettivi conseguiti. Tale relazione è coordinata da un relatore che supervisiona la redazione della relazione di stage studente e ne propone la valutazione finale alla Commissione di Laurea che comunque è sovrana nel proprio giudizio finale. 5

6 - Forme didattiche Le attività didattiche constano di lezioni frontali, esercitazioni impartite in lingua italiana, nonché di attività di laboratorio per alcuni degli insegnamenti di carattere applicativo. 1 di lezione frontale corrisponde ad ore di impegno in aula; 1 di esercitazione corrisponde a 16 ore di impegno in aula; 1 di laboratorio corrisponde a 1 ore di impegno in laboratorio. Il percorso formativo è completato da seminari e testimonianze, in particolare all interno degli insegnamenti del terzo anno, idonei a fornire allo studente consapevolezza e conoscenze su concrete situazioni professionali e sulle dinamiche tipiche dell operatività degli intermediari bancari e finanziari. Con riguardo agli insegnamenti di contenuto più avanzato, collocati nel secondo e nel terzo anno, lezioni ed esercitazioni possono essere erogate in lingua inglese. I seguenti moduli verranno erogati in lingua inglese insegnamento modulo Istituzioni di economia I 3 ISTITUZIONI E STORIA DELL'ECONOMIA Istituzioni di economia II 6 FINANZA E MERCATI FINANZIARI Finanza aziendale 4 ECONOMIA DEL SETTORE FINANZIARIO Economia dei mercati finanziari I 5 Economia dei mercati finanziari II 4 - Attività formative sostenibili all estero. All interno dell offerta formativa prevista dalla Facoltà, e sulla base del regolamento all uopo definito dall Ateneo, lo studente può usufruire di periodi di studio presso università estere convenzionate, in Paesi appartenenti o meno all Unione Europea, da svolgersi nell ambito dei programmi Lifelong Learning Programme (LLP). Per ulteriori dettagli si rimanda al portale dell Ateneo (www.unimib.it) sezione Studio, stages e tesi all estero ) - Modalità di verifica del profitto Tutte le attività formative descritte hanno come modalità di verifica un esame in forma scritta e/o orale. - Frequenza Non è prevista frequenza obbligatoria. Una assidua frequenza alle attività didattiche è comunque vivamente consigliata. - Piano di studio Secondo quanto previsto dall art. 1 del Regolamento Didattico di Ateneo, lo studente presenta il piano degli studi all atto di iscrizione al primo anno. Nel piano degli studi lo studente i) indica il curriculum prescelto, se previsto, ii) specifica gli insegnamenti ai quali destina i previsti per le attività formative a scelta dello studente, iii) specifica la propria opzione laddove sia prevista la scelta tra due o più attività formative. Il piano degli studi è modificabile dallo studente entro il 31 dicembre e diventa efficace dal momento della sua approvazione. Il piano degli studi è sottoposto ad apposita Commissione composta da professori docenti nominati dal Consiglio di Facoltà ed è approvato dal Consiglio di Facoltà, sentito il parere della suddetta Commissione. Gli studenti iscritti agli anni successivi al primo sono tenuti a confermare o a modificare il piano di studi entro il 30 giugno. - Propedeuticità INSEGNAMENTO Propedeuticità I propedeuticità II propedeuticità III DIRITTO COMMERCIALE ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO 6

7 ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ECONOMIA DEL SETTORE FINANZIARIO ECONOMIA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE ECONOMIA POLITICA FINANZA E MERCATI FINANZIARI FONDAMENTI DI CONTABILITÀ E BILANCIO INFORMATICA GENERALE ECONOMIA ECONOMIA POLITICA ECONOMIA ISTITUZIONI E STORIA DELL'ECONOMIA ECONOMIA DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE ECONOMIA METODI QUANTITATIVI II PER LA FINANZA ECONOMIA DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE ECONOMIA DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE FONDAMENTI DI CONTABILITÀ E BILANCIO LEGISLAZIONE BANCARIA METODI QUANTITATIVI II PER LA FINANZA METODI QUANTITATIVI III PER LA FINANZA ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO METODI QUANTITATIVI I METODI QUANTITATIVI II PER LA FINANZA - Attività di orientamento e tutorato Il corso di Laurea in Economia delle Banche, delle Assicurazioni e degli Intermediari finanziari prevede un servizio di orientamento il cui scopo è fornire allo studente gli elementi utili per la scelta del curriculum e per l approfondimento di problematiche di natura generale, relativi al complessivo percorso di studi triennale. Come già indicato nelle Norme relative all accesso nell ambito delle iniziative di orientamento sono proposte agli studenti apposite modalità di valutazione idonee a verificare il possesso o a promuovere l acquisizione di un adeguata preparazione iniziale, con riferimento in particolare alla matematica di base e alla comprensione di testi in lingua italiana. Dettagli sui test di orientamento sono contenuti nel sito di Facoltà all indirizzo: (sezione Test di orientamento ) - Scansione delle attività formative e appelli d'esame L organizzazione della didattica del corso di Laurea in Economia delle Banche, delle Assicurazioni e degli Intermediari finanziari è su base semestrale. Il primo semestre va da ottobre a fine febbraio; il secondo semestre da marzo a fine luglio. Ciascun insegnamento prevede sette appelli lungo l arco dell anno accademico, distribuiti nelle sessioni: invernale (seconda metà di gennaio fine febbraio), primaverile (aprile), estiva (seconda metà di giugno fine luglio), autunnale (settembre). Il calendario didattico e l orario delle lezioni sono pubblicati sul sito della facoltà all indirizzo Prova finale La prova finale per il conseguimento del titolo di studio prevede le seguenti due alternative: a) breve relazione scritta concernente un argomento relativo ad una disciplina studiata senza discussione orale (proclamazione). b) discussione orale di una breve relazione scritta su argomenti inerenti a discipline studiate (discussione). 7

8 Dettagli sulle modalità di sostenimento della prova e per la determinazione del punteggio finale sono disponibili sul sito web di Facoltà, all indirizzo Riconoscimento e modalità di trasferimento Secondo quanto previsto dall'articolo 5, comma 7 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, sono riconosciute conoscenze e abilità, certificate in, fino ad un massimo di 60, se maturate in attività formative di livello postsecondario alla cui progettazione e realizzazione abbiano concorso istituzioni universitarie. Il riconoscimento è demandato alla Commissione trasferimenti e convalide esami, sentito il parere del coordinatore del Corso di laurea. I trasferimenti dai Corsi di laurea triennale disciplinati dalla precedente normativa (D.M. 50 del 1) al Corso di laurea in oggetto, disciplinato dalla nuova normativa (D.M. 270 del 2004), non saranno consentiti fino all attivazione di tutti gli anni accademici previsti dal corso. Attività di ricerca a supporto delle attività formative che caratterizzano il profilo del corso di studio Il corso di studio si avvale della ricerca scientifica svolta nei seguenti dipartimenti dell Università degli Studi di Milano-Bicocca: Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali (www.disea.unimib.it); Dipartimento di Economia Politica (dipeco.economia.unimib.it); Dipartimento di Diritto per l Economia (www.direcon.unimib.it); Dipartimento di Metodi Quantitativi per le Scienze Economiche Aziendali (www.dimequant.unimib.it). Altre informazioni Sede del Corso: Università degli Studi di Milano Bicocca, Piazza dell Ateneo Nuovo 1, Milano Coordinatore del Corso: Prof. Arturo Patarnello ( Altri docenti di riferimento: Prof.ssa Paola Bongini ( Prof.ssa Giovanna Iannantuoni ( Prof.ssa Francesca Greselin ( Prof.ssa Chiara Pederzoli ( Struttura ove è possibile consultare il regolamento didattico del corso: Facoltà di Economia, Piazza dell'ateneo Nuovo, 1 - Edificio U7-4 piano Milano, - Per ulteriori informazioni consultare il sito web: Indirizzo internet del corso di Per le procedure e i termini di scadenza di Ateneo relativamente alle immatricolazioni/iscrizioni, trasferimenti, presentazione dei Piani di studio consultare il sito web

9 ECONOMIA DELLE BANCHE, DELLE ASSICURAZIONI E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI INSEGNAMENTI PRIMO ANNO N. INSEGNAMENTO MODULO TIPO AMBITO SETTORE MODULO INSEGN. 1 ECONOMIA FONDAMENTI DI ECONOMIA A SECS-P/07 FONDAMENTI DI STRATEGIA B SECS-P/07 1 BANCHE E SISTEMA FINANZIARIO B SECS-P/ ECONOMIA DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE ELEMENTI DI ECONOMIA DELLA BANCA B SECS-P/11 1 FONDAMENTI DI ECONOMIA DELLA BANCA B SECS-P/ ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I A GIURIDICO IUS/01 5 ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO II A GIURIDICO IUS/ ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO A GIURIDICO IUS/0 FONDAMENTI DI STORIA ECONOMICA A ECONOMICO SECS-P/ ISTITUZIONI E STORIA DELL'ECONOMIA ISTITUZIONI DI ECONOMIA I A ECONOMICO SECS-P/ ISTITUZIONI DI ECONOMIA II A ECONOMICO SECS-P/ METODI QUANTITATIVI I MATEMATICA GENERALE I A STAT.-MAT SECS-S/06 5 STATISTICA I A STAT.-MAT SECS-S/ INSEGNAMENTI SECONDO ANNO N. INSEGNAMENTO MODULO TIPO AMBITO SETTORE MODULO INSEGN. 7 ECONOMIA POLITICA ECONOMIA POLITICA B ECONOMICO SECS-P/01 FINANZA E MERCATI FINANZIARI FONDAMENTI DI CONTABILITÀ E BILANCIO ECONOMIA DEL MERCATO MOBILIARE BILANCIO BANCARIO B B SECS-P/11 SECS-P/ FINANZA ELEMENTI DI CONTABILITÀ E BILANCIO B B SECS-P/0 SECS-P/ FONDAMENTI DI MARKET DRIVEN MANAGEMENT FONDAMENTI DI MARKET DRIVEN MANAGEMENT B SECS-P/ INFORMATICA GENERALE INFORMATICA GENERALE C INF/ LEGISLAZIONE BANCARIA LEGISLAZIONE BANCARIA B GIURIDICO IUS/ STATISTICA II A STAT.-MAT. SECS-S/ METODI QUANTITATIVI PER LA FINANZA II FONDAMENTI DI MATEMATICA FINANZIARIA B STAT.-MAT. SECS-S/ MATEMATICA GENERALE II A STAT.-MAT. SECS-S/06 4 INSEGNAMENTO A SCELTA 6 cfu PRIMA LINGUA - FRANCESE PRIMA LINGUA - FRANCESE C L-LIN/ PRIMA LINGUA - INGLESE PRIMA LINGUA - INGLESE C L-LIN/12 6 PRIMA LINGUA - SPAGNOLO PRIMA LINGUA - SPAGNOLO C L-LIN/ PRIMA LINGUA - TEDESCO PRIMA LINGUA - TEDESCO C L-LIN/14 6 INSEGNAMENTI TERZO ANNO N. INSEGNAMENTO MODULO TIPO AMBITO SETTORE MODULO INSEGN DIRITTO COMMERCIALE DIRITTO COMMERCIALE I B GIURIDICO IUS/04 5 DIRITTO COMMERCIALE II B GIURIDICO IUS/04 4 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI I C SECS-P/01 5 ECONOMIA DEL SETTORE FINANZIARIO ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI II C SECS-P/01 4 ECONOMIA DEL SETTORE BANCARIO B ECONOMICO SECS-P/01 4 METODI QUANTITATIVI PER LA FINANZA III PROBABILITÀ, DISTRIBUZIONI E REGRESSIONE MULTIPLA PER LA FINANZA B STAT.-MAT. SECS-S/01 6 FONDAMENTI DI FINANZA QUANTITATIVA B STAT.-MAT. SECS-S/06 4 INSEGNAMENTO A SCELTA 6 cfu SECONDA LINGUA - FRANCESE SECONDA LINGUA - FRANCESE C L-LIN/04 6 SECONDA LINGUA - INGLESE SECONDA LINGUA - INGLESE C L-LIN/12 6 SECONDA LINGUA - SPAGNOLO SECONDA LINGUA - SPAGNOLO C L-LIN/07 6 SECONDA LINGUA - TEDESCO SECONDA LINGUA - TEDESCO C L-LIN/14 6 INSEGNAMENTO A SCELTA cfu ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORPORATE BANKING C SECS-P/11 5 GESTIONE DI PORTAFOGLI FINANZIARI C SECS-P/11 4 ASSICURAZIONE PREVIDENZA E MERCATI C SECS-P/11 4 ECONOMIA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE ECONOMIA E TECNICA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE C SECS-P/11 4 NOZIONI DI BILANCIO ASSICURATIVO C SECS-P/ SCELTA STUDENTE SCELTA STUDENTE D nn ABILITÀ INFORMATICHE PREPARAZIONE TESI ABILITÀ INFORMATICHE PREPARAZIONE TESI F nn 1 1 PROVA FINALE PROVA FINALE TRIENNIO E nn

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-icocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia e amministrazione delle imprese, Classe di appartenenza L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia, Statistica ed Informatica per l'azienda Classe di appartenenza L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA IN Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA IN Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia LAUREA IN Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA IN Economia e amministrazione delle imprese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA IN Economia e amministrazione delle imprese UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia LAUREA IN Economia e amministrazione delle imprese REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Corso di Laurea di durata triennale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA IN Marketing, comunicazione aziendale e mercati internazionali

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA IN Marketing, comunicazione aziendale e mercati internazionali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia LAUREA IN Marketing, comunicazione aziendale e mercati internazionali REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Corso di

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-icocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia e gestione dei servizi turistici, Classe di appartenenza L-33 Scienze economiche Nome inglese del corso - Economics

Dettagli

ECONOMIA E FINANZA (MEF)

ECONOMIA E FINANZA (MEF) ECONOMIA E FINANZA (MEF) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Finanza si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività di natura specialistica

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA Laurea triennale (DM270) Laurea in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA Laurea triennale (DM270) Laurea in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali Università degli Studi di MILANO-BICOCCA Laurea triennale (DM270) in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali attivato ai sensi del D.M. 22/10/2004, n. 270 valido a partire dall anno accademico

Dettagli

E1801M - MARKETING, COMUNICAZIONE AZIENDALE E MERCATI GLOBALI

E1801M - MARKETING, COMUNICAZIONE AZIENDALE E MERCATI GLOBALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING, COMUNICAZIONE AZIENDALE E MERCATI GLOBALI Facoltà 13 - FACOLTA' DI ECONOMIA Corso di Studio E1801M - MARKETING, COMUNICAZIONE AZIENDALE E MERCATI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA Anno Accademico 2014/2015 1 ANNO 2 ANNO Economia e Finanza (Classe LM16 D.M. 270/2004) Attivato Attivato Il corso di laurea

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali, Classe di appartenenza L-18 Scienze dell'economia e della gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI 0BII I FACOLTA DI ECONOMIA 1BREGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe L33, D.M. 270/2004) 2BArt. 1 Finalità Il presente Regolamento didattico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Corso di Laurea di durata biennale appartenente

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2016-2017 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea Magistrale in Economia del Turismo

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea Magistrale in Economia del Turismo Università degli Studi di Milano Bicocca Laurea Magistrale in Economia del Turismo D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2015/201 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di Torino il Corso di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Manifesto annuale degli studi ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Offerta formativa Il Corso di Laurea in Ottica

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO di LAUREA in Economia aziendale L -18 Scienze dell economia e della gestione aziendale COORTE 2015-2016 approvato dal Senato Accademico nella seduta del 27 ottobre 2015 1. DATI

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Logistica e trasporti (Adeguamento di corso

Dettagli

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 Alla Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative afferiscono i seguenti corsi di laurea di specialistica: a) corso

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI ECONOMIA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI 1. Corsi di laurea L offerta formativa della Facoltà di Economia

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Risorse turistiche e beni culturali (Adeguamento

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione La Facoltà di Economia attiva il Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE, ECONOMIA E FINANZA. (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione Il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATCA E COMUNICAZIONE DIGITALE Art. 1 Finalità (art.2 c.6 art.15

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN: FORMAZIONE DI OPERATORI TURISTICI Classe L15 Art. 1 - Premesse 1. Il corso

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali ART. 1 Istituzione del corso di laurea in Management (MGT) Presso

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali Università degli Studi di Milano Bicocca Laurea in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2015/201 1 Premessa Denominazione

Dettagli

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA Laurea triennale (DM270) Laurea in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA Laurea triennale (DM270) Laurea in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali Università degli Studi di MILANO-BICOCCA Laurea triennale (DM270) in Marketing, comunicazione aziendale e mercati globali attivato ai sensi del D.M. 22/10/2004, n. 270 valido a partire dall anno accademico

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia. Corso di Laurea in ECONOMIA AZIENDALE

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia. Corso di Laurea in ECONOMIA AZIENDALE Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Economia Corso di Laurea in ECONOMIA AZIENDALE Classe di appartenenza: L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale Nome inglese del corso: BUSINESS

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77 ALLEGATO N. 3 AL VERBALE N. 2 DEL CONSIGLIO DELLA SCUOLA DI ECONOMIA DEL 18 APRILE 2013 SCUOLA DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA)

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Direzione Aziendale si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Management Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 Art.1 Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza E istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea in Economia

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04)

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico di corso di studio (laurea di II livello) corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M.

Dettagli

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi:

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE (EFI) - Classe LM- 77 Immatricolati dall'a.a. 2011/2012 GENERALITA' Classe di

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 449 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; il D.P.R. 27.1.98, n. 25; il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme concernenti

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea in Economia e commercio

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea in Economia e commercio Università degli Studi di Milano Bicocca Laurea in Economia e commercio D.M. 22/10/200, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 201/2015 ART. 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del

Dettagli

1. Obiettivi Formativi

1. Obiettivi Formativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro Manifesto degli studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA E COMUNICAZIONE

Dettagli

PARTE I Principi generali

PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Banca e Finanza Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Banca e Finanza Banking

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale)

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea nelle sedute

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne Classe di laurea L-18 in SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE Regolamento didattico del Corso di Laurea L - 18 in Economia aziendale e bancaria usiness administration and banking ai sensi dell

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

Corso di Laurea in Economia Aziendale. Corso di Laurea Magistrale in Economia e Direzione Aziendale

Corso di Laurea in Economia Aziendale. Corso di Laurea Magistrale in Economia e Direzione Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI ECONOMIA SEDE DI TERNI MANIFESTO DEGLI STUDI Corso di Laurea in Economia Aziendale Corso di Laurea Magistrale in Economia e Direzione Aziendale ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Art. 1 Istituzione La Facoltà di Economia istituisce

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE e ASSICURATIVE

SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE e ASSICURATIVE UNIVERSITÀ CATTOLICA SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE e ASSICURATIVE R Anno Accademico 2009-2010 Sede di Milano www.unicatt.it/scienzebancarie Laurea Triennale INDICE La Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea Magistrale in MARKETING E MERCATI GLOBALI

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea Magistrale in MARKETING E MERCATI GLOBALI Università degli Studi di Milano Bicocca Laurea Magistrale in MARKETING E MERCATI GLOBALI D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2015/2016 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Economia Aziendale (Adeguamento di corso

Dettagli

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA. Laurea Magistrale in MARKETING E MERCATI GLOBALI

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA. Laurea Magistrale in MARKETING E MERCATI GLOBALI Università degli Studi di MILANO-BICOCCA Laurea Magistrale in MARKETING E MERCATI GLOBALI attivato ai sensi del D.M. 22/10/2004, n. 270 valido a partire dall anno accademico 2012/2013 1 Premessa Denominazione

Dettagli

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI - (Classe: LM-39) Art. 1 - Requisiti per l'accesso

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Edile Classe di appartenenza: L-23 Scienze e tecniche dell edilizia Building Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO Emanato

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Università Telematica OFFERTA FORMATIVA. Corso di Laurea in Gestione d Impresa

Università Telematica OFFERTA FORMATIVA. Corso di Laurea in Gestione d Impresa Università Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM OFFERTA FORMATIVA Corso di Laurea in Gestione d Impresa Scheda informativa Università Classe Nome del corso telematica Universitas Mercatorum 18 - Classe delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Letterature straniere classe delle lauree n. 11 Lingue e culture moderne approvato dal Consiglio di Facoltà del 17 Dicembre 2003 ART. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 26 ottobre 2011.

Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 26 ottobre 2011. Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 26 ottobre 2011. Corso di Laurea Magistrale in Consulenza aziendale e libera professione (Classe di laurea LM-77) Regolamento didattico Art. 1 Obiettivi

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea Magistrale in MARKETING E MERCATI GLOBALI

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea Magistrale in MARKETING E MERCATI GLOBALI Università degli Studi di Milano Bicocca Laurea Magistrale in MARKETING E MERCATI GLOBALI D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica LM-17 Fisica Physics REGOLAMENTO DIDATTICO ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Presentazione

Dettagli

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA. Laurea in Economia e amministrazione delle imprese

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA. Laurea in Economia e amministrazione delle imprese Università degli Studi di MILANO-BICOCCA Laurea in Economia e amministrazione delle imprese D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2013/2014 1 Premessa Denominazione del corso

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) (Classe L-16) Immatricolati fino all'a.a. 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli