ALLEGATO A: ACCORDO QUADRO DI ADESIONE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA SI.D.U.M.ME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A: ACCORDO QUADRO DI ADESIONE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA SI.D.U.M.ME"

Transcript

1 ALLEGATO A: ACCORDO QUADRO DI ADESIONE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA SI.D.U.M.ME

2 Indice 1. Premessa Definizioni Acronimi Normativa applicabile Il Progetto Si.D.U.M.Me Descrizione generale Architettura descrittiva del sistema Requisiti per l adesione Requisiti soggettivi Operatori logistici Piattaforme logistiche Requisiti oggettivi Operatori logistici Piattaforme logistiche Effetti dell adesione Adesione Operatori Logistici Adesione piattaforme logistiche Obblighi derivanti dall adesione Smartphone Trasmettitore bluetooth Ibeacon Verifiche, Sanzioni e Penali Accesso alla Z.T.L. e utilizzo degli stalli sosta Requisiti di accreditamento e operatività dei mezzi Utilizzo fraudolento della strumentazione di progetto Privacy Foro Competente Allegati Specifiche di integrazione

3 1. PREMESSA Il presente documento contiene i termini e le modalità di adesione alla sperimentazione del sistema Si.D.U.M.Me; il progetto, promosso dall Amministrazione, prevede l implementazione di un sistema di City Logistics. 2. DEFINIZIONI Amministrazione Assessorato Dipartimento Sistema Amministrazione comunale della Città di Messina Assessorato alla Mobilità, Energia e Innovazione del comune di Messina Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità del comune di Messina Sistema integrato per la Distribuzione Urbana delle Merci nell area metropolitana di Messina 3. ACRONIMI Si.D.U.M.Me RTI Z.T.L. S.O.A. I.A.M. Amministrazione comunale della Città di Messina Raggruppamento Temporaneo d Imprese, aggiudicatario della realizzazione del sistema, composto da Selex ES S.p.A., Deloitte Consulting S.r.l., Optisoft S.r.l. e Sinergis S.r.l. Zona a Traffico Limitata Service Oriented Architecture Identity Access Management 4. NORMATIVA APPLICABILE A garanzia della definizione dei requisiti selettivi per l eleggibilità alla sperimentazione, i sistemi di premialità, le azioni sanzionatorie di repressione degli abusi e le dichiarazioni amministrative da riportare nella richiesta di accreditamento, la normativa di riferimento, a livello nazionale e locale è la seguente: a. Legge n. 65 del 7 marzo del 1986 e s.m.i., Legge-quadro sull'ordinamento della Polizia Municipale; b. Legge Regionale, Regione Siciliana, n. 17 del 1 agosto 1990, Norme in materia di Polizia Municipale; c. Decreto Legislativo n. 285 del 30 aprile 1992, Nuovo Codice della Strada; d. Decreto del Presidente della Repubblica n. 495 del 16 dicembre 1992, Regolamento di attuazione del Codice della Strada; 3

4 e. Decreto del Presidente della Repubblica n 445 del 28 dicembre 2000, Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa; f. Delibera della Giunta municipale n. 829 del 26 novembre 2001 Aggiornamento tariffa oraria per la sosta a pagamento nelle strade del centro abitato; g. Delibera commissariale n. 699 del 26 novembre 2004, Criteri per l assegnazione dei contrassegni agli utenti residenti; h. Delibera commissariale n. 691 del 14 luglio 2005 Tariffe della sosta a pagamento all intero della Zona a traffico limitato Modifica ed integrazione della deliberazione G.M. n. 829 del 26/11/2001 e n. 699 del 26/11/2004; i. Ordinanza del Dirigente del Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità n. 477 del 18 luglio 2005, Istituzione sosta a pagamento negli stalli della Zona a traffico limitato; j. Ordinanza del Dirigente del Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità n. 61 del 18 gennaio 2006, Disciplina degli orari consentiti per la operazioni di carico e scarico delle merci da effettuarsi all interno degli spazi di sosta appositamente riservati; k. Decreto Legge n. 92 del 23 maggio 2008, Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica; l. Decreto Legge n. 11 del 23 febbraio 2009, Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori (nello specifico art. 6 c. 7); m. Deliberazione del Consiglio Comunale di Messina n. 92/c del 19 novembre 2010, Regolamento di video sorveglianza Corpo Polizia Municipale di Messina; n. Ordinanza del Sindaco di Messina n. 16 del 22 aprile 2011, Istituzione in via sperimentale, di Zone a Traffico Limitato per la limitazione dell accesso e della circolazione, nel comune di Messina, dei veicoli in transito da e per la Sicilia; o. Ordinanza del Sindaco di Messina n. 22 del 21 luglio 2011, Determinazione delle modalità di riscossione del ticket-ecopass introdotto con Ordinanza n. 16 del 22 aprile 2011; p. Ordinanza del Sindaco ni Messina n. 28 del 2 settembre 2011, Modifica dell Ordinanza n. 22 del 21 luglio 2011 relativa alle modalità di riscossione del ticket-ecopass introdotto con Ordinanza n. 16 del 22 aprile 2011; q. Ordinanza del Dirigente del Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità n. 488 del 21 ottobre 2013, Regolamentazione della circolazione dei veicoli superiori a 3,5 t finalizzata ad obbligare i cosiddetti mezzi pesanti che attraversano lo Stretto di Messina a utilizzare gli approdi di Tremestieri impedendone il transito all interno del centro storico; r. Ordinanza del Dirigente del Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità n. 493 del 22 ottobre 2013, Modifica degli orari consentiti per la sosta dei mezzi che effettuano attività di carico e scarico delle merci negli stalli appositamente riservati all interno della Zona a Traffico Limitato. 4

5 5. IL PROGETTO SI.D.U.M.ME 5.1 Descrizione generale Si.D.U.M.Me nasce per riorganizzare ed ottimizzazione l attuale modello di distribuzione delle merci all interno dell area metropolitana messinese mediante la promozione, la diffusione, l utilizzazione e lo sviluppo dei sistemi intelligenti asserviti ai trasporti (City Logistics). Di fatto fornirà il comune di Messina di un Sistema Informativo Integrato che possa supportare l attuazione di un sistema di distribuzione urbana basato su un centro logico-virtuale di smistamento e di interscambio, ove le merci destinate al centro della città, arrivando a bordo di veicoli ordinari, vengono smistate per destinazione e, possibilmente, caricate a bordo di mezzi a basso impatto ambientale. Gli obiettivi che si intendono raggiungere grazie all implementazione del sistema sono i seguenti: a. Riduzione dei costi di funzionamento della catena distributiva, minimizzando in particolar modo i costi esterni ; b. Riduzione dei mezzi di trasporto merce dalla viabilità ordinaria di Messina; c. Riduzione della congestione e dell ingombro alla sosta; d. Utilizzazione più efficiente delle capacità di riempimento dei mezzi da parte dei vettori attraverso la rottura del carico e la razionalizzazione degli itinerari di consegna; e. Miglioramento delle condizioni di consegna sia per i trasportatori che per gli esercenti in modo da conservare o migliorare il tessuto artigianale e commerciale dell area; f. Riduzione dell inquinamento atmosferico e acustico attraverso l uso di veicoli a basso impatto ambientale e quindi maggiore vivibilità dell area urbana. Le diverse funzionalità del sistema rispetto a questi obiettivi saranno oggetto di una fase di sperimentazione che dovrà vedere coinvolti, sulla base di candidature spontanee e volontarie, trasportatori, piattaforme logistiche, e qualsiasi altro attore della logistica urbana. I partecipanti alla fase di testing saranno supportati dal RTI nell utilizzo di Si.D.U.M.Me nello svolgimento della propria attività: monitorare il comportamento del sistema e potere verificare le azioni da attuare ad esso connesse (verifica degli stalli, sanzionamento di eventuali abusi, ecc ) fornirà informazioni preziose rispetto alla fase di settaggio e definizione delle specifiche. Mediante l Accordo (costituito dal presente documento) le diverse parti si impegnano a soddisfare i requisiti richiesti, ad operare secondo la normativa nazionale e locale vigente, ad osservare le indicazioni, successivamente descritte nel dettaglio, in merito all utilizzo di eventuale strumentazione fornita a supporto dei test, alla riservatezza dei dati e delle informazioni relative alla sperimentazione ed in merito alla privacy. 5

6 5.2 Architettura descrittiva del sistema Il Sistema di efficientamento logistico consentirà agli operatori che usufruiranno del servizio, il collegamento via web con la piattaforma software Si.D.U.M.Me pensato su architettura di tipo SOA. La gestione degli accessi al sistema, delle identità degli utenti e dei processi di autenticazione, autorizzazione, provisioning e deprovisioning, sarà garantito da un Identity Access Management (IAM), il quale sarà deputato anche alla federazione con i sistemi esterni di gestione delle identità. Le funzionalità di base del sistema sono le seguenti: 1. Gestione delle Merci a. Gestione ordini/magazzino; b. Ottimizzazione carichi/percorsi; c. Gestione flotta autoveicoli. 2. Localizzazione e monitoraggio di flotte e veicoli a. Amministrazione e gestione delle missioni; b. Monitoraggio ed avanzamento delle missioni; c. Archivio missioni. 3. Riconoscimento dei mezzi a. Sistema di riconoscimento targhe; b. Gestione lista targhe. 4. Applicazione Mobile (APP) Per una completa ed esaustiva descrizione delle specifiche tecniche e delle funzionalità si rimanda agli allegati tecnici di progetto. 6. REQUISITI PER L ADESIONE L adesione alla sperimentazione del sistema è subordinata al soddisfacimento di alcuni requisiti funzionali a Si.D.U.M.Me o al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Per tale ragione, i soggetti che intendessero partecipare alla fase di test, dovranno sottoscrivere un documento di accreditamento mediante il quale dichiarano la propria conformità ai requisiti di seguito elencati (i moduli di richiesta di accredito sono riportati al paragrafo 12, nella pagine successive). 6

7 6.1 Requisiti soggettivi A fronte della attività di condivisione e concertazione, i diversi contributi degli incontri tenuti con i portatori di interesse, hanno evidenziato alcuni degli eventuali requisiti da richiedere ai possibili soggetti aderenti alla sperimentazione. L elenco di tali requisiti è esplicitato, nel dettaglio, nei paragrafi successivi Operatori logistici Iscrizione all albo dei trasportatori Piattaforme logistiche Possesso dei requisiti richiesti dalle norma ISO EN 14004:2008; Ottemperanza a quanto normato in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro nella legge 81/2008 e s.m.i. 6.2 Requisiti oggettivi Operatori logistici Dimensionale: mezzo con massa a pieno carico non superiore alle 3,5 tonnellate; Alimentazione: mezzi con alimentazione di tipo elettrico, metano, G.P.L., bi-fuel (benzina+g.p.l.), gasolio, benzina; Omologazione: classe di omologazione Euro 3, o superiore. La fase di sperimentazione sarà condotta solo su tre macro-categorie merceologiche (Capi appesi, inscatolati, deperibili ad eccezione di freschi e catena del freddo); per tale ragione i mezzi che presenteranno particolari allestimenti (rimorchi frigo o vani refrigerati per il trasporto e consegna di freschi o merci fredde) non potranno essere ritenuti eleggibili, in questa fase, ai fini della richiesta di accreditamento al Sistema Piattaforme logistiche Localizzazione: piattaforma sita entro un raggio di 15 Km dal centro urbano; Dimensionale: locale di dimensioni pari o superiori a 150 m 2 ; Infrastrutturale: presenza aree per manovra e sosta mezzi pesanti, aree per lo scambio delle merci. 7

8 7. EFFETTI DELL ADESIONE L adesione alla fase di sperimentazione del sistema prevede la fornitura di strumentazione tecnica funzionale all acquisizione di alcuni benefici che verranno brevemente elencati nei paragrafi successivi. 7.1 Adesione Operatori Logistici L adesione, su base volontaria, dei diversi operatori logistici prevede la fornitura della strumentazione tecnica necessaria alla sperimentazione. La possibilità di interazione con il sistema per la visualizzazione dei percorsi e delle informazioni di dettaglio relative alle missioni, saranno garantite tramite un applicazione mobile (APP) sviluppata per sistemi Android dal RTI specificatamente per il progetto. Qualora un soggetto aderente alla fase di sperimentazione abbia già in uso un proprio sistema informativo, lo stesso ha la possibilità di non utilizzare i servizi di Si.D.U.M.Me per la gestione delle missioni e dei percorsi ottimali, purché si impegni a fornire, a cadenza fissa, la propria schedulazione consegne mediante un file che abbia estensione.txt,.csv o.xls, ovvero mediante web-services, secondo gli standard definiti e consultabili in allegato al presente documento. L APP di supporto sarà resa fruibile tramite la fornitura, all operatore aderente, di uno Smartphone di ultima generazione: a questo sarà associato un trasmettitore bluetooth, da istallare sul veicolo, il quale permetterà la localizzazione e il tracking del mezzo. L Amministrazione comunale, inoltre, provvederà a consegnare materiale promozionale (come ad esempio targhe magnetiche e/o adesive per la carrozzeria dei mezzi) per la pubblicità dell iniziativa. In termini di premialità connesse all adesione alla sperimentazione, gli operatori accreditati avranno la possibilità di: 1. accesso agli stalli riservati, in base alla prenotazione fatta dal sistema, nelle fasce orarie dedicate; 2. accesso gratuito e prioritario agli stalli carico/scarico merce, nelle restanti fasce orarie; 3. in caso di stallo non disponibile, utilizzo gratuito delle piazzole di sosta a pagamento, contraddistinte dalla segnaletica orizzontale di colore blu. 7.2 Adesione piattaforme logistiche Il modello logico alla base di Si.D.U.M.Me può gestire i carichi in arrivo e le missioni di scarico basandosi su uno o più magazzini delocalizzati. 8

9 La possibilità di aderire alla sperimentazione fornendo degli spazi fisici (che soddisfino i requisiti definiti in precedenza) attribuisce la possibilità di adesione al progetto e alle campagne di comunicazione ad esso connesso. 8. OBBLIGHI DERIVANTI DALL ADESIONE L adesione alla fase di sperimentazione del sistema pone i soggetti aderenti alla osservanza di alcuni obblighi legati al rispetto della normativa precedentemente elencata, e del buon senso, nell utilizzo della strumentazione concessa in uso. 8.1 Smartphone Lo Smartphone, che l Amministrazione concede in utilizzo per la fase di sperimentazione ai diversi operatori logistici, dovrà essere utilizzato in modo strettamente pertinente alle attività lavorative, in base ai principi di utilizzo appropriato, coerente, corretto e razionale. Il soggetto assegnatario del device mobile è pienamente responsabile del suo utilizzo e della sua custodia. È necessario che il soggetto assegnatario fornisca personalmente la SIM per l utilizzo dei servizi di fonia e messaggistica, nonché sottoscriva un piano tariffario che gli consenta di avere una connessione dati attiva, finalizzata al trasferimento dei pacchetti informativi di funzionamento e di log dell APP. L accesso ad Internet, seppur a carico dell assegnatario, deve essere utilizzato in modo pertinente allo svolgimento dell attività di testing del sistema, rispettando i principi precedentemente elencati. Inoltre, devono essere evitate la azioni che possano appesantire il traffico dati, come ad esempio collegamenti particolarmente lunghi e complessi (download di file, connessioni a stazioni radio on line, applicazioni peer to peer, invio allegati di grosse dimensioni tramite app di chatting, ecc...), se non specificatamente collegate allo svolgimento della sperimentazione del sistema. Gli assegnatari non devono, in alcun caso, accedere e navigare in siti web contenenti materiale pedo-pornografico, fraudolento/illegale, gioco d azzardo, blasfemo, molesto e/o osceno. Al termine del periodo di sperimentazione gli assegnatari dei device hanno l obbligo di restuire all Amministrazione la strumentazione tecnica loro fornita, compresa di eventuali accessori: la mancata riconsegna (in forma totale e/o parziale) comporterà una penale di tipo pecuniario definita in funzione di quanto restituito e dello stato di usura della strumentazione. 8.2 Trasmettitore bluetooth Ibeacon Il trasmettitore bluetooth Ibeacon, fornito per la sperimentazione del sistema, è un componente hardware che, istallato sul mezzo accreditato, si interfaccia con lo Smartphone in dotazione, per segnalare i dati di posizione, marcia/sosta necessari al tracking e al tracing della flotta. È fatto divieto agli assegnatari di installare il device su mezzi diversi da quelli segnalati in fase di richiesta accreditamento, di tentare la manomissione o comunque l utilizzo indebito. 9

10 Come precedentemente descritto per lo smartphone, il soggetto assegnatario ha l obbligo di riconsegnare, al termine del periodo di sperimentazione, il device fornito. 9. VERIFICHE, SANZIONI E PENALI Di seguito vengono riportare, a titolo esemplificativo, alcune delle possibili infrazioni e le conseguenti sanzioni. Per l elenco completo di quest ultime, e per la conoscenza della azioni ammesse e non, si rimanda alla documentazione tecnica relativa alla fase di sperimentazione. 9.1 Accesso alla Z.T.L. e utilizzo degli stalli sosta La sperimentazione del sistema non prevede l instaurarsi di un regime selettivo di accesso alla Z.T.L., permettendo quindi a tutti i mezzi di potere transitare a circolare senza limitazione alcuna; viceversa, il sistema premiale connesso all accredito dei mezzi prevede l utilizzo degli stalli sosta. Sarà compito del Corpo di Polizia Municipale e degli Ausiliari del Traffico-ATM monitorare l utilizzo degli stalli riservati al carico/scarico delle merci. In relazione alla verifica sull utilizzo delle aree di parcheggio a pagamento (utilizzabili dai soggetti aderenti qualora lo stallo dedicato non sia fruibile), sarà compito del personale Ausiliare del traffico-atm sanzionare gli eventuali abusi e comminare le dovute sanzioni. 9.2 Requisiti di accreditamento e operatività dei mezzi Per l ottenimento dell accreditamento i soggetti sottoscrivono e autocertificano il rispetto dei requisiti previsti. Successivamente sarà compito del Corpo di Polizia Municipale effettuare dei controlli a campione per verificare se le dichiarazioni riportate corrispondano al vero: in caso di mendacità oltre alle sanzioni previste dalla normativa sulla documentazione di natura amministrativa, il soggetto in difetto dovrà corrispondere una penale per l utilizzo non autorizzato della strumentazione di progetto. La misura economica sarà definita nei diversi casi in base alla gravità e alle diverse infrazioni commesse. Rispetto all operatività dei mezzi, dato l algoritmo di ottimizzazione dei carichi, si prevede che i mezzi presentino alti tassi di saturazione: durante la fase di sperimentazione sarà compito del personale del Corpo di Polizia Municipale effettuare dei controlli spot sulle effettive quantità di carico, confrontando il teorico fornito dal sistema e il reale presente sul mezzo. Ogni eventuale abuso sarà perseguito da una sanzione di tipo pecuniaria, l eventuale reiterazione dell infrazione determinerà la decadenza dell accredito, con conseguente penale da riconoscere all Amministrazione per l utilizzo della strumentazione di progetto. 9.3 Utilizzo fraudolento della strumentazione di progetto Come specificato nei paragrafi precedenti, la strumentazione fornita ai soggetti aderenti alla sperimentazione dovrà essere utilizzata secondo i principi di funzionamento ed etici descritti: coloro i quali ignorino tale condizione o utilizzino in modo indebito detta strumentazione hardware 10

11 (smartphone e dispositivo trasmettitore) saranno perseguiti e, in funzione della tipologia di abuso, andranno in contro ad una sanzione di tipo economico/pecuniaria, se non alla decadenza dell accredito. 10. PRIVACY Il Comune di Messina garantisce che il trattamento dei dati, che saranno forniti per l adesione al presente documento di accordo, per la richiesta di accreditamento o per l adesione alla sperimentazione, è conforme a quanto previsto dalla normativa sulla Privacy in osservanza del D.Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 e s.m.i. Il Comune di Messina è, ai sensi del predetto decreto legislativo, il titolare del trattamento dei dati personali: in funzione di tale titolarità può designare un responsabile del trattamento dei dati acquisiti a cui spetta la verifica delle azioni di inserimento, gestione e cancellazione. Il conferimento dei dati è obbligatorio per richiedere l adesione alla fase di sperimentazione del sistema; un eventuale rifiuto al fornire tali dati deriverà la mancata evadibilità della richiesta e dunque l impossibilità alla partecipazione alla sperimentazione del Sistema Si.D.U.M.Me. Il trattamento dei dati personali è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, nel rispetto dei diritti dell'interessato ed avviene mediante strumenti idonei (informatici e/o cartacei) a garantire l integrità, la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi. I dati degli utenti non saranno oggetto di comunicazione e/o diffusione a terzi, eccezion fatta per i soggetti costituenti il RTI deputato alla esecuzione del progetto. Sono riconosciuti all'interessato i diritti di conoscere, cancellare, rettificare ed aggiornare i propri dati, oltre a tutti gli altri diritti previsti dall'art. 7 del predetto D.Lgs. 196/2003, formulando specifica e motivata richiesta al responsabile. 11. FORO COMPETENTE Ogni eventuale e futura controversia derivante dal presente accordo, o connesse allo stesso, è competenza del Foro di Messina. Resta inteso che prima di intraprendere un azione legale o arbitrale, le parti si obbligano ad esperire il tentativo di mediazione di cui al D. Lgs. n. 28 del 4 marzo 2010, come disciplinato della Camera di Conciliazione nel suo Regolamento. 11

12 12 ALLEGATI 12.1 Specifiche di integrazione Ai fini dell integrazione di sistemi esistenti già utilizzati dagli operatori logistici con SIDUMME potrà essere contattata la SELEX ES, sviluppatore della piattaforma, per la specifica degli standard di integrazione missioni da sistemi esterni. Con tale interfaccia, sistemi esterni noti al sistema possono creare missioni all interno della piattaforma utilizzando POI (Point of Interest) noti alla piattaforma stessa. 12

AVVISO PUBBLICO ADESIONE OPERATORI LOGISTICI ALLA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA SI.D.U.M.ME

AVVISO PUBBLICO ADESIONE OPERATORI LOGISTICI ALLA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA SI.D.U.M.ME AVVISO PUBBLICO ADESIONE OPERATORI LOGISTICI ALLA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA SI.D.U.M.ME SCADENZA 11 SETTEMBRE 2015 ORE 12:00 CITTÀ DI MESSINA DIPARTIMENTO DI MOBILITÀ URBANA E VIABILITÀ AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Città di Messina. Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità

Città di Messina. Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità Città di Messina Assessorato Mobilità, Energia e Innovazione Dipartimento Mobilità urbana e viabilità Conferenza stampa di presentazione del sistema Si.D.U.M.Me Indice «Europa 2020» Infomobilità cittadina

Dettagli

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes»

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Dalla distribuzione urbana alla smart logistics Fulvio Lino Di Blasio

Dettagli

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma Reorganisation of the distribution of goods within the urban territory of Parma Presentation By Valeria Battaglia

Dettagli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli nei centri abitati al fine della prevenzione degli inquinamenti

Dettagli

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana Nuove soluzioni per la mobilitàurbana I-BUS : Piattaforma di gestione flotte BUS Turistici Firenze 20/04/2012 Agenda Presentazione Autostrade Tech Autostrade Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

ALLEGATO A DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE IN USO GRATUITO DI N. 20 BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA PROGETTO E-BIKE0 i

ALLEGATO A DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE IN USO GRATUITO DI N. 20 BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA PROGETTO E-BIKE0 i ALLEGATO A DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE IN USO GRATUITO DI N. 20 BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA PROGETTO E-BIKE0 i Il sottoscritto (cognome) (nome), nato il, a, codice fiscale tel., e-mail ai sensi e per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI TORINO CAMERA DI COMMERCIO E LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI TORINO CAMERA DI COMMERCIO E LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI TORINO CAMERA DI COMMERCIO E LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE PATTO PER LA LOGISTICA E PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA DISTRIBUZIONE URBANA DELLE MERCI PREMESSO CHE - l Amministrazione,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE )

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) MOBILITY CONFERENCE 2014 LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) Maria Berrini AU di AMAT, Agenzia Mobilità Ambiente Territorio, Comune di Milano Accessibilità EXPO Domanda e Ripartizione

Dettagli

Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A.

Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A. Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A. Inquadramento Territoriale PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o POPOLAZIONE RESIDENTE(ab.): 1.021.700 AREA URBANA

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Città di Torino Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Intermodalità e logistica: il Nord Ovest piattaforma fra Italia e Europa Il trasporto delle merci è il trasferimento di beni

Dettagli

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011 La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech Torino 16/11/2011 Agenda Presentazione Autostrade // Tech Autostrade // Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici e la mobilità urbana Prospettive a livello nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 32 DEL 27 Settembre 2012

Dettagli

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 62 del 6.11.2008 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

Piano per la distribuzione delle merci in città

Piano per la distribuzione delle merci in città Comune di Bologna - Quartiere San Vitale Vicolo Bolognetti, 2-40125 Bologna Tel. 051/276111 - Fax 051/228610 COMMISSIONE AMBIENTE E MOBILITÀ Il Coordinatore Piano per la distribuzione delle merci in città

Dettagli

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA CITTA di PONTIDA REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 22.12.2008 Esecutivo dal CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e

Dettagli

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Approvato con Deliberazione Consiliare N 18 del 17/03/2008 SOMMARIO : CAPO I

Dettagli

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE MOBILITÀ

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE MOBILITÀ COMUNE DI GENOVA DIREZIONE MOBILITÀ AFFIDAMENTO DIRETTO IN HOUSE A GENOVA PARCHEGGI SPA DEI SERVIZI DI GESTIONE DELLA SOSTA SU SUOLO PUBBLICO, CAR SHARING, BIKE SHARING ED ATTIVITA CORRELATE SUL TERRITORIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E - Art.1 OggettO ed ambito di applicazione - Art.2 Definizioni - Art.3 OrariO e sosta dei veicoli riservata al

Dettagli

LINEE GUIDA GENERALI ENEA. Disciplina di utilizzo delle autovetture di servizio e di rappresentanza ai sensi del DPCM 3/8/2011 e del DPCM 12/1/2012

LINEE GUIDA GENERALI ENEA. Disciplina di utilizzo delle autovetture di servizio e di rappresentanza ai sensi del DPCM 3/8/2011 e del DPCM 12/1/2012 LINEE GUIDA GENERALI ENEA Disciplina di utilizzo delle autovetture di servizio e di rappresentanza ai sensi del DPCM 3/8/2011 e del DPCM 12/1/2012 1 Le presenti linee guida sono state predisposte dalla

Dettagli

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTA DI ALBISOLA SUPERIORE Provincia di SAVONA COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 25/3/2013

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Approvato con Deliberazione C.C. n 3 del 14.02.2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

congiuntamente definite anche Parti o disgiuntamente anche Parte e Controparte PREMESSO CHE

congiuntamente definite anche Parti o disgiuntamente anche Parte e Controparte PREMESSO CHE Accordo di adesione alla fase sperimentale del progetto "Iblei on-line" relativo alla fornitura a titolo di comodato gratuito di apparecchiature hardware e correlato software di gestione degli accessi

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

umove Milano, le strategie dell amministrazione e le buone pratiche delle imprese in tema di logistica smart, green ed elettrica Valentino Sevino

umove Milano, le strategie dell amministrazione e le buone pratiche delle imprese in tema di logistica smart, green ed elettrica Valentino Sevino umove Milano, le strategie dell amministrazione e le buone pratiche delle imprese in tema di logistica smart, green ed elettrica Valentino Sevino Direttore Pianificazione Mobilità Agenzia Mobilità Ambiente

Dettagli

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 in data 26

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.).

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Città di Sondrio REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 75 del 31.10.2008

Dettagli

PROGETTO MIRTO Mobilità Interoperabile in Regione. TOscana

PROGETTO MIRTO Mobilità Interoperabile in Regione. TOscana PROGETTO MIRTO Mobilità Interoperabile in Regione TOscana Firenze, 22 aprile 2015 Smart Mobility Politiche di welfare regionale e cultura della legalità Infrastrutture e Tecnologie per lo Sviluppo della

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Comune di Nola Provincia di Napoli Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Sommario 1. Oggetto... 2 2. Modalità di utilizzo delle postazioni di lavoro...

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINA A TUTELA DELLA SICUREZZA URBANA. Adottato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Privacy Policy INFORMATIVA CLIENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Privacy Policy INFORMATIVA CLIENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Privacy Policy INFORMATIVA CLIENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (di seguito Codice della Privacy ) La pagina web https://www.edilmag.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA Approvato con deliberazione

Dettagli

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SICUREZZA URBANA

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SICUREZZA URBANA R E P U B B L I C A I T A L I A N A CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SICUREZZA URBANA Servizio di Polizia Municipale DISCIPLINARE per l accesso e la sosta all interno delle Zone a Traffico Limitato approvato

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ

LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ LE NUOVE FRONTIERE DEL PAGAMENTO ELETTRONICO DEI SERVIZI DI MOBILITÀ Lo sviluppo del sistema Telepass nell ambito dei servizi urbani di mobilità Ing. Mirco Galvan Responsabile Marketing e Vendite Sistemi

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

ALLEGATO A MODELLO PER LA PRESENTAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CONTRIBUZIONE DI VEICOLI ELETTRICI

ALLEGATO A MODELLO PER LA PRESENTAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CONTRIBUZIONE DI VEICOLI ELETTRICI INVITO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALL OTTENIMENTO DI CONTRIBUTI PER IL NOLEGGIO DI VEICOLI COMMERCIALI A TRAZIONE ELETTRICA. ALLEGATO A MODELLO PER LA PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE TERTENIA Allegato G.C. 32/2013 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Finalità Il presente disciplinare persegue

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera C.C. 55 del 10/11/2008) INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI POSTEGGI COMUNALI

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI POSTEGGI COMUNALI CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI POSTEGGI COMUNALI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 7 DEL 27 FEBBRAIO 2007 1 INDICE CAPO I OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA ALLE PERSONE INVALIDE E PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI-SOSTA A TITOLO GRATUITO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA ALLE PERSONE INVALIDE E PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI-SOSTA A TITOLO GRATUITO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA ALLE PERSONE INVALIDE E PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI-SOSTA A TITOLO GRATUITO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 74 del 27/11/2006.

Dettagli

INDICE. CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento Art. 2 Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 Trattamento dei dati personali

INDICE. CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento Art. 2 Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 Trattamento dei dati personali REGOLAM EN TO P ER LA DISCIP LIN A DELLA VIDEOSORV EGLIANZA NEL TERR ITOR IO COM UNALE DI ARIELLI. CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento Art. 2 Definizioni Art. 3 Finalità Art.

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO DISCIPLINARE DEI VEICOLI DI SERVIZIO Indice Parte Prima - Regole generali Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MOBILITÁ SOSTENIBILE

L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MOBILITÁ SOSTENIBILE L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MILANO, 23 Maggio 2012 PAOLO GANDOLFI ASSESSORE MOBILITA e INFRASTRUTTURE COMUNE DI REGGIO EMILIA IL CONTESTO TERRITORIALE CITTA di REGGIO EMILIA

Dettagli

CONCESSIONI DI AREE DI PARCHEGGIO RISERVATE

CONCESSIONI DI AREE DI PARCHEGGIO RISERVATE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER DISABILI E DELLE CONCESSIONI DI AREE DI PARCHEGGIO RISERVATE 1 INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento pag. 3 Art. 2 Obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO INVALIDI E DELLE CONCESSIONI DI AREE DI PARCHEGGIO RISERVATE AGLI INVALIDI

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO INVALIDI E DELLE CONCESSIONI DI AREE DI PARCHEGGIO RISERVATE AGLI INVALIDI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO INVALIDI E DELLE CONCESSIONI DI AREE DI PARCHEGGIO RISERVATE AGLI INVALIDI Titolo I CONTRASSEGNO PER INVALIDITA Articolo 1 Finalità del Regolamento 1. Il Presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I R O M AN O D E Z Z E L I N O D E C O R A T O A L V A L O R M I L I T A R E Via G. Giardino, 1-36060 Romano d Ezzelino (VI) Part. IVA e Cod. Fisc. 00258950245 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CASARGO PROVINCIA DI LECCO Via Roma N.1/A 23831 Casargo (LC) Tel. 0341/840.123 Fax 0341/840.673 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. del 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Servizio di ricezione e conservazione delle fatture elettroniche PA

Servizio di ricezione e conservazione delle fatture elettroniche PA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Servizio di ricezione e conservazione delle fatture elettroniche PA YouPA Pubbliche Amministrazioni Identificazione dei soggetti fornitore, Intermediario e mandatario Il

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO del sistema di videosorveglianza per la sicurezza cittadina e disciplina del trattamento dei dati personali * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C.

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. n 442/2001) PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e definizioni 1. Il presente

Dettagli

COMUNE D I CALASCIBETTA

COMUNE D I CALASCIBETTA COMUNE D I CALASCIBETTA PROVINCIA DI ENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 29/07/2013 INDICE CAPO

Dettagli

INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC

INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC Sala Falck Assolombarda 6 Febbraio 2012 CONVEGNO La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità

Dettagli

COMUNE DI MONTEPRANDONE

COMUNE DI MONTEPRANDONE COMUNE DI MONTEPRANDONE PROVINCIA DI ASCOLI PICENO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 35 del 29.07.2013

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO 1 CAPO I INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PRE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSA ART. 1 Caratteri generali Il presente regolamento viene emanato in base al provvedimento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE di Pesaro COPIA N. di Documento 859272 N. della deliberazione 72 Data della deliberazione 18/03/2008 Allegati n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: RIORGANIZZAZIONE E AGGIORNAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2008 norma 7.3.3 Certificato CSQ N. 9159.CMPD del 27/05/2010 T P51 MD01 Rev. 3 www.comune.paderno-dugnano.mi.it Processo trasversale a tutti i settori Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA

COMUNE DI SPINO D ADDA COMUNE DI SPINO D ADDA PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 4 del 14/01/2005 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

Dettagli

Ing. Claudio Maltoni Forlì Mobilità Integrata società in house del Comune di Forlì

Ing. Claudio Maltoni Forlì Mobilità Integrata società in house del Comune di Forlì Verso una distribuzione più sostenibile delle merci nel tessuto urbano della città: presentazione del Progetto europeo SMARTSET 18 Maggio 2013 Camera di Commercio di Forlì-Cesena Sala Zambelli Ing. Claudio

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA, AI SENSI DELL ART.19 DELLA L. N.241/90, DI INIZIO ATTIVITA DI SALA PUBBLICA PER

Dettagli

Approvato con deliberazione del CC nr. del

Approvato con deliberazione del CC nr. del CITTA DI MARTINENGO Provincia di Bergamo CORPO DI POLIZIA LOCALE Piazza Maggiore, 1-24057 MARTINENGO Tel: 0363/986011 fax: 0363/987765 protocollo@comune.martinengo.bg.it protocollo@pec.comune.martinengo.bg.it

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE - Delibera C.C. n 10 del 30.03.2012: Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE SOMMARIO Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento dei dati personali per le finalità istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 29 novembre 2005 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO COMUNICAZIONI E TRASPORTI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO COMUNICAZIONI E TRASPORTI D.A. n 60 1 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO COMUNICAZIONI E TRASPORTI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTE le norme sulla Contabilità di Stato; VISTO il

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

MANUALE Freight Taxi

MANUALE Freight Taxi MANUALE Freight Taxi UIRNet_USG_FT_REV_B Codice Revisione Data UEJ4DDS10007_LJ4A686DDS11 1 21-02-2013 UIRNet S.p.A. Via F. Crispi 115, 00187 - Roma (IT) contactcenter@uirnet.it www.uirnet.it INDICE 1 Introduzione...

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI ARENZANO Provincia di Genova REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 22 del 26/02/2015 Indice Art. 1 Oggetto e norme

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

GUARDA ATTRAVERSO I NOSTRI OCCHI, VEDI L EFFICIENZA DELLA TUA AZIENDA.

GUARDA ATTRAVERSO I NOSTRI OCCHI, VEDI L EFFICIENZA DELLA TUA AZIENDA. GUARDA ATTRAVERSO I NOSTRI OCCHI, VEDI L EFFICIENZA DELLA TUA AZIENDA. Accedi ad Arcoda Sat. Localizza e monitora i movimenti dei tuoi mezzi aziendali. Migliora la produttività. Efficienza Sicurezza Risparmio

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova UFFICIO DEL SINDACO

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova UFFICIO DEL SINDACO Prot. N. 6768 COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova UFFICIO DEL SINDACO Oggetto: Sistema di Videosorveglianza del territorio comunale AVVISO AI SENSI DEL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

BANDO PER LA COSTITUZIONE DEL REGISTRO OPERATORI INCOMING DI TORINO E PROVINCIA

BANDO PER LA COSTITUZIONE DEL REGISTRO OPERATORI INCOMING DI TORINO E PROVINCIA BANDO PER LA COSTITUZIONE DEL REGISTRO OPERATORI INCOMING DI TORINO E PROVINCIA PREMESSA Turismo Torino e Provincia, nell ambito delle sue attività istituzionali, persegue lo scopo di attrarre nella provincia

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA. Regolamento Piano Urbano parcheggi Parcheggio a pagamento non custodito strisce blu

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA. Regolamento Piano Urbano parcheggi Parcheggio a pagamento non custodito strisce blu COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA Regolamento Piano Urbano parcheggi Parcheggio a pagamento non custodito strisce blu 1 REGOLAMENTO PIANO URBANO PARCHEGGI PARCHEGGIO A PAGAMENTO NON CUSTODITO - STRISCE BLU INDICE

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli