ALLEGATO A: ACCORDO QUADRO DI ADESIONE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA SI.D.U.M.ME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A: ACCORDO QUADRO DI ADESIONE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA SI.D.U.M.ME"

Transcript

1 ALLEGATO A: ACCORDO QUADRO DI ADESIONE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL SISTEMA SI.D.U.M.ME

2 Indice 1. Premessa Definizioni Acronimi Normativa applicabile Il Progetto Si.D.U.M.Me Descrizione generale Architettura descrittiva del sistema Requisiti per l adesione Requisiti soggettivi Operatori logistici Piattaforme logistiche Requisiti oggettivi Operatori logistici Piattaforme logistiche Effetti dell adesione Adesione Operatori Logistici Adesione piattaforme logistiche Obblighi derivanti dall adesione Smartphone Trasmettitore bluetooth Ibeacon Verifiche, Sanzioni e Penali Accesso alla Z.T.L. e utilizzo degli stalli sosta Requisiti di accreditamento e operatività dei mezzi Utilizzo fraudolento della strumentazione di progetto Privacy Foro Competente Allegati Specifiche di integrazione

3 1. PREMESSA Il presente documento contiene i termini e le modalità di adesione alla sperimentazione del sistema Si.D.U.M.Me; il progetto, promosso dall Amministrazione, prevede l implementazione di un sistema di City Logistics. 2. DEFINIZIONI Amministrazione Assessorato Dipartimento Sistema Amministrazione comunale della Città di Messina Assessorato alla Mobilità, Energia e Innovazione del comune di Messina Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità del comune di Messina Sistema integrato per la Distribuzione Urbana delle Merci nell area metropolitana di Messina 3. ACRONIMI Si.D.U.M.Me RTI Z.T.L. S.O.A. I.A.M. Amministrazione comunale della Città di Messina Raggruppamento Temporaneo d Imprese, aggiudicatario della realizzazione del sistema, composto da Selex ES S.p.A., Deloitte Consulting S.r.l., Optisoft S.r.l. e Sinergis S.r.l. Zona a Traffico Limitata Service Oriented Architecture Identity Access Management 4. NORMATIVA APPLICABILE A garanzia della definizione dei requisiti selettivi per l eleggibilità alla sperimentazione, i sistemi di premialità, le azioni sanzionatorie di repressione degli abusi e le dichiarazioni amministrative da riportare nella richiesta di accreditamento, la normativa di riferimento, a livello nazionale e locale è la seguente: a. Legge n. 65 del 7 marzo del 1986 e s.m.i., Legge-quadro sull'ordinamento della Polizia Municipale; b. Legge Regionale, Regione Siciliana, n. 17 del 1 agosto 1990, Norme in materia di Polizia Municipale; c. Decreto Legislativo n. 285 del 30 aprile 1992, Nuovo Codice della Strada; d. Decreto del Presidente della Repubblica n. 495 del 16 dicembre 1992, Regolamento di attuazione del Codice della Strada; 3

4 e. Decreto del Presidente della Repubblica n 445 del 28 dicembre 2000, Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa; f. Delibera della Giunta municipale n. 829 del 26 novembre 2001 Aggiornamento tariffa oraria per la sosta a pagamento nelle strade del centro abitato; g. Delibera commissariale n. 699 del 26 novembre 2004, Criteri per l assegnazione dei contrassegni agli utenti residenti; h. Delibera commissariale n. 691 del 14 luglio 2005 Tariffe della sosta a pagamento all intero della Zona a traffico limitato Modifica ed integrazione della deliberazione G.M. n. 829 del 26/11/2001 e n. 699 del 26/11/2004; i. Ordinanza del Dirigente del Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità n. 477 del 18 luglio 2005, Istituzione sosta a pagamento negli stalli della Zona a traffico limitato; j. Ordinanza del Dirigente del Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità n. 61 del 18 gennaio 2006, Disciplina degli orari consentiti per la operazioni di carico e scarico delle merci da effettuarsi all interno degli spazi di sosta appositamente riservati; k. Decreto Legge n. 92 del 23 maggio 2008, Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica; l. Decreto Legge n. 11 del 23 febbraio 2009, Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori (nello specifico art. 6 c. 7); m. Deliberazione del Consiglio Comunale di Messina n. 92/c del 19 novembre 2010, Regolamento di video sorveglianza Corpo Polizia Municipale di Messina; n. Ordinanza del Sindaco di Messina n. 16 del 22 aprile 2011, Istituzione in via sperimentale, di Zone a Traffico Limitato per la limitazione dell accesso e della circolazione, nel comune di Messina, dei veicoli in transito da e per la Sicilia; o. Ordinanza del Sindaco di Messina n. 22 del 21 luglio 2011, Determinazione delle modalità di riscossione del ticket-ecopass introdotto con Ordinanza n. 16 del 22 aprile 2011; p. Ordinanza del Sindaco ni Messina n. 28 del 2 settembre 2011, Modifica dell Ordinanza n. 22 del 21 luglio 2011 relativa alle modalità di riscossione del ticket-ecopass introdotto con Ordinanza n. 16 del 22 aprile 2011; q. Ordinanza del Dirigente del Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità n. 488 del 21 ottobre 2013, Regolamentazione della circolazione dei veicoli superiori a 3,5 t finalizzata ad obbligare i cosiddetti mezzi pesanti che attraversano lo Stretto di Messina a utilizzare gli approdi di Tremestieri impedendone il transito all interno del centro storico; r. Ordinanza del Dirigente del Dipartimento di Mobilità Urbana e Viabilità n. 493 del 22 ottobre 2013, Modifica degli orari consentiti per la sosta dei mezzi che effettuano attività di carico e scarico delle merci negli stalli appositamente riservati all interno della Zona a Traffico Limitato. 4

5 5. IL PROGETTO SI.D.U.M.ME 5.1 Descrizione generale Si.D.U.M.Me nasce per riorganizzare ed ottimizzazione l attuale modello di distribuzione delle merci all interno dell area metropolitana messinese mediante la promozione, la diffusione, l utilizzazione e lo sviluppo dei sistemi intelligenti asserviti ai trasporti (City Logistics). Di fatto fornirà il comune di Messina di un Sistema Informativo Integrato che possa supportare l attuazione di un sistema di distribuzione urbana basato su un centro logico-virtuale di smistamento e di interscambio, ove le merci destinate al centro della città, arrivando a bordo di veicoli ordinari, vengono smistate per destinazione e, possibilmente, caricate a bordo di mezzi a basso impatto ambientale. Gli obiettivi che si intendono raggiungere grazie all implementazione del sistema sono i seguenti: a. Riduzione dei costi di funzionamento della catena distributiva, minimizzando in particolar modo i costi esterni ; b. Riduzione dei mezzi di trasporto merce dalla viabilità ordinaria di Messina; c. Riduzione della congestione e dell ingombro alla sosta; d. Utilizzazione più efficiente delle capacità di riempimento dei mezzi da parte dei vettori attraverso la rottura del carico e la razionalizzazione degli itinerari di consegna; e. Miglioramento delle condizioni di consegna sia per i trasportatori che per gli esercenti in modo da conservare o migliorare il tessuto artigianale e commerciale dell area; f. Riduzione dell inquinamento atmosferico e acustico attraverso l uso di veicoli a basso impatto ambientale e quindi maggiore vivibilità dell area urbana. Le diverse funzionalità del sistema rispetto a questi obiettivi saranno oggetto di una fase di sperimentazione che dovrà vedere coinvolti, sulla base di candidature spontanee e volontarie, trasportatori, piattaforme logistiche, e qualsiasi altro attore della logistica urbana. I partecipanti alla fase di testing saranno supportati dal RTI nell utilizzo di Si.D.U.M.Me nello svolgimento della propria attività: monitorare il comportamento del sistema e potere verificare le azioni da attuare ad esso connesse (verifica degli stalli, sanzionamento di eventuali abusi, ecc ) fornirà informazioni preziose rispetto alla fase di settaggio e definizione delle specifiche. Mediante l Accordo (costituito dal presente documento) le diverse parti si impegnano a soddisfare i requisiti richiesti, ad operare secondo la normativa nazionale e locale vigente, ad osservare le indicazioni, successivamente descritte nel dettaglio, in merito all utilizzo di eventuale strumentazione fornita a supporto dei test, alla riservatezza dei dati e delle informazioni relative alla sperimentazione ed in merito alla privacy. 5

6 5.2 Architettura descrittiva del sistema Il Sistema di efficientamento logistico consentirà agli operatori che usufruiranno del servizio, il collegamento via web con la piattaforma software Si.D.U.M.Me pensato su architettura di tipo SOA. La gestione degli accessi al sistema, delle identità degli utenti e dei processi di autenticazione, autorizzazione, provisioning e deprovisioning, sarà garantito da un Identity Access Management (IAM), il quale sarà deputato anche alla federazione con i sistemi esterni di gestione delle identità. Le funzionalità di base del sistema sono le seguenti: 1. Gestione delle Merci a. Gestione ordini/magazzino; b. Ottimizzazione carichi/percorsi; c. Gestione flotta autoveicoli. 2. Localizzazione e monitoraggio di flotte e veicoli a. Amministrazione e gestione delle missioni; b. Monitoraggio ed avanzamento delle missioni; c. Archivio missioni. 3. Riconoscimento dei mezzi a. Sistema di riconoscimento targhe; b. Gestione lista targhe. 4. Applicazione Mobile (APP) Per una completa ed esaustiva descrizione delle specifiche tecniche e delle funzionalità si rimanda agli allegati tecnici di progetto. 6. REQUISITI PER L ADESIONE L adesione alla sperimentazione del sistema è subordinata al soddisfacimento di alcuni requisiti funzionali a Si.D.U.M.Me o al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Per tale ragione, i soggetti che intendessero partecipare alla fase di test, dovranno sottoscrivere un documento di accreditamento mediante il quale dichiarano la propria conformità ai requisiti di seguito elencati (i moduli di richiesta di accredito sono riportati al paragrafo 12, nella pagine successive). 6

7 6.1 Requisiti soggettivi A fronte della attività di condivisione e concertazione, i diversi contributi degli incontri tenuti con i portatori di interesse, hanno evidenziato alcuni degli eventuali requisiti da richiedere ai possibili soggetti aderenti alla sperimentazione. L elenco di tali requisiti è esplicitato, nel dettaglio, nei paragrafi successivi Operatori logistici Iscrizione all albo dei trasportatori Piattaforme logistiche Possesso dei requisiti richiesti dalle norma ISO EN 14004:2008; Ottemperanza a quanto normato in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro nella legge 81/2008 e s.m.i. 6.2 Requisiti oggettivi Operatori logistici Dimensionale: mezzo con massa a pieno carico non superiore alle 3,5 tonnellate; Alimentazione: mezzi con alimentazione di tipo elettrico, metano, G.P.L., bi-fuel (benzina+g.p.l.), gasolio, benzina; Omologazione: classe di omologazione Euro 3, o superiore. La fase di sperimentazione sarà condotta solo su tre macro-categorie merceologiche (Capi appesi, inscatolati, deperibili ad eccezione di freschi e catena del freddo); per tale ragione i mezzi che presenteranno particolari allestimenti (rimorchi frigo o vani refrigerati per il trasporto e consegna di freschi o merci fredde) non potranno essere ritenuti eleggibili, in questa fase, ai fini della richiesta di accreditamento al Sistema Piattaforme logistiche Localizzazione: piattaforma sita entro un raggio di 15 Km dal centro urbano; Dimensionale: locale di dimensioni pari o superiori a 150 m 2 ; Infrastrutturale: presenza aree per manovra e sosta mezzi pesanti, aree per lo scambio delle merci. 7

8 7. EFFETTI DELL ADESIONE L adesione alla fase di sperimentazione del sistema prevede la fornitura di strumentazione tecnica funzionale all acquisizione di alcuni benefici che verranno brevemente elencati nei paragrafi successivi. 7.1 Adesione Operatori Logistici L adesione, su base volontaria, dei diversi operatori logistici prevede la fornitura della strumentazione tecnica necessaria alla sperimentazione. La possibilità di interazione con il sistema per la visualizzazione dei percorsi e delle informazioni di dettaglio relative alle missioni, saranno garantite tramite un applicazione mobile (APP) sviluppata per sistemi Android dal RTI specificatamente per il progetto. Qualora un soggetto aderente alla fase di sperimentazione abbia già in uso un proprio sistema informativo, lo stesso ha la possibilità di non utilizzare i servizi di Si.D.U.M.Me per la gestione delle missioni e dei percorsi ottimali, purché si impegni a fornire, a cadenza fissa, la propria schedulazione consegne mediante un file che abbia estensione.txt,.csv o.xls, ovvero mediante web-services, secondo gli standard definiti e consultabili in allegato al presente documento. L APP di supporto sarà resa fruibile tramite la fornitura, all operatore aderente, di uno Smartphone di ultima generazione: a questo sarà associato un trasmettitore bluetooth, da istallare sul veicolo, il quale permetterà la localizzazione e il tracking del mezzo. L Amministrazione comunale, inoltre, provvederà a consegnare materiale promozionale (come ad esempio targhe magnetiche e/o adesive per la carrozzeria dei mezzi) per la pubblicità dell iniziativa. In termini di premialità connesse all adesione alla sperimentazione, gli operatori accreditati avranno la possibilità di: 1. accesso agli stalli riservati, in base alla prenotazione fatta dal sistema, nelle fasce orarie dedicate; 2. accesso gratuito e prioritario agli stalli carico/scarico merce, nelle restanti fasce orarie; 3. in caso di stallo non disponibile, utilizzo gratuito delle piazzole di sosta a pagamento, contraddistinte dalla segnaletica orizzontale di colore blu. 7.2 Adesione piattaforme logistiche Il modello logico alla base di Si.D.U.M.Me può gestire i carichi in arrivo e le missioni di scarico basandosi su uno o più magazzini delocalizzati. 8

9 La possibilità di aderire alla sperimentazione fornendo degli spazi fisici (che soddisfino i requisiti definiti in precedenza) attribuisce la possibilità di adesione al progetto e alle campagne di comunicazione ad esso connesso. 8. OBBLIGHI DERIVANTI DALL ADESIONE L adesione alla fase di sperimentazione del sistema pone i soggetti aderenti alla osservanza di alcuni obblighi legati al rispetto della normativa precedentemente elencata, e del buon senso, nell utilizzo della strumentazione concessa in uso. 8.1 Smartphone Lo Smartphone, che l Amministrazione concede in utilizzo per la fase di sperimentazione ai diversi operatori logistici, dovrà essere utilizzato in modo strettamente pertinente alle attività lavorative, in base ai principi di utilizzo appropriato, coerente, corretto e razionale. Il soggetto assegnatario del device mobile è pienamente responsabile del suo utilizzo e della sua custodia. È necessario che il soggetto assegnatario fornisca personalmente la SIM per l utilizzo dei servizi di fonia e messaggistica, nonché sottoscriva un piano tariffario che gli consenta di avere una connessione dati attiva, finalizzata al trasferimento dei pacchetti informativi di funzionamento e di log dell APP. L accesso ad Internet, seppur a carico dell assegnatario, deve essere utilizzato in modo pertinente allo svolgimento dell attività di testing del sistema, rispettando i principi precedentemente elencati. Inoltre, devono essere evitate la azioni che possano appesantire il traffico dati, come ad esempio collegamenti particolarmente lunghi e complessi (download di file, connessioni a stazioni radio on line, applicazioni peer to peer, invio allegati di grosse dimensioni tramite app di chatting, ecc...), se non specificatamente collegate allo svolgimento della sperimentazione del sistema. Gli assegnatari non devono, in alcun caso, accedere e navigare in siti web contenenti materiale pedo-pornografico, fraudolento/illegale, gioco d azzardo, blasfemo, molesto e/o osceno. Al termine del periodo di sperimentazione gli assegnatari dei device hanno l obbligo di restuire all Amministrazione la strumentazione tecnica loro fornita, compresa di eventuali accessori: la mancata riconsegna (in forma totale e/o parziale) comporterà una penale di tipo pecuniario definita in funzione di quanto restituito e dello stato di usura della strumentazione. 8.2 Trasmettitore bluetooth Ibeacon Il trasmettitore bluetooth Ibeacon, fornito per la sperimentazione del sistema, è un componente hardware che, istallato sul mezzo accreditato, si interfaccia con lo Smartphone in dotazione, per segnalare i dati di posizione, marcia/sosta necessari al tracking e al tracing della flotta. È fatto divieto agli assegnatari di installare il device su mezzi diversi da quelli segnalati in fase di richiesta accreditamento, di tentare la manomissione o comunque l utilizzo indebito. 9

10 Come precedentemente descritto per lo smartphone, il soggetto assegnatario ha l obbligo di riconsegnare, al termine del periodo di sperimentazione, il device fornito. 9. VERIFICHE, SANZIONI E PENALI Di seguito vengono riportare, a titolo esemplificativo, alcune delle possibili infrazioni e le conseguenti sanzioni. Per l elenco completo di quest ultime, e per la conoscenza della azioni ammesse e non, si rimanda alla documentazione tecnica relativa alla fase di sperimentazione. 9.1 Accesso alla Z.T.L. e utilizzo degli stalli sosta La sperimentazione del sistema non prevede l instaurarsi di un regime selettivo di accesso alla Z.T.L., permettendo quindi a tutti i mezzi di potere transitare a circolare senza limitazione alcuna; viceversa, il sistema premiale connesso all accredito dei mezzi prevede l utilizzo degli stalli sosta. Sarà compito del Corpo di Polizia Municipale e degli Ausiliari del Traffico-ATM monitorare l utilizzo degli stalli riservati al carico/scarico delle merci. In relazione alla verifica sull utilizzo delle aree di parcheggio a pagamento (utilizzabili dai soggetti aderenti qualora lo stallo dedicato non sia fruibile), sarà compito del personale Ausiliare del traffico-atm sanzionare gli eventuali abusi e comminare le dovute sanzioni. 9.2 Requisiti di accreditamento e operatività dei mezzi Per l ottenimento dell accreditamento i soggetti sottoscrivono e autocertificano il rispetto dei requisiti previsti. Successivamente sarà compito del Corpo di Polizia Municipale effettuare dei controlli a campione per verificare se le dichiarazioni riportate corrispondano al vero: in caso di mendacità oltre alle sanzioni previste dalla normativa sulla documentazione di natura amministrativa, il soggetto in difetto dovrà corrispondere una penale per l utilizzo non autorizzato della strumentazione di progetto. La misura economica sarà definita nei diversi casi in base alla gravità e alle diverse infrazioni commesse. Rispetto all operatività dei mezzi, dato l algoritmo di ottimizzazione dei carichi, si prevede che i mezzi presentino alti tassi di saturazione: durante la fase di sperimentazione sarà compito del personale del Corpo di Polizia Municipale effettuare dei controlli spot sulle effettive quantità di carico, confrontando il teorico fornito dal sistema e il reale presente sul mezzo. Ogni eventuale abuso sarà perseguito da una sanzione di tipo pecuniaria, l eventuale reiterazione dell infrazione determinerà la decadenza dell accredito, con conseguente penale da riconoscere all Amministrazione per l utilizzo della strumentazione di progetto. 9.3 Utilizzo fraudolento della strumentazione di progetto Come specificato nei paragrafi precedenti, la strumentazione fornita ai soggetti aderenti alla sperimentazione dovrà essere utilizzata secondo i principi di funzionamento ed etici descritti: coloro i quali ignorino tale condizione o utilizzino in modo indebito detta strumentazione hardware 10

11 (smartphone e dispositivo trasmettitore) saranno perseguiti e, in funzione della tipologia di abuso, andranno in contro ad una sanzione di tipo economico/pecuniaria, se non alla decadenza dell accredito. 10. PRIVACY Il Comune di Messina garantisce che il trattamento dei dati, che saranno forniti per l adesione al presente documento di accordo, per la richiesta di accreditamento o per l adesione alla sperimentazione, è conforme a quanto previsto dalla normativa sulla Privacy in osservanza del D.Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 e s.m.i. Il Comune di Messina è, ai sensi del predetto decreto legislativo, il titolare del trattamento dei dati personali: in funzione di tale titolarità può designare un responsabile del trattamento dei dati acquisiti a cui spetta la verifica delle azioni di inserimento, gestione e cancellazione. Il conferimento dei dati è obbligatorio per richiedere l adesione alla fase di sperimentazione del sistema; un eventuale rifiuto al fornire tali dati deriverà la mancata evadibilità della richiesta e dunque l impossibilità alla partecipazione alla sperimentazione del Sistema Si.D.U.M.Me. Il trattamento dei dati personali è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, nel rispetto dei diritti dell'interessato ed avviene mediante strumenti idonei (informatici e/o cartacei) a garantire l integrità, la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi. I dati degli utenti non saranno oggetto di comunicazione e/o diffusione a terzi, eccezion fatta per i soggetti costituenti il RTI deputato alla esecuzione del progetto. Sono riconosciuti all'interessato i diritti di conoscere, cancellare, rettificare ed aggiornare i propri dati, oltre a tutti gli altri diritti previsti dall'art. 7 del predetto D.Lgs. 196/2003, formulando specifica e motivata richiesta al responsabile. 11. FORO COMPETENTE Ogni eventuale e futura controversia derivante dal presente accordo, o connesse allo stesso, è competenza del Foro di Messina. Resta inteso che prima di intraprendere un azione legale o arbitrale, le parti si obbligano ad esperire il tentativo di mediazione di cui al D. Lgs. n. 28 del 4 marzo 2010, come disciplinato della Camera di Conciliazione nel suo Regolamento. 11

12 12 ALLEGATI 12.1 Specifiche di integrazione Ai fini dell integrazione di sistemi esistenti già utilizzati dagli operatori logistici con SIDUMME potrà essere contattata la SELEX ES, sviluppatore della piattaforma, per la specifica degli standard di integrazione missioni da sistemi esterni. Con tale interfaccia, sistemi esterni noti al sistema possono creare missioni all interno della piattaforma utilizzando POI (Point of Interest) noti alla piattaforma stessa. 12

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Samsung Electronics Italia S.p.A., con sede legale in Cernusco sul Naviglio (MI), Via C. Donat Cattin n. 5, P.IVA 11325690151

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015

Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015 Regolamento del Concorso misto a Premi denominato NEL MULINO CHE VORREI 2015 1. SOCIETÀ PROMOTRICE 2. PERIODO 3. PRODOTTO IN PROMOZIONE BARILLA G. e R. Fratelli Società per Azioni, con Socio Unico Via

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE 1 1. Cos è la Carta della qualità dei servizi La realtà sempre più completa ed articolata delle pubbliche amministrazioni, se da un lato consente di offrire servizi diversificati alla cittadinanza, dall

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli