AGOSTO 2010 ANNO XXVII N

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGOSTO 2010 ANNO XXVII N"

Transcript

1 AGOSTO 2010 ANNO XXVII N 2 GIORNALE DEL ROTARY CLUB VENEZIA RIVIERA DEL BRENTA DISTRETTO 2060 Dare et accipere sicut rotarum dentes Gabriele D Annunzio

2 ROTARY CLUB VENEZIA RIVIERA DEL BRENTA CONSIGLIO DIRETTIVO Presidente Renato Maria Cesca Vice Presidente Philip Panter Segretario Luca Baldan Prefetto Rocco Majer Tesoriere Adriano Bianco Consigliere Bruno Bellemo Consigliere Francesco Sarti Consigliere Piero Bortoletti Consigliere Giorgio Girardi * Past President Augusto Gabbrielli Incoming President Luca Baldan COMMISSIONI Ammissioni e Sviluppo dell'effettivo Augusto Gabbrielli, Presidente Luca Baldan Mario Roson Programmi e Progetti di Servizio Marco Calzavara, Presidente Luca Passarella Marina Roncoroni Rotary Foundation Stefano Siggia, Presidente Michele Curcio Paolo Negro Immagine del Club e Comunicazione Gabrio Pellegrini, Presidente Mario Rossi Moira Busato ROTARY CLUB VENEZIA RIVIERA DEL BRENTA DISTRETTO 2060 Villa Franceschi, Via Don Minzoni MIRA -Tel Segretario Luca Baldan cell

3 SOMMARIO Dopo il meritato riposo Renato Maria Cesca 2 Rotareide (Congedo burlesco) Augusto Gabbrielli 3 Gli Dei della Grecia Stefano Grieb 5 Rotary Youth Exchange Program Redazione 11 Who is who: Enrico Cisnetto Redazione 12 Al capezzale dell'ammalato Italia: analisi di una crisi non Mara Bevilacqua Cesca solo economica. Relatore Enrico Cisnetto 13 Uno Di Noi Moira Busato 15 Programma dell anno rotariano Renato Maria Cesca 17 Rotary di mezza estate Renato Maria Cesca 20 La posta del Club Redazione 21 Gli amici del Club Redazione 22 Elenco soci Redazione 23 Programma del mese di settembre Redazione 24 Il motto del mese Il sapere e la ragione parlano, l ignoranza e il torto urlano. Montanelli Indro 1

4 Rotary Club Venezia Riviera del Brenta Dopo il meritato riposo Esaurita la pausa agostana, nella speranza che tutti abbiate fatto buone vacanze, e siate rientrati riposati e ritemprati nel corpo e nello spirito, riprendiamo il filo della nostra attività. Tuttavia prima di guardare avanti, è opportuna un occhiata retrospettiva a quanto accaduto lo scorso mese di luglio, in qualche caso addirittura nel precedente mese di giugno. E infatti alla bella Festa delle Consegne che riandiamo volentieri con il ricordo, nel proporvi il poemetto in versi, ROTAREIDE, del nostro impareggiabile Past President: che Augusto fosse uomo di multiforme ingegno si sapeva, ma che avesse una vena poetica tale da consentirgli di salutare e ricordare tutti, ma proprio tutti, i Soci del Club, è stata una scoperta che ci ha lasciati stupiti e ammirati. Ma oltre che quella di un poeta, il Club può vantare la presenza anche di un fine pensatore: pregevole, originale e profonda la raffigurazione che Stefano Grieb ci ha proposto, il 15 luglio, della religiosità nell antica Grecia. Ci ha fatto conoscere gli Dei dell Olimpo al di fuori di ogni convenzionale e banale aneddotica, da un punto di vista culturalmente e spiritualmente davvero intrigante. Nella stessa serata abbiamo salutato la nostra ambasciatrice agli antipodi: parte infatti per l Australia la giovanissima Chiara che, con la sponsorizzazione del Club, partecipa al programma di scambio di giovani tra i Rotary Club del mondo. E certo il modo migliore per dar corso al motto del Presidente Internazionale che invita a unire i Continenti. Il 22 luglio abbiamo ripreso il filo dei temi economici, iniziato in giugno con il Prof. Mistri. Enrico Cisnetto, giornalista economico, presidente di Società Aperta, curatore e organizzatore della kermesse politico-culturale CORTINA In.Con.Tra. e rotariano, ci ha dato la sua lucida, brillante e originale visione della situazione economica del Paese nel contesto della crisi internazionale: una relazione approfondita ed acuta che ha destato il vivo interesse dei numerosi Soci ed ospiti presenti. Letto della vita della nostra prima giovane Socia, una di noi, Moira Busato, c è poi da dare un occhiata al programma dell anno del vostro Presidente: basta un occhiata, perché ve ne ricorderò i punti essenziali ad ogni incontro, nel dubbio che possiate distrarvi e non collaborare attivamente alla sua realizzazione. Infine, dopo la posta del Club, il programma di settembre che inizia con una riflessione sul dopo 11 settembre 2011, prosegue sulle note verdiane di Traviata e si conclude con un tuffo nel Mediterraneo per visitare l isola di Malta. Arrivederci, Renato Maria Cesca 2

5 ROTARY CLUB VENEZIA RIVIERA DEL BRENTA Anno 2009/2010. AUGUSTO GABBRIELLI ROTAREIDE (Congedo burlesco) È costume nel nostro club che nella Serata delle Consegne il Presidente uscente dia un piccolo segno della sua riconoscenza a chi ha con lui collaborato nel corso dell anno. Non è intenzione di chi scrive venir meno a questa buona usanza, ma intende farlo a modo suo e in forma tale che di questo gesto di gratitudine resti traccia per qualche tempo dopo questa serata. Egli intende inoltre che il suo ringraziamento vada esteso a tutti i soci del club, cioè a coloro che egli presume abbiano apprezzato e quindi reso utile l opera sua e dei suoi collaboratori; con l avvertenza, tuttavia, di evitare di prendersi troppo sul serio e di dare al tutto il sapore dell allegria, se non della burla. Qui finisce l avventura, che da un anno oramai dura, di chi è stato presidente, nell error perseverante, di quel club rotariano che è lì tra Mira e Mirano e che ha sede di prestigio nell Hotel ch è di Remigio, il qual pria che dal ruol esca per lasciare il posto a Cesca vuole dir a vol d uccello un pensiero a questo e a quello. Cominciando da quel Rocco pel cui raffinato tocco nulla è mai andato male, gite, mostre oppur giornale. Grazie ancora mio prefetto, che fa rima con perfetto, per averci fatto parte delle cose Tue dell arte. Cito poi l amico Luca che diventerà lo duca poi che Cesca avrà finito in quel ruol non sempre ambito, ma che a tutti pria o poi tocca, basta prenderci la bocca. Grazie Luca, dice il cleb, per le Tue news via web. Grazie poi ad Adriano che del club la borsa ha in mano, egli fa da gabelliere, pagatore e tesoriere e convinto ha tutti quanti d esser ricchi coi contanti. Sarà vero o invece bluffa? Che si tratti di una truffa? No, non datevi pensiero, io lo so, ce l ha il dinero. C è tra noi un novello skipper che m ha fatto da reporter e or ch andato è in quiescenza a passar la senescenza ei tra drizze, boma e press non sa più cos è lo stress. Poi che l caldo s avvicina ed il vento è di bolina muovi Gabrio il bastimento mentre t auguro buon vento. Or che ha tempo a profusione smesso ch ha la professione, che alla vita dà più spazio, a la Porsche, Manù, alla Lazio, che la gioia non gli manca poi che nuova ha pure l anca, che le cure d esser nonno non gli fan perdere il sonno, che gli piace ancor di più fare un poco di bù bù, tanti auguri e complimenti all amico Giulio Argenti. Otorinlaringoiatra ma cantore e pur foniatra, questo è il quadro identitario dell amico Rossi Mario cui mi sento assai obbligato per averci ben guidato negli ascolti musicali di bellezze senza eguali e portati ci ha all altezza di una tal raffinatezza che auguriamo sia l inizio di un durevol sodalizio. Mai la vita è stata avara con l amico Calzavara cui il piacere esistenziale di un estetica facciale lo conduce a farti bello operando sul maxello. Egli ha stile, è assai educato, elegante-trasandato, non v è chi su di lui vinca, tranne un fiore, la Pervinca. Vorrei ancor qui menzionare quel poeta ch è del mare, stirpe antica di chioggiotti, naviganti e arsenalotti, che oramai delle vele pago ritirato s è ad Oriago e sull acque della Brenta - ogni velleità ormai spenta - s è disposto a gir col remo: sì è lui, Bruno Bellemo. Or che l anno ormai si spegne egli anela le consegne; ei che dal suo primo test risultò esser the best; ei che a programmare è nato e di nome fa Renato; ei che sol nel meglio pesca e il cognom, si sa, è Cesca, 3

6 senza poi lasciar per via anche il nome di Maria. Chi a un tanto lo prepara? Le sue muse, Irene e Mara! Non potrei dappoi tacer dell amico mio Pantèr che prescelto ha il Belpaese anche s egli è un vero inglese poi che preso fu alla lenza dalla bionda sua Fiorenza e che s acqua appena vede alla tentazione cede di tuffarsi dentro in slip. Un saluto a Te, Philip. Per tener entro il dovuto questo mio grato saluto d ora in poi dirò di meno ma col cuor d affetto pieno. Un abbraccio a Paolo Negro che di tutti è quel più allegro, e di cuore a Giorgio Nardo che, seppur sempre in ritardo, conquistato tutti ha quell esempio di bontà! Caro Gino novantenne, un augurio a Te perenne. Volgo or le mie attenzioni alle nuove acquisizioni, alle donne innanzitutto, che per Bianco sono un lutto, ma per noi non è uno sbaglio coltivare anche un serraglio. Grazie a Moira ch è la prima ed a Bianca ed a Marina per avere al femminile ritoccato il nostro stile. Grazie a Stefano notaro che con Giulio fa lo paro nel portar la rendigota e il mantello fatto a rota. Grazie a Luca Passarella ch è tornato in passerella. Dice grazie il seminario perchè a titolo onorario fa l entrè e prende posto pure il guitto Mario Esposto. Oltre a quei che ho già citato altri medici ha l quadrato qui nel nostro sodalizio dai qual puoi trar benefizio. Per i nervi c è Zanetti, per i denti Bortoletti, e se arrivi e non è tardi ti sistemi da Girardi e pria che da Padua parti visitarti può ben Sarti. Questa è una consolazione per chi è nella condizione in ragione dei suoi anni di soffrir tanti malanni. Un augurio va agli amici impegnati senza pace nella lotta quotidiana per salvar l euro che frana, che col cuore son presenti pur se qualche volta assenti. I coltelli di Marchetti, gli accessori di Poletti, i mattoni di Nalon e i servizi di Roson, gli stramassi di Maretto e i profil di Cavalletto, per gli impianti di Barizza c è da avere un pò di strizza, pei motori di Melato c è da insister sul mercato, e son pure c... amari per le scarpe di Vicari. Stanno fuor da sti supplizi quei che vivon nei servizi. Tanto val per Vallerini come pure per Collini, l un progetta e a Arino stà, l altro è il Sindaco di Strà; per qualsiasi tua uggìa vai tranquillo da Siggìa; se questione è poi di tasse Curcio tien parcelle basse; se hai bisogno di una mano puoi ricorrere a Milano. Ballarin, pò, tuto indora, vorà dir che semo fora? Siamo ormai quasi al traguardo, pria però volgo lo sguardo su color del gentil sesso che tra noi si vedon spesso poi che stan dentro la ruota ed è assai degno di nota il lor zelo nel sociale, nel civil, nel culturale. Ciò è davvero molto bello, facciam tanto di cappello! Ma ho raccolto delle voci, tra di noi, tra i nostri soci, che un impegno così vivo retto sia d altro motivo. Quale? Quel, ci siam capiti: star lontan dai lor mariti! Credo voglian che la smetta, le saluto allor di fretta : pria la Laura, se consente, Lei ch è ancora Presidente, a seguire poi l Ivana che a presiedere il club chiama, ed ancor Marialuisa che con Grazia è all opre usa, come pur le due Gabriella che pendant fan con Marcella e Francesca e la Luciana che fan trio con la Giuliana; chiudo al fine con la Rina la compagine innerina, pria, però, di tutti i soci faccio mie le loro voci e di cuor io grido : V amo, Voi la costola di Adamo! Così giunti siamo al fine di una serie di vetrine in ognuna delle quali si ritrovan tali e quali quei signor del sodalizio, ciascun con il proprio vizio, verso i quali ad uno ad uno senza trascurar nessuno ha rivolto il suo saluto, con il cuor carico e grato e con chi è a lui vicina, la consorte sua Cristina, quel ch è diventato Past e che sciolto ha ormai il suo cast, quel che mette tanta foga quando addosso tien la toga quanto qui indulge ai lazi sino a render tutti sazi, nel far ciò strizzando l occhio all amico suo Pinocchio, quel che è bello tra i belli e saluta A. Gabbrielli 4

7 St ee ff aano G rr i eeb Per chi pone attenzione agli interrogativi millenari sul significato dell'esistenza, propria e dell'universo intero, può essere di grande interesse prestare orecchio alle risposte che a tali domande seppe dare la Grecia antica attraverso la religione degli Dèi Olimpici, così come ci è stata tramandata dai poemi omerici. Perchè proprio i poemi omerici? Perchè essi sono la testimonianza scritta delle radici mediterranee e greche dell'europa e si basano su di una concezione del mondo chiara e chiusa in se stessa, nella quale il divino è il fondamento di ogni essere ed accadere e nessuna immagine della vita è compiuta del tutto senza di esso. Quando si parla di religione, di qualsiasi religione, s'intende universalmente il rapporto che lega l'uomo a quanto egli ritiene di più sacro e degno della massima venerazione. Nella religione l'uomo identifica l'idea viva del proprio valore sostanziale, della propria forza e del proprio fine. Non si tratta, dunque, di un bene che si aggiunge ad altri beni posseduti da un popolo, in tal guisa che potrebbe mancare o essere foggiato diversamente. Viceversa, è in essa che lo spirito di un popolo si rivela in tutta la sua profondità ed unicità e non potrebbe manifestarsi in modo diverso. Sulla base di tali considerazioni, poichè nessun dubbio sussiste che cultura e spirito europei siano nati nella Grecia antica del VII e VI secolo, altrettanto certamente deve ammettersi che la nascita dell'idea religiosa dello spirito europeo sia avvenuta in quei luoghi e in quei tempi. Ma qual'è questa idea religiosa che il genio greco, nell'epoca più creativa che il Mondo abbia conosciuto, ha donato all'uomo europeo? E' la facoltà di vedere il mondo alla luce del divino, di attribuire alle cose del mondo un così potente senso della realtà da riconoscervi il profilo meraviglioso del divino. Essa, dunque, non si aggira fra le pene, le esigenze e le segrete beatitudini dell'anima umana: il suo tempio è il Mondo e la conoscenza di Dio è generata dalla ricchezza della vita, dal movimento del mondo stesso e dalle esperienze vitali che, nella loro varietà, compongono le grandi immagini della divinità. Il suo prodigio è stato di aver reso il naturale divino ed il divino naturale. L'eccezionalità dell'uomo greco è di aver deciso di fare a meno della salvezza e di avere trasformato questa decisione nella caratteristica essenziale della propria religione, quella, appunto, degli Dèi Olimpici. Le altre religioni hanno perennemente contrastato o frenato questa idea, trasferendo l'idea di divinità in un mondo al quale si anela, un mondo che si pretende, oppure un mondo misticamente presente in recondite esperienze estatiche. Una religione, quella dell'antica Grecia, certamente unica nel panorama della storia delle religioni, anzi così unica da passare del tutto inosservata, se si esclude, beninteso, per le critiche, a tratti feroci, che le vengono mosse. Così si è detto che la religione omerica è immorale, rozza, primitiva, in quanto i suoi dèi prendono partito ora per l'uno ora per l'altro, o sono discordi e, talvolta, si permettono persino azioni stigmatizzate dalla vita borghese; altro non sarebbero, insomma, che un branco di depravati, rissosi e traditori. Eppure il signor Platone, che non è passato alla storia per essere stato un deficiente, ci informa che il signor Socrate, anch'egli passato alla storia non per essere stato un deficiente, in punto di morte ringraziò Apollo, un componente di spicco all'interno di quel branco, per avergli indicato la chiara conoscenza dell'essenziale, cioè la sacra grandezza della ragione! Come risolvere questo paradosso così curioso, come renderlo comprensibile? L'uomo europeo vive una strana, a mio avviso lacerante contraddizione: il suo pensiero, il suo spirito è, come già detto, d'impronta squisitamente greca, nasce nell'antica Grecia del VII e VI secolo; tuttavia, la sua religione è di origine asiatica, per l'esattezza giudaico-cristiana. Due civiltà, allora come ora, separate da un abisso. La pretesa di interpretare la religione omerica utilizzando le categorie proprie della religione giudaico-cristiana, nel nostro caso, o di altre religioni tutte provenienti dall'asia o dall'oriente, conduce al fallimento che sta sotto i nostri occhi. In proposito, appare conclusiva la seguente osservazione di F. Nietzche: "Chi, con un'altra religione in cuore, si accosta a questi dèi olimpici e cerca poi in loro altezza morale, anzi santità, spiritualità incorporea, misericordiosi sguardi d'amore, dovrà tosto volgere loro le spalle scontento e deluso. Niente ricorda qui ascesi, spiritualità e dovere: qui parla a noi soltanto un'esistenza rigogliosa, anzi trionfante, in cui tutto ciò che esiste è divinizzato, non importa se 5

8 sia buono o malvagio." L'altro ostacolo, a mio avviso, risiede nella perdita di continuità tra l'uomo e la natura, che il Greco antico non aveva ancora reciso. Il rapporto Uomo-Natura si è spezzato con la comparsa dell'uomo-individuo, entità sia logicamente che ontologicamente indivisibile, misura di ogni valore universale, intorno al quale è stato costruito un ordine umano assolutamente autonomo rispetto alla natura, ove ciascuno individuo è posto su di un piano egualitario rispetto agli altri, tenuti insieme da società che sono, pertanto, la somma e la contrapposizione di singoli individui e, pertanto, strumenti della lotta tra quest'uomo e la Natura. Non è più la religione, dunque, ad abbracciare e garantire tutti gli aspetti della vita umana sulla base di un ordine universale che pone al centro la Natura. Questo ruolo unificante oggi è riservato all'economia, mentre la religione è stata relegata in uno spazio distaccato e marginale dell'esistenza e, per quanto concerne la Natura, essa è scivolata nella sfera del sentimentale, ove la sua originaria sacralità è stata sostituita da quella che Baudelaire, il massimo poeta della modernità, ha sarcasticamente definito la "santificazione dei legumi". La cultura europea incomincia con l'iliade e incomincia con la rissa per il possesso di una schiava. La prima parola dell'iliade e, dunque, della letteratura occidentale, è "Menis", cioè Ira, termine con valore sacrale, che indica una collera speciale, duratura, ispirata da legittimo desiderio di vendetta, indica soprattutto una collera divina, mentre la collera privata viene definita con la parola "cholos". Nessuna sorpresa, dunque, se oggi, dopo circa 2700 anni dalla comparsa di quell'ira, l'europa politica riesce a balbettare soltanto la parola "tolleranza", mentre perfino nel privato il nostro linguaggio comune non sa trovare definizione migliore di "complicità" per indicare ciò che unisce due cuori innamorati. Se le parole hanno ancora un peso e significato, e a me pare di sì, quei termini sono quanto mai sospetti e rivelano il fondo oscuro della cultura europea ove i furori di quella rissa e di quell'ira funesta non sono affatto spenti. *** E' giunto il tempo di dare uno sguardo veloce alle figure degli dèi che, tra tutti quelli che formano il pantheon olimpico, hanno trovato spazio nella religione omerica: Atena, Apollo, Artemide, Afrodite ed Ermete. Zeus, il maggiore degli Dèi, il compendio stesso del divino, nel quale convergono tutte le linee e nessuna questione gli è estranea, resterà sullo sfondo. Ma un punto resta fermo: gli dèi che animano questa religione non erano più una moltitudine di potenze inconciliabili, come nella precedente religione arcaica, bensì erano tutti uniti nella infinita magnificenza del padre Zeus e assieme costituivano, in quanto "famiglia", l'unico ed eterno reame del mondo. Anzi, non è mancato chi, a mio avviso con sagacia, ha affermato che peculiarità della religione degli Olimpici era di presentarsi come un politeismo che al contempo era anche monoteismo! Atena La dea nasce dal capo di Zeus, balza fuori da cotanto cranio lanciando un alto grido di guerra. Ma essa non è la dea della battaglia, come spesso si è creduto, bensì la dea della forza attiva, non solo guerriera, nemica giurata degli spiriti brutali (il suo odio nei confronti di Ares, il sanguinario e crudele dio della guerra, è implacabile). Ciò che la dea chiede all'uomo non è un colpire all'impazzata, ma riflessione e dignità. E' la ragione che decide sulla mera passione ed il fatto del suo sopraggiungere segna la vittoria della riflessione. Senno e consiglio sono i suoi caratteri essenziali. Atena è la sempre vicina: è la sorella divina, l'amica che accompagna l'eroe nelle sue imprese, la sua vicinanza celeste l'infiamma, l'illumina e l'anima sempre al momento opportuno, volgendo la fortuna dalla sua parte. Ciò che Atena mostra all'uomo, ciò che vuole da lui e ciò che gli ispira è l'ardire, desiderio di valore ed eroismo, ma tutto ciò sarebbe ancora nulla senza la riflessione e la chiarezza illuminante. Nessuna madre l'ha partorita. Conosce solo un padre e gli appartiene completamente. Atena è donna, ma è come se fosse uomo, le è estraneo tutto quanto sa di sogno, di nostalgico, di languido e nulla sa delle delicatezze d'amore. L'affetto e i legami suoi sono della specie dell'amicizia che prova l'uomo per l'uomo. Come giustificare, tuttavia, la sua natura femminile? Con la vastità e profondità della sua sfera d'azione, che include tutto il regno dell'azione chiaramente intuita, la perfezione del presente vitale, il dominio dell'istante senza fughe verso ideali lontani ed infiniti, la valorosa immediatezza, la presenza di spirito risolutiva, l'azione rapida, la prossimità. Ecco perchè in Atena non poteva mancare un tratto di femminilità. Apollo Apollo, accanto a Zeus, è il dio greco più significativo. Qui bisogna volare alto, molto in alto, al di sopra di tutto ciò che è umano. Egli rappresenta la superiorità del divino rispetto alla caducità di tutti gli esseri terreni, anche dei più grandi, superiorità, però, nobilitata dall'elevatezza dello spirito. "Conosci te stesso!" è il monito con il quale accoglie 6

9 il visitatore nel suo tempio delfico, con il quale gli ricorda i limiti del suo essere umano e la distanza abissale che lo separa dalla divinità. E' la gioventù nella sua più fresca fioritura e purezza, tutto quanto di più glorioso, alto e luminoso esista gli appartiene. Insieme a sua sorella Artemide è il più sublime degli dèi. Come Atena è la dea della prossimità e dell'immediatezza, così Apollo è il dio delle lontananze e del distacco. In lui non vi è spirito di immediatezza, nè prudente ed efficace dominio sull'attimo, i suoi eletti non sono uomini d'azione. Egli è il dio della purezza, il purificatore e risanatore, che libera l'uomo dalla macchia che minaccia di intaccarlo tanto nel fisico quanto nel suo animo. Si afferma che l'essenza di Apollo sia esclusivamente musicale e ciò è sicuramente vero, poichè proporzione e bellezza sono essenza ed azione della musica che avvince tutto ciò che è selvaggio, ritmo ed armonia congiunti al piacere, tutti caratteri propri della perfezione apollinea. I suoi simboli universali sono l'arco e la lira. L'arco è l'emblema per eccellenza della lontananza, la freccia viene misteriosamente scagliata e vola verso il bersaglio colpendo nel segno. La morte che essa dava, tuttavia, era dolce e colpiva solo gli uomini, i quali si addormentavano con il sorriso sulle labbra. Non diversamente la lira, dalla quale parte la canzone che coglie anch'essa nel segno. E per i Greci il buon tiro d'arco rappresentava la conoscenza del giusto. Ma anche la musica partecipa della medesima forma dell'esattezza e della conoscenza. Nella musica di Apollo risuona una conoscenza divina, essa intuisce e coglie la forma del tutto, non diversamente dall'apollo fondatore di norme, conoscitore del giusto, del necessario e del futuro. Apollo è il più greco di tutti gli dèi, è lui ad avere dato allo spirito greco la sua impronta indelebile dalla quale sono nate le opere di poesia, di arte figurativa e teoretiche che da millenni ammiriamo. I tratti sublimi di Apollo risaltano ancora meglio se paragonati a quelli di Dioniso, del quale, non a caso, non vi è più traccia in Omero. La natura dionisiaca vuole l'ebbrezza, dunque la vicinanza; l'apollinea invece vuole chiarezza e forma, ossia distanza, e il tenersi distante è il comportamento proprio di colui che conosce. Apollo non vuole anima, ma spirito; con lui ci si fà incontro lo spirito della conoscenza contemplante. Ciò significa liberazione dalla vicinanza e da tutti i pesi, i gravami e i vincoli che essa porta con sè: solo nobile distacco e larga veduta. Egli, pertanto, ignora il valore eterno dell'individuo umano e dell'anima singola, solo le forme eterne ed immutabili gli appartangono. Tutto ciò spiega perchè Apollo sia stato ben presto collegato al Sole e a nessun altro elemento fisico o processo naturale. Artemide Artemide ci si fà incontro con un genere di libertà femminile, diversa rispetto alla libertà spirituale e alla distanza di Apollo, che sono virtù maschili. Il suo specchio è la natura libera, virginale, col suo splendore e la sua ferinità, con la sua innocente purezza e la sua strana inquietudine propri dell'elemento immacolato. Suo regno è la selva sconfinata e fa parte della sua ritrosia la sua verginità. Il suo odio verso la dea dell'amore è implacabile e lo si comprende. Nota con l'appellattivo di "cacciatrice", anche lei si delizia con l'arco e danza sui prati al suono della cetra e, come Apollo, anche per Artemide è tipico svanire nelle lontananze. I suoi dardi davano la "dolce morte" che abbiamo già incontrato in Apollo, ma le vittime ora sono esclusivamente donne. Ma quanto è diverso il senso del distacco e della purezza nei due. Per Apollo libertà e distanza significano qualcosa di spirituale: volontà di chiarezza e forma; per purezza s'intende in lui liberazione dalle potenze che trattengono e reprimono. Per Artemide si tratta, invece, di ideali dell'esistenza fisica e anche la purezza in lei è intesa in senso assolutamente virginale. E' lei ad operare la malia misteriosa della solitudine della natura e del terrore che mozza il respiro, la mutevole delicatezza giocosa e l'aspra durezza in cui quella può improvvisamente mutarsi. Sono suoi gli animali dei campi e delle selve, che maternamente assiste e che poi va cacciando con gioia sfrenata inseguendoli fino alla morte. Ma anche l'uomo fa parte del suo regno: è rivelazione sua l'asprigna dolcezza del corpo e dell'anima giovani, l'amorevolezza che non vuole essere di nessuno, la delicatezza che teme l'ardore delle brame e si fa crudele se viene accostata troppo da vicino. E così è anch'ella senso e spirito di una realtà che comprende uomo, animali e natura e che riceve dalla dea l'impronta eterna della sua essenza. Afrodite Esiodo ci dona una pagina di alta poesia quando descrive Urano, il dio del cielo, che si stende sulla Terra in un amplesso d'amore nelle tenebre notturne, ma al momento dell'abbraccio viene violentemente mutilato da Crono. Il suo membro virile amputato galleggia a lungo sulle onde frangenti, finchè la sostanza divina si gonfia a bianca spuma, nella quale va formandosi una fanciulla: è Afrodite. L'essere nata nell'elemento marino costituì motivo per venerarla in tutta l'antichità come dea dei mari sereni e delle navigazioni tranquille, in armonia con lo splendore che ella riversa sull'intera natura. Il suo piede placa l'oceano! Lo stesso incantamento Afrodite lo produce sulla terra: è, infatti, la dea della natura in fiore e la Primavera è la sua grande stagione. Ma ciò è ancora nulla in confronto alla sua rivelazione nella vita degli animali e degli uomini. Essa 7

10 è la delizia dell'amplesso amoroso, non dell'unione coniugale che rimase prerogativa di Era. Da Afrodite deriva quell'anelito potentissimo che fa dimenticare tutto l'universo per un unico essere e rompere i legami d'onore e la più sacrosanta fedeltà, per poter fondersi solo con lui. Il suo prediletto più celebre è Paride, prototipo dell'uomo femmineo, amante delle donne, e la storia del suo amore per Elena è nota a tutti. Così come universalmente noti sono gli attributi della dea: bellezza e seduzione, ed ella si presenta eternamente nuova, leggera e beata come lo sconfinato mare che la partorì. Afrodite porta fortuna agli uomini, ma sovente è funesta per le donne (per tutte: Elena e Medea). La sua sfera d'azione si estende a tutto quanto è grazioso, avvincente ed amabile e Socrate così la pregava: "Facci amabili nel dire e nel fare". La vastità e ricchezza del suo mondo è ben percepibile se paragonate alla sfera d'azione di Eros, che il mito chiama suo figlio e che Omero significativamente non nomina mai. Egli è lo spirito divino della lussuria e della forza procreatrice, ove primeggia l'impulso a ghermire che parte dal soggetto che desidera: il nostro Don Giovanni, insomma, sarebbe stato dominato da Eros (e per quanto di dirà anche da Ermete). Afrodite, invece, non è colei che ama, ma la bellezza e la ridente leggiadria che irresistibilmente attrae, lo sguardo che potente attira nelle delizie dell'unione e che, pertanto, agisce su chi è desiderato e lo predispone a darsi. Non va dimenticato, comunque, che questo regno così vasto abbraccia tutto l'universo, comprendendo pure l'orrore e la distruzione. Nessuna potenza può portare tanta discordia e confusione quanto Afrodite, la cui opera è illuminatissima e beata armonia; solo attraverso questa ombra scura il luminoso incanto di Afrodite assurge a creazione totale. Ermete Tra tutti gli dèi omerici è quello che conserva maggiori tracce della concezione arcaica della divinità. In lui persiste una certa volgarità, la sua forza sono la destrezza, la prontezza e l'arte occulta. E' appena nato e già compie un colpo da maestro rubando i buoi a suo fratello (che era Apollo) e sviandolo poi nel modo più malizioso e impensato. E' patrono degli assassini, dei ladri, protettore dei servitori e di tutti coloro che sanno artatamente avvantaggiarsi: egli è, dunque, il patrono di tutte le ruberie, siano esse compiute da eroi in grande stile o da poveri diavoli. Suo figlio Autolico era celebre per l'arte del furto e dello spergiuro. E' "fra gli dèi il migliore amico degli uomini ed il più ricco dispensatore di doni" (Aristofane), ma a fronte di chi all'improvviso ed in modo fortunoso si arricchisce sta solitamente chi altrettanto inaspettatamente e rapidamente si trova impoverito, chissà mai perchè! Ermete è anche il protettore di ogni scaltrezza e malizia e non gli è estraneo neppure il mondo dell'amore, ove tuttavia opera secondo consuetudine, cioè con rapina, sfruttando il caso fortuito per ghermire la buona occasione, solitamente tendendo un tranello. Naturalmente è suo lo spirito della Notte, è lui il protettore delle strade e dei viandanti. Ermete ci offre l'occasione di toccare quasi con mano la vastità dello sguardo con cui l'uomo Greco di quel tempo misurò il Mondo e seppe riconoscere la profondità del divino anche nella ribalderia e nell'irresponsabilità. Ciò che egli domina e anima è un mondo completo, ogni aspetto gli appartiene, seppure in una luce del tutto diversa dagli altri dèi. Ma quello che lo allontana dalla grossolanità e volgarità è lo spirito di serenità unito ad un sorriso di superiorità che accompagnano il suo agire e che sembrano ricordarci che nessuna vita, almeno occasionalmente, può fare a meno del suo favore, perchè ogni vita conosce cosa sia cavalleria e pirateria e ne vive assai più di quel che crede. Anzi, al suo regno non fa difetto neppure il sublime. Non sta forse la vittoria d'ogni conquista, di qualsiasi specie essa sia, sotto il segno della fortuna e bramosia di preda? Quanta scaltrezza e furfanteria v'è nell'amore, eppure anch'esse sono amabili! *** Spesso Omero parla genericamente di "divinità" o di "dio", alludendo così ad una comune natura degli dèi. Qual'è questa comune natura? L'immortalità e la giovinezza, innanzi tutto. Entrambe gettano l'abisso tra gli dèi e l'uomo. Per il Greco antico era inammissibile pensare la divinità vecchia e decrepita, poichè per lui tale condizione segnava un oscuramento e sfinimento della natura. La bellezza, poi, senza la quale non era concepibile la divinità, unita ad un'alta statura. E ancora potenza e sapere. Tutte queste qualità messe insieme costituivano la beatitudine dei celesti. Le famose e tanto criticate contese tra gli Dèi in realtà si componevano ben presto e tutti riprendevano a godere con gioia della comune beatitidine della famiglia celeste. Esse altro non erano che trasfigurazioni delle contraddizioni e dispute presenti nella realtà del Mondo. Soprattutto gli Olimpici partecipano tutti del regno della luce di Zeus. Essi sono gli dèi della vita e per la vita. Come tali, non possono che aborrire l'oscuro regno della morte, con il quale non hanno più nulla a che fare, ponendosi così in netto contrasto con l'antico culto dei defunti proprio della religione arcaica della Terra. Si trovano qui contrapposte la concezione virile, che si impose con gli Olimpici, e quella femminile dell'esistenza, legata alla Terra. Era questa una fede legata all'elemento materiale ed ai bisogni essenziali della vita (terra, generazione, sangue, morte), dominata da oscure potenze più che da luminose divinità, che rappresentavano la concretezza della donna, il 8

11 mondo femminile pieno di forza vitale, di ricchezza e di generosità, ma anche di principi sacrosanti ed inviolabili, che, se offesi, non ammettevano giustificazioni a difesa, ma esigevano l'implacabile castigo del colpevole, attraverso il quale l'ordine violato veniva ristabilito. In un mondo dominato dunque dal sentimento non vi poteva essere divisione tra vivi e morti e, infatti, questi continuavano ad esistere, più potenti e venerati di prima, nell'anima e nel culto dei defunti e la sepoltura assumeva un'importanza enorme perchè segnava il ritorno alla terra di chi dalla terra stessa era stato generato. In Omero essere ed essere stato si pongono per la prima volta l'uno di fronte all'altro come due grandezze di ordine differente ed il culto dei morti diventa incompatibile con quello degli dèì olimpici. Anche il rituale della sepoltura viene abbandonato a favore della cremazione, ancora oggi concepito quale atto d'amore verso il defunto affinchè affretti e completi il distacco con questo mondo. La sopravvivenza nell'ade per Omero è solo collettiva: cancella coscienza, intenzioni, obiettivi e sentimenti. L'immortalità è stata trasferita sulla terra, la vita è l'arco completo dell'esperienza e la morte è solo smarrimento ed oblio. Ma il punto cruciale che unisce tutti gli Olimpici è la loro appartenenza al mondo dello Spirito, ove regnano chiarezza e forma, in un indissolubile legame con la natura. Natura e spirito vivono l'una dell'altro, l'una nell'altro. Passando in rassegna le figure degli dèi, si è visto che la divinità è sempre una totalità, tutto un mondo chiuso nella sua perfezione: ciascuno vuole riempire, plasmare, illuminare tutta la sfera dell'esistenza umana con quello spirito che gli è proprio. Ogni divinità si trova intimamente legata con le cose della terra pur non significando mai qualcosa di singolo, ma una forma eterna dell'essere in tutta la sfera della creazione. Lo spirito greco comprese che ogni elemento individuale è imperfetto e caduco, ma la forma sussiste. Onnipresente, essa è una con tutti i fenomeni del ciclo vitale, e lo domina. Ma come entità suprema ed essere permanente, la forma esiste autonomamente, al di sopra di ogni aspetto terreno, nello splendore eterno. *** Si è visto come la concezione del mondo in Omero sia impregnata della costante presenza del divino. Ma allora che cosa può operare l'uomo da sè, con le proprie forze? Si pone qui la questione scottante del libero arbitrio e della responsabilità. Ebbene, l'uomo omerico fu sempre cosciente che le sue decisioni ed azioni, buone o cattive, non potevano venirgli attribuite totalmente. Anzi, con una serenità d'animo a noi inconcepibile, egli rendeva responsabile la divinità di un grave misfatto da lui compiuto: Elena, causa di tanti lutti, rimprovera acerbamente sè stessa, ma la colpa vera e propria l'attribuisce ad Afrodite, restando lei la donna nobile che era! Secondo le nostre convinzioni, tutto ciò è ben poco serio, ma se guardiamo la questione senza pregiudizio scopriremo che quell'umanità geniale non pensò affatto che l'uomo non dovesse portare le conseguenze delle proprie cattive azioni. Tutto all'opposto, esse ricadono su di lui con un'inesorabilità che ci fa spavento, quella stessa che generò la tragedia. E la tragicità consiste nel non esservi via di scampo e nel non considerare per nulla la bontà delle intenzioni; non vale pentimento, nè umiliazione davanti a Dio a togliere le conseguenze dell'azione. Nessuno spazio viene riservato alla commiserazione. L'umiltà qui non consiste nell'addossare alla propria volontà la colpa, me nel riconoscere di non essere, di non poter essere l'unica causa dell'accaduto. Pertanto, l'uomo può rimanere grande e fiero anche nella caduta. Ciò che è accaduto, anche se deve annientarlo, fa parte esclusivamente, come tutto nel mondo, di disposizioni superiori; la passione che lo produsse ha anzi tra gli dèi il suo volto magnifico ed eterno, al quale egli può dirigere lo sguardo anche nel momento della catastrofe. Per quanto amaramente egli abbia a deplorare il suo operato, non lo tormenta la coscienza, perchè la decisione non fu la sconfitta della segreta buona volontà in lotta con le cattive inclinazione. Su questo universo non incombe la cappa del senso di colpa sotto la quale geme una natura umana fondamentalmente corrotta. Nè poteva sorgere un mito dell'anima, poichè il posto era saldamente occupato dal mito del Mondo; qui si afferma la conoscenza e non la volontà o il sentimento. Le infinite dispute teologiche sull'origine del male sono sconosciute al Greco antico e mai sarebbe sorto un Sant'Agostino che, con un errore geniale, introdusse presso di noi l'idea funesta di un peccato originale che si trasmette attraverso i rapporti sessuali, rendendo malvagia e demoniaca l'intera sfera della sessualità. Perciò non è per il Greco antico tanto essenziale il sentire questo o quello, quanto il conoscerlo e capirlo; noi diciamo che qualcuno non "pensa" convenientemente, in Omero si direbbe non "sa ciò che conviene". Ma non un sapere intellettuale e per concetti, bensì un'altra specie di conoscenza che, per Aristotele (anche lui passato alla storia non per essere stato un deficiente) è inscindibile dalla virtù. Quale, allora? Si tratta di un concepire per nulla razionale, pur essendo ben distinto dalla sensazione e dal desiderio, e appartiene piuttosto al regno dell'illuminato, dell'intelletto contemplante, della conoscenza appunto. *** E per concludere, col destino come la mettiamo? Si dice che gli dèi possono tutto, ma non è proprio così, anche perchè questa onnipotenza su tutto contraddirebbe la loro unità con la natura. C'è un limite fisso al loro potere, un fondamentale "fin qui e non oltre": questo è la morte. 9

12 L'aspetto più spaventoso, però, consiste in ciò, che vi è un punto nel quale le loro forme vitali si ribaltano in qualcosa di ostile e demonico e sembrano diventare potenze del fato e della morte. Così non è, non può essere, poichè gli Dèi olimpici stanno dalla parte della vita, per incontrarli il vivente deve muoversi, procedere in avanti, essere attivo e un abisso li separa dalla morte e dal suo regno. Ma ad essi non appartengono neppure coloro la cui vita sta per finire. La morte deve dipendere, quindi, da un potere diverso da quello divino. Tale potere spetta alla Moira, figlia della Notte, il cui nome letteralmente significa assegnazione o ripartizione, ma il cui senso profondo è destino di morte. Il decreto della Moira può essere assoluto, ed allora è giunta la fine; gli dèi nulla possono, anche quando la loro volontà è assolutamente contraria. Ci sono, però, decreti condizionati, che possono chiamarsi destino perchè fanno seguire, con inesorabile severità, ad un'azione stabilita conseguenze stabilite, senza che però sia in precedenza previsto se il primo passo sarà o non sarà fatto (un esempio, tra i tanti: Egisto si unì con la moglie di Agamennone e uccise quest'ultimo al ritorno in patria, pur sapendo che la conseguenza per lui sarebbe stata un'improvvisa morte). In questi casi la decisione è assolutamente fondamentale, ma in sè libera. Vi sono, dunque, anche sciagure che potrebbero essere evitate mediante la conoscenza che, per Omero, è sempre e comunque opera degli dèi. Ed, infatti, in tali casi essi effettivamente intervengono, perchè è proprio della loro natura prolungare il più possibile la vita umana. Ma quando la Moira fa il suo ingresso, gli dèi null'altro possono. Tuttavia, essi, diversamente dagli uomini, conoscono in anticipo il decreto del destino. La tristezza che gli dèi manifestano quando suona l'ora della Moira, ed ancora più la loro ribellione, che deve però subito lasciar il posto ad un rassegnato consenso, mostrano chiaramente come qui si contrappongono due regni assolutamente estranei. Memorabile, in proposito, il dolore di Zeus quando l'ora fatale per Ettore è giunta. La parte di esecutori che tocca a volte agli dèì, quasi che fossero bracci secolari della Moira, non cambia nulla ed ha altro significato. Ma cos'è questa Moira dinanzi alla quale anche il potere degli dèi deve arrestarsi? Essa è la legge che sta al di sopra della vita e fissa e impartisce ad ognuno la sua sorte, ossia rovina e morte. E'l'ordine di un decreto inderogabile, non una potenza superiore a quella degli dèi, bensì una realtà di fatto. Non bisogna, tuttavia, cadere nell'errore di ritenere che questo destino si risolva in un vincolo fatalistico di tutti gli avvenimenti. Ciò che la Moira ha fissato è il destino di morte e ciò che le è affine, le grandi sciagure. Ma è pensabile che un uomo possa morire prima del giorno fissato, il che rappresenta un "eccesso" rispetto alla Necessità, che non può che essere causato da lui stesso. E' stato detto che gli Dèi compiono la volontà della Moira e, in un certo senso, può essere vero, nel senso che il divino, per chi è chiamato a morte dal destino, si fa demonico. Ci guidino in proposito le meravigliose pagine che Omero dedica alla morte di Ettore per mano di Achille. Apollo, il dio di Ettore, che fino ad allora lo aveva accompagnato fedelmente, scompare dal suo fianco, mentre Atena si pone accanto al suo Achille ed agisce per condurre l'avversario allo smarrimento ed alla morte. Divinità e pienezza di vita sono una sola e identica cosa. Non appena la divinità si è accomiatata, la vita non è ancora del tutto tramontata, è però rimasta priva di Genio. Il negativo dell'esistenza la ricopre già della sua fredda ombra. Immediata conseguenza ne sono i pensieri errati e gli abbagli, egli vede ogni cosa sotto il velo dell'illusione, il divino medesimo si fa per lui demonico, ed egli precipita nell'abisso. Ma sappiamo anche che Necessità aveva decretato la morte di Ettore contro la volontà dello stesso Zeus. Vediamo qui come una vita che sta per finire viene sempre distrutta dalla divinità protettrice dell'altra vita che le sta di fronte. Ed allora possiamo concludere che gli dèi servono al compimento del decreto, ma solo come la vita piena e salvaguardata deve servire alla Villa Barbaro-Maser (TV) rovina della vita declinante ed indifesa. E con altrettanta evidenza Paolo Veronese - Sala dell'olimpo possiamo sostenere che Omero non pone la vita e la prosperità sotto il dominio del destino, bensì soltanto l'insuccesso e la morte. *** Concludo così questo viaggio alla scoperta del monte Olimpo. Per quanto mi riguarda, mi inchino dinanzi a questa meravigliosa religione con lo stesso rispetto che sento di dover tributare ad ogni altra fede nella quale l'uomo, in qualunque epoca e luogo, ha creduto di identificarsi, certo che non ci sarà mai pace mondiale senza pace religiosa. Grazie per la vostra attenzione. Stefano 10

13 Chiara Giacomin, ambasciatrice del nostro Club in Australia Quest anno anche il nostro Club partecipa al Rotary Youth Exchange Program, il programma di scambio di giovani in tutto il mondo. Dal 21 luglio, la giovane Chiara Giacomin sarà infatti nostra ambasciatrice in Australia, dove frequenterà il terzo anno delle superiori alla Cherrybrook Technology High School, a soli 30 km da Sidney. Abbiamo avuto il piacere di ospitare tra noi Chiara e la sua coraggiosa mamma in occasione della conviviale di giovedì 15 luglio. Chiara, nata a Scorzè il 02/04/1994, ha appena terminato il secondo anno di studi al Liceo Artistico Modigliani di Padova ed è venuta a conoscenza del programma di scambio sponsorizzato dal Rotary da un amico che ne aveva usufruito in passato. Allettata dalla sfida di un anno di studio all estero, si è quindi attivata per saperne di più ed ha infine ottenuto una borsa di studio annuale nientemeno che per l Australia! Se Inghilterra ed America sono due Paesi divisi da una lingua comune, che dire dell Australia? La lingua e l accento australiani saranno forse l incognita maggiore e questa avventura agli antipodi, così fortemente ricercata, sarà sicuramente una sfida per lei, ma Chiara l affronta con serenità e tanta, tanta curiosità. A Cherrybrook, Nuovo Galles del Sud, Chiara sarà ospite, a rotazione, di tre famiglie rotariane locali e potrà quindi sperimentare la vita e la cultura australiane dall interno e fare esperienza di diversi stili di vita. Le auguriamo la migliore fortuna e attendiamo con ansia sue notizie nei prossimi mesi. Responsabile per il Club del programma di scambio è il Socio Stefano Grieb, il quale si dichiara ansioso di conoscere lo studente o la studentessa australiana che sarà prossimamente nostra ospite in Italia. 11

14 Who is who: Enrico Cisnetto Poche righe per presentare l amico, il rotariano del Club di Milano, l editorialista e molto altro ancora, che ha affrontato una trasferta molto calda per essere con noi a parlare di economia. La sua è una figura professionale molto particolare. Dal 1998 ha abbandonato la classica carriera giornalistica, dove aveva ottenuto risultati non trascurabili, per fare il battitore libero. Editorialista nella carta stampata, opinionista radio-tv, ma anche conferenziere, consulente politico-strategico, organizzatore di eventi culturali. Ecco i dettagli. E nato a Genova 55 anni fa, risiede a Milano ma lavora a Roma dove ha fondato lo Studio Cisnetto. Editorialista economico e opinion leader, da anni studia e descrive i processi di cambiamento del capitalismo italiano e internazionale, soprattutto in relazione alle dinamiche politiche. Già direttore di diverse testate della Rusconi, vicedirettore del quotidiano l Informazione e vicedirettore del settimanale Panorama, ora svolge un intensa attività di editorialista per Il Messaggero, Il Foglio, Il Gazzettino di Venezia, La Sicilia di Catania, Liberal e Il Mondo. Inoltre, ha una rubrica quotidiana nella trasmissione radiofonica Zapping (Rai Radio1) ed é spesso ospite delle trasmissioni di approfondimento e telegiornali di Rai, Mediaset, Sky, La7. Attualmente è docente di Finanza alla Scuola di Giornalismo dell Università Luiss e ha insegnato alla Scuola Superiore di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza. E autore del volume di grande successo Il gioco dell Opa, edito dalla Sperling & Kupfer, pubblicato nell aprile 2000 e stampato in 5 edizioni. Nel settembre 2000 é stato insignito del Premio Capalbio per l economia e nel 2001 del Premio Saint Vincent per la divulgazione economica. Presidente di Società Aperta, un movimento d opinione che intende avviare una riflessione sulla crisi strutturale del sistema Italia, per favorire la modernizzazione del nostro Paese promuovendo una profonda evoluzione del sistema politico e di quello socioeconomico é inoltre, direttore responsabile del quotidiano on-line TerzaRepubblica.it edito da Società Aperta. E socio fondatore dell associazione Amici di Ugo La Malfa. Svolge un assidua ed apprezzata attività di conferenziere e di consulente politico-strategico. E stato supervisore delle attività giornalistiche ed editoriali del Portale Nazionale del Cittadino (italia.gov.it), promosso dal Cnipa-Centro nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione, ed è stato recentemente nominato membro del consiglio di amministrazione del Teatro dell Opera di Roma. Tifoso della Sampdoria é membro del consiglio di amministrazione della squadra blucerchiata. Attraverso la società Belle Arti Percorsi Culturali S.r.l. di cui è amministratore unico la moglie, Iole Sacchi Cisnetto realizza il programma di manifestazioni Cortina InConTra, l appuntamento fisso della attualità in vacanza a Cortina d Ampezzo. La rassegna, nata nel 2002 ha conosciuto un successo crescente, grazie alla sua formula di incontri-dibattiti con i nomi più importanti della politica, della cultura, della scienza e dell arte. I numeri testimoniano il successo di pubblico: oltre 900 eventi in otto anni, oltre ospiti sul palco, oltre spettatori totali, oltre ore di diretta televisiva. Tanto che il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha rinnovato all Associazione Amici di Cortina di cui Iole Cisnetto è presidente e il Senatore a vita Francesco Cossiga presidente onorario, il vivo apprezzamento per il valore dell iniziativa. Dal 2008 Cortina InConTra si è svolta sotto l egida dell Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con i patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero per i Beni e le attività culturali. 12

15 Al capezzale dell'ammalato Italia: analisi di una crisi non solo economica. Relatore Enrico Cisnetto, ospite del Club il 22 luglio a cura di Mara Bevilacqua Cesca Appare molto opportuna qualche riflessione in questo momento particolarmente critico; il 1989 è la data di svolta per l intero mondo a suo tempo disegnato a Yalta e di inizio di importanti cambiamenti, purtroppo non colti dall Italia, paese in declino (espressione che Cisnetto usò tra i primi) fin dall inizio degli anni 90, proprio a causa dell incapacità di capire e partecipare alla mutazione del mondo. In brevissimo tempo, dall 89 al 92 comincia la globalizzazione e in particolare una finanziarizzazione così rilevante da portare alla bolla immobiliare e speculativa del Avviene la rivoluzione tecnologica, e l introduzione dell euro toglie alla c.d. Prima Repubblica due vecchi e abituali strumenti dello sviluppo del Paese, vale a dire la svalutazione della moneta nazionale ed il meccanismo deficit/debito che ha permesso per anni di vivere trasferendo i debiti a esercizi successivi. Peraltro, l impegno a rientrare nella percentuale del 6o% di questo rapporto in vent anni, richiesto dal Trattato di Maastricht, si può considerare largamente fallito, con le ovvie negative conseguenze sui conti pubblici. Il Paese non ha potuto profittare di questa fase globale per lo scoppio nel 1992 della vicenda Tangentopoli, che distrae la pubblica opinione concentrandola completamente sul problema politico-elettorale-giudiziario. La cosiddetta Seconda Repubblica nasceva male e le negative previsioni già formulate allora si sono purtroppo avverate: gli altri paesi si sono potuti attrezzare e seguire l evoluzione degli eventi, l Italia resta fatalmente indietro e per la prima volta non risulta più nell elenco dei paesi reattivi d Europa, fatica a mantenere il livello della concorrenza ed inizia ad accumulare quel deficit competitivo che ci porterà alla grande crisi del 2007 nelle peggiori condizioni, con un solco profondissimo che ci separa dai nostri competitors abituali nonché senza difese nei confronti dei paesi emergenti (si ricordi che la Cina cresce minimo del 7% annuo ininterrottamente da trent anni). E ben vero che tutti i paesi hanno risentito della grande crisi, tuttavia l accumulo dei nostri problemi continua a gravare su di noi con una caduta di sei punti di PIL (Prodotto interno lordo) nel solo 2009, una situazione che ci riporta indietro di dieci anni, e comporta problemi economici, finanziari, sociali ed, ovviamente, politici. Sebbene si possa sottolineare il vantaggio di non aver avuto alcuna rivolta sociale in Italia, l ottica pessimismo/ottimismo appare fuorviante; occorre invece essere realisti e quindi prendere atto dei dati oggettivi del PIL e del fatto che comunque, alla fine della crisi - almeno nella sua fase emergente - ci troviamo alle prese con una mancata crescita, in un periodo nel quale il resto del mondo non si ferma. 13

16 La trasformazione rapida può essere evidenziata dall evoluzione dal gruppo dei potenti del mondo dal G8, ormai obsoleto, al G20, anche se di fatto ormai si parla di G2 per sottolineare come USA e Cina concentrino su di se il traino del mondo. In questa situazione di veloci trasformazioni, l Italia vive con la testa costantemente rivolta all indietro in quasi ogni settore; la nostra attuale e limitata ripresa si concentra per ora nell export, ma vale ricordare che l industria italiana incide per il 30% della produzione di ricchezza, il restante 70% deriva da Servizi e Pubblica Amministrazione, settori immobilizzati. Nel quindicennio il Paese ha cominciato a consumare patrimonio anziché reddito: Banca d Italia nel 2006 stimava a miliardi di euro il patrimonio complessivo nazionale, ridotto in soli tre anni a 7mila miliardi, oltretutto come noto non equamente distribuito, cosicché alcune famiglie risultano aver esaurito la loro base patrimoniale ed un numero crescente comincia a trovarsi in difficoltà a mantenere il livello di vita abituale. Mancano la fiducia,la spinta emotiva, la fame e l entusiasmo del dopoguerra, il Paese è ripiegato, apparentemente senza prospettive, in particolare in politica nessuno appare in grado di indicare la strada dello sviluppo. Quando si accenna al Paese di vecchi si intende appunto una comunità che consuma patrimonio e non è proiettata nel futuro. La soluzione indicata dal nostro relatore comporta perciò anzitutto capire che il modello di sviluppo va cambiato in seguito alla globalizzazione (ad esempio nel costo del lavoro); concentrare la produzione in un mercato a forte valore aggiunto, spendendo per ricerca, sviluppo e Università di qualità; impostare un progetto strategico per il futuro. La politica italiana, ridotta ad un derby fazioso, appare del tutto incapace di azione; per Cisnetto la personalizzazione berlusconiana ha tarpato il Paese e anche se tale stagione politica potrebbe trovarsi agli sgoccioli, non si può certo scommettere che questo avverrà a breve. Il tema in ogni caso è la necessità che nasca un soggetto nuovo, pur nell immiserimento del personale politico, ma non c è scelta: occorre cambiare, anche perché un nostro eventuale fallimento comporterebbe una gravissima ripercussione a livello europeo (la crisi greca, che ha così tanto preoccupato l Occidente, riguarda un paese che conta il 3% dell Unione europea), senza escludere l eventuale altra nefasta conseguenza della fine dell unità del Paese e la secessione del Nord. Seguono alcune interessanti domande del Presidente e dei soci Sarti e Grieb. Per Cisnetto il capitalismo italiano ha mutato fisionomia dalle grandi famiglie organizzate da Cuccia nel salotto buono di Mediobanca; tali famiglie non esistono più e la globalizzazione ha colpito a morte tutto quello che non fosse già sufficientemente grande, e colpito quanti sono rimasti ancorati troppo a lungo a produzioni obsolete. Nelle situazioni attuali Cisnetto ritiene impossibile che emergano grandi figure imprenditoriali. Alla domanda del prof. Sarti Cisnetto conferma che la denominazione Seconda Repubblica, da un punto strettamente costituzionale, appare una forzatura,; ciò non toglie vigore alla tesi che auspica una Costituente per una Terza Repubblica che cambi le regole del gioco, anche se tutti i tentativi fin qui esperiti sono mestamente falliti, e favorisca un autentico cambiamento anche sul piano psicologico per tutti i cittadini. In risposta al dott.grieb che introduce il tema del libero mercato in relazione alla centralità dell essere umano, Cisnetto conferma la sua adesione alla teoria keynesiana che reputa il libero mercato essenziale purché non si creda che possa autoregolarsi; è ovvio che la politica, l interesse di tutti, debba indicare la strada; il relatore riporta la sua convinzione che siano necessari PIU STATO e PIU MERCATO, intendendo nella prima formula l opera meritoria di politici come De Gasperi e La Malfa nella capacità di indicare correttamente un traguardo, e nella seconda la necessaria eliminazione delle pesantezze burocratiche nella Pubblica Amministrazione, nelle corporazioni ecc. Occorre una flessibilità pragmatica nell evoluzione storica, con strumenti governati dagli uomini e per gli uomini. Mara 14

17 Uno Di Noi Moira Busato Temevo molto il mio momento nella rubrica Uno di noi e ora che la mia paura si è concretizzata, mi appresto ad affrontarla, pur rischiando di risultare noiosa, dopo i racconti di tante storie straordinarie. Tutto comincia trentatré anni fa a Peseggia, una piccola frazione di Scorzé nell entroterra veneziano. Mamma Maria Luisa e papà Raffaello, trevigiani di nascita ma veneziani di adozione, mi regalano un infanzia molto felice e allegra, oltre al precedente regalo che mi avevano fatto trovare quando sono venuta al mondo, ovvero Roberta, la mia sorella maggiore. Sono dei genitori straordinari: mia madre mi ha insegnato la tenacia, il coraggio e la gioia di vivere, mio padre l altruismo, la generosità e la passione per il proprio lavoro. La nostra è stata una famiglia allargata. Da sempre. Il grande cuore dei miei genitori ha fatto si che, oltre alla presenza dei nonni materni, casa nostra diventasse la casa anche di alcuni cugini che si sono trovati a vivere momenti difficili: Alfredo, Omar, Ylenia i miei fratelli acquisiti. La crescita personale avviene in territorio trevigiano: le scuole medie e superiori, infatti, mi vedono iscritta al Collegio Salesiano Astori di Mogliano Veneto. Entro il primo anno in cui questa scuola, nata come scuola maschile, concede l'ammissione anche alle ragazze. Questo nella mia vita succederà altre volte Il tempo libero in quegli anni, lo trascorro in prevalenza in scuderia tra i miei adorati cavalli, allenandomi per le gare di salto ad ostacoli e dressage. Gli studi universitari si svolgono a Venezia, all Istituto Universitario di Architettura, vista la mia volontà di diventare architetto e nello specifico una paesaggista. Da questo momento tutta la mia vita sarà intrisa di architettura. Le esperienze che ne seguiranno saranno finalizzate alla conoscenza di quest arte della quale ho fatto la mia professione e al rapporto che questa ha con la natura, il paesaggio. Al secondo anno di università c'è l'incontro con Giorgia, la mia 'amica del cuore', una ragazza di Castelfranco con la quale si instaura una grande amicizia, inseparabile compagna di gioie e di dolori. Il periodo dell università mi vede impegnata anche in altre attività come i viaggi e il volontariato. A venticinque anni concludo gli studi universitari e comincio la libera professione, sia come architetto che come perito nella valutazione di danni su fabbricati. L incontro con un professore iraniano conosciuto durante il periodo universitario, diviene una solida collaborazione pluriennale nell ambito della bioarchitettura con un progetto pilota di villaggio ecologico a Treviso, una ecotower a Dubai e un esperienza presso l Università di Architettura di Venezia come assistente al corso di progettazione architettonica del quarto anno. Nello stesso periodo con la collaborazione di altri architetti sensibili alle tematiche legate alla bioarchitettura, si da vita alla sezione di Treviso dell Istituto di bioarchitettura, l INBAR. Lo studio e la ricerca in ambiti ambientali mi portano dapprima in una campagna di scavo archeologico nell insediamento nuragico Lu Brandali a Santa Teresa di Gallura in Sardegna e nel 2005 a Torino per frequentare un master in paesaggismo. 15

18 L incontro con il paesaggista Pejrone e il periodo di studio dei giardini a Barcellona mi permettono di appassionarmi maggiormente a quest arte. Il desiderio di conoscere nato da queste esperienze mi porta a voler incontrare un altro paesaggista di cui mi appassionano i progetti, l architetto Pizzetti, con il quale a seguito di un seminario in Marocco, comincia una collaborazione bruscamente interrotta, però, dalla sua improvvisa scomparsa. Un maestro, un uomo di straordinaria umiltà, dotato di un entusiasmo contagioso. Mossa dalla curiosità di confrontarmi con giovani colleghi e dallo stimolo che ne deriva, sempre l anno 2005 mi vede coinvolta in collaborazioni con l associazione Architettando di Cittadella (PD), che organizza mostre ed eventi relativi all architettura del nostro bel paese. Il 2006 vede nascere ufficialmente Architettura e Paesaggio, il mio studio, che svolge la pratica della progettazione architettonica e del paesaggio in tutte le sue declinazioni tipologiche, seguendo tutte le sue fasi operative e promuovendo l uso del linguaggio moderno. Il rapporto tra uomo e ambiente è al centro della progettazione, attraverso un'architettura in cui benessere individuale e sostenibilità ambientale sono strettamente correlati, perseguendo un idea di qualità fondata sulla ricerca dell equilibrio tra istanze di carattere strategico, disciplinare e culturale. L incontro con il Rotary avviene grazie al mio padrino Giancarlo Ballarin, che mi presenta ai soci del club di Venezia Riviera del Brenta in una calda serata di luglio. Ricordo di aver vissuto con molta emozione il 17 settembre 2009, giorno in cui sono diventata socia rotariana: è stato un grande privilegio essere la prima donna del club. Ringrazio tutti i soci che mi hanno accolta con tanto affetto. Moira 16

19 Rotary Club Venezia Riviera del Brenta PROGRAMMA DELL ANNO Cari Amici e gentili Amiche, nel corso della conviviale delle consegne dello scorso 24 giugno, ho brevemente accennato ad alcune iniziative che ho in animo di portare avanti durante la mia presidenza. Ora è opportuno entrare di più nel merito e nel dettaglio, in modo che sappiate come intendo improntare l attività del Club e quindi possiate essere attivamente partecipi e, ve ne prego vivamente, utili consiglieri. Premesso che intendo muovermi in piena continuità con la presidenza di Augusto Gabbrielli, per averne condiviso l impostazione e ogni iniziativa e per averne tratto un giudizio più che positivo, e chiarito il fatto che come mio dovere sottoporrò il mio programma e le diverse iniziative all approvazione del Consiglio Direttivo, passo ad illustrarvi i vari argomenti. IL SERVICE Ha avuto pieno successo l iniziativa, che abbiamo sostenuto, del R.C. Abano Terme Montegrotto Terme per la realizzazione di un centro oculistico di primo livello in Etiopia, ad Abobo nella regione di Gambella ai confini con il Sudan. Il rotariano Prof. Mario Angi ha saputo dar vita ad una realtà sanitaria che porterà un grande beneficio ad una popolazione di circa abitanti. Con il R.C. Addis Abeba, la Christian Blind Mission (*), i Padri Salesiani e la Rotary Foundation Matching Grant n siamo coprotagonisti di un iniziativa di cui andare orgogliosi e che ora va sostenuta, impegnando il Club per l importo di 10,00 /mese/socio. Verrà organizzata una conviviale con il R.C. di Abano Terme Montegrotto Terme in cui il Prof. Angi ci darà un ampia ed esauriente relazione di quanto è stato fatto e di quanto ancora si può fare: è il modo migliore di aiutare l Africa, dando direttamente in mano ad un coraggioso operatore le risorse, di cui ci da conto e che lui stesso provvede ad impiegare in loco. Resteremo comunque aperti a nuove richieste che dovessero esserci sottoposte dalle comunità del nostro territorio, compatibilmente con le risorse disponibili; è comunque ad esse che dobbiamo rivolgere principalmente la nostra attenzione. (*) CBM ITALIA ONLUS:UNA LUCE CONTRO LA CECITA. CBM Italia Onlus è un Organizzazione Non Governativa (ONG), la cui finalità è sconfiggere le forme evitabili di cecità e di disabilità fisica e mentale nei Paesi più poveri del mondo, senza distinzione di razza, sesso e religione. A tale scopo CBM Italia idea e attua programmi e progetti di prevenzione e cura; informa e sensibilizza l opinione pubblica sulle condizioni di vita delle persone cieche e disabili, coinvolgendo la comunità nazionale ed internazionale nella lotta alla cecità e alle altre disabilità evitabili nei Paesi in Via di Sviluppo (PVS).. CBM Italia è membro di CBM International, organizzazione apolitica e senza scopo di lucro, costituita da 9 associazioni nazionali: Australia, Canada, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Nuova Zelanda, USA e Svizzera. Dal 1989, CBM è riconosciuta come partner e collaboratore dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nella lotta contro ogni forma di cecità prevenibile e curabile e della sordità. Nel 2008 CBM ha compiuto 100 anni! 100 anni di storia, di esperienze e di sfide vinte sul campo a favore dei più 17

20 poveri tra i poveri, le persone cieche, alle quali nel tempo, si è aggiunto l aiuto alle persone con altre forme di disabilità. LE COMMISSIONI Ho ritenuto opportuno confermare le quattro Commissioni esistenti, affidandole a Soci di grande esperienza: si occuperanno di ammissioni e sviluppo dell effettivo - programmi e progetti di servizio immagine e comunicazione Rotary foundation. Intendo valorizzarne il lavoro con periodici incontri per approfondire i temi di competenza di ognuna. Ogni Socio è invitato a dare il proprio contributo di idee e di collaborazione. GIOVEDI? ROTARY SITO INTERNET Il nostro giornale è uno strumento importante di comunicazione tra noi e con il mondo esterno: continuerà le sue periodiche pubblicazioni e verrà inviato, anche a mezzo mail, a tutte le Istituzioni della Riviera del Brenta, ad altri Rotary Clubs, oltre che ai Soci e al Distretto. Dobbiamo comunicare per farci conoscere e apprezzare. Aggiorneremo il nostro sito internet all interno di quello del Distretto 2060 (www.rotary2060.it Club del Distretto Venezia Riviera del Brenta), che tuttavia è poco funzionale; è mia intenzione, come fanno quasi tutti i Clubs italiani e stranieri, di creare un nostro sito internet autonomo, che sia davvero efficace e utile strumento di comunicazione per la vita del Club. Invito tutti i Soci a proporre propri articoli sugli argomenti che meglio conoscono e che possono essere di interesse generale: ad alcuni chiederò di continuare la galleria dedicata a uno di noi. VIAGGI E GITE Come ho avuto occasione di ribadire, le gite per visitare mostre o località interessanti e i viaggi di tre/quattro giorni sono, oltre che un modo per arricchire la nostra cultura e il nostro spirito, uno strumento insostituibile per rinsaldare l amicizia tra i Soci. Passare insieme alcune giornate è il modo migliore per conoscerci, che è il primo dovere di un Socio del Club. In concreto, le gite verranno decise in relazione a mostre di particolare interesse che avranno luogo in località a portata di pullman, e terranno luogo della conviviale del giovedì precedente, quindi senza oneri aggiuntivi per il Socio. Quanto ai viaggi, il programma di massima è il seguente: Settembre Malta, un tuffo nel Mediterraneo Maggio Evreux, conferma del gemellaggio Giugno Wesel, presenza al 50 anniversario di fondazione del Club. ROTARY FOUNDATION Abbiamo aderito alla sollecitazione del Rotary International e del nostro Distretto 2060 destinando $/Socio 80,00 per il sostegno di programmi umanitari ed educativi della Fondazione e $/Socio 20,00 per il programma per l eradicazione della poliomelite: siamo parte di un progetto che ha ottenuto risultati straordinari, è quindi nostro dovere sostenerlo. 18

21 MUSICA E ARTE NUOVI SOCI Complice la mia passione per la lirica, che peraltro so condivisa da molti Soci, e la competenza di Mario Rossi, che ci introdurrà con sapienza all evento che sceglieremo, prevedo di organizzare una serata all opera, da stabilire. Seguiranno durante l anno alcune serate di ascolto musicale o comunque dedicate all arte, anche grazie alla preziosa collaborazione che ci potrà dare il nostro nuovo Socio Onorario Mario Esposito. Ribadisco l importanza di incrementare, con giudizio, l effettivo del Club: invito ogni Socio a farsi carico del problema segnalando ad Augusto, Presidente della Commissione ad hoc, il nominativo e il curriculum di potenziali nuovi Soci. Tenete presente che abbiamo alcune categorie professionali completamente scoperte, ad esempio insegnati, giornalisti, magistrati. Il mio intendimento è di invitare i candidati ad alcune nostre conviviali per conoscerli e farci conoscere, e di accoglierli tra noi in occasione della visita del Governatore che avrà luogo giovedì 9 dicembre. I TEMI DELL ANNO Non intendo abbandonare il mare nostrum navigato in questi ultimi anni da chi mi ha preceduto: il Mediterraneo continuerà ad essere presente nella vita del Club, nei suoi molteplici aspetti, a cominciare dal viaggio a Malta. Ma il tema cui intendo dedicare alcune serate di particolare impegno è quello riguardante i diritti e doveri del cittadino, così come oggi vengono a proporsi nella realtà economico sociale in cui viviamo. E una realtà dinamica che ha messo in crisi modi di pensare e comportamenti che credevamo consolidati ed immutabili: così non è, e ci rifletteremo aiutati sia da autorevoli relatori che da nostri Soci. Ci sono poi alcuni argomenti che intendo trattare in occasione di particolari ricorrenze: l 11 settembre 2001 nove anni dopo, i 150 anni dell Unità d Italia, la situazione del pianeta donna e delle effettive o meno pari opportunità. Le iniziative già fissate sono riportate nel memorandum che chiude la relazione, per le altre sarete tempestivamente informati, con la speranza che siano di vostro interesse e partecipiate numerosi con consorti e ospiti, sempre graditi. MEMORANDUM Le date che già potete segnare in agenda sono le seguenti: 9 settembre ricordando l 11 settembre settembre viaggio a Malta 9 dicembre visita del Governatore 16 dicembre festa degli auguri 10 marzo pianeta donna 17 marzo 150 anni dall Unità d Italia 23 giugno festa delle consegne BUON LAVORO AMICI Grazie al Consiglio Direttivo per la collaborazione che mi darà e a tutti quanti vorranno partecipare assiduamente alla vita del Club in questo anno rotariano: arrivederci, Renato 19

22 ROTARY DI MEZZA ESTATE Il Governatore. Domenica 8 agosto, il vostro Presidente sta tranquillamente assaporando l aperitivo sotto il campanile di Cortina, con davanti lo spettacolo naturale della Croda Dal Lago e del Becco di Mezzodì, quando suona il cellulare e compare sul display un numero sconosciuto. <Pronto chi parla?> Buongiorno Renato, sono Riccardo Caronna, spero di non disturbarti. <Caro Governatore, che sorpresa: non disturbi affatto e mi fa molto piacere sentirti; a cosa debbo il piacere della tua telefonata?> In queste giornate di ferie ho un po di tempo libero, e quindi posso sfogliare con calma le pubblicazioni rotariane: volevo complimentarmi con te per il vostro bel giornale, davvero ben fatto, e in particolare per la tua iniziativa di prendere contatto con tutti i Sindaci e gli Ordini Professionali della zona di competenza del Club. Questa iniziativa va nel senso auspicato e promosso dal Distretto in tema di pubbliche relazioni e quindi la approvo pienamente e mi congratulo per l iniziativa. Riccardo Caronna <Grazie Riccardo, dopo l ottimo lavoro del Past President Gabbrielli per rinsaldare e rinnovare il Club al suo interno, io posso dedicarmi alle relazioni esterne e in questo Giovedì? Rotary, che pure dobbiamo ad una sua iniziativa dello scorso anno, è uno strumento utilissimo.> Certo, e ti ribadisco che lo trovo molto ben fatto: ancora complimenti a te e al tuo Club e arrivederci a dicembre. <Grazie per l attenzione che ci hai riservato, buone vacanze Governatore!> Il Rotary Club Padova Euganea. E una bella tradizione quella che il Club ha in corso da alcuni anni: ritrovarsi a Cortina in una giornata di mezza estate per passare qualche ora assieme, seduti ad una tavola imbandita, e con le Dolomiti a fare da impareggiabile scenario. Grazie al fatto che Irene è da poco entrata a far parte del Rotaract Padova Euganea, anche il vostro Presidente ha avuto occasione di prendere parte a questa bella iniziativa: trovarsi in 32 il 10 di agosto, con alcuni Soci arrivati appositamente dalla pianura, è segno di un Club che funziona e in cui il piacere di passare qualche ora assieme vince sulla pigrizia dei giorni di ferie. A ciò si aggiunga che il ristorante prescelto quale sede della conviviale, il Meloncino al Camineto della famiglia Melon, è certamente il più spettacolare per quanto riguarda il panorama, è certo uno dei migliori di Cortina e non solo per quanto riguarda la qualità della cucina: Giove Pluvio ha cercato di rovinare la festa, ma la qualità del cibo e il clima di amicizia hanno avuto la meglio anche sui rovesci di pioggia. Grazie amici rotariani per la vostra cordialissima accoglienza, ora so che con voi mia figlia è in ottime mani, e spero ci saranno altre occasioni di incontro. Renato 20

23 Caro amico rotariano, molte grazie per la tua cortese lettera in relazione all inizio della nostra presidenza 2010/2011. Con il tuo permesso la renderò pubblica ai nostri Clubs. Se ricordo bene entrambi parliamo un buon inglese. Pertanto ho deciso di scrivere questa lettera in inglese nella speranza che così saremo in grado di comunicare senza bisogno di traduzioni o aiuto da parte di amici, visto che io non parlo né scrivo in italiano. Se preferisci diversamente, fammelo sapere. Tutti noi abbiamo un buon ricordo del nostro viaggio dello scorso anno, quando ho incontrato te e gli altri amici rotariani. La data del nostro anniversario nel prossimo anno è stata fissata al 25 giugno. Con piacere invitiamo te e i Soci del tuo Club a prendere parte alla celebrazione. L invito ufficiale con maggiori dettagli vi verrà inviato il prossimo anno. Se programmate di arrivare sabato, avrete tempo di unirvi alla celebrazione, che avrà inizio nel tardo pomeriggio. Per certo, ci saranno alcuni dei nostri Soci che vi accompagneranno e vi aiuteranno durante il tempo che passerete qui. Siamo in attesa di accogliere te e numerosi tuoi amici e spero di essere in grado di ricambiare l ospitalità che abbiamo sperimentato durante il nostro viaggio lo scorso anno e gli anni precedenti. Dopo che avremo messo a punto i dettagli e che tu saprai per quante persone organizzare la visita, vi daremo il programma dettagliato, potremo aiutarvi per prenotare l albergo, e fare progetti per visitare la regione circostante. Per ora, porgo i migliori auguri per un anno di presidenza ricco di successi, interessante e felice. I migliori auguri e saluti rotariani dal nostro Club al tuo, Hartmut Weddige 21

24 Gli amici del Club Via Pilade Bronzetti, Padova Tel. e fax Ai Soci Rotary sconto del 10% sui prezzi esposti 22

25 Distretto 2060 Rotary Club Venezia Riviera del Brenta Fondazione: Presidente: CESCA Renato Maria Segretario: BALDAN Luca Ufficio di Segreteria: Hotel Villa Franceschi, MIRA PORTE (VE) Consiglio Direttivo: Presidente Renato Maria CESCA - Presidente Uscente Augusto GABBRIELLI - Segretario Luca BALDAN Vice Presidente Philip PANTER Presidente Incoming Luca BALDAN Tesoriere Adriano BIANCO - Prefetto Rocco MAJER Consiglieri Bruno BELLEMO, Piero BORTOLETTI, Giorgio GIRARDI, Francesco SARTI Hanno presieduto il Club: : Adriano BIANCO : Adriano BIANCO : Giorgio BENINATO : Giulio ARGENTI : Bruno MILANI : Augusto GABBRIELLI : Benito Clauco TIOZZO : Placido Sandro VICARI : Giancarlo VETTORE : Gianfranco VALLERINI : Gianni BORTOLINI : Orlando DI BIAGI : Mario COLLINI : Rocco MAJER : Riccardo ZANETTI : Philip PANTER : Adriano BIANCO : Alberto MAGGINO : Attilio ZAJA : Piero BORTOLETTI : Marco CALZAVARA : Alessandro GRINFAN : Gabrio PELLEGRINI : Gabrio PELLEGRINI : Giuliano PUOSI : Giulio ARGENTI Augusto GABBRIELLI Club Contatto: Evreux Beffroi (Distretto 1640, Francia): responsabile contatto Renato Maria CESCA Riunioni Rotariane: Conviviali: 2 e 4 giovedi', Hotel Villa Franceschi, Via Don Minzoni,28 - Mira (VE) tel Fax Non conviviali: 1, 3 e 5 giovedi' Soci Onorari COLLINI Mario rag. (Elisabetta) - Titolare - amministratore Collini Atomi di Scarpa srl - Noventa Padovana (PD) ESPOSITO Mario dott. (Gabriella) Direttore artistico Teatro di Mirano - Mirano (VE) PIZZATI Gino PH (Leda) Sottufficiale pilota da caccia diurna e notturna Medaglia d'argento sul campo e promozione a sergente maggiore per meriti di guerra Mira (VE) Soci Attivi ARGENTI Giulio avv. prof. (Manuela) - libero professionista - Attività Libere e Professioni, Giurisprudenza - Dolo (VE) BALDAN Luca arch. (Alessandra) - Socio Architetti Baldan e Garbo Associati - Attività Libere e Professioni, Architetti, Urbanistica - Fiesso d Artico (VE) BALLARIN Giancarlo (Helga) - Restauratore - titolare perito di ammobiliamento antico - Artigianato, Restauratori, Lavorazioni Artistiche - Venezia BARIZZA Gianni (Luciana) - Presidente Elettrolight srl - Industria, Elettronica, Telecomunicazioni- Pianiga (VE) BELLEMO Bruno dott. (Maria Cecilia) - Medico - Attività Libere e Professioni, Medici, Pediatria - Oriago di Mira (VE) BIANCO Adriano rag. PH (Grazia) - Ragioniere - Attività Libere e Professioni, Consulenti, Finanziaria - Spinea (VE) BORTOLETTI Piero dott. (Marlisa) - Medico - Attività Libere e Professioni, Medici, Odontoiatria - Mirano (VE) BUSATO Moira Arch. Studio di Architettura e Paesaggio - Attività Libere e Professioni, Architetti, Giardini - Peseggia di Scorzè (VE) CALZAVARA Marco dott. prof. (Pervinca) - Medico chirurgo - Attività Libere e Professioni, Medici, Chirurgia maxillo facciale - Stra (VE) CAVALLETTO Paolo (Roberta) - Titolare Omeca - Industria, Meccanica, Carpenteria - Mira (VE) CESCA Renato Maria (Mara)- Direttore Commerciale Consorzio per l'energia e gli Impianti - Industria, Impianti, Servizi - Padova (PD) CORI Bianca (Paolo) Amministratore Unico DI.QU. S.p.A. - Servizi, Certificazione - Venezia Marghera (VE) CURCIO Michele dott. (Tiziana) - Dottore Commercialista -. Attività Libere e Professioni, Commercialisti - Spinea (VE) GABBRIELLI Augusto avv. (Cristina) - Avvocato civilista - Attività Libere e Professioni, Avvocati, Civile - Mirano (VE) GIRARDI Giorgio dott. (Anna) - Direttore sanitario Poliambulatorio Magenta - Servizi Sanitari e Sociali, Cliniche e Ambulatori Privati, Direzione Sanitaria - Padova (PD) GRIEB Stefano dott. - Studio notarile Attività libere e professioni, Notai - Mirano (VE) MAJER Rocco dott. PH (Marialuisa) - Chimico consulente qualità - Attività Libere e Professioni, Chimici, Professionale - Dolo (VE) MARCHETTI Roberto rag. dott. cav. (Manuela) Amministratore unico Peruzzo srl - Artigianato, Meccanica, Casalinghi - Montegrotto Terme (PD) MARETTO Rinaldo comm. PH (Marcellina) - Industria, Arredamento, Mobili - Pianiga (VE) MELATO Massimo ing. (Elisa) - Direttore generale Unus International Spa - Industria, Elettromeccanica, Motori - Pianiga (VE) MILANO Pietro rag. (Rita) - Consulente - Attività Libere e Professioni, Consulenti, Finanziaria - San Donà di Piave (VE) NALON Alessandro cav. (Sandra) - Socio accomandatario Nalon sas - Industria, Edilizia, Prefabbricati - Mira (VE) NARDO Giorgio cav. (Nadia Jolanda) - Presidente Nardovetro srl - Industria, Vetro, Lavorazione - Camponogara (VE) NEGRO Paolo dott. ing. (Wilma) - Presidente Pienne Consulting sas - Attività Libere e Professioni, Ingegneria, Edilizia - Marghera Venezia (VE) PANTER Philip dott. prof. PH (Fiorenza) - Docente - Presidente Oxford School srl - Istruzione e Ricerca, Insegnamento, linguistico - Mirano (VE) PASSARELLA Luca dott. (Francesca) Medico proctologo - A Mira (VE) Cell Cl. Attività libere e professioni, Medici, Proctologia PELLEGRINI Gabrio ing. (Anna Rita) - Manager - Industria, Chimica, Prodotti Agricoltura - Mirano (VE) POLETTI Valter (Gabriella) - Amministratore unico Polplastic spa - Industria, Materie Plastiche, Manufatti - Dolo (VE) RONCORONI Marina Dott. Titolare Farmacia Eredi Giantin Enzo S.n.c. - Farmacisti - Mirano (VE) ROSON Mario - Presidente SAE Impianti snc - Industria, Elettrotecnica, Prodotti Finiti - Lughetto di Campagnalupia (VE) ROSSI Mario dott. (Francesca) - Medico otorinolaringoiatra Univ. di Padova - Insegnamento Universitario, Medicina, Audiologia - Padova (PD) SARTI Francesco dott. prof. (Donatella) - Docente Clinica universitaria di Padova - Insegnamento Universitario, Medicina, Internistica - Padova (PD) SIGGIA Stefano dott. (Jennifer Mary) - Agente principale Assicurazioni Generali Spa - Assicurazione e Previdenza, Agenti - Venezia (VE) VALLERINI Gianfranco ing. PH (Giuliana) - Socio incide sas - Attività Libere e Professioni, Ingegneria, Navale - Dolo (VE) VICARI Placido Sandro Cav. di Gr. Cr. PH (Carla Alberta) - Amministratore unico Sandro Vicari spa - Industria, Abbigliamento, Calzature- Dolo (VE) ZANETTI Riccardo dott. PH (Giovanna) - Neurologo - contitolare Poliambulatorio Fenicia - Attività Libere e Professioni, Medici, Neurologia - Mirano (VE) 23

26 24

27 COMPLEANNI 1. Valter POLETTI 11 gen 2. Sandro VICARI 25 gen 3. Giorgio GIRARDI 2 feb 4. Bianca CORI 5 feb 5. Stefano G. SIGGIA 21 mar 6. Giorgio NARDO 2 apr 7. Adriano BIANCO 24 apr 8. Bruno BELLEMO 11 mag 9. Giancarlo BALLARIN 12 mag 10. Roberto MARCHETTI 25 mag 11. Marina RONCORONI 8 giu 12. Luca PASSARELLA 29 giu 13. Giulio ARGENTI 4 lug 14. Francesco SARTI 10 lug 15. Michele CURCIO 23 lug 16. Luca BALDAN 24 lug 17. Marco CALZAVARA 26 lug 18. Pietro MILANO 26 lug 19. Gianni BARIZZA 5 ago 20. Augusto GABBRIELLI 16 ago 21. Rocco MAJER 21 ago 22. Mario ROSSI 26 ago 23. Riccardo ZANETTI 31 ago 24. Philip PANTER 11 sett 25. Paolo CAVALLETTO 14 sett 26. Mario COLLINI 15 sett 27. Gianfranco VALLERINI 17 sett 28. Mario ROSON 18 sett 29. Moira BUSATO 28 sett 30. Stefano GRIEB 4 ott 31. Piero BORTOLETTI 11 ott 32. Gabrio PELLEGRINI 11 ott 33. Mario ESPOSITO 13 ott 34. Paolo NEGRO 19 ott 35. Alessandro NALON 7 nov 36. Rinaldo MARETTO 20 nov 37. Massimo MELATO 6 dic 38. Renato Maria CESCA 10 dic 39. Gino PIZZATI 20 dic

28 Gli Amici del Club Via Pilade Bronzetti, Padova Tel. e fax Ai Soci Rotary sconto del 10% sui prezzi esposti ZonaIndustriale VIII Strada, Fossò (Ve) Tel Fax

Maria Rosa Zazzano RACCOLTA POESIE

Maria Rosa Zazzano RACCOLTA POESIE Raccolta poesie Maria Rosa Zazzano RACCOLTA POESIE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maria Rosa Zazzano Tutti i diritti riservati Vi lascio le poesie non sono d autore le ho scritte io me le ha

Dettagli

OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI

OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI Nel Vangelo di Matteo Gesù agli inizi della sua attività pubblica vuole far conoscere a coloro che lo ascoltano che cosa vuole donare all umanità. Quello che abbiamo

Dettagli

Donato Panza UNA POESIA PER TE

Donato Panza UNA POESIA PER TE Una poesia per te Donato Panza UNA POESIA PER TE poesie Dedico questo libro alle persone a me più care, alla mia mamma, al mio papà, alla mia amata sorella Maria, e al mio secondo papà Donato. A tutti

Dettagli

CREDO IN CREDO LA PROFESSO ASPETTO DIO PADRE UN SOLO CREATORE GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CHIESA

CREDO IN CREDO LA PROFESSO ASPETTO DIO PADRE UN SOLO CREATORE GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CHIESA DIO PADRE UN SOLO CREATORE CREDO IN GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CREDO LA CHIESA UNA CATTOLICA SANTA APOSTOLICA PROFESSO UN SOLO BATTESIMO LA RISURREZIONE DEI MORTI

Dettagli

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si

I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si I sette doni dello Spirito Santo La nostra vita può essere paragonata ad una barca priva di motore e spinta a fatica a remi dai rematori, ma se si aggiungono delle vele gonfiate dal vento, tutto diventa

Dettagli

Palazzo del Quirinale, 15 giugno Sintesi

Palazzo del Quirinale, 15 giugno Sintesi Intervento del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro all Incontro con una Delegazione di partecipanti all VIII Assemblea Nazionale dell Associazione Italiana Donatori organi Palazzo del Quirinale,

Dettagli

Le strade dell amore. L amore è nel cuore

Le strade dell amore. L amore è nel cuore Le strade dell amore L amore è nel cuore Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Maria Loreta Gallo LE STRADE DELL AMORE L amore

Dettagli

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 Arcabas - Chiesa della Risurrezione - Comunità Nazareth - Torre de Roveri (Bg) Buio e luce Di buon mattino.... Sul fondo della valle la notte lotta contro il giorno.

Dettagli

Pubblicato per. da Mondadori Libri S.p.A. Proprietà letteraria riservata 2018 Mondadori Libri S.p.A., Milano ISBN

Pubblicato per. da Mondadori Libri S.p.A. Proprietà letteraria riservata 2018 Mondadori Libri S.p.A., Milano ISBN Pubblicato per da Mondadori Libri S.p.A. Proprietà letteraria riservata 2018 Mondadori Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-09823-6 Prima edizione: febbraio 2018 Realizzazione editoriale: Studio Editoriale

Dettagli

Il senso del mistero. Gabriella A. Ferrari

Il senso del mistero. Gabriella A. Ferrari Il senso del mistero L esperienza più bella che possiamo avere è il senso del mistero. E l emozione fondamentale che accompagna la nascita dell arte autentica e della vera scienza. Colui che non la conosce,

Dettagli

Il signor Rigoni DAL MEDICO

Il signor Rigoni DAL MEDICO 5 DAL MEDICO Per i giornali, Aristide Rigoni è l uomo più strano degli ultimi cinquant anni, dal giorno della sua nascita. È un uomo alto, forte, con due gambe lunghe e con una grossa bocca. Un uomo strano,

Dettagli

Antonella Cefis SPERANZA E AMORE

Antonella Cefis SPERANZA E AMORE Speranza e amore Antonella Cefis SPERANZA E AMORE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Antonella Cefis Tutti i diritti riservati Un angelo nella tempesta Dopo giorni di grande festa arriva la

Dettagli

L ILIADE DI OMERO. Un introduzione PERCHE STUDIARLA?

L ILIADE DI OMERO. Un introduzione PERCHE STUDIARLA? L ILIADE DI OMERO Un introduzione PERCHE STUDIARLA? L ILIADE È UNO DEI PIÙ GRANDI POEMI MAI SCRITTI, CHE È ALLA BASE DELLA NOSTRA CULTURA E DELLA NOSTRA CONCEZIONE DEL MONDO. LEGGENDO QUESTO POEMA SI RIESCE

Dettagli

Festa dei Ragazzi 12 marzo 2017

Festa dei Ragazzi 12 marzo 2017 TAPPE DEL CAMMINO DI PREPARAZIONE ALLA FESTA DEI RAGAZZI 2017 Per ognuna delle 3 tappe vengono proposti varie riflessioni e materiali, da usare e adattare in base ai gruppi. La struttura è la seguente:

Dettagli

IL LIBRO DELL APOCALISSE LA CROCE DI CRISTO COME TRIONFO

IL LIBRO DELL APOCALISSE LA CROCE DI CRISTO COME TRIONFO IL LIBRO DELL APOCALISSE Nonostante non sia di facile comprensione ha fatto riflettere tutti noi sulla morte e risurrezione del Signore. Siamo invitati a volgere il nostro sguardo al Trono del Dio, là,

Dettagli

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici

IO PER TE... TU PER NOI. Daniela Maria Tortorici 2 IO PER TE... TU PER NOI Daniela Maria Tortorici 3 A mio marito che ha creduto in me e mi ha convinta a scrivere questo libro. A mia figlia che è la ragione della mia vita. Ai miei genitori che sono dei

Dettagli

Nicola Cusano. Il Dio nascosto

Nicola Cusano. Il Dio nascosto Nicola Cusano Il Dio nascosto Un pagano disse [a un cristiano]: ti vedo inginocchiato con grande devozione, mentre versi lacrime di amore sincero e non falso. Dimmi, chi sei? CRISTIANO. Sono cristiano.

Dettagli

Una delle più classiche è quella della donna giovane e bella, in. abbigliamento belle epoque che convive con una donna anziana, dal naso e dai

Una delle più classiche è quella della donna giovane e bella, in. abbigliamento belle epoque che convive con una donna anziana, dal naso e dai Matteo 6, 24 Nessuno può servire due padroni; perché o odierà l'uno e amerà l'altro, o avrà riguardo per l'uno e disprezzo per l'altro. Voi non potete servire Dio e Mammona. Ci sono delle immagini che

Dettagli

Thomas Hobbes

Thomas Hobbes 588-676 Ebbe una vita lunga e dedita allo studio oltre che alla polemica erudita. Il leviatano, del 65, è l opera più nota. La filosofiadi Hobbes rappresenta l altra grande alternativa cui l elaborazione

Dettagli

Michael Jackson un ANGELO sulla Terra... Rimarrai sempre nei Nostri Cuori

Michael Jackson un ANGELO sulla Terra... Rimarrai sempre nei Nostri Cuori Michael Jackson un ANGELO sulla Terra... Rimarrai sempre nei Nostri Cuori Chiara Tognotti Michael Jackson un ANGELO sulla Terra... Rimarrai sempre nei Nostri Cuori poesie e pensieri Dedico questo libro

Dettagli

IMMANUEL KANT Critica del giudizio (1790)

IMMANUEL KANT Critica del giudizio (1790) IL SENTIMENTO Nella Critica del Giudizio, Kant studia quello che chiama sentimento, così come nelle altre due critiche aveva analizzato la conoscenza e la morale. Anche il sentimento di cui egli parla

Dettagli

Presentazione realizzata dalla docente Rosaria Squillaci

Presentazione realizzata dalla docente Rosaria Squillaci Presentazione realizzata dalla docente Rosaria Squillaci Presentazione dei canti a cura dei bambini di classe prima. Canti per coro e solisti eseguiti dagli alunni di seconda,

Dettagli

La vita dell uomo ha senso? 13/09/1991 Molte persone non si pongono il problema del senso dell esistenza umana, alcuni per scelta personale, altri

La vita dell uomo ha senso? 13/09/1991 Molte persone non si pongono il problema del senso dell esistenza umana, alcuni per scelta personale, altri La vita dell uomo ha senso? 13/09/1991 Molte persone non si pongono il problema del senso dell esistenza umana, alcuni per scelta personale, altri per indifferenza o per immaturità. Eppure il problema

Dettagli

365 Volte NON TEMERE

365 Volte NON TEMERE 365 Volte NON TEMERE Cari lettori, è ormai da diverso tempo che scrivo per questa rubrica e spero che voi tutti ne stiate traendo dei benefici. Vorrei innanzitutto ringraziarvi per il tempo che dedicate

Dettagli

ADORAZIONE EUCARISTICA OPERATORI PASTORALI

ADORAZIONE EUCARISTICA OPERATORI PASTORALI PARROCCHIA SACRO CUORE ADORAZIONE EUCARISTICA OPERATORI PASTORALI Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. 23 Ottobre 2014 Canto d esposizione G. La domenica del comandamento

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ Dio Padre è sempre con noi Non siamo mai soli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Nella fatica sei con noi, Signore Leggi il catechismo

Dettagli

ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione,

ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione, ha tanto da fare qui come ha avuto tanto da fare là, io dirigo il traffico da qui; non sapete quanto è meraviglioso saper aiutare da qui. Perché voi lo state facendo nella vostra dimensione, dove vivo

Dettagli

CROCE DI CRISTO E CROCE DELL'UOMO. 10 aprile 2016

CROCE DI CRISTO E CROCE DELL'UOMO. 10 aprile 2016 CROCE DI CRISTO E CROCE DELL'UOMO 10 aprile 2016 lo Spirito Consolatore nella vita dell uomo Portare la riflessione della Chiesa sui temi fondamentali e fondanti la fede cristiana comporta innanzitutto

Dettagli

ADORAZIONE EUCARISTICA MESE DI MAGGIO

ADORAZIONE EUCARISTICA MESE DI MAGGIO ADORAZIONE EUCARISTICA MESE DI MAGGIO 2012 - Madre, Madre della Redenzione Mamma!... Come Te, nessuna. Madre, Madre della Redenzione. Vergine, Vergine Immacolata, concepita senza peccato originale, preservata

Dettagli

Un fiore colto nel giardino del pensiero la voce dei poeti

Un fiore colto nel giardino del pensiero la voce dei poeti Un fiore colto nel giardino del pensiero la voce dei poeti Edoardo Santi UN FIORE COLTO NEL GIARDINO DEL PENSIERO LA VOCE DEI POETI www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Edoardo Santi Tutti i diritti

Dettagli

IL VANGELO CONCRETAMENTE. dalla penna dei partecipanti

IL VANGELO CONCRETAMENTE. dalla penna dei partecipanti IL VANGELO CONCRETAMENTE dalla penna dei partecipanti Un esperienza significativa vissuta in questi giorni Mi ha colpito l'attività sul vangelo a quattro colori... aiuta molto a capirlo anche se può essere

Dettagli

Non omnis moriar. Classi quinte Scuola primaria di Spirano a.s.2015/2016

Non omnis moriar. Classi quinte Scuola primaria di Spirano a.s.2015/2016 Non omnis moriar Classi quinte Scuola primaria di Spirano a.s.2015/2016 Il titolo che abbiamo scelto per questa mostra è Non omnis moriar, cioè Non morirò interamente, un verso scritto dal poeta latino

Dettagli

CHIESA del SACRARIO DI REDIPUGLIA. 3 settembre Dedicazione alla REGINA DELLA PACE

CHIESA del SACRARIO DI REDIPUGLIA. 3 settembre Dedicazione alla REGINA DELLA PACE CHIESA del SACRARIO DI REDIPUGLIA 3 settembre 2014 Dedicazione alla REGINA DELLA PACE Intervento del Consiglio Pastorale Sono la dirigente di un istituto scolastico superiore della provincia di

Dettagli

La fraternità si comincia ad imparare solitamente in seno alla famiglia.

La fraternità si comincia ad imparare solitamente in seno alla famiglia. In questo mio primo Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace, desidero rivolgere a tutti, singoli e popoli, l augurio di un esistenza colma di gioia e di speranza. Nel cuore di ogni uomo e di ogni

Dettagli

A cura di Alessandra Durando, Martina Ferrari, Serena Marsella, Ylenia Venturi. Liceo Classico G. Chiabrera 3^ F

A cura di Alessandra Durando, Martina Ferrari, Serena Marsella, Ylenia Venturi. Liceo Classico G. Chiabrera 3^ F A cura di Alessandra Durando, Martina Ferrari, Serena Marsella, Ylenia Venturi. Liceo Classico G. Chiabrera 3^ F DUALISMO Ma che cos è il dualismo? Il termine dualismo definisce, in generale, ogni dottrina

Dettagli

Intervento del Gen. C.A. Leonardo Gallitelli Roma, 23 luglio Signor Presidente del Consiglio dei Ministri,

Intervento del Gen. C.A. Leonardo Gallitelli Roma, 23 luglio Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, CERIMONIA DI AVVICENDAMENTO DEL COMANDANTE GENERALE DELL ARMA Roma, 23 luglio 2009 Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, Signor Ministro della Difesa, Signor Ministro dell Interno, Signori Presidenti

Dettagli

Caruso ... Qui dove il mare luccica e tira forte il vento su una vecchia terrazza davanti al golfo di Surriento

Caruso ... Qui dove il mare luccica e tira forte il vento su una vecchia terrazza davanti al golfo di Surriento Caruso Qui dove il mare luccica e tira forte il vento su una vecchia terrazza davanti al golfo di Surriento un uomo abbraccia una ragazza dopo che aveva pianto poi si schiarisce la voce e ricomincia il

Dettagli

ATTO PENITENZIALE Con fiducia e umiltà presentiamo al Signore la nostra vita e quella dei defunti, perché egli perdoni i nostri e i loro peccati.

ATTO PENITENZIALE Con fiducia e umiltà presentiamo al Signore la nostra vita e quella dei defunti, perché egli perdoni i nostri e i loro peccati. INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE È un giorno mesto il 2 novembre, ma non è un giorno triste. È mesto per il ricordo dei nostri cari defunti, ma non è triste se guidato dalla fiducia nel Signore risorto e

Dettagli

GESTI E ATTEGIAMENTI DI FEDE: IL SEGNO DELLA CROCE

GESTI E ATTEGIAMENTI DI FEDE: IL SEGNO DELLA CROCE SOLTANTO ABBI FEDE - 72 - GUIDA PASTORALE 2012/13 GESTI E ATTEGIAMENTI DI FEDE: IL SEGNO DELLA CROCE Il gesto fondamentale della preghiera del cristiano è e resta il segno della Croce. È una professione,

Dettagli

Il Bianco, Il Nero e l Arcobaleno

Il Bianco, Il Nero e l Arcobaleno Antonio Simeone Il Bianco, Il Nero e l Arcobaleno e altri racconti d Amore Edizioni www.corebook.net redazione@corebook.net A mia Mamma, a mio Padre, mie prime impronte d amore. Indice Introduzione Il

Dettagli

all uomo il Mistero, la Storia della Salvezza. La risposta dell uomo è ascolto e docilità. La Lectio Divina ha quindi una sua dinamica: è ascolto,

all uomo il Mistero, la Storia della Salvezza. La risposta dell uomo è ascolto e docilità. La Lectio Divina ha quindi una sua dinamica: è ascolto, Presentazione «Quando, lo scorso anno, mi decisi per un serio cammino spirituale, il mio direttore spirituale mi condusse alla Lectio Divina quotidiana. Ero scettica ma lo feci fedelmente. Oggi posso testimoniare

Dettagli

GIOVANNI GENTILE ( ) Gentile: lo spirito come atto. Vita ed opere

GIOVANNI GENTILE ( ) Gentile: lo spirito come atto. Vita ed opere GIOVANNI GENTILE (1875-1944) Ritratto di Giovanni Gentile http://www.ilprimatonazionale.it/wp-content/uploads/2016/04/giovanni-gentile.jpg Gentile: lo spirito come atto Vita ed opere Settantacinque in

Dettagli

Capire i media. UNDICESimA lezione. prof. Peppino Ortoleva.

Capire i media. UNDICESimA lezione. prof. Peppino Ortoleva. UNDICESimA lezione prof. Peppino Ortoleva peppino.ortoleva@gmail.com LE PAROLE SONO IMPORTANTI è essenziale imparare a usarle criticamente: cioè da un lato distinguendo bene i diversi significati, dall

Dettagli

Ognuno di noi ha una SUA CASA. E, soprattutto, una sua idea di casa... La casa è l'ambiente dove cresciamo, dove impariamo, dove stiamo bene...

Ognuno di noi ha una SUA CASA. E, soprattutto, una sua idea di casa... La casa è l'ambiente dove cresciamo, dove impariamo, dove stiamo bene... Ognuno di noi ha una SUA CASA. E, soprattutto, una sua idea di casa... La casa è l'ambiente dove cresciamo, dove impariamo, dove stiamo bene... E lì, tutto parla di noi pochi oggetti, alcune piccole cose,

Dettagli

PREGHIERA DELL ARCIVESCOVO METROPOLITA ALLA MADONNA DELLE ROSE. Chiesa Parrocchiale di S. Vittoria in Carsoli, 21 Agosto 2010

PREGHIERA DELL ARCIVESCOVO METROPOLITA ALLA MADONNA DELLE ROSE. Chiesa Parrocchiale di S. Vittoria in Carsoli, 21 Agosto 2010 PREGHIERA DELL ARCIVESCOVO METROPOLITA ALLA MADONNA DELLE ROSE Chiesa Parrocchiale di S. Vittoria in Carsoli, 21 Agosto 2010 1. O Madonna delle Rose ci rivolgiamo a Te, oggi, nel giorno della Tua festa.

Dettagli

IL COORDINAMENTO ANTI TRATTA FAVOUR E LOVETH di Palermo

IL COORDINAMENTO ANTI TRATTA FAVOUR E LOVETH di Palermo IL COORDINAMENTO ANTI TRATTA FAVOUR E LOVETH di Palermo nasce nel 2012 dalla comune e spontanea iniziativa di diverse organizzazioni ed enti che operano nel territorio di Palermo e che hanno espresso la

Dettagli

F. NIETZCHE ROCKEN 1844-NAUMBURG Giovanni Gullotta

F. NIETZCHE ROCKEN 1844-NAUMBURG Giovanni Gullotta F. NIETZCHE ROCKEN 1844-NAUMBURG 1900 1 LA DECADENZA La vita dell'universo affonda nell'irrazionale e la vita degli individui è abbandonata al gioco del caso ed è priva di spiegazione. Di fronte alla morte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S SCUOLA DELL' INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MERCATO SARACENO

PROGRAMMAZIONE A.S SCUOLA DELL' INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MERCATO SARACENO PROGRAMMAZIONE A.S. 2010-2011 SCUOLA DELL' INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MERCATO SARACENO // mese di Settembre è dedicato alla conoscenza tra bambini e tra bambini ed insegnante: prima dell'inizio del

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO

DELLA SCUOLA DEL SABATO LEZIONE 11 DELLA SCUOLA DEL SABATO LIBERTÀ IN CRISTO 3 TRIMESTRE 2017 SABATO 9 SETTEMBRE 2017 Dopo aver dichiarato la libertà che abbiamo in Cristo, Paolo contesta questa libertà con la schiavitù del legalismo

Dettagli

Immacolata Concezione: Un fiore per la Madonna, da collocare davanti la Corona d Avvento

Immacolata Concezione: Un fiore per la Madonna, da collocare davanti la Corona d Avvento Animazione della Corona d Avvento 2014 Tema generale: il discernimento. In ogni domenica o festa si focalizzerà l attenzione su uno o più personaggi delle letture della Messa prendendone spunto per la

Dettagli

BENVENUTO IO HO UNA GIOIA NEL CUORE

BENVENUTO IO HO UNA GIOIA NEL CUORE Marina di Carrara, 12 ottobre 2014 BENVENUTO Benvenuto benvenuto, benvenuto a te! (x2) Se guardo nei tuoi occhi, io vedo che... l'amore ci unisce nel Signore. (x2) IO HO UNA GIOIA NEL CUORE Io ho una gioia

Dettagli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli

FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli FILOSOFIA cos è? perché studiarla? di cosa si occupa il filosofo? prof. Elisabetta Sangalli Quali sono natura ruolo e scopo della filosofia? cerchiamo una risposta a questi interrogativi nelle parole degli

Dettagli

PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA BARI. «Cosa volete che io faccia per voi?» (10,35-45)

PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA BARI. «Cosa volete che io faccia per voi?» (10,35-45) PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA BARI «Cosa volete che io faccia per voi?» (10,35-45) Anno Pastorale 2015-2016 Strumenti per capire Dopo ogni annuncio della passione, morte e risurrezione,

Dettagli

Il trasformista. #Tempo libero #Collaboratori #Teatro #Attore filodrammatico /8

Il trasformista. #Tempo libero #Collaboratori #Teatro #Attore filodrammatico /8 Già durante le prove Michael Gsell si cala completamente nel personaggio: nell opera teatrale «La morte nel villaggio» recita la parte dell ispettore. Il trasformista #Tempo libero #Collaboratori #Teatro

Dettagli

I CELTI E GLI INDIANI D AMERICA ENTRAMBI IN STRETTO RAPPORTO CON LA NATURA

I CELTI E GLI INDIANI D AMERICA ENTRAMBI IN STRETTO RAPPORTO CON LA NATURA I CELTI E GLI INDIANI D AMERICA ENTRAMBI IN STRETTO RAPPORTO CON LA NATURA Inno di Mediosaminos Salve, Sole delle stagioni, tu che cammini nei cieli alti; Coi tuoi passi forti sull alto vuoto Sei la

Dettagli

In I A, di questo percorso, ci vogliamo tenere in mente

In I A, di questo percorso, ci vogliamo tenere in mente In I A, di questo percorso, ci vogliamo tenere in mente la bellezza di descrivere l oggetto che ci rappresenta e scoprire cosa significa per l altro il suo oggetto. x che è stato bello! Ho capito più cose

Dettagli

Gli argomenti che rientrano nel campo della Cristologia comprendono la Trinità, che tratta del rapporto fra Dio, Gesù e lo Spirito Santo, e la

Gli argomenti che rientrano nel campo della Cristologia comprendono la Trinità, che tratta del rapporto fra Dio, Gesù e lo Spirito Santo, e la Gli argomenti che rientrano nel campo della Cristologia comprendono la Trinità, che tratta del rapporto fra Dio, Gesù e lo Spirito Santo, e la rinascita che riguarda il rapporto fra Gesù, lo Spirito Santo

Dettagli

Spero che Babbo Natale possa portarci dei doni. Tua Sara

Spero che Babbo Natale possa portarci dei doni. Tua Sara O mio Gesù, quando sarai grande e farai i miracoli vorrei che tu facessi del bene a tutto il mondo. So che lo farai perché non vuoi il male, ma solo il bene. Signore, mia luce, con te sto bene per questo

Dettagli

POESIE SULLA GUERRA. OGGI COME IERI LA STESSA SOFFERENZA.

POESIE SULLA GUERRA. OGGI COME IERI LA STESSA SOFFERENZA. LA CLASSE QUINTA DI S. GIORGIO AL T. PRESENTA POESIE SULLA GUERRA. OGGI COME IERI LA STESSA SOFFERENZA. IL CUORE DI PIETRA Ci sarà un fuoco di dolore e di sofferenza che oscurerà tutto e tutti. Ma un giorno

Dettagli

PREGHIERA DELL ARCIVESCOVO METROPOLITA AL TERMINE DELLA PROCESSIONE DEL CRISTO MORTO. Sagrato della Basilica di S. Bernardino, 6 Aprile 2012

PREGHIERA DELL ARCIVESCOVO METROPOLITA AL TERMINE DELLA PROCESSIONE DEL CRISTO MORTO. Sagrato della Basilica di S. Bernardino, 6 Aprile 2012 PREGHIERA DELL ARCIVESCOVO METROPOLITA AL TERMINE DELLA PROCESSIONE DEL CRISTO MORTO Sagrato della Basilica di S. Bernardino, 6 Aprile 2012 1. Gesù, Figlio di Dio, ti abbiamo accompagnato per le strade

Dettagli

Lectio divina. Alla scuola di un Amore fuori misura. A cura di Vito Cassone Anno II/7 26 dicembre 2010 FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA

Lectio divina. Alla scuola di un Amore fuori misura. A cura di Vito Cassone Anno II/7 26 dicembre 2010 FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA Lectio divina Alla scuola di un Amore fuori misura A cura di Vito Cassone Anno II/7 26 dicembre 2010 FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA Lectio Divina DOMENICA FRA L'OTTAVA DI NATALE SANTA FAMIGLIA DI GESÙ MARIA

Dettagli

Alunni e studenti interpretano Viviani

Alunni e studenti interpretano Viviani 21 Alunni e studenti interpretano Viviani Scuola Elementare «G. Newbery», Marina di Pisa Scuola Elementare «G.Viviani», Marina di Pisa Scuola Media «N. Pisano», Marina di Pisa Liceo Classico «G. Galilei»,

Dettagli

PARROCCHIE AVESA E MONTECCHIO INCONTRO ADOLESCENTI 01 - ZAC E IL SUO ALBERO

PARROCCHIE AVESA E MONTECCHIO INCONTRO ADOLESCENTI 01 - ZAC E IL SUO ALBERO PARROCCHIE AVESA E MONTECCHIO INCONTRO ADOLESCENTI 01 - ZAC E IL SUO ALBERO CANTO DI LODE Sono qui a lodarti Luce del mondo, nel buio del cuore Vieni ed illuminami Tu mia sola speranza di vita Resta per

Dettagli

OMELIA : NOTTE DI NATALE

OMELIA : NOTTE DI NATALE OMELIA : NOTTE DI NATALE Che cosa significa essere qui? Ognuno può dare la sua risposta però la risposta vera è una sola. Il natale è contemporaneamente la grandezza di Dio e la sua benevola vicinanza

Dettagli

Critica del Giudizio

Critica del Giudizio Critica del Giudizio Dalle due Critiche ( Critica della Ragion pura e Critica della Ragion pratica) emerge l opposizione tra il mondo naturale, dominato dalla necessità ed estraneo alla morale e allo spirito,

Dettagli

CANTO PER IL BEATO GIOVANNI M. BOCCARDO

CANTO PER IL BEATO GIOVANNI M. BOCCARDO CANTO PER IL BEATO GIOVANNI M. BOCCARDO (Testo e musica di Felice Tòtaro - Nichelino) 2 BEATO GIOVANNI BOCCARDO SEMPLICE E NASCOSTO ALLE GENTI, POVERO TRA GLI ULTIMI DI CRISTO: DIO CHE INNALZA GLI UMILI

Dettagli

Convegno 30 gennaio IDEE DI OGGI PER IL LAVORO DI DOMANI Sandra Miotto

Convegno 30 gennaio IDEE DI OGGI PER IL LAVORO DI DOMANI Sandra Miotto Convegno 30 gennaio 2014 - IDEE DI OGGI PER IL LAVORO DI DOMANI Sandra Miotto Ringrazio innanzitutto dell invito in questo momento di confronto e di dibattito intorno a un tema così importante e urgente

Dettagli

La un gr o Dio, e tras La e rapid fra amaro semp uomo ricord compr dispos Il des pres famig mai d d Ne terra No assen e Io vi a vi ho Nel t c e riman Una evapo tom pregh la Nel tri al suo e la n Conso

Dettagli

Le poesie del divino amore

Le poesie del divino amore Le poesie del divino amore Fernando Isacco Benato LE POESIE DEL DIVINO AMORE Poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2016 Fernando Isacco Benato Tutti i diritti riservati L amore di due angeli Ho visto

Dettagli

Kierkegaard l esistenza come possibilità e fede

Kierkegaard l esistenza come possibilità e fede l esistenza come possibilità e fede Antitesi all idealismo: Singolo contro lo spirito universale Esistenza concreta contro ragione astratta Libertà come possibilità contro libertà come necessità Alternative

Dettagli

I doni dello Spirito Santo: 3. Il Consiglio. Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

I doni dello Spirito Santo: 3. Il Consiglio. Cari fratelli e sorelle, buongiorno! PAPA FRANCESCO UDIENZA GENERALE Piazza San Pietro - Mercoledì, 7 maggio 2014 I doni dello Spirito Santo: 3. Il Consiglio Cari fratelli e sorelle, buongiorno! Abbiamo sentito nella lettura di quel brano

Dettagli

LE ORIGINI DEL PENSIERO FILOSOFICO

LE ORIGINI DEL PENSIERO FILOSOFICO LE ORIGINI DEL PENSIERO FILOSOFICO Argomenti Una definizione di FILOSOFIA Dal mito al logos Le peculiarità della società greca UNA DEFINIZIONE FILOSOFIA: RICERCA RAZIONALE SUI FONDAMENTI DELL ESSERE, DEL

Dettagli

RITO PER LA RICONCILIAZIONE DEI SINGOLI PENITENTI

RITO PER LA RICONCILIAZIONE DEI SINGOLI PENITENTI RITO PER LA RICONCILIAZIONE DEI SINGOLI PENITENTI 41. Quando il penitente si presenta per fare la sua confessione, il sacerdote lo accoglie con bontà e lo saluta con parole affabili e cordiali. 42. Quindi

Dettagli

Mettersi in proprio, perché?

Mettersi in proprio, perché? Mettersi in proprio, perché? Intervista a Katia, animatrice Il lavoro autonomo tra sogni e realtà. Perché lavorare per costruire i propri sogni e realizzare quelli degli altri Intervista a Katia De Cesare,

Dettagli

PROMESSE DELLA FRATERNITA CdG 2017

PROMESSE DELLA FRATERNITA CdG 2017 PROMESSE DELLA FRATERNITA CdG 2017 Il 4 ottobre alle 18.15, i fratelli e sorelle della Fraternità di vita della Casa del Giovane hanno rinnovato davanti al vescovo Corrado le Promesse. Esse esprimono la

Dettagli

Omelia S. Messa Epifania 2016

Omelia S. Messa Epifania 2016 Omelia S. Messa Epifania 2016 1 Carissimi fratelli e sorelle, oggi noi celebriamo la decisione del Padre di chiamare ogni uomo a conoscere Cristo Gesù. L opera della divina misericordia che celebriamo

Dettagli

PUO LA FEDE GUARIRMI DA MALATTIE E INFERMITA

PUO LA FEDE GUARIRMI DA MALATTIE E INFERMITA PUO LA FEDE GUARIRMI DA MALATTIE E INFERMITA La Guarigione Avviene Per Fede? COS È LA FEDE Ebrei 11:1 Or la fede è la sostanza delle cose che si sperano, la dimostrazione delle cose che non si vedono.

Dettagli

PREGHIERA PER UN BIMBO APPENA NATO

PREGHIERA PER UN BIMBO APPENA NATO PREGHIERA PER UN BIMBO APPENA NATO Signore, ci hai dato la gioia di un figlio: custodiscilo e proteggilo dal male, concedi che possa conoscere il tuo amore. Aiutaci ad essere per lui un riflesso vivo della

Dettagli

Introduzione Religione e senso della vita

Introduzione Religione e senso della vita Introduzione Religione e senso della vita La religione propone le risposte più forti, più antiche e più credute alla questione del senso della vita. A questo titolo essa non può non interessare la filosofia

Dettagli

G.W.F. Hegel. Filosofia dello Spirito. Spirito Assoluto: Arte. Religione. Filosofia

G.W.F. Hegel. Filosofia dello Spirito. Spirito Assoluto: Arte. Religione. Filosofia G.W.F. Hegel Filosofia dello Spirito. Spirito Assoluto: Arte. Religione. Filosofia Spirito Assoluto Spirito Assoluto Negli stati e nella storia lo Spirito trova un incarnazione che resta sempre determinata

Dettagli

Giorgio Ronzoni testo Luca Salvagno illustrazioni. IL DONO PERFETTO Alla scoperta dei doni dello Spirito Santo

Giorgio Ronzoni testo Luca Salvagno illustrazioni. IL DONO PERFETTO Alla scoperta dei doni dello Spirito Santo Giorgio Ronzoni testo Luca Salvagno illustrazioni IL DONO PERFETTO Alla scoperta dei doni dello Spirito Santo ISBN 978-88-250-4458-4 Copyright 2017 by P.P.F.M.C. MESSAGGERO DI SANT ANTONIO EDITRICE Basilica

Dettagli

Questa tua parola non avrà mai fine,ha varcato i cieli e porterà il suo frutto.

Questa tua parola non avrà mai fine,ha varcato i cieli e porterà il suo frutto. AVE MARIA (BALDUZZI/CASUCCI) Donna del presente e madre del ritorno / Donna della terra e madre dell amore / Donna dell attesa e madre di speranza / Donna del sorriso e madre del silenzio / Ave Maria,

Dettagli

Casatenovo: ''la fede che salva'' dopo la perdita di un figlio. Il dr Achilli presenta il libro scritto dopo la scomparsa di Andrea

Casatenovo: ''la fede che salva'' dopo la perdita di un figlio. Il dr Achilli presenta il libro scritto dopo la scomparsa di Andrea Il primo giornale online della provincia di Lecco Casateonline > Cronaca > dal territorio Scritto Sabato 09 novembre 2013 alle 17:46 Casatenovo: ''la fede che salva'' dopo la perdita di un figlio. Il dr

Dettagli

Il Mahabharata di Jean-Claude Carriére - Vallardi Industrie Grafiche ( )

Il Mahabharata di Jean-Claude Carriére - Vallardi Industrie Grafiche ( ) Il Mahabharata di Jean-Claude Carriére - Vallardi Industrie Grafiche (1989-2003) Per chi non ne sa nulla è bene ricordare che il Mahabharata non è un romanzo scritto da Jean-Claude Carriére, bensì il più

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE Sorelle e fratelli, ci raduniamo in assemblea all inizio del nuovo anno che vogliamo porre sotto lo sguardo benedicente del Signore che nell incarnazione ha voluto condividere

Dettagli

SANTA DOROTEA 2016 UNA PORTA APERTA AL CIELO!

SANTA DOROTEA 2016 UNA PORTA APERTA AL CIELO! SANTA DOROTEA 2016 UNA PORTA APERTA AL CIELO! DALLA STORIA DI S. DOROTEA: FIORI E FRUTTI DAL CIELO! Durante il percorso al luogo del martirio, Dorotea incontra il giovane avvocato Teofilo che prendendola

Dettagli

Relazione sul significato cristiano della vita

Relazione sul significato cristiano della vita Relazione sul significato cristiano della vita Ad un certo punto della nostra esistenza bisogna fare l esame di alcuni problemi di base. Bisogna cioè chiedersi perché viviamo, dove andiamo, che scopo insomma

Dettagli

LABORATORI CATECHISTICI

LABORATORI CATECHISTICI LABORATORI CATECHISTICI 2011-2012 CREDO Niceno-Costantinopolitano Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore,

Dettagli

LE ARANCE DI MICHELE. dai 9 anni VICHI DE MARCHI

LE ARANCE DI MICHELE. dai 9 anni VICHI DE MARCHI dai 9 anni LE ARANCE DI MICHELE VICHI DE MARCHI Illustrazioni di Vanna Vinci Serie Arancio n 134 Pagine: 208 Codice: 978-88-566-1303-2 Anno di pubblicazione: 2011 L AUTORE Roberto Denti è rimasto, anche

Dettagli

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA I DESTINATARI DELLA CATECHESI L arco dell esistenza umana è normalmente suddiviso in tratti specifici: infanzia, fanciullezza, adolescenza, giovinezza, età adulta

Dettagli

Dalle parti delle mie emozioni. (con la speranza di incontrarti )

Dalle parti delle mie emozioni. (con la speranza di incontrarti ) Dalle parti delle mie emozioni (con la speranza di incontrarti ) Gippo Comini DALLE PARTI DELLE MIE EMOZIONI (con la speranza di incontrarti ) raccolta di Emozioni A Marta e Bea Si stan facendo grandi

Dettagli

VITA... PER SEMPRE SABIDEA Concorso poesie 2 febbraio 2014

VITA... PER SEMPRE SABIDEA Concorso poesie 2 febbraio 2014 VITA... PER SEMPRE Concorso poesie 2 febbraio 2014 IL CERO G. C. Maria SGUARDI Desiderio di bambola. Volontà di donna. Sogno di essere mamma. Lunga attesa. Giorni infiniti. Gioia! Sei naturalmente bella,

Dettagli

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali.

importanti della Settimana Santa e scoprire la risurrezione come vita nuova. -Conoscere il significato di alcuni simboli pasquali. CLASSI PRIME Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Scoprire nell ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre -Conoscere e farsi conoscere per

Dettagli

Fiat 19 Marzo Fiat 20 Marzo 1903

Fiat 19 Marzo Fiat 20 Marzo 1903 Estratto dal libro: Luisa Piccarreta, Libro di Cielo. Il richiamo della creatura nell ordine, al suo posto e nello scopo per cui fu creata da Dio. Volume 5, 6, 7, 8, 9 e 10, tomo 3, vol. 5, p. 27, 2014.

Dettagli

Progetto di educazione religiosa anno 2017/2018 Custodi dell alleanza

Progetto di educazione religiosa anno 2017/2018 Custodi dell alleanza Progetto di educazione religiosa anno 2017/2018 Custodi dell alleanza Premessa Il progetto vuole far leva sulla capacità dei bambini di essere dei potenziali CUSTODI di ciò che li circonda. La motivazione

Dettagli

01 - Fratello Dove Sei Quante volte hai preso la mia mano Scegli sempre l'amico nel deriso Guarda avanti e' quello il tuo cammino

01 - Fratello Dove Sei Quante volte hai preso la mia mano Scegli sempre l'amico nel deriso Guarda avanti e' quello il tuo cammino 01 - Fratello Dove Sei Quante volte hai preso la mia mano Scegli sempre l'amico nel deriso Guarda avanti e' quello il tuo cammino E' un legame naturale E' nelle vene Il mio sangue misto al tuo E le catene

Dettagli

Sogno di una speranza

Sogno di una speranza Sogno di una speranza Susanna Nicoletti SOGNO DI UNA SPERANZA poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Susanna Nicoletti Tutti i diritti riservati A volte vorrei cambiare tutto A volte vorrei non

Dettagli

GIORNATA DEL PADRE NOSTRO 26 GENNAIO La famiglia in cammino verso il Padre

GIORNATA DEL PADRE NOSTRO 26 GENNAIO La famiglia in cammino verso il Padre GIORNATA DEL PADRE NOSTRO 26 GENNAIO 2015 La famiglia in cammino verso il Padre CONSEGNA DELLA PREGHIERA DEL SIGNORE CANTO INTRODUTTIVO In spirito e verità celebriamo il mistero della salvezza. Cristo

Dettagli

Una notte sotto le stelle

Una notte sotto le stelle Una notte sotto le stelle Impariamo a guardare il cielo Non occorre essere degli esperti per rimanere colpiti dalla bellezza delle stelle, e saper riconoscere stelle e pianeti dà una soddisfazione in più!

Dettagli

Il Linguaggio Del Corpo Femminile

Il Linguaggio Del Corpo Femminile Il Linguaggio Del Corpo Femminile Di ArteSeduzione.it Ecco Come Leggere Il Corpo Di Una Donna Guardandola Il Linguaggio Del Corpo Femminile ArteSeduzione.it Pag. 1 Condizioni d Uso Tutti i diritti sono

Dettagli