REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI"

Transcript

1 COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI Provincia regionale di Palermo REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegati: 1) Appendice normativa 2) Quadro Sinottico - Codice Disciplinare Allegato alla delibera Giunta Comunale n. 14 del

2 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Responsabilità disciplinare del personale Art. 3 - Tipologia delle sanzioni e Codice Disciplinare Art. 4 - Titolarità dell azione disciplinare Art. 5 - L Ufficio per i Procedimenti Disciplinari (U.P.D.) Art. 6 - Obbligo di astensione - Ricusazione dei componenti dell U.P.D. TITOLO II DISPOSIZIONI SUL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Art. 7 - Obbligo di segnalazione Art. 8 - Segnalazione da parte di terzi Art. 9 - Omessa segnalazione nei termini Art Fasi e termini del procedimento disciplinare TITOLO III LA CONTESTAZIONE DISCIPLINARE Art Comunicazioni al dipendente Art Protocollazione Art Acquisizione precedenti disciplinari Art Il rimprovero verbale Art Contestazione degli addebiti e audizione del dipendente Art Acquisizione di ulteriori elementi di prova TITOLO IV CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE - IRROGAZIONE DELLA SANZIONE Art Chiusura dell attività istruttoria e termini del procedimento Art Archiviazione Art Determinazione ed irrogazione della sanzione

3 Art Applicazione della sanzione in caso di trasferimento del dipendente ad altra Pubblica Amministrazione o in caso di sue dimissioni Art Impugnazione delle sanzioni disciplinari TITOLO V ALTRE DISPOSIZIONI GENERALI Art Effetti del procedimento disciplinare Art Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale Art Sospensione cautelare Art Ulteriori sanzioni Art Norme di rinvio Art Entrata in vigore TITOLO VI DISPOSIZIONI FINALI 1) Appendice normativa 2) Quadro Sinottico - Codice Disciplinare ALLEGATI

4 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Le presenti norme interne disciplinano la gestione applicativa del procedimento disciplinare, dalla fase della contestazione a quella dell irrogazione della sanzione, nel rispetto dei termini e delle modalità previste negli artt. 55 e seguenti del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i., per come sostituiti, modificati ed aggiunti dal D. Lgs. 150/2009 e s.m.i. e nei singoli CCNL del comparto Regioni-Autonomie Locali vigenti nel tempo. 2. I comportamenti dotati di rilevanza disciplinare possono avere la loro fonte: a) nei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro; b) nel Codice di comportamento (nazionale e integrativo) e nel Piano Anticorruzione; c) nel D. Lgs. 165/2001 e s.m.i.; d) nella legislazione speciale. Articolo 2 Responsabilità disciplinare del personale 1. I dipendenti del Comune, a tempo indeterminato o determinato o a contratto, sono tenuti a svolgere la propria attività lavorativa secondo i canoni e gli standard di competenza e professionalità richiesti dal proprio inquadramento professionale, dalla vigente normativa in materia, dai CCNL, dal proprio contratto individuale di lavoro stipulato con l'ente. 2. A tutto il personale dell'ente è fatto altresì obbligo, nell'espletamento della propria attività lavorativa, di rispettare: a) le norme comportamentali di cui al CCNL di comparto e s.m.i. nonché quelle contenute nel vigente Codice di Comportamento (nazionale e integrativo); b) le disposizioni contenute nel titolo IV del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. che costituiscono norme imperative, ai sensi e per gli effetti degli artt e 1419 secondo comma del codice civile. 3. La violazione degli obblighi di comportamento di cui ai commi precedenti è fonte di responsabilità disciplinare. 4. Per quanto non espressamente previsto nella presente disciplina si rinvia alle disposizioni dettate dall'articolo 2106 del Codice Civile; resta ferma la disciplina in materia di responsabilità civile, amministrativa, penale e contabile. Articolo 3

5 Tipologie delle sanzioni e Codice Disciplinare 1. La tipologia delle infrazioni e delle relative sanzioni disciplinari applicabili ai dipendenti trovano la loro fonte negli artt. da 55 a 55-octies del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. e nei contratti collettivi di lavoro del comparto Regioni-Autonomie locali. 2. Le sanzioni che possono essere applicate in ragione della gravità della violazione e previo procedimento disciplinare, come previste dalle norme contrattuali vigenti, (articolo 24 CCNL e s.m.i.) sono: a) rimprovero verbale; b) rimprovero scritto (censura); c) multa di importo fino ad un massimo di 4 ore di retribuzione; d) sospensione dal servizio e dalla retribuzione fino ad un massimo di 10 giorni; e) sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da 11 giorni fino ad un massimo di sei mesi; f) licenziamento con preavviso; g) licenziamento senza preavviso. 3. Le infrazioni di cui alla lettera da b) a d) sono classificate infrazioni minori; quelle di cui alla lettera da e) a g) infrazioni gravi. 4. Il tipo e l entità di ciascuna delle sanzioni più sopra riportate sono determinati in relazione ai criteri generali contenuti nel Codice Disciplinare allegato al CCNL e nel rispetto di quanto previsto nel Titolo IV del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. 5. Il Codice Disciplinare unitamente alle disposizioni del Titolo IV del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. sono portati a conoscenza dei singoli lavoratori dandone la massima pubblicità mediante pubblicazione sul sito istituzionale del Comune; per i lavoratori che non possono accedere direttamente al sito internet del Comune il suddetto materiale è affisso all ingresso della sede di lavoro. 6. Detta pubblicità deve riguardare anche il Codice di comportamento (nazionale e integrativo), attesa l idoneità delle sue regole ad integrare le norme disciplinari previste dai contratti collettivi e dalla legge. Articolo 4 Titolarità dell azione disciplinare 1. Nel rispetto di quanto previsto nel Titolo IV del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. e considerato che nel Comune non vi è personale con qualifica dirigenziale, la titolarità dell azione disciplinare spetta:

6 a) al Responsabile di Direzione per l irrogazione diretta del solo rimprovero verbale nei confronti del personale a lui assegnato; b) al Segretario Comunale per l irrogazione diretta del solo rimprovero verbale nei confronti dei Responsabili di Direzione; c) all Ufficio per i Procedimenti Disciplinari (U.P.D.) cui spetta l intera gestione del procedimento (dalla contestazione alla irrogazione della sanzione) sia per le infrazioni classificate minori che per quelle classificate gravi nonché per quelle direttamente previste negli artt. da 55 a 55-octies del citato D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. Articolo 5 L Ufficio per i Procedimenti Disciplinari (U.P.D.) 1. L U.P.D. è competente per i procedimenti disciplinari nei confronti di tutto il personale del Comune, ivi compresi i Responsabili di Direzione, per fatti che comportano sanzioni superiori al rimprovero verbale, così come previsto dalla vigente normativa in materia e come specificato nel precedente articolo In caso di assenza o impedimento dei membri dell U.P.D. ovvero in caso di incompatibilità accertata ai sensi di legge o qualora siano direttamente coinvolti nel procedimento disciplinare, il Sindaco dispone, con proprio decreto, la loro temporanea sostituzione con altro personale di adeguata competenza. 3. L U.P.D. può avvalersi, in ragione della complessità, della natura e rilevanza delle questioni oggetto del procedimento disciplinare e per questioni specifiche, di consulenti tecnici appositamente nominati. 4. L U.P.D. può aprire direttamente i procedimenti disciplinari non solo nei casi in cui la segnalazione pervenga da parte del Segretario Comunale o dei Responsabili di Direzione, ma anche nelle ipotesi in cui l Ufficio abbia altrimenti acquisito notizia qualificata dell infrazione tramite segnalazione da parte di un amministratore e/o di un collega e/o di un Ente pubblico esterno e/o di un cittadino, infrazione che potrebbe essere fonte di responsabilità disciplinare. 5. Nell espletamento delle sue attribuzioni l U.P.D. dispone di pieni poteri in ordine a sopralluoghi, ispezioni, acquisizione di testimonianze e assunzione di qualsiasi mezzo di prova, incluso l acquisizione di informazioni e documenti da altre amministrazioni pubbliche. 6. L U.P.D. è così composto: - Segretario Comunale - Presidente; - Responsabile della Direzione Affari Generali componente istruttore; - Responsabile della Direzione Economico-Finanziaria componente.

7 7. L U.P.D. viene costituito con provvedimento del Sindaco e resta in carica per tutta la durata del mandato sindacale. Articolo 6 Obbligo di astensione - Ricusazione dei componenti dell U.P.D. 1. Ciascun componente dell U.P.D. ha l obbligo di astenersi e può essere ricusato dal dipendente che ha ricevuto la contestazione disciplinare. 2. Le cause che determinano l obbligo di astensione e la facoltà di ricusazione sono quelle previste in materia dal codice di procedura civile per quanto applicabili ai procedimenti disciplinari. 3. L istanza motivata e comprovata di ricusazione, debitamente sottoscritta dal dipendente sottoposto a procedimento disciplinare, deve essere presentata, a pena di inammissibilità, all U.P.D. entro e non oltre la data di prima convocazione, ovvero, se il procedimento è già iniziato, entro tre giorni dalla data in cui il dipendente è venuto a conoscenza dell incompatibilità stessa. Detta istanza verrà considerata impedimento del dipendente ai sensi dell articolo 55-bis del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. 4. Entro tre giorni lavorativi consecutivi dalla data di trasmissione dell istanza, l U.P.D. con motivato provvedimento decide in merito, e se necessario richiede al Sindaco di procedere alla surroga di cui all art. 5 secondo comma del presente Regolamento. TITOLO II DISPOSIZIONI SUL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Articolo 7 Obbligo di segnalazione 1. I Responsabili di Direzione nei confronti del personale loro assegnato, ovvero il Segretario Comunale nei confronti dei primi, quando hanno notizia di comportamenti che potrebbero costituire fonte di responsabilità disciplinare punibili con una sanzione superiore al rimprovero verbale, sono obbligati al più presto e comunque entro e non oltre cinque giorni dalla notizia del fatto, a trasmettere all U.P.D. idonea documentazione contenente la precisa descrizione e l esatta collocazione temporale del fatto. 2. Ad esito della segnalazione come sopra trasmessa, l U.P.D. procederà nei tempi e nei modi di legge nei confronti del dipendente cui si riferisce la segnalazione. Articolo 8 Segnalazione da parte di terzi

8 1. Le segnalazioni da qualunque soggetto provenienti sono considerate valide purché redatte per iscritto e recanti i seguenti elementi: a) sottoscrizione del dichiarante; b) descrizione circostanziata del comportamento astrattamente punibile; c) individuazione dell'autore della violazione. 2. Alle segnalazioni pervenute all Amministrazione tramite mezzi di trasmissione a distanza (raccomandata, fax, , etc.) deve essere allegato un valido documento di riconoscimento del dichiarante. 3. Si può prescindere dai requisiti di cui alle lett. b) e c) di cui al primo comma qualora la segnalazione sia corredata da idonea documentazione a comprova. 4. Ai sensi dell'articolo 55-bis quinto comma del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i., il dipendente interessato e/o il suo difensore hanno libero accesso in forma integrale alla segnalazione di cui sopra. 5. Ricevuta la segnalazione l'u.p.d. procederà nei modi e nei termini di cui alla vigente disciplina e alle presenti norme. Articolo 9 Omessa segnalazione nei termini 1. Nel caso in cui il mancato esercizio o la decadenza dell azione disciplinare sia eziologicamente ricollegabile ad omissione o ritardo della segnalazione disciplinare, l'u.p.d. procederà ai sensi dell'articolo 55-sexies comma 3 del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i., previa contestazione disciplinare che dovrà avvenire nel rispetto della vigente normativa e delle presenti norme. 2. Qualora venga rilevato che l'omessa contestazione sia imputabile all'u.p.d., si procederà alle relative contestazioni nei confronti dei suoi componenti, nel rispetto e con le procedure di cui alla vigente normativa in materia ed alle presenti norme. Articolo 10 Fasi e termini del procedimento disciplinare 1. Sulla scorta delle segnalazioni pervenute ai sensi dei precedenti articoli 7 e 8 e per le infrazioni di cui all articolo 4 primo comma 1, lett. c) delle presenti norme, la contestazione deve essere effettuata dall U.P.D. ove ritenga che le stesse siano sanzionabili con provvedimento disciplinare. 2. La contestazione deve essere effettuata per iscritto, senza indugio e comunque entro 20 giorni o 40 giorni dalla ricezione della segnalazione, a seconda che la sanzione sia, rispettivamente, di minore o maggiore gravità.

9 3. Il dipendente deve essere convocato per il contraddittorio a sua difesa, con l eventuale assistenza di un procuratore ovvero di un rappresentante dell associazione sindacale cui il lavoratore aderisce o conferisce mandato, con un preavviso di almeno 10 o 20 giorni a seconda che la sanzione sia di minore o maggiore gravità. 4. Entro il termine fissato il dipendente convocato, se non intende presentarsi, può inviare una memoria scritta o, in caso di grave ed oggettivo impedimento, formulare motivata istanza di rinvio del termine per l esercizio della sua difesa. 5. Il differimento può essere disposto per una sola volta nel corso del procedimento e, in caso di differimento superiore a dieci giorni del termine a difesa, per impedimento del dipendente, il termine per la conclusione del procedimento è prorogato in misura corrispondente. 6. Il procedimento per le infrazioni di maggiore gravità può essere sospeso, nei casi di particolare complessità dell accertamento del fatto addebitato al dipendente, secondo il dettato dell articolo 55-ter del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. 7. Dopo l espletamento dell eventuale ulteriore attività istruttoria l U.P.D. conclude il procedimento con l atto di archiviazione o di irrogazione della sanzione, entro 60 o 120 giorni dall acquisizione della prima notizia dell infrazione anche se avvenuta da parte del Responsabile della Direzione in cui il dipendente lavora, fatta salva la proroga di cui al precedente comma La violazione dei termini di cui al presente articolo comporta quanto indicato nell articolo 17 terzo comma delle presenti norme. TITOLO III LA CONTESTAZIONE DISIPLINARE Articolo 11 Comunicazioni al dipendente 1. La contestazione disciplinare è effettuata tramite posta elettronica certificata all indirizzo di cui risulta titolare il dipendente ovvero, nel caso in cui lo stesso non disponga di idonea casella di posta, tramite consegna a mani all'interessato, anche con l'ausilio dei messi notificatori e con sottoscrizione di apposita ricevuta. Ove non sia possibile la consegna a mani, la contestazione avviene a mezzo racc. A/R, sulla quale viene apposta la dicitura Riservata. 2. Nella contestazione l'interessato verrà espressamente invitato ad indicare, con dichiarazione debitamente sottoscritta, eventuali diverse modalità di trasmissione delle comunicazioni

10 relative al procedimento disciplinare. In tal caso l'interessato potrà indicare ex articolo 55-bis quinto comma del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i., qualora ne abbia la disponibilità, l'indirizzo della propria casella di posta certificata, ovvero in alternativa potrà indicare un numero di fax di cui lui stesso o il proprio difensore abbia la disponibilità. In tal caso tutte le comunicazioni successive alla contestazione disciplinare avverranno, fatti salvi eventuali impedimenti tecnici, solo ed esclusivamente con le modalità indicate dal dipendente e come tali si avranno per conosciute, sollevando il procedente da qualsiasi contestazione in merito anche in materia di privacy. Articolo 12 Protocollazione 1. Tutte le comunicazioni sia in entrata che in uscita relative ai procedimenti disciplinari avverranno nel pieno rispetto della normativa in materia di privacy e verranno protocollate in forma riservata con le modalità in tal senso previste dalla vigente normativa. Articolo 13 Acquisizione precedenti disciplinari 1. L U.P.D. prima di procedere alla valutazione preliminare del fatto e comunque in tempo utile per rispettare i termini di contestazione, provvede ad acquisire eventuali sanzioni disciplinari già irrogate al dipendente interessato nel biennio precedente alla data di acquisizione della notizia del fatto. Ciò al fine di acquisire elementi istruttori per gli effetti in tal senso previsti dai CCNL vigenti. 2. Le eventuali recidive risultanti dall'acquisizione istruttoria fanno parte della formale contestazione dell'addebito e quindi devono essere espressamente indicate nella medesima. Articolo 14 Il rimprovero verbale 1. La sanzione del rimprovero verbale consiste in una dichiarazione di biasimo formalizzata oralmente e va comminata dal Responsabile di Direzione o dal Segretario Comunale senza particolari formalità, fatta salva la preventiva comunicazione, anche verbale, del motivo da cui la stessa trae origine. Essa deve risultare da specifico verbale scritto da trasmettere al Responsabile del Servizio Personale, che provvederà ad inserirlo nel fascicolo personale del dipendente. Articolo 15 Contestazione degli addebiti e audizione del dipendente 1. Nessun provvedimento disciplinare, salvo il rimprovero verbale, può essere adottato nei confronti del dipendente senza la preventiva contestazione degli addebiti.

11 2. La contestazione degli addebiti deve rivestire la forma scritta e deve riferire i fatti contestati in modo circostanziato, facendo riferimento alle norme violate del Codice disciplinare ed a quelle di cui al Titolo IV del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i., al fine di garantire al dipendente il diritto di difesa. 3. Nella comunicazione l U.P.D. fisserà la data, l ora ed il luogo di convocazione del dipendente per sentirlo direttamente sui fatti oggetto del procedimento, informandolo, contestualmente, che il suo diritto di difesa si esplica nei modi indicati al precedente articolo L'accesso a tutti gli atti del procedimento disciplinare è consentito personalmente al dipendente interessato che ne abbia fatto richiesta scritta ovvero, su espressa delega depositata presso l U.P.D. unitamente a copia di documento di riconoscimento in corso di validità della persona delegata, al suo difensore o ad altra persona appositamente delegata, cui verrà dato riscontro nel più breve tempo possibile e comunque non oltre il termine di 7 giorni dalla data di presentazione. 5. Alla prima convocazione del dipendente deve essere dato atto del regolare avvio del procedimento disciplinare nei modi e termini previsti dalle presenti norme e dal Titolo IV del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i.; pertanto tutte le questioni preliminari devono essere eccepite in detta sede, pena l inammissibilità. Le eventuali contestazioni devono essere verbalizzate e, salvo ragioni di tempistica e/o di particolare gravità, definite alla data di prima convocazione. 6. All'incontro fissato per la difesa, che si svolge in forma non pubblica, il componente istruttore dell U.P.D. riferisce, in presenza del dipendente incolpato, dei fatti che hanno dato origine all avvio del procedimento oggetto della contestazione, senza prendere decisioni in merito al provvedimento da adottare. 7. Il dipendente e/o il suo difensore procede alla esposizione della propria versione dei fatti ed alla propria difesa, anche tramite il deposito di relativa documentazione, memorie e/o la richiesta di audizione testi; tale deposito/richiesta deve avvenire, pena l inammissibilità, in sede di prima convocazione. 8. In caso di richiesta di audizione testi il dipendente e/o il suo difensore dovranno, in sede di prima convocazione, indicare chiaramente le generalità dei testimoni; sempre in prima convocazione dovranno essere indicati specificatamente i fatti sui quali si intende interrogare i testi. Qualora l U.P.D. ritenga rilevanti ed ammissibili i testi indicati, fissa, nel rispetto dei termini procedurali, la data di audizione dei testimoni che dovranno, comunque, essere convocati a cura di chi ne richiede l audizione.

12 9. L U.P.D. può rivolgere al dipendente incolpato domande in merito ai fatti ed alle circostanze che risultano dagli atti del procedimento e chiedergli chiarimenti in merito agli assunti difensivi. 10. Qualora nel corso della prima convocazione emerga la necessità di disporre un'ulteriore audizione, ne verrà stabilita la data tenuto conto dei termini perentori del procedimento disciplinare e dei tempi necessari per le eventuali acquisizioni documentali ammesse e/o per la convocazione dei testimoni. 11. Dell audizione del dipendente viene redatto apposito verbale scritto a cura del dipendente chiamato ad assolvere le funzioni di segretario verbalizzante. 12. L eventuale rifiuto opposto dal dipendente alla sottoscrizione è annotato nello stesso verbale. Articolo 16 Acquisizione di ulteriori elementi di prova 1. Ai fini della definizione del procedimento disciplinare, l U.P.D. può acquisire, nel corso dell istruttoria, informazioni e documenti in possesso di altri uffici dell Amministrazione, di altri Enti e/o di terzi nonché testimonianze di altri dipendenti che per ragioni di ufficio o di servizio siano a conoscenza di informazioni rilevanti. 2. A tal fine verrà tempestivamente inoltrata apposita richiesta scritta di acquisizione della documentazione; i tempi di risposta devono garantire il rispetto dei termini perentori del procedimento disciplinare. In caso di mancato riscontro in tempo utile, l U.P.D. prende atto dell omissione e prosegue nell iter procedimentale. 3. Il dipendente che essendo a conoscenza di elementi rilevanti di un procedimento disciplinare in corso, rifiuta la collaborazione richiesta dall U.P.D. ovvero rende dichiarazioni false o reticenti, è soggetto all applicazione della sanzione di cui all articolo 55-bis comma 7 del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. 4. La documentazione procurata d'ufficio ovvero su istanza dell'interessato dovrà essere acquisita all'udienza fissata in contraddittorio con il dipendente sottoposto al procedimento disciplinare. 5. Al dipendente, salvo che vi rinunci espressamente, dovrà essere concesso un termine non inferiore a 10 giorni, per il deposito di controdeduzioni. TITOLO IV CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IRROGAZIONE DELLA SANZIONE

13 Articolo 17 Chiusura dell attività istruttoria e termini del procedimento 1. Una volta completata, l'attività istruttoria viene dichiarata chiusa dando atto di ciò nell apposito verbale ed il provvedimento disciplinare verrà comunicato al dipendente come previsto nel successivo articolo 19; qualora l U.P.D. ritenga che non vi sia luogo a procedere disciplinarmente, dispone la chiusura del procedimento. 2. Il procedimento disciplinare deve concludersi obbligatoriamente entro i termini stabiliti dall articolo 55-bis secondo e quarto comma del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. e riportati nell articolo 10 delle presenti norme. 3. La violazione dei termini come stabiliti dalla legge e riportati nelle presenti norme comporta, per l Amministrazione, la decadenza dell azione disciplinare; se la violazione dei termini è commessa dal dipendente questi decade dal diritto di difesa. Articolo 18 Archiviazione 1. Qualora alla fine dell'attività istruttoria non risulti addebitabile al dipendente sottoposto al procedimento un comportamento che abbia rilevanza disciplinare, dovrà essere assunto un motivato provvedimento di archiviazione. 2. L'U.P.D. che abbia emesso un provvedimento di archiviazione, è tenuto a comunicarlo al dipendente con le stesse modalità previste dal precedente articolo 11 e a trasmetterne copia al Responsabile di Direzione ove il dipendente lavora. Del procedimento disciplinare archiviato non deve essere fatta menzione nel fascicolo personale del dipendente. Articolo 19 Determinazione ed irrogazione della sanzione 1. La sanzione viene determinata tenendo conto, oltre che delle risultanze istruttorie, anche delle circostanze aggravanti ed attenuanti nonché del ruolo svolto dal dipendente in rapporto al fatto commesso ed al danno eventualmente provocato all'ente. 2. Il provvedimento di irrogazione della sanzione, sottoscritto dal Presidente dell U.P.D., è comunicato al dipendente con le stesse modalità previste nell articolo 11 delle presenti norme. Copia di tale provvedimento è trasmessa al Sindaco, al Responsabile di Direzione ove il dipendente lavora ed al Responsabile del Servizio Personale affinché lo inserisca nel fascicolo personale del dipendente. 3. Il Responsabile del Servizio Personale dà direttamente e immediatamente applicazione alle sanzioni comminate dall U.P.D. e comunque entro i successivi 15 o 20 giorni.

14 4. Nel caso in cui l U.P.D. ritenga che la sanzione da applicare sia il richiamo verbale, ne dà comunicazione al competente Responsabile di Direzione o al Segretario Comunale per quanto di loro competenza, che hanno l obbligo di infliggerla entro 10 giorni. 5. Qualora l applicazione della sanzione comporti conseguenze di carattere finanziario, l U.P.D. deve darne comunicazione al Responsabile di Direzione competente almeno 15 giorni prima della data prevista per l esecuzione. 6. Il Servizio competente in materia di gestione risorse umane istituisce per ogni dipendente una scheda contenente gli estremi dei procedimenti disciplinari subiti, delle conseguenti sanzioni irrogate e dell avvenuta esecuzione della sanzione. Tale scheda è sottoscritta dal Responsabile dello stesso Servizio e costituisce elemento essenziale del fascicolo di ogni procedimento disciplinare. Articolo 20 Applicazione della sanzione in caso di trasferimento del dipendente ad altra Pubblica Amministrazione o in caso di sue dimissioni 1. Qualora, in relazione ad un dipendente trasferitosi a qualunque titolo in un'altra Pubblica Amministrazione, emerga un fatto con rilevanza disciplinare verificatosi quando lo stesso era in servizio presso l'ente, l'u.p.d, avendone avuto conoscenza nei modi e termini di cui agli artt. 7 e 8 delle presenti norme, procederà ai sensi dell'articolo 55-bis ottavo comma del D. Lgs. 165/01 e s.m.i. 2. L'U.P.D. provvederà a redigere idonea relazione dando conseguente formale segnalazione, a mezzo raccomandata A/R, al nuovo Ente di appartenenza, con contestuale comunicazione al dipendente interessato. 3. In ugual modo l'u.p.d., che abbia conoscenza dell'avvenuto trasferimento ad altra Pubblica Amministrazione di dipendente sottoposto a procedimento disciplinare, interrotti i termini del procedimento stesso, provvederà a trasmettere tutti gli atti al nuovo Ente di appartenenza a mezzo Racc. A/R, con contestuale comunicazione al dipendente stesso. 4. Nelle ipotesi di cui all'articolo 55-bis nono comma del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i., il procedimento disciplinare già instaurato nei confronti del dipendente che si è dimesso, sarà proseguito. Di tale circostanza si darà atto nel provvedimento di cessazione del rapporto di lavoro. 5. Tutte le relative successive comunicazioni avverranno a mezzo raccomandata A/R ovvero, qualora l'interessato ne abbia fatto richiesta in sede di prima convocazione, a mezzo PEC o fax ai recapiti allo scopo indicati.

15 Articolo 21 Impugnazione delle sanzioni disciplinari 1. Le controversie relative ai procedimenti disciplinari devono essere impugnate di fronte al Giudice Ordinario, ai sensi degli artt. 63 e seguenti del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i., nonché delle altre disposizioni di legge vigenti in materia. 2. E fatta salva la facoltà di disciplinare, mediante contratto collettivo e fuori dai casi in cui è prevista la sanzione del licenziamento, procedure di conciliazione non obbligatoria, nel rispetto dell art. 55 terzo comma del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. e degli altri vincoli stabiliti dalla legge. TITOLO V ALTRE DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 22 Effetti del procedimento disciplinare 1. L applicazione delle sanzioni disciplinari, oltre agli effetti propri dovuti alla sanzione stessa, può produrre effetti sul riconoscimento degli incentivi legati alla performance, nonché ai fini della progressione orizzontale e/o di carriera, nella misura e con le modalità previste dalle disposizioni contrattuali ed organizzative che li regolano. 2. Non può tenersi conto ad alcun effetto, nemmeno ai fini della recidiva, delle sanzioni disciplinari decorsi due anni dalla loro applicazione. Articolo 23 Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale 1. Ai fini della disciplina del rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale trovano applicazione: le norme contenute nella legge n. 97/2001; l articolo 55-ter del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i.; e, per quanto con esse compatibili, l articolo 4 del CCNL sottoscritto in data Articolo 24 Sospensione cautelare 1. La sospensione cautelare non è una sanzione disciplinare, bensì una misura cautelare provvisoria che si rende necessaria in determinati casi per allontanare il dipendente dal lavoro. 2. Ai fini della disciplina dell istituto della sospensione cautelare in corso di procedimento disciplinare o di procedimento penale trovano applicazione le norme contenute nella legge n.

16 97/2001, l articolo 94 del D. Lgs. n. 267/2000e s.m.i. e dai CCNL del comparto Regioni Enti Locali vigenti. 3. Nei casi di cui al precedente comma la sospensione cautelare è disposta con provvedimento dell U.P.D. Articolo 25 Ulteriori sanzioni disciplinari 1. Oltre alle sanzioni disciplinari previsti nel CCNL del personale degli Enti Locali, trovano altresì applicazione le ulteriori sanzioni previste dagli artt. 55-quater e seguenti del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i., nei casi ivi contemplati. TITOLO VI DISPOSIZIONI FINALI Articolo 26 Norme di rinvio 1. Per quanto non espressamente previsto nelle presenti norme si rinvia alle disposizioni dettate: dall'articolo 2106 del Codice Civile; dal D. Lgs. 165/2001 e s.m.i.; dalle norme del codice di procedura civile per le controversie in materia di lavoro; dal D. Lgs. 150/2009 e s.m.i.; dai CCNL del personale del comparto Regioni ed Autonomie Locali; dal vigente Codice di comportamento (nazionale ed integrativo) e dal Codice Disciplinare vigente. Articolo 27 Entrata in vigore 1. Le presenti disposizioni si applicano ai procedimenti la cui contestazione è avvenuta successivamente alla loro emanazione. 2. E fatta salva comunque l applicazione delle ulteriori norme di legge e di contratto collettivo in materia disciplinare, non previste nelle presenti norme e comunque applicabili e compatibili. 3. Dall'entrata in vigore delle presenti norme sono abrogate tutte le disposizioni regolamentari interne dell'amministrazione comunale che risultino con loro incompatibili. Allegati: 1) Appendice normativa; 2) Quadro Sinottico - Codice Disciplinare.

17 COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI Provincia regionale di Palermo APPENDICE NORMATIVA Allegato n. 1) al Regolamento per i procedimenti disciplinari

18 D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 NORME GENERALI SULL'ORDINAMENTO DEL LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 maggio 2001, n. 106, S.O. Art. 54 Codice di comportamento 1. Il Governo definisce un codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni al fine di assicurare la qualità dei servizi, la prevenzione dei fenomeni di corruzione, il rispetto dei doveri costituzionali di diligenza, lealtà, imparzialità e servizio esclusivo alla cura dell'interesse pubblico. Il codice contiene una specifica sezione dedicata ai doveri dei dirigenti, articolati in relazione alle funzioni attribuite, e comunque prevede per tutti i dipendenti pubblici il divieto di chiedere o di accettare, a qualsiasi titolo, compensi, regali o altre utilità, in connessione con l'espletamento delle proprie funzioni o dei compiti affidati, fatti salvi i regali d'uso, purché di modico valore e nei limiti delle normali relazioni di cortesia. 2. Il codice, approvato con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, previa intesa in sede di Conferenza unificata, è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale e consegnato al dipendente, che lo sottoscrive all'atto dell'assunzione. 3. La violazione dei doveri contenuti nel codice di comportamento, compresi quelli relativi all'attuazione del Piano di prevenzione della corruzione, è fonte di responsabilità disciplinare. La violazione dei doveri è altresì rilevante ai fini della responsabilità civile, amministrativa e contabile ogniqualvolta le stesse responsabilità siano collegate alla violazione di doveri, obblighi, leggi o regolamenti. Violazioni gravi o reiterate del codice comportano l'applicazione della sanzione di cui all'articolo 55-quater, comma Per ciascuna magistratura e per l'avvocatura dello Stato, gli organi delle associazioni di categoria adottano un codice etico a cui devono aderire gli appartenenti alla magistratura interessata. In caso di inerzia, il codice è adottato dall'organo di autogoverno. 5. Ciascuna pubblica amministrazione definisce, con procedura aperta alla partecipazione e previo parere obbligatorio del proprio organismo indipendente di valutazione, un proprio codice di comportamento che integra e specifica il codice di comportamento di cui al comma 1. Al codice di comportamento di cui al presente comma si applicano le disposizioni del comma 3. A tali fini, la Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche (CIVIT) definisce criteri, linee guida e modelli uniformi per singoli settori o tipologie di amministrazione. 6. Sull'applicazione dei codici di cui al presente articolo vigilano i dirigenti responsabili di ciascuna struttura, le strutture di controllo interno e gli uffici di disciplina. 7. Le pubbliche amministrazioni verificano annualmente lo stato di applicazione dei codici e organizzano attività di formazione del personale per la conoscenza e la corretta applicazione degli stessi. Art. 54-bis Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti 1. Fuori dei casi di responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, ovvero per lo stesso titolo ai sensi dell'articolo 2043 del codice civile, il pubblico dipendente che denuncia all'autorità giudiziaria o

19 alla Corte dei conti, ovvero riferisce al proprio superiore gerarchico condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, licenziato o sottoposto ad una misura discriminatoria, diretta o indiretta, avente effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla denuncia. 2. Nell'ambito del procedimento disciplinare, l'identità del segnalante non può essere rivelata, senza il suo consenso, sempre che la contestazione dell'addebito disciplinare sia fondata su accertamenti distinti e ulteriori rispetto alla segnalazione. Qualora la contestazione sia fondata, in tutto o in parte, sulla segnalazione, l'identità può essere rivelata ove la sua conoscenza sia assolutamente indispensabile per la difesa dell'incolpato. 3. L'adozione di misure discriminatorie è segnalata al Dipartimento della funzione pubblica, per i provvedimenti di competenza, dall'interessato o dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative nell'amministrazione nella quale le stesse sono state poste in essere. 4. La denuncia è sottratta all'accesso previsto dagli articoli 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni. Art. 55 Responsabilità, infrazioni e sanzioni, procedure conciliative 1. Le disposizioni del presente articolo e di quelli seguenti, fino all'articolo 55-octies, costituiscono norme imperative, ai sensi e per gli effetti degli articoli 1339 e 1419, secondo comma, del codice civile, e si applicano ai rapporti di lavoro di cui all'articolo 2, comma 2, alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma Ferma la disciplina in materia di responsabilità civile, amministrativa, penale e contabile, ai rapporti di lavoro di cui al comma 1 si applica l'articolo 2106 del codice civile. Salvo quanto previsto dalle disposizioni del presente Capo, la tipologia delle infrazioni e delle relative sanzioni è definita dai contratti collettivi. La pubblicazione sul sito istituzionale dell'amministrazione del codice disciplinare, recante l'indicazione delle predette infrazioni e relative sanzioni, equivale a tutti gli effetti alla sua affissione all'ingresso della sede di lavoro. 3. La contrattazione collettiva non può istituire procedure di impugnazione dei provvedimenti disciplinari. Resta salva la facoltà di disciplinare mediante i contratti collettivi procedure di conciliazione non obbligatoria, fuori dei casi per i quali è prevista la sanzione disciplinare del licenziamento, da instaurarsi e concludersi entro un termine non superiore a trenta giorni dalla contestazione dell'addebito e comunque prima dell'irrogazione della sanzione. La sanzione concordemente determinata all'esito di tali procedure non può essere di specie diversa da quella prevista, dalla legge o dal contratto collettivo, per l'infrazione per la quale si procede e non è soggetta ad impugnazione. I termini del procedimento disciplinare restano sospesi dalla data di apertura della procedura conciliativa e riprendono a decorrere nel caso di conclusione con esito negativo. Il contratto collettivo definisce gli atti della procedura conciliativa che ne determinano l'inizio e la conclusione. 4. Fermo quanto previsto nell'articolo 21, per le infrazioni disciplinari ascrivibili al dirigente ai sensi degli articoli 55-bis, comma 7, e 55-sexies, comma 3, si applicano, ove non diversamente stabilito dal contratto collettivo, le disposizioni di cui al comma 4 del predetto articolo 55-bis, ma le determinazioni conclusive del procedimento sono adottate dal dirigente generale o titolare di incarico conferito ai sensi dell'articolo 19, comma 3. Art. 55-bis

20 Forme e termini del procedimento disciplinare 1. Per le infrazioni di minore gravità, per le quali è prevista l'irrogazione di sanzioni superiori al rimprovero verbale ed inferiori alla sospensione dal servizio con privazione della retribuzione per più di dieci giorni, il procedimento disciplinare, se il responsabile della struttura ha qualifica dirigenziale, si svolge secondo le disposizioni del comma 2. Quando il responsabile della struttura non ha qualifica dirigenziale o comunque per le infrazioni punibili con sanzioni più gravi di quelle indicate nel primo periodo, il procedimento disciplinare si svolge secondo le disposizioni del comma 4. Alle infrazioni per le quali è previsto il rimprovero verbale si applica la disciplina stabilita dal contratto collettivo. 2. Il responsabile, con qualifica dirigenziale, della struttura in cui il dipendente lavora, anche in posizione di comando o di fuori ruolo, quando ha notizia di comportamenti punibili con taluna delle sanzioni disciplinari di cui al comma 1, primo periodo, senza indugio e comunque non oltre venti giorni contesta per iscritto l'addebito al dipendente medesimo e lo convoca per il contraddittorio a sua difesa, con l'eventuale assistenza di un procuratore ovvero di un rappresentante dell'associazione sindacale cui il lavoratore aderisce o conferisce mandato, con un preavviso di almeno dieci giorni. Entro il termine fissato, il dipendente convocato, se non intende presentarsi, può inviare una memoria scritta o, in caso di grave ed oggettivo impedimento, formulare motivata istanza di rinvio del termine per l'esercizio della sua difesa. Dopo l'espletamento dell'eventuale ulteriore attività istruttoria, il responsabile della struttura conclude il procedimento, con l'atto di archiviazione o di irrogazione della sanzione, entro sessanta giorni dalla contestazione dell'addebito. In caso di differimento superiore a dieci giorni del termine a difesa, per impedimento del dipendente, il termine per la conclusione del procedimento è prorogato in misura corrispondente. Il differimento può essere disposto per una sola volta nel corso del procedimento. La violazione dei termini stabiliti nel presente comma comporta, per l'amministrazione, la decadenza dall'azione disciplinare ovvero, per il dipendente, dall'esercizio del diritto di difesa. 3. Il responsabile della struttura, se non ha qualifica dirigenziale ovvero se la sanzione da applicare è più grave di quelle di cui al comma 1, primo periodo, trasmette gli atti, entro cinque giorni dalla notizia del fatto, all'ufficio individuato ai sensi del comma 4, dandone contestuale comunicazione all'interessato. 4. Ciascuna amministrazione, secondo il proprio ordinamento, individua l'ufficio competente per i procedimenti disciplinari ai sensi del comma 1, secondo periodo. Il predetto ufficio contesta l'addebito al dipendente, lo convoca per il contraddittorio a sua difesa, istruisce e conclude il procedimento secondo quanto previsto nel comma 2, ma, se la sanzione da applicare è più grave di quelle di cui al comma 1, primo periodo, con applicazione di termini pari al doppio di quelli ivi stabiliti e salva l'eventuale sospensione ai sensi dell'articolo 55-ter. Il termine per la contestazione dell'addebito decorre dalla data di ricezione degli atti trasmessi ai sensi del comma 3 ovvero dalla data nella quale l'ufficio ha altrimenti acquisito notizia dell'infrazione, mentre la decorrenza del termine per la conclusione del procedimento resta comunque fissata alla data di prima acquisizione della notizia dell'infrazione, anche se avvenuta da parte del responsabile della struttura in cui il dipendente lavora. La violazione dei termini di cui al presente comma comporta, per l'amministrazione, la decadenza dall'azione disciplinare ovvero, per il dipendente, dall'esercizio del diritto di difesa. 5. Ogni comunicazione al dipendente, nell'ambito del procedimento disciplinare, è effettuata tramite posta elettronica certificata, nel caso in cui il dipendente dispone di idonea casella di posta,

21 ovvero tramite consegna a mano. Per le comunicazioni successive alla contestazione dell'addebito, il dipendente può indicare, altresì, un numero di fax, di cui egli o il suo procuratore abbia la disponibilità. In alternativa all'uso della posta elettronica certificata o del fax ed altresì della consegna a mano, le comunicazioni sono effettuate tramite raccomandata postale con ricevuta di ritorno. Il dipendente ha diritto di accesso agli atti istruttori del procedimento. È esclusa l'applicazione di termini diversi o ulteriori rispetto a quelli stabiliti nel presente articolo. 6. Nel corso dell'istruttoria, il capo della struttura o l'ufficio per i procedimenti disciplinari possono acquisire da altre amministrazioni pubbliche informazioni o documenti rilevanti per la definizione del procedimento. La predetta attività istruttoria non determina la sospensione del procedimento, né il differimento dei relativi termini. 7. Il lavoratore dipendente o il dirigente, appartenente alla stessa amministrazione pubblica dell'incolpato o ad una diversa, che, essendo a conoscenza per ragioni di ufficio o di servizio di informazioni rilevanti per un procedimento disciplinare in corso, rifiuta, senza giustificato motivo, la collaborazione richiesta dall'autorità disciplinare procedente ovvero rende dichiarazioni false o reticenti, è soggetto all'applicazione, da parte dell'amministrazione di appartenenza, della sanzione disciplinare della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione, commisurata alla gravità dell'illecito contestato al dipendente, fino ad un massimo di quindici giorni. 8. In caso di trasferimento del dipendente, a qualunque titolo, in un'altra amministrazione pubblica, il procedimento disciplinare è avviato o concluso o la sanzione è applicata presso quest'ultima. In tali casi i termini per la contestazione dell'addebito o per la conclusione del procedimento, se ancora pendenti, sono interrotti e riprendono a decorrere alla data del trasferimento. 9. In caso di dimissioni del dipendente, se per l'infrazione commessa è prevista la sanzione del licenziamento o se comunque è stata disposta la sospensione cautelare dal servizio, il procedimento disciplinare ha egualmente corso secondo le disposizioni del presente articolo e le determinazioni conclusive sono assunte ai fini degli effetti giuridici non preclusi dalla cessazione del rapporto di lavoro. Art. 55-ter Rapporti fra procedimento disciplinare e procedimento penale 1. Il procedimento disciplinare, che abbia ad oggetto, in tutto o in parte, fatti in relazione ai quali procede l'autorità giudiziaria, è proseguito e concluso anche in pendenza del procedimento penale. Per le infrazioni di minore gravità, di cui all'articolo 55-bis, comma 1, primo periodo, non è ammessa la sospensione del procedimento. Per le infrazioni di maggiore gravità, di cui all'articolo 55- bis, comma 1, secondo periodo, l'ufficio competente, nei casi di particolare complessità dell'accertamento del fatto addebitato al dipendente e quando all'esito dell'istruttoria non dispone di elementi sufficienti a motivare l'irrogazione della sanzione, può sospendere il procedimento disciplinare fino al termine di quello penale, salva la possibilità di adottare la sospensione o altri strumenti cautelari nei confronti del dipendente. 2. Se il procedimento disciplinare, non sospeso, si conclude con l'irrogazione di una sanzione e, successivamente, il procedimento penale viene definito con una sentenza irrevocabile di assoluzione che riconosce che il fatto addebitato al dipendente non sussiste o non costituisce illecito penale o che il dipendente medesimo non lo ha commesso, l'autorità competente, ad istanza di parte da proporsi entro il termine di decadenza di sei mesi dall'irrevocabilità della pronuncia penale, riapre il procedimento

22 disciplinare per modificarne o confermarne l'atto conclusivo in relazione all'esito del giudizio penale. 3. Se il procedimento disciplinare si conclude con l'archiviazione ed il processo penale con una sentenza irrevocabile di condanna, l'autorità competente riapre il procedimento disciplinare per adeguare le determinazioni conclusive all'esito del giudizio penale. Il procedimento disciplinare è riaperto, altresì, se dalla sentenza irrevocabile di condanna risulta che il fatto addebitabile al dipendente in sede disciplinare comporta la sanzione del licenziamento, mentre ne è stata applicata una diversa. 4. Nei casi di cui ai commi 1, 2 e 3 il procedimento disciplinare è, rispettivamente, ripreso o riaperto entro sessanta giorni dalla comunicazione della sentenza all'amministrazione di appartenenza del lavoratore ovvero dalla presentazione dell'istanza di riapertura ed è concluso entro centottanta giorni dalla ripresa o dalla riapertura. La ripresa o la riapertura avvengono mediante il rinnovo della contestazione dell'addebito da parte dell'autorità disciplinare competente ed il procedimento prosegue secondo quanto previsto nell'articolo 55-bis. Ai fini delle determinazioni conclusive, l'autorità procedente, nel procedimento disciplinare ripreso o riaperto, applica le disposizioni dell'articolo 653, commi 1 ed 1-bis, del codice di procedura penale. Art. 55-quater Licenziamento disciplinare 1. Ferma la disciplina in tema di licenziamento per giusta causa o per giustificato motivo e salve ulteriori ipotesi previste dal contratto collettivo, si applica comunque la sanzione disciplinare del licenziamento nei seguenti casi: a) falsa attestazione della presenza in servizio, mediante l'alterazione dei sistemi di rilevamento della presenza o con altre modalità fraudolente, ovvero giustificazione dell'assenza dal servizio mediante una certificazione medica falsa o che attesta falsamente uno stato di malattia; b) assenza priva di valida giustificazione per un numero di giorni, anche non continuativi, superiore a tre nell'arco di un biennio o comunque per più di sette giorni nel corso degli ultimi dieci anni ovvero mancata ripresa del servizio, in caso di assenza ingiustificata, entro il termine fissato dall'amministrazione; c) ingiustificato rifiuto del trasferimento disposto dall'amministrazione per motivate esigenze di servizio; d) falsità documentali o dichiarative commesse ai fini o in occasione dell'instaurazione del rapporto di lavoro ovvero di progressioni di carriera; e) reiterazione nell'ambiente di lavoro di gravi condotte aggressive o moleste o minacciose o ingiuriose o comunque lesive dell'onore e della dignità personale altrui; f) condanna penale definitiva, in relazione alla quale è prevista l'interdizione perpetua dai pubblici uffici ovvero l'estinzione, comunque denominata, del rapporto di lavoro. 2. Il licenziamento in sede disciplinare è disposto, altresì, nel caso di prestazione lavorativa, riferibile ad un arco temporale non inferiore al biennio, per la quale l'amministrazione di appartenenza formula, ai sensi delle disposizioni legislative e contrattuali concernenti la valutazione del personale delle amministrazioni pubbliche, una valutazione di insufficiente rendimento e questo è dovuto alla reiterata violazione degli obblighi concernenti la prestazione stessa, stabiliti da norme legislative o regolamentari, dal contratto collettivo o individuale, da atti e provvedimenti dell'amministrazione di appartenenza o dai codici di comportamento di cui all'articolo Nei casi di cui al comma 1, lettere a), d), e) ed f), il licenziamento è senza preavviso. Art. 55-quinquies

23 False attestazioni o certificazioni 1. Fermo quanto previsto dal codice penale, il lavoratore dipendente di una pubblica amministrazione che attesta falsamente la propria presenza in servizio, mediante l'alterazione dei sistemi di rilevamento della presenza o con altre modalità fraudolente, ovvero giustifica l'assenza dal servizio mediante una certificazione medica falsa o falsamente attestante uno stato di malattia è punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da euro 400 ad euro La medesima pena si applica al medico e a chiunque altro concorre nella commissione del delitto. 2. Nei casi di cui al comma 1, il lavoratore, ferme la responsabilità penale e disciplinare e le relative sanzioni, è obbligato a risarcire il danno patrimoniale, pari al compenso corrisposto a titolo di retribuzione nei periodi per i quali sia accertata la mancata prestazione, nonché il danno all'immagine subiti dall'amministrazione. 3. La sentenza definitiva di condanna o di applicazione della pena per il delitto di cui al comma 1 comporta, per il medico, la sanzione disciplinare della radiazione dall'albo ed altresì, se dipendente di una struttura sanitaria pubblica o se convenzionato con il servizio sanitario nazionale, il licenziamento per giusta causa o la decadenza dalla convenzione. Le medesime sanzioni disciplinari si applicano se il medico, in relazione all'assenza dal servizio, rilascia certificazioni che attestano dati clinici non direttamente constatati né oggettivamente documentati. Art. 55-sexies Responsabilità disciplinare per condotte pregiudizievoli per l'amministrazione e limitazione della responsabilità per l'esercizio dell'azione disciplinare 1. La condanna della pubblica amministrazione al risarcimento del danno derivante dalla violazione, da parte del lavoratore dipendente, degli obblighi concernenti la prestazione lavorativa, stabiliti da norme legislative o regolamentari, dal contratto collettivo o individuale, da atti e provvedimenti dell'amministrazione di appartenenza o dai codici di comportamento di cui all'articolo 54, comporta l'applicazione nei suoi confronti, ove già non ricorrano i presupposti per l'applicazione di un'altra sanzione disciplinare, della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da un minimo di tre giorni fino ad un massimo di tre mesi, in proporzione all'entità del risarcimento. 2. Fuori dei casi previsti nel comma 1, il lavoratore, quando cagiona grave danno al normale funzionamento dell'ufficio di appartenenza, per inefficienza o incompetenza professionale accertate dall'amministrazione ai sensi delle disposizioni legislative e contrattuali concernenti la valutazione del personale delle amministrazioni pubbliche, è collocato in disponibilità, all'esito del procedimento disciplinare che accerta tale responsabilità, e si applicano nei suoi confronti le disposizioni di cui all'articolo 33, comma 8, e all'articolo 34, commi 1, 2, 3 e 4. Il provvedimento che definisce il giudizio disciplinare stabilisce le mansioni e la qualifica per le quali può avvenire l'eventuale ricollocamento. Durante il periodo nel quale è collocato in disponibilità, il lavoratore non ha diritto di percepire aumenti retributivi sopravvenuti. 3. Il mancato esercizio o la decadenza dell'azione disciplinare, dovuti all'omissione o al ritardo, senza giustificato motivo, degli atti del procedimento disciplinare o a valutazioni sull'insussistenza dell'illecito disciplinare irragionevoli o manifestamente infondate, in relazione a condotte aventi oggettiva e palese rilevanza disciplinare, comporta, per i soggetti responsabili aventi qualifica dirigenziale, l'applicazione della sanzione disciplinare della sospensione dal servizio con privazione della retribuzione in proporzione alla gravità dell'infrazione non perseguita, fino ad un

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari

Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari Inserito il 23 dicembre 2009 Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari Il Decreto Legislativo 150/2009, pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre 2009

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA COMUNE DI VIGONZA (PROVINCIA DI PADOVA) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 126 del 03.10.2011) INDICE Art. 1 Inquadramento normativo fonti Art. 2 Sanzioni disciplinari

Dettagli

NUOVI ILLECITI DISCIPLINARI VALIDI SIA PER IL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO E ATA

NUOVI ILLECITI DISCIPLINARI VALIDI SIA PER IL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO E ATA NUOVI ILLECITI DISCIPLINARI VALIDI SIA PER IL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO E ATA Nuovi illeciti disciplinari. Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (Testo in vigore dal 15 novembre 2009, dopo le modifiche

Dettagli

DLgs 165/01 come modificato dal DLgs 150/09

DLgs 165/01 come modificato dal DLgs 150/09 DLgs 165/01 come modificato dal DLgs 150/09 Art. 55. Sanzioni disciplinari e responsabilità 1. Le disposizioni del presente articolo e di quelli seguenti, fino all'articolo 55-octies, costituiscono norme

Dettagli

Art. 54 Codice di comportamento. Art.54 bis Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (1)

Art. 54 Codice di comportamento. Art.54 bis Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (1) Estratto del DECRETO LEGISLATIVO 30 marzo 2001, n. 165 (in Suppl. ordinario n. 112 alla Gazz. Uff., 9 maggio, n. 106). - Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni

Dettagli

3. ' ( 4. )*++++ ) "++++, c. d. (

3. ' ( 4. )*++++ ) ++++, c. d. ( AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO EX IACP!" # $!!%'''$ ##! 1. 2.!"#$% 3. ' 4. )*++++ ) "++++, a. ""-,. b. e. 0 f. g. 0 1 *!$,22+*!, 0 h. "" " ""-$ # ""-34 "" # $ ""-3, % 4, a.!"#

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150 TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 ARTICOLO 67 Oggetto e finalità Comma 1 Finalità: potenziare i livelli di efficienza negli

Dettagli

AZIENDA SANITARIA DI NUORO. REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato alla deliberazione n. 56 del 2014

AZIENDA SANITARIA DI NUORO. REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato alla deliberazione n. 56 del 2014 AZIENDA SANITARIA DI NUORO REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato alla deliberazione n. 56 del 2014 ART. 1 Fonti normative Il presente Regolamento ha per oggetto gli obblighi del dipendente,

Dettagli

Stralcio D. Lgs. 150/09

Stralcio D. Lgs. 150/09 Stralcio D. Lgs. 150/09 CAPO V Sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici Art. 67. Oggetto e finalità 1. In attuazione dell articolo 7 della legge 4 marzo 2009, n. 15, le disposizioni

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO A tutto il personale tecnico amministrativo Ai Direttori di Dipartimento e Centro Ai Responsabili di Area Al Responsabile C.L.A. Al Responsabile SISTI Al Responsabile CORE Al Responsabile PREP e, p.c.

Dettagli

I N D I C E. 1. Decreto Legislativo 165/2001: art. 55, 55-bis, 55-ter, 55-quater, 55-quinquies, 55-sexies, 55-septies, 55-octies, 55-novies

I N D I C E. 1. Decreto Legislativo 165/2001: art. 55, 55-bis, 55-ter, 55-quater, 55-quinquies, 55-sexies, 55-septies, 55-octies, 55-novies Pubblicazione, sul sito istituzionale dell amministrazione, del codice di comportamento e del codice disciplinare, come previsto dall art. 55, comma 2 del D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, così come modificato

Dettagli

LEGISLAZIONE DISCIPLINARE DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165

LEGISLAZIONE DISCIPLINARE DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165 Affari legali e istituzionali legislazione disciplinare aggiornata al 09 luglio 2014 LEGISLAZIONE DISCIPLINARE DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 106 del

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DOCENTE E ATA DOPO L INTRODUZIONE DEL D. LGS 150/09

LE SANZIONI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DOCENTE E ATA DOPO L INTRODUZIONE DEL D. LGS 150/09 LE SANZIONI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DOCENTE E ATA DOPO L INTRODUZIONE DEL D. LGS 150/09 Il d.lgs 150/09 con l art 68 sostituisce l art 55 del d. lgs. 165/01, al comma 2 ribadisce che la tipologia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA Il DIRETTORE Ai sensi e per gli effetti dell art.55, comma 2 del D.Lgs 165 del 2001 come sostituito dall art.68, comma 1, del D.Lgs. 27 ottobre 2009 n.150 PUBBLICA Il testo del codice disciplinare di cui

Dettagli

Comune di Rotonda Provincia di Potenza

Comune di Rotonda Provincia di Potenza Comune di Rotonda Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI E PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO- CODICE DISCIPLINARE Approvato con delibera della Giunta Comunale

Dettagli

Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle

Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Page 1 of 12 Leggi d'italia D.Lgs. 30-3-2001 n. 165 Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 maggio 2001, n. 106, S.O. D.Lgs.

Dettagli

Codice disciplinare. Area dirigenziale medica. n.b. I riferimenti in corsivo attengono al d. lgs 165/01 richiamato nel codice stesso

Codice disciplinare. Area dirigenziale medica. n.b. I riferimenti in corsivo attengono al d. lgs 165/01 richiamato nel codice stesso Codice disciplinare Area dirigenziale medica n.b. I riferimenti in corsivo attengono al d. lgs 165/01 richiamato nel codice stesso 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI RIMPROVERO VERBALE RIMPROVERO SCRITTO CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI Art. 3, Comma 4 Inosservanza disposizioni di servizio, anche in tema di assenze per malattia, nonché dell'orario

Dettagli

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE E DI QUALIFICA DIRIGENZIALE

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE E DI QUALIFICA DIRIGENZIALE Regolamento dei procedimenti disciplinari Pagina 1 REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE E DI QUALIFICA DIRIGENZIALE (CC.NN.LL. Personale del 6.7.1995 22.1.2004

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope PBX 081.5475111 (19 linee urb.) COD. FISC. 800 182 40 632 PART. IVA 018 773 20 638 T E L E F A X 0 8 1. 5 5 2 1 4 8 5 I N T E R N E T : w w w. u n i p a r t h e n o e p. i t 8 0 1 3 3 N A P O L I 1 4 D

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE Integrato con le modifiche e aggiunte apportate agli articoli da 55 a 55 septies dal D.Lgs. n. 150/2009 CCNL 11 APRILE 2008 ARTICOLO 3, COMMI 1, 2 E 3

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008 PROVINCIA di ROVIGO NUOVO CODICE DISCIPLINARE del PERSONALE NON AVENTE QUALIFICA DIRIGENZIALE (art. 3 del e artt. 55 e da 55bis a 55 septies del D. Lgs. n. 165/2001, come modificati dagli artt. 68 e ss.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. a) il tipo e l entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati anche in relazione:

CODICE DISCIPLINARE. a) il tipo e l entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati anche in relazione: CODICE DISCIPLINARE 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del d.lgs. n.165

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMPARTO (escluso il personale dirigente)

A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMPARTO (escluso il personale dirigente) A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMPARTO (escluso il personale dirigente) La pubblicazione sul sito internet aziendale del codice disciplinare avviene ai sensi dell art. 55 del D. Lgs. 165/2001, modificato

Dettagli

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010)

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010) NUOVO CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DELLA DIRIGENZA DIRIGENZA MEDICA - VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA COORDINATO CON IL D.LGS. 27/10/2009 N. 150

Dettagli

svolge secondo le disposizioni del comma 4. Alle infrazioni per le quali è previsto il rimprovero verbale si applica la disciplina stabilita dal

svolge secondo le disposizioni del comma 4. Alle infrazioni per le quali è previsto il rimprovero verbale si applica la disciplina stabilita dal Decreto legislativo n.150/2009 - Attuazione della Legge n.15 del 4/03/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni

Dettagli

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Sommario: 1. Personale docente: Infrazioni e sanzioni. 2. Personale amministrativo, tecnico e ausiliario: Infrazioni e sanzioni. 1. PERSONALE DOCENTE: INFRAZIONI

Dettagli

Codice disciplinare dirigenti

Codice disciplinare dirigenti Codice disciplinare dirigenti A. Norme di carattere generale 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, sono fissati i seguenti

Dettagli

RESPONSABILITA E PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

RESPONSABILITA E PROCEDIMENTO DISCIPLINARE RESPONSABILITA E PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Treviso, 26 giugno 2013 1 Artt. 67 e seguenti del D.lgs. n. 150 del 2009. Sostituzione integrale dell art. 55 del decreto legislativo n. 165 del 2001 e inserimento

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE A) DISPOSIZIONI CONTRATTUALI Art. 16 CCNL 9 ottobre 2003 (Sostituisce integralmente l art. 28 CCNL 6.7.1995) (Come modificato dall art. 29, comm1 e 2

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DOPO LE NUOVE NORME DEL DECRETO BRUNETTA

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DOPO LE NUOVE NORME DEL DECRETO BRUNETTA LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DOPO LE NUOVE NORME DEL DECRETO BRUNETTA Con l'entrata in vigore, il 1 novembre 2009, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 10, sono state introdotte

Dettagli

MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende (Va)

MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende (Va) ISO 9001 CERTIFIED ORGANISATION ISTITUTO Di ISTRUZIONE SUPERIORE MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DELL ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DELL ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DELL ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PERSONALE DELL AREA DEL COMPARTO

REGOLAMENTO PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PERSONALE DELL AREA DEL COMPARTO REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA C.F. / P.IVA 04721260877 Via S. Maria La Grande n. 5 95124 Catania -------------------- REGOLAMENTO PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PERSONALE DELL AREA

Dettagli

b) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d'ufficio;

b) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d'ufficio; (Il presente codice disciplinare riguarda i soli dirigenti trasferiti ad Arpae dalle Province e dalla Città Metropolitana di Bologna a seguito del riordino funzionale di cui alla L.R. n. 13/2015). Prot.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASORIA3-CARDUCCI-KING Via Suor Maria Cristina Brando 80026 Casoria (NA) tel. 081/7389576-0817586601 C.M.

ISTITUTO COMPRENSIVO CASORIA3-CARDUCCI-KING Via Suor Maria Cristina Brando 80026 Casoria (NA) tel. 081/7389576-0817586601 C.M. ISTITUTO COMPRENSIVO CASORIA3-CARDUCCI-KING Via Suor Maria Cristina Brando 80026 Casoria (NA) tel. 081/7389576-0817586601 C.M. NAIC8EM009 Pubblicazione del Codice disciplinare dei dipendenti pubblici In

Dettagli

Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI

Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI Via G. B. Basile, 39-80014 Giugliano in Campania (NA)- tel. 081/8945777 fax 081/3302641 -codice meccanografico NARI020001- codice

Dettagli

AZIENDA U.L.S.S N.3 DI BASSANO DEL GRAPPA. Art. 13. Codice disciplinare

AZIENDA U.L.S.S N.3 DI BASSANO DEL GRAPPA. Art. 13. Codice disciplinare 1 AZIENDA U.L.S.S N.3 DI BASSANO DEL GRAPPA C.C.N.L. DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE 19 APRILE 2004 PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 2002/05 E PARTE ECONOMICA BIENNIO2002/03 MODIFICATO

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Art. 8

CODICE DISCIPLINARE. Art. 8 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 dei CC.CC.NN.LL. per l area della Dirigenza del Comparto Sanità, AREE III e IV sottoscritti in data 06/05/2010, per la sequela dei rispettivi CC.CC.NN.LL. ( artt. 28 e 29) del

Dettagli

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla ART.95 CCNL SCUOLA -CODICE DISCIPLINARE (SOLO PERSONALE ATA) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla gravità della mancanza ed in conformità di quanto

Dettagli

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE applicabile al personale tecnico amministrativo e dirigenziale dell'università degli Studi di Brescia

CODICE DISCIPLINARE applicabile al personale tecnico amministrativo e dirigenziale dell'università degli Studi di Brescia CODICE DISCIPLINARE applicabile al personale tecnico amministrativo e dirigenziale dell'università degli Studi di Brescia Preambolo - visto l art. 69 del Decreto Legislativo n. 150 del 27.10.2009, il quale,

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) CODICE DISCIPLINARE PREMESSA Il D. Lgs 150/2009, di attuazione della L. 15/2009, ha previsto un nuovo sistema disciplinare per i dipendenti pubblici.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Pagina 1 di 7 CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità

Dettagli

LANUSEI Via Piscinas n 5 08045 Lanusei Tel. 0782/490599/565

LANUSEI Via Piscinas n 5 08045 Lanusei Tel. 0782/490599/565 A.S.L. N 4 LANUSEI Via Piscinas n 5 08045 Lanusei Tel. 0782/490599/565 P.I. 00978060911 www.asllanusei.it Codice disciplinare Art. 13 del CCNL del 19 aprile 2004 con le integrazioni e modifiche riportate

Dettagli

Articolo 55 Responsabilità, infrazioni e sanzioni, procedure conciliative

Articolo 55 Responsabilità, infrazioni e sanzioni, procedure conciliative CODICE DISCIPLINARE (Pubblicazione ai sensi dell art. 55 comma 2 del D.Lgs. 165/2001) Il D.Lgs. 150/2009, di attuazione della L. 15/2009, ha previsto un nuovo sistema disciplinare per i dipendenti pubblici.

Dettagli

D. LGS. 165/2001 CAPO V SANZIONI DISCIPLINARI E RESPONSABILITA DEI DIPENDENTI PUBBLICI

D. LGS. 165/2001 CAPO V SANZIONI DISCIPLINARI E RESPONSABILITA DEI DIPENDENTI PUBBLICI D. LGS. 165/2001 CAPO V SANZIONI DISCIPLINARI E RESPONSABILITA DEI DIPENDENTI PUBBLICI IL D.LGS. 150/2009, DI ATTUAZIONE DELLA L. 15/2009, HA PREVISTO UN NUOVO SISTEMA DISCIPLINARE PER I DIPENDENTI PUBBLICI.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE PUBBLICATO IN DATA 19 MAGGIO 2010 IN VIGORE DAL 3 GIUGNO 2010 CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE Art. 8 CCNL Integrativo del CCNL 17 ottobre 2008, sottoscritto in data 6 maggio 2010 1.

Dettagli

DIRIGENTI. Obblighi art. 14 del CCNL Area V 15.7.10

DIRIGENTI. Obblighi art. 14 del CCNL Area V 15.7.10 DIRIGENTI Obblighi art. 14 del CCNL Area V 15.7.10 Il dirigente conforma la sua condotta al dovere costituzionale di servire la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare i principi di buon

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009 L art. 69 del D.Lgs. 150/09, modificativo del D.Lgs. 165/01, ha apportato ulteriori modifiche in materia disciplinare. Le norme del Codice disciplinare sotto riportato sono applicate solo se risultano

Dettagli

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare Articolo estratto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto regioni e autonomie locali quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 Titolo II

Dettagli

PERSONALE DEI LIVELLI/CATEGORIE COMPARTO SANITA VADEMECUM OBBLIGHI DEL LAVORATORE E RESPONSABILITA DISCIPLINARE. PROCEDURE ED ORGANISMI COMPETENTI

PERSONALE DEI LIVELLI/CATEGORIE COMPARTO SANITA VADEMECUM OBBLIGHI DEL LAVORATORE E RESPONSABILITA DISCIPLINARE. PROCEDURE ED ORGANISMI COMPETENTI PERSONALE DEI LIVELLI/CATEGORIE COMPARTO SANITA VADEMECUM OBBLIGHI DEL LAVORATORE E RESPONSABILITA DISCIPLINARE. PROCEDURE ED ORGANISMI COMPETENTI CODICE DISCIPLINARE integrato con le disposizioni introdotte

Dettagli

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (art. 3 CCNL 11.04.2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e

Dettagli

Regione del Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA DIRIGENZA MEDICA La pubblicazione sul sito internet aziendale del codice disciplinare avviene ai sensi dell art. 55 del D. Lgs. 165/2001, modificato dall art. 68,

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA DIRIGENZA SANITARIA TECNICA

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

Codice Disciplinare Segretario Comunale

Codice Disciplinare Segretario Comunale Codice Disciplinare Segretario Comunale COMUNE di POTENZA CODICE DISCIPLINARE SEGRETARIO COMUNALE (Pubblicazione ai sensi dell art. 55 comma 2, D.Lgs. 165/2001) Il presente codice ha ad oggetto la responsabilità

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA

Dettagli

2. I rapporti tra i dipendenti, a tutti i livelli di responsabilità, sono improntati al rispetto, alla lealtà, alla collaborazione.

2. I rapporti tra i dipendenti, a tutti i livelli di responsabilità, sono improntati al rispetto, alla lealtà, alla collaborazione. CODICE DISCIPLINARE Art. 67 CCNL Diritti e doveri dei lavoratori 1. Nello svolgimento del rapporto di lavoro i diritti e i doveri dei lavoratori sono disciplinati dalla legge, dai principi generali del

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

Nuovo codice disciplinare personale ATA e docenti

Nuovo codice disciplinare personale ATA e docenti Nuovo codice disciplinare personale ATA e docenti Il D.Lgs. n. 150/2009 ha previsto un nuovo sistema disciplinare per i dipendenti pubblici. Il capo V, «Sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti»,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE MODIFICHE ALL'ARTICOLO 55- QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165, AI SENSI DELL'ARTICOLO 17, COMMA 1, LETTERA S), DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N. 124,

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Il Responsabile del Servizio Personale

CODICE DISCIPLINARE. Il Responsabile del Servizio Personale CODICE DISCIPLINARE Il Responsabile del Servizio Personale Ai sensi e per gli effetti dell'art. 55, comma 2, del D. Lgs. n.165 del 2001 come sostituito dall'articolo 68, comma 1, del D.Lgs. 27 ottobre

Dettagli

Nuovo codice disciplinare personale ATA e docenti

Nuovo codice disciplinare personale ATA e docenti ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giuseppe Verdi Via S. Venanzio Fortunato, 21-31049 VALDOBBIADENE (TV) tel. n. 0423/975973 Fax n. 0423/975988 Cod.Fisc. 92016270263 TVIS004007@istruzione.it

Dettagli

Codice disciplinare personale non dirigente. CCNL 11.04.2008 (integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

Codice disciplinare personale non dirigente. CCNL 11.04.2008 (integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Codice disciplinare personale non dirigente CCNL 11.04.2008 (integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) Articolo 4 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI (Allegato alla delibera Giunta municipale n.130... del...12/11/2013...)

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI (Allegato alla delibera Giunta municipale n.130... del...12/11/2013...) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI (Allegato alla delibera Giunta municipale n.130... del...12/11/2013...) I N D I C E CAPO I DISPOSIZIONE GENERALI Art.1 - Oggetto Art.2 - Responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Personale Comparto

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Personale Comparto AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Personale Comparto con riportati in calce gli articoli del D. Lgs. 150/2009 relativi al Personale Dirigente. (Adottato con deliberazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 1 Corso Apulia, 2-73039 TRICASE (LE) Tel. 0833/544236 Distretto Scolastico n. 47

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 1 Corso Apulia, 2-73039 TRICASE (LE) Tel. 0833/544236 Distretto Scolastico n. 47 Prot. n.3410/c1. ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 1 Corso Apulia, 2-73039 TRICASE (LE) Tel. 0833/544236 Distretto Scolastico n. 47 COMUNICAZIONE N. 29 Affisso all Albo d Istituto e Pubblicato sul Sito Istituzionale

Dettagli

Cons. Antonio Naddeo firmato

Cons. Antonio Naddeo firmato CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DELL AREA VII DELLA DIRIGENZA UNIVERSITÀ E ISTITUZIONI ED ENTI DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE PER ILQUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 E BIENNIO

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Commerciale, Turistico e per Geometri "E. DE NICOLA" 95037 S. G. LA PUNTA (Catania)

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Commerciale, Turistico e per Geometri E. DE NICOLA 95037 S. G. LA PUNTA (Catania) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Commerciale, Turistico e per Geometri "E. DE NICOLA" 95037 S. G. LA PUNTA (Catania) Via Motta, 87 - Tel.095/6136770- Fax 095/7511718 E_mail: cttd190003@istruzione.it C.M.

Dettagli

Regolamento di disciplina

Regolamento di disciplina Regolamento di disciplina Versione 00 1.12.2014 1 P a g. Indice Disposizioni generali... 3 Art. 1 - Fonti Normative... 3 Art. 2 - Ambito Applicativo... 3 Art. 3 - Codice di Comportamento... 3 Art. 4 -

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE per il personale ATA e Docenti

CODICE DISCIPLINARE per il personale ATA e Docenti ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA PRIMARIA e SECONDARIA di I GRADO - PONZANO V.TO Via Cicogna 16/A - 31050 Paderno di Ponzano (TV) Tel.: 0422/440693; Fax: 0422/969196 C.F. 94004210269 e-mail: tvic833003@istruzione.it;

Dettagli

e) rifiuto di assoggettarsi a visite personali disposte a tutela del patrimonio dell'ente, nel rispetto di quanto previsto dall art.

e) rifiuto di assoggettarsi a visite personali disposte a tutela del patrimonio dell'ente, nel rispetto di quanto previsto dall art. CODICE DISCIPLINARE Inserito nell appendice normativa del regolamento per la gestione dei procedimenti disciplinari approvato con deliberazione della G.M. n. 23 del 17.02.2015 Art. 3 Codice disciplinare

Dettagli

ALLEGATO 3) al Regolamento per i procedimenti disciplinari per i dipendenti dei Comuni del Nuovo Circondario Imolese

ALLEGATO 3) al Regolamento per i procedimenti disciplinari per i dipendenti dei Comuni del Nuovo Circondario Imolese ALLEGATO 3) al Regolamento per i procedimenti disciplinari per i dipendenti dei Comuni del Nuovo Circondario Imolese COMPARTO REGIONI AUTONOMIE LOCALI NORME DISCIPLINARI PERSONALE NON DIRIGENTE Testo coordinato

Dettagli

FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO

FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO REGOLAMENTO DISCIPLINARE Personale del comparto AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Allegato alla deliberazione n. del Responsabile del procedimento: avv. Carmela Uliano Pag. 1 di 16 CAPO

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO L) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Associazionismo e Impegno Sociale, C.F. 01386030488 Via di Novoli, 26 50127

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IRROGAZIONE DI SANZIONI DISCIPLINARI AL PERSONALE DEL COMPARTO. Art. 1 Area di applicazione

REGOLAMENTO PER L IRROGAZIONE DI SANZIONI DISCIPLINARI AL PERSONALE DEL COMPARTO. Art. 1 Area di applicazione REGOLAMENTO PER L IRROGAZIONE DI SANZIONI DISCIPLINARI AL PERSONALE DEL COMPARTO Art. 1 Area di applicazione 1. Il presente regolamento di disciplina si applica ai dipendenti dell Azienda Ospedaliera Ospedale

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELLA PRESIDENZA DEL CONISGLIO DEI MINISTRI QUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009

CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELLA PRESIDENZA DEL CONISGLIO DEI MINISTRI QUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELLA PRESIDENZA DEL CONISGLIO DEI MINISTRI QUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 Testo in vigore Art. 10 Principi generali RESPONSABILITA DISCIPLINARE

Dettagli

CCNL BIENNIO ECONOMICO 2006-2007 sottoscritto 11/04/2008. DECRETO LEGISLATIVO 27/10/2009, n. 150 in vigore 15/11/2009

CCNL BIENNIO ECONOMICO 2006-2007 sottoscritto 11/04/2008. DECRETO LEGISLATIVO 27/10/2009, n. 150 in vigore 15/11/2009 CCNL BIENNIO ECONOMICO 2006-2007 sottoscritto 11/04/2008 DECRETO LEGISLATIVO 27/10/2009, n. 150 in vigore 15/11/2009 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE DELL ASL TO4 Chivasso Ivrea - Ciriè

CODICE DISCIPLINARE DELL ASL TO4 Chivasso Ivrea - Ciriè CODICE DISCIPLINARE DELL ASL TO4 Chivasso Ivrea - Ciriè Personale del Comparto aggiornato con le modifiche e le integrazioni introdotte dal D.lgs. 150 del 27/10/2009 Pagina 1 di 20 INDICE TITOLO I (art.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE AGGIORNATO CON IL D.LGS. 150

CODICE DISCIPLINARE AGGIORNATO CON IL D.LGS. 150 Eti di Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche FLP DIFESA Coordinamento Nazionale piazza Dante, 12-00185 ROMA - 06-77201726 06-77201728 - @-mail: nazionale@flpdifesa.it web: www.flpdifesa.it

Dettagli

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 1. Il dipendente adegua il proprio comportamento all obbligo costituzionale di servire esclusivamente la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Personale dirigente Comparto Regioni e Autonomie Locali

CODICE DISCIPLINARE Personale dirigente Comparto Regioni e Autonomie Locali Consiglio regionale della Calabria CODICE DISCIPLINARE Personale dirigente Comparto Regioni e Autonomie Locali La pubblicazione sul sito istituzionale dell amministrazione del presente codice disciplinare

Dettagli

RESPONSABILITA DISCIPLINARE

RESPONSABILITA DISCIPLINARE RESPONSABILITA DISCIPLINARE del dirigente medico. I Quadro normativo e principi generali Principali norme di legge Artt. 2104, 2105 e 2106 c.c. D.lgs. n. 165/2001 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare Seminario sul D.Lgs. 27 ottobre 2009 n. 150 1 Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare (artt. 55-55 novies D. lsg. 30 marzo 2001 n. 165) Avv. Mauro Montini Firenze, 23 novembre 2009 AMBITO DI

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO JONICO Provincia di Taranto

COMUNE DI SAN GIORGIO JONICO Provincia di Taranto Allegato 1 COMUNE DI SAN GIORGIO JONICO Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Approvato con delibera di GM n. 24/2011 Rettificato con delibera di GM n. 22 del 31.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

CCNL relativo al personale dirigente dell Area I quadriennio 2006-2009 biennio economico 2006-2007(art. 9).

CCNL relativo al personale dirigente dell Area I quadriennio 2006-2009 biennio economico 2006-2007(art. 9). ALLEGATI Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165, Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. (artt. 54 55 octies). Legge 27 marzo 2001, n. 97, Norme sul

Dettagli

(Pubblicazione ai sensi dell art. 55 comma 2, D.Lgs. 165/2001)

(Pubblicazione ai sensi dell art. 55 comma 2, D.Lgs. 165/2001) (Pubblicazione ai sensi dell art. 55 comma 2, D.Lgs. 165/2001) Il D.Lgs. 27/10/2009 n. 150, Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico

Dettagli

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali Codice disciplinare Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali (integrato con le norme imperative introdotte in materia dagli artt. da 55 a 55-septies D.lgs.

Dettagli

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali Codice disciplinare Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali (integrato con le norme imperative introdotte in materia dagli artt. da 55 a 55-septies D.lgs.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE SANZIONATORIO AI SENSI DELL ARTICOLO 47 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (data di pubblicazione nel sito internet dell Autorità: 23 luglio 2015)

Dettagli

Codice disciplinare Sanzioni riferibili al personale del Comparto Art. 13 del CCNL del 19 aprile 2004 con le integrazioni e modifiche disposte dall art. 6 del CCNL 10 aprile 2008 1. Nel rispetto del principio

Dettagli

CITTA DI CIRIE. (art. 3 del CCNL 11 aprile 2008 e art. 55-bis, quarter, sexies e septies del D. Lgs. n. 165/2001) Provincia di Torino

CITTA DI CIRIE. (art. 3 del CCNL 11 aprile 2008 e art. 55-bis, quarter, sexies e septies del D. Lgs. n. 165/2001) Provincia di Torino CITTA DI CIRIE Provincia di Torino P. IVA 02084870019 C.F. 83000390019 www.comune.cirie.to.it CAP 10073 - Corso Martiri della Libertà 33 Tel. 011 9218111 - Fax 011 9211525 e-mail: comunecirie@comune.cirie.to.it

Dettagli

COMUNE DI GABICCE MARE

COMUNE DI GABICCE MARE COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino Regolamento sui Procedimenti Amministrativi (Approvato con Delibera di Consiglio n.17 del 30/03/2006, modificato con Delibera di Consiglio n.29 del 12/07/2010

Dettagli