Decreto legislativo di attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15. in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Decreto legislativo di attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15. in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico"

Transcript

1 Decreto legislativo di attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Disciplina delle assenze dal servizio

2 Giustificazione dell assenza per malattia Per le assenze protratte per più di 10 gg e dopo il 2 evento occorre o il certificato della struttura sanitaria pubblica o il certificato del medico convenzionato con il S.S.N.

3 Modalità di trasmissione del certificato per malattia il certificato ètrasmesso per via telematica èinviato direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria pubblica all I.N.P.S. l I.N.P.S. invia immediatamente il certificato, sempre per via telematica all amministrazione di appartenenza del lavoratore il lavoratore non ha nessun altro obbligo (cessa l obbligo di inviare il certificato tramite raccomandata A/R alla propria amministrazione entro due giorni lavorativi)

4 il nuovo sistema telematico di trasmissione sarà avviato a partire dal prossimo anno èprevista una fase di transizione e di diffusione della nuova procedura, nel corso della quale potranno essere utilizzate sia la modalità di trasmissione tradizionale, sia quella telematica sono previsti interventi specifici finalizzati a garantire la multicanalità della trasmissione telematica, superando le eventuali situazioni di digital divide esistenti tra operatori sanitari

5 Inosservanza dell obbligo di trasmissione telematica L inosservanza degli obblighi di trasmissione telematica costituisce illecito disciplinare e, in caso di reiterazione, comporta il licenziamento o, per i medici convenzionati, la decadenza dalla convenzione.

6 Controllo sulle assenze per malattia In generale, l amministrazione dispone il controllo anche nel caso di assenza per un solo giorno. Sono fatte salve eventuali esigenze funzionali ed organizzative.

7 Fasce di reperibilità in caso di malattia Le fasce orarie di reperibilità del lavoratore dovranno essere definite con decreto del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione. (art. 55 septies d.lgs. n. 165/2001, come modificato)

8 Fasce di reperibilità in caso di malattia Con il decreto ministeriale verranno introdotte fasce orarie più lunghe di quelle vigenti, ma verranno contestualmente previste alcune eccezioni rispetto all obbligo di reperibilità in considerazione di particolari patologie o situazioni.

9 Vigilanza del dirigente Il dirigente della struttura e il dirigente del personale curano l osservanza delle norme sulle assenze al fine di prevenire e contrastare le condotte assenteistiche.

10 Vigilanza del dirigente La colpevole violazione del dovere di vigilanza sull osservanza delle norme sulle assenze da parte del personale può dar luogo a responsabilità del dirigente e, a seguito dell applicazione della procedura, comportare l applicazione di sanzioni a suo carico. Sono previste: la decurtazione della retribuzione di risultato (anche fino all 80%) o la mancata attribuzione della stessa; la sospensione dal servizio con privazione della retribuzione.

11 Licenziamento disciplinare del pubblico dipendente E previsto il licenziamento disciplinare senza preavviso nel caso di falsa attestazione della presenza in servizio, mediante l alterazione dei sistemi di rilevamento della presenza o con altre modalità fraudolente, ovvero giustificazione dell assenza dal servizio mediante una certificazione medica falsa o che attesta falsamente uno stato di malattia

12 Delitto di false attestazioni o certificazioni Il lavoratore dipendente di una p.a. che attesta falsamente la propria presenza in servizio, mediante l alterazione dei sistemi di rilevamento della presenza o con altre modalità fraudolente, ovvero giustifica l assenza dal servizio mediante una certificazione medica falsa o falsamente attestante uno stato di malattia è punito con la reclusione da 1 a 5 anni e con la multa da E 400,00 a E 1.600,00. La medesima pena si applica al medico e a chiunque concorre nella commissione del delitto.

13 Delitto di false attestazioni o certificazioni In caso di false attestazioni o certificazioni il lavoratore dipendente di una p.a. è obbligato a risarcire il danno patrimoniale pari al compenso corrisposto a titolo di retribuzione nei periodi per i quali sia accertata la mancata prestazione.

14 Delitto di false attestazioni o certificazioni La sentenza definitiva di condanna o di applicazione della pena per il delitto comporta per il medico la sanzione disciplinare della radiazione dall albo ed altresì, se dipendente di una struttura sanitaria pubblica o se convenzionato con il S.S.N., il licenziamento per giusta causa o la decadenza dalla convenzione. La medesima pena si applica se il medico, in relazione all assenza dal servizio, rilascia certificazioni che attestano dati clinici non direttamente constatati né oggettivamente documentati.

Gazzetta Ufficiale N. 144 del 23 Giugno 2010

Gazzetta Ufficiale N. 144 del 23 Giugno 2010 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Gazzetta Ufficiale N. 144 del 23 Giugno 2010 CIRCOLARE 28 aprile 2010, n. 5 Articolo 55-quinquies del decreto legislativo n. 165 del 2001 (introdotto dal decreto legislativo

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE Integrato con le modifiche e aggiunte apportate agli articoli da 55 a 55 septies dal D.Lgs. n. 150/2009 CCNL 11 APRILE 2008 ARTICOLO 3, COMMI 1, 2 E 3

Dettagli

CERTIFICATI DI MALATTIA DIGITALI

CERTIFICATI DI MALATTIA DIGITALI CERTIFICATI DI MALATTIA DIGITALI Decreto legislativo 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni 1 Il quadro

Dettagli

Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità. Malattie dipendenti pubblici 2014: la legge n.111

Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità. Malattie dipendenti pubblici 2014: la legge n.111 Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità Le visite fiscali per il controllo della malattia servono ad appurare l inidoneità momentanea del dipendente pubblico a svolgere la propria prestazione lavorativa;

Dettagli

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010)

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010) NUOVO CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DELLA DIRIGENZA DIRIGENZA MEDICA - VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA COORDINATO CON IL D.LGS. 27/10/2009 N. 150

Dettagli

Certificati di malattia digitali

Certificati di malattia digitali Certificati di malattia digitali Decreto legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Roma,

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150 TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 ARTICOLO 67 Oggetto e finalità Comma 1 Finalità: potenziare i livelli di efficienza negli

Dettagli

Stralcio D. Lgs. 150/09

Stralcio D. Lgs. 150/09 Stralcio D. Lgs. 150/09 CAPO V Sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici Art. 67. Oggetto e finalità 1. In attuazione dell articolo 7 della legge 4 marzo 2009, n. 15, le disposizioni

Dettagli

Art. 55 septies - Controlli sulle assenze

Art. 55 septies - Controlli sulle assenze ASSENZE PER MALATTIA Decreto legislativo 30.03.2001, n. 165: Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. (G.U. 09.05.2001, n. 106 - S.O.) Art. 55 septies

Dettagli

3. ' ( 4. )*++++ ) "++++, c. d. (

3. ' ( 4. )*++++ ) ++++, c. d. ( AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI TORINO EX IACP!" # $!!%'''$ ##! 1. 2.!"#$% 3. ' 4. )*++++ ) "++++, a. ""-,. b. e. 0 f. g. 0 1 *!$,22+*!, 0 h. "" " ""-$ # ""-34 "" # $ ""-3, % 4, a.!"#

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. a) il tipo e l entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati anche in relazione:

CODICE DISCIPLINARE. a) il tipo e l entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati anche in relazione: CODICE DISCIPLINARE 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del d.lgs. n.165

Dettagli

LANUSEI Via Piscinas n 5 08045 Lanusei Tel. 0782/490599/565

LANUSEI Via Piscinas n 5 08045 Lanusei Tel. 0782/490599/565 A.S.L. N 4 LANUSEI Via Piscinas n 5 08045 Lanusei Tel. 0782/490599/565 P.I. 00978060911 www.asllanusei.it Codice disciplinare Art. 13 del CCNL del 19 aprile 2004 con le integrazioni e modifiche riportate

Dettagli

Codice disciplinare. Area dirigenziale medica. n.b. I riferimenti in corsivo attengono al d. lgs 165/01 richiamato nel codice stesso

Codice disciplinare. Area dirigenziale medica. n.b. I riferimenti in corsivo attengono al d. lgs 165/01 richiamato nel codice stesso Codice disciplinare Area dirigenziale medica n.b. I riferimenti in corsivo attengono al d. lgs 165/01 richiamato nel codice stesso 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità

Dettagli

Codice disciplinare Sanzioni riferibili al personale del Comparto Art. 13 del CCNL del 19 aprile 2004 con le integrazioni e modifiche disposte dall art. 6 del CCNL 10 aprile 2008 1. Nel rispetto del principio

Dettagli

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare Articolo estratto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto regioni e autonomie locali quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 Titolo II

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Pagina 1 di 7 CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità

Dettagli

Certificati medici on line: dal 1 febbraio 2011 scattano le sanzioni

Certificati medici on line: dal 1 febbraio 2011 scattano le sanzioni Studio Pasotto & Partners Ragionieri Commercialisti Consulenti del Lavoro Partners: Giorgio Pasotto Ragioniere Commercialista giorgiopasotto@studiopasotto.it Cristina Taioli - Consulente del Lavoro cristinataioli@studiopasotto.it

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009 L art. 69 del D.Lgs. 150/09, modificativo del D.Lgs. 165/01, ha apportato ulteriori modifiche in materia disciplinare. Le norme del Codice disciplinare sotto riportato sono applicate solo se risultano

Dettagli

Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici

Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici Anna Ceci Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazionel Gerolamo Giungato Istat Roma, 10 giugno 2010 Indice 1. Le norme 2. La Legge n. 133/08

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE PUBBLICATO IN DATA 19 MAGGIO 2010 IN VIGORE DAL 3 GIUGNO 2010 CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE Art. 8 CCNL Integrativo del CCNL 17 ottobre 2008, sottoscritto in data 6 maggio 2010 1.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope PBX 081.5475111 (19 linee urb.) COD. FISC. 800 182 40 632 PART. IVA 018 773 20 638 T E L E F A X 0 8 1. 5 5 2 1 4 8 5 I N T E R N E T : w w w. u n i p a r t h e n o e p. i t 8 0 1 3 3 N A P O L I 1 4 D

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Art. 8

CODICE DISCIPLINARE. Art. 8 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 dei CC.CC.NN.LL. per l area della Dirigenza del Comparto Sanità, AREE III e IV sottoscritti in data 06/05/2010, per la sequela dei rispettivi CC.CC.NN.LL. ( artt. 28 e 29) del

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI RIMPROVERO VERBALE RIMPROVERO SCRITTO CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI Art. 3, Comma 4 Inosservanza disposizioni di servizio, anche in tema di assenze per malattia, nonché dell'orario

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO CONTROLLI IN CASO DI MALATTIA QUESITO (posto in data 7 dicembre 2013) Sono dipendente ASL dal 1988. In tutto questo periodo ho fatto solo 20 giorni di malattia nel 1993 per una frattura e quindi

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE DIRIGENZA MEDICO E VETERINARIA

CODICE DISCIPLINARE DIRIGENZA MEDICO E VETERINARIA CODICE DISCIPLINARE DIRIGENZA MEDICO E VETERINARIA CCNL DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO DEL CCNL DEL 17 OTTOBRE 2008 (firmato il 6 maggio

Dettagli

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (art. 3 CCNL 11.04.2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO A tutto il personale tecnico amministrativo Ai Direttori di Dipartimento e Centro Ai Responsabili di Area Al Responsabile C.L.A. Al Responsabile SISTI Al Responsabile CORE Al Responsabile PREP e, p.c.

Dettagli

CODICE DI FATTURAZIONE ELETTRONICA UF4URW

CODICE DI FATTURAZIONE ELETTRONICA UF4URW Istituto Comprensivo Statale Giovanni Pascoli Via Puglie, 1-87076 Villapiana (CS) Tel.e fax:0981/505051 Mail:CSIC82300V@istruzione.it Pec:csic82300v@pec.istruzione.it Sito Web: www.comprensivovillapiana.it

Dettagli

Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI

Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI Via G. B. Basile, 39-80014 Giugliano in Campania (NA)- tel. 081/8945777 fax 081/3302641 -codice meccanografico NARI020001- codice

Dettagli

NUOVI ILLECITI DISCIPLINARI VALIDI SIA PER IL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO E ATA

NUOVI ILLECITI DISCIPLINARI VALIDI SIA PER IL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO E ATA NUOVI ILLECITI DISCIPLINARI VALIDI SIA PER IL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO E ATA Nuovi illeciti disciplinari. Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (Testo in vigore dal 15 novembre 2009, dopo le modifiche

Dettagli

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare Seminario sul D.Lgs. 27 ottobre 2009 n. 150 1 Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare (artt. 55-55 novies D. lsg. 30 marzo 2001 n. 165) Avv. Mauro Montini Firenze, 23 novembre 2009 AMBITO DI

Dettagli

MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende (Va)

MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende (Va) ISO 9001 CERTIFIED ORGANISATION ISTITUTO Di ISTRUZIONE SUPERIORE MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende

Dettagli

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Articolo 300 D.Lgs. 81/08 Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 1. L articolo 25-septies del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, è sostituito dal seguente: «Art. 25-septies (Omicidio

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) CODICE DISCIPLINARE PREMESSA Il D. Lgs 150/2009, di attuazione della L. 15/2009, ha previsto un nuovo sistema disciplinare per i dipendenti pubblici.

Dettagli

ASSENZA PER MALATTIA: ISTRUZIONI PER L'USO

ASSENZA PER MALATTIA: ISTRUZIONI PER L'USO ASSENZA PER MALATTIA: ISTRUZIONI PER L'USO Art. 21 C.C.N.L. 6.7.1995 Art. 19 CCNL 14.9.2000 Art. 13 CCNL 5.10.2001 D.Lgs. 150/2009 -D.L. 206/2009 D.Lgs. 165/2001 L. 111/2011 Circolare P.C.M. 10/2011 IL

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008 PROVINCIA di ROVIGO NUOVO CODICE DISCIPLINARE del PERSONALE NON AVENTE QUALIFICA DIRIGENZIALE (art. 3 del e artt. 55 e da 55bis a 55 septies del D. Lgs. n. 165/2001, come modificati dagli artt. 68 e ss.

Dettagli

Il Responsabile del Servizio Risorse Umane e Sviluppo. pubblica

Il Responsabile del Servizio Risorse Umane e Sviluppo. pubblica C:\Documents and Settings\marcolin_n.ZOLADOM.241\Impostazioni locali\temp\codice_disciplinare_2010.1273569572.doc Prot. 9195/2010 PUBBLICAZIONE DEL C O D I C E D I S C I P L I N A R E Il Responsabile del

Dettagli

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Disciplina in materia di assenze dal servizio per malattia. Artt. 34-35 del CCNL 2006-2009 I^ biennio economico 2006-2007 vigente

Dettagli

DLgs 165/01 come modificato dal DLgs 150/09

DLgs 165/01 come modificato dal DLgs 150/09 DLgs 165/01 come modificato dal DLgs 150/09 Art. 55. Sanzioni disciplinari e responsabilità 1. Le disposizioni del presente articolo e di quelli seguenti, fino all'articolo 55-octies, costituiscono norme

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE AGGIORNATO CON IL D.LGS. 150

CODICE DISCIPLINARE AGGIORNATO CON IL D.LGS. 150 Eti di Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche FLP DIFESA Coordinamento Nazionale piazza Dante, 12-00185 ROMA - 06-77201726 06-77201728 - @-mail: nazionale@flpdifesa.it web: www.flpdifesa.it

Dettagli

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 1 Valutazione Uno dei principali intenti del D.Lgs. n. 150/2009 è stato

Dettagli

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Per comprendere al meglio il funzionamento del procedimento disciplinare è innanzitutto necessario

Dettagli

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 1. Il dipendente adegua il proprio comportamento all obbligo costituzionale di servire esclusivamente la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare

Dettagli

La norma. La disciplina. di Guglielmo Anastasio

La norma. La disciplina. di Guglielmo Anastasio 26 Novembre 2010, ore 08:50 Collegato lavoro - Gli impatti sul rapporto di lavoro I certificati di malattia: semplificata la procedura, aumentate le responsabilità In materia di certificati di malattia,

Dettagli

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Sommario: 1. Personale docente: Infrazioni e sanzioni. 2. Personale amministrativo, tecnico e ausiliario: Infrazioni e sanzioni. 1. PERSONALE DOCENTE: INFRAZIONI

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

La delega Brunetta ( legge n. 15/2009 ) di Giorgio Cavallero Decreti delegati I decreti delegati Brunetta devono dare attuazione alla delega che il governo ha ottenuto in Parlamento (con il voto favorevole

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA Il DIRETTORE Ai sensi e per gli effetti dell art.55, comma 2 del D.Lgs 165 del 2001 come sostituito dall art.68, comma 1, del D.Lgs. 27 ottobre 2009 n.150 PUBBLICA Il testo del codice disciplinare di cui

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE MODIFICHE ALL'ARTICOLO 55- QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165, AI SENSI DELL'ARTICOLO 17, COMMA 1, LETTERA S), DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N. 124,

Dettagli

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un b CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI BARI SISTEMA DISCIPLINARE ex D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Principi generali Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un adeguato

Dettagli

(N.d.R. Le parti evidenziate in giallo sono quelle strettamente attinenti ai lavoratori del pubblico impiego)

(N.d.R. Le parti evidenziate in giallo sono quelle strettamente attinenti ai lavoratori del pubblico impiego) 1 Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Ministero del lavoro e delle

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE A) DISPOSIZIONI CONTRATTUALI Art. 16 CCNL 9 ottobre 2003 (Sostituisce integralmente l art. 28 CCNL 6.7.1995) (Come modificato dall art. 29, comm1 e 2

Dettagli

1 Art. 1 Principi generali dell attività amministrativa

1 Art. 1 Principi generali dell attività amministrativa IL NUOVO CONTRATTO DEI DIRIGENTI DEGLI ENTI LOCALI Il contratto nazionale dei dirigenti di regioni ed enti locali è stato sottoscritto lo scorso 22 febbraio. L intesa, disciplinante il quadriennio normativo

Dettagli

Codice disciplinare dirigenti

Codice disciplinare dirigenti Codice disciplinare dirigenti A. Norme di carattere generale 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, sono fissati i seguenti

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

(Decreto Brunetta) e ss.mm.ii. Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del

(Decreto Brunetta) e ss.mm.ii. Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del ISTITUTO COMPRENSIVO PAOLO VI - CAMPANELLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria Piazza Duomo, 1 89013 GIOIA TAURO (RC )- C.M. RCIC862004 Tel. 0966/51157-507126 C.F.91007370801 E mail: // rcic862004@istruzione.it

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA SULLA TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA

GUIDA INFORMATIVA SULLA TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA GUIDA INFORMATIVA SULLA TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA Cosa prevedono le norme L'articolo 55-septies del DLgs 30 marzo 2001, n.165, introdotto dall'articolo 69 del DLgs 27 ottobre

Dettagli

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali Codice disciplinare Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali (integrato con le norme imperative introdotte in materia dagli artt. da 55 a 55-septies D.lgs.

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali

Codice disciplinare. Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali Codice disciplinare Art. 3 C.C.N.L. 11/4/2008 personale non dirigente del Comparto Regioni e Autonomie Locali (integrato con le norme imperative introdotte in materia dagli artt. da 55 a 55-septies D.lgs.

Dettagli

CERTIFICATI DI MALATTIA TELEMATICI

CERTIFICATI DI MALATTIA TELEMATICI dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 23.05.2011 CERTIFICATI DI MALATTIA TELEMATICI Dal prossimo 18 giugno cessa il regime transitorio per il rilascio e la trasmissione

Dettagli

e) rifiuto di assoggettarsi a visite personali disposte a tutela del patrimonio dell'ente, nel rispetto di quanto previsto dall art.

e) rifiuto di assoggettarsi a visite personali disposte a tutela del patrimonio dell'ente, nel rispetto di quanto previsto dall art. CODICE DISCIPLINARE Inserito nell appendice normativa del regolamento per la gestione dei procedimenti disciplinari approvato con deliberazione della G.M. n. 23 del 17.02.2015 Art. 3 Codice disciplinare

Dettagli

DIRIGENTI. Obblighi art. 14 del CCNL Area V 15.7.10

DIRIGENTI. Obblighi art. 14 del CCNL Area V 15.7.10 DIRIGENTI Obblighi art. 14 del CCNL Area V 15.7.10 Il dirigente conforma la sua condotta al dovere costituzionale di servire la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare i principi di buon

Dettagli

CITTA DI CIRIE. (art. 3 del CCNL 11 aprile 2008 e art. 55-bis, quarter, sexies e septies del D. Lgs. n. 165/2001) Provincia di Torino

CITTA DI CIRIE. (art. 3 del CCNL 11 aprile 2008 e art. 55-bis, quarter, sexies e septies del D. Lgs. n. 165/2001) Provincia di Torino CITTA DI CIRIE Provincia di Torino P. IVA 02084870019 C.F. 83000390019 www.comune.cirie.to.it CAP 10073 - Corso Martiri della Libertà 33 Tel. 011 9218111 - Fax 011 9211525 e-mail: comunecirie@comune.cirie.to.it

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DOCENTE E ATA DOPO L INTRODUZIONE DEL D. LGS 150/09

LE SANZIONI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DOCENTE E ATA DOPO L INTRODUZIONE DEL D. LGS 150/09 LE SANZIONI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DOCENTE E ATA DOPO L INTRODUZIONE DEL D. LGS 150/09 Il d.lgs 150/09 con l art 68 sostituisce l art 55 del d. lgs. 165/01, al comma 2 ribadisce che la tipologia

Dettagli

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

Codice disciplinare personale non dirigente. CCNL 11.04.2008 (integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

Codice disciplinare personale non dirigente. CCNL 11.04.2008 (integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Codice disciplinare personale non dirigente CCNL 11.04.2008 (integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) Articolo 4 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASORIA3-CARDUCCI-KING Via Suor Maria Cristina Brando 80026 Casoria (NA) tel. 081/7389576-0817586601 C.M.

ISTITUTO COMPRENSIVO CASORIA3-CARDUCCI-KING Via Suor Maria Cristina Brando 80026 Casoria (NA) tel. 081/7389576-0817586601 C.M. ISTITUTO COMPRENSIVO CASORIA3-CARDUCCI-KING Via Suor Maria Cristina Brando 80026 Casoria (NA) tel. 081/7389576-0817586601 C.M. NAIC8EM009 Pubblicazione del Codice disciplinare dei dipendenti pubblici In

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle

Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Page 1 of 12 Leggi d'italia D.Lgs. 30-3-2001 n. 165 Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 maggio 2001, n. 106, S.O. D.Lgs.

Dettagli

Controllo requisiti. La dichiarazione va corredata da fotocopia, non autenticata, di valido documento di identità del sottoscrittore.

Controllo requisiti. La dichiarazione va corredata da fotocopia, non autenticata, di valido documento di identità del sottoscrittore. Controllo requisiti La dichiarazione va corredata da fotocopia, non autenticata, di valido documento di identità del sottoscrittore. Alla Como Servizi Urbani spa Via Giulini 15 22100 COMO OGGETTO: Autocertificazione

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Ordine dei Giornalisti Lombardia MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PUBBLICISTI DEI COLLABORATORI DI EMITTENTI RADIOTELEVISIVE

Ordine dei Giornalisti Lombardia MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PUBBLICISTI DEI COLLABORATORI DI EMITTENTI RADIOTELEVISIVE Ordine dei Giornalisti Lombardia MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PUBBLICISTI DEI COLLABORATORI DI EMITTENTI RADIOTELEVISIVE Sono pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

Adottiamo una PEC. Spazio Etoile - Galleria Caetani, Piazza San Lorenzo in Lucina, 43. Roma, 11 novembre 2009

Adottiamo una PEC. Spazio Etoile - Galleria Caetani, Piazza San Lorenzo in Lucina, 43. Roma, 11 novembre 2009 Adottiamo una PEC Spazio Etoile - Galleria Caetani, Piazza San Lorenzo in Lucina, 43 Roma, 11 novembre 2009 1 Indice Executive summary 1. Riferimenti normativi 2. 2010: anno della PEC 3. I vantaggi della

Dettagli

COMUNE DI SAN CIPRIANO D AVERSA (Prov. di Caserta) DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA CORRETTA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO.

COMUNE DI SAN CIPRIANO D AVERSA (Prov. di Caserta) DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA CORRETTA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO. COMUNE DI SAN CIPRIANO D AVERSA (Prov. di Caserta) DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA CORRETTA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO. Le presenti disposizioni disciplinano l articolazione dell orario di lavoro e di

Dettagli

I N D I C E. 1. Decreto Legislativo 165/2001: art. 55, 55-bis, 55-ter, 55-quater, 55-quinquies, 55-sexies, 55-septies, 55-octies, 55-novies

I N D I C E. 1. Decreto Legislativo 165/2001: art. 55, 55-bis, 55-ter, 55-quater, 55-quinquies, 55-sexies, 55-septies, 55-octies, 55-novies Pubblicazione, sul sito istituzionale dell amministrazione, del codice di comportamento e del codice disciplinare, come previsto dall art. 55, comma 2 del D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, così come modificato

Dettagli

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA SINTESI GRUPPO DI LAVORO A RESPONSABILITA DISCIPINARI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO E GESTIONE RISORSE UMANE NEL D.Lgs n150/2009 (c.d. Brunetta) PRIMA PARTE Il D.Lgs 150/09 è stato emanato in attuazione della

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

b) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d'ufficio;

b) non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d'ufficio; (Il presente codice disciplinare riguarda i soli dirigenti trasferiti ad Arpae dalle Province e dalla Città Metropolitana di Bologna a seguito del riordino funzionale di cui alla L.R. n. 13/2015). Prot.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l.

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 PREMESSA Art. 2 ILLECITI DISCIPLINARI E CRITERI SANZIONATORI Art. 3 LAVORATORI

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELL ATER DI LATINA ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA Testo approvato dal Commissario Straordinario

Dettagli

IL CODICE DISCIPLINARE

IL CODICE DISCIPLINARE IL CODICE DISCIPLINARE Qualora vi siano, nei contratti collettivi di lavoro o in altri testi normativi che disciplinano la materia, disposizioni difformi da quelle contenute nel DL 150/09, sono queste

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori Bastia Umbra, 21 maggio 2012 dr. Armando Mattioli Art. 15. (Misure

Dettagli

D. LGS. 165/2001 CAPO V SANZIONI DISCIPLINARI E RESPONSABILITA DEI DIPENDENTI PUBBLICI

D. LGS. 165/2001 CAPO V SANZIONI DISCIPLINARI E RESPONSABILITA DEI DIPENDENTI PUBBLICI D. LGS. 165/2001 CAPO V SANZIONI DISCIPLINARI E RESPONSABILITA DEI DIPENDENTI PUBBLICI IL D.LGS. 150/2009, DI ATTUAZIONE DELLA L. 15/2009, HA PREVISTO UN NUOVO SISTEMA DISCIPLINARE PER I DIPENDENTI PUBBLICI.

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 Numero Approvazione Data EDIZIONE 01 Consiglio di Amministrazione 19/12/2013 EDIZIONE 02 Consiglio di Amministrazione 03/09/2015 Pag. 2/8 INDICE 1. Obiettivo

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE DELLA DIRIGENZA E CODICE DISCIPLINARE

REGOLAMENTO SULLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE DELLA DIRIGENZA E CODICE DISCIPLINARE REGOLAMENTO SULLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE DELLA DIRIGENZA E CODICE DISCIPLINARE 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI, RESPONSABILITA DISCIPLINARI E SANZIONI Articolo 1 Ambito di applicazione e fonti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Cons. Antonio Naddeo firmato

Cons. Antonio Naddeo firmato CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DELL AREA VII DELLA DIRIGENZA UNIVERSITÀ E ISTITUZIONI ED ENTI DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE PER ILQUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 E BIENNIO

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMPARTO (escluso il personale dirigente)

A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMPARTO (escluso il personale dirigente) A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMPARTO (escluso il personale dirigente) La pubblicazione sul sito internet aziendale del codice disciplinare avviene ai sensi dell art. 55 del D. Lgs. 165/2001, modificato

Dettagli

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli

Sanzioni disciplinari più severe e numerose

Sanzioni disciplinari più severe e numerose più severe e numerose di Paola Briguori * 42 Tra le novità previste dal decreto Brunetta in materia di sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici, l ampliamento dei poteri del dirigente

Dettagli

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche.

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche. OGGETTO: 14/PQ = Il Controllo Dei Prodotti Biologici In Italia 1 L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO approvato con D.C.C. n 17 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli