PROVINCIA DI VERONA Settore direzione generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI VERONA Settore direzione generale"

Transcript

1 PROVINCIA DI VERONA Settore direzione generale Capitolato speciale per l'acquisizione del servizio di gestione del sistema bibliotecario (SBPvr) e museale (SMPvr) della Provincia di Verona PARTE I Capitolato d'oneri Titolo I Principi generali Titolo II Condizioni generali di contratto Titolo III Vigilanza sul contratto PARTE II Capitolato tecnico - SBPvr Titolo I Disposizioni generali sulle prestazioni oggetto del contratto per il sistema bibliotecario (SBPvr) Titolo Il Manutenzione e gestione del SBPvr Titolo III Ulteriori servizi connessi al SBPvr PARTE III Capitolato tecnico - SMPvr Titolo I Disposizioni generali sulle prestazioni oggetto del contratto per il sistema museale (SMPvr) Titolo Il Manutenzione e gestione del SMPvr i

2 PARTE I Capitolato d'oneri Art. 1 Oggetto Art. 2 Definizioni Art. 3 Corrispettivo del contratto Art. 4 Informazioni generali e documentazione Art. 5 Normativa di riferimento Titolo I Principi generali Titolo Il Condizioni generali di contratto Art. 6 Durata, rinnovo e proroga Art. 7 Tempi di esecuzione del contratto Art. 8 Vigilanza e penali Art. 9 Livelli di servizio Art. 10 Responsabilità Art. 11 Cauzione definitiva Art. 12 Forma e termine per la stipulazione del contratto Art. 13 Validità delle offerte e utilizzo della graduatoria Art. 14 Divieto di cessione del contratto Art. 15 Subappalto Art. 16 Reportistica e penali Art. 17 Risoluzione del contratto Art. 18 Esclusione clausola arbitrale e foro competente Art. 19 Forma delle comunicazioni e domicilio Art. 20 Trattamento dati Titolo III Vigilanza sul contratto Art. 21 Organizzazione del servizio di vigilanza Art. 22 Verifica di funzionalità dei servizi Art. 23 Rischi da interferenza Art. 24 Comitato tecnico SBPvr e Comitato tecnico SMPvr Titolo IV Valutazione dei livelli di servizio Art. 25 Valutazione dei livelli di servizio Art. 26 Adempimenti finali a carico dell'appaltatore 2

3 PARTE II Capitolato tecnico - SBPvr Titolo I Disposizioni generali sulle prestazioni oggetto del contratto per il sistema bibliotecario (SBPvr) Art. 27 Servizi oggetto del contratto Art. 28 Prestazioni escluse dal contratto Art. 29 Iscrizione utenti al SBPvr, titolarità e disponibilità delle informazioni Titolo II Manutenzione e gestione del SBPvr Art. 30 Le biblioteche del SBPvr Art. 31 Outsourcing del sistema Art. 32 I software applicativi del SBPvr Art. 33 Gestione della catalogazione centralizzata Art. 34 Servizio di help desk Art. 35 Gestione del reference documentale e del "document delivery" Art. 36 Attività di manutenzione e di pulizia delle basi dati bibliografiche Art. 37 Gestione del coordinamento delle acquisizioni Art. 38 Gestione del prestito interbibliotecario Art. 39 Struttura del Centro servizi - CSBvr Art. 40 Gestione delle stazioni di prestito automatizzato Art. 41 Estensione del servizio per le nuove biblioteche e punti prestito Art. 42 Servizio di monitoraggio delle connessioni alla rete Internet Art. 43 Servizio di assistenza e manutenzione delle PDL e delle LAN Art. 44 Rilevamento dei dati statistici Art. 45 Servizio di formazione Titolo III Ulteriori servizi connessi al SBPvr Art. 46 Rete bibliotecaria scuole veronesi - RBSvr Art. 47 Proposte di miglioramento Art. 48 Attività di supporto alla gestione del Metaopac Veronese - MOV PARTE III Capitolato tecnico - SMPvr Titolo I Disposizioni generali sulle prestazioni oggetto del contratto per il sistema museale (SMPvr) Art. 49 Servizi oggetto del contratto Art. 50 Prestazioni escluse dal contratto Art. 51 Titolarità e disponibilità delle informazioni 3

4 Titolo Il Manutenzione e gestione del SMPvr Art. 52 I musei del SMPvr Art. 53 Outsourcing del sistema Art. 54 I software applicativi del SMPvr Art. 55 Servizi di implementazione delle basi dati Art. 56 Servizio di help desk Art. 57 Struttura e sede del Centro servizi - CSMvr Art. 58 Servizio di monitoraggio delle connessioni alla rete Internet Art. 59 Servizio di assistenza delle PDL e delle LAN Art. 60 Rilevamento dei dati statistici Art. 61 Servizio di formazione Art. 62 Proposte di miglioramento ALLEGATI Allegato n. 1 Allegato n. 2 Allegato n. 3 Allegato n. 4 Allegato n. 5 Allegato n. 6 Allegato n. 7 Allegato n. 8 Architettura del sistema bibliotecario provinciale (SBPvr) Elenco delle biblioteche civiche connesse al SBPvr, con i relativi dati Descrizione delle caratteristiche tecniche e di servizio delle stazioni di prestito automatizzato Documento che descrive l'integrazione della rete bibliotecaria scolastica nel SBPvr, la tipologia del servizio e le modalità della sua erogazione Elenco dei software applicativi Architettura e caratteristiche del sistema museale provinciale (SMPvr) Livelli di servizio (SLA) previsti dal capitolato speciale d 'appalto e le relative penali per il SBPvr e per il SMPvr Ruoli richiesti per il piano delle risorse umane per la gestione del SBPvr e del SMPvr 4

5 PARTEI Capitolato d'oneri Titolo I Principi generali Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente capitolato ha ad oggetto il servizio di gestione del sistema bibliotecario e museale della Provincia di Verona. 2. Il servizio di gestione del sistema bibliotecario (SBPvr), che comprende anche le biblioteche scolastiche, ha ad oggetto le prestazioni indicate nella Parte II del presente capitolato. 3. Il servizio di gestione del sistema museale (SMPvr) ha ad oggetto le prestazioni indicate nella parte III del presente capitolato. Articolo 2 (Definizioni) 1. Ai fini del presente capitolato, si intendono: a) per "Provincia", la Provincia di Verona; b) e) d) e) per "SBPvr", il sistema bibliotecario della Provincia di Verona; per "RBSvr", la rete bibliotecaria delle scuole veronesi; per "SMPvr", il sistema museale della Provincia di Verona; per "biblioteca", un servizio organico che assicura la disponibilità al pubblico di un patrimonio bibliografico in forma diretta, attraverso un patrimonio proprio della biblioteca incrementato da acquisizioni annuali e, in forma indiretta, attraverso le procedure di prestito interbibliotecario; per "punto prestito ", un servizio che assicura la distribuzione al pubblico di documenti bibliografici ottenuti prevalentemente attraverso le procedure di prestito interbibliotecario; per "stazioni di prestito automatizzato", un servizio, realizzato con macchine distributrici di documenti bibliografici (libri, DVD, ecc.), che assicura la distribuzione di documenti al pubblico attraverso le procedure di prestito interbibliotecario; per "CSBvr", il centro servizi bibliotecario della Provincia di Verona, istituito e gestito dall'appaltatore; per "CSMvr", il centro servizi museale della Provincia di Verona, istituito e gestito dall'appaltatore; per "Concorrente", il soggetto che partecipa alla gara; per "Appaltatore", il concorrente aggiudicatario del servizio; per "attuale gestore", la società che attualmente gestisce il SBPvr; m) per "catalogo collettivo", la base dati condivisa delle notizie bibliografiche, degli utenti e delle movimentazioni del prestito; n) per "PDL", la postazione di lavoro connessa al SBPvr; o) per "LAN", la rete locale delle PDL connesse al SBPvr; p) per "SLA" (Service Level Agreement), i livelli di servizio che l'appaltatore dovrà rispettare per un corretto svolgimento del servizio stesso; q) per "OPAC", Online Public Access Catalogue; r) per "RUP", il responsabile unico del procedimento della Provincia; s) per "Metaopac", il catalogo collettivo virtuale; t) per "MOV", il metaopac delle biblioteche veronesi; 5

6 u) per "giorni", si intendono i "giorni naturali" (e non i "giorni lavorativi"). Articolo 3 (Corrispettivo del contratto) Il corrispettivo del contratto di appalto risulta dall'applicazione dei canoni trimestrali onnicomprensivi offerti dall'appaltatore in sede di gara, rispettivamente per la gestione e manutenzione del sistema bibliotecario (articolo 27 del capitolato) e per la gestione e manutenzione del sistema museale (articolo 49 del capitolato). 2. Il corrispettivo è liquidato, su base trimestrale, in relazione all'effettiva prestazione dei servizi di cui all'articolo I. 3. Con il pagamento del corrispettivo di cui al comma 1, l'appaltatore si intende soddisfatto di ogni suo avere per gli oneri e gli obblighi del contratto di appalto di cui trattasi, risultanti dal presente capitolato, dagli atti di gara e dall'offerta dell'appaltatore stesso, null'altro potendo pretendere dalla Provincia per la stessa causale. Le quote annue di adesione delle scuole alla RBSvr saranno corrisposte direttamente dalle singole scuole all'appaltatore, come disciplinato dall'articolo 46 del presente capitolato. 4. Sono fatte salve le eventuali diminuzioni e aggiunte al contratto che possono essere autorizzate, a suo insindacabile giudizio, dalla Provincia e che l'appaltatore è obbligato ad accettare entro la misura del 20% dell'importo originario presunto del contratto senza poter pretendere alcuna variazione di prezzo. 5. Il pagamento del corrispettivo all'appaltatore è effettuato, previa positiva verifica del corretto svolgimento del servizio nel periodo di riferimento, nel termine di cui al successivo comma 6, dalla presentazione al protocollo generale della Provincia della relativa fattura, semprechè sia stata presentata la reportistica trimestrale indicata all'articolo 16 comma I. La mancata presentazione della reportistica trimestrale, comporta la sospensione dei termini di pagamento. 6. In sede di stipulazione del contratto di appalto, saranno concordati sia il termine di pagamento sia il saggio degli interessi automatici di mora per il caso di ritardo nei pagamenti, di cui all'articolo 5 del decreto legislativo 9 ottobre 2002, n La Provincia prevede fin d'ora di ritenere congrui rispettivamente il termine di pagamento di novanta (90) giorni e il saggio complessivo del due (2) per cento. 7. In caso di raggruppamento temporaneo, la fattura dovrà essere emessa dal soggetto capogruppo, al quale la Provincia liquiderà il corrispettivo. 8. I prezzi rimarranno fissi e invariati per il primo biennio. In caso di rinnovo contrattuale la Provincia, ai sensi del combinato disposto degli articoli 115 e 7 del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163, provvederà all'adeguamento del canone trimestrale di gestione. Articolo 4 (Informazioni generali e documentazione) 1. La Provincia per la gestione del sistema bibliotecario e del sistema museale di cui al presente capitolato intende mantenere l'impianto già realizzato, sia per la configurazione hardware che software. 2. Fanno parte integrante del presente capitolato i seguenti documenti allegati: a) Allegato n. 1, "Architettura del SBPvr", comprensivo della tabella dei percorsi; b) Allegato n. 2, "Elenco delle biblioteche civiche connesse al SBPvr, con i relativi dati"; 6

7 Allegato n. 3, "Descrizione delle caratteristiche tecniche e di servizio delle stazioni di prestito automatizzato"; Allegato n. 4, "Documento che descrive l'integrazione della rete bibliotecaria scolastica nel SBPvr, la tipologia del servizio e le modalità della sua erogazione"; Allegato n. 5, "Elenco dei software applicativi"; Allegato n. 6,"Architettura e caratteristiche del SMPvr", comprensivo dei musei aderenti e degli altri musei del territorio veronese; Allegato n. 7, "Livelli di servizio (SLA) previsti dal capitolato speciale d'appalto e le relative penali per il SBPvr e per il SMPvr". Allegato n. 8 "Ruoli richiesti per il piano delle risorse umane per la gestione del SBPvr e del SMPvr". 3. Salvo che sia diversamente stabilito, ogni comunicazione tra la Provincia e l'appaltatore, rilevante ai fini dell'esecuzione del contratto, deve svolgersi tramite fax o posta elettronica certificata. Articolo 5 (Normativa di riferimento) 1 Per quanto non previsto nel presente capitolato speciale, si fa espresso rinvio alle disposizioni normative vigenti in materia. Specificamente, si richiamano: a) il decreto legislativo 12 aprile 2006, n.163, e successive modificazioni, ad oggetto "Codice dei contratti pubblici per lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE"; b) il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, ad oggetto "Codice dell'amministrazione digitale"; c) la legge 9 gennaio 2004, n. 4, ad oggetto "Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici" e successivi decreti attuativi; d) il codice civile in materia di contratti; e) la legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, ad oggetto "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi" Titolo II Condizioni generali di contratto Articolo 6 (Durata, rinnovo e proroga) 1. Il contratto ha durata di due anni e può essere rinnovato alla scadenza per un uguale periodo secondo quanto previsto al comma 5 del presente articolo. 2. La durata del contratto di cui al comma 1 decorre dalla data di consegna del servizio, che deve risultare da apposito verbale sottoscritto dall'appaltatore e dal RUP. 3. Nei 20 giorni antecedenti la data di consegna del servizio di cui al comma 2, l'appaltatore affianca l'attuale gestore al fine di garantire un regolare passaggio di consegne nella gestione del SBPvr e del SMPvr. A tal fine si informa che l'attuale gestore ha l'obbligo di fornire all'appaltatore, nell'ambito dei 20 giorni di affiancamento, 5 giorni uomo di consulenza sistemistica e sulle architetture applicative che non sono comprensive, però, di assistenza o 7

8 formazione sui sistemi operativi, sulle tecniche di gestione e amministrazione dei sistemi, sulle tecniche biblioteconomiche in genere. 4. Al fine di assicurare la minor interruzione possibile nell'erogazione dei servizi alle biblioteche ed ai musei, la data dell'effettivo avvio del servizio deve essere garantita dall'appaltatore entro il termine massimo di 10 giorni dalla data di consegna del servizio stesso. 5. La Provincia può rinnovare il contratto per ulteriori due anni, ai sensi dell'articolo 57, comma 5, lettera b) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, dandone comunicazione all'appaltatore almeno 6 mesi prima della scadenza. In tal caso l'appaltatore ha l'obbligo di fornire il servizio di gestione del SBPvr, per gli ulteriori due anni, alle medesime condizioni contrattuali, assicurando le prestazioni previste dalle parti Il e III del presente capitolato. 6. La Provincia si riserva la facoltà di prorogare, a proprio insindacabile giudizio, la durata del contratto originario o di quello rinnovato, per ulteriori sei mesi oltre la scadenza. In tal caso, la Provincia comunica all'appaltatore l'intenzione di prorogare il contratto almeno un mese prima della scadenza del contratto originario o di quello rinnovato. L'Appaltatore ha l'obbligo di continuare a fornire il servizio alle medesime condizioni del contratto in essere al momento della proroga. Articolo 7 (Tempi di esecuzione del contratto) 1. Il servizio di gestione del SBPvr e del SMPvr, ha decorrenza presumibilmente dal 1 maggio 2011; della consegna del servizio viene redatto apposito verbale sottoscritto dall'appaltatore e dalla Provincia. 2. L'Appaltatore deve avviare la gestione del SBPvr e del SMPvr entro il termine massimo di 10 giorni dalla consegna del servizio. La gestione si intende avviata quando sono effettivamente realizzati tutti i servizi e le attività come descritti all'articolo 27 e all'articolo 49 del presente capitolato; 3. Se la gestione di cui al precedente comma 2 è avviata in ritardo sono applicate le seguenti sanzioni: a) se il ritardo supera i 10 giorni indicati al precedente comma 2, è applicata la penale di cui al successivo articolo 8, comma 2, lettera a); b) se il ritardo è superiore al ventunesimo giorno successivo alla data di consegna del servizio, la Provincia può risolvere il contratto. 4. L'Appaltatore deve rendere operativa la realizzazione delle eventuali soluzioni migliorative, di cui all'articolo 47 e all'articolo 52, comma 6, entro il termine massimo di 30 giorni dalla data di consegna del servizio. 5. Se l'appaltatore non provvede a quanto indicato al comma 4, entro il termine massimo dei 30 giorni, è applicata la penale di cui al successivo articolo 8, comma 2, lettera b); 6. Per l'estensione dei servizi SBPvr a ulteriori cinque biblioteche e dieci "punti prestito" si applica quanto disposto dal successivo articolo L'Appaltatore deve provvedere all'estensione di cui al comma 6, entro il termine massimo di 30 giorni dalla richiesta scritta formulata dalla Provincia. 8. Se l'appaltatore non provvede secondo quanto indicato al comma 7, è applicata la penale di cui all'articolo 8, comma 2, lettera b). 9. Per il SMPvr, l'appaltatore deve rendere operativi, con le modalità previste all'articolo 52 comma 7, i musei previsti dal medesimo articolo 52, commi 5 e 6, entro il secondo trimestre di ciascun anno di gestione. 10. Se l'appaltatore non provvede secondo quanto indicato al precedente comma 9, è applicata la penale di cui all'articolo 8, comma 2, lettera b). 8

9 Articolo 8 (Vigilanza e penali) 1. La Provincia ha facoltà di esercitare in ogni momento gli opportuni controlli relativi alla corretta esecuzione della prestazione del contratto in ogni sua fase, senza che a seguito di ciò l'appaltatore possa pretendere di vedere eliminata o diminuita la propria responsabilità, che rimane comunque intera ed assoluta. 2. Nel caso di ritardo nell'esecuzione del servizio, la Provincia applica direttamente le seguenti sanzioni pecuniarie riferite: a) per ogni giorno di ritardo rispetto al termine di cui all'articolo 7, comma 3, lettera a): euro 1.000,00; b) per ogni giorno di ritardo rispetto ai termini di cui all'articolo 7, commi dal 4 al 10 compresi: euro 500,00; 3. Le ulteriori penali sono legate al mancato rispetto delle SLA per ciascuno dei servizi previsti, come indicato nell'allegato n. 7 al presente capitolato, e agli articoli 9, 16, 22. Articolo 9 (Livelli di servizio) 1. La Provincia valuta le caratteristiche dei servizi erogati attraverso gli indicatori indicati nell'allegato n Il calcolo dei livelli di servizio è effettuato attraverso un software, indicato nell'allegato n. 5, integrato in tutto o in parte con il database gestionale. 3. Per l'utilizzo del software di cui al comma 2, si rinvia a quanto disciplinato all'articolo 32, commi 4 e 5, per il SBPvr e all'articolo 54, commi 4 e 5, per il SMPvr. Articolo 10 (Responsabilità) 1. Fermo restando l'applicazione delle penali per inesatta esecuzione delle prestazioni previste dal presente capitolato, l'appaltatore assume ogni responsabilità per casi di infortunio e di danni arrecati, eventualmente, alla Provincia e a terzi in dipendenza di manchevolezze o trascuratezze nell'esecuzione o in occasione dell'esecuzione degli adempimenti di contratto. Articolo 11 (Cauzione definitiva) 1. L'Appaltatore, nel termine indicato dalla comunicazione formale di avvenuta aggiudicazione definitiva, è obbligato a costituire la cauzione definitiva, nelle forme e dell'importo previsti dall'articolo 113 del decreto legislativo n. 163/ La cauzione definitiva garantisce l'esatto adempimento degli obblighi derivanti dal contratto, l'eventuale risarcimento dei danni, nonché il rimborso delle somme che la Provincia dovrà, eventualmente, sostenere a causa dell'inadempimento dell'appaltatore. 9

10 Resta salvo per la Provincia l'esperimento di ogni altra azione nel caso in cui la cauzione risultasse insufficiente. 3. La cauzione può essere costituita alternativamente mediante fideiussione bancaria, polizza assicurativa, polizza rilasciata da un intermediario finanziario iscritto nell'elenco speciale di cui all'art. 107 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 ed autorizzato dal Ministero dell'economia e delle finanze ai sensi del D.P.R. 30 marzo 2004, n. 115, con indicazione degli estremi dell'autorizzazione o con allegazione di copia della stessa. 4. Dalla fideiussione o dalla polizza devono espressamente risultare: a) la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale; b) la rinuncia all'eccezione di cui all'articolo 1957, comma 2, del codice civile; c) l'operatività entro quindici giorni a semplice prima richiesta scritta della stazione appaltante. 5. La cauzione è ridotta del 50% se l'appaltatore è in possesso della certificazione UNI CEI ISO 9001: La cauzione è progressivamente svincolata a misura dell 'avanzamento dell'esecuzione del servizio nel limite massimo del 75% dell'iniziale importo garantito, come previsto dall'articolo 113 del decreto legislativo 12 aprile 2006 n Qualora la Provincia debba valersi, in tutto o in parte, della cauzione definitiva, l'appaltatore è obbligato a reintegrarla. Articolo 12 (Forma e termine per la stipulazione del contratto) 1. Il contratto è stipulato nella forma dell'atto pubblico amministrativo. 2. L'Appaltatore è tenuto a presentarsi per la stipulazione del contratto nell'ora e nel giorno indicati dalla Provincia con comunicazione scritta, sotto pena della revoca dell'aggiudicazione. 3. Sono a carico dell 'Appaltatore tutte le spese inerenti e conseguenti alla stipula del contratto con la sola esclusione dell'i.v.a. che, se dovuta, rimane a carico della Provincia. Articolo 13 (Validità delle offerte e utilizzo della graduatoria) 1. Le offerte dei concorrenti sono vincolanti per 180 giorni dalla scadenza del termine di presentazione. 2. In caso di revoca dell'aggiudicazione, di fallimento dell'impresa aggiudicataria o di risoluzione del contratto con l'aggiudicatario, la Provincia ha la facoltà di interpellare progressivamente i soggetti in graduatoria, ai fini dell 'affidamento del servizio alle medesime condizioni da questi offerte in sede di gara. Articolo 14 (Divieto di cessione del contratto) 1. E' fatto divieto all'appaltatore di cedere il contratto, pena la nullità dell 'atto di cessione. Articolo 15 (Subappalto) 10

11 I. E' fatto divieto all 'Appaltatore di subappaltare integralmente le prestazioni contrattuali. 2. La Provincia può autorizzare, su richiesta scritta dell'appaltatore, il subappalto delle parti del contratto specificamente indicate in sede di offerta dall'appaltatore stesso, nel limite del 30% del valore contrattuale. 3. L'affidamento in subappalto è disciplinato dall'articolo 118 del decreto legislativo n. 163/ n caso di subappalto, la Provincia pagherà l'appaltatore, il quale è obbligato a trasmettere alla "Provincia" copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti corrisposti al subappaltatore, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento. 5. La violazione di quanto previsto dal presente articolo e dall'articolo 118 del citato decreto legislativo comporta l'immediata risoluzione del contratto ai sensi dell'articolo 1456 codice civile. 6. L'Appaltatore è obbligato a garantire l'osservanza delle norme in materia di assicurazioni sociali, sicurezza e del contratto collettivo nazionale del lavoro da parte del subappaltatore nei confronti dei rispettivi dipendenti. 7. L'affidamento in subappalto non esonera l'appaltatore da responsabilità verso la Provincia. Articolo 16 (Reportistica e penali) 1. L'Appaltatore consegna al RUP, entro il decimo giorno del mese successivo ad ogni trimestre contrattuale, i rapporti previsti dall'allegato n. 7 al presente capitolato, alla colonna "Modalità di rendicontazione". 2. L'Appaltatore consegna inoltre al RUP, entro il decimo giorno del mese successivo ad ogni trimestre contrattuale, i rapporti previsti dal presente capitolato agli articoli 31 comma 9; 34 comma 8; 45 comma 6 e 48 comma 5, per il SBPvr e agli articoli 53, 56 e 61 per il SMPvr. 3. I dati dei rapporti di cui al comma 1 sono il riferimento per il conteggio delle penali, secondo quanto stabilito nell'allegato 7 al presente capitolato. 4. Le penali sono applicate mediante ritenute sul corrispettivo, trimestrale e a saldo, dovuto dalla Provincia. 5. L'applicazione delle penali di cui all'allegato 7 non pregiudica la facoltà della Provincia di chiedere il risarcimento degli eventuali ulteriori danni derivanti dall'inadempimento. 6. La Provincia si riserva di richiedere ulteriore documentazione per verificare i livelli di servizio risultanti dai rapporti di cui al comma I. Articolo 17 (Risoluzione del contratto) 1. La risoluzione del contratto, di cui all'articolo 1456 Codice Civile, opera di diritto: a) se a giudizio insindacabile della Provincia, l'inadempimento contrattuale da parte dell'appaltatore sia tale da non consentire il raggiungimento delle finalità del contratto, o se il ritardo nell'esecuzione delle diverse prestazioni supera l'importo massimo delle penali applicabili ( 10%) del corrispettivo dell'appalto. b) in caso di frode dell'appaltatore; c) in caso di fallimento, liquidazione, amministrazione controllata, concordato preventivo o qualsiasi altra situazione equivalente dell'appaltatore, secondo la legislazione italiana o straniera, se trattasi di concorrente di altro Stato ; il contratto si riterrà risolto dal giorno della dichiarazione di fallimento, liquidazione, amministrazione controllata, concordato preventivo; 11

12 d) commissione di fatti, connessi all'esecuzione del contratto, rilevanti ai fini penali, accertati dalla Provincia con ogni mezzo ed oggetto di denuncia o querela; e) violazione delle disposizioni sul subappalto, come previsto dall'articolo 15 del presente capitolato; f) impiego di personale non dipendente o di soggetti sprovvisti di contratto di collaborazione o violazione degli obblighi nei confronti del personale o accertamento definitivo dell'inosservanza delle norme in materia di tutela del lavoro da parte dell'appaltatore o del subappaltatore; g) violazione della normativa sulla sicurezza; h) violazione della normativa antimafia in tema di tracciabilità dei flussi finanziari; i) in caso di mancata attivazione del servizio di gestione del SBPvr e del SMPvr, secondo quanto previsto àll'articolo 7, comma 3, lettera b) del presente capitolato; j) in caso di esito negativo della seconda verifica, di cui all'articolo 22 del presente capitolato; k) in ogni altra causa specificamente prevista dal presente capitolato. 2. Il contratto si risolve di diritto con la semplice comunicazione che la Provincia intende avvalersi della clausola risolutiva espressa, da trasmettere all'appaltatore mediante raccomandata con avviso di ricevimento. 3. Rimane ferma la possibilità della Provincia di avvalersi della procedura giudiziale di risoluzione per qualsiasi altro grave inadempimento o non corretto adempimento. 4. La risoluzione, comunque disposta, comporta l'applicazione delle penali previste ed il risarcimento dei danni. A tal fine la Provincia può avvalersi della cauzione definitiva, salva ogni ulteriore azione nei confronti dell'impresa. 5. In caso di risoluzione del rapporto contrattuale, la Provincia ha il diritto di affidare l'appalto al soggetto concorrente che segue nella graduatoria. Sino al successivo affidamento, la Provincia ha diritto di esigere le prestazioni oggetto di gara, senza che l'appaltatore possa in alcun modo sospendere o interrompere il servizio, pena l'incameramento della cauzione definitiva e la rivalsa per ogni ulteriore danno. 6. La risoluzione non esime l'appaltatore dalle responsabilità civili in cui lo stesso può incorrere per i fatti che hanno motivato la risoluzione. Articolo 18 (Esclusione clausola arbitrale e foro competente) 1. Ogni controversia che dovesse sorgere tra la Provincia e l'appaltatore in ordine all'esecuzione del contratto è soggetta all'autorità giudiziaria. 2. Il foro territorialmente competente è quello di Verona. 3. Ai sensi dell'articolo 241, comma 1 bis, d. lgs. n. 163/2006, il contratto non conterrà alcuna clausola compromissoria per la soluzione di eventuali controversie circa l'applicazione, l'integrazione, l'esecuzione o la risoluzione del contratto stesso. Articolo 19 (Forma delle comunicazioni e domicilio) 1. Tutte le comunicazioni saranno effettuate, a discrezione della Provincia, o all'indirizzo di posta elettronica certificata, o, a mezzo telefax, al numero dichiarato dall'appaltatore o a mezzo di lettera raccomandata. 12

13 Articolo 20 (Trattamento dati) 1. Ai fini dell'informativa sul trattamento dei dati dei Concorrenti e dell'appaltatore, ai sensi del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, titolare del trattamento dei dati è la Provincia; responsabile provinciale, per la procedura di gara, è il dirigente del servizio contratti pubblici indicato nell'elenco dei responsabili verticali del trattamento dei dati, pubblicato sul sito della Provincia, alla voce "privacy", quale allegato del documento "Informativa sulla privacy per l'utenza esterna". 2. Ai fini della nomina dell'appaltatore, responsabile esterno del trattamento dei dati, e delle istruzioni cui lo stesso si deve attenere, si rinvia a quanto disposto all'articolo 29. Titolo III Vigilanza sul contratto Articolo 21 (Organizzazione del servizio di vigilanza) 1. Responsabile del contratto per la Provincia è il RUP nominato dalla Provincia. 2. L'Appaltatore deve comunicare nel verbale di consegna di cui all'articolo 7 il nominativo del referente unico nei rapporti con la Provincia, che sarà considerato responsabile del contratto nella sua globalità, sia per la parte amministrativa sia per quella tecnica, e a cui compete: a) vigilare sull'esecuzione dell'appalto, in modo da garantire il rispetto della qualità e dei tempi stabiliti; b) trasmettere alla Provincia la reportistica prevista dal presente capitolato; c) adottare tutti gli accorgimenti per eliminare gli inconvenienti riscontrati, dandone tempestiva comunicazione alla Provincia; d) suggerire azioni e raccomandazioni volte a migliorare le funzionalità dei servizi erogati. 3. L'Appaltatore, in caso di dimissioni o di altro evento del referente unico, deve provvedere immediatamente alla sua sostituzione con figura di analoga professionalità che deve essere preventivamente accettata dal RUP. Articolo 22 (Verifica di funzionalità dei servizi) 1. All'avvio della gestione del SBPvr e del SMPvr, la Provincia effettua una verifica tecnica dell'esecuzione e del corretto funzionamento di tutti i servizi, così come previsti nelle Parti Il e III del presente capitolato. 2. In caso di esito negativo della verifica sul funzionamento dei singoli servizi di cui al comma 1, la Provincia, ferma restando l'applicazione delle penali di cui all 'articolo 8, si riserva la facoltà di assegnare all'appaltatore, con comunicazione del RUP, un termine di cinque (5) giorni per l'eliminazione dei vizi e delle difformità riscontrati o per l 'esecuzione dei servizi non resi, senza oneri aggiuntivi per la Provincia. In tale ipotesi si procede a nuova verifica. 3. Se anche la seconda verifica, di cui al comma 2, dà esito negativo, la Provincia, ferma restando l'applicazione delle penali di cui all 'articolo 8, ha facoltà di assegnare all'appaltatore, con comunicazione del RUP, un termine di ulteriori cinque (5) giorni per l'eliminazione dei vizi e delle difformità riscontrati o per l ' esecuzione dei servizi non resi. Alla scadenza di detto termine, la Provincia effettua una nuova verifica. In caso di esito 13

14 negativo anche di quest'ultima, la Provincia ha facoltà di dichiarare risolto il contratto ai sensi dell'articolo 1456 del codice civile. 4. L'esito positivo della prova non solleva l'aggiudicatario dalla responsabilità per le proprie obbligazioni in ordine ai vizi non rilevati, che possono essere contestati anche successivamente alla fase di prova e 'che devono essere tempestivamente rimossi, a cura e spese dell'appaltatore stesso, senza alcun onere per la Provincia. 5. La verifica tecnica di funzionalità, secondo quanto specificato ai commi 1, 2 e 3 del presente articolo, si estende alle ulteriori biblioteche e musei di cui rispettivamente agli articoli 41 e 52 del presente capitolato. Articolo 23 (Rischi da interferenza) 1., In considerazione della natura del servizio in oggetto e delle modalità di svolgimento del contratto non sussistono rischi da interferenze, ulteriori rispetto a quelli specifici dell'attività propria dell'appaltatore, pertanto non è necessaria l'elaborazione del documento unico di valutazione dei rischi da interferenze. Articolo 24 (Comitato tecnico SBPvr e Comitato tecnico SMPvr) 1. La Provincia istituisce un Comitato tecnico SBPvr e uno SMPvr, con lo scopo di realizzare un tavolo di confronto e di verifica sulle attività svolte dall'appaltatore e le esigenze degli operatori culturali e della Provincia. 2. La Provincia rende noto che il "Comitato tecnico SBPvr", già costituito, è composto da referenti della Provincia, del CSBvr e da bibliotecari che rappresentano le rispettive aree del territorio provinciale, e si riunisce almeno sei volte l'anno per confrontare le diverse esperienze, elaborare iniziative congiunte e, assicurare un regolare sviluppo e costante monitoraggio nella gestione dei servizi del SBPvr. 3. L'Appaltatore deve assicurare la presenza del referente di cui all 'articolo 21, comma 2, alle riunioni del Comitato tecnico SBPvr e del Comitato tecnico SMPvr. Articolo 25 (Valutazione dei livelli di servizio) 1. I livelli di servizio che l'appaltatore deve osservare sono definiti nell 'Allegato n.7 al presente capitolato. 2. Il periodo di osservazione per la misurazione dei livelli di servizio è di tre mesi solari consecutivi. 3. Il primo mese dalla consegna del servizio non sarà preso in considerazione per la determinazione delle SLA, di conseguenza il primo periodo di osservazione sarà pari a due mesi. 4. Per la SLA "Gestione del servizio di implementazione delle basi dati" del SMPvr, di cui all'articolo 55, comma 3, non sarà preso in considerazione il primo trimestre dalla consegna del servizio. 5. Il periodo considerato per l'erogazione dei servizi, per ogni tipologia di SLA, è indicato nell'allegato n. 7 al presente capitolato. 14

15 Articolo 26 (Adempimenti finali a carico dell'appaltatore) 1. L'Appaltatore, cinque mesi prima della scadenza del contratto, attiva il "Piano di gestione delle fasi conclusive del contratto", di dismissione del servizio e transizione alla successiva gestione, presentato nell'offerta tecnica in sede di gara. 2. Tale piano ha come obiettivi quelli di effettuare il passaggio di consegne di prodotti ed attività, escludere disservizi e minimizzare il disagio degli utenti sia interni che esterni alla Provincia. 3. Il piano deve contemplare: a) la restituzione delle basi. dati progettate, realizzate o gestite in esecuzione dell'incarico oggetto d'appalto in formati neutri aperti, non proprietari (non vincolati da copyright), dettagliatamente documentati e standard; b) il tempo, espresso in giorni -uomo, messo a disposizione dall'appaltatore per l'affiancamento al nuovo gestore. 4. Il piano sarà oggetto di valutazione in sede di offerta tecnica. 15

16 PARTE II Capitolato tecnico - SBPvr Titolo I Disposizioni generali sulle prestazioni oggetto del contratto per il sistema bibliotecario (SBPvr) Articolo 27 (Servizi oggetto del contratto) 1. Il servizio di gestione del SBPvr comprende, in particolare, le seguenti prestazioni: a) il servizio di manutenzione e gestione del SBPvr, come specificato al Titolo Il; b) gli ulteriori servizi connessi al SBPvr, come specificato al Titolo III. 2. I servizi di manutenzione e gestione del SBPvr, per la cui realizzazione l'appaltatore deve costituire un Centro servizi biblioteche (CSBvr), comprendono: a. la gestione dei sistemi biblioteconomici e informatici delle biblioteche del SBPvr, come individuate all'articolo 30; b. l'outsourcing del sistema e la sua messa a disposizione su Internet, come specificato all'articolo 31; c. la gestione della catalogazione centralizzata, come specificato all'articolo 33; d. la gestione dell'help desk biblioteconomico e la fruizione dei sistemi, come specificato all'articolo 34; e. la gestione del reference documentale e del "document delivery", come specificato all'articolo 35; f. l'attività di manutenzione e di pulizia delle basi dati bibliografiche, come specificato all'articolo 36; g. la gestione del coordinamento delle acquisizioni, come specificato all'articolo 37; h. la gestione del prestito interbibliotecario, come specificato all'articolo 38; i. la gestione delle stazioni di prestito automatizzato, come specificato all'articolo 40; j. l'estensione del servizio per le cinque biblioteche civiche e per i dieci punti prestito, come specificato all'articolo 41; k. il servizio di monitoraggio delle connessioni alla rete Internet, come specificato all'articolo 42; 1. il servizio di assistenza delle PDL e' delle LAN, come specificato all'articolo 43; m. il servizio di rilevamento dei dati statistici, come specificato all'articolo 44; n. il servizio di formazione, come specificato all'articolo Gli ulteriori servizi del SBPvr comprendono: a) i servizi resi alla "Rete bibliotecaria scuole veronesi" (RBSvr), di cui all'articolo 46 e Allegato n. 4 al presente capitolato; b) le soluzioni migliorative, eventualmente presentate dall'appaltatore in sede di offerta tecnica, come specificato all'articolo 47; c) le attività di supporto alla gestione del Metaopac veronese (MOV), come specificato all'articolo

17 Articolo 28 (Prestazioni escluse dal contratto) 1. Non sono da considerare oggetto del contratto perché resi disponibili: a) dalla Provincia : la fornitura delle licenze d'uso e dei servizi di assistenza e manutenzione relativi al software "ClavisNG " e "Bookmark web", sia per le biblioteche che attualmente partecipano al sistema, come descritte negli Allegati n. 2 e n. 4 al presente capitolato, sia per le ulteriori biblioteche aggiuntive; b) dai Comuni e dalle scuole aderenti al SBPvr: le PDL, le LAN e la connessione di queste alla rete Internet. 2. E' invece a carico dell'appaltatore il software necessario al funzionamento delle stazioni di prestito automatizzato di cui al successivo articolo 40. Articolo 29 (Iscrizione utenti al SBPvr, titolarità e disponibilità delle informazioni) 1. Coloro che fruiscono dei servizi resi dalle biblioteche appartenenti al SBPvr sono iscritti presso le biblioteche stesse attraverso una registrazione nell'archivio utenti, secondo quanto previsto dal "Regolamento del sistema bibliotecario provinciale" disponibile sul sito della Provincia alla sezione "Statuto e regolamenti". 2. Agli operatori addetti all'iscrizione, l'appaltatore deve fornire apposita password per l'accesso al sistema e l'autenticazione ; l'appaltatore, in qualità di responsabile esterno del trattamento dei dati personali, deve nominare tali operatori, di cui dovrà tenere elenco aggiornato, quali "incaricati del trattamento dei dati personali". 3. I dati gestiti dal SBPvr sono di proprietà esclusiva della Provincia e delle amministrazioni proprietarie delle singole biblioteche. 4. La Provincia nomina l'appaltatore "responsabile esterno del trattamento dei dati personali", per tutti i trattamenti, compresi quelli relativi ai dati degli utenti iscritti al SBPvr. 5. L'Appaltatore deve a sua volta nominare "incaricati del trattamento dei dati personali" i singoli operatori delle biblioteche addetti ai servizi di iscrizione e di prestito, oltre al proprio personale dedicato alla gestione del SBPvr. 6. L'Appaltatore deve comunicare per iscritto alla Provincia i nominativi degli incaricati del trattamento dei dati ed attenersi alle istruzioni sul trattamento dei dati che verranno impartite dal RUP. 7. L'Appaltatore garantisce alla Provincia, per tutto il periodo di erogazione dei servizi, la disponibilità dei dati ed il concreto controllo di essi, anche attraverso estrazioni, totali o parziali, delle basi dati effettuate su richiesta della Provincia secondo tracciati standard e formati aperti. 8. E' vietato all'appaltatore utilizzare, anche a scopi divulgativi, i dati e le informazioni del SBPvr senza preventiva autorizzazione scritta da parte della Provincia. L'Appaltatore è tenuto ad osservare le condizioni prescritte nell'autorizzazione all'uso, di cui comunque assume la relativa responsabilità. 9. E' vietato all'appaltatore cedere, anche temporaneamente, a qualsiasi titolo e ancorché gratuitamente, i dati e le informazioni del SBPvr ad altri soggetti, senza la preventiva autorizzazione scritta della Provincia. 10. Alla conclusione dell'appalto e al completamento del piano di dismissione del servizio l'appaltatore deve provvedere, a proprie cura e spese, a distruggere in modo irreversibile le banche dati residenti sulle proprie eventuali piattaforme hardware o in qualunque altro modo 17 7c

18 archiviate e a dame tempestiva comunicazione formale alla Provincia, entro 15 giorni dalla conclusione del contratto. Titolo Il Manutenzione e gestione del SBPvr Articolo 30 (Le biblioteche del SBPvr) 1. Le biblioteche civiche che costituiscono il SBPvr sono le n. 64 biblioteche civiche elencate nell'allegato n. 2 al presente capitolato e la biblioteca della Fondazione Fioroni di Legnago, per un totale di n. 65 biblioteche; 2. Le biblioteche scolastiche attualmente inserite nel SBPvr sono quelle elencate nell'allegato n. 4 al presente capitolato. 3. Tutti i servizi descritti nella Il parte del capitolato, fatta eccezione per il prestito interbibliotecario, sono estesi alle biblioteche scolastiche, in particolare i servizi di outsourcing, catalogazione, acquisti coordinati, help-desk e formazione. Per l'anno scolastico , e comunque sino al 31 dicembre 2011, l'appaltatore è tenuto, senza ulteriori oneri né per la Provincia né per le scuole, a svolgere tali servizi per le 25 biblioteche elencate nell'allegato n. 4, al fine di assicurare continuità di gestione per l'anno scolastico in corso. Per la prosecuzione dei servizi bibliotecari offerti alle biblioteche scolastiche, a decorrere dall'anno scolastico , e comunque dal 1 gennaio 2012, si rimanda al disposto di cui all'articolo 46. Articolo 31 (Outsourcing del sistema) 1. L'Appaltatore deve gestire in outsourcing le strutture, le attrezzature e quant'altro costituisce il sistema centrale di gestione del SBPvr, in modo da rispettare i livelli di servizio previsti dall'allegato n. 7 al presente capitolato. 2. Spetta all'appaltatore individuare una sede per le attività (catalogazione, help desk, ecc.) del CSBvr come previsto al successivo articolo n. 39, una server room dedicata all'outsourcing informatico e un responsabile dell'outsourcing le cui caratteristiche professionali sono descritte nell'allegato n. 8 al presente capitolato. 3. Il servizio di outsourcing, di cui al comma 1, comprende almeno: a) lo spazio e le risorse hardware (almeno 2 server) e software, necessari al corretto funzionamento del sistema, alla sua amministrazione, alla gestione degli accessi e degli aggiornamenti delle basi dati; b) il supporto dei principali protocolli di interconnessione (TCP/IP); c) la connessione ad Internet con la disponibilità di almeno 8 indirizzi pubblici; d) le funzionalità di autenticazione, controllo accessi, accounting, controllo intrusioni; e) la produzione di statistiche sull'accesso con possibilità di consultazione da parte della Provincia tramite connessione Internet; f) il monitoraggio attivo 24 ore su 24 e per 365 giorni all'anno, dello stato di disponibilità del servizio di outsourcing e delle sue componenti (disponibilità del sito web e della banda di connessione); g) il backup del sistema, in modo da assicurare il recupero dei dati inseriti fino al giorno precedente l'evento che ha causato la perdita dei dati stessi, nonché la tracciabilità 18

19 dell'evento stesso; tali backup devono essere effettuati, a totale carico dell'appaltatore, su un ulteriore server residente in un edificio diverso da quello che ospita la server room. 4. Il servizio di outsourcing comprende, anche, la messa a disposizione e la gestione dei server, minimo due, su cui, a cura e spese dell'appaltatore, devono essere installati le basi dati bibliografiche e gestionali del sistema e i software operativi (ClavisNG, Bookmark web, OPAC), le cui caratteristiche tecniche minime sono indicate nell'allegato n. 5 al presente capitolato. Tale servizio comporta: a) la manutenzione di tutte le componenti dei due server e la loro sostituzione in caso di guasti non riparabili nei tempi previsti dai livelli di servizio; b) la sostituzione completa dei server con nuove macchine di potenza uguale o superiore, in caso di guasto non risolvibile o nel caso della loro sopravvenuta inadeguatezza, in funzione dell'aumento delle attività e del traffico; c) l'aggiornamento dei sistemi operativi ; tale attività di aggiornamento può essere richiesta dalla Provincia e comunque deve essere preventivamente autorizzata dalla Provincia stessa, in relazione ai requisiti di sistema richiesti dai software gestionali. 5. L'Appaltatore deve garantire alla Provincia la possibilità di accedere attraverso la rete Internet ai server e ai data base su cui risiedono gli applicativi ClavisNG e Bookmark web e le basi dati del SBPvr, al fine di realizzare l'attività di manutenzione e aggiornamento del medesimo software. Tale accesso deve essere garantito senza limitazione oraria. Nel caso di interruzione dell'accesso per qualsiasi motivo, l'appaltatore ne dovrà dare immediatamente comunicazione al RUP. 6. Il SBPvr deve essere connesso alla rete Internet con una banda in download e upload di di 4 Mbps, con almeno 256 Kbps in upload e download garantito. 7. L'Appaltatore deve produrre un rapporto sugli accessi all'opac che contenga almeno le seguenti informazioni: a) data e ora dell'accesso; b) indirizzo IP e nome utente del client esterno; c) nome del servizio in esecuzione sul client esterno; d) nome e indirizzo IP del server che ha generato la voce di log; e) risorsa oggetto di accesso (pagina HTML, applicazione, etc.). 8. Il rapporto di cui al precedente comma 7 è messo a disposizione della Provincia giornalmente, tramite apposito accesso Internet. 9. L'Appaltatore deve produrre, con cadenza trimestrale, un rapporto statistico sugli accessi al sito web, riepilogativo delle informazioni presenti nel rapporto di cui al comma 7. Articolo 32 (I software applicativi del SBPvr) 1. I software applicativi per la gestione del SBPvr sono elencati nell'allegato n. 5 al presente capitolato. 2. Dei software indicati, per l'attività di gestione del SBPvr l'appaltatore deve utilizzare il software denominato "ClavisNG", che consiste nel programma informatico di gestione: del catalogo, dell'opac, dei servizi di prestito e interprestito e degli acquisti coordinati del SBPvr, e il software denominato "Bookmark web" per la gestione delle biblioteche scolastiche. 19 ^1

20 3. La Provincia, in qualità di titolare delle licenze d'uso di tali software per tutte le biblioteche del SBPvr, fornisce all'appaltatore l'uso delle licenze stesse, comprensivo della manutenzione e degli aggiornamenti al software, per tutta la durata del contratto. 4. Il software denominato "SUGAR CRM" dedicato ai servizi di help desk e alla misurazione dei livelli di servizio, è disponibile in modalità open source, ma la Provincia non ne richiede l'utilizzo in via obbligatoria. L'Appaltatore può utilizzare pertanto programmi diversi, purchè conformi alla gestione e al monitoraggio dei servizi, come prescritto dal presente capitolato. 5. Ogni onere, per software diversi rispetto a quello indicato al precedente comma 4, o per la loro modifica, al fine di rendere conformi al disposto del presente capitolato la realizzazione delle attività di gestione dell'help desk e la rilevazione dei livelli di servizio, è a totale carico dell'appaltatore. Articolo 33 (Gestione della catalogazione centralizzata) 1. Il CSBvr deve svolgere i servizi di catalogazione centralizzata per tutto il materiale acquisito dalle biblioteche a qualsiasi titolo. 2. Il CSBvr inoltre svolge attività di supervisione sul recupero di catalogazioni pregresse in formato elettronico, attraverso la loro vidimazione, correzione e schiacciamento; il CSBvr deve inoltre completare le catalogazioni incomplete inserite dai bibliotecari al fine di rendere disponibili per il prestito, documenti non precedentemente catalogati. 3. Per le nuove acquisizioni, il CSBvr deve realizzare la catalogazione e la consegna del documento bibliografico alla biblioteca ordinante entro 6 (sei) giorni lavorativi dall'acquisizione, con obbligo di inserimento dei seguenti dati: a. descrizione bibliografica completa secondo gli standard ISBD; b. indicazione del target di lettura per i documenti destinati ai ragazzi, secondo i campi codificati di UNIMARC; c. classificazione decimale Dewey, 21 edizione (il passaggio ad edizione successiva sarà concordato in sede di Comitato tecnico del SBPvr); d. soggettazione e creazione di legami di thesauro tra soggetti; e. attribuzione del "genere della narrativa" per tutte le pubblicazioni di letteratura narrativa; f. attribuzione di un soggetto separato per tutti i documenti destinati ai ragazzi e agli adolescenti, e loro collegamento attraverso relazioni di thesauro; g. attribuzione per ciascun documento degli indici di autorità, comprensivi dell'indice per editore; h. estensione o importazione di un abstract per ogni documento catalogato (campo 330 di UNIMARC); i. scansione in formato jpg ed importazione dell'immagine della copertina del documento per ciascun nuovo documento catalogato centralmente nel sistema. 4. Il CSBvr deve essere dotato di due figure professionali per la direzione e il coordinamento delle attività, le cui caratteristiche professionali sono meglio precisate nell'allegato 9 al presente capitolato; l'appaltatore deve indicarne i nominativi e i relativi curricula, nel piano delle risorse umane da presentare in sede di offerta tecnica: a) il responsabile del CSBvr deve assicurare una elevata professionalità nell'ambito della progettazione, gestione e direzione di reti bibliotecarie complesse; deve relazionarsi con il RUP per le attività di verifica e progettazione e deve partecipare agli incontri 20

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia 2015/S 119-218544. Avviso di gara Settori speciali. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia 2015/S 119-218544. Avviso di gara Settori speciali. Servizi 1/19 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:218544-2015:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia 2015/S 119-218544 Avviso di gara Settori speciali Servizi Direttiva 2004/17/CE

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione

a. Destinatario dei percorsi formativi on line sono gli operatori della sanità che potranno accedere ai contenuti previa registrazione CONDIZIONI D'USO 1. Accesso al sito L'accesso al sito www.stilema-ecm.it è soggetto alla normativa vigente, con riferimento al diritto d'autore ed alle condizioni di seguito indicate quali patti contrattuali.

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli