SISTEMA DI PARCHEGGIO AUTOMATIZZATO PER AUTOMOBILE (Self Parking Car)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA DI PARCHEGGIO AUTOMATIZZATO PER AUTOMOBILE (Self Parking Car)"

Transcript

1 Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Corso: Elettronica e Telecomunicazioni ANNO SCOLASTICO SISTEMA DI PARCHEGGIO AUTOMATIZZATO PER AUTOMOBILE (Self Parking Car) Galli Andrea

2 Indice 1. Introduzione.pag 3 2. Il progetto..pag 3 3. Schema a blocchi del progetto...pag 4 4. Hardware.. pag 5 5. Schemi elettrici e board..pag Funzionamento del progetto...pag 14 Schema manovra di parcheggio...pag Impostazione del Software...pag Software...pag Pilotaggio Motori e PWM...pag Teoria...pag 26 Scheda di acquisizione dati...pag 26 Microcontrollore.....pag Foto del progetto realizzato.. pag Bibliografia....pag 32 Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 2

3 Introduzione Con il seguente progetto si vuole riassumere il lavoro svolto durante i 3 anni di specializzazione, applicando tutte le conoscenze e competenze acquisite nelle varie materie tecniche. Ogni dispositivo e componente utilizzato (esclusi sensori IR e la scocca della macchina con i motori) sono stati prelevati dai laboratori dell istituto così come le fasi di assemblaggio e collaudo sono state svolte in quest ultimi. Il progetto Lo scopo di questo progetto consiste nella realizzazione e nella sperimentazione di un sistema di parcheggio automatico di un automobile (per semplicità si usa un modellino in scala ridotta). La macchina, posta in posizione iniziale, inizia la manovra (dopo un opportuno segnale di attivazione tramite un tasto) evitando autonomamente tutti gli ostacoli, per poi parcheggiarsi correttamente (il parcheggio deve avere dimensioni minime: 18cm di larghezza e 50 cm di lunghezza). Questo sistema si definisce attivo perché oltre a rilevare gli ostacoli gli evita, compiendo così autonomamente la manovra. Invece un sistema passivo (quello più commercializzato nelle autovetture in questi ultimi anni) aiuta solamente il conducente a svolgere la manovra, rilevando gli ostacoli (tramite dei sensori ultrasuoni) e producendo un segnale sonoro intermittente che cresce al diminuire della distanza tra la vettura e l ostacolo (quindi la manovra è sempre eseguita dal guidatore). Nel suo complesso questo progetto è niente meno che una scheda di acquisizione dati. Infatti è costituito da 3 sensori infrarossi che rilevano la distanza dagli ostacoli (fornendo in uscita una tensione che dipende da quest ultima), un multiplexer analogico che seleziona i canali dei sensori, un convertitore analogico/digitale (ADC) e un sistema a microcontrollore che memorizza tutti i dati digitali dei sensori forniti dall ADC e in base al software inserito dall utente gli elabora, compiendo poi quei comandi che si interfacceranno verso l esterno (in questo caso l azionamento o meno dei motori e il loro senso di rotazione). Come microcontrollore si è utilizzato uno Z8F6423 e al suo interno sono già presenti un ADC a 10 bit con 8 canali e il relativo multiplexer per selezionarli. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 3

4 Schema a blocchi del progetto Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 4

5 Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 5

6 Nello schema a blocchi precedente si ha: 1. L293B (Driver per 2 motori c.c. ) 2. 3 sensori IR 2D120X (Sharp), S1, S2 e S motori c.c. (ogni motore eroga 60 ma). 4. Microcontrollore Z8F6423 (Zilog) 5. Circuiti di alimentazione Alimentatore stabilizzato 5V (per scheda Z8F6423) Stabilizzatore a 5V (7805) alimentato con pila transistor 9V (per i 3 sensori 2D120X) Alimentatore stabilizzato 12V (per L293B). Sensore IR 2D120X (Sharp): Hardware Nel progetto sono presenti 3 sensori infrarossi di questo tipo, uno collocato nella parte anteriore del veicolo e 2 nella parte posteriore (di cui uno posizionato nello spigolo). Inoltre sono stati installati nel lato destro del modellino perché il parcheggio è svolto in quel senso. Sono di dimensioni abbastanza ridotte e sono in grado di rilevare distanze che vanno da 4 a 30 cm. Nella parte anteriore presenta 2 parti: una per l emettitore di luce e una per il relativo ricevitore. Schema a blocchi del sensore Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 6

7 Il led emittente produce un segnale con una lunghezza d onda pari circa a λ = 850 nm e quando viene riflesso da un oggetto o da un ostacolo viene captato dal ricevitore. Successivamente il dispositivo calcola il tempo trascorso fra emissione e ricezione del segnale e in base a quest ultimo il sensore modula la tensione in uscita, che in relazione alla distanza ha il seguente andamento: Chiaramente da questo grafico si intuisce subito perché il sensore ha come dato di targa la rilevazione di ostacoli da 4 a 30 cm. Il motivo sta nel fatto che al di sopra dei 30 cm si ha un rilevamento insicuro mentre al di sotto dei 4 cm il sensore da in uscita una tensione fittizia che replica valori di tensione di altre distanze rilevate (es: sia a 1 cm che a 7 cm il valore di tensione in uscita è di circa 1.8V). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 7

8 Nella parte posteriore del sensore risiedono i pin per l alimentazione e per prelevare l uscita: Per rispettare al massimo il grafico illustrato precedentemente (pag 6) il dispositivo deve essere alimentato a Vcc = 5V, con una corrente minima Icc = 33 ma. Inoltre l uscita ha dei tempi di risposta molto veloci, più che sufficienti per effettuare la manovra di parcheggio. Il costruttore raccomanda (per avere un corretto funzionamento del sensore) di evitare la luce diretta sulle lenti, di fare in modo che il moto delle superfici per il rilevamento sia orizzontale e con eventuali linee di demarcazione verticali. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 8

9 Posizionamento dei 2 sensori posteriori (S1 e S2) Posizionamento sensore anteriore (S3) L293B: L L293B è un circuito integrato in grado di pilotare due motori in continua fornendo in uscita una corrente massima di 1A per canale. Al suo interno sono presenti 2 ponti H (uno per ciascun motore, è una struttura a 4 transistor che ne permette il pilotaggio) ed essendo integrato questo dispositivo è molto versatile, occupa poca area nel circuito, può essere montato con altri L293B in parallelo per ottenere correnti più elevate e hanno un range di alimentazione ampio ( L293B da Vss (alimentazione della logica, minimo 4.5V) a 36V ). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 9

10 Dalla piedinatura qui a fianco si possono notare le due alimentazioni separate per la logica e i motori (Vss e Vs). Infatti la logica può essere alimentata a una tensione più bassa per ridurre la dissipazione di calore, ma è anche possibile collegarla all alimentazione dei motori (fino a un massimo di 36V). Inoltre si possono notare le uscite per i due motori e i rispettivi input per pilotarli (sono TTL compatibili). I chip enable (uno per ogni canale) hanno la funzione di inibire o meno i driver del dispositivo (se è basso il dispositivo è inibito, viceversa si possono controllare i motori). Nella figura a fianco si può osservare un esempio di pilotaggio di un motore c.c. (applicato anche nel progetto per i due motori). Gli ingressi C e D stabiliscono il senso di rotazione del motore mentre V inh,come già detto prima, attiva o meno il dispositivo. Quest ultimo segnale, oltre a questa funzione, è in grado di regolare la velocità di un motore se comandato da un segnale PWM (vedere meglio pag 24 ). I diodi sono di protezione e servono per evitare la distruzione del dispositivo quando si hanno sovratensioni di apertura del motore. Per finire ecco alcuni dati di targa significativi del dispositivo (datasheet). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 10

11 Foto scheda per pilotaggio motori (sterzo e motore posteriore) con L293B Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 11

12 Motori in continua a spazzole (DC motors): Questi piccoli motori in continua hanno come grandi vantaggi una grandissima flessibilità di impiego, un elevato rapporto peso/potenza, sono facilmente regolabili in velocità e hanno un elevata coppia di spunto. Invece tra i difetti presentano dei picchi di tensione nella commutazione meccanica delle spazzole (creano non pochi problemi all elettronica di controllo e incrementano le emissioni elettromagnetiche), le spazzole sono molto fragili e la coppia d inerzia è molto elevata. Sono costituiti da una carcassa con all interno un albero rotante munito di avvolgimenti di spire solidali, circondato da due magneti permanenti (che generano un campo magnetico). La rotazione del motore è data dall alimentazione di due spazzole (brush) che strisciano sui contatti elettrici del rotore. Per invertire il senso di rotazione basta invertire la polarità dell alimentazione delle spazzole o nel caso di alimentazione duale fornire una tensione negativa o positiva. Nel progetto sono presenti due di questi motori, uno per lo sterzo e uno per la trazione (posteriore) ed erogano una corrente di circa 60 ma. Altro Hardware: La lettura dei sensori, la conversione dei valori prelevati (tramite ADC) e la loro elaborazione sono effettuati dal microcontrollore Z8F6423 così come la generazione dei segnali per il pilotaggio dei motori (che saranno inviati all L293B già descritto). Per l alimentazione dei sensori si è utilizzato uno stabilizzatore di tensione 7805 alimentato con una pila transistor 9V. Invece per l alimentazione dell L293B (Vcc=12V) e della scheda Z8F6423 (Vcc=5V) si è utilizzato un alimentatore per PC. Qui sotto una foto del modello di autoveicolo utilizzato Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 12

13 Schemi elettrici e board Schema elettrico circuito per pilotaggio motori (L293B): Lato rame: Lato rame superiore (doppia faccia): Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 13

14 Lato componenti: Schema elettrico circuito di alimentazione dei sensori: Lato rame: Lato componenti: Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 14

15 Foto circuito di alimentazione dei sensori Funzionamento del progetto Come già detto il modellino, partendo da una posizione iniziale stabilita con un apposito comando di start, è in grado di svolgere la manovra di parcheggio verso destra (quindi i sensori sono rivolti in quel lato, ma essendo la cosa duale potevano essere installati anche nel lato sinistro) e l area di parcheggio deve avere dimensioni minime di 18 cm di larghezza e 50 cm di lunghezza (il modellino misura 27 cm di lunghezza e 12 cm di larghezza). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 15

16 Schema manovra di parcheggio: Per effettuare questo parcheggio l autoveicolo segue i seguenti passaggi: 1. Innanzitutto il modellino è posizionato nella seguente posizione iniziale e dopo un segnale di start (tramite il tasto PC0), attende qualche secondo e inizia la manovra sterzando prima le ruote a destra e poi le ruote posteriori in retromarcia interrogando contemporaneamente il sensore S1. 2. Quando il sensore S1, durante la retromarcia, rileva una distanza di 10cm il microcontrollore ferma tutti i motori e dopo qualche secondo sterza le ruote verso sinistra e le ruote posteriori ancora in retromarcia, interrogando poi i sensori S1 e S2. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 16

17 Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 17

18 3. Se uno dei due sensori S1 e S2 rileva per primo la distanza critica di 4cm, il microcontrollore ferma di nuovo tutti i motori, attende qualche secondo e procede inviando un comando alla scheda di pilotaggio dei motori per sterzare le ruote a destra e le ruote posteriori in avanti, interrogando contemporaneamente il sensore S3. 4. Mentre il modellino avanza il sensore S3 rileva la distanza dall ostacolo di fronte e se si trova a 4cm il µc invia un comando di stop a tutti i motori e dopo qualche secondo sterza le ruote a sinistra e il motore posteriore in retromarcia, interrogando contemporaneamente i sensori S3 e S2. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 18

19 5. Se il sensore S3 rileva una distanza di 7cm (massimo allontanamento) oppure il sensore S2 rileva un ostacolo a 5cm, il microcontrollore ferma di nuovo tutti i motori e il modellino è perfettamente parcheggiato. Impostazione del Software per Z8 Innanzitutto sono state utilizzate nello Z8F6423 le porte A e B. La porta A è impiegata per il pilotaggio dei motori mentre la porta B è impiegata per ricevere l output dei 3 sensori. Il pilotaggio dei motori attraverso la porta A è eseguito nel seguente modo: Motore posteriore Motore anteriore (sterzo) PA3 PA2 PA1 PA Motori spenti Ruote anteriori sterzate a destra Ruote anteriori sterzate a destra e motore posteriore in retromarcia Ruote anteriori sterzate a sinistra Ruote anteriori sterzate a sinistra e motore posteriore in retromarcia Ruote anteriori sterzate a destra e motore posteriore in avanti. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 19

20 Il chip enable (CH2) del motore dello sterzo è sempre alto a 3.3V (il driver è sempre attivo) mentre il chip enable (CH1) del motore posteriore riceve in ingresso un segnale PWM prodotto dallo Z8 (vedere meglio pag 24). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 20

21 Come già detto la porta B invece riceve i segnali di output dei 3 sensori IR 2D120X. PORTA B PB0 PB1 PB2 Output S1 Output S2 Output S3 Questi segnali sono poi selezionati da un multiplexer e inviati all ADC per la conversione analogico/digitale (Sono periferiche che risiedono all interno del micro). Il multiplexer è a 8 canali (più che sufficiente visto che si hanno solo 3 segnali) e l ADC presenta una conversione a 10 bit. I sensori, durante tutto l arco della manovra di parcheggio, rilevano una distanza minima di 4 cm e una distanza massima di 10cm. Per i 4cm l output del sensore corrisponde in tensione a 2,90V mentre per i 10 cm corrisponde a 1,30V. La V ref interna dell ADC corrisponde a 2V (valore di fondo scala), ma non è sufficiente per la conversione perché l output del sensore a 10cm è ben più alto. Quindi si è utilizzato un V ref esterno a 3.3V (prelevato direttamente dall alimentazione dell integrato Z8F6423). Quindi avendo una V ref max = 3.3V e n = 10 bit, il quanto dell ADC sarà: Perciò per una distanza di 10cm il rispettivo valore in tensione 2,90V corrisponde a: E questo numero N=900 è niente meno che il risultato della conversione prodotta dall ADC. La stessa operazione è stata svolta per tutte le altre distanze significative della manovra (4, 5, 7cm) e i numeri ottenuti sono stati inseriti nel software per il controllo del sistema. Chiaramente durante la realizzazione pratica, a causa della coppia d inerzia dei motori, dell attrito e delle tolleranze questi valori subiranno delle modifiche per permettere una manovra di parcheggio corretta (in sostanza è la messa a punto del modellino). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 21

22 Durante la manovra se si interroga un solo sensore si è utilizzata la modalità free running (conversione continua) mentre nel caso dell interrogazione contemporanea di due sensori si è utilizzata la modalità conversione singola (cioè si fa una conversione prima in un sensore e subito dopo nell altro e il processo si ripete ciclicamente). #include <ez8.h> /* Librerie */ #include <stdio.h> #include <stdlib.h> Software del progetto volatile int a=1, d=0; /* Variabili globali */ #pragma interrupt void routine() //routine di interruzione { a++; //incremento "a" ad ogni interruzione del TIMER0.. if((pcin&1)==0) //Controllo lo stato del tasto PC0 (attivo basso) d=1; else d=0; } void main(){ int e=0, f=0, g=0; int val_alto1 = 0, val_basso1 = 0, val_alto2 = 0, val_basso2 = 0, val_alto3 = 0, val_basso3 = 0, c=0; long int val_totale1 = 0, val_totale2 = 0, val_totale3 = 0; /* Impostazione delle porte e dei registri */ PAADDR=1; PACTL=0x00; //Tutto in uscita PAOUT=0xF0; // , Motori spenti PAADDR = 0 ; //Chiusura della porta, per sicurezza PBADDR=1; PBCTL=0xFF; // , tutto in ingresso PBADDR=2; /* Porta B in modalità alternativa */ PBCTL=0x07; /* Il pin PB0, PB1, PB2 sono in ingresso al convertitore A/D, saranno i pin a cui applicheremo la tensioni dei sensori da convertire */ PBADDR = 0; PCADDR=1; PCCTL=0xFD; // , PC1 in uscita PCADDR=2; // Funz.alternativa PCCTL = 0x02; // PC1 uscita del PWM PCADDR=0; Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 22

23 /* Impostazione dei TIMER */ T0CTL1 = 0x31; // TIMER0 impostato con T=10ms T0RH=0xB; T0RL=0x40; T1CTL1 = 0x43; // TIMER1 impostato con T=1ms per il PWM T1PWMH = 0x20; T1PWML = 0x66; T1RH = 0x48; T1RL = 0x00; // Duty cicle del 45%, permanenza del PWM a livello alto pari a 450 µs IRQ0ENH = 0x20; // Priorità TIMER0: Normale IRQ0ENL &= 0xDF; SET_VECTOR(TIMER0,routine); /* Registrazione della routine di interruzione */ T0CTL1 = 0x80; //Attivazione del TIMER0 T1CTL1 = 0x80; //Attivazione del TIMER1 IRQCTL = 0x80; //Attivazione ricezione delle interruzioni da parte del chip while(1){ switch(c){ case 0: if(d==1) c=1; case 1: if(d==0) c=2; } // Switch per il controllo del tasto (piccolo automa) // Ricevuto una pressione del tasto PC0.. if(c==2){ // Ricevuto un segnale di START, inizio parcheggio.. switch(e){ case 0: a=1; // Azzero variabile globale e=1; case 1: if(a==200){ // Ritardo di 2 secondi e=2; } case 2: PAOUT = 0x01; // Ruote anteriori a destra a=1; e=3; case 3: if(a==200){ // Ritardo di 2 secondi ADCCTL=0x30; /* Vref esterno = 3.3 [V], Conversione continua, ANALOG0 (sensore posteriore obliquo S1) */ e=4; a=1; } Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 23

24 case 4: do{ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x05; //Ruote posteriori indietro più ruote anteriori a destra while(adcctl & 0x80); //Attente fine conversione dell ADC.. val_alto1 = ADCD_H; //Salvataggio della conversione nelle variabili val_alto1 <<= 2; val_basso1 = ADCD_L; val_basso1 >>= 6; val_totale1 = val_alto1 + val_basso1; if(val_totale1 >= 330){ // Controlla se la macchina è a 10cm ADCCTL &= 0x7F; //Spengo ADC PAOUT &= 0xF0; //Spengo tutti i motori e=5; //Step successivo } }while(e==4); case 5: a=1; //Azzero variabile globale e=6; //Step successivo case 6: if(a==200){ //Ritardo 2 secondi PAOUT = 0x02; //Ruote anteriori a sinistra e=7; } case 7: a=1; e=8; case 8: if(a==200){ //Ritardo 2 secondi e=9; } case 9: switch(f){ case 0: ADCCTL=0x20; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione non continua, ANALOG0 (sensore posteriore obliquo S1) */ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x06; //Ruote anteriori a sinistra più ruote posteriori indietro while(adcctl & 0x80); //Attendo fine conversione.. val_alto1 = ADCD_H; val_alto1 <<= 2; val_basso1 = ADCD_L; val_basso1 >>= 6; val_totale1 = val_alto1 + val_basso1; f=1; //Passo alla lettura dell altro sensore (S2) case 1: ADCCTL=0x21; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione non continua, ANALOG1 (sensore posteriore S2) */ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x06; //Ruote anteriori a sinistra più ruote posteriori indietro while(adcctl & 0x80); //Attendo fine conversione.. val_alto2 = ADCD_H; val_alto2 <<= 2; Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 24

25 val_basso2 = ADCD_L; val_basso2 >>= 6; val_totale2 = val_alto2 + val_basso2; f=0; //Ritorno a leggere il sensore precedente (S1) } if(val_totale1 >= 900 val_totale2 >= 900){//Macchina a 4cm dall ostacolo ADCCTL &= 0x7F; //Spengo ADC PAOUT &= 0xF0; // Spengo tutti motori e=10; //Step successivo.. } case 10: a=1; //Azzero variabile globale e=11; case 11: if(a==200){ //Ritardo 2 secondi PAOUT = 0x01; // Ruote anteriori a destra e=12; } case 12: a=1; e=13; case 13: if(a==200){ //Ritardo 2 secondi ADCCTL=0x32; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione continua, ANALOG2 (sensore anteriore S3) */ e=14; a=1; } case 14: do{ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x09;//Ruote anteriori a destra più ruote posteriori avanti while(adcctl & 0x80); val_alto3 = ADCD_H; val_alto3 <<= 2; val_basso3 = ADCD_L; val_basso3 >>= 6; val_totale3 = val_alto3 + val_basso3; if(val_totale3 >= 900){ //Controlla se la macchina è a 4cm ADCCTL &= 0x7F; //Spengo ADC PAOUT &= 0xF0; // Spengo tutti motori e=15; } }while(e==14); case 15: a=1; e=16; case 16: if(a==200){ PAOUT = 0x02; //Ruote anteriori a sinistra e=17; } case 17: a=1; Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 25

26 e=18; case 18: if(a==200){ e=19; } case 19: switch(g){ case 0: ADCCTL=0x21; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione non continua, ANALOG0 (sensore posteriore S2) */ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x06; //Ruote anteriori a sinistra più ruote posteriori indietro while(adcctl & 0x80); //Attendo fine conversione.. val_alto2 = ADCD_H; val_alto2 <<= 2; val_basso2 = ADCD_L; val_basso2 >>= 6; val_totale2 = val_alto2 + val_basso2; g=1; //Passo alla lettura dell altro sensore (S3) case 1: ADCCTL=0x22; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione non continua, ANALOG2 (sensore anteriore S3) */ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x06; //Ruote anteriori a sinistra più ruote posteriori indietro while(adcctl & 0x80); //Attendo fine conversione.. val_alto3 = ADCD_H; val_alto3 <<= 2; val_basso3 = ADCD_L; val_basso3 >>= 6; val_totale3 = val_alto3 + val_basso3; g=0; //Ritorno a leggere il sensore precedente (S2) } if(val_totale2 >= 622 val_totale3 <= 305 ){ ADCCTL &= 0x7F; //Spengo ADC PAOUT &= 0xF0; // Spengo tutti motori e=20; // Fine parcheggio } } //Chiusura switch del parcheggio } //Chiusura dell if del tasto PC0 } //Chiusura del while } //Chiusura del main Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 26

27 Pilotaggio motori e PWM Come già descritto nelle pagine precedenti il modellino presenta due motori c.c. a spazzole: uno per lo sterzo (motore anteriore) e uno per la trazione (motore posteriore). Il motore anteriore (sterzo) è gestito in questo modo: Gli ingressi C e D sono collegati ai pin PA0 e PA1 dello Z8, che stabiliscono con le loro combinazioni (gestite via software) lo spegnimento e l accensione (insieme al senso di rotazione) del motore. Il pin di abilitazione (CH2, chip enable) è sempre alto (a 3,3V) e questo fa in modo che i driver dell integrato siano sempre attivi. (Osservazione: quando il motore è in azione ai suoi capi non c è esattamente l alimentazione dell integrato, ma è leggermente inferiore a causa delle cadute di tensione interne di quest ultimo). Il motore posteriore (trazione) è gestito allo stesso modo del motore anteriore, con l unica differenza che il suo chip enable (CH1) riceve un segnale PWM dal pin PC1 dello Z8 che ne permette la regolazione della velocità. PWM (Pulse Width Modulation) Il PWM è un segnale ad onda quadra che presenta un periodo T fisso e un ciclo di lavoro variabile (duty cicle), cioè il livello che permane allo stato alto può variare, lasciando il periodo sempre costante. Il duty cicle quindi è definito come: Dove T è il periodo e T H è il tempo in cui il segnale permane nello stato alto. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 27

28 Per controllare il motore (con ponte H) vi sono due modalità d uso del PWM: 1. PWM sign-magnitude (SM). 2. PWM locked anti-phase (LAP). PWM sign magnitude (SM): Questa modalità (applicata nel progetto per il motore posteriore) consiste nell inviare il segnale PWM all ingresso del chip enable, mentre i sensi di rotazione dei motori sono stabili dagli ingressi in1, in2, in3, in4 (figura). Quindi la velocità del motore dipende dal duty cicle del PWM che ne controlla la potenza assorbita dello stesso. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 28

29 PWM locked anti phase (LAP): In questa modalità invece l enable è in grado di attivare o meno il dispositivo (rispettivamente se posto a livello logico alto o basso) mentre il segnale PWM è applicato come in figura. In questo modo agli ingressi per il controllo del motore l integrato vede due segnali PWM invertiti tra loro (a causa della NOT). Questa configurazione fa in modo che il segnale PWM non solo regola la velocità, ma anche il senso di rotazione: Duty cicle 0% : rotazione massima velocità in un senso. Duty cicle 50%: motore fermo. Duty cicle 100%: rotazione massima velocità nell'altro senso. Scheda di acquisizione dati : Teoria Come già accennato il progetto sopra descritto è niente meno che una scheda di acquisizione dati. La sua tipica struttura è la seguente: Il primo elemento di una scheda di acquisizione è il trasduttore, un dispositivo in grado di convertire una grandezza fisica analogica (temperatura, luminosità, ecc..) in una grandezza elettrica (tensione, corrente, ecc..). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 29

30 Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 30

31 In questo progetto il sensore utilizzato è il 2D120X a infrarossi che converte la distanza rilevata in una tensione, seguendo l andamento mostrato a pag 6. Il secondo elemento è il circuito di condizionamento che adatta il segnale in uscita dal trasduttore alle caratteristiche del sistema con operazioni di amplificazione, filtraggio, ecc.. Nel progetto non è stato utilizzato nessun circuito di condizionamento per i sensori perché i segnali erano già adatti alle caratteristiche del sistema. In una scheda di acquisizione dati è possibile trovare subito dopo il circuito di condizionamento anche il Sample/Hold, un circuito analogico in grado di mantenere il segnale in ingresso costante per tutto il tempo di conversione dell ADC. E impiegato per quelle grandezze elettriche che variano molto velocemente nel tempo mentre per quelle che variano lentamente (es: temperatura) non è utilizzato. Se si richiede una coerenza temporale bisogna adottare un Sample/Hold per ciascun trasduttore, altrimenti ne basta uno solo (inserito sempre prima dell ADC). Nel caso di una scheda di acquisizione a più canali è necessario un multiplexer per selezionarli sfruttando i segnali di selezione (selettori) per scegliere il canale da campionare. Nel progetto si sfrutta il multiplexer a 8 canali interno dello Z8F6423. Un elemento importante della scheda di acquisizione è l ADC (Analog to digital converter) che è in grado di convertire una grandezza analogica in una grandezza digitale (cioè espressa tramite un codice binario). In una conversione il numero di bit in uscita dipende dal tipo di ADC e la grandezza analogica fornita in ingresso deve avere come valore massimo V ref, che è la tensione di riferimento che l ADC utilizza per compiere le conversioni. Come già visto a pag 18 l ADC del progetto è a 10 bit (interno allo Z8) e utilizza una V ref = 3.3V (che è l alimentazione del microcontrollore). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 31

32 I parametri più importanti di un ADC sono: 1. La risoluzione: rappresenta la minima variazione della tensione in ingresso capace di far variare il numero binario in uscita ed è espressa dal quanto: 2. L errore di quantizzazione: è l errore massimo che l ADC può compiere, definito come: 3. L accuratezza rappresenta il valore massimo dello scostamento tra il comportamento reale e quello ideale dell ADC. 4. Il tempo di conversione rappresenta il tempo che intercorre tra il segnale di start della conversione (SOC) e il segnale di fine conversione (EOC). 5. Il range della tensione di ingresso è legato al valore massimo che si può applicare come tensione V ref. 6. I livelli logici di uscita sono di essenziale importanza per il dispositivo che dovrà riceverli (es: microcontrollore o microprocessore) e possono essere TTL, CMOS e Three State. 7. La tensione di alimentazione può essere singola (es: +5V) oppure duale (es: 5V e +5V) Esistono diversi tipi di ADC come ad esempio i flash ADC (dove il tempo di conversione dipende solamente dalla commutazione degli elementi circuitali interni), gli ADC a integrazione (dove il tempo di conversione aumenta con l aumentare della V i in ingresso), gli ADC ad approssimazioni successive (il Tempo di conversione è fisso), ecc... In ogni ADC sono presenti il SOC (start of conversion) e l EOC (End of conversion). Il SOC sarebbe l input che l ADC riceve per iniziare la conversione mentre l EOC è quel segnale che l ADC fornisce come output quando è terminata l operazione di conversione. Quest ultimo segnale può essere gestito benissimo dal microprocessore ad interruzione oppure in modalità polling. Come ultimo elemento nella scheda di acquisizione abbiamo il Sistema a microprocessore che ha il compito di gestire le periferiche (ad esempio producendo i segnali di SOC per l ADC e gestendo successivamente l EOC), acquisire dati e se Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 32

33 necessario elaborarli per poi magari interfacciarli verso l esterno o compiere altre funzioni. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 33

34 Microcontrollore: Il Microcontrollore è un dispositivo elettronico integrato programmabile che oltre ad avere al suo interno un sistema a microprocessore presenta anche molte periferiche (es: ADC, SPI, Timer, RAM, ROM, ecc..) tutte quante integrate nello stesso chip, mentre nel caso del microprocessore tutte queste periferiche sono esterne (quindi bisogna progettarle e gestirle sempre esternamente perché il µp svolge solamente la logica di elaborazione). Come il sistema a microprocessore, il microcontrollore presenta diversi bus: 1. L address bus: in questo bus la CPU invia un numero binario che rappresenta l indirizzo del dispositivo a cui vuole prendere o inviare un dato. 2. Il control bus: in questo bus si scambiano messaggi utili per la gestione di trasferimento dei dati verso la CPU oppure dalla CPU. 3. Il data bus: in questo bus è possibile il trasferimento di dati dalla CPU alla periferica (per l output) o viceversa dalla periferica alla CPU (per l input). Può essere a 8, 16, 32 linee ed è bidirezionale. La loro gestione (dei bus) ha dato vita a due forme principali di architettura di sistemi a microprocessore: Von Neumann e Harvard. La Von Neumann è formata da: La CPU con al suo interno l unità operativa (quindi l ALU) e l unità di controllo. La memoria Unità di input e di output Bus Questa architettura è in grado di immagazzinare all interno dell unità di memoria sia i dati dei programmi che le istruzioni di quest ultimi (sfruttando un bus in comune). L Harvard è costituita di quattro blocchi principali (figura) e si può notare subito che la memoria programma è divisa dalla memoria dati (quindi utilizzano due bus differenti e non uno unico come nella Von Neumann). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 34

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big MANUALE D USO MODULI PIC-SMS Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big Rev.0807 Pag.1 di 43 www.carrideo.it INDICE 1. I MODULI SMS... 4 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 4 1.2. DETTAGLI SUL MICROCONTROLLORE

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC . Guida alle FM 35x. 1 ... 1 Guida alle FM 35x.... 1 Tipologie d Encoder... 4 Acquisizione degli encoder con S7-300 e S7-400.... 4 Conteggio e misura.... 6 Modalità di conteggio... 6 Posizionamento con

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

sensori di livello Sensori di livello Interruttori tt idi livello Usata nei sistemi di regolazione

sensori di livello Sensori di livello Interruttori tt idi livello Usata nei sistemi di regolazione sensori di livello Introduzione Misura di livello: determinare la posizione, rispetto ad un piano di riferimento, dell interfaccia tra due fluidi separati per azione della forza di gravità Usata nei sistemi

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Manuale d Istruzioni Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Introduzione Congratulazioni per aver acquistato la Pinza Amperometrica Extech EX820 da 1000 A RMS. Questo strumento misura

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

Pd10 Dc motor controll

Pd10 Dc motor controll PD Manuale Utente Pd Dc motor controll manuale utente cps sistemi progetti tecnologici Presentazione Congratulazioni per aver scelto Pd, una affidabile scheda elettronica per la movimentazione di precisione

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

COME ALIMENTARE UN LED BIANCO.

COME ALIMENTARE UN LED BIANCO. COME ALIMENTARE UN LED BIANCO. 2011 IW2BSF Rodolfo Parisio Il dubbio amletico di tutti, lo alimento a tensione constante o a corrente costante? Dunque i led vanno alimentati a corrente costante, non in

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234 MonoMotronic MA.0 6 7 8 9 / 0 8 7 6 0 9 A B A L K 7 8 6 9 0 8 0 A 0 0 C E D 6 7 7 M - 6 0 9 7-9 LEGENDA Document Name: MonoMotronic MA.0 ) Centralina ( nel vano motore ) ) Sensore di giri e P.M.S. ) Attuatore

Dettagli

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori CONNESSIONI IN MORSETTIERA Morsettiere a 6 pioli per motori -monofase -monofase con condensatore di spunto -bifase -trifase a singola velocità -trifase dahlander -trifase bipolari -trifase tripolari forniti

Dettagli

ESCON 70/10. Servocontrollore Numero d'ordine 422969. Manuale di riferimento. ID documento: rel4744

ESCON 70/10. Servocontrollore Numero d'ordine 422969. Manuale di riferimento. ID documento: rel4744 Manuale di riferimento Servocontrollore ESCON Edizione novembre 2014 ESCON 70/10 Servocontrollore Numero d'ordine 422969 Manuale di riferimento ID documento: rel4744 maxon motor ag Brünigstrasse 220 P.O.Box

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale

Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale D. Iannuzzi, E. Pagano, P. Tricoli Report RSE/2009/46 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA SISTEMA ELETTRICO

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Alimentatore tuttofare da 10 A

Alimentatore tuttofare da 10 A IK0RKS - Francesco Silvi, v. Col di Lana, 88 00043 - Ciampino (RM) E_Mail : francescosilvi@libero.it Alimentatore tuttofare da 10 A E questa la costruzione di un alimentatore portatile che accompagna i

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

04/2004 A5E00264164-01

04/2004 A5E00264164-01 Prefazione SIMATIC Premesse Descrizione del compito SM331; AI 8 x 12 Bit Struttura meccanica dell impianto di esempio Collegamento elettrico Getting Started Parte2: Tensione e PT100 Progettazione con SIMATIC

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli