SISTEMA DI PARCHEGGIO AUTOMATIZZATO PER AUTOMOBILE (Self Parking Car)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA DI PARCHEGGIO AUTOMATIZZATO PER AUTOMOBILE (Self Parking Car)"

Transcript

1 Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Corso: Elettronica e Telecomunicazioni ANNO SCOLASTICO SISTEMA DI PARCHEGGIO AUTOMATIZZATO PER AUTOMOBILE (Self Parking Car) Galli Andrea

2 Indice 1. Introduzione.pag 3 2. Il progetto..pag 3 3. Schema a blocchi del progetto...pag 4 4. Hardware.. pag 5 5. Schemi elettrici e board..pag Funzionamento del progetto...pag 14 Schema manovra di parcheggio...pag Impostazione del Software...pag Software...pag Pilotaggio Motori e PWM...pag Teoria...pag 26 Scheda di acquisizione dati...pag 26 Microcontrollore.....pag Foto del progetto realizzato.. pag Bibliografia....pag 32 Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 2

3 Introduzione Con il seguente progetto si vuole riassumere il lavoro svolto durante i 3 anni di specializzazione, applicando tutte le conoscenze e competenze acquisite nelle varie materie tecniche. Ogni dispositivo e componente utilizzato (esclusi sensori IR e la scocca della macchina con i motori) sono stati prelevati dai laboratori dell istituto così come le fasi di assemblaggio e collaudo sono state svolte in quest ultimi. Il progetto Lo scopo di questo progetto consiste nella realizzazione e nella sperimentazione di un sistema di parcheggio automatico di un automobile (per semplicità si usa un modellino in scala ridotta). La macchina, posta in posizione iniziale, inizia la manovra (dopo un opportuno segnale di attivazione tramite un tasto) evitando autonomamente tutti gli ostacoli, per poi parcheggiarsi correttamente (il parcheggio deve avere dimensioni minime: 18cm di larghezza e 50 cm di lunghezza). Questo sistema si definisce attivo perché oltre a rilevare gli ostacoli gli evita, compiendo così autonomamente la manovra. Invece un sistema passivo (quello più commercializzato nelle autovetture in questi ultimi anni) aiuta solamente il conducente a svolgere la manovra, rilevando gli ostacoli (tramite dei sensori ultrasuoni) e producendo un segnale sonoro intermittente che cresce al diminuire della distanza tra la vettura e l ostacolo (quindi la manovra è sempre eseguita dal guidatore). Nel suo complesso questo progetto è niente meno che una scheda di acquisizione dati. Infatti è costituito da 3 sensori infrarossi che rilevano la distanza dagli ostacoli (fornendo in uscita una tensione che dipende da quest ultima), un multiplexer analogico che seleziona i canali dei sensori, un convertitore analogico/digitale (ADC) e un sistema a microcontrollore che memorizza tutti i dati digitali dei sensori forniti dall ADC e in base al software inserito dall utente gli elabora, compiendo poi quei comandi che si interfacceranno verso l esterno (in questo caso l azionamento o meno dei motori e il loro senso di rotazione). Come microcontrollore si è utilizzato uno Z8F6423 e al suo interno sono già presenti un ADC a 10 bit con 8 canali e il relativo multiplexer per selezionarli. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 3

4 Schema a blocchi del progetto Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 4

5 Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 5

6 Nello schema a blocchi precedente si ha: 1. L293B (Driver per 2 motori c.c. ) 2. 3 sensori IR 2D120X (Sharp), S1, S2 e S motori c.c. (ogni motore eroga 60 ma). 4. Microcontrollore Z8F6423 (Zilog) 5. Circuiti di alimentazione Alimentatore stabilizzato 5V (per scheda Z8F6423) Stabilizzatore a 5V (7805) alimentato con pila transistor 9V (per i 3 sensori 2D120X) Alimentatore stabilizzato 12V (per L293B). Sensore IR 2D120X (Sharp): Hardware Nel progetto sono presenti 3 sensori infrarossi di questo tipo, uno collocato nella parte anteriore del veicolo e 2 nella parte posteriore (di cui uno posizionato nello spigolo). Inoltre sono stati installati nel lato destro del modellino perché il parcheggio è svolto in quel senso. Sono di dimensioni abbastanza ridotte e sono in grado di rilevare distanze che vanno da 4 a 30 cm. Nella parte anteriore presenta 2 parti: una per l emettitore di luce e una per il relativo ricevitore. Schema a blocchi del sensore Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 6

7 Il led emittente produce un segnale con una lunghezza d onda pari circa a λ = 850 nm e quando viene riflesso da un oggetto o da un ostacolo viene captato dal ricevitore. Successivamente il dispositivo calcola il tempo trascorso fra emissione e ricezione del segnale e in base a quest ultimo il sensore modula la tensione in uscita, che in relazione alla distanza ha il seguente andamento: Chiaramente da questo grafico si intuisce subito perché il sensore ha come dato di targa la rilevazione di ostacoli da 4 a 30 cm. Il motivo sta nel fatto che al di sopra dei 30 cm si ha un rilevamento insicuro mentre al di sotto dei 4 cm il sensore da in uscita una tensione fittizia che replica valori di tensione di altre distanze rilevate (es: sia a 1 cm che a 7 cm il valore di tensione in uscita è di circa 1.8V). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 7

8 Nella parte posteriore del sensore risiedono i pin per l alimentazione e per prelevare l uscita: Per rispettare al massimo il grafico illustrato precedentemente (pag 6) il dispositivo deve essere alimentato a Vcc = 5V, con una corrente minima Icc = 33 ma. Inoltre l uscita ha dei tempi di risposta molto veloci, più che sufficienti per effettuare la manovra di parcheggio. Il costruttore raccomanda (per avere un corretto funzionamento del sensore) di evitare la luce diretta sulle lenti, di fare in modo che il moto delle superfici per il rilevamento sia orizzontale e con eventuali linee di demarcazione verticali. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 8

9 Posizionamento dei 2 sensori posteriori (S1 e S2) Posizionamento sensore anteriore (S3) L293B: L L293B è un circuito integrato in grado di pilotare due motori in continua fornendo in uscita una corrente massima di 1A per canale. Al suo interno sono presenti 2 ponti H (uno per ciascun motore, è una struttura a 4 transistor che ne permette il pilotaggio) ed essendo integrato questo dispositivo è molto versatile, occupa poca area nel circuito, può essere montato con altri L293B in parallelo per ottenere correnti più elevate e hanno un range di alimentazione ampio ( L293B da Vss (alimentazione della logica, minimo 4.5V) a 36V ). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 9

10 Dalla piedinatura qui a fianco si possono notare le due alimentazioni separate per la logica e i motori (Vss e Vs). Infatti la logica può essere alimentata a una tensione più bassa per ridurre la dissipazione di calore, ma è anche possibile collegarla all alimentazione dei motori (fino a un massimo di 36V). Inoltre si possono notare le uscite per i due motori e i rispettivi input per pilotarli (sono TTL compatibili). I chip enable (uno per ogni canale) hanno la funzione di inibire o meno i driver del dispositivo (se è basso il dispositivo è inibito, viceversa si possono controllare i motori). Nella figura a fianco si può osservare un esempio di pilotaggio di un motore c.c. (applicato anche nel progetto per i due motori). Gli ingressi C e D stabiliscono il senso di rotazione del motore mentre V inh,come già detto prima, attiva o meno il dispositivo. Quest ultimo segnale, oltre a questa funzione, è in grado di regolare la velocità di un motore se comandato da un segnale PWM (vedere meglio pag 24 ). I diodi sono di protezione e servono per evitare la distruzione del dispositivo quando si hanno sovratensioni di apertura del motore. Per finire ecco alcuni dati di targa significativi del dispositivo (datasheet). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 10

11 Foto scheda per pilotaggio motori (sterzo e motore posteriore) con L293B Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 11

12 Motori in continua a spazzole (DC motors): Questi piccoli motori in continua hanno come grandi vantaggi una grandissima flessibilità di impiego, un elevato rapporto peso/potenza, sono facilmente regolabili in velocità e hanno un elevata coppia di spunto. Invece tra i difetti presentano dei picchi di tensione nella commutazione meccanica delle spazzole (creano non pochi problemi all elettronica di controllo e incrementano le emissioni elettromagnetiche), le spazzole sono molto fragili e la coppia d inerzia è molto elevata. Sono costituiti da una carcassa con all interno un albero rotante munito di avvolgimenti di spire solidali, circondato da due magneti permanenti (che generano un campo magnetico). La rotazione del motore è data dall alimentazione di due spazzole (brush) che strisciano sui contatti elettrici del rotore. Per invertire il senso di rotazione basta invertire la polarità dell alimentazione delle spazzole o nel caso di alimentazione duale fornire una tensione negativa o positiva. Nel progetto sono presenti due di questi motori, uno per lo sterzo e uno per la trazione (posteriore) ed erogano una corrente di circa 60 ma. Altro Hardware: La lettura dei sensori, la conversione dei valori prelevati (tramite ADC) e la loro elaborazione sono effettuati dal microcontrollore Z8F6423 così come la generazione dei segnali per il pilotaggio dei motori (che saranno inviati all L293B già descritto). Per l alimentazione dei sensori si è utilizzato uno stabilizzatore di tensione 7805 alimentato con una pila transistor 9V. Invece per l alimentazione dell L293B (Vcc=12V) e della scheda Z8F6423 (Vcc=5V) si è utilizzato un alimentatore per PC. Qui sotto una foto del modello di autoveicolo utilizzato Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 12

13 Schemi elettrici e board Schema elettrico circuito per pilotaggio motori (L293B): Lato rame: Lato rame superiore (doppia faccia): Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 13

14 Lato componenti: Schema elettrico circuito di alimentazione dei sensori: Lato rame: Lato componenti: Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 14

15 Foto circuito di alimentazione dei sensori Funzionamento del progetto Come già detto il modellino, partendo da una posizione iniziale stabilita con un apposito comando di start, è in grado di svolgere la manovra di parcheggio verso destra (quindi i sensori sono rivolti in quel lato, ma essendo la cosa duale potevano essere installati anche nel lato sinistro) e l area di parcheggio deve avere dimensioni minime di 18 cm di larghezza e 50 cm di lunghezza (il modellino misura 27 cm di lunghezza e 12 cm di larghezza). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 15

16 Schema manovra di parcheggio: Per effettuare questo parcheggio l autoveicolo segue i seguenti passaggi: 1. Innanzitutto il modellino è posizionato nella seguente posizione iniziale e dopo un segnale di start (tramite il tasto PC0), attende qualche secondo e inizia la manovra sterzando prima le ruote a destra e poi le ruote posteriori in retromarcia interrogando contemporaneamente il sensore S1. 2. Quando il sensore S1, durante la retromarcia, rileva una distanza di 10cm il microcontrollore ferma tutti i motori e dopo qualche secondo sterza le ruote verso sinistra e le ruote posteriori ancora in retromarcia, interrogando poi i sensori S1 e S2. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 16

17 Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 17

18 3. Se uno dei due sensori S1 e S2 rileva per primo la distanza critica di 4cm, il microcontrollore ferma di nuovo tutti i motori, attende qualche secondo e procede inviando un comando alla scheda di pilotaggio dei motori per sterzare le ruote a destra e le ruote posteriori in avanti, interrogando contemporaneamente il sensore S3. 4. Mentre il modellino avanza il sensore S3 rileva la distanza dall ostacolo di fronte e se si trova a 4cm il µc invia un comando di stop a tutti i motori e dopo qualche secondo sterza le ruote a sinistra e il motore posteriore in retromarcia, interrogando contemporaneamente i sensori S3 e S2. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 18

19 5. Se il sensore S3 rileva una distanza di 7cm (massimo allontanamento) oppure il sensore S2 rileva un ostacolo a 5cm, il microcontrollore ferma di nuovo tutti i motori e il modellino è perfettamente parcheggiato. Impostazione del Software per Z8 Innanzitutto sono state utilizzate nello Z8F6423 le porte A e B. La porta A è impiegata per il pilotaggio dei motori mentre la porta B è impiegata per ricevere l output dei 3 sensori. Il pilotaggio dei motori attraverso la porta A è eseguito nel seguente modo: Motore posteriore Motore anteriore (sterzo) PA3 PA2 PA1 PA Motori spenti Ruote anteriori sterzate a destra Ruote anteriori sterzate a destra e motore posteriore in retromarcia Ruote anteriori sterzate a sinistra Ruote anteriori sterzate a sinistra e motore posteriore in retromarcia Ruote anteriori sterzate a destra e motore posteriore in avanti. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 19

20 Il chip enable (CH2) del motore dello sterzo è sempre alto a 3.3V (il driver è sempre attivo) mentre il chip enable (CH1) del motore posteriore riceve in ingresso un segnale PWM prodotto dallo Z8 (vedere meglio pag 24). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 20

21 Come già detto la porta B invece riceve i segnali di output dei 3 sensori IR 2D120X. PORTA B PB0 PB1 PB2 Output S1 Output S2 Output S3 Questi segnali sono poi selezionati da un multiplexer e inviati all ADC per la conversione analogico/digitale (Sono periferiche che risiedono all interno del micro). Il multiplexer è a 8 canali (più che sufficiente visto che si hanno solo 3 segnali) e l ADC presenta una conversione a 10 bit. I sensori, durante tutto l arco della manovra di parcheggio, rilevano una distanza minima di 4 cm e una distanza massima di 10cm. Per i 4cm l output del sensore corrisponde in tensione a 2,90V mentre per i 10 cm corrisponde a 1,30V. La V ref interna dell ADC corrisponde a 2V (valore di fondo scala), ma non è sufficiente per la conversione perché l output del sensore a 10cm è ben più alto. Quindi si è utilizzato un V ref esterno a 3.3V (prelevato direttamente dall alimentazione dell integrato Z8F6423). Quindi avendo una V ref max = 3.3V e n = 10 bit, il quanto dell ADC sarà: Perciò per una distanza di 10cm il rispettivo valore in tensione 2,90V corrisponde a: E questo numero N=900 è niente meno che il risultato della conversione prodotta dall ADC. La stessa operazione è stata svolta per tutte le altre distanze significative della manovra (4, 5, 7cm) e i numeri ottenuti sono stati inseriti nel software per il controllo del sistema. Chiaramente durante la realizzazione pratica, a causa della coppia d inerzia dei motori, dell attrito e delle tolleranze questi valori subiranno delle modifiche per permettere una manovra di parcheggio corretta (in sostanza è la messa a punto del modellino). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 21

22 Durante la manovra se si interroga un solo sensore si è utilizzata la modalità free running (conversione continua) mentre nel caso dell interrogazione contemporanea di due sensori si è utilizzata la modalità conversione singola (cioè si fa una conversione prima in un sensore e subito dopo nell altro e il processo si ripete ciclicamente). #include <ez8.h> /* Librerie */ #include <stdio.h> #include <stdlib.h> Software del progetto volatile int a=1, d=0; /* Variabili globali */ #pragma interrupt void routine() //routine di interruzione { a++; //incremento "a" ad ogni interruzione del TIMER0.. if((pcin&1)==0) //Controllo lo stato del tasto PC0 (attivo basso) d=1; else d=0; } void main(){ int e=0, f=0, g=0; int val_alto1 = 0, val_basso1 = 0, val_alto2 = 0, val_basso2 = 0, val_alto3 = 0, val_basso3 = 0, c=0; long int val_totale1 = 0, val_totale2 = 0, val_totale3 = 0; /* Impostazione delle porte e dei registri */ PAADDR=1; PACTL=0x00; //Tutto in uscita PAOUT=0xF0; // , Motori spenti PAADDR = 0 ; //Chiusura della porta, per sicurezza PBADDR=1; PBCTL=0xFF; // , tutto in ingresso PBADDR=2; /* Porta B in modalità alternativa */ PBCTL=0x07; /* Il pin PB0, PB1, PB2 sono in ingresso al convertitore A/D, saranno i pin a cui applicheremo la tensioni dei sensori da convertire */ PBADDR = 0; PCADDR=1; PCCTL=0xFD; // , PC1 in uscita PCADDR=2; // Funz.alternativa PCCTL = 0x02; // PC1 uscita del PWM PCADDR=0; Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 22

23 /* Impostazione dei TIMER */ T0CTL1 = 0x31; // TIMER0 impostato con T=10ms T0RH=0xB; T0RL=0x40; T1CTL1 = 0x43; // TIMER1 impostato con T=1ms per il PWM T1PWMH = 0x20; T1PWML = 0x66; T1RH = 0x48; T1RL = 0x00; // Duty cicle del 45%, permanenza del PWM a livello alto pari a 450 µs IRQ0ENH = 0x20; // Priorità TIMER0: Normale IRQ0ENL &= 0xDF; SET_VECTOR(TIMER0,routine); /* Registrazione della routine di interruzione */ T0CTL1 = 0x80; //Attivazione del TIMER0 T1CTL1 = 0x80; //Attivazione del TIMER1 IRQCTL = 0x80; //Attivazione ricezione delle interruzioni da parte del chip while(1){ switch(c){ case 0: if(d==1) c=1; case 1: if(d==0) c=2; } // Switch per il controllo del tasto (piccolo automa) // Ricevuto una pressione del tasto PC0.. if(c==2){ // Ricevuto un segnale di START, inizio parcheggio.. switch(e){ case 0: a=1; // Azzero variabile globale e=1; case 1: if(a==200){ // Ritardo di 2 secondi e=2; } case 2: PAOUT = 0x01; // Ruote anteriori a destra a=1; e=3; case 3: if(a==200){ // Ritardo di 2 secondi ADCCTL=0x30; /* Vref esterno = 3.3 [V], Conversione continua, ANALOG0 (sensore posteriore obliquo S1) */ e=4; a=1; } Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 23

24 case 4: do{ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x05; //Ruote posteriori indietro più ruote anteriori a destra while(adcctl & 0x80); //Attente fine conversione dell ADC.. val_alto1 = ADCD_H; //Salvataggio della conversione nelle variabili val_alto1 <<= 2; val_basso1 = ADCD_L; val_basso1 >>= 6; val_totale1 = val_alto1 + val_basso1; if(val_totale1 >= 330){ // Controlla se la macchina è a 10cm ADCCTL &= 0x7F; //Spengo ADC PAOUT &= 0xF0; //Spengo tutti i motori e=5; //Step successivo } }while(e==4); case 5: a=1; //Azzero variabile globale e=6; //Step successivo case 6: if(a==200){ //Ritardo 2 secondi PAOUT = 0x02; //Ruote anteriori a sinistra e=7; } case 7: a=1; e=8; case 8: if(a==200){ //Ritardo 2 secondi e=9; } case 9: switch(f){ case 0: ADCCTL=0x20; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione non continua, ANALOG0 (sensore posteriore obliquo S1) */ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x06; //Ruote anteriori a sinistra più ruote posteriori indietro while(adcctl & 0x80); //Attendo fine conversione.. val_alto1 = ADCD_H; val_alto1 <<= 2; val_basso1 = ADCD_L; val_basso1 >>= 6; val_totale1 = val_alto1 + val_basso1; f=1; //Passo alla lettura dell altro sensore (S2) case 1: ADCCTL=0x21; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione non continua, ANALOG1 (sensore posteriore S2) */ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x06; //Ruote anteriori a sinistra più ruote posteriori indietro while(adcctl & 0x80); //Attendo fine conversione.. val_alto2 = ADCD_H; val_alto2 <<= 2; Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 24

25 val_basso2 = ADCD_L; val_basso2 >>= 6; val_totale2 = val_alto2 + val_basso2; f=0; //Ritorno a leggere il sensore precedente (S1) } if(val_totale1 >= 900 val_totale2 >= 900){//Macchina a 4cm dall ostacolo ADCCTL &= 0x7F; //Spengo ADC PAOUT &= 0xF0; // Spengo tutti motori e=10; //Step successivo.. } case 10: a=1; //Azzero variabile globale e=11; case 11: if(a==200){ //Ritardo 2 secondi PAOUT = 0x01; // Ruote anteriori a destra e=12; } case 12: a=1; e=13; case 13: if(a==200){ //Ritardo 2 secondi ADCCTL=0x32; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione continua, ANALOG2 (sensore anteriore S3) */ e=14; a=1; } case 14: do{ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x09;//Ruote anteriori a destra più ruote posteriori avanti while(adcctl & 0x80); val_alto3 = ADCD_H; val_alto3 <<= 2; val_basso3 = ADCD_L; val_basso3 >>= 6; val_totale3 = val_alto3 + val_basso3; if(val_totale3 >= 900){ //Controlla se la macchina è a 4cm ADCCTL &= 0x7F; //Spengo ADC PAOUT &= 0xF0; // Spengo tutti motori e=15; } }while(e==14); case 15: a=1; e=16; case 16: if(a==200){ PAOUT = 0x02; //Ruote anteriori a sinistra e=17; } case 17: a=1; Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 25

26 e=18; case 18: if(a==200){ e=19; } case 19: switch(g){ case 0: ADCCTL=0x21; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione non continua, ANALOG0 (sensore posteriore S2) */ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x06; //Ruote anteriori a sinistra più ruote posteriori indietro while(adcctl & 0x80); //Attendo fine conversione.. val_alto2 = ADCD_H; val_alto2 <<= 2; val_basso2 = ADCD_L; val_basso2 >>= 6; val_totale2 = val_alto2 + val_basso2; g=1; //Passo alla lettura dell altro sensore (S3) case 1: ADCCTL=0x22; /*Vref esterno = 3.3 [V], Conversione non continua, ANALOG2 (sensore anteriore S3) */ ADCCTL = 0x80; //Avvio l'operazione di conversione PAOUT = 0x06; //Ruote anteriori a sinistra più ruote posteriori indietro while(adcctl & 0x80); //Attendo fine conversione.. val_alto3 = ADCD_H; val_alto3 <<= 2; val_basso3 = ADCD_L; val_basso3 >>= 6; val_totale3 = val_alto3 + val_basso3; g=0; //Ritorno a leggere il sensore precedente (S2) } if(val_totale2 >= 622 val_totale3 <= 305 ){ ADCCTL &= 0x7F; //Spengo ADC PAOUT &= 0xF0; // Spengo tutti motori e=20; // Fine parcheggio } } //Chiusura switch del parcheggio } //Chiusura dell if del tasto PC0 } //Chiusura del while } //Chiusura del main Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 26

27 Pilotaggio motori e PWM Come già descritto nelle pagine precedenti il modellino presenta due motori c.c. a spazzole: uno per lo sterzo (motore anteriore) e uno per la trazione (motore posteriore). Il motore anteriore (sterzo) è gestito in questo modo: Gli ingressi C e D sono collegati ai pin PA0 e PA1 dello Z8, che stabiliscono con le loro combinazioni (gestite via software) lo spegnimento e l accensione (insieme al senso di rotazione) del motore. Il pin di abilitazione (CH2, chip enable) è sempre alto (a 3,3V) e questo fa in modo che i driver dell integrato siano sempre attivi. (Osservazione: quando il motore è in azione ai suoi capi non c è esattamente l alimentazione dell integrato, ma è leggermente inferiore a causa delle cadute di tensione interne di quest ultimo). Il motore posteriore (trazione) è gestito allo stesso modo del motore anteriore, con l unica differenza che il suo chip enable (CH1) riceve un segnale PWM dal pin PC1 dello Z8 che ne permette la regolazione della velocità. PWM (Pulse Width Modulation) Il PWM è un segnale ad onda quadra che presenta un periodo T fisso e un ciclo di lavoro variabile (duty cicle), cioè il livello che permane allo stato alto può variare, lasciando il periodo sempre costante. Il duty cicle quindi è definito come: Dove T è il periodo e T H è il tempo in cui il segnale permane nello stato alto. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 27

28 Per controllare il motore (con ponte H) vi sono due modalità d uso del PWM: 1. PWM sign-magnitude (SM). 2. PWM locked anti-phase (LAP). PWM sign magnitude (SM): Questa modalità (applicata nel progetto per il motore posteriore) consiste nell inviare il segnale PWM all ingresso del chip enable, mentre i sensi di rotazione dei motori sono stabili dagli ingressi in1, in2, in3, in4 (figura). Quindi la velocità del motore dipende dal duty cicle del PWM che ne controlla la potenza assorbita dello stesso. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 28

29 PWM locked anti phase (LAP): In questa modalità invece l enable è in grado di attivare o meno il dispositivo (rispettivamente se posto a livello logico alto o basso) mentre il segnale PWM è applicato come in figura. In questo modo agli ingressi per il controllo del motore l integrato vede due segnali PWM invertiti tra loro (a causa della NOT). Questa configurazione fa in modo che il segnale PWM non solo regola la velocità, ma anche il senso di rotazione: Duty cicle 0% : rotazione massima velocità in un senso. Duty cicle 50%: motore fermo. Duty cicle 100%: rotazione massima velocità nell'altro senso. Scheda di acquisizione dati : Teoria Come già accennato il progetto sopra descritto è niente meno che una scheda di acquisizione dati. La sua tipica struttura è la seguente: Il primo elemento di una scheda di acquisizione è il trasduttore, un dispositivo in grado di convertire una grandezza fisica analogica (temperatura, luminosità, ecc..) in una grandezza elettrica (tensione, corrente, ecc..). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 29

30 Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 30

31 In questo progetto il sensore utilizzato è il 2D120X a infrarossi che converte la distanza rilevata in una tensione, seguendo l andamento mostrato a pag 6. Il secondo elemento è il circuito di condizionamento che adatta il segnale in uscita dal trasduttore alle caratteristiche del sistema con operazioni di amplificazione, filtraggio, ecc.. Nel progetto non è stato utilizzato nessun circuito di condizionamento per i sensori perché i segnali erano già adatti alle caratteristiche del sistema. In una scheda di acquisizione dati è possibile trovare subito dopo il circuito di condizionamento anche il Sample/Hold, un circuito analogico in grado di mantenere il segnale in ingresso costante per tutto il tempo di conversione dell ADC. E impiegato per quelle grandezze elettriche che variano molto velocemente nel tempo mentre per quelle che variano lentamente (es: temperatura) non è utilizzato. Se si richiede una coerenza temporale bisogna adottare un Sample/Hold per ciascun trasduttore, altrimenti ne basta uno solo (inserito sempre prima dell ADC). Nel caso di una scheda di acquisizione a più canali è necessario un multiplexer per selezionarli sfruttando i segnali di selezione (selettori) per scegliere il canale da campionare. Nel progetto si sfrutta il multiplexer a 8 canali interno dello Z8F6423. Un elemento importante della scheda di acquisizione è l ADC (Analog to digital converter) che è in grado di convertire una grandezza analogica in una grandezza digitale (cioè espressa tramite un codice binario). In una conversione il numero di bit in uscita dipende dal tipo di ADC e la grandezza analogica fornita in ingresso deve avere come valore massimo V ref, che è la tensione di riferimento che l ADC utilizza per compiere le conversioni. Come già visto a pag 18 l ADC del progetto è a 10 bit (interno allo Z8) e utilizza una V ref = 3.3V (che è l alimentazione del microcontrollore). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 31

32 I parametri più importanti di un ADC sono: 1. La risoluzione: rappresenta la minima variazione della tensione in ingresso capace di far variare il numero binario in uscita ed è espressa dal quanto: 2. L errore di quantizzazione: è l errore massimo che l ADC può compiere, definito come: 3. L accuratezza rappresenta il valore massimo dello scostamento tra il comportamento reale e quello ideale dell ADC. 4. Il tempo di conversione rappresenta il tempo che intercorre tra il segnale di start della conversione (SOC) e il segnale di fine conversione (EOC). 5. Il range della tensione di ingresso è legato al valore massimo che si può applicare come tensione V ref. 6. I livelli logici di uscita sono di essenziale importanza per il dispositivo che dovrà riceverli (es: microcontrollore o microprocessore) e possono essere TTL, CMOS e Three State. 7. La tensione di alimentazione può essere singola (es: +5V) oppure duale (es: 5V e +5V) Esistono diversi tipi di ADC come ad esempio i flash ADC (dove il tempo di conversione dipende solamente dalla commutazione degli elementi circuitali interni), gli ADC a integrazione (dove il tempo di conversione aumenta con l aumentare della V i in ingresso), gli ADC ad approssimazioni successive (il Tempo di conversione è fisso), ecc... In ogni ADC sono presenti il SOC (start of conversion) e l EOC (End of conversion). Il SOC sarebbe l input che l ADC riceve per iniziare la conversione mentre l EOC è quel segnale che l ADC fornisce come output quando è terminata l operazione di conversione. Quest ultimo segnale può essere gestito benissimo dal microprocessore ad interruzione oppure in modalità polling. Come ultimo elemento nella scheda di acquisizione abbiamo il Sistema a microprocessore che ha il compito di gestire le periferiche (ad esempio producendo i segnali di SOC per l ADC e gestendo successivamente l EOC), acquisire dati e se Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 32

33 necessario elaborarli per poi magari interfacciarli verso l esterno o compiere altre funzioni. Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 33

34 Microcontrollore: Il Microcontrollore è un dispositivo elettronico integrato programmabile che oltre ad avere al suo interno un sistema a microprocessore presenta anche molte periferiche (es: ADC, SPI, Timer, RAM, ROM, ecc..) tutte quante integrate nello stesso chip, mentre nel caso del microprocessore tutte queste periferiche sono esterne (quindi bisogna progettarle e gestirle sempre esternamente perché il µp svolge solamente la logica di elaborazione). Come il sistema a microprocessore, il microcontrollore presenta diversi bus: 1. L address bus: in questo bus la CPU invia un numero binario che rappresenta l indirizzo del dispositivo a cui vuole prendere o inviare un dato. 2. Il control bus: in questo bus si scambiano messaggi utili per la gestione di trasferimento dei dati verso la CPU oppure dalla CPU. 3. Il data bus: in questo bus è possibile il trasferimento di dati dalla CPU alla periferica (per l output) o viceversa dalla periferica alla CPU (per l input). Può essere a 8, 16, 32 linee ed è bidirezionale. La loro gestione (dei bus) ha dato vita a due forme principali di architettura di sistemi a microprocessore: Von Neumann e Harvard. La Von Neumann è formata da: La CPU con al suo interno l unità operativa (quindi l ALU) e l unità di controllo. La memoria Unità di input e di output Bus Questa architettura è in grado di immagazzinare all interno dell unità di memoria sia i dati dei programmi che le istruzioni di quest ultimi (sfruttando un bus in comune). L Harvard è costituita di quattro blocchi principali (figura) e si può notare subito che la memoria programma è divisa dalla memoria dati (quindi utilizzano due bus differenti e non uno unico come nella Von Neumann). Galli Andrea 5A/EN A.S: Sistema di parcheggio automatizzato Pagina 34

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Scopi: CARATTERISTICHE GENERALI: Struttura: Movimento: progetto realizzato da: (ALPHA TEAM)

Scopi: CARATTERISTICHE GENERALI: Struttura: Movimento: progetto realizzato da: (ALPHA TEAM) progetto realizzato da: (ALPHA TEAM) Bisio Giulio,Dal Bianco Davide, Greselin Matteo, Filippi Nicolò Relazione a cura di : Bisio Giulio Scopi: Il progetto nasce dalla voglia di realizzare un robot che

Dettagli

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione La traccia presenta lo sviluppo di un progetto relativo al monitoraggio della temperatura durante un processo di produzione tipico nelle applicazione

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

Sistemi di acquisizione dati

Sistemi di acquisizione dati Sistemi di acquisizione dati - 1 Sistemi di acquisizione dati 1 - Configurazioni tipiche Generalità L impiego di tecniche numeriche per la rappresentazione dei segnali consente la successiva elaborazione

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1401 Pag.1 di - 114 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 4ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Conversione

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

Insegnamenti di Sistemi Elettronici Dedicati 1 (Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica)

Insegnamenti di Sistemi Elettronici Dedicati 1 (Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica) Insegnamenti di Sistemi Elettronici Dedicati 1 (Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica) Sistemi Elettronici Digitali1 (Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicaizoni) Introduzione

Dettagli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Controllo di motori in corrente continua A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Sistema di Controllo d rif - C(s) P(s) y T(s) n C(s) P(s) Controllore Sistema d n Disturbo Rumore T(s) Trasduttore

Dettagli

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza)

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza) & imparare & approfondire di GIANLORENZO VALLE Corso di Elettronica Digitale (parte terza) LE PORTE logiche In questa puntata poniamo le prime basi per comprendere meglio il funzionamento delle porte logiche

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014 Tonco Daniel Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni 1 2 Indice: Obiettivo Premessa Prime operazioni (foto allegate) Spiegazione montaggio

Dettagli

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter.

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. Corso di BASCOM AVR - (34) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. La struttura interna dei Mini Moduli è composta

Dettagli

Che cos è la barriera luminosa?

Che cos è la barriera luminosa? BARRIERA LUMINOSA Che cos è la barriera luminosa? Pezzi da contare Diodo IR o Laser (emittente) Pezzi contati Direzione del nastro trasportatore FOTODIODO (ricevitore) Direzione del nastro trasportatore

Dettagli

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE COSO DI ODINAMENTO Indirizzo: ELETTONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi del progetto

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

ADuC: Questa serie di articoli si

ADuC: Questa serie di articoli si TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA n 261 - Marzo 2007 Introduzione Seconda parte n 262 - Aprile 2007 Assembler e tools applicativi Terza parte n 263 - Maggio 2007 Sistema di trasmissione wireless ADuC:

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

Motore passo-passo a riluttanza variabile

Motore passo-passo a riluttanza variabile I motori passo-passo, anche se ideati all'inizio del secolo scorso, hanno avuto una diffusione abbastanza recente, ciò e dovuto all'avvento del microprocessore e all'aumento dell'impiego di sistemi digitali.

Dettagli

1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X

1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X SOMMARIO 1 UNITÀ DI GENERAZIONE PWM DEL ADMCF3X... 1 PWM TIMER OPERATION... REGISTRO PWMTM... REGISTRO PWMDT (DEAD-TIME REGISTER)... PWM DUTY-CYCLE... 3 PWMTRIP... 3 GENERAZIONE DI MODELLI SINUSOIDALI

Dettagli

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW Z USB IO A&D con LABVIEW L interfaccia nasce dalla necessità di sostituire le periferiche usate fin ora in laboratorio basate sulla porta parallela e seriale del PC. Questo tipo di interfacce ormai poco

Dettagli

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 KEYSTONE Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 2 Installazione 1 3 Dettagli sulla comunicazione 1 5 Descrizione del modulo interfaccia AS-i OM8 2 5 Protocollo interfaccia AS-i 3 6 Interfaccia

Dettagli

la conversione digitale/analogica

la conversione digitale/analogica Conversione A/D-D/A Esiste la possibilità di mettere in comunicazione un dispositivo analogico con uno digitale. -Un segnale analogico è un segnale che varia con continuità, al quale possono essere associate

Dettagli

SISTEMI A MICROPROCESSORE

SISTEMI A MICROPROCESSORE Istituto Tecnico Industriale Statale EUGENIO BARSANTI 80038 POMIGLIANO D ARCO (NA) Via Mauro Leone, 105 Specializzazioni: Meccanica Tel. (081) 8841350 - Fax (081) 8841676 Elettrotecnica e Automazione Distretto

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

Elettromobilità WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici. efficiente compatto sicuro

Elettromobilità WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici. efficiente compatto sicuro WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici efficiente compatto sicuro 101 Azionamenti perfettamente integrati da un unico partner L elettromobilità va ben oltre il semplice funzionamento

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Corso di ingegneria informatica e automatica Automazione I Realizzazione di una macchinina in grado di evitare le collisioni Di Alessandro Giuseppi All attenzione

Dettagli

Introduzione all acquisizione Dati

Introduzione all acquisizione Dati Introduzione all acquisizione Dati Laboratorio di Robotica Industriale Evoluzione della strumentazione Introduzione all acquisizione dati - 2 Trend nella strumentazione Introduzione all acquisizione dati

Dettagli

Indice 3. Elenco delle figure 9. 1 Introduzione 17. I Azionamenti e Macchine Elettriche 1

Indice 3. Elenco delle figure 9. 1 Introduzione 17. I Azionamenti e Macchine Elettriche 1 Indice Indice 3 Elenco delle figure 9 1 Introduzione 17 I Azionamenti e Macchine Elettriche 1 2 Elementi di macchine elettriche 3 2.1 Motore brushed DC........................ 3 2.1.1 Modello matematico

Dettagli

maxon motor maxon motor control Servoamplificatore 1-Q-EC DEC 50/5 Codice prodotto: 230572 Manuale d'istruzioni Edizione Ottobre 2008

maxon motor maxon motor control Servoamplificatore 1-Q-EC DEC 50/5 Codice prodotto: 230572 Manuale d'istruzioni Edizione Ottobre 2008 maxon motor maxon motor control Servoamplificatore 1-Q-EC DEC 50/5 Codice prodotto: 230572 Manuale d'istruzioni Edizione Ottobre 2008 Il DEC (Digital EC Controller) è un servoamplificatore ad 1 quadrante

Dettagli

PWM Tutorial di Giovanni Giannetti. Introduzione

PWM Tutorial di Giovanni Giannetti. Introduzione PWM Tutorial di Giovanni Giannetti Versione 1.0 Introduzione Uno dei primi scogli che il principiante robottaro deve superare è quello di capire il funzionamento e le modalità di utilizzo dei motori che

Dettagli

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente

Dettagli

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente TEORIA RISORSE SPECIALE mente Variatore di 100 In questo articolo viene trattato un semplice variatore di velocità ad alto rendimento per motori c.c a 12 ed a 24 Volt basato sulla PWM (Pulse Width Modulation).

Dettagli

Architetture DSP. Capitolo 6

Architetture DSP. Capitolo 6 Capitolo 6 Architetture DSP Un convertitore analogico-digitale (ADC) trasforma un segnale a tempo continuo in una sequenza di bit; viceversa un convertitore digitale-analogico (DAC) trasforma una sequenza

Dettagli

Vari tipi di computer

Vari tipi di computer Hardware Cos è un computer? Un computer è un elaboratore di informazione. Un computer: riceve informazione in ingresso (input) elabora questa informazione Può memorizzare (in modo temporaneo o permanente)

Dettagli

Introduzione ai ai Microcontroller

Introduzione ai ai Microcontroller Corso di Robotica - Prof.ssa Cecilia Laschi 26/04/2007 Introduzione ai ai Microcontroller Dr. Virgilio Mattoli (mattoli@crim.sssup.it) Processori Embedded I microprocessori embedded sono contenuti in tutto

Dettagli

Università degli studi di Lecce

Università degli studi di Lecce Università degli studi di Lecce Tesina di elettronica 2 Studente: Distante Carmelo Facoltà: Ingegneria Informatica teledidattica Generatore di Numeri casuali Anno Accademico 2002/2003 Generatore di numeri

Dettagli

DASY-X. Manuale utente

DASY-X. Manuale utente DASY-X Manuale utente Versione 1.01 Agosto 2015 INDICE PROCEDURA BASE... 3 IL SISTEMA DASY & DANAS... 4 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE... 4 INSTALLAZIONE DASY... 4 CONNETTORE 20 PIN... 6 CONNETTORE 16 PIN...

Dettagli

Sensori di posizione di tipo induttivo

Sensori di posizione di tipo induttivo I sensori induttivi a singolo avvolgimento sono composti da un avvolgimento fisso e da un nucleo ferromagnetico mobile. Il sensore converte la grandezza da misurare in una variazione dell induttanza L

Dettagli

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI 352 CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI Un settore importante dell'elettronica che svolge la funzione di interfaccia tra le grandezze fisiche reali e quelle elettriche è il settore che

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

Temperatura in gradi centigradi; R{T)

Temperatura in gradi centigradi; R{T) Maturità AMBRA 1994 Sessione ordinaria Un'azienda automobilistica, nel corso dei test su pista di un nuovo tipo di motore, intende monitorare in tempo reale la temperatura di fimzionamento in otto punti

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA DEL PROGETTO: Macchina a controllo numerico a 3 assi

RELAZIONE RIASSUNTIVA DEL PROGETTO: Macchina a controllo numerico a 3 assi RELAZIONE RIASSUNTIVA DEL PROGETTO: Macchina a controllo numerico a 3 assi INTRODUZIONE: La macchina realizzata è un complesso multifunzionale che permette lo spostamento di molti tipi di utensili o comunque

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board 0216 - GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System

ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board 0216 - GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System Cod. Doc.: 88021600_rev10_FluctuS ExpBoard 0216 Manual Revisione: 1.0 Data: 17/05/2013 Pag. 1/14 ExpBoard 0216 Manual Expansion Board 0216 - GAS versione Base FluctuS http://www.e-fluctus.com Sommario

Dettagli

Arduino UNO. Single board microcontroller

Arduino UNO. Single board microcontroller Arduino UNO Single board microcontroller Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware basata su un microcontrollore, per lo sviluppo di applicazioni che possono interagire con il mondo esterno.

Dettagli

COMUNICAZIONE WIRELESS CON UN CLUSTER DI SENSORI

COMUNICAZIONE WIRELESS CON UN CLUSTER DI SENSORI Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Tesina di maturità del corso di Elettronica e Telecomunicazioni ANNO SCOLASTICO 2009 2010 COMUNICAZIONE WIRELESS CON UN CLUSTER DI SENSORI Diplomando

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Oscilloscopi numerici Indice

Oscilloscopi numerici Indice 1 Indice unità 5 Struttura dello strumento Modalità di campionamento Modalità di trigger Presentazione Problemi di ricostruzione del segnale Prestazioni 2 Oscilloscopi numerici 3 Indice Generalità sul

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

LINE F OLLOWER ROBOT

LINE F OLLOWER ROBOT LINE FOLLOWER ROBOT SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 STRUTTURA HARDWARE... 3 2.1 Forma dello Chassis... 3 2.2 Pilotaggio dei motori DC... 5 2.3 Sensori infrarossi... 7 2.4 Periferiche usate nel microcontrollore

Dettagli

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED Un tipico sistema di acquisizione dati di tipo PC-based ha quattro componenti hardware fondamentali (Fig.1): una morsettiera, un cavo, un dispositivo DAQ (Data Acquisition

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA

PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA CAPITOLO III PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA III.1 Introduzione L attività scientifica sugli OEIC è iniziata nel 1979 con un grande progetto negli USA, per la realizzazione di circuiti

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

PILOTAGGIO DI UN BRACCIO ROBOTICO DA REMOTO (PC)

PILOTAGGIO DI UN BRACCIO ROBOTICO DA REMOTO (PC) I.T.I.S. "ENRICO MATTEI" URBINO A.S. 2010/2011 PILOTAGGIO DI UN BRACCIO ROBOTICO DA REMOTO (PC) ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Classe 5A: Bontempi Stefano, Brandi Alessandro, Carloni Andrea, Dini Riccardo,

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

RUSSO EX7 SONCINI EX2 TONDELLI EX1 TUSBERTI EX4

RUSSO EX7 SONCINI EX2 TONDELLI EX1 TUSBERTI EX4 BALLERINI EX3 BERNARDI EX3 COVEZZI EX1 GRISENDI EX4 HAFEEZ EX6 LUPPI (ass) EX7 MAGRI' EX6 MATTIELLO EX6 OLIVI (ass) EX7 RIGHI EX2 J:\!!!!!!########USB_sav\!5be\!!!SistemiDigitali\esercizi_facsimili\C5_EXALL.odt

Dettagli

Il robot mobile SuperMario

Il robot mobile SuperMario Il robot mobile SuperMario i robot mobili struttura meccanica struttura H/W struttura S/W I due estremi Veicolo telecomandato Esplorazioni e piccole operazioni remote Necessità dell operatore in linea

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA Sulla scia dei differenti tipi di display multifunzionali già presentati, ecco un nuovo dispositivo che utilizza i moduli giganti a sette segmenti con led

Dettagli

TITOLO: CONVERTITORE ADC, UTILIZZATO COME OSCILLOSCOPIO MEDIANTE IL PC CON INTERFACCIA LPT.

TITOLO: CONVERTITORE ADC, UTILIZZATO COME OSCILLOSCOPIO MEDIANTE IL PC CON INTERFACCIA LPT. MFM 11/02/ 09 TITOLO: CONVERTITORE ADC, UTILIZZATO COME OSCILLOSCOPIO MEDIANTE IL PC CON INTERFACCIA LPT. OBIETTIVO: Progettazione di un circuito ADC in free running più un circuito ad operazionali ed

Dettagli

SENSORI e TRASDUTTORI. Corso di Sistemi Automatici

SENSORI e TRASDUTTORI. Corso di Sistemi Automatici SENSORI e TRASDUTTORI Sensore Si definisce sensore un elemento sensibile in grado di rilevare le variazioni di una grandezza fisica ( temperatura, umidità, pressione, posizione, luminosità, velocità di

Dettagli

Telecontrollo escavatore LEGO con board Arduino

Telecontrollo escavatore LEGO con board Arduino Telecontrollo escavatore LEGO con board Arduino Elenco materiale: - Arduino Uno R3 - LEGO Technic set 42006-3 Motori M di Lego (9V) - 2 integrati L293NE (ponte H) - 1838T (ricevitore infrarossi) - THDZ

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 3ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Esercizio

Dettagli

CNC (computer numerical control)

CNC (computer numerical control) CNC (computer numerical control) CNC (computer numerical control) Le macchine CNC (computer numerical control in inglese), che fino agli anni ottanta erano usate solo per lavorazioni ad alta precisione,

Dettagli