Regolamento per l uso temporaneo del Piazzale denominato Area o Zona F

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento per l uso temporaneo del Piazzale denominato Area o Zona F"

Transcript

1 Il Regolamento vincola tutti coloro che utilizzano, a qualsiasi titolo, il Piazzale denominato come Area o zona F. Definizioni: ai fini del Regolamento, si definiscono: 1) Convenzione: la riconsegna della disponibilità del Piazzale a favore di Marina Chiavari da parte del Comune di Chiavari effettuato con atto in data 16 aprile 2015; 2) Concessionario: Comune di Chiavari titolare della concessione demaniale; 3) Autorità Marittima: l Ufficio Locale Marittimo di Chiavari; 4) Società di gestione: Marina Chiavari Srl; 5) Imbarcazione: ogni unità da diporto incluso natanti, imbarcazioni e navi da diporto. 6) Piazzale: l Area o Zona F e cioè l area scoperta e recintata adibita ad attività di manutenzione ed a lavori in genere effettuati dagli artigiani sulle imbarcazioni; 7) Artigiani: tutti coloro che, previa autorizzazione della Società di gestione, svolgono attività artigianali all'interno del porto; 8) Responsabile delle operazioni: il soggetto (persona fisica o legale rappresentante di persona giuridica) legittimamente autorizzato ad esercitare l attività cantieristica/lavorativa all interno dell area che svolge la specifica operazione, ovvero una diversa persona da questi specificamente incaricata a seguire e coordinare l operazione stessa; 9) Regolamento di sicurezza del porto: il Regolamento per l esercizio e l uso del porto turistico di Chiavari emesso ed approvato con Ordinanza numero 011/207 e succ. mod. dell Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure in data 9 marzo ) Regolamento di esercizio del porto: il Regolamento per l esercizio e l uso del porto turistico di Chiavari Amm. Luigi Gatti approvato con Delibera numero 39/2014 del Consiglio Comunale di Chiavari in data 9 maggio ) Utenti: tutti coloro che accedono alla struttura portuale e/o usufruiscono dei servizi portuali; 12) Manutenzioni ordinarie: tutte quelle operazioni che non provocano polveri o rischi di caduta/percolamento a mare o sul suolo di sostanze/oggetti inquinanti o comunque pericolosi, oppure che comportino elevato rischio di incendio, allagamento o esplosione. Sono lavorazioni che non implichino pitturazioni a spruzzo, saldature, uso di mezzi di sollevamento e, soprattutto, lavori in quota così come definito dal testo unico 81/2008 e successive modificazioni e integrazioni. 1. PUBBLICITÀ DEL REGOLAMENTO La Società dà pubblicità alle prescrizioni di cui al Regolamento mediante l affissione del medesimo nei locali della Società e mediante ogni altra forma di pubblicità ritenuta idonea. Chiunque acceda o si trovi nel Piazzale è tenuto alla conoscenza ed all'osservanza del Regolamento. Per il miglioramento dei servizi predisposti nel Porto Turistico, la Società può altresì, con le idonee modalità informative specificare le norme di comportamento degli utilizzatori del Piazzale. 2. MODIFICHE AL REGOLAMENTO Marina Chiavari può, a proprio insindacabile giudizio, introdurre modifiche od aggiornamenti al presente Regolamento ai fini di una migliore gestione, esercizio ed uso del Piazzale. 3. IL PIAZZALE Il Piazzale è gestito da Marina Chiavari ed è aperto all'uso per attività di manutenzione e riparazione imbarcazioni connesse a quelle portuali da parte di coloro che ne faranno richiesta e dietro il pagamento del relativo corrispettivo previsto da Delibera del Comune di Chiavari in vigore. E esclusa qualsiasi forma di utilizzazione quale deposito. L'accesso al piazzale è interdetto al pubblico. Con congruo anticipo (non meno di 24 ore) prima della necessità di ingresso nel Piazzale, il Responsabile delle Operazioni dovrà darne comunicazione scritta, a mezzo fax o , attraverso la compilazione e la consegna alla Società dell apposito modello denominato Richiesta di autorizzazione all accesso nel Piazzale (c.d. zona F) allegato al presente Regolamento per l adozione di ogni ulteriore azione di rispettiva competenza ritenuta necessaria, comprensiva delle opportune misure di pubblicità. 1

2 Nel porto di Chiavari è consentita l esecuzione di lavori considerati di scarsa rilevanza nelle zone tecniche all uopo destinate dalla Regolamentazione per lo stazionamento delle unità da diporto nel porto Turistico di Chiavari, approvata con delibera n 137 del 18 giugno 2009 della Giunta del Comune di Chiavari, nel pieno rispetto delle norme vigenti in materia di igiene e sicurezza del lavoro, per il periodo di tempo richiesto ed autorizzato e secondo le modalità/prescrizioni impartite dalla Direzione del Porto della Società concessionaria. Nel rispetto di quanto sopra, nel Piazzale possono essere effettuate attività tra cui (elenco non esaustivo): movimentazione unità da diporto con travel-lift e carrelli; movimentazione unità da diporto con gru di varie dimensioni e tipologie; operazioni di carico e scarico imbarcazioni da automezzi; riparazioni elettriche; riparazione scafi in vetroresina; riparazione scafi in legno; pulizia imbarcazioni (escluso lavaggio carena); manutenzione motori. Nel Piazzale potranno essere effettuati piccoli lavori di manutenzione ordinaria che, tuttavia, dovranno essere eseguiti nel rispetto delle seguenti condizioni: l esecuzione degli interventi non dovrà prevedere l uso di fiamme libere e/o attività che implichino temperature tali da innescare incendi; dovranno essere predisposti tutti gli accorgimenti intesi a garantire la più ampia tutela dell ambiente, della sicurezza e salute pubblica; gli interventi dovranno essere eseguiti nel rispetto della vigente normativa sulla sicurezza degli ambienti di lavoro; al termine dei lavori le aree dovranno essere pulite e ne dovrà essere garantito il decoro e l igiene; non dovrà essere previsto alcun intervento di lavaggio delle carene, tenuto conto dell assenza di un apposita vasca di raccolta delle acque di risulta dell operazione. E esclusa tassativamente l attività di deposito imbarcazioni. Art. 4 LA GESTIONE Il Piazzale dovrà sempre rimanere chiuso. Non è consentito l accesso a persone terze non autorizzate. L apertura e la chiusura del cancello è demandata esclusivamente alla personale della Società di gestione che sarà l unica detentrice delle chiavi. Il Piazzale è recintato ed è vietato collocare unità che abbiano a sporgere al di fuori delle delimitazioni di cui sopra. L accesso all interno di tale area è vietato al pubblico fatto salvo quello appositamente autorizzato ed elencato dal Responsabile delle operazioni all interno della Richiesta di autorizzazione all accesso nel Piazzale. All interno del Piazzale è vietata la sosta di qualsiasi veicolo e mezzo meccanico, il deposito di merci, materiali ed attrezzature. Il Responsabile delle Operazioni si impegna, in particolare, a tenere sgombre le aree ove siano eventualmente presenti tombini, pozzetti di scarico, locali o impianti di servizio comuni ecc. Il Responsabile delle Operazioni si impegna a garantire che le imbarcazioni siano adeguatamente posizionate, anche contro il rischio di vento o mareggiate, e si impegna a tenere indenne Marina Chiavari per eventuali danni, spese o richieste di terzi che possano derivare dall utilizzo del Piazzale. 2

3 Art. 5 ELENCO DITTE/ARTIGIANI AUTORIZZATI AD OPERARE NEL PIAZZALE E NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI Per operare in ambito del Piazzale e del Porto di Chiavari l Artigiano dovrà preventivamente presentare apposita istanza ove specifichi la/le attività che intende svolgere come indicate nella visura camerale. La Società di gestione redigerà, anche quindi un elenco degli Artigiani che, a seguito di tale richiesta, saranno autorizzati ad effettuare lavorazioni nel Piazzale e, più in generale, all interno del porto di Chiavari. I lavoratori/artigiani che non avranno presentato domanda per l inclusione nel suddetto elenco non saranno pertanto ammessi a lavorare presso il Piazzale. Tale lista includerà solamente coloro i quali siano in regola ed in possesso dei documenti, assicurazioni, autorizzazioni di Legge. Per poter essere inclusi nella lista l Artigiano dovrà presentare la seguente documentazione: 1. visura camerale (massimo 6 mesi); 2. DURC massimo (3 mesi); 3. copia iscrizione ex art. 68; 4. fotocopia documento identità; 5. evidenza registro carico e scarico rifiuti. L iscrizione nella lista per l accesso al Piazzale ha validità annuale e, a partire dal 1 gennaio 2016, prevede la corresponsione, a favore della Società di gestione, di un importo iniziale pari ad 250+ IVA per il solo primo anno. I rinnovi annuali prevedono il versamento di una quota pari ad 120. La Società di gestione potrà procedere alla cancellazione dalla lista nei seguenti casi: se l artigiano risulti moroso nel pagamento delle tariffe; abbia violato le disposizioni del presente regolamento e/o di ogni altra disposizione di Legge; abbia arrecato danni e non abbia tempestivamente proceduto al ripristino o al risarcimento; abbia fatto utilizzare parzialmente o totalmente a terzi gli spazi; non vi sia rispondenza fra quanto richiesto e il reale utilizzo del piazzale o dell imbarcazione. Questa lista sarà a disposizione anche dei clienti del Marina che potranno quindi scegliere autonomamente a chi affidarsi in base all elenco ed alle tariffe applicate accordandosi direttamente con il cliente. Restano fermi i provvedimenti emessi dall'amministrazione Comunale e/o dall Autorità Marittima, per la parte di competenza di quest'ultima, che gli Artigiani e gli Utenti sono comunque tenuti a rispettare e a far rispettare. Gli Artigiani che, alla data di entrata in vigore del presente Regolamento, avessero già provveduto a presentare la domanda e siano in possesso dell autorizzazione della Società ad operare nell ambito del porto turistico di Chiavari, non sono tenuti a presentare una nuova istanza fatto salvo l aggiornamento di eventuale documentazione non più valida (Es. DURC). Per informazioni al riguardo rivolgersi a Marina Chiavari Srl. Art. 6 NORME DI SICUREZZA Fermo restando ogni disposzione di Legge al riguardo, chiunque svolga attività artigianali all'interno del Piazzale deve rispettare e conformarsi a quanto previsto dalle Leggi, Regolamenti, Ordinanze e dalle disposizioni delle Autorità competenti nonché nel Regolamento di esercizio ed uso del porto oltre al presente Regolamento. In caso di allerta meteo che preveda vento forte e/o mare agitato tale da rendere possibile il superamento della diga, il Responsabile delle operazioni è autorizzato ad occupare, per il solo tempo relativo all emergenza, qualunque area libera del Piazzale. 3

4 Art. 7 APERTURA E CHIUSURA PIAZZALE Fermi restando gli obblighi di legge e le disposizioni Comunali al riguardo, le attività artigianali non potranno essere svolte prima delle ore 07:00 del mattino ed oltre le ore 19:00. Le attività che possono recare molestia al pubblico non potranno essere svolte nei mesi estivi prima delle ore 8. Le attività artigianali dovranno di norma essere limitate ai giorni feriali. Eventuali deroghe dovranno essere richieste a Marina Chiavari che valuterà la possibile autorizzazione di estendere l attività anche al sabato mattino dalle ore 08:00 alle ore 12:00. L apertura e la chiusura del cancello di ingresso, secondo gli orari sopra riportati, avverrà a cura esclusiva del personale di Marina Chiavari. Contestualmente all apertura e chiusura del cancello la Società provvederà alla chiusura dell erogazione idrica ed elettrica. Art. 8 GESTIONE RIFIUTI PRODOTTI DALLE LAVORAZIONI Ogni singolo artigiano che effettui attività di manutenzione e riparazione nel Piazzale e che preveda la creazione di rifiuti, deve provvedere direttamente al conferimento dei rifiuti ai sensi della normativa applicabile al proprio ciclo di produzione. E assolutamente vietato depositare e/o scaricare, sia sul Piazzale che in mare, qualsiasi tipo di rifiuto solido/liquido derivante da lavorazioni eseguite a bordo. Le isole ecologiche presenti all interno dell area portuale sono dedicate esclusivamente alla raccolta di rifiuti urbani, così come definiti dalle Leggi in vigore. Oltre ai contenitori per i citati rifiuti urbani sono altresì presenti raccoglitori destinati alle batterie ed agli oli esausti (c.d. rifiuti speciali) prodotti unicamente dalle unità da diporto ed a queste esclusivamente destinati. Ogni artigiano produttore di rifiuti deve dotarsi di appositi contenitori per la raccolta sia dei rifiuti urbani che speciali stipulando, se del caso, autonomi opportuni accordi/convenzioni con Ditte autorizzate al recupero, al trasporto ed allo smaltimento dei rifiuti prodotte dalle proprie lavorazioni tenendone registrazione secondo normativa. Le norme Legislative attualmente in vigore (D.Lgs n 152 c.d. Codice ambientale) pongono in capo al produttore (Artigiano) una serie di obblighi, responsabilità e divieti chiari ed inequivocabili. Tra questi vi è il divieto di abbandono e deposito incontrollato di rifiuti sul suolo o nel suolo. Nel caso il personale di Marina Chiavari accerti che all interno del Piazzale sono presenti rifiuti speciali in stato di abbandono questa provvederà ad informare le Autorità competenti per i successivi accertamenti degli illeciti, per l individuazione dei responsabili e per la comminazione delle previste sanzioni amministrative e/o penali. Art. 9 ORGANIZZAZIONE EVENTI Ogni Artigiano si impegna a collaborare con Marina Chiavari qualora questa organizzasse eventi che richiedano l uso del Piazzale. A fronte di richiesta di Marina Chiavari ogni artigiano si impegna fin d ora a rendere disponibile l area del piazzale ai termini e per la durata suindicate, senza oneri a carico di Marina Chiavari. Per ogni violazione degli impegni di cui al presente articolo, spetta a Marina Chiavari una penale di Euro per ogni giorno di mancata disponibilità dell area, salvo in ogni caso il risarcimento del maggior danno. Art. 10 GARANZIE ASSICURATIVE Coloro che, a qualsiasi titolo, svolgono servizi (manutenzioni, lavoro cantieristico, intaccaggio, etc.) nell ambito del porto, devono essere coperti da polizze assicurative con primaria compagnia assicurativa con massimale non inferiore ad Euro ,00 contro i rischi di: incendio attrezzature e merci proprie; incendio attrezzature e merci di terzi; responsabilità civile, inclusi danni da eventi meteo marini avversi; responsabilità civile operai; e furto - rapina merci/mezzi/materiali. 4

5 La polizza dovrà essere mantenuta valida per il periodo delle lavorazioni e della presenza in porto. Tale polizza dovrà prevedere espressa rinuncia al diritto di rivalsa nei confronti della Società, o suoi incaricati, alla quale ne dovrà essere fornita copia dietro semplice richiesta scritta. Art. 11 DIVIETI E tassativamente vietato far eseguire lavori a bordo al personale (Proprietario, Comandante, Armatore, Skipper, etc.) dell imbarcazione. In caso di comprovata necessità l Artigiano ed il Comandante/Armatore dovranno richiedere congiuntamente l autorizzazione per l esecuzione dei lavori che si intende svolgere in autonomia compilando il modello allegato. E assolutamente vietato utilizzare macchinari, impianti, attrezzature di proprietà di Marina Chiavari fatto salvo l uso delle colonnine idriche ed elettriche i cui consumi saranno addebitati all artigiano utilizzatore previa lettura dei consumi. E fatto assoluto divieto a chiunque di rimanere a bordo dell imbarcazione oltre l orario di chiusura del Piazzale. E fatto divieto di impiegare apparecchiature, materiali e strumenteria elettrica (ivi compresi le scale, i cavi di alimentazione e le connessioni delle prolunghe) non conformi alle vigenti normative in materia di infortunistica sul lavoro. E vietata la manutenzione straordinaria come la sabbiatura e la sostituzione di parte di fasciame. I lavori di carteggiatura dovranno essere eseguiti con l impiego di strumenti dotati di aspiratori delle polveri prodotte a ciclo chiuso. Sono vietate le operazioni di verniciatura a spruzzo al fine di evitare danni alle imbarcazioni, a terzi ed all utenza in genere. E vietato eseguire lavaggi delle imbarcazioni. E vietato l ingresso contestuale di due o più mezzi di nel Piazzale. E vietato eseguire rifornimento di carburante all interno del Piazzale a mezzo di autobotte. Sul Piazzale è vietato l accesso al pubblico ed agli autoveicoli. In caso di movimentazioni di imbarcazioni che interessino la strada carrabile, questa dovrà essere temporaneamente chiusa dal Responsabile delle Operazioni per il tempo strettamente necessario alle attività di movimentazione e tali attività dovranno avvenire sotto la stretta sorveglianza di personale di cantiere. Onde assicurarne l intera fruibilità, sul Piazzale è altresì vietata la sosta/deposito di attrezzature come cavalletti; selle; gru; fasce; cavi; cime; etc. Sono in ogni caso vietate le attività di trasformazione di materie prime, lo stazionamento di containers e le attività considerate insalubri ai sensi dell art. 216 del T.U. delle Leggi Sanitarie elencate dal D.M. n. 59/1994 nonché quelle incompatibili con la legislazione vigente. Nel Piazzale è vietato il lavaggio e la pulitura delle carene (cd. carenaggio ) che può essere effettuato esclusivamente nella zona a ciò attrezzata con i prescritti sistemi di raccolta e/o depurazione delle acque reflue e soltanto nel pieno ed inderogabile rispetto della vigente normativa in materia. Art. 11 bis FACOLTA DEGLI UTENTI/ARMATORI AD ESEGUIRE LAVORI SU PROPRIE UNITA A parziale deroga di quanto disposto dall articolo 11 (primo paragrafo) e 12 (terzo e quinto paragrafo), fermo restando l applicazione di ogni articolo del presente Regolamento, può essere concessa, agli Armatori e/o Skipper e/o Titolari di posto barca nel porto di Chiavari che ne facciano richiesta, la facoltà di eseguire, unicamente per imbarcazioni non superiori a 7 metri f.t., le manutenzioni di tipo ordinario come da definizione. In questo caso il richiedente assume, per quanto nel presente Regolamento, la figura di Responsabile del Servizio. Tale facoltà è concessa esclusivamente per lavorazioni da eseguirsi sulla propria unità. La durata massima della sosta in Piazzale di una singola unità non può superare i 5 giorni consecutivi non rinnovabili (fatto salvo eventuali proroghe speciali che la Società potrà valutare di volta in volta). Trascorso tale termine l imbarcazione deve essere riportata presso il proprio posto di ormeggio ovvero trasferita in altro luogo esterno al porto di Chiavari. 5

6 Deve sempre essere preventivamente richiesta apposita autorizzazione alla Società, mediante il modulo di Richiesta di autorizzazione all accesso nel Piazzale. Marina Chiavari si riserva di fornire il diniego a proprio insindacabile giudizio. L Armatore/Utente/Skipper/Proprietario dell unità, quando autorizzato, risponde di ogni danno eventualmente commesso. E a suo esclusivo carico e responsabilità il conferimento e smaltimento dei rifiuti prodotti secondo le Leggi in vigore. Per la fattispecie in questione non è prevista l iscrizione nella lista di cui all articolo 4 e, di conseguenza, nemmeno la corresponsione dell importo a favore della Società di gestione. Permane invece l obbligo di corrispondere, direttamente a Marina Chiavari, la tariffa prevista dalla Delibera del Comune di Chiavari per ogni giorno di sosta dell imbarcazione. E esclusa qualsiasi forma di utilizzazione quale deposito. Il presente articolo si applica, fatte salve tutte le disposizioni di Legge in materia (272/99; etc.), e previo nulla osta della locale Autorità Marittima che dovrà essere allegato al modulo di Richiesta di autorizzazione all accesso nel Piazzale anche ai proprietari delle unità da pesca, a prescindere dalla lunghezza, che siano titolari di ormeggio nel porto di Chiavari. E esclusa qualsiasi forma di utilizzazione quale deposito. Art. 12 SOSTA E MOVIMENTAZIONI NEL PIAZZALE Le movimentazioni all interno del Piazzale devono essere eseguite esclusivamente con i mezzi di proprietà degli Artigiani e sotto la loro totale responsabilità. La movimentazione di imbarcazioni nel Piazzale è consentita esclusivamente con carrelli o invasature gommate e con veicoli idonei al loro rimorchio e di adeguata potenza, senza creare alcun tipo di intralcio. Le attività di cui al presente articolo potranno essere svolte unicamente da personale specializzato e nel pieno rispetto della specifica normativa in vigore. Per le operazioni di movimentazione delle unità nel Piazzale devono essere esclusivamente utilizzati, sotto la responsabilità dei soggetti che esercitano attività professionali, e purché regolarmente autorizzati dalla Concessionaria, i mezzi di sollevamento ivi presenti. La durata massima della sosta in Piazzale di una singola imbarcazione non potrà superare i 30 giorni consecutivi, non rinnovabili, (fatto salvo eventuali proroghe speciali che la Società di gestione potrà valutare di volta in volta) al termine del quale la stessa dovrà essere riportata in mare ovvero trasferita in altro luogo esterno a Marina Chiavari. Art. 13 CORRISPETTIVO L Artigiano (o l Utente) che avanzerà la domanda di sosta all interno del Piazzale (vedi Allegato 1) dovrà corrispondere, direttamente alla Società, la tariffa prevista dall apposita Delibera del Comune di Chiavari per ogni giorno di sosta dell imbarcazione. La Società si riserva di modificare in ogni momento, previa pubblicità ed a suo insindacabile giudizio, tali tariffe. Il personale di Marina Chiavari effettuerà controlli giornalieri per verificare la rispondenza dell imbarcazione con quella di cui alla richiesta; dello spazio occupato e dei giorni effettivi di sosta. Al termine di ogni mese la Società emetterà apposita fattura a carico di ogni artigiano con pagamento a 30 giorni. Il mancato rispetto del pagamento anche di una sola fattura comporterà automaticamente la decadenza del diritto d uso del Piazzale. Art. 14 RESPONSABILITA Marina Chiavari non è responsabile in alcun caso della custodia e del deposito delle imbarcazioni posizionate sul Piazzale. Il soggetto responsabile nei confronti del proprietario dei beni è l Artigiano a cui i beni sono stati affidati per la riparazione. La Società non risponde di eventuali furti, rapine, danneggiamenti, atti vandalici, danni derivanti da agenti atmosferici o eventi straordinari di ogni tipo e di infortuni a persone che dovessero verificarsi sul Piazzale. 6

7 Nel caso di operazioni di movimentazione per l ingresso nel Piazzale che interessino la viabilità portuale e che possano comportare o richiedano la temporanea ma prolungata chiusura della stessa, il Responsabile delle operazioni è tenuto a richiedere formale autorizzazione all Autorità Marittima (competente ai sensi dell articolo 6 del Codice della Strada) che potrà disporre l adozione di ogni misura ritenuta necessaria, previa informazione alla società concessionaria. Se autorizzato dall Autorità Marittima, il Responsabile delle Operazioni dovrà rispettare tutte le disposizioni eventualmente indicate dalla stessa e comunque adottare tutte le precauzioni necessarie al fine di evitare danni di qualsiasi natura a persone o cose. I soggetti che esercitano attività professionali, purché regolarmente autorizzati dal punto di vista demaniale marittimo, devono tenere aggiornato apposito registro con l indicazione dei mezzi di sollevamento di cui venga detenuta la disponibilità con annotate le relative certificazioni e scadenze. Art. 15 CRITERI INTEGRATIVI IN ORDINE DI PRIORITA L accesso al Piazzale è permesso, nel rispetto delle disposizioni del presente Regolamento, a chiunque ne faccia richiesta. In caso di più richieste concomitanti la Società darà la precedenza all Artigiano che, in ordine decrescente: 1. abbia presentato prima la domanda di cui all articolo 3 del presente Regolamento. 2. abbia la sede, legale o operativa, all interno del porto di Chiavari; 3. abbia la sede, legale o operativa, all esterno del porto di Chiavari ma all interno del Comune di Chiavari; 4. abbia la sede, legale o operativa, all esterno del porto e del Comune di Chiavari; Art. 16 SANZIONI Ferme restando le attribuzioni degli organi pubblici competenti e di polizia, le eventuali inosservanze, ove rilevate e contestate dal personale incaricato dalla Società (munito di specifica divisa ovvero di idoneo mezzo di riconoscimento) potranno essere segnalate alle competenti Autorità. Senza pregiudizio dei provvedimenti che dalle competenti Autorità potranno essere adottati in ordine alla infrazione rilevata, la Società potrà inoltre adottare provvedimenti particolari ivi compreso l allontanamento definitivo dei responsabili, salvo il risarcimento dei danni da ciò derivanti alla Società. Il presente Regolamento sostituisce ed abroga il precedente datato 1 agosto Allegato 1: modello richiesta di autorizzazione all accesso nel Piazzale (c.d. zona F). Allegato 2: modello rchiesta autorizzazione ad operare nel porto di Chiavari ed all interno del Piazzale. Chiavari, settembre 2015 L Amministratore Unico Alberto Mangiante 7

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 5 marzo 2013 pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. 2 - TUTELA SANITARIA DEL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO 2 ART. 3 - DISINFEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI Approvato con delibera di C.C. n.28 del 12/09/1983 Art.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la tutela igienico-sanitaria

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Oggetto del disciplinare

Art. 1 Finalità. Art. 2 Oggetto del disciplinare Disciplinare per la concessione in uso gratuito alle autoscuole e/o centri di istruzione della provincia di Agrigento di autovettura multiadattata, di proprietà dell ente, per le esercitazioni pratiche

Dettagli

COMUNE di PADERNO D'ADDA

COMUNE di PADERNO D'ADDA COMUNE di PADERNO D'ADDA c.a.p. 23877 PROVINCIA DI LECCO Allegato A File: RegolparcheggioTAMBORINI\2013 REGOLAMENTO PER L USO DEL PARCHEGGIO COMUNALE DI PALAZZO TAMBORINI Approvato con delibera C.C. n.

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE Prot. Generale N. 0078241 / 2014 Atto N. 3664 OGGETTO: Voltura a favore del

Dettagli

Città di Novi Ligure

Città di Novi Ligure Città di Novi Ligure REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TEATRO CIVICO PAOLO GIACOMETTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 in data 5/6/2006. Articolo 1 Finalità Il Comune si avvale

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL PARCHEGGIO SOTTERRANEO DI PIAZZA VITTORIO VENETO

REGOLAMENTO D USO DEL PARCHEGGIO SOTTERRANEO DI PIAZZA VITTORIO VENETO COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO D USO DEL PARCHEGGIO SOTTERRANEO DI PIAZZA VITTORIO VENETO (entrato in vigore il 26/02/2011 - approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 52

Dettagli

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO.

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. Approvato con Deliberazione di C.C. n. 66. del 07.07.2005

Dettagli

Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 20 del 03.05.2012 COMUNE DI SARNONICO. Provincia di Trento

Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 20 del 03.05.2012 COMUNE DI SARNONICO. Provincia di Trento Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 20 del 03.05.2012 COMUNE DI SARNONICO Provincia di Trento REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DI SALE E STRUTTURE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - PRIVATI Nome Cognome indirizzo c.a.p. località C.F. Email Telefono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento.

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il Centro socio-culturale di Azzanello di Pasiano di Pordenone (di seguito nominato

Dettagli

REGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DEGLI OPERATORI E FREQUENTATORI DEL CENTRO AGROALIMENTARE ALL INGROSSO DI FONDI. Art. 1

REGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DEGLI OPERATORI E FREQUENTATORI DEL CENTRO AGROALIMENTARE ALL INGROSSO DI FONDI. Art. 1 allegato D REGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DEGLI OPERATORI E FREQUENTATORI DEL CENTRO AGROALIMENTARE ALL INGROSSO DI FONDI Art. 1 L Ente Gestore del Centro agroalimentare all ingrosso di Fondi pone fra i

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

Art. 1 Destinazione d'uso della sala

Art. 1 Destinazione d'uso della sala REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D'USO DELLA "SALA CRESPI" Art. 1 Destinazione d'uso della sala La Sala Polivalente denominata Giovan Battista Crespi detto IL CERANO ("Sala Crespi ) situata in Piazza dei

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI ARTICOLO 1 ORMEGGI PER IMBARCAZIONI ECCEDENTI LA LUNGHEZZA Gli ormeggi, ubicati a levante del pontile principale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento per l utilizzo di autoveicoli e macchine operatrici Approvato con atto consiliare n 86 del 30.11.2006 1 2 ART. 1 Norma di carattere generale La gestione

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE O R D I N A N Z A N. 196 / 2004 Il Capo del Circondario Marittimo di Santa Margherita Ligure; VISTA

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO NON CUSTODITI

REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO NON CUSTODITI C O M U N E D I B U S S E R O PROVINCIA DI MILANO P.IVA c.f. 03063770154 C.A.P. 20060 Piazza Diritti dei Bambini n. 1 TEL. 02 / 953331 - FAX. 02 / 9533337 REGOLAMENTO PER L USO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A

Dettagli

- REGOLAMENTO DI CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELL ORDINE- Revisione n. 1. Allegato alla DELIBERA N. 520 del 24.10.2006. Art.

- REGOLAMENTO DI CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELL ORDINE- Revisione n. 1. Allegato alla DELIBERA N. 520 del 24.10.2006. Art. - REGOLAMENTO DI CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELL ORDINE- Revisione n. 1 Allegato alla DELIBERA N. 520 del 24.10.2006 Art. 1 La Sala Conferenze dell Ordine dei Medici chirurghi e Odontoiatri

Dettagli

Regolamento Parcheggio Multipiano

Regolamento Parcheggio Multipiano Regolamento Parcheggio Multipiano Il parcheggio non è custodito ed è riservato alle sole autovetture, prive di rimorchi di qualsiasi genere. Per tutti gli automezzi di altezza superiore ai due metri, a

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI Approvato con delibera di consiglio del Commissario Straordinario n. 17 del 18.03.2004 1 INDICE Art. 1 - Contenuto del Regolamento. Art. 2 - Definizione di passo

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Regolamento parcheggio Easy Parking Comfort (multipiano) ART.1 Il parcheggio non è custodito ed è riservato alle sole autovetture, prive di rimorchi

Regolamento parcheggio Easy Parking Comfort (multipiano) ART.1 Il parcheggio non è custodito ed è riservato alle sole autovetture, prive di rimorchi Regolamento parcheggio Easy Parking Comfort (multipiano) Il parcheggio non è custodito ed è riservato alle sole autovetture, prive di rimorchi di qualsiasi genere. Per tutti gli automezzi di altezza superiore

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELL AUDITORIUM DEL CENTRO RISORSE EDUCATIVE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELL AUDITORIUM DEL CENTRO RISORSE EDUCATIVE 82 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELL AUDITORIUM DEL CENTRO RISORSE EDUCATIVE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 179/75 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 09/10/2006 CRITERI DI UTILIZZO

Dettagli

COMUNE DI VILLENEUVE

COMUNE DI VILLENEUVE COMUNE DI VILLENEUVE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. CHAMPLONG DESSUS NEL COMUNE DI VILLENEUVE DI 2^ CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI. Approvato

Dettagli

In attuazione della determinazione dirigenziale P.G.N.../2014 esecutiva ai sensi di legge F R A

In attuazione della determinazione dirigenziale P.G.N.../2014 esecutiva ai sensi di legge F R A SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE ED USO IN ORARIO EXTRASCOLASTICO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER L ANNO SPORTIVO 2014/2015. In attuazione della

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.pag 3 Art. 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI IMMOBILI.. pag. 3 Art. 3 UTILIZZO DEGLI

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2 Regolamento per la concessione di locali e spazi per servizi bar e/o distribuzione automatica di generi alimentari all interno degli Istituti Scolastici di pertinenza dell Amministrazione Provinciale ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia;

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia; Allegato B Prescrizioni Rinnovo dell autorizzazione in via definitiva all esercizio di un impianto mobile di recupero di rifiuti modello GCR 12.9 matr. 10900. Ditta Bartolini S.r.l. con sede legale via

Dettagli

REGOLAMENTO ESPOSITORI

REGOLAMENTO ESPOSITORI REGOLAMENTO ESPOSITORI ART.1 Denominazione e organizzazione Il festival internazionale dell ambiente e dell ecologia Ecocity Expo 2014 è organizzata dall associazione no profit Città Ecocompatibile. La

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone Area Segreteria Area Segreteria/Istruzione/Cultura/Sport Tel 0434/68075 Fax 0434/68319 P.zza Cecchini 24 33073 Cordovado C.F. 80005330933 P. IVA 00410680938 www.comune.cordovado.pn.it

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI ALLEGATO A DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI Art. 1) Ambito di applicazione Il presente disciplinare individua e regola i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO

REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO TECNICO SPECIFICO INERENTE LE DISCARICHE DI II^ CATEGORIA DI TIPO A IN COMUNE DI CONEGLIANO LOCALITA BORGO PERINOT E CAL DELL EBREO - Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO COMUNE DI CERVESINA Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA A DOMICILIO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E DEI BENI DUREVOLI DI CONSUMO AD USO DOMESTICO Approvato con deliberazione C.C. n.7 del

Dettagli

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI :

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : SCHEMA DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : N 02 PENSILINE DI ATTTESA BUS N 02 OROLOGI ANTICHIAZZATI N 05 CESTINI

Dettagli

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA ATTREZZATA NORME DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI OYACE 1 2 Art. 1 Oggetto....3 Art. 2. Divieti ed obblighi....3

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento)

COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento) COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento) Ordinanza n. 235 del 21/11/2014 Prot. n. 50795 del 21/11/2014 OGGETTO: Servizio di raccolta dei Rifiuti solidi urbani domestici nel centro urbano modifica ed integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO DELLA SALA CONFERENZE DI PALAZZO DEL MONFERRATO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO DELLA SALA CONFERENZE DI PALAZZO DEL MONFERRATO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO DELLA SALA CONFERENZE DI PALAZZO DEL MONFERRATO ART. 1 DESTINAZIONE D'USO Il presente Regolamento disciplina l utilizzo temporaneo della Sala Conferenze sita al piano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE, L USO E LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI CONCESSI AL COMUNE DAL GENIO CIVILE LUNGO IL CANALE PROSPICIENTE LA RIVA UGO FOSCOLO E VIALE ARGINE

Dettagli

COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO

COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO COMUNE DI CASAL VELINO PROV. SALERNO Servizio Demanio ***** Tel.0974/908832 23 33 Fax 800 250797 Prot. n. 5913 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA PRESSO LE BANCHINE, PONTILI E SPECCHI ACQUEI COMUNALI

Dettagli

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 48 in data 30 settembre 2004 INDICE ART. 1 Oggetto ART. 2 -

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI 1. OGGETTO L armatore concede in locazione al Conduttore l imbarcazione da diporto senza equipaggio, indicata nella comunicazione di conferma di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E - Art.1 OggettO ed ambito di applicazione - Art.2 Definizioni - Art.3 OrariO e sosta dei veicoli riservata al

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Allegato C) REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Art. 1 Scopo ed oggetto del Regolamento Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare talune norme di funzionamento e di organizzare

Dettagli

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN

COMUNE DI PREONE. Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN COMUNE DI PREONE Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELL AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA TEMPORANEA DI CAMPERS CARAVAN AUTOCARAVAN Approvato con delibera C.C. n. 30 del 29 giugno 2012 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 21 DEL 21.02.2013, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 31 DEL

Dettagli

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010) COMUNE DI CASTELLINA MARITTIMA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DEI LOCALI E DELLE STRUTTURE COMUNALI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

Dettagli

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 - Manifestazione Fera di Usei La F.I.D.C. sezione di Canzo, nel rispetto e fatto salvo quanto previsto dalla normativa in materia di commercio, col presente

Dettagli

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA

C N V CIRCOLO NAUTICO VASTO. Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in Vasto (CH) GRUPPO SPORTIVO CNV DIPORTISTI NAUTICI DI PUNTA PENNA CIRCOLO AUTICO ASTO Associazione Dilettantistica Sportiva con sede in asto (CH) GRUPPO SPORTIO C DIPORTISTI AUTICI DI PUTA PEA Regolamento Circolo autico asto Gruppo Sportivo C Diportisti autici Punta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO CONGRESSI PALAZZO COELLI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO CONGRESSI PALAZZO COELLI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO CONGRESSI PALAZZO COELLI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO AD UTENTI ESTERNI DELLE SALE DI PALAZZO COELLI DI PROPRIETA DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO E

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO

REGOLAMENTO DI UTILIZZO REGOLAMENTO DI UTILIZZO IN VIGORE DAL 01 LUGLIO 2010 APPROVATO DA: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure SEZIONE TECNICA ORDINANZA N

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE Art. 1 Il presente regolamento ha per oggetto le norme di esercizio del Porto lacuale Portogoen s.r.l. di Pisogne.

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA INDICE 1 CENTRI DI RACCOLTA... 2 1.1 MODALITÀ PER L ACCESSO E IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI AI CDR... 2 1.1.1 Utenze non domestiche... 2 1.1.2 Distributori/installatori/centri

Dettagli

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto 1.1. II presente

Dettagli

Comune di Roccaromana

Comune di Roccaromana Comune di Roccaromana Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 37 del 29/09/2014 INDICE ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI COMUNE DI CIVEZZANO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI CIVEZZANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI I N D I C E - INDICE 2 Art. 1 - Oggetto e obbligatorietà del servizio

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003.

PROVINCIA DI UDINE. Testo approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 30/01/2003 con delibera n. di prot. 8685/03; in vigore dal 17/02/2003. PROVINCIA DI UDINE Regolamento per la provvista, la destinazione e l uso degli automezzi, dei mezzi speciali e dei natanti di proprieta della provincia di udine Testo approvato dalla Giunta Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 090 del 22.12.2009

Dettagli

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013)

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti conseguenti all acquisto

Dettagli

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS LINEE GUIDA per La predisposizione di sistemi di gestione ambientale secondo i requisiti del Regolamento EMAS II di strutture turistiche importanti (Porticcioli Turistici e

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena.

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL ESERCIZIO INTERNO DI BAR Art. 1. Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Servizio Mobilità e Traffico REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7/20543/13 dell'8 aprile

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SALO Provincia di Brescia

COMUNE DI SALO Provincia di Brescia COMUNE DI SALO Provincia di Brescia Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 28 del 04.05.2015 Pubblicato all Albo dal 18.06.2015 al 03.07.2015

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercatino dei libri è un mercatino specializzato, riservato alla vendita esclusiva di libri, che si svolge nel centro storico da ottobre a giugno

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI.

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. A.S. 2012/2013 L Istituto scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO, 1 di seguito chiamato scuola,

Dettagli

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA)

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 01 del 13.02.2012 e successiva

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017)

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI LOCALI E SALE COMUNALI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 110 del 23/12/2003. Modificato con Deliberazione

Dettagli

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola (approvate con delibera della Giunta Comunale n. 190 del 28.09.2009) Premessa Il Comune di

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DEL PARCO ANGELO DELLA TORRE E DELLE RELATIVE STRUTTURE. ART.1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l uso del Parco della Villa

Dettagli