La bagarre di via Asti Profughi: tutti contro tutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La bagarre di via Asti Profughi: tutti contro tutti"

Transcript

1 La bagarre di via Asti Profughi: tutti contro tutti di MINUCCI EMANUELA La Stampa, 4 Luglio 2009 Alla fine dovra' arrivare il Prefetto Paolo Padoin a Palazzo civico per maneggiare (ed evitare ustioni sia alla maggioranza sia all'opposizione) la patata bollente dei profughi in via Asti. A chiedere che il numero uno di piazza Castello venga a relazionare in commissione modalita' e sviluppi di un trasferimento che sta dividendo la citta' e il mondo politico (sinistra compresa, a giudicare dai personaggi che manifestavano ieri mattina di fronte all'ex caserma: intellettuali ed ex politici di quell'area) sono stati gli stessi capigruppo. Gia', perche' la tradizionale riunione del venerdi' pomeriggio ieri, a gran richiesta e' stata convocata su questo delicato trasloco che dovrebbe avvenire entro la fine di luglio. Nel tentativo di vederci tutti piu' chiaro, sono quindi stati invitati (oltre al vicesindaco Tom Dealessandri) gli assessori competenti Domenico Mangone (Vigili urbani) e Marco Borgione (Assistenza). Alla fine pero', dal momento, che spetta allo Stato, cioe' al governo la competenza su temi come questo, la seduta dei capigruppo, partita con un acceso j'accuse del centrodestra (<<sono nove mesi che non trovate una sistemazione e adesso i profughi arrivano alla Gran Madre, una delle poche zone ancora tranquille della citta'>>), si e' risolta in bagarre, dal momento che la decisione non l'ha appunto presa ne' il sindaco, ne' gli assessori competenti, ne' tanto meno il centrosinistra, ma lo stesso Prefetto. Partiamo dal fuoco di fila di accuse partite dall'opposizione: <<Nella soluzione di un problema vecchio di nove mesi, il Comune continua a navigare a vista - ha attaccato il capogruppo di An-Pdl Roberto Ravello - trasferire i profughi significa soltanto trasferire i disagi e portare nuovo degrado in un'altra zona della citta'>>. E ha incalzato: <<Di fronte alle difficolta' nell'individuare una destinazione per i rifugiati, la soluzione e' a portata di mano: Chiamparino potrebbe far sgomberare uno dei centri sociali torinesi per destinarlo ad accogliere i richiedenti asilo>>. Duro anche il capogruppo di Pdl-Forza Italia Daniele Cantore: <<Il fatto e' che si sposta solo il problema da una parte all'altra della citta' e non sara' una soluzione definitiva. I residenti della Gran Madre hanno paura perche' sicuramente verranno lasciati soli e si troveranno ad affrontare, ancora una volta, un problema piu' grande di loro. La paura e' tanta. Come e' successo in altre parti di Torino, senza controlli la criminalita' si insinuera' in una delle poche zone ancora tranquille>>. E se il capogruppo della Lega Mario Carossa, come riportato dal capogruppo del Pd Andrea Giorgis soltanto due giorni fa si lamentava del fatto che <<per la giunta il degrado va sistemato solo in periferia>> riferendosi all'albergo sociale di via Ivrea, ieri la segretaria cittadina della Lega Elena Maccanti ribadiva: <<Occorre che la nuova ubicazione sia valutata attentamente, l'obiettivo infatti non deve essere consacrare isole felici o infelici, ma garantire la sicurezza dei cittadini ed il loro diritto a vivere tranquilli>>. A questo coro di critiche la risposta piu' efficace e' stata data dal capogruppo Pd Giorgis che ha ricordato: <<Il sito e' stato individuato dalla Prefettura, si tratta di un trasloco temporaneo dal momento che fra un anno in quella caserma arriveranno gli alpini, e il Comune ha soltanto dato la propria massima disponibilita' ad organizzare un trasloco necessario e urgente. La competenza in materie come questa e' del Governo. Stupisce che i rappresentanti locali delle forze politiche che governano non riescano a farsi ascoltare da Roma>>.

2 Ecco chi sono i profughi dell'ex S. Paolo di ADEN SHEIKH MOHAMED La Stampa, 6 luglio 2009 Ahmed, appena arrivato a Torino, mi racconta: <<Sono partito dalla Somalia 5 mesi fa. Eravamo in due e volevamo seguire un percorso piu' disagevole ma meno frequentato da quelli che scappano dall'inferno di Mogadiscio. Sud della Somalia. Confine col Kenya. Si aggregano a noi 5 ragazzi, due donne. Ci avventuriamo in Sudan per arrivare in Libia. Ad un certo punto il nostro camion viene fermato e sequestrato da bande armate sudanesi. Ci fanno scendere. Ci perquisiscono, prendono tutto. Io, il mio malloppo l'ho buttato fuori appena ci hanno fermati: ero abituato alle "sbarre" per estorcere soldi dai passeggeri. In cambio del camion hanno deciso di tenersi le due ragazze somale e un sudanese. Ci siamo ribellati. Uno dei sequestratori si avvicina a uno di noi, Farah, e gli spara. Chiede: qualcun altro ha pretese? Io pensavo a come recuperare il mio piccolo tesoro, 1500 dollari, l'assicurazione della vita. Siamo partiti con l'occhio rivolto a chi e' rimasto sul terreno...>>. Molti ragazzi che occupano l'ex S. Paolo hanno passato momenti simili. A volte si vergognano. Soprattutto le ragazze. Nel deserto, hanno patito sete e fame. Lungo la strada invisibile vennero buttati quelli che non ce la facevano o erano di peso. Quando arrivano in Libia vengono dirottati in piccoli paesi, gia' concordati con faccendieri libici. Consegnati alle autorita' locali, sono soggetti alle angherie, agli umori ed ai bisogni dei poliziotti. E nel Paese del Colonnello si e' fermi, quanto a diritti umani, a due secoli fa. Si pratica ancora la compravendita delle persone, schiavi alla luce del giorno. Ti vendono ad un agricoltore per 6 mesi, e il poliziotto si prende il tuo salario. Quando e se superi tutto questo ti servono i soldi per il barcone. I somali che sono arrivati in Italia li chiamano i Titanic! Sempre a rischio affondamento. Approdati in un paese amico (credevano) si sono trovati in una situazione impossibile. Dopo interviste su interviste, viene loro concesso il titolo di rifugiati. Poi sono lasciati a se stessi. Non conoscono la lingua, non hanno agganci, restano sbigottiti: ma come? L'Italia che sapevamo non e' questa! Cosa chiedono? Una casa, una catapecchia per la residenza; imparare l'italiano, formazione per lavorare. Molte associazioni li hanno aiutati. Le istituzioni potevano far meglio e in fretta. Il quartiere si e' comportato civilmente all'inizio, poi sono prevalsi malessere e intolleranza. Che a questa filiera si aggiungano ora persone che fino a ieri erano solidali, quando si ipotizza che dall'ex clinica i rifugiati possano finire in via Asti, fa cadere le braccia. La solidarieta' di sole parole non serve, mai. Prefetto, Comune e volontari possono fare un lavoro utile, senza escludere alcuno, per risolvere un problema della citta' e della regione.

3 La Spoon river dei profughi di Andrea Punzo Repubblica, 12 agosto 2009 «Non è giusto vivere così. Questo posto è un inferno, non c' è niente che funzioni, tutto è abbandonato. Noi siamo abbandonati. Ci hanno dimenticati e ora pensano di risolvere il problema spostandoci da un' altra parte. Solo alcuni e non tutti. Chi non potrà stare nelle caserma di via Asti dove andrà? Siamo arrivati dalla Somalia come rifugiati politici, non siamo assassini o terroristi. Abbiamo lasciato il nostro paese perché là c' è una maledetta guerra civile.» Hassan aveva 19 anni quando è fuggito dalla Somalia. Fermo su una delle porte di ingresso dell' ex clinica San Paolo scruta chi entra e guarda chi esce. Oramai a quasi un anno (era il 12 ottobre 2008) dall' occupazione della palazzina di corso Peschiera 180 conosce quasi tutti quelli (circa 300) che ci abitano. Hassan è la guida dentro un labirinto su cinque piani. «Siamo tanti, troppi e tutti in difficoltà - racconta nel suo italiano traballante - vorremmo poter stare meglio. E io vorrei poter avere un lavoro. Sono mesi ormai che cerco, ma senza trovare nulla. Eppure ho tutti i documenti in regola. Non chiedo tanto, qualche soldo che mi permetta di vivere dignitosamente, di scappare via da qui». UN PENSIERO che si ripete in questa «Spoon River» dei profughi di corso Peschiera. Ecco le loro voci. Abdinasir, 18 anni (Somalia):«Sono fuggito con mia mamma e mia sorella piccola. Siamo arrivati con un barcone carico in Sicilia, poi dopo numerosi viaggi siamo arrivati fino a Torino. Ci avevano detto che in Italia la vita era più facile». Ahmed Mohamed, 22 anni (Somalia):«Più rimango dentro queste mura e meno vedo la possibilità di stare meglio. Come tutti sono arrivato con una speranza e per ora non mi rimane che aspettare che cambi davvero». Abdi Alì, 22 anni (Somalia): «Studiavo in Somalia ma lì non c' era futuro. La guerra civile ha distrutto anche le poche certezze. Sono partito perché cercavo una vita migliore. Non pensavo di trovarmi in una situazione simile: un incubo». Ahmed, 24 anni (Somalia): «Questo posto è un inferno, non riesco ancora a credere che ci abbiano lasciato in questo stato. Dove sono finite tutte le promesse che ci avevano fatto? Dicono che dobbiamo andarcene, ma dove? Siamo uominio bestie?» Cabidir, 22 anni (Somalia): «Sono scappato dal mio Paese perché non avevo alcuna possibilità di salvezza. Sono arrivato in Italia con mille aspettative e ora a distanza di un anno mi trovo senza niente in mano». Mohamed, 21 anni: «In Somalia si dice: "Il ricco è colui che vive e il povero è colui che muore, in mezzo non esiste niente". Sono partito per l' Italia sperando di poter trovare la via di mezzo che mi permettesse di vivere dignitosamente. Fino a ora non c' è stato nient' altro altro che questo posto». Isaak, 20 anni (Somalia): «Secondo voi è giusto vivere così? Non credo che nessun italiano accetterebbe anche solo un istante di abitare qua: guardate, in questa stanza minuscola viviamo in otto. Chi può ha un materasso, gli altri sono costretti a vivere sdraiati sul pavimento». Mohamed Ahmed, 24 anni (Somalia): «Proviamo a sorridere nonostante tutto, proviamo a cavarcela con un pasto al giorno e senza poterci fare la doccia, proviamo a non scoraggiarci. Ma più passa il tempoe meno riusciremo a resistere. Adesso dov' è che ci vogliono portare? In una caserma? Siamo rifugiati politici mica assassini». Ali Mohaali, 60 anni (Somalia): «Basta salire un piano di scale e guardare dentro ogni stanza per avere idea di cosa sia tutto ciò. Invece di spostarci da un' altra parte senza risolvere i problemi perché non provano ad aiutarci realmente? Io sono uno tra i più vecchi e per me non è facile». Hajii, 50 anni (Somalia): «Sono quasi tre giorni che non possiamo più cucinare niente. Non possiamo neanche muoverci con l' autobus perché non abbiamo i soldi per comprarci il biglietto e rischiamo la multa». Mohamed Siyed, 25 anni (Somalia): «Viviamo in cinque in questo spazio che non è altro che una stanza di passaggio. Dormiamo stretti su due soli materassi, chi non ha il posto deve buttarsi per terra tra i rifiuti e la sporcizia. Peggio di così non poteva andarci». Mohamed, 20 anni (Somalia): «Siamo davvero stanchi. Vorremmo soltanto sapere che ne sarà del nostro destino, vorremmo sapere chi verrà trasferito e chi no, come decideranno? Perché nessuno ce lo spiega?» Adris, 24 anni (Sudan): «Nessuno ha capito che non basta trovare un tetto e dare un pasto per

4 risolvere i problemi. Saper comunicare è importante, se nessuno qua capisce l' italiano come può pensare di cavarsela fuori?» Abdoullah, 21 anni (Sudan): «Sono scappato per cercare un lavoro. Ho lasciato tutto e sono partito. Speravo di venire qua e trovarne uno sicuro che mi permettesse di mantenere chi della mia famiglia è rimasto in Somalia».

5 La battaglia dei rifugiati: sui profughi Torino e' stata insufficiente La portavoce all'onu: emergenza nazionale e locale di ACCOSSATO MARCO La Stampa, 14 luglio 2009 Sulla questione dei rifugiati l'italia e' un Paese in continua emergenza. Dieci anni fa c'erano 33 mila domande di asilo dalle popolazioni dell'ex Jugoslavia; quest'anno le richieste sono di poco superiori a quelle del 1999 ma e' ancora emergenza-profughi. A livello nazionale mancano risorse, a livello locale quanto sta accadendo a Torino tra l'ex clinica San Paolo e l'ex caserma di via Asti dimostra che non c'e' stata una cabina di regia>>. Laura Boldrini e' portavoce italiana per i rifugiati presso l'alto commissariato dell'onu. Che cosa significa <<e' mancata una cabina di regia>>? <<Se il risultato, a un anno dall'arrivo dei rifugiati a Torino, e' quanto si legge sui giornali, e' evidente che quanto e' stato fatto e' altamente insufficiente>>. Cos'e' mancato? <<Un percorso di integrazione che si possa definire tale mette queste persone in grado di camminare con le proprie gambe. Vorrei ricordare che parliamo di uomini e donne che non hanno scelto di cercare un lavoro in altri Paesi, ma di gente che sarebbe rimasta a casa, se avesse potuto. Mi risulta che solo per una parte di loro, una trentina, e' partito un programma di integrazione>>. Integrazione difficile: da un lato un quartiere felice perche' se ne andranno, dall'altro meta' di un altro quartiere che non li vuole... <<L'errore e' creare grandi centri di accoglienza. I grandi centri alimentano sempre preoccupazione, e sentirsi sotto assedio non giova, anche perche' spesso i giornali riportano di queste vicende soltanto i toni piu' accesi. Cosi' la popolazione e' spaventata e ostile>>. Invece? <<Occorrono soluzioni a misura di persona. Serve un progetto che li collochi anche nei piccoli Comuni, in gruppi minori, dov'e' piu' facile che i profughi, da problema, diventino risorsa>>. Un esempio? <<Nella Locride, in Calabria, alcuni sindaci di cittadine quasi spopolate hanno creduto nella presenza dei rifugiati. A Riace, ad esempio: il risultato e' che alcune classi non sono state tagliate perche' la presenza di figli di rifugiati ha fatto salire i numeri degli iscritti, mentre, sempre grazie a loro, sono stati riaperti laboratori di artigianato. La Regione Calabria e' la prima, in Italia, ad aver votato una legge per l'integrazione. Una legge per cui i rifugiati non sono un peso sociale>>. Un modello esportabile a Torino? <<Assolutamente. Soprattutto nelle grandi citta' come Torino o Milano. Sa quanti sono i rifugiati in Italia?>> Quanti? <<Circa 47 mila. In Germania 580 mila, 300 mila in Inghilterra. E sa quanti sono in lista d'attesa a Torino?>>. Quanti? <<Cinquecento. Non posso credere che in una citta' da 900 mila abitanti come Torino 500 rifugiati non possano diventare una risorsa. I rifugiati non sono qui per vivere di assistenzialismo>>. Comunque c'e' timore. Ieri e' stato organizzato un consiglio di Circoscrizione aperto. <<Le mele marce ci sono ovunque, e anche questo deve essere detto. Ma la maggior parte di loro puo' davvero diventare una risorsa>>. Finora, a Torino, hanno vissuto in condizioni disumane. Che diritti hanno queste persone? <<La legge prevede che siano assistiti per almeno sei mesi. In verita' io ritengo sia un periodo troppo corto. Questo e' l'anello debole del sistema: mentre abbiamo commissioni che fanno un lavoro accurato nel concedere lo status di rifugiato, mancano poi investimenti. Capita a Torino, ma anche in altri grandi centri urbani dove queste persone, ovviamente, tendono ad andare>>.

6 Profughi tra le case chic e la sinistra va in piazza Polemiche a Torino, l'integrazione difficile di BORGHESAN LUCIANO La Stampa, 4 luglio 2009 Leghisti e sinistra uniti contro i profughi della Somalia sotto casa. Divisi solo per rinfacciarsi le responsabilita' di chi ha scelto un'ex caserma, alle pendici dell'eremo. <<Chiamparino ha indicato il sito al prefetto>>, dice il Carroccio. <<Colpa dei ministri La Russa e Maroni>> ribattono i residenti vicini al governo di centrosinistra. Oltre duecento nordafricani saranno spostati dall'ex clinica di un quartiere semiperiferico (San Paolo) in quello che fu luogo di detenzione e tortura durante il fascismo. L'area demaniale, a poche centinaia di metri dalla Gran Madre e dal Po, e' circondata da palazzine di famiglie-bene, che gia' protestano per il prolungarsi serale dell'onda della movida proveniente dai Murazzi. E, all'annuncio del possibile futuro arrivo dei rifugiati - pur temporaneo -. Nel giorno in cui la clandestinita' e' divenuta reato, si presentano con un compatto <<Non qui!>>. Per motivi diversi, ma tutti contrari. Una quarantina di abitanti, ieri, si sono <<spontaneamente>> catapultati davanti alla garitta del possibile futuro centro di accoglienza. Pochi, ma di peso. A far breccia sono le donne del Carroccio. Giuliana Gabri (gia' consigliere comunale di An, figlia dell'ex presidente degli Avvocati di Torino), a nome dell'eurodeputato Mario Borghezio, <<impegnato a Roma>>, critica gli assessori Borgione e Mangone <<che vogliono ammassare un battaglione di somali>> in una zona tranquilla: <<A San Paolo la gente non ne puo' piu'. Si vuole replicare a danno di altri cittadini? Si cerchi un posto in campagna - dice Gabri -, dove possono lavorare la terra...>>. Certo, via Asti non e' adatta, <<ma la colpa e' del governo Berlusconi, le caserme sono del ministro La Russa, quello dell'interno e' Maroni, fanno il pacchetto sicurezza e si mettono in casa i clandestini?>> chiede Renzo Ciaiolo, gia' dirigente della Lega delle Cooperative e sponsor elettorale di Chiamparino. <<Chi sono questi somali? - domanda Alberto Nigra, che fu segretario provinciale e deputato per i Ds -. Non si mettono 200 persone tutte assieme, cosi' si sposta solo il problema. Si dovrebbero indicare criteri, consultare la popolazione...>>. Da Roma parla Borghezio: <<Ho informato Maroni della giusta protesta, il ministro non conosce la realta' torinese, esaminera' il caso>>. La Lega riprende vigore: Paola Gobetti, consigliere di Cavoretto-San Salvario, esperta di questioni di immigrazione: <<Ho chiesto un consiglio straordinario>>. Un crescendo di iniziative: l'avvocato Pier Luigi Amerio (fu segretario cittadino Pli ai tempi di Zanone sindaco) ha previsto per lunedi' mattina un incontro col presidente di Circoscrizione: il pittore Paolo Pisotti, del Comitato Borgo Po, ha fissato un vertice. Scende in strada anche Giuditta Miscioscia, commissaria della Croce Rossa di Torino, proprietaria della tv locale Rete 7, nota sensitiva della <<Torino che conta>> e amica del compianto Gustavo Rol: <<Abito qui da 26 anni>>. Signore eleganti e dai toni pacati, da tutte il messaggio e': evitare l'arrivo degli immigrati. <<Ne' populismo, ne' ideologismo - protesta il residente Carlo Marletti, sociologo universitario vicino alla sinistra -. Sono sbagliati i centri di permanenza cosi' pensati, con centinaia di persone. Anche i luoghi individuati non funzionano. Qui sono stati massacrati antifascisti, ebrei. Non diventera' un museo? O il demanio vuole farci poi residenze e speculare?>>. L'intellighentia sfida Chiamparino: <<Vedremo se sapra' scegliere una terza via>>. Il sindaco prende le distanze da chi difende il proprio cortile <<e mi indigna - sentenzia - chi lo fa contro il diverso, contro il nero>>. La sinistra collinare delude anche chi ha condiviso le sue battaglie: <<Chi sono questi somali?>> replica amareggiato Aden Mohamed Sheikh, ex ministro somalo poi incarcerato da Siad Barre e, fino al 2001, consigliere comunale per i Ds a Torino: <<E' gente scappata dalla guerra, ridotta alla fame, costretta alla schiavitu', molti di loro sono morti per attraversare il deserto, sui barconi... cercavano pace, lavoro, casa, non razzismo>>. Torino razzista? <<Lo si puo' essere anche nella solidarieta': non va bene borgo San Paolo? ne' la precollina? non nel proprio orto? Sia data una soluzione umana. O e' una vergogna!>>

7 La politica non sa decidere sui 200 somali di Marco Travaglio Repubblica, 5 luglio 2009 Caro Travaglio, Borgo San Paolo - quartiere operaio e rosso ha protestato per mesi contro l' occupazione e la gestione dell' ex clinica San Paolo da parte dei "rifugiati". Oggi si cambia e la caserma di via Asti - precollina - è il posto deputato a ospitare questi profughi: abbiamo già le prime proteste veementi dei residenti. Che fare? Amedeo Principe - Torino Sono nato e abito a due passi dalla caserma di via Asti. Insomma, conosco la zona, che non è per niente popolata da ricchi, né tantomeno da razzisti. E' un quartiere-paesone, il nostro, già abituato a convivere con alte concentrazioni di cittadini stranieri o extracomunitari che prima venivano rifocillati in un' ex chiesetta poi sconsacrata, o che si assiepavano la domenica in un centro di accoglienza poco distante, e che ora si danno convegno la domenica in un tempio ortodosso. Qualcuno s' è lamentato, qualcun altro no, cose che capitano quando arriva "il diverso". Ora, si dice provvisoriamente, è la volta di questi poveri profughi della Somalia. Duecento, tutti insieme. C' è chi ha paura, chi scende in piazza, chi storce il naso, chi fa finta di essere contento. Non voglio partecipare all' elevato dibattito che s' è aperto fra le forze (anzi, le debolezze) politiche, oltretutto fuori tempo massimo rispetto alla campagna elettorale, su chi sia il responsabile (o l' irresponsabile) della scelta. Non lo so e non m' interessa. La caserma è del ministero della Difesa, retto se non sbaglio dal camerata La Russa. Gli assessori che spostano il battaglione di profughi da un quartiere all' altro, come se si trattasse di merce ingombrante e non di persone umane, sono della giunta Chiamparino, cioè di centrosinistra. L' unico pensiero che mi viene spontaneo è che in tutto questo bailamme il vero assente sia la Politica, quella con la P maiuscola, altrimenti non si continuerebbe a sfuggire ai problemi scaricandoli di qua e di là. La questione dell' immigrazione, specie se - come in questo caso - riguarda profughi in fuga da una terra dilaniata dalle guerre, è praticamente irrisolvibile. Inutile negarlo, proponendo ricette facili e scorciatoie spicciative. Manca qualcuno che, con coraggio e autorevolezza, faccia un discorso chiaro ai cittadini, avvertendoli che ciascuno di noi, pro quota, dovrà farsene carico, pagando il giusto prezzo. Posto che i duecento somali non possono essere rimandati al loro paese, cioè al massacro, ci dicano quale futuro definitivo l' amministrazione ha in mente per loro, dopodiché sarà un dovere di tutti i torinesi collaborare. Purché la smettano di spostare la gente da un quartiere all' altro, come se giocassero a Risiko.

8 Tensione alla clinica ''E' una polveriera che sta esplodendo'' L'ex San Paolo stremata dai nuovi arrivi di ROSSI ANDREA La Stampa, 21 agosto 2009 Ahmed se ne sta seduto su un materasso lercio, la schiena appoggiata al muro davanti al televisore che trasmette la partita della Roma. <<Basta, sto diventando pazzo. Non e' vivere, questo. Mi trovassero un posto su un aereo partirei domani, tornerei a casa>>. C'e' un'aria torrida, nell'ex clinica San Paolo. Stringe la gola e mozza il respiro. Caldo violento. La polvere s'alza ad ogni passo. Uomini e ragazzi a torso nudo attraversano lenti i corridoi. Da mesi, qui, fanno la coda per usare il bagno. Oggi di piu': aspettano il loro turno ammassati contro il muro, entrano, buttano la testa sotto il tubo dell'acqua e se ne vanno ciondolando. <<Fa caldo, quasi come in Africa>>. Muhammad sorride con la poca forza che gli rimane prima di gettarsi sul suo materasso, dentro uno stanzone con i nomi degli ospiti scritti sul muro. A terra ce ne sono altri nove. Nove letti in venti metri quadrati. E l'odore di piscio tronca il fiato. <<Vivere cosi' e' disumano>>, sibila Fahrat, 42 anni, che qui e' tra i piu' anziani. Quasi 350 persone stipate tra calcinacci e vetri, sei piani sul punto di esplodere. Di recente hanno colonizzato un'altra ala, quella che da' su via Revello. Nel cortile adesso hanno piazzato un divano: giocano a scacchi; un ragazzo aggiusta una bicicletta. Un tempo le scale portavano dentro gli uffici della clinica, oggi si incespica al buio per finire dentro un altro frammento d'inferno, materassi e vetri in frantumi, lattine di mais usate come bicchieri, cibi consumati a mano, acqua che non basta per tutti. Anche le nuove stanze sono sature. Non basta mai. Il rudere di corso Peschiera continua a fronteggiare nuovi arrivi. Diri, 24 anni, somalo, e' arrivato dieci giorni fa. <<Ero a Bari, un amico mi ha detto: ''Vado a Torino dove ci sono gli altri somali''. L'ho seguito>>. Diri racconta che ne arriveranno altri, <<la voce si e' sparsa>>. E forse saranno altri guai. Le prime avvisaglie sono di qualche giorno fa: una serie di risse tra i rifugiati per contendersi posti letto che mancano, segno che la tensione cresce e il ping-pong sul trasferimento in via Asti rischia di trasformare l'ex clinica in una polveriera. <<Siamo divisi>>, ad Ali' Daud bastano due parole mentre si accende una sigaretta per raccontare la frattura che corre dentro questa palazzina, tra pentoloni sparpagliati e borsoni gettati a terra. Non e' vecchi contro nuovi. La faglia e' piu' profonda, ha a che vedere con il futuro di queste trecento e piu' persone. <<La caserma ci ha divisi. C'e' chi ci vuole andare e chi si rifiuta>>. Yusuf: <<Qualunque posto pur di uscire da quest'inferno>>. Fares: <<Tutti o nessuno, altrimenti non ci muoviamo. E niente polizia: siamo profughi non carcerati>>. Il sopralluogo di qualche giorno fa in via Asti non ha smussato gli spigoli: niente cucine ma fornelli, orari da rispettare, sorveglianza, divieto di far entrare estranei. <<Troppe regole, cosi' non va>>, dicono. Contano i pochi soldi arraffati chissa' dove ed e' un'altra contesa. <<Andiamo a comprare dell'acqua>>. <<No, sigarette>>. <<Acqua>>, dice secca una ragazza poggiando la mano sopra un passeggino vuoto. Il controviale di corso Peschiera e' vuoto e non e' colpa della citta' in ferie. Nessuno si fida a parcheggiare la' davanti. Arriva il furgone di un'associazione. Due volontari scaricano latte, pasta, mele, olio, fagioli, sardine, te, schiuma da barba. I rifugiati portano le casse su per le scale, altri li fermano. <<Da dove arriva questa roba? Chi l'ha portata? Noi non vogliamo niente. Non vogliamo la loro roba>>. Il volontario tira dritto e quelli si scansano. Se ne vanno masticando parole rabbiose. Ali' Daud scuote la testa. <<Qua dentro stiamo impazzendo>>.

9 I profughi del Darfur si ribellano agli orari decisi da Chiamparino di Diego Longhin Repubblica, 12 agosto 2009 «Perché tutti questi controlli? Questa è una prigione, ma noi non siamo detenuti». I profughi del Darfur che da più di un anno occupano abusivamente l' ex clinica San Paolo nel cuore di Torino si ribellano alle regole che il Comunee la prefettura vogliono imporre a fine agosto quando i 200 rifugiati verranno trasferiti in un' ex caserma ristrutturata. «Non vogliamo il coprifuoco, vorremmo essere liberi di uscire e di ricevere visite», dicono i primi profughi che ieri hanno visitato la struttura e hanno ricevuto la bozza di regolamento messa a punto dagli uffici dell' assessore all' Assistenza della giunta Chiamparino, Marco Borgione, e dalla prefettura. Due pagine di paletti ferrei. Si può entrare e uscire solo dalle 6 alle (salvo ragioni di lavoro), niente tv e computer dopo mezzanotte, non è permesso l' ingresso nelle camerate di amici e conoscenti, e si può cucinare solo fino alle Ma le regole non sono finite: chi vuole uscire dal centro per brevi periodi? Deve dirlo 12 ore prima. E con un' assenza non motivata superiore ai due giorni si è sbattuti fuori dalla ex caserma. Ai profughi, che dovranno fare i conti con un presidio dei militari all' ingresso, questa sistemazione non piace, preferiscono l' ex clinica occupata, dove le condizioni igieniche però sono al limite. «Il trasferimento non è in discussione - ribatte l' assessore Borgione - l' ex caserma non è un albergo e persino negli alberghi ci sono regole. E poi non si tratta di paletti nuovi, sono quelli applicati in tutti gli altri centri della città dove si ospitano profughi. Se ai rifugiati non vanno bene allora si trovino loro una sistemazione, l' ordinanza di sgombero è già stata firmata dal sindaco e la città ci ha messo un anno per individuare l' ex caserma».

10 Rifugiati, è il giorno del trasloco di Federica Cravero, Diego Longhin Repubblica, 11 settembre 2009 Sveglia alle 8, inizia stamattina il gran trasloco per i rifugiati del Corno d' Africa che da un anno vivono nell' ex clinica San Paolo di corso Peschiera. Conta, verifica dei pass, preparazione dei fardelli con gli effetti personali, poi verso le 10 partiranno i primi pullman a fare la spola verso le due destinazioni: via Asti e Settimo Torinese. In tutto, secondo il coordinamento di associazioni e centri sociali che se ne sono presi cura, sono stati distribuiti 260 pass per avere un posto letto nella caserma di via Asti, mentre altri i cosiddetti vulnerabili, donne incinta, bambini e malati - sono stati coinvolti nel programma di inserimento del centro della protezione civile di Settimo, gestito dalla Croce rossa. In tutto 360 posti, che tuttavia potrebbero non bastare, visto che negli ultimi giorni da tutta Italia sono arrivati alla spicciolata rifugiati e richiedenti asilo nella speranza di trovare a Torino una sistemazione migliore. Gli ultimi quaranta sono arrivati ancora ieri sera, quando già le operazioni di censimento erano concluse e solo oggi si vedrà se e dove potranno essere sistemati. La fama della clinica occupata tra le comunità di somali, sudanesi, etiopi ed eritrei, infatti, aveva ben presto superato i confini cittadini, così come era accaduto l' anno precedente quando un gruppo di rifugiati provenienti dal Darfur, che viveva in una fabbrica abbandonata alla periferia della città, aveva occupato l' ex palazzina della polizia municipale in via Bologna. Da allora Torino è diventata punto di riferimento in tutta la penisola, facendosi carico per prima della necessità di una soluzione nazionale per la sistemazione dignitosa dei rifugiati. Proprio per far fronte alla questione degli ultimi arrivi, ieri pomeriggio si è svolto un vertice in prefettura, a cui hanno partecipato anche gli assessori alla poli zia municipale e all' assistenza, Domenico Mangone e Marco Borgione. A questo problema, tuttavia, potrebbe aggiungersene un altro: non tutti gli stranieri che vivono adesso nella clinica occupata hanno dimostrato l' interesse a lasciarla. Orari troppo rigidi, camerate troppo grandi, senza porte e senza privacy, in via Asti: alcuni si sono detti pronti anche a sfidare la polizia pur di non andarsene dal palazzo di corso Peschiera che, pur degradato, offre maggiori libertà. Quanti saranno a voler davvero rifiutare la nuova sistemazione si vedràa fine giornatae le forze dell' ordine, in accordo con la prefettura, sceglieranno la strategia migliore per risolvere il problema. «Quello che è certo - chiosano le istituzioni - è che quello è un edificio occupato abusivamente, che va sgomberato e restituito ai legittimi proprietari». Per questo saranno murate porte e finestre e demolite tutte le strutture interne, ad iniziare dai bagni, per scongiurare una nuova occupazione. Stamattina, a vigilare sul trasferimento, è in programma anche un presidio del Comitato di solidarietà con rifugiatie migranti. Sui rischi legati al trasloco sono intervenuti anche i consiglieri comunali Monica Cerutti (Sinistra democratica), Domenico Gallo (Gruppo comunista) e Maria Teresa Silvestrini (Rifondazione): «Chiediamo che il trasferimento avvenga nel rispetto della legalità e andremo a seguire da vicino l' operazione».

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Un viaggio accessibile

Un viaggio accessibile Un viaggio accessibile Cari amici, è da tanto ce non pubblico nulla, questa sera ho riletto il racconto di un viaggio fatto con mio figlio Nicola, e in un territorio come la Romagna dove il turismo accessibile,

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Test di progresso in italiano

Test di progresso in italiano Test di progresso in italiano 1. Noi le ragazze ungheresi. A) siete B) sono C) siamo D) sei 2. Giuseppe, sono senza soldi,..? A) ha 10 euro B) hai 10 euro C) ho 10 euro D) abbiamo 10 euro 3. -Cosa oggi

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno.

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno. Lezione 7 Intervista con Maria Luisa Vassallo, lettrice del Ministero degli Affari Esteri e docente di Lingua Italiana e traduzione presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai:

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai: Unità 15 Muoversi nel territorio In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui servizi relativi al trasporto urbano parole relative all uso dei trasporti urbani ed agli strumenti

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli UNITÀ 2 Collegate la definizione alla parola corrispondente. Persone con handicap. 2 Persone senza genitori. 3 Persone che stanno in carcere. 4 Persone che hanno bisogno di aiuto. Persone che hanno dovuto

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

stampa distribuita gratuitamente

stampa distribuita gratuitamente Unità 1 Stampa rivolta a cittadini stranieri CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti sulla stampa e l informazione a conoscere alcune espressioni senza l articolo a leggere le sigle

Dettagli

GIULIANO MARRUCCI FUORI CAMPO Mentre le alte sfere sono occupate a sognare la Milano che sarà, Cesare Moreschi fa i conti con la Milano che c è.

GIULIANO MARRUCCI FUORI CAMPO Mentre le alte sfere sono occupate a sognare la Milano che sarà, Cesare Moreschi fa i conti con la Milano che c è. DAR CASA Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO La buona notizia di oggi è ambientata a Milano ma potrebbe essere ambientata ovunque. Parliamo di case, per la maggior parte dei comuni mortali

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Emergenza: Immigrazione. Bene o Male? Nicholas Gares Giuseppe Bianchi - Alessandro Romano Alessandro Gatti Debora Danesi

Emergenza: Immigrazione. Bene o Male? Nicholas Gares Giuseppe Bianchi - Alessandro Romano Alessandro Gatti Debora Danesi Emergenza: Immigrazione Bene o Male? Nicholas Gares Giuseppe Bianchi - Alessandro Romano Alessandro Gatti Debora Danesi L Italia: il Nuovo Mondo? In Dettaglio Spesso si tende a credere che gli immigrati,

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE LA CASA DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno! B- Buongiorno, signore cosa desidera? A- Cerco un appartamento. B- Da acquistare o in affitto? A- Ah, no, no in affitto. Comprare una casa è troppo impegnativo,

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli