La bagarre di via Asti Profughi: tutti contro tutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La bagarre di via Asti Profughi: tutti contro tutti"

Transcript

1 La bagarre di via Asti Profughi: tutti contro tutti di MINUCCI EMANUELA La Stampa, 4 Luglio 2009 Alla fine dovra' arrivare il Prefetto Paolo Padoin a Palazzo civico per maneggiare (ed evitare ustioni sia alla maggioranza sia all'opposizione) la patata bollente dei profughi in via Asti. A chiedere che il numero uno di piazza Castello venga a relazionare in commissione modalita' e sviluppi di un trasferimento che sta dividendo la citta' e il mondo politico (sinistra compresa, a giudicare dai personaggi che manifestavano ieri mattina di fronte all'ex caserma: intellettuali ed ex politici di quell'area) sono stati gli stessi capigruppo. Gia', perche' la tradizionale riunione del venerdi' pomeriggio ieri, a gran richiesta e' stata convocata su questo delicato trasloco che dovrebbe avvenire entro la fine di luglio. Nel tentativo di vederci tutti piu' chiaro, sono quindi stati invitati (oltre al vicesindaco Tom Dealessandri) gli assessori competenti Domenico Mangone (Vigili urbani) e Marco Borgione (Assistenza). Alla fine pero', dal momento, che spetta allo Stato, cioe' al governo la competenza su temi come questo, la seduta dei capigruppo, partita con un acceso j'accuse del centrodestra (<<sono nove mesi che non trovate una sistemazione e adesso i profughi arrivano alla Gran Madre, una delle poche zone ancora tranquille della citta'>>), si e' risolta in bagarre, dal momento che la decisione non l'ha appunto presa ne' il sindaco, ne' gli assessori competenti, ne' tanto meno il centrosinistra, ma lo stesso Prefetto. Partiamo dal fuoco di fila di accuse partite dall'opposizione: <<Nella soluzione di un problema vecchio di nove mesi, il Comune continua a navigare a vista - ha attaccato il capogruppo di An-Pdl Roberto Ravello - trasferire i profughi significa soltanto trasferire i disagi e portare nuovo degrado in un'altra zona della citta'>>. E ha incalzato: <<Di fronte alle difficolta' nell'individuare una destinazione per i rifugiati, la soluzione e' a portata di mano: Chiamparino potrebbe far sgomberare uno dei centri sociali torinesi per destinarlo ad accogliere i richiedenti asilo>>. Duro anche il capogruppo di Pdl-Forza Italia Daniele Cantore: <<Il fatto e' che si sposta solo il problema da una parte all'altra della citta' e non sara' una soluzione definitiva. I residenti della Gran Madre hanno paura perche' sicuramente verranno lasciati soli e si troveranno ad affrontare, ancora una volta, un problema piu' grande di loro. La paura e' tanta. Come e' successo in altre parti di Torino, senza controlli la criminalita' si insinuera' in una delle poche zone ancora tranquille>>. E se il capogruppo della Lega Mario Carossa, come riportato dal capogruppo del Pd Andrea Giorgis soltanto due giorni fa si lamentava del fatto che <<per la giunta il degrado va sistemato solo in periferia>> riferendosi all'albergo sociale di via Ivrea, ieri la segretaria cittadina della Lega Elena Maccanti ribadiva: <<Occorre che la nuova ubicazione sia valutata attentamente, l'obiettivo infatti non deve essere consacrare isole felici o infelici, ma garantire la sicurezza dei cittadini ed il loro diritto a vivere tranquilli>>. A questo coro di critiche la risposta piu' efficace e' stata data dal capogruppo Pd Giorgis che ha ricordato: <<Il sito e' stato individuato dalla Prefettura, si tratta di un trasloco temporaneo dal momento che fra un anno in quella caserma arriveranno gli alpini, e il Comune ha soltanto dato la propria massima disponibilita' ad organizzare un trasloco necessario e urgente. La competenza in materie come questa e' del Governo. Stupisce che i rappresentanti locali delle forze politiche che governano non riescano a farsi ascoltare da Roma>>.

2 Ecco chi sono i profughi dell'ex S. Paolo di ADEN SHEIKH MOHAMED La Stampa, 6 luglio 2009 Ahmed, appena arrivato a Torino, mi racconta: <<Sono partito dalla Somalia 5 mesi fa. Eravamo in due e volevamo seguire un percorso piu' disagevole ma meno frequentato da quelli che scappano dall'inferno di Mogadiscio. Sud della Somalia. Confine col Kenya. Si aggregano a noi 5 ragazzi, due donne. Ci avventuriamo in Sudan per arrivare in Libia. Ad un certo punto il nostro camion viene fermato e sequestrato da bande armate sudanesi. Ci fanno scendere. Ci perquisiscono, prendono tutto. Io, il mio malloppo l'ho buttato fuori appena ci hanno fermati: ero abituato alle "sbarre" per estorcere soldi dai passeggeri. In cambio del camion hanno deciso di tenersi le due ragazze somale e un sudanese. Ci siamo ribellati. Uno dei sequestratori si avvicina a uno di noi, Farah, e gli spara. Chiede: qualcun altro ha pretese? Io pensavo a come recuperare il mio piccolo tesoro, 1500 dollari, l'assicurazione della vita. Siamo partiti con l'occhio rivolto a chi e' rimasto sul terreno...>>. Molti ragazzi che occupano l'ex S. Paolo hanno passato momenti simili. A volte si vergognano. Soprattutto le ragazze. Nel deserto, hanno patito sete e fame. Lungo la strada invisibile vennero buttati quelli che non ce la facevano o erano di peso. Quando arrivano in Libia vengono dirottati in piccoli paesi, gia' concordati con faccendieri libici. Consegnati alle autorita' locali, sono soggetti alle angherie, agli umori ed ai bisogni dei poliziotti. E nel Paese del Colonnello si e' fermi, quanto a diritti umani, a due secoli fa. Si pratica ancora la compravendita delle persone, schiavi alla luce del giorno. Ti vendono ad un agricoltore per 6 mesi, e il poliziotto si prende il tuo salario. Quando e se superi tutto questo ti servono i soldi per il barcone. I somali che sono arrivati in Italia li chiamano i Titanic! Sempre a rischio affondamento. Approdati in un paese amico (credevano) si sono trovati in una situazione impossibile. Dopo interviste su interviste, viene loro concesso il titolo di rifugiati. Poi sono lasciati a se stessi. Non conoscono la lingua, non hanno agganci, restano sbigottiti: ma come? L'Italia che sapevamo non e' questa! Cosa chiedono? Una casa, una catapecchia per la residenza; imparare l'italiano, formazione per lavorare. Molte associazioni li hanno aiutati. Le istituzioni potevano far meglio e in fretta. Il quartiere si e' comportato civilmente all'inizio, poi sono prevalsi malessere e intolleranza. Che a questa filiera si aggiungano ora persone che fino a ieri erano solidali, quando si ipotizza che dall'ex clinica i rifugiati possano finire in via Asti, fa cadere le braccia. La solidarieta' di sole parole non serve, mai. Prefetto, Comune e volontari possono fare un lavoro utile, senza escludere alcuno, per risolvere un problema della citta' e della regione.

3 La Spoon river dei profughi di Andrea Punzo Repubblica, 12 agosto 2009 «Non è giusto vivere così. Questo posto è un inferno, non c' è niente che funzioni, tutto è abbandonato. Noi siamo abbandonati. Ci hanno dimenticati e ora pensano di risolvere il problema spostandoci da un' altra parte. Solo alcuni e non tutti. Chi non potrà stare nelle caserma di via Asti dove andrà? Siamo arrivati dalla Somalia come rifugiati politici, non siamo assassini o terroristi. Abbiamo lasciato il nostro paese perché là c' è una maledetta guerra civile.» Hassan aveva 19 anni quando è fuggito dalla Somalia. Fermo su una delle porte di ingresso dell' ex clinica San Paolo scruta chi entra e guarda chi esce. Oramai a quasi un anno (era il 12 ottobre 2008) dall' occupazione della palazzina di corso Peschiera 180 conosce quasi tutti quelli (circa 300) che ci abitano. Hassan è la guida dentro un labirinto su cinque piani. «Siamo tanti, troppi e tutti in difficoltà - racconta nel suo italiano traballante - vorremmo poter stare meglio. E io vorrei poter avere un lavoro. Sono mesi ormai che cerco, ma senza trovare nulla. Eppure ho tutti i documenti in regola. Non chiedo tanto, qualche soldo che mi permetta di vivere dignitosamente, di scappare via da qui». UN PENSIERO che si ripete in questa «Spoon River» dei profughi di corso Peschiera. Ecco le loro voci. Abdinasir, 18 anni (Somalia):«Sono fuggito con mia mamma e mia sorella piccola. Siamo arrivati con un barcone carico in Sicilia, poi dopo numerosi viaggi siamo arrivati fino a Torino. Ci avevano detto che in Italia la vita era più facile». Ahmed Mohamed, 22 anni (Somalia):«Più rimango dentro queste mura e meno vedo la possibilità di stare meglio. Come tutti sono arrivato con una speranza e per ora non mi rimane che aspettare che cambi davvero». Abdi Alì, 22 anni (Somalia): «Studiavo in Somalia ma lì non c' era futuro. La guerra civile ha distrutto anche le poche certezze. Sono partito perché cercavo una vita migliore. Non pensavo di trovarmi in una situazione simile: un incubo». Ahmed, 24 anni (Somalia): «Questo posto è un inferno, non riesco ancora a credere che ci abbiano lasciato in questo stato. Dove sono finite tutte le promesse che ci avevano fatto? Dicono che dobbiamo andarcene, ma dove? Siamo uominio bestie?» Cabidir, 22 anni (Somalia): «Sono scappato dal mio Paese perché non avevo alcuna possibilità di salvezza. Sono arrivato in Italia con mille aspettative e ora a distanza di un anno mi trovo senza niente in mano». Mohamed, 21 anni: «In Somalia si dice: "Il ricco è colui che vive e il povero è colui che muore, in mezzo non esiste niente". Sono partito per l' Italia sperando di poter trovare la via di mezzo che mi permettesse di vivere dignitosamente. Fino a ora non c' è stato nient' altro altro che questo posto». Isaak, 20 anni (Somalia): «Secondo voi è giusto vivere così? Non credo che nessun italiano accetterebbe anche solo un istante di abitare qua: guardate, in questa stanza minuscola viviamo in otto. Chi può ha un materasso, gli altri sono costretti a vivere sdraiati sul pavimento». Mohamed Ahmed, 24 anni (Somalia): «Proviamo a sorridere nonostante tutto, proviamo a cavarcela con un pasto al giorno e senza poterci fare la doccia, proviamo a non scoraggiarci. Ma più passa il tempoe meno riusciremo a resistere. Adesso dov' è che ci vogliono portare? In una caserma? Siamo rifugiati politici mica assassini». Ali Mohaali, 60 anni (Somalia): «Basta salire un piano di scale e guardare dentro ogni stanza per avere idea di cosa sia tutto ciò. Invece di spostarci da un' altra parte senza risolvere i problemi perché non provano ad aiutarci realmente? Io sono uno tra i più vecchi e per me non è facile». Hajii, 50 anni (Somalia): «Sono quasi tre giorni che non possiamo più cucinare niente. Non possiamo neanche muoverci con l' autobus perché non abbiamo i soldi per comprarci il biglietto e rischiamo la multa». Mohamed Siyed, 25 anni (Somalia): «Viviamo in cinque in questo spazio che non è altro che una stanza di passaggio. Dormiamo stretti su due soli materassi, chi non ha il posto deve buttarsi per terra tra i rifiuti e la sporcizia. Peggio di così non poteva andarci». Mohamed, 20 anni (Somalia): «Siamo davvero stanchi. Vorremmo soltanto sapere che ne sarà del nostro destino, vorremmo sapere chi verrà trasferito e chi no, come decideranno? Perché nessuno ce lo spiega?» Adris, 24 anni (Sudan): «Nessuno ha capito che non basta trovare un tetto e dare un pasto per

4 risolvere i problemi. Saper comunicare è importante, se nessuno qua capisce l' italiano come può pensare di cavarsela fuori?» Abdoullah, 21 anni (Sudan): «Sono scappato per cercare un lavoro. Ho lasciato tutto e sono partito. Speravo di venire qua e trovarne uno sicuro che mi permettesse di mantenere chi della mia famiglia è rimasto in Somalia».

5 La battaglia dei rifugiati: sui profughi Torino e' stata insufficiente La portavoce all'onu: emergenza nazionale e locale di ACCOSSATO MARCO La Stampa, 14 luglio 2009 Sulla questione dei rifugiati l'italia e' un Paese in continua emergenza. Dieci anni fa c'erano 33 mila domande di asilo dalle popolazioni dell'ex Jugoslavia; quest'anno le richieste sono di poco superiori a quelle del 1999 ma e' ancora emergenza-profughi. A livello nazionale mancano risorse, a livello locale quanto sta accadendo a Torino tra l'ex clinica San Paolo e l'ex caserma di via Asti dimostra che non c'e' stata una cabina di regia>>. Laura Boldrini e' portavoce italiana per i rifugiati presso l'alto commissariato dell'onu. Che cosa significa <<e' mancata una cabina di regia>>? <<Se il risultato, a un anno dall'arrivo dei rifugiati a Torino, e' quanto si legge sui giornali, e' evidente che quanto e' stato fatto e' altamente insufficiente>>. Cos'e' mancato? <<Un percorso di integrazione che si possa definire tale mette queste persone in grado di camminare con le proprie gambe. Vorrei ricordare che parliamo di uomini e donne che non hanno scelto di cercare un lavoro in altri Paesi, ma di gente che sarebbe rimasta a casa, se avesse potuto. Mi risulta che solo per una parte di loro, una trentina, e' partito un programma di integrazione>>. Integrazione difficile: da un lato un quartiere felice perche' se ne andranno, dall'altro meta' di un altro quartiere che non li vuole... <<L'errore e' creare grandi centri di accoglienza. I grandi centri alimentano sempre preoccupazione, e sentirsi sotto assedio non giova, anche perche' spesso i giornali riportano di queste vicende soltanto i toni piu' accesi. Cosi' la popolazione e' spaventata e ostile>>. Invece? <<Occorrono soluzioni a misura di persona. Serve un progetto che li collochi anche nei piccoli Comuni, in gruppi minori, dov'e' piu' facile che i profughi, da problema, diventino risorsa>>. Un esempio? <<Nella Locride, in Calabria, alcuni sindaci di cittadine quasi spopolate hanno creduto nella presenza dei rifugiati. A Riace, ad esempio: il risultato e' che alcune classi non sono state tagliate perche' la presenza di figli di rifugiati ha fatto salire i numeri degli iscritti, mentre, sempre grazie a loro, sono stati riaperti laboratori di artigianato. La Regione Calabria e' la prima, in Italia, ad aver votato una legge per l'integrazione. Una legge per cui i rifugiati non sono un peso sociale>>. Un modello esportabile a Torino? <<Assolutamente. Soprattutto nelle grandi citta' come Torino o Milano. Sa quanti sono i rifugiati in Italia?>> Quanti? <<Circa 47 mila. In Germania 580 mila, 300 mila in Inghilterra. E sa quanti sono in lista d'attesa a Torino?>>. Quanti? <<Cinquecento. Non posso credere che in una citta' da 900 mila abitanti come Torino 500 rifugiati non possano diventare una risorsa. I rifugiati non sono qui per vivere di assistenzialismo>>. Comunque c'e' timore. Ieri e' stato organizzato un consiglio di Circoscrizione aperto. <<Le mele marce ci sono ovunque, e anche questo deve essere detto. Ma la maggior parte di loro puo' davvero diventare una risorsa>>. Finora, a Torino, hanno vissuto in condizioni disumane. Che diritti hanno queste persone? <<La legge prevede che siano assistiti per almeno sei mesi. In verita' io ritengo sia un periodo troppo corto. Questo e' l'anello debole del sistema: mentre abbiamo commissioni che fanno un lavoro accurato nel concedere lo status di rifugiato, mancano poi investimenti. Capita a Torino, ma anche in altri grandi centri urbani dove queste persone, ovviamente, tendono ad andare>>.

6 Profughi tra le case chic e la sinistra va in piazza Polemiche a Torino, l'integrazione difficile di BORGHESAN LUCIANO La Stampa, 4 luglio 2009 Leghisti e sinistra uniti contro i profughi della Somalia sotto casa. Divisi solo per rinfacciarsi le responsabilita' di chi ha scelto un'ex caserma, alle pendici dell'eremo. <<Chiamparino ha indicato il sito al prefetto>>, dice il Carroccio. <<Colpa dei ministri La Russa e Maroni>> ribattono i residenti vicini al governo di centrosinistra. Oltre duecento nordafricani saranno spostati dall'ex clinica di un quartiere semiperiferico (San Paolo) in quello che fu luogo di detenzione e tortura durante il fascismo. L'area demaniale, a poche centinaia di metri dalla Gran Madre e dal Po, e' circondata da palazzine di famiglie-bene, che gia' protestano per il prolungarsi serale dell'onda della movida proveniente dai Murazzi. E, all'annuncio del possibile futuro arrivo dei rifugiati - pur temporaneo -. Nel giorno in cui la clandestinita' e' divenuta reato, si presentano con un compatto <<Non qui!>>. Per motivi diversi, ma tutti contrari. Una quarantina di abitanti, ieri, si sono <<spontaneamente>> catapultati davanti alla garitta del possibile futuro centro di accoglienza. Pochi, ma di peso. A far breccia sono le donne del Carroccio. Giuliana Gabri (gia' consigliere comunale di An, figlia dell'ex presidente degli Avvocati di Torino), a nome dell'eurodeputato Mario Borghezio, <<impegnato a Roma>>, critica gli assessori Borgione e Mangone <<che vogliono ammassare un battaglione di somali>> in una zona tranquilla: <<A San Paolo la gente non ne puo' piu'. Si vuole replicare a danno di altri cittadini? Si cerchi un posto in campagna - dice Gabri -, dove possono lavorare la terra...>>. Certo, via Asti non e' adatta, <<ma la colpa e' del governo Berlusconi, le caserme sono del ministro La Russa, quello dell'interno e' Maroni, fanno il pacchetto sicurezza e si mettono in casa i clandestini?>> chiede Renzo Ciaiolo, gia' dirigente della Lega delle Cooperative e sponsor elettorale di Chiamparino. <<Chi sono questi somali? - domanda Alberto Nigra, che fu segretario provinciale e deputato per i Ds -. Non si mettono 200 persone tutte assieme, cosi' si sposta solo il problema. Si dovrebbero indicare criteri, consultare la popolazione...>>. Da Roma parla Borghezio: <<Ho informato Maroni della giusta protesta, il ministro non conosce la realta' torinese, esaminera' il caso>>. La Lega riprende vigore: Paola Gobetti, consigliere di Cavoretto-San Salvario, esperta di questioni di immigrazione: <<Ho chiesto un consiglio straordinario>>. Un crescendo di iniziative: l'avvocato Pier Luigi Amerio (fu segretario cittadino Pli ai tempi di Zanone sindaco) ha previsto per lunedi' mattina un incontro col presidente di Circoscrizione: il pittore Paolo Pisotti, del Comitato Borgo Po, ha fissato un vertice. Scende in strada anche Giuditta Miscioscia, commissaria della Croce Rossa di Torino, proprietaria della tv locale Rete 7, nota sensitiva della <<Torino che conta>> e amica del compianto Gustavo Rol: <<Abito qui da 26 anni>>. Signore eleganti e dai toni pacati, da tutte il messaggio e': evitare l'arrivo degli immigrati. <<Ne' populismo, ne' ideologismo - protesta il residente Carlo Marletti, sociologo universitario vicino alla sinistra -. Sono sbagliati i centri di permanenza cosi' pensati, con centinaia di persone. Anche i luoghi individuati non funzionano. Qui sono stati massacrati antifascisti, ebrei. Non diventera' un museo? O il demanio vuole farci poi residenze e speculare?>>. L'intellighentia sfida Chiamparino: <<Vedremo se sapra' scegliere una terza via>>. Il sindaco prende le distanze da chi difende il proprio cortile <<e mi indigna - sentenzia - chi lo fa contro il diverso, contro il nero>>. La sinistra collinare delude anche chi ha condiviso le sue battaglie: <<Chi sono questi somali?>> replica amareggiato Aden Mohamed Sheikh, ex ministro somalo poi incarcerato da Siad Barre e, fino al 2001, consigliere comunale per i Ds a Torino: <<E' gente scappata dalla guerra, ridotta alla fame, costretta alla schiavitu', molti di loro sono morti per attraversare il deserto, sui barconi... cercavano pace, lavoro, casa, non razzismo>>. Torino razzista? <<Lo si puo' essere anche nella solidarieta': non va bene borgo San Paolo? ne' la precollina? non nel proprio orto? Sia data una soluzione umana. O e' una vergogna!>>

7 La politica non sa decidere sui 200 somali di Marco Travaglio Repubblica, 5 luglio 2009 Caro Travaglio, Borgo San Paolo - quartiere operaio e rosso ha protestato per mesi contro l' occupazione e la gestione dell' ex clinica San Paolo da parte dei "rifugiati". Oggi si cambia e la caserma di via Asti - precollina - è il posto deputato a ospitare questi profughi: abbiamo già le prime proteste veementi dei residenti. Che fare? Amedeo Principe - Torino Sono nato e abito a due passi dalla caserma di via Asti. Insomma, conosco la zona, che non è per niente popolata da ricchi, né tantomeno da razzisti. E' un quartiere-paesone, il nostro, già abituato a convivere con alte concentrazioni di cittadini stranieri o extracomunitari che prima venivano rifocillati in un' ex chiesetta poi sconsacrata, o che si assiepavano la domenica in un centro di accoglienza poco distante, e che ora si danno convegno la domenica in un tempio ortodosso. Qualcuno s' è lamentato, qualcun altro no, cose che capitano quando arriva "il diverso". Ora, si dice provvisoriamente, è la volta di questi poveri profughi della Somalia. Duecento, tutti insieme. C' è chi ha paura, chi scende in piazza, chi storce il naso, chi fa finta di essere contento. Non voglio partecipare all' elevato dibattito che s' è aperto fra le forze (anzi, le debolezze) politiche, oltretutto fuori tempo massimo rispetto alla campagna elettorale, su chi sia il responsabile (o l' irresponsabile) della scelta. Non lo so e non m' interessa. La caserma è del ministero della Difesa, retto se non sbaglio dal camerata La Russa. Gli assessori che spostano il battaglione di profughi da un quartiere all' altro, come se si trattasse di merce ingombrante e non di persone umane, sono della giunta Chiamparino, cioè di centrosinistra. L' unico pensiero che mi viene spontaneo è che in tutto questo bailamme il vero assente sia la Politica, quella con la P maiuscola, altrimenti non si continuerebbe a sfuggire ai problemi scaricandoli di qua e di là. La questione dell' immigrazione, specie se - come in questo caso - riguarda profughi in fuga da una terra dilaniata dalle guerre, è praticamente irrisolvibile. Inutile negarlo, proponendo ricette facili e scorciatoie spicciative. Manca qualcuno che, con coraggio e autorevolezza, faccia un discorso chiaro ai cittadini, avvertendoli che ciascuno di noi, pro quota, dovrà farsene carico, pagando il giusto prezzo. Posto che i duecento somali non possono essere rimandati al loro paese, cioè al massacro, ci dicano quale futuro definitivo l' amministrazione ha in mente per loro, dopodiché sarà un dovere di tutti i torinesi collaborare. Purché la smettano di spostare la gente da un quartiere all' altro, come se giocassero a Risiko.

8 Tensione alla clinica ''E' una polveriera che sta esplodendo'' L'ex San Paolo stremata dai nuovi arrivi di ROSSI ANDREA La Stampa, 21 agosto 2009 Ahmed se ne sta seduto su un materasso lercio, la schiena appoggiata al muro davanti al televisore che trasmette la partita della Roma. <<Basta, sto diventando pazzo. Non e' vivere, questo. Mi trovassero un posto su un aereo partirei domani, tornerei a casa>>. C'e' un'aria torrida, nell'ex clinica San Paolo. Stringe la gola e mozza il respiro. Caldo violento. La polvere s'alza ad ogni passo. Uomini e ragazzi a torso nudo attraversano lenti i corridoi. Da mesi, qui, fanno la coda per usare il bagno. Oggi di piu': aspettano il loro turno ammassati contro il muro, entrano, buttano la testa sotto il tubo dell'acqua e se ne vanno ciondolando. <<Fa caldo, quasi come in Africa>>. Muhammad sorride con la poca forza che gli rimane prima di gettarsi sul suo materasso, dentro uno stanzone con i nomi degli ospiti scritti sul muro. A terra ce ne sono altri nove. Nove letti in venti metri quadrati. E l'odore di piscio tronca il fiato. <<Vivere cosi' e' disumano>>, sibila Fahrat, 42 anni, che qui e' tra i piu' anziani. Quasi 350 persone stipate tra calcinacci e vetri, sei piani sul punto di esplodere. Di recente hanno colonizzato un'altra ala, quella che da' su via Revello. Nel cortile adesso hanno piazzato un divano: giocano a scacchi; un ragazzo aggiusta una bicicletta. Un tempo le scale portavano dentro gli uffici della clinica, oggi si incespica al buio per finire dentro un altro frammento d'inferno, materassi e vetri in frantumi, lattine di mais usate come bicchieri, cibi consumati a mano, acqua che non basta per tutti. Anche le nuove stanze sono sature. Non basta mai. Il rudere di corso Peschiera continua a fronteggiare nuovi arrivi. Diri, 24 anni, somalo, e' arrivato dieci giorni fa. <<Ero a Bari, un amico mi ha detto: ''Vado a Torino dove ci sono gli altri somali''. L'ho seguito>>. Diri racconta che ne arriveranno altri, <<la voce si e' sparsa>>. E forse saranno altri guai. Le prime avvisaglie sono di qualche giorno fa: una serie di risse tra i rifugiati per contendersi posti letto che mancano, segno che la tensione cresce e il ping-pong sul trasferimento in via Asti rischia di trasformare l'ex clinica in una polveriera. <<Siamo divisi>>, ad Ali' Daud bastano due parole mentre si accende una sigaretta per raccontare la frattura che corre dentro questa palazzina, tra pentoloni sparpagliati e borsoni gettati a terra. Non e' vecchi contro nuovi. La faglia e' piu' profonda, ha a che vedere con il futuro di queste trecento e piu' persone. <<La caserma ci ha divisi. C'e' chi ci vuole andare e chi si rifiuta>>. Yusuf: <<Qualunque posto pur di uscire da quest'inferno>>. Fares: <<Tutti o nessuno, altrimenti non ci muoviamo. E niente polizia: siamo profughi non carcerati>>. Il sopralluogo di qualche giorno fa in via Asti non ha smussato gli spigoli: niente cucine ma fornelli, orari da rispettare, sorveglianza, divieto di far entrare estranei. <<Troppe regole, cosi' non va>>, dicono. Contano i pochi soldi arraffati chissa' dove ed e' un'altra contesa. <<Andiamo a comprare dell'acqua>>. <<No, sigarette>>. <<Acqua>>, dice secca una ragazza poggiando la mano sopra un passeggino vuoto. Il controviale di corso Peschiera e' vuoto e non e' colpa della citta' in ferie. Nessuno si fida a parcheggiare la' davanti. Arriva il furgone di un'associazione. Due volontari scaricano latte, pasta, mele, olio, fagioli, sardine, te, schiuma da barba. I rifugiati portano le casse su per le scale, altri li fermano. <<Da dove arriva questa roba? Chi l'ha portata? Noi non vogliamo niente. Non vogliamo la loro roba>>. Il volontario tira dritto e quelli si scansano. Se ne vanno masticando parole rabbiose. Ali' Daud scuote la testa. <<Qua dentro stiamo impazzendo>>.

9 I profughi del Darfur si ribellano agli orari decisi da Chiamparino di Diego Longhin Repubblica, 12 agosto 2009 «Perché tutti questi controlli? Questa è una prigione, ma noi non siamo detenuti». I profughi del Darfur che da più di un anno occupano abusivamente l' ex clinica San Paolo nel cuore di Torino si ribellano alle regole che il Comunee la prefettura vogliono imporre a fine agosto quando i 200 rifugiati verranno trasferiti in un' ex caserma ristrutturata. «Non vogliamo il coprifuoco, vorremmo essere liberi di uscire e di ricevere visite», dicono i primi profughi che ieri hanno visitato la struttura e hanno ricevuto la bozza di regolamento messa a punto dagli uffici dell' assessore all' Assistenza della giunta Chiamparino, Marco Borgione, e dalla prefettura. Due pagine di paletti ferrei. Si può entrare e uscire solo dalle 6 alle (salvo ragioni di lavoro), niente tv e computer dopo mezzanotte, non è permesso l' ingresso nelle camerate di amici e conoscenti, e si può cucinare solo fino alle Ma le regole non sono finite: chi vuole uscire dal centro per brevi periodi? Deve dirlo 12 ore prima. E con un' assenza non motivata superiore ai due giorni si è sbattuti fuori dalla ex caserma. Ai profughi, che dovranno fare i conti con un presidio dei militari all' ingresso, questa sistemazione non piace, preferiscono l' ex clinica occupata, dove le condizioni igieniche però sono al limite. «Il trasferimento non è in discussione - ribatte l' assessore Borgione - l' ex caserma non è un albergo e persino negli alberghi ci sono regole. E poi non si tratta di paletti nuovi, sono quelli applicati in tutti gli altri centri della città dove si ospitano profughi. Se ai rifugiati non vanno bene allora si trovino loro una sistemazione, l' ordinanza di sgombero è già stata firmata dal sindaco e la città ci ha messo un anno per individuare l' ex caserma».

10 Rifugiati, è il giorno del trasloco di Federica Cravero, Diego Longhin Repubblica, 11 settembre 2009 Sveglia alle 8, inizia stamattina il gran trasloco per i rifugiati del Corno d' Africa che da un anno vivono nell' ex clinica San Paolo di corso Peschiera. Conta, verifica dei pass, preparazione dei fardelli con gli effetti personali, poi verso le 10 partiranno i primi pullman a fare la spola verso le due destinazioni: via Asti e Settimo Torinese. In tutto, secondo il coordinamento di associazioni e centri sociali che se ne sono presi cura, sono stati distribuiti 260 pass per avere un posto letto nella caserma di via Asti, mentre altri i cosiddetti vulnerabili, donne incinta, bambini e malati - sono stati coinvolti nel programma di inserimento del centro della protezione civile di Settimo, gestito dalla Croce rossa. In tutto 360 posti, che tuttavia potrebbero non bastare, visto che negli ultimi giorni da tutta Italia sono arrivati alla spicciolata rifugiati e richiedenti asilo nella speranza di trovare a Torino una sistemazione migliore. Gli ultimi quaranta sono arrivati ancora ieri sera, quando già le operazioni di censimento erano concluse e solo oggi si vedrà se e dove potranno essere sistemati. La fama della clinica occupata tra le comunità di somali, sudanesi, etiopi ed eritrei, infatti, aveva ben presto superato i confini cittadini, così come era accaduto l' anno precedente quando un gruppo di rifugiati provenienti dal Darfur, che viveva in una fabbrica abbandonata alla periferia della città, aveva occupato l' ex palazzina della polizia municipale in via Bologna. Da allora Torino è diventata punto di riferimento in tutta la penisola, facendosi carico per prima della necessità di una soluzione nazionale per la sistemazione dignitosa dei rifugiati. Proprio per far fronte alla questione degli ultimi arrivi, ieri pomeriggio si è svolto un vertice in prefettura, a cui hanno partecipato anche gli assessori alla poli zia municipale e all' assistenza, Domenico Mangone e Marco Borgione. A questo problema, tuttavia, potrebbe aggiungersene un altro: non tutti gli stranieri che vivono adesso nella clinica occupata hanno dimostrato l' interesse a lasciarla. Orari troppo rigidi, camerate troppo grandi, senza porte e senza privacy, in via Asti: alcuni si sono detti pronti anche a sfidare la polizia pur di non andarsene dal palazzo di corso Peschiera che, pur degradato, offre maggiori libertà. Quanti saranno a voler davvero rifiutare la nuova sistemazione si vedràa fine giornatae le forze dell' ordine, in accordo con la prefettura, sceglieranno la strategia migliore per risolvere il problema. «Quello che è certo - chiosano le istituzioni - è che quello è un edificio occupato abusivamente, che va sgomberato e restituito ai legittimi proprietari». Per questo saranno murate porte e finestre e demolite tutte le strutture interne, ad iniziare dai bagni, per scongiurare una nuova occupazione. Stamattina, a vigilare sul trasferimento, è in programma anche un presidio del Comitato di solidarietà con rifugiatie migranti. Sui rischi legati al trasloco sono intervenuti anche i consiglieri comunali Monica Cerutti (Sinistra democratica), Domenico Gallo (Gruppo comunista) e Maria Teresa Silvestrini (Rifondazione): «Chiediamo che il trasferimento avvenga nel rispetto della legalità e andremo a seguire da vicino l' operazione».

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni 1) Emergenza rifugiati dalla Libia. Ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni di Matteo Colombo http://www.campusmultimedia.net/2013/03/27/emergenza-rifugiati-dalla-libia-ecco-cosa-non-hafunzionato-in-questi-due-anni/

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Federico Platania Il primo sangue Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel. 0544 401290 - fax 0544 1390153 www.fernandel.it fernandel@fernandel.it ISBN: 978-88-87433-89-0 Copertina di Riccardo Grandi

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE:

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: 1. dove sei? Sono Milano 2. Dove abiti? Abito Italia. 3. Come vai all'università? Vado bicicletta. 4. Vieni

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Lezione 11. Coordinatrice didattica: Paola Baccin. Collaborazione: Sandra Gazzoni

Lezione 11. Coordinatrice didattica: Paola Baccin. Collaborazione: Sandra Gazzoni Lezione 11 Coordinatrice didattica: Paola Baccin Collaborazione: Sandra Gazzoni ALCUNI VERBI ALL INDICATIVO PRESENTE: RIPASSO Il contrario di accendere (la luce, una candela, il computer, la televisione)

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE

SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE COMUNICATO STAMPA SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE Roma, 11 gennaio Il 26 maggio prossimo i cittadini bolognesi saranno chiamati al voto per un referendum

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno.

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno. Lezione 7 Intervista con Maria Luisa Vassallo, lettrice del Ministero degli Affari Esteri e docente di Lingua Italiana e traduzione presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

L altra voce di Lampedusa

L altra voce di Lampedusa L altra voce di Lampedusa di Sofia Crosta, Andrea Forcada, Anastasia-Areti Gavrili Lampedusa, 2011. Le strade sembrano essere fatte di persone, invece che di cemento. E noi siamo da soli! È un emergenza,

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

1. Diversi Mezzi di Trasporto

1. Diversi Mezzi di Trasporto 1. Diversi Mezzi di Trasporto Introduzione Oggi vorrei parlare del traffico e dei mezzi di trasporto: si può p.es. viaggiare in macchina, in treno, in aereo e in pullman. Chi vuole fare un viaggio turistico

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

MANAGE AL CONFINE. Copertina

MANAGE AL CONFINE. Copertina Copertina MANAGE AL CONFINE Carlotta Sami, classe 1970, da gennaio 2014 è portavoce per il Sud Europa dell Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. In precedenza è stata direttrice generale

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Bombardamenti a Brindisi

Bombardamenti a Brindisi BRINDISINI LA MIA GENTE Bombardamenti a Brindisi Giovanni Membola Via Cittadella, e al fondo Via Santa Aloy, all alba del 8 novembre 1941 Cosimo Guercia Le abitazioni bombardate Roberto Guadalupi Bombardamenti

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Esame scritto per passare al secondo livello (Unita 1-4) ( 1-4)

Esame scritto per passare al secondo livello (Unita 1-4) ( 1-4) Esame scritto per passare al secondo livello (Unita 1-4) ( 1-4) ompilate le prime tre righe e aspettate le istruzioni dell insegnante Nome Cognome Classe Punti (Totale ) Percentuale Promosso/respinto (Per

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO LE AVVENTURE DI PINOCCHIO Esercizi UNITà IV www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 La storia di Pinocchio col Grillo-Parlante, dove si vede come i ragazzi cattivi hanno a noia di sentirsi correggere

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi)

L arte del caffè. un caffè con gli amici per rilassarci e passare il tempo a chiacchierare e con il rituale del caffè il tempo (dilatarsi) Test di controllo (Unità 6-10) Hai fatto progressi? Controlla. Ogni esercizio ripete uno o più argomenti grammaticali, se raggiungi più della metà del totale: BRAVO! In caso contrario ripeti l'argomento

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2/3 UNIT (COMMON) LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2/3 UNIT (COMMON) LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2/3 UNIT (COMMON) LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 MARTA MARIO Abbiamo un bel lago. Se sabato il tempo è buono ne dovremmo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1 Inserisci il tuo nome- Your Name: E-Mail: Data : Puoi dare questa pagina al tuo insegnante per la valutazione del livello raggiunto Select correct answer and give these pages to your teacher. Adesso scegli

Dettagli

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO 1 Argomento FASE STORICA 1 FASE : La prima colonia marina di Ostia nacque nel 1916, su progetto dell'architetto

Dettagli

GIULIANO MARRUCCI FUORI CAMPO Mentre le alte sfere sono occupate a sognare la Milano che sarà, Cesare Moreschi fa i conti con la Milano che c è.

GIULIANO MARRUCCI FUORI CAMPO Mentre le alte sfere sono occupate a sognare la Milano che sarà, Cesare Moreschi fa i conti con la Milano che c è. DAR CASA Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO La buona notizia di oggi è ambientata a Milano ma potrebbe essere ambientata ovunque. Parliamo di case, per la maggior parte dei comuni mortali

Dettagli

GIACOMO BRUNO IL METODO 3-CLIENTI

GIACOMO BRUNO IL METODO 3-CLIENTI GIACOMO BRUNO IL METODO 3-CLIENTI Come Crearsi dei Guadagni Esponenziali sin dal Primo Mese con un Metodo Semplice e Duplicabile 2 Titolo IL METODO 3-CLIENTI Autore Giacomo Bruno Questo libro è gratuito

Dettagli