REV motive power transmission. addendum delphi Ex

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REV motive power transmission. addendum delphi Ex"

Transcript

1 REV motive power transmission addendum delphi Ex

2 II 3G Ex na IIB T4 Gc (gas) II 3D Ex tc IIIB T125 C Dc (polveri) (-15 C Ta +40 C) Riferimenti normativi: Norm a (ult. ediz.) titolo Dir.2014/34/UE EN EN EN Apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfere esplosive Apparecchiature con modo di protezione mediante custodie "t" destinati ad essere utilizzati in presenza di polveri combustibili Costruzioni elettriche destinate ad essere utilizzate in presenza di polveri combustibili - Parte 0: Prescrizioni generali Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas - Parte 15: Costruzione, prove e marcatura delle costruzioni elettriche avente modo di protezione "n" Campo di applicazione Il gestore dell impianto/datore di lavoro è responsabile per la suddivisione delle zone (direttiva 1999/92/CE). Egli deve attenersi alle norme EN ed EN (per quanto applicabili) nell effettuare la scelta del motore idoneo. I motori Motive serie delphi Ex sono progettati per la zona 22 (II 3 D T125 C) e/o zona 2 (II 3 G T135 C) e per il campo di tensione e di frequenza A previsto dalla norma EN parte 1 Cap Per l utilizzo in aree con pericolo di esplosione, è necessario verificare che la custodia del motore sia idonea alla classificazione della zona ed alle caratteristiche d infiammabilità delle sostanze presenti nell area. I requisiti essenziali di sicurezza contro il rischio di esplosione nelle aree classificate, so-no sanciti dalle direttive europee 94/9/CE del 23 marzo 1994 (inerenti le apparecchiature) e 1999/92/CE del 16 dicembre 1999 (inerenti gli impianti). I criteri per la classificazione delle aree con rischio di esplosione sono dettati dalla norma-tiva europea EN I criteri inerenti le protezioni contro il rischio di esplosione dovuto a gas, vapori o nebbie infiammabili sono dettati dalla Norma Europea EN I criteri inerenti le protezioni contro il rischio di esplosione dovuto a polveri infiammabili e conduttrici, sono dettati dalla Norma Europea EN ed EN I requisiti tecnici degli impianti elettrici nelle aree classificate sono dettati dalla normativa europea EN Dichiarazione di conformità La dichiarazione di conformità incorporata in questo addendum è il documento che attesta la conformità del prodotto alla Direttiva 94/9/CE. La validità di tale certificato sussiste solo se vengono rispettate le istruzioni specificate nel manuale di uso e manutenzione allegato al prodotto, insieme alle istruzioni aggiuntive riportate in questo addendum. Ulteriori istruzioni per la messa in funzione, l uso e la manutenzione Le persone addette all impiego dei motori negli ambienti a rischio di esplosione devono essere istruite sulla corretta procedura d impiego del motore, nel rispetto delle norme generali di sicurezza e di messa in funzione. I motori devono essere protetti contro il surriscaldamento con appositi dispositivi di controllo scelti in base alle specifiche condizioni di esercizio secondo le norme EN ed EN Al fine di agevolare tale controllo, tutti i motori delphi Ex per zona 2, e comunque tutti i motori Motive dalla grandezza 160 alla grandezza 400, montano di serie 3 termistori PTC C da connettersi ad un idoneo dispositivo di sgancio. E vietato aprire il motore per il collegamento dei cavi elettrici o eseguire altri interventi in presenza di atmosfera esplosiva. Prima di ogni apertura, scollegare il motore dalla rete elettrica e assicurarlo contro una riaccensione accidentale. L eventuale deposito di polvere non deve superare i 5mm di spessore.

3 Motori autofrenanti Il motore auto frenante ATDC, AT24 e/o ATTD è impiegabile in ambiente potenzialmente esplosivo gruppo II, in zona 2/22 solo se usato come freno di stazionamento - e nella classe di temperatura T4. Uso di inverter I motori Delphi-Ex che vengono comandati tramite variatore elettronico di frequenza (inverter) devono essere forniti con i termistori PTC per salvaguardarli dal surriscaldamento che potrebbe generare un uso improprio. I motori Delphi-Ex II 3G Ex na T4 (gas) prevedono i termistori PTC di serie. Idem per i 3GDc. Per i II 3D Ex tda22 IP65 T125 C (polveri), essi devono essere richiesti nell ordine. Detti termistori hanno i due terminali per il collegamento situati all'interno della scatola morsettiera principale. Quando vengono impiegati motori Ex d con gli inverter, oltre ai criteri generali di selezione, vanno tenuti in considerazione i seguenti elementi: I motori alimentati a mezzo inverter hanno la tensione (o la corrente) non puramente sinusoidale. Ciò determina un incremento delle perdite, delle vibrazioni, la rumorosità ed un diverso equilibrio termico del motore. Una corretta messa a terra del motore e della macchina comandata è molto importante per evitare tensioni e correnti parassite nei cuscinetti. I motori con potenza da 110kW, devono essere equipaggiati con cuscinetto isolato. L accoppiamento con la macchina deve essere isolato

4 Caratteristiche peculiari motori delphi Ex categoria 3 zona 22 e zona 2 Manuale d uso allegato al prodotto connettori protetti contro la corrosione, l allentamento e la rotazione Elevata resistenza all urto Guarnizione ammortizzante Protezione IP65 Pressacavo e tappo certificati II 2GD Copriventola IP20 su lato ingresso aria e IP10 su uscita Esclusione della polvere e acqua IP55 Predisposizione per la connessione di messa a terra sia all interno della cassetta connessioni che all esterno Ventola conduttiva nei casi richiesti Temp superficiale <125 C (zona 22) Bassa percentuale di magnesio * Marchio del costruttore Temperatura interna <135 C controllata da 3 termistori PTC di serie (zona 2) Protezione contro le esplosioni Denominazione del tipo Indice di protezione (IP65 per polveri) Anno e mese di costruzione. Numero di serie

5 Delphi-Ex Classification For GAS G (zone 2) II 3 G Ex na IIB T4 Gc Marcatura CE marchio distintivo comunitario ATEX Industrie di superficie per luoghi in cui non è probabile la formazione di un atmosfera esplosiva consistente in una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapore o nebbia e, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata (zona 2); Gas Protezione dall esplosione: Internazionale apparecchiatura costruita per ridurre al minimo il rischio di archi o scintille in grado di originare un pericolo di accensione durante il funzionamento normale for instance, for Ethylene. Equipment marked as suitable for Group IIB is also suitable for IIA apparecchiatura con temperatura massima superficiale135 C equivalente alla categoria 3G For DUST D (zone 22) II 3 D Ex tc IIIB T125 C Dc CE marking marchio distintivo comunitario ATEX Industrie di superficie Luoghi in cui non è probabile la formazione di atmosfere esplosive causate da miscele aria/polvere e, qualora si verifichi, lo sia solo raramente e per brevi periodi (zona 22) Polveri Protezione dall esplosione: Internazionale Protezione tramite custodia Per polveri non conduttive come farina, segatura e plastic apparecchiatura con temperatura massima superficiale125 C equivalente alla categoria 3D

6

7

8 TUTTI I DATI SONO STATI REDATTI E CONTROLLATI CON LA MASSIMA CURA. NON CI ASSUMIAMO COMUNQUE NESSUNA RESPONSABILITÀ PER EVENTUALI ERRORI OD OMISSIONI. MOTIVE srl PUÒ A SUO INSINDACABILE GIUDIZIO CAMBIARE IN QUALSIASI MOMENTO LE CARATTERISTICHE DEI PRODOTTI VENDUTI. IL PRESENTE DOCUMENTO E PARTE INTEGRANTE DEL MANUALE TECNICO GENERALE, E DEVE ESSERE OBBLIGATORIAMENTE CONSIDERATO INSIEME MADE IN ITALY Motive srl Tel: Fax:

La certificazione ATEX. Nota informativa

La certificazione ATEX. Nota informativa La certificazione ATEX Nota informativa PRINCIPI DI SICUREZZA Gli impianti dove vengono lavorate e depositate sostanze infiammabili devono essere progettati, eserciti e mantenuti in modo da ridurre al

Dettagli

ATEX 94/9/CE in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive

ATEX 94/9/CE in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive ATEX 94/9/CE in materia di prodotti destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive Direttiva 94/9/ CE A partire dal 30/06/2003 i prodotti immessi sul mercato, o messi in servizio,

Dettagli

ATEX CERTIFICATI DI CONFORMITA

ATEX CERTIFICATI DI CONFORMITA ATEX CERTIFICATI DI CONFORMITA 1999/9/CE 014/34/UE 1999/9/CE Luoghi con pericolo di esplosione, classificazione aree, misura di prevenzione e protezione contro le esplosioni. Valutazione a carico di chi

Dettagli

Pierluca Bruna Marketing Sicurezza Macchine e Atex Schneider Electric Membro CEI CT 44 e UNI TC 114

Pierluca Bruna Marketing Sicurezza Macchine e Atex Schneider Electric Membro CEI CT 44 e UNI TC 114 Pierluca Bruna Marketing Sicurezza Macchine e Atex Schneider Electric Membro CEI CT 44 e UNI TC 114 La Direttiva ATEX 99/92/CE tutela la sicurezza e la salute dei lavoratori che possono essere esposti

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEN Pag. 1/6 Motori asincroni SERIE LEN 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di polveri combustibili anche elettricamente conduttrici.

Dettagli

Direttiva di Prodotto - 94/9 CE

Direttiva di Prodotto - 94/9 CE Direttiva di Prodotto - 94/9 CE D.P.R. n 126 28 marzo 1998 Regolamento in materia di apparecchi e sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive Atmosfere Esplosive.

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX Pag. 1/7 Motori asincroni SERIE LEX 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di: gas, vapori, nebbie infiammabili (II 3G) polveri

Dettagli

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore in inox E7354A

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore in inox E7354A Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore in inox E7354A 7390937/00 07/2012 Indicazioni per l impiego sicuro in zone potenzialmente esplosive Uso conforme Impiego in zone potenzialmente esplosive ai sensi

Dettagli

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE

Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione 5 INDICE Capitolo 1 - La direttiva 99/92/CE (DLgs 81/08, Titolo XI) 11 1.1 Introduzione 11 1.2 Ambito di applicazione 11 1.3 Obblighi generali di

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA

ISTRUZIONI DI SICUREZZA ISTRUZIONI DI SICUREZZA SN/INOX/ATX/14U ISTRUZIONI DI SICUREZZA N : SN/INOX/ATX/14U ARMADI serie A2R e A3R CASSETTE serie CS3R ALDEGANI ANGELO e FIGLI s.r.l. Via Dell'Artigianato, 1 24068 SERIATE (BG)

Dettagli

MANUALE D USO versione 2.0

MANUALE D USO versione 2.0 MINI CHIC LED White Proiettore LED IP67 calpestabile MANUALE D USO versione 2.0 Questo manuale è da considerarsi parte integrante del proiettore. PRIMA DI CONNETTERE E METTERE IN FUNZIONE IL PROIETTORE,

Dettagli

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A

Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A Istruzioni per l'uso ATEX Ripartitore per cavo piatto E7377A IT 7390938/00 07/2012 Indicazioni per l impiego sicuro in zone potenzialmente esplosive Uso conforme Impiego in zone potenzialmente esplosive

Dettagli

Giunti di Trasmissione TRASCO ATEX

Giunti di Trasmissione TRASCO ATEX Giunti di Trasmissione TRASCO ATEX ALLEGATO ATEX GRM-CERT-EX-IT SIT S.p.A. Viale A. Volta, 2-20090 Cusago (MI) - Italy Tel. +39.02891441 Fax +39.0289144291 - info@sitspa.it www.sitspa.it Allegato ATEX

Dettagli

Manuale d istruzioni per uso Alimentatore di rete a sicurezza intrinseca

Manuale d istruzioni per uso Alimentatore di rete a sicurezza intrinseca KERN & Sohn GmbH Ziegelei 1 D-72336 Balingen E-mail: info@kern-sohn.com Telefon: +49-[0]7433-9933-0 Fax: +49-[0]7433-9933-149 Internet: www.kern-sohn.com Manuale d istruzioni per uso Alimentatore di rete

Dettagli

Giunti di Trasmissione SITEX ATEX

Giunti di Trasmissione SITEX ATEX Giunti di Trasmissione SITEX ATEX ALLEGATO ATEX GD-CERT-EX-IT SIT S.p.A. Viale A. Volta, 2-20090 Cusago (MI) - Italy Tel. +39.02891441 Fax +39.0289144291 - info@sitspa.it www.sitspa.it Allegato ATEX Questo

Dettagli

Armatura di segnalazione ostacoli serie XLFE-4

Armatura di segnalazione ostacoli serie XLFE-4 SCHEDA TECNICA NUOVO PRODOTTO Rev. 0 10/2011 Armatura di segnalazione ostacoli serie XLFE-4 1 - Scheda Tecnica Prodotto - Armatura di segnalazione ostacoli XLFE-4 MARCATURA 1. Il simbolo CE significa "Conformité

Dettagli

Proiettore SLFE- 40. Scheda Tecnica Nuovo Prodotto. Scheda N : 0002/2008 rev.01 del 27/02/2009. Nuovo prodotto: Marcatura

Proiettore SLFE- 40. Scheda Tecnica Nuovo Prodotto. Scheda N : 0002/2008 rev.01 del 27/02/2009. Nuovo prodotto: Marcatura Pag. 1 di 5 Scheda N : 0002/2008 rev.01 del 27/02/2009 Nuovo prodotto: Proiettore SLFE- 40 Marcatura CE 0722: II 2 GD Ex de IIB Ex td A21 IP66 T2/T3 T148 C T221 C Ta -25 C +55 C 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Dettagli

MANUALE D USO versione 1.0

MANUALE D USO versione 1.0 MINI SUB LED rgb Cambia colori LED IP68 MANUALE D USO versione 1.0 Questo manuale è da considerarsi parte integrante del proiettore. PRIMA DI CONNETTERE E METTERE IN FUNZIONE IL PROIETTORE, E IMPORTANTE

Dettagli

ELENCO NOMRATIVE VIGENTI SULLA DIRETTIVA ATEX

ELENCO NOMRATIVE VIGENTI SULLA DIRETTIVA ATEX PUBBLICAZIONE IDENTIFICATIVO ITALIA TITOLO NOTE 12/06/2003 d. lgs. N. 233 23/03/1998 D.P.R. N. 126 Direttiva 94/9/CE Attuazione della direttiva 1999/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento

Dettagli

Prevenzione e Sicurezza - Rischio Atex in ambiente di lavoro Lista di controllo per la verifica dell applicazione del Titolo XI del D.Lgs.

Prevenzione e Sicurezza - Rischio Atex in ambiente di lavoro Lista di controllo per la verifica dell applicazione del Titolo XI del D.Lgs. Prevenzione e Sicurezza - Rischio Atex in ambiente di lavoro Lista di controllo per la verifica dell applicazione del Titolo XI del D.Lgs. 81/08 data operatore/i Ragione Sociale, Indirizzo, timbro dell

Dettagli

DPR 462/01. Pasquale Fattore ATEX DAY Bologna, 23 ottobre 2014

DPR 462/01. Pasquale Fattore ATEX DAY Bologna, 23 ottobre 2014 DPR 462/01 Pasquale Fattore ATEX DAY Bologna, 23 ottobre 2014 DPR 462 del 22 Ottobre 2001 Il decreto 462/01 DPR 462 del 22 Ottobre 2001 Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia d

Dettagli

MANUALE D USO versione 2.0

MANUALE D USO versione 2.0 MINI CEILING LED white Faretto LED IP40 da incasso MANUALE D USO versione 2.0 Questo manuale è da considerarsi parte integrante del proiettore. PRIMA DI CONNETTERE E METTERE IN FUNZIONE IL PROIETTORE,

Dettagli

Motori Elettrici Asincroni Trifasi

Motori Elettrici Asincroni Trifasi Motori Elettrici Asincroni Trifasi Norme UNEL-MEC Nuova Efficienza IE1 Costruzione chiusa Ventilazione esterna Rotore a gabbia Protezione IP55 Isolamento classe F Idonei per utilizzo con inverter Serie

Dettagli

Tiger-Vac International Inc.

Tiger-Vac International Inc. Tiger-Vac International Inc. Corporate Overview, Product Line and Technologies 23/10/2014 Destinazione d uso delle strumentazioni antideflagranti e recupero delle polveri combustibili/metalliche Who is

Dettagli

Zone a rischio di esplosione e incendio: le falegnamerie

Zone a rischio di esplosione e incendio: le falegnamerie Dicembre 2016 Zone a rischio di esplosione e incendio: le falegnamerie Le falegnamerie sono impianti di lavorazione del legno, solitamente rappresentati da capannoni industriali, nei quali una serie di

Dettagli

ATEX 2014/34/UE. ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell'unione europea:

ATEX 2014/34/UE. ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell'unione europea: ATEX 2014/34/UE ATEX è il nome convenzionale che raggruppa due direttive dell'unione europea: la 2014/34/UE per la regolamentazione di apparecchiature destinate all'impiego in zone a rischio di esplosione;

Dettagli

Atex. Leggi e norme di riferimento. Legenda dei simboli II =

Atex. Leggi e norme di riferimento. Legenda dei simboli II = Serie 119 Leggi e norme di riferimento Direttiva TEX 94/9/CE pparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva. linee guida TEX 94/9/CE Guida all'applicazione

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA

ISTRUZIONI DI SICUREZZA ISTRUZIONI DI SICUREZZA N : SN/INOX/ATX/12U ARMADI MODULARI serie AM CASSETTE serie CS CASSETTE serie CSP SCATOLE serie PX ALDEGANI ANGELO e FIGLI s.r.l. Via Dell'Artigianato, 1 24068 SERIATE (BG) Tel.

Dettagli

LA CONFORMITA ALLE DIRETTIVE TECNICHE COMUNITARIE

LA CONFORMITA ALLE DIRETTIVE TECNICHE COMUNITARIE LA CONFORMITA ALLE DIRETTIVE TECNICHE COMUNITARIE ALCUNE DIRETTIVE TECNICHE PORTANO ALL APPOSIZIONE DEL MARCHIO CE (CONFORMITA EUROPEA ) PRIMA DI APPORRE IL MARCHIO CE IL FABBRICANTE O PRODUTTORE O IMPORTATORE

Dettagli

I ventilatori della serie HDT/HDB sono fabbricati nel rispetto di rigorose norme e procedure di produzione e controllo della qualità come la ISO 9001.

I ventilatori della serie HDT/HDB sono fabbricati nel rispetto di rigorose norme e procedure di produzione e controllo della qualità come la ISO 9001. Serie HDT / HDB Ventiladores Helicoidales Axial Fans Ventilateurs Helicoïdes Axial-Ventilatoren Ventilatori elicoidali Exaustores elicoidais Axiaal ventilatoren Instrucciones de uso e instalación. / Instructions

Dettagli

Giunti di Trasmissione METALDRIVE

Giunti di Trasmissione METALDRIVE Giunti di Trasmissione METALDRIVE ALLEGATO ATEX GMD-CERT-EX-IT SIT S.p.A. Viale A. Volta, 2-20090 Cusago (MI) - Italy Tel. +39.02891441 Fax +39.0289144291 - info@sitspa.it www.sitspa.it Allegato ATEX Questo

Dettagli

Istruzioni per l'installazione ATEX dei Sensori Micro Motion CMF400 con Amplificatore

Istruzioni per l'installazione ATEX dei Sensori Micro Motion CMF400 con Amplificatore Istruzioni per l Installazione P/N MMI-20010157, Rev. A Giugno 2007 Istruzioni per l'installazione ATEX dei Sensori Micro Motion CMF400 con Amplificatore Per installazioni del sensore approvato ATEX Nota:

Dettagli

Supplemento al Manuale d istruzione, messa in servizio, uso e manutenzione

Supplemento al Manuale d istruzione, messa in servizio, uso e manutenzione Supplemento al Manuale d istruzione, messa in servizio, uso e manutenzione Prescrizioni particolari per l installazione e l uso in ambienti potenzialmente esplosivi con presenza di gas o polveri combustibili

Dettagli

Serie COMPACT tubolare TCBB / TCBT girante con pale in alluminio

Serie COMPACT tubolare TCBB / TCBT girante con pale in alluminio ESTRATTORI ELICOIDALI TUBOLARI Serie COMPACT tubolare TCBB / TCBT girante con pale in alluminio 0 018238 006060 A P P L I C A Z I O N I Industria Magazzini Officine Locali commerciali Su richiesta versioni

Dettagli

UNI Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari

UNI Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari UNI 1443.05 Relatore: Collini Gianluca Vice presidente Consulente Impianti Fumari 1 I RIFERIMENTI Le novità introdotte dalla norma europea UNI EN 1443 Giugno 05 Edizione europea marzo 2003 2 REQUISITI

Dettagli

D. Lgs. 81/08 Titolo XI

D. Lgs. 81/08 Titolo XI D. Lgs. 81/08 Titolo XI PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Il presente titolo prescrive le misure per la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori esposti al rischio di Atmosfere Esplosive. Tecnico

Dettagli

SLEE. - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +55 C - Elevato grado di protezione IP67 - Esecuzione IIB + H2 (idrogeno) - Zona 1, 2, 21, 22

SLEE. - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +55 C - Elevato grado di protezione IP67 - Esecuzione IIB + H2 (idrogeno) - Zona 1, 2, 21, 22 SLEE - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +55 C - Elevato grado di protezione IP67 - Esecuzione IIB + H2 (idrogeno) - Zona 1, 2, 21, 22 Staffa di fiss aggio Cerniere per aper tura vano portalampa

Dettagli

Serie COMPACT tubolare TCBB / TCBT girante con pale in alluminio

Serie COMPACT tubolare TCBB / TCBT girante con pale in alluminio ESTRATTORI ELICOIDALI TUBOLARI Serie COMPACT tubolare TCBB / TCBT girante con pale in alluminio Resistenza alla corrosione L insieme metallico, camicia e supporto, è protetto contro la corrosione con un

Dettagli

Classificazione delle aree

Classificazione delle aree Classificazione delle aree con pericolo di esplosione Ing. Maurizio Toninelli Classificazione delle aree Metodo di analisi e di suddivisione convenzionale dei luoghi in ZONE PERICOLOSE e ZONE NON PERICOLOSE

Dettagli

NORME CEI ARMONIZZATE RECEPIMENTO DELLE NORMATIVE EN

NORME CEI ARMONIZZATE RECEPIMENTO DELLE NORMATIVE EN RISCHIO ESPLOSIONE Convegno ATEX 3. Recepimento Normative EN 1 Mantova 2 Aprile 2008 NORME CEI ARMONIZZATE RECEPIMENTO DELLE NORMATIVE EN Valdisolo Paolo - ASL Mantova D.Lgs. 233/03 Art. 88-octies. Aree

Dettagli

Serie COMPACT HCFB / HCFT girante con pale in materiale plastico

Serie COMPACT HCFB / HCFT girante con pale in materiale plastico Ventilatori elicoidali da parete COMPACT DA PARETE VENTILATORI ELICOIDALI DA PARETE Serie COMPACT HCFB / HCFT girante con pale in materiale plastico 0 017538 006060 Prestazioni elevate Resistenza alla

Dettagli

TIGER. - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +60 C - Veloce nella manutenzione - Semplice nel cablaggio - Zona 2, 22.

TIGER. - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +60 C - Veloce nella manutenzione - Semplice nel cablaggio - Zona 2, 22. TIGER - Adatto alle basse -50 C e alle alte temperature +60 C - Veloce nella manutenzione - Semplice nel cablaggio - Zona 2, 22 Vetro temperato resistente agli urti Clips in alluminio resistenti alla corrosione

Dettagli

NEWS 37. Prodotti classificati per atmosfera potenzialmente esplosiva (Direttiva 94/9/CE - ATEX)

NEWS 37. Prodotti classificati per atmosfera potenzialmente esplosiva (Direttiva 94/9/CE - ATEX) NEWS 37 Componenti per l'automazione pneumatica Prodotti classificati per atmosfera potenzialmente esplosiva (Direttiva 94/9/CE - ATEX) www.pneumaxspa.com DIRETTIVA 94/9/CE - ATEX (Atmosphères Explosibles)

Dettagli

Formazione lavoratori art. 37 D. Lgs. 81/08 accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Rischio elettrico

Formazione lavoratori art. 37 D. Lgs. 81/08 accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Rischio elettrico Formazione lavoratori art. 37 D. Lgs. 81/08 accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Rischio elettrico SICUREZZA ELETTRICA Dal punto di vista infortunistico, e dunque delle conseguenze derivanti da incidenti

Dettagli

Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione

Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione Le direttive ATEX Il controllo delle atmosfere esplosive tramite inertizzazione ATS della Città Metropolitana di Milano SC PSAL SS Sicurezza Elettrica dott. Mauro Baldissin Tecnico della prevenzione 17.05.2016

Dettagli

1 Collegamento elettrico

1 Collegamento elettrico Queste informazioni aggiuntive non sostituiscono le istruzioni di servizio dettagliate! L apparecchiatura può essere installata solamente da personale tecnico qualificato in ottemperanza alle norme di

Dettagli

RLFE. Ex de. - Veloci e semplici nella manutenzione - Adatta per lampade a scarica fino a 400W - Robuste e sicure nel tempo - Zona 1, 2, 21, 22

RLFE. Ex de. - Veloci e semplici nella manutenzione - Adatta per lampade a scarica fino a 400W - Robuste e sicure nel tempo - Zona 1, 2, 21, 22 Staffa di montaggio RLFE - Veloci e semplici nella manutenzione - Adatta per lampade a scarica fino a 400W - Robuste e sicure nel tempo - Zona 1, 2, 21, 22 Pressacavo ingresso/uscita Gabbia di protezione

Dettagli

Supplemento al manuale d uso e manutenzione per ventilatori centrifughi ATEX

Supplemento al manuale d uso e manutenzione per ventilatori centrifughi ATEX 2013 Supplemento al manuale d uso e manutenzione per ventilatori centrifughi ATEX Prescrizioni particolari per l installazione e l uso in ambienti potenzialmente esplosivi con presenza di gas o polveri

Dettagli

ModeloFuoriProduzione

ModeloFuoriProduzione Norme di sicurezza speciali Sistema di misurazione per serbatoio Norme di sicurezza speciali ATEX ModeloFuoriProduzione www.rosemount-tg.com Norme di sicurezza speciali Rosemount TankRadar REX Indice

Dettagli

Accessori e componenti per impianti elettrici in zone Ex

Accessori e componenti per impianti elettrici in zone Ex Accessori e componenti per impianti elettrici in zone Ex Via dei Mille, 12-20061 - Carugate (MI) - Italy Tel. +39 02 25060297 - Fax +39 02 25060298 mail: info@ribco.it PRESSACAVI PRESSACAVO PAGINE CATALOGO

Dettagli

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Salvatore Iannello 30 giugno 2003 Ex Attrezzature esistenti Devono risultare

Dettagli

SCHEDA PER IL TRASPORTO STRADALE DI MERCI PERICOLOSE ADR. MATERIA: UN 1203 BENZINA (classe 3: LIQUIDI INFIAMMABILI) CLASSIFICAZIONE ADR

SCHEDA PER IL TRASPORTO STRADALE DI MERCI PERICOLOSE ADR. MATERIA: UN 1203 BENZINA (classe 3: LIQUIDI INFIAMMABILI) CLASSIFICAZIONE ADR MATERIA: BENZINA (classe 3: LIQUIDI INFIAMMABILI) CLASSIFICAZIONE ADR, BENZINA, MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, 3, II, (D/E) DENOMINAZIONE UFFICIALE DI TRASPORTO (ITA.) BENZINA DENOMINAZIONE UFFICIALE

Dettagli

INDICE. Generalità... 2 Scelta dei moduli... 3 Configurazione del campo fotovoltaico... 4 Scelta dell'inverter... 5 Cavi... 7 Caduta di tensione...

INDICE. Generalità... 2 Scelta dei moduli... 3 Configurazione del campo fotovoltaico... 4 Scelta dell'inverter... 5 Cavi... 7 Caduta di tensione... INDICE Generalità... 2 Scelta dei moduli... 3 Configurazione del campo fotovoltaico... 4 Scelta dell'inverter... 5 Cavi... 7 Caduta di tensione... 8 1 Generalità Si vuole dotare l impianto Seris sito nella

Dettagli

MODULO RELÈ AD SR0A INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE

MODULO RELÈ AD SR0A INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE MODULO RELÈ AD SR0A INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE Questo simbolo indica un avvertimento importante per la sicurezza delle persone. La sua mancata osservanza può portare ad un rischio molto elevato per

Dettagli

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08

DAL D.P.R. 547/55. AL NUOVO DLgs 81/08 DAL D.P.R. 547/55 AL NUOVO DLgs 81/08 DLgs del 9 / 4 / 08 n. 81 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ART. 80. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 1) Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali,

Dettagli

PANORAMICA SULLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE

PANORAMICA SULLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE PANORAMICA SULLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE Premessa La direttiva individua come: macchine: quasi-macchine: l'insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso

Dettagli

PCS. Indicatore di chiusura per valvole di sicurezza per gas. delta-elektrogas.com EI

PCS. Indicatore di chiusura per valvole di sicurezza per gas. delta-elektrogas.com EI PCS Indicatore di chiusura per valvole di sicurezza per gas delta-elektrogas.com EI170 0616 PCS Indicatore di chiusura per valvole di sicurezza per gas Indice Descrizione... 2 Caratteristiche.. 2 Funzionamento

Dettagli

PROGETTO RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

PROGETTO RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA PROGETTO RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA Donnas : 15/12/2015 Relazione Tecnica di Progetto Impianto Elettrico Illuminazione Pubblica Progetto di riqualificazione energetica

Dettagli

La Sicurezza nei lavori in presenza di rischio elettrico

La Sicurezza nei lavori in presenza di rischio elettrico Questa presentazione ha l unico scopo di supportare l illustrazione verbale dell argomento. Essa non è completa né esaustiva ed i concetti espressi hanno valore di esempio e promemoria e non di trattazione

Dettagli

. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di.

. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di. Direttiva ATEX 94/9/CE info@atexsafetyservice.it www.atexsafetyservice.it Ing. Maurizio Toninelli ATmosfera EXplosiva. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

GASD C Foglio 1 di 5

GASD C Foglio 1 di 5 Foglio 1 di 5 ID DESCRIZIONE ID DESCRIZIONE 1 Morsetto per il collegamento alla terra di protezione 10 Contenitore 2 Amperometro da quadro per la misura della corrente drenata 11 Morsettiera per il collegamento

Dettagli

Certificazione ATEX e IECEx Manuale Aspiratori- Impianti Centralizzati Trasporto Polveri

Certificazione ATEX e IECEx Manuale Aspiratori- Impianti Centralizzati Trasporto Polveri Certificazione ATEX e IECEx Manuale Aspiratori- Impianti Centralizzati Trasporto Polveri Legenda : Istruzioni addizionali per l operatore complemento al manuale uso e manutenzione Zona di applicazione

Dettagli

Impianti elettrico. Evidenza SI NO NA Riferimenti Note

Impianti elettrico. Evidenza SI NO NA Riferimenti Note Impianti elettrico Per tutti i locali dell'unità Operativa in considerazione, è disponibile la classificazione aggiornata, firmata dal Responsabile Sanitario Norma CEI (ambiente ordinario, locale ad uso

Dettagli

Rischio da atmosfere esplosive (ATEX) Premessa Obiettivi

Rischio da atmosfere esplosive (ATEX) Premessa Obiettivi Risschi io da attmossfferre esspl lossi ive ((ATTEX)) Premessa Nonostante i continui miglioramenti delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro che hanno caratterizzato gli ultimi decenni,

Dettagli

MINICROCE FARMACIA MANUALE UTENTE. italiano. BROLLO SIET S.r.l. Via Mazzini, CAERANO SAN MARCO (TV) tel fax

MINICROCE FARMACIA MANUALE UTENTE. italiano. BROLLO SIET S.r.l. Via Mazzini, CAERANO SAN MARCO (TV) tel fax F_004 rev.02 1 info@elettroforniture2000.it MINICROCE FARMACIA MANUALE UTENTE italiano F_004 rev.02 2 F_004 rev.02 3 INDICE Pag. 1. AVVERTENZE 4 2. DESCRIZIONE APPARECCHIO 4 3. DESCRIZIONE FUNZIONAMENTO

Dettagli

Scheda Tecnica Nuovo Prodotto

Scheda Tecnica Nuovo Prodotto Pag. 1 di 5 Scheda N : 0003/2008 rev.02 del 10/05/2011 Armature illuminanti FLFE FLFE-218 Nuovo prodotto: FLFE-236 FLFE-258 Marcatura CE 0722: II 2 GD Ex de IIC Ex td A21 IP66 T6 T70 C T80 C Ta -20 C +45

Dettagli

MACCHINE E IMPIANTI PER LA TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI

MACCHINE E IMPIANTI PER LA TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI Disciplinare di Sicurezza 32.01 MACCHINE E IMPIANTI PER LA TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI Trasferitori pneumatici per cereali trainati e Trebbiatrici fisse Revisione: del: 3.0 29/09/2015 Rev.: 3.0 Pagina

Dettagli

TUTTONORMEL NORMATIVA ELETTRICA CORSO ENEL 2006

TUTTONORMEL NORMATIVA ELETTRICA CORSO ENEL 2006 TUTTONORMEL NORMATIVA ELETTRICA CORSO ENEL 2006 Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas, vapori, nebbie infiammabili o polveri combustibili Parte 8b Verifica e manutenzione

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro" pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

LE NORMATIVE PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LE NORMATIVE PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA LE NORMATIVE PER 1 L ILLUMINAZIONE PUBBLICA Daniela Zambelli - CEI 1 CEI Comitato Elettrotecnico Italiano Costituito nel 1909, tra i primi enti normatori al mondo, è l ente istituzionale, riconosciuto

Dettagli

MODULO RELÈ AD SR0 INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE

MODULO RELÈ AD SR0 INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE MODULO RELÈ AD SR0 INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE Questo simbolo indica un avvertimento importante per la sicurezza delle persone. La sua mancata osservanza può portare ad un rischio molto elevato per

Dettagli

INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI PROVA CEI EN 50191

INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI PROVA CEI EN 50191 INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI PROVA CEI EN 50191 Introduzione La norma EN 50191 definisce in p a r t i c o l a r e i r e q u i s i t i p e r i l f u n z i o n a m e n t o s i c

Dettagli

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione

Parte 1. Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione Parte 1 Rischi meccanici e attrezzature, Rischi elettrici generali, Cadute dall alto, Esplosione 1 XXXXXXXXXX Nella nostra azienda sono presenti le seguenti attrezzature: XXXXXXX XXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX

Dettagli

MT MOTORI ELETTRICI. Manuale di installazione, funzionamento, manutenzione e sicurezza per motori destinati a operare in aree pericolose

MT MOTORI ELETTRICI. Manuale di installazione, funzionamento, manutenzione e sicurezza per motori destinati a operare in aree pericolose MT MOTORI ELETTRICI Manuale di installazione, funzionamento, manutenzione e sicurezza per motori destinati a operare in aree pericolose 1-II-2G 21-II-2D INDICE 1. Introduzione 2. Ambito di applicazione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TECNICA QUADRO

DOCUMENTAZIONE TECNICA QUADRO - 2/05/206 DOCUMENTAZIONE TECNICA QUADRO QDC_3N_4nIB_4..0 - SP / GW6803N IMPIANTO: COMMITTENTE: COSTRUTTORE: GWENERGY 206.0 - E DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ CE Il costruttore: Indirizzo: sotto la propria

Dettagli

Interruttore differenziale

Interruttore differenziale Interruttore differenziale Dispositivo meccanico destinato a connettere e a disconnettere un circuito all alimentazione, m ediante operazione manuale, e ad aprire il circuito auto m atica m ente quando

Dettagli

CCA-02E/SLD. - Riduzione dei costi di manutenzione - Consumi energetici bassi - Nuova tecnologia LED - Zona 1, 2, 21, 22. Raccordo di collegamento

CCA-02E/SLD. - Riduzione dei costi di manutenzione - Consumi energetici bassi - Nuova tecnologia LED - Zona 1, 2, 21, 22. Raccordo di collegamento CCA-02E/SLD - Riduzione dei costi di manutenzione - Consumi energetici bassi - uova tecnologia - Zona 1, 2, 21, 22 Vetro temperato con lente in policarbonato Supporti in acciaio zincato Aletta parasole

Dettagli

Manuale tecnico contenitore metallico Art. BOXMETAL Passion.Technology.Design.

Manuale tecnico contenitore metallico Art. BOXMETAL Passion.Technology.Design. IT MANUALE TECNICO Manuale tecnico contenitore metallico Art. BOXMETAL Passion.Technology.Design. AVVERTENZE Effettuare l installazione seguendo scrupolosamente le istruzioni fornite dal costruttore ed

Dettagli

COME SI CLASSIFICANO LE CABINE DI VERNICIATURA?

COME SI CLASSIFICANO LE CABINE DI VERNICIATURA? r COME SI CLASSIFICANO LE CABINE DI VERNICIATURA? Negli ultimi mesi sono giunte in redazione diverse richieste da parte degli operatori del settore (vedi ad esempio la lettera pubblicata nella pagina a

Dettagli

Caratteristiche tecniche

Caratteristiche tecniche POMPE PER VUOTO E COMPRESSORI Scheda Tecnica I 025 A MEMBRANA N 023 ANE Principio di funzionamento Le pompe a membrana KNF si basano su un principio molto semplice - la parte centrale di una membrana elastica

Dettagli

BTV. La famiglia di cavi scaldanti autoregolanti a circuito parallelo BTV viene usata per la protezione antigelo di tubazioni e recipienti.

BTV. La famiglia di cavi scaldanti autoregolanti a circuito parallelo BTV viene usata per la protezione antigelo di tubazioni e recipienti. BTV Tracciamento elettrico per la protezione antigelo di tubazioni non lavate con vapore. Struttura del cavo scaldante La famiglia di cavi scaldanti autoregolanti a circuito parallelo BTV viene usata per

Dettagli

MANUALE INTRODUTTIVO UTILIZZO GENERATORE VALEX OHV VX3500

MANUALE INTRODUTTIVO UTILIZZO GENERATORE VALEX OHV VX3500 MANUALE INTRODUTTIVO UTILIZZO GENERATORE VALEX OHV VX3500 1 Perché del Corso??? Questa breve guida introduttiva nasce dall esigenza di snellire e semplificare, ai Volontari di Protezione Civile del Comune

Dettagli

Tipi di sistemi di distribuzione Nelle definizioni che seguono i codici usati hanno i seguenti significati.

Tipi di sistemi di distribuzione Nelle definizioni che seguono i codici usati hanno i seguenti significati. Protezione Fasi-Neutro Generalità In un circuito, l interruttore automatico magnetotermico deve essere capace di stabilire, portare ed interrompere sia le correnti in condizioni normali, che le correnti

Dettagli

UNITA TERMINALI GAS MEDICALI

UNITA TERMINALI GAS MEDICALI UNITA TERMINALI GAS MEDICALI DZ MEDICALE SRL UNIPERSONALE: FABBRICANTE ITALIANO DI DISPOSITIVI MEDICI DAL 1993 APPLICA LA DIRETTIVA 93/42 DAL 1999 EFFETTUA I TESTS PRESSO ENTI ESTERNI PRODUCE SU PROPIA

Dettagli

Regolamento Europeo per motori 2, 4, 6 poli ad alta efficienza

Regolamento Europeo per motori 2, 4, 6 poli ad alta efficienza Regolamento Europeo per motori 2, 4, 6 poli ad alta efficienza Il Regolamento CE 640/2009 del 22 luglio 2009 e successivo emendamento Regolamento UE 4/2014 del 6 gennaio 2014 definiscono le modalità di

Dettagli

P i n z a I S E O 1 - Istruzioni di sicurezza

P i n z a I S E O 1 - Istruzioni di sicurezza Istruzione Tecnica Codice documento: IT SAFPIN 1 Pagina 1 di 7 INDICE 1.0 Scopo e campo di applicazione... 2 2.0 Documenti di riferimento... 2 3.0 Definizioni ed acronimi... 2 4.0 Gestione del presente

Dettagli

AUTOCLAVE DA LABORATORIO MOD. 760 COD CODICE CIVAB AUTASA76

AUTOCLAVE DA LABORATORIO MOD. 760 COD CODICE CIVAB AUTASA76 ASAL S.R.L. - APPARECCHI SCIENTIFICI ATTREZZATURE LABORATORI Azienda con sistema di gestione qualità conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008. Certificato TÜV Italia n 50 100 3290 Rev. 02

Dettagli

Dichiarazione di prestazione nr K350

Dichiarazione di prestazione nr K350 Dichiarazione di prestazione nr K350 Pagina 1 di 3 1. Codice di identificazione unico del prodotto-tipo: KALDO 350 2. Numero di tipo, lotto, serie o qualsiasi altro elemento che consenta l identificazione

Dettagli

Interruttori a pedale

Interruttori a pedale PS... / PD... Doppio isolamento Custodia in tecnopolimero IP65 Applicazioni Macchine operatrici comandate da interruttori a pedale, come: piegatrici, cesoie, macchine per industria, macchine utensili,

Dettagli

Valutazioni di rischio di atmosfere esplosive: criticità applicative e gestionali

Valutazioni di rischio di atmosfere esplosive: criticità applicative e gestionali Corpo Nazionale Vigili del Fuoco Valutazioni di rischio di atmosfere esplosive: criticità applicative e gestionali francesco.pilo@vigilfuoco.it ATEX DAY 3.04.2013 VENEZIA Pag. 1 COS E LA VALUTAZIONE ATEX?

Dettagli

ESTRATTORI ELICOIDALI DA PARETE

ESTRATTORI ELICOIDALI DA PARETE ESTRATTORI ELICOIDALI DA PARETE Serie HXBR / HXTR 0 017938 006066 A P P L I C A Z I O N I Ventilatori elicoidali da parete con ventola Sickle equilibrata su due piani, di basso livello sonoro, protetti

Dettagli

Valvole elettromagnetiche per gas

Valvole elettromagnetiche per gas 7 634 VGS1... con connettore AGA67 VGS2... con connettore AGA67 Valvole elettromagnetiche per gas VGS Valvole elettromagnetiche per gas idonee come Valvole primarie gas Valvole di pilotaggio gas su bruciatori

Dettagli

AE-T100NG Micro Turbine DESCRIZIONE TECNICA

AE-T100NG Micro Turbine DESCRIZIONE TECNICA AE-T100NG Micro Turbine DESCRIZIONE TECNICA Marchio del Descrizione AET-100 L'unità turbina a gas Ansaldo AE-T100 è un sistema modulare progettato per generare elettricità e calore ad alta efficienza e

Dettagli

indoor air quality and energy saving SCHEDA TECNICA BOX UNITÀ DI VENTILAZIONE

indoor air quality and energy saving SCHEDA TECNICA BOX UNITÀ DI VENTILAZIONE indoor air quality and energy saving SCHEDA TECNICA BOX UNITÀ DI VENTILAZIONE BOX Unità di ventilazione con cassa equipaggiata da elettro ventilatori centrifughi pale avanti 23 V monofase e 4V trifase.

Dettagli

MOTORI TRIFASE MOTORI TRIFASE - CATALOGO TECNICO 1038/12

MOTORI TRIFASE MOTORI TRIFASE - CATALOGO TECNICO 1038/12 MOTORI TRIFASE MOTORI TRIFASE - CATALOGO TECNICO 1038/12 33 COPRIMORSETTIERA Nella versione standard, la coprimorsettiera è di norma situata sulla parte superiore del motore. Tuttavia è possibile collocarla

Dettagli

Verifica e manutenzione degli impianti a prova di esplosione

Verifica e manutenzione degli impianti a prova di esplosione Gli impianti elettrici istallati in ambienti a rischio di esplosione risultano una quota parte di tutta l impiantistica elettrica ma, proprio per le loro peculiarità costruttive, necessitano di precisi

Dettagli

DN 15 1/ DN 20 3/ DN DN / DN / DN 50 2

DN 15 1/ DN 20 3/ DN DN / DN / DN 50 2 848.09 Valvola di intercettazione combustibile, certificata e tarata a banco INAIL Copyright 06 Caleffi Serie 40 Generalità Le valvole di intercettazione combustibile serie 40 sono costruite da Caleffi

Dettagli

MBA-Ex vuote Custodie in alluminio Ex-vuoti. Dimensioni e peso. Informazioni sul colore. MBA-Ex vuote / N. di articolo

MBA-Ex vuote Custodie in alluminio Ex-vuoti. Dimensioni e peso. Informazioni sul colore. MBA-Ex vuote / N. di articolo MBA-Ex vuote 602311 Materiale: Alluminio N. di articolo 3111103700 Grado di protezione IP: IP66 Le custodie MULTIBOX in alluminio MBA-Ex vuote sono conformi a tutti i requisiti richiesti nei settori di

Dettagli

Nota di prodotto I nuovi motori ABB per ambienti a rischio di esplosione offrono affidabilità, efficienza e compattezza

Nota di prodotto I nuovi motori ABB per ambienti a rischio di esplosione offrono affidabilità, efficienza e compattezza Nota di prodotto I nuovi motori ABB per ambienti a rischio di esplosione offrono affidabilità, efficienza e compattezza ABB amplia la propria gamma di motori per ambienti a rischio di esplosione con una

Dettagli