CHI SIAMO E COSA FACCIAMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHI SIAMO E COSA FACCIAMO"

Transcript

1 Portale privato di libera informazione indipendente-gratuita e servizi professionali dedicati per il personale dei Comparti Difesa e Sicurezza. Tutela Legale Giustizia Diritto militare Consulenze telefoniche gratuite Ricorsi individuali e collettivi - Raccolta normative e circolari - Banca dati riservata - Convenzioni Informazione. CHI SIAMO E COSA FACCIAMO SideWeb è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza pluriennale di coloro che hanno operato per anni nelle organizzazioni di tutela individuale e collettiva, contribuendo con la propria professionalità ed il proprio impegno anche alla crescita di importanti portali web, che si occupano del personale militare. Fornisce informazione, assistenza e consulenza legale (1) e, nel suo ambito rappresenta un indiscusso punto di riferimento solido e sicuro per tutti i cittadini, militari inclusi. gratuita. Si garantisce agli abbonati, oltre a tutti gli altri servizi previsti, un qualificato centro di consulenza telefonica tri-settimanale e Abbonati ai servizi offerti da SideWeb, sostieni la tua professione... difendi i tuoi interessi. Abbonandoti usufruirai così di tutti i servizi offerti, e grazie al tuo contributo darai il sostegno ad importanti iniziative, rese note sul portale web. Il costo dell abbonamento annuale come utente servizi Time è di 40 ; come utente servizi Flash è di 60. Approfondisci qui. La quota dell abbonamento annuale prescelto va versata: 1. sul conto corrente postale nr Intestato a: SIDEWEB S.R.L. - Via Callalta, Treviso. Durata dell abbonamento: 12 mesi dal momento del versamento della quota di abbonamento. 2. oppure sul conto corrente bancario: BANCA: Karntner Sparkasse AG, Filiale di Udine, Via Aquileia nr UDINE. Conto corrente bancario nr.: Codice IBAN: IT87Z Coordinate Bancarie: Cin: Z - Abi: Cab: Intestato a: SIDEWEB S.R.L. - Via Callalta, Treviso. 3. oppure utilizzando anche la tua carta di credito del circuito VISA, MASTERCARD, CARTE RICARICABILI, MAESTRO e CARTASI. In questo caso l'attivazione dell'abbonamento avviene in modo automatico e immediato. (1) Essere utente/abbonato SideWeb non significa diventare socio di una associazione ma semplicemente aderire ai servizi offerti da una società commerciale. SideWeb s.r.l. Via Callalta, Treviso P.IVA e C.F R.E.A. (TV ) Capitale sociale Tel Fax Sideweb è presente su: Aggiornamenti giornalieri - Rev PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE forze armate - forze polizia pubblico impiego La documentazione viene pubblicata in forma gratuita e di libero accesso per tutti gli utenti dei portali SideWeb

2 Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, Prot. n. M_D GMIL II Roma, 28 dicembre 2009 All.: 4 OGGETTO: Cessazione dal servizio permanente con collocamento nella posizione dell ausiliaria del personale delle Forze armate e dell Arma dei carabinieri. A (VEDASI ELENCO INDIRIZZI IN ALLEGATO A) 1. PREMESSA a. Con la circolare n. M_D GMIL II del 29 luglio 2009 questa Direzione generale, nel dettare iniziali istruzioni volte a disciplinare le cessazioni dal servizio permanente a domanda del personale delle Forze armate e dell Arma dei carabinieri collocato direttamente nella categoria della riserva con la conseguente gestione del trattamento pensionistico a cura dell I.N.P.D.A.P., ha precisato che il medesimo personale, all atto della cessazione dal servizio con il conseguente collocamento in ausiliaria, avrebbe continuato ad essere gestito dall Amministrazione della difesa finché permanga in tale posizione. b. Il collocamento nella categoria dell ausiliaria, disciplinato dai decreti legislativi 30 aprile 1997, n. 165 e 30 dicembre 1997, n. 498, avviene, sempreché il militare sia in possesso dei requisiti di idoneità al servizio: - per raggiungimento del limite d età; - a domanda dall aspettativa per riduzione di quadri; - a domanda, a condizione di aver prestato non meno di 40 anni di servizio effettivo, ai sensi dell articolo 7, comma 6 del decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 165, come modificato dall articolo 2, comma 3-bis del decreto legge 31 dicembre 2007, n. 248, aggiunto dalla relativa legge di conversione e prorogato, ora, fino al 31 dicembre 2010, previa manifestazione, da parte del personale interessato, della disponibilità a prestare servizio, in qualità di richiamato, nell ambito del comune o della provincia di residenza presso l amministrazione di appartenenza od altra pubblica amministrazione. c. Si è constatato, tuttavia, che, spesso, nei casi di cessazione dal servizio permanente a domanda la stessa perviene alla Direzione generale del personale militare in data molto prossima a quella indicata dagli interessati e, talvolta, anche non corredata di tutta la documentazione necessaria alla verifica dei presupposti di anzianità e/o di servizio per l accesso in detta categoria. d. Si impartiscono, pertanto, le necessarie disposizioni procedurali che, se puntualmente applicate, consentiranno il contemperamento delle legittime aspettative del personale interessato a cessare dal servizio con le esigenze di ordinato svolgimento dell istruttoria dei procedimenti di cessazione, normalmente concentrati in determinati periodi dell anno, con il risultato di un azione amministrativa più fluida ed ordinata../.

3 CESSAZIONE DAL SERVIZIO PER ETA a. PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA AL RICHIAMO IN SERVIZIO Al fine di consentire alla Direzione generale per il personale militare di adottare con congruo anticipo rispetto alla data di prevista cessazione dal servizio attivo per raggiungimento del limite di età il relativo provvedimento, la dichiarazione di disponibilità al richiamo in servizio, redatta in conformità al modello in allegato B, dovrà essere presentata dal militare al reparto/ente di appartenenza, almeno 180 (centottanta) giorni prima del raggiungimento della data predetta. b. INVIO DELLA DOCUMENTAZIONE (1) Il reparto/ente di appartenenza dell interessato dovrà far pervenire alla competente Divisione del II Reparto della Direzione generale per il personale militare la dichiarazione di disponibilità sopra citata, corredata della copia aggiornata dello stato di servizio (per gli Ufficiali) o del foglio matricolare (per i Sottufficiali). Per il personale della Marina il documento matricolare, già in possesso della competente Divisione del V Reparto, verrà acquisito d ufficio. Allo scopo, la fase istruttoria a cura dei reparti/enti interessati dovrà essere tassativamente contenuta in complessivi 30 (trenta) giorni, per far sì che la suddetta documentazione - tenuto conto dei necessari tempi di spedizione e ricezione - pervenga alla Divisione competente almeno 150 (centocinquanta) giorni prima del raggiungimento del limite d età da parte dell interessato. (2) La Direzione generale, completata l istruttoria, provvederà: ad emettere il provvedimento di cessazione; a fornirne comunicazione al reparto/ente che amministra l interessato; una volta acquisito il visto del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - Ufficio centrale del bilancio presso il Ministero della difesa, a trasmettere la copia del decreto di cessazione alla Direzione generale delle pensioni militari, del collocamento al lavoro dei volontari congedati e della leva, al reparto/ente medesimo ed al competente centro pensionistico/ amministrativo. 3. CESSAZIONE A DOMANDA DALL ASPETTATIVA PER RIDUZIONE DI QUADRI a. PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CESSAZIONE Le domande di cessazione dal servizio, redatte in conformità al modello in allegato C, dovranno essere presentate dal richiedente, in duplice copia, al reparto/ente che lo amministra, almeno 45 (quarantacinque) giorni prima della data chiesta per la cessazione stessa. Farà fede, al riguardo, la data di assunzione a protocollo della domanda. b. ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE DI CESSAZIONE (1) Il reparto/ente che amministra l interessato dovrà trasmettere senza indugio la prima copia della domanda unitamente al prospetto riepilogativo dei servizi contributivi al II Reparto - Divisione stato giuridico ed avanzamento degli Ufficiali in servizio permanente di questa Direzione generale. (2) La seconda copia della domanda, invece, dovrà pervenire alla predetta Divisione del II Reparto per via gerarchica. Allo scopo, la fase istruttoria della domanda da parte dei reparti/enti interessati dovrà essere tassativamente contenuta in complessivi 15 (quindici) giorni, per far sì che la stessa - tenuto conto dei necessari tempi di spedizione e ricezione - pervenga alla Divisione medesima almeno 30 (trenta) giorni prima della data di cessazione chiesta dall interessato. La seconda copia della domanda dovrà essere corredata di: - prospetto riepilogativo dei servizi contributivi utili all accesso al trattamento pensionistico, sottoscritto dall autorità amministrativa competente;./.

4 copia aggiornata dello stato di servizio. Per gli Ufficiali della Marina detto documento matricolare verrà acquisito d ufficio. (3) La Direzione generale, completata l istruttoria, provvederà: ad emettere il provvedimento di cessazione; a fornirne comunicazione al reparto/ente che amministra l interessato; una volta acquisito il visto del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - Ufficio centrale del bilancio presso il Ministero della difesa, a trasmettere la copia del decreto di cessazione alla Direzione generale delle pensioni militari, del collocamento al lavoro dei volontari congedati e della leva, al reparto/ente medesimo ed al competente centro pensionistico/ amministrativo. (4) Al fine di consentire una decisione pienamente consapevole, con successiva comunicazione saranno indicati i benefici economici che competono al personale all atto della cessazione dal servizio dall aspettativa per riduzione di quadri, nonché l eventuale riduzione o il mancato diritto alla fruizione dei benefici stessi. 4. CESSAZIONE A DOMANDA CON ALMENO 40 ANNI DI SERVIZIO EFFETTIVO a. PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CESSAZIONE Le domande di cessazione dal servizio, redatte in conformità al modello in allegato D, dovranno essere presentate dal richiedente, in duplice copia, al reparto/ente di appartenenza, almeno 90 (novanta) giorni prima della data di decorrenza della cessazione. Farà fede, al riguardo, la data di assunzione a protocollo della domanda. b. ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE DI CESSAZIONE (1) Il reparto/ente di appartenenza dell interessato dovrà trasmettere senza indugio la prima copia della domanda unitamente al prospetto riepilogativo dei servizi contributivi alla competente Divisione del II Reparto della Direzione generale per il personale militare. (2) La seconda copia della domanda, invece, dovrà pervenire alla competente Divisione, corredata dei relativi pareri della competente catena di comando. Allo scopo, la fase istruttoria della domanda a cura dei reparti/enti interessati dovrà essere tassativamente contenuta in complessivi 45 (quarantacinque) giorni, per far sì che la stessa - tenuto conto dei necessari tempi di spedizione e ricezione - pervenga alla Divisione medesima almeno 45 (quarantacinque) giorni prima della data di cessazione chiesta dall interessato. La domanda dovrà essere corredata di: - prospetto riepilogativo dei servizi contributivi utili all accesso al trattamento pensionistico, sottoscritto dall autorità amministrativa competente; - copia aggiornata dello stato di servizio (per gli Ufficiali), o del foglio matricolare (per i Sottufficiali). Per il personale della Marina detto documento matricolare verrà acquisito d ufficio; - nulla osta dell organo competente all impiego (rispettivamente, Dipartimento impiego del personale dell Esercito, Ufficio generale del personale della Marina militare, Direzione per l impiego del personale militare dell Aeronautica, Comando generale dell Arma dei carabinieri - I Reparto), comprensivo dell indicazione della insussistenza di eventuali obblighi di ferma speciali, se già rilasciato. (3) La Direzione generale, completata l istruttoria, provvederà: ad emettere il provvedimento di cessazione; a fornirne comunicazione al reparto/ente che amministra l interessato; una volta acquisito il visto del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - Ufficio centrale del bilancio presso il Ministero della difesa, a trasmettere la copia del decreto di cessazione alla Direzione generale delle pensioni militari, del collocamento al lavoro dei volontari congedati e della leva, al reparto/ente medesimo ed al competente centro pensionistico/ amministrativo../.

5 REVOCA DELLE DOMANDE DI COLLOCAMENTO IN CONGEDO La facoltà di revocare la domanda di collocamento in congedo, ovvero di procrastinarne la data può essere esercitata dagli interessati solo finché agli stessi non sia stato notificato il dispaccio di accoglimento della domanda di cessazione e sempreché non sia già decorsa la data di cessazione. Inoltre, le istanze di revoca o di differimento, per consentire le valutazioni di competenza ed il loro eventuale accoglimento da parte della Direzione generale per il personale militare, dovranno pervenire, per via gerarchica dal Comando interessato, almeno 15 giorni prima della data di cessazione. A tal riguardo, è abrogato il paragrafo 2. della circolare n. DGPM/II/5^/C.3/1^CIRC/30001 del 29 dicembre 1999 di questa Direzione generale. Tenuto conto che alla domanda di congedamento seguono specifiche modifiche alle pianificazioni d impiego future ed alle programmazioni correnti, la revoca ed il differimento della data di cessazione, quando non si tratti di personale in aspettativa per riduzione di quadri, apportano turbative gestionali al corretto impiego del personale, assolutamente da evitare per la tutela del buon andamento dell azione amministrativa. Inoltre, considerato che la presentazione della domanda di collocamento in congedo da parte del personale in attività di servizio è certamente frutto di una decisione ponderata, che attiene a precise scelte di vita, la revoca di detta domanda dovrà assumere carattere di eccezionalità, non potendosi presumere, nel breve periodo, il mutamento delle condizioni nelle quali è maturata la scelta e/o delle motivazioni che l hanno determinata. 6. DISPOSIZIONI FINALI Nel sensibilizzare tutti i reparti/enti interessati alle varie fasi dei procedimenti in argomento sull assoluta necessità del celere disbrigo dell istruttoria di competenza, con trasmissione della documentazione di volta in volta occorrente, senza attendere la scadenza dei termini massimi indicati nella presente circolare, si fa presente che l inosservanza di detti termini imporrà, ineluttabilmente, l oggettiva impossibilità di accoglimento della domanda di cessazione, con necessità di invitare l interessato ad indicarne una diversa decorrenza, che risulti comunque compatibile con i tempi istruttori sopra indicati per ciascuna tipologia di cessazione. E intuitivo come il richiamo al rispetto dei termini sia finalizzato a prevenire possibile contenzioso, con richiesta risarcitoria da parte dell interessato che ritenesse di aver subito danni dal ritardato accoglimento della domanda, tempestivamente prodotta, nei confronti del responsabile del ritardo. Si rammenta infine che, per il personale che chieda di cessare a domanda, con collocamento in ausiliaria, ma non intenda rilasciare la citata dichiarazione di disponibilità al richiamo di cui al precedente punto 2.a., la Direzione generale per il personale militare non potrà neanche disporre la cessazione dal servizio dello stesso e, pertanto, il procedimento di collocamento in congedo dovrà avvenire, previa presentazione di una nuova istanza, secondo le modalità e la tempistica dettate dalla menzionata circolare n. M_D GMIL II del 29 luglio La presente circolare, di immediata applicazione, da diramare fino ai minimi livelli ordinativi e da partecipare capillarmente al personale dipendente, ai fini della sua puntuale osservanza, abroga qualsiasi precedente diversa disposizione e modifica qualsiasi altra prassi consolidata con essa in contrasto. F.TO d ordine IL VICE DIRETTORE GENERALE (Ammiraglio di divisione Raffaele CARUSO)

6 Allegato B alla circolare M_D GMIL II del 28 dicembre 2009 A MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE II REPARTO - ª DIVISIONE Il sottoscritto, (1), nato a il / /, a seguito del raggiungimento del limite di età, previsto per il grado ed il ruolo di appartenenza, il / /, D I C H I A R A la propria disponibilità a prestare servizio nell ambito del comune o della provincia di residenza presso l amministrazione di appartenenza od altra amministrazione, così come previsto dall articolo 3, comma 4 del decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 165 e dall articolo (2) del decreto legislativo 30 dicembre 1997, n All uopo rende noto che eleggerà domicilio in. (località e data) (firma leggibile per esteso) NOTE: (1) grado, arma/corpo, cognome, nome; (2) indicare: 1, per gli Ufficiali; 2, per i Sottufficiali.

7 Allegato C alla circolare M_D GMIL II del 28 dicembre 2009 A MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE II REPARTO - ª DIVISIONE Il sottoscritto, (1), nato a il / /, C H I E D E di cessare dal servizio permanente, con l attribuzione dei benefici previsti dalla legge, e di essere collocato in ausiliaria a decorrere dal / / ai sensi dell articolo 43, comma 4 della legge 19 maggio 1986, n. 224 e, a tal riguardo, dichiara la propria disponibilità a prestare servizio nell ambito del comune o della provincia di residenza presso l amministrazione di appartenenza od altra amministrazione, così come previsto dall articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1997, n All uopo rende noto che eleggerà domicilio in. (località e data) (firma leggibile per esteso) Spazio riservato al reparto/ente che amministra l Ufficiale (Timbro del reparto/ente) La presente domanda di cessazione dal servizio è stata presentata in data / / ed assunta a protocollo con numero. (località e data) (firma del Comandante del reparto/ente) NOTE: (1) grado, arma/corpo, cognome, nome.

8 Allegato D alla circolare M_D GMIL II del 28 dicembre 2009 A MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE II REPARTO - ª DIVISIONE Il sottoscritto, (1), nato a il / /, a seguito del raggiungimento del limite di età, previsto per il grado ed il ruolo di appartenenza, il / /, C H I E D E di cessare dal servizio permanente, con l attribuzione dei benefici previsti dalla legge, e di essere collocato in ausiliaria a decorrere dal / / ai sensi dell articolo 7, comma 6 del decreto legislativo 165/1997 e successive modificazioni, e, a tal riguardo, dichiara la propria disponibilità a prestare servizio nell ambito del comune o della provincia di residenza presso l amministrazione di appartenenza od altra amministrazione, così come previsto dall articolo 3, comma 4 del decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 165 e dall articolo (2) del decreto legislativo 30 dicembre 1997, n All uopo rende noto che eleggerà domicilio in. (località e data) (firma leggibile per esteso) Spazio riservato al reparto/ente di appartenenza del militare (Timbro del reparto/ente) La presente domanda di cessazione dal servizio è stata presentata in data / / ed assunta a protocollo con numero. (località e data) (firma del Comandante del reparto/ente) NOTE: (1) grado, arma/corpo, cognome, nome; (2) indicare: 1, per gli Ufficiali; 2, per i Sottufficiali.

9 ALLEGATO A ALLA CIRCOLARE N. MD GMIL II DEL 28 DICEMBRE 2009 A SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli affari militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio del Consigliere militare MINISTERO DELLA DIFESA - Gabinetto del Ministro - Ufficio legislativo SEGRETERIE PARTICOLARI DEI SOTTOSEGRETARI DI STATO ALLA DIFESA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA STATO MAGGIORE DELL ESERCITO STATO MAGGIORE DELLA MARINA STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA COMANDO GENERALE DELL ARMA DEI CARABINIERI SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI UFFICIO CENTRALE PER LE ISPEZIONI AMMINISTRATIVE DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE DIREZIONE GENERALE DELLE PENSIONI MILITARI DEL COLLOCAMENTO AL LAVORO DEI VOLONTARI CONGEDATI E DELLA LEVA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI NAVALI DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI AERONAUTICI DIREZIONE GENERALE DELLE TELECOMUNICAZIONI, DELL INFORMATICA E DELLE TECNOLOGIE AVANZATE DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI DIREZIONE GENERALE DEI LAVORI E DEL DEMANIO DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA MILITARE COMANDO OPERATIVO DI VERTICE INTERFORZE SEDE./.

10 COMANDO DELLE FORZE OPERATIVE TERRESTRI VERONA COMANDO IN CAPO DELLA SQUADRA NAVALE COMANDO SQUADRA AEREA COMANDO OPERATIVO DELLE FORZE AEREE POGGIO RENATICO (FE) COMANDO GENERALE DEL CORPO DELLE CAPITANERIE DI PORTO CONSIGLIO SUPERIORE DELLE FORZE ARMATE ORDINARIATO MILITARE PER L ITALIA CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA COMANDO DELLE SCUOLE DELL ESERCITO TORINO ISPETTORATO SCUOLE DELLA MARINA MILITARE COMANDO SCUOLE DELL AERONAUTICA MILITARE/3^ REGIONE AEREA BARI COMANDO DELLE SCUOLE DELL ARMA DEI CARABINIERI COMANDO LOGISTICO DELL ESERCITO ISPETTORATO PER LE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO UFFICIO GENERALE DEL PERSONALE DELLA MARINA MILITARE ISPETTORATO DI SUPPORTO NAVALE LOGISTICO E DEI FARI ISPETTORATO DI SANITA DELLA MARINA MILITARE COMANDO LOGISTICO DELL AERONAUTICA MILITARE DIREZIONE PER L IMPIEGO DEL PERSONALE MILITARE DELL AERONAUTICA UFFICIO DEL GENERALE DEL RUOLO DELLE ARMI DELL ARMA AERONAUTICA UFFICIO DEL CAPO DEL CORPO DEL GENIO AERONAUTICO UFFICIO DEL CAPO DEL CORPO DI COMMISSARIATO AERONAUTICO UFFICIO DEL CAPO DEL CORPO SANITARIO AERONAUTICO COMMISSARIATO GENERALE PER LE ONORANZE AI CADUTI IN GUERRA COMANDO CORPO DI ARMATA DI REAZIONE RAPIDA SOLBIATE OLONA (VA) 1 COMANDO FORZE DI DIFESA VITTORIO VENETO (TV) 2 COMANDO FORZE DI DIFESA SAN GIORGIO A CREMANO (NA) COMANDO TRUPPE ALPINE BOLZANO COMANDO DEI SUPPORTI DELLE FORZE OPERATIVE TERRESTRI COMANDO TRASMISSIONI E INFORMAZIONI DELL ESERCITO ANZIO () COMANDO REGIONE MILITARE NORD TORINO COMANDO REGIONE MILITARE SUD PALERMO COMANDO MILITARE DELLA CAPITALE COMANDO MILITARE AUTONOMO DELLA SARDEGNA CAGLIARI./

11 COMANDO IN CAPO DEL DIPARTIMENTO MILITARE MARITTIMO DELL ALTO TIRRENO COMANDO IN CAPO DEL DIPARTIMENTO MILITARE MARITTIMO DELL ADRIATICO COMANDO IN CAPO DEL DIPARTIMENTO MILITARE MARITTIMO DELLO IONIO E DEL CANALE D OTRANTO COMANDO MILITARE MARITTIMO AUTONOMO IN SARDEGNA COMANDO MILITARE MARITTIMO AUTONOMO IN SICILIA COMANDO MILITARE MARITTIMO AUTONOMO DELLA CAPITALE COMANDO 1^ REGIONE AEREA COMANDO INTERREGIONALE CARABINIERI "PASTRENGO" COMANDO INTERREGIONALE CARABINIERI "VITTORIO VENETO" COMANDO INTERREGIONALE CARABINIERI "PODGORA" COMANDO INTERREGIONALE CARABINIERI "OGADEN" COMANDO INTERREGIONALE CARABINIERI "CULQUALBER" COMANDO UNITA MOBILI E SPECIALIZZATE CARABINIERI PALIDORO COMANDO RAGGRUPPAMENTO UNITA DIFESA LA SPEZIA ANCONA TARANTO CAGLIARI AUGUSTA (SR) MILANO MILANO PADOVA NAPOLI MESSINA MAGISTRATURA MILITARE CONSIGLIO DELLA MAGISTRATURA MILITARE PROCURA GENERALE MILITARE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CORTE MILITARE DI APPELLO PROCURA GENERALE MILITARE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE MILITARE DI APPELLO TRIBUNALE MILITARE PROCURA MILITARE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE MILITARE TRIBUNALE MILITARE DI SORVEGLIANZA VERONA - - NAPOLI VERONA - - NAPOLI Diramazione interna: A DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE - Ufficio del Direttore generale - I Reparto - III Reparto - IV Reparto - V Reparto - VI Reparto SEDE

Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI

Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI Allegato A al f.n. M_D GMIL2 VDGM V 0215719 in data 31 luglio 2013 ELENCO INDIRIZZI A SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli affari militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0147779 All.: 1; ann.: //. Roma,

Dettagli

Allegato A ELENCO INDIRIZZI

Allegato A ELENCO INDIRIZZI Allegato A A ELENCO INDIRIZZI SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli Affari Militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio del Consigliere Militare MINISTERO DELLA

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL II 5 1 2012 0248948 Roma, 4 giugno 2012

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONEGENERALEPER IL PERSONALEMILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONEGENERALEPER IL PERSONALEMILITARE / " MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONEGENERALEPER IL PERSONALEMILITARE Pro!. n. M_D GMIL_OS IV l1s--id1r ~ )\ Roma, ~ 1 lu G. L00 S OGGETTO: Legge 23 agosto 2004,n. 226. Trattamento economico del personale

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di Corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0416819 All.: 1; ann.: //. Roma,

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M D GMIL IV 15 0348596 Roma 3 agosto 2009 PDC: Col. Giovanni SANTORELLI tel.: 5.0440 (06517050440)

Dettagli

Ministero della Difesa

Ministero della Difesa Ministero della Difesa DIREZIONE GENERALE DEI LAVORI E DEL DEMANIO U.G.C.T.- 2 Ufficio Prot. N MD/GGEN/05/ 20262/09 Roma, 7 aprile 2009 (p.d.c.: Gen. B. COPPOLA tel. 06 36804090 ) OGGETTO: Certificazioni

Dettagli

INDIRIZZI IN ALLEGATO

INDIRIZZI IN ALLEGATO MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DELLA PREVIDENZA MILITARE, DELLA LEVA E DEL COLLOCAMENTO AL LAVORO DEI VOLONTARI CONGEDATI Viale dell'esercito 186-00143 - Roma Prot. n M_D/GPREV/I/! A /1000/335/95

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE II REPARTO Viale dell Esercito, ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE II REPARTO Viale dell Esercito, ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE II REPARTO Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0257231 Roma, 8 giugno

Dettagli

ELENCO INDIRIZZI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA STATO MAGGIORE DELL ESERCITO STATO MAGGIORE DELLA MARINA STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA

ELENCO INDIRIZZI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA STATO MAGGIORE DELL ESERCITO STATO MAGGIORE DELLA MARINA STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA Allegato alla circolare di promozione del 12 febbraio 2016 ELENCO INDIRIZZI A SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli Affari Militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, ROMA Prot. n. M_D GMIL V

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, ROMA Prot. n. M_D GMIL V MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL V 11 3 0052769 Roma, 9 febbraio 2012 All.1 OGGETTO: Ruolo marescialli dell Esercito.

Dettagli

Ministero della Difesa

Ministero della Difesa MODULARIO D.MARINA -23 MOD. 39/G Ministero della Difesa DIREZIONE GENERALE DEI LAVORI E DEL DEMANIO U.G.C.T.- 2 Ufficio Prot. N MD/GGEN/05/744/09 Roma, 05/03/2009 (p.d.c. Dott.ssa Michela PILLA tel. 06

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA

MINISTERO DELLA DIFESA M_D GSGDNA 0045913 24-06-2015 MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI I REPARTO 1 Ufficio Allegati: 1 Annessi: 1 Indirizzo Postale: via XX Settembre

Dettagli

00187 Roma, 29 AGO. 2U12 All.l-Anx. I poc: Ten.Col. CIAMPI (tel. 3/8121) massi mo.ciampi@esercito.difesa.it

00187 Roma, 29 AGO. 2U12 All.l-Anx. I poc: Ten.Col. CIAMPI (tel. 3/8121) massi mo.ciampi@esercito.difesa.it STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO I Reparto Affari Giuridici ed Economici del Personale Ufficio Trattamento Economico, Condizione Militare e Coordinamento Via XX settembre, 123 / A - 00 187 Roma Indirizzo telegrafico:

Dettagli

INDIRIZZI IN AJ..LEGA TO. ~' devono essere rivalutate applicando il

INDIRIZZI IN AJ..LEGA TO. ~' devono essere rivalutate applicando il MINISTERO DIREZIONE GENERALE DELLE PENSIONI DE LA DIFESA ITARI DEL COLLOCAMENTO AL LAVORO DEI VOLONTARI CO GEDATI E DELLA LEVA Viale dell'esercito 186-00143 -Roma I -~- ~",;,, ~ ~, l "IG ';[il.l.",~, ~

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0141265 Roma, 22 marzo 2012 All.:

Dettagli

OGGETTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE EVENTUALI TITOLI PREFERENZIALI

OGGETTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE EVENTUALI TITOLI PREFERENZIALI AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Per la collaborazione con la Polizia Municipale (giusta delibera di Giunta Comunale n 131 del 29/07/2014), nell ambito

Dettagli

COMUNE DI LAZISE - PROVINCIA DI VERONA - REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO E SULL'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

COMUNE DI LAZISE - PROVINCIA DI VERONA - REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO E SULL'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI COMUNE DI LAZISE - PROVINCIA DI VERONA - REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO E SULL'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con atti del Consiglio Comunale n. 55 in data 28.11.1997 n. 6 in data 04.02.1998

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI approvato con deliberazione G.P. n. 188 del 25.7.2001 modificato con deliberazione G.P. n. 83 del

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA

MINISTERO DELLA DIFESA MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI - II REPARTO COORDINAMENTO AMMINISTRATIVO - - 2 Ufficio - Indirizzo Postale: Via XX Settembre, 123/a 00187

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 30-12-2014. Messaggio n. 9963

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 30-12-2014. Messaggio n. 9963 Direzione Centrale Pensioni Roma, 30-12-2014 Messaggio n. 9963 OGGETTO: Presentazione domande di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti entro il 1 marzo 2015 per

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 luglio 2014. Ripartizione delle risorse relative al «Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità» 2013-2014

Dettagli

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 30 Marzo 2007 DIREZIONE GENERALE istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica DIRIGENTI GENERALI CENTRALI E COMPARTIMENTALI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI DIRETTORI

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI REGOLAMENTO MODALITA DI ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 21 febbraio 2014 SOMMARIO ARTICOLO 1 DEFINIZIONE

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186-00143 Prot. M_D GMIL2 VDGM II 4 1 0196886 Roma, 11 luglio 2013

Dettagli

Roma, 30-6-2003. Agli. Alle. Alle. Alla. Alla. Alla

Roma, 30-6-2003. Agli. Alle. Alle. Alla. Alla. Alla Roma, 30-6-2003 DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Agli le le la la la Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI Corti d Appello Università Presidenza del Consiglio dei Ministri Corte Costituzionale della Repubblica

Dettagli

Progect Management. Management. Project. 2004 MC TEAM - Riproduzione vietata 1/1

Progect Management. Management. Project. 2004 MC TEAM - Riproduzione vietata 1/1 Project Management nell'information Technology 2004 MC TEAM - Riproduzione vietata 1/1 Obiettivi Il corso si pone l obiettivo di rendere i discenti in grado di applicare un modello di riferimento a tutte

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

559/C.8862.10089.D.A(1) Roma, 4 giugno 1998. OGGETTO: Autorizzazione ex art 134 T.U.L.P.S. - consulenti incaricati.

559/C.8862.10089.D.A(1) Roma, 4 giugno 1998. OGGETTO: Autorizzazione ex art 134 T.U.L.P.S. - consulenti incaricati. .DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE AFFARI GENERALI SERVIZIO POLIZIA AMM.VA E SOCIALE 559/C.8862.10089.D.A(1) Roma, 4 giugno 1998 OGGETTO: Autorizzazione ex art 134 T.U.L.P.S. - consulenti

Dettagli

PENSIONAMENTI DAL 1 SETTEMBRE 2014

PENSIONAMENTI DAL 1 SETTEMBRE 2014 PENSIONAMENTI DAL 1 SETTEMBRE 2014 Personale docente, educativo e ATA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E LORO EVENTUALE REVOCA ENTRO IL 7 FEBBRAIO 2014 ESCLUSIVAMENTE ON LINE CON POLIS MODALITA DI PRESENTAZIONE

Dettagli

Ministero della Difesa Scuola di formazione e perfezionamento del Personale Civile della Difesa Via Mattia Battistini, 113/117 00167 Roma

Ministero della Difesa Scuola di formazione e perfezionamento del Personale Civile della Difesa Via Mattia Battistini, 113/117 00167 Roma Ministero della Difesa Scuola di formazione e perfezionamento del Personale Civile della Difesa Via Mattia Battistini, 113/117 00167 Roma Roma lì, 15 marzo 2012 ELENCO INDIRIZZI ALLEGATO Ufficio Corsi

Dettagli

AOOUSPLT Latina, 18 settembre 2013 Prot. n. 10086 Allegati n. Rif. Prot. n. Modalità di spedizione Posta elettronica

AOOUSPLT Latina, 18 settembre 2013 Prot. n. 10086 Allegati n. Rif. Prot. n. Modalità di spedizione Posta elettronica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio UFFICIO XII Ambito territoriale per la provincia di Latina UFFICIO PENSIONI Via Legnano 34-04100 Latina

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania CENTRO DI SERVIZI AMMINISTRATIVI BENEVENTO

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania CENTRO DI SERVIZI AMMINISTRATIVI BENEVENTO AREA DELLE RISORSE UMANE - Trattamenti giuridico - economici - Comparto scuola Prot. n. 8701 A 33 Benevento, 30.11.2006 Ai Dirigenti Scolastici della Provincia LORO SEDI e p.c. Alla Sede Provinciale dell

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL II 5 1 0306640 Roma, 24 luglio 2012 All.:

Dettagli

Ministero della Difesa Scuola di formazione e perfezionamento del Personale Civile della Difesa Via Mattia Battistini, 113/117 00167 Roma

Ministero della Difesa Scuola di formazione e perfezionamento del Personale Civile della Difesa Via Mattia Battistini, 113/117 00167 Roma Ministero della Difesa Scuola di formazione e perfezionamento del Personale Civile della Difesa Via Mattia Battistini, 113/117 00167 Roma Roma lì, 15 marzo 2012 ELENCO INDIRIZZI ALLEGATO Ufficio Corsi

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DEGLI AFFARI GENERALI Divisione 2 - Reclutamento

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

CONFERIMENTO DEL TFR NUOVE ASSUNZIONI

CONFERIMENTO DEL TFR NUOVE ASSUNZIONI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE N. CL 13/2008 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AUTORITA DI BACINO DELLA BASILICATA UFFICIO AFFARI GENERALI ED ORGANIZZATIVI 80D STRUTTURA PROPONENTE COD. N 80D/ 2014 /D.073 DEL 19/05/2014 OGGETTO: SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco SEDE

e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco SEDE Alle Direzioni Centrali LORO SEDI All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. LORO SEDI Ai Comandi provinciali VV.F. LORO SEDI Agli Uffici di diretta collaborazione del

Dettagli

Le regole da rispettare

Le regole da rispettare SCHEDA RIEPILOGATIVA NOTA MINISTERIALE PREMESSA Per poter andare in pensione con decorrenza 1 settembre 2016, gli interessati devono presentare DUE domande, a due soggetti diversi ( le due domande sono

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PARTE I - Disposizioni generali... 2 ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Circolazione dei dati all'interno dell'università...

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS E LA GUARDIA DI FINANZA

PROTOCOLLO DI INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS E LA GUARDIA DI FINANZA Allegato A Autorità per l energia elettrica e il gas Guardia di Finanza PROTOCOLLO DI INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS E LA GUARDIA DI FINANZA

Dettagli

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli DETERMINAZIONE N. 486 del 01/08/2014 SETTORE 1 / PERSONALE Oggetto : DIPENDENTE MATR. N. 103 OPERATORE - COLLOCAMENTO A RIPOSO PER RAGGIUNTI LIMITI DI ETA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: Prot. n. 2010/188381 Criteri e modalità di inclusione delle partite IVA nell archivio informatico dei soggetti autorizzati a porre in essere operazioni intracomunitarie ai sensi del comma 15-quater dell

Dettagli

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Il sottoscritto conferma di aver preso visione dello Statuto e della Nota

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE NAPOLI 2015 Prefazione Con l art. 23 della L. 247/12, istitutiva del nuovo ordinamento forense, viene portato a termine

Dettagli

# $ % & '& ( ) * ' ( + &,. ' & & /& 0 1 ' & 5 6-1 ' 6 7 5 ' & & * * %++)%#(!$%"' #, )-(+. % ' &

# $ % & '& ( ) * ' ( + &,. ' & & /& 0 1 ' & 5 6-1 ' 6 7 5 ' & & * * %++)%#(!$%' #, )-(+. % ' & COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto!" # $ % ( ) * ( +!" #!$% (, -*,. / 0 1 2 *! ($ ) ( ( $ 2. 3 * # * 4 %# 5 6-1 6 7 5 * * %++)%#(!$%" #, )-(+. %, ( * 7 8. 4 4 9 8. / / " *6 6 4 ) : ; < 5 2= 6 +

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Adottato dalla Giunta Comunale nella seduta del 26.3.2003 con provvedimento n. 330/11512 P.G. Modificato

Dettagli

FONDO UNICO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO I RISCHI DI NON AUTOSUFFICIENZA DEI DIPENDENTI DEL SETTORE ASSICURATIVO

FONDO UNICO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO I RISCHI DI NON AUTOSUFFICIENZA DEI DIPENDENTI DEL SETTORE ASSICURATIVO FONDO UNICO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO I RISCHI DI NON AUTOSUFFICIENZA DEI DIPENDENTI DEL SETTORE ASSICURATIVO RICHIESTA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA (da inviare a mezzo

Dettagli

COMUNE DI TREGNAGO Provincia di Verona. Regolamento comunale per il conferimento degli incarichi di collaborazione esterna

COMUNE DI TREGNAGO Provincia di Verona. Regolamento comunale per il conferimento degli incarichi di collaborazione esterna COMUNE DI TREGNAGO Provincia di Verona Regolamento comunale per il conferimento degli incarichi di collaborazione esterna Approvato con D.G.C. n. 104 del 31.07.2008 Modificato con D.G.C. n. 139 del 30.10.2008

Dettagli

ForzeArmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE:

ForzeArmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE: ForzeArmate.org SIDEWEB è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza pluriennale di coloro che hanno operato per anni nelle organizzazioni di tutela individuale e collettiva, contribuendo

Dettagli

INFORMATIVA N. 68. Roma, 22/07/2002

INFORMATIVA N. 68. Roma, 22/07/2002 Roma, 22/07/2002 Alla Direzione Centrale per la Segreteria del Consiglio di Amministrazione Organi Collegiali e Affari Generali SEDE Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, ROMA Diramazione fino a livello di Comando di corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186-00143 Prot. n. M_D GMIL II 5 1 0059872 Roma, 9 febbraio 2011

Dettagli

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco REGISTRO UFFICIALE USCITA Prot. n. 19712 del 05/10/2015 s.06.04.01 Lavori Preparatori Alle All Alle Ai Agli Agli Direzioni Centrali LORO SEDI Ufficio Centrale Ispettivo SEDE Direzioni Regionali e Interregionali

Dettagli

SETTORE ENERGIA E PETROLIO

SETTORE ENERGIA E PETROLIO SETTORE ENERGIA E PETROLIO VARIAZIONE DELL OPZIONE SANITARIA DIPENDENTI - Mod. VO 01/10 - Il presente modulo dovrà pervenire al Fondo Sanitario al seguente indirizzo: FASIE - CASELLA POSTALE 140, 31021

Dettagli

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativo Roma, 28/11/2008 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito Roma

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito Roma MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito 186 00143 Roma Prot. n. M_D GMIL0 V SSS 0139158 Roma 29 marzo 2011 All.: 1; ann. //. OGGETTO: Annotazione di pubblicazioni

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

MODELLO 9009 DOMANDA PER CONTRIBUTO PER ASSISTENZA PERSONALE PERMANENTE

MODELLO 9009 DOMANDA PER CONTRIBUTO PER ASSISTENZA PERSONALE PERMANENTE MODELLO 9009 DOMANDA PER CONTRIBUTO PER ASSISTENZA PERSONALE PERMANENTE -, Italia Contact Center 199.30.30.33 - www.enasarco.it INFORMAZIONI UTILI La domanda dovrà essere inviata entro e non oltre il 30/06/2016.

Dettagli

Ordinanza n. 114 del 3 Ottobre 2013

Ordinanza n. 114 del 3 Ottobre 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 2, DEL D.L. N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 122/2012 Ordinanza n. 114 del 3 Ottobre 2013 Approvazione disposizioni

Dettagli

CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano-Cusio-Ossola

CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano-Cusio-Ossola CITTA DI OMEGNA Provincia del Verbano-Cusio-Ossola REGOLAMENTO PER L AGEVOLAZIONE DELLE NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI E DI LAVORO AUTONOMO (Aggiornato alla Deliberazione di CC nr. 45 del 29/04/2010) INDICE

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

Aeronautica Militare Comando Logistico Servizio di Commissariato ed Amministrazione

Aeronautica Militare Comando Logistico Servizio di Commissariato ed Amministrazione M_D ARM003 0083915 31-07-2015 Aeronautica Militare Comando Logistico Servizio di Commissariato ed Amministrazione M_D.ARM003.. / / Viale dell Università, 4 00185 Roma P.d.c.: Ten. Col. Domenico CARUSO

Dettagli

C O M U N E D I S A R E Z Z O PROVINCIA DI BRESCIA

C O M U N E D I S A R E Z Z O PROVINCIA DI BRESCIA Allegato A C O M U N E D I S A R E Z Z O PROVINCIA DI BRESCIA P.ZZA CESARE BATTISTI, N. 4 25068 SAREZZO WWW.COMUNE.SAREZZO.BS.IT REGOLAMENTO PER L INTERPELLO DEL CONTRIBUENTE Approvata con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE IV REPARTO - TRATTAMENTO ECONOMICO Viale dell'esercito, ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE IV REPARTO - TRATTAMENTO ECONOMICO Viale dell'esercito, ROMA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE IV REPARTO - TRATTAMENTO ECONOMICO Viale dell'esercito, 186-00143 M 0 GMll1 IV 10 0285493 All.: 2; ann.: II 111111\\111\\1\1111\\1111\\\1\1\1\

Dettagli

MODELLO 9003 DOMANDA DI CONTRIBUTO PER ASILO NIDO

MODELLO 9003 DOMANDA DI CONTRIBUTO PER ASILO NIDO MODELLO 9003 DOMANDA DI CONTRIBUTO PER ASILO NIDO -, Italia Contact Center 199.30.30.33 - www.enasarco.it INFORMAZIONI UTILI La domanda dovrà essere inviata entro e non oltre il 31/10/2016 e si può scegliere

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 511031/2004 del 01/03/2005 Preambolo IL CONSIGLIO PROVINCIALE Visto l art. 117, comma

Dettagli

ELENCO SPECIALE. (Domanda da trascrivere in Carta Bollata da 16) (Si può anche applicare una marca al presente fac-simile) Cartaceo Telematico Cd-Rom

ELENCO SPECIALE. (Domanda da trascrivere in Carta Bollata da 16) (Si può anche applicare una marca al presente fac-simile) Cartaceo Telematico Cd-Rom ELENCO SPECIALE (Domanda da trascrivere in Carta Bollata da 16) (Si può anche applicare una marca al presente fac-simile) Al Consiglio regionale dell'ordine dei Giornalisti del Lazio Piazza della Torretta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA - 1 - INDICE REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA 3 ART. 1 3 ART. 2 3 ART. 3 3 ART. 4 4 ART. 5 4 ART. 6 4 ART. 7 4 ART.8 4 ART. 9 4 ART.

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail. COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.it bollo di 16,00 da apporre solo se si richiedono copie conformi Al Responsabile

Dettagli

COMUNE DI POGGIO A CAIANO

COMUNE DI POGGIO A CAIANO COMUNE DI POGGIO A CAIANO (Provincia di Prato) ACCORDO TRA IL COMUNE DI POGGIO A CAIANO E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO AUSER, ANTEA E ADA PER L INSERIMENTO DI ANZIANI, PENSIONATI O IN ETA PENSIONABILE,

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Prot. n. M_D GMIL II Roma, 29 luglio 2009 All.: 1

Prot. n. M_D GMIL II Roma, 29 luglio 2009 All.: 1 . MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL II 5 1 0343053 Roma, 29 luglio 2009 All.: 1 OGGETTO: Subentro dell Istituto nazionale

Dettagli

INPS - Messaggio 21 luglio 2014, n. 6182

INPS - Messaggio 21 luglio 2014, n. 6182 INPS - Messaggio 21 luglio 2014, n. 6182 Adempimenti contributivi/previdenziali su compensi liquidati a medici esterni, convenzionati con l Istituto ovvero di categoria. Si comunica che, a seguito di approfondimenti

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 30/10/2014 Circolare n. 136 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

OGGETTO: Disciplina della procedura di mobilità volontaria nazionale 2012. Circolare

OGGETTO: Disciplina della procedura di mobilità volontaria nazionale 2012. Circolare Direzione Centrale del Personale Settore Gestione del Personale Ufficio Mobilità e Personale Centrale Roma, 25 maggio 2012 Alle Direzioni Regionali LORO SEDI Agli Uffici Centrali LORO SEDI Prot. n. 2012/73668/IM

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Oggetto: Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell art.1, comma 3, della Legge 23 agosto 2004, n.243.

Oggetto: Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell art.1, comma 3, della Legge 23 agosto 2004, n.243. A tutto il personale SEDE Oggetto: Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell art.1, comma 3, della Legge 23 agosto 2004, n.243. La legge n.243/04, di riforma delle pensioni,

Dettagli

RICHIESTA TRASFERIMENTO FONDO PENSIONE APERTO E PIP

RICHIESTA TRASFERIMENTO FONDO PENSIONE APERTO E PIP Spettabile Via Imperia, 35 20142 Milano RICHIESTA TRASFERIMENTO FONDO PENSIONE APERTO E PIP Richiesta inoltrata personalmente Richiesta inoltrata tramite la Filiale, oppure l Ufficio del Personale di:

Dettagli

INFORMATIVA SULLA PRIVACY. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196

INFORMATIVA SULLA PRIVACY. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 INFORMATIVA SULLA PRIVACY Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 Il sito www.worky-italy.com (di seguito, il Sito ) tutela la privacy dei visitatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ADESIONI A FORZA ITALIA ANNO 2014

REGOLAMENTO PER LE ADESIONI A FORZA ITALIA ANNO 2014 REGOLAMENTO PER LE ADESIONI A FORZA ITALIA ANNO 2014 Art. 1 E istituito nell ambito della struttura nazionale, di cui all articolo 11 dello Statuto di Forza Italia, il Settore Adesioni. Art. 2 Il Settore

Dettagli

rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille

rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille Come è noto, l articolo 63-bis del decreto legge indicato in oggetto ha riconosciuto al contribuente, per l anno finanziario 2009 la facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO ED IN PROVA/VISIONE

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO ED IN PROVA/VISIONE REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO ED IN PROVA/VISIONE 1 PREMESSA Al fine di favorire la qualità dei servizi prestati per l ampliamento

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres. L.R. 13/2004, artt. 4 e 12 B.U.R. 1/12/2004, n. 48 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres. Allegato A Regolamento recante criteri e modalità di inserimento nel Registro delle

Dettagli

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI Palermo Prot. n. 99264 del 02 dicembre 2010 Allegati n.1 OGGETTO: Procedure per l espletamento delle attività già di competenza dei soppressi comitati provinciali per l albo degli autotrasportatori di

Dettagli

Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali

Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali REGIONE PUGLIA Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO in Puglia Azione di informazione e formazione per gli Enti di Servizio Civile Nazionale

Dettagli

IL AREA AMMINISTR.CONTABILE

IL AREA AMMINISTR.CONTABILE OGGETTO: Manutenzione ordinaria arredo urbano. Affidamento alla Cooperativa Promozione Lavoro di San Bonifacio. IL AREA AMMINISTR.CONTABILE RICHIAMATA la delibera di Giunta Comunale n. 13 del 01.03.2012,

Dettagli

OGGETTO: Trattamento fiscale dell associazione medica esercente la medicina di gruppo

OGGETTO: Trattamento fiscale dell associazione medica esercente la medicina di gruppo RISOLUZIONE 369/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dell associazione medica esercente la medicina di gruppo Con l istanza di interpello di

Dettagli

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 7213 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio 1999, n. 11. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO Art.

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Repertorio n. 38/2015 Prot. n. 537 del 28/05/2015 Tit. VII Cl. 16 Fasc. 2015-1 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA VISTO il D.Lgs 165/2001 ed in particolare l art. 7, co. 6; VISTA la legge 133/2008;

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole DIPARTIMENTO DELLE FILIERE AGRICOLE E AGROALIMENTARI DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA E DELL ACQUACOLTURA VISTO il decreto legislativo 26 maggio 2004, n. 154,

Dettagli