CAPITOLATO D'APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO D'APPALTO"

Transcript

1 COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino CAPITOLATO D'APPALTO PER LA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI E PRODOTTI VARI DI CONSUMO PER LE MENSE SCOLASTICHE. ART. 1 Oggetto delle forniture L'appalto ha per oggetto la fornitura periodica continuativa di generi alimentari e prodotti vari di consumo per le mense scolastiche per Tanno scolastico 2012/2013 dal 1 A ottobre 2012 fino al 31 luglio La fornitura consta di nove lotti identificati rispettivamente con le lettere "A", "B", "C", "D", "E", "jt" "Q" "H" " " "[_" * lotto "A" comprende le categorie di prodotti - latticini e formaggi sottovuoto; lotto "B" comprende la categoria di prodotti - surgelati; lotto "C" comprende la categoria di prodotti - pasta e confettura biologica; lotto "D" comprende la categoria di prodotti - pane; lotto "E" comprende la categoria di prodotti - carne nazionali; lotto "F" comprende le categorie di prodotti - detersivi e carta; lotto "G" comprende la categoria di prodotti - generi alimentari ; lotto "H" comprende la categoria di prodotti - frutta e verdura; lotto "I " comprende la categoria di prodotti - gelati; lotto U L" comprende la categoria di prodotti - olio extravergine DOP Cartoceto; Ogni categoria comprende una serie di prodotti indicati con le quantità relative nelle apposite schede predisposte dall'ufficio Servizi Sociali per l'invito alla gara informale. ART. 2 Durata della fornitura La fornitura dei prodotti avrà durata annuale con decorrenza dal giorno 1 ottobre 2012 fino al 31 luglio ART. 3 Offerte e loro validità L'offerta dovrà essere formulata compilando, nella parte che interessa, le allegate schede che dovranno essere sottoscritte dal titolare della ditta o dal suo legale rappresentante. L'offerta dovrà indicare: il prezzo dell'unità di misura in cui sono espresse le quantità del singolo prodotto, ( euro al kg., euro al lt., euro cadauno ecc.); il costo totale della quantità prevista per ogni prodotto (ottenuto moltiplicando il prezzo dell'unità di misura per le quantità previste );

2 il numero del lotto per la rintracciabilità dei prodotto in ottemperanza alle vigenti normative. Sono ritenute valide le offerte per una sola categoria, per più categorie o per tutte le categorie di prodotti. Non sono ammesse offerte per singoli prodotti. // prezzo in sede di aggiudicazione rimarrà invariato per ia durata dell'appalto con esclusione di qualsiasi revisione dei prezzi tranne che per la fornitura di frutta e verdura per la quale si prevede l'adeguamento dei prezzi a seguito richiesta documentata del fornitore motivata da eventi eccezionali, debitamente verificata e concordata con l'ufficio comunale preposto al servizio, in conseguenza di variazioni stagionali significative dei orezzi al consumo. ART. 4 Ammissione delle offerte L'offerta dovrà pervenire entro il termine sopra indicato, in busta chiusa, recante all'esterno la dicitura : "Gara informale con il criterio del prezzo più basso per la fornitura di generi alimentari e prodotti di consumo per le mense scolastiche anno scolastico 2012/2013". All'interno della busta contenente l'offerta dovrà essere inserita una dichiarazione sottoscritta dal titolare o dal legale rappresentante con la quale la ditta attesti sotto la propria responsabilità : 1. di non trovarsi nelle condizioni di incapacità a contrattare con la Pubblica Amministrazione; 2. di essere iscritta alla C.C.I.A.A.; 3. l'assenza di provvedimenti o procedimenti previsti dalla legislazione antimafia; 4. di accettare integralmente le condizioni di cui al presente invito e del relativo capitolato allegato allo stesso. 5. di essere in possesso di autorizzazione sanitaria n del ; 6. di aver adottato un piano di autocontrollo (HACCP), nel rispetto del D.Lgs. 155/97 con relativo documento ai sensi deh'art.3 comma 2 del citato decreto, anche in relazione agli automezzi da adibire al trasporto dei generi alimentari; 7. di garantire l'igiene e la salubrità dei prodotti richiesti; 8. per la sesta categoria di prodotti denominata "CARNE" dovrà essere allegata la dichiarazione attestante le caratteristiche della carne bovina prevista dall'allegato A. ART. 5 Aggiudicazione della fornitura L'aggiudicazione verrà effettuata alla ditta che avrà presentato l'offerta economicamente più vantaggiosa per singola categoria di prodotti, riservandosi comunque l'amm.ne la discrezionalità di non aggiudicare affatto la fornitura per qualsiasi ragione lo ritenesse opportuno, senza che, nel caso di quest'ultima circostanza, la ditta offerente possa pretendere indennizzi o rimborsi spesa di sorta. Pertanto la richiesta di offerta di cui in oggetto non è vincolante per l'amm.ne. ART. 6 Fornitura di altri beni Eventuali beni non previsti nel capitolato ma di normale produzione e comunque commissionabili potranno essere richiesti al fornitore che si impegna alla consegna. Il prezzo sarà quello di vendita al pubblico al momento della fornitura.

3 ART. 7 Modalità di consegna e sostituzione di prodotti non idonei La ditta aggiudicataria dovrà procedere alla consegna giornaliera dei generi alimentari secondo le ordinazioni del personale addetto alla cucina entro le ore 8,00, presso La ditta dovrà fornire le seguenti scuole: - Scuola materna Cartoceto - Via Peschiera; - Scuola materna Lucrezia - Via della Repubblica; - Scuola materna Pontemurello. - Via C. Colombo; La merce dovrà essere trasportata in automezzi idonei e specifici per il trasporto di alimenti e alle temperature previste, secondo quanto disposto dalla normativa vigente, pertanto dovrà essere inserita apposita dichiarazione nella quale il titolare della ditta si impegna, in caso di assegnazione della fornitura, a consegnare la merce al domicilio di tutte le mense scolastiche, con trasporto a proprio carico. 3. La merce dovrà essere depositata nel luogo indicato dall'addetta alla refezione scolastica, la quale prowederà ai controlli e prenderà in carico la merce. 4. Dovrà comunque essere garantita la puntualità della consegna per non creare gravi ripercussioni sui programmi di lavoro degli addetti al servizio di refezione. 5.1 generi alimentari oggetto della fornitura saranno richiesti alla ditta aggiudicataria dai responsabili delle cucine; tali generi dovranno essere accompagnati da un documento di trasporto delle merci. 6. In caso che i ritardi nei termini di consegna siano ripetuti e tali da provocare disagi nella preparazione dei pasti, il Comune a suo insindacabile giudizio, potrà risolvere il contratto. 7. Qualora il fornitore si trovi nell'impossibilità di fornire il prodotto/merce espressamente richiesta, per temporanea indisponibilità dello stesso, e ne fornisca altro di qualità superiore, il prezzo dovrà rimanere invariato così come risultante in sede di offerta. 8. Laddove il personale della refezione dovesse, a suo insindacabile giudizio, valutare il prodotto presentato come non conforme al capitolato e/o non di qualità superiore, la merce si intenderà non consegnata, quindi la ditta fornitrice a propria cura e spese dovrà provvedere al ritiro e alla immediata sostituzione. 9. Ogni rischio o danno durante la consegna, derivante dalle persone incaricate dei trasporti, dagli stessi mezzi di trasporto, dal personale dipendente della ditta o comunque da terzi, rimarranno a carico esclusivamente del fornitore che se le assume, senza nulla pretendere nei confronti dell'ente appaltante. 10. In ottemperanza alle leggi vigenti in materia di organismi geneticamente modificati (Reg.CE 1139/1998; Reg. CE 49/2000; Reg. CE 50/2000), la ditta aggiudicataria dovrà attestare che le derrate alimentari fornite non contengono ingredienti di natura transgenica. ART. 8 Accertamenti sulla merce 1. Il Comune si riserva la facoltà di accertare l'esatta corrispondenza qualitativa e quantitativa della merce mediante perizie ed analisi, al fine di determinare la perfetta corrispondenza della merce stessa a quella richiesta. 2. Se da un esame sommario, la merce consegnata risultasse di qualità inferiore a quella richiesta, il Comune, per mezzo dei propri addetti potranno rifiutare la merce e pretenderne la sostituzione e ove ciò non avvenga, procedere ad acquisti di merce in danno del fornitore. 3. I costi relativi a quantitativi di merce eventualmente prelevati per il campionamento effettuato dalle Autorità deputate al controllo ufficiale sono a carico del fornitore. Viene inoltre riconosciuto al Comune il diritto al risarcimento dei danni subiti sia direttamente sia di quelli

4 derivanti dal consumo. Pertanto l'acquirente dovrà essere sollevato da ogni conseguenza derivante dal consumo della merce che viene fornita. 4. La Ditta aggiudicataria dovrà rispettare ed assolvere tutti gli adempimenti di cui al D. Lgs , n. 81 e successive modificazioni in materia di sicurezza e igiene del lavoro diretta alla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali. I prodotti dovranno rispettare sia le marche che le pezzature indicate. Dove la marca non é espressamente indicata dovrà essere fornito il prodotto con il marchio della ditta aggiudicataria. Qualora ciò non sia possibile sarà il personale incaricato che indicherà il marchio e il tipo di prodotto da fornire. II costo del nuovo prodotto non potrà essere superiore a quello del prodotto originario. ART. 9 Divieto di cessione della fornitura E' assolutamente vietata ogni cessione, anche parziale, della fornitura. ART. 10 Condizioni di pagamento Tutti i quantitativi sono indicati in via presuntiva cosicché le condizioni dovranno restare immutate se all'atto pratico la fornitura dovesse essere di importo maggiore o minore, senza rappresentare alcun vincolo per l'ente. Il fornitore dovrà presentare mensilmente le relative fatture attenendosi alle disposizioni di legge in vigore. Le fatture saranno pagate di norma entro 60 giorni dalla data di presentazione all'ufficio Protocollo e comunque solo in seguito ad apposita verifica della permanenza della regolarità contributiva e assicurativa dell'appaltatore (DURC). ART. 11 Tracciabilità flussi finanziari Ai sensi deh'art.3 della Legge 136/2010 e ss.mm. il p agamento a favore dell'aggiudicatario sarà effettuato esclusivamente mediante bonifico bancario o postale ovvero con altri strumenti di pagamento idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni sul conto dedicato, anche se in via non esclusiva, alle commesse pubbliche. Lo strumento di pagamento riporterà, in relazione a ciascuna transazione, il codice identificativo di gara (CEG) attribuito dall'autorità di Vigilanza sui contratti pubblici. L'appaltatore dovrà comunicare gli estremi identificativi del conto corrente dedicato, nonché le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su esso. L'appaltatore è obbligato altresì a comunicare ogni modifica relativa ai dati trasmessi. Il mancato utilizzo del bonifico bancario o postale ovvero degli altri strumenti idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni costituisce causa di risoluzione del contratto. ART. 12 Regolarità Il riscontro della regolarità della fornitura sarà determinato dall'apposizione delle firme dei cuochi sulle bolle di consegna che attestano l'esattezza delle quantità e l'adeguata qualità dei prodotti ritirati. La firma di liquidazione sulle fatture mensili da parte del responsabile del Settore Servizi Sociali attesta che i prezzi di volta in volta applicati sono conformi a quelli stabiliti contrattualmente. ART. 13 Risoluzione del contratto 1. Il Comune si riserva la facoltà di risolvere il contratto, oltre che nei casi previsti dalla legge, nei seguenti casi di inadempimento:

5 (a) sospensione o mancata esecuzione del servizio anche parziale e gravi disservizi nella consegna dei prodotti; (b) fornitura di prodotti scaduti; (c) ripetute violazioni degli obblighi contrattuali, non risolte dalla ditta neanche in seguito a diffida; (d) nel caso in cui la fornitura risulti in tutto o in parte di qualità inferiore o di condizioni diverse da quelle stabilite o comunque non conformi ai requisiti pattuiti. 2. Nelle ipotesi previste dal presente articolo si procederà a contestare per iscritto le violazioni, concedendo al fornitore un termine non superiore a 8 giorni per presentare le proprie controdeduzioni. Valutate le stesse verrà adottato il provvedimento conclusivo del procedimento. ART. 14 Revoca gara e rinuncia all'aggiudicazione Il Comune si riserva la facoltà insindacabile di non dar luogo alla gara stessa, di revocarla in qualsiasi momento o di prorogarne la data senza che i concorrenti possano accampare alcuna pretesa al riguardo. ART. 15 Controversie Per tutte le controversie che dovessero sorgere nell'esecuzione degli obblighi previsti nel presente capitolato fra le parti, queste saranno deferite alla competenza dell'autorità giudiziaria ordinaria. ART. 16 Riservatezza delle informazioni e trattamento dei dati E dati personali forniti dai concorrenti, obbligatori per le finalità connesse alla procedura di gara e per l'eventuale successiva stipula e gestione del contratto, saranno trattati dalla società appaltante Comune di Cartoceto conformemente alle disposizioni del D.lgs.n.196/2003 e saranno comunicati ai terzi solo per motivi inerenti la gara di appalto, la stipula e la gestione del contratto.

6 ALLEGATO A CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE SPECIFICHE PER OGNI DERRATA AUMENTARE LA CARNE Il fornitore dovrà dimostrare di essere in possesso di almeno uno dei seguenti riconoscimenti: marchio I.G.P. (chiantna, marchigiana e romagnola) o altro marchio comunitario riconoscimento a livello regionale e/o appartenenza a consorzi di allevatori marchigiani; marchio carni biologiche (in ottemperanza al regolamento europeo sull'agricoltura biologica); Il fornitore dovrà, inoltre, essere in possesso dell'autorizzazione al deposito e commercializzazione di alimenti confezionati ai sensi della normativa vigente. Dovranno essere fornite solo carni fresche. Le carni dovranno presentare i requisiti di conformità ai sensi del Reg. 853/04 e successivi aggiornamenti e nel rispetto delle disposizioni riguardanti l'etichettatura, come da regolamenti CEE 1760 e 1825 del Dovranno essere prive di sostanze ad attività antibatterica o anabolizzante e dei loro prodotti di trasformazione, come stabilito dal D.Lgs n Per la produzione, il commercio e il trasporto valgono le disposizioni dei Reg. CE 852 e 853 del 2004 e loro modifiche; per il trasporto valgono anche le disposizioni del D.P.R.26/3/1980 n.327. Non saranno accettate carni in stato di congelamento o carni decongelate. Le carni fresche dovranno essere consegnate ad una temperatura compresa tra 0 C e + 7 C. Carni Bovine. Le carni devono appartenere a capi bovini giovani di produzione marchigiana e di età massima 18 mesi, in ottimo stato di nutrizione e non eccessivamente grassi. La percentuale di grasso non deve superare il 3%. Le carni consegnate dovranno presentarsi prive di parti insanguinate o insudiciate e dovranno avere tagli anatomici netti, freschi e puliti. Dovranno essere stati macellati presso mattatoi e laboratori di sezionamento riconosciuti ai sensi del Reg. CE 853/04 ess.mm.. Le carni non confezionate dovranno essere tenere e al punto giusto di frollatura (macellazione effettuata da almeno 7 giorni prima della consegna e non oltre 13). Le carni consegnate devono provenire dai seguenti tagli anatomici: fesa, sottofesa e noce di vitellone per bistecche, cotolette; - noce, muscoli di spaila, girello per spezzatino, arrosto; spalla da destinare a macinato per hamburger o polpette; - bìancostato, reale, spalla, punta di petto per macinato per ragù; - girello, per bistecche alla pizzaiola. Le carni dovranno essere consegnate alle presenti condizioni: che le superfici di taglio si mostrino fresche e di colore vivo; che sia trasportata in recipienti idonei e autorizzati a norma delle leggi vigenti; che pervenga a temperatura compresa tra 0 e +7 C; che non sia stata sottoposta a lavorazione con macchine inteneritrici. Fatto salvo quanto specificamente richiesto, tutta la merce fornita dovrà comunque essere prodotta, confezionata e commercializzata secondo le vigenti disposizioni di legge. In particolare, come per tutti i prodotti destinati all'alimentazione, si richiede il rispetto dei limiti di

7 quantità dei residui delle sostanze attive dei presidi sanitari tollerate, nonché degli intervalli di sicurezza che devono intercorrere tra l'ultimo trattamento e la raccolta o l'immissione nel circuito di distribuzione, così come stabiliti dalle normative vigenti al momento della consegna della fornitura. Dovrà essere garantita la rintracciabilità come stabilito dal Reg. Ce 178/2002.e quindi sull'etichetta debbono essere riportate tutte le informazioni commerciali di un normale scontrino da banco, con l'aggiunta dei dati relativi all'origine della carne. Informazioni riportate: -denominazione completa del punto vendita e relativo codice univoco; -numero di lotto di carne bovina in vendita; -paese di nascita di ciascun animale o denominazione e sede dell'azienda di nascita; -denominazione e sede dell'azienda in cui ha avuto luogo tutta la fase d'ingrasso o parte di essa. Se l'ingrasso è parziale risulterà indicata la data d'ingrasso dell'animale in allevamento dal... ; -denominazione e sede del macello dove è avvenuta la macellazione; -numero di identificazione dell'animale, categoria, sesso e razza; -data di macellazione; -denominazione dell'organizzazione. Il fornitore dovrà perciò assicurare un sistema di certificazione della carne, in grado di affermare, in modo certo e con estrema sicurezza, provenienza e caratteristiche di ogni singolo taglio di carne. Carni suine Devono essere di 1 "qualità e presentare, per quanto applicabili, i requisiti delle carni bovine, ed inoltre: -provenire da animali adulti di allevamenti italiani e stabilimenti di macellazione e sezionamenti italiani abilitati nell'ambito della CEE e pertanto muniti di bollo CEE M (macellazione) ed S (sezionamento). -essere accompagnate da una certificazione di provenienza presentare tutte le caratteristiche di freschezza: colore roseo, aspetto vellutato, grana molto fine, tessitura compatta, consistenza pastosa al tatto, venatura scarsa. Pollame Le carni debbono provenire da animali allevati in Italia, macellati e sezionati in stabilimenti autorizzati CEE ai sensi del D.P.R. 495/97 e possedere i requisiti igienico sanitari previsti da detta normativa. Gli animali da cui provengono le carni non devono essere stati trattati con antibiotici ed essere stati allevati a terra. GENERI ALIMENTARI DIVERSI, PRODOTTI CONGELATI -SURGELATI, LATTE, LATTICINI E PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI DI GIORNATA INDICAZIONI GENERALI La frutta e la verdura devono: a) essere esclusivamente stagionali e raccolte al massimo nelle 48 ore precedenti la consegna. In particolare la frutta e le verdure fresche dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti: essere di buona qualità, sana, pulita, intera, turgida, non bagnata, né trasudante acqua di condensazione dovuta all'improvviso salto termico, esente da attacchi parassitari, di colorazione e maturazione non artificiale ed aver raggiunto il grado di maturazione che la renda idonea al pronto consumo. Non deve presentare ammaccature, abrasioni, alterazioni e tracce di incipiente putrefazione dovuta ad eccessiva conservazione.

8 b) provenire direttamente da Aziende Agricole che non facciano uso di O.G.M. e ne dovrà essere garantita la rintracciabilità. Sono esclusi dalla somministrazione i prodotti ortofrutticoli che: - abbiano subito procedimenti artificiali, impiegati al fine di ottenere anticipata maturazione ovvero che siano danneggiati per eccessiva conservazione; - siano attaccati da parassiti animali, vegetali, larve in attività biologica esistenti all'interno della frutta o della verdura. Legumi secchi: a richiesta potranno essere forniti: fagioli borlotti o cannellini, lenticchie, ceci, piselli, fave, in buono stato di conservazione, sgusciati, privi di muffe, di insetti o altri corpi estranei, uniformemente essiccati. La frutta e la verdura consegnata imballata, che risulti in qualche modo non utilizzabile per la preparazione della refezione (es. patate nere, cipolle marce, frutta marcia, ecc.) verrà contestata al fornitore, che prowederà a ritirarla e sostituirla. In conformità al Reg. CE 178/2002 gli operatori del settore alimentare devono disporre di sistemi e di procedure che permettano la rintracciabilità degli ingredienti e dei prodotti. I generi alimentari vari (compresi surgelati, congelati, latte e latticini) Tutti i prodotti dovranno avere data di scadenza non oltre 1/3 della vita commerciale, devono risultare indenni da infestanti, parassiti, larve, frammenti d'insetti, da muffe o da altri agenti infestanti. Tutta la merce fornita dovrà comunque essere prodotta, confezionata, e commercializzata secondo le vigenti disposizioni di legge in materia Olio extravergine di oliva Olio extravergine di oliva DOP Cartoceto. Pasta e confettura biologica Con il termine agricoltura biologica si intende una pratica agricola che ammette solo l'impiego di sostanze naturali, presenti cioè in natura, escludendo l'utilizzo di sostanze chimiche sintetizzate dall'uomo. Le etichette dei prodotti agricoli ottenuti con agricoltura biologica prevedono, oltre alle norme vigenti valide per tutti i prodotti alimentari, indicazioni particolari che ne permettono rapido e chiaro riconoscimento. Per indicare questi prodotti sono tre le possibili etichette che si possono trovare in commercio. DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: il riferimento al biologico è presente nella denominazione di vendita di prodotti ad ingrediente unico (frutta, verdura ) e di prodotti trasformati come "biscotti da agricoltura biologica" solo se almeno il 95% degli ingredienti di origine agricola è ottenuto con metodo biologico; IN CONVERSIONE ALLA AGRICOLTURA BIOLOGICA: se nell'etichetta compare questa dicitura si tratta di un prodotto che contiene un solo ingrediente di origine agricola, coltivato da almeno 12 mesi secondo le norme dell'agricoltura biologica. Gli ingredienti di origine non agricola, invece, devono rientrare nella lista positiva. Anche in questo caso è ammesso dalla legge il riferimento al biologico nella denominazione di vendita (per esempio: pasta da agricoltura biologica); INGREDIENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: gli alimenti con questa etichetta contengono soltanto il 70% di ingredienti di origine agricola ottenuti con il metodo biologico. Le etichette dei prodotti biologici devono riportare: 0 denominazione di vendita in cui è precisato che il prodotto è preparato unicamente con alimento proveniente da coltivazione biologica;

9 marchio dell'organismo di controllo che certifica la provenienza biologica del prodotto (questo marchio è facoltativo); nome dell'organismo di controllo ed estremi dell'autorizzazione ministeriale (questo nome è obbligatorio); codice ministeriale per l'ente certificatore: la sigla IT identifica l'ente come ITALIANO; codice del Produttore; codice del prodotto: la sigla T identifica i PRODOTTI TRASFORMATI, la sigia F quelli FRESCHI Pane E' vietato l'utilizzo e la somministrazione di pane surgelato o riscaldato. Non e' consentito l'impiego di alcun additivo. Il pane deve essere ben cotto e trasportato in contenitori adatti. I mezzi per il trasporto devono essere sempre adeguatamente puliti e le modalità di produzione e distribuzione devono essere tali da garantire una adeguata igiene dei prodotti fino al consumo, in osservanza delle vigenti leggi sugli alimenti. Acque minerali La fornitura prevista e' di confezioni a perdere da It. 1, 1,5 o 2 di acqua minerale naturale e gasata, che dovranno rispondere a tutte le condizioni previste dalla legge in vigore ed ai regolamenti per la disciplina della produzione e del commercio. Le confezioni dovranno essere contenute in appositi imballaggi accatastabili. Prodotti di pulizìa I prodotti di pulizia devono essere conformi a tutte le normative vigenti in materia di tutela dell'inquinamento e della salute pubblica. I prodotti forniti dovranno essere idonei all'uso cui sono destinati e forniti della relativa scheda tecnica.

COMUNE DI Provincia di

COMUNE DI Provincia di Oppure COMUNE DI Provincia di SCUOLA PARITARIA. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI RELATIVO ALLA FORNITURA DELLE DERRATE ALIMENTARI PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA ART. 1) OGGETTO DELL APPALTO Il presente

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

D I REZI O NE PAT R I M O NI O DEM AN I O E PROVVEDI TORAT O

D I REZI O NE PAT R I M O NI O DEM AN I O E PROVVEDI TORAT O PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO D I REZI O NE PAT R I M O NI O DEM AN I O E PROVVEDI TORAT O U F F I CIO PREVENZI O NE E PROTEZIONE CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO SERVIZIO MANUTENZIONE PERIODICA DEGLI ESTINTORI

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 4 DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI

Dettagli

Convitto Nazionale C. Colombo

Convitto Nazionale C. Colombo Genova, 18 novembre 2014 Prot.N. 12508/C14 del 18/11/2014 COD.CIG. Z8611C23D6 Spett. Ditta Pastificio Novella Via Caorsi, 6 16030 Sori (GE) pastificionovella@pec.pastificionovella.it Spett. Ditta Pastificio

Dettagli

BANDO DI GARA - Capitolato d'appalto - n. gara 4849383

BANDO DI GARA - Capitolato d'appalto - n. gara 4849383 CONVITTO NAZIONALE MARCO FOSCARINI con annesse Scuole Primaria Secondaria di I gr. Liceo Ginnasio Ordinamentale ed Europeo Cannaregio 4941/4942 VENEZIA 30131 Tel. 041/5221970 Fax 041/5239698 Prot. n.1264/c14

Dettagli

FORMAGGI FRESCHI E STAGIONATI BIOLOGICI CARATTERISTICHE GENERALI

FORMAGGI FRESCHI E STAGIONATI BIOLOGICI CARATTERISTICHE GENERALI Istituzione ai Servizi Sociali 'Davide Drudi' Comune di Meldola Provincia di Forlì-Cesena Strada Meldola San Colombano n. 1-47014 Meldola Tel 0543/49.99.20. Fax 0543/49.99.12 e-mail: issddrudi@libero.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la fornitura del servizio di assistenza domiciliare a favore degli

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Essere iscritti alla Camera di Commercio per attività industria produzione e confezionamento di pasti per la collettività.

Essere iscritti alla Camera di Commercio per attività industria produzione e confezionamento di pasti per la collettività. COMUNE DI NICOTERA Prov. di Vibo Valentia Tel. 0963/81420-81217 œfax 0963/81272 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI PASTI CALDI NELLE SCUOLE MATERNE, ELEMENTARI MEDIE A TEMPO PROLUNGATO

Dettagli

COMUNE DI TERNI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL'APPALTO

COMUNE DI TERNI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL'APPALTO COMUNE DI TERNI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL'APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto la fornitura di PRODOTTI SURGELATI, in alcune

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma)

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma) Repertorio n. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO (Provincia di Roma) CONTRATTO D APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SOCIALE E DOMICILIARE DESTINATO AI MINORI, DISABILI, ANZIANI RESIDENTI NEL

Dettagli

AVVISO DI GARA IL DIRIGENTE SCOLASTICO

AVVISO DI GARA IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO 1 - CHIARI "MARTIRI LIBERTA'" VIA PEDERSOLI - 25032 CHIARI (BS) TEL.:030712221-030711638 FAX 0307002201 COD. MEC.: BSIC865004 CF: 82003570171 Sede centrale: Sc. Sec. Di I grado "Morcelli":

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "Piero Della Francesca"

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Piero Della Francesca ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "Piero Della Francesca" Tel. 02/55691311 - Fax. 02/55600411 - C.F. 80129690154 - C.M. MIIS037006 - e-mail: istitutosuperiore@iisdellafra.it Via Martiri di Cefalonia, 46-20097

Dettagli

COMUNE DI IONADI ( Provincia di VIBO VALENTIA ) *************

COMUNE DI IONADI ( Provincia di VIBO VALENTIA ) ************* COMUNE DI IONADI ( Provincia di VIBO VALENTIA ) ************* AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO SCOLASTICO ********** Allegato alla determinazione Area Amministrativa n 74 del 10.10.2012 CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO

DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI MARTIGNANO Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO n.213/2015 Registro generale n. 63/2015 Registro dell Ufficio OGGETTO: Servizio mensa e servizio accompagnamento durante

Dettagli

Comune di Castel del Rio PROVINCIA DI BOLOGNA

Comune di Castel del Rio PROVINCIA DI BOLOGNA Comune di Castel del Rio PROVINCIA DI BOLOGNA CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA RIFERITA A PASTO DI DERRATE ALIMENTARI CRUDE, DI PRODOTTI E MATERIALI PER LA PULIZIA DELLA CUCINA E MATERIALI MONO USO,

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA. PERIODO 14/09/2015 30/06/2016. (CIG: 6358762865)

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA. PERIODO 14/09/2015 30/06/2016. (CIG: 6358762865) SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA. PERIODO 14/09/2015 30/06/2016. (CIG: 6358762865) CONVENZIONE TRA ENTE PUBBLICO E COOPERATIVA SOCIALE AI SENSI DELL ART. 5, COMMA 1 DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 1991, N. 381

Dettagli

Convitto Nazionale C. Colombo

Convitto Nazionale C. Colombo Genova, 18 novembre 2014 Prot. N.12504/C14 DEL 18/11/2014 Cod.CIG. Z0D11C258A Spett. Ditta:COOPERATIVA SOCIALE TERRE SOLIDALI Via Zeffiro Massa, 91 18038 San Remo (Imperia) info@terresolidali.it Spett.

Dettagli

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia Istituto di Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna Sede legale Via Fura, 96 C.F. 98092990179-25125 Brescia Tel. 030.3533151 030.3534893 Fax 030.3546123 e-mail: iabrescia@provincia.brescia.it sito

Dettagli

CAPITOLATO GENERALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI PER LE ESIGENZE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE.

CAPITOLATO GENERALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI PER LE ESIGENZE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE. CAPITOLATO GENERALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI PER LE ESIGENZE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE. Art.1 Oggetto Il presente capitolato generale disciplina le modalità e le condizioni

Dettagli

COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE.

COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE. Allegato D COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE. PERIODO 01/07/2015 30/06/2017. CIG: 61757348E CONVENZIONE

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

Manuale di buona prassi igienica

Manuale di buona prassi igienica Manuale di buona prassi igienica REVISIONE N. 1 2013 AGGIORNAMENTO E INTEGRAZIONE Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Revisione n. 1-2013 Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull

Dettagli

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari Dipartimento Amministrativo Capitolato Speciale d appalto Procedura Aperta per la fornitura di G.P.L. da riscaldamento con comodato d uso gratuito del serbatoio, per i corpi separati dell Azienda Ospedaliera

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni Protocollo n. 8035/C15 [LET_197-nuovo bando colazioni via Croce] Terni, lì 02/12/2014

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO "Francesco Crispi" TECNICO "Giovanni XXIII" PROFESSIONALE "A. Miraglia" Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Francesco Crispi" Via Presti, 2-92016 Ribera (Ag) Tel. 0925 61523 - Fax 0925 62079

Dettagli

U.O. Provveditorato-Economato

U.O. Provveditorato-Economato U.O. Provveditorato-Economato Tel 02 2394 2323 Fax 02 2394 2528 provveditorato@istituto-besta.it Procedura aperta per affidamento Coperture assicurative Periodo contratto: 3 anni con possibilità di rinnovo

Dettagli

OFFERTA - CONTRATTO PER LA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI PER L ASILO NIDO COMUNALE - ANNI SCOLASTICI 2008/2009, 2009/2010 E 2010/2011

OFFERTA - CONTRATTO PER LA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI PER L ASILO NIDO COMUNALE - ANNI SCOLASTICI 2008/2009, 2009/2010 E 2010/2011 OFFERTA - CONTRATTO PER LA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI PER L ASILO NIDO COMUNALE - ANNI SCOLASTICI 2008/2009, 2009/2010 E 2010/2011 La sottoscritta, in relazione alla richiesta di preventivo prodotta

Dettagli

Agenzia formativa accreditata presso la Regione Toscana CERTIFICAZIONE UNI EN ISO 9001:2008 SETTORE EA37 CERTIFICATO N. 9175

Agenzia formativa accreditata presso la Regione Toscana CERTIFICAZIONE UNI EN ISO 9001:2008 SETTORE EA37 CERTIFICATO N. 9175 Massa Marittima 22 ottobre 2013 Prot. n. 2262 D1 All Albo dell Istituto Agli Istituti della Provincia di Grosseto A tutti gli interessati Agli atti OGGETTO: Bando di gara per la fornitura dei prodotti

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Prot. n. 0004093/C14 Milano li 12/12/2014 Disciplinare gara per la fornitura delle derrate alimentari 1.PREMESSA Procedura negoziata senza previa pubblicazione ai sensi dell art. 125 del D.L.vo n. 163

Dettagli

Art. 4 Organizzazione del servizio e personale e oneri a carico della ditta aggiudicataria

Art. 4 Organizzazione del servizio e personale e oneri a carico della ditta aggiudicataria CAPITOLATO D APPALTO PER AFFIDAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MAGICA BULA E DELLA MENSA SCOLASTICA ALL. C Il Comune di Cagli intende provvedere all affidamento della gestione di alcuni servizi Nido

Dettagli

FORNITURA DI CANCELLERIA, CARTA, CARTONCINO e MATERIALE DA UFFICIO PER SERVIZI COMUNALI e SGP

FORNITURA DI CANCELLERIA, CARTA, CARTONCINO e MATERIALE DA UFFICIO PER SERVIZI COMUNALI e SGP , carta e cartoncino ALLEGATO A FORNITURA DI CANCELLERIA, CARTA, CARTONCINO e MATERIALE DA UFFICIO PER SERVIZI COMUNALI e SGP CAPITOLATO SPECIALE Art. 1 : OGGETTO DELLA GARA D APPALTO La gara d'appalto

Dettagli

DISCIPLINARE DI ASTA PUBBLICA PER L ALIENAZIONE DI CAPI BOVINI E EQUINI CON IL SISTEMA DELLE OFFERTE SEGRETE.

DISCIPLINARE DI ASTA PUBBLICA PER L ALIENAZIONE DI CAPI BOVINI E EQUINI CON IL SISTEMA DELLE OFFERTE SEGRETE. DISCIPLINARE DI ASTA PUBBLICA PER L ALIENAZIONE DI CAPI BOVINI E EQUINI CON IL SISTEMA DELLE OFFERTE SEGRETE. ARTICOLO 1 _ OGGETTO DELL ASTA E ADEMPIMENTI A CURA DELL AGGIUDICATARIO L'Ente Parco Regionale

Dettagli

CAPITOLATO D'ONERI PER SERVIZI DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE

CAPITOLATO D'ONERI PER SERVIZI DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE CAPITOLATO D'ONERI PER SERVIZI DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE 1. Oggetto della gara Oggetto del presente capitolato è la fornitura di servizi di interpretariato e traduzione per le attività della Provincia

Dettagli

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A ALLEGATO 1) FORNITURA MATERIALE ELETTRICO REDATTO DALL ASSISTENTE TECNICO SORANZO LORIS VISTO: IL DIRETTORE S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Arch. Antonietta PASTORE

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO

COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA PROV. DI PALERMO CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA CHE EFFETTUANO IL TEMPO PROLUNGATO

Dettagli

COMUNE DI BISACCIA PROVINCIA DI AVELLINO

COMUNE DI BISACCIA PROVINCIA DI AVELLINO COMUNE DI BISACCIA PROVINCIA DI AVELLINO Corso Romuleo n. 86 - C.A.P. 83044 - Cod.Fisc. 82001850641 - tel. 082789202 - fax 082789837 e mail: tecnico1@omune.bisaccia.av.it e mail pec: bisaccia.tecnico1@legalmail.it

Dettagli

COMUNE di MONGUZZO. (Regione Lombardia - Provincia di Como) Protocollo n. 2604/IM Monguzzo, 01 agosto 2007.

COMUNE di MONGUZZO. (Regione Lombardia - Provincia di Como) Protocollo n. 2604/IM Monguzzo, 01 agosto 2007. Protocollo n. 2604/IM Monguzzo, 01 agosto 2007. Oggetto: Bando di gara per appalto fornitura pasti per refezione scolastica per gli anni scolastici 2007/08 2008/09 2009/2010. BANDO DI GARA Si rende noto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 8 Circolo S. Pio X - Foggia

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 8 Circolo S. Pio X - Foggia Prot. N. 1530 /B15 Foggia, 25/06/2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO All Albo dell Istituto Sito web Alle Ditte invitate VISTA la determina dirigenziale prot. 1523/b15 del 23/06/2015, relativa all indizione della

Dettagli

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ART.1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente documento sono le clausole amministrative relative al contratto di appalto per la fornitura di prodotti alimentari surgelati per le esigenze delle mense

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE Art. 1 Oggetto della fornitura Art. 2 Importo dell appalto Art. 3 Caratteristiche della fornitura Art. 4 Criteri di aggiudicazione Art. 5 Termini e luoghi

Dettagli

CITTA DI VALDAGNO (Provincia di Vicenza)

CITTA DI VALDAGNO (Provincia di Vicenza) CITTA DI VALDAGNO (Provincia di Vicenza) DIREZIONE AFFARI GENERALI E SERVIZI AL CITTADINO CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI NECESSARIE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA COMUNALE

Dettagli

COMUNE di CASAL DI PRINCIPE Provincia di Caserta

COMUNE di CASAL DI PRINCIPE Provincia di Caserta 1 Art. 1-Oggetto dell appalto COMUNE di CASAL DI PRINCIPE Provincia di Caserta CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Il presente capitolato disciplina l affidamento del servizio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DISCIPLINARE DI GARA PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI n 75 CONDIZIONATORI D ARIA.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DISCIPLINARE DI GARA PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI n 75 CONDIZIONATORI D ARIA. REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DISCIPLINARE DI GARA PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI n 75 CONDIZIONATORI D ARIA. CIG 0179552AFC Informazioni generali Gara a procedura aperta Aggiudicazione ai sensi

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Procedura negoziata con aggiudicazione mediante il ricorso al criterio del prezzo più basso per la fornitura di lavoratori in somministrazione 1. Finalità e oggetto. Il presente atto

Dettagli

ART. 8 REQUISITI PER POTER PARTECIPARE ALLA GARA

ART. 8 REQUISITI PER POTER PARTECIPARE ALLA GARA CAPITOLATO SPECIALE AFFIDAMENTO SERVIZIO PER LA GESTIONE ZOOTECNICA DELL ALLEVAMENTO CAPRINO PRESSO L AZIENDA DI FORESTA BURGOS DEL DIPARTIMENTO. ART. 1 STAZIONE APPALTANTE La stazione appaltante è Agris

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI. (Provincia di Sassari) Via San Francesco n. 1 - Tel. 079/445200 fax 079/445240 www.comune.ittiri.ss.it

COMUNE DI ITTIRI. (Provincia di Sassari) Via San Francesco n. 1 - Tel. 079/445200 fax 079/445240 www.comune.ittiri.ss.it COMUNE DI ITTIRI (Provincia di Sassari) Via San Francesco n. 1 - Tel. 079/445200 fax 079/445240 www.comune.ittiri.ss.it Capitolato speciale d appalto OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA

Dettagli

C O M U N E DI G H I L A R Z A (Provincia di Oristano)

C O M U N E DI G H I L A R Z A (Provincia di Oristano) C O M U N E DI G H I L A R Z A (Provincia di Oristano) Capitolato d appalto per la gestione del servizio di mensa scolastica per le scuole pubbliche dell infanzia di Ghilarza per l anno scolastico 2015/2016-

Dettagli

Via Michele Iacobucci n.4 L Aquila Fax:0862 644728 http://www.consiglio.regione.abruzzo.it

Via Michele Iacobucci n.4 L Aquila Fax:0862 644728 http://www.consiglio.regione.abruzzo.it REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE DELL ABRUZZO DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA Servizio Risorse Finanziarie e Strumentali Via Michele Iacobucci n.4 L Aquila Fax:0862 644728 http://www.consiglio.regione.abruzzo.it

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE IN REGIME DI SOMMINISTRAZIONE DI N. 26 LOTTI DI DISPOSITIVI MEDICI VARI PER ORTOPEDIA.

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE IN REGIME DI SOMMINISTRAZIONE DI N. 26 LOTTI DI DISPOSITIVI MEDICI VARI PER ORTOPEDIA. PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE IN REGIME DI SOMMINISTRAZIONE DI N. 26 LOTTI DI DISPOSITIVI MEDICI VARI PER ORTOPEDIA. DISCIPLINARE DI PARTECIPAZIONE D.D.G. n. 65 del 18.01.2012 Le modalità

Dettagli

CITTA DI TORTOLI PROVINCIA OGLIASTRA

CITTA DI TORTOLI PROVINCIA OGLIASTRA CITTA DI TORTOLI PROVINCIA OGLIASTRA PROT. N. 3686 DEL 06.02.2013 AREA GOVERNO DEL TERRITORIO - LAVORI PUBBLICI PROCEDURA APERTA PER SELEZIONE POTENZIALE CONCORRENTE PER LA FORNITURA ASFALTO A FREDDO NELL'AMBITO

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. AREA SERVIZI AL CITTADINO SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI E ASILI NIDO Casa di Riposo Vittorio Emanuele II

COMUNE DI CAGLIARI. AREA SERVIZI AL CITTADINO SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI E ASILI NIDO Casa di Riposo Vittorio Emanuele II COMUNE DI CAGLIARI AREA SERVIZI AL CITTADINO SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI E ASILI NIDO Casa di Riposo Vittorio Emanuele II LOTTO A CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI ALIMENTARI VARI Periodo

Dettagli

SEZIONE B CAPITOLATO SPECIALE

SEZIONE B CAPITOLATO SPECIALE SEZIONE B CAPITOLATO SPECIALE Fornitura mediante Procedura Aperta di ENDOPROTESI VASCOLARI ADDOMINALI occorrenti alle AA.SS.LL., AA.OO. e IRCCS della Regione Liguria N. gara 4863881 periodo di 24 mesi

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 07 RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO Copia conforme

Dettagli

Capitolato per il servizio di refezione agli studenti e al personale dell Istituto Tecnico Commerciale A. Fusinieri di Vicenza

Capitolato per il servizio di refezione agli studenti e al personale dell Istituto Tecnico Commerciale A. Fusinieri di Vicenza Capitolato per il servizio di refezione agli studenti e al personale dell Istituto Tecnico Commerciale A. Fusinieri di Vicenza Art. 1 Disciplinare - e oggetto del capitolato Oggetto della concessione del

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL PERIODO 01.03.2012-31.12.2014 - C.I.G. [ ]. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di presso la Sede

Dettagli

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035. AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.399050 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO ELETTRONICI IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO SALERNO ENERGIA CIG 543712162F Art. 1 Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO Durata : biennale dal 01 FEBBRAIO 2007 al 31 GENNAIO 2009 Rinnovabile per ulteriori due anni. PRESCRIZIONI

Dettagli

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A BASSO CONSUMO PER LE SCUDERIE JUVARIANE CODICE C.I.G... - CUP.. Importo netto:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI AFFIDARE IL SEGUENTE SERVIZIO:

AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI AFFIDARE IL SEGUENTE SERVIZIO: AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI AFFIDARE IL SEGUENTE SERVIZIO: REALIZZAZIONE COLLEGAMENTI INTERNET FRA LE SEDI COMUNALI, FRA LE SEDI COMUNALI E SITI ESTERNI OVVERO FRA SITI ESTERNI

Dettagli

AZIENDA SICILIANA TRASPORTI S.p.A. Via Caduti senza Croce n 28 90146 P A L E R M O

AZIENDA SICILIANA TRASPORTI S.p.A. Via Caduti senza Croce n 28 90146 P A L E R M O AZIENDA SICILIANA TRASPORTI S.p.A. Via Caduti senza Croce n 28 90146 P A L E R M O PUBBLICO INCANTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO PER IL PERSONALE DELL AREA OPERATIVA AMMINISTRAZIONE E SERVIZI Art. 1)

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "N. MACHIAVELLI"

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE N. MACHIAVELLI Vi Prot. n 6389/B6 Lucca, 07 agosto 2015 Spettabile Oggetto: Lettera di invito alla presentazione delle offerte ai fini dell affidamento dei servizi assicurativi: Polizza infortuni, Assistenza, R.C.T.

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI COMUNE DI SESTO ED UNITI Provincia di Cremona Gestione RSA Casa Soggiorno Nolli-Pigoli Allegato alla delibera G.C. n. 184 del 27.10.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI

Dettagli

Schema di bando di gara

Schema di bando di gara Schema di bando di gara per lo svolgimento del servizio di gestione bar, mensa e distributori automatici Criteri di aggiudicazione Ai sensi dell art. 83, DL 163/2006 a favore dell offerta economicamente

Dettagli

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO ALLA CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO S.P.A.

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO ALLA CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO S.P.A. CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO ALLA CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO S.P.A. Premesso che - in data sono state inviate le lettere di invito per l affidamento

Dettagli

Prot. N.2518/A3 Vignanello, 18/07/2014

Prot. N.2518/A3 Vignanello, 18/07/2014 M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di ISTRUZIONE GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO Via Donatori

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LOCAZIONE DI UN IMMOBILE AD USO COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE POSTO IN PIAZZA CAVOUR PIANO TERRA

BANDO PUBBLICO PER LOCAZIONE DI UN IMMOBILE AD USO COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE POSTO IN PIAZZA CAVOUR PIANO TERRA BANDO PUBBLICO PER LOCAZIONE DI UN IMMOBILE AD USO COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE POSTO IN PIAZZA CAVOUR PIANO TERRA L Amministrazione Comunale di Levanto intende concedere in locazione una unità immobiliare

Dettagli

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILI SEDE DEGLI UFFICI DEL CONSIGLIO REGIONALE IN TRIESTE LOTTO UNICO PERIODO TRE ANNI Articolo 1 PROCEDURA DI GARA L aggiudicazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PER FORNITURA TRIENNALE DI GAS MEDICINALI

DISCIPLINARE DI GARA PER FORNITURA TRIENNALE DI GAS MEDICINALI DISCIPLINARE DI GARA PER FORNITURA TRIENNALE DI GAS MEDICINALI Articolo 1 - SOGGETTI AMMESSI A PARTECIPARE ALLA GARA Sono ammessi a presentare offerta i prestatori di servizi singoli o imprese temporaneamente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE APPALTO DI SERVIZI DI CONFERIMENTO RIFIUTI CER 150106

CAPITOLATO SPECIALE APPALTO DI SERVIZI DI CONFERIMENTO RIFIUTI CER 150106 CAPITOLATO SPECIALE APPALTO DI SERVIZI DI CONFERIMENTO RIFIUTI CER 150106 CAPITOLO I Natura ed oggetto dell appalto Art. 1 - Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto la selezione e valorizzazione

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno. SETTORE RISORSE E CONTROLLO U.O. FINANZE E BENI MOBILI U.Op. Provveditorato/Economato

Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno. SETTORE RISORSE E CONTROLLO U.O. FINANZE E BENI MOBILI U.Op. Provveditorato/Economato Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno SETTORE RISORSE E CONTROLLO U.O. FINANZE E BENI MOBILI U.Op. Provveditorato/Economato C O N V E N Z I O N E / A C C O R D O Q U A D R O OGGETTO: Affidamento

Dettagli

Prot. n Spett.le. Cod. Comm: MAT 111 Cod. Prog.: MATTM/GAS/1/FSE/5.5./11015/001

Prot. n Spett.le. Cod. Comm: MAT 111 Cod. Prog.: MATTM/GAS/1/FSE/5.5./11015/001 Cod. Comm: MAT 111 Cod. Prog.: MATTM/GAS/1/FSE/5.5./11015/001 Prot. n Spett.le Raccomandata A/R Anticipata via fax al n.. Oggetto: Affidamento ai sensi dell art. 125, comma 11, ultimo periodo, del D. Lgs.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER FORNITURA CARBURANTI E LUBRIFICANTI CIG 5008117CE0 INDICE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER FORNITURA CARBURANTI E LUBRIFICANTI CIG 5008117CE0 INDICE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER FORNITURA CARBURANTI E LUBRIFICANTI CIG 5008117CE0 INDICE ART. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA ART. 2 DURATA DELLA FORNITURA ART. 3 AMMONTARE DELL APPALTO ART. 4 VARIAZIONE

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A

PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A DISCIPLINARE PROVINCIA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO RIGUARDANTE GLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE PER LA COPERTURA DEL RISCHIO RC AUTO, INCENDIO,

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

ALLEGATO 1: DISCIPLINARE DI GARA

ALLEGATO 1: DISCIPLINARE DI GARA ALLEGATO 1: DISCIPLINARE DI GARA AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORO MEDIANTE DISTRIBUZIONE AUTOMATICA (VENDING) DI BEVANDE CALDE E FREDDE, SNACKS ED ALTRI GENERI ALIMENTARI

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO Durata : Dal 1 MAGGIO 2012 AL 30 APRILE 2015 PRESCRIZIONI SPECIFICHE E TECNICHE ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per la fornitura di gasolio per autotrazione presso la sede operativa di C.L.I.R. S.p.A. in Via della STAZIONE,snc 27020- Parona Lomellina (PV). 1) OGGETTO DELL APPALTO Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA AVVISO PUBBLICO per l individuazione di una ditta con la quale stipulare un contratto per la concessione di spazi pubblici per l installazione di

Dettagli

Massa 24 giugno 2013 Spett.le: Ditte invitate. Lettera d invito

Massa 24 giugno 2013 Spett.le: Ditte invitate. Lettera d invito 1 Massa 24 giugno 2013 Spett.le: Ditte invitate Lettera d invito Oggetto: gara per la fornitura di servizi di smaltimento rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, con ricorso a procedura di affidamento

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A

PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A DISCIPLINARE PROVINCIA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO PER LA COPERTURA RCT/RCO E RC PATRIMONIALE AMMINISTRATORI DELLA PROVINCIA DELL AQUUILA LOTTO UNICO ART.

Dettagli

COMUNE DI TRIGOLO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI TRIGOLO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI TRIGOLO PROVINCIA DI CREMONA ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE R.F N. 91 DEL 30.11.2015_ BANDO/DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO DALL 01/01/2016

Dettagli

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato Allegato A) COMUNE DI CREMONA Settore Economato Capitolato speciale d oneri relativo a: FORNITURA CON CONSEGNE RIPARTITE DI CARTA NATURALE E RICICLATA PER LE FOTOCOPIATRICI DEGLI UFFICI COMUNALI ANNO 2014

Dettagli

Prot. 2066 Palermo, 12 marzo 2012

Prot. 2066 Palermo, 12 marzo 2012 Sede Legale Via del Vespro n 129 90127 Palermo. Tel 0916551111 - P.I. 05841790826 Area Provveditorato Via Enrico Toti n 76 telefono 0916555500 fax 0916555502 Prot. 2066 Palermo, 12 marzo 2012 Oggetto:

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER APPALTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA SCUOLA ME- DIA, ELEMENTARE E MATERNA DEL COMUNE DI PIANCASTAGNAIO ANNO SCOLA- STICO 2015/16

CAPITOLATO D ONERI PER APPALTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA SCUOLA ME- DIA, ELEMENTARE E MATERNA DEL COMUNE DI PIANCASTAGNAIO ANNO SCOLA- STICO 2015/16 CAPITOLATO D ONERI PER APPALTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA SCUOLA ME- DIA, ELEMENTARE E MATERNA DEL COMUNE DI PIANCASTAGNAIO ANNO SCOLA- STICO 2015/16 ART.1 NATURA DELL INCARICO Il Comune di piancastagnaio

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO

CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO SCOLASTICO, CONSULENZA LEGALE PER CITTADINI

Dettagli

Nella busta contenente l offerta non dovranno essere inclusi altri documenti 8.a) 8.b) 8.c )

Nella busta contenente l offerta non dovranno essere inclusi altri documenti 8.a) 8.b) 8.c ) SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO Via S. Secondo, 29-10128 TORINO Codice Fiscale Partita IVA 05437630014 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI COSTACCIARO PG CAPITOLATO D ONERI E DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI COSTACCIARO PG CAPITOLATO D ONERI E DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI COSTACCIARO PG CAPITOLATO D ONERI E DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 - Oggetto del servizio Il presente capitolato d oneri e disciplinare di gara riguarda i servizi tecnici da espletare per la realizzazione

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it

OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it www.oppaterni.com P.IVA 00526840558 cod. fisc. 80000070559 CAPITOLATO TECNICO Art.

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli