SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*)"

Transcript

1 SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*) «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione di servizi Concessioni di servizio pubblico Rinnovo di 329 concessioni per la gestione e la raccolta di scommesse sulle corse ippiche senza preventivo concorso Obblighi di pubblicità e di trasparenza» Nella causa C-260/04, avente ad oggetto un ricorso per inadempimento ai sensi dell art. 226 CE, proposto il 17 giugno 2004, Commissione delle Comunità europee, rappresentata dal sig. K. Wiedner, dalla sig.ra C. Cattabriga e dal sig. L. Visaggio, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo, contro ricorrente, Repubblica italiana, rappresentata dal sig. I.M. Braguglia, in qualità di agente, assistito dal sig. G. De Bellis, avvocato dello Stato, con domicilio eletto in Lussemburgo, sostenuta da: convenuta, Regno di Danimarca, rappresentato dal sig. J. Molde, in qualità di agente, con domicilio eletto in Lussemburgo, Regno di Spagna, rappresentato dal sig. F. Díez Moreno, in qualità di agente, con domicilio eletto in Lussemburgo, LA CORTE (Quarta Sezione), intervenienti, composta dal sig. K. Lenaerts, presidente di sezione, dal sig. E. Juhász, dalla sig.ra R. Silva de Lapuerta, dai sigg. G. Arestis (relatore) e J. Malenovský, giudici, avvocato generale: sig.ra E. Sharpston cancelliere: sig. R. Grass vista la fase scritta del procedimento, sentite le conclusioni dell avvocato generale, presentate all udienza del 29 marzo 2007, ha pronunciato la seguente Sentenza

2 1 Con il suo ricorso, la Commissione delle Comunità europee chiede alla Corte di dichiarare che la Repubblica italiana, avendo rinnovato 329 concessioni per l esercizio delle scommesse ippiche senza previa gara d appalto, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza del Trattato CE, e in particolare ha violato il principio generale di trasparenza nonché l obbligo di pubblicità derivanti dagli artt. 43 CE e 49 CE. Contesto normativo Normativa nazionale 2 In Italia, la gestione dei giochi e delle scommesse ippiche era inizialmente riservata all Unione Nazionale per l Incremento delle Razze Equine (in prosieguo : l «UNIRE»), che poteva scegliere tra la gestione diretta o l affidamento a terzi dei servizi di raccolta ed accettazione delle dette scommesse. L UNIRE ha affidato tale gestione alle agenzie ippiche. 3 La legge 23 dicembre 1996, n. 662 (Supplemento ordinario alla GURI n. 303 del 28 dicembre 1996), ha affidato successivamente l organizzazione e la gestione dei giochi e delle scommesse relative alle corse ippiche al Ministero delle Finanze nonché al Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali, i quali sono stati autorizzati a provvedervi direttamente o tramite enti pubblici, società o allibratori da essi individuati. L art. 3, comma 78, di tale legge disponeva che si sarebbe provveduto con regolamento al riordino della materia dei giochi e delle scommesse relativi alle corse ippiche, per quanto attiene agli aspetti organizzativi, funzionali, fiscali e sanzionatori, nonché al riparto dei proventi di tali scommesse. 4 In attuazione di codesto articolo della predetta legge, il governo italiano ha emanato il decreto del presidente della Repubblica 8 aprile 1998, n. 169 (GURI n. 125 del 1 giugno 1998; in prosieguo : il «decreto n. 169/1998»), il cui art. 2 disponeva che il Ministero delle Finanze attribuisce, d intesa con il Ministero per le Politiche Agricole e Forestali, con gara da espletare secondo la normativa comunitaria, le concessioni per la gestione delle scommesse ippiche a persone fisiche e società in possesso dei requisiti richiesti. In via transitoria, l art. 25 del decreto n. 169/1998 ha previsto una proroga fino al 31 dicembre 1998 delle concessioni attribuite dall UNIRE, ovvero, nell impossibilità di espletare le gare entro tale data, fino al 31 dicembre Il decreto ministeriale 7 aprile 1999 (GURI n. 86 del 14 aprile 1999) ha poi approvato il piano di potenziamento della rete di raccolta ed accettazione delle scommesse ippiche allo scopo di portare da 329 a i centri di raccolta sull intero territorio italiano. Mentre per le 671 nuove concessioni sono state indette gare d appalto, la direttiva del Ministro delle Finanze 9 dicembre 1999 ha previsto il rinnovo delle 329 «vecchie concessioni» dell UNIRE. In attuazione di tale direttiva, la decisione del Ministero delle Finanze 21 dicembre 1999 (GURI n. 300 del 23 dicembre 1999; in prosieguo: la «decisione controversa») ha rinnovato dette concessioni per un periodo di sei anni, a partire dal 1 gennaio In seguito, il decreto legge 28 dicembre 2001, n. 452 (GURI n. 301 del 29 dicembre 2001), convertito con modificazioni nella legge 27 febbraio 2002, n. 16 (GURI n. 49 del 27 febbraio 2002), ha disposto, da una parte, che le «vecchie concessioni» sarebbero state riattribuite ai sensi del decreto n. 169/1998, vale a dire tramite gara a livello comunitario, e, dall altra, che tali concessioni sarebbero rimaste valide fino alla loro definitiva riattribuzione. 7 Infine, il decreto legge 24 giugno 2003, n. 147, recante proroga di termini e disposizioni urgenti ordinamentali (GURI n. 145 del 25 giugno 2003), convertito in legge 1 agosto 2003, n. 200 (GURI n. 178 del 2 agosto 2003; in prosieguo : la «legge n. 200/2003»), prevede, al suo art. 8, primo comma, la ricognizione della situazione finanziaria di ciascun concessionario al fine di risolvere il problema del «minimo garantito», ossia della quota di prelievo che ogni concessionario era tenuto a versare all UNIRE indipendentemente dal volume effettivo dei proventi relativi all anno in corso, che si era rivelato eccessivo ed aveva condotto ad una crisi economica del settore delle scommesse ippiche. In esecuzione di tale legge, il commissario

3 straordinario designato dall UNIRE ha emanato la decisione 14 ottobre 2003, n. 107, la quale ha prorogato le concessioni già assegnate al fine di procedere alla determinazione delle somme da versare da parte dei concessionari fino al termine di scadenza dell ultimo pagamento, individuato al 30 ottobre 2011 e, in ogni caso, fino alla data di assegnazione delle nuove concessioni tramite gara. Fatti e fase precontenziosa 8 In seguito a una denuncia presentata da un operatore privato del settore delle scommesse ippiche, il 24 luglio 2001 la Commissione ha inviato alle autorità italiane una lettera di diffida ai sensi dell art. 226 CE, la quale attirava la loro attenzione sull incompatibilità con il principio generale di trasparenza e con l obbligo di pubblicità, derivanti dagli artt. 43 CE e 49 CE, del sistema italiano di concessione dell esercizio delle scommesse ippiche e, in particolare, del rinnovo, previsto dalla decisione controversa, delle 329 vecchie concessioni attribuite all UNIRE senza gara. Il governo italiano ha risposto con lettere datate 30 novembre 2001 e 15 gennaio 2002, annunciando la predisposizione nonché l adozione della legge 27 febbraio 2002, n Non essendo rimasta soddisfatta del seguito dato alle disposizioni di predetta legge, il 16 ottobre 2002 la Commissione ha emesso un parere motivato, invitando la Repubblica italiana ad adottare le misure necessarie per conformarsi ad esso entro due mesi dalla sua ricezione. Con lettera datata 10 dicembre 2002, il governo italiano ha risposto che, prima di dar corso alle gare, era necessario procedere ad una puntuale ricognizione della situazione finanziaria relativa ai titolari delle concessioni ancora in vigore. 10 Non avendo ricevuto alcuna informazione supplementare riguardo alla conclusione di suddetta operazione di ricognizione e all apertura di una gara per la riattribuzione delle concessioni controverse, la Commissione ha deciso di introdurre il presente ricorso. 11 Il Regno di Danimarca e il Regno di Spagna sono intervenuti a sostegno della Repubblica italiana. Sul ricorso 12 La Commissione solleva una sola censura a sostegno del suo ricorso. Essa fa valere che la Repubblica italiana, avendo rinnovato le 329 vecchie concessioni dell UNIRE per la gestione delle scommesse ippiche senza previa gara d appalto, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza del Trattato, e in particolare ha violato il principio generale di trasparenza nonché l obbligo di pubblicità derivanti dagli artt. 43 CE e 49 CE. 13 Nel suo ricorso, la Commissione fa notare che, ai fini dell ordinamento comunitario, l attribuzione della gestione e della raccolta di scommesse ippiche in Italia dev essere considerata una concessione di servizio pubblico. A tale titolo, detta attribuzione non rientrerebbe nel campo di applicazione della direttiva del Consiglio 18 giugno 1992, 92/50/CEE, che coordina le procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di servizi (GU L 209, pag. 1). Tuttavia, dalla giurisprudenza della Corte, e in particolare dalla sentenza 7 dicembre 2000, causa C-324/98, Telaustria e Telefonadress (Racc. pag. I-10745), emergerebbe che le autorità nazionali che procedono ad una tale attribuzione sono tenute ad osservare il divieto di discriminazione e il principio di trasparenza al fine di garantire un adeguato livello di pubblicità, che consenta l apertura del mercato dei servizi alla concorrenza nonché il controllo sull imparzialità dei procedimenti di aggiudicazione. 14 La Commissione rileva a tal riguardo che, in occasione del rinnovo, senza gara, delle 329 concessioni dell UNIRE già esistenti, il governo italiano non ha rispettato gli obblighi derivanti da tali principi. Infatti, ad avviso della Commissione, sono ammesse deroghe a tali principi solo nei casi e per i motivi stabiliti dagli artt. 45 CE e 46 CE. Orbene, le giustificazioni invocate dal governo italiano non rientrerebbero tra quelle espressamente previste da tali

4 articoli e, ad ogni modo, detto governo non avrebbe dimostrato la necessità e la proporzionalità di dette deroghe rispetto agli obiettivi indicati. 15 Nel suo controricorso, il governo italiano fa valere che la legge n. 200/2003 e la decisione n. 107/2003 sono conformi agli obblighi di diritto comunitario in materia di concessione di pubblici servizi. Secondo lo stesso governo, la proroga delle vecchie concessioni dell UNIRE sarebbe giustificata dalla necessità di garantire ai concessionari la continuità, la stabilità finanziaria ed un congruo rendimento per gli investimenti effettuati nel passato nonché dalla necessità di scoraggiare il ricorso ad attività clandestine, fino all attribuzione delle dette concessioni tramite gare. Tali giustificazioni costituirebbero motivi imperativi di interesse generale tali da legittimare deroghe ai principi del Trattato che implicano l obbligo di aprire il mercato dei servizi alla concorrenza. 16 Il governo danese mette in discussione l interpretazione proposta dalla Commissione della citata sentenza Telaustria e Telefonadress relativamente alla portata dell obbligo di trasparenza in circostanze come quelle della presente causa. Per quanto riguarda il governo spagnolo, esso svolge considerazioni in ordine alle specificità dell autorizzazione e dell organizzazione delle scommesse di cui, a suo avviso, la Commissione non avrebbe tenuto conto. 17 In via preliminare, occorre rilevare che il governo italiano non nega il fatto che la legge n. 200/2003 e la decisione n. 107/2003 siano intervenute dopo la scadenza del termine prescritto nel parere motivato. 18 A tal proposito, è opportuno ricordare che, secondo giurisprudenza costante della Corte, la sussistenza di un inadempimento dev essere valutata in relazione alla situazione dello Stato membro quale si presentava alla scadenza del termine stabilito nel parere motivato e che la Corte non può tenere conto dei mutamenti successivi (v., in particolare, sentenze 2 giugno 2005, causa C-282/02, Commissione/Irlanda, Racc. pag. I-4653, punto 40, e 26 gennaio 2006, causa C-514/03, Commissione/Spagna, Racc. pag. I-963, punto 44). 19 Di conseguenza, le disposizioni delle legge n. 200/2003 e della decisione n. 107/2003 non possono assumere rilievo ai fini della valutazione dell inadempimento addebitato alla Repubblica italiana. Ne consegue che il presente ricorso si fonda unicamente sull esame della decisione controversa. 20 Come dedotto a giusto titolo dalla Commissione, il governo italiano non ha messo in dubbio, né durante la fase precontenziosa né nel corso della presente causa, che l attribuzione della gestione e della raccolta di scommesse ippiche in Italia costituisce una concessione di servizio pubblico. Siffatta qualificazione è stata accolta dalla sentenza 6 marzo 2007, cause riunite C-338/04, C-359/04 e C-360/04, Placanica e a. (non ancora pubblicata nella Raccolta), in cui la Corte ha interpretato gli artt. 43 CE e 49 CE alla luce della medesima normativa nazionale. 21 Orbene, è pacifico che le concessioni di pubblici servizi sono escluse dall ambito di applicazione della direttiva 92/50 (v. sentenza 13 ottobre 2005, causa C-458/03, Parking Brixen, Racc. pag. I-8585, punto 42). 22 La Corte ha statuito che, benché i contratti di concessione di pubblici servizi, allo stadio attuale del diritto comunitario, siano esclusi dalla sfera di applicazione della direttiva 92/50, ciò nondimeno le pubbliche amministrazioni che li stipulano sono tenute a rispettare le norme fondamentali del Trattato, in generale, e il divieto di discriminazione in base alla cittadinanza, in particolare (v., in tal senso, sentenze Telaustria e Telefonadress, cit., punto 60, 21 luglio 2005, causa C-231/03, Coname, Racc. pag. I-7287, punto 16, nonché Parking Brixen, cit., punto 46). 23 La Corte ha poi statuito che le disposizioni del Trattato applicabili alle concessioni di servizi pubblici, segnatamente gli artt. 43 CE e 49 CE, nonché il divieto di discriminazione per motivi

5 di cittadinanza sono specifica espressione del principio della parità di trattamento (v., in tal senso, sentenza Parking Brixen, cit., punto 48). 24 A tal riguardo, il principio della parità di trattamento e il divieto di discriminazione in base alla cittadinanza comportano, in particolare, un obbligo di trasparenza che permette all autorità pubblica concedente di assicurarsi che tali principi siano rispettati. Tale obbligo di trasparenza gravante sulle anzidette autorità consiste nella garanzia, a favore di ogni potenziale offerente, di un adeguato livello di pubblicità che consenta l apertura della concessione di servizi alla concorrenza, nonché il controllo sull imparzialità delle procedure di aggiudicazione (v., in tal senso, citate sentenze Telaustria e Telefonadress, punti 61 e 62, nonché Parking Brixen, punto 49). 25 Nel caso di specie, occorre constatare che la totale mancanza di procedure di gara ai fini dell attribuzione delle concessioni per la gestione delle scommesse ippiche non è conforme agli artt. 43 CE e 49 CE, e in particolare viola il principio generale di trasparenza nonché l obbligo di garantire un adeguato livello di pubblicità. Infatti, il rinnovo senza gara delle 329 vecchie concessioni impedisce l apertura di dette concessioni alla concorrenza ed il controllo sull imparzialità delle operazioni di aggiudicazione. 26 Ciò premesso, occorre esaminare se il rinnovo di cui trattasi possa essere ammesso in forza delle deroghe espressamente previste dagli artt. 45 CE e 46 CE, ovvero se possa essere giustificato, conformemente alla giurisprudenza della Corte, da motivi imperativi di interesse generale (v., in tal senso, sentenze 6 novembre 2003, causa C-243/01, Gambelli e a., Racc. pag. I-13031, punto 60, nonché Placanica e a., citata, punto 45). 27 La giurisprudenza ha riconosciuto la rilevanza, a tal proposito, di un certo numero di motivi imperativi di interesse generale, quali gli obiettivi di tutela dei consumatori, di prevenzione della frode e dell incitazione dei cittadini ad una spesa eccessiva collegata al gioco, nonché di prevenzione di turbative dell ordine sociale in generale (v. sentenza Placanica e a., cit., punto 46). 28 Benché gli Stati membri siano liberi di fissare gli obiettivi della loro politica in materia di giochi d azzardo e, eventualmente, di definire con precisione il livello di protezione perseguito, le restrizioni che essi impongono devono soddisfare tuttavia le condizioni che risultano dalla giurisprudenza della Corte per quanto riguarda la loro proporzionalità (sentenza Placanica e a., cit., punto 48). 29 Di conseguenza, occorre esaminare se il rinnovo di concessioni al di fuori di ogni procedura di gara sia idoneo a garantire la realizzazione dell obiettivo perseguito dalla Repubblica italiana e non ecceda quanto necessario per il suo raggiungimento. In ogni caso, detto rinnovo non dev essere applicato in modo discriminatorio (v., in tal senso, citate sentenze Gambelli e a., punti 64 e 65, nonché Placanica e a., punto 49). 30 È pacifico che il governo italiano ha approvato il piano di potenziamento della rete di raccolta ed accettazione delle scommesse ippiche allo scopo di portare da 329 a i centri di raccolta e di accettazione di dette scommesse sull intero territorio italiano. Per realizzare tale piano di potenziamento, 671 nuove concessioni sono state assegnate in esito ad una gara, mentre le 329 vecchie concessioni esistenti sono state rinnovate senza procedimento di gara. 31 A tal riguardo, il governo italiano non ha invocato deroghe come quelle espressamente previste dagli artt. 45 CE e 46 CE. Tale governo ha invece giustificato il detto rinnovo senza gara adducendo la necessità di scoraggiare, in particolare, lo sviluppo di attività clandestine di raccolta e di assegnazione delle scommesse. 32 Nel suo controricorso, il governo italiano non ha tuttavia spiegato su quale base l assenza di qualsiasi procedura di gara sarebbe a tal fine necessaria, e non ha dedotto argomenti che valgano a confutare l inadempimento rimproverato dalla Commissione. In particolare, detto

6 governo non ha spiegato come il rinnovo delle concessioni esistenti al di fuori di qualsiasi procedimento di gara possa costituire un ostacolo allo sviluppo di attività clandestine nel settore delle scommesse ippiche, e si è limitato ad osservare che la legge n. 200/2003 e la decisione n. 107/2003 sono conformi ai principi del diritto comunitario in materia di concessione di pubblici servizi. 33 Orbene, a tal riguardo occorre ricordare che spetta alle autorità nazionali competenti dimostrare, da un lato, che la loro normativa risponde ad un interesse essenziale ai sensi degli artt. 45 CE e 46 CE oppure ad un motivo imperativo d interesse generale sancita dalla giurisprudenza e, dall altro, che detta normativa è conforme al principio di proporzionalità (v., in tal senso, sentenze 2 dicembre 2004, causa C-41/02, Commissione/Paesi Bassi, Racc. p. I-11375, punto 47, 13 gennaio 2005, causa C-38/03, Commissione/Belgio, non pubblicata nella Raccolta, punto 20, nonché 15 giugno 2006, causa C-255/04, Commissione/Francia, Racc. pag. I-5251, punto 29). 34 Occorre pertanto constatare che il rinnovo delle vecchie concessioni dell UNIRE senza gara non è idoneo a garantire la realizzazione dell obiettivo perseguito dalla Repubblica italiana ed eccede quanto necessario per evitare che gli operatori attivi nel settore delle scommesse ippiche siano coinvolti in attività criminose o fraudolente. 35 Inoltre, per quanto riguarda i motivi di carattere economico sollevati dal governo italiano, quale il fatto di garantire ai concessionari la continuità, la stabilità finanziaria ed un congruo rendimento per gli investimenti realizzati nel passato, è sufficiente ricordare che essi non possono essere riconosciuti come motivi imperativi di interesse generale idonei a giustificare la restrizione di una libertà fondamentale garantita dal Trattato (v., in tal senso, sentenze 6 giugno 2000, causa C-35/98, Verkooijen, Racc. pag. I-4071, punto 48, e 16 gennaio 2003, causa C-388/01, Commissione/Italia, Racc. pag. I-721, punto 22). 36 Ne consegue che non può essere accolto nessuno dei motivi imperativi di interesse generale addotti dal governo italiano per giustificare il rinnovo delle 329 vecchie concessioni al di fuori di ogni procedura di concorso. 37 Pertanto, occorre dichiarare fondato il ricorso della Commissione. 38 Da quanto precede risulta che la Repubblica italiana, avendo rinnovato 329 concessioni per l esercizio delle scommesse ippiche senza previa gara d appalto, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza degli artt. 43 CE e 49 CE, e in particolare ha violato il principio generale di trasparenza nonché l obbligo di garantire un adeguato livello di pubblicità. Sulle spese 39 A norma dell art. 69, n. 2, del regolamento di procedura, la parte soccombente è condannata alle spese se ne è stata fatta domanda. Poiché la Commissione ne ha fatto domanda, la Repubblica italiana, rimasta soccombente, va condannata alle spese. Per questi motivi, la Corte (Quarta Sezione) dichiara e statuisce: 1) La Repubblica italiana, avendo rinnovato 329 concessioni per l esercizio delle scommesse ippiche senza previa gara d appalto, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza degli artt. 43 CE e 49 CE, e in particolare ha violato il principio generale di trasparenza nonché l obbligo di garantire un adeguato livello di pubblicità. 2) La Repubblica italiana è condannata alle spese. Firme

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) «Artt. 43 CE, 49 CE e 81 CE Concessione relativa alla gestione del servizio pubblico di distribuzione

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*) «Inadempimento di uno Stato Direttiva 2000/59/CE Impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi e i residui del

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) «Inadempimento di uno Stato Licenziamenti collettivi Nozione di lavoratori Esclusione dei dirigenti Direttiva 98/59/CE Articolo 1, paragrafi

Dettagli

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo,

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo, SENTENZA DELLA CORTE di GIUSTIZIA UE (Terza Sezione) 16 settembre 2004. «Inadempimento di uno Stato Inquinamento e fattori nocivi Protezione del suolo Fanghi di depurazione Trasmissione di informazioni

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27

Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27 Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27 settembre 1968, concernente la e commerciale, come modificata

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE

CORTE DI GIUSTIZIA UE CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 03-06-2010 nel procedimento C-203/08 Art. 49 CE Restrizioni alla libera prestazione dei servizi Giochi d azzardo Esercizio del gioco d azzardo su Internet Normativa che riserva

Dettagli

Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento - Dentisti - Condizione della residenza

Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento - Dentisti - Condizione della residenza Sentenza della Corte (Sesta Sezione) del 18 gennaio 2001 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento

Dettagli

5 RICHIAMANDOSI ALLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE, LA COMMISSIONE SOSTIENE ANZITUTTO CHE LA DEROGA DI CUI ALL ' ART. 48, N. 4, DEL TRATTATO DEV '

5 RICHIAMANDOSI ALLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE, LA COMMISSIONE SOSTIENE ANZITUTTO CHE LA DEROGA DI CUI ALL ' ART. 48, N. 4, DEL TRATTATO DEV ' Sentenza della Corte del 3 giugno 1986 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica francese Requisito della cittadinanza per la nomina al ruolo ad impieghi permanenti di infermiere ed infermiera

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 13 giugno 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 13 giugno 2013 (*) 1 di 7 18/06/2013 17.23 SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 13 giugno 2013 (*) «Inadempimento di uno Stato Direttiva 2002/91/CE Rendimento energetico nell edilizia Articoli 7, paragrafi 1 e 2, 9, 10

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 4 ottobre 2012 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 4 ottobre 2012 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 4 ottobre 2012 (*) «Appalti pubblici di lavori Direttiva 93/37/CEE Articolo 6 Principi di parità di trattamento e di trasparenza Ammissibilità di una normativa che

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015 SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015 «Rinvio pregiudiziale Articoli 49 TFUE, 102 TFUE e 106 TFUE Libertà di stabilimento Principio di non discriminazione Abuso di posizione dominante Articolo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 8 novembre 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 8 novembre 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 8 novembre 2012 (*) «Inadempimento di uno Stato Libera circolazione dei capitali Articolo 63 TFUE Accordo SEE Articolo 40 Tassazione dei dividendi distribuiti ai fondi

Dettagli

Recupero crediti,liberalizzazione,sede estera, autorizzazioni,attività stragiudiziale, libertà di servizi, condanna italia,europa

Recupero crediti,liberalizzazione,sede estera, autorizzazioni,attività stragiudiziale, libertà di servizi, condanna italia,europa SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) c-134/05 del 18 luglio 2007 - (1251) Recupero crediti,liberalizzazione,sede estera, autorizzazioni,attività stragiudiziale, libertà di servizi, condanna italia,europa

Dettagli

Copyright riservato www.dirittoambiente.com - Riproduzione vietata La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18-08-2000 n 248

Copyright riservato www.dirittoambiente.com - Riproduzione vietata La pirateria editoriale è reato ai sensi della legge 18-08-2000 n 248 Una condanna per l Italia dalla Corte di Giustizia delle Comunità Europee per la mancata adozione dei piani di raccolta e gestione dei rifiuti portuali. a cura di Cristian ROVITO Sottufficiale del Corpo

Dettagli

competenza legislativa concorrente in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario,

competenza legislativa concorrente in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario, Consulta OnLine composta dai Signori: SENTENZA ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE Valerio ONIDA Presidente Carlo MEZZANOTTE Giudice Guido NEPPI MODONA " Piero

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 23 aprile 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 23 aprile 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 23 aprile 2009 (*) «Direttiva 87/102/CEE Tutela dei consumatori Credito al consumo Inadempimento del contratto di vendita» Nel procedimento C-509/07, avente ad oggetto

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

vista la fase scritta del procedimento e in seguito all udienza del 12 gennaio 2012, per la VBV Vorsorgekasse AG, da C. Leitgeb, Rechtsanwalt;

vista la fase scritta del procedimento e in seguito all udienza del 12 gennaio 2012, per la VBV Vorsorgekasse AG, da C. Leitgeb, Rechtsanwalt; SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 7 giugno 2012(*) «Libera circolazione dei capitali Articoli 63 TFUE e 65 TFUE Casse di previdenza professionali Investimento degli attivi Fondi comuni di investimento

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA delle Comunità Europee, SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 18 dicembre 2007

CORTE DI GIUSTIZIA delle Comunità Europee, SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 18 dicembre 2007 CORTE DI GIUSTIZIA delle Comunità Europee, SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 18 dicembre 2007 «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttive 75/442/CEE e 91/156/CEE Nozione di «rifiuti» Sostanze o oggetti

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 10 ottobre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 10 ottobre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 10 ottobre 2013 (*) «Appalti pubblici Direttiva 2004/18/CE Capacità economica e finanziaria Capacità tecniche e professionali Articoli 47, paragrafo 2, e 48, paragrafo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 8 luglio 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 8 luglio 2010 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 8 luglio 2010 (*) «Inadempimento di uno Stato Artt. 56 CE e 43 CE Libera circolazione dei capitali Azioni privilegiate («golden shares») dello Stato portoghese nella

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE JÁN MAZÁK presentate il 6 luglio 2010 1 (1) Causa C-565/08. Commissione europea contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE JÁN MAZÁK presentate il 6 luglio 2010 1 (1) Causa C-565/08. Commissione europea contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE JÁN MAZÁK presentate il 6 luglio 2010 1 (1) Causa C-565/08 Commissione europea contro Repubblica italiana «Avvocati Onorari Obbligo di rispetto di tariffe massime obbligatorie»

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE

CORTE DI GIUSTIZIA UE CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 05-03-2015 nel procedimento C-502/13 Inadempimento di uno Stato Fiscalità IVA Applicazione di un aliquota ridotta Fornitura di libri digitali o elettronici Nella causa C-502/13,

Dettagli

TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata)

TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata) Giurisprudenza comunitaria TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata) SENTENZA del 25 Ottobre 2005 (*) Procedimento numero T 379/03 Parti: Peek & Cloppenburg KG contro Ufficio

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 5 marzo 2015

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 5 marzo 2015 SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 5 marzo 2015 «Inadempimento di uno Stato Fiscalità IVA Applicazione di un aliquota ridotta Fornitura di libri digitali o elettronici» Nella causa C-502/13, avente

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. IV, sentenza 10 maggio 2012, C-39/10

Corte di Giustizia UE, sez. IV, sentenza 10 maggio 2012, C-39/10 Corte di Giustizia UE, sez. IV, sentenza 10 maggio 2012, C-39/10 Sentenza 1 Con il presente ricorso la Commissione europea chiede alla Corte di dichiarare che, non avendo previsto, nella legge relativa

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 27 marzo 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 27 marzo 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 27 marzo 2014 (*) «Cittadinanza dell Unione Principio di non discriminazione Regime linguistico applicabile ai processi civili» Nella causa C-322/13, avente ad oggetto

Dettagli

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT)

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) L articolo 4 prevede che, allo svolgimento in Italia di servizi trasfrontalieri e di quelli

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*) «Mercato interno Direttiva 98/34/CE Norme e regole tecniche Procedura d informazione nel settore delle norme e delle regolamentazioni tecniche Slot

Dettagli

Deliberazione n. 1/2008/P

Deliberazione n. 1/2008/P Deliberazione n. 1/2008/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione del controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza congiunta del I e II Collegio

Dettagli

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011 61987J0186 SENTENZA DELLA CORTE DEL 2 FEBBRAIO 1989. - IAN WILLIAM COWAN CONTRO TRESOR PUBLIC. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL TRIBUNAL DE GRANDE INSTANCE DI PARIGI. - TURISTI IN QUANTO

Dettagli

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 26 aprile 2007. Nella causa C-135/05,

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 26 aprile 2007. Nella causa C-135/05, (C-135/05) AMBIENTE - GESTIONE DEI RIFIUTI ITALIA INFRAZIONE La Corte di giustizia ha condannato la Repubblica italiana per il mancato recepimento delle direttive 75/442/CEE, 91/689/CEE e 1999/31/CE. In

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 8 settembre 2005 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 8 settembre 2005 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 8 settembre 2005 (*) «Imposte dirette Imposta sui redditi da risparmio e investimenti Convenzione tributaria Sgravi fiscali riservati agli assicurati presso il sistema

Dettagli

SENTENZA N. 355 ANNO 2005

SENTENZA N. 355 ANNO 2005 SENTENZA N. 355 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente - Fernanda CONTRI Giudice - Guido NEPPI MODONA

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 15 ottobre 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 15 ottobre 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 15 ottobre 2014 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttive 1999/31/CE e 2008/98/CE Piano di gestione Rete adeguata e integrata di impianti di smaltimento Obbligo

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione)

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 marzo 2013 (*) «Articolo 99 del regolamento di procedura Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Direttiva 2008/115/CE Norme e procedure comuni in materia di rimpatrio

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 26 febbraio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 26 febbraio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 26 febbraio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Protezione dello strato di ozono Sistema per lo scambio di quote di emissioni di gas a effetto serra nell Unione europea

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. contro N. 00510/2011REG.PROV.COLL. N. 06055/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 11 aprile 2013 *

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 11 aprile 2013 * SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 11 aprile 2013 * «Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato Clausola 2 Ambito di applicazione dell accordo

Dettagli

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue:

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue: Corte di Giustizia UE, Quinta Sezione, ordinanza 14 novembre 2014, causa C-394/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE. (Quinta Sezione) 14 novembre 2014. Nella causa C-394/14. contro. LA CORTE (Quinta Sezione),

ORDINANZA DELLA CORTE. (Quinta Sezione) 14 novembre 2014. Nella causa C-394/14. contro. LA CORTE (Quinta Sezione), ORDINANZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 14 novembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato di un volo Diritto dei

Dettagli

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici,

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici, ARRÊT DE LA COUR (sixième chambre) 4 dicembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Competenza giurisdizionale dei giudici dello

Dettagli

Dottorato in Diritto pubblico dell economia. Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2009/2010

Dottorato in Diritto pubblico dell economia. Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2009/2010 Dottorato in Diritto pubblico dell economia Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2009/2010 Decisioni della Corte di Giustizia delle comunità Europee Febbraio 2010 Note LINDA CECCONI

Dettagli

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Nel procedimento C-68/07, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi degli artt.

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 9 luglio 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 9 luglio 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 9 luglio 2009 (*) «Regolamento (CE) n. 44/2001 Art. 5, punto 1, lett. b), secondo trattino Regolamento (CE) n. 261/2004 Artt. 5, n. 1, lett. c), e 7, n. 1, lett. a)

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

61994J0237. Parole chiave. Massima

61994J0237. Parole chiave. Massima Avis juridique important 61994J0237 Sentenza della Corte (Quinta Sezione) del 23 maggio 1996. - John O'Flynn contro Adjudication Officer. - Domanda di pronuncia pregiudiziale: Social Security Commissioner

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 ss.mm.ii; VISTO il D.P.C.M. n. 105 del 27 febbraio 2013 recante il Regolamento di riorganizzazione del Ministero delle politiche agricole ; VISTO il Decreto

Dettagli

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 dicembre 2011 «Inadempimento di uno Stato Libera circolazione dei capitali Ambito di applicazione Fondi di pensione aperti Restrizione all investimento di capitali

Dettagli

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Aissatou Diatta contro Land Berlino - (Domanda di pronunzia pregiudiziale, proposta dal Bundesverwaltunhgd Gericht). Lavoratori migranti Diritto di soggiorno della

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. II, sentenza 16 luglio 2015, C-255/14

Corte di Giustizia UE, sez. II, sentenza 16 luglio 2015, C-255/14 Corte di Giustizia UE, sez. II, sentenza 16 luglio 2015, C-255/14 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 65 TFUE e 9 del regolamento (CE) n. 1889/2005

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 22 ottobre 2014, C-344/13 e C367/13

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 22 ottobre 2014, C-344/13 e C367/13 Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 22 ottobre 2014, C-344/13 e C367/13 Sentenza 1 Le presenti domande di pronuncia pregiudiziale vertono sull interpretazione degli articoli 46 e 49 CE, divenuti

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) «Impugnazione Marchio comunitario Marchio figurativo F1-LIVE Opposizione del titolare dei marchi denominativi internazionali e nazionali F1 e di un

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) «Impugnazione Marchio comunitario Marchio figurativo F1-LIVE Opposizione del titolare dei marchi denominativi internazionali e nazionali F1 e di un

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE, NONA SEZIONE, 4 SETTEMBRE 2014 CAUSA C-452/13

CORTE DI GIUSTIZIA UE, NONA SEZIONE, 4 SETTEMBRE 2014 CAUSA C-452/13 CORTE DI GIUSTIZIA UE, NONA SEZIONE, 4 SETTEMBRE 2014 CAUSA C-452/13 «Rinvio pregiudiziale - Trasporto aereo - Regolamento (CE) n. 261/2004 - Articoli 2, 5 e 7 - Diritto a compensazione pecuniaria in caso

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 15 maggio 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 15 maggio 2008 (*) AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 15

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Sistema comune d imposta sul valore aggiunto Direttiva 2006/112/CE Gruppo IVA Fatturazione interna per i servizi forniti da

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Enna sezione terza sent. n. 140 del 2010

Commissione Tributaria Provinciale di Enna sezione terza sent. n. 140 del 2010 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 01/04/2010 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/29248-commissione-tributaria-provinciale-di-ennasezione-terza-sent-n-140-del-2010 Autore: sentenza Commissione Tributaria

Dettagli

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D.

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. Deliberazione n. SCCLEG/5/2015/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

N. 01863/2010 REG. SEN. N. 00464/2010 REG. RIC.

N. 01863/2010 REG. SEN. N. 00464/2010 REG. RIC. N. 01863/2010 REG. SEN. N. 00464/2010 REG. RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio sezione staccata di Latina (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 5, paragrafo 2, e 6 della direttiva 2008/7/CE

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 18 dicembre 2007 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 18 dicembre 2007 (*) AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it www.ildirittoamministrativo.it Rivista giuridica Registrata presso il Tribunale di Catania ISSN 2039-6937 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN MATERIA DI DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE DICEMBRE 2013 A cura

Dettagli

CONCLUSIONI DELL'AVVOCATO GENERALE NILS WAHL presentate il 26 novembre 2015 (1) Causa C 375/14. Procedimento penale a carico di Rosanna Laezza

CONCLUSIONI DELL'AVVOCATO GENERALE NILS WAHL presentate il 26 novembre 2015 (1) Causa C 375/14. Procedimento penale a carico di Rosanna Laezza CONCLUSIONI DELL'AVVOCATO GENERALE NILS WAHL presentate il 26 novembre 2015 (1) Causa C 375/14 Procedimento penale a carico di Rosanna Laezza (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Tribunale

Dettagli

raccolta della giurisprudenza 2003 pagina II-00117 Massima Parti Motivazione della sentenza Decisione relativa alle spese Dispositivo Parole chiave

raccolta della giurisprudenza 2003 pagina II-00117 Massima Parti Motivazione della sentenza Decisione relativa alle spese Dispositivo Parole chiave Sentenza del Tribunale di primo grado (Terza Sezione) del 13 febbraio 2003. - Karl L. Meyer contro Commissione delle Comunità europee. - PTOM - Ricorso per risarcimento danni - Obbligo di pubblicità e

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 marzo 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 marzo 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 marzo 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Assicurazione obbligatoria della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli Direttiva 90/232/CEE Articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

SENTENZA N. 195 ANNO 2015

SENTENZA N. 195 ANNO 2015 Sentenza 195/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO - Redattore CARTABIA Udienza Pubblica del 22/09/2015 Decisione del 22/09/2015 Deposito del 09/10/2015 Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Legge della

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 10 maggio 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 10 maggio 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 10 maggio 2012 (*) «Inadempimento di uno Stato Direttiva 2004/18/CE Procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi Appalto

Dettagli

Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2010/2011. Decisioni della Corte di Giustizia delle comunità Europee

Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2010/2011. Decisioni della Corte di Giustizia delle comunità Europee Dipartimento di Economia e Diritto Sez. Diritto dell economia Facoltà di Economia Dottorato di ricerca in Diritto pubblico dell economia Osservatorio sulla giurisprudenza comunitaria Anno accademico 2010/2011

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

iscrizione nella Sezione Speciale degli Avvocati stabiliti presentata in data 6 ottobre.2011; Il ricorrente, dott. S. F., non è comparso; FATTO

iscrizione nella Sezione Speciale degli Avvocati stabiliti presentata in data 6 ottobre.2011; Il ricorrente, dott. S. F., non è comparso; FATTO N. 265/11 R.G. n. RD 50/12 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio Nazionale Forense, riunito in seduta pubblica, nella sua sede presso il Ministero della

Dettagli

Corte Costituzionale Sentenza del 9 aprile 1969, n. 68

Corte Costituzionale Sentenza del 9 aprile 1969, n. 68 Corte Costituzionale Sentenza del 9 aprile 1969, n. 68 Ritenuto in fatto. - Con citazione del 21 settembre 1967 proposta col rito speciale delle controversie individuali di lavoro, M. C. conveniva in giudizio

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL FINANZGERICHT HAMBURG. - INCOMPETENZA DEI GIUDICI NAZIONALI A

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Cooperazione giudiziaria in materia civile e commerciale Competenza in materia di obbligazioni alimentari Regolamento (CE)

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente REPUBBLICA ITALIANA 104/2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 19 maggio 2009 *

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 19 maggio 2009 * SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 19 maggio 2009 * «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento Libera circolazione dei capitali Artt. 43 CE e 56 CE Sanità pubblica Farmacie Disposizioni che

Dettagli

Esportazione di vino sfuso - Divieto - Denominazione d'origine - Artt. 34 e 36 del Trattato.

Esportazione di vino sfuso - Divieto - Denominazione d'origine - Artt. 34 e 36 del Trattato. AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. CELEX - 61990J0047 Sentenza della Corte

Dettagli

Tutela della lavoratrice madre e fecondazione in vitro

Tutela della lavoratrice madre e fecondazione in vitro Tutela della lavoratrice madre e fecondazione in vitro La Corte di Giustizia della Comunità Europea si chiede se rappresenti una lavoratrice gestante ai sensi dell art. 2, lett. a), prima frase, della

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA N. 10269/2012 REG.PROV.COLL. N. 08214/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Ter) ha pronunciato

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLE SCOMMESSE A TOTALIZZATORE SULLE CORSE DEI CAVALLI DENOMINATE VINCENTE NAZIONALE ED ACCOPPIATA NAZIONALE.

REGOLAMENTAZIONE DELLE SCOMMESSE A TOTALIZZATORE SULLE CORSE DEI CAVALLI DENOMINATE VINCENTE NAZIONALE ED ACCOPPIATA NAZIONALE. VISTO il decreto legislativo 14 aprile 1948, n. 496, e successive modificazioni ed integrazioni, concernente la disciplina delle attività di gioco; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica del

Dettagli

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI 1. GUIDA ALLA COMPILAZIONE QUANDO DEVE ESSERE COMPILATA?

Dettagli

Sentenza della Corte (Quarta Sezione) del 14 luglio 2005. Michail Peros contro Techniko Epimelitirio Ellados

Sentenza della Corte (Quarta Sezione) del 14 luglio 2005. Michail Peros contro Techniko Epimelitirio Ellados Sentenza della Corte (Quarta Sezione) del 14 luglio 2005 Michail Peros contro Techniko Epimelitirio Ellados Domanda di pronuncia pregiudiziale: Symvoulio tis Epikrateias - Grecia Direttiva 89/48/CEE -

Dettagli

Sentenza della Corte (Seconda Sezione) del 5 luglio 2007. Commissione delle Comunità europee contro Regno del Belgio

Sentenza della Corte (Seconda Sezione) del 5 luglio 2007. Commissione delle Comunità europee contro Regno del Belgio Sentenza della Corte (Seconda Sezione) del 5 luglio 2007 Commissione delle Comunità europee contro Regno del Belgio Inadempimento di uno Stato - Libera circolazione delle persone - Libera circolazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda Quater) SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 3344

Dettagli

SENTENZA N. 27 ANNO 2013

SENTENZA N. 27 ANNO 2013 Sentenza 27/2013 Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA PRINCIPALE Presidente GALLO - Redattore NAPOLITANO Udienza Pubblica del 15/01/2013 Decisione del 13/02/2013 Deposito del 22/02/2013

Dettagli

Raccolta delle formule di scommessa ippica a totalizzatore denominata «Ippica nazionale» (G.U. 31 dicembre 2007, n. 302).

Raccolta delle formule di scommessa ippica a totalizzatore denominata «Ippica nazionale» (G.U. 31 dicembre 2007, n. 302). D.Dirett. 13 dicembre 2007. Raccolta delle formule di scommessa ippica a totalizzatore denominata «Ippica nazionale» (G.U. 31 dicembre 2007, n. 302). Min. economia e finanze - Amministrazione autonoma

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttive 90/619/CEE e 92/96/CEE Assicurazione diretta sulla vita Diritto di rinuncia Assenza di informazione sulle condizioni

Dettagli