GRUPPO MONTEPASCHI PROGETTO DI BILANCIO CONSOLIDATO 31 dicembre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO MONTEPASCHI PROGETTO DI BILANCIO CONSOLIDATO 31 dicembre 2009"

Transcript

1 GRUPPO MONTEPASCHI PROGETTO DI BILANCIO CONSOLIDATO 31 dicembre 2009

2 2

3 BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO MONTEPASCHI RELAZIONE CONSOLIDATA SULLA GESTIONE... 5 SCHEMI DEL BILANCIO CONSOLIDATO STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO PROSPETTO DELLA REDDITIVITÀ CONSOLIDATA COMPLESSIVA PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO CONSOLIDATO RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO METODO INDIRETTO NOTA INTEGRATIVA CONSOLIDATA PARTE A POLITICHE CONTABILI PARTE B INFORMAZIONI SULLO STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO PARTE C INFORMAZIONI SUL CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO PARTE D REDDITIVITÀ CONSOLIDATA COMPLESSIVA PARTE E INFORMAZIONI SUI RISCHI E SULLE RELATIVE POLITICHE DI COPERTURA PARTE F INFORMAZIONI SUL PATRIMONIO CONSOLIDATO PARTE G OPERAZIONI DI AGGREGAZIONE RIGUARDANTI IMPRESE O RAMI D AZIENDA PARTE H OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PARTE I ACCORDI DI PAGAMENTO BASATI SU PROPRI STRUMENTI PATRIMONIALI PARTE L INFORMATIVA DI SETTORE ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO AI -TER DEL REGOLAMENTO CONSOB N DEL 14 MAGGIO 1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI ALLEGATI

4 4

5 Relazione consolidata sulla gestione RELAZIONE CONSOLIDATA SULLA GESTIONE RELAZIONE CONSOLIDATA SULLA GESTIONE... 5 I risultati 2009 in sintesi... 7 I criteri gestionali di riclassificazione del Gruppo Montepaschi... 9 I prospetti riclassificati gestionali Il contesto di riferimento commerciale domestica e il patrimonio clienti Gli aggregati patrimoniali Gli aggregati reddituali La gestione integrata dei rischi e del capitale Quantificazione degli effetti economici Il patrimonio di vigilanza ed i requisiti regolamentari La struttura operativa La corporate governance e le altre informazioni La responsabilità sociale del Gruppo Montepaschi Gli eventi importanti del Allegati

6

7 Relazione consolidata sulla gestione I risultati 2009 in sintesi Il Gruppo Montepaschi ha realizzato risultati commerciali che consolidano e migliorano il posizionamento competitivo pur in un contesto di mercato ancora difficile soprattutto nel comparto reale del sistema economico, confermando nel contempo le iniziative ed i presidi a sostegno di famiglie ed imprese tesi a mitigare gli effetti della sfavorevole congiuntura e ad. Nello stesso tempo, sono stati portati a termine profondi interventi di integrazione societaria e razionalizzazione organizzativa (integrazione di 600 sportelli ex Banca Antonveneta in BMPS, costituzione di Nuova Banca Antonveneta, fusione di Banca Toscana in BMPS, definizione del nuovo assetto della struttura territoriale, semplificazione organizzativa della Capogruppo) anticipando tutti gli obiettivi operativi stabiliti nel Piano Industriale 2008/2011. Tali operazioni hanno impegnato in modo rilevante risorse umane e infrastrutture tecnologiche, coinvolgendo fortemente Direzione Generale e Reti Distributive; oltre le risorse impegnate direttamente alla finalizzazione delle suddette operazioni con oltre filiali oggetto di integrazione. commerciali che hanno In particolare: o n la raccolta complessiva si è attestata a circa 288 miliardi in aumento di oltre 15 miliardi (+5,7%) sul 2008, grazie principalmente alla raccolta diretta (+9,1% su a.p.; quota di mercato pari al 7,16%, +4 bps su a.p.). In ripresa il risparmio gestito, che è cresciuto del 5,2% sul 31/12/08. In termini di collocamento prodotti, i flussi sono risultati superiori ai 22 miliardi, in crescita di espansione delle polizze assicurative vita e della raccolta obbligazionaria, accompagnata da una significativa riduzione dei deflussi nel comparto delle gestioni individuali e collettive. o per quanto concerne la gestione del credito, al 31 dicembre 2009 gli impieghi del Gruppo Montepaschi sono risultati pari a circa 152 miliardi in crescita del 4,9% sul 31/12/2008 (quota di mercato pari a 8,02%, +37 bps su a.p.). In tale ambito i flussi veicolati sulle Società di Credito Specializzato sono risultati pari a circa 10 miliardi (-28% su a.p.) con segnali di recupero nel quarto trimestre (+22% 4 Q09 su 3 Q09), a fronte di una domanda di finanziamenti ancora debole a livello di Sistema. Le stipule dei mutui alla Clientela effettuate direttamente dalle Reti Commerciali hanno superato 14 miliardi, confermando, anche per questi prodotti, un trend in accelerazione (5,6 miliardi il gettito del 4 trimestre; +61,6% 4 Q09 su 3 Q09). Con riferimento alla qualità del credito, al 31 dicembre 2009 il rapporto sofferenze nette su impieghi si è attestato a circa il 3%. o i Clienti del Gruppo sono risultati superiori a 6,3 milioni di unità. Per effetto degli andamenti precedentemente descritti, al 31 dicembre 2009 il Gruppo Montepaschi ha registrato un Risultato Operativo Netto pari a circa 532 milioni (856 milioni al 31/12/2008 ricostruito su basi omogenee 1 ) scontando, sul fronte dei ricavi e nella valutazione delle attività creditizie, gli effetti della congiuntura economico-finanziaria ancora in atto e dei conseguenti livelli dei tassi di interesse. In questo zione degli Oneri Operativi (-6,5%) ed un miglioramento del cost to income (-3 p.p.). Purchase Price Allocation 2 (PPA) si è attestato a circa ca 220 milioni. 1 2 i raffronto, anche dove non finizione rimandiamo alla nota 2 dei prospetti di Conto Economico. Purchase Price Allocation: valorizzazione al fair value delle principali attività e passività potenziali acquisite. 7

8 Relazione consolidata sulla gestione Relativamente agli eventi societari rilevanti del 2009 si segnala il bancarie perfezionato da Banca Monte dei Paschi di Siena (403 filiali) con beneficiaria la Nuova Banca Antonveneta (decorrenza 1 gennaio 2009), la fusione per incorporazione della controllata Banca Toscana in Banca Monte dei Paschi di Siena (avvenuta in data 30 marzo 2009 con effetti contabili e fiscali a partire dal 1/1/2009) e la elli), sempre da parte della Capogruppo, alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata (contratto sottoscritto nel corso del terzo trimestre 2009) coerentemente con il In data 30 dicembre novembre 2008 n. 185, convertito dalla Legge 28 g determinato, in termini di adeguatezza patrimoniale, un beneficio attorno a 155 bps sul Tier 1 e sul Total Capital Ratio, nonché un incremento complessivo del free capital pari a 1,9 miliardi. Per quanto riguarda i ratios regolamentari, al 31 dicembre 2009 si evidenzia un TIER I Ratio BIS II al 7,5% (5,1% a fine 2008) e un coefficiente % (9,3% a fine 2008). 8

9 I criteri gestionali di riclassificazione del Gruppo Montepaschi Relazione consolidata sulla gestione Nei prospetti che seguono vengono riportati gli schemi di conto economico e di stato patrimoniale riclassificati secondo criteri gestionali. In particolare, con riferimento al conto economico dei due esercizi, i principali interventi riguardano aggregazioni di voci e riclassificazioni effettuate con la finalità di garantire una più chiara lettura della dinamica andamentale. Al riguardo, per il 31 dicembre 2009 evidenziamo i seguenti interventi (per dettagli cfr. i prospetti di riconciliazione riportati nella sezione Allegati): a) Commissioni Nette posizione credit b) La voce del conto economico riclassificato cessione o riacquisto di crediti, attività finanziarie disponibili per la vendita e detenute sino alla scadenza e passività finanziarie) e 110 (Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value). Tale voce incorpora i valori afferenti i dividendi di alcune operazioni su titoli in quanto strettamente connessi alla componente di trading (circa 310 milioni al depurato della perdita (37,5 milioni) sui contratti derivati estinti anticipatamente connessi alla chiusura di nette c) la voce del conto economico riclassificato metodo del patrimo dividendi di alcune operazioni di trading come descritto al punto precedente; d) la voce del conto economico riclassificato è stata milioni e oneri relativi a piani finanziari per circa 6 milioni), che trovano gestionalmente una più corretta incorpora anche gli effetti conseguenti sia allo stralcio di una posizione creditizia (vedi punto a) sia alla chiusura cartolarizzazione (vedi punto b). Sono stati inoltre imputati circa 4,6 mln di perdite derivanti ente quindi assimilabili alle rettifiche di valore su crediti; e) è stata ridotta di circa 59 milioni riferiti prevalentemente alle manovre di uscita agevolate dal servizio (Esodo incentivato e Fondo di Solidarietà) e f) la voce del conto economico riclassificato è stata integrata della quota relativa al recupero delle imposte di bollo e dei recuperi di spesa su clientela (circa 292 milioni) contabilizzate in bilancio Oneri una tantum riassetto deliberato nel Piano Industriale ; g) la voce del conto economico riclassificato rischi e oneri e Altri Accantonamenti netti ai fondi rischi ed oneri, ed è nettata dei recuperi delle imposte di bollo e di spesa come descritto nei punti precedenti; h) la voce del conto economico riclassificato Oneri una tantum processo di riassetto organizzativo, scorporati dalle Spese per il Personale (circa 59 milioni) e dalle Altre Spese Amministrative (circa 28 milioni); i) la voce 9

10 Relazione consolidata sulla gestione j) Gli effetti del Purchase Price Allocation minata Effetti economici netti della Purchase Price Allocation scorporandoli dalle voci economiche interessate (in particolare iscale per circa 64 milioni che integrano la relativa voce). In aggiunta alle suddette riclassifiche, sempre al fine di agevolare la lettura della dinamica andamentale, relativamente alle società del, a seguito della cessione con perdita di controllo delle stesse, si è reso necessario integrare le commissioni nette state invece classificate e raggruppate in una specifica voce nel rispetto del principio contabile internazionale IFRS cessione delle partecipazioni) che, ceteris paribus, rientrerà come ricavo da società terze anziché quale contributo da società del Gruppo. Ciò ha conseguentemente impattato sulla voce economica riclassificata I principali interventi di riclassificazione apportati allo stato patrimoniale consolidato riguardano invece: k) ricomprende le voci di bilancio 20 (Attività finanziarie detenute per la negoziazione), 30 (Attività finanziarie valutate al fair value) e 40 (Attività finanziarie disponibili per la vendita); l) ricomprende le voci di bilancio 80 (Derivati di copertura), 90 (Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura generica), 140 (Attività fiscali), 150 (Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione) e 160 (Altre attività); m) la voce del passivo dello stato patrimoniale riclassificato ricomprende le voci di bilancio 20 (Debiti verso clientela), 30 (Titoli in circolazione) e 50 (Passività finanziarie valutate al fair value); n) la voce del passivo dello stato patrimoniale riclassificato 60 (Derivati di copertura), 70 (Adeguamento di valore delle passività finanziarie oggetto di copertura generica), 80 (Passività fiscali), 90 (Passività associate a gruppi di attività in via di dismissione) e 100 (Altre passività). Nella sezione Allegati vengono riportati i raccordi tra gli schemi di conto economico e stato patrimoniale consolidati riclassificati e prospetti contabili. 10

11 Relazione consolidata sulla gestione I prospetti riclassificati gestionali DATI RIASSUNTIVI - CAPOGRUPPO BANCARIA BANCA MPS Il quadro di sintesi dei risultati al 31/12/09 VALORI ECONOMICI, PATRIMONIALI E PRINCIPALI INDICATORI GESTIONALI CAPOGRUPPO BANCARIA dati storici (*) VALORI ECONOMICI (in milioni di euro) 31/12/09 31/12/08 Var.% Margine intermediazione primario 3.942, ,4 7,5 Margine della gestione finanziaria 4.226, ,7 3,1 Risultato operativo netto 177,7 832,7-78,7 Utile netto di esercizio ante effetti PPA 239, ,4-81,2 VALORI PATRIMONIALI ED OPERATIVI (in milioni di euro) 31/12/09 31/12/08 Var.% Raccolta Diretta ,9 Raccolta Indiretta ,4 di cui Risparmio Gestito ,5 di cui Risparmio Amministrato ,2 Crediti verso Clientela ,1 Patrimonio netto ,5 INDICI DI QUALITA' DEL CREDITO (%) 31/12/09 31/12/08 Crediti in sofferenza netti/crediti verso clientela 1,98 2,00 Incagli netti/crediti verso Clientela 1,79 1,39 INDICI DI REDDITIVITA' (%) 31/12/09 31/12/08 Cost/Income ratio 73,4 65,7 R.O.E. (su patrimonio medio) (2) 1,1 11,2 R.O.E. (su patrimonio puntuale) 1,2 16,0 Rettifiche nette su crediti / Impieghi puntuali 0,69 0,48 COEFFICIENTI PATRIMONIALI (%) 31/12/09 31/12/08 Coefficiente di solvibilità 20,8 15,0 Tier 1 ratio 12,7 7,4 INFORMAZIONI SUL TITOLO AZIONARIO BMPS 31/12/09 31/12/08 Numero azioni ordinarie in circolazione Numero azioni privilegiate in circolazione Numero azioni di risparmio in circolazione Quotazione per az.ordinaria: media 1,24 1,97 minima 0,77 1,22 massima 1,62 2,98 STRUTTURA OPERATIVA 31/12/09 31/12/08 Var. ass. N. puntuale dipendenti (1) Numero Filiali Reti Commerciali Italia Numero Filiali Estero, Uff.di Rappr. Estero (*) Ricordiamo che a seguito del conferimento del ramo d'azienda di attività bancarie perfezionato da Banca Monte dei Paschi di Siena (403 filiali) con beneficiaria la Nuova Banca Antonveneta (decorrenza 1/1/2009) e la fusione per incorporazione della controllata Banca Toscana (avvenuta in data 30/3/2009 con effetti contabili e fiscali a partire dal 1/1/2009), il confronto dei dati con l'anno precedente non risulta omogeneo. (1) Trattasi della forza effettiva: dipendenti dell'attività bancaria esclusi i distaccati presso società del Gruppo. (2) Per il calcolo del ROE al 31/12/2009 sono stati esclusi gli effetti sul patrimonio conseguenti all'emissione degli strumenti finanziari a fine 2009 sottoscritti dal Ministero del Tesoro (c.d. "Tremonti Bond"). 11

12 Relazione consolidata sulla gestione CONTO ECONOMICO RICLAS S IFICATO CON CRITERI GES TIONALI (in milioni di euro) 31/12/09 31/12/08 Variazioni 31/12/08 Variazioni % GRUPPO MONTEPASCHI (*) (1) (*) Ass. % dati ric os truiti (2) (*) su dati ricostruiti (2) Margine di interes s e 3.638, ,8-266,4-6,8% 3.814,7-4,6% Commis s ioni nette 1.893, ,5-257,2-12,0% 2.130,1-11,1% Margine intermediazione primario 5.531, ,3-523,7-8,6% 5.944,8-7,0% Dividendi, proventi s imili e Utili (P erdite) delle partecipazioni 110,4 14,9 95,5 n.s. 14,9 n.s. Ris ultato netto da negoz iaz ione/valutaz ione attività finanz iarie 66,8-113,4 180,2 n.s. -120,7 n.s. Ris ultato netto dell'attività di copertura -1,5-4,3 2,8-65,9% -4,3-65,9% Margine della gestione finanziaria e assicurativa 5.707, ,5-245,2-4,1% 5.834,8-2,2% Rettifiche di valore nette per deterioramento di: , ,9-450,2 42,5% ,9 42,5% a) c rediti , ,2-400,8 37,6% ,2 37,6% b) attività finanziarie -44,1 5,3-49,5 n.s. 5,3 n.s. Risultato della gestione finanziaria e assicurativa 4.197, ,6-695,4-14,2% 4.774,9-12,1% S pes e amminis trative: , ,1 273,3-7,2% ,1-6,9% a) s pes e per il pers onale , ,2 159,0-6,5% ,3-6,2% b) altre s pes e amminis trative , ,9 114,3-8,6% ,8-8,2% Rettifiche di valore nette s u attività materiali ed immateriali -163,0-156,5-6,5 4,1% -156,4 4,2% Oneri Operativi , ,6 266,9-6,8% ,4-6,5% Risultato operativo netto 532,4 960,9-428,6-44,6% 856,4-37,8% Accantonamenti netti ai fondi per ris chi e oneri e Altri proventi/oneri di ges tione -220,2-186,7-33,5 18,0% -186,2 18,2% Utili (Perdite) da partecipazioni -2,7 175,8-178,5 176,5 n.s. Oneri di Integrazione -86,8-321,9 235,1-73,0% -321,9-73,0% Impairment avviamenti e attività finanziarie -542,3 542,3 n.s. -542,3 n.s. Utili (Perdite) da ces s ione di inves timenti 42,3 27,9 14,3 51,3% 27,9 51,3% Utile (Perdita) della operatività corrente al lordo delle imposte 265,0 113,9 151,1 n.s. 10,6 n.s. -101,7 844,7-946,3 n.s. 878,6 n.s. Utile (Perdita) della operatività corrente al netto delle imposte Utile (P erdita) dei gruppi di attività in via di dis mis s ione al netto delle impos te 163,3 958,6-795,3-83,0% 889,2-81,6% 195,5 70,9 124,6 n.s. 79,5 n.s. Utile (P erdita) di periodo di pertinenza di terzi -4,5-9,6 5,1-53,4% -9,6-53,4% Utile netto di esercizio ante PPA 354, ,8-665,5-65,3% 959,0-63,1% E ffetti economici netti della "purchas e Price Allocation" -134,2-66,8-67,4 n.s. -66,8 n.s. Utile netto d'esercizio 220,1 953,0-732,9 n.s. 892,2 n.s. (*)Alfinedigarantire lettura andamentale, per tenere conto della contabilizzazione di alcuni proventi s ono s tati proformati i dati di raffronto relativi (1) I dati al 31/12/08 tengono conto dei ris ultati contabili di Banca Antonveneta da inizio 2008 (12 mes i) mentre gli s chemi contabili ufficiali comprendono i valori di B anc a Antonveneta del 2008 a partire dalla data di effettiva ac quis iz ione (7 mes i). S i prec is a inoltre c he non s ono s tati cons iderati gli effetti finanz iari pro quota per i primi 5 mes i 2008 dell'ac quis iz ione di B anc a Antonveneta. (2) I dati di raffronto 2008 s ono s tati ric os truiti tenendo c onto dei ris ultati c ontabili di B anc a Antonveneta da iniz io 2008 (12 mes i) e dei c os ti dei finanziamenti ad Intermonte, a s eguito della c es s ione avvenuta nel s ec ondo s emes tre 2008, ric onduc endoli alla voc e "Utile/perdita dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle impos te". I dati economici della colonna "dati ricos truiti" non trovano quindi piena e diretta confrontabilità con i ris ultati c ontabili dell'es erc iz io 2008 (c he comprendono i valori di Antonveneta a partire dalla data di effettiva acquis izione - 7 mes i), ma permettono di apprezzare in modo più completo ed adeguato l'evoluz ione delle principali grandez z e del conto economico del G ruppo, interes s ato, nello s tes s o es erciz io, dall'acquis iz ione del Gruppo Banca Antonveneta. 12

13 Relazione consolidata sulla gestione EVOLUZIONE TRIMES TRALE C ONTO EC ONOMIC O RIC LAS S IFIC ATO C ON C RITERI G ES TIONALI (in milioni di euro) E s erc izio 2009 (*) E s erc izio 2008 (1) (*) Media Media GRUPPO MONTEPAS C HI 4 trim.09 3 trim.09 2 trim.09 1 trim.09 4 trim.08 3 trim.08 2 trim.08 1 trim.08 Trim. '09 Trim. '08 Margine di interesse 889,6 913,3 909,6 925,9 980,5 944, ,4 973,2 909,6 976,2 Commissioni nette 465,7 476,4 469,3 481,9 486,8 529,9 563,3 570,4 473,3 537,6 Margine intermediazione primario 1.355, , , , , , , , , ,8 Dividendi, proventi s imili e Utili (P erdite) delle partecipazioni R is ultato netto da negoz iaz ione/valutaz ione attività finanz iarie 24,1 19,6 45,4 21,2-39,3 20,2 21,2 12,7 27,6 3,7-20,8 8,3 31,5 47,8-167,5-1,6 80,6-24,9 16,7-28,3 R is ultato netto dell'attività di c opertura 8,1-10,3-5,8 6,5 3,3 0,0-0,4-7,2-0,4-1,1 Margine della gestione finanziaria e assicurativa 1.366, , , , , , , , , ,1 Rettifiche di valore nette per deterioramento di: -440,4-360,0-405,3-304,4-427,2-189,3-223,5-220,0-377,5-265,0 a) crediti -428,3-351,0-400,1-286,6-424,0-189,6-235,5-216,1-366,5-266,3 b) attività finanz iarie -12,2-9,0-5,2-17,8-3,2 0,3 12,0-3,9-11,0 1,3 Risultato della gestione finanziaria e assicurativa 926, , , ,9 836, , , , , ,1 S pes e amminis trative: -983,2-844,9-821,9-851, ,2-920,8-928,7-907,4-875,4-943,8 a) s pes e per il pers onale -614,8-563,6-537,4-574,4-652,4-595,4-599,4-602,0-572,6-612,3 b) altre s pes e amminis trative -368,5-281,2-284,5-277,4-365,8-325,4-329,3-305,5-302,9-331,5 R ettific he di valore nette s u attività materiali ed immateriali -45,9-39,7-39,4-38,0-36,8-40,7-39,5-39,7-40,7-39,1 Oneri Operativi ,1-884,6-861,3-889, ,9-961,4-968,2-947,1-916,2-982,9 Risultato operativo netto -102,8 162,7 183,4 289,1-218,1 342,4 479,5 357,1 133,1 240,2 Accantonamenti netti ai fondi per ris chi e oneri e Altri proventi/oneri di ges tione -154,7-30,7-24,1-10,7-153,8-12,7-39,4 19,2-55,1-46,7 Utili (Perdite) da partecipazioni 0,3 0,1-5,0 1,9-0,9-23,5 200,3-0,7 44,0 Oneri di Integrazione -54,8-27,6-4,3-162,2-21,4-138,3-21,7-80,5 Impairment avviamenti e attività finanziarie -399,6-4,5-41,5-96,6-135,6 Utili (Perdite) da cessione di investimenti -4,6 46,8 0,0 0,0 0,1 0,0 20,2 7,7 10,6 7,0 Utile (Perdita) della operatività corrente al lordo delle imposte corrente Utile (Perdita) della operatività corrente al netto delle imposte Utile (P erdita) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte -316,6 179,0 126,6 276,0-934,5 280,3 480,7 287,4 66,2 28,5 167,0-74,7-58,0-135, ,8-126,4-158,9-115,8-25,4 211,2-149,6 104,2 68,6 140,1 311,2 153,9 321,8 171,6 40,8 239,6 0,2-0,3 1,7 193,8 5,0-15,6 76,2 5,4 48,9 17,7 Utile (Perdita) di periodo di pertinenza di terzi -0,9-1,0-2,5-0,1 1,3 1,4-7,1-5,3-1,1-2,4 Utile netto di esercizio ante PPA -150,3 103,0 67,8 333,9 317,5 139,7 390,9 171,7 88,6 255,0 E ffetti economici netti della "purchas e P rice Alloc ation" -31,0-33,6-36,3-33,3-35,7-21,0-10,2-33,5-16,7 Utile netto d'esercizio -181,3 69,3 31,5 300,6 281,9 118,7 380,8 171,7 55,0 238,3 (*)Alfinedigarantire lettura andamentale, per tenere conto della contabilizzazione di alcuni proventi s ono s tati proformati i dati di raffronto relativi del margine di interes s e e delle commis s ioni nette con effetto nullo s ul margine di intermediaz ione primario. (1) I dati del 2008 tengono conto dei risultati contabili di Banca Antonveneta da inizio 2008 (12 mesi) mentre gli schemi contabili ufficiali comprendono i valori di Banca Antonveneta del 2008 a partire dalla data di effettiva acquisizione (7 mesi). S i precis a inoltre che non s ono s tati cons iderati gli effetti finanz iari pro quota per i primi 5 mes i 2008 dell'acquis iz ione di Banca Antonveneta. 13

14 Relazione consolidata sulla gestione EVOLUZIONE TRIMES TRALE C ONTO EC ONOMIC O RIC LAS S IFIC ATO C ON C RITERI G ES TIONALI (in milioni di euro) E s erc izio 2009 (*) Esercizio Dati ricostruiti (2) (*) Media Media GRUPPO MONTEPAS C HI 4 trim.09 3 trim.09 2 trim.09 1 trim.09 4 trim.08 3 trim.08 2 trim.08 1 trim.08 Trim. '09 Trim. '08 Margine di interesse 889,6 913,3 909,6 925,9 980,5 943,5 972,6 918,0 909,6 953,7 Commissioni nette 465,7 476,4 469,3 481,9 486,8 529,9 554,2 559,2 473,3 532,5 Margine intermediazione primario 1.355, , , , , , , , , ,2 Dividendi, proventi s imili e Utili (P erdite) delle partecipazioni R is ultato netto da negoz iaz ione/valutaz ione attività finanz iarie 24,1 19,6 45,4 21,2-39,3 20,2 21,2 12,7 27,6 3,7-20,8 8,3 31,5 47,8-167,5-1,6 73,1-24,6 16,7-30,2 R is ultato netto dell'attività di c opertura 8,1-10,3-5,8 6,5 3,3 0,0-0,4-7,2-0,4-1,1 Margine della gestione finanziaria e assicurativa 1.366, , , , , , , , , ,7 Rettifiche di valore nette per deterioramento di: -440,4-360,0-405,3-304,4-427,2-189,3-223,5-220,0-377,5-265,0 a) crediti -428,3-351,0-400,1-286,6-424,0-189,6-235,5-216,1-366,5-266,3 b) attività finanz iarie -12,2-9,0-5,2-17,8-3,2 0,3 12,0-3,9-11,0 1,3 Risultato della gestione finanziaria e assicurativa 926, , , ,9 836, , , , , ,7 S pes e amminis trative: -983,2-844,9-821,9-851, ,2-920,7-921,9-901,3-875,4-940,5 a) s pes e per il pers onale -614,8-563,6-537,4-574,4-652,4-595,4-595,8-598,7-572,6-610,6 b) altre s pes e amminis trative -368,5-281,2-284,5-277,4-365,8-325,3-326,1-302,6-302,9-329,9 R ettific he di valore nette s u attività materiali ed immateriali -45,9-39,7-39,4-38,0-36,8-40,7-39,4-39,6-40,7-39,1 Oneri Operativi ,1-884,6-861,3-889, ,9-961,3-961,3-940,9-916,2-979,6 Risultato operativo netto -102,8 162,7 183,4 289,1-218,1 341,4 436,0 297,2 133,1 214,1 (*)Alfinedigarantire lettura andamentale, per tenere conto della contabilizzazione di alcuni proventi s ono s tati proformati i dati di raffronto relativi del margine di interes s e e delle commis s ioni nette con effetto nullo s ul margine di intermediaz ione primario. (2) I dati di raffronto 2008 s ono s tati ric os truiti tenendo c onto dei ris ultati c ontabili di B anc a Antonveneta da iniz io 2008 (12 mes i) e dei c os ti dei finanz iamenti connes s i di detta Banca in cui glistessi fossero stati s os tenuti da inizio anno. S ono s tati inoltre s corporati i valori "riga per riga" relativi ad Intermonte, a s eguito della ces s ione avvenuta nel s econdo s emes tre 2008, riconducendoli alla voce "Utile/perdita dei gruppi di attività in via di dis mis s ione al netto delle imposte". I dati economici della colonna "dati ricostruiti" non trovano quindi piena e diretta confrontabilità con i risultati contabili dell'esercizio 2008 (che comprendono i valori di Antonveneta a partire dalla data di effettiva acquisizione - 7 mes i), ma permettono di apprez z are in modo più completo ed adeguato l'evoluz ione delle principali grandez z e del conto economic o del G ruppo, interes s ato, nello s tes s o es erc iz io, dall'ac quis iz ione del G ruppo B anc a Antonveneta. 14

15 Relazione consolidata sulla gestione GRUPPO MPS STATO PATRIMONIALE RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVITA' 31/12/09 31/12/08 Var % ( ) C as s a e dis ponibilità liquide ,2 C rediti : a) C rediti vers o C lientela ,9 b) C rediti vers o B anc he ,4 Attività finanz iarie negoz iabili ,4 Attività finanz iarie detenute s ino alla s cadenz a 0 0 8,6 P artec ipaz ioni ,3 Ris erve tec nic he a c aric o dei rias s ic uratori Attività materiali e immateriali ,6 di c ui: a) avviamento ,3 Altre attività ,2 Totale dell'attivo ,2 PASSIVITA' 31/12/09 31/12/08 Var % ( ) Debiti a) Debiti vers o C lientela e titoli ,1 b) Debiti vers o B anc he ,4 P as s ività finanz iarie di negoz iaz ione ,7 F ondi a des tinaz ione s pec ific a a) F ondo tratt.to di fine rapporto di lavoro s ub ,6 b) F ondi di quies c enz a ,6 c ) Altri fondi ,2 Altre voc i del pas s ivo ,3 Riserve tecniche P atrimonio netto di G ruppo ,9 a) Ris erve da valutazione ,6 b) Azioni rimbors abili c) S trumenti di capitale n.s. d) Ris erve ,5 e) S ovrapprezzi di emis s ione ,1 f) Capitale ,3 g) Azioni proprie (-) ,2 h) Utile (P erdita) d'es ercizio ,1 P atrimonio di pertinenz a terz i ,8 Totale del Passivo e del Patrimonio netto ,2 ( ) Dati s toric i pubblic ati nella Relaz ione Finanz iaria al 31/12/08. 15

16 Relazione consolidata sulla gestione STATO PATRIMONIALE RICLASSIFICATO - Evoluzione Trimestrale (in mln) 31/12/09 30/09/09 30/06/09 31/03/09 31/12/08 30/09/08 30/06/08 31/03/08 ATTIVITA' ( ) ( ) ( ) ( ) Cassa e disponibilità liquide Crediti : a) Crediti vers o Clientela b) Crediti vers o Banche Attività finanziarie negoziabili Attività finanziarie detenute s ino alla s cadenza P artec ipaz ioni Ris erve tecniche a carico dei rias s icuratori Attività materiali e immateriali di cui: a) avviamento Altre attività Totale dell'attivo /12/09 30/09/09 30/06/09 31/03/09 31/12/08 30/09/08 30/06/08 31/03/08 PASSIVITA' Ragioneria ( ) ( ) ( ) ( ) Debiti a) Debiti vers o Clientela e titoli b) Debiti vers o Banche P as s ività finanziarie di negoziazione Fondi a des tinazione s pecifica a) F ondo tratt.to di fine rapporto di lavoro s ubordinato b) Fondi di quies cenza c ) Altri fondi Altre voci del pas s ivo Riserve tecniche P atrimonio del Gruppo a) Riserve da valutazione b) Azioni rimbors abili c ) S trumenti di capitale d) Ris erve e) S ovrapprezzi di emissione f) Capitale g) Azioni proprie (-) h) Utile (P erdita) d'es ercizio P atrimonio di pertinenza terzi Totale del Passivo e del Patrimonio netto ( ) Dati s toric i pubblic ati nella Relaz ione Finanz iaria al 31/12/

17 Relazione consolidata sulla gestione Il contesto di riferimento Lo scenario macroeconomico iale ha attraversato, nel complesso, una intensa e profonda recessione, asiatici emergenti, mentre gli USA hanno mostrato una maggiore capacità di tenuta e recupero rispetto concreti di miglioramento, con PIL e produzione industriale in ripresa e maggiore fiducia di imprese e famiglie. Il contenuto recupero non impedisce tuttavia che la flessione annua del commercio internazionale superi il 10%. Non vi è dubbio che il rimbalzo globale sia legato agli straordinari pacchetti di stimolo. La politica LA CRESCITA DELLE PRINCIPALI ECONOMIE monetaria è stata fortemente espansiva, con tassi sia nei paesi più industrializzati che in quelli emergenti. I bilanci delle Banche Centrali e dei Governi si sono Mondo Usa Area Euro ,0-2,4-4, ,0 2,4 1, ,1 2,5 1,4 particolarmente appesantiti per effetto delle Italia -4,9 0,7 1,0 politiche volte a sostenere la domanda. I segnali di una ripresa auto-sostenuta sono, però, ancora Giappone Cina -5,3 8,6 1,2 9,5 1,7 8,8 deboli e vi sono timori per una ripresa Fonti: Servizio Research&Intelligence BMPS sui tempi e sulle modalità con cui adottare le diverse exit strategies e far rientrare le manovre monetarie e fiscali di stimolo. Per quanto riguarda gli USA, nel 2009 il PIL ha subito una flessione del 2,4%, facendo tuttavia quando la crescita Q/Q è salita a +1,4% fortemente penalizzati durante la crisi (-23,3% annuo nel 2009), mentre più contenuta è stata la ripresa della spesa delle famiglie (+0,5% Q/Q), attesa in ulteriore miglioramento nel momento in cui ripartirà il mercato del lavoro; da rilevare che il 2009 si è chiuso con un tasso di disoccupazione pari al 10%. Negli USA, la politica di tassi zero di breve periodo ha favorito un aumento della pendenza della curva dei rendimenti benchmark, evidenziato dal sensibile allargamento dello spread sul tratto 2-10 anni, passato da 144 a 270 bps. Il ritorno graduale ad una politica monetaria neutrale dovrebbe comportare un appiattimento della curva dei tassi nel corso del Anche a dicembre la Fed ha confermato il mantenimento del tasso sui Fed Funds fra lo 0% e lo 0,25%, ribadendo che il costo del denaro resterà eccezionalmente basso ancora a lungo, ma senza fornire certezze sulla tempistica e sulla sequenza delle manovre di rialzo 3. Come già sopra accennato, tra i Paesi Emergenti 3 non si è mai arrestata la crescita della Cina, i cui consumi avanzano a ritmi multipli rispetto a quelli 2 delle economie occidentali. Questa tendenza è 1 supportata dal governo di Pechino che, oltre alle 0 riforme e politiche di stimolo già avviate, ha in 3m 6m 1y 2y 3y 5y 10y 30y agenda nuove iniziative finalizzate a riequilibrare la Usa 31/12/08 Usa 31/12/09 domanda interna ancora fortemente sbilanciata verso gli investimenti. Si intravede ormai il sorpasso (probabile già nel 2010) da parte della Cina il cui Pil ha segnato un significativo calo nel 2009, contenuto da una politica fiscale espansiva e dalla stabilizzazione della domanda degli altri paesi asiatici. Notevole la performance indiana (+6,5% il PIL 2009), grazie anche al rilancio del settore manifatturiero. 5 4 Curva dei tassi benchmark Usa 3 Il 18 febbraio 2010 la Federal Reserve ha alzato il tasso di sconto di 25 punti base, dallo 0,50% allo 0,75%. Rimane invariato, invece, il tasso sui Fed Funds che, 17

18 Relazione consolidata sulla gestione Nella zona euro, dove il calo del PIL si è attestato per il 2009 attorno al 4%, la recessione si è interrotta nel 3 Q09 (+0,4% Q/Q), ma restano evidenti, alla luce della minore crescita rilevata soddisfacenti. Analoga dinamica evidenzia la UE-27 (-4,1% la caduta nel 2009) con la crescita del PIL che passa da +0,3% nel 3 Q09 (-0,3% il dato del 2 Q09) a +0,1% nel 4 Q09. appropriatezza di tale livello, ancora incerta. Con pari forza la BCE stabilità e crescita. con misure coordinate per preservare, se Curva dei tassi benchmark Area Euro necessario, la stabilità della zona euro nel suo 4 insieme data la situazione contingente in cui versano i conti pubblici della Grecia. La politica 3 monetaria estremamente espansiva ha fatto sì 2 che, anche in area Euro, la curva dei tassi benchmark per scadenza abbia accentuato la 1 pendenza, ben evidenziata dal movimento 0 analogo, ma di segno opposto del biennale (in 3m 6m 1y 2y 3y 4y 5y 6y 7y 8y 9y 10y 15y 20y 30y calo di 43 bps tra la fine del 2008 e del 2009) e Euro 31/12/08 Euro 31/12/09 del decennale (in rialzo di oltre 40 bps). In a con cui verrà ripristinata una politica monetaria neutrale. In Italia il PIL 2009 è diminuito del 4,9% annuo, frenato soprattutto dagli investimenti (-13%) e dalle esportazioni (-15% circa), a fronte di una maggiore tenuta dei consumi (-1%). I timidi segnali di rilancio registrati nel 3 Q09 (+0,6% Q/Q) risultano essersi immediatamente frenati nel periodo successivo (-0,2% Q/Q). Andamento analogo, registra la produzione industriale, diminuita del 17,5% successivo rallentamento nel 4 Q09 quando registra variazioni congiunturali del -0,8%. anticipatore OCSE manifatturiere in dicembre segna 82,6, il massimo da giugno Il tasso di disoccupazione mostra. Di riflesso la propensione al risparmio delle famiglie è aumentata, passando dal 14,5% del reddito disponibile nel 1 Q08 al 15,4% del 3 Q09., ma il suo andamento altalenante finora non sembra cogliere pienamente il trend mondiale; questa minore intensità di risposta rispecchia la specializzazione di pro commerciale è, però, complessivamente migliorato (da -11,5 a -4,1 mil), nonostante il peggioramento nei confronti dei Paesi UE. to pari al +0,8% (+3,5% nel 2008). I principali mercati azionari hanno sperimentato un pesante rally a partire dalla fine di marzo, anche se tale dinamica sembra recentemente in attenuazione (ad es. dal 31/03/2009 a 31/12/2009 Nikkei +31%, FTSE MIB +46%, risulta in crescita di quasi il 20%; nel suo ambito la Borsa di New York vede un aumento delle quotazioni di emissioni di corporate bond hanno raggiunto livelli record nella seconda parte del Peggiorano gli indicatori di rischio per i Paesi europei con i maggiori debiti pubblici: gli spread sui rendimenti dei titoli pubblici rispetto ai tedeschi e il prezzo dei CDS sono più elevati di quelli pre-crisi ed hanno ripreso a salire; in particolare, in Grecia, spread e CDS risentono del contagio greco. Sui mercati valutari riflettendo il delinearsi di una ripresa più forte in USA Stessa dinamica 18

19 Relazione consolidata sulla gestione segnali di debolezza. Nonostante ciò, apprezzamento del 3% sul dollaro e del 5% sullo yen. tività delle banche Nel corso del 2009, la riduzione del margine di interesse, a seguito del rallentamento dei volumi intermediati e della contrazione della forbice tra i tassi bancari, è stata in parte compensata dalla crescita degli utili da negoziazione e dei valori dei titoli nei portafogli di trading, grazie al recupero dei mercati componente delle commissioni nette per la flessione, nella patrimoniali). In presenza anche di un consistente aumento delle svalutazioni del portafoglio crediti a seguito del forte peggioramento della qualità degli impieghi, la redditività delle banche italiane ha così registrato una consistente diminuzione rispetto al Con riferimento, più in dettaglio, ai principali aggregati patrimoniali, la raccolta diretta (inclusa la Cassa Depositi e Prestiti) si è mantenuta su un sentiero di crescita significativo (+ 8,4% la variazione annua a dicembre), anche se in flessione rispetto al 2008 (+12,3%). Il rallentamento è riconducibile alla minor vivacità del comparto obbligazionario (+ 10,7% contro +19,8% del dicembre 2008) e al calo della componente dei pct a fronte, invece, di rrente (+11,7% rispetto al +7,4 % del 2008), a conferma della preferenza per gli strumenti più liquidi da parte delle famiglie come conseguenza della forte flessione dei tassi di interesse e della volatilità ancora elevata dei mercati finanziari. Per quanto riguarda il risparmio gestito, lo stock Sistema: Prestiti e Raccolta diretta - variaz. % annua di fine periodo dei fondi comuni è tornato a crescere dal terzo Prestiti +6,8% su 13,0 Raccolta diretta base annua, recependo il miglioramento dei mercati finanziari, ma anche un certo ritorno 10,0 di interesse per lo strumento da parte dei risparmiatori. In particolare, i deflussi dai fondi 7,0 comuni sono scesi a 2,9 mld rispetto agli oltre 143 mld del Relativamente 4,0 evidenzia una performance positiva dei vari 1,0 dic-08 gen-09 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09 ott-09 nov-09 dic-09 strumenti (per gli azionari addirittura +31,5% contro -56,6% del 2008) mentre il segno meno ha interessato i bilanciati (-3,8%) e soprattutto gli hedge (- 24,4%). In forte aumento, la nuova produzione della bancassicurazione (+45,4% rispetto al 2008), influenzata sottoscrizione di polizze tradizionali, più che quadruplicate. In forte flessione, invece, la raccolta su prodotti linked, che rappresenta circa il 18% del tota degli impieghi bancari: la crescita annua dei prestiti è stata pari a +2,2% a dicembre (+4,9% a dicembre 2008) dopo il minimo toccato a ottobre (+0,9%). Oltre al contributo positivo della componente delle famiglie consumatrici (+6,9% a dicembre, in accelerazione rispetto ai mesi precedenti, grazie soprattutto alla ripresa del credito al consumo), si segnala anche la tenuta del credito alle imprese di più piccole dimensioni, le famiglie produttrici, che segnano un +1,9% a dicembre contro il -0,3% di fine Gli impieghi alle imprese non finanziarie hanno, invece, chiuso il 2009 con una contrazione del tasso di crescita sempre su base annua, pari al -2,4%. Il dato conferma il permanere di una congiuntura. Se si considera la disaggregazione per durata, i prestiti alle imprese non finanziarie hanno continuato ad essere sostenuti dalla componente a medio-lungo termine (+1,8 % a dicembre), da ricondurre in prevalenza alle operazioni di ristrutturazione del debito. Nel corso del 2009, si è accentuato il processo di deterioramento della qualità del credito. Negli ultimi 4 trimestri terminanti a settembre 2009, il rapporto fra flusso di nuove sofferenze rettificate e prestiti (tasso di decadimento) per lo stesso periodo precedente. La crescita ha interessato soprattutto le imprese, in particolare quelle manifatturiere: il tasso di 19

20 Relazione consolidata sulla gestione decennio. In termini di stock, del 42,8% annuo (a dicembre), frutto di un incremento Nella seconda parte del 2009, i tassi di interesse bancari hanno confermato il trend di riduzione iniziato a fine 2008, anche se a ritmi più contenuti rispetto ai mesi precedenti, riflettendo i movimenti dei tassi di mercato. Il tasso medio sugli impieghi a famiglie e imprese (a breve e medio lungo termine) 2008), quello sui depositi nel 2008). La forbice dei tassi bancari ha così registrato una sensibile contrazione nel Tassi d'interesse a famiglie e imprese - valori % Prestiti (scala sin) Depositi (scala dx) 2,5 2 1,5 1 0,5 0 dic-08 gen-09 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 set-09 ott-09 nov-09 dic-09 I provvedimenti normativi In tale quadro, le banche si sono fatte carico delle difficoltà che la crisi sta comportando per imprese e famiglie, attraverso un pacchetto di misure elaborate sia in maniera autonoma sia a livello di sistema. Per le imprese, spicca il cd. Avviso Comune. termine alla sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale dei mutu moratoria per i debiti delle famiglie: dal 1 febbraio 2010 fino al 31 gennaio 2011, le famiglie, che hanno subito un evento sfavorevole (con riferimento in particolare al mercato del lavoro) nel biennio , possono richiedere la sospensione delle rate del mutuo per un periodo fino a 12 mesi. A queste iniziative specifiche del sistema bancario, si sono aggiunti gli interventi anticrisi da parte del Governo sempre a sostegno del sistema produttivo. Basti ricordare, relativamente alla legge 2/2009 (c.d. decreto anti-crisi), il potenziamento finanziario dei Confidi (attraverso il rifinanziamento del Fondo Cassa Depositi e Prestiti. Sono stati, inoltre, dettati limiti e modalità applicativi della commissione di massimo scoperto sui conti correnti bancari, consentita solo in un contesto di piena trasparenza contrattuale e in taluni casi specifici. Per la nuova commissione sulla messa a disposizione di fondi è stato stabilito, tr decreto legge (78/2009), convertito nella legge 102/2009, volto è quella che introduce sgravi fiscali per gli investimenti in nuovi macchinari e apparecchiature (cd. Tremonti ter), che prevede giugno Nell ovverosia il obblighi tributari e valutari aria del 5%. Da sottolineare anche gli sviluppi sul fronte della class action privata: consumatori possono essere intentate contro gli illeciti compiuti dopo il 15 agosto 2009 (data di entrata in vigore del cd. Ddl sviluppo convertito in legge n. 99/2009), anche se per dare il via alla procedura risarcitoria la data di inizio è stata fissata al 1 gennaio La domanda di azione di classe è proposta dal singolo componente della classe stessa o da una associazione di consumatori al tribunale ordinario che decide in composizione collegiale Tra le misure più specifiche a sostegno delle piccole e medie imprese, si segnala pure la Convenzione Cassa depositi e prestiti (Cdp) e Abi, varata alla fine di maggio 2009; è un programma di finanziamenti tenendo conto della struttura economica, finanziaria e patrimoniale delle banche. In parallelo, è stata 20

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli