LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI"

Transcript

1 Aggiornamento del 29 maggio 2015

2 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA

3 IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

4 IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % SU ANNO PRECEDENTE) Unione Europea +0,5-4,4 +2,1 +1,7-0,4 +0,0 +1,4 +1,8 +2,1 Area Euro +0,5-4,5 +2,0 +1,6-0,7-0,5 +0,9 +1,5 +1,9 Germania +1,1-5,6 +4,1 +3,6 +0,4 +0,1 +1,6 +1,9 +2,0 Spagna +1,1-3,6 +0,0-0,6-2,1-1,2 +1,4 +2,8 +2,6 Francia +0,2-2,9 +2,0 +2,1 +0,3 +0,3 +0,4 +1,1 +1,7 ITALIA -1,0-5,5 +1,7 +0,6-2,3-1,9-0,4 +0,6 +1,4 Regno Unito -0,3-4,3 +1,9 +1,6 +0,7 +1,7 +2,8 +2,6 +2,4 Il Pil italiano si è ridotto ulteriormente nel corso del 2014: -0,4%. L Italia ha subìto la recessione sia nel biennio sia nel triennio Per il 2015 è prevista un inversione di tendenza con una lieve ripresa (+0,6%). Tra i principali Paesi europei è per l Italia che si prevedono i risultati meno brillanti.

5 IL PIL La ripresa del Pil dovrebbe avviarsi in Italia dal 2015 e già nel 2016 il tasso di crescita dovrebbe avvicinarsi a quello dell Area Euro. Si prevede che nel 2016 il Pil continui a crescere. In Spagna e Regno Unito con ritmi più contenuti che nel 2015 sebbene si mantengano più elevati dei principali Paesi UE. PIL: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (VAR. % SU ANNO PRECEDENTE) PIL: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % SU ANNO PRECEDENTE)

6 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE CONSUMI: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % SU ANNO PRECEDENTE) Unione Europea +0,4-1,5 +0,8 +0,3-0,7-0,1 +1,4 +2,1 +1,9 Area Euro +0,3-1,1 +0,8 +0,2-1,3-0,6 +1,0 +1,8 +1,6 Germania +0,5 +0,0 +0,6 +2,3 +0,7 +0,8 +1,2 +2,4 +1,8 Spagna -0,7-3,6 +0,3-2,0-2,9-2,3 +2,4 +3,5 +2,8 Francia +0,4 +0,2 +1,8 +0,5-0,4 +0,2 +0,6 +1,6 +1,5 ITALIA -1,1-1,6 +1,2 +0,0-4,0-2,8 +0,3 +0,6 +0,6 Regno Unito -0,5-3,1 +0,4 +0,1 +1,1 +1,7 +2,5 +2,6 +2,6 Il 2014 ha visto una ripresa dei consumi delle famiglie italiane: +0,3%. Negli ultimi sette anni, la contrazione dei consumi privati italiani si era interrotta solo nel biennio Il 2015 dovrebbe far segnare un ulteriore lieve aumento dei consumi privati italiani, pari al +0,6%. La performance italiana in termini di consumi delle famiglie per il biennio continua ad apparire meno brillante nei confronti dei principali Paesi europei.

7 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE In Italia ci si attende una sostanziale stabilità nella crescita dei consumi per il 2016, un punto percentuale in meno rispetto alla media dell Area Euro. Il 2016 potrebbe portare una riduzione della crescita dei consumi per la maggior parte dei Paesi UE, ma resterà comunque più elevata in Spagna e Regno Unito. CONSUMI: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (VAR. % SU ANNO PRECEDENTE) CONSUMI: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % SU ANNO PRECEDENTE)

8 LA DISOCCUPAZIONE TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (IN %) Unione Europea 7,0 9,0 9,6 9,7 10,5 10,9 10,2 9,6 9,1 Area Euro 7,6 9,6 10,2 10,2 11,4 12,0 11,6 11,0 10,5 Germania 7,4 7,6 7,0 5,8 5,4 5,2 5,0 4,6 4,4 Spagna 11,3 17,9 19,9 21,4 24,8 26,1 24,5 22,4 20,5 Francia 7,4 9,1 9,3 9,2 9,8 10,3 10,3 10,3 10,0 ITALIA 6,7 7,7 8,4 8,4 10,7 12,1 12,7 12,4 12,4 Regno Unito 5,6 7,6 7,8 8,1 7,9 7,6 6,1 5,4 5,3 Il tasso di disoccupazione calcolato per il 2014 ha raggiunto in Italia il 12,7%. Dal 2008 si è assistito in Italia ad un progressivo aumento del tasso di disoccupazione, tanto che da allora è cresciuto di 6 punti percentuali. Per il 2015 è previsto in Italia solo un lieve ridimensionamento della disoccupazione. Tra i principali Paesi europei, solo la Spagna mostra un tasso di disoccupazione superiore a quello italiano.

9 LA DISOCCUPAZIONE Per il biennio ci si attende un ampliamento del divario tra il tasso di disoccupazione italiano e quello dell Area Euro che è in flessione dal Si prevede che solo Germania e Regno Unito continuino a mantenere il tasso di disoccupazione al di sotto del 6%. TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (IN %) TASSO DI DISOCCUPAZIONE: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (IN %)

10 L INFLAZIONE TASSO DI INFLAZIONE: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE) Unione Europea +3,7 +1,0 +2,1 +3,1 +2,6 +1,5 +0,6 +0,1 +1,5 Area Euro +3,3 +0,3 +1,6 +2,7 +2,5 +1,4 +0,4 +0,1 +1,5 Germania +2,8 +0,2 +1,2 +2,5 +2,1 +1,6 +0,8 +0,3 +1,8 Spagna +4,1-0,2 +2,0 +3,1 +2,4 +1,5-0,2-0,6 +1,1 Francia +3,2 +0,1 +1,7 +2,3 +2,2 +1,0 +0,6 +0,0 +1,0 ITALIA +3,5 +0,8 +1,6 +2,9 +3,3 +1,3 +0,2 +0,2 +1,8 Regno Unito +3,6 +2,2 +3,3 +4,5 +2,8 +2,6 +1,5 +0,4 +1,6 Per l Italia si è calcolato un tasso di inflazione armonizzato (HICP) pari allo 0,2% nel 2014, oltre un punto percentuale in meno rispetto all anno precedente. L inflazione ha raggiunto quindi, nel 2014, il valore più contenuto dall inizio della crisi. Per l Italia ci si attende nel 2015 una dinamica dei prezzi sostanzialmente allineata con quella del 2014.

11 L INFLAZIONE Tra 2015 e 2016, la dinamica italiana dell inflazione non sarà sensibilmente diversa da quella prevista per l intera Area Euro. In Europa ci si aspetta per il 2016 una risalita dell inflazione al di sopra dell 1%. TASSO DI INFLAZIONE: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (VAR. % SU ANNO PRECEDENTE) TASSO DI INFLAZIONE: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % SU ANNO PREC.)

12 L EXPORT ESPORTAZIONI: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE) Unione Europea +1,4-11,9 +10,5 +6,6 +2,2 +2,2 +3,7 +4,2 +5,2 Area Euro +1,0-12,7 +11,1 +6,6 +2,5 +2,1 +3,8 +4,4 +5,4 Germania +1,9-14,3 +14,5 +8,0 +2,8 +1,6 +3,9 +4,7 +5,6 Spagna -0,8-11,0 +9,4 +7,4 +1,2 +4,3 +4,2 +5,5 +6,2 Francia +0,4-11,3 +9,0 +6,9 +1,1 +2,2 +2,7 +4,7 +5,9 ITALIA -3,1-18,1 +11,8 +5,2 +2,0 +0,6 +2,7 +3,8 +4,9 Regno Unito +1,6-8,2 +6,2 +5,6 +0,7 +1,5 +0,6 +1,7 +2,9 Il 2014 ha visto la ripresa delle esportazioni anche in Italia (+2,7%). L aumento dell export italiano è stato più consistente di quello registrato nell ultimo biennio e nel 2015 ci si attende un ulteriore crescita. Tra i principali Paesi europei, solo il Regno Unito ha fatto segnare nel 2014 una crescita dell export più contenuta dell Italia.

13 L EXPORT Per il 2016 ci si aspetta una crescita dell export italiano sempre più in linea con quella dell Area Euro. In tutti i principali Paesi UE, per il 2016 è atteso un aumento delle esportazioni ancora più consistente. Il Regno Unito sembra destinato a far segnare la crescita più contenuta. ESPORTAZIONI: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (VAR. % SU ANNO PRECEDENTE) ESPORTAZIONI: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % SU ANNO PREC.)

14 GLI INVESTIMENTI INVESTIMENTI: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE) Unione Europea -0,6-12,1 +0,1 +2,0-2,6-1,5 +2,5 +2,6 +4,2 Area Euro -0,7-11,4-0,5 +1,7-3,2-2,4 +1,1 +1,7 +4,0 Germania +1,2-9,9 +4,9 +7,3-0,7-0,6 +3,4 +2,1 +4,4 Spagna -4,7-18,0-5,5-6,3-8,1-3,8 +3,4 +5,5 +5,1 Francia +0,9-9,1 +2,1 +2,1 +0,3-1,0-1,5-0,6 +3,0 ITALIA -3,1-9,9-0,5-1,9-7,4-5,4-3,3 +1,1 +4,1 Regno Unito -4,7-14,4 +5,9 +2,3 +0,7 +3,4 +7,8 +5,6 +5,5 Il 2014 ha fatto segnare una contrazione degli investimenti italiani del 3,3% rispetto all anno precedente. Con il 2014 si allunga serie negativa degli investimenti nel nostro Paese. Il 2015 vedrà invece una ripresa degli investimenti in Italia (+1,1%). Con il 2015 il segno positivo accomunerà tutti i principali Paesi europei, solo in Francia gli investimenti subiranno ancora una lieve contrazione (-0,6%).

15 GLI INVESTIMENTI Nel 2016 la ripresa degli investimenti italiani supererà leggermente quella prevista nel complesso per l Area Euro. Anche nel 2016 sarà la Francia a restare in coda tra i principali Paesi UE in termini di crescita degli investimenti. INVESTIMENTI: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (VAR. % SU ANNO PRECEDENTE) INVESTIMENTI: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (VAR. % SU ANNO PREC.)

16 IL CREDITO: tassi di interesse praticati alle PMI TASSI DI INTERESSI SU PRESTITI FINO A 1 MILIONE DI EURO (DURATA TRA 1 E 5 ANNI) Unione Europea n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. Area Euro 5,96 5,78 4,22 4,18 4,63 3,94 3,85 3,11 Germania 5,80 5,61 4,23 4,24 4,61 3,56 3,59 2,97 Spagna 6,20 6,01 4,79 5,31 6,19 5,65 5,23 3,63 Francia 5,96 6,16 4,10 4,04 4,62 3,75 3,53 2,85 ITALIA 6,37 6,06 4,37 4,51 5,84 5,75 5,36 4,61 Regno Unito n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. Fonte: Banca Centrale Europea (maggio 2015) Alla fine del 2014, il costo del denaro per le PMI italiane è stato del 4,61%. Il tasso di interesse sui prestiti fino a 1 milione di euro è andato diminuendo dal 2011 di 1,23 punti percentuali. In Italia il costo del credito per le imprese si mantiene superiore a quello dei principali Paesi europei e anche alla media dell Area Euro. Il tasso di interesse cui sono soggetti i prestiti alle PMI italiane è pari a 1,6 volte quello pagato dalle imprese francesi.

17 IL CREDITO: tassi di interesse per PMI Resta ampio il divario esistente tra i tassi praticati in Italia alle PMI e quelli mediamente adottati nell Area Euro. La Francia si conferma il Paese con il tasso di interesse più basso tra i principali Paesi europei, ma nell ultimo anno la contrazione più consistente si è registrata in Spagna (1,6 punti % in meno rispetto al 2013). TASSI DI INTERESSI SU PRESTITI FINO A 1 MILIONE DI EURO (DURATA TRA 1 E 5 ANNI) TASSI DI INTERESSE PMI - PRINCIPALI PAESI UE (%) Fonte: Banca Centrale Europea (maggio 2015)

18 LA FINANZA PUBBLICA LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

19 IL DEBITO PUBBLICO DEBITO PUBBLICO: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (IN % SUL PIL) Unione Europea 61,0 73,0 78,5 81,4 85,1 87,3 88,6 88,0 86,9 Area Euro 68,6 78,4 83,9 86,5 91,1 93,2 94,2 94,0 92,5 Germania 65,1 72,6 80,5 77,9 79,3 77,1 74,7 71,5 68,2 Spagna 39,4 52,7 60,1 69,2 84,4 92,1 97,7 100,4 101,4 Francia 68,1 79,0 81,7 85,2 89,6 92,3 95,0 96,4 97,0 ITALIA 102,3 112,5 115,3 116,4 123,1 128,5 132,1 133,1 130,6 Regno Unito 51,8 65,8 76,4 81,8 85,8 87,3 89,4 89,9 90,1 Nel 2014 il debito pubblico italiano è stato pari al 132,1% del Pil, quasi 30 punti percentuali oltre il debito del La quota del debito pubblico sul Pil è andata via via aumentando negli anni e ci si attende che nel 2015 raggiunga il 133,1% per poi scendere nel Il rapporto debito/pil è in l Italia più elevato che per la media UE e per quella dell Area Euro.

20 IL DEBITO PUBBLICO Anche per il biennio si prevede che il rapporto debito/pil si mantenga per l Italia ben al di sopra dei valori medi dell Area Euro. Per il 2016 è attesa una flessione della quota di debito pubblico per l Area Euro. Per Spagna, Francia e Regno Unito si prevede invece un lieve incremento. DEBITO PUBBLICO: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (IN % SUL PIL) DEBITO PUBBLICO: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (IN % SUL PIL)

21 IL DEFICIT INDEBITAMENTO NETTO: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (IN % SUL PIL) Unione Europea -4,5-4,2-3,2-2,9-2,5-2,0 Area Euro -2,1-6,2-6,1-4,1-3,6-2,9-2,4-2,0-1,7 Germania -0,0-3,0-4,1-0,9 +0,1 +0,1 +0,7 +0,6 +0,5 Spagna -4,4-11,0-9,4-9,4-10,3-6,8-5,8-4,5-3,5 Francia -3,2-7,2-6,8-5,1-4,8-4,1-4,0-3,8-3,5 ITALIA -2,7-5,3-4,2-3,5-3,0-2,9-3,0-2,6-2,0 Regno Unito -5,1-10,8-9,7-7,6-8,3-5,7-5,7-4,5-3,1 Nel 2014 il deficit italiano è al -3,0% del Pil. Nell ultimo triennio l indebitamento netto si è sempre mantenuto attorno al -3% del Pil. Nel 2015 si prevede per l Italia una riduzione al -2,6% del Pil. Tra i principali Paesi UE, l Italia mostra i migliori risultati ad eccezione della Germania che si muove dal 2012 su valori di segno positivo.

22 IL DEFICIT Il miglioramento dei conti pubblici previsto per l Italia potrebbe condurre il Paese ad un avvicinamento ai valori dell Area Euro. Tutti i principali Paesi europei potrebbero vedersi ridurre il deficit nel Solo per la Germania potrebbe registrarsi una situazione di sostanziale stabilità. INDEBITAMENTO NETTO: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (IN % SUL PIL) INDEBITAMENTO NETTO: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (IN % SUL PIL)

23 LA PRESSIONE FISCALE PRESSIONE FISCALE: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (IN % SUL PIL) Unione Europea 38,9 39,6 40,0 40,1 40,0 39,8 Area Euro 39,6 39,3 39,2 39,7 40,7 41,2 41,4 41,4 41,3 Germania 39,2 39,7 38,3 38,7 39,4 39,6 39,7 39,6 39,3 Spagna 32,9 30,6 32,1 31,9 32,7 33,2 33,7 33,8 33,8 Francia 44,3 43,9 44,1 45,2 46,5 47,3 47,6 47,5 47,5 ITALIA 41,5 42,0 41,7 41,7 43,7 43,5 43,6 43,4 43,4 Regno Unito 37,7 34,9 35,5 35,9 35,4 35,3 34,9 35,0 35,0 La pressione fiscale, che si calcola rapportando il totale delle entrate fiscali al Pil, si attesta in Italia al 43,6% nel Il 2014 ha fatto segnare per l Italia solo una minima crescita della pressione fiscale (+0,1 punti %) rispetto all anno precedente. Per il 2015, in Italia si prevede una flessione, sebbene poco significativa (-0,2 punti % sul 2014). Rispetto alla media dell Area Euro, l Italia continua a mostrare una pressione fiscale più elevata (+2,2 punti %).

24 LA PRESSIONE FISCALE Dal 2012 la pressione fiscale sembra essersi stabilizzata in Italia poco oltre il 43% e anche per il non si prevedono variazioni significative. Sostanzialmente stabile è la pressione fiscale attesa nel biennio per i principali Paesi UE e dell Area Euro. PRESSIONE FISCALE: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (IN % SUL PIL) PRESSIONE FISCALE: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (IN % SUL PIL)

25 LA SPESA PUBBLICA SPESA PUBBLICA: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE (IN % SUL PIL) Unione Europea 48,5 49,0 48,6 48,1 47,4 46,7 Area Euro 46,5 50,6 50,4 49,0 49,5 49,4 49,0 48,6 48,0 Germania 43,5 47,4 47,2 44,6 44,2 44,3 43,9 43,7 43,5 Spagna 41,1 45,8 45,6 45,4 47,3 44,3 43,6 42,4 41,4 Francia 53,0 56,8 56,4 55,9 56,8 57,0 57,2 56,9 56,5 ITALIA 47,8 51,1 49,9 49,1 50,8 50,9 51,1 50,6 49,9 Regno Unito 46,6 49,7 48,7 46,9 47,0 45,5 44,4 43,2 41,9 Nel 2014 la spesa pubblica italiana rappresenta il 51,1% del Pil. La quota è in crescita dal 2011 e ha ormai raggiunto lo stesso livello del Dal 2015 è previsto un decremento della spesa pubblica rispetto al Pil di 0,5 punti %. In Francia il rapporto spesa pubblica su Pil è di 6 punti % più elevato che in Italia, mentre negli altri principali Paesi UE si colloca su livelli ampiamente inferiori.

26 LA SPESA PUBBLICA Per il 2015 e 2016 ci si attende che la quota di spesa pubblica sul Pil diminuisca sia in Italia sia nell Area Euro. In tutti i principali Paesi dell UE si prevede che la quota % di spesa pubblica sul Pil continuerà a contrarsi anche nel SPESA PUBBLICA: DINAMICA E PREVISIONI PER L ITALIA E L AREA EURO (IN % SUL PIL) SPESA PUBBLICA: PREVISIONI PER I PRINCIPALI PAESI UE (IN % SUL PIL)

27 LA SANITA LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

28 SPESA SANITARIA COMPLESSIVA (PUBBLICA E PRIVATA) SPESA SANITARIA PUBBLICA E PRIVATA (IN % SUL PIL) Germania 8,3 10,4 10,8 10,6 10,5 10,7 11,8 11,6 11,2 11,3 Spagna 6,5 7,2 8,3 8,4 8,5 8,9 9,6 9,6 9,4 n.d. Francia 8,4 10,1 10,9 10,9 10,8 10,9 11,6 11,6 11,5 11,6 ITALIA 7,7 7,9 8,7 8,8 8,5 8,9 9,4 9,4 9,2 9,2 Regno Unito 5,8 6,9 8,1 8,3 8,4 8,8 9,7 9,4 9,2 9,3 Fonte: OCSE "Health Statistics 2014" (luglio 2014) In Italia la spesa sanitaria complessiva (pubblica e privata) è pari al 9,2% del Pil, valore inferiore rispetto agli altri Paesi europei. Negli ultimi vent anni la spesa sanitaria è cresciuta in maniera significativa (nel 1990 era pari al 7,7% del Pil). In rapporto alla popolazione, la spesa sanitaria in Italia è pari a dollari, al di sotto della media OCSE. SPESA SANITARIA PUBBLICA E PRIVATA PROCAPITE (IN DOLLARI, A PARITÀ DI POTERE D'ACQUISTO)

29 SPESA SANITARIA PUBBLICA INCIDENZA DELLA SANITÀ PUBBLICA SUL TOTALE DELLA SPESA SANITARIA (IN %) Germania 76,2 79,5 76,6 76,4 76,4 76,4 76,8 76,7 76,5 76,7 Spagna 78,7 71,6 70,9 71,6 71,9 73,0 74,7 74,2 73,0 n.d. Francia 76,6 79,4 78,0 77,6 77,7 77,3 77,5 77,5 77,3 77,4 ITALIA 79,5 74,2 77,9 78,2 78,3 78,9 78,9 78,9 77,1 77,3 Regno Unito 83,6 79,1 81,3 81,7 80,5 81,4 83,2 84,0 83,4 84,0 Fonte: OCSE "Health Statistics 2014" (luglio 2014) Negli ultimi anni in Italia sta diminuendo la quota di spesa sanitaria pubblica sul totale della spesa sanitaria. In Italia il 77,3% della spesa sanitaria viene erogata dal sistema pubblico: è un valore che si colloca tra l 84% del Regno Unito e il 73% della Spagna (dato 2011). La spesa sanitaria pubblica in Italia è pari a dollari procapite, al di sotto della media OCSE. SPESA SANITARIA PUBBLICA PROCAPITE (IN DOLLARI, A PARITÀ DI POTERE D'ACQUISTO)

30 LA SANITA IN ITALIA DINAMICA DELLE RISORSE FINANZIARIE DELLA SANITÀ PUBBLICA IN ITALIA (MILIARDI DI EURO) Spesa 49,6 57,0 70,2 76,0 79,5 82,3 90,5 96,8 99,6 103,8 107,1 110,2 111,3 112,8 113,7 Finanziamento 48,0 52,0 66,9 71,9 76,7 80,0 84,7 91,1 95,1 100,1 103,5 106,8 109,1 111,5 112,6 Disavanzo -1,6-5,0-3,2-4,1-2,9-2,3-5,8-5,7-4,5-3,7-3,7-3,4-2,2-1,3-1,0 Fonte: Ministero della Salute (marzo 2014) Il disavanzo sanitario sta progressivamente migliorando: nel 2012 risulta pari a 1 miliardo di euro (era di 5,7 miliardi nel 2005). La spesa sanitaria pubblica ammonta a 113,7 miliardi di euro nel 2012: negli ultimi 10 anni è aumentata di oltre 50 miliardi di euro. Negli ultimi anni, anche a seguito dell operare dei Piani di rientro delle Regioni in disavanzo, la spesa sanitaria ha rallentato la sua crescita. SPESA SANITARIA PUBBLICA IN ITALIA (IN % SUL PIL)

31

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NOTA A CURA DELLA DIVISIONE SALUTE, ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO (OCSE), A SEGUITO DI RICHIESTA

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 869 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 29 maggio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Lo scorso 28 maggio l Istat ha rilasciato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i D. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà dell 8,5% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Presentazione del Rapporto

Presentazione del Rapporto Presentazione del Rapporto Cremona, 5 giugno 5 L economia della Lombardia Paola Rossi Banca d Italia Sede di Milano Divisione Analisi e Ricerca economica territoriale Camera di Commercio di Cremona L economia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 Cam era dei D eputati - 1 1 3 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 La dinamica degli impieghi bancari verso società non finanziarie mostra

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2015

Il credito in Toscana. III trimestre 2015 Il credito in Toscana III trimestre 215 Firenze, Febbraio 21 8.3 9.3 1.3 11.3 L andamento dei prestiti 1 I prestiti a imprese e famiglie Continuano anche nel periodo in esame i segnali di miglioramento

Dettagli

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PER INVESTIMENTI FISSI: CONFRONTO EUROPEO ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

Comunicato stampa del 6 agosto 2015

Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Crisi dell edilizia in Sardegna: crollo degli investimenti pubblici e privati e rubinetti a secco per il credito le cause prevalenti La Sardegna è infatti una delle

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014

La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 9 luglio 2014 Agenda L economia mondiale

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione "Programmazione

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

I CONTI DEL MINISTRO SACCOMANNI CONTINUANO A NON QUADRARE

I CONTI DEL MINISTRO SACCOMANNI CONTINUANO A NON QUADRARE 730 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com I CONTI DEL MINISTRO SACCOMANNI CONTINUANO A NON QUADRARE OCSE Economic Outlook 21 novembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI settembre 2013 1. Il quadro macroeconomico In questa nota si procede all aggiornamento del quadro macroeconomico e si fornisce anche una nuova

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli