delle Partecipate e dei fornitori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "delle Partecipate e dei fornitori"

Transcript

1 ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione, L u g l i o

2 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014 i segnali positivi sul fronte dei pagamenti della Pubblica Amministrazione, delle partecipate pubbliche e dei fornitori della PA, con una riduzione delle fatture non saldate e dei tempi di pagamento. La riduzione su base annua dello stock di debito e di partite inevase è però più contenuta rispetto ai due precedenti trimestri, anche a causa della difficoltosa gestione delle fatture di nuova emissione, che sono liquidate con percentuali non distanti da quelle dello scorso anno (precedenti agli interventi sblocca-debito). In base alle ultime stime di Banca d Italia, l indebitamento commerciale delle amministrazioni pubbliche è sceso nel 2013 a 75 miliardi (nel 2012 la stima superava i 90 miliardi). Secondo l analisi svolta sui dati raccolti in Payline da fornitori della PA e relativi a un molto consistente di fatture, nei primi tre mesi del 2014 non è stato saldato il 53,9% delle partite scadute, pari al 60,1% in termini di importi, in calo rispettivamente di 5,2 e di 5,5 punti percentuali rispetto alla quota dello stesso periodo del Si tratta di miglioramenti più contenuti dei due trimestri precedenti, quando la quota di scaduto si era ridotta di oltre dieci punti percentuali su base annua. delle partecipate e dei fornitori della PA Payline, il database di Cerved Group che contiene 53 milioni di informazioni fornite dagli aderenti alla business community sui pagamenti di oltre 2,5 milioni di operatori economici italiani, include un consistente di fatture emesse verso enti della PA, partecipate pubbliche e fornitori della PA censiti in Cerved PA, il portale di Cerved su e per la Pubblica Amministrazione. I risultati di questo Osservatorio si basano su 392 mila fatture scadute a Marzo 2014: 122 mila emesse verso enti della PA, 62 mila verso partecipate pubbliche e 208 mila verso fornitori della PA, pluri-aggiudicatari di gare. Il campione di analisi, benché molto ampio, potrebbe non riflettere l'universo delle fatture della PA per una diversa struttura degli aderenti alla business community rispetto alla popolazione delle imprese. Inoltre, poiché Payline è un database che si è sviluppato negli ultimi anni, l'osservatorio potrebbe sottostimare il di fatture con molti anni di anzianità e quindi la percentuale di fatture ancora da saldare, l'ammontare dello scaduto e i tempi di pagamento delle fatture pagate. Mancati pagamenti della PA sullo stock di fatture scadute Numero e importo fatture non pagate in % sul totale delle fatture scadute alla fine del trimestre... Solo il 20% delle fatture della sanità ha scadenze entro i 60 giorni stabiliti dalla legge 59,1% 53,9% 65,6% 60,1% Numero fatture Valore fatture 2

3 Può aver inciso la difficoltosa gestione dei pagamenti correnti (fatture di nuova emissione): in questo caso, la quota di fatture non pagate si attesta al 57%, non discostandosi significativamente da quanto osservato nello stesso periodo del 2013, prima delle misure sblocca-debito. Un analisi sulle fatture emesse dalla PA tra Ottobre 2013 e Marzo 2014 indica che la norma che obbliga gli enti pubblici a fissare il termine ordinario dei pagamenti in 30 o 60 giorni (nel caso di enti della sanità) ha modificato sensibilmente la distribuzione delle scadenze della PA verso termini più brevi, pur rimanendo alta la presenza di fatture con termini più lunghi rispetto a quelli di legge: circa il 44% delle scadenze sono superiori al termine ordinario di 30 giorni e, nel caso della sanità, ben l 80% supera il termine di 60 giorni. È continuato nei primi tre mesi del 2014 anche il miglioramento dei pagamenti delle partecipate pubbliche: lo scaduto si riduce al 36,5% (-4% rispetto all anno precedente) e si accorciano i tempi medi di liquidazione delle fatture, a 1,5 giorni dai 107,7 dello scorso anno. Lo sblocco delle fatture della PA e i pagamenti più rapidi si riflettono sui tempi con cui i partner pubblici pagano a loro volta i propri fornitori: nel primo trimestre si è ridotto il gap ne- Mancati pagamenti nelle transazioni correnti della PA Numero e importo fatture non pagate in % sul totale delle fatture in scadenza nel trimestre Giorni di pagamento pattuiti dagli enti della PA % sul totale delle fatture emesse 46,8% 55,8% Entro 30 giorni 57,7% 57,2% Numero fatture Fatture emesse prima del (seconda metà del 2012) 53,2% 44,2% Oltre 30 giorni Enti non sanitari gativo che li separa dal resto delle imprese, sia in termini di scaduto (dal 6,6% del primo trimestre 2013 al 6%), sia in termini di tempi medi di liquidazione delle fatture (da 22 a 16 giorni). 64,3% 65,4% Valore fatture 16,1% 19,8% Entro 60 giorni Fatture emesse dopo il (Ott Mar.2014) SSN 83,9% 80,2% Oltre 60 giorni Scaduto delle partecipate PA Scaduto dei fornitori della PA e del totale delle imprese 40,5% 36,5% 31,2% 27,6% 24,6% 21,6% Fornitori PA Totale imprese 3

4 S I pagamenti della PA econdo i più recenti dati diffusi dal Ministero dell Economia e delle Finanze, fino a Marzo 2014 sono stati pagati dalla Pubblica Amministrazione 23,5 miliardi di euro di debiti commerciali pregressi; di questi, circa 2 miliardi sono stati saldati tra la fine di Gennaio e la fine di Marzo di quest anno. I dati elaborati incrociando le informazioni sui pagamenti di Payline con quelle di Cerved PA indicano che nei primi tre mesi del 2014 lo stock di fatture non pagate e di crediti non saldati si è ridotto rispetto allo scorso anno, ma il miglioramento è più contenuto rispetto ai trimestri precedenti. La PA non ha saldato il 53,9% delle fatture scadute a Marzo 2014, un calo del 5,2% rispetto al 59,1% del 2013; nei trimestri precedenti la riduzione era stata maggiore, con un miglioramento di 7,6 punti percentuali nel quarto trimestre 2013 e di 6,9 punti nel terzo trimestre. Lo stesso fenomeno si osserva con riguardo all importo delle fatture: a Marzo 2014 non è stato saldato il 60,1% degli importi dovuti ai fornitori della PA, contro una percentuale del 65,6% nello stesso periodo del 2013; il calo di 5,5 punti percentuali è inferiore rispetto a quello di 10,4 punti osservato alla fine del 2013 e a quello di 11 punti della fine di Settembre. Una possibile causa del rallentamento può essere la difficoltosa gestione dei pagamenti correnti: diminuisce solo leggermente la quota di fatture non pagate rispetto al primo trimestre del 2013 (dal I mancati pagamenti della PA Fatture non pagate in % 49,5% 1q 52,3% 1q 49,4% 51,5% 2q 54,1% 2q ,7% al 57,2%), mentre è in aumento la percentuale di scaduto, che raggiunge il 65,4% (+0,9%). Si tratta di importi che vanno a sommarsi allo stock di debito già accumulato e che quindi affievoliscono l effetto degli interventi attuati e di quelli programmati. 3q 57,6% 59,1% 4q 56,9% 1q 2q 3q 4q ,6% Lo scaduto della PA Importo fatture non pagate in % sul totale delle fatture scadute alla fine del trimestre ,2% 3q 67,7% 65,6% 4q 61,4% ,2% 50,0% 56,3% 1q 2q 3q 4q 53,9% 1q ,1% 1q 2014 Mancati pagamenti nelle transazioni correnti della PA Numero e importo fatture non pagate in % sul totale delle fatture in scadenza nel trimestre 57,7% 57,2% 64,3% 65,4% I mancati pagamenti della PA per tipologia di ente Fatture non pagate in % 50,6% 42,2% 83,6% 77,3% 46,9% 46,4% Numero fatture Valore fatture Comuni Sistema sanitario nazionale Altri enti 4

5 La diminuzione nel di fatture scadute e non pagate a Marzo 2014 è attribuibile ai comuni e agli enti del sistema sanitario: diminuisce dal 50,6% al 42,2% la quota di fatture non pagate dalle amministrazioni comunali, mentre cala dall 83,6% al 77,3% nel sistema sanitario. Si riduce solo leggermente la quota di mancati pagamenti degli altri enti (-0,5%). In termini di importi, si osserva una riduzione di circa 5 punti percentuali del valore delle fatture non pagate, con una quota particolarmente alta di scaduto nell ambito del sistema sanitario (74,6%, contro il 52,6% dei Comuni). L analisi delle fatture liquidate dalla PA nei primi tre mesi dell anno indica tempi medi più brevi per il pagamento delle fatture. Nel complesso la Pubblica Amministrazione ha pagato nel primo trimestre in 96,1 giorni, 11,2 giorni in meno rispetto al primo trimestre Il calo è interamente attribuibile alla riduzione dei ritardi, mentre rimangono invariati i Lo scaduto della PA per tipologia di ente Importo fatture non pagate in % sul totale delle fatture scadute alla fine del trimestre Comuni Giorni di pagamento degli enti della PA Medie ponderate, giorni giorni ritardo 107,3 termini pattuiti 96,1 52,3 41,1 55,1 55,1 79,8% 74,6% 57,8% 52,6% 53,1% 47,9% Sistema sanitario nazionale Altri enti 76,7 34,4 Giorni di pagamento per tipologia di ente PA Medie ponderate, giorni 67,4 27,3 42,3 40,2 Comuni 206,1 120,4 180,2 89,7 85,7 90,5 Sistema nazionale sanitario 110,4 94,2 56,0 40,1 54,4 54,1 Altri enti Distribuzione nei tempi di pagamento delle fatture saldate nel trimestre Numero di enti che pagano in media nei tempi indicati, % sul totale ritardi oltre 60gg giorni ritardo 14,5% 59,9% 32,0% ritardi entro 60gg 13,2% 60,7% 25,6% 26,1% termini pattuiti 36,4% puntuali termini concordati. In forte miglioramento i tempi di pagamento del sistema sanitario, che tuttavia rimangono molto più elevati rispetto al resto della PA: nel primo trimestre 2014 gli enti del SSN hanno pagato in media in 180 giorni, quasi un mese di anticipo rispetto ai 206 giorni di Marzo 2013, grazie al forte calo dei ritardi (da 120 a 90 giorni). Si riducono di 9,3 giorni i tempi medi di liquidazione delle fatture in capo ai comuni (-7 giorni di ritardo) e di 16 negli altri enti (quasi totalmente attribuibili a minori ritardi). I dati relativi alla distribuzione degli enti pubblici per tempi medi di pagamento indicano che i miglioramenti sono diffusi, con un aumento di quelli che regolano le fatture entro i termini concordati (dal 25,6% al 26,1%) e una riduzione di quelli con ritardi di oltre due mesi (dal 14,5% al 13,2% del totale). Quest ultimo calo non riguarda però gli enti del sistema sanitario, in cui la quota di soggetti che paga con più di due mesi di ritardo risulta in leggero aumento, toccando il 36,6%: può essere un effetto proprio dello sblocco dei debiti arretrati, che ha reso possibile il pagamento di fatture scadute da tempo. 5

6 Migliore invece la situazione delle amministrazioni comunali e degli altri enti della PA, con una riduzione di circa un punto percentuale dei soggetti che fanno attendere i propri fornitori per più di due mesi rispetto alle scadenze concordate. Gravi ritardi della PA per tipologia di ente Soggetti che in media pagano le fatture con ritardi di oltre due mesi rispetto alle scadenze concordate, % sul totale 35,8% 36,6% 13,2% 12,2% 11,1% 10,2% Comuni Sistema sanitario nazionale Altri enti 6

7 La PA si accorcia le scadenze, ma non troppo In base al, con cui è stata recepita la Direttiva n. 2011/7/UE del 16 Febbraio 2011 sulle transazioni commerciali tra imprese e tra Pubblica Amministrazione e imprese, la PA deve fissare in 30 giorni il termine ordinario di pagamento delle transazioni commerciali e ha la facoltà di innalzare tale termine fino a 60 giorni, purché ciò sia giustificato dalla natura o dall oggetto del contratto o dalle circostanze esistenti al momento della sua conclusione. Una disciplina specifica è prevista per gli enti pubblici che erogano prestazioni di assistenza sanitaria, per cui il termine ordinario è fissato in 60 giorni. La norma si applica ai contratti stipulati a partire dal primo Gennaio I dati ottenuti incrociando le informazioni sui pagamenti contenute in Payline con quelle sugli enti della Pubblica Amministrazione mappate in Cerved PA consentono di valutare l impatto della norma a circa un anno e mezzo dalla sua entrata in vigore. Se si considerano le 101 mila fatture emesse da enti della Pubblica Amministrazione che non afferiscono al Sistema Sanitario Nazionale tra il primo Ottobre del 2013 e la fine di Marzo del 2014 e monitorate in Payline, risulta che circa il 44% dei termini di pagamento risulta superiore al termine ordinario di 30 giorni e circa il 17% superiore a quello di 60 giorni (applicabile in condizioni specifiche). Tuttavia va considerato che in tutti i 55,8% 46,8% Giorni di pagamento pattuiti da Enti Pubblici non sanitari % sul totale delle fatture emesse Fatture emesse prima del (seconda metà del 2012) Fatture emesse dopo il (Ott Mar.2014) casi in cui le fatture siano state emesse per saldare importi dovuti sulla base di contratti stipulati prima del 2013, termini superiori a 60 giorni (o a 30) continuano ad essere legali. Un confronto con i termini di pagamento di un consistente insieme di fatture emesse prima dell entrata in vigore della legge, tra il primo Luglio e il 31 Dicembre 2012, è utile per capire l impatto della norma: la percentuale di fatture con termini di 30 giorni (o inferiore) è aumentato di circa 9 punti percentuali. In altri termini, dopo l introduzione della legge la distribuzione per termini di pagamento delle fatture della PA si è modificata sostanzialmente, pur rimanendo ancora un elevata quota di pagamenti per cui le scadenze risultano superiori ai due mesi. Più ridotto l effetto delle nuove norme nell ambito del Sistema Sanitario Nazionale, probabilmente per una maggiore presenza di vecchi contratti che regolano i pagamenti nel settore. Poco più di 5 delle oltre 26 mila fatture emesse da enti del SSN (circa il 20%) e monitorate in Payline rispetta il termine legale dei 60 giorni, in aumento di soli 4 punti percentuali sul dato calcolato sull insieme di fatture emesse nella seconda metà del La maggior parte dei pagamenti del SSN, il 71,5% deve essere liquidato in 90 giorni (o in un intervallo compreso tra 60 e 90 giorni), in crescita rispetto al 64,8% calcolato sulle vecchie fatture. Risulta invece in forte calo la quota di fatture con termini superiori a 90 giorni, dal 19,2% all 8,7%. Giorni di pagamento pattuiti nel SSN % sul totale delle fatture emesse Fatture emesse prima del (seconda metà del 2012) 64,8% 71,5% Fatture emesse dopo il (Ott Mar.2014) 27,8% 27,0% 15,8% 13,2% 9,5% 10,2% 10,8% 3,9% 5,9% 9,0% 19,2% 8,7% 30 gg o meno 60 gg (o 30-60) 90 gg (o 60-90) Oltre 90 giorni 30 gg o meno 60 gg (o 30-60) 90 gg (o 60-90) Oltre 90 giorni 7

8 I pagamenti delle partecipate pubbliche Mpagate il 39,1% delle fatture, pari al 36,5% in termini igliorano anche i pagamenti delle imprese partecipate dalla Pubblica Amministrazione: nel primo trimestre del 2014 risultano non di importi, in calo rispettivamente dell 1,3% e del 4% sul dato del primo trimestre del Sono soprattutto le grandi e le micro imprese a partecipazione pubblica a diminuire la percentuale di importi inevasi, rispettivamente al 36,7% (-7,6%) e al 25,7% (-6,9%) dello stock di debito scaduto; rimane invece più contenuto il calo nelle PMI (-0,8%). Dal punto di vista dell ente controllante, le partecipate da regioni ed autonomie locali rimangono le peggiori pagatrici, anche se la percentuale di scaduto diminuisce dal 71,8% al 57,7%. Scende anche la quota di importi inevasi nelle partecipate comunali (-5,5%), mentre aumenta in quelle provinciali (dal 9,1% al 30,2%). I mancati pagamenti delle partecipate PA Fatture non pagate in % 40,3% 39,1% Scaduto delle partecipate PA 40,5% 36,5% Valore dello scaduto delle partecipate PA per classe dimensionale 32,5% 25,7% 38,0% 37,2% 44,3% 36,7% Scaduto delle partecipate PA per ente controllante Valore fatture non pagate in % sul totale delle fatture scadute nel trimestre 39,7% 34,2% 30,2% 71,8% 57,7% 9,1% Micro PMI Grandi Comuni Province Regioni e autonomie locali La diminuzione della quota di scaduto coinvolge tutta la Penisola, con riduzioni maggiori nel Mezzogiorno, che però rimane l area con la quota più alta: nei primi tre mesi del 2014 risulta non pagato il 63,5% degli importi, 15,6 punti in meno rispetto ai primi tre mesi del Diminuisce sotto il 30% lo scaduto nelle regioni del Nord (28,5% al Nord Est e 27,1% al Nord Ovest), mentre rimane stabile al Centro a quota 40%. Valore dello scaduto delle partecipate PA per area geografica Nord Ovest 28,2% 27,1% 40,3% 40,3% Centro Nord Est 31,6% 28,5% Sud e Isole 79,2% 63,5% 8

9 I dati relativi alle fatture pagate tra Gennaio e Marzo 2014 confermano il positivo trend iniziato lo scorso trimestre, con la diminuzione rispetto ai primi tre mesi del 2013 dei tempi medi di liquidazione e della percentuale di partecipate in grave ritardo. Si accorciano di 3,2 giorni i tempi medi di pagamento, che nel primo trimestre 2014 raggiungono i 1,5 giorni, grazie soprattutto al calo dei ritardi (-2 giorni). I dati relativi alla puntualità mostrano una diminuzione sia della percentuale di partecipate che saldano le proprie fatture con oltre due mesi di ritardo (dall 11,3% al 10,5%), sia della quota di imprese che pagano nei tempi concordati (dal 31,4% al 29,6%). La presenza di partecipate in grave ritardo si riduce tra le PMI e tra le grandi imprese, con cali maggiori tra le società di grandi dimensioni, per cui la percentuale di imprese che saldano le proprie fatture due mesi dopo i termini concordati passa dal 19,6% del primo trimestre del 2013 al 13%. Tra le PMI la quota diminuisce all 11,8% (-1%), mentre risulta in leggero aumento tra le micro partecipate (+0,2%). Dal punto di vista geografico il calo dei gravi ritardi coinvolge le partecipate presenti in tutte le aree delle Penisola, con la sola eccezione delle società del Nord Ovest, in cui la percentuale di imprese che paga con più di due mesi di ritardo passa dal 7,7% del primo trimestre 2013 all 8,3% dei primi mesi del La presenza di società con ritardi di oltre due mesi rimane molto elevata nel Mezzogiorno, area in cui quasi un quarto delle partecipate liquida le fatture più di 60 giorni dopo le scadenze concordate. Giorni di pagamento delle partecipate PA Medie ponderate, giorni 107,7 37,1 70,6 1,5 35,1 69,5 Distribuzione delle partecipate PA per puntualità nei pagamenti Distribuzione in base ai ritardi medi in fattura ritardi oltre 60gg gg ritardo 11,3% 57,4% 32,0% 10,5% 59,9% 31,4% 29,6% termini pattuiti ritardi entro 60gg 36,4% puntuali Gravi ritardi delle partecipate PA per classe dimensionale % rispetto al totale delle imprese che in media saldano le fatture oltre 60 giorni dopo rispetto ai termini concordati 7,7% 7,9% Micro 12,8% 11,8% PMI 19,6% 13,0% Grandi Gravi ritardi delle partecipate della PA per area geografica % rispetto al totale delle imprese che in media saldano le fatture oltre 60 giorni dopo rispetto ai termini concordati Nord Ovest 7,7% 8,3% Nord Est 6,8% 4,9% 13,0% 12,1% Centro Sud e Isole 24,2% 23,3% 9

10 31,2% 27,6% 24,6% I pagamenti dei fornitori delle PA dati di Payline indicano che, rispetto ai primi tre mesi del 2013, i partner della PA hanno ridotto il di fatture non pagate ai I propri fornitori (dal 36,5% al 32,3%), con una conseguente diminuzione anche degli importi inevasi (dal 31,2% al 27,6%). In entrambi i casi i miglioramenti hanno leggermente ridotto il gap negativo con il resto delle imprese, che hanno fatto registrare progressi più contenuti. Lo scaduto si riduce sia tra i fornitori di grande dimensione sia tra quelli più piccoli: il calo è maggiore tra le microimprese (-4,6%) e tra le grandi società (-4,4%), mentre è più contenuto nel caso delle PMI (-2%), attestandosi ovunque a livelli del 27-28%. I mancati pagamenti dei fornitori PA e del totale delle imprese Fatture non pagate in % 36,5% 32,3% Fornitori PA 22,5% 18,7% Totale imprese Scaduto dei fornitori della PA e del totale delle imprese Valore dello scaduto dei fornitori della PA per classe dimensionale 21,6% 33,3% 28,6% 30,4% 28,3% 31,6% 27,2% Fornitori PA Totale imprese Micro Nord Ovest 27,4% 19,0% PMI Grandi Valore dello scaduto dei fornitori PA per area geografica 30,6% 29,4% Centro Nord Est Sud e Isole 23,7% 32,2% 38,7% 43,9% Dal punto di vista geografico il miglioramento coinvolge la quasi totalità della Penisola, con l eccezione dei fornitori del Nord Est. A diminuire maggiormente è la percentuale di scaduto tra i fornitori del Mezzogiorno, che passa dal 43,9% del primo trimestre 2013 al 23,7%: solo il Nord Ovest, con una quota del 19% (in calo dal 27,4% dell anno precedente), vanta una performance migliore. In diminuzione anche la percentuale di scaduto al Centro (-1,2%). Unica area in cui la quota di scaduto aumenta è il Nord Est: nei primi tre mesi del 2014 si raggiunge il 38,7% di importi inevasi da parte dei fornitori della PA, il 6,5% in più rispetto al primo trimestre del

11 Si riduce il gap tra fornitori della PA e altre imprese non solo come quota di scaduto, ma anche in termini di tempi medi di pagamento. Nei primi tre mesi del 2014 i partner della PA hanno liquidato le fatture mediamente in 93,6 giorni, 9,4 in meno rispetto ad inizio 2013 e 16 giorni in più rispetto al resto delle aziende (l anno precedente la differenza arrivava a 22 giorni). L accorciamento dei tempi è attribuibile ai minori giorni di ritardo (-9,6 giorni), mentre aumentano leggermente i termini concordati (+0,2 giorni). I miglioramenti dei tempi medi di pagamento coincidono con una maggiore presenza di fornitori PA puntuali e una riduzione di quelli in grave ritardo, avvicinando la distribuzione a quella osservata sul resto delle imprese. Nel primo trimestre del 2014 sono puntuali il 33,8% dei fornitori della PA (il 45,3% del totale imprese), in aumento dell 1,1% rispetto al 2013, mentre diminuiscono all 8,7% le imprese in grave ritardo (-2,9% rispetto all 11,7% del 2013 e +1,1% rispetto al totale delle imprese). La maggiore puntualità dei fornitori della PA riguarda tutte le dimensioni di impresa e tutte le aree della Penisola, in particolar modo le grandi imprese fornitrici, in cui la percentuale di società in grave ritardo passa dal 14,2% del primo trimestre 2013 al 9,9%, e tra i fornitori del Centro e del Mezzogiorno, in cui i gravi ritardi si riducono di circa quattro punti percentuali. Giorni di pagamento dei fornitori della PA e delle imprese Medie ponderate, giorni 103,0 36,5 gg ritardo 93,6 26,9 66,4 66,6 Fornitori PA Fornitori PA termini pattuiti 81,2 77,5 21,1 18,4 60,1 59,1 Totale imprese Distribuzione delle imprese e dei fornitori della PA per puntualità nei pagamenti Distribuzione in base ai ritardi medi in fattura ritardi oltre 60gg 11,7% 55,6% 32,7% 8,7% 57,4% 33,8% ritardi entro 60gg 9,2% 45,6% 45,2% 7,6% 47,0% 45,3% Totale imprese puntuali Gravi ritardi dei fornitori della PA per classe dimensionale % rispetto al totale delle imprese che in media saldano le fatture oltre 60 giorni dopo rispetto ai termini concordati 12,9% 9,1% 10,9% 8,5% 14,2% 9,9% Micro PMI Grandi Gravi ritardi dei fornitori della PA per area geografica % rispetto al totale delle imprese che in media saldano le fatture oltre 60 giorni dopo rispetto ai termini concordati Nord Ovest 8,0% 6,3% Nord Est 7,6% 5,8% 14,2% 10,4% Centro Sud e Isole 16,4% 12,6% 11

...... delle Partecipate e dei fornitori

...... delle Partecipate e dei fornitori ...... I pagamenti della Pubblica Amministrazione, delle Partecipate e dei fornitori...... numero D i c e m b r e 2 0 1 301 FATTURE SCADUTE E NON PAGATE I PAGAMENTI DELLA PA E DEI FORNITORI PA Il nuovo

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ...... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,...... F e b b r a i o 2 0 1 4 I pagamenti della PA, Sblocco debiti PA: anche i fornitori pagano le fatture arretrate... Sintesi dei risultati I provvedimenti

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

...... Osservatorio su fallimenti,

...... Osservatorio su fallimenti, ...... Osservatorio su fallimenti,...... Nel settembre del 212 sono entrate in vigore alcune modifiche al concordato preventivo, la procedura attraverso la quale l'imprenditore cerca di superare la crisi

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

a cura del Centro Studi primo semestre 2013

a cura del Centro Studi primo semestre 2013 a cura del Centro Studi primo semestre 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Nel 2015 raddoppia la scelta per il tasso fisso, il variabile perde appeal PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 ! terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca terzo trimestre 2013 trieste, 17 ottobre

Dettagli

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI

INDAGINE 2011 SUL COSTO DEI CONTI CORRENTI . Principali risultati Da alcuni anni, la Banca d Italia svolge un indagine sull onerosità dei conti correnti, basata sui costi effettivamente sostenuti da un campione rappresentativo di clienti nel corso

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011

INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011 INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011 Il presente rapporto riporta i principali risultati dell indagine sui crediti verso la Pubblica Amministrazione, svolta dall Associazione fra

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

Confcommercio Pordenone Osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario di Pordenone

Confcommercio Pordenone Osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario di Pordenone Sintesi01 Pordenone, 22/02/13 Confcommercio Pordenone Osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario di Pordenone Peggiora il clima di fiducia delle imprese del terziario della provincia

Dettagli

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Il Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Gli effetti della crisi sulle PMI meridionali Il rischio delle PMI meridionali Le prospettive e le misure necessarie per favorire la ripresa

Dettagli

Unindustria Reggio Emilia. 5 giugno 2013. Francesca Brunori - Confindustria, Coordinatore Finanza e Credito

Unindustria Reggio Emilia. 5 giugno 2013. Francesca Brunori - Confindustria, Coordinatore Finanza e Credito Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 e la certificazione dei crediti Unindustria Reggio Emilia 5 giugno 2013 Francesca Brunori - Confindustria, Coordinatore Finanza e Credito Scenario AMMONTARE

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Direzione Affari Economici e Centro Studi. L indagine Ance sui ritardati pagamenti della P.A.

Direzione Affari Economici e Centro Studi. L indagine Ance sui ritardati pagamenti della P.A. Direzione Affari Economici e Centro Studi L indagine Ance sui ritardati pagamenti della P.A. Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Giugno 2011 L'indagine Ance sui ritardati

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) -Aggiornamento al 31 marzo 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 2013 Sommario SINTESI...

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 373 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 20 marzo 2013

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

13 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia

13 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia Febbraio 2012 13 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia Il 13 Rapporto sulle retribuzioni in Italia 2012 fornisce nel dettaglio le informazioni sul mercato delle professioni ed offre una rappresentazione

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2013 Pubblicato in data 30 gennaio 2014 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 30 settembre 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014

Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014 Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014 2 MUTUI RESIDENZIALI Sommario 2013 Domanda Offerta Erogazioni Contratti stipulati Compravendite assistite da mutuo Tipologia

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale 6. IL MERCATO IMMOBILIARE 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale Nel 211 lo stock edilizio provinciale ammonta a 165.4 unità immobiliari, di cui 99.9 ad uso residenziale, 41.3 per box e posti

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 31 marzo 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 30 giugno 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 MERCATO DELLE EROGAZIONI Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 6.875,45 milioni di euro nel secondo trimestre

Dettagli

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Roma, 11 giugno 2013 Scenario AMMONTARE DEI DEBITI DELLA PA: 90 miliardi (stima Banca d Italia) TEMPI DI PAGAMENTO PA: 180

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE CONGIUNTURALE - I SEMESTRE

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

I pagamenti come motore della crescita: condivisione, processi e trend

I pagamenti come motore della crescita: condivisione, processi e trend I pagamenti come motore della crescita: condivisione, processi e trend Marco Preti Economic Outlook L Europa è l area geografica che crescerà meno nei prossimi anni. Allo stesso tempo nel 2013 l Europa

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-1 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo -11:

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1

COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1 10 dicembre COMUNICATO STAMPA PUBBLICAZIONE DELLE NUOVE STATISTICHE SUI TASSI DI INTERESSE BANCARI PER L AREA DELL EURO 1 In data odierna la Banca centrale europea (BCE) pubblica per la prima volta un

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona VERONA La dotazione immobiliare della provincia di 13 città intermedie Nord Est Tavola 1 Italia Stock abitazioni 2009 (n.) 456.881 4.794.134 5.607.108 32.484.071 Var. % stock abitazioni 2008/09 1,6 1,6

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO Il volto poco amico delle banche Metodologia Indagine quantitativa condotta mediante somministrazione telefonica (sistema C.A.T.I. Computer Assisted Telephone Interview)

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi discussione di Scenari economici n. 20 La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi Alessandra Staderini Servizio Struttura economica, Banca d Italia Roma, 26 giugno 2014 Confindustria,

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni Commerciali

Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni Commerciali Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni Commerciali Idaira Robayna Alfonso Pisa, 25 Maggio 2012 Revisione della Direttiva 2000/35/EC: perché? Nonostante

Dettagli

Fatturato COMUNICATO STAMPA

Fatturato COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2005 RICAVI CONSOLIDATI + 11,4% - UTILE NETTO CONSOLIDATO + 42,9% Dati consolidati

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli