OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE"

Transcript

1 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5%

2 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI Miglioramento favorito dall uscita dal mercato delle imprese più fragili e dalla maggiore cautela dei creditori Tra luglio e settembre si sono ridotti i tempi medi di liquidazione delle fatture, i ritardi hanno toccato un minimo dal ed è proseguito per il quinto trimestre consecutivo il calo dei protesti tra le imprese, con livelli che sono tornati al di sotto di quelli precrisi in molti settori e regioni della Penisola. È il risultato, da una parte, del lungo processo di ristrutturazione dell economia, che ha spinto fuori dal mercato le aziende più fragili e, dall altro, di un atteggiamento più cauto da parte delle imprese nell erogazione dei fidi commerciali, che sono stati tagliati alle controparti più rischiose, accelerandone ulteriormente l uscita. I dati di Payline il database di Cerved sulle abitudini di pagamento di 2,5 milioni di imprese italiane indicano che tra luglio e settembre le imprese hanno pagato in media le proprie fatture in 77,5 giorni, 0,2 giorni in meno rispetto allo stesso periodo del e 3,7 giorni in meno del. Le scadenze in fattura sono rimaste ai livelli dello scorso anno, mentre si sono ulteriormente ridotti i ritardi medi e la presenza di imprese fortemente ritardatarie, che hanno raggiunto un minimo dall inizio del. Andamento dei ritardi Giorni medi di ritardo e % di imprese con ritardi medi di oltre due mesi Giorni ritardo (scala sin) Gravi ritardi (scala dx) ,1 19,3 19,2 9,1% 9,1% 9,3% 23,2 10,8% 21,1 9,2% 20,5 7,9% 17,7 7,5% 20,4 8,6% 18,4 19,0 7,6% 7,6% 17,5 7,3% 12% 9% 6% 3% 0 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 0% Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

3 3 Le società protestate Imprese non individuali con almeno un protesto Trimestre media anno q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q Un analisi su circa 100 mila PMI indica che a un terzo dei cattivi pagatori del non è stato concesso credito commerciale nel terzo trimestre del : si tratta di una percentuale più che doppia rispetto a quella normale, osservata tra le imprese puntuali e tra quelle che accumulano ritardi fisiologici, e di un fenomeno che contribuisce a spiegare il miglioramento delle statistiche. Sono state soprattutto le società che operano nell edilizia a vedersi negare i fidi dalle controparti (il 40% dei cattivi pagatori del non hanno contratto fidi commerciali) o a dover rispettare scadenze più rigide in fattura. Rispetto al terzo trimestre del, le società edilizie pagano 8 giorni prima, grazie a un calo di 5,5 giorni delle scadenze e a un calo di 2,8 giorni dei ritardi medi. Nello stesso periodo, sono 3,7 mila le imprese delle costruzioni con almeno un protesto nel trimestre, in forte calo su base annua (19%), anche se il comparto rimane quello con la maggiore diffusione del fenomeno. Le società protestate imprese non individuali con almeno un protesto Le imprese industriali presentano una situazione complessivamente migliore tra quelle esaminate: i tempi medi di pagamento si attestano sui livelli dello scorso anno, ma si riducono ulteriormente i ritardi a 12,9 giorni, il minimo dall inizio del Giorni concordati nelle costruzioni Medie ponderate 74,3 71,2 72,7 70,8 70,6 69, ,1 68,0 67,3 67,2 trimestre media 64,7 anno q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q q q q 1q q 4q 1q 2q Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

4 4 Giorni di pagamento per macrosettore dell impresa Medie ponderate, giorni 82,6 81,1 81,1 14,0 13,7 12,9 96,6 23,9 90,6 88,3 20,7 21,1 77,6 74,2 75,0 20,6 19,0 19,3 Giorni ritardo Termini Concordati 68,6 67,4 68,3 72,7 69,9 67,2 57,0 55,2 55,7 Industria Costruzioni Servizi Il numero di società protestate è diminuito nel terzo trimestre di quasi un quarto rispetto allo stesso periodo del, tornando sotto i livelli del 2007, con miglioramenti che sono diffusi a tutti i settori manifatturieri. Il forte calo del numero di società protestate riguarda anche il terziario, con una diminuzione del 15,1% rispetto al terzo trimestre del. Viceversa, le statistiche relative ai pagamenti del terziario indicano un andamento in controtendenza, con tempi medi e ritardi in lieve aumento rispetto al, anche se diminuisce la presenza di imprese in grave ritardo. Giorni di pagamento per macrosettore dell'impresa medie ponderate, giorni 96,6 90,6 88,3 82,6 81,1 81,1 23,9 77,6 14,0 20,7 74,2 75,0 13,7 12,9 21,1 20,6 19,0 19,3 68,6 67,4 68,3 72,7 69,9 67,2 57,0 55,2 55,7 industria costruzioni servizi ritardo concordati Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

5 5 I PAGAMENTI I dati di Payline il database di Cerved sulle abitudini di pagamento di 2,5 milioni di imprese indicano che nel terzo trimestre si sono accorciati i tempi medi di liquidazione delle fatture e che i ritardi hanno toccato un minimo dall inizio del. Tra luglio e settembre le imprese monitorate hanno pagato i fornitori in media in 77,5 giorni: si tratta di una leggera riduzione rispetto allo stesso periodo del (0,2 giorni) e di un netto calo rispetto a due anni fa, quando i tempi di attesa si attestavano a 81,2 giorni. Fornitori e clienti hanno concordato scadenze in fattura pari a 60 giorni, lo stesso livello del e due giorni in meno rispetto al terzo trimestre. In ulteriore calo i ritardi, che hanno toccato il livello minimo dall inizio del : le imprese hanno sforato le scadenze di 17,5 giorni, contro i 17,7 dello stesso periodo del e i 19,2 del. Ai minimi dall inizio del anche la presenza di imprese che hanno accumulato ritardi medi superiori a due mesi, casi che frequentemente sfociano in mancati pagamenti o veri e propri default: tra luglio e settembre sono il 7,3% di quelle che hanno pagato almeno una fattura nel trimestre (7,5% nel terzo trimestre e 9,3% rispetto al terzo trimestre ). Risulta in leggero calo anche la presenza di imprese puntuali (dal 46,1% dello scorso anno al 45,9%), mentre aumentano le aziende per cui si registrano ritardi entro i due mesi. Giorni di pagamento tra le imprese Medie ponderate, giorni Giorni ritardo Termini concordati ,8 79,1 81,2 83,8 81,2 77,8 77,7 79,3 77,5 77,0 77,5 19,1 19,3 19,2 23,2 21,1 20,5 17,7 20,4 18,4 19,0 17,5 60,7 59,8 62,0 60,6 60,1 57,3 60,0 58,9 59,1 58,0 60,0 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q Puntualità delle imprese Distribuzione delle imprese per ritardi nei pagamenti 9,1% 9,1% 9,3% 10,8% 9,2% 7,9% 7,5% 8,6% 7,6% 7,6% 7,3% 42,6% 44,5% 45,7% 45,3% 45,6% 44,4% 46,3% 46,4% 47,0% 46,3% 46,8% Ritardi oltre 60 giorni Ritardi entro 60 giorni 48,2% 46,4% 45,0% 43,9% 45,2% 47,6% 46,1% 45,0% 45,3% 46,1% 45,9% Puntuali Giorni di 2q pagamento 4q tra le imprese 1q 1q medie ponderate, giorni 2q 4q 1q 2q Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

6 6 I FIDI COMMERCIALI CONCESSI ALLE PMI È stata condotta un analisi sui fidi commerciali concessi e non concessi dalle oltre mille aziende che contribuiscono ad alimentare Payline a circa 100 mila società di capitale che rispondono ai requisiti europei di PMI (addetti compresi tra 10 e 250 e giro d affari o attivo compreso tra 2 e 50 milioni di euro). I risultati dell analisi mostrano che il 31,4% delle imprese in forte ritardo nel terzo trimestre due anni dopo non ha ottenuto alcun credito commerciale, una percentuale più che doppia rispetto a quella normale, calcolata tra le imprese puntuali (15,8%) e tra quelle con ritardi inferiori a due mesi (14,3%), che arriva a superare il 40% tra i cattivi pagatori che operano nelle costruzioni. In parte questo fenomeno dipende dai maggiori tassi di uscita dal mercato delle imprese fortemente ritardatarie: il 4,3% è in default, una quota più che quadrupla rispetto a quella osservata tra le PMI puntuali. Il resto dipende però dalla maggiore cautela delle controparti, che tagliano i fidi soprattutto ai cattivi pagatori. Un analisi condotta sull ammontare di finanziamenti concessi nel per classe di rischio delle controparti conferma che le aziende contributrici a Payline hanno selezionato con attenzione le controparti cui concedere un fido: il volume dei finanziamenti è cresciuto tra le PMI più affidabili secondo il Cerved Group Score (lo score che sintetizza il rischio di insolvenza delle imprese italiane), mentre si è ridotto sul resto delle PMI, con cali marcati tra quelle più rischiose. Puntualità delle imprese nel terzo trimestre Imprese non affidate nel terzo trimestre Grave ritardo 6,3% 31,4% di quelle in grave ritardo Costruzioni 41,6% Industria 31,3% Servizi 33,6% Lieve ritardo 52,4% 14,3% di quelle in lieve ritardo Puntuale 41,3% 15,8% di quelle puntuali Andamento dei fidi commerciali alle PMI per area di rischio Tassi di crescita / del volume dei fidi commerciali concessi alle aziende che partecipano in Payline in base al Cerved Group Score 4,5% 3,7% 3,6% Puntualità delle imprese nel terzo trimestre 6,3% grave ritardo A1.1 A3.1 Sicurezza Imprese non affidate nel terzo B1.1 trimestre B1.2 Solvibilità 31,4% di quelle in grave ritardo 16,1% B2.1 B.2.2 C1.1 C2.1 Vulnerabilità Rischio Costruzioni!!"#$%&! '()*+,./!0#$0&! !00$%&! 52,4% 14,3% di quelle in lieve ritardo Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

7 7 Giorni di pagamento per macrosettore dell impresa Medie ponderate, giorni 82,6 81,1 81,1 14,0 13,7 12,9 96,6 23,9 90,6 88,3 20,7 21,1 77,6 74,2 75,0 20,6 19,0 19,3 Giorni ritardo Termini Concordati 68,6 67,4 68,3 72,7 69,9 67,2 57,0 55,2 55,7 Industria Costruzioni Servizi All origine della riduzione dei ritardi vi è, da un lato, l uscita dal mercato dei cattivi pagatori e, dall altro, la maggiore cautela delle imprese nell erogazione dei fidi commerciali, soprattutto verso le controparti caratterizzate da un maggior rischio. Un analisi su circa 100 mila PMI italiane (v. box) indica infatti che quasi un terzo dei cattivi pagatori del sono fuori dal mercato o non hanno ricevuto fidi commerciali nel terzo trimestre del, una percentuale più che doppia rispetto a quella normale (osservata tra le imprese puntuali e tra quelle che accumulano ritardi fisiologici). È un fenomeno che contribuisce a spiegare il calo dei tempi di pagamento. Rispetto a due anni fa, i pagamenti risultano più rapidi in tutti i macrosettori dell economia italiana, con un miglioramento particolarmente consistente nell edilizia. Le società che operano nelle costruzioni hanno infatti liquidato nel terzo trimestre i propri fornitori Giorni di pagamento per macrosettore dell'impresa medie ponderate, giorni in media in 88,3 giorni, contro i 96,6 giorni dello stesso periodo del (e i 90,6 giorni del ). La netta riduzione dei tempi di attesa nelle costruzioni è attribuibile a un atteggiamento di maggior cautela da parte dei creditori, che hanno ridotto i fidi, privilegiando le controparti più affidabili, e preteso scadenze in fattura più rigide. Al calo 96,6 90,6 88,3 82,6 81,1 81,1 23,9 77,6 14,0 20,7 74,2 75,0 13,7 12,9 (20,7 nel ), il massimo tra tutti i 21,1 macrosettori. 20,6 19,0 19,3 dei tempi hanno infatti contribuito soprattutto i minori termini concordati: 67,2 giorni, 5,5 in meno rispetto a due anni fa e 2,7 giorni in meno rispetto all anno precedente. I ritardi, pur inferiori rispetto ai livelli del, tornano invece a crescere, attestandosi a 21,1 giorni Torna ad aumentare anche la presenza di società in grave ritardo rispetto alle scadenze, che passa dal 5,9% del terzo trimestre al 6,3% del terzo trimestre. 68,6 67,4 68,3 Imprese in grave ritardo per macrosettore 72,7 69,9 67,2 57,0 55,2 55,7 Imprese con ritardi medi di oltre due mesi, % sul totale 8,0% 6,7% 9,4% 9,5% 6,5% 6,3% 5,9% industria costruzioni servizi ritardo concordati 8,0% 7,6% Industria Costruzioni Servizi Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

8 8 Giorni di ritardo nei pagamenti nell industria Medie ponderate, giorni 18,7 14,6 14,4 14,1 12,8 12,0 11,4 10,7 9,8 9,6 Mezzi di trasporto Prodotti intermedi Hi tech Largo consumo Sistema casa Sistema moda Meccanica Chimica Metalli Altri beni di consumo Imprese in grave ritardo nell industria Imprese con ritardi medi di oltre due mesi, % sul totale 10% 9% 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 9,5% 8,3% 8,2% 6,8% 6,2% 6,1% Giorni di 0% ritardo nei pagamenti nell'industria Largo Mezzi di Prodotti Sistema Sistema Altri beni consumo medie trasporto ponderate, intermedi moda giorni casa di consumo 5,5% 4,4% 3,9% 3,7% Metalli Chimica Hi tech Meccanica Nell industria i tempi di attesa si sono attestati sui livelli dello scorso anno, a 81,1 giorni, 1,5 giorni in meno rispetto al terzo trimestre. Sono tornate ad aumentare le scadenze, che 18,7 in media sono pari a 68,3 giorni, mentre continuano a ridursi i ritardi, che hanno toccato un minimo di 12,9 giorni tra luglio e settembre. I dati evidenziano che il miglioramento 14,6 14,4 14,1 riguarda tutti i settori industriali, con cali particolarmente consistenti negli altri beni di consumo (12,8 12,8 giorni) e nell hi 12,0 tech (6 giorni). Si riduce anche la presenza di imprese 11,4 in grave ritardo, che si attesta al 6,5%, contro il 6,7% 10,7 dello scorso anno e l 8% del. 9,8 9,6 Il miglioramento è diffuso a tutta la manifattura, con la sola eccezione delle società che operano nella produzione di beni di largo consumo. I fornitori di imprese del terziario attendono in media 75 giorni per la liquidazione Imprese in grave ritardo nell'industria Imprese con ritardi medi di oltre due mesi, % sul totale delle proprie fatture, più di quanto osservato lo scorso anno ma 1,6 giorni in meno del livello del. Rispetto allo stesso periodo del, tornano ad aumentare i tempi concordati in scadenza (da 55,2 a 55,7 giorni), che rimangono comunque inferiori ai livelli di due anni fa (57 giorni). Aumentano anche i ritardi medi (da 19 a 19,3 giorni), per le 10% mezzi di 9,5% prodotti hi tech largo sistema sistema meccanica chimica metalli altri beni trasporto intermedi consumo dinamiche casa osservate nei moda servizi non finanziari (+1,7 giorni) e nella filiera di comunicazione consumo 9% 8,3% 8,2% intrattenimento (+1,2 giorni). Si riduce dall 8% al 7,6% la presenza di imprese in grave 2q 2q 8% ritardo. 6,8% 7% 6,2% 6,1% 6% 5,5% Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata 5% 4,4% 3,9%

9 9 Giorni di ritardo nei pagamenti nei settori non industriali Medie ponderate, giorni ,4 22,3 21,7 20,7 19,7 17,6 16,6 13, Logistica e trasporti Servizi non finanziari Immobiliari Informazione, comunicazione e intrattenimento Servizi finanziari Energia e utility Distribuzione Agricoltura Imprese in grave ritardo nei settori non industriali 12% 10,9% Imprese con ritardi in media superiori a 60 giorni, % sul totale 10% 8% 6% 4% 8,9% 8,2% 7,4% 7,0% 5,4% 4,5% 3,8% 30 2% Giorni di ritardo nei pagamenti nei 0% settori Agricoltura Logistica non industriali Servizi e trasporti non medie ponderate, giorni finanziari Distribuzione Immobiliari Informazione, Servizi comunicazione finanziari e intrattenimento Energia e utility 24, ,3 21,7 I tempi di attesa per il pagamento delle fatture si riducono in tutta la Penisola, con la sola eccezione del Nord Est, area in cui le imprese beneficiano di scadenze in fattura meno 20,7 rigide rispetto allo scorso anno e si confermano le più rapide nel liquidare i pagamenti. Nel terzo trimestre, le imprese del Nord Est hanno infatti pagato in media in 73,2 giorni, contro i 72,6 dello scorso anno (75,2 nel ): è l effetto dell aumento delle scadenze (da 60,1 a 60,7), mentre i ritardi rimangono ai livelli del (12,5), i più bassi osservati in tutta la Penisola. Ai minimi anche la presenza di imprese con gravi ritardi, che diminuisce nel corso dell anno dal 5,7% al 4,9%. 19,7 17,6 16,6 13,3 Si riducono di 0,2 giorni anche i tempi di liquidazione delle fatture per le imprese del Nord Imprese in grave Ovest (77,5 ritardo giorni), grazie nei al calo settori dei ritardi non (da 15,7 industriali a 15,3 giorni). Anche nelle regioni dell Italia Centrale si riducono le attese, che passano da 80,8 a 80,3 5 Imprese con ritardi in media superiori a 60 giorni, % sul totale 21,6 giorni, mentre aumenta leggermente la presenza di società che in media sforano le 12% logistica 10,9% servizi immobiliari scadenze informazione, di più di 60 giorni. servizi energia distribuzione agricoltura e trasporti non Nel comunicazione Mezzogiorno i tempi finanziari di e pagamento si e attestano utility a 81,1 giorni: si sono ridotte le 10% finanziari 8,9% intrattenimento 8,2% 8% campione osservato. 7,4% 7,0% giorni (più di 5 giorni in meno rispetto al terzo trimestre ). In calo i ritardi, da 22,3 a scadenze ma sono aumentati di 0,5 giorni i ritardi. In calo, ma a livelli molto più elevati di quelli osservati nelle altre aree, la presenza di imprese fortemente ritardatarie, il 10,8% del 6% Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata 5,4% 4,5%

10 10 Giorni di pagamento per area geografica Medie ponderate, giorni Giorni ritardo Termini concordati 85,4 81,4 77,7 80,8 85,0 77,5 80,3 81,8 81,1 75,2 72,6 73,2 17,2 13,4 12,5 12,5 15,7 15,3 24,1 22,3 21,6 27,0 25,0 25,5 61,7 60,1 60,7 64,2 62,1 62,2 61,2 58,5 58,7 57,9 56,8 55,6 Nord Est Nord Ovest Centro Sud e Isole Imprese in grave ritardo per area geografica Imprese con ritardi medi di oltre due mesi, % sul totale 75,2 72,6 73,2 13,4 12,5 12,5 Giorni di pagamento per area geografica medie ponderate, giorni 5,9% 6,6% 5,7% 5,4% 4,9% 5,2% 9,5% 7,4% 7,5% 14,1% 10,9% 10,8% 81,4 85,4 77,7 80,8 85,0 77,5 80,3 81,8 81,1 Nord Est Nord Ovest Centro Sud e Isole 17,2 15,7 15,3 24,1 22,3 21,6 27,0 25,0 25,5 61,7 60,1 60,7 64,2 62,1 62,2 61,2 58,5 58,7 57,9 56,8 55,6 Imprese in grave ritardo imprese con ritardi medi di oltre due mesi, % sul totale Nord Est Nord Ovest Centro Sud e Isole ritardo concordati 14,1% 9,5% 10,9% 10,8% 5,9% 5,7% 6,6% 7,4% 7,5% Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

11 11 I PROTESTI Il deciso calo dei protesti tra le imprese iniziato nei primi mesi del è proseguito tra luglio e settembre. Nel terzo trimestre sono stati levati 66 mila protesti a 16,8 mila società, in diminuzione rispettivamente del 24,1% e del 17,7% rispetto allo stesso periodo del. È il quinto trimestre consecutivo in cui si registra una riduzione del numero di società con almeno un protesto, il quarto in cui il calo è con tassi a due cifre rispetto all anno precedente. Nonostante questa dinamica il numero di società protestate rimane ancora del 10,2% superiore rispetto ai livelli che si registravano nel 2007, prima della crisi che ha colpito l economia italiana. Il calo riguarda tutti i settori dell economia, in particolare l industria, in cui il numero e l incidenza di società protestate è tornato sotto i livelli del Nel terzo trimestre si contano 1,7 mila imprese manifatturiere protestate, il 24,3% in meno del periodo lugliosettembre, con riduzioni che riguardano tutti i settori dell industria, con la sola eccezione degli altri beni di consumo. Il numero di società industriali protestate è anche inferiore del 14% rispetto al 2007: i livelli sono notevolmente più bassi di quelli precrisi nel sistema moda (38,7%), nei prodotti intermedi (35,7%) e nell hi tech (33,3%); rimangono invece oltre i livelli precedenti la crisi i protestati delle imprese produttrici di altri beni di consumo (+45,2%), di beni di consumo (+8,2%) e in quelle del sistema casa (+3,4%). Le società protestate Imprese non individuali con almeno un protesto Trimestre media anno q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q 4q 1q 2q Società protestate per macrosettore Imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto precrisi picco crisi Le società protestate imprese non individuali con almeno un protesto Industria Costruzioni Servizi Altri settori Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

12 12 Incidenza dei protesti per macrosettore imprese non individuali con almeno un protesto sul numero di imprese operative 1,4% 1,2% 1,0% 1,0% 1,2% 1,0% 0,8% 0,6% 0,7% 0,6% 0,6% 0,6% 0,7% Pre crisi 0,4% 0,2% 0,0% Industria Costruzioni Servizi Altri settori Industria: società protestate per settore società cui è stato levato almeno un protesto ,4% 1,2% 1,0% 0,8% 0,6% 0,4% 600 0,2% 0,0% 400 Incidenza dei protesti per macrosettore imprese non individuali Largo con almeno un protesto sul numero di consumo Sistema Sistema Mezzi Meccanica Metalli casa moda trasporto Pr. Altri b. intermedi consumo imprese operative 0,7% Precrisi Picco crisi ,6% Nelle costruzioni si contano 3,7 mila società cui è stato levato precrisi almeno un protesto tra luglio e settembre, il 18,7% in meno del. Nonostante il forte calo, il numero di 1,2% società protestate rimane però lontano dai livelli del 2007 (+27%) nell edilizia, che si conferma come il settore dell economia con la maggiore diffusione del fenomeno: 1,0% risultano infatti protestate 1,2 imprese edili ogni 100, il doppio di 1,0% quanto osservato nell industria e nei servizi. terziario, un calo del 15,1% rispetto alle oltre 11 mila dello stesso periodo del. La 0,7% riduzione si registra in tutti i settori del comparto, 0,6% ma solo nel caso dei servizi finanziari il 0,6% numero di protestati è tornato sotto i livelli precrisi. Nel complesso, nei servizi il numero Industria: società protestate per settore società cui è stato levato almeno un protesto Ad eccezione della Valle d Aosta, regione in cui il numero di società protestate precrisi è trascurabile, in tutte le regioni del Nord Ovest il fenomeno risulta in calo ed picco è tornato crisi 2009 sotto i livelli del Nel complesso, tra luglio e settembre sono stati levati protesti a 3,3mila società, il 17,1% in meno del e il 2,2% meno del livello pre crisi, grazie al calo industria della costruzioni Liguria (7,5% rispetto al 2007), del servizi Piemonte (4,8%) e della Lombardia altri settori (1,3%). Hi tech Chimica Nel terzo trimestre, è stato levato almeno un protesto a 9,5 mila società del di protesti è superiore del 16,5% rispetto ai livelli del Dal punto di vista geografico, la diminuzione delle società protestate coinvolge tutte le aree della Penisola con tassi a due cifre, con molte regioni del Nord che tornano al di sotto del livello precrisi. Nel Nord Est risultano protestate 1,9mila imprese, in calo del 20,6% su base annuale, ma ad 300 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

13 13 Servizi: società protestate per settore Aziende cui è stato levato almeno un protesto Precrisi Picco crisi Distribuzione Servizi non finanziari Logistica e trasporti Immobiliari Informazione, Servizi finanziari comunicazione e e assicurativi intrattenimento un livello ancora superiore a quello del 2007 (+2,6%). I dati indicano che il numero di società protestate in Friuli e Trentino è inferiore ai livelli precrisi (rispettivamente del 22% e del 15%), mentre in Emilia Romagna (+3,7%) e in Veneto (+8,9%) i miglioramenti non sono stati sufficienti per tornare sotto la soglia del La riduzione dei protesti riguarda anche le regioni del CentroSud, in cui tradizionalmente il fenomeno è più diffuso. Nel Centro si contano 4,5mila imprese protestate, il 18,2% in meno dello stesso periodo del (ma +11,7% rispetto al livello precrisi). Ovunque si osservano cali con tassi a due cifre su base annua, ma solo in Toscana il numero di società protestate è inferiore rispetto a quello del 2007; i livelli risultano significativamente maggiori nelle Marche (+13%), nel Lazio (+14%) e soprattutto in Umbria (+38%). Servizi: società protestate per settore aziende cui è stato levato almeno un protesto Nonostante il miglioramento osservato su base annua (16,8%) il Mezzogiorno rimane l area in cui si concentra il maggior numero di società protestate (7,1mila), in cui l incidenza rispetto al numero di società sul mercato è maggiore (all 1,1% è stato levato almeno un protesto) e in cui i livelli precrisi sono più lontani (+18,4%). Rispetto al terzo trimestre precrisi del, picco la crisi situazione risulta in miglioramento in tutta l area, ma (ad eccezione del Molise) tutte le regioni evidenziano una situazione peggiore di quella del 2007, con condizioni particolarmente critiche in Basilicata (+34%), Calabria (+29%) e Campania (+22%) Società protestate per macroarea Imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto Precrisi Picco crisi distribuzione servizi non finanziari logistica e trasporti immobiliari informazione, comunicazione e intrattenimento servizi finanziari e assicurativi Nord Est Nord Ovest Centro Sud e Isole Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

14 800 Dicembre / n Nord Ovest: società protestate per regione Imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto Precrisi Picco crisi Liguria Lombardia Piemonte Valle d'aosta Nord Est: società protestate per regione Imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto Precrisi Picco crisi Emilia Romagna Friuli Trentino AA Veneto Nord Ovest: società protestate per regione imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto precrisi picco crisi Nord Est: società protestate per regione imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto precrisi picco crisi Liguria Lombardia Piemonte Valle d'aosta Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

15 15 Centro: società protestate per ragione Imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto Precrisi Picco crisi 1. Lazio Marche Toscana Umbria Sud e Isole: società protestate per pegione Imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto Precrisi Picco crisi Centro: società protestate per regione imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto Abruzzo Basilicata Calabria Campania Molise Puglia Sardegna Sicilia precrisi picco crisi Sud e Isole: società protestate per regione imprese non individuali cui è stato levato almeno un protesto precrisi picco crisi 2. Lazio Marche Toscana Umbria Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

...... delle Partecipate e dei fornitori

...... delle Partecipate e dei fornitori ...... I pagamenti della Pubblica Amministrazione, delle Partecipate e dei fornitori...... numero D i c e m b r e 2 0 1 301 FATTURE SCADUTE E NON PAGATE I PAGAMENTI DELLA PA E DEI FORNITORI PA Il nuovo

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

PROTESTI E PAGAMENTI DELLE IMPRESE

PROTESTI E PAGAMENTI DELLE IMPRESE PROTESTI E PAGAMENTI DELLE IMPRESE OSSERVATORIO 1 q GIUGNO N 27 NUOVI MINIMI PER PROTESTI E TEMPI DI PAGAMENTO DELLE IMPRESE SINTESI DEI RISULTATI - Nei primi tre mesi del è proseguito il miglioramento

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

...... Osservatorio su fallimenti,

...... Osservatorio su fallimenti, ...... Osservatorio su fallimenti,...... Nel settembre del 212 sono entrate in vigore alcune modifiche al concordato preventivo, la procedura attraverso la quale l'imprenditore cerca di superare la crisi

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Settembre 212 Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Secondo Trimestre 212 Nei primi sei mesi del 212 il numero di fallimenti si attesta sui livelli elevati dell anno precedente Secondo gli archivi

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

Report incentivi ISI 2013

Report incentivi ISI 2013 Report incentivi ISI 2013 Il 29 maggio 2014 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 307,359 milioni di euro stanziati dall INAIL nell ambito del bando degli incentivi

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Il presente Osservatorio nasce da una collaborazione CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA Alla sua elaborazione

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... M a r z o 2 0 1 414

... e i pagamenti delle imprese ... M a r z o 2 0 1 414 ...... Osservatorio sui protesti...... M a r z o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo protesti, mancati pagamenti e ritardi... Sintesi dei risultati Gli ultimi tre mesi del confermano la positiva

Dettagli

Febbraio 2012 numero 6. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese

Febbraio 2012 numero 6. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Febbraio 2012 numero 6 Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Il lento ritorno verso la normalità si è interrotto: soffrono soprattutto costruzioni e terziario Ritardi nei pagamenti e protesti:

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Dicembre 2011 numero 5. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese

Dicembre 2011 numero 5. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Dicembre 2011 numero 5 Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Non confermati i segnali positivi emersi nei primi sei mesi del 2011: soffre soprattutto il terziario Aumentano ritardi e protesti

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Il Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Gli effetti della crisi sulle PMI meridionali Il rischio delle PMI meridionali Le prospettive e le misure necessarie per favorire la ripresa

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Ottobre 2011 numero 4. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese

Ottobre 2011 numero 4. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Ottobre 2011 numero 4 Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Migliora soprattutto l industria ed è in crescita anche la puntualità nei pagamenti tra imprese Protesti delle imprese vicini

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

Maggio 2008. L imprenditoria giovanile nell industria

Maggio 2008. L imprenditoria giovanile nell industria Maggio 2008 L imprenditoria giovanile nell industria I rapporti Cerved sulle imprese italiane N. 1 L imprenditoria giovanile nell industria L imprenditoria giovanile nell industria inaugura I Rapporti

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

Domanda e offerta di credito Resta ancora bassa la percentuale di imprese del commercio, del turismo e dei servizi che nel secondo trimestre 2014 si

Domanda e offerta di credito Resta ancora bassa la percentuale di imprese del commercio, del turismo e dei servizi che nel secondo trimestre 2014 si Osservatorio credito regionale: al sud finanziamenti col contagocce by Redazione 8 ottobre 2014 Nel secondo trimestre del 2014, per quasi la metà delle imprese del terziario (48%) resta critica la capacità

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI IN ITALIA IL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI IN ITALIA Estratto dall'osservatorio Congiunturale sull'industria delle Costruzioni a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Novembre 21 Continua

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012)

I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012) Milano, 15 ottobre 2013 I consumi alimentari delle famiglie (valori in Mld. di euro correnti anno 2012) Totale* 211,7 In casa 138,8 * escluse bevande alcoliche Fuori casa 72,9 Fonte: elaboraz. C.S. Fipe

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 Immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva. con la collaborazione di

RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 Immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva. con la collaborazione di RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 con la collaborazione di data di pubblicazione: 28 maggio 2015 periodo di riferimento: anno 2014 a cura dell Ufficio Statistiche e Studi della Direzione Centrale Osservatorio

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Anni 1990-2001 Nedda Visentini Direzione sistema statistico regionale 6 Gli autori Direzione prevenzione Centro operativo regionale per l epidemiologia

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli