IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA"

Transcript

1 IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con

2 Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE CONSUMATRICI 3 -AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 4 - SOCIETA' FINANZIARIE 5- ISTITUZIONI senza scopo lucro TOTALE CLIENTELA ITALIA , , , , , ,7 Umbria , ,6 890,5 54,3 103, ,2 Perugia , ,4 643,0 49,9 82, ,6 Terni 2.683, ,2 247,5 4,4 20, ,6 Incidenza % degli impieghi 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE CONSUMATRICI 3 -AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 4 - SOCIETA' FINANZIARIE 5- ISTITUZIONI senza scopo lucro TOTALE CLIENTELA ITALIA 49,9 26,9 14,6 8,0 0,5 100,0 Umbria 63,4 31,6 4,2 0,3 0,5 100,0 Perugia 64,8 30,5 3,9 0,3 0,5 100,0 Terni 58,4 35,7 5,4 0,1 0,4 100,0 Il credito nella regione umbra risulta fortemente concentrato su imprese e famiglie consumatrici: a questi 2 attori è destinato il 95% dei finanziamenti erogati ai soggetti residenti nel territorio regionale (in Italia la quota è più contenuta e di poco inferiore al 77%). Al 30 giugno 2014 le imprese dell Umbria assorbono il 63,4% degli impieghi per un importo pari a mln di, una quota considerevole e sensibilmente più elevata della media nazionale (appena al di sotto del 50%). 2

3 Depositi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) DEPOSITI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE CONSUMATRICI 3 -AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 4 - SOCIETA' FINANZIARIE 5- ISTITUZIONI senza scopo lucro TOTALE CLIENTELA ITALIA , , , , , ,2 Umbria 2.596, ,8 209,0 212,3 256, ,5 Perugia 2.180, ,7 149,4 168,4 208, ,3 Terni 416, ,1 59,5 43,9 47, ,2 Incidenza % dei depositi 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE CONSUMATRICI 3 -AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 4 - SOCIETA' FINANZIARIE 5- ISTITUZIONI senza scopo lucro TOTALE CLIENTELA ITALIA 18,5 66,1 5,2 7,8 1,8 100,0 Umbria 17,2 77,8 1,4 1,4 1,7 100,0 Perugia 19,2 75,8 1,3 1,5 1,8 100,0 Terni 11,3 83,8 1,6 1,2 1,3 100,0 Le imprese e le famiglie consumatrici residenti in Umbria detengono il 95% dei depositi, una percentuale identica a quella dei finanziamenti, e più elevata di quella nazionale che non raggiunge l 85%. Si tratta quindi di un sistema creditizio regionale decisamente orientato al sostegno dell economia reale e «bilanciato». Più di ¾ dei depositi (il 78%) sono detenuti dalle famiglie consumatrici per un totale di milioni di, dei quali fanno capo alle famiglie residenti in provincia di Perugia. Il dato di Terni si attesta a mln di euro. 3

4 Serie storica impieghi e l'avvento del credit crunch dal 2011 Totale degli impieghi destinati al totale della clientela residente Si può ritenere che il credit crunch abbia iniziato a manifestarsi in Umbria (e in via generale anche in Italia) dalla metà del 2011: da questo periodo a metà del 2014 gli impieghi hanno subito una contrazione di 982 milioni di (-4,4%). Nel periodo precedente ( ), invece, il credito ha continuato ad essere erogato nonostante la crisi economica in atto (biennio di recessione ). I due balzi degli impieghi rilevati a metà del 2010 e del 2011 sono dovuti a variazioni metodologiche, ma non influenzano la tendenza in atto che fino a metà giugno del 2011 è stata di aumento. 4

5 Il credit crunch per soggetto finanziato - Umbria IMPIEGHI (in milioni di euro) 30/06/ /06/2014 Var. ass /2011 Imprese , ,9-725,1-5,1 Famiglie consumatrici 6.779, ,6-86,2-1,3 Amministrazioni Pubbliche 1.030,4 890,5-139,9-13,6 Società finanziarie 70,9 54,3-16,7-23,5 Istituzioni senza scopo di lucro 117,7 103,1-14,5-12,4 Totale clientela residente , ,2-981,5-4,4 Poiché il principale destinatario degli impieghi sono le imprese, il credit crunch si manifesta, in termini assoluti, più marcato proprio per le imprese. Da giugno 2011 a giugno 2014 le imprese umbre sono state oggetto di una contrazione del credito pari a 725 milioni di (-5,1%). Non è invece variato molto il livello di credito a favore delle famiglie consumatrici dell Umbria che hanno subito una contrazione limitata all 1,3%. Più consistenti invece le contrazioni subite dalle Amministrazioni Pubbliche (-13,6%) e dagli altri soggetti che però presentano volumi di impieghi meno importanti. 5

6 Imprese: serie storica impieghi e depositi, i dati in mln di IMPIEGHI - IMPRESE 30/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2014 (2011/2008) (2014/2011) ITALIA , , , , , , ,0 +7,3-8,7 Umbria , , , , , , ,9 +13,4-5,1 Perugia , , , , , , ,6 +12,4-5,3 Terni 2.376, , , , , , ,3 +17,9-4,2 DEPOSITI - IMPRESE 30/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2014 (2011/2008) (2014/2011) ITALIA , , , , , , ,4 +3,5 +13,5 Umbria 2.115, , , , , , ,5 +12,7 +8,9 Perugia 1.718, , , , , , ,4 +12,5 +12,8 Terni 397,1 398,7 426,3 449,6 438,3 437,0 416,1 +13,2-7,5 Tra il 2011 e il 2014 le imprese umbre hanno subito un credit crunch più contenuto (-5,1%) rispetto a quanto verificatosi mediamente dalle imprese italiane (-8,7%). Sempre per lo stesso periodo si registra una tenuta dei depositi delle imprese che in regione continuano a crescere (+8,9%), anche se in misura più limitata rispetto alla media italiana (+13,5%). 6

7 Imprese: impieghi e depositi, le variazioni anno per anno Tra giugno 2013 e giugno 2014 si intravede un rallentamento del credit crunch per le imprese umbre (-0,8%) rispetto a quanto avvenuto in precedenza. La provincia di Perugia stenta ancora mentre per le imprese di Terni, che hanno sofferto di più in precedenza, il credito è ripartito nell ultimo anno (+2,3%). In regione, e di conseguenza a Perugia dove sono maggiormente concentrati, i depositi delle imprese rallentano la crescita invertendo il segno nell ultimo anno (-0,6%). In provincia di Terni la situazione appare più critica (-4,8% nell ultimo anno). 7

8 Famiglie consumatrici: serie storica impieghi e depositi, i dati in mln di IMPIEGHI FAMIGLIE CONSUMATRICI 30/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2014 (2011/2008) (2014/2011) ITALIA , , , , , , ,2 +37,4-0,9 Umbria 5.118, , , , , , ,6 +32,4-1,3 Perugia 3.876, , , , , , ,4 +31,7-1,0 Terni 1.242, , , , , , ,2 +34,9-2,2 DEPOSITI FAMIGLIE CONSUMATRICI 30/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2014 (2011/2008) (2014/2011) ITALIA , , , , , , ,5 +71,6 +17,0 Umbria 5.809, , , , , , ,8 +71,6 +17,6 Perugia 4.294, , , , , , ,7 +67,8 +19,7 Terni 1.514, , , , , , ,1 +82,5 +11,9 Sebbene in misura più contenuta rispetto ad altri soggetti, le famiglie consumatrici residenti in Umbria hanno subito gli effetti del credit crunch nel periodo (-1,3% la contrazione degli impieghi). I contraccolpi della crisi sembra si siano fatti sentire di più rispetto al caso nazionale (-0,9%). In provincia di Terni più che in quella di Perugia. I depositi delle famiglie umbre continuano ad aumentare forse come reazione indotta dalle incertezze sulla durata della crisi, quasi in linea con la dinamica nazionale. La spinta più forte viene dal perugino, mentre in provincia di Terni la crescita appare un po più lenta. 8

9 Famiglie consumatrici: impieghi e depositi, le variazioni anno per anno Se tra giugno 2011 e giugno 2012 gli impieghi alle famiglie consumatrici erano ancora in crescita in tutta le regione, nell anno successivo il credit crunch si è fatto sentire con una contrazione che in provincia di Terni ha toccato il -2,4%. Nell ultimo anno sembra che la stretta si sia allentata sebbene le variazioni si mantengano ancora negative. La tenuta dei depositi delle famiglie consumatrici è evidente, trainata dalla crescita delle famiglie residenti in provincia di Perugia. 9

10 FOCUS SU IMPRESE 10

11 Impieghi vivi imprese: piccole (<20 addetti) e altre imprese ( 20 addetti) IMPIEGHI VIVI - PICCOLE IMPRESE <20 ADDETTI 30/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2014 (2011/2008) (2014/2011) ITALIA , , , , , , ,6 +5,5-15,6 Umbria 3.365, , , , , , ,9 +4,5-18,0 Perugia 2.703, , , , , , ,1 +6,4-18,1 Terni 661,4 647,3 620,5 638,2 604,9 562,9 526,7-3,5-17,5 IMPIEGHI VIVI - IMPRESE 20 ADDETTI 30/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2014 (2011/2008) (2014/2011) ITALIA , , , , , , ,4 +2,8-16,1 Umbria 8.498, , , , , , ,6 +10,4-14,5 Perugia 6.902, , , , , , ,2 +8,2-14,0 Terni 1.595, , , , , , ,4 +19,9-16,6 Se si considerano gli impieghi vivi (ovvero al netto delle sofferenze), le piccole imprese con meno di 20 addetti residenti in Umbria hanno subito una stretta creditizia (-18% tra 2011 e 2014) più consistente delle altre imprese di maggiori dimensioni (-14%); per le piccole imprese la contrazione è inoltre risultata superiore a quella calcolata su base nazionale. Nel caso delle imprese più grandi, invece, la situazione in Umbria (-14,5%) appare meno pesante di quella nazionale (-16,1%). 11

12 Le variazioni % degli impieghi vivi in UMBRIA anno per anno: piccole (<20 addetti) e altre imprese ( 20 addetti) La stretta creditizia subita dalle piccole imprese umbre si è fatta sentire soprattutto nell ultimo biennio con variazioni annue che si attestano oltre il -7%. Per le imprese con almeno 20 addetti la situazione in regione appare in leggero miglioramento nel triennio, ma con contrazioni ancora ampiamente negative. 12

13 Le variazioni % degli impieghi vivi a Perugia anno per anno: piccole (<20 addetti) e altre imprese ( 20 addetti) Per le sue dimensioni, la provincia di Perugia determina la performance della regione. E nel caso degli impieghi vivi ciò è molto evidente. La dinamica delle variazioni degli impieghi vivi ricalca quella regionale così che a soffrirne maggiormente risultano essere sempre le piccole imprese con meno di 20 addetti. Queste hanno dovuto affrontare nell ultimo biennio tagli degli impieghi vivi superiori al -7%. Più contenuti quelli delle altre imprese con almeno 20 addetti. 13

14 Le variazioni % degli impieghi vivi a Terni anno per anno: piccole (<20 addetti) e altre imprese ( 20 addetti) Nell ultimo triennio gli impieghi vivi alle piccole imprese (<20 addetti) residenti in provincia di Terni hanno subito decurtazioni variabili dal -5% del 2012 al -7% dell anno successivo. Tra giugno 2013 e giugno 2014 il taglio si è assestato poco oltre il -6%. Più sfavorevole è stata la situazione per le altre imprese con almeno 20 addetti negli anni 2012 e 2013 quando si è finito per superare il 9% di decurtazione degli impieghi vivi. Nel giugno 2014 si verifica invece una riduzione limitata a poco più del 2%. 14

15 SOFFERENZE IN CAPO ALLE IMPRESE E CONCENTRAZIONE DEL CREDITO 15

16 Livello delle sofferenze in capo alle imprese SOFFERENZE DELLE IMPRESE 30/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2014 (2011/2008) (2014/2011) ITALIA , , , , , , ,2 +113,9 +83,8 Umbria 612,5 589,3 885, , , , ,1 +104,0 +101,5 Perugia 493,0 481,5 728,0 998, , , ,0 +102,6 +96,0 Terni 119,5 107,8 157,4 250,6 330,2 428,7 560,0 +109,8 +123,5 INCIDENZA SOFFERENZE IMPRESE (valori %) 30/06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/ /06/2014 Var. (2011/2008) Var. (2014/2011) ITALIA 3,7 4,0 5,5 7,3 8,8 11,4 14,8 +3,7 +7,4 Umbria 4,9 4,6 6,7 8,8 11,8 15,1 18,8 +3,9 +9,9 Perugia 4,9 4,7 6,9 8,8 11,8 14,8 18,2 +3,9 +9,4 Terni 5,0 4,4 6,1 8,9 12,1 16,3 20,9 +3,9 +11,9 Le sofferenze in capo alle imprese residenti in Umbria hanno raggiunto i milioni di al 30 giugno Oltre al credit crunch, si è infatti verificato un incremento progressivo e costante dei prestiti in stato di riscossione non certa i quali hanno subito un raddoppio sia nel periodo che nel triennio successivo La recessione ha portato ad un aumento dell incidenza delle sofferenze sugli impieghi destinati alle imprese: nel 2014 ha sfiorato per le imprese umbre il 19%. Se tra il 2008 e il 2011 l incidenza era aumentata di 4 punti percentuali, nel triennio successivo è cresciuta di 10 punti percentuali: le difficoltà delle imprese sono più pesanti che nella media del paese. 16

17 L ascesa dei crediti in sofferenza (in % su impieghi a imprese) 20,0 ITALIA Umbria 18,8 18,0 16,0 15,1 14,0 12,0 11,8 14,8 10,0 8,8 11,4 8,0 6,0 4,9 4,6 6,7 7,3 8,8 4,0 2,0 3,7 4,0 5,5 0, In Umbria la qualità del credito è andata rapidamente peggiorando dal 2009 con una accelerazione netta a partire dal L esposizione delle imprese risulta più critica che nel complesso del paese; la dinamica umbra di questo indicatore va sempre più discostandosi da quella media dell Italia: a giugno 2014 l incidenza delle sofferenze risulta di 4 punti percentuali più elevata. 17

18 Concentrazione del credito (valori %) Totale clientela Dati al 31/03/2014 Quota finanziamenti ottenuti dal primo 10% degli affidati Quota sofferenze generate dal primo 10% degli affidati Italia 81,0 79,9 Umbria 71,2 76,0 Perugia 72,0 76,0 Terni 67,9 75,4 In Umbria, l esplosione delle sofferenze è stata generata dai maggiori affidati, ossia da quei soggetti che ottengono più credito: alla fine del primo trimestre 2014 il primo 10% degli affidati (verosimilmente grandi imprese) aveva in essere il 71% del totale dei finanziamenti, generando tuttavia ben il 76% delle sofferenze complessive. Ciò significa che questi grandi affidati sono meno solvibili di altri soggetti capaci, invece, di produrre meno sofferenze. In Umbria, tuttavia, si nota una minore concentrazione del credito rispetto all Italia per la quale si calcola che il primo 10% degli affidati abbia in carico l 81% dei finanziamenti. 18

19 BANCHE LOCALI E STIMA NUOVI FINANZIAMENTI DA BCE (OPERAZIONI TLTRO) 19

20 L importanza della banche locali in Umbria - Quote di mercato Anno Famiglie consumatrici Imprese di cui piccole ,4% 17,2% 23,7% ,9% 23,0% 31,7% (Economie regionali giugno 2014) In Umbria, il 21% dei prestiti concessi alle famiglie consumatrici è erogato dalle banche locali e così il 23% dei prestiti alle imprese. Ancora più consistente è la quota se si considerano solo le piccole imprese, ossia quelle con meno di 20 dipendenti: ben il 32% dei finanziamenti ricevuti nel 2013 proviene dalle banche locali. Rispetto al periodo pre-crisi le quote di mercato risultano tutte in aumento, in particolare quella delle piccole imprese che è cresciuta di 8 punti percentuali (24% dei prestiti nel 2007): - si tratta di un segnale evidente di come le banche locali siano state fondamentali per il contenimento del credit crunch in Umbria. 20

21 Le nuove risorse per le banche italiane Le operazioni TLTRO (1/2) Per cercare di mitigare il fenomeno del credit crunch la Banca Centrale Europea ha avviato a partire dal settembre del 2014 una nuova serie di operazioni di rifinanziamento alle banche in modo da far affluire i fondi a famiglie e imprese (specie Pmi); si tratta della nuova iniziativa la Targeted Long Term Refinancing Operations (TLTRO). Tali operazioni di rifinanziamento sono finalizzate al sostegno dei prestiti bancari al settore privato non finanziario (mutui per acquisto abitazioni esclusi); sono, per le banche, a tasso di interesse fisso per l intera durata di ciascuna operazione, pari al tasso applicabile alle operazioni di rifinanziamento principali più uno spread fisso di 10bpts, (0,15% nelle condizioni attuali, stabilite con la riduzione dei tassi decisa dalle BCE nel settembre del 2014). Nel 2014 le risorse messe a disposizione a livello europeo sono pari a 400 miliardi di euro in due tranche (settembre 2014 e dicembre 2014). Starà ovviamente alle banche fare le richieste; inizialmente si è stimato che le banche italiane possano richiedere al massimo miliardi di euro. Queste stime debbono tuttavia essere ridimensionate, alla luce di quanto avvenuto dopo la prima asta di settembre 2014 (in cui le banche italiane hanno richiesto 23 miliardi di euro). Si può ipotizzate che le banche italiane chiederanno circa miliardi di euro entro il 2014 (23 ne hanno già richiesti con la prima asta di settembre). 21

22 Le nuove risorse per le banche italiane Le operazioni TLTRO (2/2) Alla luce di queste informazioni, si stima qui di seguito il potenziale impatto positivo sulle imprese umbre derivante da questa nuova liquidità che avranno a disposizione le banche. In primis è stata effettuata la valutazione dell ammontare complessivo del totale degli impieghi attualmente destinati a imprese e famiglie (al netto dei mutui) che rappresentano i soggetti che potranno venire finanziati dalle banche a seguito dei prestiti ottenuti dalla BCE. IMPIEGHI AL 30/06/2014 (in mln di euro) UMBRIA Italia Incidenza % Umbria/Italia Imprese ,47% Famiglie consumatrici ,35% Totale impieghi a imprese e famiglie Totale impieghi a imprese e famiglie (esclusi mutui per abitazione) ,43% ,45% Stima quota destinabile a imprese 85,3% 84,3% Elaborazioni e stime su dati Banca d Italia (l esclusione dei mutui per l abitazione per l Umbria è stata calcolata sulla base dei dati della ripartizione Centro che è sostanzialmente uguale a caso Italia; nello specifico i mutui per abitazione pesano per il 65% sugli impieghi alle famiglie consumatrici) 22

23 Stima possibili vantaggi per imprese umbre (in termini di maggiori impieghi) A questo punto si ipotizza che: 1) le risorse aggiuntive che le banche italiane otterranno dalla BCE (45-55 miliardi di euro) saranno tutte rivolte al finanziamento di imprese e famiglie; 2) che tali risorse in più si distribuiscano in Umbria con la stessa quota di ripartizione esistente degli impieghi che l Umbria ha livello nazionale (1,45%), data dal rapporto tra somma impieghi a imprese e famiglie consumatrici (mutui esclusi) in Umbria e il rispettivo dato per l Italia. E che alle imprese venga destinato l 85,3% del totale come da ripartizione degli impieghi tra imprese e famiglie (mutui esclusi). Sulla base di questi elementi si stima che: - nell ipotesi A le imprese umbre aumentino di c.a. 560 milioni gli impieghi (+4,0% rispetto a giugno 2014); - nell ipotesi B le imprese umbre aumentino di c.a. 680 milioni gli impieghi in più (+4,8% rispetto a giugno 2014); Ipotesi ammontare TLTRO 2014 a banche italiane (mln ) IPOTESI A IPOTESI B Stima quota destinabile a imprese (in %) 85,3 85,3 Stima possibile incremento impieghi a imprese dell'umbria (mln ) Impieghi a imprese umbre (a fine giugno 2014 in mln ) Impieghi potenziali a fine 2014 (per le imprese umbre) Stima incremento % impieghi a imprese rispetto a giugno del ,0 +4,8 Elaborazioni e stime su dati Banca d Italia 23

24 Quindi gli impieghi alle imprese umbre potrebbero quasi ritornare su valori prossimi a quelli riscontrati prima dell avvento del credit crunch Valori in milioni di euro Elaborazioni e stime su dati Banca d Italia Nelle due ipotesi formulate, che prevedono rispettivamente che le banche italiane richiedano 45 mld di (ipotesi A) e 55 mld (ipotesi B) entro la fine del 2014, si evince come gli impieghi alle imprese umbre potrebbero tendere ai 14 miliardi di euro che si registravano prima dell avvento del credit crunch quasi azzerando la caduta degli impieghi intervenuta tra giugno 2011 e giugno

25 IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING RAPPORTO SUL LEASING INDICE PREMESSA Leasing motore dell economia I numeri che contano di più 1. ll leasing nell attuale contesto economico di riferimento 1.1 Le dinamiche di PIL e investimenti Focus:

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 30 SETTEMBRE 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 30 SETTEMBRE 2015 REPORT No. 22 dell 12 novembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 30 SETTEMBRE 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 MERCATO DELLE EROGAZIONI Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 6.875,45 milioni di euro nel secondo trimestre

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Comunicato stampa del 13 ottobre 2015

Comunicato stampa del 13 ottobre 2015 Comunicato stampa del 13 ottobre 2015 Accesso al credito: la Sardegna è al 6 posto in Italia per diminuzione dei finanziamenti alle piccole imprese In Italia gli impieghi vivi, cioè l intero stock dei

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2014 Pisa, 15 maggio 2015. Tra il 2013 ed il 2014 il numero di sportelli bancari attivi in provincia di Pisa segna un ulteriore contrazione passando

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 dicembre 2015 Credito alle imprese in stallo I dati di ottobre 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la ripresa del settore creditizio, con l unica nota stonata

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 21 L economia del Molise I prestiti bancari È proseguito il calo dei prestiti bancari,

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 REPORT No. 20 del 24 settembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Sardegna nel quarto trimestre del 2008. 2009 Cagliari

Economie regionali. L'andamento del credito in Sardegna nel quarto trimestre del 2008. 2009 Cagliari Economie regionali L'andamento del credito in Sardegna nel quarto trimestre del 2008 2009 Cagliari 2 0 0 9 20 La nuova serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

PRESENTAZIONE ALLA STAMPA

PRESENTAZIONE ALLA STAMPA Torino, 17/7/2015 ore 10,30 Sala E. Vaglio Via Pietro Micca 17 FISAC/CGIL Torino e Piemonte PRESENTAZIONE ALLA STAMPA ANALISI CONGIUNTURALE DEL SISTEMA DEL CREDITO LOCALE IN PIEMONTE A cura di Francesco

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Il credito in Toscana. II trimestre 2015

Il credito in Toscana. II trimestre 2015 Il credito in Toscana II trimestre 2015 Firenze, Ottobre 2015 08.1 I prestiti a imprese e famiglie Arrivano segnali di distensione dal mercato del credito in Toscana, che risente del miglioramento del

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Nel 2015 raddoppia la scelta per il tasso fisso, il variabile perde appeal PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 Gennaio 2012 CERCASI LIQUIDITÁ DISPERATAMENTE Mentre prosegue l azione di allentamento delle condizioni monetarie internazionali, il mercato interbancario italiano soffre

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza gen 9 feb 9 mar 9 apr 9 mag 9 giu 9 lug 9 ago 9 set 9 ott 9 nov 9 dic 9 gen 1 feb 1 mar 1 apr 1 mag 1 giu 1 lug 1 ago 1 set 1 ott 1 nov 1 dic 1 gen 11 feb 11 mar 11 apr 11 mag 11 giu 11 lug 11 ago 11 set

Dettagli

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca Titoli di Stato italiani indicizzati all inflazione TLTRO Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca 14 maggio 2015

Dettagli

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI Mezzi di trasporto (-43,4 per cento), opere pubbliche (-38,6 per cento) e casa (-31,6 per cento) sono stati i settori più colpiti. ========================================

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del credito sono sempre più evidenti. Le prime avvisaglie di miglioramento si

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) 1. A maggio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.815 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

FATTURATO E MARGINALITÀ NEGLI ANNI DELLA CRISI

FATTURATO E MARGINALITÀ NEGLI ANNI DELLA CRISI Note e commenti n 9 Gennaio 2014 Ufficio Studi AGCI Area Studi Confcooperative Centro Studi Legacoop FATTURATO E MARGINALITÀ NEGLI ANNI DELLA CRISI 1 I risultati presentati sono relativi ad un totale di

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 8 Febbraio 2013 Ancora senza credito ANCORA SENZA CREDITO I primi segnali di inversione del ciclo economico non trovano ancora conferma nei dati del credito. Il 2012 si è infatti

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.848 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

A gennaio si consolida la domanda di prestiti da parte delle famiglie: +6,4%. A incidere maggiormente sono le richieste di prestiti finalizzati

A gennaio si consolida la domanda di prestiti da parte delle famiglie: +6,4%. A incidere maggiormente sono le richieste di prestiti finalizzati BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE A si consolida la domanda di prestiti da parte delle famiglie: +6,4%. A incidere maggiormente sono le richieste di prestiti finalizzati Le

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI INVARIATI Aumento costante della domanda di mutui

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali

La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Giorgio Gobbi - Banca d'italia 25 settembre 2014 La

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014

Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014 Workshop PRESENTAZIONE PREZZI DEGLI IMMOBILI di Milano e Provincia 4 febbraio 2014 2 MUTUI RESIDENZIALI Sommario 2013 Domanda Offerta Erogazioni Contratti stipulati Compravendite assistite da mutuo Tipologia

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli