Corso LA SICUREZZA LASER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso LA SICUREZZA LASER"

Transcript

1 Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER I rischi sanitari da radiazione laser Do0. Pierluigi Esposito Medico Competente Sincrotrone Trieste Formazione/Informazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo I Capo III ArC. 36 e 37 Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 1 of 42

2 Laser Per laser si intende un dispositivo che amplifica la luce producendo fasci luminosi monocromatici e coerenti, con frequenze che vanno dall'ʹinfrarosso all'ʹultravioleco e, recentemente, anche nella gamma dei raggi X; un fascio di luce laser è caracerizzato da alta potenza e forte direzionalità. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 2 of 42

3 Laser La luce, viene emessa, viene assorbita e si propaga nello spazio so0o forma di pacche0i di energia chiamati quanti o fotoni Un sistema atomico può esistere solo in determinati stati energetici, chiamati anche stati stazionari Ogni processo di emissione o di assorbimento di fotoni associati ad una radiazione ele0romagnetica di qualsiasi frequenza implica una variazione del contenuto energetico del sistema atomico, ossia una transizione fra due stati stazionari La frequenza ν della radiazione emessa o assorbita è legata ai valori E i ed E f dell energia dell atomo negli stati iniziale e finale dalla relazione v=(e i - E f )/h Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 3 of 42

4 I rischi sanitari da radiazione laser CaraCeristiche Direzionalità Monocromaticità Brillanza Coerenza Impulsi ultra- brevi Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 4 of 42

5 I rischi sanitari da radiazione laser Vecchia Classificazione dei Laser CLASSE 1 Exempt Laser Il fascio di questo tipo di dispositivi è considerato innocuo perché la radiazione emessa è sempre al disoco degli standard massimi consentiti (MPE, Massima Esposizione Permessa). CLASSE 2 - Low- Power, Visible, Continuous- Wave Laser I laser in questa classe possono emecere radiazione pericolosa, ma la loro potenza è così bassa da risultare in qualche modo dannosa solo in caso di esposizione direca e prolungata ovvero per un tempo superiore ai 0,25 secondi. Sono compresi in questa classe i laser ad emissione continua e nel visibile ( nm), con potenza 1 mw Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 5 of 42

6 I rischi sanitari da radiazione laser Vecchia Classificazione dei Laser CLASSE 3A - Medium Power Laser Sono compresi in questa classe i laser con emissione nel visibile e una potenza in uscita fino a 5mW. Possono emecere radiazioni sia nel campo del visibile che in quello del non visibile e i loro fasci non sono pericolosi se osservati direcamente in maniera non continua, mentre lo possono diventare se si utilizzano strumenti che amplificano e concentrano il fascio ocico (quali microscopi, binocoli, ecc.). CLASSE 3B - Medium Power Laser I laser di classe 3B hanno potenze medie comprese tra i 5mW e i 500 mw. I laser di classe 3B sono pericolosi per gli occhi se non proteci e possono essere pericolosi per la pelle; anche le riflessioni diffuse da questi sistemi possono essere pericolosi. Devono essere prese precauzioni per evitare lo stazionamento nella direzione del fascio o del fascio riflesso da una superficie. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 6 of 42

7 I rischi sanitari da radiazione laser Vecchia Classificazione dei Laser CLASSE 4 - High Power Laser Sono i laser più pericolosi in quanto, oltre ad avere una potenza tale da causare seri danni ad occhi e pelle anche se il fascio è diffuso, possono costituire un potenziale rischio di incendio, causare fuoruscita di materiale tossico e spesso il voltaggio e l amperaggio di alimentazione sono pericolosamente elevati. Molti tipi di laser sono contenuti in strucure chiuse; in questo caso, la loro pericolosità viene calcolata sulla base della radiazione effecivamente visibile all esterno della strucura stessa. Naturalmente il sistema deve essere proteco contro gli accessi accidentali, da parte di personale non autorizzato, durante il funzionamento dell apparecchiatura. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 7 of 42

8 I rischi sanitari da radiazione laser Vecchia Classificazione dei Laser Classe I (<1mW): Completamente innocui. Classe II (<4mW): Normalmente non sono in grado di arrecare danni alla vista (ad es. stampanti laser). Classe IIIa (<5mW): Possono danneggiare la vista se guardati tramite dispositivi owici (ad es. puntatori laser). Classe IIIb (<500mW): L'ʹesposizione direwa al raggio è sempre pericolosa per la vista e in grado di causare danni alla cute. Classe IV (>500mW): È pericolosa l'ʹesposizione anche al raggio diffuso (laser industriali usati per il taglio dei metalli). Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 8 of 42

9 I rischi sanitari da radiazione laser Nuova Classificazione Classe 1 - Laser che sono sicuri nelle condizioni di funzionamento ragionevolmente prevedibili, incluso l'ʹuso di strumenti ocici per la visione del fascio. Classe 1M - Laser che emecono nell'ʹintervallo di lunghezza d'ʹonda tra 302,5 nrn e 4000 nrn che sono sicuri nelle condizioni di funzionamento ragionevolmente prevedibili, ma possono essere pericolosi se l'ʹoperatore impiega ociche di osservazione all'ʹinterno del fascio. Classe 2 - Laser che emecono radiazione visibile nell'ʹintervallo di lunghezze d'ʹonda tra 400 e 700 nrn; la protezione dell'ʹ occhio è normalmente assicurata dalle reazioni di difesa compreso il riflesso palpebrale. Questa reazione fornisce un'ʹadeguata protezione nelle condizioni di funzionamento ragionevolmente prevedibili, incluso l'ʹuso di strumenti ocici per la visione del fascio. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 9 of 42

10 I rischi sanitari da radiazione laser Nuova classificazione Classe 2M - Laser che emecono radiazione visibile nell'ʹintervallo di lunghezze d'ʹonda tra 400 e 700 nrn; la protezione dell'ʹ occhio è normalmente assicurata dalle reazioni di difesa compreso il riflesso palpebrale; comunque, la visione del fascio può essere più pericolosa se l'ʹoperatore impiega ociche di osservazione all'ʹinterno del fascio. Classe 3R - Laser che emecono nell'ʹintervallo di lunghezze d'ʹonda tra 302,5 e 106nrn, dove la visione direca del fascio è potenzialmente pericolosa ma il rischio è più basso dei laser di Classe 3B; i requisiti del costrucore e le misure di controllo per il Responsabile delle acività sono meno che per i laser di Classe 3B. Il LEA è inferiore a cinque volte il LEA di Classe 2 nell'ʹintervallo di lunghezze d'ʹonda tra 400 e 700 nrn, ed inferiore a cinque volte il LEA di Classe 1 per le altre lunghezze d'ʹonda. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 10 of 42

11 I rischi sanitari da radiazione laser Nuova classificazione Classe 3B - Laser che sono normalmente pericolosi nel caso di esposizione direca del fascio; la visione della adiazione diffusa è normalmente non pericolosa. Classe 4 - Laser che sono anche in grado di produrre riflessioni diffuse pericolose; Possono causare lesioni alla pelle e potrebbero anche costituire un pericolo d'ʹincendio. Il loro uso richiede un'ʹestrema cautela. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 11 of 42

12 I rischi sanitari da radiazione laser Confronto tra la vecchia e la nuova classificazione I LEA della Classe 1 della vecchia e nuova classificazione non sono tra loro identici. I LEA della Classe 2 della vecchia e nuova classificazione non sono tra loro identici. I LEA della Classe 3A e Classe 3R non sono tra loro identici. I LEA della Classe 3B della vecchia e nuova classificazione sono tra loro identici. I laser classificati 4 con la vecchia classificazione sono ancora classificati 4 con la nuova classificazione. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 12 of 42

13 I rischi sanitari da radiazione laser per i rischi correlati e le normative di sicurezza si fa riferimento alla vecchia classificazione, non c è ancora una corrispondenza tra le due classificazioni Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 13 of 42

14 Il laser in medicina Successivamente alla sua invenzione nel 1960, il laser è stato usato diffusamente per scopi medici. La risposta terapeutica dipende in maniera complessa dalla scelta della lunghezza d'ʹonda, dalla durata di irradiazione e dalla potenza del laser. Combinazioni diverse di questi parametri sono impiegate per trasformare l'ʹenergia luminosa in energia meccanica, termica o chimica. Generalmente gli effe0i meccanici sono prodo0i dall'ʹapplicazione di brevi impulsi (dell'ʹordine dei nanosecondi) e alte energie Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 14 of 42

15 Oftalmologia Correzione dei dife0i refra0ivi: miopia, astigmatismo e ipermetropia. In tuci questi casi il profilo della cornea - la superficie oculare trasparente - viene 'ʹmodellato'ʹ con varie tecniche (PRK e LASIK). InfaCi, la cornea funziona come una lente naturale: modificandone la curvatura si varia il fuoco (il punto in cui i raggi luminosi convergono) e si può fare in modo che le immagini arrivino nitide sulla retina. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 15 of 42

16 Riabilitazione Aumento del flusso ematico per vasodilatazione capillare ed arteriolare con conseguenza azione antiflogistica, Modificazione della pressione idrostatica intercapillare con conseguente maggior riassorbimento dei liquidi interstiziali e quindi riduzione edemi e aumento e acivazione del ricambio cellulare Aumento della soglia di percezione delle terminazioni nervose con conseguente azione analgesica Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 16 of 42

17 Riabilitazione Effe0o antalgico: usato in riabilitazione e nei post traumatizzati da sport. Effe0o biostimolante: aumenta la capacità cicatriziale dei tessuti (cute e muscolo) Riduzione edemi Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 17 of 42

18 Altri Usi 1. Gastroenterologia 2. Medicina Estetica Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 18 of 42

19 Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 19 of 42

20 Effe0i biologici e patologie indo0e Un fascio di luce laser sia dire0o, che riflesso da superfici speculari può causare danni anche irreversibili alle stru0ure oculari e alla pelle; la natura di questi danni dipende dalla lunghezza d onda della radiazione, mentre la gravità è legata alla densità di potenza E (per sorgenti in funzionamento continuo) o alla densità di energia H (per fasci in funzionamento impulsato) e al tempo in cui la stru0ura oculare è esposta al fascio laser. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 20 of 42

21 Regione spettrale Occhio Pelle Ultravioletto C ( nm) Ultravioletto B ( nm) Ultravioletto A ( nm) Visibile ( nm) Infrarosso A ( nm) Fotocheratite Cataratta fotochimica, Lesione fotochimica e termica della rertina Cataratta Bruciatura della retina Eritema, Accelerazione del processo di invecchiamento della pelle Aumento della pigmentazione Annerimento del pigmento Reazioni fotosensibili Bruciatura della pelle Annerimento del pigmento Reazioni fotosensibili Bruciatura della pelle Infrarosso B ( nm) Cataratta, Bruciatura della cornea, Infiammazione acquosa Annerimento del pigmento Reazioni fotosensibili Bruciatura della pelle Infrarosso C ( mm) Bruciatura della sola cornea Annerimento del pigmento Reazioni fotosensibili Bruciatura della pelle Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 21 of 42

22 Effe0i sull occhio L occhio è sicuramente l organo più vulnerabile nei confronti della luce laser. I danni maggiori per la stru0ura oculare si hanno con lunghezze d onda che vanno dal visibile al vicino infrarosso (400 nm < λ < nm) a causa dell azione focalizzante sulla retina da parte del cristallino. L istintiva barriera data dalla chiusura delle palpebre a questa luce (tipicamente entro 0,25 s) nella maggior parte dei casi non costituisce una protezione sicura. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 22 of 42

23 UV- A Trasmessi più facilmente dalla cornea e sono quindi assorbiti totalmente dal cristallino : 1. opacizzazione (cataraca). Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 23 of 42

24 CATARATTA CATARATTA CHERATITE Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 24 of 42

25 UV- B e UV- C Sono intensamente assorbiti nella cornea e nella congiuntiva e possono, quindi, provocare danni locali : 1. cheratiti 2. congiuntiviti Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 25 of 42

26 IR- A: producono un danno termico che colpisce il cristallino che, essendo un tessuto privo di vascolarizzazione non è in grado di dissipare l'ʹenergia termica in modo efficiente e tende ad opacizzarsi (cataraca). IR- B, IR- C assorbiti nella cornea e nell'ʹumor acqueo e producono danni alla cornea. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 26 of 42

27 Danni a carico della cute Eritemi, ustioni cutanee, superficiali e profonde, la cui gravità sarà in rapporto, oltre che all energia calorica incidente, al grado di pigmentazione, all efficienza dei fenomeni locali di termoregolazione, alla capacità di penetrazione nei vari strati delle radiazioni incidenti. L'ʹazione degli UV è in generale a carico dei nuclei cellulari. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 27 of 42

28 UV- B e UV- C Provocano l'ʹeritema, ed è noto che gli UV solari in genere, in particolare gli UV- B provocano invecchiamento cutaneo e aumentano il rischio di insorgenza tumorale : 1. carcinoma delle cellule squamose e basali 2. melanoma 3. sarcoma di origine cutanea Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 28 of 42

29 MELANOMA ERITEMA CARCINOMA BASOCELLULARE Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 29 of 42

30 UV- C I danni biologici principali sono dovuti agli UV- C di lunghezza d'ʹonda compresa tra 260 e 280 nm, in quanto a queste lunghezze d'ʹonda si ha il massimo di assorbimento UV-C da parte del DNA e delle proteine. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 30 of 42

31 La radiazione IR produce essenzialmente danni di natura termica, innalzando la temperatura della cute e dei tessuti socostanti, con conseguente progressiva denaturazione di macromolecole (proteine, collagene, lipidi, emoglobina). Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 31 of 42

32 Laser di potenza notevolmente elevata possono danneggiare seriamente anche gli organi interni Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 32 of 42

33 Sorveglianza medica Esami oculistici di preimpiego dovrebbero essere eseguiti limitatamente ai - Lavoratori che utilizzano laser di Classe 3 e 4. - Nella valutazione dei rischi e nell applicazione delle misure di controllo vanno presi in considerazione tre aspedi: 1La possibilità per il laser o il sistema laser di nuocere alle persone 2 L ambiente nel quale il laser viene utilizzato 3 Il livello di formazione del personale che fa funzionare il laser o che può essere esposto alla sua radiazione Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 33 of 42

34 Legislazione Le misure di sicurezza e i mezzi di controllo da adocare nell utilizzo e nella messa a punto di apparecchi laser sono specificati nei seguenti riferimenti legislativi: Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 34 of 42

35 Legislazione 1. D.P.R. del 1955 n. 547; norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro. 2. DPR del 1956 n. 303; norme generali per l igiene del lavoro. 3. D.P.R. del 1996 n. 459; regolamento per l'ʹacuazione delle DireCive 89/392/CEE; regolamentazione tecnica sulla sicurezza delle macchine. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 35 of 42

36 Legislazione Le principali norme di riferimento sono la norma CEI- EN 60825/1 e 1381G (Norme operative sulla sicurezza dei sistemi laser) e la Norma CEI 76 fascicolo 3850R Anno 1998 (Guida per l utilizzazione di apparecchi laser per laboratori si ricerca). Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 36 of 42

37 Legislazione Più recente è la nuova Norma Europea CEI EN 60825/1, Ed. Quarta, Fascicolo CEI 6822 del Febbraio 2003 (Parte prima: classificazione delle apparecchiature, prescrizione e guida per l utilizzatore). Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 37 of 42

38 Requisiti di sicurezza Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 38 of 42

39 Requisiti di Sicurezza CLASSE 3A Questi laser sono potenzialmente pericolosi se il fascio, diredo o riflesso da una superficie (orologi, anelli, penne, etc), è intercedato da un occhio non protedo. Si devono seguire queste prescrizioni: 1.Evitare l uso di strumenti odici. 2.EffeDuare l allineamento tramite mezzi meccanici o eledronici. 3. Fissare la quota del fascio laser molto al di sopra o al di sodo dell altezza degli occhi. 4. Evitare che il fascio sia diredo verso superfici rifledenti. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 39 of 42

40 Requisiti di Sicurezza CLASSE 3B (oltre alle già citate) 1. I laser dovrebbero essere utilizzati in luoghi ad accesso controllato; 2. Evitare riflessioni speculari e indossare protezioni per gli occhi 3. E richiesta la sorveglianza medica per prevenire od evidenziare possibili danni agli occhi; 4. TuDe le parti dell alloggiamento che, durante le operazioni di manutenzione, vengono rimosse, consentendo così l accesso alla radiazione, devono essere fornite di connessioni di sicurezza (per impedire l accesso all interno durante il funzionamento). Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 40 of 42

41 Requisiti di Sicurezza CLASSE 4 Le misure di sicurezza da adodarsi, in aggiunta a quelle precedentemente enunciate, sono: 1. il laser deve essere utilizzato in un area ad accesso controllato: chiusure di sicurezza devono essere previste per evitare ingressi non autorizzati nell area di funzionamento, e l accesso deve essere limitato a persone che indossino DPI per la protezione degli occhi quando il laser è in funzione; 2. per assicurare la massima protezione nell area controllata, l intero percorso del fascio, inclusa l area di irraggiamento, dovrà essere chiuso. Devono essere installate intorno al sistema opportune strudure che impediscano l eccessivo avvicinamento al fascio, e con connessioni tali che il laser senza di esse non possa operare; 3. per sistemi pulsati queste connessioni devono essere progedate in modo tale da prevenire che il laser vada a fuoco, scaricando l energia immagazzinata. Per laser ad onda continua, le sicurezze dovranno spegnere l alimentazione del fascio o interrompere il fascio per mezzo di chiusure; 4. i laser devono essere forniti di una chiave di sicurezza o dispositivo di accensione e spegnimento. La chiave deve essere custodita da persona autorizzata; 5. i laser saranno forniti di sistema di bloccaggio o adenuazione del fascio. Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 41 of 42

42 Misure di Sicurezza Protezione sulla sorgente Protezione dal fascio laser Protezione degli occhi Vestiti protedivi Formazione Sorveglianza medica Document: PRSI- SCH- 09- rev00it 30/04/ Pag. 42 of 42

U.O. FISICA SANITARIA

U.O. FISICA SANITARIA REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U.O. FISICA SANITARIA RADIAZIONI IONIZZANTI E LASER IN AMBIENTE MEDICALE (Informazioni a cura del Dott. L. Chiatti) 1 Parametri caratteristici della radiazione

Dettagli

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Effetti biologici derivanti da dall interazione tra fasci laser utilizzati nelle applicazioni industriali ed il corpo umano Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER Alessandra Pompini COSA SONO I LASER? Cioè:

Dettagli

ROA: effetti sulla salute e protezione dei lavoratori

ROA: effetti sulla salute e protezione dei lavoratori ROA: effetti sulla salute e protezione dei lavoratori Alessandra Cattini Dipartimento SanitàPubblica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Reggio Emilia ROA: effetti sulla salute Gli effetti

Dettagli

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva Ing. Federica Riva Cosa sono le radiazioni Differenze da sorgenti coerenti ed incoerenti Effetti per la sicurezza e salute Normativa nazionale e norme tecniche Il termine luce (dal latino, lux, lucis)

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 09 IMPIEGO DI LASER DI CLASSE 3 O 4

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 09 IMPIEGO DI LASER DI CLASSE 3 O 4 Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 Premessa In questa situazione di rischio vi rientrano tutte le attività in cui si utilizzano Laser definiti

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER L IMPIEGO IN SICUREZZA DI APPARECCHIATURE LASER

INDICAZIONI OPERATIVE PER L IMPIEGO IN SICUREZZA DI APPARECCHIATURE LASER pag. 1/9 INDICAZIONI OPERATIVE PER L IMPIEGO IN SICUREZZA DI APPARECCHIATURE LASER File: IO 15 Redazione : Dott. Stefania Bertoldo, Dr Giuliana Bonizzato, Dott. Alessandro De Lucchi Data applicazione :

Dettagli

INFORMATIVA PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEI SISTEMI LASER

INFORMATIVA PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEI SISTEMI LASER UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA INFORMATIVA PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEI SISTEMI LASER (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Capo V Norma CEI EN 60825-1 Norma CEI 76 Fascicolo 3850 R) Data: 04/2010 rev. 1 Pagina

Dettagli

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Newsletter 11/2012 Introduzione Per quanto riguarda il rischio fisico, le radiazioni ottiche artificiali (ROA) ed i laser rappresentano uno dei fattori di rischio

Dettagli

Corso LA SICUREZZA LASER

Corso LA SICUREZZA LASER Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER La sicurezza nell utilizzo dei laser Prof.ssa Alessandra Tomaselli Università degli Studi di Pavia Formazione/Informazione

Dettagli

Interazione della radiazione ottica con le strutture biologiche ed effetti sulla salute

Interazione della radiazione ottica con le strutture biologiche ed effetti sulla salute Interazione della radiazione ottica con le strutture biologiche ed effetti sulla salute Gianni F. Mariutti Dipartimento Tecnologie e Salute Fondazione Sicurezza in Sanità ISS - Roma SIMLII, Sezione Apulo-Lucana

Dettagli

Rischi da Agenti Fisici: Radiazioni Ottiche Artificiali

Rischi da Agenti Fisici: Radiazioni Ottiche Artificiali Università di Ferrara Insegnamento di Sicurezza nei luoghi di lavoro CdL Area Sanitaria A.A. 2011-2012 Rischi da Agenti Fisici: Radiazioni Ottiche Artificiali Dott. Salvatore Mìnisci Art. 180 DLgs 81/08

Dettagli

Classificazione dei laser

Classificazione dei laser Classificazione dei laser ATTENZIONE: i criteri di classificazione sono cambiati Classi introdotte nel 1993 Classi introdotte nel 2007 1 1 1M 2 2 3A 3B 2M 3R 3B 4 4 Che cos è la coerenza (spaziale):

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento di Fisica Università di Cagliari

Dettagli

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Istituto di Medicina dello Sport CONI - F.M.S.I Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche in Medicina dello Sport Sede di Bologna PULSED

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE E SICUREZZA Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 Ing. Dante Milani Ufficio rischi fisici e tecnologici Tel. 0382 984887 E-mail: dante.milani@unipv.it Associazione

Dettagli

= 103.8 10 2 5 = = 1

= 103.8 10 2 5 = = 1 = = π 10 2 = 103.8 10 2 5 = = 1 π =3.2 10 3.810 = 1 5 π = µ = = π = = Industriali: taglio, saldatura, trattamenti di materiali, Misure di distanze e velocità, giroscopi laser Sensori, attuatori a distanza

Dettagli

E 2 E 1 - E 1. h ν = E 2. h ν. h ν. h ν. h ν

E 2 E 1 - E 1. h ν = E 2. h ν. h ν. h ν. h ν Università degli Studi di Firenze I rischi nell uso dei laser Dott. Luca Pettini Settore Ambiente Sicurezza Polo Scientifico e Tecnologico Università di Firenze V.Le delle Idee, 22 GENERALITÀ SUI LASER

Dettagli

DISPENSE DEL CORSO SICUREZZA LASER. Ing. Piergiorgio Aprili

DISPENSE DEL CORSO SICUREZZA LASER. Ing. Piergiorgio Aprili DISPENSE DEL CORSO SICUREZZA LASER Ing. Piergiorgio Aprili INDICE 1. INTRODUZIONE AI LASER... 3 2. DESCRIZIONE DEI PRINCIPALI TIPI DI LASER... 7 3. CLASSIFICAZIONE DELLE SORGENTI LASER SECONDO LA NORMA

Dettagli

Aspetti di Igiene e Sicurezza nell esercizio di Centri di Estetica

Aspetti di Igiene e Sicurezza nell esercizio di Centri di Estetica Aspetti di Igiene e Sicurezza nell esercizio di Centri di Estetica Incontro formativo per gli operatori professionali Esposizione a Radiazioni Ottiche UV e Laser Paolo Zanichelli ARPA Reggio Emilia PARTE

Dettagli

l esposizione a laser nei laboratori di ricerca

l esposizione a laser nei laboratori di ricerca Radiazioni ottiche l esposizione a laser nei laboratori di ricerca Le precauzioni di sicurezza da adottare presso i laboratori di ricerca riguardano la protezione dei tecnici durante l utilizzo di apparecchiature

Dettagli

apri gli occhi Uno sguardo al mondo della protezione occhi

apri gli occhi Uno sguardo al mondo della protezione occhi apri gli occhi Uno sguardo al mondo della protezione occhi tipologie di rischi sul lavoro scegliere il dispositivo adatto normative in materia di sicurezza Il funzionamento dell occhio umano può essere

Dettagli

PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI

PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI LASER Dr.ssa L. Ferrero DEPOSITO AVOGADRO S.r.l. Centro di Radioprotezione LASER Acronimo di Light Amplification

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

IL LASER. LASER: Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation. Cenni Storici

IL LASER. LASER: Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation. Cenni Storici IL LASER LASER: Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation Relatore: Enrico Boni Cenni Storici 1917 formulazione del principio teorico del laser di Albert Einstein. 1951 i fisici americani

Dettagli

EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA

EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA Le Radiazioni Ottiche alla Luce del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: Problematiche e Prospettive SEZIONE LAMUS EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA Roma, 10/03/2010 Coordinamento Tecnico Interregionale

Dettagli

PUNTATORI SEGNATAGLIO PROIETTORI LASER

PUNTATORI SEGNATAGLIO PROIETTORI LASER PUNTATORI SEGNATAGLIO PROIETTORI LASER Si raccomanda di leggere attentamente il presente manuale prima di installare I dispositivi laser Manuale di installazione ed uso per dispositivi laser RLI Via nuova

Dettagli

CARTA SERVIZI COME PROTEGGERE GLI OCCHI DALLE RADIAZIONI SOLARI NOCIVE OCCHIALI DA SOLE SU MISURA

CARTA SERVIZI COME PROTEGGERE GLI OCCHI DALLE RADIAZIONI SOLARI NOCIVE OCCHIALI DA SOLE SU MISURA CARTA SERVIZI COME PROTEGGERE GLI OCCHI DALLE RADIAZIONI SOLARI NOCIVE OCCHIALI DA SOLE SU MISURA INDICE LE RADIAZIONI SOLARI pag. 4 GLI OCCHIALI DA SOLE SU MISURA pag. 7 ALTRE TIPOLOGIE DI OCCHIALI PROTETTIVI

Dettagli

Tutti siamo esposti a una certa quantità di radiazioni ultraviolette (UV) provenienti in gran parte dal sole, ma anche da fonti artificiali usate

Tutti siamo esposti a una certa quantità di radiazioni ultraviolette (UV) provenienti in gran parte dal sole, ma anche da fonti artificiali usate Sole UV Tutti siamo esposti a una certa quantità di radiazioni ultraviolette (UV) provenienti in gran parte dal sole, ma anche da fonti artificiali usate nell industria, nel commercio e nel settore ricreativo.

Dettagli

Apparecchi elettromeccanici utilizzati nell attività estetica. Le nuove disposizioni

Apparecchi elettromeccanici utilizzati nell attività estetica. Le nuove disposizioni Apparecchi elettromeccanici utilizzati nell attività estetica Le nuove disposizioni Dal 30 luglio nuove disposizioni Con il nuovo provvedimento, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 163 del 15 luglio

Dettagli

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch ASA X-tra Advanced Surface Ablation Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

LASER è l acronimo di

LASER è l acronimo di LASER è l acronimo di ovvero: amplificazione luminosa per mezzo di emissione stimolata di radiazioni. LASER Il fenomeno fisico sul quale si base il suo funzionamento è quello dell'emissione stimolata,

Dettagli

D NE N E E E DI D SPA

D NE N E E E DI D SPA S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale Ospedaliera Aziendale S.S. Polo Riabilitativo Levante Dr.ssa Monica Santangelo Genova 27 Novembre 2014 LE PATOLOGIE MUSCOLO- TENDINEE DI SPALLA NELLO SPORT La terapia

Dettagli

Le radiazioni ottiche: fonti di rischio e misure di prevenzione

Le radiazioni ottiche: fonti di rischio e misure di prevenzione Le radiazioni ottiche: fonti di rischio e misure di prevenzione Dr. Piero Feroldi Direttore U.O. Fisica Sanitaria A.O. Spedali Civili di Brescia Dr. Luigi Spiazzi Dirigente Fisico A.O. Ospedale di Treviglio

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia 1 E possibile definire i passi

Dettagli

Uso dei laser nelle malattie cutanee feline

Uso dei laser nelle malattie cutanee feline GIORNATA DI STUDIO DERMATOLOGIA FELINA Bologna, 22 febbraio 2015 Uso dei laser nelle malattie cutanee feline di cosa parleremo Definizione e caratteristiche dei L.A.S.E.R. Tipologie di laser di interesse

Dettagli

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI OTTICHE

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI OTTICHE PREVENZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI OTTICHE Dott.ssa Iole Pinto A.U.S.L. 7 di Siena Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Sud Est Laboratorio Agenti Fisici Centro LAT Acustica n.164 Strada

Dettagli

NORMATIVE PER LA PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI ULTRAVIOLETTE Alessandro Polichetti Dipartimento di Tecnologie e Salute Istituto Superiore di Sanità, Roma Giornata di Cultura Ambientale sulle Radiazioni Ultraviolette

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DIMESSINA. Servizio Autonomo di Prevenzione e Protezione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DIMESSINA. Servizio Autonomo di Prevenzione e Protezione Mario Maschera La sicurezza nei laboratori chimici ANTINCENDIO dic. 87 Appunti dell università di Bologna D.M. 26/08/1992 normativa antincendio per l edilizia scolastica D.M. 16 febbraio 1982 Modifica

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII - Agenti fisici Capo V Radiazioni Ottiche Artificiali

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII - Agenti fisici Capo V Radiazioni Ottiche Artificiali Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII - Agenti fisici Capo V Radiazioni Ottiche Artificiali Claudio Arcari, Alessandra Pompini

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

Il Laser in Odontoiatria e in fisioterapia

Il Laser in Odontoiatria e in fisioterapia Il Laser in Odontoiatria e in fisioterapia I laser utilizzati nello studio Laser a Diodi 810 nm Creation Laser Er-Yag Fotona Fidelis Er III Cos è il Laser odontoiatrico? Laser è un acronimo per: L = Light

Dettagli

LASER. - DPI per la protezione da radiazioni laser. - Determinazione dei requisiti e norme tecniche collegate (UNI EN 207 e UNI EN 208)

LASER. - DPI per la protezione da radiazioni laser. - Determinazione dei requisiti e norme tecniche collegate (UNI EN 207 e UNI EN 208) LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI OTTICHE Acicastello, 10 Dicembre 2010 LASER - DPI per la protezione da radiazioni laser. - Determinazione dei requisiti e norme tecniche collegate (UNI EN 207 e

Dettagli

Pericolo puntatori laser

Pericolo puntatori laser Pericolo puntatori laser Uno strumento utile si può trasformare in un arma capace di danneggiare la vista o di disturbare i piloti. Parla Gianni Mariutti, esperto dell Istituto Superiore di Sanità L INTERVISTA

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Descrizione commerciale: GRASSELLO 1.2 Usi previsti: Settore industriale: Edilizia Tipo di Impiego:

Dettagli

Belluno, 21 giugno 2012. RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici

Belluno, 21 giugno 2012. RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici Belluno, 21 giugno 2012 RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: aspetti prevenzionistici Aspetti fisici: caratteristiche generali delle radiazioni ottiche artificiali e tipiche sorgenti occupazionali Definizione

Dettagli

Dott. Ing. Iliano Ciucci

Dott. Ing. Iliano Ciucci SERVIZIO DI RADIOPROTEZIONE UNIVERSITA DI PISA Dott. Ing. Iliano Ciucci Tel. e Fax. 050 2218032 - E-mail: i.ciucci@ing.unipi.it RISCHI FISICI: RADIAZIONI Norme di radioprotezione - Rischi connessi all

Dettagli

APPUNTI SULLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (R.O.A.)

APPUNTI SULLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (R.O.A.) APPUNTI SULLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (R.O.A.) Ing. Euro Settimelli (HS lead auditor) Il 26 Aprile 2010 entreranno in vigore gli obblighi in merito alle Radiazioni Ottiche Artificiali previsti dal

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi di Esposizione a Radiazioni Ottiche Artificiali nell Azienda USL n.12. di Viareggio SORVEGLIANZA SANITARIA

Documento di Valutazione dei Rischi di Esposizione a Radiazioni Ottiche Artificiali nell Azienda USL n.12. di Viareggio SORVEGLIANZA SANITARIA Documento di Valutazione dei Rischi di Esposizione a Radiazioni Ottiche Artificiali nell Azienda USL n.12 di Viareggio SORVEGLIANZA SANITARIA Dott. Lamberto Lastrucci U.O.S Medico Competente Az. USL12

Dettagli

FEMTO LASIK X-tra. Only Laser Lasik. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

FEMTO LASIK X-tra. Only Laser Lasik. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch FEMTO LASIK X-tra Only Laser Lasik Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch LASIK X-tra Bilaterale Simultanea Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

CHIRURGIA REFRATTIVA

CHIRURGIA REFRATTIVA CHIRURGIA REFRATTIVA Responsabile: Dott. Marco Tavolato Perché un immagine possa essere vista, una complessa catena di eventi deve avvenire nell occhio. La luce entra nell occhio attraversando cornea,

Dettagli

1. Introduzione. 2. Radiazione ultravioletta e sorgenti di emissione

1. Introduzione. 2. Radiazione ultravioletta e sorgenti di emissione Prevenzione dei rischi da esposizione a sorgenti artificiali di radiazione ultravioletta in ambito estetico 1. Introduzione E' noto da tempo che l'esposizione al sole induce, oltreché effetti benefici,

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO Scambio termico per irraggiamento L irraggiamento, dopo la conduzione e la convezione, è il terzo modo in cui i corpi possono scambiare calore. Tale fenomeno non

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 Visione della luce La luce è una forma di energia elettromagnetica siamo soliti definire "luce visibile" una radiazione

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

LINEE GUIDA ESPOSIZIONE A SORGENTI DI RADIAZIONI NON IONIZZANTI

LINEE GUIDA ESPOSIZIONE A SORGENTI DI RADIAZIONI NON IONIZZANTI RADIAZIONI NON IONIZZANTI N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0.0 Prima emissione Tutte le copie cartacee sono ritenute di lavoro per le quali non si garantisce l aggiornamento. Le copie aggiornate sono archiviate

Dettagli

Radiazioni Ottiche Artificiali: cosa sono, dove sono presenti nei luoghi di lavoro

Radiazioni Ottiche Artificiali: cosa sono, dove sono presenti nei luoghi di lavoro Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Radiazioni Ottiche Artificiali: cosa sono, dove sono presenti nei luoghi di lavoro Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria AGENTI

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze.

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze. Con il termine elettrosmog si intende l'inquinamento elettromagnetico derivante da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti quali quelle prodotte dalle infrastrutture di telecomunicazioni come la radiodiffusione

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

Luce blu e Lenti Transitions

Luce blu e Lenti Transitions Luce blu e Lenti Transitions Sommario Definizione di luce blu Dove si trova Benefici e problematiche potenziali relative all esposizione alla luce blu Lenti Transitions Caratteristica proprietà di filtrare

Dettagli

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona 1.Visione_01 Ottica geometrica Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Principi di refrazione delle lenti, indice di refrazione

Dettagli

Phase Dermaxel FRACTIONAL CO2 LASER SYSTEM

Phase Dermaxel FRACTIONAL CO2 LASER SYSTEM FRACTIONAL CO2 LASER SYSTEM Phase Dermaxel Laser CO2, frazionato, ultrapulse, consente una precisione d intervento mai raggiunta grazie alla sua sorgente di anidride carbonica eccitata in radiofrequenza

Dettagli

LA FOTOBIOSTIMOLAZIONE LASER IN ODONTOIATRIA

LA FOTOBIOSTIMOLAZIONE LASER IN ODONTOIATRIA B O L L E T T I N O D I I N F O R M A Z I O N E S U L L I M P L A N T O L O G I A M10A7 LA FOTOBIOSTIMOLAZIONE LASER IN ODONTOIATRIA EDITORIALE: PRESENTAZIONE LUMIX 2 DENTAL pag. 2 LA PENETRAZIONE TISSUTALE

Dettagli

RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: i DPI per OCCHI e VISO

RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: i DPI per OCCHI e VISO RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: i DPI per OCCHI e VISO Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it) Lorenza Gandolfi Az.USL di Modena (l.gandolfi@ausl.mo.it) 1 DLgs.81/08 -Titolo VIII -Capo

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Metodo innovativo di stimolazione luminosa cellulare

Metodo innovativo di stimolazione luminosa cellulare Metodo innovativo di stimolazione luminosa cellulare Messo a punto dalla Società Rainbowlaser Therapeutics Principi di base Sommario 1. Reazione degli organismi agli stimoli luminosi 1 2. Basi fisiche

Dettagli

Applicazioni dei laser

Applicazioni dei laser Capitolo 8 Applicazioni dei laser I laser trovano applicazione in svariati campi della scienza e della tecnica, dalla Fisica, alla Chimica, alla Biologia, all Elettronica ed alle tecnologie. Un quadro

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Banda IR-C IR-B IR-A VISIBILE UV-A UV-B UV-C. λ (nm) 10 6 3000 3000 1400 1400 780 780 400 400 315 315 280 280 100. ν (GHz) 300 0,4 10 6 0.

Banda IR-C IR-B IR-A VISIBILE UV-A UV-B UV-C. λ (nm) 10 6 3000 3000 1400 1400 780 780 400 400 315 315 280 280 100. ν (GHz) 300 0,4 10 6 0. CORSO DI AGGIORNAMENTO Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali (ROA): applicazione del Titolo VIII-Capo V del D.Lgs. 81/8 Gli effetti e i danni sull uomo Radiazioni

Dettagli

Ieri mi hanno tolto 6 punti alla patente perche sono passata col russo!!

Ieri mi hanno tolto 6 punti alla patente perche sono passata col russo!! Ieri mi hanno tolto 6 punti alla patente perche sono passata col russo!! e se passavi con uno svedese quanti te ne toglievano? :-) Oltre ai colori non vedi neanche la tastiera! :-P Se non vedi bene, guidare

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 26.9.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 265/39 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 22 settembre 2006 sull efficacia dei prodotti per la protezione solare e sulle relative indicazioni [notificata

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE Racc. 22 settembre 2006, n. 2006/647/CE (1). sull efficacia dei prodotti per la protezione solare e sulle relative indicazioni (1) Pubblicata nella G.U.U.E. 26 settembre

Dettagli

Ottica fisiopatologica

Ottica fisiopatologica Ottica fisiopatologica Introduzione La visione è una funzione complessa che dipende da FATTORI AMBIENTALI interazione luce-materia FATTORI ANATOMO-FISIOLOGICI oculari sistema nervoso centrale L occhio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO Formazione, Consulenza, Gestione Ambiente e Sicurezza SEMINARIO Carmagnola, 23 febbraio 2010 RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI CHE FARE? Valutazione del rischio e programma delle misure di prevenzione e protezione

Dettagli

INTRODUZIONE AL LASER A DIODI: CHEESE 7W INFORMAZIONI GENERALI ED UTILIZZO

INTRODUZIONE AL LASER A DIODI: CHEESE 7W INFORMAZIONI GENERALI ED UTILIZZO INTRODUZIONE AL LASER A DIODI: CHEESE 7W INFORMAZIONI GENERALI ED UTILIZZO Il Laser è una radiazione elettromagnetica con specifiche caratteristiche: frequenza e lunghezza d onda ben precisa (monocromaticità)

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA LANZONI s.r.l. Via Michelino, 93/B--40127 BOLOGNA, tel. 051-504810/501334-fax 051-6331892 http://www.lanzoni.it e-mail: lanzoni@lanzoni.it LASER LIMAX RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Campi di applicazione

Dettagli

Acquisti alla. luce del SOLE

Acquisti alla. luce del SOLE Acquisti alla GUIDA ALL ACQUISTO E ALL USO DEGLI OCCHIALI DA SOLE luce del SOLE Campagna informativa a cura del Ministero delle attività produttive con il patrocinio della Commissione europea e del Ministero

Dettagli

IL LASER. Principio di funzionamento.

IL LASER. Principio di funzionamento. IL LASER Acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation (amplificazione di luce per mezzo di emissione stimolata di radiazione), è un amplificatore coerente di fotoni, cioè un dispositivo

Dettagli

Disinfezione con UV. Uccisione dei microrganismi. Luce ultravioletta

Disinfezione con UV. Uccisione dei microrganismi. Luce ultravioletta Il sistema a raggi ultravioletti UV Healt della gamma CTX è considerato uno dei migliori metodi per l igienizzazione dell acqua, complementare al cloro o ad altri prodotti residuali, grazie al suo potere

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore Waler è socio fondatore Rivestimenti colorati per cappotto Rivestimenti Silossanici IR riflettenti specifici per sistemi d isolamento a cappotto che minimizzano il surriscaldamento delle superfici murarie

Dettagli

Agenti Fisici Titolo VIII D. Lgs 81/2008 s.m.i.

Agenti Fisici Titolo VIII D. Lgs 81/2008 s.m.i. Agenti Fisici Titolo VIII D. Lgs 81/2008 s.m.i. Agenti fisici presenti nell Università Illuminazione e Microclima Rumore e Vibrazioni Radiazioni ionizzanti Radiazioni non ionizzanti Radiazioni ottiche

Dettagli

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica OFTALMOLOGIA Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) a cura di L'occhio: una macchina fotografica L'occhio funziona come una macchina fotografica; possiede lenti, diaframma e pellicola.

Dettagli

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni ELETTROSMOG Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti, quali quelle prodotte

Dettagli

La popolazione generale è ormai

La popolazione generale è ormai La radiazione ultravioletta e l occhio Karen Walsh esamina le patologie oculari indotte dalla radiazione ultravioletta (UV), le sfide di una protezione adeguata e il ruolo delle lenti a contatto morbide

Dettagli

5) Sul Capo V del DLgs.81/2008 Radiazioni Ottiche Artificiali (ROA)

5) Sul Capo V del DLgs.81/2008 Radiazioni Ottiche Artificiali (ROA) 5) Sul Capo V del DLgs.81/2008 Radiazioni Ottiche Artificiali (ROA) 5.01 Come ci si deve comportare in caso di lavorazioni che espongono al rischio di radiazioni ottiche naturali? Il Capo V del Titolo

Dettagli

Attenzione: raggio laser

Attenzione: raggio laser Attenzione: raggio laser Questa pubblicazione fornisce informazioni sulle caratteristiche dei raggi laser e sui pericoli che comportano, sui requisiti di sicurezza e di tutela della salute per le apparecchiature

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Radiazioni Ottiche Artificiali: cosa sono, dove sono presenti nei luoghi di lavoro Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Radiazioni

Dettagli

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Gentile Signore/ Signora, Lei soffre di una opacizzazione dell involucro (capsula) che avvolge parzialmente il suo cristallino artificiale.esso è responsabile

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI SPAZIO CONTROLLO TERMICO Equilibrio termico 2 Al di fuori dell atmosfera la temperatura esterna non ha praticamente significato Scambi termici solo

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

Le Radiazioni Ottiche Artificiali: Effetti biologici e sanitari a breve e lungo termine e la sorveglianza sanitaria.

Le Radiazioni Ottiche Artificiali: Effetti biologici e sanitari a breve e lungo termine e la sorveglianza sanitaria. Le Radiazioni Ottiche Artificiali: Effetti biologici e sanitari a breve e lungo termine e la sorveglianza sanitaria. Dott. Giuseppe Sergi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda U.S.L. di Piacenza LE RADIAZIONI

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

PHOTOSILK PLUS PHOTOSILK PLUS MEDICINA ED ESTETICA

PHOTOSILK PLUS PHOTOSILK PLUS MEDICINA ED ESTETICA PHOTOSILK PLUS MEDICINA ED ESTETICA PHOTOSILK PLUS Fotoringiovanimento non ablativo Lesioni Vascolari Epilazione Skin Thigtening Dermatologia Tatuaggi Laser e Luce Pulsata: la Soluzione Premium Contro

Dettagli