Fecondazione eterologa, la Consulta non boccia il divieto (Guida al Diritto.it) di Marina Castellaneta. Il precedente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fecondazione eterologa, la Consulta non boccia il divieto (Guida al Diritto.it) di Marina Castellaneta. Il precedente"

Transcript

1 Fecondazione eterologa, la Consulta non boccia il divieto (Guida al Diritto.it) di Marina Castellaneta Il precedente Il divieto di fecondazione eterologa non viola la Convenzione La Corte Costituzionale non boccia la fecondazione assistita eterologa, ma rinvia gli atti ai tribunali che avevano promosso i ricorsi. L'indicazione della Consulta è di valutare la questione alla luce della sopravvenuta sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'uomo del 3 novembre Quest'ultima aveva stabilito che impedire per legge alle coppie sterili di ricorrere alla fecondazione in vitro eterologa non è una violazione della Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Insomma i singoli tribunali dovranno decidere ancora ma nel frattempo resta in vigore il divieto della tecnica eterologa. Il pronunciamento della Corte Costituzionale arriva nel pomeriggio: i giudici della Consulta erano chiamati a decidere appunto sulla costituzionalità degli articoli della legge 40/2004 che riguardano la fecondazione assistita, che prevedono il divieto di fecondazione eterologa, ossia con ovociti o gameti non appartenenti alla coppia, sulla base di tre ordinanze di rinvio dei tribunali civili di Milano, Firenze e Catania. La decisione apre immediatamente il dibattito. Secondo l'ex sottosegretario alla salute Eugenia Roccella, «la questione della legittimità del divieto di fecondazione eterologa, anche se non lo è formalmente, è nella sostanza chiusa». Di parere diverso gli avvocati delle coppie promotrici dei ricorsi contro il divieto di fecondazione. Infatti, con la decisione di rinviare gli atti, come rileva l'avvocato Filomena Gallo, legale della coppia il cui ricorso ha dato l'avvio all'iter istituzionale che ha portato al pronunciamento della Consulta, la Corte ha espresso una posizione «interlocutoria», lasciando la possibilità ai magistrati che hanno sollevato dichiarazione di incostituzionalità di riformulare il quesito, non avendo però come parametro la sentenza della Corte Ue per i diritti dell'uomo che aveva legittimato il 'nò all'eterologa.

2 Anche secondo l'avvocato Marilisa D'Amico, ordinario di Diritto costituzionale all'università di Milano e legale di alcune coppie, quella della Corte è una «decisione interlocutoria, coi cui la Consulta dà spazio ai giudici che poi torneranno di fronte alla Corte stessa. Sono contenta ha commentato che la Corte non abbia chiuso la questione, ma l'abbia lasciata aperta e sono fiduciosa che tornerà ad affrontarla quando tra un anno, un anno e mezzo, i Tribunali gliela riproporranno». Una decisione comunque sofferta quella dei giudizi della Consulta che, secondo quanto si apprende, si sarebbero in una prima fase divisi tra chi avrebbe optato per una decisione definitiva e chi, invece, propendeva per una 'sospensione della decisione. Decisiva sarebbe stata la mediazione del presidente. Ma se la sentenza della Corte «si inserisce nel solco di equilibrio e di civiltà tracciato dalla Legge 40, e ribadito dalle sentenza della Corte europea» secondo Alfredo Mantovano (Pdl), di segno opposto è il giudizio di Livia Turco (Pd): «Dopo la decisione della Consulta afferma è sempre più evidente che il parlamento deve assumersi la responsabilità di rivedere la Legge 40. La politica non può lasciare che il difficile equilibrio di quel testo sia affrontato nei tribunali». Per 16 volte i giudici hanno deciso contro la legge 40 Cinque volte in tutto la legge 40 è finita sui banchi della Corte Costituzionale (nel 2005, due volte nel 2009 e una nel 2010 e infine ora). Se si considerano anche i ricorsi per altre parti della legge come quelli per ottenere la possibilità di congelamento degli embrioni, la diagnosi preimpianto e il limite di utilizzo di tre embrioni per ciclo di fecondazione sono complessivamente 16 le volte che i giudici hanno ordinato l'esecuzione delle tecniche di fecondazione secondo i principi Costituzionali affermando i diritti delle coppie e non secondo la legge 40. Questi i precedenti 2004 Il tribunale di Cagliari sentenzia che non c'è differenza tra gravidanza ottenuta con Pma e gravidanza naturale se sussistono i presupposti per accedere alla 194 la donna può abortire. Una donna a causa dell'obbligo contemporaneo di impiantare tutti gli embrioni prodotti aveva avuto un gravidanza trigemina. Il giudice ha permesso l'aborto Il 16 luglio un giudice del tribunale di Cagliari aveva sollevato questione di legittimità costituzionale dell'articolo 13. Ad una donna portatrice sana di beta talassemia era stata negata la possibilità della diagnosi preimpianto. Il 9 novembre 2006, la Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibile il ricorso perché formulato in modo contraddittorio, ma senza entrare nel merito Una sentenza del Tribunale di Cagliari ha riconosciuto che la diagnosi preimpianto è consentita. A dicembre anche il tribunale di Firenze ha confermato la decisione di Cagliari per un altra coppia, consentendo l'indagine preimpianto Il 23 gennaio il Tar del Lazio, oltre ad annullare le linee guida per l'applicazione della legge per «eccesso di potere»nella parte in cui vietavano le indagini cliniche sull'embrione, ha sollevato la questione di costituzionalità delle norme (articolo 14, commi 2 e 3) che prevedono la possibilità di produrre un

3 numero di embrioni non superiore a tre e l'obbligo del contemporaneo impianto. Il 26 agosto del 2008 il tribunale di Firenze per due procedimenti diversi ha sollevato nuove questioni di costituzionalità sul limite della creazione di soli tre embrioni. Inoltre il giudice ha formulato «anche una proposta per ampliare la possibilità di congelare gli embrioni in più La Consulta ha accolto la prima parte delle osservazioni con sentenza 151 del primo aprile, quanto alla seconda parte è stato introdotta una deroga al divieto di crioconservazione degli ovuli Il 13 gennaio il giudice Antonio Scarpa, del Tribunale di Salerno, ha autorizzato, per la prima volta in Italia, la diagnosi genetica preimpianto ad una coppia fertile portatrice di una grave malattia ereditaria, l'atrofia Muscolare Spinale di tipo 1. Seguono decisioni in tal senso presso i tribunali di Firenze, Bologna e Salerno per altre coppie. In tutti questi casi il giudice consente anche le indagini preimpianto sull'embrione e il trasferimento in utero dei soli embrioni sani. Il 6 ottobre la prima sezione del Tribunale civile di Firenze ha sollevato il dubbio di costituzionalità sul divieto delle coppie sterili di accedere alla fecondazione eterologa, con ovuli o seme donati da persone esterne alla coppia. Il 22 ottobre il tribunale di Catania ha sollevato la questione di legittimità costituzionale sulla parte della legge 40 che vieta la fecondazione eterologa, quella con seme o ovuli che arrivano da donatori esteri. Nel novembre dello stesso anno anche il tribunale di Milano ha conferma il dubbio di legittimità costituzionale sul divieto di eterologa sollevato al Tribunale di Firenze. GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24 ORE 14 N NOVEMBRE 2011 Una brusca marcia indietro che spegne le speranze di tante coppie che avevano guardato a Strasburgo come ultima possibilità per rimuovere gli ostacoli all utilizzo di alcune forme di procreazione assistita posti nelle legislazioni nazionali, inclusa quella italiana che, con legge 16 febbraio 2004 n. 40 «Norme in materia di procreazione medicalmente assistita», proibisce inmodo assoluto il ricorso alla fecondazione eterologa, prevedendo anche l applicazione di un sistema sanzionatorio. Il verdetto del Collegio - La Grand Chambre della Corte europea dei diritti dell uomo, il massimo organo giurisdizionale di Strasburgo, con sentenza del 3 novembre (S.H. e altri contro Austria, ricorso n /00), ha ritenuto che la scelta di uno Stato di proibire alcune tipologie di fecondazione eterologa non è contraria al diritto al rispetto della vita privata e familiare garantito dalla Convenzione europea dei diritti dell uomo (articolo 8), ribaltando le conclusioni della Camera che, invece,

4 con sentenza del 1 aprile 2010, aveva riconosciuto che il divieto assoluto di fecondazione eterologa in vitro non era compatibile con la Convenzione, tanto più che l impossibilità di ricorrere a questo tipo di fecondazione infrangeva il diritto alla vita familiare di ogni individuo e costituiva una violazione del divieto di discriminazione nei casi in cui erano trattate diversamente coppie che si trovarono in una situazione di infertilità. Questa conclusione aveva senza dubbio aperto a molte coppie la possibilità di rimuovere i divieti imposti dalla legislazione nazionale. Tuttavia, con la pronuncia della Grand Chambre, Strasburgo rimette la questione delle regole in materia di procreazione assistita interamente nellemani del legislatore nazionale. Il fatto - Due coppie austriache con problemi di fertilità risolvibili solo ricorrendo alla fecondazione in vitro con donazione esterna di ovuli o sperma, vietata, però, dalla legge austriaca, avevano presentato un ricorso alla Corte europea dei diritti dell uomo. Sul piano nazionale, anche la Corte costituzionale austriaca aveva stabilito che le disposizioni nazionali fossero compatibili con i principi stabiliti dalla Convenzione europea. La Camera della Corte di Strasburgo non aveva condiviso queste conclusioni e aveva condannato l Austria ritenendo che vi fosse una violazione sia dell articolo 8, perché s impediva a coppie con problemi di infertilità la possibilità di costituire una famiglia, sia dell articolo 14 riguardante il divieto di discriminazione poiché erano trattate diversamente coppie che si trovavano in una situazione di sterilità. L Austria, il 1 luglio, aveva chiesto il deferimento del caso alla Grand Chambre che si è pronunciata il 3 novembre ribaltando il giudizio della Camera. Un verdetto che non ha mancato di scaldare gli animi suscitando reazioni di segno opposto, tra chi ha salutato la decisione come il riconoscimento della libertà dei governi di regolare la materia e chi lo ha visto come un limite alla libertà dell individuo di regolare la sua vita privata. n

5 Paesi che adottano leggi in materia di fecondazione Austria, Azerbaidjan, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Germania, Estonia, Federazione russa, Francia, Georgia, Grecia, Islanda, Italia, Lettonia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina e Ungheria Paesi che adottano prassi cliniche Belgio, Finlandia, Irlanda, Malta, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Serbia e Slovacchia Fonte: Consiglio d Europa - Comitato sulla bioetica - Rapporto del 12 luglio Cdbi/Inf (2005)7 Spente le speranze di una scelta internazionale la palla torna nell area del legislatore nazionale DI MARINA CASTELLANETA Le opzioni legislative in Europa S A N I T À E B I O E T I C A I L Q U A D R O G E N E R A L E GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24 ORE 15 N NOVEMBRE 2011 Fecondazione eterologa: scusi lei è favorevole o contrario? Con la vicenda che ha investito Strasburgo ci si è avvicinati ai livelli di interesse suscitato nell opinione pubblica ai tempi del divorzio.un dibattito che non ha lasciato, ovviamente neutrali i governi nazionali, alcuni dei quali, come quello tedesco e italiano, sono intervenuti nel procedimento che ha condotto alla sentenza del 3 novembre (ricorso n /00) trovandosi su posizioni opposte rispetto a quelle di organizzazioni non governative. Il margine di discrezionalità concesso agli Stati nel campo della procreazione assistita - Il dato di partenza è l applicabilità dell articolo 8 che garantisce il diritto al rispetto della vita privata e familiare. Sul punto, lo stesso Governo austriaco non ne ha più contestato l applicazione ai casi di fecondazione allineandosi così a quanto stabilito dalla Camera. Quest ultima, infatti, nella sentenza del 2010, aveva sancito che, in ragione della nozione ampia di vita privata che «include, inter alia, il diritto di stabilire e sviluppare relazioni con altri esseri umani», nonché altri aspetti come lo sviluppo della propria

6 personalità e «il diritto al rispetto della decisione di avere o non avere bambini», l articolo 8 deve essere applicato anche alle questioni legate alla procreazione. LaGrand Chambre ha condiviso questa conclusione anche in linea con la prassi giurisprudenziale precedente. Nel caso Dickson contro Regno Unito, ad esempio, la Corte, con sentenza del 4 dicembre 2007, aveva ritenuto applicabile l articolo 8 nel caso di rifiuto delwww.guidaaldiritto.ilsole24ore.com (area IL DOCUMENTO DELLA SETTIMANA) IL COMMENTO DI MARINA CASTELLANETA Il dato di partenza è l applicabilità dell articolo 8 sul rispetto della vita privata e familiare Corte europea dei diritti dell Uomo - Grande Camera Sentenza 3 novembre Ricorso n /00 - Commento (Presidente Costa; S.H. e altri contro Austria) Scarica il testo della sentenza all indirizzo: LA MASSIMA Sanità e bioetica - Fecondazione in vitro - Donazione di sperma e di ovociti - Normativa interna - Ammissibilità della procreazione assistita eterologa - Divieto di donazione di ovociti - Eventuale contrarietà alla Convenzione europea dei diritti dell uomo - Diritto al rispetto della vita privata e familiare - Divieto di discriminazione - Mancanza di consenso tra gli Stati membri - Autonomia degli Stati nella scelta della legislazione in materia di procreazione - Esistenza di obblighi positivi e negativi - Divieto di ricorrere alla donazione di sperma e di ovociti - Compatibilità con la Convenzione. (Convenzione europea dei diritti dell uomo, articoli 8 e 14) Gli Stati parti alla Convenzione europea dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali hanno il diritto di scegliere le regole interne idonee a disciplinare l accesso alla procreazione assistita di carattere eterologo. Non è contraria al diritto al rispetto della vita privata e familiare, che si applica anche ai casi in cui i genitori cerchino di avere figli, la normativa interna che, tenendo conto di motivazioni etiche e giuridiche, vieta il ricorso ad alcune forme di fecondazione eterologa. In assenza di un consenso tra gli Stati parti e di atti internazionali in materia, gli Stati hanno libertà di scelta nella predisposizione del quadro normativo anche se le autorità nazionali devono tener conto dei mutamenti introdotti dalla scienza medica. La Grande camera della Cedu inverte la rotta:

7 legittimo il divieto di fecondazione eterologa S A N I T À E B I O E T I C A L A N A L I S I D E L L A D E C I S I O N E GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24 ORE 16 N NOVEMBRE 2011 le autorità nazionali di consentire il ricorso all inseminazione artificiale a un detenuto e a sua moglie proprio perché il diritto al rispetto della vita familiare include il diritto a diventare genitori biologici. Detto questo, però, Austria, Germania e l Italia hanno rivendicato il potere degli Stati di porre limiti al ricorso ad alcune tipologie di procreazione assistita anche per evitare abusi e forme di selezione genetica, possibili, a loro dire, soprattutto ricorrendo alla fecondazione in vitro. In quest ultimo caso, per il governo austriaco, si pongono numerosi problemi di carattere etico e giuridico, anche perché sussiste il legittimo interesse del bambino a essere informato sull identità di coloro che hanno permesso la sua nascita con la donazione di sperma e ovociti. Anche la Germania, evidenziando la legittimità della propria legislazione che vieta la fecondazione eterologa, ha rimarcato che tale divieto è dovuto alla necessità di tutelare il benessere del bambino che non deve trovarsi in situazione di ambiguità riguardo all identità della madre. Non solo. Anche dal punto di vista legale la situazione è densa di incertezze. La madre biologica potrebbe ritenere quella genetica responsabile di alcune malattie del bambino e addirittura arrivare a respingere il bimbo. Per quanto riguarda l Italia, ribadito che la legislazione italiana è differente da quella austriaca perché proibisce ogni forma di fecondazione eterologa, il Governo ha sostenuto che l articolo 8 non pone sugli Stati alcun obbligo positivo: di conseguenza, le autorità nazionali non sono tenute a mettere a disposizione delle coppie con problemi di sterilità tutte le tecniche

8 mediche per assicurare la procreazione. La Grand Chambre, preso atto che in numerosi Paesi europei si fa ricorso alla procreazione assistita, ha evidenziato che gli Stati non hanno un approccio uniforme in ordine all individuazione delle regole sui rapporti che possono determinarsi con i donatori. Meglio garantire l anonimato del donatore o potrebbe essere più utile al minore conoscere l identità dei genitori genetici? A queste domande, i Paesi del Consiglio d Europa non hanno dato una risposta uniforme e tuttora non vi sono soluzioni definitive. Una situazione d incertezza che, però, ad avviso della Grand Chambre non incide sull obbligo degli Stati di applicare l articolo 8 e, nell assicurarne il pieno rispetto, di valutare non solo la sussistenza di obblighi negativi che impongono alle autorità nazionali di astenersi dall interferire nella vita privata e familiare dell individuo, ma anche di obblighi positivi. Questo vuol dire che, sul piano interno, sono necessariemisure finalizzate ad assicurare la piena attuazione del diritto alla realizzazione della vita privata e familiare, raggiungendo un equilibrio tra i diversi interessi in gioco. La legittimità di alcune restrizioni all accesso alla procreazione assistita - La legislazione austriaca vieta, come detto, la fecondazione in vitro con donazione esterna di ovuli o di sperma. Ora, la Corte ritiene che tale restrizione persegua un fine legittimo e può essere considerata necessaria in una società democratica in ragione dell ampiomargine di apprezzamento concesso agli Stati, tanto più che la Corte non può certo sostituirsi agli Stati «nel determinare la più appropriata politica per regolare il settore della procreazione artificiale». A ciò si aggiunga che la discrezionalità degli Stati e la loro autonomia nel predisporre una regolamentazione in uno specifico settore aumenta laddove manca un consenso tra gli Stati membri del Consiglio d Europa. È questo il caso della procreazione assistita che, tra l altro, pone

9 questioni etiche emorali di grande rilievo. Anche la Grand Chambre, al pari della Camera, ha fatto il punto sulla situazione legislativa nei diversi Stati avvalendosi di taluni studi effettuati nel contesto del Consiglio d Europa. Paesi come Italia, Lituania, Turchia e Austria vietano la donazione di sperma (ammessa invece in altri Paesi) e negano la donazione di ovociti al pari di Croazia, Germania,Norvegia e Svizzera, con legislazioni, però, che, pure perseguendo le stesse finalità, presentano talune differenze. Austria, Germania e Italia hanno rivendicato il potere degli Stati di porre dei paletti anche per evitare abusi e forme di selezione genetica, possibili, a loro dire, soprattutto ricorrendo alle tecniche in vitro S A N I T À E B I O E T I C A L A N A L I S I D E L L A D E C I S I O N E GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24 ORE 17 N NOVEMBRE 2011 Pur riconoscendo, quindi, che sussiste una chiara tendenza verso la donazione di gameti nel campo della fecondazione in vitro, la Corte ritiene che questo consenso non è dovuto a principi consolidati, con la conseguenza che non può incidere sull autonomia attribuita agli Stati che devono bilanciare le esigenze individuali con quelle degli interessi della collettività. È vero - precisa la Corte - che non sembrano sussistere ragioni a un divieto assoluto al ricorso alla procreazione assistita condotta con donazione di ovuli, ma è giustificato che gli Stati procedano con particolare cautela in un settore nel quale gli avanzamenti scientifici sono continui. La scelta della legislazione austriaca di riservare l utilizzo delle tecniche di procreazione assistita a personale medico esperto e di proibire ogni forma di remunerazione per le donazioni di ovuli e di sperma appare

10 conforme alla Convenzione tanto più che mira a evitare forme di eugenetica e fenomeni di sfruttamento. Un vuoto di consenso che lascia spazio alla discrezionalità - A ciò si aggiunga che non c è un atto internazionale che preveda una regolamentazione sulla materia. Sia la Convenzione sulla biomedicina del 1997, sia il Protocollo del 2002, nonché la direttiva Ue 2004/23 sono silenti sulla questione e riconoscono l autonomia degli Stati. Una chiara assenza di consenso nell ordinamento internazionale sul tema della procreazione assistita che lasciamaggiore spazio agli interventi discrezionali. La Grand Chambre ha poi cura di precisare che il legislatore austriaco ha tenuto conto degli aspetti generali delle questioni da affrontare. D altra parte - osserva la Corte - l articolo 8 richiede l adozione di norme che regolano gli aspetti importanti della vita familiare e privata, ma non certo ogni singolo interesse riguardante questioni individuali che possono assumere rilievo nei singoli casi. È compito del legislatore, poi, assicurare un sistema normativo che fornisca un quadro certo ai fini della sicurezza giuridica che la collettività deve avere. Anche l ammissibilità di alcune tecniche e non di altre nel quadro normativo della procreazione assistita non può essere specifico oggetto di analisi perché il quadro va analizzato nel suo complesso e in un contesto più ampio rispetto alla singola fattispecie. Il legislatore austriaco, nel vietare donazioni eterologhe, ha tenuto conto degli orientamenti della società nazionale e delle possibili ripercussioni negative che potrebbero verificarsi sul bambino, nonché di eventuali abusi derivanti da questo sistema. Il consentire la donazione di sperma e non quella di ovociti è un segnale dell attenta analisi effettuata dal legislatore che ha considerato essenziale per il bambino avere un unica madre e non separare quella genetica da quella biologica. Inmodo singolare, poi, la Grand

11 Chambre considera positivo che l Austria non impedisce, né punisce coloro che si recano all estero per ricorrere a queste tecniche ritenendo che la società austriaca non è pronta ad accoglierle nel proprio ordinamento, ma che al singolo è consentito farvi ricorso andando in altri luoghi. Ma, in questo caso, i rischi di abusi vengonomeno? Non si pone più il problema del diritto del bambino ad avere informazioni sulla madre? A queste domande, a nostro avviso cruciali, la Grand Chambre non dà risposta, rilevando che il codice civile austria- Il precedente contrario Sanità e bioetica - Procreazione medicalmente assistita eterologa - Legislazioni nazionali - Divieto assoluto - Contrarietà alla Convenzione europea dei diritti dell uomo - Contrasto con il diritto al rispetto della vita privata e familiare e con il divieto di discriminazione - Sussistenza di giustificazioni - Evitare il rischio di tecniche selettive di procreazione - Obiettivo legittimo - Possibilità di ricorrere a misure proporzionali - Carattere sproporzionato dei divieti assoluti. (Convenzione europea dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali, articoli 8 e 14). Il divieto di utilizzare le tecniche di procreazione assistita di carattere eterologa non è compatibile con la Convenzione europea. Gli Stati sono liberi di prevedere il ricorso alla procreazione medicalmente assistita, ma nel momento in cui ammettono la possibilità di utilizzare tale tecnica non devono discriminare tra le coppie a seconda del tipo di infertilità. Non è compatibile con la Convenzione europea il divieto assoluto di fecondazione eterologa anche perché gli Stati possono ricorrere a misure proporzionali rispetto agli obiettivi perseguiti, senza limitare i diritti riconosciuti nella Convenzione. n Corte europea dei diritti dell Uomo, sentenza 1 aprile Ricorso n /00; Sh e altri contro Austria S A N I T À E B I O E T I C A L A N A L I S I D E L L A D E C I S I O N E GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24 ORE 18 N NOVEMBRE 2011 co consente di regolarizzare la situazione. Una valutazione che porta la Corte a concludere che non si è verificata una violazione dell articolo 8 della Convenzione e tantomeno dell articolo 14 che vieta ogni forma di discriminazione. Detto questo, però, Strasburgo aggiunge un tassello, a questo punto, forse, per ragioni più politiche che giuridiche, tenendo conto delle legittime richieste di numerose coppie alle prese con problemi di infertilità per le quali è certo inaccettabile che il proprio Paese vieti in casa determinati comportamenti, ma spiani la strada alla possibilità di andare all estero regolando la situazione ex post, con ciò di fatto compiendo, a nostro avviso, una discriminazione sulla base del censo perché solo coppie con ampie possibilità economiche potranno effettuare viaggi e cure

12 costose e ripetute in altri Paesi. Per lagrand Chambre, il Parlamento austriaco è tenuto, al pari di quelli di altri Stati, a effettuare una nuova e più ampia valutazione della legislazione in materia, chiedendo che vengano prese in considerazione le modifiche introdotte dalla scienza. Pertanto, anche se nel caso di specie, non vi è stata alcuna violazione della Convenzione, tenendo conto che si tratta di un settore in continua evoluzione proprio in ragione dei cambiamenti e degli sviluppi della tecnica e della medicina, il legislatore deve adeguarsi alle novità. Gli effetti sull ordinamento italiano - Se la sentenza della Camera del 2010 aveva accesomolte speranze anche per le coppie italiane, la pronuncia della Grand Chambre arresta ogni entusiasmo sulla possibile riforma della legge interna. Com è noto, l Italia, ha una posizione restrittiva perché la legge 16 febbraio 2004 n. 40, oltre a impedire la diagnosi preimpianto, proibisce il ricorso alla fecondazione eterologa, punendo chi vi fa ricorso non più con la detenzione, ma con una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra 300mila e 600mila euro. Sull applicazione di una parte di questa legge è stata chiamata a pronunciarsi la Corte europea su ricorso di una coppia di cittadini italiani che non può accedere, a causa della legislazione interna, allo screening di embrioni malgrado il rischio di una grave malattia genetica per il feto (ricorso n /10). Anche in questo caso è stata contestata la violazione dell articolo 8 della Convenzione europea, che garantisce il diritto al rispetto della vita privata e familiare, nonché dell articolo 14 sul divieto di discriminazioni perché la coppia non può ricorrere alla fecondazione in vitro e quindi allo screening degli embrioni. In Italia, infatti, la fecondazione in vitro è ammessa solo nei casi di sterilità e lo screening è permesso solo se il partner di sesso maschile abbia una malattia sessualmente trasmissibile come l Aids (decreto

13 del ministero della salute n dell 11 aprile 2008). La coppia aveva avuto un figlio che era risultato malato di fibrosi cistica e dopo aver dovuto ricorrere all aborto durante una seconda gravidanza avendo accertato la malattia del feto, voleva essere certa, con la diagnosi pre-impianto, di non trasmettere lamalattia a un altro figlio. Tuttavia, proprio perché la legge n. 40 vieta la fecondazione in vitro per le coppie non affette da sterilità, gli aspiranti genitori hanno presentato, il 13 ottobre 2010, proprio dopo la pronuncia della Camera nei confronti dell Austria, ma prima di quella della Grand Chambre, ricorso alla Corte che deve ora pronunciarsi sulla ricevibilità del ricorso e, poi, eventualmente sull eventuale sussistenza della violazione. n Il caso italiano pendente Resta pendente alla Corte europea dei diritti dell Uomo il ricorso presentato da una coppia italiana, in cui entrambi i componenti sono portatori di fibrosi cistica. La strada di Strasburgo è stata intrapresa nella speranza di arrivare a utilizzare le tecniche di procreazione medicalmente assistita per avere un figlio sano scegliendo gli embrioni privi di alterazioni genetiche. Nel ricorso gli avvocati dei due coniugi sostengono che con il divieto di selezionare gli embrioni verrebbe violato il diritto alla vita privata e familiare, oltre a quello di non essere bersaglio di discriminazioni rispetto a genitori sani, principi sanciti dagli articoli 8 e 14 della Convenzione europea sui diritti dell uomo. La Cedu, nel comunicato con cui il 27 giugno scorso aveva annunciato di aver avviato il procedimento, ha ricordato come coppie nella stessa situazione in altri Paesi possono servirsi della selezione degli embrioni e accedere alle tecniche, possibilità quest ultima che la legge n. 40 riconosce solo in presenza di diagnosi di infertilità. È la prima volta che la Corte si occupa della legge italiana che, a differenza di quella austriaca vieta anche la donazione del seme finalizzata alla fecondazione «in vitro», dando il via libera solo a quella «in vivo». S A N I T À E B I O E T I C A L A N A L I S I D E L L A D E C I S I O N E

Il caso Costa e Pavan

Il caso Costa e Pavan Il caso Costa e Pavan 1 Sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani del 28 agosto 2012 Ricorso n.54270/10 - Causa Costa e Pavan c. Italia All'origine della causa vi è un ricorso proposto da una coppia

Dettagli

Martina Lucia Lanza 1 L OBIEZIONE DI COSCIENZA AL SERVIZIO MILITARE IN EUROPA

Martina Lucia Lanza 1 L OBIEZIONE DI COSCIENZA AL SERVIZIO MILITARE IN EUROPA 1 L OBIEZIONE DI COSCIENZA AL SERVIZIO MILITARE IN EUROPA Gli Stati in cui non si ricorre alla 2 coscrizione obbligatoria Stati che l hanno abolita: Albania, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia,

Dettagli

È LEGITTIMO PREDIRE E SELEZIONARE L UOMO?

È LEGITTIMO PREDIRE E SELEZIONARE L UOMO? Germano Rossini È LEGITTIMO PREDIRE E SELEZIONARE L UOMO? ARGOMENTI PRO E CONTRO LA LEGITTIMITÀ DELLA DIAGNOSI GENETICA PREIMPIANTO INDICE INTRODUZIONE......9 PRIMA PARTE LA PRECOMPRENSIONE DEL GIURISTA-INTERPRETE

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA LIBERTÀ RIPRODUTTIVA E DIRITTI DELLA PERSONA. PRESENTAZIONE Vittoria Franco

SOMMARIO PARTE PRIMA LIBERTÀ RIPRODUTTIVA E DIRITTI DELLA PERSONA. PRESENTAZIONE Vittoria Franco SOMMARIO PRESENTAZIONE Vittoria Franco xi PARTE PRIMA LIBERTÀ RIPRODUTTIVA E DIRITTI DELLA PERSONA L ACCESSO ALLE TECNICHE DI PMA: LIBERTÀ O DIRITTO? 3 1. Premessa 3 2. La procreazione umana: inquadramento

Dettagli

INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI

INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI C 4/2 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 9.1.2015 INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI Informazioni ai sensi dell articolo 76 del regolamento (UE) n. 1215/2012 del Parlamento europeo e del

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Disegno di legge 3098 XVI Legislatura

SENATO DELLA REPUBBLICA Disegno di legge 3098 XVI Legislatura SENATO DELLA REPUBBLICA Disegno di legge 3098 XVI Legislatura Disposizioni in materia di donazione di gameti e embrioni per fini riproduttivi o per la ricerca scientifica Firmatari: Poretti, Perduca. Presentata:

Dettagli

Sesto Protocollo addizionale all Accordo generale concernente i privilegi e le immunità del Consiglio d Europa

Sesto Protocollo addizionale all Accordo generale concernente i privilegi e le immunità del Consiglio d Europa Traduzione 1 0.192.110.36 Sesto Protocollo addizionale all Accordo generale concernente i privilegi e le immunità del Consiglio d Europa Concluso a Strasburgo il 5 marzo 1996 Firmato dalla Svizzera il

Dettagli

NOI E L UNIONE. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno:

NOI E L UNIONE. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: CPIA 1 FOGGIA NOI E L UNIONE EUROPEA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: paese....... stato................... governo......... Europa.......

Dettagli

NORD. Mare del Nord. Regione. germanica. Regione. Regione. italiana. Mar Mediterraneo SUD

NORD. Mare del Nord. Regione. germanica. Regione. Regione. italiana. Mar Mediterraneo SUD Le Regioni europee NORD nordica OCEANO ATLANTICO OVEST britannica Mare del Nord russa EST francese germanica centro- orientale iberica italiana balcanica Mar Nero Mar Mediterraneo L Europa è formata da

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 7.7.2015 L 176/29 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/1089 DELLA COMMISSIONE del 6 luglio 2015 che istituisce massimali di bilancio per il 2015 applicabili ad alcuni regimi di sostegno diretto di cui al

Dettagli

INTEGRAZIONE EUROPEA E POLITICHE. Le tappe principali

INTEGRAZIONE EUROPEA E POLITICHE. Le tappe principali INTEGRAZIONE EUROPEA E POLITICHE. Le tappe principali Laurea magistrale in Turismo, territorio e sviluppo locale Corso: Politiche per lo sviluppo rurale Lezione n. 1 del 2016 LE PRECONDIZIONI DELLA UE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Disegno di legge 907 XVI Legislatura

SENATO DELLA REPUBBLICA Disegno di legge 907 XVI Legislatura SENATO DELLA REPUBBLICA Disegno di legge 907 XVI Legislatura Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme in materia di procreazione medicalmente assistita Firmatario: Sbarbati, Musi, Bianco,

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE 21.6.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 161/29 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 giugno 2011 recante modifica della decisione 2009/719/CE che autorizza determinati Stati membri

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.9.2014 L 280/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 994/2014 DELLA COMMISSIONE del 13 maggio 2014 che modifica gli allegati VIII e VIII quater del regolamento (CE) n. 73/2009

Dettagli

UNIONE EUROPEA* ALCUNI DATI SU GESTIONE RIFIUTI URBANI

UNIONE EUROPEA* ALCUNI DATI SU GESTIONE RIFIUTI URBANI UNIONE EUROPEA* ALCUNI DATI SU GESTIONE RIFIUTI URBANI Fonte: DB Eurostat al 1-1-8 Divisione Ambiente - Innovazione Servizi Ambientali * Oltre ai Paesi dell Unione Europea (attuali e candidati) sono indicati

Dettagli

Donne e lavoro: una marcia in più per l economia italiana

Donne e lavoro: una marcia in più per l economia italiana Conferenza stampa Donne e lavoro: una marcia in più per l economia italiana Roma, 5 febbraio 2008 Gli obiettivi di Lisbona e il ritardo italiano Secondo la strategia di Lisbona, una maggiore e migliore

Dettagli

3. Tribunale Cagliari 16 luglio 2005. Viene sollevata la questione di

3. Tribunale Cagliari 16 luglio 2005. Viene sollevata la questione di Indice delle pronunce sulla legge 40 del 2004 (aggiornato al 15 febbraio 2013 a cura dell Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica) 1. Ordinanza del Tribunale di Catania 3 maggio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: Protocollo n. 2016/ 84383 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, legge 24 dicembre 2012, n. 228. Stati o territori con i quali non sono in vigore accordi per lo scambio

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO DALLA COSTITUZIONE ALLA RIFORMA DEL 2012/2013

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO DALLA COSTITUZIONE ALLA RIFORMA DEL 2012/2013 INDICE SOMMARIO Presentazione............................................ VII CAPITOLO PRIMO DALLA COSTITUZIONE ALLA RIFORMA DEL 2012/2013 1. Una premessa......................................... 1 2.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA Centro di informazione Europe Direct

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA Centro di informazione Europe Direct UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA Centro di informazione Europe Direct CRIE Centro di eccellenza Jean Monnet 13 marzo 2013 LE ISTITUZIONI E GLI ORGANI DELL UNIONE EUROPEA Federica Di Sarcina CRIE Centro

Dettagli

Corte Costituzionale. Organo costituzionale con il compito di vigilare sul rispetto della Costituzione da parte di tutti gli organi dello Stato

Corte Costituzionale. Organo costituzionale con il compito di vigilare sul rispetto della Costituzione da parte di tutti gli organi dello Stato Corte Costituzionale Organo costituzionale con il compito di vigilare sul rispetto della Costituzione da parte di tutti gli organi dello Stato Disciplina costituzionale La disciplina della Corte costituzionale

Dettagli

Erasmus+ Bando Invito a presentare proposte EAC/A04/ Programma Erasmus+

Erasmus+ Bando Invito a presentare proposte EAC/A04/ Programma Erasmus+ Titolo Programmi e bandi di gara Erasmus+ Bando 2015 Invito a presentare proposte 2015 - EAC/A04/2014 - Programma Erasmus+ Oggetto Bando 2015 nell ambito del programma Erasmus+ a sostegno dei settori dell

Dettagli

Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita

Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita Sandra Santucci Medico Genetista Dipartimento di Cure Primarie Azienda Usl Modena Embrioni crioconservati Presente e futuro Modena 11 maggio 20013 Nel febbraio

Dettagli

IL NUOVO APPELLO C.D. FILTRATO. Il legislatore, dopo aver alla fine dell anno scorso con la legge n. 183/2011,

IL NUOVO APPELLO C.D. FILTRATO. Il legislatore, dopo aver alla fine dell anno scorso con la legge n. 183/2011, IL NUOVO APPELLO C.D. FILTRATO Il legislatore, dopo aver alla fine dell anno scorso con la legge n. 183/2011, c.d. legge di stabilità, introdotto una pena pecuniaria in presenza di istanze di sospensione

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 2270

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 2270 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 2270 Disposizioni volte a vietare il ricorso alla pratica della maternità surrogata all'estero 20/06/2016-17:15 Indice 1. DDL S. 2270 - XVII Leg. 1 1.1. Dati

Dettagli

Una riflessione sul primo provvedimento giudiziale post Fornero CENTRO STUDI

Una riflessione sul primo provvedimento giudiziale post Fornero CENTRO STUDI Una riflessione sul primo provvedimento giudiziale post Fornero CENTRO STUDI 26.10.2012 Riflessioni sulla ordinanza del Tribunale di Bologna del 15 Ottobre 2012 Carissimi, Siamo impegnati come Centro Studi

Dettagli

RICHIESTE DI COMPETENZA E TRASFERIMENTI DI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE DA E PER L ITALIA

RICHIESTE DI COMPETENZA E TRASFERIMENTI DI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE DA E PER L ITALIA Cod. ISTAT INT00058 Settore di interesse: Popolazione e famiglia; condizioni di vita e partecipazione sociale RICHIESTE DI COMPETENZA E TRASFERIMENTI DI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE DA E PER L

Dettagli

RETE DEI PRESIDENTI DELLE CORTI SUPREME DELL UNIONE EUROPEA. Bollettino n. 18 Ottobre 2011

RETE DEI PRESIDENTI DELLE CORTI SUPREME DELL UNIONE EUROPEA. Bollettino n. 18 Ottobre 2011 RETE DEI PRESIDENTI DELLE CORTI SUPREME DELL UNIONE EUROPEA Bollettino n. 18 Ottobre 2011 Editoriale del Presidente Griss Durante l ultima Assemblea Generale che si è tenuta a Sofia il 13 ottobre 2011,

Dettagli

INDICE. 1 La filiazione legittima 1. Prefazione

INDICE. 1 La filiazione legittima 1. Prefazione Prefazione XV 1 La filiazione legittima 1 1.1 II rapporto di filiazione: linee evolutive e valori di riferimento 1 1.2 Lo "status" di figlio legittimo: i presupposti della legittimità 2 1.3 La presunzione

Dettagli

1.1. Il diritto a procreare: la rilevanza costituzionale delle scelte inerenti alla procreazione

1.1. Il diritto a procreare: la rilevanza costituzionale delle scelte inerenti alla procreazione INDICE SOMMARIO Parte I PROCREAZIONE Capitolo I La procreazione (S. ORRUv)................ Pag. 3 1.1. Il diritto a procreare: la rilevanza costituzionale delle scelte inerenti alla procreazione................................»

Dettagli

Riunione Informativa Programma Erasmus+ Mobilità per Studio A.A. 2016/17. Finalità

Riunione Informativa Programma Erasmus+ Mobilità per Studio A.A. 2016/17. Finalità Riunione Informativa Programma Erasmus+ Mobilità per Studio A.A. 2016/17 Finalità Il programma Erasmus+ Mobilità per Studio consente agli studenti di trascorrere un periodo di studi presso un Università

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 2004 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice FRANCO Vittoria COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 FEBBRAIO 2008 Norme in materia di procreazione medicalmente

Dettagli

Osservazioni ( 2 ) Parere Circostanziato ( 3 ) EFTA ( 4 ) TR ( 5 ) Belgio Bulgaria

Osservazioni ( 2 ) Parere Circostanziato ( 3 ) EFTA ( 4 ) TR ( 5 ) Belgio Bulgaria 10.6.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 131/3 Informazione fornita dalla Commissione in conformità dell'articolo 11 della direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 giugno

Dettagli

NORME GENERALI - Conversione / Rinnovo Patente Estera Ultimo aggiornamento Mercoledì 01 Giugno :50. Norme Generali

NORME GENERALI - Conversione / Rinnovo Patente Estera Ultimo aggiornamento Mercoledì 01 Giugno :50. Norme Generali Norme Generali E possibile effettuare la conversione senza esami solo ai titolari di patente EXTRACOMUNITARIA residenti in Italia da meno di quattro anni al momento della presentazione della domanda (

Dettagli

PC.DEC/ Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa 24 novembre 2005 Consiglio Permanente ITALIANO Originale: INGLESE

PC.DEC/ Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa 24 novembre 2005 Consiglio Permanente ITALIANO Originale: INGLESE Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa 24 novembre Consiglio Permanente ITALIANO Originale: INGLESE 581 a Seduta plenaria PC Giornale N.581, punto 2 dell ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

Definizione di doppia imposizione internazionale

Definizione di doppia imposizione internazionale Definizione di doppia imposizione internazionale Doppia imposizione giuridica: imposizione di imposte similari di due (o più) Stati in capo al medesimo contribuente sul medesimo presupposto impositivo

Dettagli

MODULO DI CONSENSO INFORMATO

MODULO DI CONSENSO INFORMATO MODULO DI CONSENSO INFORMATO per il trattamento della tecnica di procreazione medicalmente assistita di I livello inseminazione semplice con donazione di sperma DICHIARAZIONE DI CONSENSO INFORMATO PER

Dettagli

All avanguardia nella prevenzione delle malattie genetiche

All avanguardia nella prevenzione delle malattie genetiche MEDICINA GENOMICA TEST GENETICO PER PORTATORI All avanguardia nella prevenzione delle malattie genetiche Dexeus Si quieres Salute recibir della información donna más detallada, ponte en contacto con nuestro

Dettagli

LEGISLAZIONE DEL TURISMO: DIRITTO COSTITUZIONALE

LEGISLAZIONE DEL TURISMO: DIRITTO COSTITUZIONALE LEGISLAZIONE DEL TURISMO: DIRITTO COSTITUZIONALE Diritto = insieme di norme giuridiche fornite di sanzione. Diritto: 1) soggettivo = pretesa. Diritto di libertà negativa; diritto di libertà positiva (diritto

Dettagli

Deliberazione n. 5/2016/PAR. Corte dei conti. Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 gennaio 1978 n. 21 e

Deliberazione n. 5/2016/PAR. Corte dei conti. Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 gennaio 1978 n. 21 e Deliberazione n. 5/2016/PAR Repubblica italiana Corte dei conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai magistrati: Dott. Francesco Petronio Dott. ssa Maria Paola Marcia Dott. ssa

Dettagli

La natura giuridica. Si tratta di un regolamento e non di una direttiva. Norma immediatamente applicabile nell ordinamento interno degli stati membri

La natura giuridica. Si tratta di un regolamento e non di una direttiva. Norma immediatamente applicabile nell ordinamento interno degli stati membri Dublino Il Regolamento (CE), 343/2003 del Consiglio del 18 febbraio 2003 che stabilisce I criteri e i meccanismi di determinazione dello stato membro competente per l esame di una domanda di asilo presentata

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... Avvertenza... NORME FONDAMENTALI DELL UNIONE EUROPEA

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... Avvertenza... NORME FONDAMENTALI DELL UNIONE EUROPEA INDICE SOMMARIO Abbreviazioni... Avvertenza... pag. XIII XV NORME FONDAMENTALI DELL UNIONE EUROPEA I TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA TRATTATO sull Unione europea (Maastricht, 7 febbraio 1992)... 3 II. TRATTATO

Dettagli

CATALOGO DATABASE MIGRA-EUROMED MIGRAZIONI NEI PAESI EUROPEI

CATALOGO DATABASE MIGRA-EUROMED MIGRAZIONI NEI PAESI EUROPEI CATALOGO DATABASE MIGRA-EUROMED MIGRAZIONI NEI PAESI EUROPEI 1. POPOLAZIONE Fonte : WORLD BANK Banca World Development Indicators 1. Densità della popolazione 2. Tasso di crescita della popolazione (%)

Dettagli

ADR: Accord Européen Relatif au Transport International des Marchandises Dangereuses par Route

ADR: Accord Européen Relatif au Transport International des Marchandises Dangereuses par Route ADR: Accord Européen Relatif au Transport International des Marchandises Dangereuses par Route (European Agreement concerning the International Carriage of Dangerous Goods by Road) L European Agreement

Dettagli

IL FEDERALISMO VERSO L ALTO L UNIONE EUROPEA

IL FEDERALISMO VERSO L ALTO L UNIONE EUROPEA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2012 1 Capitolo V. Il federalismo all insu IL FEDERALISMO VERSO L ALTO L UNIONE EUROPEA Perché esiste l Unione Europea? Aspetti politici: la

Dettagli

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1.

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. 1. Ordinanza del Tribunale di Catania 3 maggio 2004 Negato il diritto ad eseguire la

Dettagli

Benvenuti al Parlamento europeo

Benvenuti al Parlamento europeo Benvenuti al Parlamento europeo Leone RIZZO Leone.rizzo@ep.europa.eu Unità Visite e Seminari, DG Comunicazione Obiettivi dell UE Pace Stabilità Sostenibilità Libertà e sicurezza Solidarietà Articolo 3,

Dettagli

29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/39

29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/39 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/39 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 27 marzo 2014 concernente un contributo finanziario dell Unione a favore di un piano coordinato di

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA Mettere insieme le sovranità significa che gli Stati membri delegano alcuni dei loro poteri decisionali alle istituzioni comuni in modo che le decisioni su questioni

Dettagli

In Italia la percentuale di persone con un lavoro regolare è in media del 60%, con un evidente gradiente nord-sud [figura 1].

In Italia la percentuale di persone con un lavoro regolare è in media del 60%, con un evidente gradiente nord-sud [figura 1]. Il lavoro Il lavoro e il tempo libero dovrebbero essere una fonte di salute per le persone. Il modo in cui la società organizza il lavoro dovrebbe contribuire a creare una società sana. La promozione della

Dettagli

QUANTO CONOSCIAMO L UNIONE EUROPEA?

QUANTO CONOSCIAMO L UNIONE EUROPEA? QUANTO CONOSCIAMO L UNIONE EUROPEA? 5^ALT Marini Laura Popolo Francesco Motta Matteo Porro Luca Boccia Luca 31/05/2013 L'EUROPA E LA CRISI 1 MODALITÀ DI LAVORO Questionario somministrato a studenti di

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI E CIRCOSCRIZIONALI DEL MAGGIO 2011 D A T I E L E T T O R A LI

ELEZIONI COMUNALI E CIRCOSCRIZIONALI DEL MAGGIO 2011 D A T I E L E T T O R A LI SETTORE SERVIZI AL CITTADINO UFFICIO ELETTORALE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- ELEZIONI COMUNALI E CIRCOSCRIZIONALI

Dettagli

Interpretazione delle norme comunitarie

Interpretazione delle norme comunitarie Interpretazione delle norme comunitarie Anche nel diritto comunitario, come in quello interno, la singola norma va interpretata reinserendola nel sistema dell ordinamento comunitario, alla stregua dei

Dettagli

DECISIONI DELLA CORTE COSTITUZIONALE

DECISIONI DELLA CORTE COSTITUZIONALE DECISIONI DELLA CORTE COSTITUZIONALE (da n. 208/2007 a n. 217/2007) CORTE COSTITUZIONALE; ordinanza n. 208/2007 (G.U.,1ª s.s., n. 25 del 27 giugno 2007) ministero avverso le sentenze di proscioglimento

Dettagli

Le competenze dell'ue

Le competenze dell'ue Le competenze dell'ue 1951 CECA sei paesi fondatori pace, integrazione europea, incremento occupazione 1957 CEE EURATOM creazione di un mercato comune, un'unione doganale ed estensione dell'integrazione

Dettagli

La protezione internazionale in Italia. Il diritto d asilo

La protezione internazionale in Italia. Il diritto d asilo La protezione internazionale in Italia Il diritto d asilo Il diritto d asilo è annoverato tra i diritti fondamentali dell uomo, riconosciuti e salvaguardati dall ordinamento italiano. La nostra Costituzione

Dettagli

PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE NELL ORDINAMENTO EUROPEO

PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE NELL ORDINAMENTO EUROPEO PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE NELL ORDINAMENTO EUROPEO Principio di non discriminazione in ragione della nazionalità (trattati europei). Divieto di discriminazione in ragione della nazionalità = nella

Dettagli

E' stato cambiato l'articolo della convenzione tra Italia e Lussemburgo relativa allo scambio di informazioni anche per gli intermediari finanziari.

E' stato cambiato l'articolo della convenzione tra Italia e Lussemburgo relativa allo scambio di informazioni anche per gli intermediari finanziari. LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI COL LUSSEMBURGO: VERSO L'INIZIO DELLA FINE DEL SEGRETO a cura di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione L art. 27 integrato prevede la possibilità, per i due stati, di chiedere

Dettagli

Diritto internazionale privato e Convenzione europea dei diritti dell uomo

Diritto internazionale privato e Convenzione europea dei diritti dell uomo Diritto internazionale privato e Convenzione europea dei diritti dell uomo Programma della lezione Considerazioni generali sulle relazioni tra diritto internazionale privato e diritti umani Esempi di interazione

Dettagli

DECRETO 28 dicembre 2016, n (GU n.40 del ) *** ATTO COMPLETO ***

DECRETO 28 dicembre 2016, n (GU n.40 del ) *** ATTO COMPLETO *** 1 di 5 17/02/2017 21:35 DECRETO 28 dicembre 2016, n. 265 Regolamento recante norme in materia di manifestazione della volonta' di accedere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita, in attuazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. INTRODUZIONE AL SISTEMA DI tutela dei diritti umani dinanzi alla corte europea dei diritti dell uomo

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. INTRODUZIONE AL SISTEMA DI tutela dei diritti umani dinanzi alla corte europea dei diritti dell uomo PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO AFFARI GIURIDICI E LEGISLATIVI DAGL 2 INTRODUZIONE AL SISTEMA DI tutela dei diritti umani dinanzi alla corte europea dei diritti dell uomo LA CONVENZIONE

Dettagli

LA CITTADINANZA DELL UNIONE EUROPEA

LA CITTADINANZA DELL UNIONE EUROPEA LA CITTADINANZA DELL UNIONE EUROPEA Chi ha diritto a fregiarsi del titolo di cittadino dell UE? Tutti coloro che hanno la cittadinanza di uno dei 27 Stati membri. (Ciascun Stato membro determina con proprie

Dettagli

440 a SEDUTA PLENARIA DEL CONSIGLIO

440 a SEDUTA PLENARIA DEL CONSIGLIO PC.JOUR/440 Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa Consiglio Permanente ITALIANO Originale: INGLESE dei Paesi Bassi 440 a SEDUTA PLENARIA DEL CONSIGLIO 1. Data: giovedì Inizio: ore

Dettagli

PARAMETRI DI MAASTRICHT: MENO DI 1 PAESE SU 2 LI RISPETTA

PARAMETRI DI MAASTRICHT: MENO DI 1 PAESE SU 2 LI RISPETTA Ufficio Studi CGIa News del 25 febbraio 2017 PARAMETRI DI MAASTRICHT: MENO DI 1 PAESE SU 2 LI RISPETTA Secondo l elaborazione effettuata dall Ufficio studi della CGIA, tra i 28 Paesi che compongono l Unione

Dettagli

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1.

Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. Indice delle pronunce sulla Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita 1. 1. Ordinanza del Tribunale di Catania 3 maggio 2004 Negato il diritto ad eseguire la

Dettagli

Si allega per le delegazioni un documento sulla questione in oggetto approvato dal Consiglio GAI il 20 luglio 2015.

Si allega per le delegazioni un documento sulla questione in oggetto approvato dal Consiglio GAI il 20 luglio 2015. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 22 luglio 2015 (OR. en) 11130/15 ASIM 62 RELEX 633 NOTA Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni n. doc. prec.: 10830/2/15 REV 2 ASIM

Dettagli

Sentenze interessanti N.27/2012 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA.

Sentenze interessanti N.27/2012 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA. N. 02623/2012 REG.PROV.COLL. N. 00111/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato

Dettagli

CORSO DI DIRITTO AMMINISTRATIVO a.a

CORSO DI DIRITTO AMMINISTRATIVO a.a CORSO DI DIRITTO AMMINISTRATIVO a.a. 2015-2016 Dott.ssa Nicoletta Vettori DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIURIDICI Corso di laurea in Economia e Commercio AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Amministrazione pubblica

Dettagli

I bilanci dell'istruzione sotto pressione negli Stati membri

I bilanci dell'istruzione sotto pressione negli Stati membri COMMISSIONE EUROPEA COMUNICATO STAMPA Bruxelles, 21 marzo 2013 I bilanci dell'istruzione sotto pressione negli Stati membri L'investimento nell'istruzione si è ridotto in otto dei venticinque Stati membri

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 2014 è prevista la raccolta

Dettagli

Convenzione Internazionale sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle do nne

Convenzione Internazionale sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle do nne Convenzione Internazionale sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle do nne 1. QUADRO INTERNAZIONALE Convenzione sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione

Dettagli

L esecuzione delle sentenze della Corte europea dei diritti dell uomo. con particolare riferimento all esecuzione nell ordinamento italiano

L esecuzione delle sentenze della Corte europea dei diritti dell uomo. con particolare riferimento all esecuzione nell ordinamento italiano L esecuzione delle sentenze della Corte europea dei diritti dell uomo con particolare riferimento all esecuzione nell ordinamento italiano Programma della lezione Conseguenze dell illecito nel diritto

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA Parte I. Aspetti tecnico-normativi di diritto interno 1) Obiettivi e necessità dell intervento normativo. Coerenza con il programma di Governo. Il Protocollo, firmato il 9 dicembre

Dettagli

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ;

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ; VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ; VISTO il R.D. 23 maggio 1924, n. 827, concernente il regolamento

Dettagli

La coppia e l infertilità per cause genetiche

La coppia e l infertilità per cause genetiche La compromissione su base genetica della funzionalità riproduttiva, per la presenza di anomalie cromosomiche o geniche, si manifesta con quadri clinici che vanno dalla sterilità all'infertilità. I fattori

Dettagli

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tipo record 6 - Capacità ricettiva - dal gennaio 2012 al dicembre 2012 - PROVINCIA DI VARESE (tutti i 141 Comuni) La consistenza è riferita al mese di dicembre

Dettagli

Quando scricchiola un paradigma

Quando scricchiola un paradigma Quando scricchiola un paradigma L orientamento sessuale e il diritto Prof. Paolo Veronesi (UniFe) Paradigma = Modello Orientamento sessuale Carta di Nizza (2000) Indice dei temi La depenalizzazione dei

Dettagli

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune

Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tracciato record modello Istat MOV/C per Comune Tipo record 6 - Capacità ricettiva - dal gennaio 2012 al dicembre 2012 - LAGO MAGGIORE La consistenza è riferita al mese di dicembre 2012 Bed & Breakfast

Dettagli

Sintesi statistiche sul turismo. Estratto di Sardegna in cifre

Sintesi statistiche sul turismo. Estratto di Sardegna in cifre Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2015 1. Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori..... 3 1.1 - Capacità degli esercizi alberghieri e extra-alberghieri - Sardegna e Italia...

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 17 gennaio 2017

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 17 gennaio 2017 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 gennaio 2017 Modifica degli allegati C e D al decreto 28 dicembre 2015, recante l'attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 e della direttiva 2014/107/UE

Dettagli

Passi avanti nella lotta contro l'abbandono scolastico e nella diffusione dell'istruzione superiore, ma sempre più spesso i maschi restano indietro

Passi avanti nella lotta contro l'abbandono scolastico e nella diffusione dell'istruzione superiore, ma sempre più spesso i maschi restano indietro Passi avanti nella lotta contro l'abbandono scolastico e nella diffusione dell'istruzione superiore, ma sempre più spesso i maschi restano indietro (Sintesi da Orizzonte Scuola dell 11 aprile 2013) Eurostat

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DEL SERVIZIO SOCIALE MARTEDÌ 15 MARZO 2011 UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA. V. Bonomo

GIORNATA MONDIALE DEL SERVIZIO SOCIALE MARTEDÌ 15 MARZO 2011 UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA. V. Bonomo GIORNATA MONDIALE DEL SERVIZIO SOCIALE MARTEDÌ 15 MARZO 2011 UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA V. Bonomo 1 L INTERNATIONAL FEDERATION OF SOCIAL WORKERS (IFSW) FONDATA NEL 1956 CON SEDE A BERNA (SVIZZERA) È UNA

Dettagli

PARTE II: CHI FA COSA

PARTE II: CHI FA COSA Disposizioni in materia di trapianti di organi effettuati all estero stabilite dal Decreto Ministeriale (D.M.) 31 marzo 2008 operativo dall 8 maggio 2008. Nota di sintesi del Centro Nazionale Trapianti

Dettagli

REGIONI TOTALE ITALIANI TOTALE GENERALE

REGIONI TOTALE ITALIANI TOTALE GENERALE AZIENDA AUTONOMA U.O.B. -STATISTICA E GESTIONE DEL PORTALE GENNAIO 2005 GENNAIO 2006 DIFFERENZA FEBBRAIO 2005 FEBBRAIO 2006 DIFFERENZA MARZO 2005 MARZO 2006 DIFFERENZA Esercizi 16 Esercizi 19 Esercizi

Dettagli

Il rinvio pregiudiziale

Il rinvio pregiudiziale Diritto delle organizzazioni internazionali a.a. 2013/2014 Il rinvio pregiudiziale Prof. Marcello Di Filippo (Università di Pisa) marcello.difilippo@sp.unipi.it I motivi che giustificano la previsione

Dettagli

DIRETTIVA 2004/76/CE DEL CONSIGLIO del

DIRETTIVA 2004/76/CE DEL CONSIGLIO del 30.4.2004 IT Gazetta ufficiale dell'unione europea L 157/ 106 DIRETTIVA 2004/76/CE DEL CONSIGLIO del 29.4.2004 che modifica la direttiva 2003/49/CE per quanto riguarda la possibilità per alcuni Stati membri

Dettagli

1. illegittimità costituzionale degli articoli 4, comma 3 (evidenziate le parti cancellate) : ART. 4. (Accesso alle tecniche).

1. illegittimità costituzionale degli articoli 4, comma 3 (evidenziate le parti cancellate) : ART. 4. (Accesso alle tecniche). Commento Sentenza Corte Costituzionale 162/2014 La Corte Costituzionale, nella Camera di Consiglio del 9 aprile 2014, ha dichiarato l illegittimità costituzionale degli articoli 4, comma 3, 9, commi 1

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 10 Febbraio 2015, n 2574 (Pres. Di

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 10 Febbraio 2015, n 2574 (Pres. Di MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. VI civ. 0 Febbraio 05, n 574 (Pres. Di Palma; Rel. Dogliotti) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio Assegno di mantenimento

Dettagli

In questo caso la spesa complessiva verrà coperta dalla tua azienda qualora l invio in cura sia già stato autorizzato dalla Commissione Regionale.

In questo caso la spesa complessiva verrà coperta dalla tua azienda qualora l invio in cura sia già stato autorizzato dalla Commissione Regionale. CURE PROGRAMMATE PRESSO CENTRI DI ELEVATA SPECIALIZZAZIONE ALL ESTERO IN PAESI DELL UNIONE EUROPEA ED IN PAESI EXTRA U.E. CONVENZIONATI PRESSO UNA STRUTTURA PUBBLICA O PRIVATA CONVENZIONATA PER TRAPIANTO

Dettagli

PRIMO GIORNO DELLA VENTITREESIMA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SEDUTA DI APERTURA

PRIMO GIORNO DELLA VENTITREESIMA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SEDUTA DI APERTURA MC(23).JOUR/1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Amburgo 2016 ITALIAN Original: ENGLISH PRIMO GIORNO DELLA VENTITREESIMA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Dettagli

La pratica sportiva in Italia

La pratica sportiva in Italia SALONE D ONORE DEL CONI, FORO ITALICO, ROMA ROMA 23 FEBBRAIO 2017 La pratica sportiva in Italia Giorgio Alleva Presidente Istituto nazionale di Statistica Outline 1 La pratica sportiva in Italia. Le tendenze

Dettagli

I FLUSSI TURISTICI DELL' ALBERGHIERO NEL COMPRENSORIO TURISTICO DEL COMELICO SAPPADA: ANNI

I FLUSSI TURISTICI DELL' ALBERGHIERO NEL COMPRENSORIO TURISTICO DEL COMELICO SAPPADA: ANNI I FLUSSI TURISTICI DELL' ALBERGHIERO NEL COMPRENSORIO TURISTICO DEL COMELICO SAPPADA: ANNI 2005-2015 Premessa In queste pagine viene presentato l'approfondimento per comprensorio turistico della precedente

Dettagli

Deliberazione n. 2/2010/PAR Comune di Fondi

Deliberazione n. 2/2010/PAR Comune di Fondi Deliberazione n. 2/2010/PAR Comune di Fondi REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL LAZIO Nell Adunanza del 21 dicembre 2009 composta dai magistrati Vittorio ZAMBRANO

Dettagli

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE QUADRO DI RIFERIMENTO E LINEE GUIDA DEL PROGETTO Settembre 2009 Service and Documentation

Dettagli

Le norme di riferimento per la sicurezza sono: La Costituzione italiana Le Direttive comunitarie Le Norme di legge nazionali Le Norme regionali Le

Le norme di riferimento per la sicurezza sono: La Costituzione italiana Le Direttive comunitarie Le Norme di legge nazionali Le Norme regionali Le 1 Le norme di riferimento per la sicurezza sono: La Costituzione italiana Le Direttive comunitarie Le Norme di legge nazionali Le Norme regionali Le Norme tecniche e linee guida Il Codice penale Il Codice

Dettagli

DIRITTO COMUNITARIO - PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE E DIRITTO D AUTORE

DIRITTO COMUNITARIO - PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE E DIRITTO D AUTORE MARZO 1995 DIRITTO COMUNITARIO - PRINCIPIO DI NON DISCRIMINAZIONE E DIRITTO D AUTORE Commento a sentenza della Corte di Cassazione Federale Tedesca (BGH) del 21 aprile 1994 IZR 31/92 Rolling Stones Avv.

Dettagli

323 a SEDUTA PLENARIA DEL CONSIGLIO

323 a SEDUTA PLENARIA DEL CONSIGLIO PC.JOUR/323 Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa Consiglio Permanente ITALIANO Originale: INGLESE rumena 323 a SEDUTA PLENARIA DEL CONSIGLIO 1. Data: giovedì Inizio: ore 10.05 Interruzione:

Dettagli

Unioncamere: un 2016 di crescita per un imprenditore su tre

Unioncamere: un 2016 di crescita per un imprenditore su tre Comunicato stampa Unioncamere: un 2016 di crescita per un imprenditore su tre Roma, 2 gennaio - Per una impresa su tre nel 2016 il giro d affari aumenterà. E questo soprattutto grazie allo sforzo di innovazione

Dettagli

Il mercato del lavoro in Europa

Il mercato del lavoro in Europa Il mercato del lavoro in Europa Il diritto di essere piccoli Milano, 6 maggio 2014 Silvia Spattini @SilviaSpattini silvia.spattini@adapt.it Tassi di occupazione 2013 Tasso occupazione totale Tasso occupazione

Dettagli

Deliberazione n. 2/2009/PAR

Deliberazione n. 2/2009/PAR Deliberazione n. 2/2009/PAR Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai Signori: dott. Mario Scano dottor Nicola Leone dott.ssa Maria Paola Marcia

Dettagli