Sommario del 15/05/2015. Il Papa e la Santa Sede

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario del 15/05/2015. Il Papa e la Santa Sede"

Transcript

1 Sommario del 15/05/2015 Il Papa e la Santa Sede Papa a vescovi Centrafrica: promuovere pace e dialogo Il Papa: le comunità paurose e senza gioia non sono cristiane Papa Francesco riceve il presidente della Romania Due sante palestinesi. Padre Bader: speranza per una terra che soffre Il card. Tagle è il nuovo presidente di Caritas Internationalis Il "Treno dei Bambini" torna dal Papa il 30 maggio Emozione tra i poveri per il concerto in Aula Paolo VI Pompili nuovo vescovo di Rieti, Nolè arcivescovo di Cosenza Altre udienze di Papa Francesco Oggi su "L'Osservatore Romano" Oggi in Primo Piano Caos in Burundi. Un missionario: siamo stanchi, vogliamo la pace Medio Oriente: Netanyahu ottiene la fiducia. Mahmoud Abbas dal Papa Italia fanalino di coda in Europa per le politiche familiari Consulta ammette diagnosi preimpianto. Gambino: è selezione genetica A Roma un incontro che guarda al Convegno ecclesiale di Firenze Nella Chiesa e nel mondo Vescovi europei islam: questione centrale la libertà di coscienza Patriarca caldeo a Teheran: l'iran sostiene il popolo iracheno Nepal: per i terremotati è emergenza ospedali Pakistan: vescovi condannano attacco alla comunità ismailita Il card. Salazar Gómez nuovo presidente del Celam Vescovi Africa orientale: media, imprescindibili per la Chiesa Il Papa e la Santa Sede Papa a vescovi Centrafrica: promuovere pace e dialogo Nel vostro Paese, turbato dalla violenza, siete chiamati a favorire il dialogo e la coabitazione pacifica tra gruppi di etnie e religioni diverse. E la viva esortazione rivolta da Papa Francesco ai vescovi del Centrafrica,

2 ricevuti in udienza in occasione della visita ad Limina. Il Pontefice, che ha anche ribadito l importanza del celibato sacerdotale e della formazione umana dei seminaristi, ha poi invitato i presuli a difendere le famiglie ferite dalla povertà, dalle separazioni e dalla colonizzazione ideologica. Il servizio di Alessandro Gisotti: Un popolo che soffre a causa delle violenze e che cerca nel Vangelo la speranza per un futuro di pace. Francesco si rivolge con parole accorate ai vescovi del Centrafrica, che ringrazia per la loro testimonianza coraggiosa, assicurando la sua vicinanza a quanti patiscono da troppi mesi una situazione difficile e dolorosa. Al tempo stesso, il Papa si dice convinto che proprio quando l odio e la violenza si scatenano i cristiani sono chiamati a rispondere con il perdono e l amore. La Chiesa del Centrafrica promuova il dialogo e la coabitazione Francesco chiede dunque ai vescovi del Centrafrica di avere un ruolo profetico nel processo di transizione istituzionale in corso. In particolare, esorta i presuli a testimoniare i valori fondamentali della giustizia, della verità, della probità che sono alla base di ogni rinnovamento, promuovendo il dialogo e la coabitazione pacifica tra i membri delle differenti religioni ed etnie, favorendo anche la riconciliazione e la coesione sociale che è una chiave per l avvenire. Un impegno particolare, sottolinea, deve essere svolto nella formazione delle coscienze dei laici, affinché forti della Dottrina Sociale della Chiesa, possano assumere le proprie responsabilità per trasformare la società secondo il Vangelo e preparare un futuro felice per il popolo. Proteggere la famiglia dalle minacce che la destabilizzano Una parte del discorso del Pontefice è stata poi dedicata alle famiglie che, annota, sono le prime vittime delle violenze e che sono troppo spesso destabilizzate o distrutte in ragione dell allontanamento di uno dei coniugi, della povertà, della discordia, delle separazioni. E fondamentale, ribadisce il Papa, che la famiglie siano protette e difese anche come luogo dove si apprende la cultura del perdono, della pace e della riconciliazione di cui il Centrafrica ha tanto bisogno. Dal Papa dunque l incoraggiamento ai vescovi a prestare alla pastorale familiare tutta l attenzione che merita e a non scoraggiarsi davanti alle resistenze provocate dalle tradizioni culturali, dalla debolezza umana o dalle nuove colonizzazioni ideologiche che si diffondono ovunque. Impegnarsi nella formazione dei sacerdoti con misericordia Il Papa non manca, inoltre, di rivolgere il pensiero alla formazione dei sacerdoti, esortando i pastori a stare sempre loro vicini. In particolare, invita i vescovi centrafricani ad agire con misericordia difronte alle defaillances dei loro preti, a lasciare la porta aperta. La sanzione, commenta, è a volte certamente necessaria ma deve essere l ultimo strumento. Parlando dei seminaristi, Francesco mette l accento sull importanza della formazione spirituale, intellettuale e comunitaria. Tuttavia, chiede di non trascurare la formazione umana e affettiva, affinché i futuri sacerdoti siano capaci di vivere il proprio impegno al celibato, sul quale non può essere accettato alcun compromesso. Il Papa ringrazia infine la Chiesa locale per le tante opere di carità e di promozione umana in favore dei bisognosi e rivolge un pensiero speciale ai religiosi e alle religiose affinché, nell Anno della Vita Consacrata, trovino un occasione di approfondimento della loro vocazione e della loro unione con Cristo. Il Papa: le comunità paurose e senza gioia non sono cristiane Le comunità paurose e senza gioia sono malate, non sono comunità cristiane: è quanto ha detto Papa Francesco nella Messa del mattino a Casa Santa Marta. Il servizio di Sergio Centofanti: Chi ha paura non ha la libertà di guardare avanti Paura e gioia : sono le due parole della liturgia del giorno. La paura afferma il Papa è un atteggiamento che ci fa male. Ci indebolisce, ci rimpiccolisce. Anche ci paralizza. Una persona che ha paura non fa nulla, non sa cosa fare. E concentrata su se stessa, affinché non le succeda qualcosa di male. E la paura ti porta a un egocentrismo egoistico e ti paralizza. Un cristiano pauroso è una persona che non ha capito

3 quale sia il messaggio di Gesù : Per questo Gesù dice a Paolo: Non avere paura. Continua a parlare. La paura non è un atteggiamento cristiano. E un atteggiamento possiamo dire di un anima incarcerata, senza libertà, che non ha libertà di guardare avanti, di creare qualcosa, di fare del bene no, sempre: No, ma c è questo pericolo, c è quell altro, quell altro. E questo è un vizio. E la paura fa male. Per una comunità paurosa tutto è vietato Non avere paura è chiedere la grazia del coraggio, del coraggio dello Spirito Santo che ci invia : Ci sono comunità paurose, che vanno sempre sul sicuro: No, no, non facciamo questo, no, no, questo non si può, questo non si può. Sembra che sulla porta d entrata abbiano scritto vietato : tutto è vietato per paura. E tu entri in questa comunità e l aria è viziata, perché è una comunità malata. La paura ammala una comunità. La mancanza di coraggio ammala una comunità. Distinguere paura e timor di Dio La paura precisa poi il Papa va distinta dal timore di Dio, che è santo, è il timore dell adorazione davanti al Signore e il timore di Dio è una virtù. Ma il timore di Dio non rimpiccolisce, non indebolisce, non paralizza: porta avanti, verso la missione che il Signore dà. Un cristiano senza gioia non è cristiano L altra parola della liturgia è la gioia. Nessuno potrà togliervi la vostra gioia dice Gesù. E nei momenti più tristi, nei momenti del dolore sottolinea il Papa la gioia diviene pace. Invece, un divertimento nel momento del dolore diviene oscurità, diviene buio. Un cristiano senza gioia non è cristiano. Un cristiano che continuamente vive nella tristezza, non è cristiano. E un cristiano che, nel momento delle prove, delle malattie, di tante difficoltà, perde la pace, qualcosa gli manca : La gioia cristiana non è un semplice divertimento, non è un allegria passeggera; la gioia cristiana è un dono, è un dono dello Spirito Santo. E avere il cuore sempre gioioso perché il Signore ha vinto, il Signore regna, il Signore è alla destra del Padre, il Signore ha guardato me e mi ha inviato e mi ha dato la sua grazia e mi ha fatto figlio del Padre E quella la gioia cristiana. Un cristiano vive nella gioia. Comunità paurose e senza gioia sono malate Anche una comunità senza gioia aggiunge il Papa è una comunità ammalata : forse sarà una comunità divertente, ma ammalata di mondanità. Perché non ha la gioia di Gesù Cristo. Così quando la Chiesa è paurosa e quando la Chiesa non riceve la gioia dello Spirito Santo, la Chiesa si ammala, le comunità si ammalano, i fedeli si ammalano. Il Papa conclude con questa preghiera: Innalzaci, Signore, verso il Cristo seduto alla destra del Padre, innalza il nostro spirito. Toglici ogni paura e dacci la gioia e la pace. Papa Francesco riceve il presidente della Romania Papa Francesco ha ricevuto nel Palazzo Apostolico Vaticano il presidente della Romania, Klaus Werner Iohannis, che poi ha incontrato il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin e mons. Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati. Nel corso dei cordiali colloqui riferisce la Sala Stampa vaticana svoltisi nel venticinquesimo anniversario del ristabilimento delle relazioni diplomatiche tra la Santa Sede e la Romania, avvenuto il 15 maggio 1990, si è parlato dei rapporti bilaterali, caratterizzati da una proficua collaborazione, nonché delle relazioni tra le autorità statali con le comunità cattoliche locali, e della buona convivenza tra minoranze. Nel prosieguo della conversazione sono stati affrontati temi che interessano diverse regioni del mondo. Due sante palestinesi. Padre Bader: speranza per una terra che soffre

4 Più di 2 mila persone da tutta la Terra Santa: è la delegazione guidata dal Patriarca latino di Gerusalemme, Fouad Twal, che domenica in Piazza San Pietro parteciperà alla canonizzazione delle beate originarie della terra di Gesù, Maria Alfonsina Danil Ghattas e Maria di Gesù Crocifisso. Le due religiose saranno proclamate sante da Papa Francesco assieme alle beate Giovanna Emilia De Villeneuve e Maria Cristina dell Immacolata Concezione. In Piazza ci saranno il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, e una rappresentanza israeliana. Stamani nella Sala Stampa della Santa Sede, il briefing per presentare le figura delle due suore della Terra Santa. Il servizio di Giada Aquilino: In una regione in cui siamo circondati dalla guerra e dalla morte, Dio ci manda due donne sante a guidarci e Papa Francesco, nell Anno della Vita Consacrata e nel mese di maggio dedicato a Maria Vergine, ci propone queste due figure femminili che ci chiamano a pregare affinché Dio renda i cuori, le menti e le anime più miti. Così padre Rifat Bader, direttore del Centro cattolico per gli studi e i media di Amman, in Giordania, ha presentato suor Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice della Congregazione delle Suore del Rosario di Gerusalemme, vissuta tra il 1843 e 1927, e suor Maria di Gesù Crocifisso, Carmelitana Scalza, vissuta tra il 1846 e Delle prime due sante palestinesi dell epoca moderna padre Bader ha voluto mettere in luce che sono al contempo due sante arabe. Per la loro intercessione sono guariti un ingegnere di Galilea e un bambino siciliano, che domenica saranno presenti in Piazza San Pietro. Il giorno successivo, lunedì, il Patriarca Twal presiederà una Messa di ringraziamento nella Basilica romana di Santa Maria Maggiore, in lingua araba. Il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, rispondendo ai giornalisti, ha precisato che la recente intesa a livello di Commissione bilaterale sul testo dell Accordo globale tra Santa Sede e Stato di Palestina ancora da firmare dalle rispettive autorità e le canonizzazioni di domenica sono indipendenti e quindi i due eventi non possono essere messi in relazione. Le canonizzazioni, ha aggiunto padre Lombardi, saranno seguite via satellite anche in diverse località dello Stato di Palestina, dove ha spiegato padre Bader i cristiani sono il 2% della società. Sul significato della canonizzazione delle due religiose per tutta la Terra Santa, ascoltiamo padre Rifat Bader: R. Gesù Cristo è venuto in questa terra, gli apostoli vivevano qui con Gesù: allora è normale avere dei nuovi santi. È veramente una benedizione di Dio per tutti gli uomini della Terra Santa. Per la Palestina, è un atto di incoraggiamento del Santo Padre verso questa terra che soffre, in una regione sempre infuocata. Ma speriamo che questa canonizzazione possa essere un incoraggiamento di fede per i cristiani e un segno di speranza per tutti i cittadini. D. Sono originarie della Terra Santa: ma come possiamo definirle? R. Sono suore, consacrate, ma sono anche cittadine di una terra che storicamente si chiama Palestina. Adesso Terra Santa significa anche due popoli. Noi arabi, palestinesi, giordani, riconosciamo queste sante come frutto della civiltà araba cristiana, che è qui da tanti anni. È davvero una speranza per i palestinesi, perché loro soffrono tantissimo. Questa speranza anche con la presenza in Piazza San Pietro del presidente Mahmoud Abbas dopodomani sarà pure un incoraggiamento per i palestinesi, affinché possano avere il loro Stato libero. Ma questa non è una festa politica, è una festa spirituale, di fede, per i cristiani prima di tutto, ma anche per tutti i cittadini della regione, affinché abbiano sempre quell umiltà e quella semplicità con la quale queste sante vivevano, mai con la forza o con le armi. D. Madre Maria Alfonsina è la fondatrice delle Suore del Rosario, che è l unica congregazione autoctona di Terra Santa, ancora oggi fortemente presente. Chi era e qual è l insegnamento che ha lasciato? R. Maria Alfonsina, seguendo la volontà della Vergine Maria, ha fondato questa congregazione. È una presenza veramente grandiosa adesso, soprattutto nel campo dell educazione, con tante scuole in Giordania, in Palestina, in Israele, in Libano. E una missione educativa per i musulmani e per i cristiani, perché la loro scuola è aperta a tutti i cittadini, senza discriminazione. Questo è anche un esempio di dialogo per dire che noi siamo sempre aperti a dare un servizio educativo, positivo alle nostre società arabe. D. Questa congregazione è rivolta alle donne arabe. Dal punto di vista della promozione della donna, che esempio ha dato? R. Ai tempi di questa santa, la donna era messa ai margini della società. Parliamo dunque di un coraggio veramente straordinario. Alla fine si è scoperto che la Vergine Maria aveva chiesto a questa suora di fondare la congregazione. D. Parliamo di suor Mariam di Gesù Crocifisso, carmelitana scalza: che esempio ha dato? R. Era una donna analfabeta che ha capito che la forza di Dio passa dall umiltà, dalla semplicità evangelica. Ma si può parlare di questa suora come esempio della gente che soffre a causa dell estremismo: un giovane voleva farle cambiare religione, lei si rifiutò e questo ragazzo provò ad ucciderla. Ma la Madonna, la Vergine Maria, l ha sempre slavata. Questo è un esempio della sofferenza che abbiamo anche nella religione del Medio Oriente. Soffriamo ancora a causa dell estremismo, ma speriamo che le religioni siano sempre un

5 segno di riconciliazione e di pace. La religione non deve mai essere usata per la violenza: è un esempio di semplicità, di umiltà e di pace. D. In piazza con lei e con la folta comunità di Terra Santa domenica ci sarà anche il presidente palestinese Abbas, come ha anticipato. Lo ricordiamo per esempio nella preghiera per la pace in Medio Oriente a giugno dell anno scorso con Papa Francesco: c era anche il Patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo I, e l ex presidente israeliano Shimon Peres. Che esempio ne può nascere per il dialogo in questo momento? R. Non soltanto in Terra Santa, fra palestinesi e israeliani, ma per tutto il Medio Oriente, in Siria, in Iraq, in tutti gli altri Paesi, abbiamo bisogno della riconciliazione e della preghiera. Queste due sante ci danno veramente questo coraggio. Il card. Tagle è il nuovo presidente di Caritas Internationalis L assemblea di Caritas internationalis, in corso a Roma, ha eletto come nuovo presidente il cardinale filippino Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila. Succede al cardinale honduregno Rodriguez Maradiaga. All assemblea, che si svolge sul tema Una sola famiglia umana: prendersi cura del Creato, partecipa anche il teologo peruviano Gustavo Gutierrez. Il sacerdote ha spiegato che la nozione centrale della teologia della liberazione è quella dell opzione preferenziale per i poveri: si tratta ha detto di vedere l'importanza dei poveri nella Chiesa. Ascoltiamo il teologo al microfono di Stefano Leszczynski: R. Abbiamo coscienza che sia un fatto molto importante. E questo ora lo sappiamo meglio rispetto al passato. Allo stesso tempo anche la teologia ha dato un contributo per comprendere che questa lotta è una lotta per la giustizia e la giustizia è al centro del messaggio cristiano. D. La questione ambientale e la questione della povertà, come si legano tra di loro? R. L incontro è in realtà molto complicato, perché coinvolge la questione della morte e la questione della vita: l ultimo significato della povertà è la morte, una morte prematura, una morte ingiusta; e anche il cambiamento climatico, in questa stessa prospettiva, comprende la vita e la morte. La mia risposta in questo momento è certamente teologica. Ma è molto importante che siano in relazione, perché la questione è globale. D. Lei ha detto che l opzione preferenziale per i poveri rappresenta il 90 per cento della teologia della liberazione: oggi che significato assume la teologia della liberazione? R. Lo stesso! Ricordare che il primato dei poveri è missione della Chiesa: questa decisione di solidarietà con i poveri. Papa Francesco ripete questo, sempre! D. Ma è qualcosa che deve rimanere nell ambito della Chiesa o deve toccare tutta la società, anche la società civile e politica? R. Tutti i valori importanti del messaggio cristiano sono umani: quindi, sì! L amore è umano, la giustizia e il rispetto per gli altri sono umani Tutto questo non è proprietà privata della Chiesa! E molto umano. Ma Gesù è molto umano! Il "Treno dei Bambini" torna dal Papa il 30 maggio Sabato 30 maggio approderà da Papa Francesco il nuovo Treno dei Bambini, organizzato ogni anno dal Cortile dei Gentili e rivolto a bambini coinvolti, loro malgrado, in situazioni disagiate. Quest anno, il treno messo a disposizione per la terza volta dalle Ferrovie dello Stato, arriverà nella stazione del Vaticano con a bordo i figli e le figlie di detenuti e detenute provenienti da Roma, Civitavecchia, Latina, Bari e Trani. Quest anno il Cortile dei Bambini ha scelto come tema quello del Volo, perché vuole offrire ai più piccoli che vivono con le loro madri una quotidianità fatta di carcere e allontanamento dagli altri fratelli e a quelli che

6 vivono la separazione dalla loro mamma detenuta, una giornata per volare via ed evadere con la fantasia dalla realtà con cui sono costretti a fare i conti. Il treno raggiungerà la stazione del Vaticano intorno alle e i piccoli con i loro accompagnatori raggiungeranno la sala «Nervi» dove a mezzogiorno in punto accoglieranno Papa Francesco con tanti aquiloni colorati, sempre per rimanere coerenti al tema del Volo, che come scrive il cardinale Gianfranco Ravasi, è il «simbolo dei possibili passaggi tra l interno del carcere, dove vivono le mamme e l esterno dove stanno i figli». Il Cortile dei Gentili ringrazia il Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia, Ladisa S.p.A. e Ferrero S.p.A. che anche quest anno hanno permesso di fornire ai più fragili della società gli strumenti culturali, alternativa al disagio sociale che vivono, e di regalargli, sul piano pedagogico, l incontro e il confronto con il cambiamento. Emozione tra i poveri per il concerto in Aula Paolo VI Grande emozione ieri pomeriggio in Aula Paolo VI per i duemila poveri che hanno partecipato al concerto per le opere di carità di Papa Francesco. E stato il maestro Daniel Oren a dirigere l Orchestra Filarmonica Salernitana e il Coro della Diocesi di Roma in un particolare omaggio a Dante nei 750 anni dalla sua nascita. C era per noi Benedetta Capelli: La musica intensa accarezza le vite ferite dei duemila poveri che affollano l Aula Paolo VI. Profughi, senza tetto, disabili sono in prima fila perché per loro Papa Francesco ha voluto questo particolare omaggio a 750 anni dalla nascita di Dante. La poesia ed i personaggi del sommo poeta come Ulisse, Francesca da Rimini e Beatrice guidano le scelte musicali. E la rappresentazione del cammino dell uomo: dalla selva oscura del peccato fino alla grazia dell incontro con Dio. E la stessa strada percorsa dai tanti che sono lì seduti, rapiti dalla bacchetta del maestro Daniel Oren e dall interpretazione del coro della diocesi di Roma guidato da mons. Marco Frisina. Mons. Diego Ravelli, capoufficio dell Elemosineria Apostolica: R. Questa iniziativa è una nota di carità che semina speranza, gioia nel cuore di tutti. I poveri siamo ciascuno di noi. Nel pentagramma della vita, la sinfonia, la nota, l armonia più bella è quella della carità. È solo questa la musica che sa cambiare il cuore di tutti e rinnovarci nel profondo. L impegno è costante; tra quello che facciamo nel nostro ufficio, quindi la carità silenziosa, fatta di piccoli gesti che dicono l amore del Papa e poi anche queste iniziative che come ha detto proprio Papa Francesco nella Cappella Sistina vogliono esser semplicemente una carezza. E tante volte la carezza è davvero quel gesto capace di dare gioia e speranza. Tra i settemila presenti, i poveri si riconoscono dal sorriso che rivolgono a chi li accompagna al posto d onore, a chi li ha portati lì, idealmente a Papa Francesco. Le difficoltà di ogni giorno svaniscono appena le luci si fanno più basse e la musica cresce. E un regalo davvero inatteso quello che hanno appena ricevuto: R. Io mi chiamo Omar e vengo dalla Somalia. Sono arrivato qui nel 2003 con i barconi. Eravamo 15 persone. Siamo stati quasi sei giorni nel Mediterraneo senza benzina, senza acqua, senza niente da mangiare. Una nave cargo che è passata ha notato che eravamo in difficoltà e ha chiamato la guardia costiera italiana che ci ha accompagnato fino a Lampedusa. Prima lavoravo, ero a Pordenone, ho lavorato per Electrolux. Si stava bene ma l azienda ha fallito e ho perso il lavoro. Mi sono trasferito qui a Roma e ho vissuto con grandi difficoltà perché non avevo niente. Ero in strada. Poi ho trovato una famiglia che si chiama Caritas e loro mi hanno accolto, mi hanno messo nelle loro strutture e adesso vivo bene con loro. Adesso è la mia famiglia. R. Io mi chiamo Roberto. D. Hai questa bella maglia con scritto Siamo una delle famiglie che prega per te R. E una delle maglie che regalano a Papa Francesco, che lui ci regala qui, alle docce che ha fatto sotto il Colonnato di San Pietro. Io sono un abitué e quando non lavoro do una mano come volontario perché anche se vivo per strada mi diverte dare una mano agli altri. D. Qual è la tua storia? R. Dopo la morte di mia madre mi sono anche allontanato un po dalla Chiesa. Dal 97 ho cominciato a fare

7 questa vita, ho ascoltato gente che non dovevo ascoltare e ho avuto un po di problemi con la giustizia Non ho mai rubato, non sono mai stato in galera. Dal 2000 son qui a Roma. D. Papa Francesco ha pensato ai poveri per questo concerto, per la visita in Sistina, per le docce Cosa pensi di lui? R. Io l ho incontrato proprio nella cappella Sistina. Non so come raccontarlo perché bisogna proprio esserci. Quando ci ha fatto la sorpresa di venire e di parlarci sentivo che lui era quasi più emozionato di noi a parlare e si sentiva che aveva un nodo alla gola Per me non è un Papa, è uno di noi. D. Oggi come vivi, sei in strada? R. Sì, dormo qui vicino alle mura. Ogni tanto ho qualche lavoretto che un amica, che mi aiuta da 7 anni, mi ha procurato. Lavoro in un parco giochi a Villa Ada. Non prendo tanto però ho il necessario per vivere e per aiutare un amico che dorme vicino a me. D. Oggi cosa ti aspetti dalla tua vita, cosa chiedi alla tua vita? R. Non chiedo tanto. Avere un piccolo lavoro, una stanza dove la sera quando finisco di lavorare posso ritirarmi, guardare la televisione, mangiare qualcosa. Questo. Non bevo dal 1979 e sto bene. Vedo gli altri che bevono e non risolvono niente. Accanto ai poveri ci sono le persone che ogni giorno condividono le loro fatiche. Sono i volontari della Caritas, della Comunità di Sant Egidio, dell Ordine di Malta e tanti altri. Claudio gestisce due case famiglia: La Gabbianella di Roma e La Coccinella di Velletri. Accompagna 14 disabili al concerto in Aula Nervi: R. Questo è innovativo rispetto al passato ed è rivolto proprio agli umili, ai più poveri. È un gesto bello. D. I suoi ospiti chiedono di Papa Francesco? R. Sì, uno in particolare; si chiama Andrea: lo chiama in continuazione. D. Per fare un lavoro come il vostro, che motivazione devi avere? R. Per fare un lavoro come il nostro, la motivazione deve essere profonda. È un lavoro particolare e anche in questo periodo di crisi noi continuiamo a lavorare. Ad esempio nella casa famiglia di Velletri non percepiamo stipendio, non percepiamo ancora la liquidazione da parte della Regione. La motivazione è forte per continuare a portare avanti questo progetto. D. E non abbandonare queste persone che hanno bisogno R. Non in questo momento, anche se ne hanno tanto bisogno; persone che non hanno più parenti, genitori, soli. Da quasi dieci anni vivono in questa casa ed ora non si sa quale sarà il loro futuro. noi stiamo lottando per restare aperti. Annamaria presta il suo servizio nella Comunità Matteo XXV di Roma, è in Aula Paolo VI con i molti poveri che aiuta: R. Oggi ce ne sono più di cento. Ce ne dovrebbero essere 150. La domenica ce ne sono moltissimi; 150 donne e gli altri sono tutti uomini. La mattina entrano, fanno la doccia, fanno colazione, hanno i panni puliti, si cambiano, poi c è la Messa cattolica alla quale partecipano anche gli ortodossi. Ma in chiesa da noi entrano anche i musulmani; ci diamo la mano per scambiarci la pace. Da noi è così, tutti entrano senza discriminazione, senza divisioni. Poi c è il pranzo. In inverno facciamo un doppio turno. D. Questo invito per il concerto come è stato accolto? R. Benissimo. Noi eravamo tutti entusiasti da subito, anche i poveri; quelli che indossano il cappellino sono tutti nostri. Qualcuno magari non ce l ha ma ce ne sono molti! C è molto entusiasmo. Voi per noi non siete un peso. Siete la ricchezza senza la quale i nostri tentativi di scoprire il volto del Signore sono vani. E la frase del Papa stampata sul libretto del concerto, parole che Pino sente particolarmente sue: R. Non è solo lui a farci sorprese, siamo anche noi che le facciamo a Papa Francesco. Lui ci chiama a dovere, ci ha fatto ritornare in Chiesa. Come si dice? La Chiesa è povera e lui va d accordo con i poveri, lo fa capire a tutti i costi.

8 Pompili nuovo vescovo di Rieti, Nolè arcivescovo di Cosenza Papa Francesco ha nominato nuovo vescovo di Rieti mons. Domenico Pompili, del clero della diocesi di Anagni Alatri, sotto segretario della Conferenza Episcopale Italiana e direttore dell Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali. Succede a mons. Delio Lucarelli, che lascia per raggiunti limiti di età. Mons. Domenico Pompili è nato a Roma il 21 maggio 1963 ed è stato ordinato sacerdote il 6 agosto 1988 per la diocesi di Anagni Alatri. Ha conseguito la Licenza (1990) e il Dottorato (2001) in Teologia Morale presso la Pontificia Università Gregoriana in Roma. Dopo l ordinazione presbiterale, dal 1988 al 1999 ha svolto dapprima il ministero nella diocesi di Anagni Alatri in qualità di Segretario particolare del Vescovo e Direttore dell'ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali. È stato contestualmente Parroco a Vallepietra (Rm). Dal 2000 al 2006 ha svolto il ruolo di Vicario Episcopale per la pastorale, continuando ad essere Direttore dell Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali e Assistente unitario dell Azione Cattolica diocesana. Inoltre è stato Parroco nella Concattedrale di Alatri ( ). Nell ottobre 2005 è stato nominato Aiutante di Studio della Segreteria Generale della Conferenza Episcopale Italiana, con incarichi presso Sat 2000 e Radio in Blu. Dal 2007 è Direttore dell Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana e, dal 2009, è Sotto Segretario della stessa. Inoltre è Segretario della Fondazione Comunicazione e Cultura, Membro del Consiglio di Amministrazione del quotidiano Avvenire, Docente Incaricato di Teologia Morale presso l'istituto Teologico Leoniano di Anagni, dove insegna dal Sempre in Italia, il Papa ha nominato nuovo arcivescovo metropolita di Cosenza Bisignano mons. Francescantonio Nolè, dell Ordine dei Frati Minori Conventuali, finora vescovo di Tursi Lagonegro. Succede a mons. Salvatore Nunnari, che rinuncia per raggiunti limiti di età. Mons. Francescantonio Nolè è nato a Potenza il 9 giugno Entrato nell Ordine dei Frati Minori Conventuali a Ravello nel 1959, ha frequentato la scuola media nel Seminario dell Ordine prima a Ravello e poi a Nocera Inferiore. Ha frequentato gli studi ginnasiali a Portici e dopo l anno di Noviziato ha proseguito gli studi liceali a S. Anastasia. Inviato quindi a Roma al Collegio internazionale Seraphicum per gli studi filosofico teologici, vi ha conseguito il Baccalaureato. Nella Pontificia Facoltà dell Italia Meridionale, Sezione S. Luigi Posillipo, ha ottenuto la Licenza in Teologia Morale. Infine ha conseguito la Laurea in Pedagogia all Università di Cassino. Ha emesso la professione solenne il 1 novembre È stato ordinato sacerdote il 2 settembre Ha ricoperto i seguenti uffici e ministeri: Rettore del Seminario minore dei Frati Minori Conventuali di Nocera Inferiore ( ); Rettore del Seminario Minore di Benevento ( e ); Parroco e Cappellano della Scuola Agenti di Custodia a Portici ( ); Direttore del Centro Missionario Nazionale dei Frati Minori Conventuali ( ); Ministro Provinciale della Provincia religiosa di Napoli ( ). È stato inoltre: Assistente ecclesiastico della FUCI di Benevento; Assistente ecclesiastico della Gioventù francescana, dei Gruppi famiglia e dei Medici Cattolici di Nocera Sarno; Docente di Lettere e di Psicologia della Vita religiosa nel Seminario di Benevento; Docente di Teologia Morale negli Istituti Superiori di Scienze Religiose di Napoli e Capua; Docente di Religione nell Istituto Magistrale di Benevento. Ha tenuto conferenze, esercizi spirituali e missioni, oltre ad aver collaborato a varie pubblicazioni e riviste. Il 4 novembre 2000 è stato eletto alla sede vescovile di Tursi Lagonegro e ordinato vescovo il 10 dicembre successivo. In seno alla Conferenza Episcopale Italiana è Membro della Commissione Episcopale per il Clero e la Vita Consacrata. Altre udienze di Papa Francesco Il Papa ha ricevuto stamani il card. Gerhard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede; e il Signor Daniel Ramada Piendibene, Ambasciatore dell Uruguay, in visita di congedo. Oggi su "L'Osservatore Romano"

9 Come si risponde all'odio e alla violenza: ai vescovi della Repubblica Centroafricana il Papa indica la strada del perdono e della riconciliazione. Senza paura: messa a Santa Marta. Arditi filologi: Antonio Paolucci sui cataloghi della Galleria palatina. Felice Accrocca sul frate che sussurrava ai cavalli: cinquecento anni fa nasceva Felice Porri da Cantalice. Da Pippicalzelunghe agli orrori della guerra: Gabriele Nicolò sui diari di Astrid Lindgren. Il sogno diventato realtà: il cardinale Timothy Michael Dolan a cinquant'anni dalla "Nostra aetate". Oggi in Primo Piano Caos in Burundi. Un missionario: siamo stanchi, vogliamo la pace Caos in Burundi, dove i ribelli dell ex capo dei servizi segreti Niyombare che hanno tentato il golpe contro il presidente Nkurunziza, si sono arresi dopo 24 ore di scontri e decine tra morti e feriti. Almeno due gli ufficiali arrestati, mentre sono riprese le manifestazioni dell opposizione. Tra la gente c è il panico per le ripercussioni che potrebbero scattare: sono già 105 mila, secondo l Onu, i profughi rifugiatisi nei Paesi vicini. Atteso il discorso del presidente Nkurunziza. La testimonianza del padre saveriano Claudio Marano, raggiunto telefonicamente a Bujumbura da Gabriella Ceraso: R. E un guaio molto grosso, speriamo che il presidente riesca ad attirare l attenzione e a dare risposte. Così senz altro non si può andare avanti, nel senso che le manifestazioni non sono manifestazioni, sono distruzioni che danno poi la possibilità alla polizia di intervenire e sparano con le pallottole "normali"; quindi morti, feriti, arresti, macchine bruciate D. Cosa pensa sia necessario? Che la comunità internazionale medi per un dialogo? R. Il Burundi da solo non ci arriverà mai. La comunità internazionale deve assolutamente mettersi insieme, perché se gli americani dicono una cosa, se la comunità europea ne dice un altra, se l Onu ne dice un altra ancora, se l Unione Africana ne tira fuori un altra, è una cosa impressionante! Chiedono al Burundi di mettersi insieme, ma loro non si mettono insieme! D. La gente nel frattempo come vive? R. Nella disgrazia più assoluta. La gente non riesce a trovare da mangiare, non riesce ad andare a lavorare, non riesce ad andare a scuola, non riesce a curarsi. Già il Burundi è uno dei Paesi più poveri del mondo. In questa situazione per la gente è una catastrofe. D. Il golpe almeno da come lo vede lei, è un esperienza totalmente chiusa? Che segno ha lasciato? R. Una grande paura, perché adesso è il "momento di passare ai massacri", nel senso che i quartieri che hanno protestato probabilmente subiranno restrizioni enormi. D. Qual è stato lo spirito con cui la gente ha assistito a questo colpo di Stato? R. Il Burundi è due cose: il Burundi è la città di Bujumbura, il Burundi è l interno del Paese. Questo è molto chiaro. L interno del Paese è in mano al Cndd, il partito del presidente, ed è manipolato come vogliono dal partito al potere. A Bujumbura non è così; è una città, è la capitale dove tutta la gente studia, la gente si interessa, dove insomma c è la possibilità di parlare. La città era veramente festosa, festante per questa situazione di cambiamento, perché l unica cosa che si chiede è questo, riuscire a rimettere il Paese in ordine! Chiaramente non si fa questo passando da una violenza all altra, è logico, però penso che molti sono delusi da questa situazione. Aspettiamo veramente che presidente faccia qualcosa di positivo.

10 D. La speranza che ci possa essere per le elezioni una voce alternativa ad Nkurunziza sussiste o no? R. No, Nkurunziza non accetterà mai lasciare il potere. Speriamo che lo Spirito intervenga là dove l uomo non può intervenire! D. Padre, vuole fare un appello per il Paese, per la gente in base a quello che il suo cuore le detta in questo momento? R. Chiederei a tutti di aiutarci a vivere in pace; cerchiamo di fare qualcosa che sia veramente estremamente positivo per riuscire a mettere tutti insieme. Il dialogo è una cosa straordinaria; bisogna assolutamente rimetterlo in auge e cercare di vedere dove fino ad ora la cosa non ha funzionato, perché sono 60 anni che il Burundi passa dai massacri, alle dittature, alle guerre, non è possibile: bisogna cambiare qualcosa. Aiutateci soprattutto a vivere in pace. Questa è la cosa essenziale. Medio Oriente: Netanyahu ottiene la fiducia. Mahmoud Abbas dal Papa Attesa per l incontro di domani in Vaticano tra Papa Francesco e il presidente palestinese Mahmoud Abbas, intanto in Israele il nuovo governo di Benyamin Netanyahu ha ottenuto la fiducia alla Knesset ma con una maggioranza di appena 61 voti a favore e 59 contrari. Per placare gli animi Netanyahu ha detto che punterà ad una riforma istituzionale che consenta al Paese una maggiore governabilità. Non è un governo, è un circo tuona Isaac Herzog, leader dell opposizione laburista. Ma allo stato dei fatti, esiste la possibilità perché la coalizione composta da ben cinque liste, tutte di destra riesca a tenere? Cecilia Seppia lo ha chiesto a Giorgio Bernardelli esperto dell area: R. E un governo debole ed è una debolezza frutto del modo in cui Benjamin Netanyahu ha vinto le elezioni: con un grosso successo personale avuto, però, a discapito sostanzialmente dei suoi alleati, dei partiti minori della destra, che sono i suoi naturali alleati. Questi hanno fatto sostanzialmente pagare il conto nel momento della formazione del governo: il risultato è, appunto, questa maggioranza estremamente risicata. D. Netanyahu ha messo le mani avanti e ha detto che cercherà di allargare la base della coalizione che punterà poi ad una riforma istituzionale che consenta maggiore governabilità. Però ha incontrato subito lo stop del leader del partito laburista, che non sembra essere molto disponibile in questo senso R. Credo che sia sostanzialmente solo una possibilità perché questa strada di un governo di unità nazionale oggi abbia una qualche possibilità di vedersi realizzata e cioè l uscita di scena di Netanyahu come capo del governo. Forse con un altro esponente del Likud l Unione sionista potrebbe accettare, ma non certamente oggi, di andare a sostenere una maggioranza debolissima come quella che sta guidando Benjamin Netanyahu. D. Tra l altro Netanyahu, oltre alla carica di premier, manterrà anche il dicastero degli Esteri. Pensando alla crisi nell area, ma anche alla politica estera di Israele, come leggere questo fatto? R. E da leggere più in chiave di politica interna che di politica internazionale e dei rapporti con i palestinesi. Netanyahu vuole tenersi aperta una carta, vuole in qualche modo avere un ministero importante da spendere, ma nel programma di questo governo non c è alcun riferimento ad esempio al negoziato con i palestinesi. E proprio un tema espulso dall agenda! Il rischio di questo governo con numeri davvero molto risicati, ma molto compatto da un punto di vista ideologico è che nelle prossime settimane ci siano dei tentativi di colpi di mano, soprattutto sulla questione degli insediamenti. Io mi aspetto nelle prossime settimane un fiorire di gare, di bandi, di costruzioni nella Cisgiordania Questo, però, ovviamente creerà nuovi attriti con la comunità internazionale, portando Israele in una posizione di isolamento ancora più forte.

11 D. Domani il presidente palestinese Mahmoud Abbas incontrerà in Vaticano Papa Francesco, che ovviamente continua il suo forte impegno per la pace. Che cosa ci si aspetta da questa visita? R. Certamente è un segno importante, anche perché segue alla svolta di questi ultimi giorni con la conclusione del negoziato sull accordo bilaterale con lo Stato della Palestina, che da un punto di vista diplomatico è comunque un indicazione chiara della volontà della Santa Sede di continuare, invece, a sostenere quella prospettiva della soluzione dei "due popoli, due Stati" al conflitto israelo palestinese. Detto questo, però, io credo che vada sottolineato soprattutto il legame tra questo incontro e l evento di domenica della canonizzazione delle due sante palestinesi, perché dice anche un po la strada che la Santa Sede sta percorrendo rispetto a questa questione dello Stato palestinese: la Santa Sede sostiene non un qualsiasi Stato palestinese, ma uno Stato palestinese che riconosca pienamente il diritto alla libertà religiosa e primariamente anche la possibilità per le comunità cristiane di vivere in libertà all interno di questo contesto. Italia fanalino di coda in Europa per le politiche familiari Le politiche familiari continuano ad essere marginali in Italia: un punto per cento in meno di Pil rispetto agli altri paesi europei. Per questo, nella giornata internazionale della famiglia, il Forum chiede una netta inversione di tendenza. Anche il presidente Mattarella, in un messaggio, auspica che questo istituto sia "posto al centro delle politiche sociali", perché "fornisce un contributo decisivo. Alessandro Guarasci: Spesso molto proclamata, ma nei fatti poco difesa. E da anni che la famiglia vive un momento difficile. C è chi vorrebbe includere in questo istituto unioni tra persone dello stesso sesso, dimenticando che invece esso nasce dall incontro tra un uomo e una donna. Ma anche la famiglia tradizionale non gode di ottima salute, come dice il presidente del Forum delle Associazioni Familiari Francesco Belletti: Abbiamo un debito di politiche familiari molto grave nel Paese. Ci manca un punto di Pil sulle politiche per la famiglia e per l infanzia. In Europa siamo al 2,2 per cento e noi siamo all 1,4. Vuol dire miliardi che potrebbero essere investiti sull equità fiscale, sul sostegno alle famiglie giovani e sui bambini. Di questo probabilmente il Paese dovrebbe rendersene conto. Quindi noi facendo una giornata sull alleanza tra le generazioni vogliamo mettere proprio a tema questo. Il governo però promette di ridisegnare il welfare familiare. Il bonus bebè è un primo passo. Ora, compatibilmente con i conti pubblici, pensiamo al quoziente famiglia, dice il sottosegretario al Welfare Franca Biondelli: Questo è un orizzonte da perseguire. In ogni legge di stabilità e anche in questa ci sarà sicuramente una particolare attenzione. Gli incontri di questa settimana col dipartimento della famiglia stanno a indicare questa volontà. E un valore aggiunto e forse in questi ultimi anni forse ci siamo un po dimenticati. Consulta ammette diagnosi preimpianto. Gambino: è selezione genetica E illegittima la legge che vieta l accesso alle tecniche di fecondazione assistita e alla diagnosi preimpianto per le coppie fertili, ma portatrici di patologie genetiche. E questa, secondo indiscrezioni riprese da fonti di stampa, la decisione presa dalla Corte Costituzionale in merito alla norma inserita nella legge 40 sulla procreazione assistita. Il pronunciamento si riferisce a due procedimenti avviati da due coppie portatrici di anomalie genetiche. Ora bisogna attendere le motivazioni della sentenza. Su questo provvedimento della Consulta, Amedeo Lomonaco ha chiesto un commento al giurista Alberto Gambino: R. Si dice che ci sono alcune coppie che tecnicamente possono procreare, ma poiché hanno delle patologie genetiche che sono trasmissibili ai figli, in questo caso avrebbero una sorta di "sterilità sociale", non biologica. Quindi, per queste coppie, ci si pone il problema se anziché concepire naturalmente con la possibilità che il feto abbia queste patologie e la coppia poi possa ricorrere un domani all interruzione della gravidanza queste coppie si possano considerare come quelle affette da sterilità e quindi consentire loro l accesso alle tecniche di fondazione e a questo punto, di conseguenza, ammettere questa cosiddetta diagnosi preimpianto che può monitorare lo stato di salute dell embrione. D. Quali derive può aprire questa diagnosi preimpianto?

12 R. Derive di due tipi. Occorre intanto fare attenzione che la diagnosi preimpianto non vada comunque a menomare l embrione. Bisogna poi capire cosa poi comporta come conseguenze, perché ahimè la possibilità di rilevare patologie sono infinite, ma non è detto affatto che queste si riverberino poi sul feto e sul bambino una volta nato. Ci sono tantissimi casi di piccole patologie. A cosa possano poi condurre? Al rifiuto di quell embrione? D. Questa è un decisone figlia di una società che tende a creare nuovamente e continuamente pseudo diritti. Dopo quello ad avere comunque un figlio, si vuole aggiungere anche questo: avere un figlio sano... R. Questo in realtà, già per gran parte è stato superato dalla legge 194: con una legge che consente l interruzione della gravidanza, soprattutto dopo il terzo mese dove ci sono delle lesioni psico fisiche della donna provocate anche dalle patrologie che può avere il feto. Già in quella legge c era questo bilanciamento che sacrificava la vita umana in nome di una perfezione che in quel caso poteva non esserci. Quindi la legge 40 inevitabilmente si confronta con quella legge 194 e sembrerebbe che oggi i giudici costituzionali abbiano trovato una via d uscita che però, evidentemente, significa l eliminazione di quell embrione che non ha tutte le qualità biologiche come dovrebbe essere. D. Dopo questo ulteriore passaggio la legge 40 è demolita o il suo impianto generale resta in parte ancora coerente? R. La Legge 40 aveva un altra impostazione; non era un assegnare dei diritti ad avere dei figli, ma piuttosto voleva rimuovere alcuni ostacoli per chi questi figli non li poteva avere. Invece, soprattutto con l apertura alla fecondazione eterologa che significa avere un figlio geneticamente non proprio, si apre la possibilità anche di scegliere i figli attraverso, a questo punto, la diagnosi preimpianto. Qui il tema è delicatissimo perché rischiamo di aprire ad una selezione anche di quelli che sono i tratti genetici dei figli, l intelligenza e tutta una serie di riferimenti. Davvero, non vorremmo fosse così. A Roma un incontro che guarda al Convegno ecclesiale di Firenze Il Servo del Signore e l umanità degli uomini. Questo il titolo del convegno a Roma e promosso dal gruppo Abele e dalla rivista "Il Regno", in collaborazione con Azione cattolica italiana, Caritas italiana, Cnca, Reti della carità e Movimento dei Focolari, in vista del V Convegno ecclesiale nazionale della Chiesa italiana, che si terrà a Firenze dal 9 al 13 novembre prossimo e avrà come tema In Gesù Cristo, il nuovo umanesimo. Il servizio di Elvira Ragosta: Trasformare gli umanesimi negati in umanesimi riusciti, partendo dal Vangelo. È la sfida del Convegno ecclesiale di Firenze, cui parteciperà anche Papa Francesco, dopo una preliminare tappa a Prato. Il Papa ricorda mons. Galantino ci ha insegnato che il Vangelo è vero ed è possibile, per questo bisogna uscire, annunciare il volto autentico di Dio, abitare il mondo in cui viviamo con condivisione piena ed educare i giovani, molti dei quali sono oggi condannati ad un autismo culturale. Il commento di mons. Nunzio Galantino: "Mi auguro che i protagonisti di questo convegno non siano solamente le associazioni cattoliche, ma che siano tutti coloro i quali intanto impattano con tante forme di umanesimo negato e che quindi abbiano voglia di dare il loro contributo perché questi umanesimi negati possano diventare umanesimi riusciti". Verso il Convegno di Firenze partendo dai poveri è l esortazione del fondatore del gruppo Abele, don Luigi Ciotti: "Dobbiamo ribadire con forza che nella storia di chi fa più fatica la povertà materiale, ma anche quella spirituale, quella di senso, di significato, dobbiamo essere capaci di andare incontro alle persone e di riconoscere questo volto di Dio, questo umanesimo. Poi qui stiamo anche incontrando la storia di chi fa più fatica con la situazione di marginalità, le situazioni più estreme, che chiede alla Chiesa di fare la propria parte come continua a fare, però vogliamo anche lottare perché si affermino veramente la dignità, i diritti, la giustizia per le persone". "Abbiate in voi gli stessi sentimenti di Cristo", questo il titolo dell intervento della teologa Serena Noceti, che ha partecipato alla prima giornata del convegno romano: "Il titolo è tratto dalla Lettera ai Filippesi, al capitolo due, ed apre quel famoso inno cristologico che ci presenta la vicenda, le scelte, le opzioni fondamentali di Gesù, la sua scelta di svuotare se stesso, di abbassarsi, di assumere il posto e il contesto, la condizione di coloro che vivono nel limite senza diritti. È una presentazione di quale sia il volto di Dio, il volto dell uomo che critica ini maniera radicale ogni narcisismo, ogni pretesa di vincere, di affermarsi, di realizzarsi attraverso una forma di dominio sull altro e sugli altri".

13 Nella Chiesa e nel mondo Vescovi europei islam: questione centrale la libertà di coscienza Accompagnare il processo di integrazione dell Islam in Europa perché sia in grado di far propri i valori fondamentali che fondano le civiltà europee, a partire dal rispetto per la libertà di coscienza che è una questione centrale. È questa la grande sfida e il compito che la Chiesa cattolica europea vuole assumersi. È don Andrea Pacini, esperto di dialogo con l islam e coordinatore per il Ccee di questa rete, a tracciare le conclusioni dell incontro su Islam e radicalizzazione, che ha riunito in Svizzera dal 13 al 15 maggio, 35 vescovi e delegati delle conferenze episcopali europee. Islam in Europa: tra chiusure e dialogo Ci sono in atto all interno dell islam europeo almeno due grandi tendenze spiega don Pacini : una tendenza che è di tipo neo tradizionale ed ha maggiori difficoltà ad aprirsi ad una relazione di integrazione nel contesto europeo, senza con questo essere violento. Un altra tendenza altrettanto importante anche se meno organizzata ma che comincia ad esprimersi, è invece persuasa della necessità di una apertura ad un dialogo che porti ad una integrazione all interno dell islam di valori fondamentali come la libertà di coscienza e più in generale il recupero di una dimensione di libertà nella sfera religiosa personale e comunitaria. La grande questione è vedere come queste due tendenze evolveranno. Chiesa deve accompagnare il processo d'integrazione Come Chiesa cattolica ha quindi detto l esperto del Ccee siamo persuasi di non poter pensare o agire ovviamente al posto dei musulmani. Quello che è e sarà l islam è compito loro. Compito nostro è accompagnare in maniera attiva ed efficace questo dibattito di integrazione rendendoci disponibili all ascolto, al dialogo, all interazione in un atteggiamento di prossimità che nello stesso tempo propone quei valori fondamentali che permettono di vivere in maniera pacifica e fruttuosa la convivenza e tra questi la libertà di coscienza è certamente una questione centrale. Una comunità religiosa, sicura della sua fede, non ha paura dell'altro Un punto su cui si è molto insistito qui in Svizzera è l importanza della formazione religiosa per educare le nostre rispettive comunità di fedeli ad una relazione che non sia timorosa dell altro. Una comunità religiosa che è serenamente consapevole di se stessa, non ha bisogno di vedere nell altro un nemico per essere un nemico. Non tutti i musulmani condividono una lettura radicale dell'islam E sulla paura per l Islam, don Pacini ha detto: Non possiamo negare che fenomeni di radicalismo violento stiano avvenendo all interno dell islam. Quello che sta avvenendo nei Paesi del Nord Africa e talora anche in Europa, è una preoccupazione giustificata. Nello stesso tempo bisogna anche essere consapevoli del fatto che in Europa già abitano da molti decenni circa 20 milioni di musulmani e circa 2 milioni in Italia e il fatto che non emergano tensioni particolarmente gravi, dimostra che non tutti condividono una simile lettura radicale e che è possibile costruire itinerari di vissuto condiviso. (R.P.) Patriarca caldeo a Teheran: l'iran sostiene il popolo iracheno Il governo della Repubblica islamica d'iran non esita a sostenere il popolo e il governo iracheni, perchè i due Paesi condividono la stessa storia e la stessa civiltà. E' questa l'impressione raccolta dal patriarca di Babilonia dei caldei, Louis Raphael I, nel corso della sua visita iniziata il 12 maggio in Iran, dove il primate della Chiesa caldea si tratterrà fino al prossimo 22 maggio. Lo riferiscono all'agenzia Fides, fonti del patriarcato caldeo. A Teheran incontro interreligioso A motivare la visita del patriarca caldeo è stato anche l'invito rivolto a lui e ad altri leader religiosi non musulmani, da Yonsei Ali presidente iraniano incaricato per le nazionalità e le minoranze religiose e da Mohammad Shariamatdari, vice presidente iraniano per gli Affari esecutivi. I due rappresentanti del governo di Teheran e il patriarca Luis Raphael, insieme all'arcivescovo caldeo di Teheran, Ramzi Garmou, hanno preso parte mercoledì scorso a un incontro che ha visto anche la partecipazione di un rabbino e di rappresentanti della Chiesa armena apostolica, e della Chiesa Assira d'oriente.

14 L'Iran condanna il terrorismo in Iraq In margine all'incontro, lo Sheikh Yonsei Ali ha ribadito che l'iran sostiene l'integrità territoriale e la sovranità nazionale di tutti i Paesi della regione, messa oggi in pericolo dai gruppi terroristi e estremisti, e si è augurato che il popolo iracheno riesca a espellere i gruppi estremisti e a ristabilire la sicurezza. Il leader iraniano ha anche confermato l'intenzione del suo ufficio di promuovere periodici incontri con rappresentanti delle diverse comunità religiose. Patriarca invoca il dialogo tra cristiani e musulmani e tra sciiti e sunniti Nell'intervento pronunciato durante l'incontro, il primate della Chiesa caldea ha contestato le operazioni di propaganda che dipingono l'iran come un Paese chiuso e retrogrado, ha ricordato il ruolo delle comunità cristiane autoctone nella costruzione della civiltà della regione e ha richiamato il ruolo influente che l'iran potrà assumere a sostegno della stabilità regionale anche sul terreno del dialogo inter religioso, per favorire la convivenza e la collaborazione tra cristiani e musulmani e soprattutto la riconciliazione tra musulmani sciiti e sunniti. Solo così ha sottolineato il patriarca si potrà uscire dalla spirale di guerre e conflitti che stanno insanguinando la regione e fanno soffrire popoli interi. Cristianesimo religione di carità; l'islam religione di misericordia Il cristianesimo ha detto tra l'altro il patriarca è una religione di carità, e anche l'islam è una religione di misericordia. Dio ci giudicherà tutti da come saremo stati caritatevoli e misericordiosi gli uni con gli altri. Al termine dell'incontro Ali Yonsei ha donato al patriarca un quadro raffigurante Maria che porta in braccio Gesù Bambino. I cattolici caldei oggi presenti in Iran sono circa 13mila, e la loro cura pastorale è affidata a otto sacerdoti, compresi due di origine iraniana. (G.V.) Nepal: per i terremotati è emergenza ospedali Migliaia di persone rimaste ferite nel Grande terremoto in Nepal sono in fila davanti ai pochi ospedali rimasti in piedi, nella speranza di essere curate. Secondo il ministero della Salute, 300 ospedali sparsi nei 14 distretti colpiti dal sisma inclusa la capitale Kathmandu hanno riportato gravi danni strutturali, e almeno la metà è stata rasa al suolo. Letti, strumenti e medicinali riferisce l'agenbzia AsiaNews iniziano a scarseggiare. Le testimonianze dei feriti Sanju Thapa, del distretto di Dolakha, è in fila per essere ammessa al Bir Hospital di Kathmandu: Ho perso i miei genitori; io, mio marito e la mia bambina di 3 anni abbiamo gravi ferite alla testa e al petto. Sono due giorni che aspettiamo di essere ricoverati, ma l ospedale dice che non ci sono abbastanza letti e materiali per farci entrare. Mi preoccupa anche la mancanza di denaro, non so se potrò permettermi le medicine quando toccherà a me. Molti malati ricoverati prima di noi continuano a dire che stanno finendo le scorte. Chintamani Pokhrel è in una situazione simile. Ha problemi al fegato, spiega, ma l ospedale dice che la macchina per la dialisi non è disponibile. Sono già sette giorni che aspetto. Se non verrò curato oggi, potrei morire. Che posso fare e dove dovrei andare? La situazione è la stessa in tutti gli ospedali di Kathmandu. La presenza delle organizzazioni cristiane Shanta Bahadur Shrestha, segretario del ministero della Salute, ha dichiarato questa mattina: Le nostre capacità [di assistenza] si sono ridotte in modo notevole perché molti medici sono morti, tante strutture ospedaliere sono crollate e decine di macchinari e scorte medicinali sono state danneggiate. Abbiamo bisogno dell aiuto della comunità internazionale. Per fortuna ha aggiunto tra gli stranieri vi sono molte organizzazioni cristiane, che stanno fornendo cure alle vittime attraverso le loro cliniche mobili. Siamo grati: se non fossero qui, la nostra situazione sarebbe ancora più drammatica. I feriti si curano sotto le tende Anil Kumar Mishra, docente e capo dell Unità epatica del Bir Hospital, spiega: Il disastro ha superato ogni nostra stima. Almeno 450 letti del nostro ospedale sono distrutti. Tutte le sale operatorie sono chiuse. Medicinali e strumenti sono danneggiati. Cerchiamo di curare le persone nelle tende. Migliaia di persone vengono qui per ricevere trattamenti, ma abbiamo mezzi davvero scarsi. La presenza e l'aiuto dei sacerdoti cattolici Intanto, molti Paesi da tutto il mondo hanno inviato squadre di medici in Nepal. Tra questi, le più attive vengono da Stati Uniti, Italia, Cina e India. L ambasciata indiana in Nepal ha riferito che l esercito ha inviato 18 team medici, due ospedali da campo a Lagankel e a Sinamangal (45 letti ciascuno). Finora hanno curato persone, eseguito 183 operazioni chirurgiche e dimesso oltre 71 pazienti. Anche molte organizzazioni cristiane e cattoliche stanno dirigendo cliniche mobili. Padre Bijaya Toppo, gesuita, spiega: I nostri sacerdoti sono venuti da molti Paesi per portare strumenti, scorte medicinali e aiuto, soprattutto sostegno psicologico alle vittime e ai bambini. (C.S.)

15 Pakistan: vescovi condannano attacco alla comunità ismailita L uccisione di persone innocenti solo a causa della loro fede è un crimine inaccettabile. Il governo ha il dovere di individuare i colpevoli e condurli davanti alla giustizia : è quanto dichiara una nota della Commissione Giustizia e Pace dei vescovi pakistani all indomani del massacro in cui hanno perso la vita 47 fedeli ismailiti (anziani, uomini, donne e bambini) e 24 sono rimasti feriti, avvenuto a Karachi mercoledì scorso. I fedeli erano in viaggio su un bus verso il loro luogo di culto (il tempio Jamaat Khana ) quando sei assalitori in moto hanno assaltato il mezzo con armi da fuoco, compiendo una strage. L attentato è stato poi rivendicato dai talabani pakistani. La Chiesa chiede sicurezza per le minoranze religiose Come riferisce l'agenzia Fides, il presidente della Commissione Giustizia e Pace, mons. Joseph Arshad, il direttore nazionale, padre Emmanuel Yousaf, e il direttore esecutivo, il laico cattolico Cecil Chaudhry, esprimono sdegno e condanna per l orribile attacco. Estendendo il cordoglio alle famiglie delle vittime e a tutta la comunità ismaelita, essi pregano per le famiglie delle vittime perché Dio dia la forza di sopportare questa perdita irreparabile, auspicando anche la pronta guarigione dei feriti. I rappresentanti della Commissione chiedono al governo federale e provinciale di adottare misure serie ed efficaci per prevenire tali atrocità e garantire maggiore sicurezza a tutte le minoranze religiose in Pakistan. In Pakistan gli ismailiti sono una piccola minoranza L Ismailismo è una corrente dell'islam sciita. I suoi membri sono chiamati anche settimani perchè riconoscono come legittima successione quella del settimo Imam, Ismail. In Pakistan, su 180 milioni di abitanti al 96% musulmani (divisi tra un 70% di sunniti e un 30% di sciiti), gli ismailiti sono una piccola minoranza di circa 500mila persone. (P.A.) Il card. Salazar Gómez nuovo presidente del Celam Il card. colombiano Rubén Salazar Gómez, arcivescovo di Bogotà, è il nuovo presidente del Consiglio episcopale latinoamericano (Celam), l organismo ecclesiale che riunisce le Conferenze episcopali dei Paesi dell America Latina e del Caribe che ha sede proprio nella capitale colombiana. Nella giornata di ieri riporta l'agenzia Sir sono stati resi noti i risultati delle votazioni che si sono svolte mercoledì pomeriggio a Santo Domingo, durante l Assemblea generale del Celam. Il nuovo presidente succede a mons. Carlos Aguiar Retes Il card. Salazar Gómez, eletto dai vescovi latino americani per il quadriennio , sarà affiancato da due vicepresidenti: mons. Carlos Maria Collazzi, vescovo di Mercedes (Uruguay) e Dom Jose Belisario Da Silva, arcivescovo di Sao Luis de Maranhao (Brasile). Il nuovo presidente succede a mons. Carlos Aguiar Retes, arcivescovo di Tlalnepantla (Messico). Chi è il card. Salazar Gómez Il card. Rubén Salazar Gómez, arcivescovo metropolita di Bogotá, è nato nella capitale colombiana il 22 settembre Il 20 maggio 1967 è stato ordinato sacerdote per l arcidiocesi di Ibagué. Nel 1992 Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo di Cúcuta e nel 1999 arcivescovo di Barranquilla. Nel 2008 è stato eletto presidente dei vescovi della Colombia, incarico confermatogli per un secondo triennio nel Nel frattempo, l 8 luglio 2010, Benedetto XVI lo ha trasferito alla sede metropolitana di Bogotà. È stato creato cardinale nel Concistoro del 24 novembre Il fenomeno dei migranti al centro dell'assemblea del Celam La 35.ma Assemblea ordinaria del Celam si conclude oggi a Santo Domingo, capitale della Repubblica Dominicana. Sono ventidue le Conferenze episcopali del Sudamerica e dei Caraibi che fanno parte del Consiglio. L'incontro ha per tema il bilancio dell ultimo quadriennio e l indicazione delle priorità pastorali per il continente dal 2015 al Uno degli argomenti di riflessione è il fenomeno dell emigrazione che, secondo quanto riferisce l'agenzia Fides, si presenta come molto grave in tanti Paesi americani, tuttavia esiste la coscienza da parte della Chiesa della necessità di accompagnare i migranti. (R.P.) Vescovi Africa orientale: media, imprescindibili per la Chiesa Senza l uso dei social network, la Chiesa non sarà presente nel mondo della generazione digitale, ovvero nel mondo dei giovani : è questo il monito che arriva dal seminario sulle comunicazioni sociali, in corso a Nairobi, in Kenya, e destinato ai responsabili della comunicazione dell Amecea (Associazione dei membri delle Conferenze episcopali nell Africa orientale).

16 Accelerare l avvio di infrastrutture e tracciare nuove strategie mediatiche Duplici gli obiettivi dell incontro, spiega il direttore dell Ufficio Comunicazioni sociali dell Amecea, mons. Charles Kasonde: Creare un forum di discussione per accelerare l avvio di infrastrutture ed opportunità nell ambito della tecnologia della comunicazione e tracciare nuove strategie mediatiche per promuovere l evangelizzazione perché è tempo di valutare come si può procedere, nel modo migliore, verso l obiettivo primario della diffusione e condivisione dell informazione. Usare nuove tecnologie per promuovere nuova evangelizzazione Importante, in quest ambito, il ruolo dei moderni mezzi di comunicazione: Stiamo vivendo sottolinea padre Fabian Pikiti, coordinatore pastorale dell Amecea nell era del mondo digitale e la Chiesa non può rimanere distaccata da questa realtà. Quindi è tempo, per la Chiesa, di trovare il modo per ottimizzare l uso delle tecnologie nella comunicazione, in modo da promuovere l evangelizzazione : infatti, poiché l annuncio del Vangelo riguarda la proclamazione della Parola di Dio a scopo di salvezza, le nuove tecnologie devono diventare uno strumento efficace affinché la Chiesa raggiunga questo scopo. Guardare ai giovani, utenti dei social network Di qui, il richiamo a porre particolare attenzione al mondo giovanile, utente per eccellenza dei social network, e la sottolineatura, per tutti coloro che operano nei dipartimenti di comunicazione delle Conferenza episcopali dell Amecea, ad approfondire la conoscenza e le possibilità offerte dai nuovi mass media. Il Seminario che si concluderà oggi vede partecipanti provenienti da Eritrea, Etiopia, Kenya, Malawi, Sudan, Tanzania, Uganda e Zambia. L evento si tiene a pochi giorni dalla Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, che si celebra domenica prossima, 17 maggio. (I.P.) Bollettino del Radiogiornale della Radio Vaticana Anno LIX no. 135 E' possibile ricevere gratuitamente, via posta elettronica, l'edizione quotidiana del Bollettino del Radiogiornale. La richiesta può essere effettuata sul sito Segreteria di redazione: Gloria Fontana, Mara Gentili, Anna Poce e Beatrice Filibeck, con la collaborazione di Barbara Innocenti. Radio Vaticana 2013 tutti i diritti riservati

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL MESSAGGIO DEL PONTIFICIO CONSIGLIO PER IL DIALOGO INTERRELIGIOSO PER LA FINE DEL RAMADAN

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL MESSAGGIO DEL PONTIFICIO CONSIGLIO PER IL DIALOGO INTERRELIGIOSO PER LA FINE DEL RAMADAN N. 0523 Venerdì 20.10.2006 CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL MESSAGGIO DEL PONTIFICIO CONSIGLIO PER IL DIALOGO INTERRELIGIOSO PER LA FINE DEL RAMADAN CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL MESSAGGIO

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina)

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) I dati riportati nel libro si riferiscono alla data del 31 dicembre 2008 Quadro di sintesi della struttura organizzativa:

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo P R E M E S S A Il progetto educativo esprime "l identità della scuola", ne precisa gli obiettivi e li traduce in termini operativi

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

La Chiesa che educa servendo la carità

La Chiesa che educa servendo la carità 21-23/11/2011 35 Convegno nazionale delle Caritas diocesane Fiuggi (FR) La Chiesa che educa servendo la carità «Si mise ad insegnare loro molte cose» (Mc 6,34) A TU PER TU CON Mons. Giovanni Nervo primo

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona Introduzione alla nuova edizione - Non ha Dio come padre chi non ha la Chiesa come madre. La celebre intuizione di san Cipriano

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Udienza a bambini e ragazzi di Scuole italiane, partecipanti alla manifestazione promossa da La Fabbrica della Pace

Udienza a bambini e ragazzi di Scuole italiane, partecipanti alla manifestazione promossa da La Fabbrica della Pace N. 0358 Lunedì 11.05.2015 Udienza a bambini e ragazzi di Scuole italiane, partecipanti alla manifestazione promossa da La Fabbrica della Pace Dialogo del Papa con i bambini partecipanti all incontro Discorso

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi Card. Stanisław Ryłko Presidente Pontificio Consiglio per i Laici Città del Vaticano GIOVANNI PAOLO II: AMICO DEI GIOVANI Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi 1.

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

DIOCESI DI VERONA A.Ve.S.Ca. Associazione Veronese Scholae Cantorum. canti per l amicizia e la pace in Terra Santa

DIOCESI DI VERONA A.Ve.S.Ca. Associazione Veronese Scholae Cantorum. canti per l amicizia e la pace in Terra Santa DIOCESI DI VERONA A.Ve.S.Ca. Associazione Veronese Scholae Cantorum FRATELLI IN CRISTO canti per l amicizia e la pace in Terra Santa Incontri di preghiera e canto corale novembre - dicembre 2011 XXV di

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

APPARIZIONI DI GIOVANNI PAOLO II A CAVARZERE

APPARIZIONI DI GIOVANNI PAOLO II A CAVARZERE APPARIZIONI DI GIOVANNI PAOLO II A CAVARZERE Traduzione dell articolo pubblicato il mese di Marzo 2011 dalla rivista Cattolica francese L APPEL DU CIEL APPARIZIONI DI GIOVANNI PAOLO II Nel 2005, in occasione

Dettagli

INDIRIZZO DI OMAGGIO AL SANTO PADRE RIVOLTO DAL PRESIDENTE DELL AMCI NELL UDIENZA DEL 15 NOVEMBRE 2014

INDIRIZZO DI OMAGGIO AL SANTO PADRE RIVOLTO DAL PRESIDENTE DELL AMCI NELL UDIENZA DEL 15 NOVEMBRE 2014 INDIRIZZO DI OMAGGIO AL SANTO PADRE RIVOLTO DAL PRESIDENTE DELL AMCI NELL UDIENZA DEL 15 NOVEMBRE 2014 Padre Santo, Gratitudine, gioia e commozione sono i sentimenti che, a nome della Presidenza, del nostro

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli