Il Piano Energetico di Pieve di Cento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piano Energetico di Pieve di Cento"

Transcript

1 Dipartimento di Chimica Industriale Toso Montanari UNIVERSITA DI BOLOGNA Il Piano Energetico di Pieve di Cento Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna CIRI ENERGIA & AMBIENTE 16 Luglio 2013

2 THE DECARBONIZATION PATHWAYS ANALYSED ARE SUSTAINABLE, TECHNICALLY FEASIBLE, AND HAVE A POSITIVE IMPACT ON THE ECONOMY

3 PIANO ENERGETICO EUROPEO AL 2050 Obiettivi Europa Solare 2050 Ridurre le emissioni di anidride carbonica del % Ridurre i consumi finali del 42% energie rinnovabili all % sul consumo finale costerà 256 euro a famiglia ogni anno Rinnovabili Nucleare Combustibili fossili Aprile 2010

4 L Europa ha messo in atto il primo stadio della strategia Nuova direttiva 2012 Emissioni Rinnovabili Prevenzione Fonte: A new directive on energy efficiency DG ENERGY European Commission 22 June 2011

5 Quale futuro energetico? Consumo Finale Lordo italiano (anno 2009) = 132,7 MTEP 94% petrolio 1,4% gas 2,4% rinnovabili 43% gas naturale 18% carbone 24% rinnovabili Trasporti 42,5 MTep Termico 65,3 MTep Elettrico 24,9 MTep Verso una società elettrica rinnovabile nel ,9 MTEP riscaldamento 60% gas naturale 24% petrolio 4% carbone 4% rinnovabili Oggi occorre una strategia di transizione per gestire l energia termica rinnovabile (Fonte: Bilancio Energetico 2009, Ministero dello Sviluppo Economico)

6 PREVENZIONE Fonte: A new directive on energy efficiency DG ENERGY European Commission 22 June 2011

7 NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULL EFFICIENZA ENERGETICA (approvata Giugno 2012) Riduzione dei consumi interni lordi del 20% al 2020 AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Luglio 2013-luglio 2015 Luglio rinnovare il 3% annuale degli edifici aventi superficie calpestabile oltre 500 mq rinnovare il 3% annuale degli edifici aventi superficie oltre 250 mq IMPRESE ENERGETICHE Riduzione del 10% della vendita di energia ad un ritmo del 1,5% annuo AUDIT ENERGETICI IN TUTTE LE CASE E IMPRESE INDUSTRIALI Gli Stati membri promuovono la disponibilità, per tutti i clienti finali, di audit energetici dai costi contenuti e svolti in maniera indipendente da esperti qualificati o accreditati.

8 NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULL EFFICIENZA ENERGETICA (approvata Giugno 2012) Articolo 9 Sanzioni Gli Stati membri fissano le norme relative alle sanzioni applicabili in caso di inosservanza delle disposizioni nazionali adottate ai sensi degli articoli 6 e 8 e adottano le misure necessarie per garantirne l'applicazione. Le sanzioni devono essere efficaci, proporzionate e dissuasive. Gli Stati membri notificano tali disposizioni alla Commissione entro e non oltre il [12 mesi dall'entrata in vigore della presente direttiva] e provvedono a notificarle immediatamente le eventuali modifiche successive.

9 PREVENZIONE NUOVA DIRETTIVA 2012/27/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 25 Ottobre 2012 Obiettivo 2020: ITALIA - 23,4% del consumo primario di energia - 14,7% del consumo finale di energia Consumi finali al 2020 (BAU): 131,2 Mtep Consumi primari al 2020 (BAU): 208,8 MTEP Riduzione dei consumi al 2020: 49,0 MTEP Consumi max di energia primaria al 2020: 159,8 MTEP Traiettoria indicativa per centrare l obiettivo S2014 = 0,30 (S2020-S2005) = 14,7 Mtep S2016 = 0,45 (S2020-S2005) = 22,0 MTep S2018 = 0,65 (S2020-S2005) = 31,8 MTep PAEE 2011: - 22,3% al 2020

10 ENERGIE RINNOVABILI DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 Obiettivo 2020: ITALIA 17% del consumo finale di energia da fonti rinnovabili 10% del consumo finale di energia nei trasporti da fonti rinnovabili Consumi finali al 2020 (BAU): 131,2 Mtep Energia da fonte rinnovabile al 2020: 22,3 Mtep Energia da fonte rinnovabile al 2005: 6,9 Mtep Quota di energia da colmare al 2020: +15,4 MTep Traiettoria indicativa per centrare l obiettivo S2012 = 0,20 (S2020-S2005) = 3,1 MTep S2014 = 0,30 (S2020-S2005) = 4,6 Mtep S2016 = 0,45 (S2020-S2005) = 6,9 MTep S2018 = 0,65 (S2020-S2005) = 10,0 MTep

11 Traiettoria indicativa: stato di avanzamento ,3 MTEP/anno FER 2008 = 9,3 MTEP FER 2009 = 11,0 MTEP +1,7 MTEP Abbiamo cambiato marcia! Possiamo farcela!

12 LA NORMATIVA EUROPEA PONE IN CAPO AI COMUNI LA RESPONSABILITA DI PIANIFICARE L ENERGIA Obiettivo europeo FER su consumo finale Quota nazionale di FER su consumo finale Direttiva 28/2009/CE (34) Per ottenere un modello energetico incentrato sull energia da fonti rinnovabili è necessario promuovere una cooperazione strategica tra Stati membri cui partecipino, se del caso, le regioni e gli enti locali Burden sharing Diapositiva del 2009 regione regione regione regione Burden sharing locale comune comune comune comune IL PATTO DEI SINDACI

13 22 Febbraio 2012 Decreto Burden sharing (Comma 2), il Ministro dello sviluppo economico, qualora abbia accertato,.., che il mancato conseguimento degli obiettivi è imputabile all inerzia delle Amministrazioni preposte ovvero all inefficacia delle misure adottate dalla Regione propone di assegnare un termine, non inferiore a sei mesi, per l adozione dei provvedimenti necessari. e (Comma 3) decorso inutilmente il termine adotta i provvedimenti necessari a coprire il deficit riscontrato con oneri a carico della Regione.

14 Questi sono gli obiettivi cogenti della Regione perché se una Regione non fa vuol dire che un altra Regione deve fare di più

15 Obiettivo: 8,9% 8,9% 8,9% 8,9% 8,9% 8,9% 8,9% 8,9% Obiettivo: 17% 8,9% 8,9% Gli obiettivi cogenti della Regione diventano, per la proprietà transitiva, anche gli obiettivi cogenti dei Sindaci perché se un Sindaco non fa vuol dire che un altro Sindaco deve fare di più

16 Il territorio comunale costituisce il dogma centrale Obiettivi al 2020: 20 / 8,9 / 14,7 Riduzione delle emissioni del 20% Energia rinnovabile per l 8,9% Riduzione dei consumi del 14,7% Tutto quello in più rispetto all obiettivo regionale è credito Tutto ciò che manca rispetto all obiettivo regionale è debito

17 47 COMUNITA SOLARI LOCALI Comune di Ferrara Provincia di Parma 9 comuni Provincia di Ravenna 10 comuni Provincia di Bologna 28 comuni

18 FASI DEL PEC attuale presentazione: FASE 1 FASE 2 Quadro conoscitivo sui consumi energetici, sul potenziale di riduzione dei consumi e sul potenziale di energia da fonte rinnovabile che può essere messa a bilancio Definizione degli obiettivi al 2050 e 2020 Piano Energetico Comunale PEC Piano di Azione per l Energia Sostenibile (traiettoria indicativa) PAES MONITORAGGIO BILANCIO ENERGETICO ANNUALE ALLINEAMENTO CON GLI OBIETTIVI PREVISTI DALLA TRAIETTORIA INDICATIVA

19 PIEVE DI CENTO

20 Aree di censimento ISTAT 2001 Pieve di Cento Abitanti 2001: Abitanti 2010: 6.959

21 Tessuto Urbano Edificato Esistente Aree industriali Aree non classificate Prevalenza di case edificate prima del 1971 Case edificate tra il 1971 e il 1991 Case edificate tra il 1991 ed il 2001

22 Altezza media degli edifici - Pieve di Cento (dati ISTAT 2001) Altezza media degli edifici (Dati ISTAT 2001) Edifici a 3 piani 4% Edifici a 4 piani 0% Edifici ad 1 piano 12% Edifici a 2 piani 84% Aree non classificate Prevalenza di edifici ad 1 Piano Prevalenza di edifici a 2 Piani Prevalenza di edifici a 3 Piani Prevalenza di edifici a 4 Piani

23 Consumi Finali Lordi Pieve di Cento (2008) TEP (Tonnellate Equivalenti di Petrolio) TRASPORTI Trasporti Distribuzione dei Consumi Finali Lordi TEP Trasporti Termici 43% Trasporti 36% Benzina Gasolio GPL + Metano TERMICO Elettrico 21% ELETTRICI Termico Industriale Terziario Residenziale Pubb. Amm Industriale Terziario Residenziale Pubb. Amm.

24 Emissioni di CO 2 (2008) EMISSIONI DI CO2 Trasporti 33% Terziario 17% Residenziale 30% Industriale 19% Agricoltura 0% Amm. Pubb. 1% tonnellate di cui: ton in-situ ton ex-situ

25 Consumi elettrici P.A. - Pieve di Cento Scuole 12% Parco Venturi 0% Macero 1% Edifici adibiti ad attività culturali, sociali e ricreative 3% Uffici ed edifici comunali 15% Illuminazione pubblica e semafori 69% Consumi termici P.A. - Pieve di Cento Edifici adibiti ad attività culturali, sociali e ricreative 15% Uffici ed edifici comunali 14% Scuole 71%

26 Penetrazione di biomasse legnose: ton/anno 0,7 ton/famiglia

27 CONSUMI ELETTRICI (kwh/mq) PER AREE CENSUARIE DI PIEVE DI CENTO (2008) Consumi elettrici (Pieve di Cento) Residenziale: Industriale : Terziario: P.A. : TOTALE : 7,8 milioni kwh 15,8 milioni kwh 8,4 milioni kwh 0,2 milioni kwh 32,2 milioni kwh

28 CONSUMI TERMICI (mc/mq) PER AREE CENSUARIE DI PIEVE DI CENTO (2008) Consumi termici (Pieve di Cento) Residenziale : Industriale : Terziario : P.A. : TOTALE : 4,4 milioni mc di gas 0,2 milioni mc di gas 1,6 milioni mc di gas 0,2 milioni mc di gas 6,4 milioni mc di gas

29 Rinnovabili elettriche Tetti centro storico Aree urbanizzate Parchi fotovoltaici Tetti Industriali Consumi elettrici (Pieve di Cento) Residenziale: 6,5 MWp 52 mila mq Industriale : 13,1 MWp 105 mila mq Terziario: 7,0 MWp 56 mila mq P.A. : 0,2 MWp 2 mila mq TOTALE : 26,8 MWp 215 mila mq Area industriale: 160 mila mq

30 GERMANIA Installato totale oggi: 32,4 GWp Installato nel 2012: 7604 MWp La micro-generazione distribuita può centrare obiettivi impensabili Dal 2010 al 2011, il Conto Energia ha permesso di installare MWp di potenza fotovoltaica in Italia. GERMANIA Installato totale al 2011: 22,9 GWp Installato nel 2011: 5900 MWp GERMANIA Installato totale al 2010: 17 GWp Installato nel 2010: 7200 MWp 6,0% ITALIA Installato totale oggi: 16,2 GWp Installato totale nel 2012: 3337 MWp La produzione annuale di una centrale nucleare da 1600 MW. L abbiamo fatta in meno di due anni! ITALIA 9/9/2011 Installato totale: 12,8 GWp Installato nel 2011: 9370 MWp 3,7% ITALIA Installato totale al 2010: 3,2 GWp Installato nel 2010: 2322 MWp PV su consumo elettrico 1,2% 0,3% 0,1%

31 18 Ottobre Ottobre 2011 È proprio vero che le previsioni bisogna farle fare a chi conosce la materia 21 Giugno mila piccoli/medi impianti

32 POI IL CROLLO! E DOMENICA MA E UN SEGNALE PER QUELLO CHE STA PER SUCCEDERE! 23 Giugno g i u m a r d i c FOTOVOLTAICO: 18,2 GWp EOLICO: 7 GWp IDROELETTRICO: 21 GW TOTALE: 46 GW QUALCUNO DICEVA: IMPOSSIBILE!

33

34 Rinnovabili termiche Solare termico centro storico Centrale a biometano Centrale in cogenerazione a biomassa Consumi termici (Pieve di Cento) Residenziale : Industriale : Terziario : P.A. : TOTALE : 4,4 milioni mc di gas 0,2 milioni mc di gas 1,6 milioni mc di gas 0,2 milioni mc di gas 6,4 milioni mc di gas

35 Opportunità delle biomasse legnose Potature pubblico/privato Gestione del sottobosco Biomasse dedicate solo ad integrazione Problemi: emissioni PM10 Trasporti Opportunità del biogas come biometano Scarti agro-alimentari Verde pubblico/privato Deiezioni animali Biomasse dedicate solo ad integrazione Problemi: Puzze Trasporti reflui Fonte: CRPA

36 Patrimonio Edilizio Pieve di Cento Dati ISTAT Edifici ad uso abitativo costruiti prima del 1919 Edifici costruiti tra il 1919 e il 1945 Edifici costruiti tra il 1946 e il 1961 Edifici costruiti tra il 1962 e il 1971 Edifici costruiti tra il 1972 e il 1981 Edifici costruiti tra il 1982 e il 1991 Edifici costruiti dopo il 1991 Abitativo ISTAT 2001: ,68 mq abitazioni Punti erogazione energia elettrica al 2008: 4.126

37 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Caso di Pieve di Cento (dati ipotetici) Consumo medio edificio residenziale esistente = 195 kwh/mq anno 80% rinnovabile al ,3 milioni mc metano 70 kwh/mq anno 1,6 milioni mc metano - 64% dei consumi 4,4 milioni mc metano

38 CONSUMI DI ENERGIA TERMICA RESIDENZIALE NEL COMUNE Riqualificazione urbana 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% 5,00% Biomasse legnose Biometano Solare termico 0,00% gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic percentuale mensile sul totale percentuale acqua calda sanitaria mensile sul totale percentuale riscaldamento mensile sul totale 1 impianto di biogas per la produzione di biometano coprirebbe circa 2 milioni di metri cubi di gas metano Produzione di pellets o cippato per caldaie automatiche a supporto della caldaia a gas e/o piccoli linee di teleriscaldamento da kw Tante piccole reti in teleriscaldamento distribuite dimensionate sulle risorse disponibili

39

40 Direttiva 28/2009/CE OBIETTIVI PIANO ENERGETICO NAZIONALE PIANO D AZIONE NAZIONALE SULL ENERGIA BOZZA PIANO D AZIONE SULL EFFICIENZA ENERGETICA???????? 17% di FER -14,7% PIANO ENERGETICO REGIONALE PIANO D AZIONE REGIONALE SULL ENERGIA PIANO D AZIONE SULL EFFICIENZA ENERGETICA Al ,9% di FER -14,7% PIANO ENERGETICO COMUNALE PIANO D AZIONE COMUNALE SULL ENERGIA PIANO D AZIONE SULL EFFICIENZA ENERGETICA Al 2020???? % di FER???? %

41