NOTA DI SINTESI SISAL GROUP S.P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA DI SINTESI SISAL GROUP S.P.A."

Transcript

1 NOTA DI SINTESI Redatta ai sensi del regolamento adottato dalla CONSOB con delibera n in data 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004 della Commissione Europea del 29 aprile 2004, come successivamente modificato, recante modalità di applicazione della Direttiva 2003/71/CE, come successivamente modificata relativa all offerta pubblica di vendita e sottoscrizione e all ammissione a quotazione sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. di azioni ordinarie di Sisal Group S.p.A. Sede legale Milano, Via Alessio di Tocqueville n. 13 Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA n Capitale sociale sottoscritto e interamente versato Euro EMITTENTE SISAL GROUP S.P.A. AZIONISTA VENDITORE GAMING INVEST S.À R.L. COORDINATORI DELL OFFERTA GLOBALE DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE E JOINT BOOKRUNNER DEUTSCHE BANK AG, LONDON BRANCH UBS LIMITED JOINT BOOKRUNNER BANCA IMI S.P.A. UNICREDIT CORPORATE & INVESTMENT BANKING RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO UNICREDIT CORPORATE & INVESTMENT BANKING SPONSOR BANCA IMI S.P.A. L Offerta Pubblica è parte di un Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione di massime n azioni ordinarie Sisal Group S.p.A., di cui massime n azioni poste in vendita dall Azionista Venditore e massime n di nuova emissione. L Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione comprende l Offerta Pubblica rivolta al pubblico indistinto in Italia per un minimo di n azioni (di cui sino ad un massimo di n riservate ai Dipendenti), ed un collocamento istituzionale rivolto ad investitori qualificati in Italia ed istituzionali all estero, ai sensi della Regulation S dello United States Securities Act del 1933, come successivamente modificato, e negli Stati Uniti d America, limitatamente ai Qualified Institutional Buyers, ai sensi della Rule 144A dello United States Securities Act del I soggetti residenti nei Paesi esteri al di fuori dell Italia, ed in particolare quelli residenti in Australia, Giappone e Canada, nei quali l Offerta Globale non sia consentita in assenza di autorizzazioni da parte delle competenti autorità non potranno partecipare all Offerta Globale, salvo che nei limiti consentiti dalle leggi e dai regolamenti del Paese rilevante. La è stata depositata presso la CONSOB in data 2 luglio 2014 a seguito di comunicazione del provvedimento di approvazione con nota del 1 luglio 2014 protocollo n /14. L adempimento di pubblicazione della non comporta alcun giudizio di CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. La deve essere letta congiuntamente al documento di registrazione depositato presso la CONSOB in data 2 luglio 2014, a seguito di comunicazione del provvedimento di approvazione con nota del 1 luglio 2014, protocollo n /14 (il Documento di Registrazione ), contenente informazioni sull Emittente, ed alla nota informativa sugli strumenti finanziari depositata presso la CONSOB in data 2 luglio 2014 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio dell autorizzazione alla pubblicazione con nota del 1 luglio 2014 protocollo n /14 la Nota Informativa ). L informativa completa sull Emittente, sull offerta delle Azioni e quotazione delle azioni ordinarie dell Emittente, può essere ottenuta solo sulla base della consultazione congiunta del Documento di Registrazione, della Nota Informativa e della. Si veda inoltre il Capitolo Fattori di Rischio nel Documento di Registrazione e nella Nota Informativa per l esame dei fattori di rischio che devono essere presi in considerazione prima di procedere all investimento nelle Azioni. Il Documento di Registrazione, la Nota Informativa e la costituiscono congiuntamente il prospetto ai sensi e per gli effetti della Direttiva 2003/71/CE come successivamente integrata e modificata (il Prospetto ) ai fini dell offerta delle Azioni e della contestuale quotazione delle azioni ordinarie dell Emittente. Borsa Italiana S.p.A. ha disposto l ammissione a quotazione delle azioni ordinarie dell Emittente presso il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. con provvedimento n del 30 giugno Il Prospetto è disponibile presso la sede legale dell Emittente, del Responsabile del Collocamento e dei Collocatori, nonché sul sito internet dell Emittente del Responsabile del Collocamento e dei Collocatori. Una copia cartacea del Prospetto verrà consegnata gratuitamente ad ogni potenziale investitore che ne faccia richiesta.

2 NOTA DI SINTESI I termini riportati con lettera maiuscola, ove non espressamente definiti nella presente nota di sintesi (la Nota di Sintesi ), sono definiti nell apposita sezione Definizioni e Glossario del Documento di Registrazione e nella sezione Definizioni della Nota Informativa. La definizione Data della indica la data di approvazione della da parte della CONSOB. * * * La presente, redatta ai sensi del Regolamento Delegato (UE) n. 486/2012 della Commissione del 30 marzo 2012 che modifica il Regolamento 809/2004/CE per quanto riguarda il formato e il contenuto del prospetto, del prospetto di base, della nota di sintesi e delle condizioni definitive nonché per quanto riguarda gli obblighi di informativa, contiene le informazioni chiave relative all Emittente, al Gruppo e al settore di attività in cui gli stessi operano, nonché quelle relative alle Azioni oggetto dell Offerta Globale. La nota di sintesi riporta gli elementi informativi richiesti dagli schemi applicabili ( Elementi ) indicati delle Sezioni da A ad E (A.1 E.7), dell Allegato XXII del Regolamento 809/2004/CE. La presente contiene tutti gli Elementi richiesti dagli schemi applicabili in relazione alle caratteristiche degli strumenti finanziari offerti e dell Emittente. Poiché non è richiesta l indicazione nella di Elementi relativi a schemi non utilizzati per la redazione del Documento di Registrazione e della Nota Informativa, potrebbero esservi intervalli nella sequenza numerica degli Elementi. Qualora l indicazione di un determinato Elemento sia richiesta dagli schemi applicabili in relazione alle caratteristiche degli strumenti finanziari offerti e dell Emittente, e non vi siano informazioni rilevanti a riguardo, la Nota di Sintesi contiene una sintetica descrizione dell Elemento astratto richiesto dagli schemi applicabili, congiuntamente all indicazione non applicabile. SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE A.1 Avvertenza Si avverte espressamente che: la presente va letta come un introduzione e congiuntamente al Documento di Registrazione e alla Nota Informativa; qualsiasi decisione, da parte dell investitore, di investire nelle Azioni oggetto dell Offerta Globale dovrebbe basarsi sull esame da parte dell investitore, oltre che della presente, anche della Nota Informativa e del Documento di Registrazione; qualora sia presentato un ricorso dinanzi all autorità giudiziaria in merito alle informazioni contenute nella, nella Nota Informativa e/o del Documento di Registrazione, l investitore ricorrente potrebbe essere tenuto, a norma del diritto nazionale degli Stati Membri, a sostenere le spese di traduzione della, della Nota Informativa e/o del Documento di Registrazione prima dell inizio del procedimento; e la responsabilità civile incombe sulle persone che hanno redatto la, comprese le sue eventuali traduzioni, ma soltanto se la risulti fuorviante, imprecisa o incoerente se letta congiuntamente alla Nota Informativa e al Documento di Registrazione o non offre, se letta congiuntamente alla Nota Informativa e al Documento di Registrazione, le informazioni fondamentali per aiutare gli investitori al momento di valutare l opportunità di investire nelle Azioni oggetto dell Offerta Globale. A.2 Consenso all utilizzo della, del Documento di Registrazione e della Nota Informativa per la successiva rivendita delle Azioni L Emittente non acconsente all utilizzo della, del Documento di Registrazione e della Nota Informativa per la successiva rivendita o il collocamento finale delle Azioni da parte di intermediari finanziari. 2

3 SEZIONE B EMITTENTE B.1 Denominazione sociale dell Emittente La denominazione sociale dell Emittente è Sisal Group S.p.A.. B.2 Domicilio e forma giuridica dell Emittente, legislazione in base alla quale opera l Emittente e suo Paese di costituzione L Emittente ha sede legale in Milano, Via Alessandro di Tocqueville n. 13, ed è costituita in forma di società per azioni. L Emittente opera in base alla legislazione italiana ed è stata costituita in Italia. B.3 Descrizione della natura delle operazioni correnti dell Emittente e delle sue principali attività, e relativi fattori chiave, con indicazione delle principali categorie di prodotti venduti e/o di servizi prestati e identificazione dei principali mercati in cui l Emittente compete Principali attività Il Gruppo Sisal è da oltre 65 anni uno dei principali operatori del mercato italiano dei giochi. Alla Data della il Gruppo opera in Italia nel comparto della raccolta dei giochi e delle scommesse ( Giochi e Scommesse ) con un ampia offerta di prodotti, sia sul canale fisico (o canale retail ) che su quello online. Dal 2002, il Gruppo ha avviato una strategia di diversificazione che ha permesso di affermarsi come uno dei leader anche nel comparto dei servizi di pagamento e degli altri servizi ( Pagamenti e Servizi ). Il business dell Emittente è organizzato nelle seguenti business unit:(i) Retail Gaming, (ii) Lottery, (iii) Online Gaming e (iv) Payments and Services. A giudizio dell Emittente, i principali fattori chiave, nonché punti di forza del Gruppo, sono: (i) essere primario operatore nel mercato italiano dei giochi e delle scommesse con rilevante presenza nel retail; (ii) disporre di una capillare rete distributiva; (iii) avere attuato una strategia di diversificazione espandendosi nel settore dei Pagamenti e Servizi; (iv) aver perseguito nel tempo una strategia di innovazione e sviluppo profittevole del settore online dei Giochi e delle Scommesse; (v) forte identità e riconoscibilità dei marchi; (vi) infrastruttura informatica e telematica tecnologicamente avanzata; (vii) innovazione dei prodotti e dei canali distributivi attraverso l approfondita conoscenza della clientela; (viii) management team di consolidata esperienza. Principali mercati e posizionamento competitivo Il Gruppo opera in due differenti mercati: il mercato italiano dei Giochi e Scommesse, e il mercato dei Pagamenti e Servizi. Il mercato italiano Giochi e Scommesse, composto dai segmenti Scommesse, ADI, Giochi Online, Lotterie e Bingo, ha registrato un tasso di crescita annuale composto ( CAGR ) nel periodo del 11,4% per la raccolta, dello (0,1)% per le spese nette o Gross Gaming Revenues (GGR) e del 2,8% per i ricavi netti o Net Gaming Revenues (NGR). Considerato lo sviluppo storico e il livello di regolamentazione raggiunto, il management dell Emittente ritiene che il mercato dei giochi e delle scommesse in Italia abbia raggiunto un livello di maturità in termini di GGR e raccolta complessiva, con una tendenza alla stabilità per i prossimi anni. Secondo elaborazioni del management basati su studi di mercato condotti dall AAMS, i principali attori della filiera del mercato Giochi e Scommesse, si suddividono le NGR secondo proporzioni diverse in base al ruolo svolto nella filiera da concessionari, gestori di Slot Machine, partner tecnologici delle VLT e retailer. Il Gruppo opera come concessionario, gestore e rivenditore, coprendo tutta la catena del valore del mercato Giochi e Scommesse. Il mercato dei Pagamenti e Servizi è l insieme delle transazioni realizzate in Italia per pagare bollette e bollettini, ricaricare carte di debito prepagate ed effettuare ricariche di carte telefoniche prepagate, di carte per la TV pay-per-view. Nel 2013 questo mercato valeva circa Euro 148,9 miliardi e ha generato circa 2 miliardi di transazioni. Secondo alcuni studi commissionati dal management, il mercato risulta in decrescita rispetto al 2012 del 1% in termini di valore e del 4% in termini di transazioni. I segmenti del contante e delle carte di pagamento vanno a costituire il mercato di riferimento per il Gruppo che, nel 2013, valeva in termini di ammontare complessivo delle transazioni circa Euro 96,3 miliardi, mentre la domiciliazione bancaria e gli altri strumenti bancari sono strumenti di pagamento del mondo bancario e, sempre nel 2013, valevano circa Euro 52,7 miliardi. 3

4 Il Gruppo, secondo analisi commissionate dal management, detiene nel 2013, una quota di mercato complessiva del settore dei pagamenti e servizi al netto delle domiciliazioni, pari a circa il 6,5% in termini di valore delle transazioni. B.4a Descrizione delle principali tendenze recenti riguardanti l Emittente e i settori in cui opera Nel periodo dal 1 gennaio 2014 fino alla Data della, la performance del Gruppo in termini di ricavi ed EBITDA registra un progressivo miglioramento rispetto all equivalente periodo del 2013 e, per quanto concerne l EBITDA, a quanto riportato nel Piano Industriale. Nello specifico, nel periodo di 5 mesi chiuso al 31 maggio 2014, i ricavi consolidati sono cresciuti rispetto al corrispondente periodo dell esercizio 2013 di circa il 4,9%, mentre rispetto al budget sono sostanzialmente in linea a quanto identificato nel Piano Industriale. Sulla base delle informazioni gestionali disponibili, tale trend positivo è continuato fino alla Data della. Nello stesso periodo di riferimento il Gruppo ha conseguito un recupero di redditività rispetto all esercizio precedente, con un andamento dell EBITDA che conferma il vantaggio rispetto al precedente esercizio già evidenziato nel primo trimestre. In particolare l EBITDA registra nel periodo di cinque mesi chiuso al 31 maggio 2014 un miglioramento rispetto al corrispondente periodo dell esercizio precedente, sia a quanto riportato nel Piano Industriale rispettivamente del 4,6% e 3,4%. Sulla base delle informazioni gestionali disponibili, tale trend positivo rispetto all esercizio 2013 sembrerebbe essere confermato anche alla Data della. B.5 Descrizione del gruppo a cui appartiene l Emittente e della posizione che esso vi occupa L Emittente è a capo del Gruppo Sisal e controlla le società indicate nel successivo organigramma: n (*) Ricevitori SISAL GROUP S.p.A. (ITA) 0,19% (az. priv.) 2,64% + (az. priv.) 97,17% (az. ord.) 99,81% SISAL S.p.A. (ITA) Paco S.r.l. SISAL Point S.p.A. (ITA) 100% = 100% (az.ord. + az.priv.) SISAL Entertainment S.p.A. (ITA) 60% 40% Friulgames S.r.l. (ITA) Thomas Morden Course Ltd. (UK) 100% Uninvest S.p.A. Consorzio Promoippica in liquidazione (ITA) 25,28% 49% Sistema S.r.l. (ITA) 51% LEGENDA Società attive Società inattive o in liquidazione Soci * = inclusi soggetti cointestatari di un medesimo pacchetto azionario L Emittente esercita attività di direzione e coordinamento sulle società controllate ai sensi degli articoli 2497 e ss. del codice civile. 4

5 B.6 Azionisti che detengono partecipazioni superiori al 2% del capitale sociale, diritti di voto diversi in capo ai principali azionisti dell Emittente, indicazione del soggetto controllante ai sensi dell art. 93 TUF. Alla Data della, il capitale sociale dell Emittente è suddiviso in azioni ordinarie senza indicazione del valore nominale ed è interamente posseduto dalla società Gaming Invest. Per quanto noto all Emittente, Gaming Invest è una società controllata da Gaminghouse, che ne detiene il 99,40% del capitale sociale, e partecipata da un ex manager e un ex amministratore dell Emittente per lo 0,60% del capitale sociale. Alla Data della la Società è controllata, ai sensi dell art. 93 TUF, da Gaminghouse. A sua volta Gaminghouse è partecipata (i) per il 50% del capitale sociale con diritto di voto (pari al 75% del capitale sociale complessivo in quanto il capitale sociale detenuto include azioni convertibili prive del diritto di voto) da Topsi 2 S.à r.l., (ii) per il 40% del capitale sociale con diritto di voto (pari al 20% del capitale sociale complessivo) da Lauro Dodici S.p.A., (iii) per il 8,70% del capitale sociale con diritto di voto (pari al 4,35% del capitale sociale complessivo) da Rodolfo Molo e (iv) per l 1,30% del capitale sociale con diritto di voto (pari allo 0,65% del capitale sociale complessivo) da Malvina Molo. Gaminghouse non è e non sarà controllata da alcun soggetto in quanto Topsi 2 S.à r.l. non è in grado, in virtù di disposizioni parasociali e statutarie, di assumere da sola determinate decisioni rilevanti relative alla gestione di Gaminghouse e della Società. B.7 Informazioni finanziarie fondamentali sull Emittente Premessa Il presente Paragrafo riporta alcune informazioni finanziarie del Gruppo per i trimestri chiusi al 31 marzo 2014 e 2013 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011, e include inoltre taluni indicatori di performance del Gruppo. In particolare, tali informazioni sono state estratte da: il bilancio intermedio consolidato dell Emittente per il trimestre chiuso al 31 marzo 2014, predisposto nell ambito degli obblighi di informativa finanziaria periodica connessi all emissione delle Obbligazioni Senior Secured, approvato dal Consiglio di Amministrazione dell Emittente in data 21 maggio 2014 e assoggettato a revisione contabile limitata da parte della Società di Revisione che ha emesso la propria relazione senza rilievi in data 20 giugno 2014 (il Bilancio Intermedio Consolidato ) ad eccezione delle informazioni finanziarie relative al trimestre chiuso al 31 marzo 2013 che non sono state assoggettate ad alcuna attività di revisione; il bilancio consolidato dell Emittente relativo agli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011, approvato dal Consiglio di Amministrazione dell Emittente in data 3 aprile 2014, e assoggettato a revisione contabile completa da parte della Società di Revisione, la quale ha rilasciato la propria relazione senza rilievi in data 14 aprile 2014 (il Bilancio Consolidato ); e elaborazioni dell Emittente effettuate sulla base delle risultanze della contabilità generale e gestionale. Principali informazioni di conto economico consolidato Nella seguente tabella sono rappresentate alcune informazioni economiche selezionate del Gruppo per i trimestri chiusi al 31 marzo 2014 e 2013 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 2012 e (In migliaia di Euro) Trimestre chiuso al 31 marzo Esercizio chiuso al 31 dicembre Ricavi Risultato operativo (EBIT) (12.081) Risultato del periodo/esercizio (98.805) (38.794) (29.585) Risultato del periodo/esercizio di pertinenza delle interessenze di minoranza Risultato del periodo/esercizio di pertinenza del Gruppo (99.084) (38.800) (29.597) 5

6 Nella seguente tabella sono rappresentati il Totale Ricavi e Proventi del Gruppo per settori operativi per i trimestri chiusi al 31 marzo 2014 e 2013 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011: (In migliaia di Euro e percentuale sui Ricavi e proventi ) Trimestre chiuso al 31 marzo Variazione 2014 % 2013 % 2014/2013 % Retail Gaming ,1% ,9% ,0% Lottery ,4% ,2% (5.849) (22,8%) Online Gaming ,2% ,0% 291 2,3% Payments and Services ,2% ,8% ,0% Altri ricavi 86 0,0% 105 0,1% (19) (18,1%) Totale % % 108 0,10% (In migliaia di Euro e percentuale sui Ricavi Esercizio chiuso al 31 dicembre Variazione e proventi) 2013 % 2012 % 2011 % 2013 % 2012 % Retail Gaming ,7% ,8% ,1% (33.604) (6,4%) (41.013) (7,2%) Lottery ,8% ,5% ,2% (27.699) (23,3%) (30.253) (20,3%) Online Gaming ,1% ,9% ,0% ,8% (2.285) (6,6%) Payments and Services ,2% ,1% ,6% ,4% ,0% Altri ricavi ,2% ,7% ,2% (4.781) (78,1%) n.a. Totale % % % (51.058) (6,2%) (46.445) (5,3%) EBITDA ed EBITDA Adjusted L Emittente definisce l EBITDA come Risultato dell esercizio/periodo, rettificato delle seguenti voci: i) Ammortamenti, svalutazioni e ripristino di valore di attività materiali e immateriali; ii) Proventi finanziari e assimilati; iii) Oneri finanziari e assimilati; iv) Oneri da valutazione partecipate con il metodo del patrimonio netto; e v) Imposte. Nella tabella che segue è riportata la riconciliazione del Risultato dell esercizio/periodo con l EBITDA del Gruppo per i trimestri chiusi al 31 marzo 2014 e 2013 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011: (In migliaia di Euro) Trimestre chiuso al 31 marzo Esercizio chiuso al 31 dicembre Risultato dell esercizio/periodo (98.805) (38.794) (29.585) Imposte Oneri da valutazione partecipate con il metodo del patrimonio netto (45) (11) Oneri finanziari e assimilati Proventi finanziari e assimilati Ammortamenti, svalutazioni e ripristino di valore di attività materiali e immateriali EBITDA Nell ambito della, l EBITDA Adjusted è definito come l EBITDA rettificato degli oneri e proventi non ricorrenti e degli accantonamenti per contenziosi con enti regolatori. Nella tabella che segue è riportata la riconciliazione dell EBITDA con l EBITDA Adjusted del Gruppo per i trimestri chiusi al 31 marzo 2014 e 2013 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011: (In migliaia di Euro) Trimestre chiuso al 31 marzo Esercizio chiuso al 31 dicembre EBITDA Oneri non ricorrenti Accantonamenti per contenziosi con enti regolatori EBITDA Adjusted

7 Principali informazioni patrimoniali consolidate Nella seguente tabella sono rappresentate alcune informazioni di sintesi estratte dal prospetto della situazione patrimoniale e finanziaria del Gruppo al 31 marzo 2014 e al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011 (In migliaia di Euro) Al 31 marzo Al 31 dicembre Totale attività non correnti Totale attività correnti Totale attività Totale patrimonio netto di Gruppo (51.852) (53.362) Patrimonio netto delle interessenze di minoranza Totale patrimonio netto (50.540) (52.188) Totale passività non correnti Totale passività correnti Totale passività e patrimonio netto Al 31 marzo 2014 il patrimonio netto consolidato era negativo per Euro migliaia (negativo per Euro migliaia al 31 dicembre 2013). Di seguito si riporta l indebitamento finanziario netto del Gruppo ( Indebitamento Finanziario Netto ) al 31 marzo 2014 e al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011, determinato conformemente a quanto previsto dal paragrafo 127 delle raccomandazioni contenute nel documento predisposto dall ESMA, n. 319 del 2013, implementative del Regolamento (CE) 809/2004: (In migliaia di Euro) Al 31 marzo Al 31 dicembre A Cassa B Altre disponibilità liquide C Titoli detenuti per la negoziazione D Liquidità (A) + (B) + (C) E Crediti finanziari correnti F Debiti finanziari correnti (52.220) (34.286) (34.406) (40.894) G Parte corrente dei debiti finanziari a medio/lungo termine (29.040) (25.199) (86.661) (17.271) H Altri debiti finanziari correnti (2.091) (2.328) (7.497) (4.807) I Indebitamento finanziario corrente (F) + (G) + ( H) (83.351) (61.813) ( ) (62.972) J Indebitamento finanziario corrente netto (I) + (E) + (D) K Debiti finanziari a medio / lungo termine ( ) ( ) ( ) ( ) L Obbligazioni emesse ( ) ( ) - - M Altri debiti finanziari non correnti (2.870) (2.370) (1.439) (8.947) N Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M) ( ) ( ) ( ) ( ) O Indebitamento Finanziario Netto (J) + (N) ( ) ( ) ( ) ( ) 7

8 Principali informazioni sul rendiconto finanziario consolidato Nella seguente tabella sono rappresentati i dati di sintesi del rendiconto finanziario del Gruppo per i trimestri chiusi al 31 marzo 2014 e 2013 e per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011: (In migliaia di Euro) Trimestre chiuso al 31 marzo Esercizio chiuso al 31 dicembre Flussi di cassa generati/(assorbiti) dalla gestione operativa (8.790) Flussi di cassa assorbiti dall attività di investimento (11.838) (3.392) (81.332) (68.050) (60.111) Flussi di cassa generati/(assorbiti) dall attività finanziaria (20.807) (55.811) (83.078) (57.678) Flussi di cassa complessivi generati/(assorbiti) nel periodo (12.280) (23.941) (48.645) (9.271) Principali informazioni relative all indebitamento finanziario del Gruppo La seguente tabella illustra le principali linee di credito concesse al Gruppo e i relativi utilizzi al 31 marzo 2014: (In migliaia di Euro) Contratto Denominazione Tipologia Importo Utilizzo Scadenza al 31marzo 2014 Senior Credit Agreement Term A Facility Amortising /09/2017 Term B Facility Bullet /09/2017 Term C Facility Bullet /09/2017 Revolving facility Revolving facility /09/2017 Indenture Obbligazioni Senior Secured Senior Secured Notes /09/2017 Finanziamenti da parti correlate n.a Totale Finanziamenti Alla Data della tali linee di credito concesse al Gruppo sono completamente utilizzate. In aggiunta a quanto sopra, per far fronte alle esigenze della propria gestione corrente l Emittente fa ricorso a linee di credito concesse in data 6 novembre 2013 da Intesa Sanpaolo S.p.A. e UniCredit S.p.A. per complessivi Euro 33 milioni. Al 31 marzo 2014 tali linee di credito erano utilizzate per Euro 17,9 milioni, mentre alla Data della risultano interamente disponibili. 8

9 Si segnala che taluni dei finanziamenti concessi al Gruppo prevedono il rispetto di alcuni parametri finanziari (covenants), che devono essere calcolati con riferimento ai dati consolidati del socio unico Gaming Invest. Nella seguente tabella è riportato il valore di tali parametri finanziari al 31 marzo 2014 e al 31 dicembre 2013, 2012 e 2011, con indicazione dei relativi valori target, da cui si evince che gli stessi sono stati rispettati: Al 31 marzo Al 31 dicembre Descrizione covenants Valore Valore Valore Valore Valore Valore Valore Valore target effettivo target effettivo target effettivo target effettivo Debt Cover Cashflow Cover Interest Cover = = = Indebitamento Finanziario Netto Gaming Invest <6,7 5,5 <6,3 5,5 <7 6 <7,1 4,9 EBITDA Consolidato Gaming Invest Flussi di cassa operativi consolidati Gaming Invest >1 2,2 >1 2,4 >1 1,8 >1 1,8 Servizio del debito di Gaming Invest EBITDA Consolidato Gaming Invest >1,7 3,1 >1,7 3,5 >1,8 3 >1,8 3,1 Oneri finanziari netti consolidati di Gaming Invest Capital = Investimenti in attività materiali e immateriali n.a n.a <106,4 0 <94 10,0 <85 22 Expenditure ( * ) effettuati nell esercizio dal Gruppo Gaming Invest (In milioni di Euro) (*) Ai sensi del Senior Credit Agreement il Capital Expenditure è soggetto a verifica di congruità solo annualmente in corrispondenza della data di chiusura dell esercizio. In data 23 aprile 2014, l Emittente, anche per conto degli altri Soggetti Obbligati, ha richiesto alle banche finanziatrici, tra l altro, di modificare le modalità di calcolo dei parametri finanziari (covenants) contrattualmente previsti affinché gli stessi, in seguito e subordinatamente all effettuazione di una IPO Consentita, siano limitati al Gruppo Sisal, escludendo quindi Gaming Invest dal calcolo degli stessi. In data 22 maggio 2014 l Emittente ha ricevuto comunicazione della accettazione delle modifiche richieste dall Emittente, avvenuta in data 9 maggio 2014, sempre con efficacia subordinata all effettuazione di una IPO Consentita. B.8 Informazioni finanziarie pro forma Non applicabile. B.9 Previsione o stima degli utili La nota relativa alla continuità aziendale inclusa nel Bilancio Consolidato, indica, tra l altro, che gli amministratori prevedono, sulla base del Piano Industriale, un recupero di redditività già a partire dal prossimo esercizio. In particolare, si segnala che la nota in oggetto è stata predisposta coerentemente con quanto previsto dallo IAS 1 Presentazione del bilancio, paragrafi 25 e 26 relativi alla continuità aziendale, in quanto il Gruppo presenta, alla data di chiusura del Bilancio Consolidato, un patrimonio netto consolidato negativo. Nello specifico, i suddetti paragrafi dello IAS 1 disciplinano che il redattore del bilancio deve effettuare una valutazione della capacità dell entità di continuare a operare come un entità in funzionamento per un periodo di almeno dodici mesi dalla data di bilancio; solo in presenza di tale presupposto il bilancio potrà essere predisposto nella prospettiva della continuazione dell attività. Nella circostanza, gli amministratori della Società hanno accertato l esistenza della continuità aziendale, stimando che la redditività per l esercizio che chiuderà al 31 dicembre 2014 sarà migliore di quella registrata nell esercizio chiuso al 31 dicembre Più in dettaglio, gli amministratori hanno stimato che l esercizio che chiuderà al 31 dicembre 2014 registrerà un perdita consolidata e un EBITDA consolidato rispettivamente inferiore e maggiore rispetto quanto registrato per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, senza tener conto del costo sostenuto nell esercizio 2013 per la definizione agevolata del contenzioso sugli apparecchi da intrattenimento (i Dati Previsionali ). Nello specifico, escludendo il costo straordinario sostenuto nel 2013 per la definizione agevolata del contenzioso sugli apparecchi da intrattenimento, la perdita consolidata e l EBITDA consolidato per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 sarebbero stati pari rispettivamente a circa Euro 22 milioni e circa Euro 166 milioni. 9

10 Alla Data della (i) i ricavi consolidati sono superiori a quelli registrati nel corrispondente periodo dell esercizio 2013 e a quanto stimato nel Piano Industriale e (ii) l EBITDA al 31 maggio 2014 è superiore a quello registrato nel corrispondente periodo dell esercizio 2013 e a quanto stimato nel Piano Industriale per tale periodo. I Dati Previsionali sono basati sulla valutazione effettuata dagli Amministratori dell Emittente di un insieme di ipotesi di realizzazione di eventi futuri e di azioni che essi ritengono di intraprendere, incluse assunzioni ipotetiche relative ad eventi futuri e azioni degli Amministratori che non necessariamente si verificheranno; pertanto, i Dati Previsionali, sono caratterizzati da connaturati elementi di soggettività e incertezza e in particolare dalla rischiosità che eventi preventivati e azioni dai quali traggono origine possano non verificarsi ovvero possano verificarsi in misura e in tempi diversi da quelli prospettati, mentre potrebbero verificarsi eventi e azioni non prevedibili al tempo della loro preparazione. Pertanto, non è possibile garantire il raggiungimento, in tutto o in parte, degli obiettivi prospettici indicati e gli scostamenti fra valori consuntivi e valori preventivati potrebbero essere significativi, specie nell attuale contesto macroeconomico e di mercato. In considerazione dell incertezza che caratterizza qualunque dato previsionale, gli investitori sono invitati, nelle proprie decisioni di investimento in strumenti finanziari dell Emittente, a non fare esclusivo affidamento sugli stessi. Al riguardo si segnala che in data 20 giugno 2014 la Società di Revisione ha emesso la propria relazione sui Dati Previsionali. B.10 Rilievi contenuti nella relazione di revisione relativa alle informazioni finanziarie relative agli esercizi passati Non applicabile. B.11 Capitale circolante dell Emittente Alla Data della il Gruppo dispone di un capitale circolante sufficiente per fare fronte alle proprie esigenze per i dodici mesi successivi alla Data della, laddove per capitale circolante, ai sensi della Raccomandazione ESMA n. 319 del 2013, si intende il mezzo mediante il quale il Gruppo ottiene le risorse liquide necessarie a soddisfare le obbligazioni in scadenza. SEZIONE C STRUMENTI FINANZIARI C.1 Descrizione del tipo delle Azioni Le Azioni oggetto dell Offerta Globale sono rappresentate da massime n azioni ordinarie della Società, senza indicazione del valore nominale, pari al 59,16% del capitale sociale dell Emittente, a seguito dell Offerta Globale, assumendo l integrale sottoscrizione dell Aumento di Capitale, esclusa l Opzione Greenshoe. Nell ambito dell Offerta Globale, sono oggetto dell Offerta Pubblica un minimo di n Azioni, pari al 10% delle Azioni offerte nell ambito dell Offerta Globale. Le Azioni hanno il codice ISIN IT C.2 Valuta di emissione delle Azioni Le Azioni oggetto dell Offerta Globale sono denominate in Euro. C.3 Capitale sociale sottoscritto e versato Alla Data della il capitale sociale interamente sottoscritto e versato dell Emittente è pari ad Euro ,00 ed è rappresentato da n azioni ordinarie senza indicazione del valore nominale. C.4 Descrizione dei diritti connessi alle azioni Tutte le Azioni della Società, ivi incluse le Azioni poste in vendita nell ambito dell Offerta Globale, hanno le stesse caratteristiche (ivi inclusa la medesima data di godimento) e attribuiscono i medesimi diritti. 10

11 Ciascuna Azione dà diritto ad un voto nelle Assemblee ordinarie e straordinarie della Società, nonché agli altri diritti patrimoniali e amministrativi previsti dalle applicabili disposizioni di legge e dallo Statuto. Alla Data della non esistono altre categorie di azioni diverse da quelle ordinarie. C.5 Descrizioni di eventuali restrizioni alla libera trasferibilità delle Azioni Non esiste alcuna limitazione alla libera trasferibilità delle Azioni ai sensi di legge o di Statuto. L Azionista Venditore e la Società assumeranno nei confronti dei Coordinatori dell Offerta Globale anche in nome e per conto dei membri del Consorzio del Collocamento Istituzionale alcuni impegni di lock-up per un periodo di sei mesi dalla data di inizio delle negoziazioni delle Azioni della Società sul MTA. Alla Data della le Azioni detenute da Gaming Invest e rappresentanti il 100% del capitale sociale della Società sono libere dal pegno di primo grado (il Pegno Azioni Società ) costituito a beneficio delle parti finanziarie ai sensi del Senior Credit Agreement, del Second Lien Credit Agreement e/o del Mezzanine Facility Agreement, nonché, congiuntamente e pro-indiviso, anche a favore dei possessori delle Obbligazioni Senior Secured, al fine di garantire, secondo i termini contrattualmente previsti, le obbligazioni derivanti in capo alla Società, a Sisal S.p.A. e a Sisal Entertainment S.p.A. ai sensi del Senior Credit Agreement e degli altri documenti finanziari sottoscritti in relazione allo stesso, incluse le Obbligazioni Senior Secured ( Finance Documents ). All esito dell Offerta Globale e in virtù degli impegni assunti da Gaming Invest in occasione di alcune richieste di modifica delle previsioni del Senior Credit Agreement, Gaming Invest costituirà nuovamente in pegno (sostanzialmente agli stessi termini di cui al precedente pegno e a favore dei creditori senior e dei possessori di Obbligazioni Senior Secured) il quantitativo di azioni della Società dalla stessa detenute necessario al rispetto della soglia di change of control ai sensi del Senior Credit Agreement (soglia che è fissata, successivamente ad una IPO Consentita, ad almeno oltre il 30% del capitale sociale dell Emittente). L atto di pegno relativo al Pegno Azioni Società disciplina l esercizio dei diritti di voto in relazione alle azioni della Società costituite in pegno, prevedendo che l esercizio dei diritti di voto normalmente spetti a Gaming Invest, salvo alcune situazioni in cui la stessa sia inadempiente o in violazione dei propri obblighi contrattuali. C.6 Eventuali domande di ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato La Società ha presentato a Borsa Italiana domanda di ammissione alla quotazione delle proprie azioni sul Mercato Telematico Azionario. Borsa Italiana, con provvedimento n del 30 giugno 2014, ha disposto l ammissione alla quotazione sul Mercato Telematico Azionario delle azioni della Società. La data di inizio delle negoziazioni delle azioni della Società sul Mercato Telematico Azionario sarà disposta da Borsa Italiana ai sensi dell art , comma 6, del Regolamento di Borsa, previa verifica della sufficiente diffusione tra il pubblico delle Azioni a seguito dell Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione. Alla Data della, le azioni della Società non sono quotate in nessun altro mercato regolamentato o equivalente italiano o estero. C.7 Descrizione della politica dei dividendi L art. 24 dello Statuto, nonché l art. 25 del Nuovo Statuto prevedono che all atto di approvazione del bilancio, l Assemblea dei soci deliberi sulla destinazione degli utili, nel rispetto delle norme di legge e in funzione delle esigenze societarie. È inoltre previsto che il Consiglio di Amministrazione possa deliberare la distribuzione di acconti sui dividendi nei casi e secondo le modalità stabilite dall art bis del Codice Civile e che i dividendi non riscossi entro il quinquennio dal giorno in cui divengano esigibili si prescrivono a favore della Società. Si segnala che l Emittente non ha deliberato, né distribuito, alcun dividendo relativo agli esercizi 2013, 2012 e 2011, anche a causa delle rilevanti perdite maturate in tali esercizi. Si segnala altresì che il Senior Credit Agreement e l Indenture delle Obbligazioni Senior Secured prevedono limitazioni alla distribuzione di dividendi o riserve in favore dei soci della Società o, laddove possibile, a soggetti terzi qualora non siano rispettate determinate condizioni. 11

12 SEZIONE D RISCHI Si riportano di seguito i fattori di rischio relativi all attività dell Emittente, al settore in cui opera ed agli strumenti finanziari offerti. D.1 FATTORI DI RISCHIO RELATIVI ALL EMITTENTE Rischi connessi all indebitamento finanziario del Gruppo Tale fattore di rischio indica le rischiosità relative all elevato indebitamento finanziario del Gruppo, che deriva principalmente dal finanziamento messo a disposizione ai sensi del Senior Credit Agreement, dall emissione delle Obbligazioni Senior Secured e dai finanziamenti denominati Subordinated Shareholders Loan e Zero Coupon Shareholerd LoanPeraltro, anche a seguito di una IPO Consentita, l indebitamento finanziario lordo del Gruppo rimarrà significativo. Rischi connessi alle limitazioni dell operatività dell Emittente connesse all indebitamento finanziario in essere del Gruppo Il Senior Credit Agreement i termini e le condizioni del prestito (c.d. Indenture) relativo alle Obbligazioni Senior Secured prevedono alcune limitazioni all operatività dell Emittente e delle altre società del Gruppo che si sostanziano nel rispetto di alcuni impegni di natura finanziaria e non finanziaria nonché alcune ipotesi di rimborso anticipato delle somme erogate. Il mancato rispetto di tali limitazioni potrebbe comportare l obbligo per l Emittente di dover rimborsare anticipatamente gli importi dovuti e/o far venir meno le linee di credito concesse. con possibili effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell Emittente e delle società del Gruppo. Rischi connessi all andamento economico negativo nel triennio e al patrimonio netto consolidato negativo richiamo di informativa sulla continuità aziendale contenuto nella relazione della Società di Revisione sul Bilancio Consolidato Tale fattore di rischio indica le rischiosità connesse all andamento economico negativo del Gruppo nel triennio In particolare, il Gruppo ha registrato perdite a livello consolidato: (i) al 31 dicembre 2011, per Euro 29,5 milioni; (ii) al 31 dicembre 2012, per Euro 38,8 milioni; e (iii) al 31 dicembre 2013, per Euro 99 milioni e il patrimonio netto consolidato al 31 dicembre 2013 risulta negativo per Euro 52,2 milioni. Nonostante gli amministratori abbiano redatto il bilancio di esercizio 2013 secondo presupposti di continuità aziendale, tenuto conto anche di quanto riportato nel Piano Industriale, il verificarsi di eventi straordinari e/o così una evoluzione negativa del contesto macroeconomico potrebbero comportare un impatto sulle prospettive del Gruppo, con conseguente indebolimento della struttura patrimoniale della Società e del Gruppo e con possibili effetti negativi sulle attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi alle perdite di valore dell avviamento, anche in relazione al calo della raccolta del comparto Giochi e Scommesse, e in particolare dei prodotti Lottery. Tale fattore di rischio indica le rischiosità relative alle perdite di valore relative all avviamento. Al 31 dicembre 2013 le attività immateriali e l avviamento rappresentano rispettivamente il 13,94% e il 53,62% del totale attivo consolidato, i dati al 31 marzo 2014 riflettono una situazione sostanzialmente analoga. Come emerge dall Impairment Test, la recuperabilità del valore delle attività immateriali e degli avviamenti iscritti in bilancio è correlata al realizzarsi delle azioni di sviluppo indentificate nel Piano Industriale, nel quale è prevista tra l altro una sfidante inversione del trend negativo registrato negli ultimi tre esercizi dai ricavi complessivi, tra cui i ricavi dei settori operativi Retail Gaming e Lottery. I CAGR utilizzati dal Gruppo nell elaborazione del Piano Industriale sono superiori alle proiezioni di mercato elaborate da autorevoli centri indipendenti di ricerca (Roland Berger Strategy Consultants e MAG Consulenti Associati), rispettivamente di 5,6 punti percentuali con riferimento al comparto Giochi e Scommesse e di 6,5 punti percentuali con riferimento a Pagamenti e Servizi. Variazioni non favorevoli e non prevedibili dei parametri utilizzati per l Impairment Test potrebbero determinare la necessità di svalutare l Avviamento con conseguenze, anche significative, sul conto economico e sul patrimonio netto del Gruppo. 12

13 Rischi connessi alla distribuzione dei dividendi Non vi è garanzia che in futuro l Emittente sia in grado di distribuire dividendi. Il Senior Credit Agreement e l Indenture prevedono, infatti, al ricorrere di determinate circostanze, alcune limitazioni alla distribuzione dei dividendi da parte della Società e di alcune sue società controllate. Nonostante la presenza di utili, pertanto, l Emittente potrebbe non procedere in futuro alla distribuzione di dividendi, ovvero non adottare una politica di distribuzione dei dividendi. Rischi connessi alle concessioni rilasciate da AAMS Il Gruppo svolge una porzione molto rilevante della propria attività (pari a circa il 74% dei ricavi e proventi al 31 dicembre 2013) nel settore regolamentato dei Giochi e delle Scommesse. Le attività di Retail Gaming, Online Gaming e Lottery sono svolte sulla base di concessioni di durata limitata rilasciate dall AAMS in favore di Sisal e di alcune società del Gruppo. La perdita o il mancato rinnovo di tali concessioni potrebbe avere effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi agli obblighi previsti dalla concessione GNTN e all obbligo di mantenimento dei requisiti di aggiudicazione per tutta la durata delle concessioni Tale fattore di rischio indica le rischiosità connesse agli obblighi previsti dalla concessione GNTN e all obbligo di mantenimento dei requisiti di aggiudicazione per tutta la durata delle concessioni. Il mancato rispetto di tali obblighi può comportare la decadenza automatica della convenzione di concessione, determinando possibili effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi alle operazioni con parti correlate Il Gruppo ha intrattenuto, e intrattiene alla Data della, rapporti di natura commerciale e finanziaria con parti correlate. A giudizio dell Emittente tali rapporti sono relativi a operazioni effettuate a normali condizioni di mercato. Non vi è tuttavia garanzia che, ove tali operazioni fossero state concluse fra, o con, terze parti, queste ultime avrebbero negoziato e stipulato i relativi contratti, ovvero eseguito le operazioni stesse, alle medesime condizioni e con le stesse modalità. Rischi connessi al capitale circolante netto Tale fattore di rischio indica le rischiosità connesse al capitale circolante netto negativo del Gruppo. Nonostante la presenza di un capitale circolante netto negativo sia da considerarsi fisiologica per il Gruppo, dato il ciclo finanziario caratterizzante il relativo business, non si può escludere che in futuro l Emittente non si trovi in una situazione di difficoltà dal punto di vista della liquidità necessaria per far fronte ai propri impegni. Rischi connessi alla riqualificazione del rapporto tra Gaming Invest e l Emittente quale sercizio di attività di direzione e coordinamento. Alla Data della ritiene di non essere soggetta ad attività di direzione e coordinamento del socio unico Gaming Invest. Peraltro, non si può escludere che in futuro un giudice eventualmente adito possa valutare nel concreto la sussistenza di attività di direzione e coordinamento, con conseguente applicazione del regime di responsabilità di cui all art bis del Codice Civile in capo agli amministratori della Società, con possibili effetti negativi anche sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi alla separazione del Patrimonio Destinato dal restante patrimonio aziendale Tale fattore di rischio evidenzia le rischiosità connesse alla separazione del Patrimonio Destinato dal restante patrimonio aziendale e agli eventuali costi e maggiore complessità dei processi aziendali che la creazione di specifici presidi potrebbe determinare, anche al fine di rispettare la normativa regolamentare applicabile. 13

14 Rischi connessi alla disponibilità di nuove fonti di finanziamento o di garanzie per le proprie concessioni e alle penali per l inadempimento degli obblighi previsti dalle concessioni. Indica le rischiosità connesse alla disponibilità di nuove fonti di finanziamento o di garanzie per le proprie concessione, e alle penali per l inadempimento degli obblighi previsti dalle concessioni. Nell ipotesi in cui il Gruppo non dovesse avere una liquidità sufficiente a causa del pagamento delle penali in seguito all inadempimento degli obblighi previsti dalle concessioni, o non riuscisse a reperire nuove fonti finanziarie, ovvero ad accedere alle garanzie per far fronte ai predetti impegni patrimoniali, potrebbero aversi effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi all obbligo di devoluzione gratuita dei beni alla scadenza delle concessioni o dei contratti Tale fattore di rischio indica le rischiosità connesse all obbligo di devoluzione gratuita dei beni alla scadenza delle concessioni o dei contratti. Il Gruppo potrebbe essere costretto a sostituirli, il ché richiederebbe investimenti aggiuntivi. Rischi connessi ai rapporti commerciali con la rete distributiva e i fornitori Tale fattore di rischio evidenzia le rischiosità connesse ai rapporti commerciali con la rete distributiva e i fornitori. Non si può escludere che: (i) i prodotti e i servizi offerti da tali soggetti non abbiano un elevato standard di qualità; (ii) il Gruppo non sia in grado di ottenere il risarcimento dei danni derivanti da eventuali inadempimenti contrattuali dei propri partner; (iii) le società del Gruppo non siano soggette a eventuali azioni legali intentate dai propri partner per il risarcimento delle perdite da pretesi inadempimenti delle stesse. Rischi connessi ai procedimenti giudiziari Indica le rischiosità connesse ai procedimenti giudiziari pendenti dell Emittente e delle società del Gruppo e al fatto che le somme eventualmente accantonate per tali procedimenti potrebbero non essere sufficienti a coprire le passività subite. Rischi connessi al procedimento giudiziario riguardante il c.d. extracontingentamento Tale fattore di rischio evidenzia le rischiosità connesse al procedimento giudiziario riguardante il c.d. extracontingentamento relativo agli Apparecchi da Intrattenimento per circa Euro 4 milioni. Rischi connessi a verifiche e contenziosi fiscali Tale fattore di rischio indica i rischi cui è soggetto il Gruppo Sisal in relazione allo svolgimento di verifiche e alla presenza di procedimenti contenziosi fiscali riguardanti, in particolare, l asserita indeducibilità di costi accessori e interessi passivi nell ambito dell operazione straordinaria di acquisizione del controllo del Gruppo, avvenuta nel corso dell esercizio Rischi connessi al contenzioso relativo ai canoni previsti dal contratto con i ricevitori Tale fattore di rischio indica i rischi cui è soggetta Sisal in merito alle richiesta di restituzione dei corrispettivi pagati da parte dei ricevitori e/o l instaurazione di procedimenti in sede contenziosa nei suoi confronti. Rischi connessi alla mancata realizzazione o a ritardi nell attuazione della strategia di crescita Tale fattore di rischio evidenzia le rischiosità connesse al fatto che la capacità del Gruppo di incrementare i propri ricavi e perseguire i propri obiettivi di crescita e di sviluppo e di mantenere adeguati livelli di redditività dipende anche dalla realizzazione della propria strategia industriale. Rischi connessi alle acquisizioni e alla integrazione di nuove imprese Tale fattore di rischio evidenzia le rischiosità connesse al fatto che la strategia del Gruppo include, tra le altre cose, acquisizioni di società o aziende operanti nei settori di riferimento. La possibilità di acquisire società o aziende operanti nei settori di riferimento e la capacità di integrare efficacemente nel Gruppo le società e/o le aziende acquisite sono fondamentali per l attività del Gruppo. 14

15 Rischi connessi allo sviluppo tecnologico nel settore dei giochi online e dei Pagamenti e Servizi Tale fattore di rischio indica le rischiosità, cui è soggetto il Gruppo, connesse al fatto che il mercato dei giochi online e dei pagamenti e altri servizi è caratterizzato da un rapido sviluppo tecnologico, dal lancio frequente di nuovi prodotti e servizi e da standard di settore in continua evoluzione. Non si può escludere che la tecnologia utilizzata dal Gruppo alla Data della possa diventare rapidamente obsoleta. Rischi connessi a danni o interruzioni del sistema informatico del Gruppo La capacità del Gruppo di gestire in modo efficace i giochi, le lotterie e i pagamenti e altri servizi dipende in gran parte dall affidabilità e sicurezza della rete e dei sistemi informatici utilizzati. Nonostante il Gruppo abbia posto in essere le misure necessarie al fine di prevenire i danneggiamenti e le interruzioni della rete e dei sistemi informatici, il verificarsi di eventi e/o disservizi, quali quelli sopra descritti, potrebbe comportare possibili effetti negativi sul Gruppo. Rischi connessi all integrità personale del management e dei dipendenti del Gruppo Tale fattore di rischio indica le rischiosità connesse all integrità personale di amministratori, dirigenti, dipendenti e procuratori delle società del Gruppo, fattore chiave per mantenere la fiducia della clientela, intrattenere relazioni con le pubbliche amministrazioni e con i partner commerciali e continuare ad operare in linea con le normative di settore. Rischi connessi alla presenza all interno del Gruppo di figure chiave Il senior management nonché il management è composto da professionisti che, per l esperienza maturata, svolgono un ruolo fondamentale per la crescita e lo sviluppo del Gruppo. Qualora il rapporto tra il Gruppo e una o più delle figure chiave dovesse interrompersi per qualsivoglia motivo, non vi sono garanzie che il Gruppo riesca a sostituirle tempestivamente con altre risorse idonee ad assicurare, nel breve periodo, il medesimo apporto. Rischio di credito Tale fattore di rischio indica le rischiosità connesse al rischio di credito. I partner e rivenditori del Gruppo, che gestiscono la maggior parte dei punti vendita della rete distributiva, sono responsabili, tra le altre cose, della raccolta del denaro presso i propri punti vendita e del successivo trasferimento al Gruppo. Anche nelle ipotesi in cui il Gruppo non riceva il pagamento dovuto, esso rimane in ogni caso responsabile nei confronti, da un lato, dello Stato e, dall altro, dei propri partner dei pagamenti e altri servizi. Rischi connessi alla variazione dei tassi di interesse La Società è esposta al rischio di variazione dei tassi di interesse, in quanto una porzione del proprio indebitamento finanziario, derivante principalmente dal Senior Credit Agreement, è espressa a tasso variabile. Tali tassi di interesse potrebbero in futuro subire fluttuazioni e incrementare anche in misura significativa. Rischi connessi ai rapporti commerciali che il Gruppo intrattiene con emittenti di carte di credito e altre istituzioni finanziarie Tale fattore di rischio evidenzia i rischi connessi ai rapporti commerciali che il Gruppo intrattiene con emittenti di carte di credito e altre istituzioni finanziarie. Eventuali limitazioni e/o i divieti introdotti da istituzioni finanziarie sulle transazioni di pagamento relative ai giochi e scommesse online, inadempienze dei fornitori di servizi di pagamento e passività dovute al c.d. chargeback potrebbero causare effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi alle attività illegali commesse dalla clientela Nell ambito delle proprie attività, il Gruppo è esposto al rischio che i propri clienti commettano attività fraudolente o finalizzate al riciclaggio di denaro. Non è possibile escludere che le misure adottate si rivelino in taluni casi inadeguate nell identificare condotte illegali della clientela, con eventuali possibili conseguenze negative per il Gruppo, come l incorrere in sanzioni amministrative ovvero penali, ovvero 15

16 come la perdita o la revoca di concessioni e/o licenze, con possibili effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi all immagine dei brand del Gruppo Tale fattore di rischio evidenzia le rischiosità connesse al fatto che il successo del Gruppo è anche legato all immagine e alla forza dei propri brand, dotati di forte tradizione e riconoscibilità a livello nazionale, che rappresentano un vantaggio competitivo per lo sviluppo delle attività del Gruppo. Rischi connessi al gioco online in ambito internazionale Tale fattore di rischio evidenzia le rischiosità connesse al fatto che, tradizionalmente, il settore dei giochi è regolamentato solo a livello nazionale e attualmente non esiste alcuna regolamentazione che lo disciplini in maniera armonizzata a livello internazionale. Il Gruppo è pertanto esposto al rischio che i sistemi e i controlli di cui si avvale non siano sufficienti a bloccare l accesso ai prodotti di gioco a clienti provenienti da paesi in cui il gioco online è vietato. Rischi connessi alla difesa dei diritti di proprietà intellettuale La tutela dei propri brand e degli altri diritti di proprietà intellettuale è di fondamentale importanza per il successo del Gruppo. Il Gruppo è, pertanto, esposto al rischio che determinati eventi siano suscettibili di pregiudicare l immagine del brand. Rischi connessi all evoluzione e interpretazione della normativa fiscale L attività esercitata dalle diverse società del Gruppo le rende soggette a diverse imposte e tasse, tra cui l IVA e l imposta unica sui giochi calcolata in base alla rispettiva raccolta. Eventuali modifiche, anche retroattive, alle normative fiscali o di altro genere potrebbero avere effetti negativi sulle concessioni attualmente riconosciute a società del Gruppo, senza che siano dovute compensazioni di sorta. Rischi connessi alla deducibilità degli interessi passivi Ai sensi della normativa applicabile (art. 96 d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917), l ammontare degli interessi passivi ed oneri assimilati che originano da rapporti aventi causa finanziaria è deducibile ai fini IRES fino a concorrenza degli interessi attivi e proventi assimilati. Nel caso la Società perdesse lo status di soggetto finanziario diverrebbe anch essa assoggettata al regime del ROL ai fini IRES e non avrebbe la possibilità di dedurre gli interessi passivi ai fini IRAP. Rischi connessi al Piano di Performance Shares Sisal 2014 In data 4 giugno 2014, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato il piano di incentivazione Piano di Performance Shares Sisal 2014 (il Piano ). Il Consiglio di Amministrazione della Società potrà, entro lo scadere del primo periodo di vesting che cadrà alla data di approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2015, individuare ulteriori beneficiari a cui assegnare Unit corrispondenti al diritto a ricevere azioni per lo 0,06% del capitale sociale dell Emittente ad esito della quotazione. Inoltre, ai sensi del regolamento del Piano, i beneficiari dello stesso potranno richiedere alla Società che le relative azioni vengano cedute sul MTA, con possibili impatti negativi sul prezzo di mercato delle azioni Sisal Group. Rischi relativi ai quorum previsti per l adozione di determinate delibere da parte degli organi amministrativi di Gaminghouse e Gaming Invest Ai sensi del patto parasociale che entrerà in vigore successivamente alla data di inizio delle negoziazioni delle azioni della Società sul MTA, sono previsti alcuni quorum rafforzati per l adozione di alcune deliberazioni. Non può essere escluso che, in futuro, l assenza di un ampio consenso nell ambito degli organi amministrativi di Gaminghouse e/o Gaming Invest in relazione a specifiche deliberazioni possa portare, tra l altro, a situazioni di stallo operativo, con possibili effetti negativi sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società o del Gruppo. 16

17 Rischi relativi ai quorum previsti per l adozione di determinate delibere da parte del Consiglio di Amministrazione dell Emittente Ai sensi del patto parasociale che entrerà in vigore successivamente alla data di inizio delle negoziazioni delle azioni della Società sul MTA, nonché dell articolo 18-bis del Nuovo Statuto, sono previsti alcuni quorum rafforzati per l adozione di alcune deliberazioni da parte del Consiglio di Amministrazione dell Emittente. Non può essere escluso che, in futuro, l assenza di un ampio consenso nell ambito del Consiglio di Amministrazione della Società in relazione a specifiche deliberazioni possa portare, tra l altro, a situazioni di stallo operativo, con possibili effetti negativi sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società o del Gruppo. Rischi connessi al sistema di governo societario e all applicazione differita di determinate previsioni statutarie Alcune delle disposizioni in materia di sistema di governo societario (relative al meccanismo di nomina dei membri del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale) adottate dall Emittente troveranno applicazione solamente una volta scaduto il Consiglio di Amministrazione ed il Collegio Sindacale nominati con efficacia a far data dall avvio delle negoziazioni delle azioni sul MTA. Dichiarazioni di preminenza in merito al posizionamento competitivo e all evoluzione dei mercati di riferimento Il Documento di Registrazione e la contengono dichiarazioni di preminenza e considerazioni sul posizionamento competitivo del Gruppo, formulate dall Emittente sulla base della specifica conoscenza del settore di appartenenza, dei dati disponibili e della propria esperienza. Il Documento di Registrazione e la contengono, inoltre, informazioni sull evoluzione dei mercati di riferimento in cui opera il Gruppo. Non è pertanto possibile garantire che tali dichiarazioni ed informazioni possano essere mantenute e/o confermate in futuro. Rischi connessi alla normativa in materia di trattamento dei dati personali Il Gruppo, nell esercizio della propria attività attraverso il canale online e nel settore dei pagamenti e altri servizi, tratta dati personali e/o sensibili appartenenti a clienti e gestori dei punti vendita della rete ed è quindi tenuto al rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati e della privacy. Nonostante il Gruppo, nell effettuare il trattamento dei dati, abbia predisposto gli opportuni presidi volti al rispetto della normativa sulla privacy, non si può escludere che gli stessi potrebbero rivelarsi non adeguati a seguito di accessi, divulgazioni e comunicazioni non autorizzati e/o involontari, con possibili effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. D.2 FATTORI DI RISCHIO CONNESSI AL SETTORE IN CUI L EMITTENTE OPERA Rischi connessi alla percezione e alla pubblicità negativa relativa al comparto Giochi e Scommesse Il settore dei giochi è stato recentemente esposto ad una crescente pubblicità negativa dovuta a diversi fattori che potrebbero comportare un aumento e/o inasprimento della regolamentazione, con possibili effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi alla congiuntura economico-finanziaria europea ed italiana Tale fattore di rischio evidenzia i rischi connessi alla congiuntura economico-finanziaria europea ed italiana. Qualora la fase di crisi economica e finanziaria dovesse protrarsi ulteriormente ovvero, una volta cessata, dovessero in futuro verificarsi periodi di crisi economica e/o finanziaria, ciò potrebbe avere effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi al settore delle scommesse a quota fissa La scommessa a quota fissa è una forma di scommessa in cui il bookmaker corrisponde allo scommettitore, in caso di vittoria, una cifra pari al prodotto dell importo giocato per la quota (singola o multipla) prevista all atto 17

18 di accettazione della scommessa, a prescindere dal totale della raccolta tra i giocatori; il che comporta, alternativamente, per il concessionario, l obbligo di pagare la vincita al cliente o la ritenuta della giocata del cliente. Rischi connessi alla stagionalità del settore delle scommesse L attività nel settore delle scommesse è fortemente influenzata dalla stagionalità che caratterizza gli eventi sportivi cui le scommesse sono collegate, come ad esempio la stagione calcistica italiana. Pertanto, la cancellazione o la riduzione di eventi sportivi potrebbero determinare effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi al mutamento delle preferenze dei consumatori finali La crescita del Gruppo dipende in misura rilevante dalla capacità di offrire prodotti in grado di attrarre nuova clientela. Qualora in futuro l offerta dei giochi e dei pagamenti e altri servizi del Gruppo non dovesse essere in grado di soddisfare le preferenze dei consumatori ovvero divenga in generale meno popolare, potrebbe verificarsi un fenomeno di contrazione della domanda dei prodotti, con possibili effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi relativi all elevata regolamentazione dei settori e alla complessità del quadro normativo, nonchè all introduzione di discipline normative limitative del settore I settori in cui opera il Gruppo sono altamente regolamentati in tutti i loro aspetti. L emanazione di eventuali nuove normative, o modifiche alla normativa vigente potrebbero imporre al Gruppo standard più severi per l ottenimento di autorizzazione o per la partecipazione a gare pubbliche, con conseguente pregiudizio sulla redditività del Gruppo ed effetti negativi sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria. Rischi derivanti dal gioco illegale Un significativo rischio per l intero settore dei giochi e delle scommesse è rappresentato dalle attività illecite, quali il gioco clandestino, e, più in generale, ogni altra forma di gioco sottratta alla regolamentazione pubblica. Tali attività illecite privano il settore regolamentato di consistenti volumi di gioco e potrebbero sottrarre all attività del Gruppo una significativa porzione di giocatori che attualmente costituisce un target fondamentale dello stesso, con possibili effetti negativi sulle attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi all elevata competitività Tale fattore di rischio evidenzia le rischiosità connesse al fatto che il mercato dei giochi e il mercato dei pagamenti e altri servizi in cui operano le società del Gruppo sono particolarmente competitivi. L incremento della concorrenza e le politiche di prezzo aggressive nei mercati dei giochi e dei pagamenti e altri servizi potrebbero limitare la capacità del Gruppo di svolgere con successo la propria attività, nonché ridurre i margini di guadagno sia sui contratti esistenti, sia su quelli futuri. Il verificarsi di tali eventi potrebbe, quindi, avere effetti negativi sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. Rischi connessi alla liberalizzazione del mercato dei giochi e al possibile ulteriore ingresso di operatori stranieri nel mercato italiano Tale fattore di rischio evidenzia le rischiosità connesse alla liberalizzazione del mercato dei giochi e al possibile ulteriore ingresso di operatori stranieri nel mercato italiano. Qualsiasi modifica al regime normativo e/o regolamentare applicabile che abbia l effetto di aprire il mercato italiano dei giochi e/o di incrementare il numero degli operatori potrebbe avere un effetto negativo sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria della Società e/o del Gruppo. D.3 FATTORI DI RISCHIO RELATIVI ALL OFFERTA E AGLI STRUMENTI FINANZIARI OFFERTI Rischi connessi alla mancata conclusione dell Offerta Globale condizioni per la realizzazione di una IPO Consentita L Offerta Globale è soggetta a determinate condizioni collegate alla struttura dell indebitamento dell Emittente e dell Azionista Venditore. Ai sensi del contratto di finanziamento denominato Senior Credit Agree- 18

19 ment eventuali operazioni di IPO possono essere effettuate solo nell ipotesi in cui rientrino nella definizione di IPO Consentita ai sensi dello stesso. Alla Data della, è intenzione dell Emittente e di Gaming Invest procedere con le attività finalizzate alla quotazione delle azioni ordinarie dell Emittente sul MTA solo nel caso in cui: (i) la stima dei proventi netti derivanti dalla vendita delle Azioni offerte da Gaming Invest nell ambito dell Offerta Globale calcolati sul Prezzo di Offerta, e quindi al netto delle commissioni riconosciute al Consorzio per l Offerta Pubblica ed al Consorzio per il Collocamento Istituzionale, sia almeno pari a Euro 291 milioni; e (ii) il Debt Cover, non sia superiore a 4,00:1,00. Rischi connessi alle priorità nella riduzione dell Offerta Globale Tale rischio evidenzia i rischi connessi alle modalità di riduzione dell Offerta Globale, i quali prevedono che in sede di eventuale riduzione verrà data priorità: (i) dapprima al collocamento di un numero di Azioni in vendita da parte di Gaming Invest sufficiente, al netto dei costi di collocamento, a far fronte al rimborso integrale dei finanziamenti Second Lien Credit Agreement e Mezzanine Facility Agreement; (ii) successivamente a tale collocamento si procederà all eventuale collocamento delle Azioni rivenienti dall Aumento di Capitale dell Emittente; e (iii) da ultimo si procederà all eventuale collocamento delle residue Azioni offerte dall Azionista Venditore. Qualora i Proponenti dovessero decidere di ridurre l Offerta Globale riveniente dall Aumento di Capitale, la Società pur sostenendo le spese relative al processo di quotazione e dell Offerta, non disporrebbe di nuove risorse finanziarie e, in tal caso non sarebbe in grado di perseguire le finalità di rimborso delle linee di credito esistenti a seguito dell offerta Globale nonchè le ulteriori finalità previste. Rischi connessi ai conflitti di interesse di UniCredit Corporate & Investment Banking, Banca IMI e UBS e ai potenziali conflitti di interesse dei Coordinatori dell Offerta Globale Banca IMI, (che ricopre il ruolo di Joint Bookrunner nell ambito del Collocamento Istituzionale, nonché di Sponsor nell Offerta Pubblica di Vendita e Sottoscrizione) e UniCredit Corporate & Investment Banking (che ricopre il ruolo di Responsabile del Collocamento nell Offerta Pubblica di Vendita e Sottoscrizione nonché di Joint Bookrunner nell ambito del Collocamento Istituzionale), si trovano in una situazione di potenziale conflitto di interessi in quanto garantiranno insieme ad altri intermediari il collocamento delle Azioni oggetto dell Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione e percepiranno, in relazione ai ruoli assunti nell ambito di tale Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione, commissioni calcolate in percentuale sul controvalore delle Azioni oggetto dell Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione. UniCredit Corporate & Investment Banking e Banca IMI sono alcune delle banche finanziatrici del Senior Credit Agreement e parte dei proventi dell Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione saranno utilizzati per rimborsare i finanziamenti in essere. Inoltre hanno ricoperto il ruolo di Joint Bookrunner nell ambito del collocamento delle Obbligazioni Senior Secured emesse l 8 Maggio 2013 dall Emittente. I Coordinatori dell Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione si trovano in una situazione di potenziale conflitto di interessi in quanto: (i) garantiranno insieme ad altri intermediari il collocamento delle Azioni oggetto dell Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione, e (ii) percepiranno, in relazione ai ruoli assunti nell ambito dell Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione, commissioni calcolate in percentuale sul controvalore delle Azioni oggetto dell Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione. Inoltre, i rispettivi gruppi bancari di appartenenza hanno in passato e potrebbero in futuro prestare servizi di lending, advisory e/o di investment banking in via continuativa a favore del Gruppo e/o dell Azionista Venditore. Inoltre UBS, che ricopre il ruolo di Coordinatore dell Offerta Globale di Vendita e Sottoscrizione e di Joint Bookrunner nell ambito del Collocamento Istituzionale, ha in essere rapporti creditizi nei confronti del Gruppo Sisal in quanto è una delle banche finanziatrici del Senior Credit Agreement e parte dei proventi dell Offerta Globale saranno utilizzati per rimborsare i finanziamenti in essere. Rischi connessi ai potenziali conflitti di interesse di alcuni componenti del Consiglio di Amministrazione e di alcuni tra i principali dirigenti della Società Alla Data della, alcuni componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente e dirigenti della Società detengono strumenti finanziari che consentono di ricevere azioni di Gaming Invest, socio unico dell Emittente, avendo stipulato nel corso del 2011 un accordo di investimento con Gaminghouse ai sensi del quale hanno, tra le altre cose, acquistato da Gaminghouse Strumenti Finanziari convertibili in una diversa categoria di azioni di Gaming Invest al verificarsi, inter alia, 19

20 della quotazione presso un mercato regolamentato delle azioni di Gaminghouse, Gaming Invest, la Società o Sisal. Inoltre, i signori Emilio Petrone, Francesco Durante, Maurizio Santacroce, Marco Caccavale, Corrado Orsi e Roberto Di Fonzo sono destinatari di bonus monetari (nella forma di premio variabile e, solo con riferimento al dott. Petrone, anche di premio discrezionale) collegati al completamento dell operazione di quotazione delle azioni della Società sul MTA, calcolati sulla base dell equity value di Sisal Group prima dell aumento di capitale al servizio dell Offerta Globale, tenuto conto del Prezzo di Offerta e dedotti alcuni costi relativi all Offerta Globale. Rischi connessi agli interessi di Gaming Invest nell ambito dell Offerta Globale Si segnala che Gaming Invest, ha un interesse proprio nell Offerta Globale. In particolare, lo stesso agisce quale Azionista Venditore nell ambito dell Offerta Globale e all esito dell offerta medesima utilizzerà i proventi netti derivanti dalla vendita delle Azioni per rimborsare integralmente il proprio indebitamento finanziario derivante dai contratti denominati Second Lien Credit Agreement e Mezzanine Facility Agreement. Rischi connessi alla liquidità dei mercati e alla volatilità delle Azioni A seguito dell Offerta Globale, le Azioni saranno negoziate sul MTA e i possessori di tali azioni potranno liquidare il proprio investimento mediante la vendita sul mercato. Tuttavia non è possibile garantire che si formi o si mantenga un mercato liquido per le azioni dell Emittente. Dati relativi all Offerta Globale e altre informazioni che saranno comunicate successivamente alla Data della Il Prezzo di Offerta, unitamente ai dati relativi al numero finale delle Azioni, all Aumento di Capitale, alla capitalizzazione della Società e al ricavato netto derivante dall Offerta Globale, nonché al controvalore del Lotto Minimo, del Lotto Minimo per i Dipendenti e del Lotto Minimo di Adesione Maggiorato calcolati sulla base del Prezzo di Offerta, saranno comunicati al pubblico entro due giorni lavorativi dal termine del Periodo di Offerta. Rischi connessi agli impegni temporanei di inalienabilità delle Azioni nell ambito dell Offerta Globale L Azionista Venditore e la Società assumeranno impegni di lock-up nei confronti dei Coordinatori dell Offerta Globale, alla scadenza dei quali, non vi è alcuna garanzia che l Azionista Venditore e la Società non procedano alla vendita delle Azioni con conseguente potenziale impatto negativo sull andamento del prezzo delle Azioni stesse. Rischi connessi all attività di stabilizzazione Non vi sono garanzie che l eventuale attività di stabilizzazione sulle Azioni da parte di Deutsche Bank, la quale potrebbe determinare un prezzo di mercato superiore a quello che verrebbe altrimenti a prevalere. venga effettivamente svolta o che, quand anche intrapresa, non possa essere interrotta in qualsiasi momento. Rischi connessi alle Bonus Share In caso di mancata detenzione delle Azioni per un periodo di 12 (dodici) mesi dalla data di regolamento della totalità delle Azioni, i Dipendenti che sottoscriveranno le Azioni rivenienti dall Aumento di Capitale nell ambito dell Offerta ai Dipendenti, non avranno i requisiti per beneficiare della Bonus Share e potrebbero avere una diluizione della partecipazione dagli stessi detenuta nell Emittente. Possibili effetti di diluizione del capitale dell Emittente in relazione all adozione di piani di incentivazione In data 4 giugno 2014 il Consiglio di Amministrazione ha deliberato il piano di incentivazione Piano di Performance Shares Sisal 2014 (il Piano ) condizionato all inizio delle negoziazioni delle azioni sul MTA. L effetto di diluizione per gli azionisti dell Emittente derivante dall eventuale integrale esecuzione degli aumenti di capitale gratuiti a servizio del Piano è da quantificarsi nella misura massima dell 1,75% del capitale dell Emittente fully diluted. 20

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli