ATTREZZATURE PER LA LAVORAZIONE DEI MANUFATTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTREZZATURE PER LA LAVORAZIONE DEI MANUFATTI"

Transcript

1 ATTREZZATURE PER LA LAVORAZIONE DEI MANUFATTI La crescente automazione delle MU/CN richiede che pezzi ed utensili vengano sostituiti rapidamente durante il ciclo di lavoro. Attrezzature porta utensili Gli utensili sono contenuti in magazzini che sono posizionati dentro, sopra o accanto alla macchina stessa. I magazzini più utilizzati sono quelli a giostra (o a catena) e a disco, nei quali gli utensili sono disposti a caso (random) senza seguire l ordine della lavorazione. Ogni utensile è codificato (es.: T 01) e risulta perciò identificato dal CNC. Il cambio degli utensili avviene per mezzo di un dispositivo che sostituisce l utensile che ha lavorato con quello successivo. Il passaggio dell utensile dal magazzino al mandrino portautensile può essere fatto in diversi modi. Il metodo più utilizzato è quello detto a navetta, che sfrutta un braccio alla cui estremità vi sono due pinze (o forchette ) per il prelievo contemporaneo degli utensili. Nelle macchine a utensile rotante, quali sono le fresatrici ed i centri di lavoro, l elemento di unione fra il mandrino e l utensile è il portautensile, che costituisce la parte terminale della testa motrice. Due tenoni consentono l incastro tra mandrino e portautensile, trasmettendo a questo il moto. All estremità conica vi è un dispositivo per il bloccaggio automatico del codolo del portautensile al mandrino. Nel caso dei torni, i mandrini autocentranti portapezzo sono dotati di morsetti o pinze a comando idraulico, pneumatico o elettrico. Tali mandrini sono attivati in apertura e chiusura dal controllo numerico. Tecnologie mecc. di proc. e prod. - Appunti dalle lezioni del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano - Pag. 1

2 La lavorazione di manufatti alle macchine utensili a controllo numerico richiede spesso l impiego di attrezzature o l utilizzo di pallet. Un sistema a cambio pallet, utilizzabile su macchine utensili per la lavorazione di particolari aventi determinati tempi ciclo, consente il caricoscarico dei particolari da lavorare mentre la macchina utensile è in lavorazione, diminuendo quindi i tempi morti ed agevolando le operazione di staffaggio dei particolari sulle palette da parte dell operatore. Lo scambio può essere effettuato da un manipolatore a 2 o a 3 assi con asse di traslazione elettrico, asse verticale pneumatico ed eventuale polso rotativo di scambio a comando elettrico con doppia pinza aggancio pallet. Il sistema può essere utilizzato con soli due pallet o dotato di magazzino a tavola rotante (per esempio fino ad 8 pallet). Il tempo di scambio, nel caso di lavorazioni di particolari con tempi di ciclo brevi, può essere di circa 6-7 sec ed il carico massimo applicabile su ogni pallet è per esempio di circa 20 kg. Nel caso di lavorazioni di particolari con tempi di ciclo medio-lunghi, il tempo di scambio può essere di circa 30 sec ed il carico massimo applicabile su ogni pallet è per esempio di circa 80 kg. Il sistema, completo di impianto elettrico e pneumatico, è gestito per mezzo di PLC. Le attrezzature devono avere un impiego flessibile, in quanto devono adattarsi a lavorazioni di pezzi di forma varia ed essere sempre utilizzabili (attrezzature standard). Le attrezzature speciali sono progettate e costruite espressamente per la fabbricazione di un determinato pezzo e diventano inutilizzabili quando termina la produzione del pezzo in questione. Esempi di attrezzature sono quelle per montaggio multiplo (lavorazione in piano di una serie di pezzi), quelle per forature multiple. Di seguito si fa un rapido cenno sull argomento, che è trattato più dettagliatamente in Disegno, Progettazione ed Organizzazione Industriale (DPOI). Attrezzature porta pezzo a) Funzione Le attrezzature porta pezzo hanno le seguenti funzioni: - Sostenere il pezzo rigidamente in modo che l asportazione del truciolo avvenga senza deformazioni e senza vibrazioni; - Far si che il centraggio ed il bloccaggio del pezzo avvengano nel minor tempo possibile; - Permettere il centraggio esatto per una serie di pezzi uguali. L uso dell attrezzatura riduce i tempi di produzione attribuibili alla manodopera (T mf ) ed abbassa il livello di incidenza del suo costo sull unità di prodotto. Si distinguono attrezzature: - Universali, reperibili in commercio (es.: mandrino, autocentrante, morse da banco ) - Componibili, perché assemblate con componenti standardizzati (adatte per lavorazioni di piccola e media serie) - Speciali, costruite appositamente per un determinato particolare e, dato l elevato costo, sono adatte per produzioni in grande serie. Tecnologie mecc. di proc. e prod. - Appunti dalle lezioni del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano - Pag. 2

3 b) Elementi Gli elementi principali di un attrezzatura sono: - Riferimenti, che permettono alle superfici, ai piani ed agli assi, di assumere una posizione prestabilita - Appoggi, che hanno lo scopo di sostenere il pezzo e le azioni agenti su di esso - Organi di fissaggio, che consentono di mantenere il pezzo nella posizione prescelta (es.: meccanismi a vite, cunei, eccentrici, leve, azionamenti pneumatici od oleodinamici ) - Guide o posizionatori, che hanno il compito di determinare la posizione reciproca tra utensile e pezzo nel caso di lavorazioni quali la foratura, la tranciatura, lo stampaggio - Struttura, che costituisce l insieme degli elementi destinati a portare il pezzo e tutti i dispositivi di fissaggio e posizionamento. Lo studio delle attrezzature va compiuto in strettissima collaborazione tra il tecnico che compila il ciclo di lavorazione (Ufficio analisi tempi) ed il tecnico che provvede alla progettazione dell attrezzatura stessa (Ufficio tecnico d officina). La costruzione dell attrezzatura (nell attrezzeria) va fatta con celerità in modo che essa sia pronta al momento in cui si inizia la lavorazione. Oltre a conoscere i criteri tecnici che guidano la progettazione e la costruzione delle attrezzature, l Ufficio produzione deve anche conoscere il criterio economico di fondamentale importanza: l attrezzatura deve essere utile ed economicamente conveniente. c) Struttura Le dimensioni di una attrezzatura dipendono sia dalle dimensioni del pezzo, sia dalle sollecitazioni cui è sottoposta. Il corpo dell attrezzatura può essere ottenuto: - Per fusione in ghisa - Per saldatura di profilati in acciaio - Mediante elementi componibili (in ghisa o in acciaio) uniti tra loro con viti e spine di riferimento - Combinando (sistema misto) due o più dei modi precedenti, cioè facendo uso di parti fuse o saldate, insieme ad altri elementi. La fusione in ghisa si utilizza quando il corpo ha forma complessa. La ghisa è un materiale di poco prezzo; è la costruzione del modello che ha un costo notevole. La ghisa ha il pregio di ridurre le vibrazioni. Le strutture in acciaio saldato sono quelle più frequentemente utilizzate, essendo il 40 % meno pesanti di quelle fuse. La saldatura, però, provoca deformazioni non trascurabili e tensioni sulle parti funzionali del corpo (superfici di appoggio, di collegamento, guida ). Gli elementi normalizzati componibili consentono un risparmio anche del 50 %. d) Posizionamento del pezzo Il pezzo deve essere posto nella corretta posizione rispetto: Tecnologie mecc. di proc. e prod. - Appunti dalle lezioni del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano - Pag. 3

4 - Al piano d appoggio della macchina - All utensile (o agli utensili) che dovrà eseguire la lavorazione Il posizionamento dei pezzi è un operazione della massima importanza in quanto essa garantisce che ogni pezzo successivo verrà disposto e lavorato come il precedente. Le aree di contatto tra pezzo in lavorazione ed attrezzatura sono dette riferimenti. E necessario che: - Le aree di contatto siano limitate anzi assimilabili a dei punti - I punti di contatto siano il minor numero possibile (per diminuire i possibili errori di posizionamento I tipi di riferimenti più usati in una attrezzatura sono: 1) Per superficie piana: tre rilievi di superficie ristretta che siano assimilabili a tre punti di contatto 2) Per superficie cilindrica: un appoggio a V che determina due punti di contatto col cerchio 3) Per superficie conica: delle superficie coniche complementari a quelle del pezzo (es.: punte e contropunte coniche). La figura a lato rappresenta un prisma a V in acciaio temprato della ditta Norelem. La figura sotto rappresenta un esempio schematico di attrezzatura per il posizionamento di un pezzo meccanico rispetto ai tre piani a-a, b-b, c-c. Tale posizionamento è molto applicato nelle attrezzature per forare. Tecnologie mecc. di proc. e prod. - Appunti dalle lezioni del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano - Pag. 4

5 e) Bloccaggio del pezzo Il bloccaggio del pezzo in lavorazione è sempre necessario. Il sistema di fissaggio deve agire solo su quelle superfici del pezzo che sono solidamente appoggiate, per evitare deformazioni e vibrazioni del pezzo. Distinguiamo due tipologie di bloccaggio: - Bloccaggi reversibili: sono quelli in cui, riducendo a zero la forza bloccante, il pezzo si sblocca automaticamente (è quanto accade nelle attrezzature pneumatiche od oleodinamiche all apertura della valvola regolatrice la pressione del fluido); - Bloccaggi irreversibili: sono quelli in cui, per sbloccare il pezzo, non è sufficiente ridurre a zero la forza di chiusura ma occorre applicare una forza contraria per liberare il sistema di bloccaggio (è ciò che accade nei sistemi meccanici). I sistemi di bloccaggio possono essere di due tipi: bloccaggi ottenuti esclusivamente mediante organi meccanici, bloccaggi ottenuti mediante l intervento anche di sistemi fluidi. Di seguito è rappresenta un attrezzatura in cui il bloccaggio è ottenuto mediante un organo meccanico; in pratica la pressione è esercitata mediante staffe. Esso costituisce il sistema più comunemente utilizzato per il fissaggio di pezzi o di utensili sul piano di lavoro delle macchine utensili. Il sistema è molto semplice perché i suoi componenti essenziali sono: una staffa, un appoggio, una vite, una rosetta un dado. Supposto per semplicità che in figura sia a=b=l/2, considerando l equilibrio dei momenti rispetto al punto 0 (asse vite centrale), si ha: -P a + Q b = 0 Da cui: P = Q Cioè: La forza di bloccaggio è pari a quella applicata alla vite. Uno dei mezzi più diffusi per ottenere risparmio di forza e di tempo per il bloccaggio dei pezzi, è di ricorrere ai fluidi sotto pressione, facendo compiere da essi gli sforzi necessari al bloccaggio degli elementi che devono essere lavorati; ciò si ottiene mediante la semplice manovra di una valvola. Tecnologie mecc. di proc. e prod. - Appunti dalle lezioni del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano - Pag. 5

6 I fluidi che vengono abitualmente applicati per i bloccaggi sono due: l aria (sistemi pneumatici) e l olio (sistemi oleodinamici ed oleopneumatici). I sistemi pneumatici vengono impiegati quando l organo comandato richiede una spinta rapida ma di modesta intensità. Essi sono di costruzione semplificata perché non esistono condotte di ritorno; eventuali perdite d aria non recano danno. Non potendo realizzare tenute efficientissime, non è possibile impiegare alte pressioni (di solito la pressione di esercizio è pari a 6 atm). I sistemi oleodinamici vengono impiegati quando si richiede un comando con spinta intensa e spostamento regolare (v=cost) e relativamente lento. Essi necessitano di complicati circuiti di andata e ritorno. Non si possono ammettere perdite di fluido (pericolose per l ambiente e per le attrezzature data l elevata pressione, oltre che per il costo dell olio). Grazie alla possibilità di realizzare tenute molto efficienti, è possibile impiegare alte pressioni e quindi realizzare grandi forze con stantuffi di piccole dimensioni (pressioni 350 bar). Essendo l olio incomprimibile è possibile controllare spostamenti piccolissimi dello stantuffo e degli organi di manovra permettendo di effettuare spostamenti con grande precisione e di conseguenza lavorazioni di precisione. La figura sotto rappresenta un attrezzatura con bloccaggio pneumatico del pezzo. Durante il moto di lavoro del pistone 2 del cilindro, la leva ad angolo 3 fa abbassare il tirante 4 (che fa anche da perno di centratura del pezzo da lavorare); tramite la rosetta aperta normalizzata 5, si realizza il bloccaggio del pezzo sul corpo 1 dell attrezzatura. Quando il pistone compie la corsa di ritorno, il tirante 4 viene spinto verso l alto, liberando il pezzo. Tecnologie mecc. di proc. e prod. - Appunti dalle lezioni del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano - Pag. 6

7 Tecnologie mecc. di proc. e prod. - Appunti dalle lezioni del prof. Di Cara Nicola - ITIS Galilei - Conegliano - Pag. 7

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 Fresatrici, Alesatrici e Centri di Lavoro pag. 2 1.1 Generalità 2 1.2 Struttura

Dettagli

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione Tecnica di bloccaggio Cilindri idraulici Generatori di pressione idraulici Centraline di bloccaggio e industriali Tecnica dei montaggi

Dettagli

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione Tecnica di bloccaggio Cilindri idraulici Generatori di pressione idraulici Centraline di bloccaggio e industriali Tecnica dei montaggi

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO ATTREZZATURE DI PRODUZIONE PNEUMATICHE ED OLEODINAMICHE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO ATTREZZATURE DI PRODUZIONE PNEUMATICHE ED OLEODINAMICHE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO ATTREZZATURE DI PRODUZIONE PNEUMATICHE ED OLEODINAMICHE Attrezzature di produzione: pneumatiche ed oleodinamiche Nelle attrezzature pneumatiche ed oleodinamiche la forza applicata

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Lo schema seguente descrive l evoluzione dei sistemi di produzione industriale con l avvento dell automazione. Vengono presi in considerazione la lavorazione alle macchine utensili,

Dettagli

FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO

FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO di Tecnologia Meccanica FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO Gli attrezzi e i sistemi per

Dettagli

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG)

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG) di Tecnologia Meccanica TORNIO PARALLELO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio Tornio parallelo In questa trattazione ci occuperemo diffusamente del tornio parallelo, cioè del tipo di

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail:

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532 TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 15, 155, 1L5 M.I.R.M.U. Via Baldinucci, 4 158 Milano Tel.959 Fax.9954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate alle operazioni di sgrossatura e di finitura di pezzi

Dettagli

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO SGROSSATURA Passate grandi: 0,5 10 mm Avanzamenti grandi: 0,1 0,6 mm/giro Sovrametallo da lasciare per la finitura: 0,2 0,5 mm Utensile in acciaio super rapido HSS UNI 4247

Dettagli

Nuovo tipo di utensile per brocciatura

Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nella costruzione di parti meccaniche, anche molto semplici, a volte bisogna affrontare dei problemi di una certa difficoltà che richiedono, per la loro risoluzione,

Dettagli

Soluzioni modulari per le lavorazioni di tornitura-fresatura

Soluzioni modulari per le lavorazioni di tornitura-fresatura Questo è il sistema: Soluzioni modulari per le lavorazioni di tornitura-fresatura Soluzioni di serraggio che ripagano HAINBUCH: soluzioni di serraggio flessibili e per rapidi riattrezzamenti Il sistema

Dettagli

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail:

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

Prodotti esclusivi scelti per voi dai Tecnici WNT. Sistemi di bloccaggio con ricerca punto zero di WNT. TOTAL TOOLING=QUALITÀ x SERVIZIO 2

Prodotti esclusivi scelti per voi dai Tecnici WNT. Sistemi di bloccaggio con ricerca punto zero di WNT. TOTAL TOOLING=QUALITÀ x SERVIZIO 2 Valida fino al 31.5.216 Selezione Prodotti esclusivi scelti per voi dai Tecnici WNT La base economica per il vostro successo Sistemi di bloccaggio con ricerca punto zero di WNT TOTAL TOOLING=QUALITÀ x

Dettagli

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile Marketing & Communication Dept. 03/10/2014 SMIMec Company Profile 1 Profilo SMIMEC SMIMec è la super officina del Gruppo SMI; Costituita nel 1999, dal 2004 è organizzata come una vera e propria divisione

Dettagli

CENTRO DI LAVORO EC43 a 5 assi

CENTRO DI LAVORO EC43 a 5 assi Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail: pear@pear.it - www.pear.it Altri file a disposizione per informazioni complementari

Dettagli

Sistemi di bloccaggio

Sistemi di bloccaggio Sistemi di bloccaggio Obiettivi Prerequisiti Conoscere le tensioni che si generano su un corpo per effetto delle sollecitazioni. Saper applicare le condizioni di equilibrio su un corpo. Distinguere le

Dettagli

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

Tecnologia compatta per massima efficienza EMCOMILL 1200 ed EMCOMILL 750

Tecnologia compatta per massima efficienza EMCOMILL 1200 ed EMCOMILL 750 [ E[M]CONOMy] significa: Tecnologia compatta per massima efficienza EMCOMILL 1200 ed EMCOMILL 750 Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di particolari di piccole e medie dimensioni

Dettagli

PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 1 PROGRAMMA DI PRODUZIONE

PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 1 PROGRAMMA DI PRODUZIONE PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 1 PROGRAMMA DI PRODUZIONE PROGR. PRODUZIONE:PROGR. BIGLIA 26-02-2010 12:28 Pagina 2 I NUOVI TRAGUARDI DI PRODUTTIVITÀ, AFFIDABILITÀ E PRECISIONE

Dettagli

Classe 3^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Materia e Materiali - Prova di durezza Vickers DUREZZA

Classe 3^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Materia e Materiali - Prova di durezza Vickers DUREZZA DUREZZA La durezza é comunemente intesa come la resistenza di un materiale a lasciarsi penetrare da un corpo più duro. Su tale principio si basano le più importanti prove di durezza: Brinell, Rockwell,

Dettagli

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO Il progetto, dalla parola latina proiectus, è un insieme di operazioni che hanno lo scopo di realizzare

Dettagli

[ significa: Risparmiare tempo, soldi e spazio! MAXXMILL 500. Centro di lavoro verticale a 5 assi

[ significa: Risparmiare tempo, soldi e spazio! MAXXMILL 500. Centro di lavoro verticale a 5 assi [ E[M]CONOMY] significa: Risparmiare tempo, soldi e spazio! MAXXMILL 500 Centro di lavoro verticale a 5 assi MAXXMILL 500 MAXXMILL 500 è il centro di lavoro verticale ideale per la lavorazione a 5 assi

Dettagli

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC)

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Ugello per macchine con serranda a bullone tipo BHP a comando pneumatico o idraulico serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Meccanismo valvola:

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica.

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. 05/2012 Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. Di Thomas Oertli Il migliore sistema di serraggio in assoluto non esiste.tuttavia noi siamo in grado di

Dettagli

COMBITEC Centro di deformazione

COMBITEC Centro di deformazione Centro di deformazione Più potenza e spazio per una nuova prospettiva produttiva L efficiente centro di deformazione COMBITEC apre nuove prospettive per la produzione. In virtù dell elevatissima potenza

Dettagli

Lavorazioni al TORNIO PARALLELO

Lavorazioni al TORNIO PARALLELO Istituto Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, 13-94015 Piazza Armerina (En) Corso di Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Anno scolastico 2015-2016 Lavorazioni al TORNIO PARALLELO

Dettagli

CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A

CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A asdf CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO 18 December 2011 Premessa all'articolo L'intento di questo articolo è quello di parlare brevemente (e relativamente alle mie esigue conoscenze in

Dettagli

Il ciclo di lavorazione

Il ciclo di lavorazione Il ciclo di lavorazione Analisi critica del disegno di progetto Riprogettazione del componente (ove necessario) Determinazione dei processi tecnologici e scelta delle macchine utensili Stesura del ciclo

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

BARRE ALESANTI ROTANTE E NON SALIENTE. PER LAVORAZIONE IN SITU

BARRE ALESANTI ROTANTE E NON SALIENTE. PER LAVORAZIONE IN SITU BARRE ALESANTI ROTANTI NON SALIENTI PER LAVORAZIONE IN SITU TIPO COMPATTO DAG 1 TIPO PASSANTE DAG 2 TIPO MANDRINO DAG 3 Le nostre BARRE ALESANTI, brevettate in Italia e nell Unione Europea (U.E.), sono

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

VTE-60-FTD. Sirmu è una storica realtà di Rivanazzano

VTE-60-FTD. Sirmu è una storica realtà di Rivanazzano [ CENTRO DI TORNITURA-FRESATURA ] di Andrea Pagani SONO MOLTE LE MACCHINE CAPACI DI ESEGUIRE OPERAZIONI DI TORNITURA E FRESATURA, MA SI TRATTA PREVALENTEMENTE DI COMPROMESSI DELL UNA O DELL ALTRA OPERAZIONE.

Dettagli

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele Impianto Frenante Dispensa didattica Zanutto Daniele I Freni pag. 4782 Compito I freni hanno il compito di rallentare, frenare e fermare un veicolo e di impedire un suo movimento da fermo. Durante la decelerazione,

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

- 16 - Macchina di prova tenuta e flussaggio teste motore

- 16 - Macchina di prova tenuta e flussaggio teste motore - 16 - Macchina Macchina di prova tenuta e flussaggio teste motore del pezzo, al fine di evitare qualsiasi perdita di liquido durante l'uso. Circuito olio in pressione 5 bar soglia 30 Ncc/min. Circuito

Dettagli

MACCHINE UTENSILI è la divisione del Gruppo Overmach che si occupa di analizzare e risolvere qualsiasi problema produttivo del Cliente in fase di pre-vendita: dalla scelta della macchina utensile più

Dettagli

Tecnologie Materie Plastiche Modulo3 INIEZIONE Lezione _01

Tecnologie Materie Plastiche Modulo3 INIEZIONE Lezione _01 ITIS Giulio Natta Istituto Tecnico Industriale per la meccanica e le materie plastiche - Liceo Scientifico Tecnologico Via XX settembre 14/A - Rivoli TO Tecnologie Materie Plastiche Modulo3 INIEZIONE Lezione

Dettagli

BEST GmbH Bloccaggio Modulare ed Automazione. Sistemi di bloccaggio stazionario

BEST GmbH Bloccaggio Modulare ed Automazione. Sistemi di bloccaggio stazionario BEST GmbH Bloccaggio Modulare ed Automazione Sistemi di bloccaggio stazionario Edizione : 2014/2015 Da oltre dieci anni l azienda si occupa di tecnologia di serraggio. La qualità dei nostri prodotti si

Dettagli

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE FH 270/320/350 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE L'esperienza che da parecchi anni abbiamo acquisito nella costruzione di macchine utensili ci ha permesso di realizzare con grande successo una macchina dotata

Dettagli

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott.

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. Ermanno Sarti Infortunio L'infortunio è l'evento occorso al lavoratore per causa violenta

Dettagli

QUESTO È IL SISTEMA! Soluzioni modulari per lavorazioni di tornitura e fresatura. Panoramica dei nostri prodotti principali. www.hainbuch.

QUESTO È IL SISTEMA! Soluzioni modulari per lavorazioni di tornitura e fresatura. Panoramica dei nostri prodotti principali. www.hainbuch. QUESTO È IL SISTEMA! Soluzioni modulari per lavorazioni di tornitura e fresatura Panoramica dei nostri prodotti principali www.hainbuch.it Il sistema modulare HAINBUCH. LA FLESSIBILITÀ È LA CARTA VINCENTE

Dettagli

Un nuovo sistema di riparazione

Un nuovo sistema di riparazione I Un nuovo sistema di riparazione SPEED sa fare di tutto! La maggior parte degli incidenti accadono a velocità così basse da non creare danni strutturali SPEED è dotato di un raddrizzatore adatto a riparazioni

Dettagli

Programma di moduli modulog per la tecnica della manipolazione

Programma di moduli modulog per la tecnica della manipolazione GAMMA DEI PRODOTTI Programma di moduli modulog per la tecnica della manipolazione Moduli di - orizzontali Moduli di ribaltamento Moduli di - verticali Moduli di sollevamento Moduli posizionabili su carrello

Dettagli

l Acciaio cementato e temperato, brunito e rettificato Codice Esecuzione g 23310.0025 Con bullone di serraggio grand. 25 x 35 234

l Acciaio cementato e temperato, brunito e rettificato Codice Esecuzione g 23310.0025 Con bullone di serraggio grand. 25 x 35 234 3 EH 23310. Bloccaggi rapidi verticali a spinta grandezza 25 l Acciaio cementato e temperato, brunito e rettificato Codice Esecuzione g 23310.0025 Con bullone di serraggio grand. 25 x 35 234 www.halder.com

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti albero-mozzo ELEMENTI ESIGENZE Anelli Scanalati Chiavette Linguette Spine elastici a Impedimento alla rotazione si si si si Impedimento alla traslazione

Dettagli

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO Il moltiplicatore di pressione sfrutta una combinazione di aria/olio ottenendo notevoli pressioni. Il principio si basa sulla differenza della superficie dei due pistoni collegati tra di loro da un unico

Dettagli

Indice. Presentazione. Controllo qualità. Applicazioni. Descrizione tecnica. Molla a gas 16-1. Molla a gas 16-2. Molla a gas 16-4.

Indice. Presentazione. Controllo qualità. Applicazioni. Descrizione tecnica. Molla a gas 16-1. Molla a gas 16-2. Molla a gas 16-4. Indice 2 Presentazione 3 Controllo qualità 4 Applicazioni 5 Descrizione tecnica 7 Molla a gas 16-1 8 Molla a gas 16-2 9 Molla a gas 16-4 10 Molla a gas 16-6 11 Attacchi 12 Supporti 1 Applicazioni Le

Dettagli

Catalogo Prodotti di

Catalogo Prodotti di Catalogo Prodotti di Asportazione Truciolo: Fresatura: Utensili MDI, HSS e con fissaggio meccanico dell'inserto, per spianatura, contornatura, lavorazione stampi, frese e microfrese con trattamenti e ricoperture

Dettagli

Centro di lavoro verticale IDRA MV 1050

Centro di lavoro verticale IDRA MV 1050 Centro di lavoro verticale IDRA MV 1050 l modello IDRA MV 1050 è stato progettato in modo specifico per esaltare caratteristiche meccaniche, flessibilità e basso costo, per quei produttori il cui obiettivo

Dettagli

H N l. I o. A e A. L O G U o. catalogo

H N l. I o. A e A. L O G U o. catalogo C T a E t a C H N l I o C g A o L C catalogo MOLTIPLICATORI DI PRESSIONE- T A e T c A n i L O G bloccaggi c U Au o E INDICE 1 MOLTIPLICATORI DI PRESSIONE ARIA/OLIO MOLTIPLICATORI DI PRESSIONE OLIO/OLIO

Dettagli

CENTRO DI LAVORO DMG a montante mobile Mod. DMF 360 LINEAR. Tecno In Srl Macchine Utensili info@tecnoinsrl.it www.tecnoinsrl.

CENTRO DI LAVORO DMG a montante mobile Mod. DMF 360 LINEAR. Tecno In Srl Macchine Utensili info@tecnoinsrl.it www.tecnoinsrl. CENTRO DI LAVORO DMG a montante mobile Mod. DMF 360 LINEAR Tecno In Srl Macchine Utensili info@tecnoinsrl.it www.tecnoinsrl.it 0171-260658 CARATTERISTICHE TECNICHE CORSA LONGITUDINALE X: mm 3600 CORSA

Dettagli

Programma di moduli modulog per la tecnica della manipolazione

Programma di moduli modulog per la tecnica della manipolazione Gamma dei prodotti Programma di moduli modulog per la tecnica della manipolazione rotazione asse orizzontale ribaltamento rotazione asse verticale sollevamento Moduli posizionabili su carrello Moduli posizionabili

Dettagli

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino Serie GMC / GM applicazioni gm albero di trasmissione perno filettato gmc albero a camme valvola albero sterzo connettore gildemeister italiana s.p.a. dmg

Dettagli

Descrizione. Caratteristiche tecniche

Descrizione. Caratteristiche tecniche brevettato Descrizione La CMO è un dispositivo atto a garantire la protezione di persone/cose da urti provocati da organi meccanici in movimento quali cancelli o porte a chiusura automatica. L ostacolo

Dettagli

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI 1 FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI (QUATTRO ASSI LINEARI ) CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE STRUTTURA DELLA MACCHINA La struttura, realizzata completamente in fusione di ghisa perlitica stabilizzata, garantisce

Dettagli

TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1

TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1 TORNIO PARALLELO 4 MECCANICI SERALE PAGINA 1/1 Basamento E costituito da una struttura portante in ghisa stabilizzata e munito di nervature, garantisce la massima robustezza e rigidità dell'insieme. Le

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO FS 08 1S E un sollevatore manuale uso gancio per operatori professionali del settore ferroviario. Consente il sollevamento di attrezzature ferroviarie dopo essere stato assemblato nei 3 moduli che lo compongono

Dettagli

TORNIO VERTICALE BIMANDRINO A DOPPIO PROCESSO PER GROSSE ASPORTAZIONI

TORNIO VERTICALE BIMANDRINO A DOPPIO PROCESSO PER GROSSE ASPORTAZIONI TORNIO VERTICALE BIMANDRINO A DOPPIO PROCESSO PER GROSSE ASPORTAZIONI Come deve essere un'ottima macchina utensile? E' la domanda che ci siamo posti e per dare una risposta abbiamo lavorato fianco a fianco

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994 Specializzazione: Meccanica L area di progetto E nata dalla necessità di contribuire alla formazione dei nuovi profili professionali, indicati dal Ministero

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

Pneumo Center Automazioni

Pneumo Center Automazioni CATALOGO PRODOTTI L azienda Qualità e servizi P.C.A. opera da oltre 36 anni nel campo dell automazione industriale, in particolare nei settori della pneumatica, oleodinamica, robotica e componentistica

Dettagli

UTENSILI PER SERRAGGIO

UTENSILI PER SERRAGGIO UTENSILI PER SERRAGGIO Morsetti ahco Fatti per serrare Per realizzare armadi, mobili, arredamenti, lavorare il metallo, serrare telai o parti rotonde, la scelta dell utensile giusto per il lavoro da svolgere,

Dettagli

LA TORNITURA. Corso di Tecnologie Speciali I prof. Luigi Carrino

LA TORNITURA. Corso di Tecnologie Speciali I prof. Luigi Carrino LA TORNITURA L operazione di tornitura consente di ottenere superfici di rivoluzione interne ed esterne variamente conformate tra cui anche filettature e zigrinature. I movimenti nell operazione di tornitura

Dettagli

BIMERIC BM. Sistema di produzione e montaggio servocontrollato

BIMERIC BM. Sistema di produzione e montaggio servocontrollato BIMERIC BM Sistema di produzione e montaggio servocontrollato Sistema di produzione Sistema di montaggio 1.000 compiti una soluzione Il sistema di produzione e montaggio servocontrollato BIMERIC è la piattaforma

Dettagli

CENTRO DI LAVORO VETRICALE

CENTRO DI LAVORO VETRICALE MetalMacchine 2 S.r.l. Via Provinciale, 126 40056 Valsamoggia Loc. Crespellano BOLOGNA C.F. e P.IVA 03316641202 REA BO (4): 509453 Capitale Sociale 10.000 i.v. Tel./Fax: 051.6722411; Cell. 338.884.54.45

Dettagli

SEGATRICE A NASTRO A DUE COLONNE BROWN SN 650 SEGATRICE A NASTRO SEMIAUTOMATICA IDRAULICA A CONTROLLO NUMERICO

SEGATRICE A NASTRO A DUE COLONNE BROWN SN 650 SEGATRICE A NASTRO SEMIAUTOMATICA IDRAULICA A CONTROLLO NUMERICO IBP SpA SEGATRICE A NASTRO A DUE COLONNE BROWN SN 650 SEGATRICE A NASTRO SEMIAUTOMATICA IDRAULICA A CONTROLLO NUMERICO Segatrice a nastro a due colonne progettata per essere utilizzata principalmente da

Dettagli

Forma C. con incavo d arresto, con controdado. N ordine. Forma D 03089-4105 03089-4206 14 03089-1308 03089-4308 35 03089-1410 03089-4410.

Forma C. con incavo d arresto, con controdado. N ordine. Forma D 03089-4105 03089-4206 14 03089-1308 03089-4308 35 03089-1410 03089-4410. Perni di arresto Forma A Forma B senza incavo d arresto, senza incavo d arresto, senza controdado con controdado Esecuzione in acciaio, perno bloccaggio temprato: classe di resistenza.. Esecuzione Inox,

Dettagli

Consulenze Industriali Forniture Industriali

Consulenze Industriali Forniture Industriali Consulenze Industriali Forniture Industriali 2 La Società MT Engineering Srl è l unione di esperienze avente lo scopo di offrire dedicate consulenze industriali soprattutto nel settore dell industria meccanica.

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE

TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE Tenendo conto che le ghise hanno le stesse strutture degli acciai (perlite, cementite, ferrite), anche su di esse é possibile effettuare trattamenti termici. In particolare

Dettagli

MATERIA: LABORATORIO DI MECCANICA

MATERIA: LABORATORIO DI MECCANICA UF1 - PRODURRE ALLA FRESATRICE Norme del disegno tecnico. Tolleranze di lavorazione. Lettura degli strumenti di misura e di controllo Conoscenza degli utensili per fresare Calcolo dei parametri di taglio.

Dettagli

[ significa: Far fronte a tutte le sfide. EMCO FAMUP MC e MCP. Centri di lavoro verticali CNC con e senza cambio pallet

[ significa: Far fronte a tutte le sfide. EMCO FAMUP MC e MCP. Centri di lavoro verticali CNC con e senza cambio pallet [ E[M]CONOMY] significa: Far fronte a tutte le sfide. EMCO FAMUP MC e MCP Centri di lavoro verticali CNC con e senza cambio pallet MC 120-60 e MC 75-50 La serie MC di EMCO FAMUP. Uno dei sistemi più avanzati

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

a seguito Vs. gradita richiesta, siamo lieti di trasmettervi la nostra miglior offerta per il macchinario in oggetto.

a seguito Vs. gradita richiesta, siamo lieti di trasmettervi la nostra miglior offerta per il macchinario in oggetto. Adro, 20.10.2009 Spett. Le SISTEC SRL VIALE TRENTO, 105/M 33077 SACILE (PN) Ns. Rif.: DIR/VEI/lm Offerta n.: 786/09 Oggetto: DESCRIZIONE TECNICA PER PRESSA PIEGATRICE OLEODINAMICA DINAMICA 30-130 Egregi

Dettagli

Fresatrice a montante mobile di costruzione MAKE mod. ALTAIR 130/160/200 doppia colonna e testa centrale (sistema box in box)

Fresatrice a montante mobile di costruzione MAKE mod. ALTAIR 130/160/200 doppia colonna e testa centrale (sistema box in box) Fresatrice a montante mobile di costruzione MAKE mod. ALTAIR 130/160/200 doppia colonna e testa centrale (sistema box in box) MAKE è nata in parte dall esperienza di tecnici di progettazione, valorizzando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM)

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) Con la programmazione manuale, il programmatore descrive un ciclo di lavoro nella sequenza voluta ed in un linguaggio comprensibile all unità di governo.

Dettagli

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3.1 Prova di trazione 3.1.3 Estensimetri La precisione e la sensibilità dello strumento variano a seconda dello scopo cui esso è destinato. Nella prova di trazione

Dettagli

RIPARI DI PROTEZIONE TIPI E CRITERI DI SCELTA

RIPARI DI PROTEZIONE TIPI E CRITERI DI SCELTA RIPARI DI PROTEZIONE TIPI E CRITERI DI SCELTA Tipologia: fisso a segregazione totale barriera distanziatrice - a tunnel mobile motorizzato a chiusura automatica regolabile interbloccato interbloccato con

Dettagli

CENTRO DI LAVORO VERTICALE VANTAGE Mod. MV HSM 85A USATO

CENTRO DI LAVORO VERTICALE VANTAGE Mod. MV HSM 85A USATO CENTRO DI LAVORO VERTICALE VANTAGE Mod. MV HSM 85A USATO Equipaggiato con CNC FANUC 18MC a 32 bit Schermo 9 Monocromatico, Anno di fabbricazione 1999, Matr. N B019 Macchina funzionante, controllata e verificata

Dettagli

Pinze per robotica TOX. Pinze per robotica, pinze per automazione, pinze fisse

Pinze per robotica TOX. Pinze per robotica, pinze per automazione, pinze fisse Pinze per robotica TOX Pinze per robotica, pinze per automazione, pinze fisse Pinze per robotica TOX Pinze per automazione TOX (Pinze fisse) Sistema kit modulare Il sistema kit modulare permette di adattare

Dettagli

Scheda. Descrizione della macchina

Scheda. Descrizione della macchina Scheda 1 Lavorazione: Macchina: TORNITURA TORNIO PARALLELO Descrizione della macchina I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente

Dettagli

PUNTI DI FORZA DEI FONDI BOMBATI

PUNTI DI FORZA DEI FONDI BOMBATI PUNTI DI FORZA DEI FONDI BOMBATI 1 LAVAGGIO / DEGRASSAGGIO: abbiamo la possibilità di pulire i fondi e consegnarli così al cliente già pronti per le lavorazioni successive. In alcuni casi il lavaggio avviene

Dettagli

Descrizione generale

Descrizione generale 12-09-2005 10:03 Artiglio Master CHANGERS 2-37 ita Questo prodotto è stato omologato da: Pagina 4 Descrizione generale Artiglio Master continua a stupire ed a segnare un confine indelebile tra passato

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

KIT DI SOCCORSO IDRAULICO

KIT DI SOCCORSO IDRAULICO KIT DI SOCCORSO IDRAULICO CAMPO D IMPIEGO E utilizzato per tagliare, divaricare, tirare, piegare, spostare,aprire varchi. Particolarmente indicato negli incidenti stradali. COMPONENTI un motore primo un

Dettagli

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato Nella presente esercitazione si redige il programma CNC per la fresatura del pezzo illustrato nelle Figure 1 e 2. Figura

Dettagli

[ significa: Design to Cost. EMCOMILL E1200 E900 E600 E350. Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di lotti piccoli e medi

[ significa: Design to Cost. EMCOMILL E1200 E900 E600 E350. Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di lotti piccoli e medi [ E[M]CONOMY] significa: Design to Cost. EMCOMILL E200 E900 E600 E350 Centri di lavoro verticali CNC a 3 assi per la lavorazione di lotti piccoli e medi EMCOMILL E200 Test di collaudo UNI ISO 079-7 Distributore

Dettagli

APPARECCHIATURE PER TORNI PLURIMANDRINO MORI-SAY

APPARECCHIATURE PER TORNI PLURIMANDRINO MORI-SAY APPARECCHI E RICAMBI PER TORNI AUTOMATICI PLURIMANDRINO APPARECCHIATURE PER TORNI PLURIMANDRINO MORI-SAY TURLO S.r.l. Via Tagliaferro 3-13019 VARALLO SESIA (VC), ITALY Tel (0039) 0163 54446 Fax (0039)

Dettagli

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa L automazione 1 L automazione Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa Politecnico di Torino 1 Automazione delle macchine utensili (M.U.)

Dettagli

Catalogo Attrezzi Speciali. Novembre 2014

Catalogo Attrezzi Speciali. Novembre 2014 Catalogo Attrezzi Speciali Novembre 2014 Copyright Schaeffler Automotive Aftermarket GmbH & Co. KG Novembre 2014 Indice Indice Pagina 1 Attrezzi speciali LuK 4 Kit attrezzi montaggio frizione autoregolante

Dettagli

L azienda. La filosofia. La tecnologia. La produzione

L azienda. La filosofia. La tecnologia. La produzione L azienda Nel cuore della Valsesia, in un moderno stabilimento di oltre 5000 mq, vengono prodotte le macchine Arcardini, progettate e sviluppate per lavorazioni di pezzi meccanici in molteplici settori

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli