Comune di Massa Marittima

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Massa Marittima"

Transcript

1 Comune di Massa Marittima PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Anno 2014 Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 2 del

2 2 INDICE TITOLO 1. NORME GENERALI...4 Articolo 1. Ambito di applicazione... 4 Articolo 2. Definizioni... 4 Articolo 3 - Compiti degli uffici comunali... 6 Articolo 4 - Finalità del Regolamento... 6 Articolo 5 - Esercizio dell attività... 6 Articolo 6 - Abilitazione per l esercizio del commercio su aree pubbliche in forma itinerante... 7 Articolo 7 - Rilascio dell autorizzazione e della concessione di posteggio per l esercizio del commercio nei mercati, nelle fiere e nei posteggi fuori mercato... 8 Articolo 8 - Assenza del titolare... 9 Articolo 9 - Subingresso Articolo 10 - Assegnazione dei posteggi nelle fiere promozionali e nelle manifestazioni commerciali a carattere straordinario e rilascio delle concessioni temporanee Articolo 11 - Assegnazione posteggi riservati Articolo 12 - Assegnazione dei posteggi agli imprenditori agricoli Articolo 13 - Criteri per l individuazione di nuovi mercati e fiere e per la qualificazione di mercati e fiere esistenti Articolo 14 - Sospensione volontaria dell attività Articolo 15 - Decadenza della concessione del posteggio e della relativa autorizzazione Articolo 16 - Norme generali per lo svolgimento dell attività di commercio su aree pubbliche Articolo 17 - Normativa igienico-sanitaria TITOLO 2. COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO...16 Capo I - Mercati...16 Articolo 18 - Norme in materia di funzionamento dei mercati Articol 19 - Criteri di assegnazione in concessione dei posteggi Articolo 20 - Posteggi riservati ai produttori agricoli Articolo 21 - Criteri di variazione per miglioria e scambio di posteggi Articolo 22 - Modalità di assegnazione dei posteggioccasionalmente liberi o comunque non assegnati e registrazione e calcolo delle presenze 18 Articolo 23 - Mercati festivi e straordinari Articolo 24 - Individuazione dei Mercati Articolo 25 - Determinazione degli orari Articolo 26 - Regolazione della circolazione pedonale e veicolare Capo II Fiere...24 Articolo 27 - Norme in materia di funzionamento delle fiere Articolo 28 - Criteri di assegnazione in concessione dei posteggi Articolo 29- Modalità di registrazione e calcolo del numero delle presenze... 24

3 3 Articolo 30 - Modalità di assegnazione dei posteggi occasionalmente liberi o comunque non assegnati Articolo 31 - Individuazione delle Fiere Articolo 32 Espositori 25 Articolo 33 - Determinazione degli orari Articolo 34 - Regolazione della circolazione pedonale e veicolare Capo III Fiere promozionali...27 Articolo 35 - Norme in materia di funzionamento delle fiere promozionali Articolo 36 - Modalità di registrazione e calcolo del numero delle presenze Articolo 37 - Modalità di assegnazione dei posteggi occasionalmente liberi o comunque non assegnati Articolo 38 - Determinazione degli orari Articolo 39 - Regolazione della circolazione pedonale e veicolare TITOLO 3. COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE...30 Articolo 40 - Modalità di svolgimento del commercio su aree pubbliche in forma itinerante Articolo 41 - Zone Vietate Articolo 42 - Determinazione degli orari TITOLO 4. DISPOSIZIONI FINALI...31 Articolo 43 - Graduatorie Articolo 44 - Variazione dimensionamento e localizzazione posteggi Articolo 45 - Attività stagionali Articolo 46 - Tariffe per la concessione del suolo pubblico Articolo 47 - Vigilanza Articolo 48 - Sanzioni Articolo 49 - Distruzione e devoluzione delle merci sequestrate o confiscate... 33

4 4 TITOLO 1. NORME GENERALI Articolo 1. Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina lo svolgimento dell attività commerciale sulle aree pubbliche ai sensi dell articolo 40 della Legge Regionale 7 febbraio 2005, n. 28 ( Testo Unico in materia di commercio in sede fissa, su aree pubbliche, somministrazione di alimenti e bevande, vendita di stampa quotidiana e periodica e distribuzione di carburanti ) e successive integrazioni e modifiche, di seguito denominata legge. 2. Il regolamento è approvato dal Consiglio Comunale, sentite le organizzazioni imprenditoriali del commercio, le organizzazioni sindacali dei lavoratori e le associazioni dei consumatori, maggiormente rappresentative. 3. Il regolamento ha validità triennale e, comunque, fino all approvazione del nuovo piano per il commercio su aree pubbliche, e può essere aggiornato con le stesse modalità previste per l approvazione, salvo ove diversamente disposto in modo espresso dallo stesso. Articolo 2. Definizioni 1. Per legge si intende la Legge Regionale 7 febbraio 2005, n. 28 e successive modifiche ed integrazioni. 2. Per Decreto Legislativo si intende il D. Lgs. 26 marzo 2010 n Per commercio su aree pubbliche si intendono le attività di vendita di merci al dettaglio e di somministrazione di alimenti e bevande effettuate sulle aree pubbliche, comprese quelle del demanio marittimo o su aree private delle quali il Comune abbia la disponibilità; 4. Per aree pubbliche si intendono le strade, le piazze, i canali, comprese quelle del demanio marittimo, quelle di proprietà privata gravate da servitù di pubblico passaggio ed ogni altra area di qualunque natura destinata ad uso pubblico. 5. Per piano si intende il piano comunale del commercio su aree pubbliche di cui all`articolo 40 della legge. 6. Per mercato si intende l area pubblica o privata di cui il Comune abbia la disponibilità, composta da più posteggi, attrezzata o meno e destinata all'esercizio dell'attività commerciale, nei giorni stabiliti dal piano comunale di cui all articolo 40 della legge, per l'offerta di merci al dettaglio e per la somministrazione di alimenti e bevande. 7. Per mercato straordinario si intende l edizione aggiuntiva del mercato che si svolge in giorni diversi e ulteriori rispetto a quelli previsti, senza riassegnazione di posteggi, salvo quanto previsto dall Art.24 del presente Regolamento. 8. Per posteggio si intendono le parti delle aree pubbliche o private di cui il Comune abbia la disponibilità, che vengono date in concessione per l esercizio dell attività commerciale;

5 5 9. Per posteggio riservato si intende il posteggio, individuato nell ambito delle aree destinate all esercizio del commercio su aree pubbliche, che il Comune riserva a soggetti portatori di handicap ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate) da ultimo modificata dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n.151 e agli imprenditori agricoli, anche in relazione alla stagionalità delle produzioni. 10. Per fiera si intende la manifestazione commerciale caratterizzata dall`afflusso di operatori autorizzati ad esercitare il commercio su aree pubbliche, in occasione di particolari ricorrenze, eventi o festività. 11. Per fiera promozionale si intende la manifestazione commerciale indetta al fine di promuovere o valorizzare i centri storici, specifiche aree urbane, centri o aree rurali, nonché attività culturali, economiche e sociali o particolari tipologie merceologiche o produttive; a tali manifestazioni partecipano gli operatori autorizzati all esercizio del commercio su aree pubbliche e possono partecipare anche gli imprenditori individuali o le società di persone iscritte nel registro delle imprese. 12. Per manifestazione commerciale a carattere straordinario si intende la manifestazione finalizzata alla promozione del territorio o di determinate specializzazioni merceologiche, all integrazione tra operatori comunitari ed extracomunitari, alla conoscenza delle produzioni etniche e allo sviluppo del commercio equo e solidale nonché alla valorizzazione di iniziative di animazione, culturali e sportive; a tali manifestazioni possono partecipare gli imprenditori iscritti nel registro delle imprese o i soggetti di cui all Art.11, comma 2, lettera i) della Legge, secondo quanto stabilito dal provvedimento di istituzione della manifestazione stessa. 13. Per autorizzazione e contestuale concessione di posteggio si intende l`atto unico rilasciato dal Comune sede del posteggio che consente l`utilizzo dello stesso in un mercato, fuori mercato o in una fiera e che viene tacitamente rinnovato alla scadenza. 14. Per concessione temporanea si intende l`atto comunale che consente l`utilizzo di un posteggio nell`ambito di altre manifestazioni commerciali rispetto a quelle di cui al comma Per presenze in un mercato si intende il numero delle volte che l'operatore si è presentato nel mercato prescindendo dal fatto che vi abbia potuto o meno svolgere l'attività commerciale, purché ciò non dipenda da sua rinuncia. 16. Per presenze in una fiera si intende il numero delle volte che l'operatore ha effettivamente esercitato l'attività in tale fiera. 17. Per miglioria, la possibilità per un operatore con concessione di posteggio in una fiera o in un mercato, di trasferirsi in un altro purché non assegnato. 18. Per scambio, la possibilità fra due operatori concessionari di posteggio, del medesimo settore merceologico, in una fiera o in un mercato, di scambiarsi il posteggio. 19. Per spunta, operazione con la quale, all inizio dell orario di vendita, dopo aver verificato assenze e presenze degli operatori titolari della concessione di posteggio, si provvede alla assegnazione, per quella giornata, dei posteggi occasionalmente liberi o non ancora assegnati.

6 6 20. Per spuntista, l operatore che, non essendo titolare di concessione di posteggio per quel giorno, aspira ad occupare, occasionalmente, un posto non occupato dall operatore in concessione o non ancora assegnato. Articolo 3 - Compiti degli uffici comunali 1. La regolamentazione e il controllo delle attività di commercio su aree pubbliche, nelle diverse forme indicate nei successivi titoli, spetta all Amministrazione Comunale che la esercita attraverso i propri uffici assicurando l espletamento delle attività di carattere istituzionale e di vigilanza. 2. A tale scopo i diversi Uffici hanno facoltà di emanare atti o direttive, in ottemperanza alle norme vigenti ed agli indirizzi dell'amministrazione Comunale, allo scopo di garantire il regolare svolgimento delle attività di mercato e di commercio sulle aree pubbliche in genere. Articolo 4 - Finalità del Regolamento 1. Il presente Regolamento persegue le seguenti finalità: a) la riqualificazione e lo sviluppo delle attività di commercio su aree pubbliche e, in particolare, dei mercati e delle fiere, al fine di migliorare le condizioni di lavoro degli operatori e le possibilità di acquisto dei consumatori; b) la trasparenza del mercato, la concorrenza, la libertà di impresa e la circolazione delle merci; c) la tutela del consumatore, con particolare riferimento alla possibilità di approvvigionamento, al servizio di prossimità, all assortimento e alla sicurezza dei prodotti; d) l efficienza, la modernizzazione e lo sviluppo della rete distributiva nonché l evoluzione dell offerta, anche al fine del contenimento dei prezzi; e) il pluralismo e l equilibrio tra le diverse tipologie delle strutture distributive e le diverse forme di vendita, con particolare riguardo al riconoscimento e alla valorizzazione del ruolo delle piccole e medie imprese; f) la valorizzazione e la salvaguardia del servizio commerciale nelle aree urbane, rurali, montane, insulari e la promozione del territorio e delle risorse comunali. Articolo 5 - Esercizio dell attività 1. L attività di commercio su aree pubbliche può essere esercitata da imprenditori individuali società di persone, società di capitali regolarmente costituite o cooperative, in possesso dei requisiti di accesso e di esercizio delle attività commerciali di cui all articolo 71 del D. Lgs. n 59/2010, ivi compresi quelli per il sttore alimentare, ove necessario, secondo le seguenti tipologie: a) su posteggi dati in concessione;

7 7 b) in forma itinerante. 2. L'esercizio dell attività di commercio su aree pubbliche è soggetto ad autorizzazione rilasciata dal Comune, se effettuato su posteggio dato in concessione ed a segnalazione cerificata di inizio attività, se effettuato in forma itinerante. 3. L esercizio del commercio su aree pubbliche dei prodotti alimentari, oltre alle norme specifiche che tutelano le esigenze igienico-sanitarie, è soggetto alle seguenti disposizioni: a) L attività di vendita su aree pubbliche dei prodotti alimentari è soggetta al rispetto delle disposizioni previste dal D.P.G.R. 40/R/2006 e dalle altre vigenti norme in materia igienico- sanitaria. b) L abilitazione alla vendita di prodotti alimentari consente il consumo immediato dei medesimi prodotti, con esclusione del servizio assistito di somministrazione e con l osservanza delle norme vigenti in materia igienico sanitaria. c) L attività di somministrazione è possibile qualora il titolare sia in possesso dei requisiti prescritti per tale attività. L abilitazione alla somministrazione deve risultare da apposita annotazione sul titolo abilitativo. d) Permane comunque il divieto di vendere bevande alcoliche su area pubblica secondo le prescrizioni dell articolo 176 del Regolamento di applicazione del TULPS approvato con Regio Decreto 6 Maggio 1940 n Nelle aree demaniali non comunali l attività di cui al comma 1 è soggetta a previo nulla osta delle competenti autorità, che stabiliscono le modalità e le condizioni per l'utilizzo delle aree medesime. 5. Nel territorio toscano è consentito l esercizio dell attività di commercio su aree pubbliche ai soggetti abilitati nelle altre Regioni o nei Paesi dell Unione europea di provenienza, alle stesse condizioni previste per gli operatori residenti in Toscana. Articolo 6 - Abilitazione per l esercizio del commercio su aree pubbliche in forma itinerante 1. L'esercizio dell attività in forma itinerante è soggetta a previa segnalazione certificata di inizio di attività, ai sensi della normativa vigente, al Comune nel quale il richiedente, persona fisica o giuridica, intende avviare l'attività e può essere effettuata dalla data di ricevimento della dichiarazione completa e regolare. 2. La segnalazione certificata di inizio di attività di cui al comma 1 abilita anche: a) all esercizio dell attività al domicilio del consumatore e nei locali ove questi si trovi per motivi di lavoro, di studio, di cura, di intrattenimento o svago; b) all'esercizio dell'attività nei posteggi occasionalmente liberi dei mercati e fuori mercato; c) alla partecipazione alle fiere;

8 8 d) alla forma itinerante. Articolo 7 - Rilascio dell autorizzazione e della concessione di posteggio per l esercizio del commercio nei mercati, nelle fiere e nei posteggi fuori mercato 1. L autorizzazione e la concessione di posteggio nel mercato, nella fiera e nel posteggio fuori mercato sono rilasciate contestualmente dal Comune dove ha sede il posteggio. L autorizzazione abilita, nell ambito del territorio regionale, anche all esercizio dell attività in forma itinerante e nei posteggi occasionalmente liberi nei mercati e nei posteggi fuori mercato, nonché alla partecipazione alle fiere che si svolgono sul territorio nazionale. 2. Al fine del rilascio dell autorizzazione all esercizio del commercio su aree pubbliche e della concessione di posteggio nei mercati, nelle fiere e nei posteggi fuori mercato, il Comune predispone appositi bandi con l indicazione del numero e delle caratteristiche delle aree da assegnare in concessione. 2bis. La durata delle autorizzazioni con contestuale concessione di posteggio è di dodici anni, senza tacito rinnovo od automatico alla scadenza. 3. Per l assegnazione di posteggi nelle fiere è ammessa la partecipazione al bando solo di operatori abilitati all esercizio del commercio su aree pubbliche. 4. Il bando contiene: a) l elenco dei posteggi da assegnare, con la localizzazione e le caratteristiche di ciascun posteggio e con l eventuale specificazione che trattasi di un mercato, di un posteggio fuori mercato o di una fiera esistente o di nuova istituzione; b) l elenco dei posteggi riservati, ai sensi dell articolo 38 della legge; c) l eventuale indicazione delle specializzazioni merceologiche o delle limitazioni alla vendita di prodotti particolari relativamente all intero mercato, l intera fiera o singoli posteggi; d) l eventuale indicazione di particolari caratteristiche delle strutture di esposizione e vendita; e) il termine entro il quale il Comune redige la graduatoria, che non può comunque superare sessanta giorni dalla data di scadenza per la presentazione delle domande. 5. Entro il 31 gennaio, 30 aprile, 31 luglio e il 31 ottobre di ogni anno i bandi, pervengono alla redazione del Bollettino Ufficiale della Regione Toscana, che provvede alla pubblicazione entro i trenta giorni successivi. 6. La domanda per il rilascio dell autorizzazione e della concessione di posteggio nei mercati e nelle fiere è presentata al Comune, a partire dal ventesimo e fino al quarantacinquesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. 7. Il Comune esamina le domande pervenute e rilascia la concessione e la contestuale autorizzazione per i mercati, per le fiere e per i posteggi fuori mercato, sulla base di una graduatoria formulata tenendo conto dei seguenti ordini priorità :

9 9 a) maggiore professionalità acquisita, anche in modo discontinuo, nell'esercizio del commercio su aree pubbliche,la professionalità valutabile è riferita all anzianità di esercizio di impresa,ivi compresa quella acquisita nel posteggio al quale si riferisce la selezione. L anzianità d impresa è comprovata dall'iscrizione quale impresa attiva nel registro delle Imprese, riferita nel suo complesso al soggetto titolare dell impresa al momento della partecipazione alla selezione, cumulata con quella del titolare al quale eventualmente è subentrato nella titolarità del posteggio medesimo; b) ordine cronologico di presentazione delle domande; Soltanto in fase di prima applicazione, per le concessioni in scadenza tra il 07/05/2017 e il 06/05/2020, l'assegnazione, per il soggetto titolare della concessione scaduta che partecipa alla selezione, avverrà tenendo conto dei seguenti criteri di priorità: maggiore professionalità acquisita, anche in modo discontinuo, nell'esercizio del commercio suaree pubbliche, comprovata dall'iscrizione quale impresa attiva nel registro delle Imprese; l'anzianità è riferita a quella del soggetto titolare al momento della partecipazione al bando sommata a quella dell'eventuale dante causa, con i seguenti punteggi: anzianità di iscrizione fino a 5 anni = 40 punti anzianità di iscrizione maggiore di 5 e fino a 10 anni = 50 punti anzianità di iscrizione oltre 10 anni = 60 punti anzianità acquisita nel posteggio al quale si riferisce la selezione: 40 punti a parità di condizioni, il Comune tiene conto dell ordine cronologico di presentazione della domanda. 8. Di tutto ciò dovrà essere dato specifico avviso nel Bando. 9. Per l approvazione delle graduatorie, l Amministrazione Comunale procederà mediante l approvazione e la pubblicazione di una prima graduatoria provvisoria, alla quale farà seguito un periodo di tempo, non inferiore a 10 giorni, appositamente destinato alla eventuale presentazione di memorie, controdeduzioni ed osservazioni da parte degli operatori; quindi si procederà alla definitiva approvazione della graduatoria, dando conto delle osservazioni presentate; contro la graduatoria definitiva sarà possibile presentare ricorso al T.A.R. o al Capo dello Stato, nei termini previsti dalla vigente normativa. Articolo 8 - Assenza del titolare 1. In assenza del titolare del titolo abilitativo o dei soci l esercizio dell attività di commercio su aree pubbliche è consentito esclusivamente ai dipendenti e collaboratori.

10 10 2. Il rapporto con l impresa del titolare del titolo abilitativo è comprovato con dichiarazione redatta in conformità con gli articoli 46 e seguenti del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa). 3. La dichiarazione di cui al comma 2 è esibita, in originale su richiesta dei soggetti incaricati dal Comune dell attività di vigilanza e controllo. 4. Quanto previsto ai commi precedenti del presente articolo si applica anche agli imprenditori agricoli, che esercitano sulle aree pubbliche la vendita dei propri prodotti, ai sensi del D. Lgs. 18 maggio 2001, n 228. Articolo 9 - Subingresso 1. Il trasferimento della gestione o della proprietà dell azienda o di un ramo di azienda, per atto tra vivi o per causa di morte, comporta il trasferimento al subentrante della titolarità del titolo abilitativo all esercizio dell attività commerciale. 2. La segnalazione certificata di reintestazione, corredata da dichiarazione redatta in conformità alle disposizioni contenute nel D.P.R. 445/2000 attestante il possesso dei requisiti previsti, è presentata al Comune entro un anno dalla morte del titolare o entro sessanta giorni dall`atto di trasferimento della gestione o della titolarità dell attività. 3. Il subentrante deve dichiarare il trasferimento dell attività, essere in possesso dei requisiti di cui all articolo 71 del D. Lgs. n 59/2010 ivi compresi, ove richiesti, quelli professionali per il settore alimentare. 4. I titoli abilitativi di cui al comma 1 sono reintestati, nel caso di morte del titolare, all`erede o agli eredi che ne facciano domanda, purche` abbiano nominato, con la maggioranza indicata nell`articolo 1105 del codice civile, un solo rappresentante per tutti i rapporti giuridici con i terzi, ovvero abbiano costituito una società di persone. 5. Nei casi di cui al comma 4, qualora si tratti di attività relative al settore merceologico alimentare o alla somministrazione di alimenti e bevande, fermo restando il possesso dei requisiti di cui all articolo 71 del D. Lgs., il subentrante ha facoltà di continuare a titolo provvisorio l attività. Qualora entro un anno dalla data di decesso del dante causa il subentrante non dimostri il possesso dei requisiti professionali di cui all art.71 Decreto Legislativo, salvo proroga in comprovati casi di forza maggiore, il titolo abilitativo decade. 6. Nel caso di morte del titolare, qualora l`erede non sia in possesso dei requisiti per lo svolgimento dell`attività o non intenda continuarla, ha facoltà, entro dodici mesi dalla data del decesso, di cedere l`azienda ad altro soggetto in possesso degli stessi requisiti. La segnalazione certificata di reintestazione, corredata da dichiarazione resa in conformità alle disposizioni contenute nel D.P.R. 445/2000, attestante il possesso dei requisiti previsti, è presentata dal subentrante al Comune, entro sessanta giorni dall`atto di cessione dell`attività.

11 11 7. La reintestazione dell`autorizzazione è effettuata dal Comune sede del posteggio. Per gli operatori itineranti il titolo abilitativo è reintestato dal Comune nel quale il richiedente intende avviare l attività. 8. Il subentrante nel titolo abilitativo all esercizio del commercio su aree pubbliche acquisisce le presenze già maturate dal medesimo titolo. Le presenze non possono essere cumulate a quelle precedentemente possedute o acquisite con altri titoli abilitativi di qualsiasi tipologia, né trasferite su titoli abilitativi già nella disponibilità dell`operatore. 9. Nel caso di morte, di cessione o affidamento in gestione di autorizzazione e di concessione, rilasciate per un posteggio riservato a soggetti portatori di handicap, la reintestazione è effettuatata esclusivamente a favore di altro soggetto portatore di handicap; in caso di trasferimento di azienda mortis causa, con posteggio riservato a portatori di handicap, si applica tuttavia quanto previsto dal comma 6 del presente articolo, relativamente alla possibilità per l erede di cedere l azienda a soggetto in possesso dei requisiti riservati, senza prima intestarsela. 10. In ogni caso il subentrante non può avere accesso al mercato o alla fiera se non ha presentato apposita comunicazione di subentro, regolare e completa, al Comune, da esibire, in originale, su richiesta, agli organi di vigilanza. 11. E fatto divieto di cedere in gestione od in proprietà ad altro esercente la sola area di mercato, fiera o posteggio fuori mercato, senza la contemporanea cessione in gestione od in proprietà dell azienda commerciale. 12. I contratti di cessione o gestione dell azienda devono essere redatti in una delle forme previste dall articolo 2556 del Codice Civile. Articolo 10 - Assegnazione dei posteggi nelle fiere promozionali e nelle manifestazioni commerciali a carattere straordinario e rilascio delle concessioni temporanee 1. Il Comune può prevedere il rilascio di concessioni temporanee nell`ambito di manifestazioni commerciali a carattere straordinario al fine di: i. favorire iniziative tese alla promozione del territorio o alla valorizzazione di determinate specializzazioni merceologiche; ii. promuovere l`integrazione tra operatori comunitari e extracomunitari ; iii. favorire la conoscenza delle produzioni etniche e lo sviluppo del commercio equo e solidale; iv. valorizzare iniziative di animazione, culturali e sportive. 2. Il Comune può affidare la gestione delle manifestazioni commerciali a carattere straordinario a soggetti pubblici e privati in possesso delle caratteristiche idonee a garantire lo sviluppo complessivo e la corretta gestione delle manifestazioni sotto il profilo commerciale, culturale, sportivo, turistico, etc.. 3. Nel caso in cui l iniziativa della manifestazione commerciale a carattere straordinario sia legata ad altro evento particolare sarà affidata direttamente agli organizzatori dello stesso; altrimenti, con apposito provvedimento della Giunta Comunale, si provvederà ad individuare i criteri e le modalità per

12 12 selezionare il soggetto più idoneo per l affidamento dell organizzazione, in rapporto alle finalità dell iniziativa. 4. Per il rilascio delle concessioni temporanee di posteggio il Comune provvede, con il medesimo atto deliberativo della Giunta Comunale, ad indicare la durata, i posteggi ed i termini per la presentazione delle domande. I requisiti dei soggetti partecipanti sono quelli previsti per i mercati e le fiere. 5. I partecipanti ai mercatini dell antiquariato per la vendita di cose antiche o usate hanno l obbligo di rispettare quanto disposto dagli articoli 126 e 128 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18 Giugno 1931 n. 773; tali disposizioni non si applicano per il piccolo commercio di cose usate prive di valore o di valore esiguo. Articolo 11 - Assegnazione posteggi riservati 1. Il rilascio dell'autorizzazione e della contestuale concessione di posteggio ai soggetti portatori di handicap di cui alla legge 5 febbraio 1992 n. 104 (Leggequadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate) è disciplinata dal Comune nel rispetto dei criteri e delle modalità di cui all' Art. 7 del presente regolamento. 2. Ai posteggi riservati ai soggetti di cui alla Legge 104/92 possono avere accesso solamente le ditte individuali. Il soggetto che sia già titolare di un posteggio non riservato in un mercato o fiera, alla data di indizione del bando di concorso pubblico per assegnazione dei posteggi riservati, non può concorrere per la concessione anche di tali posteggi. 3. I soggetti di cui alla legge 104/92 non possono essere titolari di più di una autorizzazione e concessione di posteggio riservato nello stesso mercato o fiera. Per l esercizio dell attività in caso di assenza del titolare è ammessa la possibilità di sostituzione esclusivamente ad un collaboratore familiare o ad un dipendente, alle condizioni di cui all Art. 8 del presente regolamento. Articolo 12 - Assegnazione dei posteggi agli imprenditori agricoli 1. Il rilascio della concessione di posteggio agli imprenditori agricoli di cui al decreto Legislativo 18/05/2001, n. 228 (Orientamento e modernizzazione del settore agricolo, a norma dell art. 7 della Legge 5 Marzo 2001, n. 57) è effettuato secondo le modalità e i criteri di cui agli Art. 7 e seguenti del presente regolamento, ove ed in quanto compatibili. 2. La concessione di posteggio, di cui al comma precedente, è reintestata a seguito di morte del titolare, di atto di cessione o affidamento in gestione dell azienda agricola, esclusivamente a favore di altro soggetto imprenditore agricolo di cui al D. Lgs. 18 maggio 2001, n 228; in tali ipotesi si applicano le disposizioni di cui all Art.10, ove ed in quanto compatibili.

13 13 Articolo 13 - Criteri per l individuazione di nuovi mercati e fiere e per la qualificazione di mercati e fiere esistenti 1. Ai fini dell`individuazione delle aree da destinarsi a nuovi mercati, nuove fiere, nuove fiere promozionali e nuovi posteggi per l`esercizio del commercio sulle aree pubbliche, il Comune tiene conto: a) delle esigenze di tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale e ambientale; b) delle compatibilità rispetto alle esigenze di carattere igienico-sanitario; c) delle dotazioni di opere di urbanizzazione primaria e dei necessari servizi pubblici. 2. Qualora uno o più soggetti mettano a disposizione del Comune un`area privata per l`esercizio dell`attività di cui all Art. 5, comma 1, lettera a), essa può essere inserita tra le aree destinate all`esercizio dell`attività stessa. 3. Ai fini della tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale e ambientale il Comune, previa concertazione con le organizzazioni imprenditoriali del commercio, le organizzazioni sindacali dei lavoratori e le associazioni dei consumatori maggiormente rappresentative, può procedere allo spostamento di un mercato o di una fiera, assegnando agli operatori interessati un termine di almeno un anno per il definitivo trasferimento nelle nuove aree e relativi posteggi, fatta salva la possibilità di prevedere termini diversi a seguito di specifici accordi. 4. Per motivi di pubblico interesse, di ordine pubblico e sicurezza, di igiene e sanita` pubblica o di maggiore funzionalità, resta salva la facoltà del Comune di trasferire o modificare l`assetto del mercato, dei posteggi fuori mercato e delle fiere. Al riguardo il Comune consulta le organizzazioni e le associazioni di cui al comma 3 e definisce congrui termini per le nuove collocazioni. 5. Nel caso di trasferimento di mercato o fiera per le motivazioni di cui ai commi 3 e 4, in presenza di mancato accordo tra i soggetti concessionari, l assegnazione dei nuovi posteggi tra i titolari di concessione seguirà i criteri di seguito specificati: - maggiore professionalità acquisita, anche in modo discontinuo, nell'esercizio del commerciosu aree pubbliche, comprovata dall'iscrizione quale impresa attiva nel registro delle Imprese 6. In caso di spostamenti parziali di posteggi di un mercato o di una fiera per motivi di viabilità o lavori pubblici o di una più funzionale dislocazione dei posteggi in misura del 30% del totale dei banchi, si può procedere alla riassegnazione dei soli posteggi interessati dallo spostamento sulla base della graduatoria esistente. 7. Ogni area pubblica destinata all`esercizio del commercio su posteggio è dotata dei necessari servizi igienico-sanitari in misura proporzionale al numero dei posteggi, come meglio precisato al successivo Art. 17.

14 14 Articolo 14 - Sospensione volontaria dell attività 1. L attività di commercio su aree pubbliche mediante posteggio può essere sospesa per un periodo complessivamente non superiore a quattro mesi in ciascun anno solare. 2. Qualora l attività di commercio su aree pubbliche sia esercitata in forma di impresa individuale, il temine di cui al comma 1 non si applica nei casi di sospensione per: a) malattia certificata al Comune entro dieci giorni dall inizio del periodo di sospensione; b) gravidanza o puerperio certificati al Comune entro dieci giorni dall inizio del periodo di sospensione; c) assistenza a figli minori con handicap gravi come previsto dall articolo 33 della L. 104/1992 e dall articolo 42 del D. Lgs. 151/2001; 3. Nell ipotesi di cui al comma 2, lettera b), l attività può essere sospesa per un periodo massimo cumulativo di quindici mesi. 4. Le disposizioni di cui al comma 2 si applicano anche alle società di persone, qualora le cause di sospensione riguardino tutti i soci. 5. Qualora l attività sia esercitata dai produttori agricoli o dagli imprenditori agricoli professionali di cui all art. 2 della legge regionale 27 luglio 2007, n. 45, il termine di cui al comma 1 non si applica nei casi di sospensione per motivi legati alla stagionalità del prodotto, a condizione che sia presentata adeguata autocertificazione da parte dell operatore. Articolo 15 - Decadenza della concessione del posteggio e della relativa autorizzazione 1. Il titolo abilitativo e la concessione di posteggio nel mercato, nella fiera e nei posteggi fuori mercato decadono: a) qualora vengano meno i requisiti di cui all articolo 71 del Decreto Legislativo; b) qualora, salvo proroga in caso di comprovata necessità e su motivata istanza, presentata prima della scadenza del termine, l'attività non sia iniziata entro centottanta giorni dalla data del rilascio dell autorizzazione ovvero entro centottanta giorni dalla data di ricevimento della dichiarazione di inizio di attività; c) qualora il posteggio non sia utilizzato per 18 volte in ciascun anno solare ovvero superiori a un terzo del periodo di operatività del mercato e del posteggio fuori mercato ove questo sia inferiore all'anno solare, salvi i casi di sospensione volontaria di cui all' Art Il titolo abilitativo e la concessione di posteggio nella fiera decadono qualora il posteggio non sia utilizzato per un numero di 2 edizioni consecutive, fatti salvi i casi di sospensione volontaria di cui all' Art Nelle fiere di durata fino a due giorni è obbligatoria la presenza per l`intera manifestazione; in quelle di durata superiore, la presenza si acquisisce con una partecipazione pari almeno ai 2/3 della durata della manifestazione.

15 15 4. In caso di affidamento del posteggio in gestione, qualora l operatore affidatario superi il 50% delle assenze consentite, il Comune provvederà a darne idonea comunicazione al titolare. 5. Il Comune, accertata la sussistenza delle motivazioni per la decadenza della concessione e della relativa autorizzazione, procede a comunicare all interessato l avvio del procedimento assegnando allo stesso operatore un tempo non inferiore a venti giorni per eventuali osservazioni e/o controdeduzioni. Al termine della procedura il Comune archivia la pratica o pronuncia la decadenza degli atti amministrativi oggetto del presente articolo. Articolo 16 - Norme generali per lo svolgimento dell attività di commercio su aree pubbliche 1. Le autorizzazioni/concessioni/titoli abilitativi di cui al presente regolamento devono essere esibiti, in originale, ad ogni richiesta degli organi di vigilanza. 2. I concessionari non possono occupare superficie maggiore o diversa da quella espressamente assegnata, né occupare, anche con piccole sporgenze, spazi comuni riservati al transito o comunque non in concessione. 3. Le caratteristiche dei mezzi utilizzati nella vendita devono essere conformi a quanto previsto dalle vigenti normative igienico sanitarie e comunque compatibili con le caratteristiche dell area sulla quale insistono. 4. Le tende di protezione del banco di vendita possono sporgere dallo spazio assegnato per non più di mt. lineari 1,5, a condizione che siano collocate ad una altezza dal suolo non inferiore a 2,5 mt. e che comunque non siano di impedimento alla circolazione dei veicoli di emergenza. Tutti gli operatori devono osservare l allineamento del banco di vendita sulla parte frontale seguendo la linea del mercato. 5. Le aste verticali di sostegno delle tende di protezione del banco di vendita non devono essere collocate oltre la superficie assegnata. La merce appesa ad apposite strutture di sostegno, poste sotto le tende, non deve sporgere dalla superficie assegnata. 6. Dove previsto dal presente Regolamento, è consentito mantenere nel posteggio i propri veicoli, siano essi attrezzati o meno per l attività di vendita, a condizione che sostino entro lo spazio assegnato come posteggio. 7. È fatto obbligo agli operatori di raccogliere in appositi contenitori, posti dietro il proprio posteggio, tutti i rifiuti prodotti per facilitare la relativa rimozione dall area utilizzata, pena l applicazione delle sanzioni previste dal regolamento di settore e comunque dalla normativa vigente. 8. È obbligatoria la permanenza degli operatori per tutta la durata del mercato o della fiera. In caso contrario l'operatore, salvo casi di forza maggiore (peggioramento delle condizioni atmosferiche, improvviso malessere fisico) sarà considerato assente a tutti gli effetti. Nel caso di improvviso malessere, l operatore dovrà comunque presentare entro tre giorni il certificato medico, altrimenti la presenza per quel giorno verrà cancellata.

16 16 9. È esplicitamente vietato introdurre nell'area di svolgimento della manifestazione materiale classificato esplosivo, detonante, asfissiante e comunque pericoloso, anche se contenuto in taniche, bombolette ed altro. 10. L'Amministrazione Comunale, in ogni caso, si riserva di dettare norme tese a migliorare gli aspetti di sicurezza e di igiene inerenti le attività disciplinate dal presente regolamento. 11. E vietato l utilizzo di mezzi sonori, fatto salvo l uso di apparecchi atti a consentire l ascolto di dischi, musicassette, C.D. e similari qualora questi siano prodotti commercializzati dall operatore, sempre che il volume sia minimo e tale da non recare disturbo agli operatori collocati negli spazi limitrofi. 12. E consentito l utilizzo di generatori di corrente, purché insonorizzati, rispondenti alle vigenti normative e dotati di dispositivi atti a controllare le emissioni degli scarichi della combustione in atmosfera. Articolo 17 - Normativa igienico-sanitaria 1. Si intendono integralmente richiamate, in quanto applicabili, le disposizioni di carattere igienico- sanitario stabilite dalle leggi, dai regolamenti e dall Ordinanza 3 aprile 2002 del Ministero della Salute (Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche). 2. In relazione all articolo 40, comma 9, della legge, si determina in 25 il numero dei posteggi oltre i quali l area pubblica dovrà essere dotata di un adeguato numero di servizi igienico-sanitari, che sono quindi fissati in misura di 1 ogni 60 posteggi. TITOLO 2. COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO Capo I - Mercati Articolo 18 - Norme in materia di funzionamento dei mercati 1. Il mercato è gestito dal Comune che assicura l'espletamento delle attività di carattere istituzionale e l'erogazione dei servizi di mercato salvo che non si proceda all'affidamento a soggetti esterni, quali consorzi e cooperative di operatori, associazioni di categoria. In tal caso si procederà ad apposita gara e potranno prevedersi specifiche priorità per i consorzi, cui facciano parte operatori su area pubblica, che esercitano l attività sul mercato oggetto dell affidamento in gestione. I rapporti tra Comune e soggetto gestore saranno regolati da specifica convenzione.

17 17 Articol 19 - Criteri di assegnazione in concessione dei posteggi 1. Il Comune rilascia la concessione del posteggio e la relativa autorizzazione, tramite bando comunale da pubblicarsi sul BURT con le procedure di cui all Art Prima della pubblicazione del bando di cui al comma 1, il Comune procede alla predisposizione di un bando riservato agli operatori del mercato, concessionari di posteggio, per le migliorie, sulla base di quanto previsto all Art. 22. Articolo 20 - Posteggi riservati ai produttori agricoli 1. Per i produttori agricoli è consentita, in virtù della stagionalità cui è soggetta la produzione agricola, l'assegnazione dei posteggi per una durata che, su richiesta dell'interessato, può essere: a) con validità estesa all'intero anno solare; b) con validità limitata ad uno o più periodi dell'anno, anche se frazionati, complessivamente non inferiori a 60 giorni e non superiori a 180. Articolo 21 - Criteri di variazione per miglioria e scambio di posteggi 1. Il Comando di Polizia Municipale segnala periodicamente all Ufficio Commercio l elenco dei posti liberi nei mercati (per rinuncia dell operatore, per decadenza della concessione del posteggio oppure perché non ancora assegnati). 1. Il Comune, in presenza di posti liberi, prima di procedere all assegnazione degli stessi mediante bando da pubblicare sul BURT, procede all emissione di un bando riservato agli operatori del mercato, concessionari di posteggio, per le migliorie. Il bando di cui sopra sarà comunicato a tutti gli operatori tramite raccomandata a.r., agli indirizzi dichiarati dagli operatori nelle comunicazioni presentate al Comune, oltre che pubblicato all Albo Pretorio e sul sito istituzionale del Comune; la mancata comunicazione di nuovi recapiti da parte degli operatori o il mancato ritro della raccomandata a.r. potrà causare l esclusione dal bando stesso. 2. Gli operatori interessati a migliorare la propria collocazione all interno del mercato presentano domanda scritta al Comune, entro i termini stabiliti nel bando stesso. 3. I criteri per la miglioria del posteggio sono i seguenti: maggiore professionalità acquisita, anche in modo discontinuo, nell'esercizio del commerciosu aree pubbliche, comprovata dall'iscrizione quale impresa attiva nel registro delle Imprese 4. Lo scambio di posteggio tra due operatori dello stesso settore può essere consentito su apposita richiesta, purché avvenga senza modifica degli spazi assegnati, nel rispetto delle disposizioni sui vincoli di specializzazione merceologica laddove presenti. Ove accordata la possibilità di scambio, gli operatori dovranno presentare al Comune apposita domanda, con firma congiunta, ed entro trenta giorni si provvederà alla variazione del posteggio

18 18 sulle autorizzazioni/concessioni di posteggio. 5. E consentito lo scambio tra titolari di posteggi riservati a portatori di handicap o produttori agricoli purchè avvenga tra soggetti con pari requisiti. Articolo 22 - Modalità di assegnazione dei posteggi occasionalmente liberi o comunque non assegnati e registrazione e calcolo delle presenze 1. L operatore assegnatario è tenuto ad essere presente nel mercato al posteggio assegnato entro l orario previsto per l inizio delle vendite, altrimenti è considerato assente a tutti gli effetti. 2. L assegnazione dei posteggi occasionalmente liberi o comunque non assegnati è effettuata dal Comune per la sola giornata di svolgimento del mercato, al momento dell orario di inizio vendita, adottando come criterio di priorità il più alto numero di presenze maturate. A parità di anzianità di presenze nel mercato il Comune tiene conto dell anzianità complessiva maturata, anche in modo discontinuo, dall operatore rispetto alla data di inizio dell attività di commercio su aree pubbliche quale risulta dal registro delle imprese. L assegnazione dei posteggi, non occupati dai concessionari o non ancora assegnati, avverrà nel rispetto della priorità tra soggetti che appartengono al medesimo settore merceologico previsto per quel posteggio, ma qualora non vi siano soggetti appartenenti a quel settore, il posteggio verrà assegnato secondariamente a soggetto appartenente ad altro settore. Ciò a valere anche per i posteggi riservati a portatori di handicap e produttori agricoli. 3. La registrazione delle presenze degli operatori non titolari di posteggio nel mercato (spuntisti) è effettuata dai soggetti incaricati dal Comune mediante l'annotazione dei dati anagrafici dell operatore, della tipologia e dei dati identificativi del titolo abilitativo, da esibirsi in originale, dell'operatore che si è presentato al mercato, prescindendo dal fatto che vi abbia potuto o meno svolgere l attività commerciale. Chi dispone di più titoli autorizzatori o di titoli che diano accesso alle riserve deve dichiarare con quale titolo autorizzatorio ed eventualmente con quale titolo che dia accesso alla riserva si presenta, esibendolo in originale. 3bis. L agente incaricato, consegna allo spuntista il bollettino di ccp per il pagamento della Tosap, che dovrà esibire, pena l esclusione, per una nuova eventuale richiesta di posteggio,momentaneamente non occupato 4. In caso di assegnazione di posteggio, affinché la presenza possa essere registrata, è obbligatoria la permanenza degli operatori per tutta la durata del mercato. In caso contrario l operatore, salvo casi di forza maggiore (peggioramento condizioni atmosferiche, improvviso malessere dell operatore, che dovrà comunque presentare entro 3 giorni il certificato medico, pena la non registrazione della presenza) sarà considerato assente a tutti gli effetti. 5. Il Comune provvede ad annotare in apposito registro, suddiviso per settori merceologici e posteggi riservati, le presenze che gli operatori titolari e non titolari di posteggio maturano in quel mercato. Le graduatorie, con

19 19 l indicazione delle presenze, sono pubbliche e sono consultabili presso il Comando di Polizia Municipale mediante richiesta di accesso agli atti. 6. All operatore che prende parte alle operazioni di spunta e che, dopo aver avuto l opportunità di ottenere l assegnazione occasionale di un posteggio, rifiuta la partecipazione, non verrà considerata valida la presenza. 7. Lo spuntista NON può giustificare la sua assenza mediante un certificato medico. Articolo 23 - Mercati festivi e straordinari 1. Salvo diversa disposizione, da adottare con apposito atto sentite le Associazioni di categoria, i mercati settimanali ricadenti, secondo la loro articolazione settimanale, in un giorno festivo, si svolgono in tale giorno, ad eccezione dei giorni delle festività del 1 gennaio, 25 e 26 dicembre; in tali casi si procederà, sentite le associazioni di categoria, al recupero del mercato anticipandolo al primo giorno feriale utile. 2. Se il mercato settimanale cade nel medesimo giorno della fiera della Ghirlanda si attiva la disposizione di cui al comma 4 del presente articolo. 3. I mercati straordinari, in quanto edizioni aggiuntive del mercato tradizionale, si svolgono di norma senza la riassegnazione dei posteggi e con lo stesso organico del mercato, previa concertazione con le Associazioni di Categoria., che possono proporre diverse modalità, in relazione alla particolarità della occasione. 4. Le assenze degli operatori assegnatari nei mercati festivi, anticipati, posticipati o straordinari non sono conteggiate, ma sono conteggiate le presenze degli spuntisti. Articolo 24 - Individuazione dei Mercati 1. I mercati sul territorio del Comune di Massa Marittima sono quelli di seguito indicati.

20 20 MERCATO SETTIMANALE DEL MERCOLEDI' Luogo di svolgimento Ubicazione Giorno Tipologia mercato Settore Massa Mrittima Via Parco Poggio Mercoledì Annuale a cadenza settimanale Posteggi Superficie mq Superficie media mq Alimentare ,5 Non Alimentare ,55 Misto ,00 Produttori Agricoli ,67 Portatori di handicap 1 31,5 31,5 Totale posteggi ,5 34,75 Luogo di svolgimento Ubicazione Giorno Tipologia mercato Settore MERCATO SETTIMANALE DEL SABATO Alimentare e Non Alimentare Massa Mrittima Via dei Chiassarelli Sabato Annuale a cadenza settimanale Posteggi Superficie mq Superficie media mq ,75 Produttori Agricoli 1 31,5 31,5 Portatori di handicap Totale posteggi ,5 32,95

Comune di. San Marcello Pistoiese REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI SU AREE PUBBLICHE

Comune di. San Marcello Pistoiese REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI SU AREE PUBBLICHE Comune di San Marcello Pistoiese PROVINCIA DI PISTOIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI SU AREE PUBBLICHE Anno 2015 2 INDICE TITOLO 1. NORME GENERALI... 4 Articolo 1. Ambito

Dettagli

Comune di Serravalle Pistoiese

Comune di Serravalle Pistoiese Comune di Serravalle Pistoiese PROVINCIA DI PISTOIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI SU AREE PUBBLICHE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 5 del 27/01/2014

Dettagli

Approvato con deliberazione n.009/cc del 18.02.2009 -

Approvato con deliberazione n.009/cc del 18.02.2009 - COMUNE DI MONTEMURLO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI COMUNALI IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione n.009/cc del 18.02.2009-1

Dettagli

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI COMUNALI IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - 1 -

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI COMUNALI IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - 1 - COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 8177220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 REGOLAMENTO CHE

Dettagli

Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE

Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE (art. 40 L.R.T. 7 Febbraio 2005 n. 28 e successive modifiche

Dettagli

COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE (Legge Regionale 3 marzo 1999, n. 9 art. 9, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO per la DISCIPLINA dell ORGANIZZAZIONE e dello SVOLGIMENTO delle FUNZIONI COMUNALI in materia di COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO per la DISCIPLINA dell ORGANIZZAZIONE e dello SVOLGIMENTO delle FUNZIONI COMUNALI in materia di COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO per la DISCIPLINA dell ORGANIZZAZIONE e dello SVOLGIMENTO delle FUNZIONI COMUNALI in materia di COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 0 23 in data 20.05.2005

Dettagli

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Allegato alla Delib.G.R. n. 15/15 del 19.4.2007 Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Art. 1 Definizioni Con il presente provvedimento vengono definite le direttive ed i criteri di attuazione

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell organizzazione e svolgimento delle funzioni comunali in materia di commercio su aree pubbliche

Regolamento per la disciplina dell organizzazione e svolgimento delle funzioni comunali in materia di commercio su aree pubbliche COMUNE DI IMPRUNETA Regolamento per la disciplina dell organizzazione e svolgimento delle funzioni comunali in materia di commercio su aree pubbliche ************************ (Legge Regionale Toscana 7

Dettagli

Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche

Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche - Approvato con deliberazione C.C. n. 1 del 17 gennaio 2005 - Modificato con deliberazione C.C. n. 19 del 07 marzo 2007 a seguito dell entrata in

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA REGOLAMENTO DEI MERCATI Approvato con delibera CC n. 204 del 19/11/2003 INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA Art. 1 Finalità... 3 Art. 2 Definizioni... 3 Art. 3 Ambito di applicazione... 4 Art. 4 Recepimento,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI

COMUNE DI SASSO MARCONI COMUNE DI SASSO MARCONI Provincia di Bologna SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO "MERCATO ORDINARIO" Giugno 2000 1 art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina il mercato ordinario

Dettagli

IN MATERIA DI RILASCIO DI

IN MATERIA DI RILASCIO DI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 168 DEL 02.12.2003)

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercatino dei libri è un mercatino specializzato, riservato alla vendita esclusiva di libri, che si svolge nel centro storico da ottobre a giugno

Dettagli

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare REGOLAMENTO MERCATO PIAZZALE FORO BOARIO DI VILLA POTENZA Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 9 febbraio 2010 Esecutiva il 26 febbraio 2010 Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercato del Foro Boario

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 30.04.2010 pubblicata all Albo Pretorio dal 14.05.2010

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E DISCIPLINA DELLE FIERE E MANIFESTAZIONI OCCASIONALI Approvato con deliberazione consiliare n. 5 del 21 febbraio 2005 Indice Art. 1 Norme

Dettagli

MERCATINO ARTISTICO. di SAN PANTALEO IL DIRIGENTE

MERCATINO ARTISTICO. di SAN PANTALEO IL DIRIGENTE MERCATINO ARTISTICO di SAN PANTALEO ORDINANZA Disciplinante il mercatino artistico di San Pantaleo ORDINANZA n 3 del 26/01/2007 IL DIRIGENTE VISTO il D.Lgs. n 114 del 31.03.1998 Riforma della disciplina

Dettagli

COMUNE DI CERCEMAGGIORE

COMUNE DI CERCEMAGGIORE COMUNE DI CERCEMAGGIORE PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 96 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N.56 Reg.Del./7 Prop.Del NELLA SEDUTA DEL 28/03/2011 TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Contenuto

Dettagli

AREA SEGRETERIA SETTORE COMMERCIO REGOLAMENTO PER LE FESTE ARTIGIANALI, FIERE PROMOZIONALI E MANIFESTAZIONI COMMERCIALI

AREA SEGRETERIA SETTORE COMMERCIO REGOLAMENTO PER LE FESTE ARTIGIANALI, FIERE PROMOZIONALI E MANIFESTAZIONI COMMERCIALI COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE Provincia di Imperia Riviera dei Fiori AREA SEGRETERIA SETTORE COMMERCIO REGOLAMENTO PER LE FESTE ARTIGIANALI, FIERE PROMOZIONALI E MANIFESTAZIONI COMMERCIALI Approvato

Dettagli

COMUNE DI VIETRI SUL MARE Comune di antica tradizione ceramica Provincia di Salerno

COMUNE DI VIETRI SUL MARE Comune di antica tradizione ceramica Provincia di Salerno COMUNE DI VIETRI SUL MARE Comune di antica tradizione ceramica Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SU AREE PUBBLICHE (legge Regionale 7 gennaio

Dettagli

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO R E P U B B L I C A I T A L I A N A CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO Servizio Sportello Unico Attività Produttive REGOLAMENTO del commercio al dettaglio su aree

Dettagli

AREA PARTECIPAZIONE E DIRITTI DEI CITTADINI UNITA ORGANIZZATIVA COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO DELLE FIERE E SAGRE

AREA PARTECIPAZIONE E DIRITTI DEI CITTADINI UNITA ORGANIZZATIVA COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO DELLE FIERE E SAGRE AREA PARTECIPAZIONE E DIRITTI DEI CITTADINI UNITA ORGANIZZATIVA COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO DELLE FIERE E SAGRE ART. 1 Tipologia commercio fiere e sagre. ART. 2 Istituzione e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - EX AMBULANTE INDICE GENERALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - EX AMBULANTE INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - EX AMBULANTE INDICE GENERALE ARTICOLO 1...2 PRINCIPI GENERALI...2 ARTICOLO 2...2 TRIBUTI...2 ARTICOLO 3...2 PUNTI VENDITA...2 ARTICOLO 4...3 OBBLIGHI...3

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO Art. 1 Svolgimento 1. Il mercatino Natalizio è una fiera specializzata del settore alimentare e non alimentare per la vendita di prodotti tipici dell artigianato; si svolge

Dettagli

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE commercio su aree pubbliche su posteggio Titolo abilitante (all esercizio di commercio su aree pubbliche al dettaglio su posteggio) art.

Dettagli

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP.

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. FIERA DI SAN GIUSEPPE EDIZIONE 2010 AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE

Dettagli

ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI

ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI REGOLAMENTO DELLE FIERE E FIERE STRAORDINARIE (Tipologia a art. 6, comma 1, L.R. 25.6.1999 n. 12) INDICE 1. TIPOLOGIA DELLE FIERE E FIERE STRAORDINARIE 2. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BIENTINA (Provincia di PISA)

COMUNE DI BIENTINA (Provincia di PISA) COMUNE DI BIENTINA (Provincia di PISA) Regolamento per la disciplina dello svolgimento dell attività commerciale sulle aree pubbliche (Legge regionale 3 marzo1999, n. 9 art. 9, comma 2, lettera l) Approvato

Dettagli

Comune di Arcidosso. Provincia di Grosseto. Area Affari Generali - Ufficio Attività Produttive

Comune di Arcidosso. Provincia di Grosseto. Area Affari Generali - Ufficio Attività Produttive Comune di Arcidosso Provincia di Grosseto Area Affari Generali - Ufficio Attività Produttive Bando di assegnazione, a concessione temporanea di posteggio per l esercizio del commercio su area pubblica

Dettagli

COMUNE DI NARDO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI NARDO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI NARDO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del ) CONFORME

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza)

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO COMUNALE DEI MERCATI SU AREA PUBBLICA Il presente Regolamento è stato approvato con delibera di Consiglio Comunale n 39 del 21 ottobre 2014,

Dettagli

COMUNE DI PARMA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO

COMUNE DI PARMA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO Allegato A) COMUNE DI PARMA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN POSTEGGI ISOLATI approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA. Comune di Chiesina Uzzanese. 16 maggio 2015

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA. Comune di Chiesina Uzzanese. 16 maggio 2015 REGOLAMENTO COMUNALE DEL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA Comune di Chiesina Uzzanese 16 maggio 2015 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.23 DEL 28/5/2015 Sommario TITOLO I...4 CAPO I OGGETTO

Dettagli

CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO

CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO (approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 15/2002) 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento...... 3 Art.

Dettagli

Comune di AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo. Regolamento per la DISCIPLINA del COMMERCIO su AREE PUBBLICHE

Comune di AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo. Regolamento per la DISCIPLINA del COMMERCIO su AREE PUBBLICHE Comune di AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Regolamento per la DISCIPLINA del COMMERCIO su AREE PUBBLICHE ai sensi della Legge Regionale n 6 del 2 febbraio 2010 e del d.lgs n 59 /2010 Approvato con

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO (Provincia di Bologna)

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO (Provincia di Bologna) COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO (Provincia di Bologna) Via Roma, 39-40048 S.BENEDETTO V.S. ( BO) Tel. 0534 / 95026 - FAX 0534.95595 Email : urp.sambro@cosea.bo.it Disciplina del commercio su aree

Dettagli

Città di CHIOGGIA. Piano per il Commercio su Aree Pubbliche. Regolamento

Città di CHIOGGIA. Piano per il Commercio su Aree Pubbliche. Regolamento Città di CHIOGGIA approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 27/01/2004 modificato con delibera del Consigliio Comunale n. 93 del 30/09/2004 Piano per il Commercio su Aree Pubbliche Regolamento

Dettagli

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE (Approvato dal Commissario Straordinario con deliberazione n. 169

Dettagli

MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 REGOLAMENTO

MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 REGOLAMENTO MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 SOMMARIO NORME DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO TITOLO I CARATTERISTICHE

Dettagli

COMUNE DI SCICLI PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI SCICLI PROVINCIA DI RAGUSA ALLEGATO A) ALLA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 66 DEL 16.05.2011 COMUNE DI SCICLI PROVINCIA DI RAGUSA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Bando pubblico per il rilascio di autorizzazioni di commercio su aree pubbliche

Dettagli

COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA. Via XXV Aprile, 17 - CAP. 27010 Tel.: 0382/967051 Fax: 0382/963321 P.I. e C.F.

COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA. Via XXV Aprile, 17 - CAP. 27010 Tel.: 0382/967051 Fax: 0382/963321 P.I. e C.F. COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA Via XXV Aprile, 17 - CAP. 27010 Tel.: 0382/967051 Fax: 0382/963321 P.I. e C.F.: 00493730188 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (L. R. 21-3-2000

Dettagli

CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO DEL PICCOLO ANTIQUARIATO

CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO DEL PICCOLO ANTIQUARIATO CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 4 in data 17/03/2008-1 - ART. TITOLO PAG. 1

Dettagli

ART.1 ISTITUZIONE DEL MERCATINO ART. 2 SVOLGIMENTO DEL MERCATO

ART.1 ISTITUZIONE DEL MERCATINO ART. 2 SVOLGIMENTO DEL MERCATO COMUNE DI VICOPISANO REGOLAMENTO FIERA PROMOZIONALE MERCATINO DEL COLLEZIONISMO Allegato al Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche (allegato 1) INDICE ART. 1 ISTITUZIONE DEL MERCATO ART. 2 SVOLGIMENTO

Dettagli

COMUNE DI SUELLI (Provincia di Cagliari)

COMUNE DI SUELLI (Provincia di Cagliari) COMUNE DI SUELLI (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO QUOTIDIANO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN CHIOSCHI ED ALTRE STRUTTURE SU POSTEGGI ISOLATI Approvato con delibera di

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 305 del 29.11.2006 modificato con deliberazioni del C. C. n. 183 del 03.08.2007, n. 270

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 133 del 20.11.1968, esecutiva

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANA. AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO

CITTÀ DI AVIGLIANA. AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO CITTÀ DI AVIGLIANA AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGI SINGOLI IN CONCESSIONE DECENNALE

Dettagli

COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO ***************

COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO *************** COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO *************** REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA FIERA MERCATO DELL ANTIQUARIATO Approvato con deliberazione del consiglio

Dettagli

C I T T A D I M E L I S S A N O

C I T T A D I M E L I S S A N O C I T T A D I M E L I S S A N O Provincia di Lecce REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO MOSTRA E SCAMBIO Denominazione LA VALIGIA DEI RICORDI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del ) Art.

Dettagli

Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso)

Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso) Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso) Mercatino dell Antiquariato e del Collezionismo Istituito con deliberazione C.C. n. 80 del 23/10/1989 Confermato con deliberazione C.C. n. 4 del 21/2/2002

Dettagli

REGOLAMENTO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI CAPRAROLA Provincia di Viterbo TESTO COORDINATO REGOLAMENTO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con: Deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 16/10/2012 Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI CESENA CODICE ATTIVITÀ ECONOMICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI CESENA CODICE ATTIVITÀ ECONOMICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CESENA CODICE ATTIVITÀ ECONOMICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 135 DEL 21.12.2011 INDICE Art. Pagina PARTE I - DISCIPLINA ATTIVITA ECONOMICHE 1 Oggetto 5 TITOLO I - COMMERCIO

Dettagli

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO

Dettagli

Regolamento attività barbiere e parrucchiere

Regolamento attività barbiere e parrucchiere Regolamento attività barbiere e parrucchiere Adottato con delibera C.C. n. 6793/458 del 20.12.2000 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo

Dettagli

Comune di Gaeta. Criteri per il rilascio di autorizzazioni per la somministrazioni di alimenti e bevande

Comune di Gaeta. Criteri per il rilascio di autorizzazioni per la somministrazioni di alimenti e bevande Comune di Gaeta * * * * * Criteri per il rilascio di autorizzazioni per la somministrazioni di alimenti e bevande * * * * * (Approvati con deliberazione consiliare n 51 del 04/11/2011) 1 Art.1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE 1 COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE -Provincia di Bologna- REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE Approvato con Delibera di C.C. n. 84 del 21 dicembre 2000 Modificato con Delibera di C.C. n. 26 del

Dettagli

C O M U N E D I M E L E N D U G N O Provincia di LECCE

C O M U N E D I M E L E N D U G N O Provincia di LECCE C O M U N E D I M E L E N D U G N O Provincia di LECCE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE INDICE: TITOLO I - MERCATI CAPO I DISCIPLINA GENERALE DEI MERCATI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

Dettagli

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche Comune di SAN MARTINO BUON ALBERGO Provincia di Verona Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche ***** Regolamento per lo svolgimento del commercio su aree pubbliche e nei posteggi isolati Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SCOPERTE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SCOPERTE DIREZIONE AREA SS. DEMOGRAFICI, ATTIVITÀ PRODUTTIVE e SUAP. REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SCOPERTE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.60 del 09.08.2011, rettificato ed

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CITTÀ DI PALERMO AREA SERVIZI ALLE IMPRESE SETTORE ATTIVITÀ PRODUTTIVE - SPORTELLO UNICO REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 1 SOMMARIO Parte I. le forme del commercio su aree pubbliche e relative

Dettagli

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATO COMUNALE I N D I C E Art 1 - Istituzione del mercato settimanale Art 2 - Definizione del mercato settimanale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 29.01.2013 SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE INDICE NORME GENERALI...

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in ottemperanza agli obblighi derivanti dalla legge 14.12.1963 n. 161

Dettagli

PIANO E REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE

PIANO E REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE PIANO E REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE (Legge Regionale 24 luglio 2001 n.18) 1 INDICE 1 Introduzione 2 Ricognizione delle aree attualmente destinate ai mercati

Dettagli

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI/BOX IN CONCESSIONE/LOCAZIONE NEI MERCATI DI TARANTO.

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI/BOX IN CONCESSIONE/LOCAZIONE NEI MERCATI DI TARANTO. COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI/BOX IN CONCESSIONE/LOCAZIONE NEI MERCATI DI TARANTO. IL DIRIGENTE Considerato che: si deve procedere alla

Dettagli

AVVISO PUBBLICO FESTA DELLA BEFANA EDIZIONI DAL 2015/2016 AL 2024/2025 ATTIVITÀ ARTIGIANALI

AVVISO PUBBLICO FESTA DELLA BEFANA EDIZIONI DAL 2015/2016 AL 2024/2025 ATTIVITÀ ARTIGIANALI MUNICIPIO ROMA I CENTRO Unità Organizzativa Amministrativa ALLEGATO 2 AVVISO PUBBLICO FESTA DELLA BEFANA EDIZIONI DAL 2015/2016 AL 2024/2025 ATTIVITÀ ARTIGIANALI Le edizioni della tradizionale Festa della

Dettagli

Comune di Abbiategrasso Provincia di Milano

Comune di Abbiategrasso Provincia di Milano Comune di Abbiategrasso Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con delibera di C.C. n. 38 del 09.04.2002 e successive modificazioni: con delibera

Dettagli

ART. 1 Quadro normativo

ART. 1 Quadro normativo ART. 1 Quadro normativo 1. Il servizio di noleggio autobus con conducente istituito nel territorio del Comune è disciplinato: a) dalla L.R. 30 novembre 2000, n. 20 - art. 14, comma 2, lettera c); b) dal

Dettagli

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche

Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche L. R. 06 aprile 2001 n. 10 e D.G.R. 20 luglio 2001 n. 1902 NOTA: Il presente Piano e Regolamento per il commercio su aree pubbliche è stato approvato con

Dettagli

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE COMMERCIALI E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. 65

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. 65 Prot. Gen.: 2000/67452 IE COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO n. 65 CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI AL COMMERCIO PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E REGOLAMENTO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 53 DEL 20.12.2000) CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P. COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 3 del

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE ALLEGATO DELIB. C.C. n. / 2010 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO FIERA DEI CORPI SANTI 1) Richiami normativi. D. legislativo 114/98 riforma della disciplina del commercio a norma dell articolo 4

Dettagli

Comune di Capannori. Il Dirigente del Servizio Servizi Istituzionali e alle Imprese. Rende noto

Comune di Capannori. Il Dirigente del Servizio Servizi Istituzionali e alle Imprese. Rende noto Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 210 del 03/03/2015 Comune di Capannori Oggetto: Bando per la selezione di un soggetto organizzatore e gestore di una fiera sperimentale nel settore dell antiquariato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 8177220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.2008 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI pag. 1 Art. 1 DEFINIZIONI pag. 1

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO A DELIBERAZIONE C.C N 60 DEL 14.04.2011 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL MERCATO KM 0 RISERVATO ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI ai sensi del Decreto Ministero

Dettagli

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Allegato alla delibera di C.C. n. 9 in data 21/03/2015 COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Regolamento disciplinante il procedimento per l apertura di medie strutture di vendita e altre procedure per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione I LEGGI REGIONALI

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione I LEGGI REGIONALI Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 22 dell 8 maggio 2013 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA U FFICIALE SERIE GENERALE PERUGIA - 8 maggio 2013 DIREZIONE REDAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n.

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 1 COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 69 del 22/12/1999 2 INDICE

Dettagli

V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @

V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @ V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @ PIANO DEL COMMERCIO SULLE AREE PUBBLICHE Legge Regionale n. 10 del 6 aprile 2001 recante Nuove norme in materia di commercio su aree pubbliche ; Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI TIVOLI PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI TIVOLI PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SULLE AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale n. 14 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL ANTIQUARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL ANTIQUARIATO COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL ANTIQUARIATO Approvato con delibera di C. C. n. 68 dell 11.11.2003 Revisioni: Abrogazioni:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO FESTA DELLA BEFANA EDIZIONI DAL 2015/2016 AL 2023/2024 ATTIVITA VARIE

AVVISO PUBBLICO FESTA DELLA BEFANA EDIZIONI DAL 2015/2016 AL 2023/2024 ATTIVITA VARIE MUNICIPIO ROMA I CENTRO Unità Organizzativa Amministrativa ALLEGATO 3 AVVISO PUBBLICO FESTA DELLA BEFANA EDIZIONI DAL 2015/2016 AL 2023/2024 ATTIVITA VARIE Le edizioni della tradizionale Festa della Befana

Dettagli

COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR.

COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR. COPIA COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR. OGGETTO: Bando pubblico per l assegnazione di posti fissi del mercato settimanale della domenica mattina

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATINO DELLE PULCI E DEI PRODOTTI LOCALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATINO DELLE PULCI E DEI PRODOTTI LOCALI COMUNE DI MARRUBIU Provincia di Oristano - Piazza Roma n.7 C.A.P. 09094 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL MERCATINO DELLE PULCI E DEI PRODOTTI LOCALI Approvato con delibera del C.C. n. 19 del 08/04/2014

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Allegato B a Delibera C.C. n.36 del 27/9/2010 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con delibera di C.C. n. 36 del 27/09/2010 Pubblicato all albo Pretorio dal 5/10/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI Art. 1 LICENZA D'ESERCIZIO La licenza per l esercizio di sale pubbliche o per altre giochi

Dettagli

REGOLAMENTO di FIERE, FESTE PATRONALI MOSTRE e MOSTRE-MERCATO

REGOLAMENTO di FIERE, FESTE PATRONALI MOSTRE e MOSTRE-MERCATO 1 COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo * * * REGOLAMENTO di FIERE, FESTE PATRONALI MOSTRE e MOSTRE-MERCATO * * * APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 del 20 Maggio 2002

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli Approvato con deliberazione consiliare n. 25 del 25 novembre 2002 Ripubblicato dal 05.04.2003 al 19.04.2003 INDICE - SOMMARIO Art. 1 - Premessa Art. 2 - Autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE. (approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 5 del 19/02/2009)

COMUNE DI MAGIONE. (approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 5 del 19/02/2009) COMUNE DI MAGIONE CRITERI PER IL RILASCIO E LA GESTIONE DELLE AUTORIZZAZIONI COMUNALI ALL'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DI NOLEGGIO E DI LOCAZIONE DI NATANTE DA DIPORTO SUL LAGO TRASIMENO (approvato con Deliberazione

Dettagli