Down to earth report: Una infrastruttura hyper-converged per tutti da HP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Down to earth report: Una infrastruttura hyper-converged per tutti da HP"

Transcript

1 Juku.it Down to earth report: Una infrastruttura hyper-converged per tutti da HP Enrico Signoretti Dicembre 2013 Juku consulting - mail: web:

2 Jukuconsulting.com Indice Executive summary 2 Introduzione 4 Cos è una infrastruttura scale-out? 4 Perché scale-out è importante per la PMI? 4 Perché è importante 5 Hardware 7 HP ProLiant DL380p Gen8 Server 7 Switch Ethernet HP Perché è importante 8 Software 10 HP StoreVirtual storage VSA 10 Hypervisor e suite di benchmark 11 Perché è importante 14 Architettura 15 Configurazione del nodo e dell infrastruttura 15 Layout del cluster e dei nodi 16 Perché è importante 16 Risultati dei Benchmark 18 Introduzione 18 Risultati del benchmark 18 Perché è importante 19 Nota finale 21 Juku 23 Perchè Juku 23 Autore 23

3 Jukuconsulting.com "2 Executive summary Gli utenti finali, di ogni tipo, sono alla continua ricerca di soluzioni che possano ridurre la complessità e abbassare il TCO (Total Cost of Ownership) delle loro infrastrutture. Specialmente nella PMI, dove le risorse sono solitamente limitate e gli skill non sono sviluppati al meglio, c è molta attenzione a questo tipo di problemi. Oggi, la maggior parte delle infrastrutture sono virtualizzate, basate su server industry standard x86 e reti Ethernet. I costi più importanti di queste infrastrutture, sia in termini di TCA (Total Cost of Acquisition - Spesa Totale di Acquisto) che di TCO (Total Cost Of Ownership - che include anche tutte le spese che si calcolano durante il ciclo di vita delle apparecchiature), si registrano nella parte di data storage. Infatti, è facile scoprire che spesso circa il 50% del costo di una infrastruttura virtualizzata risiede nella parte di storage tradizionale, sia essa NAS o SAN. Questo report mostra una soluzione, completamente disegnata su componenti industry standard e software HP, che permette di realizzare una soluzione totalmente scale-out senza la necessità di uno storage condiviso tradizionale. In breve: una infrastruttura hyper-converged. La soluzione di cui stiamo per parlare ha tutte le caratteristiche che ci si vogliono normalmente indirizzare: TCO, facilità d uso, scalabilità, efficienza, con un approccio open e un prezzo basso. Il grande risparmio deriva proprio dalla virtualizzazione dei dischi interni presenti sugli stessi server x86 che fanno girare l hypervisor, presentandoli come una SAN virtuale alle VM. Un altro vantaggio è che questo stack proviene da un singolo vendor, garantendo quindi un accesso al servizio di assistenza in modo end-to-end. Il modello scale-out presentato nelle prossime pagine può avere un impatto importante per l utente finale ma anche per il rivenditore della soluzione: ogni nodo porta con se un preciso quantitativo di risorse (CPU, RAM, spazio disco e IOPS) e quindi anche un costo ben conosciuto. Aggiungere un quantitativo preciso di VM è solo questione di acquistare uno o più nodi e collegarli all infrastruttura esistente.

4 Jukuconsulting.com "3 L obiettivo primario di questo documento è quello di presentare un disegno di riferimento, la sua potenziale scalabilità e un benchmark standard per spiegare il suo posizionamento.

5 Jukuconsulting.com "4 Introduzione Cos è una infrastruttura scale-out? La scalabilità è la capacità di un sistema IT di crescere per sostenere la maggiore quantità di lavoro che necessita di essere gestita. Ci sono due tipi di scalabilità: verticale (scale-up) e orizzontale (scale-out). La maggiore differenza è che i sistemi di tipo scale-up sono monolitici mentre gli altri sono composti da piccoli nodi interconnessi fra di loro. In pratica, quando si parla di scalabilità verticale, si parla della possibilità di aggiungere ulteriori risorse nella stessa scatola (esempio: aggiungere CPU, RAM, disco, etc. nello stesso computer). Dall altra parte, l espansione di un sistema/infrastruttura scale-out avviene aggiungendo ulteriori nodi. Ognuno di questi nodi aggiunge le proprie risorse al cluster. Entrambi gli approcci hanno i loro vantaggi e svantaggi ma, negli ultimi anni, la tecnologia ha fatto molti passi avanti e ora i sistemi scale-out sono scelti molto più frequentemente che in passato e per un numero più ampio di applicazioni. I potenziali problemi di latenza delle connessioni fra i nodi e la complessità di gestione non sono più un grande problema, mentre ora è relativamente facile installare sistemi importanti a prezzi ragionevoli. Lo scale-out sta diventando estremamente popolare anche nel mondo dello storage per risolvere problemi di prestazioni e spazio quando i numeri sono particolarmente grandi: i cluster BigData Hadoop/HDFS sono gli esempi più eclatanti. Perché scale-out è importante per la PMI? La PMI non ha il tipo di problemi appena descritti ma il concetto di scalabilità è ugualmente importante. Una infrastruttura scale-out permette alla piccola

6 Jukuconsulting.com "5 media azienda di pensare solo alle esigenze attuali e investire il meno possibile all inizio ed evitare upgrade a piattaforme più potenti quando sarà necessario (forklift upgrades). Un altro grosso vantaggio per la PMI è che l infrastruttura scale-out ha dei costi e una potenza di calcolo molto più prevedibili quando viene espansa: infatti ogni nuovo nodo aggiunto all infrastruttura porta con se un preciso quantitativo di risorse e la possibilità di gestire una quantità conosciuta di lavoro. Perché è importante HP ha tutte le componenti (server, networking e software storage) per costruire un sistema scale-out e hyper-converged. L indubbio abilitante di questa soluzione è la componente software, che permette di realizzare un sistema storage software-defined utilizzando server industry standard, e tutto prodotto da un unico fornitore primario. Inoltre, questo approccio software-defined permette di ottenere un TCO più basso e un ROI elevato, quando comparato con soluzioni storage tradizionali: l utente gode di tutti i vantaggi di un sistema storage moderno senza doverne subire la rigidità dell hardware. Ultimo ma non ultimo, l utente finale può espandere il cluster ad un prezzo molto basso e prevedibile (il costo di un server, dei suoi dischi interni e della licenza VSA) o sostituire vecchi server con modelli più recenti e veloci mantenendo le stesse licenze software. Al contrario di soluzioni simili che si possono trovare sul mercato questa ha diversi vantaggi interessanti: basata al 100% su hardware industry standard; compatibile con gli hypervisor più comuni (VMware ESXi e Microsoft Hyper- V); soluzione hardware e software end-to-end di un vendor primario; più economica di molte altre soluzioni e perfettamente in linea con le esigenze della PMI; servizi di supporto disponibili a livello globale e di provata qualità;

7 Jukuconsulting.com "6 Nelle prossime pagine andrò a introdurre tutti i singoli componenti utilizzati per realizzare questo disegno, disponibili nel catalogo HP.

8 Jukuconsulting.com "7 Hardware HP ProLiant DL380p Gen8 Server L HP ProLiant DL380p Gen8 è un server 2U, 2-socket da rack per datacenter. Fa parte dell ultima famiglia di server x86 HP e ha tutte le caratteristiche di resilienza, affidabilità e di facilità di manutenzione che contraddistinguono tutta questa linea di prodotti. Le caratteristiche base di questo server sono: fino a 2 Intel Xeon serie E5-2600v2 CPU; fino a 768GB di RAM; 4 1Gb, o 2 10G Ethernet, o 2 x 10G Flexfabric; Differenti configurazioni interne di storage (fino a 25 2,5 HDD SAS o 12 3,5 HDD SATA, support per SSD e opzioni RAID interne); 6 PCIe 3.0; ilo management engine integrato. Per questo report abbiamo scelto questo server perché ha le giuste caratteristiche di storage interno (fino a 25 HDD 10K RPM 2,5 ) e la connettività esterna di cui abbiamo bisogno. Ha anche slot PCIe per ospitare schede di rete addizionali (NIC) e schede di memoria flash. Per massimizzare l uso del JBOD interno SAS abbiamo anche deciso di aggiungere un HP Smart Array Controller modello 420 (equipaggiato con 1GB di memoria cache). Il controller aiuterà ad ottimizzare le operazioni di IO grazie alla gestione del RAID di base e della cache. E possibile trovare ulteriori informazioni sul sito web dedicato al server HP ProLiant DL380p Gen8.

9 Jukuconsulting.com "8 Switch Ethernet HP 2920 Per questa soluzione è stato scelto di adottare lo switch Ethernet HP G, uno fra q u e l l i s u g g e r i t i n e l l a documentazione di HP StoreVirtual. Questo è uno switch 1GbE top-of-the-rack ad alta densità, economico e scalabile con la capacità di supportare fino a 4 porte 10Gbit Ethernet, come anche due moduli per lo stacking. Lo switch in questione supporta anche jumbo frames (fino a 9220 bytes), IPv4, IPv6, VLAN, layer 3 routing, QoS e il protocollo OpenFlow: tutte caratteristiche utili ad evitare colli di bottiglia e garantire la massima flessibilità in termini di configurazioni e future espansioni. L alimentatore, benché non ridondato, è rimovibile e sostituibile. La garanzia a vita e gli aggiornamenti software gratuiti rendono questo switch particolarmente attraente per gli utenti sensibili ai costi. E possibile trovare ulteriori informazioni sugli switch HP 2920 sul sito web di HP. Perché è importante L hardware potente, conveniente e ben costruito è alla base di questo tipo di installazioni, HP è il produttore di server più importante e fornisce servizi di supporto nella maggior parte del mondo. L importanza di avere a che fare con fornitori primari e affidabili è un fattore chiave per le PMI che hanno bisogno di essere continuamente rassicurate sulla presenza di rivenditori locali e system integrator anche per le implementazioni di base e i servizi tecnici che ne conseguono. Dall altra parte, la componente di networking è fondamentale per garantire le prestazioni necessarie alla virtualizzazione di server e storage. Gli Switch HP 2920 sono certificati end-to-end con tutte le altre componenti dell infrastruttura, forniscono quindi throughput e funzionalità di prossima generazione tese ad ottimizzare la qualità dello storage e del traffico delle VM. Inoltre, questi particolari switch possono ospitare fino a 4 porte 10Gbit

10 Jukuconsulting.com "9 Ethernet ad un prezzo molto conveniente, abilitando di fatto un backend di rete semplificato e particolarmente potente.

11 Jukuconsulting.com "10 Software HP StoreVirtual storage VSA HP StoreVirtual Storage è una famiglia di soluzioni storage disegnate per risolvere i bisogni delle piccole e medie aziende. Il portafoglio prodotti mostra due tipi di soluzioni: HP StoreVirtual 4000 (prodotti hardware basati su server standard x86) e un HP StoreVirtual VSA (Virtual Storage Appliance). Le funzionalità software dei due prodotti sono identiche. HP StoreVirtual 4000 è un array iscsi scale-out con tutte le c a r a t t e r i s t i c h e c h e c i s i potrebbe aspettare da un sistema di storage moderno (come, per esempio, thin provisioning, snapshot, replica remota, integrazione con VMware, ecc.). Proprio per la natura della sua architettura, i dati di ogni nodo del cluster sono distribuiti e replicati su altri nodi grazie ad un meccanismo chiamato Network RAID. Questo approccio consente di ottenere un sistema storage scalabile ed altamente resiliente con hardware commodity. Aggiungere spazio addizionale o aumentare le prestazioni del cluster è veramente semplice e nuovi nodi possono aggiungersi a quelli esistenti con facilità e poche limitazioni, anche quando si tratta di cluster di vecchia generazione. La versione VSA (Virtual Storage Appliance) di HP StoreVirtual permette di usare una VM come controller storage virtuale e si avvantaggia dei dischi locali del server per fornire IOPS e spazio. La VSA ha visto molti miglioramenti negli ultimi due anni. Le versioni più recenti del sistema operativo LeftHand (v.10) sono state parzialmente riscritte e ora sono mutlithread, con la conseguenza che molte operazioni di IO sono più veloci che in passato. La VSA sfrutta a pieno il miglioramento del

12 Jukuconsulting.com "11 software e ora questa è configurata con due virtual CPU, mostrando quindi incrementi notevoli in termini di velocità e scalabilità. LeftHand OS versione 11, di recente rilascio, ha anche introdotto la Adaptive Optimization. Questo è un sistema di tiering automatico a livello di subvolume che permette di utilizzare contemporaneamente memoria flash e dischi rigidi tradizionali nella stessa configurazione. L Adaptive optimization può migliorare drammaticamente le prestazioni dello storage, facendo aumentare le prestazioni dell intero cluster e permettendo quindi di ottenere il massimo da tutte le risorse di calcolo a disposizione. HP StoreVirtual VSA è licenziata in funzione della capacità, questo significa che l utente finale, usando i dischi interni di ciascun server, può configurare un quantitativo di storage importante ad un costo decisamente limitato. Al momento, ci sono tre diversi tipi di licenza e ognuna di queste ha un limite massimo di spazio da considerare: 4TB: questa è la più economica, è limitata ad un massimo di 3 nodi per cluster e non include la Adaptive Optimization; 10TB: Questa è la più diffusa, non ci sono limiti nel numero di nodi del cluster ed è quella più adatta per la grande maggioranza delle installazioni; 50TB: Quest ultima è stata aggiunta di recente per le installazioni che necessitano di molto spazio e, anche in questo caso, non ci sono limiti al numero di nodi che possono unirsi al cluster. HP fornisce percorsi di upgrade per tutte le licenze: un utente, per esempio, può acquistare oggi la licenza da 10TB per poi migrare a quella da 50TB pagando la differenza quando necessario. Recentemente è stato anche introdotta una licenza da 1TB rilasciata gratuitamente insieme all acquisto di alcuni tipi di server HP (questa licenza ha limitazioni simili a quella da 4TB). Hypervisor e suite di benchmark HP StoreVirtual VSA supporta entrambi gli hypervisor Microsoft Hyper-V e VMware ESXi. Per il nostro test abbiamo deciso di utilizzare VMware ESXi così da poter eseguire un benchmark standard utilizzando la suite VMware VMmark.

13 Jukuconsulting.com "12 Presentiamo i dati di questo test solo al fine di dare uno strumento di valutazione e questi non sono stati sottoposti ad un processo di certificazione ufficiale VMware. Dall altro lato, questo documento r i p o r t a t u t t e l e i n f o r m a z i o n i necessarie per riprodurre i test e sottoporli ad un processo di revisione ufficiale da parte di VMware. Non utilizzeremo VMmark per mostrare una sterile misurazione, visto che questo è assolutamente inutile per gli utenti SMB. Il test VMmark viene eseguito facendo girare un adeguato numero di tile sull infrastruttura oggetto del test e misurandone la risposta. Un tile è un set completo di VM che riproduce stack applicativi standard e workload di diverse dimensioni e complessità. 1 Mail server: Exchange Server 2007 su Windows 2008 R2 Enterprise Edition, 1 Web server per una applicazione di Social Networking (Olio): SLES11 64 bit, 1 Database server per l applicazione di Social Networking application (Olio): MySQL DBs su SLES11 64 bit, 3 Web server per una applicazione di ecommerce (DVD Store 2): SLES11 64 bit, 1 Data base server per l applicazione di ecommerce (DVD Store 2): SLES11 64 bit, 1 Stand-by server: Windows 2003 server senza applicazioni che girano al suo interno, 1 Windows server che viene i stanziato e poi ritirato cancellato durante il test.

14 Jukuconsulting.com "13 Mentre il test è in corso, alcuni client esterni generano i carichi di lavoro necessari ad ogni stack applicativo. In particolare, per il server Microsoft Exchange viene simulato un workload di 1000 utenti (heavy profile). E ovvio che questo carico è eccessivo per una piccola azienda, specialmente quando questo viene replicato ogni volta che aggiungiamo risorse al cluster. D altra parte però Exchange è una applicazione complessa con un DB che può facilmente essere assimilata ad altre applicazioni con carichi pesanti come, ad esempio, gli ERP. L obiettivo finale è quello di mostrare quante VM possono girare in ogni singolo nodo del cluster e ottenere uno scenario veritiero di quello che succederebbe in un ambiente reale. Per i nostri benchmark abbiamo utilizzato un cluster a due nodi e poi abbiamo aggiunto un terzo e un quarto nodo per mostrare la progredire verso configurazioni scale-out più grandi. Visto la natura della soluzione e i modelli di licenza di VMware, abbiamo eseguito tutti i test utilizzando la versione standard di ESXi. Questa versione è la più adatta alle piccole aziende garantendo comunque un set di funzionalità di tutto rispetto. In ogni caso, l obiettivo non è quello di dare un punteggio VMmark ma di rispondere a due semplici, per quanto ostiche, domande. Il tipo di domande che la maggior parte degli utenti SMB chiede al proprio reseller: Quante Virtual Machine possono girare su un nodo? Di quanti nodi ho bisogno per far girare tutte le mie VM? Solitamente è molto difficile rispondere a queste domande ed è necessario una conoscenza profonda dell infrastruttura, dei workload coinvolti e della tecnologia. Al contrario, con questo tipo di infrastruttura pre-testata, cerchiamo un approccio totalmente diverso: l abbiamo testata con un carico di lavoro che può essere confrontato con la maggior parte dei casi d uso, dando una media di VM che ogni nodo può far girare.

15 Jukuconsulting.com "14 Perché è importante L idea dietro questo white paper è di mostrare le possibilità offerte da una architettura facile da usare LEGO -like. L abilitante di questa architettura è il software e HP StoreVirtual VSA si adatta perfettamente a questa visione. Questa soluzione storage software-defined ha tutte le caratteristiche del modello hardware ma è più economica, permettendo anche di ottenere configurazioni flessibili e upgrade hardware trasparenti. Ultimo ma non ultimo, la disponibilità di HP StoreVirtual VSA su entrambi gli hypervisor più diffusi sul mercato garantisce una grande libertà di scelta per l utente finale. Questo approccio è molto adatto agli utenti finali più piccoli dove gli skill per disegnare e configurare una infrastruttura virtualizzata sono spesso assenti. Inoltre i rivenditori possono trarre il massimo vantaggio da questa tipo di soluzione grazie alla drammatica semplificazione del processo di vendita.

16 Jukuconsulting.com "15 Architettura Configurazione del nodo e dell infrastruttura Per la reale implementazione della nostra infrastruttura abbiamo deciso di configurare dei nodi di fascia media in termini di CPU, RAM e dischi. Il nostro obiettivo non è quello di spingerci verso la configurazione più estrema ma, al contrario, di provare il valore d i u n a s o l u z i o n e h y p e r- converged per i piccoli utenti. Allo stesso tempo, abbiamo scelto switch con porte a 10Gbit Ethernet per semplificare la configurazione, eliminando tecniche di teaming (link aggreagation) e facilitare il percorso di eventuali upgrade nel futuro. 10Gbit Ethernet può sembrare strano per ambienti così piccoli ma, al contrario, è perfetto perché l hardware di networking HP che abbiamo scelto (2920) è decisamente conveniente e ci da anche l opportunità di utilizzare 24 porte 1Gb Ethernet su ogni switch. I nodi server per la nostra infrastruttura scale-out saranno così configurati: 2 Intel Xeon E (6c/2.5GHz) CPUs; 64GB di RAM; 2 10G Ethernet ports; 18 2,5 450GB/10K RPM SAS disks; HP Smart Array Controller model 420 con 1GB di cache. Questa configurazione, in un cluster di base a tre nodi, presenta 36 CPU core, 192GB di RAM e 45 dischi rigidi attivi supportati da una cache di 3GB (che teoricamente significano 9TB di spazio libero con una buona quantità di

17 Jukuconsulting.com "16 IOPS nel peggiore degli scenari): discuteremo le prestazioni misurate sul cluster nei prossimi capitoli. Sul lato networking, la configurazione che andremo ad adottare per il nostro test è una coppia di switch HP G ognuno con 4 porte 10Gbit attive. Le porte a 10Gbit sono dedicate alla connessione dei nodi del cluster mentre le restanti 24 porte da 1Gbit sono libere e disponibili per collegare il cluster ad altri server e client. Layout del cluster e dei nodi Il layout del cluster è decisamente semplice: ogni nodo del cluster ha una connessione Ethernet 10Gbit ad ogni switch. Negli ambienti più piccoli i due switch possono essere utilizzati come switch di core oppure possono provvedere a fornire un numero adeguato di up-link ad un infrastruttura network già in essere. Anche la configurazione del singolo nodo è semplice ed è particolarmente incentrata sullo storage interno. Seguendo la documentazione fornita dal produttore, Il controller HP SmartArray può essere configurato con la writeback cache abilitata perché, nel nostro caso, è il meccanismo di Network RAID implementato dalle VSA che garantisce contro le perdite di dati. I dischi interni al server (18) sono configurati con un disco di spare, un piccolo volume in RAID 1 per il boot dell hypervisor e un gruppo RAID 50 composto di 15 dischi per ospitare i Datastore VMware. C è anche spazio per future espansioni di disco o SSD opzionali (meno performanti delle schede PCIe ma anche più economici). Perché è importante Semplicità e facilità di gestione sono fra le caratteristiche più importanti di questo tipo di implementazione. L obiettivo è stato quello di mantenere tutto il più semplice possibile e di seguire tutte le procedure standard riportate nella documentazione e sui siti web pubblici di HP. L abbiamo fatto per dare all utente finale, e al rivenditore, una soluzione facile da riprodurre senza il bisogno di un sistemista particolarmente esperto.

18 Jukuconsulting.com "17 Eliminare la complessità quando si implementa una infrastruttura 100% scale-out concorre a ridurre i costi di management, anche quando si parla di pochi nodi. Sul lato storage, HP StoreVirtual VSA si adatta perfettamente a questa visione: un prodotto solido, facile da usare e maturo. Disegnato fin dall inizio con questo tipo di architettura in mente e con tutti i tool necessari per integrarsi con gli hypervisor. Ultimo ma non meno importante, i link ridondati a 10Gbit permettono di avere una banda decisamente elevata e facilità di gestione a livello hypervisor senza il bisogno di configurazioni complesse.

19 Jukuconsulting.com "18 Risultati dei Benchmark Introduzione L obiettivo di questo paper è di fornire una metrica semplice per valutare questo tipo di soluzione. Per ottenere questo risultato abbiamo utilizzato il tool di benchmarking VMmark e abbiamo raccolto le informazioni per ogni differente configurazione del cluster. Questi risultati mostrano due cose importanti: il numero delle VM che possono girare contemporaneamente nel cluster e la sua scalabilità. Allo stesso tempo, come nelle configurazioni reali, non abbiamo mai spinto i test e le configurazioni al limite dell hardware. La nostra scelta è stata quella di lasciare abbastanza spazio all utente per riallocare VM e avere prestazioni decenti nel caso di un guasto di un nodo. L unico problema che abbiamo trovato con la suite VMmark è che il singolo tile (gruppo di VM) non può essere diviso su nodi differenti, un tile può girare su un solo nodo alla volta. Questo significa che nelle configurazioni più piccole c è un certo spreco di risorse ma, come menzionato in precedenza, questa è una configurazione per il mondo reale e dobbiamo comunque considerare un certo ammontare di risorse per sostenere l infrastruttura in caso succedesse il fallimento di un nodo. Risultati del benchmark La figura che segue mostra il grafico con il numero di Virtual Machines che questo cluster è capace di far girare, espresso in numero di tile. Si noterà immediatamente la progressione lineare del cluster. Ogni nodo aggiunto alla configurazione permette di aggiungere sempre lo stesso numero di VM. CPU e RAM non sono mai un problema: il limite è sempre dal lato dischi. Nel caso della configurazione a 4 nodi otteniamo il massimo vantaggio dal numero più

20 Jukuconsulting.com "19 5 VMmark results 4 Tiles Cluster nodes elevato di dischi e ci sarebbe spazio per far girare ulteriori VM ma, purtroppo, non abbastanza per far girare un singolo tile su un nodo. Perché è importante Il grafico da un idea chiara di quante VM possono girare su ogni singola configurazione testata. La scalabilità, come previsto all inizio di questo documento, è totalmente lineare e l aggiunta di ulteriori nodi ha un impatto postivi immediato sulle prestazioni. Gli utenti finali possono facilmente individuare il numero di nodi del cluster più adatto alle proprie necessità semplicemente guardando al numero di VM già in essere. Configurazioni più grandi hanno anche il vantaggio di portare un utilizzo delle risorse ancora più efficiente; questo è buono a sapersi in caso di future espansioni del sistema. Al momento di questa pubblicazione, lo street price di un cluster a tre nodi simile a quello utilizzato per i test è probabilmente al di sotto di (i prezzi sono suscettibili a variazioni e non considerano le VSA, gli hypervisor e il costo degli switch di rete). HP offre anche una licenza gratuita da 1TB

21 Jukuconsulting.com "20 sull acquisto di alcuni tipi di server e questo può essere considerato un buon punto di partenza per i ROBO (remote office, brach office) e le installazioni più piccole (il sito web di HP fornisce ulteriori informazioni a proposito). Anche aggiungendo il costo della licenza VSA (questo dipende dalla quantità di dischi che sono necessari) il prezzo rimane decisamente basso. Per una soluzione entry level questo si può facilmente posizionare sotto i In molti contesti questo prezzo può essere comparato con una configurazione entry level di una SAN senza considerare i server Tutte le configurazioni testate, compresa quella di base a due nodi, sono affidabili e resilienti. Infatti, nel caso un nodo dovesse fallire, la VSA non subisce un fermo e il sistema rimane attivo e funzionante. I disservizi, e i relativi costi correlati a questa eventualità, sono legati ai soli minuti necessari per la ripartenza (automatica) delle VM su un altro nodo. Altri risparmi possono essere trovati anche guardando allo spazio occupato nei rack e, specialmente quando paragonato a SAN FC tradizionali, alla minor complessità in generale dell intera infrastruttura.

22 Jukuconsulting.com "21 Nota finale Parole come hyper-converged e software-defined sono spesso abusate e possono facilmente perdere di significato ma, in questo caso, sono decisamente confidente sul fatto che abbiamo realizzato quello che pensavamo di fare: una soluzione entry level di tipo hyper-converged e software-defined per la piccola e media impresa. Un altro aspetto chiave è che tutto lo stack hardware (server, storage e networking) è composto da componenti standard off-the-shelf prodotti da un fornitore primario. Questo ha conseguenze dirette su come i servizi di supporto vengono erogati e porta automaticamente ad una migliore esperienza d uso sul supporto da parte dell utente. Questo è il tipo di soluzione che può aiutare il piccolo dipartimento IT a coprire tutte le sue esigenze o può essere vista come una soluzione economica e facile da dispiegare negli uffici remoti delle organizzazioni più grandi. Inoltre, nel caso dei ROBO, i benefici di questa soluzioni non sono da sottovalutare anche sotto altri aspetti. Per esempio, la facilità di implementazione di piani di DR grazie alle funzionalità di replica offerte da HP StoreVirtual VSA oppure la possibilità di utilizzare altre VSA, come ad esempio HP StoreOnce VSA che permette di risolvere il problema dei backup remoti e il loro trasporto verso il sito primario. Con la recente introduzione di HP StoreVirtual versione 11, è anche possibile migliorare sensibilmente le prestazioni di questo stack hardware aggiungendo un piccolo quantitativo di memoria flash su ogni nodo, mantenendo comunque i costi ad un livello ragionevole. La soluzione descritta nelle pagine precedenti si adatta perfettamente a piccoli ambienti virtualizzati al 100% lasciando comunque ampi spazi di crescita in caso di espansione o di crescita dell azienda.

23 Jukuconsulting.com "22 Molti vendor stanno lavorando a solution simili a questa ma, al momento, HP è ben posizionata sul mercato e può offrire una soluzione che può partire da un livello di costi molto basso.

24 Jukuconsulting.com "23 Juku Perchè Juku I Juku sono scuole, private, giapponesi che hanno l obiettivo di aiutare gli studenti a migliorare il rendimento nelle loro normali attività scolastiche e di preparazione. Il nostro obiettivo è proprio quello di non sostituirci all informazione istituzionale ma di aiutare chi deve prendere le decisioni per il proprio IT con articoli, informazione e confronto sulle tematiche tecnologiche che conosciamo meglio: l infrastruttura IT ed in particolare virtualizzazione, cloud computing e storage. Non è più come una volta, chi lavora nell IT deve guardarsi intorno: le cose cambiano velocemente e c è la necessità di rimanere informati, o informarsi velocemente, per sostenere decisioni importanti. Come fare? E semplice: le nostre idee, il risultato del confronto quotidiano che abbiamo globalmente sul web e sui social network con vendor, analisti, blogger, giornalisti e consulenti. Ma il nostro lavoro non si ferma qui, il confronto e la ricerca è globale ma la condivisione e l applicazione delle nostre idee deve essere locale: ed è qui che la nostra esperienza quotidiana, con aziende radicate sul territorio italiano, diviene fondamentale per offrire una visione sincera ed utile. Ecco perché abbiamo scelto think global, act local come payoff per Juku. Autore Enrico Signoretti, Consulente indipendente, Trusted Advisor e blogger (non necessariamente in questo ordine). Frequenta gli ambienti IT da oltre 20 anni, la sua carriera è iniziata con l assembler nella seconda metà degli anni 80 per poi passare allo Unix, ma sempre con il Mac nel cuore, fino ad approdare al Cloud dei giorni nostri. Nel 2012 ha fondato Juku consulting SRL, una nuova società di advising e consulenza pensata per fornire supporto ad aziende, vendor e terze parti nello sviluppo delle loro strategie IT. Attento alle evoluzioni del mercato è alla costante ricerca di idee e soluzioni innovative. Enrico raccoglie i suoi profili Social qui: All trademark names are property of their respective companies. Information contained in this publication has been obtained by sources Juku Consulting srl (Juku) considers to be reliable but is not warranted by Juku. This publication may contain opinions of Juku, which are subject to change from time to time. This publication is covered by Creative Commons License (CC BY 3.0): Licensees may cite, copy, distribute, display and perform the work and make derivative works based on this paper only if Enrico Signoretti and Juku consulting are credited. The information presented in this document is for informational purposes only and may contain technical inaccuracies, omissions and typographical errors. Juku consulting srl has a consulting relationship with HP. This paper was commissioned by HP. No employees at the firm hold any equity positions with HP. Should you have any questions, please contact Juku consulting srl

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Lo storage di prossima generazione

Lo storage di prossima generazione Juku.it Lo storage di prossima generazione white paper (settembre 2012) Enrico Signoretti Juku consulting srl - mail: info@juku.it web: http://www.juku.it Indice Note legali 3 Juku 1 Perchè Juku 1 Chi

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp Efficienza e performance Soluzioni di storage NetApp Sommario 3 Introduzione n EFFICIENZA A LIVELLO DI STORAGE 4 Efficienza di storage: il 100% dei vostri dati nel 50% del volume di storage 6 Tutto in

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10 PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 10 INDICE: DESCRIZIONE NR. PAGINA 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELL APPALTO 3 3.

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Zeroshell su vmware ESXi 4.1

Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Introduzione Vediamo come installare Zeroshell su Vmware ESXi 4.1 usando come immagine quella per IDE,SATA e USB da 1GB. Cosa ci serve prima di iniziare: Una distro Live io

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server Prima pubblicazione: 21 Ottobre 2012 Ultima modifica: 21 Ottobre 2012 Americas Headquarters Cisco Systems, Inc. 170 West Tasman Drive San Jose, CA 95134-1706 USA http://www.cisco.com Tel: 8 526-00 800

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL PROPRIO PATRIMONIO INFORMATIVO E DEL PROPRIO KNOW-HOW IMPRENDITORIALE. SERVIZI CREIAMO ECCELLENZA Uno dei presupposti fondamentali

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI

LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI LA PRIMA E UNICA SOLUZIONE UNIFICATA PER LA SICUREZZA DEI CONTENUTI È ora di pensare ad una nuova soluzione. I contenuti sono la linfa vitale di ogni azienda. Il modo in cui li creiamo, li utiliziamo e

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Press Release TeamViewer introduce l applicazione per Outlook Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Goeppingen, Germania, 28 aprile 2015 TeamViewer, uno

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli