Monitoraggio pannello fotovoltaico attraverso il Web

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Monitoraggio pannello fotovoltaico attraverso il Web"

Transcript

1 Monitoraggio pannello fotovoltaico attraverso il Web A.S. 2012/2013 Classe 5 B/E Alunni: Giacomo Focante Artem Mikushov sito web:

2 INDICE: 1 L'idea 1.1 Introduzione 1.2 Il progetto 1.3 Quali dati analizzare 1.4 La raccolta dei dati 1.5 La trasmissione dei dati 1.6 L'elaborazione/archiviazione dei dati 2 La realizzazione 2.1 Progetto circuito elettrico 2.2 Reperimento dei materiali 2.3 Montaggio e collaudo circuito elettrico 2.4 Rilevazione dei dati 2.5 Realizzazione Database 2.6 Comunicazione dati 2.7 Realizzazione sito web 3 Gli Utilizzi 3.1 Introduzione 3.2 Utilizzi 4 Schemi e codice 4.1 Schema generale 4.2 Schema elettrico 4.3 Codice Arduino Lo sketch Le funzioni 5 Conoscenze 5.1 Elettronica Circuito di condizionamento 5.2 Sistemi Arduino Router TCP HTTP DHCP DNS FTP TELNET SSH 5.3 Informatica HTML SQL PHP Javascript 5.4 Calcolo Perequazione

3 1. L'idea 1.1 Introduzione L'idea è quella di realizzare un impianto composto da vari blocchi (circuito di condizionamento, Arduino) in grado di monitorare un pannello fotovoltaico inviando i valori rilevati, in termini di tensioni e correnti, in un database online tramite un router. Con questa tecnologia è possibile verificare in tempo reale, consultando l'apposita pagina web, la produzione, l'efficienza e il rendimento del pannello fotovoltaico. 1.2 Il progetto Dopo una prima analisi il progetto è stato suddiviso in quattro macro-aree: Dati da analizzare; Raccolta dei dati; Trasmissione dei dati; Archiviazione/elaborazione dei dati. 1.3 Quali dati analizzare Per quanto riguarda i dati da analizzare sono stati considerati importanti: La Tensione generata dal pannello; La Corrente assorbita da un carico. Altro dato importante è la potenza [ W ], che viene calcolata al momento dell'inserimento sul database moltiplicando la corrente per la tensione. 1.4 La raccolta dei dati La raccolta dei dati viene effettuata da una scheda Arduino Uno Rev3. Le misure, per essere il più veritiere possibili, vengono effettuate più volte nell'arco di tempo che intercorre tra un invio e l'altro al database, per poi inviare una media mobile delle stesse. Viene infatti utilizzato il metodo della Perequazione per ridurre al minimo eventuali errori.

4 1.5 La trasmissione dei dati La trasmissione dei dati raccolti da Arduino verso il database viene effettuata attraverso l'ethernet Shield ufficiale di Arduino connesso ad un router e ad una pennetta 3g. In questo modo è possibile sfruttare questo dispositivo ovunque ci sia una sufficiente ricezione telefonica ed un'alimentazione sufficiente. L'Arduino utilizza il protocollo http, che interrogando pagine php permette l'elaborazione ed il caricamento dei dati nel database. 1.6 L'elaborazione/archiviazione dei dati Su un servizio di hosting come quello di altervista, che utilizza la accoppiata MySQL/PHP, è stato attivato un servizio di database. I dati raccolti sono immagazzinati in un database MySQL, che viene poi interrogato per la costruzione delle varie statistiche e per la creazione dei grafici. Proprio per i grafici vengono utilizzate le API Google, che permettono in maniera abbastanza semplice di disegnarne degli ottimi.

5 2. La realizzazione 2.1 Progetto circuito elettrico Considerando che l'arduino accetta in ingresso solamente tensioni comprese tra 0 e 5V, il circuito di condizionamento è stato progettato affinché la tensione massima che il pannello è in grado di generare in uscita corrisponda a 5V. Per poter verificare quanta corrente scorre su di un carico e quindi, successivamente, calcolare la potenza assorbita è stato necessario aggiungere al progetto un blocco composto da una serie di resistori che, commutati uno alla volta, vengono applicati in parallelo al pannello. Il circuito è stato realizzato attraverso opportune reti resistive ed un integrato contenente amplificatori operazionali. 2.2 Reperimento dei materiali Sono stati utilizzati comuni materiali facilmente reperibili in commercio, quali resistori, trimmer, resistori di potenza, diodi led e l'integrato LM324. Part list: n.1 integrato LM324 n.5 morsetti bipolari n.1 trimmer da 10k n.1 trimmer da 220k n.1 trimmer da 470k n.1 diodo led n.1 potenziometro a scatti 11 posizioni n.1 condensatore elettrolitico da 100uF n.1 condensatore da 100nF n.4 resistori da 1/4 di watt n.9 resistori di potenza n.1 arduino uno n.1 arduino ethernet shield n.1 router n.1 pennetta 3G n.1 display LCD 48x84

6 2.3 Montaggio e collaudo circuito elettrico Il circuito di condizionamento è stato prima creato e simulato su software Multisim della National Instruments e successivamente riportato e cablato su una basetta breadboard. Per una corretta amplificazione degli operazionali, abbiamo utilizzato dei trimmer da calibrare in modo che l'uscita dall'amplificatore si trovasse nell'intervallo desiderato. Il circuito è stato montato seguendo lo schema elettrico. 2.4 Rilevazione dei dati La rilevazione dei dati avviene attraverso le porte analogiche dell'arduino. Esse leggono un valore compreso tra 0 e 1023 (intervallo corrispondente a 0 5V). Attraverso una proporzione è stato quindi possibile calcolare il valore reale della corrente ed inviarlo al database. Nella lettura dall'arduino avviene la perequazione, ovvero l'arduino effettua 11 letture al secondo, e attraverso il metodo statistico arriva ad ottenere un unico valore che invierà al database. Questa operazione è necessaria affinché eventuali errori casuali nella lettura vengano limitati. 2.5 Realizzazione Database Considerando che il progetto prevede la misurazione di Tensione e Corrente il database creato è così strutturato: Il database è formato da due tabelle: una contenente il valore della tensione misurato la data e l'ora della misurazione, ed un'altra tabella dove vengono memorizzate la corrente e la tensione misurate. La seconda tabella ha una foreign key collegata alla chiave primaria della tabella delle tensioni, cosicché, con le necessarie accortezze, alla modifica o alla cancellazione di una riga nella tabella delle tensioni la riga collegata nella tabella della corrente farà la stessa operazione a cascata. 2.6 Comunicazione dati Per la comunicazione dei dati è stato scelto il protocollo http, dato che l'arduino deve collegarsi con un webserver per l invio dei dati ad un database remoto. La comunicazione avviene attraverso la shied ethernet dell'arduino ed il router a cui è collegato.

7 2.7 Realizzazione sito web Nella realizzazione del sito web è stato necessario utilizzare più linguaggi. In HTML sono state create le pagine statiche, ad esempio tutte quelle contenenti le spiegazioni teoriche o gli schemi. In PHP sono invece state create le pagine dinamiche o quelle che devono interagire con il database. Una delle pagine dinamiche è ad esempio quella dei download, che controlla con che browser viene aperto il sito prima di impostare gli indirizzi dei file di download. Le pagine che invece devono interagire con il database sono per lo più collegate alla pagina "Produzione elettrica", tutti i dati mostrati in quella pagina vengono infatti estratti dal database. Con questo linguaggio è stata creata anche la pagina contatti, cioè quella adibita ad inviare mail con le richieste degli utenti al proprietario del sito. Per alcune pagine, come quella "Produzione elettrica", che necessita di aggiornare frequentemente gli indicatori della tensione e della corrente, è stato utilizzato il javascript che ad intervalli di tempo regolari, aggiorna la posizione della lancetta sul misuratore, il grafico a spezzate della tensione, o i vari valori mostrati.

8 3. Gli Utilizzi 3.1 Introduzione Il nostro progetto è un sistema che permette di monitorare un pannello fotovoltaico rendendo noti i dati relativi alla produzione elettrica del pannello in tempo reale. Quest'esperienza, sebbene si tratti di un progetto di contenuta complessità, nonché in scala, potrebbe simulare un impianto su scala più ampia che svolge le stesse funzioni. Un sistema analogo di opportune proporzioni potrebbe monitorare, infatti, la produzione di piccoli impianti autonomi (stand-alone). 3.2 Utilizzi Questa figura rappresenta un piccolo impianto fotovoltaico autonomo in cui è possibile utilizzare una serie di pannelli, regolati tramite un opportuno regolatore di carica, per alimentare ad esempio elettrodomestici. Lo stesso sistema può essere adoperato per alimentare altri tipi di dispositivi, quali lampade a led, lampade a risparmio energetico, caricabatterie ed altri utilizzatori che richiedono una modesta potenza elettrica. Il nostro progetto è assolutamente applicabile a questo genere di apparati, permettendo la visualizzazione della produttività del fotovoltaico.

9 4. Schemi e codice 4.1 Schema Generale 4.2 Schema elettrico

10 4.3 Codice Arduino Lo sketch #include <SPI.h> #include <Ethernet.h> #include <stdio.h> byte mac[] = { 0x90, 0xA2, 0xDA, 0x0D, 0xD5, 0x37 }; //byte server[] = { 178,63,11,147 }; // Altervista char server[] = "www.monitoraggiofotovoltaico.altervista.org"; EthernetClient client; const float VMax = 20.00; const float IMax = ; // tensione massima prodotta dal pannello // corrente massima prodotta dal pannello int led_con_1 = 1; int led_con_2 = 2; int sensorpinv = A0; int sensorpini = A2; //LCD #define PIN_SCE 8 // SCE #define PIN_RESET 7 // RST #define PIN_DC 6 // D/C #define PIN_SDIN 5 // DN(MOSI) #define PIN_SCLK 4 // SCLK int led = 3; // LED = Retroilluminazione LCD int lagnd = 9; int alim = 10; #define LCD_C #define LCD_D LOW HIGH #define LCD_X 84 #define LCD_Y 48. void setup() { Serial.begin(9600); pinmode(led, OUTPUT); //LED Retroilluminazione pinmode(lagnd, OUTPUT); pinmode(alim, OUTPUT); digitalwrite(lagnd, LOW); digitalwrite(alim, HIGH); digitalwrite(led, HIGH); LcdInitialise(); LcdClear(); LcdString("connessione"); Serial.println("Connessione...");

11 pinmode(led_con_1, OUTPUT); pinmode(led_con_2, OUTPUT); pinmode(sensorpinv, INPUT); pinmode(sensorpini, INPUT); if(ethernet.begin(mac) == 0) { LcdClear(); gotoxy(1,1); LcdString("Failed to"); gotoxy(1,10); LcdString("configure"); gotoxy(1,20); LcdString("Ethernet"); Serial.println("Failed to configure Ethernet using DHCP"); } delay(1000); // give the Ethernet shield a second to initialize LcdClear(); gotoxy(1,1); LcdString("Ethernet"); gotoxy(1,10); LcdString("initialized"); Serial.print("This IP address: "); IPAddress myipaddress = Ethernet.localIP(); Serial.print(myIPAddress); delay(500); LcdClear(); gotoxy(0,10); LcdString("connessione"); LcdString(" in corso..."); } delay(1500); LcdClear(); void loop() { if (client.available()) { char c = client.read(); Serial.print(c); } if (!client.connected()) { Serial.println(); digitalwrite(led_con_1, HIGH); digitalwrite(led_con_2, LOW); LcdClear(); Serial.println("Connessione in corso...");

12 client.stop(); delay(1000); LcdClear(); } } if (!client.connected()){ httprequest(); } Le funzioni Sono inoltre presenti alcune funzioni; per vedere quelle necessarie per il funzionamento del display vai nella pagina download e scarica il file zip contenete il codice completo caricato su arduino. Le altre funzioni presenti sono: httprequest(), necessaria in quanto è quella che effettua le letture ed invia i risultati al database. void httprequest() { // if there's a successful connection: if (client.connect(server, 80)) { gotoxy(0,0); LcdString("Connesso"); Serial.println("Connesso"); digitalwrite(led_con_1, LOW); digitalwrite(led_con_2, HIGH); float ValTen[10] = {0, 0, 0, 0, 0, 0, 0, 0, 0, 0}; float ValCor[10] = {0, 0, 0, 0, 0, 0, 0, 0, 0, 0}; for (int i=0; i <= 10; i++) { int ten_in = analogread(sensorpinv); ValTen[i] = ((5/1024)*(float)ten_In); int cor_in = analogread(sensorpini); ValCor[i] = ((5/1024)*(float)cor_In); } delay(80); float ten = PEREQ(ValTen);

13 float cor = PEREQ(ValCor); float tenv = (ten*(vmax/5)); float corv = (cor*(imax/5)); gotoxy(0,10); LcdString("V: "); char laten[7]; dtostrf(tenv,2,2,laten); LcdString(laten); gotoxy(0,20); LcdString("mA: "); char lacor[7]; dtostrf(corv,2,2,lacor); LcdString(lacor); Serial.print("Tensione: "); Serial.print(ten); Serial.print(" -> "); Serial.println(tenV); Serial.println(); Serial.print("Corrente: "); Serial.print(cor); Serial.print(" -> "); Serial.println(corV); Serial.println(); Serial.println("Richiesta http in corso"); // HTTP request: client.println(); client.print("get /pagina.php?volt="); client.print(tenv); client.print("&ampere="); client.print(corv); client.println(" HTTP/1.0"); client.println("host: nomehost.it"); client.println("user-agent: arduino-ethernet"); client.println("connection: close"); client.println(); Serial.println("Richiesta http completata"); } else { Serial.println("Connessione fallita"); Serial.println("Disconnesso."); gotoxy(0,0); LcdString("Connessione fallita"); gotoxy(0,20); LcdString("Disconnesso.");

14 } } client.stop(); delay(1000); LcdClear(); PEREQ(), che è la funzione che ha il compito di effettuare la perequazione dei valori letti. float PEREQ(float Vettore[10]) { float Ret=0; float N1 = ((Vettore[0]+Vettore[1]+Vettore[2]+Vettore[3]+Vettore[4])/5); float N2 = ((Vettore[1]+Vettore[2]+Vettore[3]+Vettore[4]+Vettore[5])/5); float N3 = ((Vettore[2]+Vettore[3]+Vettore[4]+Vettore[5]+Vettore[6])/5); float N4 = ((Vettore[3]+Vettore[4]+Vettore[5]+Vettore[6]+Vettore[7])/5); float N5 = ((Vettore[4]+Vettore[5]+Vettore[6]+Vettore[7]+Vettore[8])/5); float N6 = ((Vettore[5]+Vettore[6]+Vettore[7]+Vettore[8]+Vettore[9])/5); float N10 = ((N1+N2+N3+N4+N5)/5); float N11 = ((N2+N3+N4+N5+N6)/5); Ret = ((N10+N11)/2.); } return Ret;

15 5. Conoscenze 5.1 Elettronica Circuito di condizionamento Per poter analizzare le funzionalità del pannello fotovoltaico e monitorarle tramite Arduino è necessario condizionare la sua tensione di uscita per adattarla alla dinamica d'ingresso standard dell'arduino, ovvero compresa tra 0 e 5V. Il blocco di condizionamento può offrire funzionalità quali amplificazione o attenuazione del segnale, adattamento di impedenze, traslazione della curva caratteristica del segnale di uscita, inversione della curva caratteristica e filtraggio. Il nostro circuito di condizionamento deve essere configurato in modo tale che l'arduino possa leggere sia la tensione fornita dal pannello fotovoltaico, sia la corrente che scorre su un eventuale carico applicato. Per fare ciò abbiamo utilizzato il circuito integrato LM324 che contiene 4 amplificatori operazionali, di cui ne abbiamo usati soltanto tre. Per testare il nostro pannello applicandogli diversi carichi, abbimo utilizzato un faretto da 800W come fonte di irraggiamento posto ad una distanza di 1m. Il nostro pannello fotovoltaico fornisce una tensione variabile tra 0 e 20V proporzionale all'irraggiamento a cui viene sottoposto. Questo range di 20V deve poter essere letto dall'arduino che, come detto prima, accetta tensioni che variano da 0 a 5V. Per cui abbiamo realizzato un partitore di tensione in maniera da poter prelevare una parte di tensione fornita dal pannello. La resistenza equivalente del partitore deve essere molto alta in modo da assorbire meno corrente possibile. L'abbiamo fissata a 1MΩ. Da qui abbiamo calcolato il fattore di partizione per cui i 20V (tensione massima) forniti dal pannello devono corrispondere ai 5V e così ogni tensione fornita dal pannello moltiplicata per il fattore di partizione deve cadere nel range 0-5V. Il partitore lo abbiamo realizzato con un resistore da 680k e un trimmer in serie da 470k. Prelevando la tensione ai capi del trimmer regolandolo in modo che essa sia 5V quando il pannello fornisce 20V, abbiamo poi utilizzato un inseguitore di tensione come separatore d'impedenza tra il pannello e l'arduino. Per poter calcolare la potenza elettrica prodotta dal pannello, ci siamo serviti di diversi carichi di varie resistenze. Con un potenziometro a scatti si applica un diverso carico alla volta e si verifica il rendimento del pannello. Abbiamo utilizzato 10 carichi di resistenze che variano da poche unità di ohm, a decine e centinaia per vedere la curva di rendimento tensione-corrente. Commutando il potenziomentro sul carico da 39 ohm, abbiamo scoperto che è il carico ideale affinché il pannello renda al meglio e con questo carico si ha il punto di massima potenza. Avendo posto una resistenza da 1Ω tra il punto in comune di tutti i carichi e la massa, si ha una caduta di tensione proporzionale

16 alla corrente che scorre su di essa. Per esempio, commutando il potenziometro sul corto circuito (per verificare la corrente massima che il pannello può erogare in condizioni di illuminazione citate sopra) la resistenza da 1Ω assorbe una corrente di 300mA che genera una caduta di tensione appunto di 300mV. Per cui applicando un qualunque carico al pannello in serie con quella resistenza da 1Ω, la corrente che scorre su quel ramo genera sempre una caduta di tensione su quella resistenza proporzionale alla corrente stessa. In questo modo abbiamo creato una specie di convertitore correntetensione. Anche il range di questa tensione deve essere proporzionale al range di ingresso dell'arduino di 0-5V, per cui i 300mA di cortocircuito, convertiti in 300mV tramite la resistenza da 1Ω, devono corrispondere a 5V. Per fare ciò abbiamo utilizzato un altro operazionale configurato come amplificatore non invertente con un'opportuna rete resistiva in modo che i 300mV vengano amplificati in modo da avere in uscita 5V. Dopo aver calcolato il guadagno come Vo/Vi, ovvero 5V/300mV = 16.67, si configura il ramo di retroazione dell'amplificatore in modo che il segnale in ingresso guadagni del valore calcolato prima. Ponendo la resistenza R dell'ingresso invertente a 10k e sapendo che la formula del guadagno Av = 1+(Rf/R) = 16,67 abbiamo così calcolato la resistenza del ramo di retroazione che veniva di 157Ω. Per avere un guadagno più preciso abbiamo sostituito quella resistenza con una da 100k in serie ad un trimmer da 220k. Non è necessario un ulteriore inseguitore di tensione poiché l'impedenza d'ingresso dell'operazionale è molto alta e quindi non permette l'indesiderato caricamento d'impedenza dell'arduino. Con questo circuito di condizionamento abbiamo potuto quindi verificare la tensione che fornisce il pannello fotovoltaico istante per istante e quanta corrente eroga su un carico. Inoltre abbiamo preferito inserire un diodo LED come indicatore, che si illumina quando il pannello fornisce una tensione di 12V (una tensione utile per caricare una batteria da 12V, ad esempio). Abbiamo utilizzato un altro operazionale come comparatore di tensione. Prelevando un'opportuna parte di tensione di alimentazione del circuito con un trimmer da 10k e comparandola con quella fornita dal pannello, il LED si accende se Vpan > 12V o resta spento se Vpan < 12V.

17 5.2 Sistemi La parte del progetto riguardante la disciplina Sistemi consiste nella comunicazione che avviene tra il microcontrollore Arduino ed il database online. Utilizzando il protocollo HTTP riesce, attraverso il Router connesso ad internet, ad inviare dati al database Arduino Arduino è una piattaforma di sviluppo italiana ed open-source, basata su un hardware ed un software flessibili e di facile utilizzo. È pensato per chiunque sia interessato a creare oggetti o ambienti interattivi. Arduino può interagire con l'ambiente ricevendo input da una grande varietà di sensori, e rispondere a questi stimoli attraverso output inviati dai suoi pin. Arduino si basa infatti su di un circuito stampato che integra un microcontrollore, con i pin connessi alle porte I/O, un regolatore di tensione, e,quando necessario, un'interfaccia USB che permette la comunicazione con il computer. A questo hardware viene affiancato un ambiente di sviluppo integrato (IDE) multipiattaforma, che permette di scrivere programmi con un linguaggio semplice ed intuitivo derivato dal C e chiamato Wiring; questo linguaggio è liberamente scaricabile e modificabile. Sono inoltre utilizzabili su Arduino particolari board, dette shield, per permettere operazioni altrimenti impossibili; queste, per funzionare, richiedono l'utilizzo delle proprie librerie, che possono essere inserite e modificate da chiunque, essendo il codice open-spurce. Sul sito di Arduino Arduino.cc è presente tutto il materiale necessario per iniziare ad utilizzare questa piattaforma e per poi approfondire la propria conoscenza su di essa Router L Hardware: I Router di oggi sono di piccole dimensioni, costano poche decine di Euro e sono formati da un processore, una memoria RAM e flash e porte ethernet. Tutti i router possiedono una porta WAN (Wide Area Network) che á la connessione cablata che collega il router al "muro" (Linea telefonica) tramite cavo. Poi, ci sono delle porte LAN (Local Area Network) ovvero connessioni di rete locale per collegare ogni cosa alla rete. Se c è un antenna (può anche non esserci) il router ha anche connettivitá wireless senza fili, che trasmette, spesso, a frequenze radio da 2.4 ghz e 5 ghz per collegare tutti i

18 dispositivi senza interferenze (router "dual-band"). In generale, per poter configurare il router, si può accedere al suo pannello di controllo inserendo il suo indirizzo IP nel browser che varia a seconda del router. Come Funziona: Il principio alla base del funzionamento di un router è abbastanza semplice: prendendo informazioni dalla connessione WAN, il router indirizza l informazione ai vari dispositivi collegati assicurandosi che tutti i dati vengano trasmessi correttamente. Il router è in grado di assegnare individualmente IP locali a tutti i computer e, contemporaneamente, crea una strada separata per ogni sistema collegato a Internet. Tutto questo per dire che il router permette di collegare più dispositivi ad un modem ADSL. Oltre a tradurre connessioni dati e di routing, il router è capace anche di funzionare da firewall, impedendo che il traffico internet non richiesto possa entrare nei dispositivi collegati. Praticamente scarta i dati non richiesti impedendo quindi che possano esserci intrusioni esterne non autorizzate. Come fa a collegarsi a Internet: Quando si parla di reti di computer, generalmente (non per forza) si intende un gruppo di dispositivi collegati ad uno stesso router. Essi sono collegati tra loro tramite il router che a sua volte è collegato al modem o al cavo per consentire ai computer di andare su internet. Il Modem è il dispositivo che comunica con Internet e riceve / assegna un indirizzo IP facente parte della rete WAN. I vari computer, passando per il router, escono su internet come fossero un unica entità, con lo stesso indirizzo di rete o indirizzo IP, che viene assegnato dal provider ed è diverso rispetto gli indirizzi di rete LAN che il router stesso assegna ai vari computer. La rete WAN è quindi separata dalla rete LAN, quella che collega tra loro i computer di casa. Internet altro non è che la rete WAN globale e, anche se spesso tendono a coincidere nelle parole, è diverso dal World Wide Web che è solo uno dei servizi di Internet. Il modo in cui un router comunica effettivamente con un modem DSL per fornire Internet può essere spiegato così: Prima di tutto è importante sapere che ogni pezzo di informazione che passa su Internet è in realtà chiamato "pacchetto". Per esempio, quando si apre una pagina Web, il computer invia un pacchetto di dati e riceve in cambio un altro pacchetto che carichi le informazioni richieste. Questi pacchetti passano per una serie di protocolli di comunicazione. I router hanno un ruolo chiave nel trasmettere questi pacchetti, perchè fanno da centralino di smistamento per ogni pacchetto che inviano e ricevono. Tutti i router collegati a internet comunicano tra loro attraverso il sistema IP per garantire che i dati siano presi e restituiti ai nodi giusti.

19 5.2.3 TCP Il TCP (Trasmission Control Protocol) è uno dei due protocolli d implementazione del livello trasporto (Layer 4). È orientato alla connessione (commutazione circuito) confermata (c è il concetto della conferma della sliding window). Offre quindi servizi confermati di tipo connection oriented in modalità full-duplex e una sua caratteristica è la capacità di multiplexing, ovvero permettere a più applicazioni la connessione ai vari servizi. L indirizzamento dell applicazione avviene attraverso una "port" e non una SAP come normalmente avviene nel livello 4. Nel pacchetto TCP si notino: i campi di indirizzamento Source Port (port d origine) e Destination Port (port di arrivo); il Sequence Number che indica lo scostamento dell inizio del segmento TCP all interno del flusso completo; l Acknowledgement Number per confermare i pacchetti (ACK0, ACK1 ricordate?) attraverso il piggybacking; Data Offset specifica la dimensione dell header, dei bit riservati settati a zero; Window utilizzato per il controllo del flusso attraverso lo sliding window; il checksum per la validità del pacchetto; il puntatore ai caratteri urgenti quando ce ne sono. Un problema del controllo del flusso è quello della ritrasmissione, essendo necessaria per vari problemi come il timeout. In questo caso per evitare ulteriori problemi il TCP inizia un invio di pacchetti molto piccolo che pian piano diventano più grandi in caso di riscontro affermativo (ritrasmissione graduale).

20 Inoltre vi è il concetto di porta logica che indica di che tipo è il segmento. La porta non è detto che sia la stesa in trasmissione e in ricezione. Le prime 1024 sono quelle standard, le altre le posso usare come voglio. I router possono chiudere le porte HTTP L'HTTP (HyperText Transfer Protocol) è il protocollo utilizzato dal web per lo scambio dati. È di livello applicativo, vale a dire un protocollo che permette di scambiare comandi e dati tra i due lati di un applicazione distribuita, sfruttando una sessione TCP/IP precedentemente instaurata. L HTTP è basato su una comunicazione di tipo domanda/risposta. Generalmente la connessione è instaurata dal browser prima di ogni richiesta e chiusa dal server dopo l invio della risposta. Ad oggi la versione più utilizzata di questo protocollo è la 1.1, che corregge alcune lacune della versione 1.0 come: L'impossibilità di ospitare più siti www sullo stesso server (virtual host) Il mancato riuso delle connessioni disponibili L'insufficienza dei meccanismi di sicurezza Una richiesta http si compone di 3 parti: Request (riga di richiesta) Body (corpo del messaggio) Header (informazioni aggiuntive) Request: questa parte si compone di: Metodo, URI, Versione Protocollo. METODO:I metodi più utilizzati sono 3 : GET (recupero informazioni),post (invio informazioni), HEADER (come GET, ma riceve solo l intestazione della pagina). URI :(Uniform Resource Identifier) è tipo l URL di una pagina, cioè il suo indirizzo, ma più generico, in pratica è una stringa che identifica univocamente una risorsa generica. Versione Protocollo : Nel nostro caso HTTP/1.0. Body: Contiene la richiesta vera e propria. Header: Contiene varie informazioni, per il nostro scopo utilizzeremo l header HOST: perché richiesto dalla versione 1.0 del protocollo. Esempio di Richiesta HTTP di tipo GET GET HTTP/1.0 HOST: Le altre informazioni presenti nell URL non vengono trasmesse perché sono state già utilizzate per aprire la sessione TCP/IP tra client e server. Il server risponde con un messaggio contenente la versione di HTTP utilizzata ed un codice che indica il risultato della richiesta

21 (indicazione del buon esito della richiesta oppure un codice d errore). Seguono poi informazioni sul server ed, infine, il messaggio di risposta al client. Una possibile risposta potrebbe essere: HTTP/ OK Server: NCSA/1.3 MIME-version: 1.0 Content-type: text/html <HTML> Pagina </HTML> DHCP Il protocollo Dynamic Host Configuration Protocol è utilizzato per il rilascio di numeri IP della rete. Alcuni indirizzi sono statici, ovvero non cambiano nel tempo, mentre altri sono a scadenza temporale, che cambiano quindi ad intervalli di tempo, così che un indirizzo IP inutilizzato diviene nuovamente disponibile. Il protocollo DHCP viene usato anche per assegnare al computer diversi parametri necessari per il suo corretto funzionamento sulla rete a cui è collegato. Tra i più comuni, oltre all'assegnazione dinamica dell'indirizzo IP, si possono citare: Maschera di sottorete; Default gateway; Indirizzi dei server DNS; Nome di dominio DNS di default; Indirizzi dei server WINS; Indirizzi dei server NTP; Indirizzo di un server tftp e nome di un file da caricare per calcolatori che caricano dalla rete l'immagine del sistema operativo. Il client DHCP è un calcolatore che necessita di un indirizzo IP valido per la sottorete a cui è collegato e il programma che si occupa di richiederlo, il server DHCP è il calcolatore che fornisce indirizzi IP. Questo processo viene talvolta svolto da un router. Questo protocollo si appoggia all UDP ed utilizza la porta 67 per il server e la porta 68 per il client. Si utilizza una procedura di scambi di messaggi chiamata handshake per assegnare al client un indirizzo IP valido. Il primo pacchetto che viene inviato è il DHCP discover, il testo di questo messaggio è Il pacchetto viene visualizzato da tutti i server i quali possono rispondere con un pacchetto DHCP offer in cui offrono un indirizzo IP e gli altri parametri per la configurazione del client. Il client sceglie l indirizzo IP e manda un pacchetto a tutta la rete con scritto nel campo server identifier il server scelto,

22 questo pacchetto si chiamo DHCP request. Il server che è stato selezionato conferma l indirizzo IP con il pacchetto DHCP ack. A questo punto il client può utilizzare il proprio indirizzo IP; prima della scadenza deve però rinnovarlo inviando un pacchetto DHCP request al server che se riesce ad inviare un pacchetto DHCP ack lo riconferma, altrimenti il client torna allo stato iniziale DNS Domain Name System, è stato ideato il 23 giugno Il sistema a dominio dei nomi è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi degli host in indirizzi IP e viceversa. Questo servizio funziona grazie ad un database distribuito costituito dai server DNS. La conversione da nome a indirizzo IP è detta risoluzione DNS; la conversione da indirizzo IP a nome è detta risoluzione inversa (si possono attribuire più nomi ad un indirizzo IP). Questa flessibilità risulta utile in molti casi: nel caso in cui si debba sostituire il server che ospita un servizio, o si debba modificare il suo indirizzo IP, è sufficiente modificare il record DNS, senza dover intervenire sui client ad esempio per il virtual hosting basato sui nomi, una tecnica per cui un web server dotato di una singola interfaccia di rete e di singolo indirizzo IP può ospitare più siti web usando il codice dell header http. La parte più importante in un nome DNS è quella a partire da destra, detto anche dominio di primo livello(o TLD). Ogni parte in più rappresenta un ulteriore divisione (wikipedia.org 2 livello). Quando viene assegnato un dominio di 2 livello, questo è autorizzato a usare i nomi di dominio dei livelli successivi. Ad uno stesso nome di dominio possono essere associati contemporaneamente record di tipo diverso, o più record dello stesso tipo (suddivisione del carico del server). Il tempo in cui il record può essere memorizzato in un sistema di cache DNS prima che venga considerato scaduto viene indacato dal TTL (Time to live). Relizazzione: I DNS implementano uno spazio gerarchico dei nomi, per permettere che parti di uno spazio dei nomi, conosciute come "zone", possano essere delegate da un name server ad un altro name server che si trova più in basso nella gerarchia. Una zona DNS è una parte dello spazio dei nomi, costituita da un dominio e i suoi sottodomini che non sono a loro volta delegati, che è sotto una stessa gestione amministrativa e quindi è gestita da uno o più server. La gestione di una zona è delegata dalla zona superiore tramite dei record di tipo NS, ad esempio, nella zona.org ci sarà una delega per la zona wikipedia.org ai server DNS che la gestiscono. Per ragioni di ridondanza, ciascuna zona è replicata su più server, e di conseguenza la delega è costituita da più record NS,

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Lucidi a cura di Andrea Colombari, Carlo Drioli e Barbara Oliboni. Lezione 4

Lucidi a cura di Andrea Colombari, Carlo Drioli e Barbara Oliboni. Lezione 4 Lucidi a cura di Andrea Colombari, Carlo Drioli e Barbara Oliboni Lezione 4 Introduzione alle reti Materiale tratto dai lucidi ufficiali a corredo del testo: D. Sciuto, G. Buonanno e L. Mari Introduzione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET

PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET IC3N 2000 N. 5 La famiglia dei protocolli TCP/IP Applicazioni e-mail,ftp,ssh,www TCP UDP ICMP IP ARP RARP IEEE 802-Ethernet-X25-Aloha ecc. Collegamento fisico 6 1 Protocolli

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Architetture Applicative Il Web

Architetture Applicative Il Web Architetture Applicative Il Web Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 18 Marzo 2014 Architetture Architetture Web L Architettura Client-Server HTTP Protocolli di Comunicazione Fondamenti

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Il DNS e la gestione degli indirizzi IP Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Indirizzi fisici e indirizzi astratti Ogni macchina all interno di una rete è identificata da un indirizzo hardware

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Funzionamento del protocollo FTP

Funzionamento del protocollo FTP Alunno:Zamponi Claudio Numero matricola:4214118 Corso: Ingegneria Informatica Funzionamento del protocollo FTP L'FTP, acronimo di File Transfert Protocol (protocollo di trasferimento file), è uno dei protocolli

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Servizi di Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Sicurezza su Sicurezza della La Globale La rete è inerentemente

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Networking Wireless con Windows XP

Networking Wireless con Windows XP Networking Wireless con Windows XP Creare una rete wireless AD HOC Clic destro su Risorse del computer e quindi su Proprietà Clic sulla scheda Nome computer e quindi sul pulsante Cambia Digitare il nome

Dettagli

Capitolo 2 Risoluzione di problemi

Capitolo 2 Risoluzione di problemi Capitolo 2 Risoluzione di problemi Questo capitolo fornisce informazioni per risolvere eventuali problemi del modem router ADSL wireless. Dopo la descrizione di ogni problema, vengono fornite istruzioni

Dettagli

Per scrivere una procedura che non deve restituire nessun valore e deve solo contenere le informazioni per le modalità delle porte e controlli

Per scrivere una procedura che non deve restituire nessun valore e deve solo contenere le informazioni per le modalità delle porte e controlli CODICE Le fonti in cui si possono trovare tutorial o esempi di progetti utilizzati con Arduino si trovano nel sito ufficiale di Arduino, oppure nei forum di domotica e robotica. Il codice utilizzato per

Dettagli

Lavorare in Rete Esercitazione

Lavorare in Rete Esercitazione Alfonso Miola Lavorare in Rete Esercitazione Dispensa C-01-02-E Settembre 2005 1 2 Contenuti Reti di calcolatori I vantaggi della comunicazione lavorare in rete con Windows Internet indirizzi IP client/server

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi Protocolli per il Web Protocolli applicativi I protocolli applicativi 2 Applicazioni Socket interface HTTP (WEB) SMTP (E-MAIL) FTP... NFS RPC DNS... Trasporto TCP UDP Rete ICMP RIP OSPF IP ARP RARP Non

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA Sistemi A.S. 2014/15 X di dipartimento DOCENTI: Domenica LACQUANITI e Mario DE BERNARDI Classe 5^ inf/ SERALE 1) PREREQUISITI Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione funzionale,

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!!

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! Lezione n 8 RETE INTERNET DOMAIN NAME -Nativi digitali e Internet- Prof.ssa Cristina Daperno Prof. Aldo Ribero Prof.

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione Francesco Fontanella Software delle reti Una rete è costituta da macchina diverse; Come è possibile farle comunicare?

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

Progetto di Domotica

Progetto di Domotica Progetto di Domotica Titolo dell esercitazione: Progetto di Domotica Descrizione sommaria dell esperienza: Realizzazione di un circuito che permette il controllo di vari sensori all interno di un edificio.

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Architetture Web Protocolli di Comunicazione

Architetture Web Protocolli di Comunicazione Architetture Web Protocolli di Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Maggio 2011 Architetture Web Architetture Web Protocolli di Comunicazione Il Client Side Il Server Side

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Le reti e Internet. Corso di Archivistica e gestione documentale. Perché Internet? Non è tutto oro quello che luccica. Definizione di rete

Le reti e Internet. Corso di Archivistica e gestione documentale. Perché Internet? Non è tutto oro quello che luccica. Definizione di rete Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le reti e Internet Lezione 2 Internet Abbatte le barriere geografiche È veloce Ha costi contenuti È libero È semplice da usare

Dettagli

12^ parte : Come gestire la Ethernet Shield. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

12^ parte : Come gestire la Ethernet Shield. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 12^ parte : Come gestire la Ethernet Shield Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) La Ethernet Shield Una tra le più interessanti shield è la Ethernet Shield, una scheda che si innesta

Dettagli

Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria

Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche Polo Didattico di Reggio Calabria Corso Integrato di Scienze Fisiche, Informatiche e Statistiche

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Una volta installato, il Solstice Pod permette a più utenti di condividere simultaneamente il proprio schermo su un display tramite la rete Wi-Fi

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 5 Martedì 18-03-2014 1 Livello di applicazione Architetture

Dettagli

2.5. L'indirizzo IP identifica il computer di origine, il numero di porta invece identifica il processo di origine.

2.5. L'indirizzo IP identifica il computer di origine, il numero di porta invece identifica il processo di origine. ESERCIZIARIO Risposte ai quesiti: 2.1 Non sono necessarie modifiche. Il nuovo protocollo utilizzerà i servizi forniti da uno dei protocolli di livello trasporto. 2.2 Il server deve essere sempre in esecuzione

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Che cos'è Internet. Capitolo. Storia e struttura di Internet L. Introduzione alla rete Internet con una breve storia

Che cos'è Internet. Capitolo. Storia e struttura di Internet L. Introduzione alla rete Internet con una breve storia TECNOLOGIE WEB Che cos é Internet Capitolo 1 Che cos'è Internet Introduzione alla rete Internet con una breve storia Storia e struttura di Internet L idea di Internet nasce all inizio degli anni 60. L

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 24 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 24 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 24 giugno 2004 Il livello applicativo Nel livello 5 (ultimo livello in TCP/IP) ci sono le applicazioni utente protocolli di supporto a tutte le applicazioni, come per esempio

Dettagli

Internet WWW - HTML. Tecnologie informatiche e della comunicazione

Internet WWW - HTML. Tecnologie informatiche e della comunicazione Internet WWW - HTML Cristina Gena cgena@di.unito.it http://www.di.unito.it/ cgena/ cristina gena - [internet web html] 1 Tecnologie informatiche e della comunicazione Cosa intendiamo? Tecnologia dei computer

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE Internet (La rete delle reti) è l insieme dei canali (linee in rame, fibre ottiche, canali radio, reti satellitari, ecc.) attraverso cui passano le informazioni quando vengono

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

InterNet: rete di reti

InterNet: rete di reti Internet e il web: introduzione rapida 1 InterNet: rete di reti Una rete è costituita da diversi computer collegati fra di loro allo scopo di: Comunicare Condividere risorse Ogni computer della rete può,

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

Livello cinque (Livello application)

Livello cinque (Livello application) Cap. VII Livello Application pag. 1 Livello cinque (Livello application) 7. Generalità: In questo livello viene effettivamente svolto il lavoro utile per l'utente, contiene al suo interno diverse tipologie

Dettagli

Appunti di Informatica Gestionale per cl. V A cura del prof. ing. Mario Catalano. Internet e il Web

Appunti di Informatica Gestionale per cl. V A cura del prof. ing. Mario Catalano. Internet e il Web Appunti di Informatica Gestionale per cl. V A cura del prof. ing. Mario Catalano Internet e il Web 1 Internet Internet è un insieme di reti informatiche collegate tra loro in tutto il mondo. Tramite una

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: INFORMATICA

Dettagli

Tecnologie e Programmazione Web

Tecnologie e Programmazione Web Presentazione 1 Tecnologie e Programmazione Web Html, JavaScript e PHP RgLUG Ragusa Linux Users Group SOftware LIbero RAgusa http://www.solira.org - Nunzio Brugaletta (ennebi) - Reti 2 Scopi di una rete

Dettagli

Che cos e una rete di calcolatori?

Che cos e una rete di calcolatori? Che cos e una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere lo scambio di dati Ogni calcolatore o dispositivo viene detto nodo ed è

Dettagli

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it Introduzione all uso di Internet Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it TIPI DI RETI ( dal punto di vista della loro estensione) Rete locale (LAN - Local Area Network): collega due o piu computer in

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Per evitare di 14/11/2003 1

Per evitare di 14/11/2003 1 Per evitare di 14/11/2003 1 meno teoria e un po più di pratica 14/11/2003 2 LAN con Server Proxy Sono un Server Proxy 14/11/2003 3 Cosa serve? Componenti hardware e software necessari per costruire una

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina UNIFG Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete INTERNET: Cenni storici e architettura

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni Reti di Calcolatori Il Livello delle Applicazioni Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo è sicuramente molto più semplice; Il Domain

Dettagli

Protocolli applicativi basati su TCP/IP

Protocolli applicativi basati su TCP/IP Protocolli applicativi basati su TCP/IP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protocolli applicativi Sono i protocolli utilizzati dalle applicazioni per scambiarsi informazioni attraverso la rete Esempi: HTTP

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 3 a lezione Francesco Fontanella Il pacchetto IP Il preambolo (header) IP è fatto in questo modo: Gli Indirizzi IP Ogni host e router

Dettagli