AMBASCIATA D ITALIA IN LONDRA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AMBASCIATA D ITALIA IN LONDRA"

Transcript

1 AMBASCIATA D ITALIA IN LONDRA Consistenza: 1398 buste, 179 registri ( ); 352 ( ) Atti di corredo: Inventario a stampa ( ); elenchi di versamento ( ) Nell archivio dell Ambasciata d Italia sono conservati documenti della corrispondenza tra il Ministero degli Affari Esteri e le Rappresentanza italiane presso altri Paesi. CAPI MISSIONE: Niccolò CARANDINI rappresentante politico- (18 novembre 1944);Tommaso GALLARATI SCOTTI ( 6 ottobre 1947); Manlio BROSIO ( 19 ottobre 1951); Vittorio ZOPPI ( 18 novembre 1954). Bibliografia: Luigi Vittorio FERRARIS, L amministrazione centrale del Ministero degli Esteri italiano nel suo sviluppo storico ( ), Firenze, 1955; Giuseppe BRUSASCA (a c.di), Il Ministero degli Affari Esteri Al servizio del popolo italiano ( ), Roma,

2 791) * 21 5 Gran Bretagna Francia Belgio Olanda Lussemburgo Italia Germ.(Rep.Fed.) 1953 A 42.10/2 Comunità Europea di Difesa. Note: Cooperazione CED-Regno Unito. CED 792) 21 6 Gran Bret. Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ. (Rep.Fed.)USA 1953 A 42.10/2 CED(comunicazioni ministeriali). Note: USA e CED. Ratifiche e protocolli aggiuntivi al trattato CED. CED 793) * 21 7 Gran Bretagna Francia Belgio Olanda Lussemburgo Italia Germ.(Rep.Fed.) 1953 A 42.10/7 Comunità Politica Europea. Note: CPE:lavori dell'assemblea ad hoc.posizione dell'olanda sul contenuto economico della Comunità europea. Riunione dei sei ministri Comunità Europea (Parigi, ).Rapporto finale Conferenza CPE (Roma, ). CPE 794) 21 9 Gran Bret. Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1957 A 20/2 Mercato Comune e Comunità economica Europea - Euratom (dal 1 gennaio al 30 novembre). Note: Risposta di Martino a interpellanza di La Malfa sul mercato comune.discussione Parlamento francese su mercato comune. Lavori Consiglio Ministri (Parigi, ).Reazioni internazionali alla firma Trattati Roma. CEE EURATOM 2

3 795) * 22 1 Gran Bretagna A 20/2 -Comunità europea carbone e acciaio. Note: Approvazione alla Camera dei Comuni inglese dell'accordo GB- (21.12.'54).Rapporti da Ambasciata Parigi sul possibile ampliamento. Rapporto su riunione Noordwijk 6 ministri Esteri (6.9.'55). 796) * 22 2 Gran Bretagna 1955 A 20/2 -Ampliamento.Integrazione europea. 1.Dal 1 gennaio al 31 agosto; 2.Dal 1 settembre al 31 dicembre. Note: Rapporti da Parigi sulla proposta Spaak di allargamento delle competenze. Memorandum dei Paesi Benelux. Appunti DGAE e rapporti dalla Delegazione italiana.riunione capi Delegazione Comitato intergovernativo. Atteggiamento inglese e tedesco INTEGRAZIONE EUROPEA 797) 22 3 Gran Bretagna 1955 A 20/3 Enti internazionali-consiglio d'europa. Note: Rapporti sulla VII.sessione ordinaria dell'assemblea consultiva (Strasburgo ; XVII. sessione Comitato Ministri (Parigi, 14.12): questione ammissione nuovi membri e rilancio europeo. 798) 23 1 Gran Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1955 A 20/9 Affari Politici-UEO. Note: Posizione italiana rispetto alla nota sovietica del 13 gennaio relativa all'ueo. UEO 3

4 799) 23 1 Gran Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1957 A 20/2 Comunità Economica Europea e Euratom-Zona libero scambio (maggio-giugno). Note: Reazioni internazionali ai Trattati di Roma.Testo del protocollo sui privilegi e le immunità. Trattative sulla zona di libero scambio. CEE EURATOM 800) 23 2 Gran Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(rep.Fed.) 1957 A 20/2 Mercato Comune-Comunità Economica europea-euratom-dal 1 luglio. Note: Ratifica dei Trattati di Roma-Discussioni sulla zona di libero scambio. CEE EURATOM 801) 23 3 Gran Bret. Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1957 A 20/2 Mercato Comune e area libero scambio. Note: Telespressi da Roma sulla questione del libero scambio. Testo Trattati di Roma. CEE 802) 23 4 Gran.Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1957 A 20/3 Consiglio d'europa. Note: Consiglio d'europa e integrazione europea. CEE 803) 23 5 Gran Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1957 A 37/Euratom Conferenza intergovernativa di Bruxelles per Euratom e mercato comune. Note: Posizione paesi europei e scandinavi su mercato comune e zona di libero scambio. Memorandum inglese su zona libero scambio. Discorso di Martino su mercato comune ( ).Progetto Trattato istitutivo energia atomica CEE EURATOM 4

5 804) 24 1 Gran Bret. Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1955 A 20/18 Organizzazione Trattato Bruxelles- Documentazione sulla cooperazione sociale. Note: Testi delle convenzioni multilaterali su studenti impiegati, lavori frontalieri e sicurezza sociale. UEO 805) 24 2 Gran Bret. Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1955 A 20/18 Organizzazione Trattato di Bruxelles- Documenti cooperazione culturale. Note: Lavori e rapporti sulla questione della riorganizzazione delle Università e delle scuole. UEO 806) * 25 3 Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1952 A42.10/2 Comunità Europea di Difesa. Note: Comunità Europea di difesa: atteggiamento Gran Bretagna e Francia. testo del Trattato e protocolli. Questtione delle ratifiche: Germania, Belgio e Italia. CED 807) * 25 7 Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1952 A42.10/7 Comunità Politica Europea. Note: Lavori dell'assemblea ad "hoc" e sottocommissioni. Appunti sulla riunione Ministri Esteri Consiglio D Europa ( ). Rapporti -CED. CPE: lavori dell'assemblea ad hoc. CPE CED 808) 26 1 Gran Bretagna 1954 A 42.10/1 Unità Europea- Consiglio d'europa. Note: Rapporti sulla VI. sessione dell'assemblea consultiva e XIV. riunione del Comitato dei Ministri (maggio) 5

6 809) 26 2 Gran Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1954 A 42.10/2 CED 1.Miscellanea fino a giugno 1954; 2.Miscellanea dal 1 luglio al 31 agosto; 3.Miscellanea-Riarmo tedesco dopo fallimento CED; 4.Documentazione e stampa. Note: Conferenza di Bruxelles ( ). CED: ratifica italiana, rigetto francese; proposte francesi per un protocollo di applicazione. CED 810) * 27 2 Gran Bret. Belgio Olanda Luss.Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) Canada USA 1954 A 42.10/2 Conferenza dei nove a Londra (accordo finale). Note: Accordo tra Paesi UEO, Canada e Stati Uniti (Londra, ). Invito alla Repubblica Federale di Germania e Italia ad accedere al Patto di Bruxelles. UEO 811) * 27 3 Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1954 A 42.10/2 Conferenza dei Nove a Londra-Documentazione. Note: Memorie dei Paesi partecipanti alla Conferenza. UEO 812) * 27 4 Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1954 A 42.10/2 UEO-Gruppo di lavoro Londra per modifiche Trattato di Bruxelles. Note: Rapporti del Gruppo di lavoro. UEO 6

7 813) 27 6 Gran Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1954 A 42.10/2 UEO-Conferenza di Parigi- Documenti finali. Note: Conferenza di Parigi ( ). Documenti finali. UEO 814) 27 7 Gran Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1954 A 42.10/3 Unità Europea -. Note: Documenti sull'accordo Inghilterra-. 815) 28 1 Gran Bretagna 1954 A 42.10/6 Movimento europeo. Note: Seconda conferenza economica europea di Westminster ( ). MOVIMENTI EUROPEI 816) 28 2 Gran Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) A 42.10/7 Unità europea - Comunità Politica Europea. Note: Rapporti della Commissione per CPE ai Ministri degli Esteri sulle questioni istituzionali ed economiche (Parigi, ' '54). CPE 817) 29 2 Gran Bret.Belgio Olanda Lussemburgo Italia Francia Germ.(Rep.Fed.) 1956 A 20/2 Mercato Comune (Ampliamento -Integrazione europea). Note: Processo di integrazione europea: Posizioni di Gran Bretagna, Olanda, Belgio, Francia, Usa. Risoluzione Comitato Monnet (Parigi, ). Conferenza 6 Ministri Esteri (Bruxelles, ). 7

8 818) 29 4 Gran Bretagna A 20/3 Consiglio d'europa. Note: Riunioni dell'assemblea consultiva del Consiglio d'europa (VI. e VII.sessione ordinaria). 819) * Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1952 A 42/5 Note: Elezione Eden a Presidente del Consiglio ( ); riunione del Consiglio (Parigi, ). Rapporti e appunti sulla riorganizzazione. 820) * 33 1 Gran Bretagna 1952 A.42.10/TG Unità Europea: parte generale. Note: CPE: questionari governativi per l'assemblea ad hoc. Belgio e unificazione europea. CPE 821) * 33 2 Gran Bretagna 1952 A.42.10/1 Gran Bretagna ed Europa: Piano Eden. Note: Proposte britanniche sul futuro del Consiglio d'europa ed intervento di Eden ( ). 822) * 33 3 Gran Bretagna USA 1952 A.42.1O/1 Unità Europea.Consiglio d'europa. Note: Lavori dell'assemblea consultiva Consiglio d'europa. Relazione dei parlamentari USA partecipanti all incontro del '51 con i membri dell'assemblea del Consiglio d'europa. 8

9 823) * 33 4 Gran Bretagna 1952 A 42.10/3 Unità Europea:Piano Schuman. Note: Testo Trattato (Parigi, ). 824) * 33 5 Gran Bretagna 1952 A.42.10/4 Integrazione agricola europea: Piano Pflimlin. Note: Riunioni preparatorie per il "pool verde" (aprile). POOL VERDE 825) * 33 6 Gran Bretagna 1952 A.42.10/6 Unità europea-movimento europeo. Note: Riunione Movimento europeo (Lussemburgo, ). Iniziative di Spaak per una Costituente Europea. MOVIMENTI EUROPEI 826) Gran Bretagna A Note: Lavori del Comitato manodopera. Resoconti sull'attività della Delegazione italiana per cooperazione economica europea(palazzo Vidoni). 827) Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia USA A 42/7 Unione Occidentale (Patto Bruxelles). Note: Posizione USA nei confronti dell'unione europea. Opinioni di Schuman circa la Conferenza di Bruxelles. PATTO BRUXELLES 9

10 828) Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1951 A42.8 Piano Schuman. Note: Atteggiamento britannico verso il Piano Schuman. Testo del Trattato. Questione esercito europeo. 829) 34 2 Gran Bretagna 1951 A Consiglio d'europa. s.n. Gran Bretagna e Comunità europea. Note: Atteggiamento inglese rispetto ai progetti di unione europea.lavori Assemblea consultiva Consiglio D Europa (Strasburgo, dicembre).resoconti incontro parlamentari europei e USA (Strasburgo, ). 830) 34 3 Gran Bretagna 1951 A 42.10/6 Unità Europea.Movimento Europeo. Note: Conferenza di Amburgo ( ). MOVIMENTI EUROPEI 831) 34 3 Gran BretagnaBelgio Olanda Lussemburgo Italia Francia Germ.(Rep.Fed.) 1956 A 37/Euratom Euratom (dal 1 gennaio al 28 febbraio). Note: Atteggiamento Gran Bretagna e Usa sulla progettata cooperazione nucleare europea e in generale sui progetti di integrazione.lavori sull'energia nucleare. CEE EURATOM 832) * 34 4 Gran Bretagna USA 1956 A 37/Euratom Conferenza intergovernativa di Bruxelles per Euratom e mercato comune Note: Rapporti dalle Ambasciate di Londra,Parigi, Washington, L'Aja, Berna e Bonn- Riunione dei capi delegazione del Comitato intergovernativo di Messina (Bruxelles, ).Prima riunione Gruppo Euratom (Bruxelles, ) CEE EURATOM 10

11 833) 34 5 Gran Bretagna A UEP. Note: Accordo Unione Europea Pagamenti (Parigi, ). UEP 834) 34 5 Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1956 A 37/Euratom Conferenza intergovernativa di Bruxelles per Euratom e mercato comune. Note: Rapporti -Euratom. Risoluzione del Comitato Monnet ( ). Relazione DGAE sulla Conferenza dei sei Ministri degli Esteri partecipanti alla Conferenza di Bruxelles (Parigi, ). CEE EURATOM 835) 34 7 Gran Bretagna 1951 A Piano Marshall. Note: Testo integrale del rapporto Gordon Gray. Relazione "Committe for Economic Development". Approvazione definitiva del Mutual Security Act. 836) Gran Bretagna 1951 A Pool Agricolo. Note: Iniziativa francese "pool verde" (aprile). Controproposta inglese (maggio). POOL VERDE 11

12 837) 38 2 Gran Bretagna 1953 A 42/5. Note: e scambi commerciali. 838) 38 3 Gran Bretagna 1953 A.42/5 Collaborazione economica mondo occidentale. Note: Posizioni inglesi per una impostazione della futura cooperazione economica. INTEGRAZIONE EUROPEA 839) 38 4 Gran Bretagna 1953 A 42.10/1 Consiglio d'europa. Note: Lavori dell'assemblea Consultiva (settembre). 840) * 38 5 Gran Bretagna 1953 A 42.10/3 Piano Schuman (C.E.C.A.). Note: Rapporti sui lavori. 841) 38 6 Gran Bretagna 1953 A 42.10/4 Pool verde. Note: Conferenza di Parigi per un mercato agricolo europeo ( ). POOL VERDE 12

13 842) Gran Bretagna USA 1947 Rapporti politici e vari. Stati Uniti. Note: I primi passi del Piano Marshall: discorso di Truman sugli aiuti a Grecia e Turchia. 843) Gran Bretagna USA 1947 Proposte Marshall per un piano economico europeo. Note: Unione doganale europea. Reazioni della stampa britannica e sovietica. Conferenza di Parigi per la cooperazione economica europea ( ). Reazioni al Piano Marshall da parte dell'europa orientale. 844) Gran Bretagna USA 1948 Piano Marshall- E.R.P. Note: Piano Marshall. Accordo di cooperazione economica tra Gran Bretagna e USA. Relazione sul I e II semestre di applicazione dell' in Italia. Accordo per i pagamenti e le compensazioni fra i Paesi europei. 845) Gran BretagnaFrancia 1948 Unione occidentale. Discorso Bevin 22 gennaio Note: Annuncio alla Camera dei Comuni di un'iniziativa britannica a favore di un'unione europea. PATTO BRUXELLES 846) Gran Bretagna USA 1949 Piano Marshall (). Note: Integrazione europea. Attuazione accordi in Italia.. Applicazione dell' in Gran Bretagna. ". Norme e disposizioni". 13

14 847) Gran Bretagna 1949 Unione Europea. Note: Movimento europeo: conferenza economica (Westminster, aprile). Lavori preparatori del Consiglio d'europa (Testo Statuto). MOVIMENTI EUROPEI 848) Gran Bretagna 1949 Unione Europea. Conferenza di Londra. Note: Conferenza economica del Movimento europeo: atti, rapporti, risoluzioni. MOVIMENTI EUROPEI 849) Gran Bretagna 1949 Conferenza ministeriale di Londra 3-5 maggio Documenti ufficiali Note: Atto costitutivo del Consiglio d'europa. Rapporto Conferenza Ambasciatori. Istituzione Commissione preparatoria. Accordo privilegi e immunità. Discorsi di Sforza al Parlamento italiano. 850) Gran Bretagna Belgio 1950 Belgio Rapporti politici e vari. Belgio. Note: Convegno economico europeo a Mons. Dichiarazioni di Schuman a Bruxelles: riarmo tedesco, Finebel, Unione doganale italo-francese. Consiglio belga per il Movimento europeo. Il Belgio e il Piano Pleven. UDIF FINEBEL CED 851) Gran Bretagna Francia Germ.(Rep.Fed.) USA 1950 Germania Rapporti politici e vari. Germania occidentale. Note: Incontro Acheson-Bevin-Schuman: proposta Schuman per pool carbone-acciaio. Atteggiamento britannico nei confronti della partecipazione tedesca alla difesa occidentale. CED 14

15 852) Gran Bretagna 1950 Germania Rapporti politici e vari. Germania occidentale. s.n. Germania. Adesione al Consiglio d'europa. Note: Atteggiamento britannico nei confronti dell'ammissione della Germania occidentale al Consiglio d'europa. 853) Gran Bretagna Olanda 1950 Rapporti politici e vari. Olanda. Note: Atteggiamento britannico nei confronti del Piano Stikker per l'integrazione economica europea. Pool verde" (Piano Mansholt). POOL VERDE 854) Gran Bretagna USA Rapporti politici e vari. Stati Uniti. Note: Rapporti anglo-americani. USA e difesa europea. e politica economica USA. 855) Gran Bretagna USA Consiglio d'europa. s.n. Consiglio d'europa: conversazioni preparatorie di Londra; s.n. Riunione a Roma del Comitato misto del Consiglio d'europa. Note: Conferenza Acheson- Bevin- Schuman (Londra, maggio). La Germania occidentale nel Consiglio d'europa. Testo Accordo su privilegi e immunità del Consiglio d'europa (2.9.'49). 856) Gran Bretagna 1950 Piano Marshall. Note: Questione degli aiuti dopo il Piano Marshall. Elaborazione del rapporto Gordon Gray. 15

16 857) Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1950 Piano Schuman. 1. Rapporti dell'ambasciata e del Ministro; 2. Documentazione. Ritagli stampa. Note: Piano Schuman: opposizione britannica alla creazione di un'autorità sovranazionale; proposta dei conservatori al Consiglio d'europa. Posizione della Federazione Internazionale Liberi Sindacati. 858) Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia 1950 Unione occidentale (Trattato Bruxelles). Note: Riunione del Consiglio consultivo del Patto Bruxelles (Bruxelles, ). PATTO BRUXELLES 859) Gran Bretagna 1950 O.E.C.E. Note: Nomina di Stikker quale rappresentante speciale. Lavori : rapporto Gruppo di lavoro sui Piani Stikker, Pella e Petsche. 860) Gran Bretagna URSS USA 1947 [Telegrammi] Partenza - 31 maggio-7 ottobre. Note: Commenti sovietici al Piano Marshall. 861) Gran Bretagna USA 1947 [Telegrammi] Partenza. Cifra riservata- 1øgennaio-18 agosto. Note: Questioni europee. Rapporti con gli USA. INTEGRAZIONE EUROPEA 16

17 862) Gran Bretagna USA 1947 [Telegrammi] Partenza. Cifra riservata - 18 agosto-13 novembre. Note: Questioni europee. Rapporti con gli USA. INTEGRAZIONE EUROPEA 863) Gran Bretagna Italia 1947 [Telegrammi] Arrivo- 1 gennaio-16 settembre. Note: Piano Marshall e Italia. 864) Gran Bretagna USA 1947 [Telegrammi] Arrivo- 15 settembre-31 dicembre. Note: Piano Marshall. 865) Gran Bretagna Italia 1947 [Telegrammi] Arrivo. Cifra riservata. 4 gennaio-17ottobre. Note: L'Italia e il Piano Marshall. Posizione inglese. 866) Gran Bretagna 1948 [Telegrammi] Partenza - 2 gennaio-2 luglio. Note: Progetto britannico per la cooperazione europea. Fondi utilizzati dalla Gran Bretagna. Conferenza di Parigi ( ). Unione franco-italiana. Piano Marshall. 17

18 867) Gran Bretagna 1949 [Telegrammi] Partenza 17 settembre-31 dicembre. Note: Lavori. 868) Gran Bretagna 1949 [Telegrammi] Partenza. Cifra riservata- 27 maggio-22 settembre. Note: Lavori. 869) Gran Bretagna 1949 [Telegrammi] Partenza. Cifra riservata- 22 settembre-3 novembre. Note: Patto di Bruxelles. Lavori. PATTO BRUXELLES 870) Gran Bretagna 1949 [Telegrammi] Arrivo - Cifra riservata- 5 gennaio-9 maggio. Note: Patto di Bruxelles. Piano Marshall. PATTO BRUXELLES 871) Gran Bretagna 1950 [Telegrammi] Partenza dal n.1 al n.499. Note: Finebel e Unione doganale italo-francese. Gran Bretagna e cooperazione europea. FINEBEL UDIF 18

19 872) Gran Bretagna Belgio Olanda Lussemburgo Francia Italia Germ.(Rep.Fed.) 1950 [Telegrammi] Partenza - 8 maggio-31 luglio. Note: Dubbi britannici circa adesione Piano Schuman. 873) Gran Bretagna Francia 1950 s.p. Copie originali. Telegrammi in partenza dal n. 934 al n Note: Posizione inglese sulla proposta francese di esercito europeo. CED 19

AMBASCIATA D ITALIA IN WASHINGTON (1947-1957) Consistenza: 52 buste, 45 registri, 31 buste relative al Piano Marshall

AMBASCIATA D ITALIA IN WASHINGTON (1947-1957) Consistenza: 52 buste, 45 registri, 31 buste relative al Piano Marshall AMBASCIATA D ITALIA IN WASHINGTON (1947-1957) Consistenza: 52 buste, 45 registri, 31 buste relative al Piano Marshall Atti di corredo: elenco dattiloscritto Si tratta di un fondo recentemente riordinato.

Dettagli

ARCHIVIO DI GABINETTO 1943-1958

ARCHIVIO DI GABINETTO 1943-1958 ARCHIVIO DI 1943-1958 Consistenza: 141 buste Atti di corredo: elenco di versamento L Ordine di Servizio n.1 del 15 luglio 1944 che ricostituisce l Amministrazione Centrale del Ministero degli Affari Esteri,

Dettagli

Storia dell integrazione europea Prof. Marco Baldassari Collegio Europeo di Parma Le prime spinte europeistiche Movimento paneuropeo (Coudenhove- Kalergi), Aristide Briand, Gustav Stresemann Federalisti

Dettagli

AMBASCIATA D ITALIA IN PARIGI ( )

AMBASCIATA D ITALIA IN PARIGI ( ) AMBASCIATA D ITALIA IN PARIGI (1861-1957) Consistenza : 505 buste (1861-1950); 142 buste (1951-1957). Atti di corredo: Inventario a stampa; per gli anni 1951 e 1952 elenco dattiloscritto; per gli anni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici 0.970.4 Conchiusa a Parigi il 14 dicembre 1960 Approvata dall Assemblea federale il 14 giugno 1961 2 Ratificata

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA - CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE -

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA - CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE - UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA - CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE - L EUROPOL ED I SUOI REGOLAMENTI: LA GESTIONE INTERNA E QUELLA FINANZIARIA Candidato Costantino

Dettagli

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione un po di storia le istituzioni e gli organi dell UE alcune informazioni di base sui paesi membri PAUE 05/06 I / 1 Cronologia dell Unione Europea 1951

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Premessa... Pag. 1 Nota informativa...» 5 Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Preambolo...» 13 Parte I...» 15 Titolo I - Definizione e obiettivi dell Unione...» 15 Titolo II - Diritti

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

1. I TRATTATI DI PARIGI E DI ROMA

1. I TRATTATI DI PARIGI E DI ROMA 1. I TRATTATI DI PARIGI E DI ROMA 1.1 I TRATTATI DI PARIGI E DI ROMA Nel secondo dopoguerra il problema di un riassetto pacifico del continente europeo si colloca al centro del dibattito politico di tutti

Dettagli

Articolo 1 Nuovo tenore della Convenzione

Articolo 1 Nuovo tenore della Convenzione PROTOCOLLO DEL 3 GIUGNO 1999 RECANTE MODIFICA DELLA CONVENZIONE RELATIVA AI TRASPORTI INTERNAZIONALI FERROVIARI (COTIF) DEL 9 MAGGIO 1980 (PROTOCOLLO 1999) In applicazione degli articoli 6 e 19 2 della

Dettagli

LE TAPPE DELL INTEGRAZIONE EUROPEA - CRONOLOGIA.

LE TAPPE DELL INTEGRAZIONE EUROPEA - CRONOLOGIA. LE TAPPE DELL INTEGRAZIONE EUROPEA - CRONOLOGIA. DATA AVVENIMENTO CONSEGUENZE 1945 Fine della seconda guerra mondiale Bipolarismo USA - URSS Giugno 1947 Discorso di Marshall all Università di Harvard Lancio

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

Cos'è l'unione europea? Una partnership economica e politica unica al mondo che unisce 27 paesi democratici europei.

Cos'è l'unione europea? Una partnership economica e politica unica al mondo che unisce 27 paesi democratici europei. Cos'è l'unione europea? Una partnership economica e politica unica al mondo che unisce 27 paesi democratici europei. Quali sono i suoi obiettivi? Pace, prosperità e libertà per i suoi 495 milioni di cittadini

Dettagli

Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari

Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari Traduzione 1 Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari 0.414.31 Conclusa a Parigi il 15 dicembre 1956 Approvata dall Assemblea federale il 6 marzo 1991 2 Istrumento di ratificazione

Dettagli

Riconoscimento delle qualifiche professionali comunitarie e non comunitarie Stefania Napoleoni Franca Mancini

Riconoscimento delle qualifiche professionali comunitarie e non comunitarie Stefania Napoleoni Franca Mancini Riconoscimento delle qualifiche professionali comunitarie e non comunitarie Stefania Napoleoni Franca Mancini MINISTERO della GIUSTIZIA Via Arenula, 70 00186 Roma Ufficio III Reparto II Libere professioni

Dettagli

Le Istituzioni dell UE

Le Istituzioni dell UE Le Istituzioni dell UE Il Parlamento europeo 754 Membri del Parlamento Potere legislativo condiviso con il Consiglio Potere di bilancio condiviso con il Consiglio Potere di controllo politico Il Consiglio

Dettagli

ATTIVITA DEL PROGETTO

ATTIVITA DEL PROGETTO PROGETTO Cofinanziato nell ambito dell iniziativa BE@CTIVE promossa dall Unione delle Province d Italia (UPI) e finanziata dall Agenzia Nazionale Giovani (ANG) PARTNER DI PROGETTO ATTIVITA DEL PROGETTO

Dettagli

Approvata all unanimità

Approvata all unanimità Approvata all unanimità Nella sesta conferenza della CALRE del 28 e 29 ottobre 2002 a Bruxelles è stato discusso il funzionamento contenutistico dei Parlamenti regionali a potere legislativo ed è stata

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

Convenzione europea sul riconoscimento della personalità giuridica delle organizzazioni internazionali non governative

Convenzione europea sul riconoscimento della personalità giuridica delle organizzazioni internazionali non governative Traduzione 1 Convenzione europea sul riconoscimento della personalità giuridica delle organizzazioni internazionali non governative 0.192.111 Conclusa a Strasburgo il 24 aprile 1986 Approvata dall Assemblea

Dettagli

Accordo europeo sul mantenimento delle borse di studio versate a studenti che proseguono i loro studi all estero

Accordo europeo sul mantenimento delle borse di studio versate a studenti che proseguono i loro studi all estero Traduzione 1 Accordo europeo sul mantenimento delle borse di studio versate a studenti che proseguono i loro studi all estero 0.414.7 Concluso a Parigi il 12 dicembre 1969 Approvato dall Assemblea federale

Dettagli

ARCHIVI DELLA DIREZIONE GENERALE AFFARI POLITICI

ARCHIVI DELLA DIREZIONE GENERALE AFFARI POLITICI ARCHIVI DELLA DIREZIONE GENERALE AFFARI POLITICI 1946-1957 Consistenza: 1) Serie 1946-1950 : 1303 buste; 2) Serie 1951-1957 : 1641 buste; 3)D.G.A.P., Uff. IV (ex PA, ex OA, ex DGCI, Uff.I ), detto versamento

Dettagli

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia Che cos è l'unione europea L Ue èun soggetto politico a carattere sovranazionale ed intergovernativo Èformato da 27paesi membri indipendenti

Dettagli

Breve guida al Parlamento europeo. Elezioni, gruppi e partiti politici italiani

Breve guida al Parlamento europeo. Elezioni, gruppi e partiti politici italiani Breve guida al Parlamento europeo Elezioni, gruppi e partiti politici italiani Introduzione Tra poco più di un mese 450 milioni di cittadini europei saranno chiamati ad eleggere i loro rappresentanti al

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ROMA

DICHIARAZIONE DI ROMA IL PRESIDENTE DICHIARAZIONE DI ROMA V. GISCARD d ESTAING PRESIDENTE DELLA CONVENZIONE EUROPEA Roma 18 luglio 2003 I. Il 18 luglio 2003 Valery Giscard d'estaing, Presidente della Convenzione sul futuro

Dettagli

Il processo di integrazione europea e le istituzioni europee Lezione 9

Il processo di integrazione europea e le istituzioni europee Lezione 9 Il processo di integrazione europea e le istituzioni europee Lezione 9 Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La guerra e l Europa L impressione e l orrore

Dettagli

CAMPUS EUROPA 2012. percorsi formativi e pratici di cittadinanza attiva. note biografiche dei relatori. promuoviamo la cultura della pace e del futuro

CAMPUS EUROPA 2012. percorsi formativi e pratici di cittadinanza attiva. note biografiche dei relatori. promuoviamo la cultura della pace e del futuro CAMPUS EUROPA 2012 percorsi formativi e pratici di cittadinanza attiva note biografiche dei relatori Silvia Cantoni Professore associato confermato di Diritto internazionale presso la Facoltà di Scienze

Dettagli

0.172.030.3. Convenzione europea sulla soppressione della legalizzazione di atti compilati dagli agenti diplomatici o consolari.

0.172.030.3. Convenzione europea sulla soppressione della legalizzazione di atti compilati dagli agenti diplomatici o consolari. Traduzione 1 0.172.030.3 Convenzione europea sulla soppressione della legalizzazione di atti compilati dagli agenti diplomatici o consolari Conchiusa a Londra il 7 giugno 1968 Approvata dall Assemblea

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Maturità classica presso il Liceo-Ginnasio statale Luciano Manara di Roma

Maturità classica presso il Liceo-Ginnasio statale Luciano Manara di Roma Curriculum Vitae del Dott. Bruno Mangiatordi Nato a Roma il 2.2.1955 Maturità classica presso il Liceo-Ginnasio statale Luciano Manara di Roma Università Statale di Roma La Sapienza Laurea in Giurisprudenza

Dettagli

Trattato di Maastricht.

Trattato di Maastricht. Trattato di Maastricht. Il trattato sull'unione segna una nuova tappa nell'integrazione europea poiché consente di avviare l'integrazione politica. L'Unione europea da esso creata comporta tre pilastri:

Dettagli

CAPO I BENI, FONDI, AVERI E OPERAZIONI DELL UNIONE EUROPEA

CAPO I BENI, FONDI, AVERI E OPERAZIONI DELL UNIONE EUROPEA f) Il Comitato economico e sociale ha sede a Bruxelles. g) Il Comitato delle regioni ha sede a Bruxelles. h) La Banca europea per gli investimenti ha sede a Lussemburgo. i) la Banca centrale europea ha

Dettagli

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Il ruolo dei Parlamenti nazionali in materia di libertà, sicurezza e giustizia e in materia di adesione

Dettagli

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA

STATUTO SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA SOCIETÀ ITALIANA PER L ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE STATUTO SIOI PALAZZETTO DI VENEZIA PIAZZA DI SAN MARCO 51 00186 ROMA TEL. 06-6920781 FAX 06-6789102 sioi@sioi.org - WWW.SIOI.ORG STATUTO STATUTO DELLA

Dettagli

0.817.281. Convenzione Internazionale per la marcatura delle uova nel commercio internazionale. Traduzione 1. (Stato 10 giugno 1997)

0.817.281. Convenzione Internazionale per la marcatura delle uova nel commercio internazionale. Traduzione 1. (Stato 10 giugno 1997) Traduzione 1 0.817.281 Convenzione Internazionale per la marcatura delle uova nel commercio internazionale Conchiusa a Bruxelles l 11 dicembre 1931 Ratificazione depositata dalla Svizzera il 30 dicembre

Dettagli

0.817.281. Convenzione Internazionale per la marcatura delle uova nel commercio internazionale. Traduzione 1

0.817.281. Convenzione Internazionale per la marcatura delle uova nel commercio internazionale. Traduzione 1 Traduzione 1 Convenzione Internazionale per la marcatura delle uova nel commercio internazionale Conchiusa a Bruxelles l 11 dicembre 1931 Ratificazione depositata dalla Svizzera il 30 dicembre 1932 Entrata

Dettagli

Convenzione europea relativa al risarcimento delle vittime di reati violenti

Convenzione europea relativa al risarcimento delle vittime di reati violenti Traduzione 1 Convenzione europea relativa al risarcimento delle vittime di reati violenti 0.312.5 Conclusa a Strasburgo il 24 novembre 1983 Approvata dall Assemblea federale il 20 giugno 1991 2 Istrumento

Dettagli

Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati

Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati Traduzione dei testi originali francese e inglese 1 Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati 0.142.38 Conchiuso a Strasburgo il 20 aprile 1959 Approvato dall Assemblea federale il 27 settembre

Dettagli

Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati

Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati Traduzione dei testi originali francese e inglese 1 Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati 0.142.38 Conchiuso a Strasburgo il 20 aprile 1959 Approvato dall Assemblea federale il 27 settembre

Dettagli

L'ESERCITO EUROPEO: UN TENTATIVO VERSO LA COMUNITÀ EUROPEA DI DIFESA

L'ESERCITO EUROPEO: UN TENTATIVO VERSO LA COMUNITÀ EUROPEA DI DIFESA L'ESERCITO EUROPEO: UN TENTATIVO VERSO LA COMUNITÀ EUROPEA DI DIFESA di Stefano Filippi 52 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 3/2014 In un momento storico di forti tensioni a livello europeo volte a definire meglio

Dettagli

Il lento cammino verso l Europa (1950-2000)

Il lento cammino verso l Europa (1950-2000) Il lento cammino verso l Europa (1950-2000) 1951 Nasce l Europa dei 6: l Europa del carbone e dell acciaio (CECA) 1957 Il Trattato di Roma segna la nascita della CEE e dell EURATOM 1971 Viene meno la convertibilità

Dettagli

Il ruolo e le prospettive dell'industria chimica italiana nella Convenzione di Parigi. Fabrizio Filippini Direzione Centrale Tecnico Scientifica

Il ruolo e le prospettive dell'industria chimica italiana nella Convenzione di Parigi. Fabrizio Filippini Direzione Centrale Tecnico Scientifica Il ruolo e le prospettive dell'industria chimica italiana nella Convenzione di Parigi Fabrizio Filippini Direzione Centrale Tecnico Scientifica Milano, 2 febbraio 2015 Cosa è Federchimica? Collaborazione

Dettagli

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Giugno 2015 Contenuto 1. Grandi linee 2. Funzionamento 3. Trattati 4. Organi e istituzioni European Union,

Dettagli

L'allargamento dell'unione Europea (UE)

L'allargamento dell'unione Europea (UE) L'allargamento dell'unione Europea (UE) Paesi fondatori (1957) Germania,Francia,Italia,Belgio,Olanda,Lussemburgo Verso nord (1973) Regno Unito, Irlanda, Danimarca (Norvegia) Verso sud (1981) Grecia (1986)

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015.

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 28 Roma, 6 febbraio 2015 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Convenzione europea sullo statuto giuridico dei figli nati fuori matrimonio

Convenzione europea sullo statuto giuridico dei figli nati fuori matrimonio Traduzione 1 Convenzione europea sullo statuto giuridico dei figli nati fuori matrimonio 0.211.221.131 Conchiusa a Strasburgo il 15 ottobre 1975 Approvata dall Assemblea federale l 8 marzo 1978 2 Istrumento

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1) 1.1 È costituita una Associazione denominata Centro Studi Americani (di seguito il Centro ). L Associazione non ha scopi

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA 27 ottobre 2011, n. 209 Regolamento recante istituzione di Zone di protezione ecologica del Mediterraneo nord-occidentale, del Mar Ligure e del Mar Tirreno. (11G0252)

Dettagli

Verona, 02/12/2015 Prot. n.4965/f3 A tutto il personale docente e tecnico amministrativo

Verona, 02/12/2015 Prot. n.4965/f3 A tutto il personale docente e tecnico amministrativo Verona, 02/12/2015 Prot. n.4965/f3 A tutto il personale docente e tecnico amministrativo Albo di Istituto Sito istituzionale Accademia Oggetto: Bando Erasmus+ Mobilità del personale per docenza o per formazione

Dettagli

0.221.122.3. Convenzione europea sul computo dei termini. Traduzione 1. (Stato 1 gennaio 2011)

0.221.122.3. Convenzione europea sul computo dei termini. Traduzione 1. (Stato 1 gennaio 2011) Traduzione 1 Convenzione europea sul computo dei termini 0.221.122.3 Conchiusa a Basilea il 16 maggio 1972 Approvata dall Assemblea federale il 26 novembre 1979 2 Istrumento di ratificazione depositato

Dettagli

Protocollo della Convenzione internazionale del 1969 sulla responsabilità civile per i danni derivanti da inquinamento da idrocarburi 2

Protocollo della Convenzione internazionale del 1969 sulla responsabilità civile per i danni derivanti da inquinamento da idrocarburi 2 Traduzione 1 Protocollo della Convenzione internazionale del 1969 sulla responsabilità civile per i danni derivanti da inquinamento da idrocarburi 2 0.814.291.1 Concluso a Londra il 19 novembre 1976 Approvato

Dettagli

Accordo per l informazione e la consultazione a livello sovranazionale dei dipendenti

Accordo per l informazione e la consultazione a livello sovranazionale dei dipendenti Accordo per l informazione e la consultazione a livello sovranazionale dei dipendenti * del gruppo Deutsche Bank nell Unione Europea Commissione interna Euro Deutsche Bank Premessa In considerazione dello

Dettagli

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 1) I modelli rurali teoria del rurale 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Sviluppo rurale diverse concezioni dello

Dettagli

Decida il popolo europeo. Strategia per l azione quadro Milano, 1 marzo 2008

Decida il popolo europeo. Strategia per l azione quadro Milano, 1 marzo 2008 Decida il popolo europeo Strategia per l azione quadro Milano, 1 marzo 2008 Obiettivi politici fissati dal CC (1) avviare un azione-quadro che includa il rilancio del processo costituente anche tra un

Dettagli

Capitolo 8 L INTEGRAZIONE EUROPEA

Capitolo 8 L INTEGRAZIONE EUROPEA Capitolo 8 L INTEGRAZIONE EUROPEA 84 Fin dal 1957 i paesi che non facevano parte della Comunità europea iniziarono i negoziati con l Organizzazione per la Cooperazione Economica (OEEC) per far nascere

Dettagli

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa Federazione dell Emilia-Romagna STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011 A.I.C.C.R.E. Associazione

Dettagli

modificazioni, concernenti il quadro complessivo delle Unità operative e degli incarichi di coordinamento di livello equiparato (secondo quanto

modificazioni, concernenti il quadro complessivo delle Unità operative e degli incarichi di coordinamento di livello equiparato (secondo quanto Avvertenza La presente pubblicazione illustra l organizzazione interna dell Amministrazione della Camera dei deputati, tenendo conto degli interventi di riforma realizzati nel corso del 2000 e dei conseguenti

Dettagli

Convenzione sulla legge applicabile alle obbligazioni alimentari

Convenzione sulla legge applicabile alle obbligazioni alimentari Traduzione 1 Convenzione sulla legge applicabile alle obbligazioni alimentari 0.211.213.01 Conchiusa all Aia il 2 ottobre 1973 Approvata dall Assemblea federale il 4 marzo 1976 2 Istrumento di ratificazione

Dettagli

Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico (LONDRA,1969)

Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico (LONDRA,1969) Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico (LONDRA,1969) (L Italia ha aderito alle direttive della convenzione di Londra con la Legge 12 aprile 1973, n. 202 entrata in vigore il

Dettagli

IL PARLAMENTO EUROPEO E I CITTADINI. http://www.europarl.europa.eu/

IL PARLAMENTO EUROPEO E I CITTADINI. http://www.europarl.europa.eu/ IL PARLAMENTO EUROPEO E I CITTADINI http://www.europarl.europa.eu/ La Posta del cittadino Descrizione: La Posta del cittadino è un servizio che consente a qualsiasi cittadino di contattare il Parlamento

Dettagli

Federico Petronzi Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Magistrale in Storia e Società

Federico Petronzi Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Magistrale in Storia e Società Mary Christine Albanese Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza Federico Petronzi Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Magistrale in Storia e Società Dove esiste

Dettagli

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Alino Ducceschi, sestese di origini toscane, sindacalista della Fiom, tecnico dell azienda Oronzio De Nora Impianti elettrochimici, ha versato alla Fondazione

Dettagli

Protezione dei minori e diritto internazionale privato

Protezione dei minori e diritto internazionale privato L'ltalia e la vita giuridica internazionale Collana di testi, casi, documenti diretta da Fausto Pocar 11 Marina Franchi Protezione dei minori e diritto internazionale privato AG giuffré editore ÍNDICE

Dettagli

Accordo che crea un'associazione tra la Comunità economica europea e la Turchia

Accordo che crea un'associazione tra la Comunità economica europea e la Turchia Accordo che crea un'associazione tra la Comunità economica europea e la Turchia Accordo che crea un'associazione tra la Comunità Economica Europea e la Turchia (64/733/CEE) Sua Maestà il Re dei Belgi,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LAUREATI DELLA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO ALUMNICAM

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LAUREATI DELLA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO ALUMNICAM STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LAUREATI DELLA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO ALUMNICAM TITOLO I DENOMINAZIONE, DURATA, SCOPO, PATRIMONIO SOCIALE Art.1 Denominazione E' costituita a Camerino, con sede legale

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E D A R I O G I A R D I

C U R R I C U L U M V I T A E D A R I O G I A R D I C U R R I C U L U M V I T A E D A R I O G I A R D I Pagina 1 - Curriculum vitae di C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità italiana Data di nascita

Dettagli

' (# ) ' (# (#* ' + ',

' (# ) ' (# (#* ' + ', #$% #$% $& : ' (# ) ' (# (#* ' + ', & # -.#% $ #/ 0 * # # %. #$ #%.1 $$%0 #% 2 0(Jean Monnet 1888-1979) Robert Schuman, ministro degli esteri francese propone, in un discorso ispirato da Jean Monnet, la

Dettagli

20 MLN I GRANDI EVENTI COME ACCELERATORI DI BUSINESS RESTO DEL ITALIA. Produttori. Investitori MONDO. Compratori. Compratori Fornitori.

20 MLN I GRANDI EVENTI COME ACCELERATORI DI BUSINESS RESTO DEL ITALIA. Produttori. Investitori MONDO. Compratori. Compratori Fornitori. PADIGLIONE ITALIA I GRANDI EVENTI COME ACCELERATORI DI BUSINESS 145 PAESI 3 ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI 13 ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE 23 PARTNER 20 MLN VISITATORI ITALIA RESTO DEL Produttori Compratori

Dettagli

Convenzione per risolvere certi conflitti di leggi in materia di cambiali e di vaglia cambiari

Convenzione per risolvere certi conflitti di leggi in materia di cambiali e di vaglia cambiari Traduzione 1 Convenzione per risolvere certi conflitti di leggi in materia di cambiali e di vaglia cambiari 0.221.554.2 Conchiusa a Ginevra il 7 giugno 1930 Approvata dall Assemblea federale l 8 luglio

Dettagli

0.814.097.721. Accordo

0.814.097.721. Accordo Traduzione 1 0.814.097.721 Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo dell Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche concernente la cooperazione in materia di protezione ambientale 2

Dettagli

DIPLOMA DI PERFEZIONAMENTO IN STUDI EUROPEI I ANNO

DIPLOMA DI PERFEZIONAMENTO IN STUDI EUROPEI I ANNO ISTITUTO DI STUDI EUROPEI ALCIDE DE GASPERI (D.P.R. N 492 DEL 29/4/1956 E D.P.R. N 1126 DELL 11/10/1982) SCUOLA POST-UNIVERSITARIA DI STUDI EUROPEI 53 ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DIPLOMA DI PERFEZIONAMENTO

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna Servizio Segreteria Assemblea Legislativa Oggetto n. 4630/1 - Risoluzione proposta dalla I Commissione nella seduta del 23 giugno 2009 "Indirizzi relativi alla partecipazione della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Fax dell ufficio +39 0461 201390. Data di nascita 8 maggio 1963. Date (da - a) 02.11.1989 31.05.1991. Regione autonoma Trentino-Alto Adige

Fax dell ufficio +39 0461 201390. Data di nascita 8 maggio 1963. Date (da - a) 02.11.1989 31.05.1991. Regione autonoma Trentino-Alto Adige CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Incarico attuale Ente di appartenenza BEBER avv. FRANCO Direttore Ufficio Economato Numero telefonico dell ufficio +39 0461 201316 Fax dell ufficio

Dettagli

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR)

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) Traduzione 1 Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) 0.741.621 Conchiuso a Ginevra, il 30 settembre 1957 Approvato dall Assemblea federale il 4 dicembre

Dettagli

Amministrazione Kennedy

Amministrazione Kennedy Amministrazione Kennedy Politica estera poggia su 4 pilastri: Abbandono della rappresaglia massiccia e adozione della risposta flessibile: obiettivo calibrare la reazione al tipo e tenore dell iniziativa

Dettagli

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.11.2012 COM(2012) 655 final Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO che autorizza la Commissione europea a partecipare, per conto dell Unione europea, ai negoziati

Dettagli

IL CONSIGLIO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA NEL CORSO DEGLI ANNI. Processo decisionale e legislativo nell integrazione europea

IL CONSIGLIO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA NEL CORSO DEGLI ANNI. Processo decisionale e legislativo nell integrazione europea IL CONSIGLIO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA NEL CORSO DEGLI ANNI Processo decisionale e legislativo nell integrazione europea Avviso La presente pubblicazione è realizzata dal Segretariato

Dettagli

A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti

A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti POLITICHE EUROPEE A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti POLITICHE EUROPEE INDICE 3 Modulo 1: L Europa della pace e dei diritti 4 Breve introduzione

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

Il processo di integrazione europea

Il processo di integrazione europea Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il processo di integrazione europea Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Fondo Quartiani Erminio

Fondo Quartiani Erminio Fondo Quartiani Erminio Buste 5 Fascicoli 43 Erminio Quartiani (Melegnano, 1951-) ha militato nel Pci dal 1982, in seguito è stato membro della segreteria regionale lombarda del Partito democratico della

Dettagli

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. Come funziona l Unione. europea. Guida del cittadino alle istituzioni dell UE. Unione europea

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. Come funziona l Unione. europea. Guida del cittadino alle istituzioni dell UE. Unione europea LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Come funziona l Unione Guida del cittadino alle istituzioni dell UE europea Unione europea LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Questa pubblicazione fa parte di una serie che

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 3 maggio 2004 (04.05) (OR. EN) 9089/04 CRP2 18

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 3 maggio 2004 (04.05) (OR. EN) 9089/04 CRP2 18 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 maggio 2004 (04.05) (OR. EN) 9089/04 CRP2 18 ORDINE DEL GIORNO PROVVISORIO riunione: 2051 a riunione del COMATO DEI RAPPRESENTANTI PERMANENTI (Parte seconda)

Dettagli

Convenzione sui conflitti di legge relativi alla forma delle disposizioni testamentarie

Convenzione sui conflitti di legge relativi alla forma delle disposizioni testamentarie Traduzione 1 Convenzione sui conflitti di legge relativi alla forma delle disposizioni testamentarie 0.211.312.1 Conchiusa all Aia il 5 ottobre 1961 Approvata dall Assemblea federale l 8 giugno 1971 2

Dettagli

INDICE GENERALE. Mercoledì 15 ottobre 2008 320 Indice Generale COMITATO PER LA LEGISLAZIONE GIUNTA DELLE ELEZIONI GIUNTA PER LE AUTORIZZAZIONI

INDICE GENERALE. Mercoledì 15 ottobre 2008 320 Indice Generale COMITATO PER LA LEGISLAZIONE GIUNTA DELLE ELEZIONI GIUNTA PER LE AUTORIZZAZIONI Mercoledì 15 ottobre 2008 320 Indice Generale INDICE GENERALE COMITATO PER LA LEGISLAZIONE ESAME AI SENSI DELL ARTICOLO 16-BIS, COMMA 6-BIS, DEL REGOLAMENTO: energia. Esame nuovo testo C. 1441-ter Governo

Dettagli

Olocausto Giornata della Memoria

Olocausto Giornata della Memoria Olocausto Giornata della Memoria In collaborazione con Scuola e società A questa guida corrisponde una pagina Internet di educa.ch, sulla quale trovate il file PDF della guida stessa per la sua consultazione

Dettagli

Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare?

Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare? Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare? Documentazione e Glossario - 1 - Livello internazionale: I diversi livelli normativi: internazionale, europeo, italiano

Dettagli

INTEGRAZIONE EUROPEA E POLITICHE. Le tappe principali

INTEGRAZIONE EUROPEA E POLITICHE. Le tappe principali INTEGRAZIONE EUROPEA E POLITICHE. Le tappe principali Laurea magistrale in Turismo, territorio e sviluppo locale Corso: Politiche per lo sviluppo rurale Lezione n. 1 del 2016 LE PRECONDIZIONI DELLA UE

Dettagli

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione,

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione, Convenzione europea per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti emendata dal Protocollo n. 1 (STE 151) e dal Protocollo n. 2 (STE 152) Strasburgo, 26 novembre 1987

Dettagli

La documentazione di fonte pubblica in Internet

La documentazione di fonte pubblica in Internet La documentazione di fonte pubblica in Internet Linee di tendenza ed elementi critici Fernando Venturini venturini_f@camera.it Roma, SSAB, 1 marzo 2002 La DFP in rete I protagonisti Sommario Il dibattito

Dettagli

CONCORSO NAZIONALE DAL MERCATO COMUNE ALL'EUROPA DEI CITTADINI. Art. 1 - Finalità

CONCORSO NAZIONALE DAL MERCATO COMUNE ALL'EUROPA DEI CITTADINI. Art. 1 - Finalità CONCORSO NAZIONALE DAL MERCATO COMUNE ALL'EUROPA DEI CITTADINI Art. 1 - Finalità Il 25 marzo del 1957 fu sottoscritto nella capitale italiana il Trattato di Roma. I sei Paesi firmatari (Francia, Germania,

Dettagli

Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015

Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015 1 Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015 Attività a scelta programmate a favore degli studenti iscritti ai Corsi di Laurea magistrale delle Classi LM-52, LM-59, LM-59, LM-87/LM-88

Dettagli

Opportunità formative nelle Istituzioni europee

Opportunità formative nelle Istituzioni europee Opportunità formative nelle Istituzioni europee Dott.ssa Barbara Forni Ufficio d Informazione a Milano del Parlamento europeo Chi può candidarsi? Diplomati Laureandi Laureati Tirocini presso il Segretariato

Dettagli