PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA"

Transcript

1 N pagina 1 PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA

2 N pagina 2 1. INDICE 2. SCOPO APPLICABILITA' RIFERIMENTI RESPONSABILITA' DEFINIZIONI MODALITA' ESECUTIVE MANUTENZIONI ORDINARIE E STRAORDINARIE EFFETTUATE DAGLI ADDETTI MANUTENTIVI ELETTROMECCANICI AUTORIZZAZIONE A SOCIETÀ INCARICATE ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI BHS AUTORIZZAZIONE PER SOPRALLUOGHI O MANUTENZIONI DA EFFETTUARE PRESSO L'AREA SEGREGATA DELL'IMPIANTO BHS DOCUMENTI APPLICABILI ARCHIVIAZIONE...16

3 N pagina 3 2. SCOPO La presente procedura ha lo scopo di definire gli elementi indispensabili, per la regolamentazione degli accessi alla zona segregata dell impianto BHS, al fine di tutelare la salute e la sicurezza delle persone presenti all interno dell area BHS dello scalo di Malpensa, sia durante le normali attività che durante quelle manutentive. 3. APPLICABILITA La presente procedura si applica a tutte le aree di impianto segregato (da apposita recinzione con accesso tramite cancello chiuso a chiave). 4. RIFERIMENTI - D. Lgs. 81/08 5. RESPONSABILITA' Il Responsabile deve assicurarsi che la seguente procedura venga attuata. I singoli sono tenuti a seguire le prescrizioni della procedura. 6 DEFINIZIONI Area segregata impianto BHS: Area segregata tramite cancelli di accesso chiusi a chiave con al suo interno un sistema automatico di gestione e trattamento bagagli originanti, in transito e in arrivo sullo scalo di Malpensa.

4 N pagina 4 Intervento di ripristino: È dotato di uscite di sicurezza regolamentari, illuminazione di emergenza e segnaletica luminosa conforme indicante sia le vie di esodo che le uscite di sicurezza. Intervento la cui esecuzione è effettuata a impianto fermo e messo in sicurezza, che comporta l accesso a parti di impianto comunque protette. (es. rimozione sporcizia da fotocellule, disincastro bagagli, ripristino interruttore termico 1 ) Intervento manutentivo ordinario o straordinario: Intervento la cui esecuzione è effettuata a impianto fermo e messo in sicurezza, che comporta l accesso a tutte le parti dell impianto, la salita sui nastri, lo smontaggio di parti meccaniche anche rimuovendo le protezioni di parti in movimento. 1 Per ripristino interruttore, si intende la sola operazione di azionamento dell interruttore davanti al quadro elettrico, in quanto il ripristino di funzionalità dell impianto è eseguito, a seconda dei casi da due o più addetti in diretto contatto radio/telefonico.

5 N pagina 5 7. MODALITA ESECUTIVE 7.1 Manutenzioni ordinarie e straordinarie effettuate dagli Addetti Manutentivi Elettromeccanici Il personale Elettromeccanico è direttamente autorizzato ad accedere alla zona segregata dell impianto BHS T1 e T2, lo stesso è garante della conduzione dell impianto e della relativa manutenzione programmata e non. 1) In caso di necessità (verifica problematica e/o Intervento di ripristino) il diretto responsabile (Caposquadra in turno) indirizzerà sul posto un addetto Elettromeccanico, che: - si dirigerà verso il punto più vicino di accesso all area segregata, - arrivato sul posto, aprirà con l apposita chiave il cancelletto e/o la botola di accesso (a seconda dei casi), richiudendoli dopo l ingresso nella zona (in modo da evitare l accesso a personale non autorizzato), - comunicherà al diretto responsabile, tramite radio o telefono (dect o cellulare), l arrivo sul posto d intervento, - in caso di necessità l addetto chiederà rinforzo al diretto responsabile, che invierà ulteriore addetto, - ultimata la verifica e/o l intervento, uscirà dalla zona segregata facendo pressione sul maniglione antipanico posto sul cancelletto o aprendo la botola (a seconda dei casi), verificando dopo l uscita dalla zona di aver richiuso correttamente il cancelletto o la botola, contattando il diretto responsabile per comunicargli la fine intervento. 2) In caso di intervento manutentivo ordinario o straordinario (riparazione e/o sostituzione componenti, registrazione nastri, ecc.) il diretto responsabile (Caposquadra in turno) indirizzerà sul posto almeno due addetti Elettromeccanici, che: - si dirigeranno verso il punto più vicino di accesso all area segregata, - arrivati sul posto, apriranno con l apposita chiave il cancelletto o la botola di accesso (a seconda dei casi), richiudendoli dopo l ingresso nella zona (in modo da evitare l accesso a personale non autorizzato), - comunicheranno al diretto responsabile, tramite radio o telefono (dect o cellulare), l arrivo sul posto d intervento,

6 N pagina 6 - ultimato l intervento, usciranno dalla zona segregata facendo pressione sul maniglione antipanico posto sul cancelletto o aprendo la botola (a seconda dei casi), verificando dopo l uscita dalla zona di aver richiuso correttamente il cancelletto o la botola, contattando il diretto responsabile per comunicargli la fine intervento. Gli addetti all interno dell area segregata del BHS dovranno avere sempre la possibilità di comunicare con l esterno e pertanto dovranno essere dotati di radio e/o telefono (dect o cellulare). Utilizzo dispositivi di protezione individuale Per accedere alla zona segregata gli addetti dovranno indossare le scarpe antinfortunistiche, il casco di protezione e l archetto auricolare. Oltre ai dispositivi di protezione sopra citati, in caso di intervento manutentivo, gli addetti dovranno indossare i D.P.I. previsti per la tipologia di lavoro da svolgere (guanti protettivi, occhiali di protezione, ecc..) Divieti All interno dell area BHS è Vietato Fumare, usare fiamme libere se non preventivamente autorizzati attivando l apposita procedura Lavorazioni a caldo ambienti confinati. E fatto esplicito divieto di passare al di sotto dei nastri al di fuori dei passaggi autorizzati. È assolutamente vietato introdurre personale non autorizzato all interno dell area segregata e cedere e/o duplicare la chiave personale di accesso. In caso di infortunio: Si ricorda che le attività di intervento manutentivo ordinario e straordinario (riparazione e/o sostituzione componenti, registrazione nastri, ecc.) sull impianto devono essere effettuate sempre da due persone

7 N pagina 7 1. L addetto e/o il collega (se presente) comunica l infortunio al Capo Squadra in turno del Reparto Elettromeccanici tramite radio e/o telefono; il caposquadra contatterà il pronto soccorso sanitario comunicando l evento (in caso necessitasse l intervento del medico, attenderà lo stesso per condurlo presso l infortunato), contemporaneamente invierà personale per prestarne i primi soccorsi. Entità dell infortunio - In caso di infortunio di lieve entità, l infortunato verrà accompagnato dal collega presente o giunto in soccorso, presso il pronto soccorso sanitario aeroportuale per gli accertamenti e le cure del caso. - In caso di infortunio di entità superiore, il collega presente o giunto sul posto dovrà prestare immediatamente soccorso, comunicando al Capo Squadra in turno del Reparto Elettromeccanici l evento: descrivendo l esatta ubicazione dell infortunato (es: settore nord/nord area ricircolo vassoi, linea xy ) e la condizione dello stesso (es: l infortunato è cosciente, presenta ferita alla mano destra, ecc.). Sarà comunque cura del Caposquadra mantenere un contatto radio e/o telefonico intervallato con il personale inviato per l intervento almeno ogni 10 minuti, in caso non fosse possibile instaurare un contatto radio e/o telefonico, il caposquadra manderà altro personale sul posto per un controllo.

8 N pagina Autorizzazione a società incaricate alla manutenzione degli impianti BHS Il responsabile e/o capo squadra, della società incaricata, per effettuare attività di manutenzione agli impianti BHS deve: Consegnare comunicazione (giorno prima dell effettuazione intervento) a sala operativa Elettromeccanici indicando: il nominativo delle persone che dovranno intervenire, i relativi turni, le aree di intervento e le attività da svolgere Comunicare, ad inizio turno, alla sala operativa Elettromeccanici, per conferma, i nominativi indicati nella comunicazione preventiva o eventuali variazioni agli stessi, le macro aree nominativamente assegnate e le relative attività previste. Verificare, prima di consegnare la chiave di accesso all impianto, che gli addetti all operazione siano solo ed elusivamente quelli preventivamente informati dei rischi esistenti all interno dello stesso ed informati/formati sui contenuti della presente procedura. Verificare che gli addetti all operazione indossino il casco di protezione. Verificare che gli addetti all operazione indossino i dispositivi di protezione individuale relativi all attività lavorativa che devono svolgere. Verificare che gli addetti siano dotati di impianti di comunicazione radio o telefonici. Comunicare alla sala operativa Elettromeccanici l uscita dall impianto per esigenze operative e/o organizzative (pausa pranzo). NB: si ricorda che SEA ha preventivamente consegnato formalmente alle società incaricate alla manutenzione degli impianti BHS copia della chiave di accesso all area segregata, indicando che la stessa potrà essere data solo ed esclusivamente a personale preventivamente

9 N pagina 9 informato dei rischi esistenti all interno dello stesso ed informato/formato sui contenuti della presente procedura Le lavorazioni verranno immediatamente sospese: - Su richiesta del Capo Squadra Elettromeccanici o suo delegato, - In caso di emergenza ed evacuazione, - In caso di principio d incendio, Si ribadisce che tutti gli addetti autorizzati all ingresso dell area segregata dovranno indossare obbligatoriamente l elmetto protettivo, e i D.P.I. previsti per la loro mansione. Si ricorda che all interno dell area segregata esiste un potenziale rischio rumore. Disposizioni generali concordare sempre preventivamente con SEA qualsiasi intervento da effettuare, comunicando la natura, il luogo e la durata prevista; assicurare il regolare utilizzo durante le attività dei Dispositivi di Protezione Individuali in dotazione; ultimato l intervento, uscire dalla zona segregata facendo pressione sul maniglione antipanico posto sul cancelletto o aprendo la botola (a seconda dei casi), verificando dopo l uscita dalla zona di aver richiuso correttamente il cancelletto o la botola; adozione di abbigliamento ed accorgimenti idonei ad evitare interferenze con impianti o dispositivi presenti (evitare assolutamente di indossare pendagli bracciali e catenine o abiti con parti o lembi che potrebbero impigliarsi in parti rotanti o in movimento; analogamente i capelli lunghi devono essere raccolti e appositamente protetti); utilizzo esclusivo degli indumenti da lavoro forniti dalla propria azienda; qualsiasi operazione (intervento, regolazione, sostituzione, ecc.) dovrà essere effettuata esclusivamente a macchina spenta e sezionata dal circuito di alimentazione con presenza di almeno due addetti. Nel caso in cui, per la tipologia di intervento previsto, fosse necessario rimuovere alcune protezioni, a fine intervento queste dovranno sempre essere ripristinate correttamente;

10 N pagina 10 prima dell inizio degli interventi, assicurarsi che le protezioni siano integre e posizionate correttamente e che tutti i dispositivi di sicurezza siano presenti ed efficienti e che non siano stati manomessi; evitare di eseguire alcun intervento di pulizia, lubrificazione o manutenzione con parti dell impianto in movimento; mantenere sempre in ordine e pulita la zona di lavoro, non ingombrare o abbandonare neppure temporaneamente materiali lungo le vie di passaggio e di esodo o in posizione che possa ostruire le uscite di emergenza; se dovessero essere effettuate lavorazioni speciali quali, lavorazioni che producono polveri, fumi, aerosol, ecc. questi andranno aspirati alla fonte e autorizzate preventivamente dalla sala operativa Elettromeccanici. se dovessero essere effettuate lavorazioni a caldo, occorrerà avere a disposizione un estintore portatile (6 Kg polvere), idoneo sistema di captazione fumi e personale formato a Rischio elevato come da DM 10 marzo Le lavorazioni andranno effettuate previa autorizzazione da parte della sala operativa Elettromeccanici ed utilizzando la procedura Lavorazioni a Caldo ambienti confinati. se all interno della zona segregata dovessero essere riscontrati allagamenti o perdite di acqua o di qualsivoglia liquido, bisognerà fermare i lavori e avvertire la sala operativa Elettromeccanici, che provvederà, in collaborazione con la Control Room Energia e Manutenzione, ad effettuate un sopralluogo, richiedendo, se necessario, l attivazione, dei sistemi di protezione passivi o attivi per la prosecuzione delle operazioni in sicurezza. È comunque importante non incominciare nessuna operazione di manutenzione prima di essere stati autorizzati. Si ricorda inoltre che tutti i lavoratori: devono avere cura della propria sicurezza e di quella delle altre persone presenti nella zona di lavoro; sono tenuti ad osservare le disposizioni e le istruzioni di sicurezza impartite dal rispettivo Datore di Lavoro e/o dal loro responsabile; devono segnalare immediatamente al proprio Datore di Lavoro e/o al proprio responsabile le eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza, astenendosi da esporre se stessi o altri lavoratori al rischio;

11 N pagina 11 non devono per nessun motivo rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza di segnalazione o di controllo presenti; non devono compiere di propria iniziativa operazioni o manovre non di propria competenza ovvero che possano compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori; devono rispettare la segnaletica orizzontale indicante i passaggi previsti al di sotto dei nastri dotati di apposita protezione. Divieti All interno dell area BHS è Vietato Fumare, usare fiamme libere se non preventivamente autorizzati attivando l apposita procedura Lavorazioni a caldo ambienti confinati. E fatto esplicito divieto di passare al di sotto dei nastri al di fuori dei passaggi autorizzati. È assolutamente vietato introdurre personale non autorizzato all interno dell area segregata e cedere e/o duplicare la chiave personale di accesso. In caso di infortunio In caso si verificasse un infortunio, il collega presente dovrà prestargli immediatamente soccorso, comunicando l evento al pronto soccorso aeroportuale (All. 2) ed alla Sala Operativa Elettromeccanici descrivendo l esatta ubicazione dell infortunato (es: siamo a nord area HBS, posizione CH.01.53) e la condizione dello stesso (es: l infortunato è cosciente, presenta ferita alla mano destra, ecc.). Se l infortunio è di lieve entità, avvertire immediatamente il proprio responsabile e la Sala Operativa Elettromeccanici ed accompagnare il collega di lavoro presso il pronto soccorso sanitario aeroportuale per gli accertamenti e le cure del caso.

12 N pagina Autorizzazione per sopralluoghi o manutenzioni da effettuare presso l area segregata dell impianto BHS L accesso alla zona segregata degli impianti BHS deve essere preventivamente autorizzata, dall (vedi all. 1). Il richiedente del permesso di accesso si deve assicurare che: Gli addetti all operazione siano stati preventivamente informati dei rischi esistenti all interno dello stesso ed informati/formati sui contenuti della presente procedura. Gli addetti all operazione indossino il casco di protezione. Gli addetti all operazione indossino i dispositivi di protezione individuale relativi all attività lavorativa che devono svolgere. Il Capo squadra dell o suo delegato, dopo aver ricevuto l autorizzazione, dal suo responsabile, per l accesso del personale all interno della zona segregata dell impianto BHS, lo accompagnerà fino al punto d intervento ed in caso di necessità metterà lo stesso in sicurezza. L accesso all interno della zona segregata dell impianto BHS sarà autorizzato solo ed esclusivamente con almeno due persone contemporaneamente presenti e specificatamente formate sulla mansione da svolgere e sui rischi presenti all interno dell area segregata. Qualora, per ragioni di urgenza o emergenza, non sia possibile informare/formare le persone che devono entrare nella zona segregata, le stesse potranno accedervi solo in presenza continuativa di personale dell. È necessario che venga stabilito un contatto radio e/o telefonico con la Sala operativa Elettromeccanici.

13 N pagina 13 L accesso presso l area di caricamento e ricircolo vassoi sarà autorizzata solo previa verifica del blocco dell impianto, anche nel tramite di verifica da parte del Capo Squadra in turno del Reparto Elettromeccanici o suo delegato. Le lavorazioni verranno immediatamente sospese: - Su richiesta del Capo Squadra Elettromeccanici o suo delegato, - In caso di emergenza ed evacuazione, - In caso di principio d incendio, Si ribadisce che tutti gli addetti autorizzati all ingresso dell area segregata dovranno indossare obbligatoriamente l elmetto protettivo, e i D.P.I. previsti per la loro mansione. Si ricorda che all interno dell area segregata esiste un potenziale rischio rumore. NB: Nel caso specifico di attività di pulizia o di sopralluogo della zona segregata, necessiterà la presenza continuativa di un Capo Squadra Elettromeccanici o suo delegato per supervisionare che le operazioni siano effettuate in sicurezza. Disposizioni generali concordare sempre preventivamente con SEA qualsiasi intervento da effettuare, comunicando la natura, il luogo e la durata prevista; è assolutamente vietato operare su impianti o nastri in movimento, in caso di necessità richiedere preventivamente autorizzazione da parte del Caposquadra elettromeccanico che si attiverà per la messa in sicurezza dell impianto. È comunque importante non incominciare nessuna operazione di manutenzione prima di essere stati autorizzati. assicurare il regolare utilizzo durante le attività dei Dispositivi di Protezione Individuali in dotazione; adozione di abbigliamento ed accorgimenti idonei ad evitare interferenze con impianti o dispositivi presenti (evitare assolutamente di indossare pendagli bracciali e catenine o abiti con parti o lembi che potrebbero impigliarsi in parti rotanti o in movimento; analogamente i capelli lunghi devono essere raccolti e appositamente protetti); utilizzo esclusivo degli indumenti da lavoro forniti dalla propria azienda;

14 N pagina 14 qualsiasi operazione (intervento, regolazione, sostituzione, ecc.) dovrà essere effettuata esclusivamente a macchina spenta e sezionata dal circuito di alimentazione; prima dell inizio degli interventi, assicurarsi che le protezioni siano integre e posizionate correttamente e che tutti i dispositivi di sicurezza siano presenti ed efficienti e che non siano stati manomessi; nel caso in cui, per la tipologia di intervento previsto, dopo aver messo in sicurezza l impianto, fosse necessario rimuovere alcune protezioni, a fine intervento queste dovranno sempre essere ripristinate correttamente; evitare di eseguire alcun intervento di pulizia, lubrificazione o manutenzione con parti dell impianto in movimento; mantenere sempre in ordine e pulita la zona di lavoro, non ingombrare o abbandonare neppure temporaneamente materiali lungo le vie di passaggio e di esodo o in posizione che possa ostruire le uscite di emergenza; se dovessero essere effettuate lavorazioni speciali quali, lavorazioni che producono polveri, fumi, aerosol, ecc. questi andranno aspirati alla fonte. se dovessero essere effettuate lavorazioni a caldo, occorrerà avere a disposizione un estintore portatile (6 Kg polvere), idoneo sistema di captazione fumi e personale formato a Rischio elevato come da DM 10 marzo Le lavorazioni andranno effettuate previa autorizzazione da parte di ed utilizzando la procedura Lavorazioni a Caldo ambienti confinati. se all interno della zona segregata dell impianto BHS dovessero essere riscontrati allagamenti o perdite di acqua o di qualsivoglia liquido, bisognerà fermare i lavori e avvertire il Capo Squadra in turno del Reparto Elettromeccanici, che provvederà, in collaborazione con la Control Room Energia e Manutenzione, ad effettuate un sopralluogo, richiedendo, se necessario, l attivazione, dei sistemi di protezione passivi o attivi per la prosecuzione delle operazioni in sicurezza. È comunque importante non incominciare nessuna operazione di manutenzione prima di essere stati autorizzati. Si ricorda inoltre che tutti i lavoratori: devono avere cura della propria sicurezza e di quella delle altre persone presenti nella zona di lavoro;

15 N pagina 15 sono tenuti ad osservare le disposizioni e le istruzioni di sicurezza impartite dal rispettivo Datore di Lavoro e/o dal loro responsabile; devono segnalare immediatamente al proprio Datore di Lavoro e/o al proprio responsabile le eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza, astenendosi da esporre se stessi o altri lavoratori al rischio; non devono per nessun motivo rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza di segnalazione o di controllo presenti; non devono compiere di propria iniziativa operazioni o manovre non di propria competenza ovvero che possano compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori; devono rispettare la segnaletica orizzontale indicante i passaggi previsti al di sotto dei nastri dotati di apposita protezione. Divieti All interno dell area BHS è Vietato Fumare, usare fiamme libere se non preventivamente autorizzati attivando l apposita procedura Lavorazioni a caldo ambienti confinati. E fatto esplicito divieto di passare al di sotto dei nastri al di fuori dei passaggi autorizzati. In caso di infortunio In caso si verificasse un infortunio, il collega presente dovrà prestargli immediatamente soccorso, comunicando l evento al pronto soccorso aeroportuale (All. 2) ed alla Sala Operativa BHS Elettromeccanici descrivendo l esatta ubicazione dell infortunato (es: siamo a nord area HBS) e la condizione dello stesso (es: l infortunato è cosciente, presenta ferita alla mano destra, ecc.). Se l infortunio è di lieve entità, avvertire immediatamente il proprio responsabile e la Sala Operativa BHS Elettromeccanici ed accompagnare il collega di lavoro presso il pronto soccorso sanitario aeroportuale per gli accertamenti e le cure del caso.

16 N pagina Documenti applicabili L ed in caso di emergenza il Capo Squadra Elettromeccanici (orario notturno) autorizzerà gli addetti (tramite compilazione modulo vedi all. 1) allo svolgimento dell attività di sopralluogo o di manutenzione all interno dell area segregata dell impianto BHS. 9. Archiviazione I moduli di autorizzazione saranno archiviati presso l ente di appartenenza per un periodo non inferiore ad anni 1.

17 N pagina 1 ALLEGATO 1 ALLEGATO 1

18 N pagina 2 ALLEGATO 1 PERMESSO DI ACCESSO RICHIESTA DI ACCESSO Data.. Richiedente ditta/società... Data ora Descrizione lavoro Macro area Planimetria allegata ( ) Eventuali limitazioni da attuare agli impianti presenti.. Attrezzature da impiegare.. N persone impiegate (da comunicare all atto dell ingresso) Inizio lavori data.. ora.. Termine presunto data.. ora.. Note:. NORME DI SICUREZZA OPERATIVE ADOTTATE (barrare in caso affermativo) SI/NO Presenza casco di protezione ( ) * Benestare all impiego delle attrezzature previste ( ) * Presa visione disposizioni generali ( ) * Assenza di materiale infiammabile ( ) Presenza continua operatori ( ) Sopralluogo effettuato ( ) Presenza continua addetti Elettromeccanici ( ) Altre precauzioni (da inserire nelle note) ( ) In caso di lavorazioni a caldo: Presenza estintore da 6 Kg in polvere ( ) Presenza persona formata per emergenze DM ( ) Presenza sistema captazione fumi ( ) Firma del responsabile dell esecuzione.... Nome e firma referente S.E.A... * = in caso queste voci non siano barrate positivamente verrà negato l accesso alle aree ai richiedenti IL LAVORO DEVE ESSERE IMMEDIATAMENTE SOSPESO IN CASO DI: - Richiesta Sala Operativa Elettromeccanici - Mancato rispetto delle norme indicate - Sversamento di sostanze infiammabili - Incidente o infortunio - Emergenza allarme antincendio LA SEDE DI ESECUZIONE DEL LAVORO NON DOVRA ESSERE SPOSTATA PER NESSUN MOTIVO SENZA PREVENTIVA AUTORIZZAZIONE. QUALSIASI ANORMALITA NELL ESECUZIONE DEL LAVORO DOVRA ESSERE IMMEDIATAMENTE SEGNALATA ALLA SALA OPERATIVA DELL U.O. ELETTROMECCANICI AUTORIZZAZIONE ALL ACCESSO IL RESPONSABILE ESECUZIONE LAVORI CONFERMA DI AVER INFORMATO E FORMATO I PROPRI DIPENDENTI Il lavoro inizia alle ore ed è autorizzato fino alle ore del giorno Firma del responsabile dell esecuzione lavori.... Nome e firma referente S.E.A Il lavoro è terminato alle ore e il personale impiegato per il lavoro è uscito dall area BHS Firma del responsabile dell esecuzione lavori.... Nome e firma referente S.E.A

19 N pagina 1 ALLEGATO 2 ALLEGATO 2

20 N pagina 2 ALLEGATO 2 NUMERI DI TELEFONO SERVIZIO Esterno Interno SERVIZIO SANITARIO Sala Operativa BHS Elettromeccanici Sala Operativa Sicurezza e Vigilanza Control Room Energia e Manutenzione / /1

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008 Art. 26 del D.Lgs. 81/08 - Obblighi connessi al contratto di appalto" (D.U.V.R.I.Documento unico di Valutazione dei rischi da interferenze) relativo alle sedi di lavoro. N.B: il suddetto documento è allegato

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 05 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA (Art. 26 D.Lgs. 81/08) In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione emergenze P08 Rev 02 del 14/06/2014 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile.

PROCEDURA. Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde antisciacallaggio. PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL www.casaleinforma.it/pcivile. Comune di San Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Sezione viabilità Bozza: Ottobre 2000 1a stesura: Luglio 2001 Verifica: Ottobre 2001 PROCEDURA Istituzione dei cancelli e attivazione delle ronde

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca UTC D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE (art. 26 comma 3 del

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA CANTIERE DEI LAVORI DI MIRANO (VE) PRESSO I.P.A.B. LUIGI MARIUTTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ai sensi dell art. 26 del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 come modificato

Dettagli

13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI

13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI Scheda 13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI Macchinario: ASSORTIMENTO DI CARDATURA cardatura Scopo dell operazione Premesso che non tutti gli assortimenti di carderia sono dotati dello sgrano meccanico

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI Normalmente poco considerato nei cantieri. Tuttavia possono costituire fonte di innesco con conseguenze devastanti: - Uso fiamme libere per operazioni di impermeabilizzazioni

Dettagli

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Pag. 1 di 5 Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Premessa Questa nota è indirizzata al personale, dipendente e/o associato, autorizzato

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

Sicurezza: poche cose da sapere per un Ospedale più sicuro

Sicurezza: poche cose da sapere per un Ospedale più sicuro Sicurezza: poche cose da sapere per un Ospedale più sicuro Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte,

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO CITTÀ DI MONCALIERI Settore Servizi Tecnici e Ambientali REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO PRONTO INTERVENTO INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Oggetto del Regolamento Scopo del Regolamento

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze.

D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione delle interferenze. SERVIZIO LAVORI PUBBLICI SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA SUL TERRITORIO COMUNALE 2013-2018 D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione del rischio per l eliminazione

Dettagli

INFORMATIVA RISCHI ESISTENTI ai sensi dell'art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

INFORMATIVA RISCHI ESISTENTI ai sensi dell'art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. INFORMATIVA RISCHI ESISTENTI ai sensi dell'art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE DI LAVORO Scheda riepilogativa sui rischi esistenti presso la sede di Via Vitorchiano, in cui operano i

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo Pre -Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenze Servizio di Prevenzione e Protezione Servizio di assistenza infermieristica, tecnica di supporto e dei servizi alberghieri c/o le comunità riabilitative

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Pavia, 25/01/2006 Prot. n. 2892 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 14-2006 Allegati n. 1 Ai Direttori/Responsabili Strutture universitarie Ai Dirigenti Ai Direttori dei Centri: - CNR Sezioni ospitate - INFN

Dettagli

Molti di questi infortuni potrebbero essere evitati mettendo in atto adeguate misure preventive.

Molti di questi infortuni potrebbero essere evitati mettendo in atto adeguate misure preventive. Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 08/06/2006. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE.

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente: Comune di Volturino SPECIFICHE

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ente Committente COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ditta Appaltatrice DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art.

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO PAG. 1 DI 5 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO APPENDICE A1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELL IMPIANTO DI TRASFERIMENTO RIFIUTI INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA (Emanato con D.R. n. 1215 del 28 giugno 2007, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 69) Sommario

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 UNIVERSITA DI MESSINA REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO Struttura: DATA del Responsabile della struttura PAGINE Totali.

Dettagli

CONTROLLO RIFIUTI PRESSO LE AZIENDE

CONTROLLO RIFIUTI PRESSO LE AZIENDE 00 1/7 SVILUPPO B. U. LABORATORI CONTROLLO RIFIUTI PRESSO LE AZIENDE Riproduzione vietata - Diritti riservati all AMIAT - Torino 00 2/7 Motivo ultima modifica: n.a. Descrizione ultima modifica: n.a. Modifiche

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Via G. Marconi 26 36023 Longare(VI) cod. fisc. 00415090240 tel. 0444/555444 fax 0444/953441 SERVIZIO DI MANUTENZIONE

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE PUBBLICHE DELL INFANZIA, ELEMENTARI E MEDIE NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA S.M.A. CAMPANIA S.P.A. SALE OPERATIVE UNIFICATE BASI TERRITORIALI EMERGENZA EVENTI CALAMITOSI

PROCEDURE OPERATIVE PER LA S.M.A. CAMPANIA S.P.A. SALE OPERATIVE UNIFICATE BASI TERRITORIALI EMERGENZA EVENTI CALAMITOSI PROCEDURE OPERATIVE PER LA S.M.A. CAMPANIA S.P.A. SALE OPERATIVE UNIFICATE BASI TERRITORIALI EMERGENZA EVENTI CALAMITOSI 1. PROCEDURA OPERATIVA PER LE S.O.U.P./S.O.U.P.R. (Sale Operative Unificate) E PER

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

INDICE. COMUNE di IGLESIAS

INDICE. COMUNE di IGLESIAS LAVORI ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI TERMICI NELLE SCUOLE MEDIE 1/2/3 VIA ISONZO e VIA 2 GIUGNO, Novembre 2014 Pagina 1 12 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 SCHEDA I - DESCRIZIONE DELLO OPERA ED INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

LABORATORIO AUTOMAZIONI INDUSTRIALI

LABORATORIO AUTOMAZIONI INDUSTRIALI I.T.I.S. Max Planck Lancenigo di Villorba (TV) LABORATORIO AUTOMAZIONI INDUSTRIALI A) Aspetti generali REGOLAMENTO DEL LABORATORIO 1) Tutti i docenti che, a qualsiasi titolo, utilizzano il laboratorio

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81)

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) ATTIVITA SERVIZIO RISTORAZIONE DEGENTI E SOGGETTI TERZI CEFALU', lì 10/09/2010

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo Pag. 1 di 7 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo PREMESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell INFN e/o ad esso assimilato che

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO CORSO Addetto al servizio antincendio Attività a rischio di incendio MEDIO DURATA 8 ORE Il corso è rivolto a: Agli addetti antincendio designati alla prevenzione incendi

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno)

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DEL TERRITORIO COMUNALE DOCUMENTO UNICO DI

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE PROVINCIA DI ROMA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente:

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S)

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) In questa unità didattica descriveremo le caratteristiche del Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S.). Nello

Dettagli

Comune di Roccafranca

Comune di Roccafranca Comune di Roccafranca PROVINCIA DI BRESCIA 25030 Roccafranca (BS) C.F. 00729210179 P.IVA 00576090989 Tel.: 030 7092005-53 Fax: 030 7090235 Sito internet: www.comune.roccafranca.bs.it e-mail: protocollo@pec.comune.roccafranca.bs.it

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO INDICE Premessa pag. 2 Addetti al Primo Soccorso pag. 3 Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso pag. 3 Attivazione del soccorso: procedura pag. 4

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE LOGO DELLA SOCIETA PARTE III ESEMPIO DI PROCEDURA PER PIANO DI ED EVACUAZIONE Ediz.: Rev. : del: Pagina: 1 di 13 N OME SOCIETÀ PIANO DI ED EVACUAZIONE Dispensa a cura del relatore PIANO DI ED EVACUAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO 1. IDENTIFICAZIONE DEL CONTRATTO... 1 2. DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE L IDONEITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 RÉGION AUTONOME VALLÉE D AOSTE VILLE D AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA CITTÀ DI AOSTA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI ai sensi dell'art. 26 del D.Lgs. 81/08 NOTA: criteri di valutazione

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) Impresa appaltatrice: Appaltatore: Amministrazione Comunale di San Romano In Garfagnana Affidamento

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (fase preliminare) Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (fase preliminare) Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (fase preliminare) Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 Oggetto MANUTENZIONE COMPLETA DEGLI IMPIANTI ELEVATORI INSTALLATI NEGLI EDIFICI DELLA

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Ufficio Anagrafe Riglione Il tecnico

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA OBIETTIVI L impresa CERIOLI S.r.l. è da sempre attenta alle problematiche della sicurezza e della salute dei lavoratori in ambiente lavorativo. Gli obiettivi dell azienda sono: avere un anno di lavoro

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli