Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di giurisprudenza Anno accademico TESI DI LAUREA. in Diritto dei mercati finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di giurisprudenza Anno accademico 2004-2005 TESI DI LAUREA. in Diritto dei mercati finanziari"

Transcript

1 Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di giurisprudenza Anno accademico TESI DI LAUREA in Diritto dei mercati finanziari La sollecitazione all investimento e le tecnologie dell informatica nelle discipline dei mercati finanziari Relatore Ch.mo Prof. Carlo Angelici Laureando Alberto Rossotti

2 Sollecitazione all investimento e tecnologie dell informatica nelle discipline dei mercati finanziari Indice p. 1 Introduzione p. 5 Capitolo I: La sollecitazione all investimento e l offerta a distanza: linee generali 1.Il sistema delle fonti p La sollecitazione all investimento p L offerta a distanza come specie dell offerta fuori sede p La promozione e il collocamento a distanza dei prodotti finanziari e dei servizi di investimento: a) l oggetto p. 21 b) i soggetti p. 28 c) la forma p I rapporti fra promozione e collocamento ed attività pubblicitaria p Cenni sulla disciplina in oggetto nell ordinamento comunitario ed in alcuni ordinamenti nazionali a) l ordinamento comunitario p. 44 b) gli ordinamenti nazionali: la Francia, la Germania e la Spagna p. 47 Capitolo II: Le applicazioni tecnologiche alla disciplina della sollecitazione all investimento 1.Internet come tecnica di comunicazione a distanza p Le diverse fattispecie di Internet a) il sito web p. 58 b) la posta elettronica p. 64 2

3 c) il link p L obbligo di avvalersi di promotori finanziari p Il trading on line a) la definizione di trading on line p. 74 b) lo sviluppo del trading on line p Cenni sulla disciplina in oggetto nell ordinamento della Gran Bretagna e degli Stati Uniti p. 86 Capitolo III: L'avvio del rapporto 1.La conclusione del contratto p L'identificazione della clientela ai fini della disciplina antiriciclaggio p Gli obblighi di informazione p. 105 a) l informativa ai clienti p. 107 b) il tema dell induzione alla transazione p L informativa da acquisire dai clienti p Gli adempimenti degli obblighi di comunicazione per mezzo di procedure standardizzate p Cenni sulla disciplina in oggetto nell ordinamento comunitario ed in alcuni ordinamenti nazionali a) l ordinamento comunitario p. 120 b) gli ordinamenti nazionali: la Francia, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti p. 125 Capitolo IV: La fase di esecuzione e tutela dell'investitore 1.La fase esecutiva p. 130 a) l efficienza del sistema p. 132 b) il malfunzionamento del sito web e la responsabilità dell intermediario per mancata, inesatta o tardiva esecuzione delle disposizioni del cliente p Gli obblighi informativi nella fase di esecuzione p. 143 a) informazioni sulla natura e rischi delle operazioni e sulle perdite rilevanti p. 145 b) l'adeguatezza delle operazioni p. 146 c) conflitti di interessi p. 152 d) attestazioni e rendicontazioni p Gli strumenti di tutela dell investitore p. 158 a) il diritto di recesso p. 161 b) l inversione dell onere della prova p Le responsabilità penali connesse all intermediazione finanziaria 3

4 on line p. 173 a) esercizio abusivo dell attività di intermediazione e sollecitazione abusiva all investimento p. 174 b) manipolazione del mercato e insider trading p. 178 c) phishing e scalping p Cenni sulla disciplina in oggetto nell ordinamento comunitario ed in alcuni ordinamenti nazionali a) l ordinamento comunitario p. 191 b) gli ordinamenti nazionali: la Germania, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti p. 198 Conclusioni p. 207 Appendice 1. Grafici p D.Lgs n. 190 Attuazione della direttiva 2002/65/CE relativa alla commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 22 settembre 2005, n p. 213 Bibliografia p

5 Introduzione L applicazione delle tecnologie informatiche ai mercati finanziari è in continua crescita: detto progresso riguarda non solo la quantità delle transazioni effettuate dagli operatori del settore, professionisti e non, ma anche la qualità degli strumenti tecnici utilizzati. L'utilizzo delle reti telematiche costituisce, infatti, in vari settori dell'economia, una grande opportunità di sviluppo e le potenzialità offerte da tale strumento, per quel che concerne in particolare il settore finanziario, sono testimoniate dalla sua diffusione tra tutti i soggetti che partecipano all'attività dei mercati. Internet, quale mezzo di comunicazione e di scambio, è un innovazione profonda nel modo di intendere le relazioni umane, culturali, sociali ed anche economiche: esso costituisce forse la più interessante tecnica di comunicazione a distanza, almeno al momento, e quella che appare essere nell immediato futuro la più seguita. 1 Quello informatico non è un fenomeno isolato all interno del panorama finanziario: negli ultimi anni, infatti, si è assistito ad una notevole evoluzione anche di altri canali, quali il phone banking ed il mobile banking. (cfr. Grafico n. 1 e 2) La rivoluzione investe tutti i campi, ma in particolare quello dei servizi finanziari. I mercati finanziari mostrano, infatti, caratteristiche tali da porli su un piano di non omogeneità rispetto ai mercati di altri beni o servizi. La prima caratteristica è quella della assoluta fungibilità dei beni che vi vengono scambiati: lo strumento finanziario non deve essere utilizzato, ma la sua funzione si esaurisce nell operazione di investimento. 2 La seconda peculiarità consiste nella c.d. dematerializzazione: gli strumenti 1 Cfr. DI MAIO F., L'informazione (dal e al cliente) e la valutazione di adeguatezza nella promozione via Internet, in Le Società 2000, p Cfr. STELLA RICHTER Jr. M., Prime osservazioni su intermediazione finanziaria ed Internet, in Diritto dell informazione e dell informatica, 2000, p

6 finanziari, infatti, non solo non circolano più, ma non esistono più neanche come beni materiali, come res. 3 La dematerializzazione del prodotto ha reso possibile la dematerializzazione del mercato, reso ormai telematico. Mentre l acquisto di un qualsiasi altro bene per il tramite di Internet, sebbene elimini i problemi di distribuzione e riduce i costi di intermediazione, non esime dalla consegna del bene al consumatore finale, lo strumento finanziario non uscirà mai dalla rete, limitandosi l intermediario a registrare la conclusione dei negozi traslativi traducendoli in scritturazioni in conto nell elaboratore del gestore centrale. 4 I considerazione della immediatezza e dell efficienza di cui necessita, riveste un ruolo centrale il c.d. trading on line, inteso come negoziazione di strumenti finanziari tramite Internet: esso si colloca, in questo contesto, come un opportunità e allo stesso tempo una sfida, per tutti gli operatori del settore. (Cfr. Grafico n. 3). L espansione dell utilizzo del canale informatico si giustifica, inoltre, per le maggiori opportunità informative che lo stesso offre agli investitori e per le conseguenti agevolazioni economiche. Il risparmiatore tramite Internet ha, infatti, la possibilità di comparare le offerte che i vari operatori effettuano sul mercato, venendosi così a creare una situazione concorrenziale che, inevitabilmente, conduce all abbassamento delle commissioni. 5 Tramite la rete inoltre, risulta molto più semplice accedere ai mercati esteri, favorendo coloro che intendono effettuare investimenti transfrontalieri. Oltre ai limiti di spazio, un altra barriera che lo strumento informatico permette di infrange- 3 Cfr. ZENO ZENCOVICH V., La tutela del fruitore di servizi finanziari resi attraverso reti telematiche, in Diritto dell informazione e dell informatica, 2001, p Cfr. STELLA RICHTER Jr. M., Prime osservazioni su intermediazione finanziaria ed Internet, in Diritto dell informazione e dell informatica, 2000, p Cfr. SAMMARCO P., Promozione e negoziazione dei prodotti finanziari tramite Internet, in Diritto dell'informazione e dell'informatica, 2000, p

7 re è quella temporale: la velocità del mezzo è un elemento caratterizzante di ogni comunicazione informatica. 6 L intermediario che si avvale di Internet è e resta a tutti gli effetti un soggetto attivo del mercato mobiliare, soggetto sul quale incombono le stesse precise responsabilità che caratterizzano la posizione dell intermediario tradizionale. Internet dunque, non può considerarsi in nessun caso lo strumento mediante il quale defilarsi dal coinvolgimento nelle scelte dell investitore e, men che meno, delle conseguenze di queste; non si tratta quindi di un terreno dove raccogliere facili guadagni di intermediazione sull onda degli entusiasmi che lo strumento può generare, grazie anche alla sensazione di protagonismo non mediato che induce nell investitore. Semmai il profitto che dall operatività interattiva può generarsi deve essere guadagnato sul campo dall intermediario, anche mediante l opera di adattamento particolarmente impegnativa, perché spesso discrezionale nelle modalità, ma mai negli obiettivi della nuova operatività alla normativa vigente. 7 Il presente elaborato nasce proprio dalla considerazione della attualità e delle peculiarità della materia. Ci si interrogherà, innanzi tutto, sull opportunità o meno di inquadrare le tecnologie informatiche, ed in particolare Internet con tutte le sue fattispecie costitutive - quali il sito web, la posta elettronica ed il link - nell ambito delle tecniche di comunicazione a distanza disciplinate dal Tuf e chiarendo se tali tecniche configurino o meno una species del più amplio genus dell offerta fuori sede. A riguardo verranno individuati, pertanto, i soggetti coinvolti, l ambito di applicazione, la distinzione rispetto l attività pubblicitaria ed in quali situazioni sia necessario av- 6 Cfr. BOCCHINI E., Introduzione al diritto commerciale nella new economy, Cedam, Padova, 2001, p Cfr. AGOSTINI P. L. E LO PRESTI B., in Trading on line: le regole Consob, in AA.VV., On line banking Soluzioni tecnologiche multicanale, a cura di Carignani e Sorrentino, McGraw-Hill, Milano, 2001 p

8 valersi di promotori finanziari. Il secondo passaggio effettuato sarà affrontare il fenomeno del trading on line, chiarendone la definizione e lo sviluppo: i rilievi problematici che verranno approfonditi saranno la conclusione del contratto e l identificazione della clientela ai fini della disciplina antiriciclaggio. Un rilievo centrale nella caratterizzazione dei mercati finanziari, per molti profili decisivo ai fini della concorrenza tra essi, è assunto dal livello di trasparenza che essi sono in grado di assicurare agli operatori. 8 Un argomento, pertanto, di particolare rilevanza nel nostro ordinamento, affrontato nel presente lavoro, è quello degli obblighi di informazione da fornire ai clienti e da acquisire dagli stessi: peculiari, però, rispetto al fenomeno informatico sono la possibilità di adempiere agli obblighi di comunicazione per mezzo di procedure standardizzate ed il tema dell induzione alla transazione. La fase esecutiva genera problemi riguardo l efficienza del sistema ed il malfunzionamento del sito web: vengono esaminati gli eventuali profili di responsabilità dell intermediario per mancata, inesatta o tardiva esecuzione delle disposizioni del cliente. Anche in tale fase sono assai pregnanti gli obblighi di informativa posti a carico degli intermediari, in questo caso relativamente a informazioni sulla natura e rischi delle operazioni e sulle perdite rilevanti, all'adeguatezza delle operazioni disposte dall investitore e al conflitti di interessi. Il risparmiatore è considerato meritevole di particolare protezione da parte dell ordinamento, il quale ha predisposto alcuni strumenti di tutela, che verranno qui esaminati: il diritto di recesso, l inversione dell onere della prova ed un ferrea disciplina penale riguardo l esercizio abusivo dell attività di intermediazione e sollecitazione abusiva all investimento, la manipolazione del mercato e insider trading (quest ultime fattispecie riformate dalla recente Legge comunitaria 2004, cioè la legge del 18 aprile 2005 n. 8 Cfr. ANGELICI C., Diritto Commerciale, I, Editori Laterza, Roma, 2002, p

9 62) e le condotte di phishing e scalping. Stante l internazionalizzazione dei mercati si renderanno necessari, per completare l analisi del quadro normativo esistente, alcuni brevi cenni sulla disciplina in esame nell ordinamento comunitario ed in alcuni ordinamenti nazionali quali la Francia, la Germania, la Spagna, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. 9

10 Capitolo I La sollecitazione all investimento e l offerta a distanza: linee generali 1. Il sistema delle fonti Il diritto è una scienza che, per rispondere alle mutevoli contingenze della società e dei cittadini, è in continua evoluzione; al suo interno la disciplina dei mercati finanziari risente particolarmente delle variabili esigenze in materia. Le applicazioni tecnologiche hanno determinato, inoltre, una rivoluzione di grande rilievo, imponendo alle autorità di settore di intervenire per adattare l apparato normativo esistente ai differenti interessi in gioco. Al fine di mantenere un quadro giuridico di riferimento chiaro in relazione agli argomenti trattati, occorre delineare il sistema delle fonti. Il sistema preso in considerazione, pertanto, in forza della materia in oggetto, assume un carattere dinamico a causa della continua attività di normazione e di revisione delle norme, effettuata sia a livello nazionale, sia a livello comunitario. Per verificare quale sia l apparato normativo vigente nel nostro ordinamento, occorre esaminare in primo luogo a Carta Costituzionale. Ai fini del nostro esame rileva, infatti, l art. 47, co. 1, il quale dispone che la Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme. 1 Tale assunto, anche se può sembrare superfluo, riveste particolare importanza in sede di interpretazione della norme, primarie e secondarie, al fine di garantire l effettività di tale tutela. 1 Non viene qui preso in considerazione, per ragioni di spazio e di chiarezza espositiva, l art. 11 Cost. con il quale l'italia consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni. Tale norma è a fondamento della vincolatività per il nostro ordinamento delle fonti comunitarie. Cfr. CERRI A., Istituzioni di diritto pubblico, Giuffrè, Milano, 2002, p

11 La norma di rango legislativo di riferimento è il Testo Unico Finanziario, cioè il D. Lgs. n. 58/1998 (di seguito Tuf ). Di tale testo del nostro ordinamento rilevano, particolarmente, gli articoli 32 e 30, che dettano rispettivamente la disciplina dell offerta a distanza e di quella fuori sede. Per uno studio approfondito rilevano, però, anche molte disposizioni del codice civile in materia di contratti e di responsabilità contrattuale, precontrattuale e aquiliana - nonché la normativa antiriciclaggio 2 e la normativa sulla firma digitale. 3 Tale apparato normativo primario trova integrazione ed attuazione nella disciplina secondaria della Consob, ed in particolare nel Regolamento Intermediari 4. Da ultimo occorre osservare attentamente la giurisprudenza creativa 5 della Consob, la quale, mediante le sue comunicazioni, si fa interprete autentico della volontà legislativa e descrive i modelli di comportamento a cui i diversi operatori del mercato si debbono attenere, in virtù del potere regolamentare, di vigilanza e sanzionatorio ad essa attribuito. 6 Su tutte ricordiamo la Comunicazione n. DI/ /99, e la Comunicazione n. DI/30396/00. Infine risulta indispensabile l approfondimento delle norme comunitarie, ed in particolare della Direttiva 2002/65/CE 7 concernente la commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori, della direttiva 2 Legge 197/1991 e le circolari dell UIC. 3 Dalla legge 59/1997 fino al recente decreto legislativo n. 10/ Regolamento di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli intermediari (adottato dalla Consob con delibera n del 1 luglio 1998 e successivamente modificato con delibere n del 9 dicembre 1998, n del 1 marzo 2000, n del 20 aprile 2000, n del 18 aprile 2001 e n del 6 agosto 2002). 5 Cfr. RABITTI BEDOGNI C., Mercati finanziari e Internet: la tutela dei risparmiatori. Problemi e prospettive, in Riolo e Masciandaro, Internet Banking. Tecnologia, economia e diritto, Quinto Rapporto Annuale sul Sistema Finanziario Italiano, a cura della Fondazione Rosselli, Edibank, Roma - Milano, 2000, p Al riguardo, legge 7 giugno 1974, n. 216, istitutiva della Commissione e Testo unico della finanza. 11

12 2003/6/CE 8 relativa all'abuso di informazioni privilegiate e alla manipolazione del mercato, della direttiva 2004/39/CE relativa ai mercati degli strumenti finanziari, (Market in Financial Instruments Directive la c.d. Direttiva MIFID). 9 Recentemente è stato, inoltre, modificato l apparato penale corollario della disciplina in esame: non si può, quindi, trascurare Legge comunitaria 2004, cioè la legge del 18 aprile 2005 n Tale intervento si è reso necessario per il recepimento della direttiva 2003/6/CE. 2. La sollecitazione all investimento L emissione e la collocazione di prodotti o strumenti finanziari nel portafoglio dell investitore possono essere svolte mediante due distinte modalità: il collocamento privato o l appello al pubblico risparmio. Nel primo caso, rivolgendosi l offerta ad un numero limitato di investitori e non essendo esclusa l eventualità di un rapporto precontrattuale di trattativa, sono sufficienti le normali regole del diritto privato, valendo i doveri di correttezza e di informazione disciplinati dal codice civile. 1 Qualora invece l offerta, mediante contratti standard, sia rivolta ad un inde- 7 Direttiva 2002/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 settembre 2002 concernente la commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori e che modifica la direttiva 90/619/CEE del Consiglio e le direttive 97/7/CE e 98/27/CE. 8 Direttiva 2003/6/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2003, relativa all'abuso di informazioni privilegiate e alla manipolazione del mercato - abusi di mercato - e delle direttive della Commissione di attuazione 2003/124/CE, 2003/125/CE e 2004/72/CE. 9 Direttiva 2004/39/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004, relativa ai mercati degli strumenti finanziari, che modifica le direttive 85/611/CEE e 93/6/CEE del Consiglio e la direttiva 2000/12/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e che abroga la direttiva 93/22/CEE del Consiglio (in Gazzetta ufficiale n. L 145 del 30/04/2004 pag ). 10 Legge del 18 aprile 2005 n. 62 recante disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'italia alle Comunità europee. Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 2005, n. 96, S.O. 1 Cfr. BESSONE M., I mercati mobiliari, Giuffrè, Milano, 2002, p

13 terminato numero di potenziali investitori, il carattere diffuso della proposta e della relativa accettazione impedisce che l accordo contrattuale scaturisca da un confronto individualizzato fra le parti: in tali circostanze si rendono necessarie le normative di protezione e di vigilanza del Tuf. Tali norme sono tese ad assicurare la trasparenza e le garanzie dell informazione dovute agli investitori, nonché l osservanza di particolari regole di correttezza e vigilanza sulle iniziative di mercato: queste esigenze, comuni anche al diritto privato, necessitano di una speciale disciplina che regolamenti le peculiarità del settore di riferimento. Le esigenze di investor protection si attenuano qualora l operazione abbia delle dimensioni (per il numero di soggetti coinvolti o per l ammontare complessivo dell offerta stessa) limitate, tali da ritenere sufficiente la tutela prevista dal codice civile, ovvero dal Tuf per i servizi di investimento. L art. 100 del Tuf ha demandato, pertanto, alla Consob il potere di regolamentare la materia, individuando il numero di soggetti al di sotto del quale le disposizioni in materia di sollecitazione all investimento non siano applicabili. La normazione secondaria della Consob 2 ha previsto che tale disciplina non sia applicabile alle sollecitazioni rivolte ad un numero di soggetti non superiore a duecento ed a quelle aventi ad oggetto prodotti finanziari di ammontare complessivo non superiore a quarantamila euro. I prodotti finanziari sono beni dei quali la generalità dei risparmiatori non ha una conoscenza adeguata e le relative negoziazioni possono avvenire in condizioni di asimmetria informativa. La disciplina in esame, relativa alla sollecitazione all investimento, si rende necessaria affinché di tali asimmetrie non sia fatto abuso e lo stesso art. 100 del Tuf ha previsto, pertanto, che essa non si applichi alle sollecitazioni all'investimento rivolte ai soli inve- 2 In particolare l art. 33 del Regolamento di attuazione adottato dalla Consob con delibera n del 14 maggio 1999 (successivamente modificato con delibere n del 6 aprile 2000, n del 18 aprile 2001, n del 3 maggio 2001, n del 22 maggio 2001, n del 5 giugno 2002, n del 12 giugno 2002, n del 4 febbraio 2003, n del 27 marzo 2003 e n del 23 dicembre 2003). 13

14 stitori professionali come definiti ai sensi dell'articolo 30, comma 2 del Tuf. La disciplina dell appello al pubblico risparmio prevede due distinte figure, disciplinate negli artt. 94 e ss. del Tuf. Da un lato vi è la sollecitazione all investimento, ovvero ogni offerta, invito a offrire o messaggio promozionale, in qualsiasi forma rivolti al pubblico, finalizzati alla vendita o alla sottoscrizione di prodotti finanziari; non costituisce sollecitazione all'investimento la raccolta di depositi bancari o postali realizzata senza emissione di strumenti finanziari 3, mentre, dall altro, l offerta pubblica di acquisto (Opa) o di scambio (Ops), ossia ogni offerta, invito a offrire o messaggio promozionale, in qualsiasi forma effettuati, finalizzati all'acquisto o allo scambio di prodotti finanziari e rivolti a un numero di soggetti superiore a quello indicato nel regolamento previsto dall'articolo 100 nonché di ammontare complessivo superiore a quello indicato nel medesimo regolamento 4. Mentre nell offerta pubblica di acquisto viene proposto agli oblati di ricevere denaro in cambio dei prodotti finanziari in loro possesso e nell offerta pubblica di scambio viene proposto loro di ricevere altri prodotti finanziari in cambio di quelli che l offerente si obbligherà ad acquistare, nella sollecitazione all investimento agli oblati viene proposto di trasferire all offerente una somma di danaro in cambio di prodotti finanziari già emessi (offerta pubblica di vendita) o da emettere (offerta pubblica di sottoscrizione). L investitore coinvolto in una operazione di sollecitazione all investimento necessita, pertanto, di una protezione maggiore in quanto è chiamato a trasferire un valore certo (denaro) in cambio di un prodotto finanziario di valore non altrettanto certo; nell Opa il risparmiatore riceve una prestazione in denaro certa in cambio di un prodotto finanziario di incerto valore e nel- 3 Art. 1, 1 comma, lett. t del Tuf 4 Art. 1, 1 comma, lett. v del Tuf 14

15 l Ops lo scambio è, quantomeno, fra beni di valore non certo L offerta a distanza come specie dell offerta fuori sede L applicazione a valle della sollecitazione all investimento, ma anche e soprattutto la negoziazione dei prodotti finanziari, quando presentano i caratteri dell offerta fuori sede, sono assoggettate ad una specifica disciplina integrativa dettata dall art. 30 del Tuf. In particolare, il 1 comma prevede che per offerta fuori sede s intende la promozione ed il collocamento presso il pubblico di: a) strumenti finanziari in luogo diverso dalla sede legale o dalle dipendenze dell emittente, del proponente l investimento o del soggetto incaricato della promozione o del collocamento. b) servizi d investimento in luogo diverso dalla sede legale o dalle dipendenze di chi presta, promuove o colloca il servizio. Essa può riguardare, quindi, oltre le sollecitazioni all investimento, le offerte pubbliche di acquisto o di scambio e la prestazione di servizi di investimento 6, Il fenomeno dell offerta a distanza 7 consiste in una tecnica di contatto con la clientela, diversa dalla pubblicità, che non comporta la presenza fisica e simultanea del cliente e del soggetto offerente o di un suo incaricato. Innanzitutto occorre verificare se la promozione e il collocamento a distanza di servizi di investimento e strumenti finanziari (art. 32) è species del più amplio genus dell offerta fuori sede (art. 30), come ormai la quasi tota- 5 Cfr. COSTI R., Il mercato mobiliare, Giappichelli, Torino, 2000, p Cfr. COSTI R., Il mercato mobiliare, Giappichelli, Torino, 2000, p Così come definito dall art. 32 comma 1 del Tuf. 15

16 lità della dottrina 8 e della giurisprudenza 9 sostengono. Un primo elemento a favore di tale tesi è il fatto che il Capo IV del Tuf titolato Offerta fuori sede contenga la disciplina dell offerta fuori sede in generale (art. 30) e quella dell offerta a distanza 10. Essa viene considerata species anche in virtù di un rinvio presente nell art. 32, co. 2: in conformità ai principi stabiliti dall art Il tratto comune alle due fattispecie è dato dalla relazione comunicativa che si instaura tra cliente e soggetto offerente, che è diretta e bilaterale, nonché promossa su iniziativa dell operato- 8 Cfr. GENTILI A., Commento all art. 32 del T.u., in Commentario al testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, a cura di Alpa e Capriglione, Cedam, Padova, 1998, p. 339 LENER R., Promozione e collocamento di prodotti finanziari e servizi di investimento tramite Internet, in Riolo e Masciandaro, Internet Banking. Tecnologia, economia e diritto, Quinto Rapporto Annuale sul Sistema Finanziario Italiano, a cura della Fondazione Rosselli, Edibank, Roma - Milano, 2000, p Contra, BOCHICCHIO F., La promozione a distanza di strumenti finanziari e la conclusione del contratto: la tutela del risparmiatore tra neoformalismo e valutazione funzionale, con particolare riferimento al contratto quadro, in Diritto ed economia dell assicurazione, 1998, p PATRONI GRIFFI A., L offerta fuori sede, in Intermediari finanziari, mercati e società quotate, a cura di Patroni Griffi, Sandulli e Santoro, Giappichelli, Torino, 1999, p Un ordinanza del Tribunale di Frosinone del 20 aprile 2001 conferma questa costruzione dottrinale. Cfr. ROSSETTI M., Rassegna di merito, Tribunale di Frosinone, ordinanza del 20 aprile 2001, in I Contratti, 2001, p Questa tesi è stata sostenuta in primis dalla Consob nella Comunicazione n. DI/ del Cfr. PARRELLA F., La disciplina speciale dell offerta a distanza di prodotti finanziari e di servizi d investimento, in Diritto della banca e del mercato finanziario, 2000, p Cfr. GAMBINO A. M., La promozione ed il collocamento a distanza di prodotti finanziari, in Banca e finanza fra imprese e consumatori, a cura di Guaccero e Urbani, Il mulino, Bologna, 1999, p In questo senso anche MARTELLONI A., L offerta extra moenia di prodotti e servizi bancari, finanziari e assicurativi, in Diritto della banca e del mercato finanziario, 2004, parte II, p Nonché BONZANINI L., La disciplina del collocamento a distanza di prodotti finanziari, in I Contratti, 1999, p

17 re finanziario 12 ; l offerta a distanza si differenzia da quella extra moenia perché avviene senza che vi sia la compresenza fisica tra la fonte e il destinatario della comunicazione. 13 Del resto la qualificazione dell offerta a distanza come specie del genere offerta fuori sede si giustifica all interno di una disciplina, quale è quella in esame, tutta improntata alla tutela dell investitore, ovverosia del destinatario dell offerta. Avendo riguardo, infatti, alla posizione di quest ultimo, l offerta a distanza costituisce sempre un offerta extra moenia, in quanto tecnica di sollecitazione dell investitore in luogo diverso dalla sede legale o dalle dipendenze dell offerente. 14 In entrambe le situazioni il risparmiatore è esposto al rischio di assunzione di scelte contrattuali senza una reale necessità (nel caso estremo), ovvero senza aver potuto effettuare le necessarie valutazioni (fattore tempo) o comparazioni (fattore informazione) 15 per addivenire ad un fondato giudizio sulla proposta. 16 Nell offerta a distanza, 12 Cfr. RABBITTI BEDOGNI C., Il testo unico della intermediazione finanziaria: commentario al D. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, art. 32, Giuffrè, Milano, 1998, p In questo senso anche COCO F., La disciplina integrata del trading on line nella normativa italiana, tratto dal sito 13 Cfr. RABBITTI BEDOGNI C., Il testo unico della intermediazione finanziaria: commentario al D. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, art. 32, Giuffrè, Milano, 1998, p In questo senso anche COMPORTI C., La sollecitazione all investimento, in Intermediari finanziari, mercati e società quotate, a cura di Patroni Griffi, Sandulli e Santoro, Giappichelli, Torino, 1999, p Nonché BUONOCORE V., Manuale di diritto commerciale, Giappichelli, Torino, 2003, Cfr. PARRELLA F., La disciplina speciale dell offerta a distanza di prodotti finanziari e di servizi d investimento, in Diritto della banca e del mercato finanziario, 2000, p Cfr. COMPORTI C., L offerta fuori sede di strumenti finanziari nel diritto comunitario: situazione attuale e prospettive di riforma, in Diritto della banca e del mercato finanziario, 2003, p Cfr. CARTELLA, voce Vendita a domicilio, in Enciclopedia del diritto aggiornata, vol 1., Giuffrè, Milano, 1997, p. 978 In questo senso anche CARRIERO G., Vendite a distanza, informazione precontrattuale, disciplina comunitaria: la tutela del consumatore di servizi finanziari, in E-commer- 17

18 inoltre, vi è la necessità di una tutela rafforzata, vista la spersonalizzazione del mezzo di contatto. 17 Contrariamente, si potrebbe obiettare come nella comunicazione a distanza il cliente disponga di maggiori possibilità di riflessione e di indubbie facilitazioni all interruzione delle trattative, allorché si trovi esposto ad una pressione che ritenga eccessiva. La promozione e il collocamento mediante tecniche di comunicazione a distanza, infatti, non possono effettuarsi e, qualora intrapresi, devono essere immediatamente interrotti, nei confronti degli investitori che si dichiarino esplicitamente contrari al loro svolgimento o alla loro prosecuzione. 18 La vendita a distanza solo in parte sarebbe specie del genere dell offerta extra moenia, perché rivela connotazioni oggettive ed esigenze del tutto estranee all offerta di cui all art. 30 del Tuf. 19 Un altra obiezione sollevata riguarda la previsione letterale del Testo Unico 20, nella parte in cui prevede la sospensione per sette giorni dell efficacia dei contratti di collocamento di strumenti finanziari o di gestione di portafogli individuali conclusi fuori sede ovvero collocati a distanza. La separata menzione dei contratti conclusi fuori sede e di quelli collocati a distanza serve a fissare a livello legislativo delle regole (la sospensione legale dell efficacia del contratto ed il diritto di ripensamento entro sette giorni) cui ce: la Direttiva 2000/31/CE e il quadro normativo della rete, a cura di Antonucci, Giuffrè, Milano, 2001, p Cfr. ANNUNZIATA F., La disciplina del mercato mobiliare, Giappichelli, Torino 2004, p Cfr. Art. 74 del Reg. Consob n / Cfr. GENTILI A., Commento all art. 32 del T.u., in Commentario al testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, a cura di Alpa e Capriglione, Cedam, Padova, 1998, p. 339 Vedi anche BOCHICCHIO F., La promozione a distanza di strumenti finanziari e la conclusione del contratto: la tutela del risparmiatore tra neoformalismo e valutazione funzionale, con particolare riferimento al contratto quadro, in Diritto ed economia dell assicurazione, 1998, p. 765 e ss. 20 Art. 30, co. 6 del Tuf 18

19 la Consob non può derogare nel dettare la disciplina dell offerta a distanza 21. Una volta definita l offerta a distanza come species del più amplio genus dell offerta fuori sede, in quanto tecnica di sollecitazione dell investitore in luogo diverso dalla sede legale o dalle dipendenze dell offerente, non dovrebbe essere inclusa nella fattispecie dell offerta a distanza, e soggetta alla peculiare disciplina della stessa, l ipotesi in cui l investitore giunga all operazione su un prodotto finanziario via Internet avvalendosi di un terminale situato presso la sede del soggetto abilitato. 22 Qualora, invece, si opti per l inquadramento dell offerta a distanza come genus diverso dall offerta fuori sede, non ritenendo applicabili i criteri di definizione di quest ultima, al caso in esame sarebbe applicabile la peculiare e restrittiva disciplina dell offerta a distanza. Oltre alla sopraccitata definizione, il legislatore del Testo Unico non si occupa ulteriormente della materia salvo che per demandare alla Consob non soltanto il compito di disciplinarla, ma la stessa valutazione in ordine all effettiva necessità di una normativa specifica. Questa scelta è stata criticata, preferendo taluni 23, in luogo della delega all Autorità, la predisposizione 21 Cfr. PARRELLA F., La disciplina speciale dell offerta a distanza di prodotti finanziari e di servizi d investimento, in Diritto della banca e del mercato finanziario, 2000, p Cfr. PARRELLA F., La disciplina speciale dell offerta a distanza di prodotti finanziari e di servizi d investimento, in Diritto della banca e del mercato finanziario, 2000, p Cfr. ZITIELLO L., La Riforma Draghi. Offerta fuori sede, promotori finanziari e collocamento a distanza nel regolamento Consob n /1998, in Le Società, 1998, p In questo senso anche SALANITRO N., Società per azioni e mercati finanziari, Giuffrè, Milano, 2000, p Nonché ALPA G. e GAGGERO P., La riforma Draghi. D. L.gs. 58/1998, Profili della tutela del risparmiatore, in Le società, 1998, p Contra RIOLO F., La rivoluzione Internet tra regolamentazione e autoregolamentazione, in Bancaria, 2000, n. 7/8, p

20 di una disciplina organica della materia, per assicurare una tutela adeguata e diffusa in un settore indubbiamente sensibile, nel quale le possibilità di abuso nei confronti dei risparmiatori sembrano estremamente probabili, eppure sinora solo marginalmente considerate nel nostro ordinamento. Altra parte della dottrina 24 ha visto in questa scelta la conferma dell inquadramento dell offerta a distanza come species di un più ampio genus costituito dall offerta fuori sede: la disciplina applicabile, in assenza di interventi integrativi della Consob, è quella dell offerta fuori sede e le norme speciali eventualmente elaborate dall autorità di vigilanza devono essere conformi ai principi che governano tale figura. L unica eccezione al suddetto limite è contenuta nello stesso comma 2 dell art. 32 Tuf, ove si prevede espressamente la possibilità, per la Commissione, di dettare una disciplina anche difforme da quella prevista per l offerta extra moenia riguardo l obbligo di avvalersi di promotori finanziari. Il legislatore ha, dunque, attribuito alla Consob la facoltà di dettare per l offerta a distanza norme ulteriori rispetto a quelle previste per l offerta fuori sede e non anche norme in contrasto con queste ultime: tale facoltà può essere esercitata in funzione di specifiche esigenze di tutela dell investitore correlate all utilizzo di tecniche di comunicazione a distanza. 25 Non poteva essere diversamente, dal momento che lo sviluppo tecnologico e la sua influenza sulle tecniche di contatto a distanza in campo finanziario non sono puntualmente prevedibili nel lungo termine La promozione e il collocamento a distanza dei prodotti fi- 24 Cfr. PARRELLA F., La disciplina speciale dell offerta a distanza di prodotti finanziari e di servizi d investimento, in Diritto della banca e del mercato finanziario, 2000, p Le norme secondarie riguardanti l offerta a distanza sono contenute negli artt del Regolamento degli intermediari n.11522/ Cfr. Quaderno Assogestioni, D.lgs. 23 Luglio 1996, n Un Commento preliminare, n. 15, Roma, 1996, p

L offerta fuori sede e le tecniche di comunicazione a distanza, nell ambito della disciplina dei servizi di investimento

L offerta fuori sede e le tecniche di comunicazione a distanza, nell ambito della disciplina dei servizi di investimento FILIPPO ANNUNZIATA L offerta fuori sede e le tecniche di comunicazione a distanza, nell ambito della disciplina dei servizi di investimento (Traccia della relazione tenuta all incontro di studio sul tema

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

Aprile 2002. I servizi di investimento in rete: etica, finanza e trading on line, di Manuel Margini

Aprile 2002. I servizi di investimento in rete: etica, finanza e trading on line, di Manuel Margini Aprile 2002 I servizi di investimento in rete: etica, finanza e trading on line, di Manuel Margini Già più volte la Consob si è pronunciata sull uso di tecniche di comunicazione a distanza da parte di

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO Roma, 30 gennaio 2008 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO INDICE SOMMARIO Premessa... XVII Introduzione... XIX Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO 1. Il concetto di mercato... 1 2. Segmenti tradizionali del mercato finanziario e l attenuarsi del significato della

Dettagli

GESTIONI DI PORTAFOGLI: LA NUOVA DISCIPLINA IVA.

GESTIONI DI PORTAFOGLI: LA NUOVA DISCIPLINA IVA. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE GESTIONI DI PORTAFOGLI: LA NUOVA DISCIPLINA IVA. EDOARDO GUFFANTI 18 Aprile

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Ottobre 2003. Internet come tecnica di comunicazione a distanza, di Filippo Sartori

Ottobre 2003. Internet come tecnica di comunicazione a distanza, di Filippo Sartori Ottobre 2003 Internet come tecnica di comunicazione a distanza, di Filippo Sartori 1. Premessa; 2. La direttiva n. 02/65/CE; 3. Posta elettronica e pagina web: offerta a distanza attraverso internet; 4.

Dettagli

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 1 Macerata, 14 novembre IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 2 Macerata, 14 novembre LE INIZIATIVE A LIVELLO EUROPEO: EUVECA, EUSEF Il 17 aprile 2013 sono stati pubblicati: (i) il

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.5. Obblighi e adempimenti 1 GLOSSARIO 4 NORMATIVA 6 1.5 OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere la differenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001 1. Premessa La realtà del settore finanziario ha registrato, in particolare negli ultimi anni, una chiara trasformazione della figura del promotore finanziario. Questi infatti, superando l originario ruolo

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio Di Maurizio Arena La gestione di fondi comuni di investimento, oggetto dell attività delle società di gestione

Dettagli

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010.

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010. Aprile 2014 Recepimento della AIFMD in Italia e spunti EMIR Laura Francazi, Allen & Overy Il decreto legislativo 1 che recepisce in Italia le disposizioni della direttiva europea sui gestori di fondi di

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente 10/12/2015 AG 90/15/AP Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Oggetto: Richiesta di parere del Ministero dell Economia e delle Finanze prot. n. 151928 del 12.11.2015 - Schema di decreto del Ministro

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA L esercizio dei servizi di investimento: riserva di attività e regole generali di comportamento dei soggetti abilitati 1 Riserva di attività (art.

Dettagli

Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56

Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 "Attuazione della direttiva 2001/97/CE in materia di prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi da attività illecite" pubblicato

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ON LINE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 I Servizi ed i Prodotti Finanziari On Line ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DISTRIBUZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI TRAMITE UNA SEDE DI NEGOZIAZIONE MULTILATERALE 9 MAGGIO 2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DISTRIBUZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI TRAMITE UNA SEDE DI NEGOZIAZIONE MULTILATERALE 9 MAGGIO 2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DISTRIBUZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI TRAMITE UNA SEDE DI NEGOZIAZIONE MULTILATERALE 9 MAGGIO 2016 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 SCHEMA DI PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RAPPORTI ASSICURATIVI VIA WEB, ATTUATIVO DELL ARTICOLO 22, COMMA 8, DEL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Risoluzione n. 343/E

Risoluzione n. 343/E Risoluzione n. 343/E Roma, 04 agosto 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Richiesta di consulenza giuridica. Articolo 10, n. 4, D.P.R. n. 633 del 1972. Regime IVA applicabile ai servizi

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo)

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) REGOLAMENTO N. 34 DEL 19 MARZO 2010 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROMOZIONE E COLLOCAMENTO A DISTANZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE DI CUI AGLI ARTICOLI 183 E 191, COMMA 1, LETTERE A)

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Il Regolamento disciplina: a) la proposizione e la gestione dei reclami presentati all ISVAP dalle persone fisiche e giuridiche dalle associazioni

Dettagli

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Impatto della MiFID sul sistema organizzativo interno degli intermediari. La consulenza e l impatto nell operatività dei promotori finanziari Milano,

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Disposizioni concernenti gli obblighi di comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti da parte dei soggetti abilitati e degli agenti di cambio.

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.1. Premessa 1 GLOSSARIO 6 NORMATIVA 8 1.1 PREMESSA Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere gli obiettivi perseguiti dalle disposizioni

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

maggio 2006 In particolare, è previsto che:

maggio 2006 In particolare, è previsto che: maggio 2006 Qualche spunto (critico) ricostruttivo della disciplina degli intermediari finanziari non bancari, del Prof. Ranieri Razzante, Docente di Legislazione antiriciclaggio nell Università di Macerata

Dettagli

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI Aspetti salienti della sentenza Deutsche Bank. Precedenti pronunce della Amministrazione Finanziaria Italiana in materia di regime IVA applicabile ai servizi finanziari

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

Attuazione della direttiva 2011/61/UE, in materia di fondi di investimento alternativi

Attuazione della direttiva 2011/61/UE, in materia di fondi di investimento alternativi Attuazione della direttiva 2011/61/UE, in materia di fondi di investimento alternativi (Schema di decreto legislativo n. 55) N. 51 15 gennaio 2014 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Commissione Nazionale per le Società e la Borsa Pagina 1 di 6 English - Versione accessibile - Mappa - Contatti e PEC - Privacy - Avvertenze - Link utili - Ricerca - RSS Albi Elenchi Società quotate Prospetti/documenti opa Equity Crowdfunding La Consob

Dettagli

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare:

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare: GESTIONE, DISCLOSURE E MONITORAGGIO DEGLI INCENTIVI ( INDUCEMENTS ) VERSATI E/O PERCEPITI DALLA BANCA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI 1. PREMESSA La disciplina MiFID sugli incentivi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli