cos è l energia? eni, la scuola, l energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "cos è l energia? eni, la scuola, l energia"

Transcript

1 Guida per gli insegnanti

2 eni, la scuola, l energia La conoscenza dell energia è un elemento molto importante per comprendere tanti aspetti del mondo che ci circonda. Per questo eni da oltre vent anni mette a disposizione della scuola le sue competenze scientifiche fornendo ai ragazzi gli strumenti per capire la complessità delle fonti energetiche, la loro origine, il loro uso. Conoscere questi temi è un punto di partenza fondamentale per assicurare alle generazioni future un ambiente a misura d uomo. cos è l energia? Ogni cosa per funzionare ha bisogno di energia. Cosa succederebbe se tutta l energia scomparisse all improvviso? Tutto sarebbe immobile, freddo, spento privo di vita. L energia ci dà luce, scalda i nostri corpi e le nostre case, ci permette di cuocere i dolci e di tenere il latte al fresco, fa funzionare la tv e l auto. Insomma, l energia ci permette di vivere bene. Tutto questo perché l energia è luce: che usiamo per illuminare. è calore: con cui scaldiamo le case e noi stessi, ma anche il nostro cibo. fa muovere: tutto ciò che si muove ha bisogno di energia, che le automobili trovano nella benzina, i giocattoli nelle batterie, le barche a vela nel vento fa funzionare gli apparecchi: la tv, il computer, il frigorifero, la lavatrice, i telefonini L energia serve per muoversi, per scaldarsi, per far arrivare l acqua nelle case, per comunicare, per produrre gli oggetti e smaltire i rifiuti ogni cosa ne ha bisogno! Ma da dove viene? L energia è dappertutto, è nella struttura della materia e nella forza dei fenomeni naturali. Si trova nei legami chimici del petrolio, del carbone e del gas: è energia chimica che si trasforma in calore durante il processo di combustione. C è energia anche nella forza del vento che soffia e dell acqua che scende dai monti: è energia meccanica che può essere trasformata in energia elettrica. Altra energia sfruttabile è quella presente nei legami nucleari degli atomi di alcuni elementi, come ad esempio l uranio: è l energia nucleare. In particolari condizioni, che l uomo ha imparato a riprodurre, i legami nucleari si rompono producendo enormi quantità di calore (energia termica). Le fonti di energia della Terra sono tante; purtroppo le attuali tecnologie ci consentono di trasformarne e utilizzarne solo una piccola parte. Le fonti di energia attualmente più usate, i combustibili fossili, sono dette non rinnovabili, perché sono destinate a finire, ma sempre più stiamo cercando di sfruttare altre energie, quelle rinnovabili, che per loro natura non si esauriscono nel tempo. Sono rinnovabili le energie del sole e del vento, inesauribili, con ridotto impatto sull atmosfera, ma che hanno una densità energetica (è l energia accumulata in un sistema e il suo volume) minore che, per le attuali tecnologie, non le rendono economicamente utilizzabili per tutte le attività dell uomo; ad esempio, una centrale fotovoltaica ha bisogno di spazi da 10 a 100 volte superiori rispetto ai consueti metodi di generazione elettrica tramite combustibili fossili. 3

3 energia dal sole Il sole emette un enorme quantità di energia che arriva sulla Terra sotto forma di raggi, luce e calore, senza la quale non ci sarebbe vita sulla Terra: in una sola ora il nostro pianeta riceve più energia di quella usata dall intera popolazione terrestre in un anno. Purtroppo, non siamo ancora in grado di sfruttare al meglio questa grande ricchezza. Le attuali tecnologie permettono di solito due usi: si può sfruttare l energia del sole per produrre calore (solare termico) o elettricità (solare fotovoltaico). Le due diverse produzioni richiedono una tecnologia diversa. Il solare termico sfrutta i raggi solari per scaldare un liquido con cui a sua volta si riscalda, tramite uno scambiatore, l acqua contenuta in un serbatoio. Gli impianti fotovoltaici invece, mediante il silicio, trasformano i raggi di sole in elettricità. Dal sole derivano indirettamente anche molte altre energie che l uomo può sfruttare. I combustibili fossili sono il risultato della trasformazione di materia organica, derivata da antichi esseri viventi, ma anche l energia eolica è dovuta al sole: il vento non è altro che lo spostamento di masse di aria riscaldate e lo stesso vale per il moto ondoso, creato dal vento che soffia sulla superficie del mare. energia dal vento Immaginiamo una giornata di tempesta. Gli alberi che si piegano, le persiane che sbattono, oggetti che volano: il vento è proprio una forza! E l uomo si è accorto molto presto di poterlo utilizzare: migliaia di anni fa ha inventato la barca a vela, per navigare e andare a conoscere il mondo, e i mulini a vento per macinare farina, pompare l acqua da sottoterra o altri importanti lavori. Negli ultimi anni, a causa della crisi energetica e ambientale, l energia eolica è stata rivalutata. I nuovi impianti per sfruttare l energia del vento possono avere dimensioni e usi diversi. Si va dal mini-eolico, per un uso domestico, al parco eolico che è una vera e propria centrale elettrica, con enormi pale a vento collegate alla rete elettrica. Gli impianti eolici hanno preso il posto dei vecchi mulini a vento. Sempre più spesso li vediamo nelle nostre campagne o lungo le coste: colonne alte fino a 100 metri cui sono attaccate grosse pale bianche che girano lentamente. Questi impianti trasformano l energia del vento in elettricità. La macchina che lo permette si chiama aerogeneratore e funziona con lo stesso principio del mulino, solo che le pale spinte dal vento vengono collegate a un generatore elettrico. L energia eolica è rinnovabile e senza emissioni in atmosfera, e può fornire alla rete nazionale un contributo significativo in termini di energia elettrica prodotta. L utilizzo di questa fonte energetica in ambiente deve conciliarsi con la presenza di zone a vento costante e la tutela del paesaggio. io robot L energia è importante per muoversi. Proponiamo quindi un gioco di movimento: diciamo ai bambini che ognuno di loro è un robot e che ha bisogno di carburante per muoversi; i vari tipi di carburante saranno rappresentati da cartoncini colorati. Ogni colore rappresenta un diverso carburante: alcuni sono più efficienti, altri meno. Distribuiamo casualmente e di nascosto a ciascun bambino un cartoncino. Spieghiamo che il carburante rosso è molto energetico ma dura poco, circa un minuto; quello giallo dura un po di più, un minuto e mezzo, ma è poco efficiente e permette attività ridotte e rallentate; i carburanti verdi e blu sono di potenza media, ma durano molto a lungo, fino a due minuti. Ora facciamo partire il cronometro e diamo il via: tutti inizieranno a muoversi (alcuni più dinamicamente e altri meno, a seconda del colore), finché scandiremo a voce alta il passaggio di un minuto, di un minuto e mezzo e di due minuti. Spieghiamo quindi ai bambini che per muoverci ci vuole energia, ma che i carburanti e dunque le prestazioni non sono uguali. 4 5

4 energia dall acqua L energia idroelettrica viene ricavata dalla forza dell acqua, di fiumi e laghi, grazie a dighe e condotte forzate. Nelle centrali idroelettriche a salto si sfruttano grandi altezze di caduta disponibili nelle regioni montane. Nelle centrali idroelettriche ad acqua fluente si utilizzano invece grandi masse di acqua fluviale che superano piccoli dislivelli. Come funziona la produzione di energia idroelettrica? L acqua di un lago o di un bacino artificiale viene convogliata a valle attraverso condutture che la portano alle turbine le quali, colpite, girano vorticosamente. Le turbine sono collegate a un alternatore che, grazie al fenomeno dell induzione elettromagnetica, trasforma l energia meccanica in energia elettrica. Per immagazzinare energia e averla sempre a disposizione, l acqua viene pompata nei serbatoi a monte sfruttando l energia prodotta e non richiesta durante la notte cosicché di giorno, quando la richiesta è maggiore, si può disporre di ulteriori masse d acqua con cui produrre energia. L energia prodotta dalle centrali idroelettriche è a tutti gli effetti energia rinnovabile in quanto l acqua può essere utilizzata senza depauperamento. Nel caso di bacini artificiali, la loro realizzazione deve garantire il mantenimento degli ecosistemi che dipendono dai corsi d acqua interessati. In Italia costituisce la più importante risorsa energetica interna. Sfrutta il movimento dell acqua anche l energia mareomotrice, un energia pulita che si ricava dagli spostamenti d acqua provocati dalle maree. energia dalla terra L energia geotermica si produce sfruttando il calore della terra. Le temperature al di sotto della crosta terrestre, infatti, mediamente aumentano di 2-3 C ogni 100 metri di profondità; ma in alcune zone, in particolare quelle interessate da fenomeni di vulcanesimo attivo, sono molto elevate già a profondità modeste. Se nel sottosuolo di queste zone vi è abbondanza di acqua, questa si scalda fino all ebollizione e, trasformata in vapore, fuoriesce dalle spaccature della crosta terrestre provocando fumarole e geyser: vere e proprie eruzioni di acqua bollente e vapore. Il vapore viene incanalato verso una turbina per generare elettricità. Una volta sfruttato, il vapore si raffredda e l acqua che ha ancora una temperatura intorno ai 120 C può essere utilizzata per riscaldare serre, capannoni e abitazioni. Invece di bruciare un combustibile per ottenere energia termica, nelle centrali geotermiche viene quindi sfruttato il vapore caldo che esce dalla crosta terrestre. Di fatto, è come se la Terra si sostituisse alla caldaia per produrre il vapore da inviare alla turbina che genera energia. L energia geotermica è quindi un energia pulita e rinnovabile, in quanto non soggetta a esaurimento se non in tempi lunghissimi, quelli geologici della vita della Terra! In Italia questo tipo di energia è conosciuto e applicato da tanto tempo, tanto che i primi impianti al mondo sono sorti proprio nel nostro Paese: sono gli impianti toscani di Larderello, costruiti nel 1904 e tutt ora in funzione. consumi e sprechi Ecco un gioco di osservazione per capire insieme ai bambini in quanti contesti quotidiani loro stessi vedono e usano l energia e magari anche quanta ne sprecano! Proponiamo ai bambini di fare una caccia al tesoro in casa. Ognuno dovrà scegliere una stanza della propria casa e fare un elenco con più tracce possibili di consumo di energia. L elenco dovrà contenere gli oggetti che consumano energia (accanto deve scrivere se nel momento dell osservazione sono accesi o spenti). Inoltre, dovranno essere segnalati sull elenco tutti gli sprechi di energia: c è un televisore acceso mentre nessuno lo guarda? C è un apparecchio lasciato in standby? Il giorno successivo leggeremo gli elenchi in classe e cercheremo di scoprire insieme quante cose nelle nostre case consumano energia, valorizzando se qualcuno è riuscito a scoprire oggetti ed elementi che gli altri non hanno osservato. Soffermiamoci soprattutto sugli sprechi: ne abbiamo notati molti? Quali ricorrono più spesso? Ce n è qualcuno, probabilmente in molte case, che non è stato preso in considerazione (come gli standby o i caricabatterie lasciati attaccati)? 6 7

5 petrolio Il petrolio è un liquido oleoso prodotto dalla trasformazione dei resti organici, animali e vegetali, rimasti sepolti nel sottosuolo per milioni di anni. È oggi la nostra principale fonte di energia, che purtroppo non è rinnovabile dal momento che sono stati necessari milioni di anni perché si formassero i giacimenti che noi oggi sfruttiamo nell arco di qualche decennio. D altra parte è anche vero che esistono ancora molti giacimenti non scoperti, che l esplorazione petrolifera renderà disponibili per la produzione negli anni a venire. Ma come si è formato il petrolio? Nel corso delle ere geologiche i sedimenti marini che si depongono sul fondo vengono via via sommersi da nuovi sedimenti e sprofondano anche di diverse migliaia di metri. Sotto il peso enorme dei sedimenti soprastanti la materia organica, che in alcuni di essi e soprattutto nelle argille è contenuta in quantità particolarmente abbondante, in assenza di ossigeno e per effetto del calore si decompone, alterandosi e trasformandosi in petrolio (oltre che, come vedremo più avanti, in gas naturale). Col passare del tempo, le rocce liberano gli idrocarburi di cui sono imbevute e questi, essendo più leggeri dell acqua che è presente ovunque nei sedimenti del sottosuolo, per galleggiamento tendono a salire verso l alto finché non incontrano uno strato di roccia impermeabile che li ferma. Qui, non potendo più muoversi, rimangono intrappolati e si accumulano: ecco che si formano i giacimenti, che si trovano sottoterra da poche centinaia a migliaia di metri di profondità. Per estrarre il petrolio si perforano dei pozzi che attraversano la roccia fino a incontrare il giacimento. Nei pozzi vengono successivamente calati e fissati con cemento dei tubi, muniti di valvole di regolazione e di chiusura, attraverso i quali il petrolio arriverà in superficie. I giacimenti possono trovarsi anche al di sotto dei fondali marini; per sfruttare queste risorse l uomo costruisce le piattaforme petrolifere, imponenti strutture di metallo al largo delle coste. In Italia le troviamo in Adriatico, nello Ionio e nel Canale di Sicilia. Nell antichità il poco petrolio che nella sua risalita raggiungeva la superficie veniva talvolta raccolto e utilizzato così com era: greggio, utilizzandolo per l illuminazione o come fonte di calore. Oggi invece il petrolio viene scomposto in molti prodotti diversi, ciascuno dedicato a un uso specifico, e in questo modo se ne massimizza la resa come fonte di energia. Dai giacimenti viene portato direttamente alle raffinerie mediante tubazioni continue (oleodotti), o con navi opportunamente attrezzate (navi cisterna o petroliere), o con speciali autoveicoli (autocisterne) e carri ferroviari (carri cisterna). Con il petrolio vengono realizzati molti prodotti: alcuni, come la benzina e il gasolio, servono a produrre energia; altri, come le materie plastiche, vengono utilizzati per produrre oggetti di larghissimo uso. A ogni modo, i derivati del petrolio sono soprattutto utilizzati come combustibili, grazie alla loro notevole densità energetica: nelle centrali termoelettriche per la produzione di energia elettrica, negli impianti domestici per il riscaldamento e la produzione di acqua calda, per fornire energia alle fabbriche e per alimentare i motori termici di un infinità di veicoli grandi e piccoli. L utilizzo dei prodotti derivati dal petrolio genera emissioni in atmosfera di CO 2 e di prodotti della combustione e sono necessari accorgimenti per limitare l impatto di queste sostanze sulla salute dell uomo e dell ambiente (ad esempio le marmitte catalitiche degli automezzi). trasformazioni Costruiamo un piccolo giocattolo scientifico: il serpente girandola. Disegniamo su un cartoncino (o carta velina o alluminio) dei serpenti arrotolati. Coloriamoli a piacere e ritagliamoli. Poi facciamo un buchino con la punta della matita al centro del disegno e infiliamoci un filo di nylon o uno spago. Appendiamo i serpentelli sopra il termosifone. Cosa succede? I serpenti inizieranno a girare vorticosamente. Perché? Quale energia li fa muovere? Se li spostiamo dal termosifone si muovono ancora? Lasciamo fare ipotesi ai bambini, infine diamo la soluzione: a far muovere i serpenti è il calore del termosifone, energia termica che spostando l aria verso l alto diventa energia meccanica. Per un ulteriore prova proponiamo di fare l esperimento contrario: quand è che il movimento si trasforma in calore? Immaginate una giornata d inverno: cosa facciamo se abbiamo le mani fredde? Perché ce le sfreghiamo? Lasciate che i bambini lo sperimentino. Avvicinarci in modo sperimentale e giocoso al concetto di trasformazione dell energia ci sarà di fondamentale aiuto per stimolare la curiosità dei bambini e affrontare la comprensione di tutti i diversi processi di produzione dell energia. carbone Fino al 1960 il carbone ha dominato lo scenario energetico, subendo poi la concorrenza del petrolio, più facile da estrarre e trasportare. La sua importanza è tuttavia ancora oggi rilevante: nel 2009 copriva il 27% del totale dei consumi primari di energia. 8 9

6 Il carbone è un combustibile fossile, come il petrolio e il gas naturale. Diversamente da loro è solido. È diversa anche l origine: il petrolio e il gas naturale si sono formati dai resti di microscopici organismi acquatici, mentre il carbone da resti di piante. Perché si formino giacimenti di carbone servono centinaia di milioni di anni: il suolo sprofonda lentamente e i resti vegetali vengono sepolti da sabbie e argille portate dai fiumi; in assenza di ossigeno, la materia vegetale schiacciata e scaldata si trasforma in materiali sempre più poveri d acqua e più ricchi in carbonio. Il carbone è molto usato per produrre energia elettrica (quasi il 40% dell elettricità al mondo): in appostiti impianti, viene bruciato per scaldare l acqua che, trasformata in vapore, fa girare delle turbine collegate a generatori; dall energia meccanica della turbina che gira si crea l energia elettrica. Le acciaierie utilizzano il coke: un combustibile compatto che si ottiene portando il carbone ad alte temperature e con cui si produce l acciaio. I gas di carbone sono usati nella produzione di solventi, prodotti farmaceutici, fertilizzanti Dal carbone si ottiene anche il catrame e nei Paesi in via di sviluppo è ancora usato per scaldarsi e cucinare. Il carbone però ha alcuni forti limiti perché è destinato a esaurirsi e inquina molto, e sono necessarie tecnologie molto sofisticate per catturare i prodotti della combustione. gas naturale Il gas naturale è oggi al terzo posto nei consumi mondiali di energia, con buone prospettive di crescita, eppure è stata l ultima fonte fossile di energia ad affermarsi, perché, fino a pochi decenni fa, imbrigliarlo in un gasdotto e trasportarlo per lunghe distanze era troppo costoso. Il gas naturale è un combustibile fossile, come petrolio e carbone. È costituito da idrocarburi (soprattutto metano, ma anche propano e butano) e altri gas (anidride carbonica, azoto, idrogeno solforato ecc.). Per essere usato viene trattato in modo da eliminare l anidride carbonica, l azoto e l idrogeno solforato: resta così soprattutto il metano, un idrocarburo gassoso incolore, inodore e non tossico. Miscelato con l aria, il metano è infiammabile. Grazie ai suoi numerosi benefici economici e ambientali, negli ultimi anni il gas naturale è molto usato per la produzione di elettricità. Nelle centrali elettriche a vapore si utilizza il gas naturale come combustibile per produrre il vapore che, ad alta pressione, mette in moto una turbina la quale fa girare un alternatore, generando energia elettrica. Nelle centrali elettriche a turbogas si sfrutta invece direttamente l energia prodotta dalla combustione di metano (o gasolio) senza caldaia per trasformare acqua in vapore e senza condensatore per ritrasformare il vapore in acqua: in tal modo i costi dell impianto sono ridotti ed è possibile costruire centrali anche lontano da fiumi e dal mare. Il rendimento però è basso e quindi il costo dell energia è alto. Esistono a questo scopo sistemi a ciclo combinato, molto efficienti, che sfruttano il calore generato per produrre elettricità (associando una centrale a turbogas e un gruppo a vapore). scopriamo il tabellone È arrivato il momento di guardare insieme il tabellone. Possiamo farlo in classe, in modo che la sua osservazione diventi essa stessa un momento di gioco e scoperta. Affacciamoci alle finestre: dove vediamo energia? Da dove arriva? Chi la sta usando? Quanti tipi di energie vediamo? Elettricità? Carburanti? Cos altro? Apriamo quindi il tabellone e chiediamo di fare ipotesi sulle diverse immagini prima di aprire le finestrelle con i testi: per ognuna proviamo a ipotizzare perché è stata inserita (ovvero cosa ci aspettiamo di leggere dietro alle varie finestrelle). Ce n è qualcuna che non ci dice proprio nulla o qualche fonte di energia che proprio non conosciamo? Abbiamo visto dal vivo tutte le energie rappresentate? Ce ne sono alcune vicino a noi, nel nostro territorio? Dopo aver esplorato tutte le finestrelle del tabellone e averne letto i testi, possiamo evidenziare l interdipendenza di tutto il sistema energetico. Proponiamo ai bambini di individuare i rapporti tra le varie energie, le varie fonti, i diversi usi, e di rappresentarli con frecce commentate. Alla fine il nostro tabellone si trasformerà in una grande mappa concettuale. biomassa Scarti di origine forestale o agricola possono essere usati per produrre energia (non sono quindi inclusi i rifiuti urbani o zootecnici). Possiamo considerare la vegetazione terrestre come un magazzino naturale di energia solare; con la fotosintesi clorofilliana (durante la quale, grazie all energia solare, l anidride carbonica atmosferica si combina con l acqua 10 11

7 per produrre gli zuccheri necessari alla sopravvivenza delle piante) si producono le biomasse: così nei legami chimici delle sostanze prodotte è immagazzinata l energia solare che ha attivato la fotosintesi. Nel processo di combustione delle biomasse, l ossigeno atmosferico si combina con il carbonio in esse contenuto, si liberano anidride carbonica e acqua e si produce calore. L anidride carbonica torna nell atmosfera e da qui è nuovamente disponibile a essere re-immessa nel processo fotosintetico per produrre nuove biomasse. Le biomasse, dunque, rappresentano una risorsa rinnovabile se la coltivazione delle piante che le generano viene effettuata in modo sostenibile garantendo la preservazione del suolo e la ripetitività dei raccolti. Nel processo si produce anidride carbonica, ma equivale più o meno alla quantità che le stesse piante hanno trasformato in ossigeno con la fotosintesi. Le emissioni sono quindi pressoché bilanciate: usare biomasse a fini energetici limita quindi l accumulo di anidride carbonica nell atmosfera. Le biomasse sono usate prevalentemente per produrre energia (soprattutto le biomasse ligneo-cellulosiche, per il riscaldamento domestico, la produzione di energia elettrica e gli usi industriali) o sintetizzare carburanti e prodotti. Nel 2009 hanno coperto il 10% circa del fabbisogno di energia nel mondo. nucleare cleari funzionano quindi in modo simile a quello di una normale centrale termoelettrica, con la differenza che l acqua viene riscaldata dall energia liberata dal reattore nucleare. Oltre a essere stati sollevati dubbi sulla sua economicità, le preoccupazioni principali sull uso di questa energia riguardano l impatto sull ambiente e la sicurezza delle persone e sono collegate alla radioattività delle scorie nucleari e al pericolo di contaminazione radioattiva dell ambiente a seguito di un incidente. Tuttavia la ricerca sul nucleare di ultima generazione sta cercando di dare risposte a questi problemi di sicurezza che a oggi sembrano essere le incognite più pericolose di questa fonte energetica. L energia nucleare è arrivata a coprire, in soli 50 anni, oltre il 15% dei consumi mondiali di elettricità. L energia nucleare viene prodotta attraverso un procedimento che si chiama fissione e che provoca profonde modifiche della struttura della materia. Nelle reazioni di fissione nucleare, i nuclei di alcuni atomi pesanti si spezzano producendo nuclei con numero atomico minore, diminuendo la propria massa totale e liberando una grande quantità di energia. Il calore che si genera consente di scaldare un fluido (chiamato fluido termovettore) che mette in movimento una turbina: l energia meccanica viene poi convertita in elettricità da un alternatore collegato alla turbina. Le centrali elettronucambio di marcia Ora che abbiamo scoperto come funziona il complesso universo delle energie, c è qualcosa che ci piacerebbe cambiare? Ci vengono in mente dei modi per usare l energia in modo intelligente, senza sprecarla e inquinando il meno possibile? Iniziamo con un piccolo gioco totalmente di fantasia; ogni bambino può disegnare una macchina per risparmiare energia: una macchina che faccia luce o che si muova o che riscaldi, utilizzando qualche sistema creativo, ecologico e innovativo. In questo gioco bisogna lasciare libera la fantasia: è una palestra per inventori di domani ed è importante non precludere loro alcuna strada! Poi riflettiamo insieme sui possibili modi per cambiare fin da subito le nostre abitudini di consumare l energia. Prepariamo 4 disegni: una macchina, una lampadina, un termosifone, una tv con un frigo e una lavatrice; procuriamoci una pallina di gomma. Dividiamo i bambini in due squadre e disponiamoci in cerchio. Scopriamo uno dei disegni e tiriamo la palla a un componente della squadra A: chi la riceve dovrà suggerire un modo per risparmiare l energia rappresentata nel disegno (se è stata scoperta la macchina, bisognerà dire un modo per consumare meno benzina, andando in macchina o evitandola); dopo aver risposto, o se non troverà nessuna risposta, dovrà passare la palla a un componente della squadra avversaria (qualcuno che non sia ancora stato interpellato), che dovrà cercare di rispondere e poi passare la palla. E così via. Ogni risposta vale un punto. Quando un disegno è esaurito, scopriamo il disegno successivo

8 quale energia? Oggi i combustibili fossili petrolio, carbone, gas naturale sono la principale fonte energetica, perché danno buoni risultati, sono facilmente trasportabili e costano ancora relativamente poco. Hanno però anche alcuni svantaggi: inquinano e non sono rinnovabili. Il nucleare poi, pur essendo un energia pulita dal punto di vista delle emissioni, dà problemi ambientali e di pubblica sicurezza (oltre alla gestione delle scorie). Per tutti questi motivi la produzione energetica si sta sempre più spostando sulle energie rinnovabili, ma anche queste presentano alcuni problemi. Le principali critiche all energia solare riguardano l impatto economico (è ancora troppo costosa) e l efficienza, in quanto la produzione di energia solare risente della copertura nuvolosa e della completa assenza di sole durante la notte. Problemi col tempo forse risolvibili, abbattendo i costi con le nuove tecnologie e adottando sistemi di immagazzinamento. Altre critiche hanno poi riguardato il consumo di territorio e i problemi legati allo smantellamento degli impianti che dopo un paio di decenni risultano esauriti. Anche l energia eolica ha il problema dell intermittenza e dell impatto ambientale/paesaggistico. La possibilità di sfruttare il vento dipende ovviamente dalle caratteristiche morfologiche di ventosità di un luogo, ma è comunque difficile che i parchi eolici forniscano una quantità di energia standard. Una soluzione sarebbe quella di immagazzinare gli eccessi di produzione durante i periodi di picco, o di creare centrali ibride eolico/ idrogeno. I detrattori di questa tecnologia affermano poi che i parchi eolici sono rumorosi e distruggono il paesaggio. Tuttavia, l impatto acustico produce una vibrazione che già a meno di 100 metri non supera i 50 decibel (paragonabile a una normale conversazione). Per quanto riguarda le centrali idroelettriche, la creazione di grossi bacini può avere un forte impatto ambientale e socio-economico perché trasforma profondamente il paesaggio, modifica l habitat naturale e incide sulla vita delle comunità. L utilizzo dell energia geotermica non ha impatto in termini d inquinamento dell atmosfera, del terreno e delle acque, ma il suo sfruttamento non è semplice e non è da sottovalutare l imponenza degli impianti che con le enormi torri di raffreddamento modificano notevolmente il paesaggio. Le biomasse, infine, richiedono grandi aree dedicate, a causa della bassa resa energetica, con uso di fertilizzanti potenzialmente dannosi; non generano produzioni costanti; hanno inoltre problemi legati al trasporto. Recentemente sono stati anche sollevati dubbi sulla totale sostenibilità ambientale e sociale delle biomasse. In conclusione un buon bilanciamento nella gestione delle fonti passa per la dimensione degli impianti, il luogo, un adeguata diversificazione, la modifica dello stile di vita e la realizzazione di infrastrutture pubbliche e private più efficienti. Progettazione editoriale: Giunti Progetti Educativi Responsabile editoriale: Rita Brugnara Coordinamento editoriale: Fabio Leocata Testi: Delia Modonesi Illustrazioni: Cartobaleno s.n.c. Progettazione grafica e impaginazione: Carlo Boschi Redazione: Camilla Gensini Ufficio tecnico: Elena Orsini Giunti Progetti Educativi S.r.l. via Bolognese 165, Firenze Italia Prima edizione: settembre 2012 Stampato in Italia presso Giunti Industrie Grafiche S.p.A. Stabilimento di Prato 14

9 A casa, a scuola, per strada e poi sotto terra, in mare, nei fiumi ma anche nei raggi del sole e nella forza del vento! Di cosa parliamo? Dell energia, naturalmente. E dei tantissimi modi per ottenerla. Questa guida aiuta ad affrontare in classe i temi connessi all energia da dove viene e come la utilizziamo e a spiegare le diverse tipologie e il differente impatto sul territorio. Al suo interno, sono presenti anche divertenti attività da svolgere con gli studenti. CM 57881C

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA PER NOI Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA per NOI Capire l Energia p. 4 le Forme p. 8 un po di Storia p. 12 le Fonti p. 16 Nord - Sud p. 20 Misurare l Energia

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì Viale Della Libertà, 14 -Tel. 0543 28620, Fax 0543 26363 Email: itisfo@itisforli.it Sito: www.itisforli.it ENERGIA E AMBIENTE PROGETTO ENERGIA

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

IL PROBLEMA ENERGETICO 1

IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Bologna, 17/02/09 IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Giorgio Giacomelli Dipartimento di Fisica dell Università di Bologna e Sezione INFN di Bologna Riassunto Viene presentato un breve quadro generale della situazione

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3 Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3.1 Introduzione Uno dei gas serra derivanti dall attività dell uomo è il CO 2, che proviene principalmente dalla combustione di combustibili

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli