I sindacati e la migrazione nell Unione europea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I sindacati e la migrazione nell Unione europea"

Transcript

1 I sindacati e la migrazione nell Unione europea 7 Per: Europa sociale Solidarietà Sostenibilità

2 Il presente documento fa parte di una serie di moduli di formazione elaborati nell ambito dell ambizioso progetto europeo, Civil Society Dialogue: Bringing together workers from Turkey and the EU through a shared culture of work (Dialogo della società civile: riunire i lavoratori di Turchia e UE attraverso una cultura condivisa del lavoro), destinato a migliorare la conoscenza e la comprensione reciproche e a sensibilizzare sulle sfide e sulle opportunità del futuro allargamento dell UE. COME UTILIZZARE QUESTA PUBBLICAZIONE I moduli di formazione sono stati progettati per offrire un introduzione chiara e concisa dell argomento ad un pubblico sindacale. Ogni modulo prevede un attività didattica che potrà essere utilizzata in classe o con gruppi di membri. Viene riportato di seguito l elenco di tutte le pubblicazioni presenti in questa serie; le copie possono essere scaricate dal sito Internet della CES all indirizzo MANIFESTO CES Al suo 11 Congresso, tenutosi in Spagna, a Siviglia, a maggio 2007, la Confederazione europea dei sindacati (CES) ha adottato un manifesto d azione per i 4 anni successivi. Il manifesto evidenzia le cinque aree principali in cui la CES si impegna ad andare al contrattacco per conto dei lavoratori europei: il mercato del lavoro europeo; dialogo sociale, contrattazione collettiva e partecipazione dei lavoratori; migliore governance europea a livello economico, sociale e ambientale; un Unione europea più forte; sindacati più forti e una CES più forte. PUBBLICAZIONI IN QUESTA SERIE 1. I sindacati a livello europeo 2. Le relazioni industriali a livello europeo 3. I sindacati turchi e le relazioni industriali 4. I sindacati e le relazioni industriali nei paesi dell UE 5. I sindacati e le donne 6. I sindacati e la società civile 7. I sindacati e la migrazione nell Unione europea 8. I sindacati e la libera circolazione dei lavoratori nell Unione europea 9. Lavorare insieme

3 PREMESSA La Confederazione europea dei sindacati, nel suo Congresso del 2007, ha votato a favore dell adesione della Turchia all Unione europea, a condizione che la Turchia soddisfi, nella realtà e non sulla carta, i requisiti di adesione e le disposizioni della Carta dei diritti fondamentali dell UE. La trasformazione della società turca, con diritti e libertà totali, deve essere perseguita e completata durante l articolato processo negoziale. Su questa base, la CES e le sue organizzazioni affiliate in Turchia e nell Unione europea hanno deciso di accelerare la loro cooperazione e di lanciare l ambizioso progetto Civil Society Dialogue: Bringing together workers from Turkey and the EU through a shared culture of work, destinato a migliorare la conoscenza e la comprensione reciproche e a sensibilizzare sulle sfide e sulle opportunità del futuro allargamento dell UE. Gli elementi centrali del progetto sono: 12 seminari di scambio e comprensione reciproca per sindacalisti provenienti da regioni diverse della Turchia e da vari Stati membri dell Unione europea; 9 seminari di formazione, in collaborazione con le Federazioni Industriali Europee. Il progetto ha anche portato all elaborazione della presente serie di moduli di formazione, che rappresenteranno un importante strumento di sviluppo delle capacità all interno della CES, in quanto permetteranno ad altri lavoratori e sindacalisti dell UE e della Turchia di comprendere le sfide da affrontare e di accettare più facilmente le differenze culturali, sociali e politiche. Si ringraziano: le organizzazioni affiliate alla CES le Federazioni Industriali Europee e le confederazioni sindacali nazionali dell UE e della Turchia che hanno portato avanti il progetto; i lavoratori e i sindacalisti dei sindacati nazionali in Turchia e nell EU che hanno partecipato alle varie attività di formazione; i formatori dei sindacati nazionali in Turchia e nell UE; e Marcus Strohmeier (ÖGB) che ha coordinato le attività di formazione e contribuito alla messa a punto dei presenti opuscoli; Nigel Rees (Trade Union European Information Project Progetto sull informazione sindacale europea), curatore dei testi originali dei presenti moduli didattici, e Kazim Ates, responsabile della loro revisione; Laura Fallavollita, Yücel Top e gli altri membri del comitato di coordinamento del progetto (Osman Yildiz, Uğraş Gök e Kıvanç Eli Açık) che, sotto la guida di Joël Decaillon e Jeff Bridgford, hanno portato a termine il progetto con successo. Raccomando i presenti moduli di formazione ai sindacalisti delle organizzazioni affiliate alla CES. Li incoraggio ad utilizzarli, in modo da essere tutti in grado di difendere meglio gli interessi dei lavoratori in Turchia e nell Unione europea. John Monks Segretario generale Confederazione europea dei sindacati 1

4 CONTESTO La CES sostiene la libera circolazione dei lavoratori all interno dell Unione europea e un sistema di migrazione gestita per le persone non UE, sulla base dei principi dei diritti dei lavoratori. La libera circolazione dei lavoratori all interno dell UE viene trattata nel modulo 8 di formazione di questa serie. Il presente modulo di formazione è incentrato sui lavoratori migranti, ossia sui lavoratori che migrano nell UE da paesi non UE. Il boom economico postbellico degli anni 50 aveva creato una grossa carenza di manodopera in Europa occidentale, ed erano molti i paesi a perseguire politiche ufficiali destinate ad attirare lavoratori migranti. In generale, il flusso era da sud a nord. Un esempio è dato dai minatori italiani nelle miniere belghe. In Francia e nel Regno Unito l eredità lasciata dai precedenti imperi coloniali imponeva di cercare migranti altrove: soprattutto in nord Africa, nel caso della Francia, e nelle Indie occidentali nel caso del Regno Unito. A seguito degli accordi bilaterali con Italia (1955) e Grecia (1960), il governo della Germania Ovest firmò un accordo con la Turchia nel 1961, lo stesso anno della costruzione del Muro di Berlino. Lavoratori non qualificati, essenzialmente maschi, spesso provenienti dalla rurale Anatolia, furono impiegati per colmare le lacune di manodopera del settore industriale, con l accordo di un loro rientro in patria dopo un anno o due. Accordi analoghi furono siglati fra Turchia e Austria, Belgio, Paesi Bassi, Francia e Svezia. All inizio degli anni 70, le economie dell Europa occidentale conobbero un rallentamento a causa dell aumento dei prezzi petroliferi, con conseguente netta riduzione dell immigrazione. Tuttavia, il flusso dell emigrazione turca in Germania venne prolungato per la riunificazione delle famiglie dei lavoratori che non avevano fatto ritorno in patria. La crescita economica degli anni 90 coincise con l adesione di 10 nuovi Stati membri dell Unione europea nel 2004; questo fornì ulteriore stimolo alla migrazione, ma stavolta dall Europa orientale alla vecchia UE15. Quanti sono i migranti nell Unione europea? Le cifre Eurostat per il 2008 mostrano che, su una popolazione totale dell UE di 497 milioni, circa 19 milioni erano cittadini di paesi non UE (3,9%). La Germania ne ospitava il maggior numero (4,7 milioni), seguita dalla Spagna (3,1 milioni), Italia (2,5 milioni), Francia e Regno Unito (2,4 milioni). Considerando questa realtà da un altra prospettiva, alcuni paesi (Austria, Germania, Grecia, Polonia e Spagna) hanno oltre il 5% della loro popolazione composto da cittadini di paesi non UE. Da dove provengono questi cittadini non UE? Il gruppo più ampio proviene dalla Turchia (2,4 milioni), Marocco (1,7 milioni) e Albania (poco più di 1 milione), seguiti da Cina, Algeria, Russia, India, Ecuador e Serbia e Montenegro. Per quanto riguarda la distribuzione di cittadini non UE per paese di residenza, ci sono spesso determinati Stati membri in cui si è insediata una quota significativa di gruppi non nazionali. In alcuni casi, ad esempio per i cittadini turchi, algerini e ecuadoriani, oltre il 70% di coloro che vivono nell UE abitano in uno Stato membro specifico: rispettivamente Germania, Francia e Spagna. In un mondo globalizzato questi lavoratori migranti offrono una serie di vantaggi per i paesi di partenza e di accoglienza, e svolgono un ruolo importante da ponte fra Stati membri dell Unione europea e paese di origine. Riprendendo l esempio precedente del gruppo più ampio di cittadini non UE, dalla Turchia, nel paese con il più alto numero di cittadini non UE, la Germania, è chiaro che i turchi hanno dato un notevole contributo, in termini sociali, culturali ed economici, alla realtà moderna della Germania. Tutela, diritti e politiche riguardanti i lavoratori migranti risposte a livello europeo e internazionale L Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), la prima agenzia specializzata delle Nazioni Unite, ha sempre avuto la missione di istituire, in tutto il mondo, 2

5 convenzioni a tutela dei lavoratori migranti. Nel 1949 la Convenzione n. 97 Migrazione per lavoro, stabiliva che i lavoratori stranieri legali devono avere, rispetto ai lavoratori locali, parità di accesso alla sicurezza sociale, ai sindacati, a buone condizioni di lavoro e a una pari retribuzione. Incoraggiava inoltre i governi a garantire la non discriminazione, attraverso assunzioni giuste e la consultazione delle parti sociali. Nel 1975 è stato fatto un tentativo di estendere tale protezione ai migranti irregolari nella Convenzione sui lavoratori migranti (disposizioni aggiuntive). La modifica sollecita i governi a scoprire il traffico di migranti clandestini e il lavoro illegale sui rispettivi territori e a perseguire trafficanti e datori di lavoro colpevoli di tali reati. La modifica puntualizza che anche se arrivato illegalmente e impossibilitato a regolarizzare la propria posizione un migrante dovrà godere di parità di trattamento per sé e la sua famiglia riguardo ai diritti derivanti dalla sua passata occupazione relativamente a remunerazione, sicurezza sociale e altri benefici. Nel 1990 il numero in costante crescita di migranti ha portato alla conclusione di un nuovo provvedimento, la Convenzione delle Nazioni Unite sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie. Il testo definiva un lavoratore migrante come persona che deve essere assunta, è assunta o è stata assunta in un attività retribuita in uno Stato di cui tale persona non è cittadina. Si tratta di un progresso sui principi di base stabiliti nelle misure precedenti. Invoca anche sanzioni contro trafficanti e datori di lavoro che assumono migranti irregolari. La convenzione è entrata in vigore nel 2003, con la ratifica da parte di venti paesi. Ma, per ora, la ratifica non è stata eseguita in nessuno dei principali paesi destinatari di migranti. A livello europeo, le politiche degli Stati membri dell UE in materia di asilo, migrazione e lavoratori migranti sono complesse, con grosse divergenze anche fra leggi e prassi. Nel 2004, il Consiglio dei Ministri dell UE ha adottato il Programma dell Aia sulla migrazione legale e illegale, chiedendo alla Commissione di presentare un piano d azione sulla migrazione legale. La Commissione ha avviato un processo consultivo che ha prodotto, a dicembre 2005, la Comunicazione su un Piano d azione sulla migrazione legale, che prevedeva l adozione di cinque proposte legislative sull immigrazione di manodopera. Questo approccio puntava a definire, da una parte, le condizioni di ammissione applicabili a determinate categorie di migranti (lavoratori molto qualificati, lavoratori stagionali, tirocinanti remunerati e le persone trasferite nell ambito di un impresa) e, dall altra, a garantire uno status giuridico sicuro ai lavoratori di paesi terzi già ammessi e introdurre semplificazioni procedurali per i nuovi richiedenti. Questa iniziativa, ampiamente sostenuta dal Parlamento europeo, dalla CES e dalla società civile, non è riuscita a ottenere il sostegno degli Stati membri nel Consiglio dei Ministri, e alla fine è stata ritirata. A luglio 2006, la Commissione ha presentato una Comunicazione su Priorità politiche nella lotta contro l immigrazione clandestina di cittadini di paesi terzi, suggerendo di ridurre i fattori di richiamo che incoraggiano l immigrazione illegale nell UE (il più importante è la possibilità di trovare lavoro), garantendo agli Stati membri dell UE di introdurre sanzioni analoghe, applicate efficacemente, nei confronti di datori di lavoro di tali cittadini di paesi terzi. Alla fine, a giugno 2009, l UE ha approvato una direttiva che stabilisce standard minimi su sanzioni e misure contro datori di lavoro di cittadini soggiornanti illegalmente: la cosiddetta direttiva sulle sanzioni contro i datori di lavoro. I datori di lavoro dovranno adesso controllare i permessi di soggiorno di tutti i loro dipendenti che non sono cittadini dell UE e registrarli. Le sanzioni variano dalle multe al ritiro di finanziamenti pubblici, fino al possibile divieto di partecipare a gare pubbliche di appalto. Questa direttiva non si applicherà in Danimarca, Irlanda e Regno Unito. Sempre nel 2009, l UE ha approvato una direttiva sulle condizioni di ingresso e soggiorno di cittadini di paesi 3

6 terzi ai fini di un occupazione altamente qualificata: la cosiddetta direttiva sulla Carta blu, derivante dal già esistente sistema della carta verde negli Stati Uniti d America. L iniziativa più importante dal punto di vista sindacale è stata la proposta di direttiva UE sulla procedura unica di domanda di permesso singolo per cittadini di paesi terzi a risiedere e lavorare nel territorio di uno Stato membro e su un insieme comune di diritti per lavoratori di paesi terzi che risiedono legalmente in uno Stato membro - la cosiddetta direttiva sui diritti. È stato proposto che i lavoratori di paesi terzi debbano, fra le altre cose, godere di parità di trattamento rispetto ai cittadini UE in materia di: condizioni di lavoro, comprendenti retribuzione, licenziamento, salute e sicurezza sul posto di lavoro; libertà di associazione, affiliazione e adesione ad una organizzazione che rappresenta i lavoratori; istruzione e formazione professionale; riconoscimenti di diplomi, certificati e altre qualifiche professionali in conformità alle pertinenti procedure nazionali; l applicazione degli schemi di sicurezza sociale alle persone occupate, ai lavoratori autonomi e ai membri delle loro famiglie che si trasferiscono nella Comunità; pagamenti delle pensioni acquisite nel trasferirsi ad un paese terzo. Questa direttiva, tuttavia, che sarebbe stata la più importante, non è stata ancora approvata. A parte queste proposte, i lavoratori migranti provenienti da paesi specifici, ad esempio la Turchia, godono di alcuni diritti in conformità all attuale Accordo di associazione con l UE. L Accordo di associazione di Ankara del 1963 ha messo i migranti turchi in una posizione più favorevole rispetto ad altri migranti non UE, creando così, per loro, un regime intermedio. La Commissione congiunta Turchia-UE del 1980 ha deciso di autorizzare i turchi che avevano almeno un anno di esperienza con il loro datore di lavoro a estendere il loro permesso di lavoro, ad ottenere proroghe dei permessi di lavoro dopo un esperienza di tre anni, anche se cambiavano datori di lavoro, e dopo quattro anni per avere accesso all intero mercato del lavoro. L ECONOMIA SOMMERSA I sindacati temono che i lavoratori migranti possano essere risucchiai nell economia sommersa, occulta o informale e in attività particolarmente irregolari che sono, di per sé, legali ma vengono nascoste alle autorità per varie ragioni. Spesso i lavoratori coinvolti devono tacere a causa del loro status di migranti clandestini o perché è stato detto loro che non possono lavorare legalmente. A volte pensano che la situazione vada bene così, perché non devono pagare le tasse o i contributi per la sicurezza sociale, ma il risultato è lo sfruttamento, praticato con retribuzioni minime e misere condizioni di lavoro, con tanto di violazione dei regolamenti in materia di salute e sicurezza. Un caso in Austria, nel 2002, evidenziava questa situazione: circa trenta camionisti arrestati e i loro datori di lavoro accusati di traffico di esseri umani ai fini dello sfruttamento. Si scoprì che i lavoratori venivano registrati in Lussemburgo, dove sono autorizzati i camionisti stranieri, per poi essere assunti in tutta l UE. Molti di loro non venivano pagati per mesi, e radunati presso la direzione lussemburghese dell azienda austriaca senza cibo o denaro. I datori di lavoro risparmiavano, così, l anno per camionista in contributi per la sicurezza sociale, e la multa massima prevista dalla legge austriaca per tale mancato pagamento era di 728 euro. Contrattazione collettiva, salute e sicurezza, lavoro precario In Europa occidentale, una lunga storia di contrattazione fra imprenditori e sindacati e, in molti paesi, un approccio trilaterale che vede la 4

7 La regione sudoccidentale del Trades Union Congress britannico ha documentato i seguenti problemi, che affliggono i lavoratori migranti: reclutamento ingannevole dei lavoratori nei loro paesi d origine, con false promesse di buone retribuzioni, condizioni e alloggi; orari di lavoro lunghissimi e bassa retribuzione; deduzioni eccessive dalla paga per alloggi, trasporti e servizi di pubblica utilità; alloggi sovraffollati e estremamente modesti; assenza di contratti scritti di lavoro e/o di buste paga; assenza dei diritti di base, come le ferie pagate, l indennizzo e il congedo maternità, la malattia pagata; mancato pagamento da parte del datore di lavoro dei contributi fiscali e assicurativi nazionali; attenzione insufficiente a formazione, sicurezza e tutela della salute; licenziamento sommario e allontanamento immediato dall alloggio dei lavoratori che intendono far valere il loro diritto di aderire ad un sindacato. partecipazione dei governi alle discussioni e al lavoro di programmazione, ha prodotto, come risultati, livelli retributivi minimi, norme retributive settoriali, aumenti annuali prestabiliti e regole, spesso legalmente in vigore, riguardo condizioni di lavoro, salute e sicurezza. Un processo essenzialmente basato su contratti di lavoro permanente, a tempo pieno e di durata indeterminata, spesso con grandi aziende. Dagli anni 80, le tre tendenze di sviluppo (privatizzazione, deregolamentazione e globalizzazione) si sono intrecciate per destabilizzare questo modello. Dato che le grandi aziende e gli enti del settore pubblico hanno esternalizzato e subappaltato il lavoro, i governi hanno allentato i controlli. I lavoratori migranti, essi stessi una conseguenza della globalizzazione, sono entrati in scena negli ultimi anni, diventando un ulteriore fattore di questo sviluppo. Come già precisato, alcuni migranti possono essere impiegati irregolarmente in lavori non dichiarati, che possono ripercuotersi negativamente sul resto del mercato del lavoro, soprattutto in tempi di alta disoccupazione. Ci può essere anche una concentrazione di lavoratori stranieri in lavori legali, ma temporanei e scarsamente retribuiti. Le retribuzioni minime fissate per legge possono rappresentare il tetto massimo per i migranti, mentre la crescita generale del lavoro precario ha causato, secondo la CES, maggiore insicurezza, basse retribuzioni, mancanza di formazione, povertà e disuguaglianza. Da scoprire Siete venuti a contatto con lavoratori dell economia sommersa? Cosa può fare il vostro sindacato per sostenerli? 5

8 La risposta dei sindacati I sindacati hanno risposto in vari modi alla sfida posta dalla crescita dell immigrazione. In Italia, la Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL) si è unita di recente a centinaia di altre organizzazioni in un movimento che ha organizzato a ottobre 2009, a Roma, una dimostrazione su grande scala per combattere il razzismo. All iniziativa ha partecipato anche la Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori (CISL), a sostegno di una legge di riforma in materia di cittadinanza degli immigrati. Anche le confederazioni sindacali belghe, Algemeen Christelijk Vakverbond/ Confédération des Syndicats Chrétiens (ACV/CSC) e Algemeen Belgisch Vakverbond/ Fédération Générale des Travailleurs de Belgique (ABVV/FGTB), si sono mobilitate in diverse occasioni per sostenere i diritti degli immigrati, soprattutto riguardo al diritto di risiedere legalmente in Belgio per tutti i lavoratori stranieri che, indipendentemente dal loro status di occupati o disoccupati, hanno vissuto in Belgio per cinque o più anni. A livello europeo, la CES ha sottolineato la necessità di politiche UE in materia di migrazione e integrazione, basate sul riconoscimento dei diritti sociali fondamentali degli attuali cittadini e dei nuovi arrivati, inglobate in politiche consolidate a favore dell occupazione e dello sviluppo, sia nei paesi d origine che in quelli di destinazione. Occorre con urgenza un quadro comune di regole UE sull ammissione per ragioni di occupazione. La CES tuttavia, considera che tale quadro non debba essere mirato unilateralmente alla richiesta di migrazione temporanea, in quanto questo favorirebbe il lavoro precario e ostacolerebbe l integrazione sostenibile. Le carenze del mercato del lavoro devono essere primariamente affrontate investendo nelle capacità e nelle qualifiche dei cittadini dell UE disoccupati e sottoccupati (compresi quelli appartenenti a minoranze etniche o migranti), nonché di profughi e cittadini di paesi terzi residenti nell UE a lungo termine. Dovrebbero inoltre essere create delle possibilità per l ammissione di migranti economici, fornendo un quadro UE comune per le condizioni di entrata e soggiorno, basate su un chiaro consenso fra autorità pubbliche e parti sociali sulle esigenze reali del mercato del lavoro, prevenendo una politica di migrazione a due livelli, che faciliti e favorisca la migrazione delle persone altamente qualificate e neghi l accesso e diritti a lavoratori semi- e sottoqualificati. Tale politica deve prevenire gli effetti sempre più negativi della concorrenza globale per la manodopera qualificata: i potenziali effetti devastanti della fuga di cervelli e di giovani dai paesi di origine, nonché del potenziale spreco di cervelli in termini di sottoutilizzo delle competenze e delle qualifiche dei migranti nei paesi di destinazione. Devono anche essere sviluppate politiche più proattive per combattere lo sfruttamento sul lavoro, soprattutto dei migranti irregolari, chiedendo il riconoscimento e il rispetto dei loro diritti sindacali oltre che umani, e offrendo loro vie d uscita alla clandestinità. Occorre intervenire con il massimo rigore nei confronti degli imprenditori che ricorrono a condizioni di sfruttamento sul lavoro, e al tempo stesso occorre anche sviluppare politiche più efficaci per prevenire e correggere tali situazioni di sfruttamento. Ciò deve essere collegato a politiche esterne (commercio, sviluppo) che promuovano un miglioramento degli standard di vita e delle opportunità nei paesi di partenza, che offrirebbero ai (potenziali) lavoratori migranti, e alle loro famiglie, adeguate opportunità di lavoro in patria. È necessario rafforzare la cooperazione e il partenariato con i 6

9 paesi terzi, in particolare i paesi in via di sviluppo e i paesi limitrofi. Sulla base di questo programma d azione, nel 2007 il Congresso della CES ha adottato i seguenti punti: lavorare per una politica di migrazione europea più proattiva destinata a gestire e non a prevenire la migrazione, abbinata ad un intenso sforzo di integrazione e effettiva applicazione dei diritti umani e degli standard del lavoro per combattere lo sfruttamento, soprattutto dei migranti irregolari; intensificare azioni e campagne sia a livello europeo che nazionale, a favore della ratifica e dell applicazione di tutte le convenzioni e di tutti gli importanti strumenti delle convenzioni dell ILO, dell ONU e del Consiglio d Europa sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e delle loro famiglie; sostenere politiche che riconoscano i diritti sociali fondamentali e che favoriscano: la coesione sociale prevenendo la creazione di canali di migrazione a due velocità, lo sfruttamento dei lavoratori irregolari e il reclutamento di migranti nel lavoro precario, le condizioni di protezione sociale; combattere qualsiasi forma di traffico di esseri umani. Come ha detto John Monks, Segretario generale della CES, l immigrazione non può essere una facile risposta alle carenze del mercato del lavoro e al cambiamento demografico. Una priorità assoluta deve essere la partecipazione delle parti sociali al lavoro di valutazione dei bisogni reali del mercato del lavoro e degli investimenti nella formazione dei lavoratori disoccupati compresi i lavoratori appartenenti a minoranze etniche o gruppi di migranti. Dovremo anche rendere più attraenti i lavori, in settori in cui c è carenza di manodopera, agli occhi dei disoccupati locali, in termini di retribuzioni e condizioni di lavoro Attività Esplora la realtà in cui vivi Finalità Consentirvi di: scoprire perché le persone si spostano in un altro paese; sfatare luoghi comuni e la disinformazione sulla migrazione. ESERCIZIO Parlate ai persone della vostra cerchia familiare e agli amici sul lavoro. Scoprite da dove provenivano e si sono trasferiti per trovare lavoro. Usare le seguenti frasi-tipo: Dove vivete? Genitori Nonni Bisnonni Amico 1 Amico 2 Come siete arrivati qui? 7

10 ULTERIORI INFORMAZIONI La Confederazione europea dei sindacati (CES) è stata costituita nel 1973 per promuovere gli interessi dei lavoratori a livello europeo e per rappresentarli nelle istituzioni dell UE. L obiettivo della CES è creare un UE con una forte dimensione sociale che salvaguardi il benessere di tutti i suoi cittadini. Al momento, la CES annovera fra i suoi membri 82 confederazioni sindacali nazionali da 36 paesi europei, 12 Federazioni industriali europee, oltre ad organizzazioni con status di osservatore provenienti da Macedonia, Serbia e Bosnia Erzegovina. Altre strutture sindacali come EUROCADRES (Consiglio del personale europeo di alta professionalità) e EFREP/FERPA (Federazione europea dei pensionati e delle persone anziane) operano sotto l egida della CES. La CES, inoltre, coordina le attività dei 45 CSI (Consigli interregionali sindacali) che organizzano la cooperazione sindacale a livello transfrontaliero. La CES è una delle parti sociali europee ed è riconosciuta dall Unione europea, dal Consiglio d Europa e dall EFTA come unica organizzazione sindacale rappresentativa intersettoriale a livello europeo. 8

11 Partner di progetto Algemeen Belgisch Vakverbond Fédération Générale du Travail de Belgique ABVV-FGTB Algemene Centrale der Liberale Vakbonden van België Centrale Générale des Syndicats Libéraux de Belgique ACLVB-CGSLB Algemeen Christelijk Vakverbond Confédération des Syndicats Chrétiens ACV-CSC Confédération Française Démocratique du Travail CFDT Confédération Française des Travailleurs Chrétiens CFTC Confédération Générale du Travail CGT Confédération Générale du Travail Force Ouvrière FO Union Nationale des Syndicats Autonomes UNSA Ανώτατη Διοίκηση Ενώσεων Δημοσίων Υπαλλήλων ΑΔΕΔΥ Γενική Συνομοσπονδία Εργατών Ελλάδας ΓΣΕΕ Confederazone Generale Italiana del Lavoro CGIL Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori CISL Unione Italiana del Lavoro UIL Konfederácia Odborových Zväzov Slovenskej Republiky KOZ SR Landsorganisationen i Sverige LO-S Türkiye Devrimci İşçi Sendikaları Konfederasyonu DİSK Türkiye Hak İşçi Sendikaları Konfederasyonu HAK-İŞ Türkiye İşçi Sendikaları Konfederasyonu TÜRK-İŞ Trades Union Congress TUC Federazione europea dei sindacati dell alimentazione, dell agricoltura e del turismo EFFAT Federazione europea sindacati metalmeccanici EMF Federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici EPSU Federazione europea dei lavoratori dei trasporti ETF Federazione sindacale europea del tessile, abbigliamento e pelle ETUF-TCL UNI-Europa

12 Questo progetto è finanziato dall Unione europea Dialogo della società civile Riunire i lavoratori di Turchia e UE attraverso una cultura condivisa del lavoro I contenuti della presente pubblicazione sono di responsabilità esclusiva della Confederazione Europea dei Sindacati e non possono in alcun modo essere considerati come pareri espressi dall Unione Europea ETUC-CES Maison syndicale internationale (ITUH) Boulevard Roi Albert II, 5 B-1210 Bruxelles Belgique Aprile 2010 L Unità centrale per i finanziamenti e gli appalti è l Autorità contraente del presente progetto Design:

I sindacati e le relazioni industriali nei paesi dell UE

I sindacati e le relazioni industriali nei paesi dell UE I sindacati e le relazioni industriali nei paesi dell UE 4 Per: Europa sociale Solidarietà Sostenibilità Il presente documento fa parte di una serie di moduli di formazione elaborati nell ambito dell ambizioso

Dettagli

I sindacati turchi e le relazioni industriali

I sindacati turchi e le relazioni industriali I sindacati turchi e le relazioni industriali 3 Per: Europa sociale Solidarietà Sostenibilità Il presente documento fa parte di una serie di moduli di formazione elaborati nell ambito dell ambizioso progetto

Dettagli

I sindacati e la libera circolazione dei lavoratori nell Unione europea

I sindacati e la libera circolazione dei lavoratori nell Unione europea I sindacati e la libera circolazione dei lavoratori nell Unione europea 8 Per: Europa sociale Solidarietà Sostenibilità Il presente documento fa parte di una serie di moduli di formazione elaborati nell

Dettagli

I sindacati e le donne

I sindacati e le donne I sindacati e le donne 5 Per: Europa sociale Solidarietà Sostenibilità Il presente documento fa parte di una serie di moduli di formazione elaborati nell ambito dell ambizioso progetto europeo, Civil Society

Dettagli

I sindacati a livello europeo

I sindacati a livello europeo I sindacati a livello europeo 1 Per: Europa sociale Solidarietà Sostenibilità Il presente documento fa parte di una serie di moduli di formazione elaborati nell ambito dell ambizioso progetto europeo,

Dettagli

Le relazioni industriali a livello europeo

Le relazioni industriali a livello europeo Le relazioni industriali a livello europeo 2 Per: Europa sociale Solidarietà Sostenibilità Il presente documento fa parte di una serie di moduli di formazione elaborati nell ambito dell ambizioso progetto

Dettagli

I sindacati e la società civile

I sindacati e la società civile I sindacati e la società civile 6 Per: Europa sociale Solidarietà Sostenibilità Il presente documento fa parte di una serie di moduli di formazione elaborati nell ambito dell ambizioso progetto europeo,

Dettagli

Lavorare insieme. Per: Europa sociale. Solidarietà Sostenibilità

Lavorare insieme. Per: Europa sociale. Solidarietà Sostenibilità Lavorare insieme 9 Per: Europa sociale Solidarietà Sostenibilità Il presente documento fa parte di una serie di moduli di formazione elaborati nell ambito dell ambizioso progetto europeo, Civil Society

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

Immigrazione e lavoro

Immigrazione e lavoro Immigrazione e lavoro I flussi migratori regolari e irregolari influenzano notevolmente il mercato del lavoro di una nazione. Gli immigrati costituiscono di certo una grande risorsa per l economia di un

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI

LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI Art. 20 TFUE (ex art. 17 TCE) Art. 21 TFUE (ex art. 18 TCE) Carta dei Diritti fondamentali dell Unione europea (adottata a Nizza il 7 dicembre 2000) riconosce

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

La Carta sociale in breve

La Carta sociale in breve La Carta sociale in breve La Carta sociale europea Un trattato del Consiglio d Europa che protegge i diritti dell uomo 5 La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») sancisce dei diritti

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI I diritti sociali nel Trattato di Lisbona... 3 Convenzione 4 novembre 1950 Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell Uomo e delle libertà fondamentali...

Dettagli

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

La C arta sociale in breve

La C arta sociale in breve LaCarta in breve sociale La Carta sociale europea Diritti umani, insieme, tutti i giorni La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») è un trattato del Consiglio d Europa che enuncia

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA C 333/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 10.12.2010 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte EAC/57/10 Programma «Gioventù in azione» 2007-2013 (2010/C

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Rendere la Carta giuridicamente vincolante Dichiarazione urgente sulla Carta dei Diritti fondamentali adottata dal XI Congresso della Ces il 24 maggio 2007 La Ces ha appreso con grande preoccupazione l

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 Raccomandazione 201 RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici 0.970.4 Conchiusa a Parigi il 14 dicembre 1960 Approvata dall Assemblea federale il 14 giugno 1961 2 Ratificata

Dettagli

Trovare lavoro nell Europa allargata

Trovare lavoro nell Europa allargata Trovare lavoro nell Europa allargata Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali CMI/Digital Vision Commissione europea 1 Dove posso cercare lavoro? La libera circolazione delle persone

Dettagli

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo Puntare sul futuro Vivere e lavorare in un altro paese è un opportunità molto interessante per i cittadini europei di tutte le

Dettagli

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Info Day Etui / CISL Fiesole, 31/03 01/04/2014 Il contesto di riferimento: Europa 2020 crescita intelligente investimenti efficaci

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma a comunitario o per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale e le iniziative locali Opera nel campo dell

Dettagli

I SINDACATI A SOSTEGNO DEI LAVORATORI MOBILI E MIGRANTI

I SINDACATI A SOSTEGNO DEI LAVORATORI MOBILI E MIGRANTI WORKPLACE EUROPE I SINDACATI A SOSTEGNO DEI LAVORATORI MOBILI E MIGRANTI - With the support of the European Commission John Monks, General Secretary Boulevard du Roi Albert II, 5 B 1210 Bruxelles Tel:

Dettagli

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa Avenue des Arts, 20/4 B1000 Bruxelles Telefono +32 2 2335432 osservatorio@osservatorioinca.org www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra La presenza

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI Art. 77 TFUE 1. L'Unione sviluppa una politica volta a: b) garantire il controllo delle persone e la sorveglianza efficace dell'attraversamento delle

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari

Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari Traduzione 1 Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari 0.414.31 Conclusa a Parigi il 15 dicembre 1956 Approvata dall Assemblea federale il 6 marzo 1991 2 Istrumento di ratificazione

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

CAPITOLO XII. La migrazione

CAPITOLO XII. La migrazione CAPITOLO XII La migrazione Analizzare il problema della migrazione da una prospettiva economica La decisione se migrare o meno viene analizzata con lo schema domanda / offerta, sia per la migrazione qualificata

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo»

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Roma, 22 Ottobre 2015 Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Il contesto internazionale ANNO EUROPEO PER LO SVILUPPO Il 2015 è dedicato

Dettagli

alla luce del principio di sussidiarietà, avvalendosi dello strumento della concertazione PROMUOVONO

alla luce del principio di sussidiarietà, avvalendosi dello strumento della concertazione PROMUOVONO TAVOLO UNICO REGIONALE DI COORDINAMENTO SULL IMMIGRAZIONE PROTOCOLLO D INTESA REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche della Sicurezza e dei Flussi Migratori - Assessorato alle Politiche dell Occupazione,

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

PRESA DI POSIZIONE. di EurelPro. sul. Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa

PRESA DI POSIZIONE. di EurelPro. sul. Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa PRESA DI POSIZIONE di EurelPro sul Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa 09.11.2010 1 Descrizione di EurelPro EurelPro, l associazione

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Gli immigrati in Italia. Quale integrazione?

Gli immigrati in Italia. Quale integrazione? Comunità di Sant Egidio Terra promessa MEDIA E IMMIGRAZIONE INFORMAZIONE, RAPPRESENTAZIONE E LINGUAGGIO Roma, 6 luglio 2010 Gli immigrati in Italia. Quale integrazione? Antonio Golini Sapienza, Università

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.11.2012 COM(2012) 655 final Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO che autorizza la Commissione europea a partecipare, per conto dell Unione europea, ai negoziati

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 10 dicembre 2007 Promozione dei prodotti agricoli comunitari all esterno

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Articolo 1 Nuovo tenore della Convenzione

Articolo 1 Nuovo tenore della Convenzione PROTOCOLLO DEL 3 GIUGNO 1999 RECANTE MODIFICA DELLA CONVENZIONE RELATIVA AI TRASPORTI INTERNAZIONALI FERROVIARI (COTIF) DEL 9 MAGGIO 1980 (PROTOCOLLO 1999) In applicazione degli articoli 6 e 19 2 della

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda.

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Ambienti di lavoro sani e sicuri Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi www.healthy-workplaces.eu INVITO

Dettagli

RELAZIONE GENERALE DI FRONTEX PER IL 2005

RELAZIONE GENERALE DI FRONTEX PER IL 2005 AGENZIA EUROPEA PER LA GESTIONE DELLA COOPERAZIONE OPERATIVA ALLE FRONTIERE ESTERNE DEGLI STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA (FRONTEX) F LIBERTAS SECURITAS JUSTITIA RONTEX RELAZIONE GENERALE DI FRONTEX PER

Dettagli

Lavoratori non comunitari e lavoro in somministrazione a tempo determinato

Lavoratori non comunitari e lavoro in somministrazione a tempo determinato Lavoratori non comunitari e lavoro in somministrazione a tempo determinato Roma, 26 ottobre 2006 Giovanna Altieri Emanuele Galossi Maria Mora I Lavoratori immigrati: una componente strutturale della nostra

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016

NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016 NOTIZIE DALL'EUROPA CUP Newsletter - Febbraio 2016 NOTIZIE DALL'EUROPA RICERCA E INNOVAZIONE RESPONSABILI COLLABORAZIONE TRA SCIENZA E SOCIETÀ CIVILE L RRI è il processo che allinea la ricerca e l innovazione

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013

Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile Opera nel

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 24.10.2007 COM(2007) 627 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES AVENUE DES ARTS, 3-4-5, 1210 BRUXELLES TEL. +32(0)2.894.99.70 FAX +32(0)2.894.99.71

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Questo articolo presenta le statistiche dell'unione europea (UE) in materia di migrazioni internazionali, la popolazione di cittadini autoctoni e stranieri

Dettagli

LA MIGRAZIONE. Alcuni cenni storici. La migrazione in Europa. Cinque fasi storiche: Periodo Da A 1945-1960 Germania dell Est 20 Germania Ovest

LA MIGRAZIONE. Alcuni cenni storici. La migrazione in Europa. Cinque fasi storiche: Periodo Da A 1945-1960 Germania dell Est 20 Germania Ovest LA MIGRAZIONE Ragioni puramente economiche, persecuzioni politico-sociali e religiose, guerre e conflitti etnici una semplice preferenza per il paese estero, causano il movimento del fattore lavoro da

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco Premessa Le aziende del settore tessile e della moda tedesco professano la propria responsabilità com-merciale a prescindere del

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia Che cos è l'unione europea L Ue èun soggetto politico a carattere sovranazionale ed intergovernativo Èformato da 27paesi membri indipendenti

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Bologna 21 settembre 2011 Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni I migranti sono un importante risorsa

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Anna Twardon Consulente commerciale per l Estero. www.workexpress.pl. Egregi Signori,

Anna Twardon Consulente commerciale per l Estero. www.workexpress.pl. Egregi Signori, Egregi Signori, con la presente desideriamo presentarvi la nostra proposta di collaborazione nel campo della gestione delle Risorse Umane e con l occasione fornire le principali informazioni sulla nostra

Dettagli

DECISIONE N. 1719/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL CONSIGLIO. Gioventù Azione 2007-2013

DECISIONE N. 1719/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL CONSIGLIO. Gioventù Azione 2007-2013 DECISIONE N. 1719/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL CONSIGLIO Gioventù in Azione 2007-2013 GIOVENTU IN AZIONE 2007 2007-20132013 è un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 anni promuove la mobilità

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015.

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 28 Roma, 6 febbraio 2015 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET)

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Sintesi del rapporto EMBARGO Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Rapporto globale sui salari 2014/15 Disparità di salario e di reddito Rapporto

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli