Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue, culture e società dell Asia Orientale (LICSAO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue, culture e società dell Asia Orientale (LICSAO)"

Transcript

1 Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue, culture e società dell Asia Orientale (LICSAO) Classe: L-11 Lingue e culture moderne Codice del corso: LT4 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi del Corso di Studio, ai sensi di quanto previsto dall'art. 12 del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004, n.270 e dal Regolamento didattico di Ateneo. 1. Scheda informativa 1.1. Collegio didattico del corso Composizione del Collegio: si veda in (percorso Facoltà Collegi didattici e referenti) 1.2. Recapiti Sede della Presidenza di Facoltà: si veda in (percorso Facoltà Presidenza) Sedi delle attività didattiche: si veda in (percorso Facoltà Sedi e strutture) Informazioni sulle Lauree: sono reperibili direttamente in Lauree 1.3. Informazioni sul presente Regolamento Il presente Regolamento è stato deliberato dal Consiglio della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere nella seduta del 9 luglio Parte generale: 16 febbraio 2011 ultimo aggiornamento. Allegati: 13 ottobre 2010 ultimo aggiornamento. 2. Parte generale 1/10

2 2.1. Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo Il Corso di Laurea in Lingue, culture e società dell'asia Orientale si propone di dare ai propri laureati una adeguata competenza linguistica in due lingue dell'asia Orientale e una solida conoscenza delle culture e delle società dei relativi paesi, accompagnate dalla padronanza scritta e orale della lingua inglese, e da nozioni di base in linguistica teorica e in lingua e letteratura italiana. Inoltre, i laureati saranno messi in grado di padroneggiare i principali strumenti informatici e telematici relativi alle specifiche aree linguistiche di competenza. Tali conoscenze verranno acquisite attraverso più curricula, ciascuno con obiettivi formativi differenziati, miranti alla formazione di mediatori culturali che possiedano una buona preparazione linguistica corredata da un adeguato impianto filologico e una approfondita conoscenza del patrimonio culturale dei Paesi dell'asia Orientale; oppure operatori che, accanto a una buona preparazione linguistica e alle conoscenze culturali necessarie ad acquisirla, possiedano competenze in campo economico, giuridico, storico-sociale e politico. Tali obiettivi saranno conseguiti grazie a una coerente ripartizione del numero dei crediti destinati agli insegnamenti di base, caratterizzanti, affini e integrativi e, infine, alle altre attività formative (dove sono previste attività di stage/tirocinio e di abilità informatiche relative alla lingua orientale triennale) Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati Gli sbocchi professionali del laureato in Lingue, culture e società dell'asia Orientale sono: il giornalismo (previa iscrizione all'albo secondo la legge 69/1963) e i media, l'editoria, il turismo, nonché le professioni nell'ambito della formazione e dell'educazione linguistica e in quello dei servizi rivolti a contesti multilinguistici e multiculturali, all'accoglienza e all'integrazione dei cittadini extracomunitari. I laureati provenienti da un percorso formativo culturale (curriculum Lingue e culture dell Asia Orientale ) potranno operare nel campo della comunicazione interculturale e inserirsi professionalmente in vari settori, pubblici e privati quali enti culturali e museali, istituzioni pubbliche nazionali e comunitarie, organismi internazionali. Potranno inoltre occuparsi della redazione e traduzione di testi aventi rilevanza culturale e letteraria e di attività di assistenza linguistica a imprese e enti e istituti pubblici. Potranno infine svolgere professioni legate all'organizzazione e alla promozione di eventi culturali ed artistici (mostre, rassegne, festival etc.). I laureati provenienti da un percorso formativo economico-giuridico (curriculum Lingue e istituzioni economiche e giuridiche dell Asia Orientale ) potranno operare per imprese e istituti commerciali e finanziari interessati ai mercati dell'asia Orientale, nella consulenza commerciale, in enti pubblici nazionali e comunitari, in istituzioni e organismi internazionali ed in ambito diplomatico. In tali settori 2/10

3 essi potranno anche svolgere lavoro di ricerca documentale e di redazione e traduzione di testi di natura economico-giuridica o di altri generi testuali quali rapporti, verbali, corrispondenza e anche di attività di assistenza linguistica a imprese e enti e istituti pubblici Requisiti di accesso Per accedere al Corso di Laurea si richiede un diploma di scuola media superiore che corrisponda all'avvenuta assimilazione di nozioni di cultura generale, a un grado di approfondimento compatibile con la conclusione di un Corso di Studi nella scuola secondaria. Sono inoltre richieste predisposizione e interesse per le lingue straniere, curiosità per le diversità culturali, storiche e sociali delle tradizioni nazionali studiate, attitudine agli studi linguistici, storico-sociali e artistico-letterari, disponibilità alla mobilità studentesca nell'ambito dei programmi offerti dall'ateneo. In particolare, per il curriculum Lingue e Culture dell Asia Orientale (LICAO) si richiede una propensione verso gli studi in ambito umanistico, mentre per il curriculum Lingue e Istituzioni economiche e giuridiche dell Asia Orientale (LISAO) è necessaria un attitudine per gli studi in campo economico, giuridico, storico-sociale e politico. È indispensabile la conoscenza della lingua inglese almeno a livello B1, verificabile attraverso un test di valutazione o attraverso il riconoscimento delle seguenti certificazioni linguistiche: ENTE CERTIFICATORE Cambridge City and Guilds LIVELLO MINIMO ACCETTABILE (B1) ESOL PET IELTS Pearson Academic Test Pearson General (ex London Test of English) Level 2 TIE (Test of Interactive English) B1 o B1+ ESOL + SESOL Achiever TOEFL IBT Listening 275; Reading 275; Speaking 120; Writing TOEIC 120 Trinity ISE 1 Università Ca' Foscari di Venezia CLA attestato di frequenza e profitto B1 3/10

4 Allo studente in possesso dei crediti previsti per le ulteriori conoscenze linguistiche inglese veicolare, verrà automaticamente riconosciuta, come requisito d'accesso, la conoscenza della lingua inglese a livello B1. Allo studente che presenta domanda di trasferimento, passaggio interno od opzione è riconosciuta la conoscenza della lingua inglese a livello B1 nel caso abbia sostenuto nella carriera precedente un esame di lingua inglese; è riconosciuta anche l'idoneità di lingua inglese a livello B1 conseguita nella carriera precedente dallo studente che presenta domanda di passaggio interno. Lo studente che decida di inserire nel proprio piano di studio, tra gli insegnamenti a libera scelta, un esame di Lingua Inglese 1 (12 crediti) o di Lingua anglo-americana 1 (12 crediti), è esonerato dal conseguimento dell idoneità di lingua inglese a livello B1. La Facoltà esonera il suddetto studente anche dall acquisizione dei 3 cfu destinati a Ulteriori conoscenze linguistiche (Inglese veicolare). Se lo studente possiede una conoscenza della lingua inglese superiore al livello B1, comprovata dalle certificazioni linguistiche cui sopra, gli verranno riconosciuti automaticamente i 3 cfu delle ulteriori conoscenze linguistiche inglese veicolare, previsti dai piani di studio. Qualora non si possieda alcuna delle certificazioni sopra elencate o non si superi il test di valutazione, lo studente, nell arco del primo anno di iscrizione, potrà acquisire la conoscenza della lingua inglese a livello B1 attraverso la frequenza di un corso inglese zero on line erogato dal Centro Linguistico d Ateneo (CLA) - al termine del quale è previsto un test valutativo. Il superamento del test di valutazione, o il riconoscimento delle certificazioni, non è propedeutico al sostenimento di alcun esame previsto nei corsi di studio. Nel caso in cui non venga superato il test nell arco del primo anno di corso, lo studente è tenuto a presentare autonomamente certificazione del raggiungimento del livello B1 all atto d iscrizione al secondo anno. In caso contrario lo studente, che sarà comunque ammesso al secondo anno, non potrà sostenere gli esami relativi fino a quando non avrà raggiunto il livello B1 di conoscenza della lingua inglese. Ulteriori informazioni sono reperibili on line all indirizzo: 4/10

5 Programmazione degli accessi Accesso libero 2.4. Forme didattiche Le attività didattiche sono articolate in due semestri, ciascuno dei quali ha una durata di 14 settimane. Le lingue d insegnamento sono l italiano e quelle oggetto di studio. Sono previste le seguenti forme di didattica: lezioni in presenza e in teledidattica, esercitazioni in presenza e in teledidattica, laboratori, tirocini, seminari. Esami e verifiche possono essere effettuati in forma scritta, orale e/o telematica, a seconda dei contenuti e delle caratteristiche del singolo insegnamento. Si veda in (percorso Informazioni generali Esami Organizzazione appelli d esame). Per gli studenti del terzo anno è prevista la possibilità di recarsi in Cina o in Giappone per svolgere un periodo di studio presso Istituti e/o Università convenzionate, dove potranno sostenere gli esami relativi all ultimo modulo della lingua triennale, ottenendone il riconoscimento previa presentazione della relativa documentazione. Non ci sono obblighi di frequenza Presentazione dei piani di studio Al primo anno d iscrizione, lo studente è tenuto a presentare il proprio piano di studi entro le scadenze previste dalle Segreterie Studenti. Il piano di studio può essere aggiornato annualmente. Per la presentazione e l'aggiornamento del piano si rimanda all indirizzo (percorso Servizi studenti/laureati Segreterie studenti Compilazione/modifica del piano di studi) Regole dei piani di studio Il piano di studio richiede la scelta di una seconda lingua orientale. Le propedeuticità sono previste esclusivamente per gli insegnamenti di lingua (salvo per altri esami laddove specificato nella Guida Studenti), i quali vanno sostenuti nell ordine progressivo indicato dal numero di annualità. 5/10

6 Lo studente potrà inserire tra gli insegnamenti a libera scelta (utilizzando i 12 crediti disponibili) o una terza lingua tra le lingue annuali o 2 insegnamenti da 6 crediti ciascuno. Non possono essere scelti gli insegnamenti che palesino una ripetizione di una attività didattica già presente nel piano di studio. In particolare non è possibile per gli studenti che scelgono come I lingua il cinese inserire l esame di Lingua cinese modd. 1 e 2 (II lingua); per gli studenti che scelgono come I lingua il giapponese inserire l esame di Lingua giapponese modd. 1 e 2 (II lingua); per gli studenti che scelgono come I lingua il coreano inserire l esame di Lingua coreana modd. 1 e 2 (II lingua). Inoltre sono considerate ripetizioni insegnamenti della stessa disciplina ma tenuti per altri corsi di laurea (codici diversi ma uguale contenuto formativo). Le scelte libere sono effettuate secondo un criterio di coerenza con il progetto formativo dello studente. Qualora si evidenzino delle irregolarità il piano non verrà approvato. La coerenza si riferisce al singolo piano di studio presentato e andrà perciò valutata con riferimento all adeguatezza delle motivazioni eventualmente fornite. Le attività didattiche a libera scelta selezionate nei piani di studio saranno oggetto di verifiche. L ordinamento del Corso di Laurea, come ulteriori attività formative, prevede: 3 crediti di inglese veicolare, 5 crediti di tirocinio e 3 crediti di abilità informatiche e telematiche. Gli studenti in possesso di una delle certificazioni linguistiche riconosciute dalla Facoltà, attestante un livello di competenze linguistiche superiore al B1, sono esonerati dall acquisizione dei 3 cfu destinati a Ulteriori conoscenze linguistiche (Inglese veicolare). La Facoltà ha deciso di esonerare dall acquisizione dei suddetti crediti anche gli studenti che hanno sostenuto l esame di Lingua inglese 1 (12 cfu) o l esame di Lingua anglo-americana 1 (12 cfu), se inseriti nel piano di studio tra gli insegnamenti a libera scelta. Sono esonerati dall acquisizione dei 3 crediti attribuiti alle Conoscenze informatiche gli studenti in possesso di certificazione ECDL (European Computer Driving Licence) e gli studenti diplomati presso un Istituto Tecnico Industriale con specializzazione Abacus o Sirio Prova finale e conseguimento del titolo Le sessioni di laurea sono tre: una estiva (giugno), una autunnale (ottobre - novembre) e una straordinaria (febbraio - marzo). Il conseguimento della laurea richiede il superamento della prova finale, per la quale è previsto 1 credito. Qualora lo studente intenda laurearsi in una sessione nella quale deve sostenere degli esami, essi 6/10

7 dovranno essere sostenuti e superati nel primo appello della sessione. Il numero massimo di esami sostenibili consentito (escluse le idoneità e il tirocinio) è tre, di cui solo uno può essere della stessa lingua, per un numero di crediti non superiore a 18. Gli studenti laureandi nella prima sessione utile del terzo anno di corso potranno chiedere, tramite il proprio relatore di elaborato finale, l autorizzazione al Collegio didattico di sostenere un numero di esami residui nel primo appello superiore a tre. Per le caratteristiche della prova finale si rimanda a : (percorso Lauree Corso di laurea di riferimento). E previsto che lo studente possa laurearsi al massimo con 24 crediti in soprannumero. La prova consiste nella predisposizione di un elaborato scritto (un breve paper comunque commisurato al peso in CFU) concordato con un docente (docente relatore) a cui si affianca eventualmente, nella fase di valutazione conclusiva, un altro docente (docente correlatore) designato dall organo di coordinamento della didattica. In relazione alla specificità dell area disciplinare, per elaborato finale si può intendere anche la sintesi scritta dei risultati di una ricerca sperimentale condotta eventualmente con il concorso di attività di stage/tirocinio. Il candidato non discuterà più il suo elaborato davanti ad una commissione. Una volta consegnato il lavoro al relatore sarà cura di quest'ultimo attribuire il voto alla prova finale e comunicarlo allo studente. La consegna del diploma finale avverrà in occasione di un "graduation day". La valutazione della prova finale è effettuata assegnando un punteggio con un range da 0 a 6 punti e concorrerà al voto finale di laurea. La valutazione della prova finale va riferita non solo all elaborato ma all intera carriera dello studente. Il voto di laurea è determinato sommando alla media in centodecimi, il voto della prova finale e gli eventuali bonus. L'attribuzione della lode al voto finale è a discrezione del docente relatore, sentito, ove ritenuto necessario e previsto, il docente correlatore e limitatamente ai casi in cui la somma della media degli esami, dei punteggi aggiuntivi di bonus e della prova finale, portino ad un punteggio maggiore di Altre disposizioni Studenti part-time 7/10

8 Lo studente part-time è uno studente che per ragioni di lavoro, di salute o perché impegnato nell assistenza a familiari non autosufficienti, si trova nell impossibilità di dedicarsi agli studi a tempo pieno. Per l anno accademico gli studenti part-time potranno immatricolarsi al corso di laurea in Lingue, Culture e Società dell Asia Orientale (LICSAO). Per gli studenti part-time si rimanda a : (percorso Informazioni generali Studenti part-time) Modalità opzioni L Università assicura la conclusione dei corsi di studio e il rilascio dei relativi titoli, agli studenti già iscritti all entrata in vigore del D.M. 270/2004 (studenti del vecchio ordinamento e dell ordinamento ex D.M. 509/1999), oppure consente di esercitare l opzione allo stesso corso di laurea trasformato. Potranno esercitare l opzione al primo anno del nuovo ordinamento ex D.M. 270/2004 solo gli studenti, iscritti ai corsi di laurea triennale ex D.M. 509/1999, che alla data del 30 settembre 2010 abbiano conseguito un numero di crediti formativi universitari inferiore o uguale a 39. Potranno esercitare l opzione al secondo anno del nuovo ordinamento ex D.M. 270/2004 solo gli studenti, iscritti ai corsi di laurea triennale ex D.M. 509/1999, che alla data del 30 settembre 2010 abbiano conseguito da 40 a 99 crediti formativi universitari. Potranno esercitare l opzione al terzo anno del nuovo ordinamento ex D.M. 270/2004 solo gli studenti, iscritti ai corsi di laurea triennale ex D.M. 509/1999, che alla data del 30 settembre 2010 abbiano conseguito più di 100 crediti formativi universitari. La scelta di optare, una volta esercitata, è irrevocabile. Si ricorda che per l anno accademico 2010/2011 i corsi del nuovo ordinamento entrano a regime. Si precisa che l opzione potrebbe comportare la perdita di alcuni crediti già acquisiti. Per le modalità e il periodo entro cui esercitare l opzione si rimanda alla Guida dello Studenti e a quanto pubblicato on line. Iniziative d internazionalizzazione e voto finale di laurea 8/10

9 Si riconosce l esperienza all estero come attività sostitutiva di stage (con relativi crediti) a quegli studenti che abbiano usufruito di programmi LLP/Erasmus, di programmi di mobilità internazionale e di tirocini e stage all estero attivati dall Ateneo. Al fine di snellire e uniformare le procedure si è proceduto ad una armonizzazione dei bonus tra tutti i Corsi di Studio. Vengono attribuiti due punti (bonus) per il voto finale di laurea agli studenti che svolgono il tirocinio all estero durante il percorso di laurea. Vengono attribuiti due punti (bonus) per il voto finale di laurea agli studenti cui viene riconosciuto almeno un esame equivalente a 6 crediti sostenuto all estero nell ambito di programmi di scambio dell Ateneo. Per gli studenti che abbiano frequentato Summer School di Ateneo e superato i relativi esami finali è prevista l attribuzione di due punti (bonus) per il voto finale di laurea. I bonus di cui sopra sono cumulabili. E prevista l attribuzione di punti (bonus) agli studenti che si laureano entro i tempi previsti dal loro percorso di studio, come di seguito riportato: - laurea entro la sessione estiva del 3 anno accademico (3 bonus per gli immatricolati normali, 2 bonus per gli immatricolati con titolo di studio riconosciuto); - laurea entro la sessione autunnale del 3 anno accademico (2 bonus per gli immatricolati normali, 1 bonus per gli immatricolati con titolo di studio riconosciuto); - laurea entro la sessione straordinaria del 3 anno accademico (1 bonus per gli immatricolati normali, 0 bonus per gli immatricolati con titolo di studio riconosciuto). Per il calcolo dei bonus deliberati si considerano solo le attività svolte dopo l'iscrizione al Corso di Studi. Riconoscimenti di crediti per conoscenze e abilità professionali certificate Sono previsti e valutati dal Collegio didattico eventuali riconoscimenti di crediti per conoscenze e abilità professionali certificate ai sensi della normativa vigente, nonché altre conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello postsecondario alla cui progettazione e realizzazione l'università abbia concorso. I crediti derivanti dal conseguimento del titolo di Master Universitario di primo o di secondo livello possono essere riconosciuti dal collegio didattico del corso di laurea a cui si intende iscriversi previa 9/10

10 verifica della coerenza nei contenuti come crediti formativi sostitutivi di insegnamenti previsti nel corso di laurea. Il numero massimo di crediti riconoscibili è fissato per il Corso di Studi nel proprio regolamento didattico e non può comunque essere superiore a 60 crediti. Aggiornamento e modifica del Regolamento L'Ateneo assicura la periodica revisione del presente Regolamento, entro il 15 maggio di ogni anno, per le parti relative a: o programmazione degli accessi, fatte salve specifiche disposizioni ministeriali in materia; o articolazione dei curricula o elenco degli insegnamenti, salvo eventuali successive integrazioni. 3. Allegati 3.1. Guida dello studente, curricula previsti, piano di studio Si rimanda a: Didattica 3.2. Elenco degli insegnamenti attivati per l'anno accademico in corso Per l elenco degli insegnamenti si rimanda a: (percorso Informazioni generali Lingue, Insegnamenti, docenti Lista insegnamenti) 10/10

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Culture del Mediterraneo e del Medio Oriente (MEDOR)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Culture del Mediterraneo e del Medio Oriente (MEDOR) Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e Culture del Mediterraneo e del Medio Oriente (MEDOR) Classe: L-11 Lingue e culture moderne Codice del corso: LT2 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue, Culture e Società dell Asia e dell Africa Mediterranea (LICSAAM)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue, Culture e Società dell Asia e dell Africa Mediterranea (LICSAAM) Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue, Culture e Società dell Asia e dell Africa Mediterranea (LICSAAM) Classe: L-11 Lingue e culture moderne Codice del corso: LT4 Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e civiltà moderne e contemporanee (LCMC)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e civiltà moderne e contemporanee (LCMC) Regolamento didattico del Corso di Laurea in Lingue e civiltà moderne e contemporanee (LCMC) Classe: L-11 Lingue e culture moderne Codice del corso: LT1 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale (ITES)

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale (ITES) Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale (ITES) Classe: LM-94 Traduzione specialistica e interpretariato Codice del corso: LM7 Il presente

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale (ITES)

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale (ITES) Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Interpretariato e traduzione editoriale, settoriale (ITES) Classe: LM-94 Traduzione specialistica e interpretariato Codice del corso: LM7Il presente

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze del linguaggio (SL)

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze del linguaggio (SL) Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze del linguaggio (SL) Classe: LM-39 Linguistica Codice del corso: LM5 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi del corso

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale (MLC)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale (MLC) Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale (MLC) Classe: L-12 Mediazione linguistica Codice del corso: LT5 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale (MLC)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale (MLC) Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale (MLC) Classe: L-12 Mediazione linguistica Codice del corso: LT5 Il presente regolamento disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionali

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionali Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionali comparate (RIC) Classe: LM-52 Relazioni internazionali 1. Scheda informativa Codice del corso: LM6 Il presente regolamento

Dettagli

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Economia e Commercio Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Economia e Commercio Economics

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ERBORISTICHE (CLASSE L-29) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente

Dettagli

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE PHYSICS AND ADVANCED TECHNOLOGIES Classe delle lauree in Scienze e tecnologie fisiche (L-30) (Emanato

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE EUROPEE (CLASSE L-12 Mediazione linguistica) Art. 1 Premesse

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto

Dettagli

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Regolamento didattico del Corso di laurea in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE - (Classe: L - 11) Art. 1 - Requisiti per l'accesso al corso. Per

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE (classe L-19 Scienze dell educazione e della formazione)

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANTROPOLOGIA DEL MONDO CONTEMPORANEO (CLASSE LM-1 Antropologia culturale

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L)

SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L) SEDE DI FORLI - Corso: Ordinamento: SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE 8059 - MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE (L) DM270 MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE Scuola di Lingue

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica

Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere Corso di laurea triennale in LINGUE E MEDIAZIONE LINGUISTICO-CULTURALE Classe L-12 / Classe delle lauree in Mediazione Linguistica Corso di laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO (art. 12 - D.M. 22 ottobre 2004 n. 270)

REGOLAMENTO DIDATTICO (art. 12 - D.M. 22 ottobre 2004 n. 270) U N IVERSITÀ DEGLI STUDI DI P AVIA D IPARTIMENTO DI FISICA REGOLAMENTO DIDATTICO (art. 12 - D.M. 22 ottobre 2004 n. 270) CORSO DI LAUREA IN FISICA Classe L-30 Coorte a.a. 2015/2016 PARTE PRIMA DISPOSIZIONI

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE MODERNE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA (classe L/SNT1 Professioni sanitarie infermieristiche e professione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO ENVIRONMENTAL GEOLOGY (Classe L-34) (Emanato con D.R. n. 1056/2015 del 24.07.2015 pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA afferisce

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI Allegato N. 1 al Verbale CCL in data 21/06/2012 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI LINGUE E LETTERATURE

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea magistrale in Architettura. Classe di laurea magistrale LM 4

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea magistrale in Architettura. Classe di laurea magistrale LM 4 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea magistrale in Architettura Classe di laurea magistrale LM 4 DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD Approvato dal

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN FILOLOGIA, LETTERATURA E TRADIZIONE CLASSICA CLASSE LM-15 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea in MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA CORSO DI LAUREA IN PROGETTAZIONE E MANAGEMENT DEI SISTEMI TURISTICI E CULTURALI REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica (classe LM-33), in conformità alla normativa

Dettagli

Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 270/04)

Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea magistrale in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Classe LM 37 [Lingue e letterature moderne europee e americane] (DM 70/04)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO) REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO) Approvato dal Consiglio Accademico nella seduta del 10 luglio 2007. Modificato in data 3 dicembre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41) Page 1 of 5 Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: 8415 - MEDICINA E CHIRURGIA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: MEDICINA E CHIRURGIA Testo: Scuola di Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN Scienze e Tecnologie Agrarie e degli Alimenti (interclasse L-25 - Scienze e Tecnologie Agrarie

Dettagli

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA (Curriculum Traduzione e Interpretazione)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art.

Dettagli

Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza

Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza Regolamento Didattico del Corsi di Laurea triennale in: Economia aziendale (Classe L 18 Classe delle lauree in Scienze dell'economia

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale)

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea nelle sedute

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

D. R. n. 36/14 IL RETTORE

D. R. n. 36/14 IL RETTORE IL RETTORE D. R. n. 36/14 Vista la legge 9 maggio 1989 n. 168; Vista Visti Visti Vista Viste la legge 19 novembre 1990 n. 341 ed in particolare l art.11; l art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997,

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Art. 3 Attività formative Il presente Regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Laurea triennale in

FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Laurea triennale in Servizi per il Corso di Laurea FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE TEST DI VALUTAZIONE Nel sito Web dell Università sono liberamente fruibili test on line di lingua straniera (francese, inglese,

Dettagli

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA (Curriculum Traduzione e Interpretazione)

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) classe delle lauree Magistrali in Scienze economiche per l ambiente e la cultura (LM-76).

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER LA COMUNICAZIONE NELL IMPRESA E NELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04)

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico di corso di studio (laurea di II livello) corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M.

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ARCHEOLOGIA Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea in ARCHEOLOGIA afferisce alla Classe delle lauree L-1

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali Il Corso di Laurea Magistrale Relazioni Internazionali (classe LM-52 delle )

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI - (Classe: LM-39) Art. 1 - Requisiti per l'accesso

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA MANIFESTO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI in ECONOMIA e MANAGEMENT Anno Accademico 2013/14 Introduzione A seguito della riforma dei corsi di studio ex D.M. 270/2004,

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN LINGUE PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI (CLASSE

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso di Laurea in Chimica,

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Psicologia (LM-51 Classe delle Lauree magistrali in Psicologia) Art. 1 Norme

Dettagli