DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE n. 49/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE n. 49/2012"

Transcript

1 Bologna, 25 luglio 2012 Via Via fax Segue raccomandata a/r Spett.le Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo - ISVAP Via del Quirinale n ROMA c.att. del Presidente dr. Giancarlo Giannini DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE n. 49/2012 Osservazioni e proposte di emendamento allo Schema di regolamento concernente la definizione dello standard di modalità operative per l'applicazione delle disposizioni relative all'obbligo di confronto delle tariffe R.C. Auto pubblicato dall'isvap il 10 luglio 2012 Gli esponenti Presidenti di Gruppi Distributivi Aziendali rappresentano tredici reti distributive di primarie Compagnie assicurative autorizzate all'esercizio del ramo R.C. Auto, e rappresentano un totale di circa 7000 agenti di assicurazione (mono e plurimandatari), oltre a circa intermediari e collaboratori iscritti alla sezione E, rappresentanti circa 1/3 dell'intero comparto. PREMESSA Letti l'art. 34 del D.L. 1/2012, convertito con modificazioni in legge 27/2012, nonché lo Schema di regolamento in oggetto predisposto dall'isvap ai sensi del comma 3bis e la Relazione illustrativa, i deducenti premettono, in linea generale e di principio, quanto segue. A. Com'è stato correttamente rilevato nelle precedenti audizioni da tutti i soggetti istituzionali interessati dalla disposizione, l'art. 34 del D.L. 1/2012, nel pur condivisibile intento di tutelare la completezza d'informazione in capo agli assicurati (che peraltro non è idonea a tradursi né in un risparmio di spesa, né nel miglioramento delle condizioni assicurative) delinea un sistema tecnicamente irrealizzabile, eccessivamente oneroso e di dubbia compatibilità con il diritto comunitario. Questi gli esempi più lampanti: l'obiettiva impossibilità di comparare tra loro prodotti assicurativi oggettivamente diversi, soprattutto per quel che concerne il contenuto della R.C. Auto obbligatoria, 1

2 le garanzie accessorie e le condizioni di accesso alle stesse; l'obiettiva ed ingiustificata disparità di trattamento tra le Compagnie che s'avvalgono di reti distributive e quelle che invece operano in via diretta via cavo o via internet, di fronte alle quali la rigida procedimentalizzazione dell attività contrattuale e l assenza di qualunque informazione personalizzata accentuano l asimmetria informativa a danno del Cliente; la comminatoria della nullità del contratto che, paradossalmente, il cliente potrebbe esercitare un giorno prima della scadenza, ottenendo così la restituzione del premio pur avendo fruito, medio tempore, della copertura assicurativa. B. Tali attriti sembrano essere acuiti, anziché temperati, dall'orientamento restrittivo assunto dall'isvap in sede di regolamentazione, che, sotto svariati profili, sembra aver valicato l'obiettivo di rendere semplicemente operativa la norma, assegnatogli dall'art. 34, comma 3bis, in commento. Ne sono esempio, tra l'altro: l'obbligo di proposta di preventivi "personalizzati" anziché basati su profilazioni standardizzate (non a caso l'art. 34 parla di "tariffa" e non di "premio"; l'omessa regolamentazione degli obblighi di trasparenza, formazione ed adeguatezza posti in capo agli Intermediari in relazione a prodotti assicurativi cui l'intermediario proponente è fatalmente estraneo, provenendo tali preventivi da Compagnie con cui non ha alcun rapporto; l'omessa precisazione delle "altre condizioni contrattuali", ulteriori rispetto al premio, cui dovrebbe estendersi l'obbligo d'informazione e consegna; l'omessa indicazione delle modalità di acquisizione e trattamento (ivi inclusa l'immissione nei sistemi di Compagnie terze) dei dati personali relativi ai clienti; l'omessa previsione della possibilità che il cliente, reso edotto del suo diritto di chiedere od ottenere la preventivazione, esenti consapevolmente l'intermediario da tale obbligo, nonché la disciplina dell'ipotesi in cui il cliente si rifiuti di attestare la ricezione dell'informativa; l'omessa regolamentazione del regime di solidarietà nella sanzione di cui all'art. 34, comma 3, del D.L. 1/2012; l'omessa specificazione del regime sanzionatorio per gli Intermediari iscritti in Sezioni diverse dalla A; l'omessa disciplina delle ipotesi in cui l'intermediario, del tutto legittimamente, raccolga affari al di fuori della sua sede operativa, ponendosi nell'impossibilità materiale di offrire la preventivazione alternativa. 2

3 C. Sotto altro profilo, il Regolamento eccede il disposto dell'art 34, in parte qua: prevede l'opzione, non disciplinata dalla Legge, di trasformare la (mera) "informativa" prevista dall'art. 34, comma 1, nella consegna materiale di tre preventivi, di cui due totalmente estranei all'intermediario monomandatario, e nella conservazione di copia degli stessi agli atti di Agenzia: opzione che comporta costi di stampa, archiviazione e conservazione (senza nemmeno indicare per quanto tempo) del tutto sproporzionati al fine e privi di specifica remunerazione; estende l'ambito soggettivo di applicabilità dell'art. 34 ai soggetti giuridici, mentre la ratio della Legge sembrerebbe potersi circoscrivere alle tutela delle sole persone fisiche (o "consumatori" in senso stretto); estende l'obbligo dell'attività di preventivazione al rinnovo dei contratti in corso ed a quelli stipulati dopo l'entrata in vigore del Regolamento, quando l'art. 34 si limita invece a menzionare la "sottoscrizione" del contratto, senza peraltro distinguere l'ipotesi in cui il Cliente sia stato reso edotto della possibilità di richiedere il confronto in vista del rinnovo dall'ipotesi in cui questi vi rinunci deliberatamente. D. A ciò s'aggiunga che gli attuali strumenti tecnologici a disposizione della categoria (per tutti, il Tuopreventivatore di ISVAP e gli altri sistemi di comparazione disponibili su internet) sono del tutto inidonei ad assolvere alle funzioni cui sono chiamati. Né il Regolamento contiene disposizioni idonee ad ovviare a tale deficienza. Inoltre, nella parte in cui il Regolamento prevede lo scambio di copie cartacee delle informative (recte: preventivi) si pone in aperto contrasto con il procedimento di dematerializzazione avviato dalle stesse pubbliche Amministrazioni per i propri atti, comporta uno spreco ingiustificato di carta ed ulteriori costi cui le Agenzie dovranno fare fronte riducendo il personale, con inevitabili riflessi in un contesto occupazionale già duramente provato dalla grave crisi economica mondiale. Ancora: la progressiva riduzione dei contatti della clientela con le Agenzie, reso sempre più macchinoso, comporterà una correlativa diminuzione della collocazione dei prodotti assicurativi a libera contraenza, con un impatto riduttivo dell'appetibilità del mercato assicurativo. In quest'ottica, tenuto conto che né in sede normativa, né in sede regolamentare, è previsto alcun obbligo cogente per le Compagnie di adeguare i propri siti internet agli obblighi d'informativa (paradossalmente a beneficio dei propri concorrenti), è evidente che l'art. 34, nei termini in cui è formulato, non è concretamente applicabile né emendabile per via regolamentare. E. In definitiva, sembra sia mancata qualunque analisi preventiva dell impatto regolamentare sul mercato, pure prevista dall art. 191, comma 4, del Codice delle 3

4 Assicurazioni, alla stregua di indispensabile attività istruttoria preliminare a qualunque attività regolamentare dell Istituto. Analisi che, se correttamente effettuata, avrebbe certamente evidenziato tali criticità ed avrebbe comportato l opportunità d una segnalazione al Parlamento volta ad adeguare, sotto il profilo normativo prim ancora che sotto quello regolamentare, la disciplina della materia. Ciò premesso, in via meramente cautelativa, si rassegnano le seguenti Articolo 1 (Definizioni) OSSERVAZIONI Premessa la ferma contrarietà degli scriventi a che l'obbligo d'informativa s'estenda ai rinnovi contrattuali, in quanto l'art. 34 del D.L. 1/2012 lo limita alla sottoscrizione di un contratto, e che il Regolamento ISVAP 4/2006 distingue nettamente l'ipotesi di proroga tacita (già oggetto di specifica approvazione del cliente ai sensi degli artt e 1342 cod.civ.) da quella del rinnovo, che consiste in una successione di contratti nel tempo, in via meramente subordinata e cautelativa, qualora l'istituto intenda confermare l'estensione dell'obbligo ai casi di rinnovo, si suggerisce l'introduzione della seguente lettera F: "f) "rinnovo": sottoscrizione di un nuovo contratto assicurativo della sola garanzia obbligatoria R.C. Auto, senza soluzione di copertura con il precedente, che costituisca, modifichi od estingua tale garanzia". Articolo 2 (Ambito di applicazione) La disposizione, e segnatamente il comma 2, riflette la grave distorsione della concorrenza e l'obiettiva disparità di trattamento introdotte dall'art. 34 del D.L. 1/2012 tra (Compagnie che si avvalgono di) Intermediari e c.d. Compagnie "dirette". Disparità che, a ben vedere, non è giustificata né da una maggior forza contrattuale del Cliente, né da una maggior tutela della trasparenza e dell'adeguatezza del contratto: ché anzi, scegliendo l'offerta via internet, l'utente tende a sorvolare sull'illustrazione delle condizioni generali di assicurazione, di cui non possiede gli strumenti d'interpretazione, mediante un semplice flag. Sicché, ferma restando la (opinabile) disposizione normativa, deve essere previsto in linea di principio che il Cliente abbia la possibilità di ottenere la preventivazione tanto dagli Intermediari presso la propria sede, quanto dagli Intermediari nei casi di cui all'art. 3 del Regolamento ISVAP 4/2006, quanto dalle Compagnie c.d. "dirette", in modo analogo. Correlativamente, dev'essere prevista, in ognuna di tali ipotesi, la possibilità che il Cliente attesti di esser stato reso edotto di tale possibilità e/o di avervi deliberatamente rinunciato, con effetto liberatorio nei confronti dell'intermediario e/o della Compagnia diretta. Di conseguenza si propone: 4

5 la soppressione del comma 2 dell'art. 2 del Regolamento; l'introduzione al comma 1 della seguente lettera "c) alle imprese che non si avvalgono di intermediari". Articolo 3 (Soggetti destinatari della informativa) La lettera della Legge, in uno allo spirito che l'ha animata, intende tutelare anzitutto il Cliente consumatore. Non v'è alcuna ragione per estendere l'obbligo d'informativa (sia esso generalizzato oppure subordinato alla specifica richiesta dell'interessato) anche alle persone giuridiche, che, a differenza del Cliente consumatore, posseggono tutti gli strumenti cognitivi per valutare autonomamente, sotto il profilo economico e giuridico, le proprie esigenze assicurative ed i mezzi per farvi fronte. In quest'ottica, non è condivisibile l'assunto per cui tale esclusione comporterebbe uno svuotamento della norma, principalmente intesa a sollecitare una (discutibilmente utile a tutte le parti in gioco) mobilità della clientela del ramo. La fedeltà del mercato trova fondamento nel rapporto fiduciario esistente tra il Cliente e l'intermediario, investito, oltreché della funzione distributiva nell'interesse di una o più Compagnie, d'una funzione di consulenza ed assistenza in favore del Cliente che non può essere svilita alla sola quantificazione del premio. Si propone pertanto che all'art. 3, comma 1: dopo la locuzione "persone fisiche" vengano inserite le parole "che agiscono per scopi estranei alla propria attività imprenditoriale o professionale"; venga soppresso l'inciso "o giuridiche". Si precisa inoltre che, stante la lettera dell'art. 3, comma 1, gli scriventi non ritengono di dover estendere l'obbligo d'informativa ai contratti contenenti, oltreché l'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, alle ipotesi in cui tali contratti contengano garanzie accessorie, siano esse idonee o meno ad incidere sulla quantificazione del premio della R.C.A. obbligatoria. Si evidenzia infine che, stante la chiara distinzione normativa tra "proroga" e "rinnovo", postulando quest'ultimo la sottoscrizione di un nuovo contratto, l'inserimento del termine "o rinnovare" all'art. 3.1 è ridondante. Si propone pertanto la soppressione dell'inciso "o rinnovare" dal comma 1. Articolo 4 (Modifiche all'articolo 3 del Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006) La disposizione in commento trascura di disciplinare: 5

6 l'ipotesi in cui il contatto con l'intermediario non sia stabilito direttamente dal "cliente" (dando per scontato che tale soggetto sia il contraente) ma da un suo delegato (ad esempio un familiare munito di delega), ed il soggetto abilitato ad attestare la ricezione dell'informativa; il termine entro il quale il Cliente può esercitare il diritto di ottenere l'informativa, vanamente decorso il quale il contratto s'intende rinnovato a termini di polizza; le modalità con cui il cliente deve richiedere, l'intermediario consegnare ed il Cliente attestare d'aver ricevuto, l'informativa di cui al comma 1 dell'art. 34. La disposizione in lettura, emendata dalle criticità sopra riportate, per la sua immediata applicabilità deve essere estesa alle Compagnie dirette. Inoltre, tenuto conto della netta distinzione tra "proroga" e "rinnovo" contrattuale, la disposizione, nei termini in cui è formulata, non può ritenersi applicabile ai casi di proroga tacita che non implichino la sottoscrizione di un nuovo contratto assicurativo. Si propongono dunque i seguenti emendamenti: all'art. 3 del Regolamento ISVAP n. 4/2006, siccome modificato dall'art. 4, comma 1, dello Schema di Regolamento, aggiungere il seguente comma 3: "Il Cliente che intenda avvalersi della facoltà di cui al comma 2 deve darne comunicazione scritta all'intermediario entro i 30 giorni precedenti la scadenza del contratto, vanamente decorsi i quali il contratto s'intende rinnovato alle condizioni ivi previste, Qualora il Cliente abbia comunicato di volersi avvalere della facoltà di cui al comma 2, l'informativa è resa presso la sede dell'intermediario entro il termine da questo assegnato al Cliente. Qualora il Cliente non si presenti o rifiuti di attestare la ricezione dell'informativa, il contratto s'intende rinnovato alle condizioni ivi previste. Il Cliente può delegare terzi per tale adempimento". Restano ovviamente salve le facoltà di disdetta del contratto previste dalle Condizioni di assicurazione o dalla Legge. Articolo 5 (Imprese che non si avvalgono di intermediari) Tenuto conto delle considerazioni sinora svolte, la previsione di cui all'art. 5 dello Schema di regolamento, nel pur condivisibile intento di attenuare un'obiettiva ed ingiustificata disparità di trattamento, di fatto finisce con il perpetrarla, in contrasto con la normativa di derivazione italo-comunitaria in tema di parità di concorrenza. Si propone pertanto il comma 1 sia sostituito come segue: "Ferma l'applicazione dell'articolo 3 del Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006, le imprese che, nell'attività di distribuzione di prodotti relativi all'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla 6

7 circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, non si avvalgono dell'operato di intermediari, sono tenute ad indicare ai clienti, sui propri siti internet aziendali, la possibilità di procedere alla comparazione delle offerte relative all'assicurazione obbligatoria r.c. auto tramite il servizio di comparazione "Tuopreventivatore"". Si propone inoltre l'introduzione del seguente comma 3: "L'opzione di avvalersi o meno della facoltà di cui al comma 1 deve costituire oggetto di una specifica scelta dell'utente, in difetto della quale non può darsi corso alla stipulazione del contratto". Articolo 6 (Informativa al cliente sulla tariffa e sulle condizioni contrattuali) Si premette che l'art. 34, comma 1, del D.L. 1/2012 si limita a prevedere che gli Intermediari siano tenuti a rendere una mera informativa, trasparente, corretta ed esaustiva, sulla tariffa e sulle "altre condizioni contrattuali" previste da almeno tre diverse compagnie assicurative non appartenenti ai medesimi gruppi. Se ne ricava, in linea di principio: che non esiste alcuna disposizione espressamente ostativa ad una specifica e consapevole esenzione dell'intermediario da tale obbligo, da parte del Cliente, che può dunque essere armonizzata a quanto previsto dall'art. 50, comma 1, lettera c), terzo alinea, del Regolamento ISVAP 5/2006; che l'informativa, riguardando la "tariffa" e non il "premio", non può necessariamente assumere i tratti caratteristici del "preventivo", ben potendosi limitare ad un raffronto basato su mere profilazioni standardizzate che non implichino acquisizione e trattamento di dati personali, né il raffronto in termini di adeguatezza di prodotti assicurativi di compagnie terze, cui l'intermediario sia completamente estraneo. La disposizione in commento, inoltre, non chiarisce (al pari dello Schema di regolamento) a quali "condizioni contrattuali" s'estenda l'obbligo di preventivazione: se esse siano le garanzie accessorie, ovvero soltanto le condizioni idonee ad incidere sulla tariffazione della R.C. Auto, ovvero gli elementi di cui all'art. 49, comma 4, del Regolamento ISVAP 5/2006. E, in quest'ultima ipotesi, non ci si può esimere dal rilevare l'oggettiva incomparabilità delle diverse condizioni contrattuali attualmente presenti sul mercato. A ciò s'aggiunga che, sotto il profilo strettamente operativo, non v'è ragione per distinguere l'ipotesi in cui un cliente si rivolga, per ragioni fiduciarie, ad un Intermediario, da quella dell'utente che per i più svariati motivi preferisca l'utilizzo del web: in altri termini, non v'è alcun motivo per escludere gli Intermediari dalla possibilità che il cliente abbia diritto di ottenere le informazioni di raffronto qualora ne faccia richiesta ovvero qualora non vi rinunci espressamente. 7

8 In definitiva, non v'è ragione per non allineare gli adempimenti posti in capo agli Intermediari da quelle che lo Schema di regolamento prevede cautelativamente in capo alle Compagnie che non se ne avvalgano. Si propone pertanto che il comma 1 sia sostituito dal seguente: "Gli intermediari, nell'attività di distribuzione di prodotti relativi alla sola assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, avvertono il cliente di essere tenuti, prima della sottoscrizione del contratto e salvo sua espressa rinuncia: a) a fornirgli una informativa corretta, trasparente ed esaustiva, sulla tariffa e sulle altre condizioni contrattuali di cui all'art. 49, comma 4, del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006, che influiscano direttamente sulla copertura assicurativa obbligatoria della r.c. auto, ricavabili dalle condizioni applicate da almeno tre imprese appartenenti a diversi gruppi assicurativi; b) ad illustrargli, se richiesto, le note informative relative ai prodotti assicurativi oggetto dell'informativa, già predisposte e pubblicate sui siti internet aziendali ai sensi dell'art. 34 del Regolamento ISVAP n. 35 del 26 maggio 2010; c) ad informare il cliente, ai sensi e nelle forme di cui all'art. 50 del Regolamento ISVAP n. 5 del 16 ottobre 2006, di non aver ricevuto alcuna formazione in ordine ai prodotti assicurativi estranei a quelli emessi dalla propria impresa mandante e di non poter rispondere della loro adeguatezza". In analogia al disposto dell'art. 52, comma 4, del Regolamento ISVAP 5/2006, si propone inoltre l'introduzione del seguente comma 1bis: "Il cliente, che intenda rinunciare alla facoltà di ottenere l'informativa di cui al comma 1, ne dà atto per iscritto. Il rifiuto del cliente di ricevere l'informativa o di attestare la rinuncia alla facoltà di cui al comma 1 o di le informazioni occorrenti alla formulazione dell informativa, impedisce la sottoscrizione del contratto ed esenta l'intermediario da qualunque responsabilità nei confronti del cliente, della Compagnia e dei terzi". Si propone che il primo inciso del comma 2 sia sostituito dal seguente: "Qualora il cliente non rinunci alla facoltà di ottenere l'informativa di cui al comma 1, l'intermediario rende tale informativa avvalendosi anche". Tenuto conto del regime sanzionatorio di cui all'art. 34, comma 3, del Decreto, non v'è alcun motivo per addossare alle Associazioni degli intermediari l'onere di costituire e gestire i servizi di comparazione che aggregano i dati dei preventivatori aziendali di cui alla lettera c) del comma 2. Si suggerisce pertanto che l'art. 6, comma 2, lettera c) sia sostituito dal seguente: "delle informazioni di raffronto fornite dalla propria compagnia mandante". 8

9 Le funzioni del "Tuopreventivatore", che dovranno comunque essere adeguate all'implementazione d'utilizzo conseguente all'entrata in vigore del Regolamento (poiché, allo stato, il servizio non è in grado di sostenere quarantatrè milioni di accessi all'anno moltiplicati per tre preventivi ognuno) dovranno essere rese accessibili agli intermediari mediante i siti internet delle rispettive Compagnie mandanti. Tenuto conto della mole di documentazione sottoposta alla firma del cliente, nonché dell'ingiustificato e sproporzionato onere organizzativo ed economico derivante dalla stampa, dalla consegna, dall'archiviazione e dalla conservazione di documentazione cartacea (per tacere dell'impatto sull'ambiente) appare inoltre opportuno alleggerire la previsione di cui all'art. 3, che nei termini in cui è formulata non trova alcun riscontro nel Decreto. Si suggerisce pertanto di riformulare il comma 3 nei termini che seguono: "L'avvertimento, la ricezione dell'informativa e la rinuncia di cui al comma 1 devono essere attestate per iscritto, in modo chiaro e con caratteri idonei per dimensioni e struttura grafica, prima della sottoscrizione del contratto". Si suggerisce di riformulare il comma 4 nei termini che seguono: "L'intermediario conserva copia delle dichiarazioni di cui al comma 3, alternativamente a sua scelta, in forma cartacea, magnetica, ottica o digitale, o in altra forma tecnica equivalente che ne consenta l'immediata consultazione in caso di verifiche". Articolo 7 (Criteri di scelta dei preventivi da fornire al cliente) L'articolato in commento si pone in insanabile contrasto con gli obblighi di formazione e sulle disposizioni in tema di adeguatezza posti a carico degli Intermediari dal Codice delle assicurazioni e dalla normativa regolamentare di codesto Istituto, nonché (in relazione all'attività di preventivazione vera e propria) in tema di acquisizione e trattamento dei dati personali. L'art. 52 del Regolamento ISVAP n. 5/2006, infatti, pone in capo alle Imprese l'obbligo di impartire istruzioni ai propri intermediari affinché, in fase precontrattuale, acquisiscano dal contraente ogni informazione utile a valutare l'adeguatezza del contratto offerto in relazione alle esigenze di questi. E' evidente che la nozione di "contraente" è fatalmente più ristretta di quella di "cliente" menzionata dall'art. 34 del Decreto, e che l'adeguatezza dev'essere misurata esclusivamente in relazione al "contratto offerto", non potendosi estendere alle "informative" (comunque denominate) riguardanti prodotti assicurativi di Compagnie terze, del tutto sconosciuti all'intermediario proponente. Non è nemmeno lontanamente ipotizzabile che l'intermediario possa valutare nell'interesse del Cliente, tanto in termini positivi quanto negativi, l'adeguatezza di prodotti assicurativi emessi da Compagnie con cui egli non ha alcun rapporto, che non gli hanno impartito alcuna formazione e che, in definitiva, non conosce nel dettaglio. Simmetricamente, è impensabile che 9

10 il livello di comparazione tra diversi prodotti assicurativi, intrinsecamente impossibili da raffrontare, possa spingersi al livello di dettaglio soggettivo preteso dallo Schema di regolamento. Nei termini in cui è formulato, l'art. 7 confligge irrimediabilmente con le vigenti disposizioni in tema di formazione e adeguatezza, poiché l'intermediario non è in condizioni di effettuare alcuna scelta tra le informative da sottoporre al cliente. Di conseguenza si propone: che l'attuale rubrica dell'articolo 7 venga sostituita dalla seguente: "criteri generali per l'effettuazione dell'informativa"; che il comma 1 venga sostituito dal seguente: "Gli intermediari, quando rendono l'informativa di cui all'articolo 6, comma 1, sono tenuti ad evitare conflitti d'interesse ed a comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti dei clienti, acquisendo dai clienti le informazioni strettamente necessarie alla valutazione delle esigenze assicurative ed informandoli in ordine al livello di formazione eventualmente ricevuta sui prodotti oggetto di raffronto"; che, dopo il comma 1, venga aggiunto il seguente comma 1bis: "Gli intermediari sono sollevati da ogni responsabilità in ordine all'acquisizione ed al trattamento dei dati personali dei clienti, eventualmente occorrenti all'acquisizione, da parte di Imprese terze, delle informazioni necessarie all'assolvimento dell'obbligo di informativa di cui all'art. 6, comma 1". Articolo 8 (Pubblicazione) Nessuna osservazione. Articolo 9 (Entrata in vigore) Gli scriventi ritengono che l'obiettivo prefisso dall'art. 34 del D.L. possa (ed anzi debba) essere preferenzialmente assolta mediante il "Tuopreventivatore", essendo tale servizio reso da un'autorità indipendente di regolazione qual è codesto Istituto. Tale strumento deve essere messo in condizione di poter operare efficacemente, ai fini esposti nel presente documento, favorendone anche l'utilizzo diretto da parte del Cliente direttamente in Agenzia e riducendo al massimo il prevedibile sciupìo di carta ed i connessi costi di gestione, che per inciso, ad oggi, non trovano riscontro in alcun adeguamento remunerativo e che sarebbero inevitabilmente destinati a tradursi in un aumento di costo del "prodotto finito". Ad oggi, tuttavia, è innegabile che il "Tuopreventivatore" non sia nelle condizioni né di 10

11 sopportare efficacemente la prevedibile impennata di accessi conseguenti all'entrata in vigore del Regolamento, né di rendere le informazioni occorrenti alla puntuale applicazione dell'art. 34, siccome circoscritti nella presente disamina. Sotto altro profilo, è innegabile che l'immediata entrata in vigore del Regolamento richiederà un notevole sforzo di adeguamento organizzativo ed una revisione dei processi aziendali, tanto più ostici in considerazione dell'approssimarsi del periodo estivo. L'entrata in vigore del Regolamento, tenuto conto dell'impatto operativo, dovrà dunque necessariamente tener conto: della necessità di adeguare i sistemi informativi degli Intermediari, delle Compagnie e soprattutto di codesto Istituto; della necessità di elaborare e distribuire la modulistica di cui agli artt. 4, (5) e 6; delle attività delle Compagnie volte a rendere accessibili al mercato distributivo le informazioni necessarie all'elaborazione dei profili standardizzati di clientela ai fini del raffronto; del disposto dell'art. 34, comma 3ter del Decreto. Appare dunque indispensabile prevedere un rinvio dell'entrata in vigore del Regolamento, mediante la sostituzione dell'attuale art. 9 nei termini che seguono: "Il presente Regolamento entra in vigore il 180 giorno successivo alla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana". Alternativamente, si suggerisce d'individuare una fase transitoria almeno semestrale che consenta di svolgere le occorrenti attività e, se necessario, apportare le opportune modifiche regolamentari per l'operatività "a regime" delle nuove disposizioni. Con osservanza. ALLIANZ LLOYD ADRIATICO - Giovanni Trotta AUGUSTA - Federico Serao AXA ITALIA - Alessandro Lazzaro AVIVA - Pierangelo Colombo CARIGE - Letterio Munafò CATTOLICA - Bruno Coccato 11

12 GENERALI - Vincenzo Cirasola ITALIANA - Luigi Mingozzi ITAS - Giuseppe Consoli MILANO (MAGAP)- Francesco Bovio VITTORIA - Roberto Arena ZURICH - Enrico Ulivieri TORO Roberto Salvi 12

GRUPPO AGENTI ZURICH 20124 Milano Piazza Luigi di Savoia 22 - Telefono 02 66710034 Fax 02 6706997 www.gaz.it - segreteria@gaz.it

GRUPPO AGENTI ZURICH 20124 Milano Piazza Luigi di Savoia 22 - Telefono 02 66710034 Fax 02 6706997 www.gaz.it - segreteria@gaz.it GRUPPO AGENTI ZURICH 20124 Milano Piazza Luigi di Savoia 22 - Telefono 02 66710034 Fax 02 6706997 www.gaz.it - segreteria@gaz.it Milano, lì 24 luglio 2012 A tutti gli Associati GAZ Oggetto: Lettera del

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** ***

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** *** ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazione Private e di Interesse Collettivo Via Del Quirinale, 21 00187 ROMA *** ** *** PROPOSTE DI EMENDAMENTO AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012; SCHEMA

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLO STANDARD DI MODALITA OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL OBBLIGO DI CONFRONTO DELLE

Dettagli

Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA

Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA Lo scrivente Roberto Salvi, nella sua qualità di Presidente

Dettagli

E' quanto stabilisce il Regolamento Isvap 9 maggio 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 20 maggio 2008, n. 117.

E' quanto stabilisce il Regolamento Isvap 9 maggio 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 20 maggio 2008, n. 117. Assicurazioni private: nuovi obblighi di trasparenza dal 1 ottobre 2008 ISVAP, regolamento 09.05.2008, G.U. 20.05.2008 Previsti per le compagnie assicurative e gli intermediari nuovi obblighi di trasparenza

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Coordinamento Nazionale Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della

Dettagli

Elenco delle norme di interesse generale applicabili agli intermediari assicurativi e riassicurativi FEBBRAIO 2011

Elenco delle norme di interesse generale applicabili agli intermediari assicurativi e riassicurativi FEBBRAIO 2011 Elenco delle norme di interesse generale applicabili agli intermediari assicurativi e riassicurativi FEBBRAIO 2011 L elenco delle norme di interesse generale è stato redatto nel rispetto delle condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n..

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Regolamento recante la definizione del «contratto base» di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione

Dettagli

Osservazioni sul Regolamento concernente la disciplina dell'attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa, in pubblica consultazione.

Osservazioni sul Regolamento concernente la disciplina dell'attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa, in pubblica consultazione. ASSOCIAZIONE NAZIONALE AGENTI GENERALI I.N.A.-ASSITALIA- Via del Tritone, 53-00187 ROMA -Tel. 06.696.731 Fax 06.679.679.7 Osservazioni sul Regolamento concernente la disciplina dell'attività di intermediazione

Dettagli

MODELLO MASTER ACCORDO DI COLLABORAZIONE: A - A

MODELLO MASTER ACCORDO DI COLLABORAZIONE: A - A ACCORDO DI COLLABORAZIONE RECIPROCA AI SENSI DELL ART. 22, COMMA 10, D.L. 18.10.2012, N. 179 CONVERTITO IN LEGGE 17.12.2012, N. 221 MODELLO MASTER Tra: La società., rappresentata dai sigg.ri (Numero di

Dettagli

UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS?

UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS? UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS? Dalla Direttiva Europea al art. 22 del DL Cresci Italia 2.0 PREMESSA E QUADRO GENERALE DALLA PRIMA DIRETTIVA EUROPEA ALLA LEGGE BERSANI PASSANDO

Dettagli

Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Regolamento del 19 marzo 2010, n. 34

Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Regolamento del 19 marzo 2010, n. 34 Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Regolamento del 19 marzo 2010, n. 34 Disposizioni in materia di promozione e collocamento a distanza di contratti di assicurazione.

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 SCHEMA DI PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RAPPORTI ASSICURATIVI VIA WEB, ATTUATIVO DELL ARTICOLO 22, COMMA 8, DEL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE

Dettagli

Prot. N. 25559 cc/sa/ab. Collaborazioni tra intermediari - standard di accordo e Convenzione Aiba- Polizza Rc Professionale

Prot. N. 25559 cc/sa/ab. Collaborazioni tra intermediari - standard di accordo e Convenzione Aiba- Polizza Rc Professionale ASSOCIAZIONE ITALIANA BROKERS DI ASSICURAZIONI E RIASSICURAZIONI Circolare N. 1492 Prot. N. 25559 cc/sa/ab Alle Aziende Associate Loro sedi Roma, 23 aprile 2013 Collaborazioni tra intermediari - standard

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 25/2007)

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 25/2007) OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E I NATANTI

Dettagli

INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati)

INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati) INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati) 1. Presentazione: Normativa vigente (Codice delle Assicurazioni) Authorities (ISVAP/IVASS + Antitrust) Registro Unico Intermediari Legge Bersani

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo)

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) REGOLAMENTO N. 34 DEL 19 MARZO 2010 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROMOZIONE E COLLOCAMENTO A DISTANZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE DI CUI AGLI ARTICOLI 183 E 191, COMMA 1, LETTERE A)

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione RELAZIONE CONTENENTE LE OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA DI CUI AL TITOLO IX (INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Regolamento concernente la disciplina della trasparenza dei premi e delle condizioni di contratto nell assicurazione obbligatoria per i veicoli a

Dettagli

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte.

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte. OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA DELLE ADESIONI ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI In via preliminare, si esprime apprezzamento per il lavoro svolto dalla Commissione

Dettagli

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO SOMMARIO novembre-dicembre 2012 AGGIORNAMENTO DECRETI-LEGGE Crescita-bis AGGIORNAMENTO PROGETTI DI LEGGE Legge di stabilità 2013 Delega fiscale Riforma delle professioni sanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

,,,,, ,,, omississ,,, Art. 5. Misure per la concorrenza e per la tutela del consumatore nei servizi assicurativi

,,,,, ,,, omississ,,, Art. 5. Misure per la concorrenza e per la tutela del consumatore nei servizi assicurativi LEGGE 2 aprile 2007, n.40 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, recante misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo

Dettagli

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Periodico informativo n. 67/2012 R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il decreto liberalizzazione

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179. Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) Vigente al: 7-1-2013.

DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179. Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) Vigente al: 7-1-2013. 1/ 5 DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) Vigente al: 7-1-2013 Sezione VIII Assicurazioni, mutualita' e mercato finanziario Art. 22 Misure

Dettagli

REGOLAMENTO N. 209 -CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

REGOLAMENTO N. 209 -CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE REGOLAMENTO N. 35 DEL 26 MAGGIO 2010 CONCERNENTE LA DISCIPLINA DEGLI OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E DELLA PUBBLICITÀ' DEI PRODOTTI ASSICURATIVI, DI CUI AL TITOLO XIII (TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E PROTEZIONE

Dettagli

Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi

Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi Il retail funding da parte delle banche Lineamenti normativi di Luigi Rizzi Le ragioni della regolamentazione Nell'ambito del retail funding, le obbligazioni bancarie costituiscono lo strumento di raccolta

Dettagli

Le sono chiari i contenuti della Nota Informativa e delle Condizioni Generali di assicurazione relative al contratto offerto?

Le sono chiari i contenuti della Nota Informativa e delle Condizioni Generali di assicurazione relative al contratto offerto? QUESTIONARIO SULL ADEGUATEZZA DEL CONTRATTO OFFERTO Ad integrazione del Questionario/Proposta compilato, datato e firmato dal Proponente Gentile Contraente, con il presente documento desideriamo verificare,

Dettagli

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI PREMESSA Il presente lavoro vuole essere un piccolo riassunto dei principali aspetti che è

Dettagli

Consiglio di Stato. OGGETTO: Ministero della Salute, Ufficio Legislativo.

Consiglio di Stato. OGGETTO: Ministero della Salute, Ufficio Legislativo. Numero 00486/2015 e data 19/02/2015 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 02471/2014 OGGETTO: Ministero della Salute,

Dettagli

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA CIRCOLARE 11/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

Art. 8. Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto

Art. 8. Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto Art. 8 Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, recante il Codice delle assicurazioni private, sono apportate le

Dettagli

Documento di consultazione n. 3/2014

Documento di consultazione n. 3/2014 Documento di consultazione n. 3/2014 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI,

Dettagli

Circolare del 23/12/2010 n. 59 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Circolare del 23/12/2010 n. 59 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Circolare del 23/12/2010 n. 59 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Applicabilità del meccanismo dellinversione contabile o reverse charge alle cessioni di telefoni cellulari e microprocessori

Dettagli

IVASS! Audizione!del!16!Luglio!2015! Note!per!osservazioni!a:!

IVASS! Audizione!del!16!Luglio!2015! Note!per!osservazioni!a:! Milano,!16!Luglio!2015! IVASS! Audizione!del!16!Luglio!2015! Note!per!osservazioni!a:! Documento! IVASS! contenente! spunti! di! riflessione! sui! possibili! interventi! di! semplificazione! della! Nota!

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 41/2010

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 41/2010 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 41/2010 SCHEMA DI DISPOSIZIONE REGOLAMENTARE IN TEMA DI CONFLITTO DI INTERESSI DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI (MODIFICA AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006, CONCERNENTE

Dettagli

A TUTTE LE IMPRESE. Regolamento ISVAP n. 29 sulla classificazione dei rischi

A TUTTE LE IMPRESE. Regolamento ISVAP n. 29 sulla classificazione dei rischi Prot. 0097 Circolare Roma, 25 Marzo 2009 Ass. Aeronautiche Ass. Assistenza Ass. Auto Ass. Cauzioni Ass. Credito Ass. Infortuni Ass. Malattia Ass. Perdite Pecuniarie Ass. R.C. Generale Ass. Trasporti Ass.

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 7/2016 del 30 marzo 2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 7/2016 del 30 marzo 2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 7/2016 del 30 marzo 2016 SCHEMA DI PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA

Dettagli

FNOMCeO Consiglio di Stato: nessun obbligo di assicurazione professionale fino al decreto (art. 3 del D.L. 158/12)

FNOMCeO Consiglio di Stato: nessun obbligo di assicurazione professionale fino al decreto (art. 3 del D.L. 158/12) FNOMCeO Consiglio di Stato: nessun obbligo di assicurazione professionale fino al decreto (art. 3 del D.L. 158/12) Consiglio di Stato: nessun obbligo degli esercenti le professioni sanitarie di dotarsi

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003. Prot. n. 363148

Roma, 25 marzo 2003. Prot. n. 363148 Roma, 25 marzo 2003 Prot. n. 363148 CIRCOLARE N. 502/D p.c. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia Alle Rappresentanze Generali di Imprese di assicurazione con sede legale in uno Stato

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE Roma 19 aprile 2012 Prot. n. 09-12-007647 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

Agenzia delle Entrate Risoluzione 28 marzo 2008, n.111/e

Agenzia delle Entrate Risoluzione 28 marzo 2008, n.111/e Agenzia delle Entrate Risoluzione 28 marzo 2008, n.111/e Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212 Reverse-charge - Interpretazione dell'art. 17, sesto comma, lett. a), del D.P.R. n.

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n.973. (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 maggio 1992, n. 114, S.O.

Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n.973. (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 maggio 1992, n. 114, S.O. Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n.973 Regolamento di esecuzione della L.24 dicembre 1969, n.990, sull'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Nella presente tavola, si dà conto esclusivamente dei commenti aventi ad oggetto le disposizioni secondarie di competenza della Banca d Italia ( Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee COMMISSIONE

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee COMMISSIONE L 69/25 COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 1 o marzo 2001 sull'informativa precontrattuale fornita ai consumatori dagli istituti di credito che offrono mutui per la casa d'abitazione [notificata

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

POLIZZA DELL'ABITAZIONE FORMULA ASSICURATIVA ISCRITTI FABI

POLIZZA DELL'ABITAZIONE FORMULA ASSICURATIVA ISCRITTI FABI POLIZZA DELL'ABITAZIONE FORMULA ASSICURATIVA ISCRITTI FABI Il sottoscritto, preso atto che BIVERBROKER SrL, nell'ottica di agevolare ed incoraggiare il ricorso a forme facoltative di assicurazione, ha

Dettagli

DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145

DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 DECRETO-LEGGE 23 dicembre 2013, n. 145 Interventi urgenti di avvio del piano "Destinazione Italia", per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per la riduzione dei premi RC-auto, per l'internazionalizzazione,

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

INFORMATIVA ALLA CLIENTELA

INFORMATIVA ALLA CLIENTELA Pag. 1 di 6 INFORMATIVA ALLA CLIENTELA Regolamento IVASS (ex ISVAP) n. 5/2006 art. 49 - ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SO TENUTI NEI CONFRONTI

Dettagli

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576 ASSILEA rileva che la presenza della disgiuntiva o avrebbe esteso il concetto di locali dell intermediario anche ai locali che non costituiscono una dipendenza diretta dell intermediario medesimo. Se così

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

POSITION PAPER 01/2013

POSITION PAPER 01/2013 Risposta alla consultazione del MEF sul Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011,, n. 70, convertito con legge 12 luglio 2011, n. 106 gennaio 2013 POSITION PAPER 01/2013 Premessa Il

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Prot. 116098 Roma, 17 dicembre 2008 OGGETTO: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

REGOLAMENTO N. 13 DEL 6 FEBBRAIO 2008. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 13 DEL 6 FEBBRAIO 2008. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 13 DEL 6 FEBBRAIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DEL CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE, DEL CONTRASSEGNO E DEL MODULO DI DENUNCIA DI SINISTRO DI CUI AL TITOLO X (ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

I contratti di finanziamento

I contratti di finanziamento I contratti di finanziamento La Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti pagina 1 Nozione di Trasparenza bancaria Quando si parla di "trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e

Dettagli

AC 1920. Emendamento. Motivazioni

AC 1920. Emendamento. Motivazioni AC 1920 Conversione in legge del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, recante interventi urgenti di avvio del piano 'Destinazione Italia', per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per

Dettagli

02.45463294. e cristalli. Mecenate, 74-20138 l: preventivi.fiba

02.45463294. e cristalli. Mecenate, 74-20138 l: preventivi.fiba 02.45463294 e cristalli Mecenate, 74-20138 l: preventivi.fiba DA RITORNARE FIRMATO MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS ex ISVAP 5/2006 Numero polizza Compagnia Decorrenza./.../..

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA. Codice di Autodisciplina

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA. Codice di Autodisciplina ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Codice di Autodisciplina RELAZIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA 1. Il presente si compone di quattro parti. La prima concerne i comportamenti degli esponenti aziendali, dei

Dettagli

Contratto di Infortuni

Contratto di Infortuni Contratto di Infortuni Edizione 2012 NOTA INFORMATIVA POLIZZA INFORTUNI ISCRITTI AL SI. R. BO (Sindacato Ragionieri Commercialisti di Bologna) appartenenti alle categorie commercialisti e praticanti. La

Dettagli

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012 Modifiche al regolamento congiunto Banca d Italia Consob (di seguito regolamento ) per il recepimento della direttiva 2010/76 (CRD 3) in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006. SEZIONE A (ex modello 7A)

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006. SEZIONE A (ex modello 7A) MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

XVI LEGISLATURA. 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533

XVI LEGISLATURA. 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533 SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA 10ª Commissione Permanente (industria, commercio e turismo) DISEGNO DI LEGGE N. 3533 Conversione in legge del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del D.lgs. n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

Schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari

Schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari Schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari Il presente documento, recante lo schema del nuovo Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE 1. Premessa. In data 29 gennaio 2013 l Organismo per la gestione degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi (di seguito l o l Organismo ) ha avviato

Dettagli

DOCUMENTAZIONE INFORMATIVA PRECONTRATTUALE ADEGUATEZZA PRIVACY CONFERIMENTO INCARICO STIPULA POLIZZA

DOCUMENTAZIONE INFORMATIVA PRECONTRATTUALE ADEGUATEZZA PRIVACY CONFERIMENTO INCARICO STIPULA POLIZZA DOCUMENTAZIONE INFORMATIVA PRECONTRATTUALE ADEGUATEZZA PRIVACY CONFERIMENTO INCARICO STIPULA POLIZZA LENZA BROKER ASSICURAZIONI SRL COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI

Dettagli

Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE NORMATIVA E CONTENZIOSO Circolare del 04/08/2006 n. 27 Oggetto: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

ESTRATTI DALLA LEGGE DI CONVERSIONE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO- LEGGE 18 2012, 179, RECANTE ULTERIORI MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE

ESTRATTI DALLA LEGGE DI CONVERSIONE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO- LEGGE 18 2012, 179, RECANTE ULTERIORI MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE ESTRATTI DALLA LEGGE DI CONVERSIONE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO- LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179, RECANTE ULTERIORI MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE (Testo approvato in via definitiva dalla Camera

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

I profili di criticità legati alla distribuzione assicurativa in regime di libera prestazione di servizi tramite canale agenziale

I profili di criticità legati alla distribuzione assicurativa in regime di libera prestazione di servizi tramite canale agenziale I profili di criticità legati alla distribuzione assicurativa in regime di libera prestazione di servizi tramite canale agenziale Autore: Avv. Alessandro Steinhaus e Avv. Silvia Colombo Categoria Approfondimento:

Dettagli

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012)

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012) Roma, 25 luglio 2012 OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLO STANDARD DI MODALITA OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL OBBLIGO DI CONFRONTO

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI E L RCA Il c.d. decreto liberalizzazioni (D.L. 1/2012) interessa anche l RCA e, per essa, tutti gli operatori del settore,

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI [doc. web n. 3620014] Autorizzazione n. 3/2014 - Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli organismi di tipo associativo e delle fondazioni - 12 dicembre 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

NOTA INFORMATIVA CONVENZIONE ASSICURATIVA F.I.A.I.P / ITAS ASSICURAZIONI SPA

NOTA INFORMATIVA CONVENZIONE ASSICURATIVA F.I.A.I.P / ITAS ASSICURAZIONI SPA CONVENZIONE ASSICURATIVA F.I.A.I.P / ITAS ASSICURAZIONI SPA Polizza/Responsabilità Civile Professionale Agenti di Affari in Mediazione e Agenti di Affari in Mediazione Creditizia NOTA INFORMATIVA Polizza

Dettagli

02.80509477 FISAC CARE SRL. CARE S.r.L. Via G. Carducci, 37-20123 Milano - email: preventivi.fisac@brokercare.com

02.80509477 FISAC CARE SRL. CARE S.r.L. Via G. Carducci, 37-20123 Milano - email: preventivi.fisac@brokercare.com 02.80509477 FISAC CARE SRL CARE S.r.L. Via G. Carducci, 37-20123 Milano - email: preventivi.fisac@brokercare.com MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP 5/2006 SEZ. A

Dettagli

[CONFERIMENTO DI INCARICO]

[CONFERIMENTO DI INCARICO] Scrittura Privata Tra La Società Gruppo Fibass S.r.l., con Sede in Torino in Corso F. Turati, 13/d, partita IVA 09285800018 rappresentata dal Sig. In qualità di Nato a Il (in seguito: Società) il/la Sig./Sig.ra

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. Centro Studi e Documentazione

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. Centro Studi e Documentazione Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Centro Studi e Documentazione 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Segreteria

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 519 Provvedimenti urgenti per limitare l'uso del contante Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 20 aprile 1993 1. Quesiti Sono stati prospettati vari

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI DEL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA DI CUI ALL ART. 28, COMMA 1, DEL DECRETO LEGGE 24 GENNAIO

Dettagli

Camera dei Deputati Commissioni VI Finanze e X Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati Commissioni VI Finanze e X Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati Commissioni VI Finanze e X Attività produttive, commercio e turismo AC 1920 Conversione in legge del decreto legge 23 dicembre 2013, n. 145, recante Interventi urgenti di avvio del

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del debitore civile, quale rimedio alle conseguenze derivanti

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023

31997L0055. Gazzetta ufficiale n. L 290 del 23/10/1997 pag. 0018-0023 Pagina 1 di 6 Avis juridique important 31997L0055 Direttiva 97/55/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 ottobre 1997 che modifica la direttiva 84/450/CEE relativa alla pubblicità ingannevole

Dettagli

Oggetto: Osservazioni di Altroconsumo sull art.8 del DL 145/2013

Oggetto: Osservazioni di Altroconsumo sull art.8 del DL 145/2013 Raccomandata A.R. Anticipata via fax Alla c.a. Simona Vicari Sottosegretario Ministero Sviluppo Economico Via Veneto, 33 00187 Roma Gianfrancesco Vecchio DG per il Mercato, la Concorrenza, i Consumatori

Dettagli

Cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 D.L. 1/2012 - bozza di DM attuativo.

Cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 D.L. 1/2012 - bozza di DM attuativo. Cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 D.L. 1/2012 - bozza di DM attuativo. L art. 62 del Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla Legge 24 marzo 2012,

Dettagli

LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI

LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI ANIA ARI Assicurazione Ricerca Innovazione ANIA Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI intervento di Aldo MINUCCI Presidente ANIA

Dettagli

I S V A P. 25 marzo 2003

I S V A P. 25 marzo 2003 I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo 25 marzo 2003 363148 Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia Alle Rappresentanze Generali di Imprese

Dettagli