Comunicazioni real-time nel web: attività di standardizzazione in ambito IETF e W3C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunicazioni real-time nel web: attività di standardizzazione in ambito IETF e W3C"

Transcript

1 Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Reti di Calcolatori Comunicazioni real-time nel web: attività di standardizzazione in ambito IETF e W3C Anno Accademico 2011/2012 Candidato: Martusciello Ciro matr. N46/660

2 Alla mia famiglia e a tutti coloro che hanno creduto in me.

3 Indice Introduzione 4 Capitolo 1. Le organizzazioni internazionali W3C (World Wide Web Consortium) IETF (Internet Engineering Task Force) 7 Capitolo 2. Standard di Comunicazione Real-Time nel Web WebRTC (W3C) e RTCWEB (IETF) Modello architetturale RTC Segnalazione Struttura concettuale API WebRTC 13 Capitolo 3. HTML5 15 Capitolo 4. Protocolli nel Web Real-Time RTP / RTCP Header RTP RTCP VoIP SIP SDP 22 Capitolo 5. Il problema dei Codec 23 Sviluppi futuri 25 Bibliografia 26 III

4 Introduzione L innovazione tecnologica sta man mano trasformando il web che conosciamo nel IoT (Internet of Things Internet delle cose). Oltre ai dispositivi convenzionali come PC, smartphone, TV, console di gioco, ecc., troveremo connessi in rete oggetti domestici come frigoriferi, lavatrici, forni a microonde, allarmi ecc. Gli utenti del web di domani dovranno interfacciarsi con una rete che mira alla comunicazione istantanea (Real-Time Communication RTC) tra end-users, che questi siano persone o applicazioni. Nasce quindi l esigenza di standardizzare protocolli e interfacce di comunicazione che rendano possibile tale interazione. Organizzazioni internazionali, come il W3C e la IETF, lavorano a tal proposito. Negli ultimi anni, infatti, gli studi sono stati concentrati prevalentemente sull innovazione del Web Real-Time (RT). Gli sviluppatori web dovranno quindi avere la possibilità di integrare servizi di comunicazione audio/video in qualsiasi sito Internet. Un applicazione web in esecuzione su un dispositivo, deve poter essere in grado di inviare e ricevere file multimediali attraverso un accesso sicuro alle periferiche del dispositivo stesso, quali, per esempio, microfono e webcam. 4

5 Di conseguenza, i browser presenti su ogni dispositivo connesso in rete, dovranno dare la possibilità di accedere a tali servizi da ogni piattaforma (fissa o mobile che sia, indipendentemente dal sistema operativo). È soprattutto interesse degli sviluppatori di web browser investire in tali tecnologie, per essere maggiormente competitivi sul mercato del futuro. Tra le società già al lavoro in tal senso troviamo: Google (Chrome), Mozilla (Firefox), Microsoft (Internet Explorer), Apple (Safari). La sfida dei giganti del mercato menzionati è quella di integrare l innovazione del web RT nei propri servizi, garantendone la qualità e migliorando l efficienza in banda, soprattutto per quanto riguarda i dispositivi mobili. La problematica principale, che gli organi di standardizzazione cercano di risolvere, risiede principalmente nel fatto che si vuol rendere possibile una comunicazione multimediale tra browser, senza passare per un web server. Si parla dunque di comunicazione browser-to-browser in una rete Peer-to-Peer (P2P). È in via di sviluppo, presso il W3C, la standardizzazione di un interfaccia specifica (la API WebRTC) che permetta ai web browser di interfacciarsi con i dispositivi multimediali disponibili (utilizzando un linguaggio di scripting come JavaScript). La IETF, parallelamente, si occupa di standardizzare uno stack di protocolli utilizzabili al fine di rendere possibile l approccio di comunicazione browser-tobrowser (attraverso RTCWEB). Inoltre, è essenziale stabilire meccanismi di protezione per la sicurezza degli endusers e l integrità dei dati trasmessi (che, in questo contesto, sono rappresentati da flussi multimediali). 5

6 Capitolo 1 Le organizzazioni internazionali 1.1 W3C (World Wide Web Consortium) Il W3C (World Wide Web Consortium) è un organizzazione internazionale fondata nel 1994 da Tim Berners-Lee presso il MIT (Massachusetts Institute of Technology). Figura 1 - logo W3C Il W3C ha lo scopo di sviluppare e validare standard per l utilizzo e l evoluzione del web. Gli standard sono inerenti ai linguaggi di markup (HTML), ai linguaggi di scripting (JavaScript) e soprattutto all interazione tra utente e applicazioni tramite interfacce (definizione di API per l accesso ai dispositivi). Per questo motivo si può assumere che il lavoro del W3C è di tipo Client-side. Il W3C è composto da circa 400 membri, tra cui grandi aziende informatiche, compagnie telefoniche e di telecomunicazioni, organizzazioni no-profit e università. La forza di questa organizzazione sta nel fatto che combina gli interessi delle più grandi aziende internazionali, per le quali l evoluzione del web è fondamentale. 6

7 Infatti, per poter approvare una Recommendation (documento redatto al termine della revisione inerente uno standard), questa deve essere controllata diverse volte dai membri dell organizzazione stessa, aventi interessi differenti in quanto appartenenti ad aziende con un proprio mercato. Come risultato finale si ottiene un documento che, di fatto, standardizza la nuova tecnologia o modifica uno standard obsoleto. Il motto del W3C: Lead the web to its full potential Portare il web al suo massimo potenziale. 1.2 IETF (Internet Engineering Task Force) La IETF (Internet Engineering Task Force) è, come il W3C, un organizzazione internazionale. A differenza della prima, questa è un organizzazione composta da tecnici, Figura 2 - logo IETF ricercatori e sviluppatori, ognuno dei quali è iscritto a titolo personale e non in riferimento ad un azienda. La IETF si occupa sostanzialmente della definizione di standard inerenti all evoluzione tecnologica del web. È meno Client-side rispetto al W3C ed è, quindi, più orientata agli aspetti tecnici della rete. Gli standard sono, infatti, inerenti a protocolli, privacy, sicurezza, riusabilità. Le persone che ne fanno parte sono suddivise in working groups, ognuno dei quali è specializzato in un argomento particolare. 7

8 Ogni gruppo termina un lavoro pubblicando una RFC (Request for Comments), che sarà poi visionata dalla IESG (Internet Engineering Steering Group) per diventare concretamente uno standard. Le RFC sono pubbliche e tutti gli standard approvati dalla IETF sono open-source. Il motto della IETF: Rough consensus and running code Consenso diffuso e codice funzionante. W3C e IETF collaborano, quindi, affinché gli sviluppatori web del futuro siano in grado di integrare servizi RT in ogni sito Internet. Per rendere possibile questa realtà, nasce il bisogno di standardizzare: - Regole di comunicazione (come i protocolli da utilizzare), delle quali si occupa la IETF. - Interfacce da rendere disponibili per l accesso alle nuove funzionalità RT, per esempio le API (Application Programming Interface) sviluppate dal W3C. 8

9 Capitolo 2 Standard di Comunicazione Real-Time nel Web I gruppi di lavoro WebRTC e RTCWEB, appartenenti rispettivamente al W3C e alla IETF, lavorano in modo coordinato per definire sia le API, sia i protocolli di comunicazione di base, che servono a stabilire una connessione sicura ed affidabile tra due browser (comunicazione browser-to-browser) in una rete P2P. [1] 2.1 WebRTC (W3C) e RTCWEB (IETF) La API WebRTC ha come scopo quello di definire un interfaccia di comunicazione per una qualsiasi applicazione web (in esecuzione su un dispositivo) che permetta all applicazione stessa di inviare e ricevere flussi multimediali RT in una rete P2P. Inoltre, tale interfaccia, deve fare in modo che l applicazione possa comunicare con le periferiche multimediali dedicate, come microfono, altoparlanti e webcam. Se si riuscirà ad ottenere questo set di funzionalità, si avrà un ampliamento dello standard HTML5 (discusso nel cap. 3), che stabilisce, per ora, un modello di comunicazione tra web server e browser per streaming multimediali. 9

10 Figura 3 Schema di riferimento delle iniziative WebRTC (W3C) e RTCWEB (IETF) [2] In Figura 3 possiamo avere una visione, ad alto livello, della distinzione delle attività di standardizzazione, da parte del W3C e della IETF. Il gruppo WebRTC (W3C) sta formalizzando interfacce JavaScript (il linguaggio di scripting maggiormente utilizzato per la programmazione nel Web) che rendano possibile l integrazione di funzionalità RT in un sito Internet. In particolare, queste interfacce (o API), dovranno permettere di: Accedere ai dispositivi di acquisizione audio/video degli utenti. Stabilire connessioni dirette tra browser (browser-to-browser) per consentire lo scambio bidirezionale di flussi multimediali (audio, video, dati). Visualizzare tali flussi sul proprio terminale (fisso o mobile). [2] 10

11 Il gruppo RTCWEB (IETF) si occupa, invece, di stabilire con quali modalità dovranno essere utilizzati i protocolli di trasporto concreto dei flussi multimediali. Tali protocolli sono usati anche nelle comunicazioni VoIP (cap. 4). In particolare, RTCWEB definisce: L utilizzo del protocollo RTC (cap. 4) per il trasporto audio/video. Meccanismi NAT Trasversal (basati sui protocolli STUN, TURN, ICE) per le reti non direttamente raggiungibili da Internet. Codec audio e video da utilizzare. [2] 2.2 Modello architetturale RTC Il modello architetturale RTC (Real-Time Communication), illustrato in Figura 4, è il cosiddetto modello trapezoidale. [1] Tale modello mette in risalto il fatto che le applicazioni web presenti in un terminale (scritte in HTML o in JavaScript), possano comunicare con il browser attraverso la API WebRTC. Tale interfaccia deve quindi inglobare funzionalità di segnalazione, gestione delle connessioni, codifica/decodifica dei flussi multimediali, NAT. Il problema essenziale risulta prevalentemente quello di gestire, in tempo reale, un flusso di comunicazione continuo tra due browser, senza intermediari lungo il percorso (come, ad esempio, i web server). 11

12 Figura 4 - Modello architetturale RTC [1] 2.3 Segnalazione Nelle reti di comunicazione VoIP, il protocollo di segnalazione utilizzato è il SIP (cap. 4). Per quanto riguarda il WebRTC, invece, non si è ancora deciso quale protocollo di segnalazione utilizzare. In effetti, l idea è quella di demandare all applicazione stessa la responsabilità della segnalazione (e quindi del protocollo da usare). Di conseguenza, diverse applicazioni possono decidere di implementare diversi protocolli di segnalazione, indipendentemente dalla API WebRTC. Le informazioni che, invece, i browser dovranno necessariamente scambiarsi, riguardano la descrizione della sessione multimediale (ICE) e le caratteristiche dei file multimediali da inviare/ricevere (tipo, formato, ecc.). 12

13 2.4 Struttura concettuale API WebRTC Come già introdotto, la API WebRTC (W3C) ha lo scopo di fornire ai browser tutte le funzionalità per la gestione di flussi multimediali in real-time. Il progetto dell interfaccia, da parte del W3C, si è incentrato su tre concetti fondamentali: PeerConnection, MediaStreams, DataChannel. PeerConnection Rappresenta una corrispondenza diretta con un peer remoto, oppure, più tecnicamente, con un istanza della stessa applicazione sul peer remoto. Per garantire l attraversamento dei router NAT, da parte dei flussi multimediali UDP, il meccanismo PeerConnection adotta i protocolli ICE (Interactive Connectivity Establishment), STUN (Session Traversal Utilities for NAT) e TURN (Traversal Using Relays around NAT). MediaStreams Rappresenta un astrazione di flusso multimediale reale (audio o video), che può provenire, o essere inviato, da/verso un host remoto. Si parla di LocalMediaStream quando si vuol rappresentare un flusso multimediale proveniente da un dispositivo di acquisizione locale (microfono o webcam). Il LocalMediaStream è ciò a cui l applicazione web deve richiedere l accesso, che sarà consentito o negato da parte dei selettori presenti nell interfaccia del browser. Per il trasporto dello stream multimediale viene utilizzato il protocollo SRTP (Secure Real-Time Transport Protocol). Il monitoraggio delle statistiche di trasmissione è affidato al protocollo RTCP (cap. 4). 13

14 DataChannel Rappresenta un servizio di trasporto generico che consente ai web browser di scambiarsi dati di ogni genere (multimediali e non). Per i dati non multimediali, la IETF ha standardizzato l utilizzo del protocollo SCTP (Stream Control Transmission Protocol) che garantisce, insieme ai protocolli DTLS, ICE e UDP, una soluzione al problema del NAT e l integrità dei dati trasmessi. SCTP è stato scelto poiché consente alle applicazioni di aprire diversi flussi multimediali indipendenti contemporaneamente verso uno stesso peer. Ogni flusso rappresenta un canale monodirezionale, sul quale i dati multimediali viaggiano in modo sequenziale, ordinatamente e non. Figura 5 - Stack dei protocolli RTCWEB [1] 14

15 Capitolo 3 HTML5 HTML5 rappresenta un modello di comunicazione tra web server e browser per streaming multimediali. Sarà concretamente uno standard solo nel 2014 e le versioni successive saranno revisionate e pubblicate dal W3C, sottoforma di Recommendation, a partire dal Figura 6 - Logo HTML L evoluzione introdotta da HTML5, rispetto alle versioni precedenti, risiede in due aspetti fondamentali: Aumentare la coesione tra la struttura di un testo (definita dai markup), la sua formattazione, i contenuti multimediali di una pagina web e i suoi fogli di stile CSS (Cascading Style Sheets). Supportare la memorizzazione di contenuti web in locale, in modo da consentire la visualizzazione di tali contenuti anche offline. 15

16 HTML5 sarà quindi più fluido ed intuitivo per i web developers. Saranno poi eliminate diverse funzionalità, reputate poco utili nelle versioni precedenti (poiché utilizzate molto raramente). Tra le novità, hanno notevole spicco i nuovi tag introdotti (<video> e <audio>) per la gestione e il controllo di file multimediali. Verranno migliorati ed estesi tag di controllo per la formattazione del testo e per la gestione della navigazione nei menu. Sarà possibile integrare un servizio di geolocalizzazione, dovuto alle esigenze e potenzialità dei nuovi sistemi operativi mobili. Figura 7 - HTML5 come combinazione di Markup, JavaScript, CSS3 e Multimedia [4] HTML5 offre, quindi, una vasta gamma di innovazioni rispetto alle versioni precedenti. Non è più un semplice linguaggio di markup, ma abbraccia concetti differenti quali: connettività, gestione dati offline, multimedialità, prestazioni elevate, integrazione con sistemi antecedenti, controllo tipografico flessibile (CSS3). 16

17 Capitolo 4 Protocolli nel Web Real-Time I protocolli di trasporto tipici dello stack TCP/IP sono TCP e UDP. Il primo, TCP, garantisce una consegna affidabile in termini di garanzia di consegna dei pacchetti e di ricezione nello stesso ordine in cui sono stati inviati. TCP stabilisce una connessione, tra mittente e destinatario, che viene chiusa solo al termine dell intera trasmissione e, inoltre, utilizza tutta la banda a sua disposizione. Ci si rende subito conto che TCP, proprio per i suoi eccessivi controlli sull affidabilità delle trasmissioni, non è adatto a streaming multimediali. La trasmissione di un flusso dati multimediale non richiede tutte queste garanzie, è ben più importante gestire i ritardi concedendo la riproduzione dello streaming, tollerando anche qualche perdita. Per questo motivo, per trasmettere un flusso di dati multimediali, è più indicato il protocollo UDP. UDP è non-affidabile poiché non garantisce la consegna dei pacchetti e non stabilisce alcuna connessione tra mittente e destinatario. Di conseguenza, risulta più leggero e quindi più adatto allo streaming multimediale. 17

18 4.1 RTP / RTCP Il protocollo adibito al trasporto di flussi multimediali è l RTP (Real-Time Transport Protocol). RTP si appoggia ad UDP (i pacchetti RTP sono incapsulati in datagrammi UDP, come mostra la Figura 8) ed è dichiarato come protocollo di livello Trasporto nello stack TCP/IP, anche se lo si potrebbe collocare a livello Applicazione. Infatti, ogni applicazione deve implementare l RTP per l incapsulamento in pacchetti UDP. Figura 8 - Incapsulamento RTP in UDP Quindi, i pacchetti RTP sono visti dall applicazione attraverso una socket UDP (una socket è un interfaccia che si frappone tra il livello applicativo e quello di trasporto, può essere vista come un file). Inoltre, RTP, supporta sia trasmissioni unicast, sia multicast. 18

19 La gestione di eventuali pacchetti persi e della ricostruzione ordinata della sequenza è demandata all applicazione client. Per ogni sessione creata è possibile trasmettere un unico flusso multimediale. Quindi, se per esempio si volesse assistere ad una videoconferenza, dovrebbero essere attive due sessioni: una per l audio e l altra per il video. In questo modo, si ha la possibilità di scegliere anche uno solo dei due flussi. Comunque, RTP mette a disposizione un tipo alternativo di incapsulamento, che rende possibile la fusione di due flussi multimediali in un unica sessione Header RTP Figura 9 - RTP Header Pyload Type: numero identificativo che indica il tipo di contenuto multimediale (Motion JPEG, H.261, MPEG1, MPEG2, ecc.). Sequence Number: rende possibile un ordinamento dei pacchetti (a carico dell applicazione client). Timestamp: istante di campionamento del primo byte del file multimediale; serve ad eliminare il jitter (variazione di ampiezza, frequenza o fase) dovuto al canale. Synchronization Source Identifier (SSRC): identificatore della sorgente dello stream. Ve n è uno per ogni flusso. Miscellaneous Fields: campi generici. 19

20 4.1.2 RTCP Talvolta RTP è associato al protocollo RTCP (Real-Time Control Protocol), che non è sempre implementato. RTCP è un protocollo di monitoraggio della trasmissione e consiste nello scambio di messaggi (report) tra mittente e destinatario. Ogni report contiene informazioni riguardo la QoS (Quality of Service) della trasmissione, come il numero di pacchetti persi, il jitter e il RTT (Round Trip Time). I report sono divisi in due categorie principali: - Sender Reports (SR), contenenti informazioni sulla sorgente. - Receiver Reports (RR), contenenti statistiche del client. Nel caso di trasmissioni multicast, RTCP consente ad ogni partecipante di conoscere il numero di partecipanti e, per limitare il traffico di messaggi, l intervallo temporale tra due report è proporzionale proprio al numero di partecipanti alla sessione. [6] Figura 10 - Struttura di trasmissione report RTCP [6] 20

21 4.2 VoIP VoIP (Voice over IP) è il protocollo (di livello Applicazione) utilizzato per effettuare conversazioni telefoniche servendosi del web, anziché della consueta linea telefonica. Infatti, VoIP trasforma il segnale vocale (analogico) in formato digitale e lo propaga nella rete sottoforma di pacchetti dati; a destinazione sarà riconvertito in analogico. In questo modo, il vantaggio principale offerto da VoIP è l eliminazione dell obbligo di riserva della banda (commutazione di circuito) per conversazioni telefoniche e sfrutta invece la comunicazione IP (commutazione di pacchetto). Per poter trasportare la voce sottoforma di pacchetti, VoIP utilizza il protocollo RTP; mentre per riconvertire i dati in voce, sincronizzarla e riordinarla cronologicamente a destinazione, può utilizzare diversi protocolli, tra cui SIP. [7] Tra le applicazioni che hanno avuto maggior successo implementando la tecnologia VoIP c è Skype. Grazie al VoIP, Skype ha dato la possibilità di stabilire comunicazioni, telefoniche e in videoconferenza, tra utenti sparsi in tutto il Figura 11 - Logo Skype mondo, a costi ridottissimi e qualità apprezzabile. Tra gli svantaggi del VoIP emerge la qualità non eccellente delle telefonate. Questa è dovuta principalmente ai ritardi (congestione della rete) e alla perdita eventuale di pacchetti. Tuttavia sono in via di sviluppo software che sopperiranno, al meglio, a tali problemi. 21

22 4.3 SIP SIP (Session Initiation Protocol) è un protocollo di segnalazione (a livello Rete) sviluppato dalla IETF, applicato a comunicazioni IP (come VoIP). Infatti, SIP è utilizzato per stabilire, gestire e concludere tali sessioni di comunicazione. Le principali responsabilità attribuite al protocollo SIP sono: Localizzazione degli utenti coinvolti nella comunicazione. Identificazione di: disponibilità, parametri di sessione e media utilizzati. Instaurazione della sessione. Gestione e terminazione della sessione. 4.4 SDP Il protocollo SDP (Session Description Protocol) è associato all utilizzo del protocollo SIP e offre un formato per la descrizione di una sessione. Tra i parametri descrittivi della sessione in corso, SDP specifica: informazioni inerenti il mittente; Time Description (tempi della sessione), caratteristiche dei media trasmessi e versione del protocollo. Combinando l utilizzo dei protocolli SIP e SDP è possibile stabilire una comunicazione multimediale in RT tra due peer (instaurazione da parte di SIP) e stabilizzare lo streaming nella sessione (tramite la negoziazione delle risorse gestita da SDP). 22

23 Capitolo 5 Il problema dei Codec Un Codec è un dispositivo hardware, o un software, capace di digitalizzare un segnale analogico (codificare/decodificare), in modo da poterlo memorizzare su un supporto apposito o trasmetterlo lungo un canale di comunicazione. [3] Il lavoro di standardizzazione per la comunicazione real-time nel web (RTC), compiuto dal W3C e dalla IETF, non ha ancora stabilito un set di codec (audio/video) da utilizzare. La scelta dei codec è un operazione complicata, in quanto è oggetto di discussioni e scontri dettati dagli interessi delle aziende produttrici di web browser. Uno dei problemi principali riguarda i brevetti e le licenze per l implementazione dei codec nei browser. Microsoft e Apple, per esempio, detengono i brevetti per i codec audio G e i codec video H.264. Google e Mozilla, invece, adottano una politica open-source e, di conseguenza, hanno necessità di utilizzare tecnologie libere, come i codec audio Opus e i codec video VP8. 23

24 Figura 12 - Qualità dei codec audio in funzione del bit-rate [2] In verde: codec senza licenza e open-source In blu: codec senza licenza ma non open-source In rosso: codec con licenze a pagamento e non open-source Altri parametri di discussione sono: - La qualità dei codec (Figura 12), poiché la richiesta di trasmissioni ad alta fedeltà audio/video è sempre maggiore. - L interoperabilità e l adattamento dei codec a sistemi di comunicazione esistenti. Grazie alle enormi quote di mercato (più del 50%) detenute da Google (con il browser Chrome) e da Mozilla (con il browser Firefox), la probabile decisione definitiva sarà quella di rendere obbligatori i codec open-source (Opus e VP8) negli standard e stabilire quanto e come utilizzare i codec licenziati da Microsoft e Apple. Sarà poi il mercato, e quindi gli utenti finali, a stabile che tipo di codec utilizzare in base ai browser più diffusi e ai parametri citati. [2] 24

25 Sviluppi futuri Il web che conosciamo si evolverà radicalmente verso una rete di comunicazioni istantanee, senza barriere dovute al tempo (grazie alla RTC) e allo spazio (grazie all integrazione dei dispositivi mobili in Internet). Nel frattempo che W3C ed IETF lavorano alla standardizzazione di tale realtà, diverse aziende sviluppano già applicazioni innovative e predisposte ad adattarsi alla RTC. Figura 13 Evoluzione del rapporto tra costi di realizzazione (in blu) e numero di servizi richiesti (in rosso) nella RTC [2] I problemi principali di tale tecnologia, che si cercano continuamente di aggirare, sono dovuti essenzialmente all adattamento delle reti esistenti verso il real-time. Un esempio di miglioramento, in termini di qualità ed efficienza in banda, è dato dal nuovo codec video della CISCO, H.265, adibito alle videoconferenze. [9] In conclusione, è chiaro che il Web Real-Time aprirà le porte a nuove frontiere della comunicazione tra esseri umani (e tra macchine) ovunque nel mondo e si spera possa migliorare la qualità della vita e del lavoro in ogni settore della società. 25

26 Bibliografia [1] S.P.Romano, S.Loreto Real-Time Communications in the Web [2] A.Baravaglio, A.Cuda, E.Marocco WebRTC: la nuova sfida nelle comunicazioni real-time audio/video Bibliografia web [3] Wikipedia The free enciclopedia HTML5 - VoIP - SIP - Codec - [4] HTML5 Italia: [5] Computer Engineering Group - Università Degli Studi di Parma Protocollo RTP - [6] Gruppo Comics RTP/RTCP Slide del corso di Reti di Calcolatori I [7] Mondo VoIP - [8] SDP: Description-Protocol#outer_page_11 [9] M.Dalmazzoni 2012 Cisco ridefinisce lo standard del video con H

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com

INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com INFORMATIVA PRIVACY AI VISITATORI DEL SITO www.wdc-international.com La presente Informativa è resa, anche ai sensi del ai sensi del Data Protection Act 1998, ai visitatori (i Visitatori ) del sito Internet

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Press Release TeamViewer introduce l applicazione per Outlook Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Goeppingen, Germania, 28 aprile 2015 TeamViewer, uno

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte Data Sheet Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO art. 11, comma 1 lett. a) e comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Invio della domanda on line ai sensi

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

VIDEOCONFERENZA STREAMING. Prodotti per. Audioconferenza e

VIDEOCONFERENZA STREAMING. Prodotti per. Audioconferenza e Prodotti per VIDEOCONFERENZA Audioconferenza e STREAMING C/O Polo Tecnologico - Via dei Solteri, 38-38121 Trento TEL +39 0461 1865865 - FAX +39 0461 1865866 E-mail: info@edutech.it Sito web: www.edutech.it

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Università degli studi di Camerino

Università degli studi di Camerino Università degli studi di Camerino Scuola di Scienze e Tecnologie Corso di Laurea in Informatica (Classe 26) Sistemi di Web Conferencing Caso di studio: Apache OpenMeetings Studente: Matteo Veroni Relatore:

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli