LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera"

Transcript

1 68 Bollettino Ufficiale n. 8/I-II del Amtsblatt Nr. 8/I-II vom Ciò premesso, si esprime alla Giunta provinciale, in ordine all argomento in oggetto, parere favorevole all approvazione della variante al piano regolatore del Comune di Borgo Valsugana.. Relativamente alle osservazioni sopra riportate, si prende quindi atto della valutazione tecnica formulata dal Servizio provinciale VT n. 72/08 di data 10 novembre 2008 sopra richiamata condivisa dall Amministrazione comunale e, sulla base delle indicazioni espresse dal Servizio urbanistica e tutela del paesaggio nella valutazione tecnica n VPC di data 22 gennaio 2009, si propone l approvazione della variante definitivamente adottata. Ai fini della LP 14 giugno 2005, n. 6 (Nuova disciplina dell amministrazione dei beni di uso civico), si precisa che, con comunicazione prot. n di data 25 settembre 2008 l Amministrazione comunale di Borgo Valsugana ha dichiarato che la variante adottata Non riguarda il mutamento di destinazione di beni di uso civico. Ciò premesso, omissis LA GIUNTA PROVINCIALE delibera 1) di approvare, con le prescrizioni di cui in premessa, la variante al piano regolatore generale di Borgo Valsugana adottata in via definitiva con verbale di deliberazione del Consiglio comunale n. 57 di data 15 dicembre 2008 negli atti allegati alla deliberazione consiliare predetta; 2) di disporre la pubblicazione della presente deliberazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige ed il deposito degli atti presso la sede comunale a norma di legge. IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA L. DELLAI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO SEGRETERIA DELLA GIUNTA ED ELEZIONI P. GENTILE [BO L015 ] AGENZIA DEL LAVORO 21 gennaio 2009, n. 8 Documento dei criteri di politica del lavoro per il triennio obiettivo 6 - azione 13 - a prestito d onore approvazione del regolamento di attuazione - attivazione 1 iniziativa 1 Finalità L iniziativa mira alla promozione della piccola impresa, con l obiettivo immediato di favorire l avvio di imprese promosse da soggetti inoccupati o disoccupati e quello più mediato di sensibilizzare il tessuto produttivo ai valori dell imprenditorialità, e tutto ciò attraverso un attività formativa ed interventi finanziari. La responsabilità dell applicazione del processo di finanziamento di seguito illustrato è dell Agenzia del lavoro di Trento, sia per quanto attiene alle fasi realizzate direttamente, sia per quelle che saranno delegate ad enti terzi. Non è prevista la possibilità di cumulare la presente iniziativa con altri interventi di sostegno all attività autonoma promossi dall Agenzia del lavoro o con analoghe iniziative rivolte agli stessi beni d investimento. 2 Descrizione delle modalità generali di accesso L accesso alle agevolazioni prevede le modalità più dettagliatamente descritte in seguito: - presentazione di una istanza da parte di chi intende beneficiare delle agevolazioni previste per l avviamento di un attività di lavoro autonomo in forma imprenditoriale, la quale dovrà esplicitare l idea d impresa; - verifica di accoglibilità sui requisiti formali; - valutazione di ammissibilità al percorso di orientamento e formazione;

2 Bollettino Ufficiale n. 8/I-II del Amtsblatt Nr. 8/I-II vom modulo di orientamento e selezione; - frequenza di un corso di formazione alla gestione di attività di lavoro autonomo; - valutazione del progetto per l ammissione alle agevolazioni; - se positive tutte le valutazioni, autorizzazione alla concessione del finanziamento e del servizio di tutoraggio; - assegnazione delle agevolazioni finanziarie e del servizio di tutoraggio; - tutoraggio nella fase di start-up dell iniziativa; - monitoraggio preventivo ed erogazione dei finanziamenti; - monitoraggio successivo e controllo di gestione. 3 Soggetti abilitati a presentare la domanda La domanda di accesso alle agevolazioni può essere presentata da persone che intendano costituire una nuova attività autonoma in forma imprenditoriale sotto forma di ditta individuale, società di persone o piccola cooperativa. Possono inoltrare domanda per ottenere le agevolazioni i soggetti che alla data della presentazione della stessa: a) siano residenti e domiciliati nella Provincia Autonoma di Trento; b) abbiano compiuto il diciottesimo anno d età; c) non risultino ricoprire la posizione prevalente di studente (Es. iscritti ordinari a facoltà di laurea, a scuole medie di secondo grado, ecc.); d) presentino uno stato di disoccupazione o inoccupazione alla data di presentazione della domanda. Lo stato di disoccupazione o inoccupazione deve essere riscontrabile attraverso l iscrizione all elenco anagrafico dei lavoratori presso il Centro per l impiego di competenza territoriale. Non possono comunque presentare domanda coloro che, pur risultando nello stato di cui sopra (Disoccupati o inoccupati), sono titolari di rapporti di lavoro dipendente, a tempo determinato o indeterminato, anche a tempo parziale o in cassa integrazione, i titolari di contratti di lavoro a progetto, intermittente o ripartito; i soggetti che risultano iscritti ad albi o ordini professionali, i titolari di partita IVA negli ultimi tre anni, anche se non movimentata, gli imprenditori, famigliari (Nel caso di impresa famigliare) e coadiutori di imprenditori; e) non abbiano avuto protesti per assegni o cambiali negli ultimi cinque anni; f) non siano coinvolti in procedure concorsuali in corso in qualità di soci, garanti, fideiussori, ecc.; g) non abbiano riportato condanne penali, anche se non passate in giudicato, per delitti dolosi, semprechè non sia intervenuta la riabilitazione; h) non siano sottoposti a misure di prevenzione e di sicurezza; i) non siano interdetti o inabilitati; l) non abbiano già ottenuto finanziamenti pubblici o con garanzia pubblica per la medesima iniziativa; m) abbiano la cittadinanza in uno dei Paesi appartenenti all Unione Europea; n) non siano stati, negli ultimi tre anni, titolari di un attività di lavoro autonomo o siano soci di società a qualsiasi titolo, ad eccezione del possesso di azioni di società quotate in borsa. Nel caso di società o di piccola cooperativa tutti i soci devono essere in possesso dei requisiti su indicati. Viene fatta eccezione per le società e le cooperative che siano formate esclusivamente da donne, nel cui caso è sufficiente che la maggioranza di esse possegga i requisiti soggettivi richiesti. 4 Caratteristiche della domanda La domanda di accesso al prestito dovrà essere formulata su un modello appositamente predisposto e spedita a mezzo raccomandata a/r o consegnata a mano presso la sede dell Agenzia del lavoro - via R. Guardini Trento. 5 Limiti alla presentazione di domande Ciascuna persona non potrà presentare più di una domanda. Le domande potranno essere presentate a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione dell avviso pubblico sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige. Il termine finale di presentazione delle domande è fissato allo scadere del 30 giorno successivo al termine iniziale.

3 70 Bollettino Ufficiale n. 8/I-II del Amtsblatt Nr. 8/I-II vom Per le domande inviate a mezzo posta, con raccomandata a ricevuta di ritorno, farà fede il timbro a data dell ufficio postale accettante. 6 Requisiti professionali dei soggetti I richiedenti devono dimostrare di avere le attitudini e capacità idonee per l attività da svolgere. A tale riguardo saranno valutate professionalità specifiche acquisite attraverso periodi di apprendistato, contratti di formazione lavoro, titoli di studio aventi efficacia legale, frequenza positiva di corsi di formazione, esperienze di lavoro o quant altro attinente. 7 Requisiti oggettivi dell iniziativa L iniziativa presentata dovrà tassativamente rispettare i seguenti requisiti: 1. forma giuridico-organizzativa: ditta individuale, società di persone o piccola cooperativa; 2. sede dell attività nell ambito del territorio della Provincia di Trento; 3. occupazione principale e prevalente per il soggetto in possesso dei requisiti di cui al punto 3. 8 Beneficiari effettivi del prestito Nel caso in cui la domanda presentata sia stata accettata ed il progetto d impresa, predisposto durante il percorso formativo, venga valutato positivamente, sarà concesso il finanziamento direttamente alla neo costituita impresa. Il proponente, durante il periodo intercorrente tra la data della domanda e l avvio definitivo dell attività, dovrà necessariamente mantenere lo stato di disoccupazione e inoccupazione. 9. Termini per l apertura della P. IVA e l avvio attività - la posizione Iva, relativa all attività da intraprendere, potrà essere aperta esclusivamente ad avvenuta conclusione del percorso di orientamento e formazione; - l avvio dell attività, riscontrabile formalmente dalla visura ordinaria della CCIAA di Trento, potrà avvenire successivamente alla data di approvazione del provvedimento di ammissione alle agevolazioni da parte dell Agenzia del lavoro. 10 Settori economici e tipologie di attività ammessi Tutti i settori economici, ad esclusione delle tipologie di attività avviate mediante: - contratti di affiliazione, come per es. il franchising; - subentro d azienda; - procacciatori d affari; - agenti di commercio. 11 Condizioni e limiti del finanziamento Sono ammessi i progetti che prevedano immobilizzazioni iniziali, per macchinari ed attrezzature, non superiori a ,00 Euro. La composizione dell agevolazione finanziaria prevista per la realizzazione dell investimento è così strutturata: finanziamento pubblico agevolato fino a ,00 Euro; di cui massimo ,00 Euro a fondo perduto e massimo ,00 Euro come prestito agevolato. È, inoltre, prevista l erogazione di un contributo a fondo perduto a rimborso delle spese di gestione in conto esercizio affrontate nel corso del primo anno di attività, fino ad un massimo di 5.500,00 Euro. La quota di prestito agevolato sarà restituita al tasso fisso effettivo annuo pari al 65% del tasso di riferimento per le operazioni di credito agevolato alle imprese artigiane di durata superiore ai 18 mesi calcolato a far data dall adozione del provvedimento di ammissione alle agevolazioni. La restituzione avverrà a rate costanti se-

4 Bollettino Ufficiale n. 8/I-II del Amtsblatt Nr. 8/I-II vom mestrali in cinque anni, con un periodo iniziale di preammortamento, per tale periodo è previsto il pagamento della sola quota di interessi maturati in base al mutuo erogato. 12 Spese ammissibili Sono ammissibili le spese, al netto dell IVA, relative all acquisto di macchinari e attrezzature ed altri beni materiali ed immateriali ad utilità pluriennale. I beni e le attrezzature devono essere direttamente collegati al ciclo produttivo, nuovi di fabbrica o usati, a condizione che non siano stati oggetto di precedenti agevolazioni pubbliche e offrano idonee e comprovate garanzie di funzionalità. Non sono ammissibili le seguenti spese per: - acquisto di automezzi a qualsiasi titolo; - acquisto di terreni; - la costruzione, la ristrutturazione o l acquisto, anche mediante locazione finanziaria, di immobili; - opere murarie, ad eccezione di quelle strettamente correlate alla realizzazione di impianti (Es. impianto elettrico, impianto idraulico, ecc.); - prestazione di servizi e per stipendi e salari; - costituzione dell impresa, come spese notarile ed oneri di iscrizioni, ecc.; - la realizzazione di siti internet ad eccezione dei siti che abbiano delle funzionalità e commerce o che presentino delle caratteristiche strutturali di interattività e funzionalità per l esercizio dell attività di impresa (Es. prenotazione a corsi, emissioni di ordini, ecc.). Inoltre, non sono soggette a finanziamento le attrezzature acquistate da persone con le quali ogni beneficiario abbia rapporto di coniugio, e/o convivenza, e/o parentela o affinità entro il 3 grado. Le agevolazioni finanziarie si estendono anche alle spese di gestione sostenute nel primo anno di vita dell attività, al fine di sostenere l impresa beneficiaria nella fase di avvio dell iniziativa; le fatture devono essere relative ad un periodo ricompreso entro diciotto mesi dall ammissione ai finanziamenti. Le spese di gestione ammissibili sono quelle che siano state effettivamente sostenute e documentate e rientranti nelle seguenti categorie: a) acquisto di materie prime, semilavorati e prodotti finiti; b) utenze e canoni di locazione per immobili; c) oneri finanziari, esclusi gli interessi relativi al prestito agevolato; d) costi sostenuti per prestazioni di garanzie assicurative sui beni finanziati; e) costo del premio assicurativo sui beni finanziati (Di cui al successivo punto 14). Non sono ammissibili al finanziamento le spese per gli investimenti e le spese di gestione del primo anno d esercizio delle attività sostenute anteriormente alla data del provvedimento di ammissione delle agevolazioni. 13 Sede delle nuove imprese La sede operativa dell impresa beneficiaria deve essere localizzata nella Provincia Autonoma di Trento e non potrà essere trasferita al di fuori di tale territorio per un periodo di cinque anni dalla data di avvio dell attività. 14 Obblighi contrattuali Nel caso di ammissione alle agevolazioni, le stesse saranno erogate sulla scorta di un contratto tra il/i beneficiario/beneficiari e l Agenzia del lavoro di Trento. Lo stesso verrà stipulato nella forma della scrittura privata; tale contratto ha validità tra le parti contraenti per almeno cinque anni dalla data di stipula dello stesso e comunque fino all integrale rimborso del prestito agevolato. In particolare, gli obblighi a carico dell impresa beneficiaria sono: - la destinazione delle somme erogate: esse devono essere utilizzate esclusivamente per la completa realizzazione del programma degli investimenti approvato; - la stipulazione di assicurazione/fideiussione come specificato nel contratto; - il permanere dell attività così come definita nel progetto per almeno 5 anni: la tipologia d attività finanziata non potrà mutare per tale periodo a far data dall inizio dell attività. Ciò implica sia l obbligo del mantenimento della localizzazione dell iniziativa presentata, che l impossibilità di distogliere i beni finanziati dall uso previsto;

5 72 Bollettino Ufficiale n. 8/I-II del Amtsblatt Nr. 8/I-II vom la permanenza della forma giuridico-organizzativa scelta e indicata nel piano d impresa, per almeno due anni dalla data di avvio attività; - la restituzione della quota di finanziamento a mutuo agevolato nelle modalità previste; - la comunicazione all Agenzia del lavoro dell eventuale richiesta di amministrazione controllata o di concordato preventivo o di istanze di fallimento, nonché di controversie giudiziarie in cui risulti parte in causa. Da parte sua l Agenzia del lavoro si impegna ad erogare all impresa beneficiaria le agevolazioni finanziarie - in conto investimento ed in conto gestione - ed il servizio di tutoraggio come specificati nel provvedimento di ammissione. 15 Ordine di accesso alla formazione ed alle agevolazioni L esame delle domande di accesso alle agevolazioni seguirà l ordine cronologico di arrivo delle stesse presso la sede centrale, via R. Guardini 75 (Farà fede la data e ora di protocollo dell Area incentivi all occupazione e lavori socialmente utili. Al fine dell ammissione al corso di orientamento e formazione sarà predisposta una graduatoria da parte dell Ente valutatore, in relazione alla fattibilità dell iniziativa e della coerenza tra esperienze di studio e professionali e l idea imprenditoriale. 16 Preselezione delle domande Alle domande pervenute viene assegnato un numero di protocollo progressivo che le identifica durante tutto il processo e verrà avviato l iter di prima valutazione. Tale iter prevede la verifica di accoglibilità, basata sulla verifica della presenza dei requisiti formali stabiliti dal presente regolamento, e la valutazione di ammissibilità ai corsi, sulla base delle informazioni fornite nel modulo di domanda. Ai corsi potranno essere ammessi i soggetti per un massimo di 15 iniziative imprenditoriali, che verranno selezionati in base alla valutazione delle istanze e, in caso di parità di punteggio, all ordine progressivo di protocollo. L Agenzia del lavoro, sulla base del numero di domande presentate, può disporre la riapertura dei termini per la presentazione delle stesse, con il conseguente posticipo della data di inizio del percorso formativo; oppure, nel caso in cui non si raggiungesse un numero sufficiente di iscritti per formare un gruppo classe, potrebbe disporre di rinviare o non dare attuazione all iniziativa. 17 Processo formativo ed elaborazione del progetto L attività formativa sarà realizzata, anche in forma stanziale, presso sedi individuate e rese disponibili dall Agenzia del lavoro o dall ente formatore all interno del territorio della Provincia Autonoma di Trento. Il corso di orientamento - formazione si articola nell arco di un periodo massimo di quattro settimane e per un massimo di 8 ore giornaliere. Il corso è gratuito, è prevista l assicurazione INAIL ed un buono pasto per la pausa pranzo, la frequenza è obbligatoria. a) Orientamento/selezione I proponenti che avranno superato le fasi di verifica di accoglibilità e ammissibilità saranno avviati, secondo l ordine progressivo della graduatoria, ad una prima fase di orientamento e selezione. Il modulo di orientamento, da svolgersi per una durata massima di una settimana è finalizzato a dare ai soggetti consapevolezza delle problematiche e vincoli che potrebbero ostacolare il positivo iter di finanziamento, nonché ad effettuare una selezione sulla base della cantierabilità dell iniziativa e della coerenza i- dea/percorso professionale del proponente. Qualora le assenze superino il 20% dell intero monte ore previsto, ne discenderà l automatica esclusione dal percorso formativo e conseguentemente da tutti i benefici previsti. b) Corso di formazione/selezione Coloro che avranno superato la fase di orientamento/selezione saranno ammessi alla fase di formazione. Il percorso formativo ha l obiettivo di trasferire ai potenziali imprenditori le necessarie competenze di base (gestionali, amministrative, organizzative e fiscali) funzionali alla gestione di un lavoro in proprio, nonché di

6 Bollettino Ufficiale n. 8/I-II del Amtsblatt Nr. 8/I-II vom assistere i partecipanti nella redazione del progetto d impresa, che poi rappresenterà l elemento principale per la decisione definitiva di ammissione alle agevolazioni. Non rientra negli obiettivi del percorso didattico l insegnamento specifico delle diverse attività proposte, che già devono far parte del patrimonio di conoscenze dei partecipanti. Qualora le assenze superino il 20% dell intero monte orario previsto, ne discenderà l automatica esclusione dal percorso formativo e conseguentemente da tutti i benefici previsti. 18 Analisi dei progetti ed ammissione alle agevolazioni Il progetto finale, elaborato al termine del corso formativo di cui al precedente punto 16, verrà esaminato dall Ente valutatore. I risultati dell iter valutativo verranno presentati all Agenzia del lavoro di Trento per l adozione del provvedimento di ammissione alle agevolazioni. Successivamente verrà comunicato all interessato l esito della valutazione. Dalla data del provvedimento di ammissione alle agevolazioni (Adottato dall Ufficio competente dell Agenzia del lavoro) i beneficiari hanno a disposizione sei mesi entro i quali stipulare il contratto ed avviare l attività. Le spese per l acquisto dei beni di investimento e di gestione saranno riconosciute solo se effettuate a partire dalla data della suddetta delibera. I beneficiari sono tenuti al rispetto degli obblighi di cui al punto 14. Resta intesa la facoltà dell Agenzia del lavoro di procedere alla revoca del provvedimento in tutti i casi in cui si manifestino violazioni e/o inadempimenti agli obblighi contrattuali. 19 Tutoraggio All impresa beneficiaria sarà fornito un servizio di supporto e di assistenza nel corso della delicata fase di avvio dell iniziativa. Il tutoraggio ha durata di dodici mesi a partire dalla firma del contratto di finanziamento. 20 Modalità di erogazione del finanziamento Una volta firmato il contratto di finanziamento i beneficiari potranno richiedere l erogazione di un anticipo pari al 30% delle agevolazioni concesse in conto investimento; la richiesta di erogazione dell anticipo potrà essere inoltrata a partire dal giorno di sottoscrizione del contratto. Qualora venga richiesto l anticipo del finanziamento, la domanda di erogazione del saldo delle agevolazioni dovrà essere presentata, ad avvenuta realizzazione degli investimenti, entro 90 giorni dall erogazione dell anticipo. L erogazione dell anticipo e del saldo avverrà mediante versamento sul c/c bancario intestato all impresa beneficiaria, nel rispetto delle modalità disciplinate dal contratto stipulato tra le parti. La richiesta di erogazione del contributo a fondo perduto per un ammontare massimo di 5.500,00 Euro, per la copertura di spese di gestione, dovrà essere presentata entro 18 mesi dalla data di inizio dell attività e verrà erogata in una unica soluzione. Ogni singola erogazione (Per l investimento e per la gestione) sarà oggetto di apposita verifica. L Agenzia del lavoro potrà effettuare ispezioni e verifiche intese ad accertare la permanenza dei requisiti che hanno determinato la concessione delle agevolazioni; nel caso in cui non risultino rispettati gli obblighi contrattuali, l Agenzia del lavoro potrà deliberare l immediata revoca delle agevolazioni concesse e disporre il recupero dei beni finanziati o l immediata restituzione delle somme erogate, oltre al pagamento degli interessi convenzionali ed al rimborso delle eventuali spese sostenute. Informazioni sull avviso Il presente avviso con la relativa modulistica è reperibile sul sito dell Agenzia del lavoro della Provincia Autonoma di Trento (www.agenzialavoro.tn.it); informazioni possono inoltre essere richieste all area incentivi all occupazione e lavori socialmente utili, rivolgendosi al numero telefonico

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 22/I-II del 01/06/2010 / Amtsblatt Nr. 22/I-II vom 01/06/2010 102 57243 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento AGENZIA DEL LAVORO del 25 marzo 2010, n.

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL INTERVENTO DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DI UN IDEA IMPRENDITORIALE Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 36 di data 28.05.2015 Articolo

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego Agevolazioni Pagina 1 di 6 INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego FONTI NORMATIVE D.Lgs 21/04/2000, n.185 G.U. 06/07/ 2000, n. 156 Decreto 28/05/2001, n. 295 G.U. 19/07/2001 n. 166

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa. Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Le agevolazioni previste per la microimpresa sono rivolte a società di persone di nuova costituzione che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823 La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

Mission e obiettivi Invitalia

Mission e obiettivi Invitalia Fare impresa con gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Business Unit Finanza e Impresa Sviluppo, Promozione e Marketing

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

Finanziamenti per la microimpresa

Finanziamenti per la microimpresa Finanziamenti per la microimpresa A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono pertanto

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

Strumenti per l autoimpiego

Strumenti per l autoimpiego Strumenti per l autoimpiego A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Per presentare la domanda

Dettagli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli

MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli MICROIMPRESA Pensare in grande da piccoli SSOMMARIIO DESTIINATARII... 2 1.1 I destinatari 2 COSA SII PUO FFARE... 3 2.1 Cosa si può fare 3 LLE AGEVOLLAZIIONII PREVIISTE... 4 3.1 Le agevolazioni previste

Dettagli

Stazione Appaltante Enti Finanziatori presenta Workshop Itineranti Si terranno nr. 5 eventi divulgativi, rivolti sia alle imprese Start Up potenzialmente interessate che a tutti gli attori economici del

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II parte INTERVENTI testo approvato dalla Commissione provinciale per l impiego con deliberazione n. 373 del 26 luglio 2011 ed adottato dalla

Dettagli

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese

GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative. Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative Intraprendo Incentivi per la creazione di nuove imprese GOAL Giovani Opportunità per Attività Lavorative A chi è rivolto iniziative strutturate sotto forma

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti Mettersi in proprio con le idee vincenti Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Mettersi in proprio con le idee vincenti Invitalia, l Agenzia nazionale per l

Dettagli

TERRE DI SIENA CREATIVE

TERRE DI SIENA CREATIVE Amministrazione Provinciale di Siena BANDO DI CONCORSO TERRE DI SIENA CREATIVE Data pubblicazione : 1. Oggetto e finalità L Amministrazione Provinciale di Siena e la CCIAA di Siena promuovono il bando

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA 37 REGOLAMENTO per la creazione e lo sviluppo di attività imprenditoriali approvato con delibera C.P. n. 89 del 26 settembre 2012 esecutivo dal 26 settembre 2012 I REGOLAMENTI

Dettagli

D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO

D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO D.L. 21 aprile 2000 n 185 INCENTIVI per L' AUTOIMPRENDITORIALITA' E L' AUTOIMPIEGO MISURE IN FAVORE DEL LAVORO AUTONOMO. MISURE IN FAVORE Ing. Francesco Di Bella Via Roma c/le K1 Cefalu' Cell 347 40 15

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 8 novembre 1996, n. 591 (pubblicato nella G.U.R.I. del 22 novembre 1996, n. 274) "Regolamento recante criteri e modalità di concessione delle agevolazioni per la promozione di iniziative di lavoro

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

l'accesso al lavoro, alla vita sociale, alla fruizione di strumenti o servizi da parte di coloro che oggi il mercato esclude;

l'accesso al lavoro, alla vita sociale, alla fruizione di strumenti o servizi da parte di coloro che oggi il mercato esclude; BANDO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO COSTITUITO DALL OPERA PIA MONTE DI PIETA E CONFIDENZE DI MOLFETTA A FAVORE DI PERMICRO 1 PARTNER FINANZIARIO DELL INIZIATIVA

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI

FINANZIAMENTI AGEVOLATI FINANZIAMENTI AGEVOLATI Sono previste, dalla legge, delle agevolazioni finanziarie a favore di disoccupati, allo scopo di favorire l avvio di piccole iniziative imprenditoriali: Un opportunità per chi,

Dettagli

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari Comune di Sinnai Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DI NUOVA FORMAZIONE L.R. 24 dicembre 1998, n. 37, Art. 19 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Principi 1) Il

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

TERRE DI SIENA CREATIVE

TERRE DI SIENA CREATIVE Amministrazione Provinciale di Siena BANDO DI CONCORSO TERRE DI SIENA CREATIVE Data pubblicazione : 8 NOVEMBRE 2012 1. Oggetto e finalità L Amministrazione Provinciale di Siena, APEA s.r.l. e la CCIAA

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione Avviso pubblico per la concessione di prestiti a valere sul Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1,

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Settore IV - Servizio Welfare Locale, Cultura Turismo

Provincia Regionale di Ragusa Settore IV - Servizio Welfare Locale, Cultura Turismo Provincia Regionale di Ragusa Settore IV - Servizio Welfare Locale, Cultura Turismo BACHECA INFORMATIVA VIRTUALE Bandi Comunitari Nazionali Regionali e news di interesse del IV Settore Dirigente: Dott.ssa

Dettagli

Mission e obiettivi Invitalia

Mission e obiettivi Invitalia Una chance per fare impresa: gli strumenti di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Massimo Calzoni Finanza e Impresa Sviluppo, Promozione e Marketing

Dettagli

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia

Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Gli strumenti per l Autoimpiego: l esperienza di Invitalia Cassino 22/1/2009 Chi siamo Invitalia, l'agenzia nazionale per

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

POR CALABRIA 2000/2006 POR CALABRIA FSE 2007/2013

POR CALABRIA 2000/2006 POR CALABRIA FSE 2007/2013 UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA 2000/2006 MISURA 3.13 PROMOZIONE DELLA PARTECIPAZIONE FEMMINILE AL MERCATO DEL LAVORO Azione 3.13.d Incentivi e Servizi

Dettagli

Comune di GRUMENTO NOVA Bando 2008 SCPS -

Comune di GRUMENTO NOVA Bando 2008 SCPS - Comune di GRUMENTO NOVA Bando 2008 SCPS - SVILUPPO E CONSOLIDAMENTO DI INIZIATIVE IMPRENDITORIALI NEL CAMPO DELLA PRODUZIONE, ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA PROFESSIONALI PREMESSA

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1)

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI MACCHINARI, MEZZI E ATTREZZATURE TESTO DEL REGOLAMENTO(in vigore dal 1 ottobre 2001) SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) SCHEMA DELLA RELAZIONE SUGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI (Allegato2)

Dettagli

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO ALLA SPERIMENTAZIONE DI UNA AZIONE DI MICROCREDITO A FAVORE DELLE DONNE

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO ALLA SPERIMENTAZIONE DI UNA AZIONE DI MICROCREDITO A FAVORE DELLE DONNE PROVINCIA DI VITERBO Assessorato Politiche del Lavoro AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO ALLA SPERIMENTAZIONE DI UNA AZIONE DI MICROCREDITO A FAVORE DELLE DONNE Provincia di Viterbo Servizio Politiche del Lavoro

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia MicroPrestito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia 38599 pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia PO PUGLIA FSE 2007-2013 Asse II - Occupabilità Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Allegato 2 Spett.le Puglia Sviluppo S.p.A. Via delle

Dettagli

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 Scadenza: ore 13,00 del giorno 18/03/2014 BANDO Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R.

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

BANDO 2015 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. Intervento

BANDO 2015 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. Intervento Allegato parte integrante BANDO 2015 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO BANDO 2015 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013 V) SOSTEGNI AL REDDITO 24 ter - REDDITO DI QUALIFICAZIONE Intervento

Dettagli

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE Approvati con deliberazione di C.C. n. 88 del 08/07/2008, modificati con successiva deliberazione

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO BENEFICIARI PMI 1, anche artigiane, operanti in tutti i settori a cui è applicabile la disciplina de minimis 2, aventi sede legaleiscritta

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera

LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera 32 Supplemento n. 2 al B.U. n. 27/I-II del 30.6.2009 - Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 30.6.2009 - Nr. 27/I-II La valutazione del Servizio provinciale Prat. 1312 - VT n. 09/09 di data 19 gennaio 2009

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE MARCHE Regione Marche Giunta Regionale Assessorato alla Conoscenza, Istruzione, Formazione e Lavoro Obiettivo 3 FSE 2000-2006 Attuazione delle Misure B1, D3, E1, Annualità 2005 AVVISO PUBBLICO

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO PROGRAMMA ACCEDO PROGETTO FACILITO DINA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL MICROCREDITO PER LA PROVINCIA DI GORIZIA Art. 1 Finalità del progetto di microcredito 1. La Provincia di Gorizia prevede la concessione di contributi

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

Regolamento per l accesso ai finanziamenti sul Fondo di rotazione COOPERTOSCANA

Regolamento per l accesso ai finanziamenti sul Fondo di rotazione COOPERTOSCANA Allegato A Regolamento per l accesso ai finanziamenti sul Fondo di rotazione COOPERTOSCANA 1. Soggetti beneficiari Possono beneficiare dell agevolazione oggetto del presente regolamento le imprese cooperative,

Dettagli

BANDO MICROCREDITO F.A.Q.

BANDO MICROCREDITO F.A.Q. BANDO MICROCREDITO Fondo finalizzato alla promozione e al sostegno di progetti di creazione d impresa realizzati da giovani, donne e soggetti svantaggiati LR 4/2011 art. 7 F.A.Q. INDICE 1. Modalità di

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE DECRETO 19 marzo 1999, n. 147 (pubblicato nella G.U.R.I. del 24 maggio 1999, n. 119 - avviso di rettifica pubblicato nella G.U.R.I. del 20 luglio 1999, n. 168) "Regolamento recante criteri e modalità di

Dettagli

Alla c.a. - Partner aziendali - Altri destinatari (disoccupati) E, p.c. - Partner operativi e di rete

Alla c.a. - Partner aziendali - Altri destinatari (disoccupati) E, p.c. - Partner operativi e di rete Alla c.a. - Partner aziendali - Altri destinatari (disoccupati) E, p.c. - Partner operativi e di rete Mestre, 06/03/2015 Oggetto: Progetto 4358/0/1/448/2014 - Armonizzare tempi di vita e di lavoro in Provincia

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA ART. 1 PREMESSA E FINALITA DELL INIZIATIVA Il Comune di Santa Marinella,

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE Approvato con Determinazione Dirigenziale n 757 del 24/06/2015 BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO SERVIZI ISTITUZIONALI E ALLE IMPRESE Premesso che : al fine

Dettagli

L.R. 55 del 10/07/1998 Integrata con le modifiche apportate dalle LL.RR. 142/99 e 6/2000. art. 8

L.R. 55 del 10/07/1998 Integrata con le modifiche apportate dalle LL.RR. 142/99 e 6/2000. art. 8 SCHEDA INFORMATIVA L.R. 55 del 10/07/1998 Integrata con le modifiche apportate dalle LL.RR. 142/99 e 6/2000 Legge quadro in materia di Politiche regionali di sostegno all'occupazione art. 8 Reimpiego individuale

Dettagli

- Società in accomandita semplice; - Associazione tra professionisti; - Società a responsabilità limitata.

- Società in accomandita semplice; - Associazione tra professionisti; - Società a responsabilità limitata. M I S U R A N I D I (N U O V E I N I Z I A T I V E D' I M P R E S A) G U I D E L I N E S studio Requisiti Soggettivi Nuova impresa o impresa costituita da meno di 6 mesi ed inattiva che, alla data di presentazione

Dettagli

Avviso pubblico per l'erogazione dei finanziamenti del 19.2.2016 pubblicato in data 22.2.2016

Avviso pubblico per l'erogazione dei finanziamenti del 19.2.2016 pubblicato in data 22.2.2016 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali FAQ 25 febbraio 2016, Fondo Rotativo Nazionale SELFIEmployment Faq Agevolazioni Programma Garanzia Giovani Iniziative di autoimpiego ed autoimprenditorialità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) Deliberazione Giunta n. 95 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 Finalità

Dettagli

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA 8648 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 del 28-03-2011 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 24 marzo 2011, n. 4 Ulteriori modifiche al Regolamento Regionale n.

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 20/11/2012 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 20/11/2012 151

Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 20/11/2012 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 20/11/2012 151 Bollettino Ufficiale n. 47/I-II del 20/11/2012 / Amtsblatt Nr. 47/I-II vom 20/11/2012 151 81750 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato al lavoro, istruzione, diritto allo studio, formazione professionale ed orientamento

Regione Marche. Giunta Regionale. Assessorato al lavoro, istruzione, diritto allo studio, formazione professionale ed orientamento Regione Marche Giunta Regionale Assessorato al lavoro, istruzione, diritto allo studio, formazione professionale ed orientamento POR FSE 2007/2013 ASSE II AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 56167 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 30 ottobre 2009, n. 2616 Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 («legge provinciale sugli

Dettagli

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ALLE AZIENDE AGRICOLE PER L ACQUISTO DI ATTREZZATURE, FINALIZZATE ALLA QUALIFICAZIONE E ALLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI. Del. C.P. 72/04) ART.

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r.

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r. Studio Biagi STUDIO ATTIVO IN TUTTA ITALIA Consulenza e assistenza tecnica sulle agevolazioni i finanziamenti e i programmi comunitari, nazionali, regionali e l internazionalizzazione delle imprese SCHEDA

Dettagli

INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II)

INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II) INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II) LAVORO AUTONOMO Questa agevolazione è rivolta ai giovani che vogliono avviare un attività di lavoro autonomo in forma di

Dettagli

COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari

COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE OPERANTI NEL COMUNE DI VALLEDORIA (POIC) Fondo PISL POIC FSE. (approvato con deliberazione

Dettagli

Le risorse disponibili a bando vogliono contribuire a sostenere le spese d investimento delle PMI del commercio ed artigianato di servizio.

Le risorse disponibili a bando vogliono contribuire a sostenere le spese d investimento delle PMI del commercio ed artigianato di servizio. COMUNE DI BRESCIA ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE IN DATA 29.11.2010 N. 3302/81070 P.G. DISTRETTO COMMERCIALE STAZIONE FERROVIARIA DI BRESCIA CRITERI E MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI

Dettagli

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001.

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente regolamento viene

Dettagli

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO PROGETTI DI FILIERA E SVILUPPO LOCALE NELLE AREE DI CRISI E NEI TERRITORI SVANTAGGIATI ALLEGATO A (PFSL) Progetto di Sviluppo Locale dell Area di Crisi di Tossilo (D.G.R. n. 12/15 del 25/03/2010) ACCORDO

Dettagli

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO Incentivi per la creazione di nuove imprese Azioni di sostegno allo start-up

Dettagli